Chissà perché le malattie degli altri non ci riguardano mai...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chissà perché le malattie degli altri non ci riguardano mai..."

Transcript

1 Chissà perché le malattie degli altri non ci riguardano mai... Nel futuro, invece, sempre più le loro malattie diventeranno le nostre. La sfida allora è ricercare un benessere sempre più globale. di Francesca Zazzara Budapest, luglio Capitale di un paese giovane e in trasformazione, che si fa in quattro per scrollarsi di dosso il pesante grigiore della dittatura e fare la sua comparsa sulla scena europea e mondiale, un paese in fieri a cavallo tra Est e Ovest, nel cuore antico dell Europa. La città a tratti polverosa, a tratti luminosa, pullula di vita che si snoda lungo il corso del Danubio. Giovani donne eleganti, seducenti, scattanti. Famiglie, tanti bambini. E uomini dallo sguardo spento, sfuggente, assente. Molti dall età indefinita, troppi con una bottiglia di birra in mano e l alito pesante che impregna i vagoni della metropolitana. Da questa breve panoramica sulla città dalle finestre dell antico ospedale Semmelweiss emerge la stessa realtà che si ritrova nei corridoi dei suoi reparti. Giovani uomini dalla pelle giallastra; ispezioniamo il loro addome, fegato notevolmente aumentato di volume alla palpazione, gonfio. Transaminasi, enzimi epatici a tre cifre. Epatite e il referto della Tc ci dice aree di degenerazione cirrotica. Cirrosi epatica, ovvero la più grave complicazione della malattia epatica che ha tra le sue principali cause l alcool. Alcool, che in un paese come questo e altri dell Est europeo scorre a fiumi in vodka e birra. Alcool come piaga sociale e antidoto alla disperazione: è uno dei mali dei nostri giorni, una grave minaccia alla salute fisica e psichica dell individuo, che solo una corretta educazione sociale riuscirà a estirpare. Proprio l alcool, come malattia sociale, rende l aspettativa di vita per i maschi di questi paesi inferiore ai sessant anni. I prodotti alcolici sono responsabili del 9% del totale carico di malattie in Europa. E l Europa dell Est è meta ancora di turismo sessuale, un turismo che a livello mondiale miete milioni di vittime, specie tra bambini e più deboli. Nei paesi dell Est europeo l incidenza di queste malattie è cento volte più alta che nei paesi europei occidentali e questo causa una recrudescenza dei casi anche in paesi prima indenni da questi problemi. Le malattie a trasmissione sessuale più diffuse sono la tricomoniasi, le infezioni da chlamydia, la gonorrea, l Aids, il flagello del terzo millennio e malattie dall eco di passato come la sifilide. Arizona, Usa. Riserva degli indiani Pima dell Arizona. Un tempo incontaminate praterie e vita di tribù. Poi è arrivato l uomo bianco a sconvolgere la vita del pellerossa. Stavolta non è la rosolia, non è il morbillo. Non è nemmeno la violenza truce delle armi, ma è una dieta ipercalorica di fastfood, grassi animali, fritture, bibite gasate e iperglicemiche. Il risultato? Questa popolazione ha oggi una prevalenza di obesità tra le più alte al mondo e circa la metà è affetta da diabete prima dei 35 anni, quando invece i loro antenati erano agili e scattanti, a caccia nei boschi, ben al riparo da simili veleni alimentari. Diversamente, gli indiani Pima del Messico vivono ancora oggi di agricoltura e allevamento e, pur condividendo gran parte dei geni con i cugini dell Arizona, hanno un peso corporeo mediamente inferiore di 26 Kg e una bassa prevalenza di diabete. Osservando la differenza nel tasso di obesità e diabete tra gli indiani Pima e le popolazioni europee e americane, nel 1962 l antropologo americano James Neel ipotizzò che questi indiani e altre popolazioni afflitte da elevati tassi di obesità possiedano un gene risparmiatore che permette loro di sopravvivere ai periodi di carestia aumentando l efficienza energetica. Un vantaggio nei periodi di carenza di cibo, ma uno svantaggio nella società moderna in abbondanza di cibo. Nell ultimo ventennio, l obesità è triplicata nei paesi in via di sviluppo che hanno adottato stili di vita occidentali. Se essere poveri in una nazione povera significa rischiare sottopeso e malnutrizione, essere poveri in una nazione a medio reddito si associa invece a un aumento dell obesità, con il paradosso di famiglie con bambini malnutriti e adulti sovrappeso. Il diabete cosiddetto tipo 2 o dell adulto, insulino-dipendente, correlato all obesità viscerale, sta emergendo come problema di salute pubblica mondiale. Si prevede una vera e propria pandemia nel futuro prossimo: il numero dei diabetici aumenterà da 171 milioni nel 2000 a 366 milioni nel Il diabete si inserisce nel capitolo delle malattie croniche, che rappresentano un ampia fetta di tutte le patologie umane, comprendenti 14 n. 2, maggio-agosto 2008

2 Foto: istockphoto.com (oktobernight; aldomurillo; narvikk) quelle cardiovascolari (responsabili del 30% del totale dei decessi nel 2005), il cancro (13%), i disturbi respiratori (7%) e il diabete appunto (2%). Oggi assistiamo a una vera e propria epidemia globale di malattie croniche: secondo il rapporto Oms, ogni anno 17 milioni di persone muoiono prematuramente a causa di queste patologie. Eppure, i fattori di rischio principali sono facilmente identificabili: il fumo e l obesità. Che fare allora? Sicuramente incoraggiare la prevenzione, attraverso l informazione; nel rapporto dell Oms Preventing chronic diseases: a vital investment si sostiene che un azione globale sulla prevenzione delle malattie croniche potrebbe salvare la vita a 36 milioni di persone, che rischiano altrimenti la morte entro il 2015, intervenendo sugli stili di vita (dieta, sport, lotta al tabagismo) L alcool è una delle prime cause di malattie mortali in città come Budapest (in basso a sinistra). Nelle società contemporanee è poi sempre più frequente la depressione. per combattere le patologie non trasmissibili. Siamo solo all inizio, ma cominciano a esserci segni incoraggianti. Alcune nazioni, tra cui India e Cina, hanno avviato programmi di monitoraggio dell obesità e della nutrizione; nei paesi musulmani, ad esempio, già nel 2002 il pellegrinaggio verso La Mecca è stato dichiarato libero dal fumo. Analogamente, nella cultura dei paesi musulmani sta diventando sempre più accettabile il fatto che le donne possano fare esercizio fisico in pubblico. Roma. Uno studio elegante, nel cuore della città, ma potrebbe essere New York, Parigi o Ginevra. Sala d aspetto silenziosa, gente elegante sfoglia noiosamente il giornale o fissa il vuoto nell attesa del proprio turno. Malattia per ricchi? Invenzione delle case farmaceutiche? Prozac inutile caramella? A quanto pare, non è così. Il male dell anima, il male oscuro. Diverso da semplice tristezza, diverso dal lutto. Un dolore dell anima che logora, corrode, cancella il sorriso. La depressione, ovvero la perdita del piacere nelle cose, l anedonia, accompagnata dalla mancanza di iniziativa e volontà, l abulia, insieme a un corteo molto ricco di sintomi fisici, come stanchezza, insonnia, perdita dell appetito e del peso, cefalea, dolori articolari e muscolari. Le giornate sembrano eterne, infinite, grigie, monotone e il pensiero si fa ossessivo, ruminante, pericoloso. Può insidiarsi il serpente del suicidio, l estremo annullamento di sé. È il temperamento, quella linfa che ci anima a determinare geneticamente il nostro relazionarci al mondo. Noi, figli del Sole, in balia degli influssi dei pianeti secondo le antiche scuole della medicina ippocratica, viviamo in armonia o in disarmonia con la natura e il cosmo. E un temperamento malinconico facilmente può sprofondare nell abisso della depressione. Ma è anche quello stesso temperamento che nutre il genio dell artista. Il 10-15% della popolazione vive un episodio depressivo maggiore in una qualche fase della sua vita e le donne sono più colpite degli uomini. Le donne in particolare vivono momenti di grande fragilità in alcuni passaggi delicati della loro vita, come nel post partum. Dal maternity blues (lacrime della maternità), molto comune, a una vera e propria psicosi, fino all estremo gesto dell infanticidio e del suicidio. Il morbo della psiche miete sempre più vittime: se nel 2000 i malati di depressione erano circa 10 milioni, nel 2007 sono diventati 15 milioni. E nel 2020 la depressione diventerà la seconda causa di disabilità dopo le malattie cardiovascolari. Delicata è la diagnosi, ancora di più la terapia. Molti non guariscono perché non hanno aderenza alla panorama per i giovani 15

3 terapia. Difficile è vincere lo stigma del disagio mentale, il pregiudizio verso lo psicofarmaco. Oggi i principali studi di tutto il mondo dimostrano la reale efficacia di farmaci come gli inibitori della ricaptazione, della serotonina, dei sali di litio nella depressione cosiddetta bipolare e di trattamenti come la Tec, terapia elettroconvulsivante, che si accompagna a un inutile opposizione meramente ideologica. E pensare che oggi quest ultimo approccio può essere talvolta l unica soluzione per le depressioni resistenti ai farmaci o nei casi più disperati di pazienti anziani o defedati che non possono essere trattati farmacologicamente. E anche l unico bagliore di luce prima di entrare nel tunnel del suicidio. Nella fascia di età tra i 15 e i 44 anni, il suicidio rappresenta la seconda causa di morte nelle donne e la quarta negli uomini. In aumento anche i disturbi d ansia, spesso sintomo di una depressione latente, i disturbi del comportamento alimentare e i disturbi somatoformi, in cui è il corpo a eseguire una sinfonia di sintomi, orchestrati dal profondo disagio mentale. Non è malattia per ricchi, attraversa tutte le culture e le fasce sociali. Nasce infatti la disciplina dell etnopsichiatria, che non può prescindere dall approccio transculturale e religioso alla malattia mentale. Esistono veri disturbi correlati alle migrazioni, per la persistenza di elementi culturali tradizionali e perdita di sistemi protettivi e difensivi del proprio gruppo di origine e inoltre per l impatto con malattie e disturbi tipici del paese di immigrazione, come ad esempio le buffées deliranti degli immigrati dal continente africano e sudamericano. Sono le manifestazioni più suggestive, che mostrano come il disagio della mente è permeato da tutta la cultura di riferimento dell individuo. Dall Africa a Lampedusa, andata e ritorno. Varcare le porte di un Cpt a Lampedusa è un esperienza forte, intensa, indimenticabile. Uomini dagli occhi colmi di speranza, solchi di stanchezza sul viso. Giovani donne orgogliose, dal portamento di gazzella, che non si piegano all umiliazione. È sicuramente il contatto con loro, gli altri, a far sorgere in noi il problema dell accettazione più difficile, ma necessaria, anche ai fini di debellare patologie che sono di per sé banali, che viaggiano nelle stive dei barconi e arrivano a incontrare situazioni igienico sanitarie ancora più precarie in questi centri di accoglienza. Ammucchiati, senza acqua e servizi. Caricati e scaricati come pacchi, ai limiti del rispetto dei diritti umani. Scabbia. Ricckettiosi. Leishmaniosi. Sono malattie dai nomi quasi impronunciabili che forse i nostri nonni ricordano, poi scomparse, ma ora di nuovo qua. La loro trasmissione si nutre proprio di sovraffollamento e scarsa igiene. Sono patologie della disperazione, eradicate nei paesi occidentali, che tornano a colpire i più deboli. Catastrofi naturali, guerre, migrazioni. Bangladesh, Brasile, India, Nepal e Sudan i paesi più colpiti dalla leishmaniosi. Nel 2004 un epidemia ha devastato l Afghanistan, con malati solo nella capitale. Uno degli aspetti più preoccupanti della leishmaniosi è la sua tendenza a manifestarsi, anche nelle forme più devastanti, soprattutto nelle persone già immunodepresse in seguito all infezione da Hiv. La presenza di leishmaniosi accelera l attacco del virus Hiv ed è concausa della morte di individui affetti da Aids. 16 n. 2, maggio-agosto 2008

4 Foto: istockphoto.com (webphotographeer; Professor25; kivoart) Il limite tra sviluppo e sottosviluppo sembra segnato da alcune patologie, come il colera, che ancora oggi e nel futuro, se non si avrà un inversione del trend, continua a colpire i poveri del mondo, che non hanno accesso ad acqua potabile e a comuni vaccini utilizzati dai turisti del Nord del mondo. E vergognosamente nel Terzo Mondo, in cinquantadue stati, sono soprattutto i bambini a morire di colera. Come pure di malaria. Secondo l Africa Malaria Report 2006 (pubblicato dall ufficio regionale dell Oms per l Africa e il Mediterraneo orientale) oltre il 60% dei casi di malaria e oltre il 90% delle morti attribuibili a malaria, cifra che si aggira intorno a un milione di decessi (variabile tra i e 1,3 milioni), si registra nell Africa subsahariana. Il 75% delle morti riguarda i bambini al di sotto dei cinque anni, i più vulnerabili al parassita. La malaria colpisce più di 500 milioni di persone ogni anno in tutto il mondo mettendo a rischio oltre il 40% della popolazione mondiale. È stata eliminata da molti paesi del mondo (per esempio gli Stati Uniti e alcuni paesi dell Europa occidentale), ma anche in queste zone si registrano segnalazioni di casi legati principalmente a immigrati o turisti di ritorno da aree a rischio infezione. Ogni anno, infatti, all interno della Ue sono segnalati tra i e i casi di malaria di importazione, anche se è probabile una sottostima. Anche in questo caso, scongiurare la morte di migliaia di bambini potrebbe essere semplice, non solo rendendo più fruibili i farmaci antimalarici, ma anche diffondendo l uso delle zanzariere e provvedendo a debellare il parassita. Per un altra comune malattia infettiva come il morbillo, che tuttavia può portare a gravi conseguenze, come una particolare forma di encefalite, in Africa si è ottenuto un grande successo, con una riduzione della mortalità per morbillo pari al 75% grazie al programma di vaccinazioni della Measles Initiative. La prossima sfida è quella di ridurre i decessi per morbillo del 90% entro il 2010, perché ancora oggi il morbillo uccide migliaia di persone, per la maggior parte bambini al di sotto dei cinque anni. E che dire della poliomielite? Trasmessa da un virus che ha come bersaglio le mucose del tratto digerente e provoca successivamente gravi paralisi agli arti, ha causato epidemie che hanno colpito migliaia di bambini ogni anno per tutti gli anni Cinquanta e i nostri nonni e genitori ancora ricordano. Con l introduzione di campagne di vaccinazione negli anni Sessanta si è osservata una progressiva diminuzione fino praticamente alla scomparsa, relativamente ai paesi ricchi, della malattia. Tuttavia permane il rischio di reintroduzione dei ceppi virali selvaggi di poliovirus anche nei paesi dove da anni non si registrano casi di poliomielite. L obiettivo è quello di andare verso uno scenario mondiale polio-free. Ospedale Niguarda, Milano. Amira dagli occhi neri arriva all urgenza ginecologica con un emorragia grave. È stata sottoposta a un tentativo di infibulazione. Ha solo undici anni, è di origini eritree. L Italia è ormai il primo paese in Europa per numero di donne infibulate. Tra le 20 e le donne immigrate hanno subito una mutilazione genitale e circa bambine rischiano la stessa sorte. La situazione è drammatica perché l infibulazione viene praticata in condizioni di assoluta mancanza di igiene. È una pratica più diffusa di quanto si pensi, perpetrata in 40 paesi nel mondo e riguarda 120 milioni di ragazze. Le mutilazioni sessuali sono comuni a numerosi gruppi: cattolici, musulmani, protestanti, ebrei, animisti e atei. Ma resta l Africa, specie nella fascia centrale del continente, ad avere il triste primato di donne infibulate. Molti credono che le mutilazioni genitali femminili siano una prescrizione religiosa, ma non hanno un fondamento religioso. Il Corano o la Bibbia non contemplano questa usanza. Dolore, infezioni, emorragie, frigidità: questo il futuro tragico delle donne infibulate. Ormai il problema è globale, poiché sono molte le comunità straniere che hanno importato l infibulazione anche in occidente. La soluzione, come pure per gli interventi di circoncisione che vengono ritenuti meno pericolosi (tuttavia, di recente, un bimbo di due mesi è morto a Bari in seguito a questa pratica) non è soltanto nei provvedimenti legislativi, ma anche nella creazione di una rete positiva di cultura e di informazione. E se l altro arriva da lontano e vive con noi, l altro ha la sua storia e le sue tradizioni, da comprendere e rispettare, ma a volte dalla paura e dalla diffidenza nascono sofferenze e complicazioni. Ospedale di Dakoro, Niger. Lisa è una giovane dalle treccine e con un pancione al settimo mese. Nascerà una bambina. In questo centro di Medici Senza Frontiere riceverà assistenza pre e post parto, cure primarie, vaccinazioni, cibo. Sheleme e Kutuba sono due gemelline etiopi, affette dalla sindrome di Kwashiorkor, che si manifesta con edema, cioè un rigonfiamento sottocutaneo, indice di un grave stato di malnutrizione. Sono ricoverate e curate nel centro di Kuyera, gestito anch esso da Msf. Spesso infatti sono le tante onlus a dare la spinta nella giusta direzione verso il benessere di queste popolazioni. Non tutte le donne e i bambini, però, sono così fortunati. Il cancro è sempre più un emergenza globale e lo stile di vita occidentale, con le sue esagerazioni, è il principale imputato La salute delle donne e delle mamme deve restare sotto i riflettori mondiali, visto che ancora oggi mezzo milione di donne nel mondo muoiono ogni anno durante la gravidanza o di parto. Undici milioni di bambini non superano i 5 anni di vita. Secondo il rapporto di Save the Children, nel mondo più di 200 milioni di bambini sotto i cinque anni di età non ricevono le cure sanitarie di base e più di al giorno muoiono a causa di patologie prevenibili e banali, come la diarrea e la polmonite. Due milioni sono quelli che muoiono il giorno stesso in cui sono nati. Ogni minuto nel mondo c è una mamma che muo- panorama per i giovani 17

5 Foto: Oms re dando alla luce il proprio figlio. Dalla Svezia al Niger, un abisso. Nascere in un luogo piuttosto che in un altro del globo significa in molti casi la possibilità della vita stessa. Anche nelle nazioni più sviluppate ci sono bambini svantaggiati, che hanno meno probabilità di essere curati perché appartengono a fasce più povere o a minoranze etniche. Nel nostro paese la mortalità infantile nella popolazione rom è tre volte maggiore rispetto a quella degli italiani. L altra grande vexata quaestio è la cura di bambini e adolescenti affetti da Hiv in contesti con risorse limitate. Al fine di prevenire altre morti sono necessari con urgenza medicinali, strumenti diagnostici e strategie di cura studiati appositamente per i bisogni dei più piccoli, ha riferito Medici Senza Frontiere alla Conferenze mondiale sull Aids di Città del Messico lo scorso 6 agosto. È fondamentale che a tutti i bambini sia diagnosticata la malattia e che comincino la cura prima possibile. Sono così pochi i bambini che nascono con l Hiv nei paesi industrializzati che la ricerca sulle formulazioni pediatriche non La maternità può essere un serio problema in molti paesi. Sopra e a sinistra: una clinica ostetrica realizzata dall Oms ad Addis Abeba (Etiopia). è una priorità per le aziende farmaceutiche. E troppi continueranno a morire. Policlinico Tor Vergata, Roma, Istituto mediterraneo di Ematologia. Hanno gli occhi neri e la mascherina, le loro mamme velate li osservano da lontano. Sono per la maggior parte mediorientali e raggiungono Tor Vergata per l eccellenza nelle cure delle loro brutte malattie del sangue. I pupazzologi, i volontari studenti di medicina, ridono e scherzano con questi piccoli pazienti, senza lasciare che perdano mai la voglia di giocare e la speranza. Vincere il cancro, la malattia dell era moderna, con un tasso di incidenza in aumento a un ritmo incalzante in tutto il mondo, da 10 milioni di nuovi casi nel 2000 a 15 milioni nel 2020, sarà la grande sfida della medicina. Da dove iniziare? Le parole d ordine sono lotta al fumo, alla cattiva alimentazione e alle infezioni per riuscire a prevenire circa un terzo dei casi di tumore in un futuro prossimo. Il consumo di tabacco rimane il più importante fra i fattori di rischio evitabili. Nel XX secolo, circa 100 milioni di persone sono morte nel mondo di malattie associate al tabacco (cancro, malattie polmonari croniche, malattie cardiovascolari e infarto). I rischi maggiori per i tumori polmonari sono a carico di esofago, cavità nasali, stomaco, fegato. Tutti ormai conoscono anche gli effetti pericolosi del fumo passivo. L abitudine al fumo è particolarmente diffusa e preoccupante in Europa centrale e orientale e in molti paesi in via di sviluppo e di nuova industrializzazione. Gli adolescenti che accendono la sigaretta avranno un rischio relativo di bruciarsi ammalandosi di tumore molto più alto. Anche le donne iniziano a fumare più degli uomini, forse stupido gesto di affermazione sociale sul maschio; e così negli Usa sono di più le donne che muoiono per tumore al polmone indotto dal fumo che per quello alla mammella e in alcune nazioni nordiche, incluse Islanda e Danimarca, le morti femminili per tumore al polmone hanno iniziato a superare le vittime maschili per tabacco. Non solo un killer dei paesi più sviluppati: il cancro è divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità pubblica nei paesi in via di sviluppo, eguagliando quanto accade nei paesi industrializzati. Nei paesi in via di sviluppo fino al 23% dei tumori maligni sono causati da agenti infettivi, inclusi i virus dell epatite B e C (per il cancro al fegato), il Papillomavirus (per il cancro alla cervice e ano-genitale), e Helicobacter pylori (per il cancro allo stomaco). Nei paesi sviluppati i tumori causati da infezioni croniche rappresentano circa l 8% di tutti i tumori maligni. La chiave di volta per questo tipo di tumori? Le vaccinazioni, come il vaccino per il Papillomavirus umano (Hpv) che, insieme allo screening del Pap Test, assicurerà una brusca riduzione della mortalità. Il cancro è sempre più un emergenza globale e lo stile di vita occidentale, con le sue esagerazioni, è il principale imputato. Un tipo di tumore collegato all abuso di grassi animali nella dieta è il carcinoma del colon retto. Prospettive di miglioramento legate al cambiamento dei consumi alimentari si hanno invece per il tumore allo stomaco. Il principale vantaggio nella corsa contro il tempo della malattia è la diagnosi precoce, realtà possibile nei paesi ricchi, più difficile in quelli meno sviluppati. Le prospettive? Iniziando ad agire ora, nel 2020 le nazioni potranno arrivare a riduzioni significative dell incidenza del cancro e della mortalità per tumore, opportunità che esistono. La sola questione è se le useremo a beneficio dell intera umanità. Perché appunto dovremmo ormai pensare che il nostro male è anche il male dell altro, così come il male dell altro è anche nostro. 18 n. 2, maggio-agosto 2008

Bambini si nasce, grandi si diventa?

Bambini si nasce, grandi si diventa? Bambini si nasce, grandi si diventa? World Social Agenda 2011-2012 Nel 2000, 189 paesi membri dell'assemblea delle Nazioni Unite hanno sottoscritto la Dichiarazione del Millennio. Si sono impegnati a eliminare

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo

La salute della donna nei paesi in via di sviluppo La salute della donna nei paesi in via di sviluppo Le donne nei paesi in via di sviluppo: -sono 2 miliardi. -1 miliardo e 750.000 sono in età riproduttiva. -producono ¾ del reddito globale. -ricevono il

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa

La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa La salute alle porte dell Europa da: 10 health questions about the new EU neighbours, Oms Europa (traduzione, adattamento e sintesi a cura della redazione di EpiCentro) Dopo l allargamento a est dell Unione

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

MALATTIE CARDIOVASCOLARI MALATTIE CARDIOVASCOLARI Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la prima causa di mortalità,, di morbilità e di disabilità specialmente nei paesi del mondo occidentale. NEL MONDO 15 milioni/anno di eventi

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi. 04-FEB-2013 da pag. 31

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi. 04-FEB-2013 da pag. 31 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi 04-FEB-2013 da pag. 31 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Giovanni Morandi 04-FEB-2013 da pag. 31 Calcola il tuo peso forma con la nuova

Dettagli

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI INDICATORE A 1 Metodo di calcolo Valore e descrizione Mortalità per tutte le cause Tasso annuo di mortalità: tutte le cause di morte per ciascun gruppo di età (Numero

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Sabato 21 febbraio si è svolto a Mestre il Seminario dal titolo Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita. Si è trattato, come

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL

RELAZIONE SANITARIA 2008. www.provincia.bz.it/oep PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL RELAZIONE SANITARIA 2008 www.provincia.bz.it/oep AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 23 - Sanità www.provin LA RELAZIONE

Dettagli

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ CARTA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE AFFETTE DA DIABETE Federazione Internazionale del Diabete INTRODUZIONE Il diabete rappresenta una vera sfida nel campo della sanità

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI

UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI UNA LOTTA LUNGA 30 ANNI Per una Storia dell infezione da HIV a Ravenna 1 dicembre 2011 Cosetta Ricci, Vittorio Foschini Compare una nuova sindrome. Devastante, in persone giovani. Sembra sia infettiva.

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

4 passi verso il BENESSERE

4 passi verso il BENESSERE 4 passi verso il BENESSERE Bene, hai fatto un altro passo verso il Benessere fisico. In questo libretto scoprirai quali sono i punti fondamentali sui quali porre attenzione per migliorare il tuo benessere

Dettagli

Il programma guadagnare salute

Il programma guadagnare salute Ministero della Salute Il programma guadagnare salute Donato Greco Roma 6 12 2007 STRATEGIE INTERNAZIONALI Convenzione Quadro OMS per il controllo del tabacco 2003 Strategia Globale dell OMS su Dieta,

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione

Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1 Marina Graziosi. Salute della donna e detenzione 1. Il dato di fatto più macroscopico da cui si parte in ogni discorso sulla criminalità femminile è il basso numero di reati commessi dalle donne e la

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria

Diritto all assistenza sanitaria Il caso particolare: la Nigeria La Convenzione sui Diritti dell'infanzia è stata approvata dall Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 ed è stata ratificata dall Italia con legge del 27 maggio 1991, n. 176. Sebbene

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI La Vaccinazione contro il Papillomavirus: una vaccinazione nata per prevenire un cancro Il cancro del collo

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Prevenzione e cura dell infezione da HIV nell AUSL di Ravenna

Prevenzione e cura dell infezione da HIV nell AUSL di Ravenna Cosetta Ricci Commissione AIDS Ausl Ravenna 1 dicembre 2010 Giornata mondiale contro l AIDS Prevenzione e cura dell infezione da HIV nell AUSL di Ravenna Ausl di Ravenna Ausl di Ravenna SerT Consultori

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione

Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione Per la giornata mondiale contro l aids : collaborazione, creatività, cultura contro una infezione L Assessorato Politiche per la salute della nostra Regione ha pubblicato sul sito www.helpaids.it in nuovo

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Carlo Vicari Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Unità didattica di apprendimento sul problema della fame nel mondo. Sottosezione di Geografia a

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS

ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS SALUTE A 360 Educare le persone sin dalla prima infanzia

Dettagli

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA GfK Eurisko Milano, 29 Settembre 2014 Premessa e obiettivi dell indagine Verificare presso la popolazione

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo 08/02/2011 L epidemia di HIV/AIDS nel mondo Gennaio 2011 Dipartimento di HIV/AIDS - OMS Dr. Antonio Gerbase L'infezione e la trasmissione 1 L'infezione, la malattia HIV (virus dell'immunodeficienza umana)

Dettagli

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV

Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV ISIS ZENALE E BUTINONE - Treviglio Comunicazione Sociale. Prevenzione HPV progetto di Alessia Salvatori classe 5bg - grafico coordinamento prof. Miriam Degani marzo 2012 Ricorda che.. Conoscerlo: Che cosa

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita. Associazione Culturale "Giuseppe Dossetti: i Valori"

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita. Associazione Culturale Giuseppe Dossetti: i Valori P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione La Salute vien mangiando dalla nascita 1 Roma, 25 ottobre 2006 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini, Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma 2 Centro

Dettagli

PPresentazione report Salute di genere

PPresentazione report Salute di genere PPresentazione report Salute di genere Francesco Cipriani Agenzia regionale di sanità della Toscana ARS francesco.cipriani@ars.toscana.it www.ars.toscana.it Corso di aggiornamento Medicina di Genere: attualità

Dettagli

Sorrisi di madri africane Campagna per la salute materna e infantile

Sorrisi di madri africane Campagna per la salute materna e infantile Sorrisi di madri africane Campagna per la salute materna e infantile Chi siamo Il CCM, Comitato Collaborazione Medica, è un Organizzazione Non Governativa e Onlus fondata nel 1968 a Torino da un gruppo

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014 Virus Ebola: 15 cose da sapere Continuano ad aumentare le vittime della malattia emorragica in Africa. Come si previene? Come si cura? È sicuro viaggiare? Procedure tecniche e operative Convegno HSF 25-26

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus

Donazione. Azione. CESVI Fondazione Onlus Donazione. Azione CESVI Fondazione Onlus Cesvi è un'organizzazione umanitaria laica e indipendente fondata in Italia nel 1985. Con 80 sedi estere, opera in tutti i continenti con progetti di cooperazione

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

Comitato regionale per l Europa

Comitato regionale per l Europa Comitato regionale per l Europa Organizzazione mondiale della sanità Ufficio regionale per l Europa Guadagnare salute : la strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche malattie

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli