TUTTO SULLA C.Q.C. QUADRO GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTTO SULLA C.Q.C. QUADRO GENERALE"

Transcript

1 TUTTO SULLA C.Q.C. QUADRO GENERALE Per la guida di veicoli adibiti ad uso professionale, oltre alla patente di guida occorre (30) (31): la CQC (carta di qualificazione del conducente) per conducenti che effettuano professionalmente l'autotrasporto di persone e di cose su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C, CE, D e DE (9); il CAP (certificato di abilitazione professionale) per la guida di (20): - motoveicoli di massa complessiva fino a 1,3 t adibiti a servizio pubblico di piazza o a noleggio con conducente (tipo KA associato alla patente A); - taxi, autovetture e motoveicoli (oltre 1,3 t) da noleggio con conducente (tipo KB associato alla patente B); - veicoli condotti da minori di anni 21 destinati al trasporto di cose di massa complessiva, compreso il rimorchio, superiore a 7,5 t (tipo KC associato alla patente C); - autobus, a carico, in servizio di linea o di noleggio con conducente o per il trasporto di scolari (tipo KD associato alla patente D che verrà sostituito dalla CQC). L'obbligo di condurre veicoli con la CQC (32) decorre dal: 10 settembre 2008 per il trasporto persone, 10 settembre 2009 per il trasporto di cose. Pertanto (32): i CAP KD non verranno più rilasciati a partire dal ; i CAP KC per il trasporto professionale (37) non verranno più rilasciati a partire del (38); i CAP KD e le patenti C conseguiti dal (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) non possono essere convertiti in CQC. La CQC richiede per il suo rilascio una formazione iniziale e per il suo mantenimento una formazione periodica (ogni cinque anni viene infatti rinnovata a seguito della frequenza obbligatoria di un corso (17)). L innovazione e la complessità della materia richiederanno successivi ulteriori chiarimenti da parte del Ministero dei trasporti per cui sono prevedibili modifiche al contenuto del presente. Quiz per l'esame: (VH002, VH009) CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE (CQC) La CQC (9) è rilasciata dall UMC per l'attività dei conducenti che effettuano professionalmente l'autotrasporto di persone e di cose su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C, CE, D e DE (41). Tale attività, è subordinata all'obbligo di: qualificazione iniziale, formazione periodica. Per conseguire la carta di qualificazione i conducenti devono aver compiuto: 18 anni, per guidare veicoli adibiti al trasporto di merci per cui è richiesta la patente di guida delle categorie C e CE, in deroga al limite di massa complessiva a pieno carico di 7,5 t (19); 21 anni, per guidare veicoli adibiti al trasporto di passeggeri per cui è richiesta la patente di guida delle categorie D e DE.

2 La CQC sostituisce il certificato di abilitazione professionale di tipo KC e KD (12). I conducenti già titolari della CQC per effettuare trasporto di merci, che intendono conseguire anche la CQC per effettuare trasporto di passeggeri, o viceversa, devono dimostrare la conoscenza delle materie specifiche attinenti alla nuova qualificazione Rilascio La CQC è rilasciata subordinatamente al superamento dell'esame di idoneità e previa frequenza di un corso di qualificazione iniziale, ai conducenti: residenti in Italia che svolgono attività di autotrasporto di persone o di cose; cittadini di Stati non appartenenti all'ue o allo SEE, che svolgono la loro attività alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita su territorio italiano (10). L'Italia riconosce la CQC rilasciata dagli altri Stati membri dell'ue o dello SEE Deroghe Non è richiesto il possesso della CQC per i conducenti di veicoli (31): la cui velocità massima autorizzata non supera 45 km/h; ad uso delle forze armate, della Protezione civile, dei vigili del fuoco e delle forze responsabili del mantenimento dell'ordine pubblico, o messi a loro disposizione; sottoposti a prove su strada a scopo di perfezionamento tecnico, riparazione o manutenzione, e nuovi o trasformati non ancora immessi in circolazione; utilizzati in servizio di emergenza o destinati a missioni di salvataggio; utilizzati per lezioni di guida ai fini del conseguimento della patente o dei certificati di abilitazione professionale; utilizzati per trasporti privati e non commerciali di passeggeri o di merci; che trasportano materiale o attrezzature, utilizzati dal conducente stesso nell'esercizio della propria attività, a condizione che la guida del veicolo non ne costituisca attività principale. L esenzione per conducenti di veicoli adibiti ad uso proprio (ultimi due punti) non si applica a conducenti (41): assunti alle dipendenze di un impresa con la qualifica di autista; di scuolabus nel caso che l attività sia esercitata sia in conto proprio che per conto terzi Rilascio per documentazione (esenzioni) Sono esentati dall'obbligo di superamento dell'esame di idoneità e di frequenza del corso di qualificazione iniziale e quindi possono ottenere la CQC per documentazione i conducenti residenti alla data del (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) (22): in Italia, già titolari del certificato di abilitazione professionale di tipo KD; in Italia, già titolari della patente di guida di categoria C ovvero CE; in altri Stati della UE o dello SEE ma dipendenti da un impresa di autotrasporto di persone o cose con sede in Italia, titolari di patenti C, CE, D, DE e relative sottocategorie; in Stati non appartenenti all'ue o allo SEE, dipendenti da un'impresa di autotrasporto di persone o di cose con sede in Italia, titolari di patente di guida equivalente alle categorie C, CE, D, DE e relative sottocategorie. Pertanto la CQC per documentazione può essere richiesta da titolari di patente C o CAP KD (41) rilasciati: entro il , successivamente al per duplicato di patente o CAP rilasciati antecedentemente a tale data.

3 I conducenti possono richiedere il rilascio della CQC per documentazione (22): entro tre anni dal (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007); la validità della CQC per trasporto persone decorre dal mentre la validità della CQC per trasporto cose decorre dal ; presentando domanda unitamente alle attestazioni di versamento relative alla tariffa 1.7 (v. inpratica 022) presso l'umc competente secondo le seguenti scadenze (la richiesta di rilascio non può essere anticipata e non può essere avanzata trascorsi 3 anni dal (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) (34)): a dai titolari di patenti i cui cognomi iniziano con le lettere A, B, C, D, E, F dal (39); b dai titolari di patenti i cui cognomi iniziano con le lettere G, H, I, J, K, L, M dal (40) (dopo tre mesi dalla data di entrata in vigore del DD n. 371/2007); c dai titolari di patenti i cui cognomi iniziano con le lettere N, O, P, Q, R dal (40) (dopo sei mesi dalla data di entrata in vigore del DD n. 371/2007); d dai titolari di patenti i cui cognomi iniziano con le lettere S, T, U, V, W, X, Y, Z, dal (40) (dopo nove mesi data di entrata in vigore del DD n. 371/2007). La richiesta deve essere redatta su modello TT746C unitamente all attestato di versamento della tariffa prevista, all attestato di assolvimento dell imposta di bollo relativa alla domanda e alla CQC, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco, alla fotocopia della patente e all attestazione del rapporto di lavoro intercorrente con un impresa di autotrasporto avente sede in Italia redatta secondo fac-simile allegato alla circolare DTT , n 77898/8.3 (per conducenti residenti in Stati non appartenenti alla UE o SEE che svolgono la loro attività alle dipendenze di un impresa di autotrasporto). Al momento del rilascio della CQC deve essere restituito al UMC il CAP KD o il CAP KC (41). Nel caso di presentazione di patente di categoria non corrispondente alle categorie previste dalla direttiva n. 91/439/CE l UMC deve chiedere al Consolato o all ambasciata dello Stato che ha emesso la patente una traduzione. Qualora la traduzione risulti insufficiente per accertare l esatta corrispondenza della categoria deve essere posto specifico quesito alla Divisione 6 del DTT (41). Entro tre anni (entro il ) i titolari di patente comprendente la C e D e del CAP KD che hanno richiesto per documentazione la CQC per trasporto cose possono chiedere la CQC per trasporto di persone e viceversa in esenzione dall obbligo del corso e dell esame (41) Richiesta per documentazione (esenzioni) e istanza per il rilascio del CAP KB I titolari di CAP KD (che è valido anche per la guida dei veicoli per cui necessita il CAP KB) possono (41): presentare contestuale domanda per il rilascio del CAP KB e della CQC per documentazione redatta su modello TT746C unitamente alla documentazione prevista per il rilascio della CQC, all attestato di versamento di due tariffe previste per il rilascio della CQC e del CAP KB, all attestato di assolvimento dell imposta di bollo relativa alla domanda e due imposte di bollo relative alla CQC e al CAP KB, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco, alla fotocopia della patente oppure continuare a svolgere l attività di taxi o di noleggio di autovettura con conducente utilizzando il CAP KD fino alla scadenza di validità (senza richiedere la CQC), dopodiché devono sostituire il CAP KD con il CAP KB la cui data di scadenza diventa quella della patente di categoria D Qualificazione iniziale ed esame di idoneità La CQC è rilasciata (13) dagli UMC subordinatamente al possesso della patente di guida in corso di validità, previa frequenza di uno specifico corso (v. inpratica 404.2) e superamento di un esame di idoneità (14).

4 L'esame di idoneità è svolto da funzionari del Ministero dei trasporti - DTT (33): con il metodo orale (in presenza di due funzionari del DTT) fino a quando non saranno predisposti appositi questionari; con due prove svolte tramite appositi questionari (con risposta "vero" o "falso") di: - 60 quiz da completare in 120 minuti (massimo 6 errori) sulla parte di programma comune; - 60 quiz da completare in 120 minuti (massimo 6 errori) sulla parte di programma speciale per CQC per trasporto persone o per CQC per trasporto cose a seconda dell'abilitazione richiesta; qualora il titolare della CQC per trasporto persone intenda estenderla anche alla CQC per trasporto cose deve svolgere la prova tramite 60 quiz da completare in 120 minuti (massimo 6 errori) sulla parte di programma specifica per il trasporto di cose e viceversa. L'esito negativo di una sola delle due prove comporta l'esito negativo dell'esame (34). I conducenti candidati al conseguimento della CQC che hanno già conseguito l'attestato di idoneità professionale per l'accesso alla professione relativa al medesimo settore devono svolgere il questionario di 60 quiz da completare in 120 minuti (massimo 6 errori) sulla parte di programma generale. L'esame deve essere svolto: entro un anno dalla fine del corso; oltre tale termine è richiesta la presentazione di un nuovo corso; non prima di un mese dalla data del precedente esame con esito negativo. I cittadini di Stati non appartenenti alla UE devono esibire il permesso di soggiorno in corso di validità oppure la richiesta di rinnovo. Possono seguire in Italia i corsi di formazione iniziale i conducenti: ivi residenti, cittadini di uno Stato non appartenente all'unione europea o allo Spazio economico europeo dipendenti di un'impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita in Italia. L'ammissione all'esame è subordinata alla presentazione di apposita istanza su modello TT746C unitamente alle attestazioni di versamento della tariffa 1.3 (v. inpratica 022) ed all'attestato di frequenza del corso di formazione iniziale, dal quale si evince che il corso stesso è terminato non oltre 12 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda (34). La CQC viene rilasciata contestualmente al superamento dell'esame di idoneità (34) Formazione periodica e rinnovo I conducenti titolari della CQC devono rinnovarla ogni cinque anni (18), dopo aver frequentato obbligatoriamente un corso di formazione (17) solo teorico (33). La formazione periodica consiste nell'aggiornamento professionale che consente ai titolari della CQC di perfezionare le conoscenze essenziali per lo svolgimento delle loro funzioni, con particolare riguardo alla sicurezza stradale e alla razionalizzazione del consumo di carburante (v. inpratica 404.2). Il rinnovo della CQC può essere ottenuto: effettuando un corso di formazione periodica a partire da sei mesi antecedenti la scadenza di validità della CQC; effettuando un corso di formazione periodica nel caso di CQC scaduta da meno di due anni; effettuando un corso di formazione periodica e sostenendo l'esame per il conseguimento nel caso di CQC scaduta da oltre 2 anni. La CQC per trasporto persone può essere rinnovata fino al compimento di 65 anni. Possono seguire in Italia i corsi di formazione periodica i conducenti: ivi residenti, cittadini di uno Stato non appartenente all'ue o allo SEE dipendenti di un'impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita in Italia, residenti in un altro Stato membro dell'ue dipendenti di un'impresa di autotrasporto di persone o di cose stabilita in Italia.

5 La CQC rinnovata è emessa dal UMC competente in base alla sede dell'autoscuola o dell'ente che ha svolto il corso secondo la seguente procedura (32): l'autoscuola o l'ente trasmettono tramite il sito "il portale dell'automobilista" l'elenco di coloro che hanno frequentato il corso all'umc competente entro 2 giorni lavorativi dalla fine del corso e rilasciano al conducente un attestato di fine corso conforme all'allegato 8 del DM ; l'umc emette la CQC aggiornata entro 7 giorni lavorativi dalla ricezione dell'elenco; l'umc rilascia la nuova CQC a seguito della presentazione di apposita istanza su modello TT746C insieme alle attestazioni di versamento della tariffa 1.7 (v. inpratica 022) e alla CQC scaduta. La validità della nuova CQC decorre (32): dal giorno successivo a quello di scadenza della CQC ritirata qualora il conducente abbia effettuato il corso prima della scadenza; dalla data di rilascio di attestato di fine corso qualora il conducente abbia effettuato il corso successivamente alla scadenza della CQC Duplicazione La CQC deve essere duplicata nel caso in cui il conducente titolare dell'abilitazione richieda il duplicato della patente di guida (32) o ne estenda la validità ad altre categorie (ad es.: da C a CE) (41) tramite presentazione di apposita domanda su modello TT746C in quanto sulla CQC deve essere annotato il numero della patente di guida (41). Nel caso di richiesta di rilascio di duplicato della CQC mentre è in corso la procedura di duplicato della patente, il rilascio della CQC è subordinato al previo rilascio della patente (34). Nel caso di duplicato o di estensione di validità della patente è obbligatorio chiedere il duplicato della CQC. La nuova patente deve essere rilasciata solo quando è stata predisposta la nuova CQC (41). È prevista la duplicazione della CQC nel caso di (34): deterioramento previa presentazione di domanda su modello TT746C e attestazioni di versamento relative alla tariffa 1.7 (v. inpratica 022), smarrimento, furto o distruzione previa presentazione di domanda su modello TT746C e attestazioni di versamento relative alla tariffa 1.5 (v. inpratica 022) unitamente alla denuncia di perdita di possesso del documento. La CQC rilasciata da Stato della UE o dello SEE può essere duplicata per smarrimento o furto in equipollente documento italiano previo accertamento presso le competenti autorità dello Stato di rilascio che il documento sia in corso di validità e sullo stesso non gravino provvedimenti sanzionatori quando il conducente (32): acquisisce la residenza in Italia; lavora alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto avente sede in Italia. Per evitare di penalizzare i conducenti professionali gli UMC danno priorità alla predisposizione della CQC (41). Si può duplicare la CQC rilasciata da altri stati comunitari o facenti parte dello SEE. A conducenti che richiedono il duplicato della patente di guida sulla quale risulta il codice 95 in corrispondenza della categoria di patente posseduta è possibile rilasciare la CQC (41). In sintesi, la richiesta di duplicato della CQC per (41): deterioramento deve essere presentata su modello TT 746 C unitamente all attestato di versamento della tariffa prevista relativa al rilascio della CQC, all attestato di assolvimento dell imposta di bollo relativa alla domanda e alla CQC, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco; smarrimento, furto, distruzione deve essere presentata su modello TT746C unitamente all attestato di versamento della tariffa prevista relativa al rilascio della CQC, alla denuncia della perdita del possesso resa ad un organo di polizia, (e, si ritiene, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco), duplicato della patente di guida deve essere presentata su modello TT746C unitamente all attestato di versamento della tariffa prevista relativa al rilascio della CQC, all attestato di assolvimento dell imposta di bollo relativa alla domanda e alla CQC, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco.

6 Conversione La CQC rilasciata da Stato della UE o dello SEE può essere convertita in equipollente documento italiano quando il conducente (32): acquisisce la residenza in Italia; lavora alle dipendenze di un'impresa di autotrasporto avente sede in Italia. La richiesta di conversione della CQC deve essere presentata su modello TT746C unitamente all attestato di versamento della tariffa prevista relativa al rilascio della CQC, all attestato di assolvimento dell imposta di bollo relativa alla domanda e alla CQC, alla fotografia recente del volto del conducente a capo scoperto e su sfondo bianco. La CQC convertita non deve essere restituita alla Stato rilasciante (41) CORSI DI FORMAZIONE PER LA CQC In linea generale, i corsi sono organizzati (16) da autoscuole (15) o consorzi di autoscuole che svolgono corsi di teoria e di guida per il conseguimento di tutte le patenti e da soggetti autorizzati dal Ministero dei trasporti. Nello specifico, sulla base delle disposizioni di cui al DM (11), possono essere autorizzati a svolgere corsi (33): autoscuole (15) e centri di istruzione automobilistica costituiti da consorzi di autoscuole, enti con almeno tre anni di esperienza nel settore della formazione (anche all'interno delle associazioni di categoria) in materia di autotrasporto e funzionalmente collegati a: a associazioni di categoria dell'autotrasporto di cose membri del Comitato centrale per l'albo nazionale degli autotrasportatori; b associazioni di categoria dell'autotrasporto di persone firmatarie di contratto collettivo nazionale di lavoro di settore; c federazioni, confederazioni, nonché articolazioni territoriali delle associazioni di cui alle lettere a) e b). aziende esercenti servizi automobilistici per il trasporto pubblico di persone di interesse nazionale, regionale o locale aventi un numero di addetti alla guida non inferiore a 80 unità solamente per la formazione periodica Requisiti delle autoscuole e dei soggetti autorizzati Le autoscuole, i centri di istruzione e gli enti devono dimostrare di avvalersi di: a insegnante di teoria munito di abilitazione, che abbia svolto attività, negli ultimi cinque anni, per almeno tre anni; b istruttore di guida, in possesso di tutte le categorie di patente di guida, munito di abilitazione, che abbia svolto attività, negli ultimi cinque anni, per almeno tre anni; c medico specialista in medicina sociale, medicina legale o medicina del lavoro; d esperto in materia di organizzazione aziendale con almeno 3 anni di esperienza in un'impresa di autotrasporto nell'arco degli ultimi 5 anni o che abbia pubblicato testi specifici sull'attività giuridicaamministrativa dell'autotrasporto. Sono equiparati all'esperto: d1 gli insegnanti di teoria che abbiano conseguito l'attestato di idoneità per l'accesso alla professione sia per l'autotrasporto di persone che di cose; d2 soggetti che hanno svolto, per almeno 3 anni negli ultimi 5 anni, attività di docenza nell'ambito di corsi di formazione connessi all'attività di autotrasporto. Gli enti che svolgono esclusivamente corsi teorici non hanno l'obbligo di avvalersi anche di un istruttore di guida. I corsi si svolgono esclusivamente presso le sedi autorizzate (33).

7 Locali ed attrezzature Autoscuole, centri di istruzione ed enti devono disporre di (33): aula di almeno 25 m 2 di superficie e comunque con almeno 1,50 m 2 per ogni allievo (l'altezza minima dei locali è quella prevista dal regolamento edilizio vigente nel comune in cui sono ubicati i locali) dotata di cattedra o tavolo, posti a sedere; servizi igienici; materiale didattico (oppure supporti audiovisivi o multimediali (36)) per le lezioni teoriche (serie di cartelli murali raffiguranti le segnalazioni stradali, i dispositivi per ridurre l'inquinamento atmosferico, gli organi del motore e relativi impianti, gli elementi frenanti, le sospensioni, la struttura della carrozzeria degli autoveicoli, il motore, il cambio e i freni idraulici, le sospensioni, le ruote con pneumatici, il servosterzo, l'idroguida, gli impianti e gli elementi frenanti dei veicoli industriali, gli organi di traino dei veicoli industriali, la classificazione dei veicoli, ecc.); veicoli, muniti di doppi comandi, in proprietà o in leasing (autocarro, autoarticolato o autocarro e rimorchio, autobus, autobus e rimorchio) aventi le caratteristiche fissate dall'art. 4 DM per autoscuole, centri di istruzione (35); veicoli, muniti di doppi comandi, in proprietà o in leasing (autocarro, autoarticolato o autocarro e rimorchio quando effettuano la formazione sia teorica che pratica per il conseguimento della CQC per trasporto cose oppure autobus, autobus e rimorchio quando effettuano la formazione sia teorica che pratica per il conseguimento della CQC per trasporto persone) aventi le caratteristiche fissate dall'art. 4 DM per enti (35) Richiesta del nulla osta e dell'autorizzazione allo svolgimento dei corsi Per svolgere i corsi (33): le autoscuole e centri di istruzione automobilistica devono richiedere apposito nulla osta all'avvio dei corsi al SIIT-trasporti competente per territorio. La domanda in bollo (34) deve essere conforme all'allegato 1 del DM Il SIIT-trasporti, verificati i requisiti, rilascia il nulla osta all'avvio dei corsi che deve essere aggiornato a seguito di eventuali modifiche del personale docente, della sede o delle attrezzature; gli enti devono richiedere apposita autorizzazione alla Direzione generale per la motorizzazione. La domanda in bollo (34) deve essere conforme all'allegato 2 del DM L'autorizzazione a svolgere corsi può essere rilasciata sia per lo svolgimento di corsi per la CQC per trasporto persone che per la CQC per trasporto cose oppure per lo svolgimento della parte teorica del programma oppure per lo svolgimento della parte teorica e della parte pratica del programma. L'autoscuola o il centro di istruzione automobilistica e l'ente comunicano al SIIT-trasporti territorialmente competente, tre giorni prima dell'avvio di ogni corso l'elenco degli allievi ed il calendario delle lezioni (data di inizio e termine corso, giorni e orari delle lezioni, il responsabile del corso) (34) nonché calendario delle lezioni pratiche (compreso il luogo in cui ha inizio e termine ogni singola esercitazione) (34) al fine di rendere possibili le ispezioni da parte dell'umc competente Sospensione e revoca del nulla osta e dell'autorizzazione allo svolgimento dei corsi Qualora a seguito di ispezione degli UMC o degli organi di polizia su richiesta degli UMC si riscontrino irregolarità dei corsi: l'umc invia una relazione al SIIT-trasporti competente o alla Direzione generale della motorizzazione, il SIIT-trasporti o la Direzione generale della motorizzazione, previa diffida, sospendono il nulla osta (previsto per autoscuole e centri di istruzione automobilistica) o l'autorizzazione (prevista per gli enti) da 15 giorni a tre mesi. Qualora venga accertata responsabilità dell'allievo l'umc dispone la cancellazione dell'allievo dal registro di iscrizione. Qualora venga accertata la mancanza di uno o più requisiti necessari per ottenere il nulla osta o l'autorizzazione, l'umc emana atto di diffida per l'eliminazione, entro il termine di sette giorni, delle irregolarità accertate. Nel caso di inottemperanza alla diffida: l'umc invia documentata relazione al SIIT-trasporti o alla Direzione generale per la motorizzazione; il SIIT-trasporti o la Direzione generale per la motorizzazione sospendono il nulla osta o l'autorizzazione da quindici giorni a tre mesi.

8 Qualora le autoscuole o gli enti siano incorsi più volte nelle sanzioni applicate a seguito di irregolarità dei corsi o mancanza di uno o più requisiti, il SIIT-trasporti o la Direzione generale per la motorizzazione adottano, previa diffida, la revoca rispettivamente del nulla osta o dell'autorizzazione ad effettuare i corsi Modalità di svolgimento dei corsi di qualificazione iniziale La qualificazione iniziale prevede l'insegnamento di tutte le materie comprese nell'elenco di cui alla sezione 1 dell'allegato I al DLG n. 286 e specificate in dettaglio nell'art. 6 DM (v. inpratica 404.3). La durata della qualificazione iniziale deve essere di (33): 260 ore di lezioni teoriche (190 ore di corso comune per patenti C, CE, D, DE, 70 ore di corso specifico per patenti C, CE (trasporto cose) e 70 ore di corso specifico per patenti D, DE (trasporto persone)), 20 di lezioni pratiche alla guida di un veicolo che si guida con la patente C o CE oppure D o DE in base al tipo di CQC (trasporto persone o cose). Dieci ore di lezioni di pratica possono essere svolte anche in area privata, su veicoli non muniti di doppi comandi, sotto la supervisione di un dipendente di un'impresa di autotrasporto con almeno dieci anni di esperienza in qualità di conducente. È previsto che (33): le lezioni giornaliere devono: - essere svolte presso le sedi autorizzate, - avere durata non inferiore a quattro ore e non superiore ad otto ore; le lezioni teoriche si svolgono: - nei giorni feriali, dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 20,00, e - il sabato dalle ore 8,00 alle ore 14,00; le lezioni pratiche si svolgono: - dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 22,00, e - il sabato dalle ore 8,00 alle ore 14,00; non è consentito frequentare due o più corsi contemporaneamente; ogni corso può essere frequentato, al massimo, da 25 partecipanti; i titolari della CQC per trasporto cose che intendono estenderla anche al trasporto di persone frequentano il corso specifico per trasporto di persone e i titolari della CQC per trasporto persone che intendono estenderla anche al trasporto di cose frequentano il corso specifico per trasporto di cose; i titolari di attestato di idoneità professionale all'accesso della professione che intendono conseguire la CQC relativa al medesimo settore frequentano il programma relativo agli argomenti in comune (v. inpratica 404.3) ed effettuano le lezioni pratiche. Gli allievi devono: essere iscritti nel "registro delle iscrizioni" (realizzato conformemente al modello previsto all'allegato 3 del DM ); essere registrati nel "registro di frequenza" (realizzato conformemente al modello previsto all'allegato 4 del DM ) ove, oltre alla presenza, è annotata anche la data e l'argomento della lezione ed il nominativo del docente. L'assenza di un partecipante è annotata sul registro entro quindici minuti dall'inizio della lezione. I registri devono essere numerati, con pagine numerate consecutivamente, sono preventivamente vidimati dal UMC competente e devono essere conservati per almeno cinque anni; effettuare al massimo 28 ore di assenza (non più di 10 ore di corso speciale); recuperare le ore di assenza se in numero superiore a 28 e inferiore a 56 entro un mese dalla fine del corso; ripetere l'intero corso se il numero di ore di assenza supera le 56; frequentare le 20 ore di guida, recuperando le eventuali assenze entro un mese dalla fine del corso. Effettuato il corso l'autoscuola o l'ente rilasciano, all'allievo, un attestato di frequenza (conforme al modello previsto all'allegato 5 del DM ).

9 Durante la guida individuale, l'aspirante conducente è assistito da un istruttore abilitato. Per i conducenti già titolari della CQC per trasporto merci, che intendono conseguire anche la CQC per trasporto persone, o viceversa, la durata della qualificazione iniziale è di 70 ore, di cui 5 ore di guida individuale (23). A formazione conclusa, il conducente deve sostenere un esame, scritto e/o orale (v. inpratica ) Modalità di svolgimento dei corsi di formazione periodica La formazione periodica del conducente già titolare di una CQC avviene a seguito di frequenza di specifico corso che prevede l'insegnamento di tutte le materie comprese nell'elenco di cui alla sezione 1 dell'allegato I al DLG n. 286 (17) e specificate in dettaglio nell'art. 11 DM (v. inpratica 404.3). La durata della formazione periodica deve essere di 35 ore di lezioni teoriche (21 ore di corso comune per patenti C, CE, D, DE, 14 ore di corso specifico per patenti C, CE (trasporto cose) e 14 ore di corso specifico per patenti D, DE (trasporto persone)). Gli allievi devono: essere iscritti nel "registro delle iscrizioni" (realizzato conformemente al modello previsto all'allegato 6 del DM ); essere registrati nel "registro di frequenza" (realizzato conformemente al modello previsto all'allegato 7 del DM ) ove l'allievo appone la firma di entrata ed uscita. L'assenza di un partecipante è annotata sul registro entro quindici minuti dall'inizio della lezione. I registri devono essere numerati, con pagine numerate consecutivamente, sono preventivamente vidimati dal UMC competente e devono essere conservati per almeno cinque anni; effettuare al massimo 3 ore di assenza CONTENUTO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER LA CQC I corsi di formazione iniziale (qualificazione iniziale) e periodica (formazione periodica) per conducenti che aspirano ad essere titolari di CQC o che sono già titolari di CQC ed intendono confermarla vertono sulle materie indicate nel DLG n. 286 (21) che sono state specificate in dettaglio negli artt. 6 e 11 DM (31) (33). Il percorso formativo della CQC comprende l'acquisizione di nozioni che riguardano l'attività del conducente nel suo complesso, nel contesto economico e sociale in cui detta attività si svolge, non limitandosi ad un approfondimento nozionistico di ciò che riguarda solamente l'attività di guida vera e propria, ma facendo acquisire al conducente la consapevolezza della portata sociale della "professione di autotrasportatore". Il programma d'esame della qualificazione iniziale comprende: una parte comune teorica e pratica per titolari di patenti C, CE, D, DE, una parte speciale teorica e pratica per candidati al conseguimento della CQC per trasporto cose, una parte speciale teorica e pratica per candidati al conseguimento della CQC per trasporto persone. Il programma d'esame della formazione periodica comprende invece: una parte comune teorica per titolari di patenti C, CE, D, DE, una parte speciale teorica per titolari della CQC per trasporto cose, una parte speciale teorica per titolari della CQC per trasporto persone Programma d'esame della qualificazione iniziale La parte comune del programma teorico per titolari di patenti C, CE, D, DE consta di 10 moduli che approfondiscono alcuni aspetti propriamente tecnici e costruttivi dei veicoli pesanti nonché temi d'attualità come l'impatto ambientale e la sicurezza di circolazione (33). I primi tre moduli (35 ore di corso) riguardano la conoscenza di nozioni specifiche necessarie per perfezionare la guida dei veicoli pesanti con particolare riferimento al corretto utilizzo del cambio di velocità, dell'impianto frenante e dei dispositivi di rallentamento della marcia nonché del motore.

10 L'argomento ha notevoli riflessi su: impatto ambientale del veicolo in quanto il corretto azionamento di cambio, freni e motore consente di ottenere una sensibile riduzione di: - consumi di carburante e realizzare un consistente risparmio energetico, soprattutto in considerazione del notevole consumo specifico (quantità di carburante necessaria per percorre ogni chilometro di strada) dei mezzi pesanti; - inquinamento atmosferico grazie al minor consumo globale di carburante e conseguente riduzione del rilascio delle sostanze inquinanti allo scarico e dell'anidride carbonica (che, come è noto è considerato un "gas serra" e, pertanto, inquinante (v. inpratica 210)); - inquinamento dell'aria e del suolo dovuto allo smaltimento di un minore quantitativo di materiali d'usura (materiale di attrito della frizione, dei freni, ecc.) che possono essere sfruttati più a lungo; - rumorosità durante la marcia mediante lo svolgimento di un'adeguata manutenzione preventiva del veicolo e lo sfruttamento appropriato del motore, della trasmissione, dell'impianto di frenatura e di rallentamento che consentono di contenere l'inquinamento acustico; costi complessivi del trasporto che, come è noto, sono proporzionali al consumo di carburante e all'usura degli organi meccanici (frizione, freni, pneumatici, ecc.); sicurezza del trasporto di merci e di persone con particolare riferimento alla capacità del conducente di: - ottenere adeguata stabilità del veicolo nelle diverse condizioni di marcia (in curva, a veicolo carico, a veicolo parzialmente caricato, in frenata, ecc.); - guidare sempre in modo particolarmente equilibrato in relazione alle condizioni di carico del veicolo e della strada. Il quarto e il quinto modulo del programma d'esame (50 ore) approfondiscono le norme che regolamentano la guida e la circolazione dei veicoli pesanti con particolare riferimento ai limiti della prestazione lavorativa e all'utilizzo del cronotachigrafo. L'approfondimento di questa materia mira a sensibilizzare il conducente sulle conseguenze del mancato rispetto di tali norme con particolare riferimento a: tipologia degli infortuni ed incidenti stradali; perdite in termini di vite umane e danni alle cose. Il sesto modulo (20 ore) affronta un argomento di grande attualità: il traffico dei clandestini che a tutt'oggi coinvolge principalmente il mondo dell'autotrasporto. Il modulo analizza il fenomeno anche dal punto di vista della prevenzione di comportamenti criminosi in materia di traffico dei clandestini e focalizza l'attenzione sulle specifiche responsabilità dell'autotrasportatore. Il settimo e l'ottavo modulo (35 ore) analizzano rischi e comportamenti che possono compromettere l'idoneità fisica e mentale del conducente (stanchezza, sonnolenza, dolori articolari, affaticamento, stress, riflessi insufficienti, ecc.). I moduli approfondiscono quali effetti hanno sulla sicurezza di circolazione: i movimenti e le posture a rischio, una non corretta e sana alimentazione, l'assunzione di alcool e farmaci. Il nono modulo (20 ore) è mirato a perfezionare la capacità di valutare le situazioni d'emergenza e di individuare il comportamento da adottare in caso di incidente, incendio, ecc. La preparazione del conducente ad affrontare situazioni d'emergenza improvvise ed imprevedibili con interventi appropriati ha un ruolo fondamentale per contenere le conseguenze dovute ad eventi indesiderati. Il decimo modulo (30 ore) riguarda invece la valorizzazione dell'immagine aziendale delle imprese che operano nel settore. La parte speciale del programma teorico per candidati al conseguimento della CQC per trasporto cose approfondisce aspetti tecnici specifici che riguardano la sistemazione del carico e gli effetti del carico (sovraccarico e/o sovraccarico di un asse del veicolo) sulla stabilità del veicolo nelle diverse condizioni di marcia. La parte speciale approfondisce anche temi specifici che riguardano: la redazione e il controllo dei documenti di trasporto della merce e l'attività di vigilanza sull'esercizio dell'attività di guida e di trasporto, il contesto economico dell'autotrasporto e l'organizzazione del mercato.

11 La parte speciale del programma teorico per candidati al conseguimento della CQC per trasporto persone approfondisce invece alcuni aspetti specifici che riguardano: l'uso delle infrastrutture, il trasporto di persone e di gruppi specifici di persone (bambini, persone diversamente abili, ecc.), le dotazioni di sicurezza dei veicoli, il contesto economico dell'autotrasporto e l'organizzazione del mercato. La parte pratica del programma (20 ore) consiste nella guida dei veicoli delle categorie C, CE, D, DE nelle diverse condizioni (autostrada, di notte, ecc.) e nell'uso di specifici dispositivi ed attrezzi (catene da neve, montaggio del pneumatico di scorta, cronotachigrafo, ecc.) oltreché nel perfezionamento dello svolgimento di alcune manovre che richiedono adeguata preparazione del conducente (slalom, retromarcia, frenata, passaggio stretto, ecc.). Inoltre, sono previste esercitazioni pratiche: di sistemazione del carico, uso del cambio, del freno del freno motore, del rallentatore e degli estintori per gli aspiranti alla CQC per trasporto cose, per la sistemazione dei bagagli, per l'utilizzo dei sistemi di emergenza, degli estintori, del freno motore e del rallentatore per aspiranti alla CQC per trasporto persone Programma d'esame della formazione periodica Il programma d'esame della formazione periodica è solo teorico e comprende: una parte comune (21 ore) che riguarda: - dispositivi del veicolo e la guida, - norme di comportamento e responsabilità del conducente, - rischi professionali; una parte speciale (14 ore) per titolari di CQC per trasporto cose che riguarda carico e scarico delle merci e norme sul trasporto di cose, una parte speciale (14 ore) per titolari di CQC per trasporto persone che verte sui compiti del conducente nei confronti dell'azienda e dei passeggeri e sulle norme che riguardano il trasporto di persone CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE (CAP) Il certificato di abilitazione professionale (CAP) associato alla corrispondente categoria di patente, è richiesto attualmente (1) per la guida di: motoveicoli di massa complessiva fino a 1,3 t adibiti a servizio pubblico di piazza o a noleggio con conducente (associato alla patente A); taxi, autovetture e motoveicoli (oltre 1,3 t) da noleggio con conducente (associato alla patente B); autovetture con rimorchio adibite a noleggio con conducente per cui necessita la patente BE (associato alla patente BE); autocarri, autotreni e autoarticolati di massa complessiva superiore a 7,5 t per minori di anni 21, qualora non adibiti ad uso professionale (9); autobus e autosnodati in servizio di linea o di noleggio con conducente o per il trasporto di scolari (associato alla patente D o DE) (questo tipo di CAP andrà sostituito dalla CQC). Il certificato di abilitazione professionale (CAP): è strettamente subordinato all'esistenza e alla validità della patente cui si riferisce, perdendo automaticamente validità ed effetto con la revoca o la sospensione della patente stessa; è rilasciato previa visita medica tendente ad accertare la persistenza dei requisiti necessari al rilascio della patente di guida a cui il CAP si associa e non può essere rilasciato ai disabili fisici (7); è rilasciato dall'umc a seguito di esame teorico ai titolari di patente della corrispondente categoria; ha validità di 5 anni: alla scadenza (e comunque in occasione della conferma di validità della patente) il documento è confermato dall'umc previo accertamento dei requisiti fisici e psichici (4). Per chi ha superato i 65 anni la validità può essere inferiore se così dispone la commissione medica locale.

12 Tuttavia: i KD non verranno più rilasciati a partire dal ; da tale data è obbligatoria la CQC per trasporto di persone; i KC non verranno più rilasciati a partire del ; da tale data è obbligatoria la CQC per trasporto di cose; i KD e le patenti C conseguiti dal (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) non possono essere convertiti in CQC per documentazione (v. inpratica ). Quiz per l'esame: (MH001, MH003, VH001, VH003, VH056) Tipi di CAP Il CAP è necessario per la guida dei seguenti veicoli (3): tipo KA: motoveicoli di massa complessiva fino a 1,3 t adibiti a servizio pubblico di piazza o a noleggio con conducente (associato alla patente A); tipo KB: - taxi, autovetture e motoveicoli (oltre 1,3 t) da noleggio con conducente (associato alla patente B); - autovetture con rimorchio adibite a noleggio con conducente per cui necessita la patente BE (associato alla patente BE); tipo KC (è l'unico CAP che può essere rilasciato ai minori di 21 anni): - autocarri con massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 t, se il conducente non ha compiuto 21 anni (associato alla patente C); - autoarticolati, autotreni, autosnodati con massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 t, se il conducente non ha compiuto 21 anni (associato alla patente CE); tipo KD (valido anche come KB) per la guida a carico di autobus in servizio di linea o di noleggio con conducente o per il trasporto di scolari (questo tipo di CAP andrà sostituito dalla CQC). I veicoli che richiedono KA e KB, quando viaggiano scarichi e senza passeggeri per l'effettuazione di operazioni di manutenzione, o comunque non svolgono il servizio a cui sono destinati, possono essere guidati senza CAP. Per il CAP si applica il principio di contenimento per cui il KB vale anche come KA (8). Il CAP di tipo KC e KD per la guida di veicoli ad uso professionale (12) è sostituito dalla CQC (carta di qualificazione del conducente) a decorrere dal: 10 settembre 2008 per il trasporto persone, 10 settembre 2009 per il trasporto di cose. Quiz per l'esame: (MH002, VH010) Rilascio del CAP Il CAP è rilasciato dall'umc ai titolari di patente della corrispondente categoria a seguito di esame teorico. È prevista la possibilità di convertire l'eventuale certificato di abilitazione professionale rilasciato dallo Stato estero (5). La richiesta di conversione del CAP deve essere presentata contemporaneamente a quella di conversione della patente estera (6). Il CAP verrà però rilasciato dopo il conseguimento della patente nazionale, previa esibizione della stessa. Il CAP estero, se costituito da un documento a sé stante, non viene ritirato Modalità di svolgimento dell'esame L'esame è solo teorico e viene svolto in forma orale davanti ad un ingegnere dell UMC (Ufficio Motorizzazione Civile) del Ministero dei trasporti. Dal programma di esame sono esclusi gli argomenti che il candidato deve già conoscere in base alla categoria di patente e alle abilitazioni possedute. Tuttavia, come espressamente stabilito dal DTT, l esame può essere preceduto, a scopo propedeutico, anche da domande che fanno parte del programma per il conseguimento delle patenti di guida delle categorie A e B (42).

13 Programma d'esame Il programma di esame per il conseguimento del CAP (art. 310 regolamento CDS) è riportato in dettaglio nell'appendice I al titolo IV del regolamento di attuazione del Codice e comprende la conoscenza di vari argomenti, tra cui: A Conoscenza della struttura del veicolo e sue parti: 1 struttura e funzionamento dei motori a combustione interna, 2 lubrificanti e difese antigelo, 3 precauzioni da prendere per cambiare le ruote, 4 struttura, montaggio, uso e manutenzione dei pneumatici, 5 dispositivi di frenatura, dispositivi di accoppiamento dei rimorchi, 6 capacità di individuare i guasti, 7 capacità di riparare piccoli guasti, 8 manutenzione preventiva del veicolo; B Elementi generali in materia di trasporti e di amministrazione: 1 capacità di usare carte stradali, 2 uso economico del veicolo, 3 misure da prendere in caso di incidenti per quanto riguarda l'assicurazione del veicolo, 4 elementi della legislazione nazionale per il trasporto di merci (argomento escluso per KA e KB), 5 responsabilità del conducente per presa in consegna e trasporto merci (argomento escluso per KA e KB), 6 tecniche di carico e scarico (argomento escluso per KA e KB), 7 precauzioni da prendere per il trasporto di merci pericolose (argomento escluso per KA e KB), 8 documentazione prescritta per il trasporto di merci anche oltre frontiera (argomento escluso per KA e KB), 9 legislazione applicabile al trasporto delle persone, 10 responsabilità del conducente connessa con il trasporto di persone, 11 documenti relativi a veicoli e viaggiatori all'interno del Paese e al passaggio della frontiera. Dal programma di esame sono esclusi gli argomenti che il candidato deve già conoscere in base alla categoria della patente e alle abilitazioni possedute. Per i vari tipi di CAP gli argomenti sono poi limitati ai tipi di veicoli cui il certificato specificamente abilita. Per KA e KB sono esclusi gli argomenti del settore B dal punto 4 al punto 8. Per i titolari di patente E sono esclusi gli argomenti del settore A SITUAZIONE TRANSITORIA: DAL CAP ALLA CQC Nelle more dell'entrata a regime della nuova disciplina che stabilisce l'obbligo della CQC per i conducenti che effettuano trasporti professionali con veicoli per la cui guida è richiesta la patente di categorie D, DE (trasporto persone) a decorrere dal e C, CE (trasporto cose) a partire dal si possono individuare le seguenti date di riferimento per le abilitazioni già rilasciate e per quelle da rilasciare:

14 CAP KD e patenti C conseguiti fino al (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) possono essere convertiti (rilascio per documentazione) rispettivamente in CQC per trasporto persone e CQC per trasporto cose entro tre anni da tale data secondo il calendario stabilito con il citato decreto (v. in Pratica ); CAP KD e patenti C conseguiti dal (40) (data di entrata in vigore del DD n. 371/2007) non possono essere convertiti in CQC; CAP KD non verranno più rilasciati a partire dal ; CAP KC per trasporto professionale non verranno più rilasciati a partire del ; CAP KC, KD e patente C, CE già rilasciati conservano la validità fino a quando non vige l'obbligo della CQC; CAP KD possono essere convertiti in CAP KB contestualmente alla richiesta di conversione del CAP KD in CQC oppure possono essere utilizzati per svolgere l attività di taxi o di noleggio di autovettura con conducente fino alla scadenza, dopodiché devono essere sostituiti MODELLO DI CARTA DI QUALIFICAZIONE La carta di qualificazione del conducente (modello 722 F) si compone di due facciate (31) (32): la prima facciata contiene: - cognome e nome del titolare, - data e luogo di nascita del titolare, - data di rilascio e di scadenza; la data di scadenza della CQC è riferita all'abilitazione che scade prima nel caso in cui il titolare sia i possesso della CQC per trasporto persone e della CQC per trasporto cose (32), - numero della patente, - numero di serie, - fotografia del titolare, - categorie di veicoli per i quali il conducente risponde agli obblighi di qualificazione iniziale e formazione periodica; la seconda facciata contiene: - Codice comunitario, - eventuali annotazioni, - spiegazioni dei codici. Documento desunto da EGAF Edizioni

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014) Disposizioni in materia di corsi di qualificazione iniziale e formazione periodica per

Dettagli

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO 11 del 02/12/2010

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO 11 del 02/12/2010 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD-OVEST AI DIRETTORI DEGLI UFFICI MOTORIZZAZIONE

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

DOMANDA PER MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE

DOMANDA PER MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE Mod.TT 746 C MINISTERO DEI TRASPORTI DOMANDA PER CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE TIPO CERTIFICATO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ADR TIPO CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE TRASPORTO PERSONE

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli