CHIMICA. Formulario. Per il corso di Chimica di Scienze Geologiche. con elementi di FantaChimica 1 V

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIMICA. Formulario. Per il corso di Chimica di Scienze Geologiche. con elementi di FantaChimica 1 V6.0-2002"

Transcript

1 Formulario V di CHIMICA co elemeti di FataChimica 1 by Adriao Nardi - Uiv. di Roma La Sapieza - V.O. Per il corso di Chimica di Scieze Geologiche 1 FataChimica = chimica empirica appositamete studiata per risolvere i problemi i modo rapido e meccaico seza troppi perché. Le regole fatachimiche soo qui riportate etro riquadri a tratto itero. Si rede oto che le leggi della Fatachimica, pur portado a risultati corretti, soo malviste dal corpo docete. Si declia ogi resposabilità circa gli effetti diseducativi, le reazioi egative degli isegati e gli evetuali errori causati dall uso scorretto, arbitrario o o poderato delle suddette leggi.

2 Valeze: i geerale Gas Nobili 0 Zico 2 Gruppo N.O. (valeza) Idrogeo 1 Mercurio 1,2 I +1 Cromo 2,3,6 Argeto 1 II +2 Magaese Rame 1,2 III +3 Ferro 2,3 Piombo 2,4 IV (-4) Nichel 2,3 Ossigeo -1,-2 V (-1) VI (+2) VII Valeza: il di atomi di H co il quale u atomo di u dato elemeto si combia o reagisce. Esistoo 5 pricipali classi di Composti: Ossidi Metalli + O 2 Ossidi Basici + H 2 O Idrossidi + Sali NoMetalli + O 2 Ossidi Acidi + H 2 O Acidi Aidridi Basi I corsivo è la omeclatura tradizioale Nomeclatura IUPAC (composti iorgaici): Prefisso Suffisso Ossidi e Acidi: IPO yyyy OSO (-) - yyyy OSO - yyyy ICO PER yyyy ICO (+) Sali: IPO yyyy ITO (-) - yyyy ITO di XXX - yyyy ATO PER yyyy ATO (+) Valeza Valeza Costruire la Formula (schema fatachimico): Composti: Biari metodo della Crocetta Terari IDROSSIDI comeeibiariusadoilmetodo della Crocetta ACIDI Si parte + H + col metodo della Sora Peppa dall Ossiaioe SALI + Me + col metodo della Crocetta Regola geerale: tutti i composti devoo risultare sempre elettricamete eutri 2

3 Composti Biari : Gli OSSIDI soo composti di u qualuque elemeto (metallo o o-metallo) co l ossigeo ello stato di valeza -2. La forma geerica è XO combiati secodo la regola della crocetta: m+ - Regola della Crocetta: X Y esempio: Al 3+ O 2- Al 2 O 3 m il composto è eutro ifatti 2 (+3) = 6 e 3 (-2) = -6 se m e soo divisibili per uo stesso umero la formula si semplifica: S 2 O 6 = SO 3 Composti Terari: Gli IDROSSIDI soo composti formati da u metallo e lo ioe (OH) - : Me(OH) Si applica ache i questo caso il metodo della crocetta tra metallo e ioe come se fosse u composto biario: esempio: Mg 2+ (OH) - Mg(OH) 2 Me m+ Gli ACIDI soo composti formati da idrogeo co valeza +1, u o-metallo, e l ossigeo ella valeza -2. La forma geerica è: HNmO Regola della sora Peppa: sommo le cariche positive, divido per due e il risultato lo attribuisco ad O. Se la somma delle cariche positive NON è divisibili per due allora aggiugo u H e riprovo. H + I +5 O -2 HIO 3 H + C +4 O -2 H 2 CO 3 I SALI soo composti formati dall ossiaioe di u Acido e il metallo di u Idrossido. La forma geerica è MeNmO. I pratica si stacca l H dall acido e al suo posto si aggacia il metallo dell idrossido. Bisoga calcolare che la carica complessiva dell ossiaioe deve eutralizzare quella del metallo. I due membri vao combiati co il metodo della crocetta. Esempio: Carboato di Magesio Mg 2+ + (C 4+ O 2- ) 2+ Mg 2+ + (C 4+ O 2-3) 2- Ifatti: Mg(OH) 2 + H 2 CO 3 = MgCO 3 + 2H 2 O (OH) - m Esempio: H + a X +x O -2 b metallo ossiaioe Si aumetao gli atomi di O perché è quello che ha carica egativa. Co 3O la carica complessiva è -2 e eutralizza quella del Mg. dove: b = (a + x) / 2 oppure: b = (2a + x) / 2 La carica complessiva dell ossiaioe è 2 ma per eutralizzare la +2 del Mg occorre u ossiaioe co carica -2 ATTENZIONE: alcui composti hao la tedeza ad iglobare acqua atmosferica. Si avrao i questo caso due versioi del composto: Occorre allora aggiugere H 2 O ella formula di alcui composti, tra cui quelli co acqua orto... composto ormale coteeti: seza acqua meta... solo i laboratorio Boro, Fosforo, Arseico, Silicio 3

4 Altri composti (più esotici): Gli IDRACIDI (V.N.) soo composti biari dell idrogeo (valeza sempre +1) co u o-metallo (acidi biari). Seguoo ach essi la regola della crocetta. La forma geerica è HNm e predoo il suffisso idrico. Esempio: HF = acido fluoridrico Gli IDRURI (IUPAC) soo acora composti biari dell idrogeo e seguoo la regola della crocetta. Si dividoo i idruri covaleti (H ella valeza +1) e idruri salii (H co valeza -1). La forma geerica è HX e il ome idruro di X. SALI BINARI: soo biari perché proveieti da u Idracido. La forma geerica è: MeNm e predoo il ome di Nmuro di Me. I SALI ACIDI soo quelli i cui rimae qualche H dall acido. Nella omeclatura predoo la desieza bix, idrogeox, moo/bi acido o moo/di idrogeo. Esempi: Na 2 HPO 4 bifosfatodisodio o idrogeofosfatodisodio o fosfato mooacido di sodio NaH 2 PO 4 diidrogeofosfatodisodio o fosfato biacido di sodio I SALI DOPPI soo quelli formati da due ossidi e u acido e quidi coterrao due metalli e u o metallo. Predoo la desieza doppio. Esempio: NaKSO 4 solfato doppio di sodio e potassio PEROSSIDI: ossidi i cui l O ha eccezioalmete valeza -1. SUPEROSSIDI: ossidi i cui l O ha eccezioalmete valeza -1/2. Esempi di omeclatura e formule: FeO ossido ferroso Fe(OH) 2 idrossido ferroso Fe 2 O 3 ossido ferrico Fe(OH) 3 idrossido ferrico H 2 SO 3 acido solforoso HNO 2 acido itroso H 2 SO 4 acido solforico HNO 3 acido itrico H 2 SiO 3 acido metasilicico H 4 SiO 4 acido ortosilicico HPO 2 acido fosforoso HPO 3 acido metafosforico H 3 PO 3 acidoortofosforoso H 3 PO 4 acido ortofosforico ipoiodito di calcio Ca(IO) 2 metaarseito di allumiio Al(AsO 2 ) 3 mooh ortoborato di Na Na 2 HBO 3 itrito di magesio Mg(NO 2 ) 2 bisolfito ferrico Fe(HSO 3 ) 3 perclorato di bario Ba(ClO 4 ) 2 idrossido di allumiio Al(OH) 3 solfato di allumiio Al(HSO 4 ) 3 aidride solforosa (V.N.) SO 3 aidride fosforosa (V.N.) P 3 O 2 ammoiaca (V.N.) NH 3 fosfia (V.N.) PH 3 soda caustica (V.N.) NaOH ioe Ammoio (NH 4 ) + ioe Acidato (CH 4 COO) - ioe Ossalato (C 2 O 4 ) -2 acido formico HCOOH 4

5 Coversioi : K = C 1 Atm = 760 Torr = Pa - 1 Pa = 9, Atm 1 Torr = 0,00131 Atm = 133,3 Pa = 1mm Hg a 0 C 1l = 1 dm 2 Rapporti poderali: Numero Atomico: Z = N di elettroi (= N dei protoi) è il umero d ordie della tavola periodica. Peso Atomico: P.a. = massa rapportata ad 1/12 dell atomo di C (P.a. del H = 1) Peso Molecolare: P.m. = somma dei pesi atomici degli atomi che compogoo la molecola. Peso Formula: P.f. = somma dei pesi atomici ei composti ioici (che o soo molecole discrete). Peso Equivalete: P.eq. = quatità i peso che reagisce co 1g di H (P.eq. O = 8,00 g) il Peq di ua sostaza che si forma o reagisce i ua reazioe di Idrolisi = Pf / e - Peq valeza = Pa N di equivaleti: N.e. = g / Pe Mole: Neutralizzazioe = Pm / H + Ossidoriduzioe = Pm / e - 1 mole di etità = u umero di Avogadro di pezzi = 6, pezzi Grammoatomo: quatità i g Pa Grammomolecola: quatità i g Pm Grammoformula: quatità i g Pf Peso di ua mole di ua sostaza: quatità i g peso atomico, molecolare o formale N di moli: = grammi di sostaza / peso di ua mole = g / Pa = g / Pm = g / Pf Molarità: M = / V l = g / (Pm V l ) (umero moli di soluto i 1l di soluzioe) Formalità: F = Pf / V l (umero di Pf di soluto i 1l di soluzioe) Normalità: N = Ne / V l = g / (Peq V l ) (umero di equivaleti i 1l di soluzioe) Molalità: m = / Kg (umero moli di soluto i 1Kg di solvete) Leggi dei Gas Ideali: L. di Boyle: P 1 V 1 = P 2 V 2 quado T = K L. di Charles: P 1 / T 1 = P 2 / T 2 quado V = K L. di Gay-Lussac: V 1 / T 1 = V 2 / T 2 quado P = K Equazioe di stato: per moli di Gas si ha: P V = R T ovvero P V / T = P V / T (date tutte le codizioi iiziali e due delle fiali) P V = (g / Pm) R T dove R = 0,0821 se la pressioe è i Atm e il volume è i l dove R = 82,1 se la pressioe è i Atm e il volume è i ml Desità: d = g / V d = P Pm / R T e tra due gas a P e T costati: d a / d b = Pm a / Pm b L. di Dalto: P tot = P 1 + P P (i ua miscela la P totale = somma delle P parziali dei sigoli gas) P Parziale: P 1 = ( 1 / ) P tot dove: 1 = moli di u compoete = moli tot. della miscela dove: P=Atm, V=l, T= K P 1 = P (v 1 / V) dove: v 1 = volume che il compoete occuperebbe da solo a P e T V = volume della miscela a P e T, somma dei volumi parziali [Gas alle stesse codizioi hao = 1 mole di qualsiasi gas a C.N. (P=1Atm, T=0 C) occupa V=22,4l] (T è sempre i K) ( 1 / ) = X Frazioe Molare 5

6 Dissociazioe Elettrolitica (vale ache per la D.Termica): Data la reazioe cab aa + bb se si hao iizialmete moli di reagete, x delle quali si dissociao (grado di dissociazioe α) formao υ particelle, all equilibrio si otterrà: moli di AB iiziali = = moli di A formate = aα = ax moli di B formate = bα = bx moli di AB residue = - cα = - cx moli tot dei soli prodotti = αν = xν moli totali all equilibrio = [1+α (ν-1)] Grado di dissociazioe: α = d / i (α = moli dissociate / moli iiziali) Moli di reageti dissociate: x = α N di paricelle prodotte: ν = a + b Costate di Dissociazioe: K E = (c α 2 ) / (1 - α) legge di diluizioe di Ostwald K E c α 2 per gli elettroliti poco dissociati (α << 1) (dove c = /V e α = moli dissociate / moli iiziali) Costate di dissociazioe (Prodotto Ioico) dell acqua: K W = [H + ] [OH - ] = Nella dissociazioe di elettroliti deboli tutte le proprietà colligative (P, K eb, K cr, π) vao calcolate moltiplicado il valore per il fattore di correzioe: [1 + α(υ-1)] dove α = grado di dissociazioe e υ = umero di ioi formatisi Nella dissociazioe di elettroliti forti (sali, molecole ioiche) la dissociazioe è totale (α=1) e le proprietà colligative (P, K eb, K cr, π) vao calcolate moltiplicado per il fattore di correzioe: υ = umero di ioi formatisi Soluzioi: Frazioe Molare: X = 1 / (rapporto tra moli di u compoete e moli totali) % i peso: g di soluto coteuti i 100g di soluzioe % = g a 100 / g tot % i volume: ml di soluto coteuti i 100ml di soluzioe % = ml a 100 / ml tot NB: la somma delle % i peso dei dei vari compoeti è 100% ma o è sempre così per la somma delle % i volume. Soluzioi Titolate: Ne della soluzioe titolata = Ne della soluzioe da titolare (Vedi ache pag.9 Titolazioi ) V 1 N 1 = V 2 N 2 dove V è il volume i litri e N la ormalità (=Eq/l) L. di Raoult: P = P a X a + P b X b + P c X c +... dove P a, P b, P c, soo le tesioi di vapore dei compoeti puri A, B, C, a quella T e X a, X b, X c, soo le rispettive frazioi molari. Si ha ioltre: Tesioe di Vapore (P) di u solido o di u liquido, data ua T, è la pressioe della fase vapore i equilibrio co la fase solida o liquida cosiderata P - P / P = X b P - P / P = g b Pm a / g a Pm b Pm b = (P g b Pm a ) / ( P g a ) Pm b = peso molecolare soluto Ialz. Ebullioscopico ed Abbass. Crioscopico: t = K eb m Qui le temperature i C! m = molalità t = K cr m t = differeza tra il puto di ebollizioe o cogelameto della soluzioe e quello del solvete puro Presioe Osmotica: π = c R T dove: C = / V ovvero la cocetrazioe i moli/litro se V è i litri e R = 0,0821 la pressioe osmotica π verrà espressa i Atm P = Tes. di vapore solvete puro; X b = fraz. Mol. Soluto o volatile per soluzioi diluite; g a = grammi solvete puro L abbassameto della pressioe di vapore, l ialzameto ebullioscopico, l abbassameto crioscopico e la pressioe osmotica soo proprietà che dipedoo dal umero di particelle di soluto e vegoo perciò dette colligative 6

7 Equilibri di Solubilità: Ab solido A + + B - Prodotto di Solubilità: K S = costate = [A + ] [B - ] (di u elettrolita forte poco solubile) K S = S S dove S = Solubilità (Moli/Litro) Effetto dello Ioe Comue: esempio: AgCl (s) pag + + q Cl - cosiderado che: [Ag + ] = S + C AgNO 3 Ag NO 3 [Cl - ] = S avremo: K S = S q (C + S) p da cui, quado C >> S: K S SC ATTENZIONE: i questo caso occorre cosiderare come misura della solubilità solo la cocetrazioe dello ioe che deriva esclusivamete dalla dissociaxzioe dell elettrolita poco solubile. Solubilità dei Gas ei Liquidi: Legge di Hery: S = cost P dove P = Pressioe Parziale del Gas, il valore cost dipede da T V G /V L = cost RT dove V G = Volume del Gas e V L = Volume del Liquido ATTENZIONE: la legge è valida solo per Gas che NON reagiscoo co il solvete Costate di Equilibrio: data la reazioe A + B C + D avremo: [C] [D] K C = K X = K P = K P = [A] [B] X C X D X A X B P C P D P A P B P tot X C P tot X D P tot X A P tot X B valida per reazioi i fase gassosa o i soluzioe dove [x] = cocetrazioe molare del reagete x valida per reazioi i fase gassosa o i soluzioe dove X = frazioe molare = moli compoete / moli miscela valida solo per reazioi i fase gassosa dove P X = pressioe parziale del compoete x valida solo per reazioi i fase gassosa dove X = frazioe molare = moli compoete / moli miscela L attività di ua sostaza pura allo stato solido o liquido = 1 N.B.: la costate di equilibrio dipede sempre soltato dalla temperatura K P = K C (R T) se = 0 K P = K C K P = K X P tot se = 0 K P = K X = C + D - ( A + B ) (cosiderare solo i compoeti gassosi) Idrolisi salia: data la molecola ioica AB e la reazioe: AB + H 2 O HB + A + + OH - avremo la reazioe di idrolisi: B + H 2 O HB + OH - poiché A di fatto o ha reagito Grado di Idrolisi: β = (K i /C) (è dell ordie di ) Costate di Idrolisi [HB] [OH - ] K i = [B] o ache: K i = K w /K debole per u sale proveiete da u costituete debole (acido o base) K i = K w /(K a K b ) per u sale proveiete da acido e base etrambi deboli. 7

8 Termodiamica: Eergia Libera: G = H - T S G = H - T S dove H = Etalpia e S = Etropia per G < 0 la reazioe è spotaea (esotermica) per G = 0 la reazioe è all equilibrio per G > 0 la reazioe o è spotaea (edotermica) E. Libera Stadard: G = - R T l K * = -2,30 R T log 10 K * Equazioe di Va t Hoff: log(k p1 / K p2 ) = -( H /2,3R) (1/T 1-1/T 2 ) T = K R=1,98 cal/grado co: T 1 >T 2 Equazioe di Boltzma: N E =N e -E/RT dove N E = umero di molecole co eergia E sulle N preseti Equazioe di Clapeiro: dp/dt= H/T V ovvero log P 2 / P 1 =( H/2,303R)(1/T 1-1/T 2 ) Acidi e Basi: ph = - log [H + ] [H + ] = 10 -ph poh = - log [OH - ] [OH - ] = 10 -poh ph + poh = 14 ph = 14 - poh e poh = 14 - ph Acidi e Basi Forti = che si dissociao totalmete Acidi e Basi Mooprotici = che dissociao u solo H + o OH - Pricipali Acidi Forti: HClO 4 HNO 3 HCl HBr HI H 2 SO 4 H 2 SCO 4 HSCN HIO 3 Soluzioi di Acidi e Basi Forti: ph = - log c se c > 10-6 M [H + ] 2 - c [H + ] - K W = 0 se c < 10-6 M Soluzioi di Acidi Mooprotici Deboli: HA + H 2 O H 3 O + + A - [H + ] = ( K a c ) quado K a < 10-3 o c > 10-3 [H + ] 2 + K a [H + ] - c K a = 0 quado K a > 10-3 o c < 10-3 qualora fosse oto α [H + ] = α c e ph = - log α c Soluzioi di Basi Mooprotiche Deboli: B + H 2 O BH + + OH - [OH - ] = ( K b c ) quado K b < 10-3 e c > 10-3 [OH - ] 2 + K b [OH - ] - c K b = 0 quado K b > 10-3 e c < 10-3 qualora fosse oto α [OH - ] = α c e poh = - log α c Soluzioi di Acidi Poliprotici Deboli: [H + ] c quado K a < 10-3 [H + ] 2 + K a [H + ] - c K a = 0 quado K a > 10-3 Per acidi e basi Mooprotici M = N Pricipali Basi Forti: NaOH KOH LiOH Ca(OH) 2 Ba(OH) 2 RbOH CSOH SrOH 2 TlOH dove: C = cocetrazioe iiziale dell acido o della base solo per i poliprotici: ph = - log 2c Cosiderare solo la prima ioizzazioe. Quado Kc è molto piccolo (tipo 10-7 ) si avrà Ka = [acido dissociato] Soluzioi Tampoati (quado ho i soluzioe u sale + il suo compoete debole): Acido Debole + suo Sale: [H + ] = K a (c a / c s ) ph = - log K a + log (c s / c a ) Base Debole + suo Sale: [OH - ] = K b (c b / c s ) poh = - log K b + log (c s / c b ) Miscela di Sali di Acido Polibasico: [H + ] = K a (c 1 / c 2 ) ph = - log K a + log (c 2 / c 1 ) ( c 1 = cocetrazioe acido di I ioizzazioe c 2 = cocetrazioe. acido di II ioizzazioe ) 8

9 Equilibri Acido-Base i Soluzioi Salie (quado metto sale i acqua): sale di Acido Forte + Base Forte PH = 7 (soluz. eutra) sale di Acido Debole + Base Forte K b = K W / K a [OH - ] = ( K b c ) (soluz. basica) sale di Acido Forte + Base Debole K a = K W / K b [H + ] = ( K a c ) (soluz. acida) sale di Acido Debole + Base Debole [H + ] = [K W (K a / K b )] ; PH = 7 - ½ log K a + ½ log K b sali di Acidi Poliprotici ed altri Afoliti [H + ] = [ K a1 (K a2 c + K W ) / (K a1 + c) ] Titolazioi: vedi pag.6 Soluzioi Titolate Idicatori: H Id H + + Id - log ( [Id - ] / [H Id ] ) = ph + log K id Al puto di eq.: [X] (K C s ) se Acido Forte X=H se Base Forte X=OH Oltre il puto di eq.: [X] C sale se Acido Forte X=H se Base Forte X=OH Reazioi di Ossidoriduzioe: ricetta della sora Lella Riscrivere l equazioe molecolare i forma ioica (si dissocio tutti gli elettroliti, egli acidi si separio gli H dall ossiaioe, elle basi si separi il metallo dall OH) si osservi quali elemeti cambiao il umero di ossidazioe. si scriva la semireazioe di ciascuo di questi elemeti sommado l opportuo umero di elettroi all elemeto più positivo per colmare la differeza co l altro si bilacio le cariche e le masse: la somma algebrica delle cariche di destra deve eguagliare quella delle cariche di siistra; a destra e a siistra devoo trovarsi le stesse quatità degli stessi elemeti si scriva a fiaco di ciascua semireazioe il umero di elettroi che è i gioco ell altra. Questo umero verrà usato come fattore di moltiplicazioe per tutti gli elettroliti di quella semireazioe. si riscriva duque l equazioe ioica sommado membro a membro le due semireazioi. Nel far ciò si dovrà ache moltiplicare il coefficiete stechiometrico di ciascuo ioe per il fattore che gli era stato assegato. tralasciado gli elettroi, si ricompogao ora tutti gli elettroliti per riformare tutti i composti che si avevao iizialmete co il coefficiete che e deriva. Si elimiio le quatità uguali di composti uguali evetualmete preseti i etrambi i membri della reazioe. L equazioe molecolare è ora bilaciata. Elettrolisi: L. di Faraday: m = (Q P Eq ) / F dove: m = massa i g della sostaza formatasi Q = quatità di elettricità (I t) P Eq = peso equivalete F = costate di Faraday = Coulomb = 26,80 Ah Pila Chimica: Semireazioe: pox + e - qrid Elettrodo Ox; Rid Ox; Rid Elettrodo A. (-) Cat. (+) Eq. Nerst: E X = E + 0,0592 log f.e.m. = E C - E A co: E C > E A [ox] p [rid] q i realtà va idicato il logaritmo del rapporto delle ATTIVITA : log (a ox ) p (a rid ) q ma per a si possoo usare le cocetrazioi molari per i Liquidi, le pressioi per i Gas e per Solidi e Liquidi Puri a = 1. e - e - Riduzioe Ossidazio Regoletta fodametale OX = specie ossidate = specie ridotta = specie che acquista elettroi = specie co maggior umero di ossidazioe RID = specie riducete = specie ossidata = specie che cede elettroi = specie co mior umero di ossidazioe 9

10 Pila a Cocetrazioe: Me Me c Me c Me Pila dove i semielemeti soo uguali ma le cocetrazioi diverse f.e.m = 0,0592 log I geerale elle Pile: G = - F E C 1 p C 2 p dove: F = K faraday = Coulomb = 26,8 Ah = umero di elettroi scambiati E = E c - E a = differeza tra i poteziali ormali log K = 16,9 E a 25 C se G < 0 la reazioe è spotaea esiste ua f.e.m. Regola del cavolo dove: C 1 > C 2 Se la C è ella specie OX la specie co C=max è al catodo Se la C è ella specie RID la specie co C=mi è al catodo Avverteze e modalità d uso: Questo formulario o comprede tutto il programma ma soltato quello che è idispesabile per l esame di Chimica per Scieze Geologiche, co l esclusioe della chimica orgaica. Lo scopo del formulario è quello di rappresetare u supporto ello svolgimeto degli esercizi ed evetualmete u asso ella maica, el seso letterale, da giocare ell esame scritto. Nel secodo caso si cosiglia di miiaturizzare a partire da pag. 5. La Redazioe o si assume alcua resposabilità circa evetuali dai morali, materiali o cerebrali causati da errori cocettuali o di stampa e più u geerale dall uso proprio o improprio di questi apputi. Si scosiglia vivamete di propagadare co disivoltura le regole fatachimiche. Questo testo è la stampa del file CHIMICA.pdf che è stato prelevato GRATUITAMENTE dal sito WEB: Geologia 2000 [ ] QUESTO TESTO E IL SUO FILE SORGENTE NON POSSONO ESSERE UTILIZZATI A SCOPO DI LUCRO, CIOE' NON POSSONO ESSERE VENDUTI NE' CEDUTI ATTRAVERSO ATTIVITÀ PUBBLICITARIE DI QUALSIASI TIPO SENZA ESPLICITO CONSENSO DELL AUTORE. IN OGNI CASO LA DIFFUSIONE DEVE RISPETTARE L INTEGRITÀ DEL TESTO E LA CITAZIONE CHIARA E COMPLETA DI AUTORE E PROVENIENZA. 10

11 APPENDICE Alcui composti (iorgaici) chiesti all esame: itrato di bario solfuro di argeto mooidrogeo solfito di calcio dicromato di allumiio ortoiodato di magesio itrato di allumiio silicato di magesio solfato di ammoio metaborato di litio carboato di calcio itrato di magesio ortosilato di magesio ortosilicato di sodio metaidrogeo ortofosfato di bario itrito di litio bicarboato di sodio iodato di bario iodato di calcio diidrogeo carboato di magesio itrito di calcio ortoborato di allumiio bisolfito di bario bicarboato di calcio fosfia (V.N.) 11

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE Principi elementari di elettrotecnica Teoria elettronica della materia Pag. 2 La dinamo Pag. 13 Schema teoria Pag.. 3 L alternatore Pag. 14 elettronica Elettricita

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli