Informazioni per tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni per tutti"

Transcript

1 Liee guida europee per redere l'iformazioe facile da leggere e da capire per tutti Iclusio Europe Prodotto all'itero del progetto Creazioe di percorsi di formazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva

2 I parter del progetto Creazioe di percorsi di formazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva hao elaborato altri 3 opuscoli: Si possoo scaricare adado sul sito: Il umero di questo opuscolo è ISBN Pubblicato da Iclusio Europe i collaborazioe co Affas Olus co il supporto del Programma di appredimeto permaete dell'uioe europea. Copertia: OrageMetalic Il presete progetto è fiaziato co il sostego della Commissioe europea. L autore è il solo resposabile di questa pubblicazioe e la Commissioe declia ogi resposabilità sull uso che potrà essere fatto delle iformazioi i essa coteute. Questo progetto si basa sui risultati del progetto Percorsi di educazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva ( ) Le orgaizzazioi coivolte el progetto soo state: Iclusio Europe (Belgio) - Atempo (Austria) - Me Itse ry (Filadia) - Nous Aussi (Fracia) - UNAPEI (Fracia) - Büro für Leichte Sprache of Lebeshilfe Breme (Germaia) - Iclusio Irelad (Irlada) - VILTIS (Lituaia) - FENACERCI (Portogallo) - ENABLE Scotlad ACE (Scozia) 2

3 Idice A proposito delle liee guida 5 Di cosa trattao le liee guida? 5 Chi può usare queste liee guida? 5 Perché abbiamo bisogo di queste liee guida? 6 1. Regole geerali per realizzare u'iformazioe facile da capire 9 Prima di comiciare 9 Parole 10 Frasi 11 Come orgaizzare le iformazioi Regole per l'iformazioe scritta 12 Grafica e formato 12 Scrittura 13 Parole 15 Frasi 16 Testo scritto 17 Che aspetto dovrebbe avere il vostro testo 18 Illustrazioi 20 Come spiegare che si tratta di u documeto facile da leggere 22 Liee guida per la ligua italiaa Regole per l'iformazioe elettroica 24 Creare u sito accessibile 25 La vostra pagia iiziale 26 Muoversi tra le varie pagie di u sito 27 Che aspetto dovrebbe avere il vostro schermo 29 Collegameti 30 Creare u CD accessibile 31 3

4 4. Regole per l'iformazioe video 32 Itroduzioe 32 Cosigli geerali 32 La custodia del DVD 33 La voce di sottofodo 33 Lo schermo 34 Il film 34 Sottotitoli 34 Descrizioe audio Regole per l'iformazioe audio 37 4

5 A proposito delle liee guida Le liee guida soo u eleco di regole che aiutao le persoe a fare delle cose tutte allo stesso modo e tutte el modo giusto. Di cosa trattao queste liee guida? Queste liee guida servoo ad aiutare le persoe a redere le loro iformazioi facili da leggere e da capire. Abbiamo realizzato queste liee guida all'itero di u progetto che si è svolto i Europa. Persoe proveieti da 8 paesi europei si soo icotrate parecchie volte per scrivere queste liee guida. Il progetto che ha riuito queste persoe si chiama Percorsi di formazioe per persoe adulte co disabilità itellettiva. L'educazioe per adulti è chiamata ache formazioe permaete. I programmi di formazioe permaete soo dei corsi dove persoe adulte possoo imparare cose uove. Al mometo è molto difficile che persoe co disabilità itellettiva predao parte a programmi di formazioe permaete. Lo scopo del progetto è di redere i programmi di formazioe permaete più facili da frequetare da parte delle persoe co disabilità itellettiva. Chi può usare queste liee guida? Possoo usare queste liee guida tutti quelli che voglioo scrivere iformazioi facili da leggere e da capire. Tuttavia alcue parti di queste liee guida possoo essere difficili da capire. 5

6 Quidi, alcue persoe co disabilità itellettiva possoo avere bisogo di essere aiutate da qualcuo quado le leggoo per la prima volta. Queste liee guida soo state create per aiutare le persoe co disabilità itellettiva a capire più facilmete le iformazioi. Ma queste liee guida possoo ache essere usate per redere le iformazioi più facili da capire per tate altre persoe. Per esempio: persoe che o parlao bee l'italiao persoe che trovao difficile leggere. Perché abbiamo bisogo di queste liee guida? Le persoe co disabilità itellettiva soo proprio come tutte le altre. Possoo fare tatissime cose ella vita se ricevoo il giusto aiuto. Le persoe co disabilità itellettiva possoo trovare più difficile capire alcue cose e imparare cose uove. Quidi è importate per le persoe co disabilità ricevere iformazioi più chiare e facili da capire possibili. Come chiuque altro, le persoe co disabilità hao diritto a ricevere delle buoe iformazioi. Questo è scritto ella Covezioe Ou sui diritti delle persoe co disabilità. All'articolo 9 questa Covezioe dice che le persoe co disabilità hao diritto a ricevere delle iformazioi accessibili. 6

7 Buoe iformazioi aiutao le persoe a trovare le cose che hao bisogo di sapere. Le aiutao a predere delle decisioi e a fare delle scelte. Se le persoe co disabilità itellettiva o ricevoo buoe iformazioi sarao lasciate da parte. No sarao i grado di partecipare alle cose che succedoo itoro a loro, e dovrao aspettare che altre persoe scelgao e decidao per loro. Fare buoa iformazioe sigifica redere l'iformazioe facile da leggere e da capire. Per fare questo bisoga seguire le liee guida. Le liee guida soo u eleco di cosigli che aiutao le persoe a fare le cose tutte allo stesso modo e el modo giusto. Dovete sempre pesare alle liee guida di questo mauale quado volete fare iformazioe facile da leggere e da capire. Queste liee guida vi dirao come redere l'iformazioe facile da capire i qualuque formato. Ci soo quattro diversi tipi di iformazioe: L'iformazioe scritta: Si tratta di documeti come mauali, opuscoli, rapporti eccetera. L'iformazioe elettroica: Si tratta dell'iformazioe scritta sui computers come per esempio le iformazioi sui siti iteret o sui CD. 7

8 L'iformazioe audio: Si tratta dell'iformazioe che si può ascoltare, come per esempio su u CD o alla radio. I video soo quelli che si possoo guardare alla TV o sul computer. Queste liee guida soo state fatte per quelle persoe che voglioo scrivere iformazioi facili da leggere e da capire. È ache importate scrivere storie, romazi e poesie facili da leggere e da capire. Però il progetto Percorsi si è cocetrato solo sui documeti di iformazioe. No abbiamo avuto il tempo di provare a capire se le liee guida per realizzare storie, romazi e poesia facili da leggere e da capire sarebbero state le stesse oppure molto diverse. Nota: Se volete sapere di più sulle persoe co disabilità itellettiva potete fare domade e ricevere iformazioi da ua delle orgaizzazioi che soo elecate alla fie di questo mauale. 8

9 Regole geerali per realizzare u'iformazioe facile da capire 1 Prima di iiziare a produrre le vostre iformazioi 1. Bisoga sempre raccogliere tutte le iformazioi possibili sulle persoe che utilizzerao l'iformazioe che state preparado e sui loro bisogi 2. Scegliete il formato migliore per le vostre iformazioi. Per esempio le iformazioi realizzate su CD o DVD potrebbero essere migliori per alcue persoe rispetto alle iformazioi scritte. 3. Bisoga usare sempre il liguaggio giusto per la persoa alla quale soo rivolte le iformazioi. Per esempio o bisoga usare u liguaggio per bambii se l'iformazioe è rivolta agli adulti. 4. Ricordatevi che le persoe che utilizzerao le vostre iformazioi potrebbero o sapere molto dell'argometo trattato. Dovete essere sicuri di spiegare l'argometo i modo chiaro, ioltre spiegate ache ogi parola difficile legata all'argometo. 5. Coivolgete sempre le persoe co disabilità itellettiva quado realizzate le iformazioi. Per esempio possoo predere parte elle decisioi: sull'argometo su cosa dire a proposito di u argometo su dove redere dispoibili le iformazioi. Potrete trovare molto di più su come coivolgere le persoe co disabilità itellettiva i u altro opuscolo che abbiamo scritto. L'opuscolo si chiama No scrivete su di oi seza di oi! Coivolgere le persoe co disabilità itellettiva quado si scrivoo testi facili da leggere. 9

10 1 Parole 6. Usate parole facili da capire che le persoe cooscoo bee. 7. No usate parole difficili. Se avete bisogo di usare parole difficili cercate di spiegarle sempre i modo molto chiaro. 8. Usate esempi per spiegare le cose. Cercate di usare esempi che le persoe cooscoo ella loro vita di tutti i giori. 9. Usate la stessa parola per descrivere la stessa cosa i tutto il documeto. 10. No usate cocetti difficili come le metafore. Ua metafora è ua frase che o sigifica quello che dice. U esempio di metafora è sei ua lumaca! oppure siamo 4 gatti. 11. No usate parole di altre ligue a meo che o siao molto coosciute come la parola iglese baby sitter ella ligua italiaa. 12. Evitate di utilizzare sigle ed abbreviazioi. Usate la parola per itero dove possibile. Le sigle soo composte dalle iiziali di alcue parole. Se dovete usare delle sigle spiegatele. Per esempio se scrivete UE, spiegate che si tratta dell'uioe Europea. 13. Le percetuali (come 63%) e i umeri gradi (come ) soo difficili da capire. 10

11 1 Cercate di o usare percetuali e umeri gradi. Piuttosto utilizzate parole come alcui e molti per spiegare che cosa volete dire. Frasi 14. Usate sempre frasi brevi. 15. Parlate direttamete alle persoe. Usate parole come tu, voi o lei. 16. Usate frasi di seso positivo ivece che egativo, quado è possibile. Per esempio dite devi rimaere fio alla fie dell'icotro ivece che o devi adartee prima della fie dell'icotro. 17. Usate i verbi i ua forma attiva piuttosto che passiva, quado è possibile. Per esempio dite io magio ua mela ivece che ua mela viee magiate da me. Come orgaizzare le iformazioi 18. Orgaizzate sempre le iformazioi i modo che siao facili da capire e da seguire. 19. Mettete vicie tutte le iformazioi sullo stesso argometo. 20. È corretto ripetere le iformazioi più importati. È corretto spiegare le parole difficili più di ua volta. 11

12 2 Regole per l'iformazioe scritta Nota: Le iformazioi scritte i modo facile da capire per le persoe co disabilità itellettiva soo spesso chiamate iformazioi accessibili. Quado preparate le iformazioi scritte, usate le 20 regole delle liee guida della sezioe 1, ed ache le segueti regole. Grafica e formato 1. Usate u formato facile da leggere, facile da seguire e da fotocopiare. Per esempio, u formato A4 o A5. 2. Pesate alla dimesioe del vostro documeto. U libro di 100 pagie è troppo lugo. Le persoe possoo avere l'impressioe di o essere i grado di leggere u libro così lugo. I questo caso, è meglio scrivere 3 libri brevi. 3. No usate mai é ua grafica é u formato che possoo redere il documeto difficile da leggere o da capire. La cosa più importate è che il vostro documeto sia facile da capire per le persoe co disabilità itellettiva. 4. No usate mai uo sfodo che rede difficile la lettura del testo. Per esempio o usate mai ua foto oppure u motivo geometrico come sfodo. Questo o è facile da leggere Questo o è facile da leggere 12

13 2 Bisoga stare atteti quado si usa uo sfodo ero o scuro. Quado fate questo, fate i modo che lo sfodo sia abbastaza scuro e i caratteri abbastaza chiari da essere leggibili. Questo è facile da leggere Questo o è facile da leggere Scrittura 5. Usate sempre u carattere chiaro e facile da leggere. Il carattere è u tipo di scrittura. Per esempio Arial oppure Tahoma soo caratteri chiari e facili da leggere. Questo sigifica che: No dovete mai usare caratteri serif. Questi caratteri soo più difficili da leggere perché la forma delle lettere o è proprio chiara. Ecco u esempio: carattere serif d carattere o serif d Ecco alcui altri esempi di caratteri difficili da leggere: Times ew Roma o è facile da leggere. Mootipe corsiva o è facile da leggere. 13

14 2 No dovete mai usare testi co le lettere troppo vicie l'ua all'altra: Example: Questo è Bodoi MT Codesed. No è facile da leggere perché le lettere soo troppo vicie Questo è Arial 14 co uo spazio tra le lettere dell 80% No è facile da leggere Questo è u esempio di testo co iterliea miima. No è facile da leggere. No dovete mai usare dei caratteri co cotori troppo sottili oppure che o si stampao bee Esempio: Questo è Eras Light. E' difficile da leggere perché il carattere è troppo leggero. No usate mai il corsivo: Esempio: Questo testo è i corsivo e o è facile da leggere. No usate mai caratteri co effetti speciali: No usate mai testi co ombreggiature oppure cotori. Esempio: Questo è u testo co ombreggiatura. No è facile da leggere Questo è u testo co u cotoro. No è facile da leggere 6. Usate sempre ua scrittura larga, spaziosa. Usate caratteri almeo della misura di Arial No scrivete mai le parole tutte i lettere maiuscole. Le lettere di dimesioi più basse soo più facili da leggere. 14

15 2 8. Cercate di usare u solo tipo di carattere el vostro testo. 9. Sottolieare può redere il testo più difficile da leggere per alcue persoe co disabilità itellettiva. Utilizzate la sottolieatura co attezioe. 10. Se possibile cercate di o scrivere a colori perché: Alcue persoe o riescoo a distiguere la differeza tra i vari colori. Alcue persoe possoo aver bisogo di fotocopiare il vostro documeto i biaco e ero. I questo caso i colori o si vedrebbero bee. Alcui colori o si vedoo bee su certi sfodi. Per esempio ua scrittura i giallo su carta biaca o è facile da vedere. Parole 11. No usate parole difficili. Se avete bisogo di usare parole difficili cercate di spiegarle sempre molto chiaramete. Se possibile spiegate le parole el mometo i cui le usate. Nei documeti scritti potete ache avere ua lista di parole utili alla fie del documeto. 12. Fate attezioe quado usate i proomi. I proomi soo parole come io, lui o esso, che usate al posto della persoa o della cosa di cui state parlado. Fate i modo che sia sempre chiaro chi o che cosa rappreseta il proome che state usado. Nel caso i cui o è chiaro usate sempre il ome proprio. 15

16 2 13. No usate mai ote a fodo pagia. Ua ota a fodo pagia è la spiegazioe di qualcosa i fodo alla pagia ivece che all'itero del testo. Per esempio No scrivete Giai Rossi 1 parlò al covego. Scrivete ivece: Giai Rossi è il presidete di u'associazioe di volotariato. Giai Rossi ha parlato al covego. 14. Usate ua puteggiatura semplice. Per esempio o scrivete: Ieri ho comperato ua bicicletta giallo verde (ua uova!) per mio figlio il cui ome è Michele. Scrivete ivece: Il ome di mio figlio è Michele. Ieri gli ho comprato ua uova bicicletta. La bicicletta uova è verde e gialla. 15. Evitate di usare tutti i caratteri speciali come \, &, <,, # eccetera. 16. Evitate di usare tutte le abbreviazioi come p.es., u.s., eccetera. Frasi 17. Adate sempre a capo quado icomiciate ua uova frase. 18. No adate mai a capo dividedo l'ultima parola. Questo sigifica o usare mai il carattere (-) per adare a capo e dividere la parola su 2 liee Presidete di u'associazioe di volotariato

17 2 19. Fate frasi corte. Questo si può otteere: scrivedo u solo cocetto per frase; usado u puto prima di iiziare u uovo cocetto ivece di usare ua virgola oppure la cogiuzioe e. Quado possibile ua frase dovrebbe stare tutta su ua riga. Se dovete scrivere ua frase su 2 righe tagliate la frase lì dove le persoe farebbero ua pausa leggedo la frase a voce alta. Esempio: scrivete: Il modo i cui questa frase è divisa è facile da leggere. o scrivete: Il modo i cui questa frase è divisa o è facile da leggere. Testo scritto 20. Usate titoli chiari e facili da capire. I titoli auciao l'argometo del testo che segue. 21. Cercate sempre di dare alle persoe tutte le iformazioi di cui hao bisogo. Fate i modo che sia chiaro a chi è idirizzata l'iformazioe e di cosa tratta. 22. No date alle persoe più iformazioi di quato hao bisogo per capire il vostro testo. Date loro solo le iformazioi importati. 23. Fate i modo che le iformazioi importati siao facili da trovare. Per fare ciò bisoga: mettere le iformazioi importati all'iizio del documeto; evideziare le iformazioi più importati co caratteri i grassetto; oppure iserire le iformazioi all'itero di u riquadro. 17

18 2 24. Cercate di o usare troppi sottotitoli o troppi elechi putati. 25. Grafici e tavole possoo essere molto difficili da capire. A volte però possoo spiegare le cose meglio di u testo scritto. Quado usate grafici o tavole, fate i modo che siao semplici e spiegateli bee. Per esempio: Il sigor Rossi lavora la maggior parte del suo tempo al computer. Egli è ache resposabile della formazioe e produce iformazioi facili da leggere. Ma questo lo impega meo che il suo lavoro al computer. Ifie il sigor Rossi partecipa ache a delle cofereze. Ma questa è l'attività che gli occupa meo tempo. Il lavoro del sigor Rossi si divide fra Computer Formazioe Facile da leggere Cofereza Che aspetto dovrebbe avere il vostro testo 26. Usate gli elechi putati per elecare cose. Ua lista di parole separate da virgole o è facile da leggere. 27. No scrivete i coloe. 18

19 2 28. Allieate il vostro testo a siistra. No usate mai il giustificato. U testo giustificato preseta gradi spazi fra le parole ed è più difficile da leggere. Esempio: Questo testo è allieato a siistra. E' facile da leggere perché gli spazi fra le parole soo sempre gli stessi. Questo testo è giustificato e o è così facile da leggere perché ci soo gradi spazi fra le parole. 29. No mettete troppo testo sulla vostra pagia. 30. Lasciate dello spazio fra i paragrafi. 31. No fate rietrare il testo all'iizio di u uovo paragrafo. Questo sigifica che la prima liea di ogi paragrafo deve essere allieata co il resto del testo. 32. Cercate di evitare i margii stretti. I margii soo degli spazi fra le parole e i bordi del foglio. Quado è possibile usate margii abbastaza gradi i modo che la pagia o sembri troppo compressa. 33. Quado è possibile umerate le pagie del documeto. Nel caso di documeti per icotri scrivete ad esempio pagia 2 di 4. Questo aiuterà le persoe a capire se hao tutte le pagie. 19

20 2 Illustrazioi 34. Alcue persoe hao difficoltà a leggere. Per aiutare queste persoe a leggere il vostro testo potete iserire delle illustrazioi vicio al testo per descrivere di cosa si tratta. Le illustrazioi soo cose come: Fotografie, Disegi, SCUOLA Simboli. SCUOLA 35. Per illustrare il vostro testo potete usare fotografie, disegi, simboli. Quado possibile cercate di utilizzare lo stesso stile di illustrazioi i tutto il documeto. 36. Usate sempre illustrazioi adeguate alle persoe per le quali state scrivedo. Per esempio, o usate mai immagii per bambii quado scrivete per adulti. 20

21 2 37. Scegliete sempre illustrazioi chiare, facili da capire e adatte al brao che cercao di spiegare. Per esempio, fate i modo che le fotografie siao chiare e che o cotegao troppe cose alle quali prestare attezioe. Esempio: Questa è ua fotografia chiara di u uomo che legge u libro. Questa altra fotografia o è chiara perché ci soo troppe cose alle quali prestare attezioe. 38. Usate la stessa illustrazioe per spiegare la stessa cosa i tutto il documeto. 39. Ci soo vari modi per utilizzare le illustrazioi. Per esempio, potete iserire 1 o 2 illustrazioi vicio ad u paragrafo per spiegare di cosa tratta il testo. 21

22 2 Come spiegare alle persoe che si tratta di u documeto facile da leggere 40. Mettete il simbolo facile da leggere sulla copertia del vostro documeto. Questo aiuterà le persoe a capire che si tratta di u documeto facile da leggere. Esiste u logo europeo facile da leggere che potete usare. Somiglia a questo: Potete scaricare questo logo sul sito iteret 22

23 2 Liee guida per la ligua italiaa 41. Fate attezioe co i umeri: o usate mai umeri romai come V, X oppure XVI. 42. Quado possibile, usate il tempo presete piuttosto che il tempo passato. Se dovete usare il passato, usate il passato prossimo al posto del passato remoto. 43. Cercate di usare soprattutto il modo idicativo ed imperativo ivece del modo codizioale e cogiutivo 44. Quado possibile scrivete le date per esteso. Per esempio: mercoledì 18 aprile 2012 e o

24 3 Regole per l'iformazioe elettroica L'iformazioe elettroica è l'iformazioe scritta sul computer come per esempio l'iformazioe su u sito iteret o su u CD-ROM. E' importate seguire le liee guida delle sezioi 1 e 2 se volete realizzare ua iformazioe elettroica facile da leggere e da capire. Nota: La Web Accessibility Iitiative ( l'iiziativa per u Web accessibile ) è u'associazioe iterazioale. Questa associazioe ha sviluppato alcue liee guida importati per l'iformazioe sui computer. Per esempio per persoe o vedeti o per persoe che hao problemi a muovere le mai. Hao scritto delle liee guida per redere i siti iteret accessibili alle persoe co disabilità, Potete trovare queste liee guida sul sito: Purtroppo queste liee guida o soo facili da leggere, potreste aver bisogo di aiuto per capirle. Le liee guida che seguoo soo fatte apposta per le persoe co disabilità itellettiva. Hao come obiettivo la realizzazioe di siti iteret e di CD-ROM facili da leggere e da capire per le persoe co disabilità itellettiva. È sempre meglio quado i siti iteret o i CD-ROM soo totalmete facili da leggere. Però quado o è così la prima pagia deve permettere u collegameto facile co tutte le pagie facili da leggere. 24

25 3 Creare u sito iteret accessibile 1. Chiedete sempre alle persoe co disabilità itellettiva di cotrollare il vostro sito iteret. 2. Cercate di aggiugere al vostro sito iteret cose che redoo l'iformazioe più facile da capire. Per esempio potete usare u lettore per schermo. Il lettore per schermo legge le parole sullo schermo. Oppure potete usare brevi filmati ei quali delle persoe leggoo e spiegao i vostri testi. 3. Per trovare i siti Iteret, le persoe possoo usare motori di ricerca come Google e Yahoo. Questi motori di ricerca trovao le iformazioi su Iteret per voi. Per essere sicuri che le persoe possoo trovare il vostro sito iteret, dovete aggiugere le parole facile da leggere el meta tag della vostra pagia iiziale. Il meta tag è u titolo che essuo può vedere. Solo i motori di ricerca lo trovao quado cercao delle iformazioi facili da leggere. La persoa che creerà il vostro sito iteret vi aiuterà. 4. Sui siti iteret, alcue pagie uove possoo a volte apparire da sole. Queste pagie si chiamao pagie pop up, perché appaioo ache se o avete premuto essu tasto. Bisoga evitare queste cose sui siti iteret se volete che siao facili da leggere e da capire. I pop up possoo essere difficili da seguire e possoo creare cofusioe. 5. A volte alcue persoe usao programmi speciali per i loro siti iteret. 25

26 3 Come per esempio u programma per creare disegi molto belli. Dovete fare molta attezioe co questi programmi speciali. Possoo essere pesati. Possoo redere difficile etrare sul vostro sito iteret e farlo fuzioare. 6. Ricordatevi che a volte le persoe devoo usare u computer vecchio. Oppure hao ua coessioe Iteret molto leta. Perciò o usate essu programma o foto che possoo redere l'uso del vostro sito iteret molto leto. I questo modo le persoe ci etrerao più facilmete. 7. Cercate di trovare u modo che reda facile etrare sul vostro sito iteret. Questo di solito viee chiamato strumeto di ricerca. La vostra pagia iiziale Ua pagia iiziale è la prima pagia che appare quado si digita l'idirizzo di u sito iteret. E' ua pagia importate perché è la prima cosa che le persoe vedoo quado visitao il vostro sito iteret. 8. Fate i modo che la vostra pagia iiziale mostri chiaramete di cosa tratta il vostro sito. 9. Mettete sempre sulla vostra pagia iiziale u umero di telefoo u idirizzo postale u idirizzo di qualcuo da cotattare. I questo modo le persoe potrao cotattarvi facilmete. 26

27 3 10. Dovrete avere dei pulsati o iterruttori gradi e chiari per permettere alle persoe che preferiscoo ua scrittura grade di cambiare la dimesioe dei caratteri. Muoversi tra le varie pagie di u sito iteret Alcue defiizioi: Quado vi muovete da ua parte all'altra del sito iteret, questo vuol dire che state avigado. La barra di avigazioe è ua barra co i titoli delle varie parti del sito iteret. Ecco due esempi di barre di avigazioe: 11. Fate i modo che ogi persoa possa capire facilmete i che parte del sito si trova. La barra di avigazioe deve mostrarlo chiaramete. 12. Fate i modo che i visitatori o debbao cliccare più di ua volta per torare alla pagia iiziale. 13. Mettete sempre la stessa barra di avigazioe ello stesso posto i tutto il sito iteret. I questo modo i visitatori possoo abituarsi alle varie parti che trovao el vostro sito iteret. 27

28 3 14. Deve essere facile muoversi da ua pagia all'altra. Per esempio, potete usare dei tasti gradi e chiari su ogi pagia. Le persoe possoo cliccare su di essi e adare a: la pagia seguete la pagia precedete la pagia iiziale. Esempio di u sito iteret co questi tasti: 15. A volte i siti iteret hao ua secoda barra di avigazioe. Questa secoda barra di avigazioe ha dei titoli come mappa del sito, chi siamo oppure cotattaci. Se decidete di avere ua secoda barra di avigazioe, fate i modo che o sia più evidete della barra pricipale. Esempio di u sito co due barre di avigazioe: 28

29 3 16. La vostra barra di avigazioe pricipale o deve avere più di 7 o 8 titoli pricipali. 17. Fate i modo che i titoli della barra di avigazioe siao chiari e facili da capire. Se vi sembra troppo difficile, potete spiegare co maggiori dettagli sulla vostra pagia iiziale cosa le persoe troverao sotto ogi titolo. Che aspetto deve avere il vostro schermo 18. No mettete troppe iformazioi sullo schermo. Quado possibile cercate di sistemare tutto il testo sullo schermo così che i visitatori o debbao scorrere verso il basso per poter leggere tutte le iformazioi. Se i lettori devoo scorrere verso il basso, mettete u meù del testo all'iizio. U meù del testo è ua lista delle sezioi pricipali del vostro testo. Dovete ache dare la possibilità di torare facilmete all'iizio della pagia e alla fie di ogi sezioe. 19. Fate i modo che i visitatori o debbao muovere la pagia da destra a siistra e da siistra a destra per leggere il testo. 20. Lasciate dello spazio fra ogi paragrafo sullo schermo così come fareste fra i paragrafi di u documeto stampato. 21. No iserite sullo schermo immagii che si muovoo. 29

30 3 Collegameti o lik Sui siti iteret potete spesso cliccare su alcue parole. Quado cliccate su queste parole, trovate altre iformazioi. Queste parole sulle quali potete cliccare soo chiamate lik perché vi collegao ad altre iformazioi. 22. Le parole sottolieate possoo essere difficili da leggere per le persoe co disabilità. Di solito i Iteret si sottolieao i lik così i lettori sao che possoo cliccare sulle parole sottolieate per vedere altre pagie. Perciò dovete sottolieare solo i lik. No sottolieate titoli o parole che o soo lik perché le persoe cercherao di cliccare su di esse per otteere altre iformazioi. 23. Quado create lik verso altre pagie, fate i modo che sia chiaro quale iformazioe le persoe troverao su queste uove pagie. 24. Evitate i lik che soo difficili da leggere. Per esempio: Se il lik è troppo lugo ascodetelo dietro ua parola facile. 25. È bee per la gete sapere se ha già cliccato su u lik oppure o. Questo viee di solito evideziato co dei colori: blu se o avete acora cliccato su quel lik viola se avete già cliccato su quel lik. Dovrete usare lo stesso codice colori sul vostro sito iteret. 30

31 3 26. E bee se soltato delle parole collegao a uove iformazioi. No è facile se le persoe devoo cliccare su disegi oppure su fotografie per otteere uove iformazioi. Perciò evitate di mettere u lik verso ua uova pagia dietro ad ua illustrazioe. No è facile da trovare. Creare u CD-ROM accessibile E' importate seguire le liee guida per l'iformazioe elettroica presetate prima se si vuole creare u CD-ROM accessibile. 27. Quado create u CD-ROM accessibile assicuratevi che l'astuccio del CD-ROM sia ach'esso i formato facile da leggere. 28. Cercate di creare u CD-ROM che fuzioi co tutti i programmi. Se il vostro CD-ROM ecessita di programmi speciali, scrivetelo sull'astuccio. 29. Il vostro CD-ROM deve avviarsi automaticamete quado lo si iserisce ell'apposito lettore. Le iformazioi facili da leggere devoo apparire per prime e spiegare come usare questo CD-ROM. 31

32 4 Regole per l'iformazioe video Il ostro gruppo del progetto si è iteressato ache ad alcue liee guida utili per la realizzazioe di iformazioi video. A causa del poco tempo a disposizioe o siamo riusciti ad aalizzare a fodo questo argometo. Potrebbe essere uo degli obiettivi pricipali per u ulteriore progetto poiché questo progetto si è iteressato pricipalmete dell'iformazioe scritta ed elettroica (sezioi 2 e 3). Itroduzioe Quado volete dare delle iformazioi alle persoe è molto importate che queste iformazioi siao accessibili. Perciò dovete scegliere il modo migliore possibile per dare alle persoe queste iformazioi. Uo dei modi per dare iformazioi è l'uso di u video. Le persoe oggi chiamao il video ache film o DVD. Cosigli geerali 1. Il vostro video deve essere semplice. Deve putare a redere le idee difficili facili da capire. 2. No dovete avere fretta. No parlate troppo velocemete. Le persoe che vi ascoltao devoo avere abbastaza tempo per capire cosa state dicedo. 3. Evitate di cofodere le cose co movimeti troppo leti o veloci. 32

33 4 La custodia del DVD 4. La grafica della custodia del DVD deve seguire le liee guida per le iformazioi facili da capire. Deve essere semplice. No usate troppe foto e troppi elemeti grafici. Questi possoo cofodere. 5. Redete le iformazioi sulla custodia del DVD chiare e semplici. Il testo deve essere facile da leggere. 6. Le iformazioi importati devoo apparire ache el video, o solo sulla custodia del DVD; per esempio l'idirizzo di qualcuo da cotattare. 7. Deve essere chiaro quale programma utilizzare per poter vedere il CD rom o il DVD. Voce di sottofodo Ua voce di sottofodo è quella che potete setire seza vedere la persoa che parla perché vi stao mostrado qualcos'altro sul video. 8. Ua voce di sottofodo deve parlare letamete e i modo chiaro. 9. Ua voce di sottofodo deve parlare solo delle cose che le persoe vedoo sullo schermo. 10. Se usate ua voce di sottofodo, è utile presetare la persoa prima che questa iizi a parlare i sottofodo. 33

34 4 Lo schermo 11. Lo schermo o deve essere é troppo chiaro é troppo scuro. 12. Video e suoo devoo essere di alta qualità e chiari. 13. Per i video da usare sul computer, i tasti per il suoo e lo schermo itero devoo essere facili da trovare. Il film 14. Rimaete il più possibile vicii alla realtà. Per esempio, se parlate di u autista di camio o mostrate u uomo che guida u furgoe ma piuttosto u uomo che guida u vero camio. 15. I video che presetao iformazioi o devoo essere troppo lughi. Di solito devoo durare al massimo 20 o 30 miuti. Se avete tate iformazioi da dare potete fare 2 film diversi. 16. Quado cambiate l'ambietazioe del film, spiegate dove si trova il uovo ambiete così le persoe o si cofodoo. Può ache essere più semplice vedere le persoe che vao da u posto all'altro piuttosto che vedere qualcuo i u posto e poi improvvisamete da qualche altra parte seza sapere perché. Sottotitoli A volte i video mostrao del testo ella parte bassa dello schermo. Questo testo è chiamato sottotitoli. I sottotitoli possoo creare cofusioe alle persoe co disabilità itellettiva. 34

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli