Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del Revisioni: Note:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:"

Transcript

1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del Revisioni: Note: 1

2 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Ambito di applicazione...3 Articolo 2 Nozione di centro abitato...3 CAPO II DEFINIZIONI DI INSEGNE DI ESERCIZIO E IMPIANTI PUBBLICITARI... 3 Articolo 3 Definizioni...3 Articolo 4 Definizione di insegne di esercizio...3 Articolo 5 Definizione di altri mezzi pubblicitari e segnali (art.134 e 136 D.P.R. 495/92)...4 CAPO I I I NORME COMUNI A TUTTE LE FORME DI PUBBLI CI TA E I SEGNALI ( ART E D.P.R. 495/92)... 5 Articolo 6 Disposizioni di carattere generale...5 Articolo 7 Collocazione vietata...5 Articolo 8 Caratteristiche dei mezzi pubblicitari e dei segnali (art D.P.R. 495/92)...6 Articolo 9 Caratteristiche dei mezzi pubblicitari luminosi...7 Articolo 10 Divieti...7 CAPO IV CARATTERISTICHE E NORME SPECIFICHE PER I MANUFATTI PUBBLICITARI... 8 Articolo 11 Insegne di esercizio...8 Articolo 12 Preinsegne...9 Articolo 13 Cartelli...11 Articolo 14 Altri mezzi pubblicitari che necessitano di autorizzazione...11 Articolo 15 Altri mezzi pubblicitari che non necessitano di autorizzazione...14 CAPO V DISCIPLINE PARTICOLARI Articolo 16 Manufatti pubblicitari temporanei...16 Articolo 17 Ubicazione di mezzi pubblicitari in stazioni di servizio e aree di parcheggio...17 Articolo 18 Manufatti pubblicitari a carattere sanitario...17 Articolo 19 Segnali turistici e di territorio (art. 134 del D.P.R. 495/92 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada ) e segnali che forniscono indicazione di servizi utili (art. 136 del D.P.R. 495/92 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada )..18 CAPO VI COLLOCAZI ONE DI MEZZI PUBBLI CI TARI ALL I NTERNO DI ZONE DI INTERESSE STORICO, ARTISTICO, CULTURALE E AMBIENTALE, Articolo 20 Norme generali...18 Articolo 21 Insegne di esercizio in zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici...19 Articolo 22 Targhe in zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici...19 Articolo 23 Tende in zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici...20 Articolo 24 Impianti per le affissioni in zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici...20 Articolo 25 Bacheche in zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici...20 Articolo 26 Cartelli e altri mezzi pubblicitari nelle zone tutelate...20 CAPO VI I PROCEDURE PER I L RI LASCI O DELL AUTORI ZZAZI ONE Articolo 27 Enti competenti al rilascio dell autorizzazione...21 Articolo 28 Presentazione della richiesta di autorizzazione...21 Articolo 29 Rilascio dell autorizzazione...21 Articolo 30 Sostituzione e modifica del messaggio pubblicitario...22 Articolo 31 Voltura dell autorizzazione...22 Articolo 32 Termine di validità dell autorizzazione...22 Articolo 33 Rinnovo dell autorizzazione...22 Articolo 34 Obblighi del titolare dell autorizzazione...23 Articolo 35 Obblighi del titolare di attività pubblicizzate con mezzi la cui collocazione non necessita di specifica autorizzazione...24 Articolo 36 Decadenza e revoca dell autorizzazione...24 CAPO VIII VIGILANZA E SANZIONI Articolo 37 Vigilanza...25 Articolo 38 Sanzioni amministrative...25 Articolo 39 Copertura e rimozione di mezzi pubblicitari e di segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92)...25 CAPO IX DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

3 Articolo 40 Norma transitoria...26 Articolo 41 Entrata in vigore del Regolamento...26 Appendice Definizioni dei mezzi pubblicitari fornite dal D.P.R. 495/ CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Le norme del presente regolamento disciplinano gli impianti, le strutture e l utilizzo di mezzi e strumenti di qualunque materiale, caratteristiche e forma che mirano a diffondere messaggi di pubblicità, di informazione o di comunicazione in luoghi pubblici o aperti al pubblico o visibili dal pubblico, su tutto il territorio comunale, con riguardo alle esigenze di tutela degli interessi della comunità, dello sviluppo economico, nonché della tutela ambientale, storico-architettonica dell ambiente urbano, paesaggistica del territorio comunale e di sicurezza per la circolazione ed il traffico. 2. La materia è disciplinata nell osservanza delle disposizioni legislative di seguito elencate: Nuovo Codice della Strada, approvato con Decreto Legislativo n. 285 del 30/04/1992, e successive modifiche e integrazioni; Regolamento di Esecuzione ed Attuazione del nuovo Codice della Strada, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica n. 495 del 16/12/1992, e successive modifiche e integrazioni; Codice dei Beni culturali e del paesaggio, approvato con Decreto Legislativo n. 42 del 22/01/2004, e successive modifiche e integrazioni; Riordino della finanza territoriale, approvato con Decreto Legislativo n. 507 del 15/11/1993, e successive modifiche e integrazioni; Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Bologna, approvato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 30/03/2004; strumenti di pianificazione Comunale. Articolo 2 Nozione di centro abitato La nozione di centro abitato è fornita dall art. 3 del DLgs 285/92. Per l individuazione e la delimitazione dei centri abitati esistenti nel territorio comunale si fa riferimento alla Delibera di Giunta Comunale n. 2 del 17/01/2000 e successive modifiche e integrazioni. CAPO II DEFINIZIONI DI INSEGNE DI ESERCIZIO E IMPIANTI PUBBLICITARI Articolo 3 Definizioni Per le definizioni dei singoli mezzi pubblicitari si rinvia a quanto disciplinato dall art. 47 del DPR 495/92, riportato in Appendice al presente regolamento, tenendo conto delle integrazioni previste dai successivi articoli del presente Regolamento. Articolo 4 Definizione di insegne di esercizio 1. È insegna di esercizio solo quella che persegue oggettivamente lo scopo di individuazione della sede aziendale nello spazio territoriale di appartenenza. Essa può essere installata in qualsiasi punto della sede dell attività cui si riferisce, compresi anche il tetto, la facciata laterale e l ingresso secondario, ovvero nelle pertinenze accessorie alla stessa. 2. L insegna può indicare esclusivamente il nome dell esercente, la ragione sociale della ditta, l attività permanente svolta, il tipo di merci vendute, il simbolo e il marchio della ditta stessa, i simboli e i marchi di altre ditte estranee purchè attinenti all attività svolta. 3. L insegna non deve essere necessariamente una sola ma possono anche aversi più insegne sempre e solo ai fini della realizzazione dello scopo di cui al comma 1. 3

4 4. Per pertinenze accessorie si intendono gli spazi e le aree private limitrofe alla sede dell attività poste a servizio, anche non esclusivo, di essa. 5. In caso di utilizzo delle pertinenze accessorie da parte di più attività, è necessario servirsi di un mezzo pubblicitario unitario. 6. Le disposizioni relative alle insegne di esercizio previste dal presente Regolamento, dal DLgs 285/92 e dal DPR 495/92 si applicano, in quanto compatibili, a tutte quelle scritte contenenti le informazioni di cui al comma 2, in qualsiasi modo realizzate (ad esempio con tecniche pittoriche direttamente su muro) o applicate (ad esempio su tende, bandiere, ecc.). 7. Sono insegne pubblicitarie tutte quelle, pur perseguendo il solo scopo di individuazione della sede aziendale, sono tuttavia realizzate in maniera non conforme a quanto disciplinato nei commi precedenti. Le stesse saranno assoggettate alla disciplina dei cartelli pubblicitari. Articolo 5 Definizione di altri m ezzi pubblicitari e segnali ( art e D.P.R. 495/92) 1. In questo e nei successivi articoli gli impianti pubblicitari differenti per tipologia da insegne d esercizio (definite dall art. 47 del D.P.R. 495/92, come integrato d all art. 4 del presente Regolamento), cartelli pubblicitari (definiti dall art. 47 del D.P.R. 495/92) sono indicati, per brevità, con il termine altri mezzi pubblicitari ; nell elenco sono inseriti anche i segnali turistici e di territorio ed i segnali che forniscono indicazioni di servizi utili (art. 134 e 136 D.P.R. 495/92). 2. A titolo esemplificativo e non esaustivo, rientrano nella categoria degli altri mezzi pubblicitari: a) preinsegna : come definita dall art. 47 del D.P.R. 495/92; b) targa di esercizio : scritta in caratteri alfanumerici, eventualmente completata da un simbolo o marchio, installata nella sede di esercizio dell attività o nelle pertinenze accessorie di cui all art. 4 comma 4, nel caso in cui l attività stessa sia priva di vetrine. Deve essere priva di luminosità propria; c) targa pubblicitaria : definita come la targa di esercizio quando è posta in luogo diverso dalla sede dell esercizio e dalle relative pertinenze accessorie; d) impianti pubblici per le affissioni : impianti di proprietà pubblica o di concessione pubblica destinati alla affissione di manifesti, avvisi, fotografie, a carattere culturale, sportivo, istituzionale e commerciale; e) impianto di pubblicità o propaganda a messaggio variabile : manufatto finalizzato alla pubblicità e/o alla propaganda sia di prodotti che di attività e caratterizzato dalla variabilità del messaggio e/o delle immagini trasmesse. Può essere luminoso per luce diretta o indiretta; f) impianto di insegna o targhe coordinate : manufatto destinato alla collocazione di una pluralità di insegne o targhe di esercizio monofacciali o bifacciali; g) vetrofania : riproduzione su superfici vetrate con pellicole adesive di scritte in caratteri alfanumerici, di simboli e di marchi finalizzata alla diffusione di messaggi pubblicitari e/o propagandistici; h) cartello temporaneo su ponteggi e strutture similari : manufatto mobile posto in aderenza a ponteggi di cantiere per la copertura degli stessi, riportante messaggi pubblicitari; i) bacheche : vetrinette con frontale apribile o a giorno installate a muro o collocate a terra su supporto proprio, destinate alla diffusione di informazioni o propaganda dell attività di enti pubblici, partiti politici e associazioni varie, nonché alla esposizione di menu, tariffe e prezzi di pubblici esercizi e alberghi; j) tende : manufatti in tessuto o in materiali flessibili similari sostenuti da intelaiatura a sbalzo o appoggiata, posti esternamente agli edifici a protezione di vetrine o ingressi. Le tende devono intendersi disciplinate dal presente Regolamento solo se riportanti messaggi pubblicitari; k) totem : manufatto infisso al suolo, monofacciale o bifacciale, con la scritta in caratteri alfanumerici, eventualmente completata da un simbolo o un marchio, realizzato e supportato con materiale non deperibile e resistente agli agenti atmosferici, installato nelle pertinenze accessorie dell esercizio. Può essere luminoso per luce propria o indiretta; 4

5 l) sponsorizzazione : manufatto monofacciale infisso al suolo con scritta in caratteri alfanumerici completata dal logo del Comune e della ditta autorizzata, realizzato e supportato con materiale non deperibile e resistente agli agenti atmosferici, installato nei luoghi pubblici ove la manutenzione degli stessi viene effettuata da privati o da società. Non può essere luminoso né per luce propria né per luce indiretta. La collocazione di tali manufatti nel territorio comunale è disciplinata nell ambito dell Avviso pubblico di procedura di sponsorizzazione per l abbellimento e la manutenzione delle aree verdi collocate all interno delle rotatorie stradali situate nel territorio comunale di San Lazzaro di Savena approvato con determinazione n. 440 del 20/06/2007; m) impianto di pubblicità o propaganda : qualunque manufatto o struttura fissa o mobile che sia collocato su aree pubbliche o private, purchè il messaggio pubblicitario sia percepibile da un luogo pubblico o aperto al pubblico, e che non sia individuabile secondo le categorie precedenti finalizzato alla pubblicità o alla propaganda sia di prodotti sia di attività di tipo sportivo, folkloristico, culturale, commerciale o altro. Può essere luminoso sia per luce propria che per luce indiretta. A titolo esemplificativo e non esaustivo, sono riconducibili a tale definizione e sono dunque sottoposti ad autorizzazione: volantini, adesivi indicanti percorsi sportivi, pubblicità fonica, veicoli e rimorchi di cui agli artt. 54 comma 1 lettera g) e 56 comma 2 lettera d) del D.Lgs. 285/92 e di cui agli artt. 203 comma 2 lettera q) e 204 comma 2 lettera q) del D.P.R. 495/92, supporti temporanei vari; n) segnali turistici e di territorio si suddividono nelle seguenti tipologie espresse in maniera sintetica, rinviando per il dettaglio all'articolo 78, comma 2 del D.P.R. n. 495/92: a) turistiche; b) industriali, artigianali, commerciali (1); c) alberghiere; d) territoriali; e) di luoghi di pubblico interesse. I simboli relativi a queste indicazioni sono rappresentati fra quelli di cui alle figure da II.100 a II.231 del D.P.R. n. 495/92. Sono definiti all art. 134 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada D.P.R. n. 495/92; o) segnali che forniscono indicazioni di servizi utili sono definiti all art. 136 del Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada D.P.R. n. 495/92. CAPO III NORME COMUNI A TUTTE LE FORME DI PUBBLI CI TA E I SEGNALI (ART. 134 E 136 D.P.R. 495/92) Articolo 6 Disposizioni di carattere generale 1. In prossimità o lungo le strade, sia su aree pubbliche che private, purchè il messaggio pubblicitario sia percepibile dai luoghi anzidetti, è vietato collocare cartelli, insegne di esercizio, altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) che per dimensioni, forma, colori, disegno e ubicazione ovvero a causa dell eccessiva quantità dei messaggi determinino: a) confusione con la segnaletica stradale; b) difficoltà di comprensione o riduzione della visibilità o efficacia della medesima segnaletica; c) disturbo visivo o distrazione agli utenti della strada con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione; d) barriere architettoniche o comunque impedimento per la circolazione dei disabili. Articolo 7 Collocazione vietata 1. Il posizionamento di insegne di esercizio, cartelli, altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) fatte salve le specifiche deroghe contenute nel CAPO IV, è vietato nei seguenti punti: 5

6 a) lungo e in vista degli itinerari internazionali, delle autostrade e delle strade extraurbane principali e relativi accessi; b) sulle isole di traffico delle intersezioni canalizzate; c) sulle pertinenze di esercizio delle strade ad esclusione, all interno dei centri abitati, delle pertinenze di esercizio comprese tra due carreggiate che abbiano larghezza di almeno m 4,00 e siano poste parallelamente all asse della carreggiata; d) in corrispondenza delle intersezioni; e) lungo le curve come definite all art. 3 comma 1 punto 20) del D.Lgs. 285/92 e su tutta l area compresa tra la curva stessa e la corda tracciata tra i due punti di tangenza; f) sui ponti e sottoponti; g) in corrispondenza dei raccordi verticali concavi e convessi; h) sui cavalcavia, i sottopassi e loro rampe; i) sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza e sugli altri dispositivi laterali di protezione e di segnalazione. Questa disposizione non si applica alle transenne parapedonali interne ai centri abitati a condizione che i messaggi pubblicitari siano posti solo sulla faccia rivolta ai pedoni; j) sui bordi dei marciapiedi e dei cigli stradali; k) lungo le strade nell ambito e in prossimità di luoghi sottoposti a vincoli a tutela di bellezze naturali e paesaggistiche, di edifici o luoghi di interesse storico o artistico, di parchi o aree naturali e/o protette, salvo quanto previsto al CAPO VI del presente regolamento. 2. Il posizionamento delle insegne di esercizio e degli altri mezzi pubblicitari deve comunque avvenire in modo da non occultare le targhe toponomastiche e quant altro destinato alla pubblica visibilità. 3. La collocazione di insegne di esercizio, cartelli, altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) non deve ostacolare in alcun modo la libera circolazione di pedoni e ciclisti o comunque interferire con le aree e gli spazi di circolazione a loro destinati. 4. Le insegne di esercizio, i cartelli e gli altri mezzi pubblicitari escluse le preinsegne e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92), non possono contenere a completamento del messaggio pubblicitario elementi grafico-pittorici di indicazione direzionale stradale (frecce di orientamento), ancorché stilizzati, finalizzati alla pubblicizzazione direzionale della sede ove si esercita una determinata attività, né recare scritte del tipo ALT, STOP, svolta a destra o svolta a sinistra, fermati a 100 m, ecc., in quanto possono ingannare o distrarre l automobilista o comunque ingenerare confusione con la segnaletica stradale. Eventuali deroghe potranno essere concesse solo per farmacie, ambulatori, posti di pronto soccorso, ecc. Articolo 8 Caratteristiche dei m ezzi pubblicitari e dei segnali ( art D.P.R. 495/92) 1. La collocazione di cartelli, altri mezzi pubblicitari e dei segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) deve rispettare i criteri di un corretto ed equilibrato inserimento, sia ambientale che architettonico, e i limiti quantitativi e le tipologie previste dal Piano Generale degli Impianti. 2. I cartelli, le insegne di esercizio, gli altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) devono essere realizzati nelle loro parti strutturali con materiali non deperibili e resistenti agli agenti atmosferici. 3. Le strutture di sostegno e di fondazione devono essere calcolate per resistere alla spinta del vento, saldamente realizzate ed ancorate, sia globalmente che nei singoli elementi. 4. Qualora le suddette strutture costituiscano manufatti la cui realizzazione e posa in opera è regolamentata da specifiche norme, l osservanza delle stesse e l adempimento degli obblighi da queste previste deve essere documentato prima del ritiro dell autorizzazione. 5. I cartelli, gli altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) devono avere sagoma regolare, che in ogni caso non può essere quella di disco o di triangolo. 6. L uso del colore rosso deve essere limitato esclusivamente alla riproduzione di marchi depositati e non può comunque superare 1/5 dell intera superficie del cartello o altro mezzo pubblicitario. 6

7 7. La quota minima di m. 1,50 prevista dall art. 49 comma 5 del D.P.R. 495/92 per il bordo inferiore di insegne di esercizio, cartelli, altri mezzi pubblicitari e segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) non si applica all interno dei centri abitati a vetrofanie, impianti di pubblica affissione, scritte su vetrine, scritte pittoriche su muro, insegne di esercizio installate su sostegni e totem. Articolo 9 Caratteristiche dei mezzi pubblicitari luminosi 1. Le sorgenti luminose e i mezzi pubblicitari luminosi, lungo o in prossimità delle strade dove ne è consentita la installazione, non possono avere luce intermittente né di intensità luminosa superiore a 150 candele per metro quadrato, o che comunque provochi abbagliamento. 2. In ottemperanza al contenuto della Deliberazione di Giunta del Comune di San Lazzaro di Savena n. 191 del 23/11/2006, le sorgenti luminose e i mezzi pubblicitari luminosi per via diretta o indiretta dovranno utilizzare unicamente lampade a basso consumo energetico; entro dieci giorni dalla scadenza del termine di realizzazione dell opera di cui al successivo articolo 36 del presente regolamento, il richiedente e titolare della autorizzazione è obbligato a presentare idonea dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art.47 del D.P.R. n.445/2000) attestante l avvenuta installazione di lampade a basso consumo energetico. 3. Nel caso di intersezione semaforizzata, i mezzi pubblicitari di cui al presente articolo e le sorgenti luminose possono essere posizionati in direzione non parallela rispetto all asse della carreggiata solo ad una distanza non inferiore a quelle di seguito indicate: TIPO DI STRADA URBANA Distanza dal bordo della carreggiata (*) Distanza dall intersezione semaforizzata C, D 10,00 m 200,00 m E 5,00 m 150,00 m F 3,00 m 100,00 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno del mezzo pubblicitario luminoso, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 4. È vietato l uso dei colori rosso e verde nelle sorgenti luminose per i citati mezzi pubblicitari posti ad una distanza dal bordo della carreggiata inferiore a quella sopra riportata in funzione del tipo di strada, salvo motivata deroga da parte dell ente concedente l autorizzazione per i manufatti di cui ai commi successivi. 5. La croce rossa luminosa è consentita esclusivamente per indicare farmacie, ambulatori e posti di pronto soccorso. 6. Fermo restando quanto disposto dal precedente comma, per l installazione di nuove croci per la segnalazione di farmacie, in conformità a quanto praticato nei Paesi della Comunità Europea, è consentito l utilizzo della croce verde luminosa, anche con intermittenza. Articolo 10 Divieti 1. In aree e luoghi pubblici o aperti al pubblico è vietato attivare, porre in essere o utilizzare mezzi o strumenti di informazione o comunicazione, di qualunque materiale, caratteristiche e forma, mirati a dare pubblica conoscenza e divulgazione di fatti, eventi o notizie per scopi commerciali o di lucro avvalendosi: a) della distribuzione con consegna a mano ovvero della collocazione di volantini e/o depliant sugli autoveicoli o motoveicoli in sosta; b) della collocazione o affissione di cartelli, insegne di esercizio, altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) su alberi, siepi e in qualsiasi spazio di verde pubblico, nonché sugli impianti della segnaletica stradale; c) della effettuazione di qualunque tipo di lancio di volantini, depliant, mezzi che veicolano messaggi e simili da aeromobili o veicoli; d) della collocazione o affissione di cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari e simili di qualsiasi tipo sui pali della pubblica illuminazione. 2. All interno del territorio comunale è vietata l installazione di insegne di esercizio, cartelli, altri mezzi pubblicitari e i segnali (art. 134 e 136 del D.P.R. 495/92) i cui supporti siano 7

8 collocati all interno di marciapiedi pubblici, o che comunque possano costituire ostacolo o impedimento alla circolazione dei pedoni e delle persone invalide. 3. All interno del territorio comunale i supporti di insegne di esercizio, cartelli e altri mezzi pubblicitari devono essere installati su proprietà privata, fatta eccezione per gli impianti di proprietà comunale e per i mezzi pubblicitari di cui all art. 5 comma 2 punti a), e) ed l) e all art. 16 commi 2 e All interno del territorio comunale è vietata la diffusione di messaggi pubblicitari con automezzi, strutture mobili o autoveicoli che rechino spazi e superfici contenenti comunicazioni pubblicitarie durante la sosta degli stessi in aree pubbliche o aperte al pubblico transito o comunque qualora i messaggi siano percepibili da luoghi pubblici o aperti al pubblico (si veda il successivo art. 14 comma 10 punto g) per ulteriori specifiche al riguardo). 5. È vietata l installazione di impianti pubblicitari che non contengano messaggi pubblicitari. CAPO IV CARATTERISTICHE E NORME SPECIFICHE PER I MANUFATTI PUBBLICITARI Articolo 11 Insegne di esercizio 1. Le superfici massime delle insegne di esercizio collocate in centro abitato sono le seguenti: a) mq 10,00 per quelle collocate parallelamente all asse della carreggiata; b) mq 2,00 (per ciascun senso di marcia) per quelle collocate non parallelamente all asse della carreggiata; c) mq 20,00 per quelle collocate a tetto, su pensilina o sulle facciate di edifici destinati esclusivamente a funzioni industriali, commerciali e direzionali. 2. Le insegne a bandiera orizzontali e verticali devono essere installate in modo tale che il proprio bordo inferiore disti da terra non meno di 3,00 m se aggettanti su percorsi esclusivamente pedonali e/o piste ciclabili, non meno di 5,10 m se aggettanti su passaggi accessibili ad automezzi. 3. La distanza tra il bordo verticale esterno dell insegna di esercizio e il filo del muro dell edificio non può superare i 2/3 dell ampiezza del marciapiede. In tali casi, il bordo verticale esterno dell insegna di esercizio non può comunque distare meno di 50 cm dalla proiezione verticale del ciglio del marciapiede o del bordo esterno della banchina. 4. Nel caso di strade prive di marciapiede pedonale e/o pista ciclabile, è ammessa l installazione di insegne frontali in aderenza a edifici in deroga al comma 3 ma comunque nel rispetto del comma Le insegne frontali devono essere generalmente installate nel vano compreso tra gli stipiti e l architrave ovvero immediatamente sopra lo stesso ma solamente nei casi in cui le dimensioni della vetrina o l altezza della porta non lo consentano, senza superare i limiti della proiezione verticale dell apertura del vano. Per l installazione nelle posizioni di seguito indicate: - sui e nei parapetti dei balconi; - al di sotto dei balconi non in aderenza all edificio; - al di sotto delle pensiline non in aderenza del fabbricato; - sui tetti, sopra le pensiline e nelle facciate degli edifici; - nelle arcate frontali e di testa dei portici; sempre che non si tratti di quanto specificamente normato al successivo CAPO VI, sarà invece assolutamente indispensabile produrre relazione tecnica specifica relativa alle motivazioni che giustifichino la scelta di tale ubicazione. Al fine del rilascio della autorizzazione all installazione delle insegne potrà essere richiesto parere da parte della Commissione per la Qualità Architettonica ed il Paesaggio ogni qual volta il responsabile del procedimento lo ritenga necessario per meglio valutare particolari ubicazioni. Le insegne frontali collocate in aderenza al fabbricato devono inoltre avere una sporgenza massima di 15 cm rispetto al filo esterno del muro dell edificio. 6. In edifici totalmente destinati a funzioni di carattere industriale, commerciale e direzionale ubicati in zone o ambiti produttivi (esclusi comunque gli ambiti o le zone prevalentemente residenziali e quanto specificatamente normato al successivo CAPO 8

9 VI) possono essere installate insegne di esercizio o marchi di fabbrica anche nelle facciate, a tetto o su pensilina, intese come parti integranti del disegno architettonico dell edificio, senza la necessità di produrre relazione tecnica specifica relativa alle motivazioni che giustifichino la scelta di tale ubicazione. 7. Se montate su supporto proprio o su palina, le insegne devono avere il proprio bordo superiore ad un altezza misurata dalla quota del terreno non maggiore di 6,00 m; se aggettanti su suolo pubblico, esse devono inoltre rispettare le condizioni indicate al comma 2 del presente articolo. 8. L installazione di insegne di esercizio dentro le luci delle finestre è ammessa sono nel caso in cui venga dimostrato che nel locale è rispettato il rapporto di illuminazione previsto dal vigente Regolamento Edilizio. 9. Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela o non parallela (*) C, D 2,00 m E 1,50 m F 1,50 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno dell insegna, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 10. Il posizionamento di insegne di esercizio a bandiera (orizzontale e verticale, in aggetto da una costruzione) e su palina (su supporto proprio, collocate in direzione parallela o non parallela al senso di marcia dei veicoli) entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per le quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime espresse in metri lineari di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 E 10,00 5,00 10,00 5,00 10,00 5,00 10,00 5,00 5,00 F 10,00 5,00 10,00 5,00 10,00 5,00 10,00 5,00 5, Per il posizionamento di insegne di esercizio collocate in aderenza alla costruzione e per quelle collocate su edifici destinati esclusivamente a funzioni industriali, commerciali e direzionali (a tetto, su pensilina o su facciata) entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per le quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, non sono fissate distanze. 12. In deroga al comma 5, sono ammesse soluzioni che prevedano insegne di esercizio poste in verticale nell ambito della vetrina solamente se realizzate con il medesimo materiale del telaio ed esclusivamente retro illuminate. Articolo 12 Preinsegne 1. Le preinsegne hanno forma rettangolare, dimensioni cm 125 x 25, colore di fondo giallo (rif. RAL 1021) e scritte di colore nero. Devono essere installate nel raggio di 5 km dall attività di cui intendono facilitare il reperimento. 2. È ammesso un numero massimo di due preinsegne recanti indicazioni inerenti la medesima attività per ciascun itinerario di avvicinamento alla stessa. Non è ammessa l installazione di più di una preinsegna recante indicazioni inerenti una medesima attività per singola struttura. 3. È ammesso l abbinamento sulla stessa struttura di sostegno di un numero massimo di sei preinsegne per ogni senso di marcia, a condizione che le stesse abbiano dimensioni e colori identici. Tali preinsegne possono costituire oggetto di un unica autorizzazione. 4. Le preinsegne possono essere installate all interno delle zone di attività concentrate, nelle posizioni individuate dal Piano Generale degli Impianti di pubblica affissione, 9

10 anche in deroga all art. 7 comma 1 lettera d) del presente Regolamento così come previsto dall art. 23 comma 6 del D. Lgs. 285/ Le preinsegne devono essere raggruppate in un gruppo segnaletico unitario, all interno del quale l installazione deve rispettare i seguenti criteri: a) tutti i segnali posti nello stesso gruppo devono avere le stesse dimensioni, indipendentemente dalla lunghezza dei nomi scritti in essi; b) le frecce indicanti diritto devono essere posto al di sopra delle altre. Qualora il gruppo sia installato a sinistra, la freccia verticale deve essere posta sul lato destro del segnale; c) le frecce indicanti sinistra devono essere poste sotto le frecce diritto e per ultime, in basso, vanno poste le frecce indicanti destra ; d) qualora per una stessa struttura di sostegno vengano collocate meno di sei preinsegne, il posizionamento deve avvenire a partire dal bordo superiore e scendere verso il basso. 6. Per le ditte collocate fuori delle zone di attività concentrate, il collocamento delle preinsegne è consentito secondo le prescrizioni delle presenti norme (viabilità urbana) e del Nuovo Codice della Strada (viabilità extraurbana). 7. Le distanze minime da rispettare, a lato della sede stradale e nel senso delle singole direttrici di marcia, dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata, fatto salvo quanto previsto dall art. 7 comma 4, sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela o non parallela (*) C, D 2,00 m E 1,50 m F 1,50 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno della preinsegna, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 8. Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari, di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 E 10,00 5,00 10,00 5,00 5,00 5,00 5,00 5,00 5,00 F 10,00 5,00 10,00 5,00 5,00 5,00 5,00 5,00 5,00 9. Per gli impianti di preinsegne installati all interno delle zone di attività concentrate, il Comune conserva la proprietà dei pali di sostegno al fine di garantire la corretta applicazione del Piano Generale degli impianti di affissione. I sostegni utilizzati per tali preinsegne devono essere installati, secondo le indicazioni fornite dall Amministrazione Comunale, a cura e spese delle ditte installatrici e ceduti in concessione alle medesime, le quali, previa specifica autorizzazione, possono utilizzarli per la collocazione di preinsegne per la durata prevista dall art Il supporto di preinsegne o di gruppi segnaletici unitari potrà essere costituito, a insindacabile giudizio dell Amministrazione autorizzante, da un singolo palo oppure da due pali installati a breve distanza l uno dall altro. Fornitura, installazione e manutenzione del/i supporto/i sono a cura e spese dei richiedenti. 11. Il richiedente e/o l installatore di una o più preinsegne ovvero del supporto non hanno diritto di privativa sull impianto. Sul gruppo segnaletico unitario potranno essere installate ulteriori preinsegne, nel numero massimo previsto, secondo le indicazioni contenute nell autorizzazione e senza che alcuno dei richiedenti possa ad alcun titolo vincolare l utilizzo dell impianto stesso alla corresponsione di compensi di qualsiasi natura. 10

11 12. Ogni supporto esattamente individuato nel rispetto delle presenti norme costituirà adeguamento alla cartografia del Piano Generale degli Impianti. Articolo 13 Cartelli 1. La collocazione dei cartelli deve rispettare i criteri di un corretto ed equilibrato inserimento sia ambientale che architettonico. 2. La collocazione del cartello può avvenire solo con struttura propria (cartello isolato); la sua dimensione non può superare la superficie di mq 6, Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela Collocazione non parallela (*) C, D 2,00 m 3,00 m E 1,50 m 2,00 m F 1,50 m 2,00 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno del cartello, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 4. Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari, di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 50,00 50,00 50,00 50,00 E 30,00 20,00 30,00 20,00 50,00 50,00 50,00 50,00 50,00 F 30,00 20,00 30,00 20,00 50,00 50,00 50,00 50,00 50,00 Articolo 14 Altri mezzi pubblicitari che necessitano di autorizzazione 1. Striscioni a) L esposizione è ammessa unicamente per la promozione pubblicitaria di manifestazioni e spettacoli. b) Non possono avere altezza superiore a m 1,00 e devono essere ancorati a edifici o altri sostegni, ad esclusione di pali di pubblica illuminazione. c) Il bordo inferiore di striscioni aggettanti su passaggi accessibili ad automezzi deve essere in ogni suo punto ad una quota non inferiore a m 5,10 rispetto al piano della carreggiata. Il bordo inferiore di striscioni aggettanti su percorsi esclusivamente pedonali e/o piste ciclabili deve essere in ogni suo punto ad una quota non inferiore a m 3,00 rispetto a terra. d) Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari, di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 E 1,00 1,00 1,00 1,00 10,00 10,00 5,00 5,00 - F 1,00 1,00 1,00 1,00 10,00 10,00 5,00 5,00-2. Oltre a titolo, luogo e periodo di svolgimento dello spettacolo o della manifestazione, all interno di striscioni è consentito apporre il marchio o la denominazione di enti, associazioni, ditte o sponsor in generale. 11

12 3. L esposizione di striscioni è ammessa unicamente durante il periodo di svolgimento della manifestazione o dello spettacolo cui si riferiscono oltre che durante la settimana precedente e le 24 ore successive allo stesso. 4. Bandiere a) La collocazione può avvenire solo su suolo privato. b) Il bordo superiore deve trovarsi ad una quota non superiore a m 8,00 rispetto al terreno ovvero piano stradale. c) La superficie complessiva deve risultare non superiore a mq 4,00. d) Se aggettanti su suolo pubblico, devono avere bordo inferiore a quota non inferiore a m 6,00 rispetto al terreno ovvero piano stradale. e) La collocazione può avvenire a distanza minima di m 10,00 da semafori. 5. Segni orizzontali reclamistici a) I segni orizzontali reclamistici sono ammessi unicamente all interno di aree ad uso pubblico di pertinenza di complessi industriali e commerciali e lungo il percorso di manifestazioni sportive o su aree delimitate, destinate allo svolgimento di manifestazioni di vario genere, limitatamente al periodo di svolgimento delle stesse e alle 24 ore precedenti e successive. b) Devono essere realizzati con materiali rimovibili ma ben ancorati, nel momento dell utilizzo, alla superficie stradale e che garantiscano una buona aderenza dei veicoli sugli stessi. 6. Impianti pubblici per le affissioni a) Sono disciplinati quanto a collocazione, caratteristiche tecniche e materiale secondo le indicazioni del futuro Piano Generale degli Impianti nonché secondo quanto indicato nel Piano Generale delle Affissioni approvato con Atto della Giunta Comunale n. 124 del 03/06/2003 e nel Regolamento Unico delle entrate tributarie del Comune di San Lazzaro di Savena approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 82 del 11/12/2001 e loro successive modifiche e integrazioni. b) Le pubbliche affissioni costituiscono un servizio obbligatorio di esclusiva competenza del Comune, inteso a garantire le affissioni su impianti di manifesti, di qualunque materiale costituiti, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali o comunque prive di rilevanza economica, nelle misure da stabilirsi nel futuro Piano Generale degli Impianti e/o indicate nel sopra citato Piano Generale delle Affissioni. c) Con riferimento all art. 51 comma 1 del D.P.R. 495/92, è vietata ogni forma di affissione diretta di manifesti da parte di terzi al di fuori dei luoghi a ciò destinati ed approvati dal Comune. d) Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela Collocazione non parallela (*) C, D 2,00 m 3,00 m E 1,50 m 2,00 m F 1,50 m 2,00 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno dell impianto, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 7. Impianti di pubblicità o propaganda a messaggio variabile a) Sono disciplinati quanto a collocazione, caratteristiche tecniche e materiale secondo le indicazioni del futuro Piano Generale degli Impianti nonché secondo quanto indicato nel Piano Generale delle Affissioni approvato con Atto della Giunta Comunale n. 124 del 03/06/2003 e nel Regolamento Unico delle entrate tributarie del Comune di San Lazzaro di Savena approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 82 del 11/12/2001 e loro successive modifiche e integrazioni. b) Devono avere dimensioni massime di mq 18,00 all interno dei centri abitati e di mq 6,00 fuori dei centri abitati. In merito alle distanze da rispettare nel posizionamento, valgono le disposizioni di cui all art. 17 comma 3. c) Fuori e dentro i centri abitati è vietata la collocazione di impianti di pubblicità e propaganda a messaggio variabile aventi un periodo di variabilità inferiore a cinque minuti in posizione non parallela al senso di marcia dei veicoli. Entro i centri abitati è 12

13 consentito un periodo di variabilità inferiore a cinque minuti unicamente per i messaggi riportanti informazioni di interesse utile alla sicurezza e alla regolamentazione della circolazione stradale. 8. Bacheche a) La sporgenza massima delle bacheche a muro, ove consentite, non deve essere superiore a cm 5 rispetto al filo esterno della muratura. b) Quanto a collocazione, materiali da usare e caratteristiche tecniche, le bacheche saranno disciplinate dal Piano Generale degli Impianti. c) Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata, ad esclusione delle bacheche poste nelle aiuole di separazione delle carreggiate, sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela (*) Collocazione non parallela (*) (**) C, D 2,00 m 3,00 m E 1,50 m 2,00 m F 1,50 m 2,00 m (*) misura da eseguire a partire dal bordo esterno della bacheca (**) ad esclusione di quelle a muro d) Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari,di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 E 5,00 3,00 3,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00 - F 5,00 3,00 3,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00-9. Totem a) La collocazione può avvenire su suolo privato. b) Il bordo superiore del totem deve essere in ogni suo punto ad un altezza non superiore a m 8,00 rispetto alla quota del terreno. c) Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela (*) Collocazione non parallela (*) C, D 2,00 m 3,00 m E 1,50 m 2,00 m F 1,50 m 2,00 m (*) misura da eseguire a partire dal filo esterno del manufatto e) Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari,di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 E 3,00 3,00 3,00 3,00 10,00 10,00 3,00 3,00 3,00 13

14 F 3,00 2,00 3,00 2,00 10,00 10,00 3,00 2,00 3, Impianto di pubblicità o propaganda a) La pubblicità fonica deve essere preventivamente autorizzata dal Comune. b) Con riferimento all art. 15 comma 5 del D.Lgs. 507/93, per ciascun punto di pubblicità si intende il centro da cui vengono trasmessi gli annunci pubblicitari, anche se diramati contemporaneamente da più apparecchi pubblicitari. c) Nei centri abitati, per ragioni di pubblico interesse, sono disposte le limitazioni di seguito indicate: - la pubblicità fonica è vietata nei centri storici; - la pubblicità fonica è inoltre vietata a meno di 50 m da strutture sanitarie e assimilate, da luoghi culturali e/o di studio limitatamente agli orari di apertura degli stessi, da strutture cimiteriali e luoghi di culto - la pubblicità fonica è consentita nei giorni feriali dalle ore 08:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00. d) È possibile concedere deroghe al punto c) durante lo svolgimento di manifestazioni di carattere sportivo, culturale, sociale, religioso e simili. Devono inoltre essere osservate le prescrizioni eventualmente indicate nell autorizzazione amministrativa. e) Per la pubblicità elettorale si applicano le disposizioni dell art. 7 della Legge 130/75. La pubblicità elettorale è autorizzata dal Comune; nel caso in cui la stessa si svolga sul territorio di più Comuni, l autorizzazione è rilasciata dal Prefetto della Provincia in cui ricadono i Comuni stessi. f) In tutti i casi, la pubblicità fonica non deve superare i limiti massimi di esposizione al rumore, fissati dal DPCM 01/03/1991 e dalla vigente classificazione acustica del territorio comunale. g) È vietata la pubblicità effettuata mediante la sosta all interno del territorio comunale dei veicoli di cui agli artt. 54 comma 1 lettera g) e 56 comma 2 lettera d) del D.Lgs. 285/92 e di cui agli artt. 203 comma 2 lettera q) e 204 comma 2 lettera q) del D.P.R. 495/92. La sosta di detti veicoli all interno del territorio comunale può essere motivata unicamente da esigenze fisiologiche del conducente ovvero da motivi tecnici, e deve prolungarsi per il tempo strettamente necessario all assolvimento di tali esigenze. In tali casi, inoltre, la pubblicità su detti veicoli dovrà essere rimossa ovvero coperta in modo tale che sia privata di efficacia. Articolo 15 Altri mezzi pubblicitari che non necessitano di autorizzazione 1. Stendardi a) L esposizione è ammessa per la promozione pubblicitaria di spettacoli e manifestazioni oltre che per il lancio di iniziative commerciali. b) Le distanze minime da rispettare dal margine esterno della pista ciclabile (se presente) ovvero dal bordo esterno del marciapiede (se presente) ovvero dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela (*) Collocazione non parallela (*) C, D 2,00 m 3,00 m E 1,50 m 2,00 m F 1,50 m 2,00 m (*) misura da eseguire dalla proiezione a terra del filo esterno dello stendardo, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo c) Il bordo inferiore di stendardi aggettanti su passaggi accessibili ad automezzi deve essere in ogni suo punto ad una quota non inferiore a m 5,10 rispetto al piano della carreggiata. Il bordo inferiore di stendardi aggettanti su percorsi esclusivamente pedonali e/o piste ciclabili deve essere in ogni suo punto ad una quota non inferiore a m 3,00 rispetto a terra. d) Il posizionamento entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari,di seguito indicate: 14

15 Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 25,00 25,00 E 5,00 3,00 5,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00 3,00 F 5,00 3,00 5,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00 3,00 2. Locandine a) L esposizione è ammessa per la promozione pubblicitaria di spettacoli e manifestazioni oltre che per il lancio di iniziative commerciali. b) Possono essere distribuite esclusivamente all interno dei pubblici esercizi e negozi. c) Il posizionamento di locandine collocate su strutture tipo sandwich entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali, in considerazione di particolari situazioni di carattere non transitorio, è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h, è autorizzato nel rispetto delle distanze minime, espresse in metri lineari,di seguito indicate: Segnali stradali di Semafori Intersezioni Altri pericolo prescrizione mezzi prima dopo prima dopo prima dopo prima dopo pubbl. C, D 50,00 25,00 50,00 25,00 50,00 25,00 25,00 25,00 25,00 E 5,00 3,00 5,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00 - F 5,00 3,00 5,00 3,00 10,00 10,00 5,00 3,00 - d) Le locandine collocate su strutture tipo sandwich posizionate su marciapiedi o percorsi pedonali dovranno lasciare libero un passaggio di larghezza minima pari a 1,00 m e rispettare le distanze di cui al comma 2 punto b). 3. Oltre a titolo, luogo e periodo di svolgimento dello spettacolo o della manifestazione, all interno di stendardi e locandine è consentito apporre il marchio o la denominazione di enti, associazioni, ditte o sponsor in generale. 4. L esposizione dei manufatti di cui al comma 3 è ammessa unicamente durante il periodo di svolgimento della manifestazione o dello spettacolo cui si riferiscono oltre che durante la settimana precedente e le 24 ore successive allo stesso. 5. Targhe di esercizio a) Le targhe indicanti professioni e attività in genere devono essere collocate preferibilmente negli stipiti della porta o, in alternativa, anche in riferimento alle condizioni specifiche, lateralmente alla porta stessa o sui battenti. b) Devono avere una dimensione massima di cm 50x25, ad eccezione di quanto previsto al successivo CAPO VI. c) Il posizionamento deve essere effettuato seguendo criteri di regolarità compositiva. d) Non sono fissate distanze da segnaletica stradale, insegne, cartelli e altri mezzi pubblicitari. 6. Targhe pubblicitarie a) Differiscono dalle targhe di esercizio per il solo fatto di essere collocate al di fuori delle pertinenze accessorie della ditta o esercizio o attività in generale cui si riferiscono e sono consentite nei soli casi in cui la sede dell attività sia difficilmente visibile dalla strada o da spazi pubblici o di uso pubblico. Per dimensioni e distanze da rispettare nel posizionamento, si rimanda al comma Impianti di insegne o targhe coordinate a) Devono avere superfici massime pari rispettivamente a mq 6,00 e mq 1, Vetrofanie a) L apposizione è consentita solo se attinenti all attività esercitata. b) Devono essere collocate all interno di vetrine ubicate ai piani terra; possono essere collocate in aperture poste ai piani superiori solo se le stesse costituiscono pertinenza di attività prive di vetrina al piano terra. c) Non sono fissate distanze da segnaletica stradale, insegne, cartelli e altri mezzi pubblicitari. 9. Tende 15

16 a) Le tende recanti messaggi pubblicitari poste a protezione di mostre, vetrine e accessi pedonali dovranno avere in ogni loro punto, comprese le parti mobili, un altezza minima sulla quota del marciapiede di m 2,20. b) Non dovranno comunque contrastare con quanto previsto dal Regolamento Edilizio, dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale ovvero dal Regolamento Urbanistico Edilizio. c) Le distanze minime da rispettare dal bordo esterno del marciapiede o dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela (*) Collocazione non parallela (*) C, D 0,50 m 0,50 m E 0,50 m 0,50 m F 0,50 m 0,50 m (*) misura da eseguire a partire dal bordo esterno della tenda aperta d) Non sono fissate distanze da segnaletica stradale, insegne, cartelli e altri mezzi pubblicitari. 10. La collocazione dei mezzi pubblicitari di cui al presente articolo non necessita di specifica autorizzazione e può avvenire previa compilazione e presentazione all Ufficio Relazioni con il Pubblico di apposito modulo di comunicazione. L Amministrazione comunale ha a disposizione 30 giorni per chiedere chiarimenti e/o documentazioni integrative ovvero per negare il proprio consenso al richiedente; decorso tale termine temporale senza che alcuna comunicazione sia giunta al richiedente, la collocazione si intende assentita e può effettivamente avere luogo. L assenso, tacito o meno, alla collocazione dei mezzi pubblicitari di cui al presente articolo ha validità per un termine temporale di tre anni a decorrere dalla data di consegna del modulo di richiesta, decorsi i quali occorrerà seguire nuovamente la procedura oppure rimuovere il mezzo pubblicitario. CAPO V DISCIPLINE PARTICOLARI Articolo 16 Manufatti pubblicitari temporanei 1. Cartelli temporanei su ponteggi e strutture similari a) Da installarsi in concomitanza a lavori di ristrutturazione o ripristino delle facciate, costituiscono una forma particolare di insegna relativa agli esercizi situati nell immobile oggetto di lavori. L autorizzazione potrà essere rilasciata per un periodo di validità massimo di 90 giorni, rinnovabile per ulteriori periodi non superiori a 90 giorni, fino alla durata dell esposizione del ponteggio. Tali cartelli, realizzati in materiali opachi non cartacei anche illuminati in modo indiretto, non dovranno avere dimensioni superiori alla superficie autorizzata per le insegne definitive. b) Non sono fissate distanze da segnaletica stradale, insegne, cartelli e altri mezzi pubblicitari. 2. Cartelli pubblicitari mobili riferiti a manifestazioni, spettacoli (anche circensi) ed iniziative temporanee di carattere culturale e sportivo, aperte al pubblico a) Devono essere autorizzati dal Comune sulla base delle modalità procedurali indicate al successivo CAPO VII, sia se da collocarsi su suolo pubblico che su suolo privato. b) La domanda deve essere presentata almeno 15 giorni prima dell inizio della manifestazione o iniziativa dal richiedente e, se presentata da Enti, associazioni sindacali, partiti politici, consorzi, associazioni religiose, sportive, culturali, ecc. o da persona giuridica, dal responsabile o rappresentante di queste ultime. Per il Comune provvede il Dirigente interessato con comunicazione. c) È consentita l esposizione di un numero massimo di cento (100) cartelli per manifestazione o iniziativa; questi non possono superare le dimensioni di m 0,70x1,00 salvo debita autorizzazione in caso di motivate esigenze. La collocazione dei cartelli è ammessa unicamente durante il periodo di svolgimento della manifestazione o dell iniziativa cui si riferisce oltre che la settimana precedente e le 48 ore successive. 16

17 3. Le locandine esposte su cavalletti e riportanti messaggi pubblicitari riferiti a iniziative commerciali di saldi, promozioni, ecc. sono autorizzate esclusivamente nelle aree cortilive private dell esercizio stesso e nel rispetto dell art. 14 comma Per le attività di teatri e musei statali o comunali, per le attività culturali e sportive in generale e per le mostre che si svolgono all interno degli edifici comunali è consentita l installazione di strutture tipo sandwich bifacciali e vetrinette o simili posate direttamente al suolo. Tale disposizione si applica anche nelle zone di cui al CAPO VI. 5. Nel caso in cui, a causa dei lavori di realizzazione di opere pubbliche, alcune strade che conducono ad attività commerciali, industriali ecc. dovessero essere temporaneamente chiuse al traffico, potranno previa richiesta essere autorizzati, per il periodo di chiusura delle stesse e al fine di individuare percorsi alternativi, mezzi pubblicitari delle dimensioni massime di m 1,00x0,30 contenenti una freccia di indicazione, il marchio o il nominativo della ditta ed installati su appositi sostegni sia su area privata che su suolo pubblico. Le spese di fornitura, posa in opera e manutenzione di tali mezzi sono interamente a carico del richiedente. Le posizioni saranno valutate di volta in volta in relazione all art. 6. Articolo 17 Ubicazione di mezzi pubblicitari in stazioni di servizio e aree di parcheggio 1. Nelle stazioni di servizio ubicate all interno di centri abitati possono essere collocate insegne di esercizio, cartelli e altri mezzi pubblicitari la cui superficie complessiva non superi l 8% delle aree occupate dalle stazioni, semprechè gli impianti pubblicitari non siano collocati lungo il fronte delle strade e in corrispondenza degli accessi. 2. Sia nelle stazioni di servizio che in quelle di rifornimento è possibile collocare una sola insegna di esercizio della compagnia di bandiera su supporto proprio o su palo, con una superficie massima di mq 3,00. Nel posizionamento occorrerà rispettare quanto prescritto all art. 11 comma 2, ed il bordo superiore di insegne aggettanti su suolo pubblico dovrà trovarsi ad un altezza sulla quota del terreno non superiore a m 7,00. Il palo o supporto dovrà essere collocato su proprietà privata; quando non sia possibile rispettare la distanza lineare minima di m 20,00 dalla segnaletica stradale e dagli altri manufatti pubblicitari, l insegna dovrà essere posizionata al centro del fronte prospiciente la sede stradale. 3. Le distanze minime da rispettare dal bordo esterno del marciapiede o dal limite della carreggiata sono quelle di seguito indicate: Tipo di strada Collocazione parallela (*) Collocazione non parallela (*) C, D 1,00 m 1,00 m E 0,50 m 0,50 m F 0,50 m 0,50 m (*) misura da eseguire a partire dalla proiezione a terra del filo esterno dell insegna, lato verso la strada, e non dalla struttura di sostegno infissa al suolo o all edificio 4. In aggiunta alle superfici pubblicitarie di cui al comma 1, nelle aree di parcheggio è ammessa la collocazione di mezzi pubblicitari attinenti a servizi presenti nell area entro il limite di mq 12,00 per ogni servizio prestato. Articolo 18 Manufatti pubblicitari a carattere sanitario 1. L installazione è autorizzata secondo la legislazione vigente (Legge 175/92 Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell esercizio abusivo delle professioni sanitarie e D.M. 657/94 Regolamento concernente la disciplina delle caratteristiche estetiche delle targhe, insegne e inserzioni per la pubblicità sanitaria ). 2. A norma degli artt. 4 e 5 della Legge 175/92, la pubblicità concernente le case di cura private e i gabinetti e ambulatori mono o polispecialistici soggetti alle autorizzazioni di legge è autorizzata dalla Regione, e non è pertanto soggetta alle disposizioni del presente Regolamento. 3. A norma dell art. 1 comma 1 della Legge 175/92, la pubblicità concernente l'esercizio delle professioni sanitarie e delle professioni sanitarie ausiliarie previste e regolamentate dalle leggi vigenti è consentita, tra l altro, mediante targhe apposte sull'edificio in cui si svolge l'attività professionale. 17

18 4. Per le caratteristiche, i materiali e la procedura di installazione delle targhe di cui al comma 3 valgono, a seconda della zona di installazione, le specifiche di cui all art. 15 comma 6 o all art. 23. In merito alle dimensioni, le targhe di cui al comma 3 non sono soggette ai vincoli di cui all art. 15 comma 1 punto b) e all art. 21 comma 3 bensì alle specifiche di cui all art. 2 comma 1 del D.M. 657/94. Articolo 19 Segnali turistici e di territorio ( art del D.P.R / 9 2 Regolam ento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada ) e segnali che forniscono indicazione di servizi utili ( art del D.P.R / 9 2 Regolam ento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada ) 1. I segnali turistici e di territorio (art. 134 D.P.R. 495/92) e i segnali che forniscono indicazione di servizi utili (art. 136 D.P.R. 495/92) possono essere autorizzati a giudizio dell ente proprietario della strada, qualora, per la configurazione dei luoghi e della sede stradale, si reputi utile l impianto di un sistema segnaletico informativo di avvio alle zone di attività, purchè il loro abbinamento non interferisca con l avvistamento e la visibilità dei segnali stradali o sia di pregiudizio alla sicurezza della circolazione. 2. Ciascuna attività non potrà essere distinta da più di 5 segnali nel territorio. Se impiegati devono essere installati unicamente sulle strade che conducono direttamente al luogo segnalato, e salvo casi di impossibilità, a non oltre 5 km di distanza dal luogo. 3. E vietato collocare segnali sui sostegni degli impianti semaforici, su pali di illuminazione pubblica. 4. Al fine di garantire una corretta utilizzazione degli spazi e delle aree pubbliche, anche al fine di tenere conto del beneficio che il singolo occupante ritrae da tale utilizzazione, dovrà essere corrisposta all Amministrazione la somma legata all occupazione di suolo pubblico, secondo le disposizioni del Regolamento per l applicazione del canone per l occupazione di spazi e aree pubbliche (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 124 del CAPO VI COLLOCAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI ALL I NTERNO DI ZONE DI I NTERESSE STORICO, ARTISTICO, CULTURALE E AMBIENTALE, NEI CENTRI STORICI, NEGLI INSEDIAMENTI STORICI, NONCHÉ SUGLI EDIFICI STORICI O COMUNQUE TUTELATI ANCHE SE ESTERNI AGLI INSEDIAMENTI STORICI Articolo 20 Norme generali 1. Le norme del presente CAPO disciplinano la collocazione di manufatti pubblicitari all interno di zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale e la collocazione di manufatti pubblicitari nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici; qualora tale disciplina di collocazione sia anche disciplinata da altre specifiche normative comunali di pianificazione urbanistica e territoriale, le presenti norme si intenderanno integrative rispetto a quanto normato dagli strumenti urbanistici (le parti eventualmente in contrasto con quanto previsto dagli stessi strumenti urbanistici saranno da ritenere altresì abrogate). 2. I mezzi pubblicitari disciplinati dal presente Regolamento, qualora siano compresi nelle zone o ambiti ovvero riguardino fabbricati come indicati al primo comma del presente articolo, sono assoggettati al parere della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio. 3. All interno delle zone o ambiti ovvero sui fabbricati come indicati al primo comma del presente articolo sono di norma vietate: a) la collocazione di insegne su palina (supporto proprio); b) l installazione di insegne a bandiera orizzontale e verticale, ad eccezione di quelle riferibili a rivendite di tabacchi, uffici postali, posti telefonici pubblici e farmacie limitatamente al simbolo prescritto dalle normative vigenti in un solo esemplare; c) l installazione di insegne su tetti, terrazzi, balconi e facciate, ad esclusione, per queste ultime, di quelle installate con lettere singole; 18

19 d) l installazione di locandine, stendardi e bandiere. È ammesso il solo uso di stendardi e bandiere bidimensionali, in tessuto di tela, alle condizioni di cui all art. 14 del presente Regolamento; e) l installazione di cartelli e impianti di pubblicità e/o propaganda a messaggio variabile anche provvisori; f) l installazione di sistemi mobili di informazione o pubblicità posati al suolo quali cavalletti, manifesti su supporti precari e mezzi similari; g) l utilizzo di fonti luminose dirette, anche di tipo laser, quali elementi di richiamo in presenza di illuminazione pubblica. 4. Eventuali deroghe a quanto di norma vietato dal terzo comma del presente articolo saranno concedibili solo per particolari situazioni e motivazioni e saranno preventivamente sottoposte al parere della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio. Articolo 2 1 I nsegne di esercizio in zone di interesse storico, artistico, culturale e am bientale, nei centri storici, negli insediam enti storici, nonché sugli edifici storici o com unque tutelati anche se esterni agli insediam enti storici 1. È vietata l installazione di insegne scatolari al neon con pannello interamente luminoso: la luminosità dovrà essere limitata a caratteri o simboli della denominazione di esercizio. 2. È vietata l installazione di sistemi di illuminazione a intermittenza all esterno delle vetrine e delle facciate dei fabbricati. 3. In presenza di aperture ad arco a tutto sesto, l insegna non potrà comunque occupare lo spazio descritto dallo stesso. 4. È vietato collocare insegne nelle arcate frontali e di testa dei portici. 5. È ammesso il ripristino di insegne storiche preesistenti, chiaramente documentate e riferite allo specifico vano oggetto di intervento sulle facciate degli edifici. È inoltre ammesso il ripristino nonché la realizzazione di insegne di tipo cartiglio. 6. Sono ammesse le insegne realizzate con lettere isolate in ottone applicate direttamente sul muro con sottostante barra per l alloggiamento dei cavi per la retro-illuminazione o applicate su di un supporto trasparente. Oltre a quella menzionata, è ammessa l illuminazione di tipo indiretto con faretti. 7. È vietato l uso di materiali di rivestimento sugli stipiti ed esternamente al filo delle facciate. 8. Le insegne dovranno comunque risultare compatibili con le caratteristiche dell edificio e/o della vetrina destinate ad ospitarle. 9. Eventuali deroghe a quanto di norma vietato dal presente articolo saranno concedibili solo per particolari situazioni e motivazioni e saranno preventivamente sottoposte al parere della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio. 10. Le insegne relative a beni culturali e ambientali sono autorizzate secondo le procedure stabilite dal D.Lgs. 42/04 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. Articolo 2 2 Targhe in zone di interesse storico, artistico, culturale e am bientale, nei centri storici, negli insediam enti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici 1. La collocazione di targhe di esercizio o pubblicitarie, come definite all art. 5 comma 2 punti b) e c) e di cui all art. 15 commi 1 e 2, è consentita solo ad esercizi commerciali e studi professionali privi di vetrina. 2. Le targhe dovranno essere collocate lateralmente alle porte o sullo stipite e realizzate esclusivamente in ottone con scritte nere. Nel caso in cui il numero di targhe da installare sia superiore a tre, dovrà essere predisposto un impianto di targhe coordinate come definito all art. 5 comma 2 punto f). 3. La dimensione massima delle targhe è di cm 20x30. 19

20 Articolo 2 3 Tende in zone di interesse storico, artistico, culturale e am bientale, nei centri storici, negli insediam enti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici 1. L installazione di tende è vietata nelle zone prive di marciapiede o di adeguato spazio fuori dalla carreggiata stradale. 2. Le tende dovranno essere collocate esclusivamente al di sopra o internamente al vano della vetrina ed essere realizzate nel tipo piano estensibile, con strutture in metallo colore grafite o grigio scuro e tessuto in tela in tinta unita nei colori canapa, ruggine e verde scuro. 3. È vietato l uso di tende fisse a protezione degli occhi dei portici. È consentito il solo uso di tende mobili in tela tinta unita, per tutta la loro ampiezza, nei colori canapa, ruggine o verde scuro e comunque prive di scritte o messaggi pubblicitari e denominazioni di esercizio. 4. È vietata altresì l installazione di tende nelle arcate di testa dei portici agli incroci di vie. 5. La sostituzione di tende, anche se della sola tela, comporta l adeguamento alla presente normativa. 6. Eventuali deroghe a quanto di norma vietato dal presente articolo saranno concedibili solo per particolari situazioni e motivazioni e saranno preventivamente sottoposte al parere della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio. Articolo 2 4 I m pianti per le affissioni in zone di interesse storico, artistico, culturale e am bientale, nei centri storici, negli insediam enti storici, nonché sugli edifici storici o com unque tutelati anche se esterni agli insediam enti storici 1. L affissione di manifesti, avvisi e fotografie è effettuata solamente su impianti studiati nell ambito di progetti di arredo urbano e/o seguendo le tipologie e i criteri di collocazione indicati dal Piano Generale delle affissioni e dal futuro Piano Generale degli Impianti. 2. È vietata l installazione degli impianti fissi tipo poster di dimensioni cm 600x300. Articolo 2 5 Bacheche in zone di interesse storico, artistico, culturale e am bientale, nei centri storici, negli insediam enti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici L installazione di bacheche è ammessa unicamente nell ambito di progetti di arredo urbano e/o seguendo le tipologie e i criteri di collocazione che saranno indicati dal Piano Generale degli Impianti. Articolo 26 Cartelli e altri mezzi pubblicitari nelle zone tutelate 1. Fatte salve le prescrizioni contenute nel presente capo, la collocazione di cartelli o altri mezzi pubblicitari è vietata: a) di norma, sugli edifici e nelle aree tutelate come beni culturali o in prossimità di esse, fatto salvo quanto previsto all art. 49 del D.Lgs. 42/04 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ; b) di norma, nell ambito e in prossimità dei beni paesaggistici, di parchi o aree naturali e/o protette e lungo le strade site nell ambito e in prossimità dei suddetti, fatto salvo quanto previsto all art. 153 del D.Lgs. 42/04 Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ; c) di norma, nelle zone cimiteriali e nelle relative fasce di rispetto come definite negli strumenti urbanistici; d) di norma, all interno di zone di interesse storico, artistico, culturale e ambientale, nei centri storici, negli insediamenti storici, nonché sugli edifici storici o comunque tutelati anche se esterni agli insediamenti storici. CAPO VII PROCEDURE PER I L RI LASCI O DELL AUTORI ZZAZI ONE 20

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO Allegato A alla delibera del C.C. n. 5 del 08.02.2011 1 INDICE CAPO

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente

Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente Oggetto dell imposta comunale sulla pubblicità permanente L applicazione dell imposta sulla pubblicità permanente si realizza individuando una fattispecie impositiva, consistente in un mezzo o supporto,

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni

Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni Approvato con deliberazione C.C. n. 89 del 23.07.2013 Modificato con deliberazione C.C. n. 94 del 02.10.2014. Comune di Oristano Comuni de Aristanis Regolamento per l applicazione del Canone di pubblicità

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE - Approvato con deliberazione consiliare n. 111 del 22.12.1999 - Modificato con deliberazioni consiliari: n. 12 del 31.01.2007 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del..

Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del.. Regolamento Provinciale Occupazione spazi ed aree pubbliche e fasce di rispetto approvato con delibera di Consiglio Provinciale n..del.. CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 Oggetto della normativa, struttura

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi

Comune di Giubiasco. Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Comune di Giubiasco Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi Regolamento concernente le tasse per l»uso speciale di beni amministrativi In generale Art. 1 Per l»uso speciale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli