Informazioni per tutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni per tutti"

Transcript

1 Liee guida europee per redere l'iformazioe facile da leggere e da capire per tutti Iclusio Europe Prodotto all'itero del progetto Creazioe di percorsi di formazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva

2 I parter del progetto Creazioe di percorsi di formazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva hao elaborato altri 3 opuscoli: Si possoo scaricare adado sul sito: Il umero di questo opuscolo è ISBN Pubblicato da Iclusio Europe i collaborazioe co Affas Olus co il supporto del Programma di appredimeto permaete dell'uioe europea. Copertia: OrageMetalic Il presete progetto è fiaziato co il sostego della Commissioe europea. L autore è il solo resposabile di questa pubblicazioe e la Commissioe declia ogi resposabilità sull uso che potrà essere fatto delle iformazioi i essa coteute. Questo progetto si basa sui risultati del progetto Percorsi di educazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva ( ) Le orgaizzazioi coivolte el progetto soo state: Iclusio Europe (Belgio) - Atempo (Austria) - Me Itse ry (Filadia) - Nous Aussi (Fracia) - UNAPEI (Fracia) - Büro für Leichte Sprache of Lebeshilfe Breme (Germaia) - Iclusio Irelad (Irlada) - VILTIS (Lituaia) - FENACERCI (Portogallo) - ENABLE Scotlad ACE (Scozia) 2

3 Idice A proposito delle liee guida 5 Di cosa trattao le liee guida? 5 Chi può usare queste liee guida? 5 Perché abbiamo bisogo di queste liee guida? 6 1. Regole geerali per realizzare u'iformazioe facile da capire 9 Prima di comiciare 9 Parole 10 Frasi 11 Come orgaizzare le iformazioi Regole per l'iformazioe scritta 12 Grafica e formato 12 Scrittura 13 Parole 15 Frasi 16 Testo scritto 17 Che aspetto dovrebbe avere il vostro testo 18 Illustrazioi 20 Come spiegare che si tratta di u documeto facile da leggere 22 Liee guida per la ligua italiaa Regole per l'iformazioe elettroica 24 Creare u sito accessibile 25 La vostra pagia iiziale 26 Muoversi tra le varie pagie di u sito 27 Che aspetto dovrebbe avere il vostro schermo 29 Collegameti 30 Creare u CD accessibile 31 3

4 4. Regole per l'iformazioe video 32 Itroduzioe 32 Cosigli geerali 32 La custodia del DVD 33 La voce di sottofodo 33 Lo schermo 34 Il film 34 Sottotitoli 34 Descrizioe audio Regole per l'iformazioe audio 37 4

5 A proposito delle liee guida Le liee guida soo u eleco di regole che aiutao le persoe a fare delle cose tutte allo stesso modo e tutte el modo giusto. Di cosa trattao queste liee guida? Queste liee guida servoo ad aiutare le persoe a redere le loro iformazioi facili da leggere e da capire. Abbiamo realizzato queste liee guida all'itero di u progetto che si è svolto i Europa. Persoe proveieti da 8 paesi europei si soo icotrate parecchie volte per scrivere queste liee guida. Il progetto che ha riuito queste persoe si chiama Percorsi di formazioe per persoe adulte co disabilità itellettiva. L'educazioe per adulti è chiamata ache formazioe permaete. I programmi di formazioe permaete soo dei corsi dove persoe adulte possoo imparare cose uove. Al mometo è molto difficile che persoe co disabilità itellettiva predao parte a programmi di formazioe permaete. Lo scopo del progetto è di redere i programmi di formazioe permaete più facili da frequetare da parte delle persoe co disabilità itellettiva. Chi può usare queste liee guida? Possoo usare queste liee guida tutti quelli che voglioo scrivere iformazioi facili da leggere e da capire. Tuttavia alcue parti di queste liee guida possoo essere difficili da capire. 5

6 Quidi, alcue persoe co disabilità itellettiva possoo avere bisogo di essere aiutate da qualcuo quado le leggoo per la prima volta. Queste liee guida soo state create per aiutare le persoe co disabilità itellettiva a capire più facilmete le iformazioi. Ma queste liee guida possoo ache essere usate per redere le iformazioi più facili da capire per tate altre persoe. Per esempio: persoe che o parlao bee l'italiao persoe che trovao difficile leggere. Perché abbiamo bisogo di queste liee guida? Le persoe co disabilità itellettiva soo proprio come tutte le altre. Possoo fare tatissime cose ella vita se ricevoo il giusto aiuto. Le persoe co disabilità itellettiva possoo trovare più difficile capire alcue cose e imparare cose uove. Quidi è importate per le persoe co disabilità ricevere iformazioi più chiare e facili da capire possibili. Come chiuque altro, le persoe co disabilità hao diritto a ricevere delle buoe iformazioi. Questo è scritto ella Covezioe Ou sui diritti delle persoe co disabilità. All'articolo 9 questa Covezioe dice che le persoe co disabilità hao diritto a ricevere delle iformazioi accessibili. 6

7 Buoe iformazioi aiutao le persoe a trovare le cose che hao bisogo di sapere. Le aiutao a predere delle decisioi e a fare delle scelte. Se le persoe co disabilità itellettiva o ricevoo buoe iformazioi sarao lasciate da parte. No sarao i grado di partecipare alle cose che succedoo itoro a loro, e dovrao aspettare che altre persoe scelgao e decidao per loro. Fare buoa iformazioe sigifica redere l'iformazioe facile da leggere e da capire. Per fare questo bisoga seguire le liee guida. Le liee guida soo u eleco di cosigli che aiutao le persoe a fare le cose tutte allo stesso modo e el modo giusto. Dovete sempre pesare alle liee guida di questo mauale quado volete fare iformazioe facile da leggere e da capire. Queste liee guida vi dirao come redere l'iformazioe facile da capire i qualuque formato. Ci soo quattro diversi tipi di iformazioe: L'iformazioe scritta: Si tratta di documeti come mauali, opuscoli, rapporti eccetera. L'iformazioe elettroica: Si tratta dell'iformazioe scritta sui computers come per esempio le iformazioi sui siti iteret o sui CD. 7

8 L'iformazioe audio: Si tratta dell'iformazioe che si può ascoltare, come per esempio su u CD o alla radio. I video soo quelli che si possoo guardare alla TV o sul computer. Queste liee guida soo state fatte per quelle persoe che voglioo scrivere iformazioi facili da leggere e da capire. È ache importate scrivere storie, romazi e poesie facili da leggere e da capire. Però il progetto Percorsi si è cocetrato solo sui documeti di iformazioe. No abbiamo avuto il tempo di provare a capire se le liee guida per realizzare storie, romazi e poesia facili da leggere e da capire sarebbero state le stesse oppure molto diverse. Nota: Se volete sapere di più sulle persoe co disabilità itellettiva potete fare domade e ricevere iformazioi da ua delle orgaizzazioi che soo elecate alla fie di questo mauale. 8

9 Regole geerali per realizzare u'iformazioe facile da capire 1 Prima di iiziare a produrre le vostre iformazioi 1. Bisoga sempre raccogliere tutte le iformazioi possibili sulle persoe che utilizzerao l'iformazioe che state preparado e sui loro bisogi 2. Scegliete il formato migliore per le vostre iformazioi. Per esempio le iformazioi realizzate su CD o DVD potrebbero essere migliori per alcue persoe rispetto alle iformazioi scritte. 3. Bisoga usare sempre il liguaggio giusto per la persoa alla quale soo rivolte le iformazioi. Per esempio o bisoga usare u liguaggio per bambii se l'iformazioe è rivolta agli adulti. 4. Ricordatevi che le persoe che utilizzerao le vostre iformazioi potrebbero o sapere molto dell'argometo trattato. Dovete essere sicuri di spiegare l'argometo i modo chiaro, ioltre spiegate ache ogi parola difficile legata all'argometo. 5. Coivolgete sempre le persoe co disabilità itellettiva quado realizzate le iformazioi. Per esempio possoo predere parte elle decisioi: sull'argometo su cosa dire a proposito di u argometo su dove redere dispoibili le iformazioi. Potrete trovare molto di più su come coivolgere le persoe co disabilità itellettiva i u altro opuscolo che abbiamo scritto. L'opuscolo si chiama No scrivete su di oi seza di oi! Coivolgere le persoe co disabilità itellettiva quado si scrivoo testi facili da leggere. 9

10 1 Parole 6. Usate parole facili da capire che le persoe cooscoo bee. 7. No usate parole difficili. Se avete bisogo di usare parole difficili cercate di spiegarle sempre i modo molto chiaro. 8. Usate esempi per spiegare le cose. Cercate di usare esempi che le persoe cooscoo ella loro vita di tutti i giori. 9. Usate la stessa parola per descrivere la stessa cosa i tutto il documeto. 10. No usate cocetti difficili come le metafore. Ua metafora è ua frase che o sigifica quello che dice. U esempio di metafora è sei ua lumaca! oppure siamo 4 gatti. 11. No usate parole di altre ligue a meo che o siao molto coosciute come la parola iglese baby sitter ella ligua italiaa. 12. Evitate di utilizzare sigle ed abbreviazioi. Usate la parola per itero dove possibile. Le sigle soo composte dalle iiziali di alcue parole. Se dovete usare delle sigle spiegatele. Per esempio se scrivete UE, spiegate che si tratta dell'uioe Europea. 13. Le percetuali (come 63%) e i umeri gradi (come ) soo difficili da capire. 10

11 1 Cercate di o usare percetuali e umeri gradi. Piuttosto utilizzate parole come alcui e molti per spiegare che cosa volete dire. Frasi 14. Usate sempre frasi brevi. 15. Parlate direttamete alle persoe. Usate parole come tu, voi o lei. 16. Usate frasi di seso positivo ivece che egativo, quado è possibile. Per esempio dite devi rimaere fio alla fie dell'icotro ivece che o devi adartee prima della fie dell'icotro. 17. Usate i verbi i ua forma attiva piuttosto che passiva, quado è possibile. Per esempio dite io magio ua mela ivece che ua mela viee magiate da me. Come orgaizzare le iformazioi 18. Orgaizzate sempre le iformazioi i modo che siao facili da capire e da seguire. 19. Mettete vicie tutte le iformazioi sullo stesso argometo. 20. È corretto ripetere le iformazioi più importati. È corretto spiegare le parole difficili più di ua volta. 11

12 2 Regole per l'iformazioe scritta Nota: Le iformazioi scritte i modo facile da capire per le persoe co disabilità itellettiva soo spesso chiamate iformazioi accessibili. Quado preparate le iformazioi scritte, usate le 20 regole delle liee guida della sezioe 1, ed ache le segueti regole. Grafica e formato 1. Usate u formato facile da leggere, facile da seguire e da fotocopiare. Per esempio, u formato A4 o A5. 2. Pesate alla dimesioe del vostro documeto. U libro di 100 pagie è troppo lugo. Le persoe possoo avere l'impressioe di o essere i grado di leggere u libro così lugo. I questo caso, è meglio scrivere 3 libri brevi. 3. No usate mai é ua grafica é u formato che possoo redere il documeto difficile da leggere o da capire. La cosa più importate è che il vostro documeto sia facile da capire per le persoe co disabilità itellettiva. 4. No usate mai uo sfodo che rede difficile la lettura del testo. Per esempio o usate mai ua foto oppure u motivo geometrico come sfodo. Questo o è facile da leggere Questo o è facile da leggere 12

13 2 Bisoga stare atteti quado si usa uo sfodo ero o scuro. Quado fate questo, fate i modo che lo sfodo sia abbastaza scuro e i caratteri abbastaza chiari da essere leggibili. Questo è facile da leggere Questo o è facile da leggere Scrittura 5. Usate sempre u carattere chiaro e facile da leggere. Il carattere è u tipo di scrittura. Per esempio Arial oppure Tahoma soo caratteri chiari e facili da leggere. Questo sigifica che: No dovete mai usare caratteri serif. Questi caratteri soo più difficili da leggere perché la forma delle lettere o è proprio chiara. Ecco u esempio: carattere serif d carattere o serif d Ecco alcui altri esempi di caratteri difficili da leggere: Times ew Roma o è facile da leggere. Mootipe corsiva o è facile da leggere. 13

14 2 No dovete mai usare testi co le lettere troppo vicie l'ua all'altra: Example: Questo è Bodoi MT Codesed. No è facile da leggere perché le lettere soo troppo vicie Questo è Arial 14 co uo spazio tra le lettere dell 80% No è facile da leggere Questo è u esempio di testo co iterliea miima. No è facile da leggere. No dovete mai usare dei caratteri co cotori troppo sottili oppure che o si stampao bee Esempio: Questo è Eras Light. E' difficile da leggere perché il carattere è troppo leggero. No usate mai il corsivo: Esempio: Questo testo è i corsivo e o è facile da leggere. No usate mai caratteri co effetti speciali: No usate mai testi co ombreggiature oppure cotori. Esempio: Questo è u testo co ombreggiatura. No è facile da leggere Questo è u testo co u cotoro. No è facile da leggere 6. Usate sempre ua scrittura larga, spaziosa. Usate caratteri almeo della misura di Arial No scrivete mai le parole tutte i lettere maiuscole. Le lettere di dimesioi più basse soo più facili da leggere. 14

15 2 8. Cercate di usare u solo tipo di carattere el vostro testo. 9. Sottolieare può redere il testo più difficile da leggere per alcue persoe co disabilità itellettiva. Utilizzate la sottolieatura co attezioe. 10. Se possibile cercate di o scrivere a colori perché: Alcue persoe o riescoo a distiguere la differeza tra i vari colori. Alcue persoe possoo aver bisogo di fotocopiare il vostro documeto i biaco e ero. I questo caso i colori o si vedrebbero bee. Alcui colori o si vedoo bee su certi sfodi. Per esempio ua scrittura i giallo su carta biaca o è facile da vedere. Parole 11. No usate parole difficili. Se avete bisogo di usare parole difficili cercate di spiegarle sempre molto chiaramete. Se possibile spiegate le parole el mometo i cui le usate. Nei documeti scritti potete ache avere ua lista di parole utili alla fie del documeto. 12. Fate attezioe quado usate i proomi. I proomi soo parole come io, lui o esso, che usate al posto della persoa o della cosa di cui state parlado. Fate i modo che sia sempre chiaro chi o che cosa rappreseta il proome che state usado. Nel caso i cui o è chiaro usate sempre il ome proprio. 15

16 2 13. No usate mai ote a fodo pagia. Ua ota a fodo pagia è la spiegazioe di qualcosa i fodo alla pagia ivece che all'itero del testo. Per esempio No scrivete Giai Rossi 1 parlò al covego. Scrivete ivece: Giai Rossi è il presidete di u'associazioe di volotariato. Giai Rossi ha parlato al covego. 14. Usate ua puteggiatura semplice. Per esempio o scrivete: Ieri ho comperato ua bicicletta giallo verde (ua uova!) per mio figlio il cui ome è Michele. Scrivete ivece: Il ome di mio figlio è Michele. Ieri gli ho comprato ua uova bicicletta. La bicicletta uova è verde e gialla. 15. Evitate di usare tutti i caratteri speciali come \, &, <,, # eccetera. 16. Evitate di usare tutte le abbreviazioi come p.es., u.s., eccetera. Frasi 17. Adate sempre a capo quado icomiciate ua uova frase. 18. No adate mai a capo dividedo l'ultima parola. Questo sigifica o usare mai il carattere (-) per adare a capo e dividere la parola su 2 liee Presidete di u'associazioe di volotariato

17 2 19. Fate frasi corte. Questo si può otteere: scrivedo u solo cocetto per frase; usado u puto prima di iiziare u uovo cocetto ivece di usare ua virgola oppure la cogiuzioe e. Quado possibile ua frase dovrebbe stare tutta su ua riga. Se dovete scrivere ua frase su 2 righe tagliate la frase lì dove le persoe farebbero ua pausa leggedo la frase a voce alta. Esempio: scrivete: Il modo i cui questa frase è divisa è facile da leggere. o scrivete: Il modo i cui questa frase è divisa o è facile da leggere. Testo scritto 20. Usate titoli chiari e facili da capire. I titoli auciao l'argometo del testo che segue. 21. Cercate sempre di dare alle persoe tutte le iformazioi di cui hao bisogo. Fate i modo che sia chiaro a chi è idirizzata l'iformazioe e di cosa tratta. 22. No date alle persoe più iformazioi di quato hao bisogo per capire il vostro testo. Date loro solo le iformazioi importati. 23. Fate i modo che le iformazioi importati siao facili da trovare. Per fare ciò bisoga: mettere le iformazioi importati all'iizio del documeto; evideziare le iformazioi più importati co caratteri i grassetto; oppure iserire le iformazioi all'itero di u riquadro. 17

18 2 24. Cercate di o usare troppi sottotitoli o troppi elechi putati. 25. Grafici e tavole possoo essere molto difficili da capire. A volte però possoo spiegare le cose meglio di u testo scritto. Quado usate grafici o tavole, fate i modo che siao semplici e spiegateli bee. Per esempio: Il sigor Rossi lavora la maggior parte del suo tempo al computer. Egli è ache resposabile della formazioe e produce iformazioi facili da leggere. Ma questo lo impega meo che il suo lavoro al computer. Ifie il sigor Rossi partecipa ache a delle cofereze. Ma questa è l'attività che gli occupa meo tempo. Il lavoro del sigor Rossi si divide fra Computer Formazioe Facile da leggere Cofereza Che aspetto dovrebbe avere il vostro testo 26. Usate gli elechi putati per elecare cose. Ua lista di parole separate da virgole o è facile da leggere. 27. No scrivete i coloe. 18

19 2 28. Allieate il vostro testo a siistra. No usate mai il giustificato. U testo giustificato preseta gradi spazi fra le parole ed è più difficile da leggere. Esempio: Questo testo è allieato a siistra. E' facile da leggere perché gli spazi fra le parole soo sempre gli stessi. Questo testo è giustificato e o è così facile da leggere perché ci soo gradi spazi fra le parole. 29. No mettete troppo testo sulla vostra pagia. 30. Lasciate dello spazio fra i paragrafi. 31. No fate rietrare il testo all'iizio di u uovo paragrafo. Questo sigifica che la prima liea di ogi paragrafo deve essere allieata co il resto del testo. 32. Cercate di evitare i margii stretti. I margii soo degli spazi fra le parole e i bordi del foglio. Quado è possibile usate margii abbastaza gradi i modo che la pagia o sembri troppo compressa. 33. Quado è possibile umerate le pagie del documeto. Nel caso di documeti per icotri scrivete ad esempio pagia 2 di 4. Questo aiuterà le persoe a capire se hao tutte le pagie. 19

20 2 Illustrazioi 34. Alcue persoe hao difficoltà a leggere. Per aiutare queste persoe a leggere il vostro testo potete iserire delle illustrazioi vicio al testo per descrivere di cosa si tratta. Le illustrazioi soo cose come: Fotografie, Disegi, SCUOLA Simboli. SCUOLA 35. Per illustrare il vostro testo potete usare fotografie, disegi, simboli. Quado possibile cercate di utilizzare lo stesso stile di illustrazioi i tutto il documeto. 36. Usate sempre illustrazioi adeguate alle persoe per le quali state scrivedo. Per esempio, o usate mai immagii per bambii quado scrivete per adulti. 20

21 2 37. Scegliete sempre illustrazioi chiare, facili da capire e adatte al brao che cercao di spiegare. Per esempio, fate i modo che le fotografie siao chiare e che o cotegao troppe cose alle quali prestare attezioe. Esempio: Questa è ua fotografia chiara di u uomo che legge u libro. Questa altra fotografia o è chiara perché ci soo troppe cose alle quali prestare attezioe. 38. Usate la stessa illustrazioe per spiegare la stessa cosa i tutto il documeto. 39. Ci soo vari modi per utilizzare le illustrazioi. Per esempio, potete iserire 1 o 2 illustrazioi vicio ad u paragrafo per spiegare di cosa tratta il testo. 21

22 2 Come spiegare alle persoe che si tratta di u documeto facile da leggere 40. Mettete il simbolo facile da leggere sulla copertia del vostro documeto. Questo aiuterà le persoe a capire che si tratta di u documeto facile da leggere. Esiste u logo europeo facile da leggere che potete usare. Somiglia a questo: Potete scaricare questo logo sul sito iteret 22

23 2 Liee guida per la ligua italiaa 41. Fate attezioe co i umeri: o usate mai umeri romai come V, X oppure XVI. 42. Quado possibile, usate il tempo presete piuttosto che il tempo passato. Se dovete usare il passato, usate il passato prossimo al posto del passato remoto. 43. Cercate di usare soprattutto il modo idicativo ed imperativo ivece del modo codizioale e cogiutivo 44. Quado possibile scrivete le date per esteso. Per esempio: mercoledì 18 aprile 2012 e o

24 3 Regole per l'iformazioe elettroica L'iformazioe elettroica è l'iformazioe scritta sul computer come per esempio l'iformazioe su u sito iteret o su u CD-ROM. E' importate seguire le liee guida delle sezioi 1 e 2 se volete realizzare ua iformazioe elettroica facile da leggere e da capire. Nota: La Web Accessibility Iitiative ( l'iiziativa per u Web accessibile ) è u'associazioe iterazioale. Questa associazioe ha sviluppato alcue liee guida importati per l'iformazioe sui computer. Per esempio per persoe o vedeti o per persoe che hao problemi a muovere le mai. Hao scritto delle liee guida per redere i siti iteret accessibili alle persoe co disabilità, Potete trovare queste liee guida sul sito: Purtroppo queste liee guida o soo facili da leggere, potreste aver bisogo di aiuto per capirle. Le liee guida che seguoo soo fatte apposta per le persoe co disabilità itellettiva. Hao come obiettivo la realizzazioe di siti iteret e di CD-ROM facili da leggere e da capire per le persoe co disabilità itellettiva. È sempre meglio quado i siti iteret o i CD-ROM soo totalmete facili da leggere. Però quado o è così la prima pagia deve permettere u collegameto facile co tutte le pagie facili da leggere. 24

25 3 Creare u sito iteret accessibile 1. Chiedete sempre alle persoe co disabilità itellettiva di cotrollare il vostro sito iteret. 2. Cercate di aggiugere al vostro sito iteret cose che redoo l'iformazioe più facile da capire. Per esempio potete usare u lettore per schermo. Il lettore per schermo legge le parole sullo schermo. Oppure potete usare brevi filmati ei quali delle persoe leggoo e spiegao i vostri testi. 3. Per trovare i siti Iteret, le persoe possoo usare motori di ricerca come Google e Yahoo. Questi motori di ricerca trovao le iformazioi su Iteret per voi. Per essere sicuri che le persoe possoo trovare il vostro sito iteret, dovete aggiugere le parole facile da leggere el meta tag della vostra pagia iiziale. Il meta tag è u titolo che essuo può vedere. Solo i motori di ricerca lo trovao quado cercao delle iformazioi facili da leggere. La persoa che creerà il vostro sito iteret vi aiuterà. 4. Sui siti iteret, alcue pagie uove possoo a volte apparire da sole. Queste pagie si chiamao pagie pop up, perché appaioo ache se o avete premuto essu tasto. Bisoga evitare queste cose sui siti iteret se volete che siao facili da leggere e da capire. I pop up possoo essere difficili da seguire e possoo creare cofusioe. 5. A volte alcue persoe usao programmi speciali per i loro siti iteret. 25

26 3 Come per esempio u programma per creare disegi molto belli. Dovete fare molta attezioe co questi programmi speciali. Possoo essere pesati. Possoo redere difficile etrare sul vostro sito iteret e farlo fuzioare. 6. Ricordatevi che a volte le persoe devoo usare u computer vecchio. Oppure hao ua coessioe Iteret molto leta. Perciò o usate essu programma o foto che possoo redere l'uso del vostro sito iteret molto leto. I questo modo le persoe ci etrerao più facilmete. 7. Cercate di trovare u modo che reda facile etrare sul vostro sito iteret. Questo di solito viee chiamato strumeto di ricerca. La vostra pagia iiziale Ua pagia iiziale è la prima pagia che appare quado si digita l'idirizzo di u sito iteret. E' ua pagia importate perché è la prima cosa che le persoe vedoo quado visitao il vostro sito iteret. 8. Fate i modo che la vostra pagia iiziale mostri chiaramete di cosa tratta il vostro sito. 9. Mettete sempre sulla vostra pagia iiziale u umero di telefoo u idirizzo postale u idirizzo di qualcuo da cotattare. I questo modo le persoe potrao cotattarvi facilmete. 26

27 3 10. Dovrete avere dei pulsati o iterruttori gradi e chiari per permettere alle persoe che preferiscoo ua scrittura grade di cambiare la dimesioe dei caratteri. Muoversi tra le varie pagie di u sito iteret Alcue defiizioi: Quado vi muovete da ua parte all'altra del sito iteret, questo vuol dire che state avigado. La barra di avigazioe è ua barra co i titoli delle varie parti del sito iteret. Ecco due esempi di barre di avigazioe: 11. Fate i modo che ogi persoa possa capire facilmete i che parte del sito si trova. La barra di avigazioe deve mostrarlo chiaramete. 12. Fate i modo che i visitatori o debbao cliccare più di ua volta per torare alla pagia iiziale. 13. Mettete sempre la stessa barra di avigazioe ello stesso posto i tutto il sito iteret. I questo modo i visitatori possoo abituarsi alle varie parti che trovao el vostro sito iteret. 27

28 3 14. Deve essere facile muoversi da ua pagia all'altra. Per esempio, potete usare dei tasti gradi e chiari su ogi pagia. Le persoe possoo cliccare su di essi e adare a: la pagia seguete la pagia precedete la pagia iiziale. Esempio di u sito iteret co questi tasti: 15. A volte i siti iteret hao ua secoda barra di avigazioe. Questa secoda barra di avigazioe ha dei titoli come mappa del sito, chi siamo oppure cotattaci. Se decidete di avere ua secoda barra di avigazioe, fate i modo che o sia più evidete della barra pricipale. Esempio di u sito co due barre di avigazioe: 28

29 3 16. La vostra barra di avigazioe pricipale o deve avere più di 7 o 8 titoli pricipali. 17. Fate i modo che i titoli della barra di avigazioe siao chiari e facili da capire. Se vi sembra troppo difficile, potete spiegare co maggiori dettagli sulla vostra pagia iiziale cosa le persoe troverao sotto ogi titolo. Che aspetto deve avere il vostro schermo 18. No mettete troppe iformazioi sullo schermo. Quado possibile cercate di sistemare tutto il testo sullo schermo così che i visitatori o debbao scorrere verso il basso per poter leggere tutte le iformazioi. Se i lettori devoo scorrere verso il basso, mettete u meù del testo all'iizio. U meù del testo è ua lista delle sezioi pricipali del vostro testo. Dovete ache dare la possibilità di torare facilmete all'iizio della pagia e alla fie di ogi sezioe. 19. Fate i modo che i visitatori o debbao muovere la pagia da destra a siistra e da siistra a destra per leggere il testo. 20. Lasciate dello spazio fra ogi paragrafo sullo schermo così come fareste fra i paragrafi di u documeto stampato. 21. No iserite sullo schermo immagii che si muovoo. 29

30 3 Collegameti o lik Sui siti iteret potete spesso cliccare su alcue parole. Quado cliccate su queste parole, trovate altre iformazioi. Queste parole sulle quali potete cliccare soo chiamate lik perché vi collegao ad altre iformazioi. 22. Le parole sottolieate possoo essere difficili da leggere per le persoe co disabilità. Di solito i Iteret si sottolieao i lik così i lettori sao che possoo cliccare sulle parole sottolieate per vedere altre pagie. Perciò dovete sottolieare solo i lik. No sottolieate titoli o parole che o soo lik perché le persoe cercherao di cliccare su di esse per otteere altre iformazioi. 23. Quado create lik verso altre pagie, fate i modo che sia chiaro quale iformazioe le persoe troverao su queste uove pagie. 24. Evitate i lik che soo difficili da leggere. Per esempio: Se il lik è troppo lugo ascodetelo dietro ua parola facile. 25. È bee per la gete sapere se ha già cliccato su u lik oppure o. Questo viee di solito evideziato co dei colori: blu se o avete acora cliccato su quel lik viola se avete già cliccato su quel lik. Dovrete usare lo stesso codice colori sul vostro sito iteret. 30

31 3 26. E bee se soltato delle parole collegao a uove iformazioi. No è facile se le persoe devoo cliccare su disegi oppure su fotografie per otteere uove iformazioi. Perciò evitate di mettere u lik verso ua uova pagia dietro ad ua illustrazioe. No è facile da trovare. Creare u CD-ROM accessibile E' importate seguire le liee guida per l'iformazioe elettroica presetate prima se si vuole creare u CD-ROM accessibile. 27. Quado create u CD-ROM accessibile assicuratevi che l'astuccio del CD-ROM sia ach'esso i formato facile da leggere. 28. Cercate di creare u CD-ROM che fuzioi co tutti i programmi. Se il vostro CD-ROM ecessita di programmi speciali, scrivetelo sull'astuccio. 29. Il vostro CD-ROM deve avviarsi automaticamete quado lo si iserisce ell'apposito lettore. Le iformazioi facili da leggere devoo apparire per prime e spiegare come usare questo CD-ROM. 31

32 4 Regole per l'iformazioe video Il ostro gruppo del progetto si è iteressato ache ad alcue liee guida utili per la realizzazioe di iformazioi video. A causa del poco tempo a disposizioe o siamo riusciti ad aalizzare a fodo questo argometo. Potrebbe essere uo degli obiettivi pricipali per u ulteriore progetto poiché questo progetto si è iteressato pricipalmete dell'iformazioe scritta ed elettroica (sezioi 2 e 3). Itroduzioe Quado volete dare delle iformazioi alle persoe è molto importate che queste iformazioi siao accessibili. Perciò dovete scegliere il modo migliore possibile per dare alle persoe queste iformazioi. Uo dei modi per dare iformazioi è l'uso di u video. Le persoe oggi chiamao il video ache film o DVD. Cosigli geerali 1. Il vostro video deve essere semplice. Deve putare a redere le idee difficili facili da capire. 2. No dovete avere fretta. No parlate troppo velocemete. Le persoe che vi ascoltao devoo avere abbastaza tempo per capire cosa state dicedo. 3. Evitate di cofodere le cose co movimeti troppo leti o veloci. 32

33 4 La custodia del DVD 4. La grafica della custodia del DVD deve seguire le liee guida per le iformazioi facili da capire. Deve essere semplice. No usate troppe foto e troppi elemeti grafici. Questi possoo cofodere. 5. Redete le iformazioi sulla custodia del DVD chiare e semplici. Il testo deve essere facile da leggere. 6. Le iformazioi importati devoo apparire ache el video, o solo sulla custodia del DVD; per esempio l'idirizzo di qualcuo da cotattare. 7. Deve essere chiaro quale programma utilizzare per poter vedere il CD rom o il DVD. Voce di sottofodo Ua voce di sottofodo è quella che potete setire seza vedere la persoa che parla perché vi stao mostrado qualcos'altro sul video. 8. Ua voce di sottofodo deve parlare letamete e i modo chiaro. 9. Ua voce di sottofodo deve parlare solo delle cose che le persoe vedoo sullo schermo. 10. Se usate ua voce di sottofodo, è utile presetare la persoa prima che questa iizi a parlare i sottofodo. 33

34 4 Lo schermo 11. Lo schermo o deve essere é troppo chiaro é troppo scuro. 12. Video e suoo devoo essere di alta qualità e chiari. 13. Per i video da usare sul computer, i tasti per il suoo e lo schermo itero devoo essere facili da trovare. Il film 14. Rimaete il più possibile vicii alla realtà. Per esempio, se parlate di u autista di camio o mostrate u uomo che guida u furgoe ma piuttosto u uomo che guida u vero camio. 15. I video che presetao iformazioi o devoo essere troppo lughi. Di solito devoo durare al massimo 20 o 30 miuti. Se avete tate iformazioi da dare potete fare 2 film diversi. 16. Quado cambiate l'ambietazioe del film, spiegate dove si trova il uovo ambiete così le persoe o si cofodoo. Può ache essere più semplice vedere le persoe che vao da u posto all'altro piuttosto che vedere qualcuo i u posto e poi improvvisamete da qualche altra parte seza sapere perché. Sottotitoli A volte i video mostrao del testo ella parte bassa dello schermo. Questo testo è chiamato sottotitoli. I sottotitoli possoo creare cofusioe alle persoe co disabilità itellettiva. 34

Informazioni per tutti

Informazioni per tutti Liee guida europee per redere l'iformazioe facile da leggere e da capire per tutti Iclusio Europe Prodotto all'itero del progetto Creazioe di percorsi di formazioe permaete per persoe co disabilità itellettiva

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secodaria di II grado - Classe Secoda Rilevazioe degli appredimeti Ao Scolastico 2011 2012 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secodaria di II grado Classe Secoda Spazio per l etichetta

Dettagli

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire

Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire Formare i formatori Linee guida per la formazione su come scrivere documenti facili da leggere e da capire Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione permanente

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Non scrivete su di noi senza di noi

Non scrivete su di noi senza di noi Non scrivete su di noi senza di noi Coinvolgere persone con disabilità intellettiva nella scrittura di testi facili da leggere e da capire Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Navigazione tramite numeri e divertimento

Navigazione tramite numeri e divertimento 60 Chapter 6 Navigazioe tramite umeri e divertimeto Vladimir Georgiev Itroduzioe La ovità pricipale el ostro approccio e l avviciameto del lavoro dei ostri Lab ai problemi della vita reale tramite la parte

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64 By Luca Torchio Prima di defiire i modo rigoroso ua somma di ifiiti umeri, che tra l altro i matematici chiamao Serie, cerchiamo di covicerci che ha seso sommare ifiiti umeri! La cosa, i effetti, fa u

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis Modifica del regolameto della Cassa pesioe Novartis Agli assicurati della Cassa pesioe Novartis Il Cosiglio di fodazioe della Cassa pesioe Novartis ha emaato importati modifiche del cocetto e delle prestazioi

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

Copyright 2001 2006 Hewlett-Packard Development Company, L.P.

Copyright 2001 2006 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Guida al software Media Ceter Solo le garazie per i prodotti e servizi HP soo esposte ei documeti della garazia esplicita che accompagao tali prodotti e servizi. Le iformazioi qui coteute o potrao i alcu

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Disposizioni semplici. Disposizioni semplici esercizi

Disposizioni semplici. Disposizioni semplici esercizi Disposizioi semplici Ua disposizioe (semplice) di oggetti i k posti (duque 1 < k < ) è ogi raggruppameto di k oggetti, seza ripetizioi, scelti fra gli oggetti dati, cioè ciascuo dei raggruppameti ordiati

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

3.1 Il principio di inclusione-esclusione

3.1 Il principio di inclusione-esclusione Capitolo 3 Calcolo combiatorio 3.1 Il pricipio di iclusioe-esclusioe Il calcolo combiatorio prede i cosiderazioe degli isiemi fiiti particolari e e cota il umero di elemeti. Questo può dar luogo ad iteressati

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Perfezionamento del riconoscimento vocale

Perfezionamento del riconoscimento vocale CAPITOL 3 Perfezioameto del ricooscimeto vocale Operazioi co il vocabolario di Drago NaturallySpeakig Se Drago NaturallySpeakig ricoosce ua parola i modo errato, è possibile che tale lemma o sia icluso

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di Soluzioe del tema di Iformatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Progetto: Mercurio Soluzioe proposta da: Co il termie Web 2.0 si

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi - Nuove Iiziative d Impresa della Regioe Puglia i

Dettagli

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO Bollettio E708 rev0 7/06/0 INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER SERIE - CARATTERISTICHE Tesioe di alimetazioe: 90 40vac Frequeza di alimetazioe: 40 70 Hz Assorbimeto massimo: 40W Temperatura di fuzioameto:

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali La gamma Supreme Alimeti utrizioalmete bilaciati per piccoli aimali Biky, il coiglio più simpatico della Gra Bretaga, approva il teore di fibre i Supreme Selective Rabbit Supreme Selective Le fibre soo

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A.

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A. BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA Distretto tecologico Sicilia Micro e Nao Sistemi società cosortile a r.l ZONA INDUSTRIALE

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi GENOVA 2-5 SETTEMBRE 2012 IV CORSO RESIDENZIALE FOCUS ON Marketig della destiazioe per meetig, cogressi ed eveti Associazioe azioale delle Imprese pubbliche, private e dei Professioisti della meetig idustry

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Bollettino Parrocchiale di Mazzè, Tonengo e Villareggia. L angolo del Trompone

Bollettino Parrocchiale di Mazzè, Tonengo e Villareggia. L angolo del Trompone Bollettio Parrocchiale di Mazzè, Toego e Villareggia L agolo del Trompoe 48 Bollettio Parrocchiale di Mazzè, Toego e Villareggia Tre +1 Ai tre campaili da cui prede ome questa rivista di collegameto iterparrocchiale

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA 17-19 giugo 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide prospettive

Dettagli

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale FONDO CRESCO Elemeti di sitesi Milao 24 geaio 2013 Riservato e cofideziale Premessa ed obiettivi del documeto. L obiettivo del presete documeto è quello di presetare il Fodo CRESCO che affiacherà il Fodo

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S S0 X k, co X k k co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti e ideticamete

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA?

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? Sala Covegi IresPiemote Via Nizza 18 Torio 25 Novembre 2015 CRISI ECONOMICA E BARRIERE ALL ACCESSO UNIVERSITARIO: COME INTERVENIRE? IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? FEDERICA

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli

Probabilità e Statistica I

Probabilità e Statistica I Probabilità e Statistica I Elvira Di Nardo (Dipartimeto di Matematica) Uiversità degli Studi della Basilicata e-mail:diardo@uibas.it http://www.uibas.it/uteti/diardo/home.html Tel:097/05890 Prerequisiti:

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO Atti e documeti da allegare all'istaza e (per i procedimeti ad istaza di parte) Strutture itere ed evetuali soggetti esteri coivolti Termii di coclusioe del procedimeto Silezio asseso/coclusioe mediate

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea?

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea? Perché è ecessaria ua riforma della protezioe dei dati ell Uioe europea? La direttiva europea del 1995 è ua pietra miliare ella storia della protezioe dei dati persoali. I suoi pricipi fodametali garatire

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Pagina del titolo. Avid ISIS Guida client

Pagina del titolo. Avid ISIS Guida client Pagia del titolo Avid ISIS Guida cliet Sommario Capitolo 1 Cofigurazioe e istallazioe di Avid ISIS Cliet Maager.................... 5 Istallazioe scheda e driver Itel Pro/1000...................................

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante Io domai. La tutela del miore e la geitorialità attraverso progetti itegrati Il cogego pesate equipe: T. Toscai G. Fracii G. Mote Istituto Terapia Familiare di Bologa Alle Radici del Dao I bambii che restao

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15)

STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15) STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) Apputi di estimo STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15) DIRITTO DI USUFRUTTO Defiizioe di usufrutto L usufrutto è u diritto reale

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli