Acquisizione e Fruizione su Internet di Opere d arte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Acquisizione e Fruizione su Internet di Opere d arte"

Transcript

1 Acquisizione e Fruizione su Internet di Opere d arte D. Conte (1), L.P. Cordella (), P. Foggia (), A. Limongiello (), C. Sansone (), M. Vento (1) ( 1 ) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e di Ingegneria Elettrica Università di Salerno - Via P.te Don Melillo,1 I-84084, Fisciano (SA), Italy. {dconte, ( ) Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II - Via Claudio, 1 I-8015 Napoli, Italy. ABSTRACT Sono descritti i risultati della prima fase delle attività svolte nell ambito di un progetto di ricerca interdipartimentale del Centro di Eccellenza per la Restituzione Computerizzata di Manoscritti e di Monumenti della Pittura Antica. Obiettivo del progetto è lo sviluppo di metodologie e strumenti finalizzati all acquisizione ad alta risoluzione delle opere d arte, all elaborazione digitale delle stesse, e alla loro pubblicazione in rete per una fruizione ad elevata resa qualitativa, con prestazioni accettabili su infrastrutture di rete a banda limitata. Per una verifica sperimentale le soluzioni proposte sono state applicate a due affreschi conservati presso il Museo Nazionale di Napoli ed ai dipinti di una tomba di epoca pompeiana (Ipogeo di Caivano). 1. INTRODUZIONE Il presente lavoro si inquadra nel contesto delle attività finalizzate alla costituzione di musei virtuali. Per museo virtuale si intende, generalmente, una collezione di risorse digitali di ambito artistico-culturale, accessibile mediante strumenti telematici. Dal punto di vista dei contenuti, un museo virtuale può essere costituito dalle immagini digitali di quadri, disegni, diagrammi, fotografie, video, siti archeologici, ambienti architettonici. In questa definizione rientrano sia i sistemi informativi accessibili in modo locale, ad esempio all'interno delle sale di un museo tradizionale, sia risorse realizzate per essere accessibili pubblicamente mediante la rete Internet. In quest'ultimo caso si parla anche di Web Museum [1]. Un museo virtuale affianca le tradizionali istituzioni museali nello svolgimento dei loro compiti didattici ed espositivi: attraverso i sistemi multimediali, coinvolge nella lettura dell'opera e stimola ad approfondirne la conoscenza, a esplorarla, sia visivamente sia concettualmente. Esso consente di organizzare le collezioni museali raggruppando oggetti decontestualizzati, attraverso la navigazione per contenuti, e contribuisce a contestualizzare nuovamente elementi in una rete di relazioni logiche e cronologiche []. Inoltre un museo virtuale permette la deterritorialità, in modo che l informazione museale non appartenga ad alcun territorio, se non alla rete e al contesto di riferimento; infine garantisce la salvaguardia del patrimonio artistico-culturale e rappresenta una promozione del museo stesso [3]. La realizzazione di un museo virtuale prevede le fasi di acquisizione, elaborazione delle immagini e pubblicazione in rete. Dal punto di vista tecnico, è necessario gestire immagini di grosse dimensioni e ad alta risoluzione, che rendono critiche le fasi di acquisizione, elaborazione e fruizione [4]. Bisogna inoltre prevedere l adeguamento dell immagine alle risorse dell elaboratore (client) che si connette via Internet al sito (server) dove sono disponibili le immagini, in modo da avere comportamenti differenti se la fruizione è destinata a palmari, cellulari o, in generale, a monitor con differenti caratteristiche grafiche (risoluzione, profondità di colore, resa cromatica). Infine deve essere prevista la fornitura di servizi da remoto ai client per l elaborazione delle immagini e la possibilità per il gestore del database di immagini di proteggerle con marchi di copyright (watermarking) oppure di aumentare la risoluzione su richiesta. Attualmente, sui siti web tradizionali, le immagini ad alta risoluzione devono essere scaricate sul client integralmente per poi essere visionate; non c è la possibilità di una richiesta dell immagine in relazione alle specifiche del client: per un utilizzo a bassa risoluzione delle immagini si prevede solo la possibilità di scaricare versioni compresse delle immagini. Inoltre non viene gestita la fedeltà cromatica dell immagine, l applicazione di filtri è possibile solo sul client a valle del salvataggio del file di immagine e non sono messi a disposizione servizi per il gestore del database di immagini. Per soddisfare queste esigenze di qualità, efficienza e potenzialità è necessario aggiungere intelligenza dal lato server. Una risposta tecnologica a queste esigenze è data dai cosiddetti image server che consentono agli utenti Internet di visualizzare immagini ad alta risoluzione rapidamente ed in maniera interattiva, con alta fedeltà cromatica e tutela del copyright. Le principali funzionalità di un image server sono: alta velocità di visualizzazione, anche con connessioni ad Internet via modem grazie ad

2 una organizzazione piramidale delle immagini; fruibilità in assenza di specifici programmi sul client; e infine, gestione della resa cromatica dell immagine. In questo lavoro viene descritta l implementazione e l utilizzo di un image server per la realizzazione di un museo virtuale che contiene immagini di opere d arte acquisite ad elevata risoluzione, e vengono illustrate le elaborazioni effettuate su tali immagini, attraverso algoritmi di mosaicizza zione, per poterne migliorare ulteriormente la risoluzione e permetterne una fruizione a differenti livelli di dettaglio. Le opere d arte considerate sono due affreschi conservati presso il Museo Nazionale di Napoli ed alcuni dipinti di una tomba di epoca pompeiana.. STUDIO DI UN CASO La realizzazione di un museo virtuale prevede, come detto, le fasi di acquisizione, elaborazione e pubblicazione su rete, così come descritto dalla Fig. 1, seguite dalla fase di fruizione su rete da parte degli utenti. Nel seguito verranno descritte tali fasi, così come realizzate nell ambito del Centro di Eccellenza per la Restituzione Computerizzata di Manoscritti e di Monumenti della Pittura Antica. In particolare, l acquisizione ha riguardato 3 opere d arte: due affreschi (il dipinto del Cavaliere e quello della Medusa) conservati presso il Museo Nazionale di Napoli, ed alcuni dipinti di una tomba di epoca pompeiana, l Ipogeo di Caivano (si veda Fig. ). I due affreschi sono in esposizione al secondo piano del Museo Nazionale, ma attualmente la sala che li ospita non è accessibile al pubblico. Dell Ipogeo di Caivano, esempio di tomba romana appartenente alla necropoli di Caivano, rinvenuta nel 193 e negli anni successivi trasferita integralmente al Museo Nazionale di Napoli, sono stati per ora presi in considerazione i dipinti della volta a botte, anche per i particolari problemi che la sua geometria poneva. I dipinti che decorano i lati ed il fondo dell ipogeo saranno oggetto di una successiva campagna di acquisizione. L Ipogeo è sito nel piazzale retrostante il Museo Nazionale di Napoli e non è accessibile al pubblico. Tale opera, come gli altri dipinti, ha bisogno di restauro e di interventi architettonici che salvaguardino la conservazione nel tempo. OPERA D ARTE ACQUISIZIONE ELABORAZIONE OGGETTO VIRTUALE DELL OPERA D ARTE PUBBLICAZIONE IN RETE Fig. 1: Schema per la realizzazione di un museo virtuale fruibile attraverso Internet. a) b) c) Fig. : Le opere d arte considerate: a) Il dipinto del Cavaliere, b) Il dipinto della Medusa, c) L ipogeo di Caivano..1 Acquisizione L acquisizione digitale delle immagini in esame, allo scopo di ottenere una risoluzione più elevata di quella raggiungibile con una singola operazione, è stata effettuata suddividendo l opera in parti (tiles), che sono state acquisite separatamente. Il sistema di acquisizione utilizzato comprende una macchina fotografica Hasselblad

3 503CW 6x6 con obiettivi da 80 e 10 mm, dotata di dorso digitale ad alta risoluzione (.03 x pixel) Phase One H5, collegata ad un computer portatile attraverso un interfaccia IEEE 1394; un esposimetro fotografico digitale Minolta che misura la luce della scena inquadrata attraverso i suoi sensori e dà informazioni di riferimento per la regolazione di tempo e diaframma del sistema fotografico; un parco luci costituito da speciali illuminatori a scarica (HMI) a temperatura di colore solare, filtrati in maniera da abbattere la componente ultravioletta dello spettro che potrebbe essere nociva per oggetti estremamente delicati, con cavalletti regolabili in altezza; una carta dei colori Gretag Macbeth, necessaria per la rappresentazione delle scale colorimetriche, permettendo una successiva correzione digitale del colore. Le tiles sono state poi composte in un'unica immagine attraverso la tecnica della mosaicizzazione, come descritto nel prossimo paragrafo. Fig. 3 : Il sistema di acquisizione utilizzato. La fase di acquisizione delle tiles ha presentato problemi legati alla necessità di ottenere condizioni per quanto possibili uniformi in termini di illuminazione, orientamento della fotocamera e distanza dall immagine. Questi problemi sono risultati accentuati nel caso dell Ipogeo di Caivano dalla presenza di immagini su superfici non piane e dalla ristrettezza degli spazi di lavoro. La soluzione adottata è basata sull utilizzo di guide laser per il posizionamento della fotocamera nei diversi scatti, come illustrato in Fig. 3. Un ulteriore problema nell acquisizione ad alta risoluzione è la messa a fuoco ottimale, in quanto l elevato livello di dettaglio delle immagini le rende particolarmente sensibili anche a piccole variazioni del fuoco. Per ottenere una messa a fuoco adeguata è stata usata una tecnica di bracketing, acquisendo per ciascuna tile più immagini con piccole variazioni di fuoco e selezionando la migliore con l aiuto del software di acquisizione. L acquisizione di più tiles ha consentito un aumento della risoluzione così come illustrato in Fig. 4, con riferimento al dipinto del Cavaliere. Dipinto del cavaliere SCATTO ICONA DISTANZA DAL DIPINTO DPI (per stampa su A4) DPI (DIMENSIONI REALI) unico 4 m foto, foto 1, a) b)

4 Fig. 4: a) Schemi utilizzati per l acquisizione del dipinto del cavaliere. b) Aumento della risoluzione ottenibile con la tecnica utilizzata.. Elaborazione Il termine mosaicizzazione (mosaicing) viene genericamente utilizzato per indicare il procedimento necessario per ricavare un unica immagine da una serie di immagini parzialmente sovrapposte. In particolare, si parla di mosaicizzazione in senso stretto quando la sovrapposizione tra le immagini vicine è elevata e di stitching quando la sovrapposizione è bassa ed è localizzata solo sui bordi [5,6]. La ricomposizione delle tiles attraverso un algoritmo di mosaicizzazione si è dimostrata un operazione non banale, sia per le elevate dimensioni dell immagine finale (fino a 400MB nel caso della volta dell Ipogeo), che rendono praticamente inutilizzabili numerosi software di image processing, che per l esigenza di correggere le distorsioni dovute alle piccole variazioni di orientamento e distanza della fotocamera e del sistema di illuminazione, che non è stato possibile eliminare mediante il sistema di guide laser. In alcuni casi gli stessi algoritmi utilizzati per la mosaicizzazione di dipinti che si estendono su superfici piane si possono utilizzare anche per le superfici curve. Ciò è lecito quando la superficie curva fotografata si può approssimare, entro certi limiti, alla sua proiezione sulla superficie piana tangente. Nel caso della volta dell Ipogeo di Caivano, tale ipotesi era sostanzialmente verificata, ed è stato quindi possibile utilizzare lo stesso algoritmo di mosaicizzazione usato per gli altri due dipinti considerati. La trasformazione delle immagini che porta alla composizione del mosaico è una trasformazione lineare dello spazio proiettivo P, chiamato collineazione o omografia. Il termine omografia è usato sia nel caso di un insieme di immagini ottenute da una traslazione planare, sia quando abbiamo un insieme di immagini di una scena 3D ottenuto ruotando intorno ad un unico centro ottico (quello della fotocamera). Le immagini ottenute dalla trasformazione omografica sono dette mosaici D in quanto, nel processo di costruzione del mosaico, viene scelta un immagine di riferimento e tutte le altre sono soggette ad una azione di deformazione nel sistema di coordinate D di tale immagine. Nella fase di composizione del mosaico esiste anche la possibilità data dall uso di una proiezione cilindrica delle immagini. Quest ultima tecnica non è stata però utilizzata nell ambito di questo lavoro. Mostriamo ora come è possibile definire, in maniera analitica, l omografia tra due immagini. Per rappresentare un punto di un immagine da mosaicizzare usiamo coordinate omogenee: tale punto è rappresentato dal vettore (x, y, z) t e le sue coordinate cartesiane sono (x/z, y/z) t. L omografia H relaziona due immagini di un piano visto da due punti diversi. Consideriamo due punti corrispondenti appartenenti alla zona di sovrapposizione delle due immagini: m 1 appartenente alla prima immagine, m alla seconda. Il punto m 1 (x 1, y 1, z 1 ) t è legato al punto m (x, y, z ) t dalla relazione : h00 h01 h0 x1 m = H * m1 = h10 h11 h1 * y1 (1) h0 h1 h z1 Le omografie e i punti sono definiti su valori scalari diversi da zero: abbiamo quindi 8 gradi di libertà per H in quanto h, in genere, è posto a zero (se lo si pone uguale a 1 i punti avranno coordinate omogenee (x/z, y/z, 1) t ). Da ogni corrispondenza (m 1,m ) ricaviamo due equazioni: x y z z h00x1 + h01y1 + h0 = h0x1 + h1y1 + 1, () h10x1 + h11y1 + h1 = h x + h y quindi, per calcolare H, abbiamo bisogno di 4 corrispondenze di punti. Nel nostro lavoro per la mosaicizzazione è stato realizzato un apposito modulo software scritto in C/Matlab, utilizzato sia per la stima dell omografia che per la costruzione di un immagine mosaico. L algoritmo può essere riassunto nei seguenti 4 passi: 1. Caricamento dell immagine e inizializzazione dei parametri di ingresso.. Selezione dei 4 punti di omografia nelle due immagini: inizialmente si è utilizzata la libreria Matlab KLC, che consente di selezionare i punti in un immagine a livelli di grigi (in base a informazioni sulle variazioni di luminosità). Vista la criticità di questo passo e il costo computazionale eccessivo dato dall utilizzo di questa libreria, successivamente, si è passati alla selezione manuale dei punti.

5 3. Calcolo della funzione di omografia tra i quattro punti delle due immagine: viene calcolata in base alle eq.. 4. Costruzione del mosaico: viene calcolata la dimensione del mosaico e in una matrice di tali dimensioni viene copiata la prima immagine (di riferimento) e la seconda in base all omografia calcolata. In Fig. 5 è riportato il risultato dell algoritmo di mosaicizzazione applicato alle 99 tiles in cui era stata suddivisa la volta dell Ipogeo di Caivano durante la fase di acquisizione. Fig. 5: La mosaicizzazione della volta dell ipogeo di Caivano: a) uso della matrice di omografia per ottenere un immagine mosaicizzata, b) dai 99 scatti singoli all immagine mosaicizzata dell intera volta..3 Pubblicazione e Fruizione in Rete Al termine dell operazione di mosaicizzazione, è stata ottenuta, per ciascuna opera, un immagine completa ad elevata risoluzione e ad alta fedeltà cromatica. Per consentire una fruizione di queste immagini (le cui dimensioni, come già accennato, sono dell ordine delle centinaia di megabyte) mediante le attuali tecnologie di connessione ad Internet, caratterizzate da una banda assolutamente inadeguata al trasferimento dell intera immagine, sì è realizzato un image server, basato sul pacchetto Xlimage della Centrica [7], che utilizza una rappresentazione piramidale dell immagine (l immagine è archiviata in diversi piani a risoluzione via via decrescente). Il pacchetto Xlimage è composto da due prodotti: XLimage Server e Xlcatalogue. Il primo è l'internet image server, che consente agli utenti Internet di vedere immagini ad altissima risoluzione velocemente e in modo interattivo. Tale applicativo ha ottime prestazioni anche con collegamenti a bassa velocità (modem, GPRS) e permette la visualizzazione attraverso i browser più comuni senza bisogno di ulteriori programmi applicativi. Inoltre, esso integra la tecnologia di marchiatura elettronica (watermarking) per la protezione del contenuto, sia per le immagini che risiedono sul server che per le immagini visualizzate dagli utenti. Le immagini relative alle opere d arte hanno formato IMGF (formato proprietario di immagini definito da Centrica). La trasformazione delle immagini da formati del client (come TIFF, BMP, JPEG) al formato IMGF può essere realizzata attraverso Xlcatalogue. Il formato immagini IMGF è un formato piramidale in uno spazio colore indipendente dal dispositivo ed è stato sviluppato per raggiungere gli obiettivi di ottimizzazione dei tempi di accesso, gestione dei profili colore e sicurezza delle immagini pubblicate in Internet. L image server è in grado di offrire ad un utente che utilizzi un normale web browser una navigazione all interno dell immagine ad una risoluzione consona ai limiti di banda e di capacità di visualizzazione del client, mantenendo la possibilità di esaminare ad un livello di dettaglio maggiore i particolari a cui l utente è interessato, attraverso un apposito navigatore (si veda Fig. 6).

6 Fig. 6: Il formato piramidale utilizzato dall image server e l interfaccia Web realizzata Infine, per una più realistica fruizione di pitture incluse in strutture architettoniche peculiari (come l Ipogeo di Caivano) è stata realizzata una rappresentazione tridimensionale, basata sullo standard VRML.0, che consente all utente una navigazione virtuale all interno dell opera. 3. CONCLUSIONI Sono state descritte alcune delle attività sviluppate nell ambito del Centro di Eccellenza per la Restituzione Computerizzata di Manoscritti e di Monumenti della Pittura Antica, che hanno portato alla messa a punto di tecniche e strumenti per la realizzazione di database di immagini di opere d arte, fruibili attraverso Internet. La possibilità di accedere ad un database di immagini di opere d arte potrà permettere, come passo successivo, di effettuare anche attività di ricerca ed analisi. Le immagini ottenute potranno essere utilizzate per la sperimentazione di metodi di restauro interattivo ed automatico, per l analisi dello stato di conservazione delle opere artistiche e per l eventuale ricostruzione di ambienti tridimensionali. RIFERIMENTI 1. D. Bearman, Museum Strategies for Success on the Internet. Ed. Giskin Day: Museum Collections and the Information Highway. Proceedings of the Conference on Museums and the Internet London: Science Museum, F. Garzotto, L. Mainetti, P. Paolini, Navigation Patterns in Museum Hypermedia, International Conference on Hypermedia for Museums, S. Diego (CA), R. Jackson, M. Bazley, D. Patten, M. King, Using the Web to Change the Relation Between a Museum and its Users. Proceedings of the Second International Conference Museum and the Web, Toronto, Canada, April -5, G. Voyatzis, G. Angelopoulos, A. Bors and I. Pitas, A System for Capturing High Resolution Image. Conference on Technology and Automatics, Thessaloniki, Greece, pp. 38-4, -3 October, R. Szeliski and H.-Y. Shum, Creating full view panoramic image mosaics and texture-mapped models. Computer Graphics (SIGGRAPH'97), pp , R. Szeliski, Video mosaics for virtual environments. IEEE Computer Graphics and Applications, 16():-30, Centrica S.r.l. (Sito web:

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Alessia NOBILE. Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali. Università degli Studi di Firenze

Alessia NOBILE. Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali. Università degli Studi di Firenze IMMAGINI PANORAMICHE E TIPI DI PROIEZIONE Alessia NOBILE Geomatica per la Conservazione e la Comunicazione dei Beni Culturali Università degli Studi di Firenze Corso di perfezionamento in Geomatica per

Dettagli

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione TUTORIAL CALIBRAZIONE FOTOCAMERA Sommario 1. Interfacciamento PC... 3 2. Collocamento fotocamera... 4 3. Distanza di ripresa... 5 4. Interfacciamento

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Fleet Monitoring è costituito da un software client ed un software server. Il software client, dato in dotazione alla centrale operativa, ha il compito di permettere

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Edoardo Nicoletti. www.eidolab.com. 2010 Edoardo Nicoletti / Eido Lab srl

Edoardo Nicoletti. www.eidolab.com. 2010 Edoardo Nicoletti / Eido Lab srl Edoardo Nicoletti www.eidolab.com 2010 Edoardo Nicoletti / Eido Lab srl multimedialità La multimedialità è la compresenza e interazione di più mezzi di comunicazione in uno stesso supporto o contesto informativo.

Dettagli

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Strategie e nuovi valori dell ICT per l ecosostenibilità 12 luglio 2012 Centro Congressi Torino Incontra PROGETTO GRIIN Oggetto

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

L impronta digitale dei Dipinti

L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei dipinti Bernd Breuckmann - Breuckmann GmbH (Traduzione di UNOCAD Srl) SOMMARIO Normalmente consideriamo i dipinti come oggetti quasi piatti, nei

Dettagli

3DE Modeling Professional

3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional è la parte di 3DE Modeling Suite che si occupa della modellazione 3D automatica di oggetti ed edifici a partire da nuvole di punti ottenute con scanner

Dettagli

FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA

FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI RIPRESA, ELABORAZIONE E STAMPA PER ARCHITETTI CHE DESIDERANO OTTIMIZZARE LA TECNICA FOTOGRAFICA PER DOCUMENTARE IL PROPRIO LAVORO SCHEDA DEL CORSO

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Lavorare con il colore nelle immagini digitali L uso dei colori nella visione computerizzata e nella computer grafica implica l incorrere in determinate problematiche

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

Visione Computazionale

Visione Computazionale Il docente Visione Computazionale Introduzione al corso a.a. 2004/2005 Andrea FUSIELLO, Professore Associato Dip. Informatica, Ca Vignal 2, I piano, stanza 5 Email: andrea.fusiello@univr.it Web Page del

Dettagli

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI PERCHE' 3D? Documentazione e analisi di contesti archeologici Conservazione digitale e tutela Divulgazione (filmati / realtà virtuale) GIS RILIEVO 3D Misura

Dettagli

Cronoprogramma e Quadro Economico

Cronoprogramma e Quadro Economico Tutela della Biodiversità nel parco Regionale dei Castelli Romani Cronoprogramma e Quadro Economico 1 Indice generale 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELLE COMPONENTI DEL PROGETTO PER LA CONSERVAZIONE DELLA

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile.

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per tarature con possibilità illimitate. Chi deve tarare? Che cosa? Quando? Con quali risultati? Pianificare,

Dettagli

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi Le immagini digitali formati, caratteristiche e uso Testo e foto di Mario Ceppi GIF Ideale per la rappresentazione di immagini sul Web come gif animate, pulsanti e intestazioni, non è invece adatto alle

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

creazione di oggetti

creazione di oggetti La stampa 3D (conosciuta nel mondo anche nella versione inglese del termine come 3D printing) è una nuova tecnologia sviluppata a negli ultimi anni che costituisce una vera e propria evoluzione della stampa

Dettagli

Restauro 2004 28 marzo 2004 Sala Diamanti METODI TRIDIMENSIONALI PER LA DOCUMENTAZIONE, LA DIAGNOSTICA E IL RESTAURO

Restauro 2004 28 marzo 2004 Sala Diamanti METODI TRIDIMENSIONALI PER LA DOCUMENTAZIONE, LA DIAGNOSTICA E IL RESTAURO Restauro 2004 28 marzo 2004 Sala Diamanti METODI TRIDIMENSIONALI PER LA DOCUMENTAZIONE, LA DIAGNOSTICA E IL RESTAURO J-A Beraldin (1), V. Valzano (2), A. Bandiera (2) (1) Institute for Information Technology,

Dettagli

TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo!

TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo! TRACcess Libertà di azione, Certezza di controllo! www.gestionechiavi.net il sito della gestione chiavi Pronto Chiavi! Progetto per il Tele Controllo degli Accessi ai Domicili degli Assistiti, in un Comune

Dettagli

Un prototipo di 3D scanner

Un prototipo di 3D scanner Un prototipo di 3D scanner Visual Computing Group 1999 Visual Computing Group 1 Obiettivi Progettazione e realizzazione di uno 3d scanner a basso costo, a partire da hardware comune: una foto camera /

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

In particolare ITCube garantisce:

In particolare ITCube garantisce: InfoTecna ITCube Il merchandising, ossia la gestione dello stato dei prodotti all interno dei punti vendita della grande distribuzione, è una delle componenti fondamentali del Trade Marketing e per sua

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Introduzione alla fotografia digitale

Introduzione alla fotografia digitale Introduzione alla fotografia digitale 1 La fotografia è forse la forma di espressione artistica più alla portata di tutti. Chiunque può infatti procurarsi una fotocamera, non necessariamente costosa, e

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore

Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore Rapporto Tecnico su installazione del dimostratore Indice 1 Introduzione 2 2 Installazione 3 2.1 Requisiti.............................. 3 2.2 Installazione........................... 3 3 Inserimento e/o

Dettagli

/DERUDWRU\IRU$GYDQFHG3ODQQLQJ DQG6LPXODWLRQ3URMHFW

/DERUDWRU\IRU$GYDQFHG3ODQQLQJ DQG6LPXODWLRQ3URMHFW /DERUDWRU\IRU$GYDQFHG3ODQQLQJ DQG6LPXODWLRQ3URMHFW 'HILQL]LRQH GHO 3LDQR GL $WWLYLWj :3 &RVWLWX]LRQH H 0DQXWHQ]LRQH GHO /DERUDWRULR 3HULIHULFR GHO 3URJHWWR /DERUDWRULR $YDQ]DWR SHU OD 3URJHWWD]LRQH H OD

Dettagli

Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo

Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo Titolo progetto Unità di Brescia Sviluppo, realizzazione e caratterizzazione metrologica di digitalizzatore a basso costo basato su proiezione

Dettagli

Data Center Telecom Italia

Data Center Telecom Italia Data Center Telecom Italia Certificazioni: ISO 27001 e ISO 9001 I Data Center Telecom Italia sono infrastrutture tecnologiche all avanguardia dotate di dispositivi di sicurezza, impianti, risorse professionali

Dettagli

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti

Risultati ottenuti. Risultati ottenuti Capitolo XIII : Risultati ottenuti Per testare l inseguitore di forme sono stati realizzati alcuni filmati di oggetti in movimento, e scene in cui è la telecamera a muoversi in un ambiente. L algoritmo

Dettagli

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI Istruzioni per la chiusura degli archivi Versione n. 2014.11.19 Del: 19/11/2014 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato da: Claudio Caprara Categoria: File

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Scansione 3D applicata all'arte e beni culturali

Scansione 3D applicata all'arte e beni culturali Scansione 3D applicata all'arte e beni culturali La questione della conservazione del patrimonio è un argomento di forte interesse: troppo spesso vediamo scomparire per sempre, a causa di calamità o di

Dettagli

SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME

SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME Serie Chorus SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME Approfondimento tecnico Supervisione domotica KNX con HAPPY HOME - Approfondimento tecnico Pag 1 INDICE INTRODUZIONE 3 APP HAPPY HOME : CARATTERISTICHE

Dettagli

LA TELEMATICA PER I BENI CULTURALI COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI IMMERSIVI. Prof. Vito Cappellini

LA TELEMATICA PER I BENI CULTURALI COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI IMMERSIVI. Prof. Vito Cappellini LA TELEMATICA PER I BENI CULTURALI COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI IMMERSIVI Prof. Vito Cappellini Direttore Centro per la Comunicazione e l Integrazione dei Media Centro di Eccellenza (D.M. n. 11 del 13/01/2000)

Dettagli

Alimentazione. Compatibilità

Alimentazione. Compatibilità Configurazione Lo scanner Z+F IMAGER 5006h garantisce la massima mobilità. Costruito secondo i criteri di operatività stand-alone, lo scanner è dotato di un display, di batteria ricaricabile, di un hard

Dettagli

Un importante risparmio di tempo, che l'operatore può dedicare a ciò che è veramente importante il paziente!

Un importante risparmio di tempo, che l'operatore può dedicare a ciò che è veramente importante il paziente! il sistema radiografico polivalente specificatamente progettato per ottimizzare l'utilizzo dei moderni detettori a stato solido il suo design innovativo supera le classiche limitazioni della meccanica

Dettagli

Garanzia Giovani Campania

Garanzia Giovani Campania Garanzia Giovani Campania OFFERTA FORMATIVA GRATUITA per PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER T I M E V I S I O N S C A R L V i a T a v e r n o l a 6 / 8 C a s t e l l a m m a r e d i S t a b i a ( N A ) T e l.

Dettagli

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Descrizione del sistema Sistema innovativo per diagnostica e monitoraggio degli impianti fotovoltaici a livello stringa. Due o più schede di misura per stringa: una sul

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI REVIT: PROGETTARE CON IL BIM. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

MANUALE PER LA CONSULTAZIONE DEL DATABASE DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DELLA PROVINCIA DI LECCE

MANUALE PER LA CONSULTAZIONE DEL DATABASE DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DELLA PROVINCIA DI LECCE MANUALE PER LA CONSULTAZIONE DEL DATABASE DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DELLA PROVINCIA DI LECCE 1 INTRODUZIONE Il presente documento contiene le informazioni di base necessarie per consentire una agevole

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it

Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione. Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Fondamenti di Elaborazione di Immagini Estrazione dei Bordi e Segmentazione Raffaele Cappelli raffaele.cappelli@unibo.it Contenuti Estrazione dei bordi Calcolo del gradiente Operatori di Roberts Operatori

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Image Engineering: IE-Analyzer Software di analisi integrata per camere digitali (ora disponibile in versione 3.0)

Image Engineering: IE-Analyzer Software di analisi integrata per camere digitali (ora disponibile in versione 3.0) Image Engineering: IE-Analyzer Software di analisi integrata per camere digitali (ora disponibile in versione 3.0) Il nuovo, potente strumento software messo a disposizione dalla Image Engineering GmBh

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE DEI TEMPI PER CENTRI DI COSTO Descrizione Nell ambito della rilevazione dei costi, Solari con l ambiente Start propone Time&Cost, una applicazione che contribuisce a fornire

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori.

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. 3DE Modeling Color E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. E spesso necessario che alle informazioni geometriche di forma siano abbinate informazioni di colore

Dettagli

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine di Philip Cheng Per molti anni la camera a pellicola aerotrasportata è stata la miglior scelta per l acquisizione di foto

Dettagli

Il Caricabatterie MAX CHARGE

Il Caricabatterie MAX CHARGE Sede di Bologna Via Aldo Moro, 22 21 ottobre 2015 Il Caricabatterie MAX CHARGE Presentazione di Alessandro Scardovi Le auto elettriche Da circa 20 anni si parla di auto a trazione elettrica e molti prototipi

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Es 08 CARTA? NO GRAZIE! EASYSHOW. Archiviazione Sostitutiva

Es 08 CARTA? NO GRAZIE! EASYSHOW. Archiviazione Sostitutiva Es 08 EASYSHOW Archiviazione Sostitutiva CARTA? NO GRAZIE! EASYSHOW 08 Cosa si intende per conservazione sostitutiva? Per conservazione sostitutiva si intende quel processo che permette di conservare documenti

Dettagli

Specifiche tecniche. La piattaforma deve soddisfare i seguenti requisiti:

Specifiche tecniche. La piattaforma deve soddisfare i seguenti requisiti: Allegato A Specifiche tecniche 1) Obiettivi 2) Formazione in modalità e-learning 3) Requisiti Front Office del sistema 4) Requisiti Back Office del sistema 5) Fase di monitoraggio formazione 6) Videolezioni

Dettagli

A proposito di A colpo d occhio 1. Per iniziare 7. Dedica... xiii Ringraziamenti... xv Autori... xvii

A proposito di A colpo d occhio 1. Per iniziare 7. Dedica... xiii Ringraziamenti... xv Autori... xvii Sommario Dedica................................................ xiii Ringraziamenti.......................................... xv Autori................................................. xvii 1 2 A proposito

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

LA REALTÀ È AUMENTATA

LA REALTÀ È AUMENTATA LA REALTÀ È AUMENTATA Dal reale al virtuale L A F I L I E R A D I G I TA L E D E I B E N I C U LT U R A L I 3DResearch è una società Spin-Off dell Università della Calabria che si occupa di ricostruzioni

Dettagli

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST

VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST Una corretta gestione della sicurezza si basa innanzitutto su un adeguata conoscenza dell attuale livello di protezione dei propri sistemi. Partendo da questo

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Communicate Properly

Communicate Properly Communicate Properly panoramica Next-plan è un portale di progetto accessibile via Internet che permette a utenti distanti nello spazio di condividere documenti e scambiare informazioni nell ambito di

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y

Ricostruzione stereo. Il nostro obiettivo. Ricostruzione del Cenacolo Vinciano. Ricostruire la profondità. d Y Il nostro obiettivo Daniele Marini Ricostruzione stereo Ricostruire scenari 3D da più immagini per inserire oggetti di sintesi Ricostruire la profondità Ricostruzione del Cenacolo Vinciano Solo se abbiamo

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE SUL WEB Descrizione Time@Web rappresenta l applicazione per la gestione delle presenze via Web. Nel contesto dell ambiente START, Solari ha destinato questa soluzione

Dettagli

Comunicazione istantanea per l azienda

Comunicazione istantanea per l azienda Comunicazione istantanea per l azienda Una netta riduzione dei costi, il miglioramento della produttività, standard elevati in termini di affidabilità e sicurezza, un sistema di messaging che garantisca

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT

AREA SCIENCE PARK. I servizi ICT I servizi ICT AREA Science Park mette a disposizione dei suoi insediati una rete telematica veloce e affidabile che connette tra loro e a Internet tutti gli edifici e i campus di Padriciano, Basovizza

Dettagli

N 01 NELIBIT. Wise Decisions

N 01 NELIBIT. Wise Decisions N 01 NELIBIT Wise Decisions Information Technology Assistenza Computer Hardware e Software Web Site Realizzazione Siti Internet Media Marketing Visibilità Motori di Ricerca e Social Network Graphics Grafica

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali, per. Ing. Marco Cappellini Amministratore Delegato m.cappellini@centrica.it

Tecnologie per i Beni Culturali, per. Ing. Marco Cappellini Amministratore Delegato m.cappellini@centrica.it Tecnologie per i Beni Culturali, per il territorio e il Made in Italy Ing. Marco Cappellini Amministratore Delegato m.cappellini@centrica.it Lubec Digital Technology - 23 Ottobre 2009 Digital Imaging:

Dettagli

PROGETTO PON/FESR 2014-2020

PROGETTO PON/FESR 2014-2020 PROGETTO PON/FESR 2014-2020 Prot.n. AOODGEFID/12810 del 15 Ottobre 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni Scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali Asse II Infrastrutture per

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO!

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! icon il Progetto Giovani Talenti ti garantiamo: La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l opportunità LUCIO ANNEO SENECA COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! QQUALITÀ&IMPEGNO

Dettagli

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte LA GROTTA DEI CERVI DI PORTO BADISCO IN 3D Una visita virtuale nel Castello di Otranto Otranto (LE), 25-26 novembre 2010 La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte Virginia Valzano (Direttore

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

Soluzione Immobiliare

Soluzione Immobiliare SOLUZIONE IMMOBILIARE SOLUZIONE IMMOBILIARE è un software studiato appositamente per la gestione di una Agenzia. Creato in collaborazione con operatori del settore, Soluzione si pone sul mercato con l

Dettagli

http://dtco.it TIS-Office la migliore soluzione per ufficio Gestione dati tachigrafo per le flotte

http://dtco.it TIS-Office la migliore soluzione per ufficio Gestione dati tachigrafo per le flotte http://dtco.it TIS-Office la migliore soluzione per ufficio Gestione dati tachigrafo per le flotte TIS-Office la soluzione giusta per me? In base alle necessità della propria azienda, VDO offre varie soluzioni

Dettagli

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Backstage n.15, aprile 1999, Gruppo editoriale Jackson) Spesso, al fine di studiare l acustica di un

Dettagli

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio La definizione della struttura della rete di monitoraggio (numero e tipo di sensori e loro localizzazione spaziale) dipende dall estensione e dalle caratteristiche

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI NORME PER L UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Cosimo Durante Responsabile del Servizio: Luigi Tundo Ottobre 2001 1 INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli