EQUILIBRI SIMULTANEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EQUILIBRI SIMULTANEI"

Transcript

1 EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità di acidi o basi forti, o rispetto alla diluizione della soluzione stessa. Se addizioniamo HCl a dell'acqua pura (ph=7) fino ad ottenere una soluzione 10-3 M in HCl, il ph scende a 3. In maniera simile addizionando invece dell'naoh fino ad una concentrazione di 10-3 M il ph salirà fino ad un valore di 11. Aggiungendo le quantità sopra indicate di acido o di base ad una soluzione tampone invece si avrà solo una piccolissima variazione di ph rispetto a quello che aveva la soluzione prima dell aggiunta. Andiamo ad analizzare come agisce una soluzione tampone. Una soluzione tampone è costituita da una miscela di quantità simili di un acido debole (ad esempio HA) e di un suo sale con una base forte, cioè della sua base coniugata (A - ). Se andiamo a considerare quali reazioni avvengono in una tale soluzione, troveremo la reazione di HA con H 2 O, la reazione di dissociazione del sale, la reazione della base coniugata A - con H 2 O oltre alla reazione di autoprotolisi dell acqua. HA + H 2 O H 3 O + + A - (1) (BH)A BH + + A - (2) A - + H 2 O HA + OH - (3) 2 H 2 O H 3 O + + OH - (4) Tali reazioni sono però legate l una all altra in quanto A - è la base coniugata di HA e quindi sappiamo che la K a relativa alla (1) è legata alla K b relativa alla (3) dalla costante relativa alla reazione di autoprotolisi dell acqua (4) e cioè dalla relazione (5): K a(ha) K b(a - ) = K w (5) Per capire perché non si hanno variazioni di ph durante l aggiunta di acidi o di basi forti basterà considerare quindi solo l equilibrio descritto dalla (1) o quello descritto dalla (3) che sono legati l uno all altro dalla reazione (4) in quanto le concentrazioni di [H 3 O + ] e di [OH - ] saranno determinate dal raggiungimento dell equilibrio per tutte e tre queste reazioni. Questo fa si che il ph della soluzione potrà essere calcolato indiferentemente dalla K a(ha) o dalla K b(a - ) in quanto le concentrazioni di tutte le specie in soluzione all equilibrio dovranno soddisfare contemporaneamente tutte le costanti di equilibrio. In genere si considera l equilibrio più spostato verso destra in quanto è esso che influenza tutti gli altri. Quindi, nel caso in cui K a(ha) > K b(a - ) si considerà l equiilibrio (1), se invece K a(ha) < K b(a - ) quindi si considererà l equilibrio (3). L equilibrio di autoprotolisi dell acqa è sempre meno spostato a destra in quanto K w = K a(ha) K b(a - ) e quindi K w < K a(ha) e K b(a - ). Andiamo ora a vedere cosa succede se aggiungiamo ad una soluzione di questo tipo (tampone) in acido o una base forte. Se si aggiunge un acido forte, ad esempio HCl, esso reagirà con la base più forte presente in soluzione che, nel caso di una soluzione tampone, non è l acqua bensì A - (che nei confronti dell acqua funziona da base e quindi è una base più forte dell acqua) formando una certa quantità di HA. Cap13-1

2 HCl + A - HA + Cl - (6) Poiché l HCl non reagisce con l acqua non produce ioni H 3 O + che farebbero variare il ph della soluzione. La piccola variazione di ph, e quindi di [H 3 O + ], che si verifica è dovuta alla riequilibrazione della reazione (1) che si sposterà un po verso destra (aumenta HA prodotto dalla reazione dell HCl con A - e quindi un reagente della reazione) provocando un piccolo aumento di ioni H 3 O + e una conseguente diminuzione degli ioni OH -. HA + H 2 O H 3 O + + A - (1) In questo modo l aggiunta di HCl verrà praticamente, quasi completamente assorbita dall anione A -, e non si avrà una sostanziale variazione di ph. Se invece si aggiunge una base forte, ad esempio NaOH, ad una soluzione tampone, essa invece di reagire con l acqua reagirà completamente con l acido HA presente in soluzione (che è un acido più forte dell acqua) formando una certa quantità di A -. Non si produrranno però ioni OH - che modificherebbero il ph della soluzione. NaOH + HA A - + H 2 O (7) A questo punto l equilibro (1) si riequilibrerà spostandosi minimamente a sinistra in funzione delle nuove concentrazioni di HA ed A - provocando però solo una piccola variazione della concentrazione degli ioni H 3 O + e OH - presenti in soluzione e non modificando sostanzialmente il ph della soluzione. In questo modo l aggiunta di NaOH verrà praticamente, quasi completamente assorbita dall acido HA, e non si avrà una sostanziale variazione del ph della soluzione. Per calcolare il ph di una soluzione tampone è necessario prendere in esame l equilibrio della coppia acido-base coniugata HA/A -. Se la K a(ha) e maggiore della K b(a ) l acido HA è più forte della base A - per cui la soluzione contenente quantità simili di HA e A - sarà acida; sarà quindi conveniente calcolare la concentrazione di H 3 O - presente in soluzione prendendo in esame la reazione (1): HA + H 2 O H 3 O + + A - Inizio C a 10-7 C b Equilibrio C a - x x+10-7 C b + x Se chiamiamo x la quantità di HA che reagisce in soluzione, in quanto dalla dissociazione di HA si formerà una quantità x di H 3 O e una quantità x di A che si andrà a sommare a quella già presente in soluzione. + - HO 3 A K a(ha) = [ HA] (8) Sostituendo nella (8) e considerando x trascurabile rispetto a C a e C b (la presenza di quantità simili di acido e di sale fa si che l equilibrio si sposti pocoe quindi x sia molto piccola), si ottiene: + [ H3O ][ A ] + Cb + x + Cb Ka(HA) = = [ H3O ] = [ H3O ] [ HA] Ca x Ca (9) + Ca [ H 3O ] = Ka(HA) Cb (10) Applicando alla (10) i logaritmi e la convenzione di Sorensen si ottiene: Cap13-2

3 a [ acido] [ ] ph = pk (HA) -log base (11) L'equazione (11) nota come equazione di Henderson-Hasselbach ci dà la possibilità di calcolare il ph di un tampone quando siano note le concentrazioni [HA] e di [A - ], che corrispondono alla concentrazione dell'acido e della base coniugata. Nel caso in cui la K a sia minore della K b converrà invece prendere in esame la reazione di dissociazione della base e la soluzione tampone sarà basica. + [ BH ][ OH ] Ca + x Ca Kb(B) = = [ OH ] = [ OH ] (12) [ B] Cb x Cb Cb OH = K (13) [ ] b Ca Applicando i logaritmi e la convenzione di Sorensen si ottiene: [ base] poh = pk -log (14) acido b [ ] Per calcolare il ph di una soluzione tampone dopo l aggiunta di un acido o di una base forte si considera prima la reazione completa dell acido forte con l anione dell acido debole o la reazione della base forte con l acido debole e quindi si introducono le nuove quantità ottenute di HA e A - nell equazione di Henderson-Hasselbach. Se ad esempio, prepariamo una soluzione tampone formata da acido acetico CH 3 COOH 0.1M e acetato di sodio CH 3 COONa 0.1M, il ph del tampone sarà dato da pk a(ha), cioè da 4.76, essendo la K a(ch3 COOH) uguale a 1.75 x 10-5 M ed essendo [acido] = [sale] = 0.1M. 0.1 ph = log = 4.76 log1 = = 4.76 (15) 0.1 Vediamo quali variazioni subisce il ph quando aggiungiamo alla soluzione HCl o NaOH in modo da ottenere una concentrazione di HCl o di NaOH 10-3 M; una tale aggiunta farebbe variare il ph dell acqua pura di 4 unità in meno o in più. Quando aggiungiamo l HCl questo reagisce con l anione acetato e forma una quantità equivalente di acido acetico secondo la reazione (16): HCl + CH 3 COO - CH 3 COOH + Cl - (16) Inizio C a / Fine / C a C a C a La concentrazione dell acido acetico aumentera di 10-3 M mentre la quantità di anione acetato diminuirà di 10-3 M; quindi il ph sarà dato dalla (17): ph = 4.76 log = 4.76 log = = (17) Quando aggiungiamo l NaOH questo reagisce con l acido acetico e forma una quantità equivalente di anione acetato secondo la reazione (18): NaOH + CH 3 COOH CH 3 COO - + Na + + H 2 O (18) Inizio C b / Fine / C b C b C b La concentrazione dell anione acetato aumentera di 10-3 M mentre la quantità di acido acetico diminuirà di 10-3 M; quindi il ph varierà secondo l'equazione (19): Cap13-3

4 ph = 476. log.. = 476. log. = = (19) In conclusione variazioni di 5 unità di ph possono essere contenute entro valori trascurabili mediante l'uso del tampone. Il tampone acido acetico-acetato di sodio tampona il ph attorno al valore di 4.76, ma è possibile ottenere tamponi con i più diversi valori di ph. Nella Tabella 4 sono riportati i costituenti più comuni di alcune soluzioni tampone. 2. Indicatori Gli indicatori sono sostanze che aggiunte ad una soluzione, ci danno una indicazione sul ph della soluzione stessa. Gli indicatori sono solitamente degli acidi o delle basi deboli, che nella forma indissociata presentano una colorazione e nella forma dissociata, un altra. Se l indicatore è un acido debole (Hind), in acqua subirà la dissociazione: HInd (Colore Acido) + H 2 O H 3 O + + Ind - (Colore Basico) (20) a cui corrisponde la costante di equilibrio acida K a(hind) : + - HO 3 Ind K a(hind) = (21) [ HInd] Poiché l indicatore viene sempre aggiunto in quantità molto piccole, la [H 3 O + ] presente in soluzione non viene influenzata dell aggiunta dell indicatore, ma sarà invece la [H 3 O + ] presente in soluzione che influenzerà l equilibrio dell indicatore. Per cui le concentrazioni relative della specie indissociata e di quella dissociata dipenderanno dal ph della soluzione. + [ HInd ] HO 3 = K (22) - Ind a(hind) Quando [H 3 O + ] = K a(hind) (e quindi ph = pk a ), avremo [HInd]/[Ind - ] = 1 e quindi [HInd] = [Ind - ] e tali condizioni rappresentano il punto di Viraggio, cioè il punto in cui non è possibile distinguere né la colorazione della forma indissociata né di quella indissociata. Potremo distinguere la colorazione di una delle due forme solo quando una di esse è almeno 10 volte l altra. Nel caso si veda la colorazione della specie indissociata HInd dovrà quindi essere: [ HInd + ] HO HO Ka(HInd) Ind K a(hind) (23) E cioè possiamo dire che se la soluzione avrà il colore della specie in dissociata HInd (ColoreAcido), passando ai logaritmi, sarà: + HO 3-10 Ka (24) + -log H3O - log(10k a) -( log10 + lo gka ) - logka -log10 (25) ph pka- 1 (26) Nel caso invece si veda la colorazione della specie dissociata Ind - dovrà essere: [ HInd + ] HO [ H - 3O ] 10 Ka(HInd) Ind K a(hind) (27) Cap13-4

5 e cioè sarà: ph pk a + 1 (28) Gli indicatori più comuni con i relativi ph di viraggio sono riportati nella Tabella 5. Bisogna fare attenzione perché un indicatore non ci dice il ph di una soluzione ma ci dice solamente se il ph della soluzione è maggiore o minore del pk a dell indicatore. Per determinare, per mezzo degli indicatori, il ph di una soluzione, esistono delle soluzioni di indicatori misti o delle cartine imbevute di tali indicatori che contengono diversi indicatori: la soluzione potrà quindi assumere diversi colori a seconda dei diversi punti di viraggio dei diversi indicatori e quindi l indicatore riuscirà a dare una misura approssimata del ph della soluzione. 3. Reazioni acido-base Prendiamo ora in esame che cosa succede quando facciamo reagire in acqua un acido con una base. Prima di tutto bisogna mettere in evidenza che, mettendo in soluzione contemporaneamente un acido e una base, esse reagiranno tra di loro prima di reagire con l acqua, perché se hanno caratteristiche acide o basiche sono di norma più forti dell acqua (K a o K b > ). Inoltre se almeno una delle due è forte, la reazione sarà completa in quanto, se un acido forte reagisce completamente in acqua reagirà ugualmente bene con una base più forte dell acqua; lo stesso vale se forte è la base. a) Acido forte + Base forte Consideriamo come primo caso la reazione di un acido forte come l HCl con una base forte come l NaOH. Si avrà la reazione: HCl + NaOH Na + Cl + H 2 O (29) Potremo avere tre casi diversi: i) La quantità di acido (in moli) è maggiore della quantità di base (x > y) HCl + NaOH Na + Cl + H 2 O (29) F (x y) / y y y Al termine della reazione in soluzione avremo (x-y) moli di HCl, 0 moli di NaOH, y moli di Na e y moli di Cl. Poiché l Na e Cl sono coniugati di una base e un acido forte non daranno reazione di idrolisi e non influenzeranno il ph della soluzione che sarà invece influenzato dalla presenza dell HCl che a questo punto non avendo più NaOH a disposizione reagirà con l acqua e la renderà acida. La soluzione risulterà quindi acida. ii) La quantità di acido (in moli) è minore della quantità di base (x < y) HCl + NaOH Na + Cl + H 2 O (29) F / (y - x) x x x Al termine della reazione in soluzione avremo 0 moli di HCl, (y-x) moli di NaOH, x moli di Na e x moli di Cl. Poiché l Na e Cl sono coniugati di una base e un acido forte non daranno reazione di idrolisi e non influenzeranno il ph della soluzione che sarà invece Cap13-5

6 influenzato dalla presenza dell NaOH che a questo punto non avendo più HCl a disposizione reagirà con l acqua e la renderà basica. La soluzione risulterà quindi basica. iii) La quantità di acido (in moli) è uguale alla quantità di base (x = y) HCl + NaOH Na + Cl + H 2 O (29) F / / x=y x=y x=y Al termine della reazione in soluzione avremo solamente x moli di Na e x moli di Cl che come già detto, non daranno reazione di idrolisi e non influenzeranno il ph della soluzione. La soluzione risulterà quindi neutra. b) Acido forte + Base debole Consideriamo ora invece la reazione di un acido forte come l HCl con una base debole come l NH 3. Si avrà la reazione: HCl + NH 3 NH 4 + Cl + H 2 O (30) Potremo avere tre casi diversi: i) La quantità di acido (in moli) è maggiore della quantità di base (x > y) HCl + NH 3 NH 4 + Cl + H 2 O (30) F (x y) / y y y Al termine della reazione in soluzione avremo (x-y) moli di HCl, 0 moli di NH 3, y moli di NH 4 e y moli di Cl. Poiché lo ione NH 4 è coniugato di una base debole, dà reazione di idrolisi acida: NH 3 + H3O NH + H O (31) e provocherà un aumento della concentrazione di H 3 O in soluzione che sarà però trascurabile rispetto a quello provocato dalla presenza dell eccesso di HCl che è un acido forte e che a questo punto non avendo più NH 3 a disposizione reagirà con l acqua e la renderà acida. La soluzione risulterà quindi acida. ii) La quantità di acido (in moli) è minore della quantità di base (x < y) HCl + NH 3 NH 4 + Cl + H 2 O (30) F / (y - x) x x x Al termine della reazione in soluzione avremo 0 moli di HCl, (y-x) moli di NH 3, x moli di NH 4 e x moli di Cl. Avremo quindi la presenza contemporanea di una base debole (NH 3 ) e del suo acido coniugato NH 4 e quindi saremo in presenza di una soluzione tampone. Il ph risulterà quindi debolmente basico (perché NH 3 è più forte di NH 4 ) e tamponato. b [ base] [ ] poh = pk -log acido (11) iii) La quantità di acido (in moli) è uguale alla quantità di base (x = y) HCl + NH 3 NH 4 + Cl + H 2 O (30) F / / x=y x=y x=y Al termine della reazione in soluzione avremo solamente x moli di NH 4 e x moli di Cl. Poiché, come già detto lo ione NH 4 dà reazione di idrolisi acida, influenzerà il ph della soluzione che risulterà quindi debolmente acida. Cap13-6

7 c) Acido debole + Base forte Consideriamo infine la reazione di un acido debole come il CH 3 COOH con una base forte come l NaOH. Si avrà la reazione: CH 3 COOH + NaOH CH 3 COO + Na + H 2 O (32) Anche in questo caso si avranno tre possibilità: i) La quantità di acido (in moli) è minore della quantità di base (x < y) CH 3 COOH + NaOH CH 3 COO + Na + H 2 O (32) F / (y - x) x x x Al termine della reazione in soluzione avremo (y-x) moli di NaOH, x moli di Na e x moli di CH 3 COO. Poiché lo ione CH 3 COO è coniugato di un acido debole, dà reazione di idrolisi basica: CH COO + H O CH COOH + OH (33) e provocherà un aumento della concentrazione di OH in soluzione che sarà però trascurabile rispetto a quello provocato dalla presenza dell eccesso di NaOH che a questo punto non avendo più CH 3 COOH a disposizione reagirà con l acqua e la renderà basica. La soluzione risulterà quindi basica. ii) La quantità di acido (in moli) è maggiore della quantità di base (x > y) CH 3 COOH + NaOH CH 3 COO + Na + H 2 O (32) F (x y) / y y y Al termine della reazione in soluzione avremo (x-y) moli di CH 3 COOH, y moli di Na e y moli di CH 3 COO. Avremo quindi la presenza contemporanea di un acido debole (CH 3 COOH) e della sua base coniugata (CH 3 COO ) e quindi saremo in presenza di una soluzione tampone. Il ph risulterà quindi debolmente acido (perché CH 3 COOH è più forte di CH 3 COO ) e tamponato. a [ acido] [ ] ph = pk (HA) -log base (11) iii) La quantità di acido (in moli) è uguale alla quantità di base (x = y) CH 3 COOH + NaOH CH 3 COO + Na + H 2 O (32) F / / x=y x=y x=y Al termine della reazione in soluzione avremo solamente, x moli di Na e x moli di CH 3 COO. Poiché lo ione CH 3 COO, come già detto, è coniugato di un acido debole, dà reazione di idrolisi basica e influenzerà il ph della soluzione. La soluzione risulterà quindi debolmente basica. 4. Titolazioni Un modo per determinare la concentrazione di una soluzione acquosa di un acido o di una base, è quello di farne reagire una quantità nota con una soluzione a concentrazione nota rispettivamente di una base o di un acido. Se facciamo infatti reagire, una soluzione di un acido forte (HCl) con una soluzione di una base forte (NaOH), nel momento in cui gli equivalenti di acido contenuti nella soluzione Cap13-7

8 saranno uguali agli equivalenti di base, si avrà in soluzione esclusivamente la presenza di NaCl. Poiché il sale NaCl è un sale che non dà reazione di idrolisi la soluzione sarà neutra, avrà cioè un ph = NaCl Na + Cl (34) + Na + H O 2 + NaOH + H3O (35) Cl + H2O HCl + OH (36) Se ad un volume noto di soluzione dell acido forte (incognita = Analita) aggiungiamo un indicatore che vira a ph intorno a 7 (come il blu di bromotimolo) e aggiungiamo una soluzione di base forte a titolo noto (Titolante) a goccia a goccia, potremo misurare la concentrazione della soluzione dell acido. Nel momento in cui si ha la variazione della colorazione della soluzione, si avrà infatti un ph intorno a 7. Se misuriamo i ml di soluzione basica aggiunti fino a quel momento, essi conterranno tanti equivalenti di base quanti sono gli equivalenti di acido contenuti nella soluzione di acido (se i coefficienti della reazione sono uguali ad 1 l equivalenza vale anche per le moli). Quando l indicatore cambia di colore avremo infatti: equivalenti base = equivalenti acido e quindi: N base x V base = N acido x V acido (38) Poiché conosciamo la concentrazione ed il volume della soluzione basica che è stata aggiunta (Titolante) ed il volume della soluzione acida che abbiamo titolato (Analita) potremo determinare la concentrazione della soluzione acida a titolo incognito: N acido = N base x V base / V acido (39) Questa operazione viene detta titolazione perché permette di determinare il titolo o concentrazione di una soluzione e può essere eseguita con l apparecchiatura descritta nella Figura. Abbiamo fino a qui preso in esame la titolazione di una acido forte con una base forte. Che cosa succederà invece se dovrò titolare un acido debole (CH 3 COOH) con una base forte (NaOH)? In questo caso, al punto equivalente (cioè quando equivalenti base = equivalenti acido ) la soluzione non sarà neutra (ph = 7), ma basica in quanto il sale che si forma (CH 3 COONa) dà reazione di idrolisi basica (vedi Reazioni acido-base c-iii ). Per mettere in evidenza il punto di equivalenza dovremo quindi aggiungere alla soluzione dell acido debole un indicatore che viri a ph basico come la fenolftaleina. Anche in questo caso comunque al punto equivalente avremo l uguaglianza degli quivalenti dell acido con gli equivalenti della base e quindi: N acido = N base x V base / V acido (39) Analogamente nel caso in cui si titoli una base debole (NH 3 ) con un acido forte (HCl), al punto equivalente la soluzione non sarà neutra (ph = 7), ma acida a causa della presenza del sale (NH 4 Cl) che dà idrolisi acida (vedi Reazioni acido-base 8-b ). Cap13-8

9 Per mettere in evidenza il punto di equivalenza dovremo quindi aggiungere alla soluzione della base debole un indicatore che viri a ph acido come il metilarancio. Anche in questo caso al punto equivalente avremo: N acido = N base x V base / V acido (39) Cap13-9

10 Indicatore Tabella 4 - Cambiamento di colore degli indicatori. Colore acido Zona di ph dove il colore cambia pk a Colore basico Blu di timolo rosso giallo Metilarancio rosso giallo Blu di bromofenolo giallo blu Verde di bromocresolo giallo blu Rosso di metile rosso giallo Tornasole rosso blu Blu di bromotimolo giallo blu Rosso di fenolo giallo rosso Rosso di cresolo giallo rosso Blu di timolo giallo blu Fenolftaleina incolore rosa Giallo alizarino giallo rosso Alizarina rosso violetto Tabella 5 - Soluzioni tampone. Acido Base coniugata pk a Intervallo di ph Acido ftalico C 6 H 4 (COOH) 2 Acido formico HCOOH Acido acetico CH 3 COOH Ione idrogenoftalato C 6 H 4 (COOH)(COO ) Ione diidrogenofosfato H 2 PO 4 Acido borico H 3 BO 3 Ione ammonio NH 4 Ione idrogenocarbonato HCO 3 Ione idrogenofosfato HPO 4 2 Ione idrogenoftalato C 6 H 4 (COOH)(COO ) Ione formiato HCOO Ione acetato CH 3 COO Ione ftalato C 6 H 4 (COO ) 2 Ione idrogenofosfato HPO 4 2 Ione tetraborato H 2 BO 3 Ammoniaca NH 3 Ione carbonato CO 3 2 Ione fosfato PO Cap13-10

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio: 1 Acidi e basi Il concetto di equilibrio: Le reazioni chimiche sono generalmente irreversibili (non si può tornare alla situazione di partenza). Un esempio semplificato potrebbe essere il seguente: quando

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05

Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05 Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05 Dall equazione di Henderson-Hasselbalch (H-H), ph = pka + log ([A - ]/[HA]) si ricava che

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

3. METODI CONDUTTIMETRICI

3. METODI CONDUTTIMETRICI 3. METODI CONDUTTIMETRICI Sono metodi basati sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche o delle sue variazioni che si registrano in seguito a reazioni chimiche che modificano

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN 2 Analisi chimica strumentale 47 Lo stesso accade per le titolazioni conduttimetriche. 48 Queste misure, fra l altro, risultano anche più veloci di quelle effettuate vicino al punto di equivalenza perché

Dettagli

Tema: Acidificazione dell Oceano

Tema: Acidificazione dell Oceano Tema: Acidificazione dell Oceano Informazioni sul tema Approssimativamente il 70% della superficie della Terra è coperta dall acqua; ciò spiega perché le acque oceaniche svolgano un ruolo cruciale nei

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

Giochi della Chimica 2003 Fase nazionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2003 Fase nazionale Classi A e B Giochi della Chimica 2003 Fase nazionale Classi A e B 1. Il comportamento di un gas reale può essere assimilato con buona approssimazione a quello di un gas ideale: A) a bassa P e T B) a elevate P e T

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Naturali. Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013

Corso di Laurea in Scienze Naturali. Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013 Corso di Laurea in Scienze Naturali Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013 Prof. Luigi Bencivenni, Prof. Anna Rita Campanelli 1) Il principio attivo dell aspirina comune è l

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Esame del corso di ANALISI DEI Farmaci 1, Laurea Specialistica in CTF Camerino, 4 Giugno 2004

Esame del corso di ANALISI DEI Farmaci 1, Laurea Specialistica in CTF Camerino, 4 Giugno 2004 Esame del corso di AALISI DEI Farmaci 1, Laurea Specialistica in CTF Camerino, 4 Giugno 2004 1) Una bottiglia di HCl ha sull'etichetta i seguenti dati: d = 1,185; percentuale HCl 36,5% (p/p). Calcolare:

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI IMPORTANTI ACIDI DI USO COMUNE ALCUNI IMPORTANTI ESTERI ALCUNI IMPORTANTI ESTERI Riconoscimento del Fosforo

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Selezione per le Olimpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010

Selezione per le Olimpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010 Selezione per le limpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010 1. SALI DPPI Un sale doppio è un sale che cristallizza da una soluzione

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie

L acidità del protone legato al carbonio in α compete con la. quanto accade con gli acidi carbossilici e le ammidi primarie e secondarie CHIMICA ACIDO-BASE DI COMPOSTI CARBONILICI Produzione di enolati: deprotonazione al carbonio in a ad un gruppo carbonilico (aldeidi, chetoni, esteri) L acidità del protone legato al carbonio in α compete

Dettagli

CHIMICA GENERALE E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA

CHIMICA GENERALE E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA 1 CHIMICA GENERALE E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA CHIMICA GENERALE Materia La materia può avere: - Proprietà fisiche: se studiate non comportano trasformazione della materia (es.: temperatura di ebollizione,

Dettagli

AUSILIARI DI TINTURA

AUSILIARI DI TINTURA Appunti di chimica conciaria lasciati dal prof. Mauro Berto AUSILIARI DI TINTURA Vanno sotto tale denominazione tutti quei composti che vengono aggiunti al bagno di tintura, o prima della vera fase di

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

MODULO 10 GLI ACIDI E LE BASI OBIETTIVO: Permettere di conoscere e capire il significato di acidità e basicità di una soluzione liquida.

MODULO 10 GLI ACIDI E LE BASI OBIETTIVO: Permettere di conoscere e capire il significato di acidità e basicità di una soluzione liquida. - Modulo 10 - ( Gli acidi e le basi ) - 449 MODULO 10 GLI ACIDI E LE BASI OBIETTIVO: Permettere di conoscere e capire il significato di acidità e basicità di una soluzione liquida. TARGET: Scuola media

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

TEORIE SULL'ACIDIFICAZIONE DEI VINI

TEORIE SULL'ACIDIFICAZIONE DEI VINI TEORIE SULL'ACIDIFICAZIONE DEI VINI LAVORI REALIZZATI PRESSO IL CENTRO DI INNOVAZIONE DELLA FILERA VITIVINICOLA ERNESTO DEL GIUDICE U.O.S. 35 MARSALA INDICE 1. INTRODUZIONE.. pag. 1 1.1. Definizione e

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi 4x4x4=4 3 =64 codoni 20 aminoacidi 1 Le 20 diverse catene laterali (gruppo R) che costituiscono gli aminoacidi si differenziano considerevolmente per dimensioni, volume e per le loro caratteristiche fisico-chimiche,

Dettagli

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano.

Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. La tecnica redox Un trattato teoretico sull ionizzazione dell acqua e l effetto nel corpo umano. L acqua rappresenta il prodotto chimico più essenziale della vita. Ogni vita dipende dall acqua. Perciò

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese Efficiente Ecologico Economico Varese COME NASCE IL PROGETTO? Vi è mai capitato di faticare per pulire griglie, fornelli, o, a scuola, l attrezzatura del laboratorio di Chimica? Esistono centinaia di detersivi

Dettagli

1.1.1 Classificazione dei metodi analitici. 1.1 La Chimica analitica

1.1.1 Classificazione dei metodi analitici. 1.1 La Chimica analitica Capitolo n 1 1.1 La Chimica analitica La Chimica analitica è la disciplina scientifica che sviluppa e applica metodi, strumenti e strategie per ottenere informazioni sulla composizione e sulla natura chimica

Dettagli

SCAMBIO IONICO TIPI DI RESINE

SCAMBIO IONICO TIPI DI RESINE SCAMBIO IONICO Lo scambio ionico è un processo in cui ioni di una data specie sono sostituiti sulla superficie di un materiale non solubile di scambio ( resina a scambio ionico ) da ioni di una specie

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini DETERMINAZIONE DEL FOSDORO ASSIMILABILE COME P2O5 METODO OLSEN PRINCIPIO Il fosforo viene estratto con una soluzione di NaHCO 3 0.5 N (ph 8.5). Sull estratto il fosforo viene dosato per via spettrofotometrica

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

Imparare dall esperienza. 1. osservare 2. sperimentare. registrare. annotare. disegnare

Imparare dall esperienza. 1. osservare 2. sperimentare. registrare. annotare. disegnare Imparare dall esperienza 1. osservare 2. sperimentare guardare raccogliere registrare ragionare annotare disegnare fotografare osservare Allenare lo spirito di osservazione guardare (ascoltare, annusare)

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti.

La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti. La conducibilità elettrica nelle soluzioni di elettroliti forti. Salvatore Regalbuto e Sonia Formica 8 Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore Quintiliano Siracusa Misurazione della conducibilità

Dettagli

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE (PNLS1) la scienza per una migliore qualità della vita LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD Relazione LAB PLS Chimica dei Materiali 01-07-2011 pag.

Dettagli

LABORATORIO MULTIFUNZIONE

LABORATORIO MULTIFUNZIONE LABORATORIO MULTIFUNZIONE (Chimica Fisica Scienze) ELENCO ESPERIMENTI ATTUALMENTE DISPONIBILI ANALISI LATTE vedi Balestrieri pag. 409 e seguenti DETERMINAZIONE DELL ACIDITÀ TOTALE Si prelevano 20 ml di

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

La Vita è una Reazione Chimica

La Vita è una Reazione Chimica La Vita è una Reazione Chimica Acqua Oro Zucchero Il numero atomico, il numero di massa e gli isotopi numero atomico (Z) = numero di protoni nel nucleo numero di massa (A) = numero di protoni + numero

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

TEST DI CHIMICA. Biochimica

TEST DI CHIMICA. Biochimica TEST DI CHIMICA Biochimica 1. La fotosintesi è un complesso di reazioni chimiche in seguito alle quali si realizza la trasformazione di: A) CO 2 e H 2 O in lipidi e ossigeno B) CO e H 2 O in carboidrati

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

La polarità delle molecole d'acqua è fondamentale.

La polarità delle molecole d'acqua è fondamentale. La ionizzazione dell'acqua e il suo effetto sull organismo umano. L'acqua è uno degli elementi fondamentali della vita, la sua stessa origine è nell acqua e senza di essa nessuna forma di vita può esistere.

Dettagli

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010

Liceo Scientifico L. B. Alberti. Cagliari. Quiz di Chimica. Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008. Anno Scolastico 2009/2010 Liceo Scientifico L. B. Alberti Cagliari Quiz di Chimica Raccolta tratta dai Test di Ammissione in Medicina 2002 2008 Anno Scolastico 2009/2010 Paolo Zucca paolo.zucca@gmail.com DISCLAIMER: I presenti

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 572) 1 I metalli e la metallurgia 1 Quali metalli sono noti dalla Preistoria? oro e argento 2 Completa le seguenti frasi. a) I metalli che si trovano in natura allo

Dettagli

Spettroscopia UV-visibile (parte 2) Bande di assorbimento. Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici

Spettroscopia UV-visibile (parte 2) Bande di assorbimento. Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici (parte 2) Bande di assorbimento Assorbimento UV-vis da parte di proteine ed acidi nucleici Bande d assorbimento Absorbance 1.0 legge di Lambert-Beer A(l)=e l cb 0.5 0.0 350 400 450 Bande d assorbimento

Dettagli

Giochi della Chimica 2013 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2013 Fase regionale Classi A e B 1. Una soluzione è una miscela: A) di due o più componenti, uno liquido (solvente) e uno solido (soluto) B) di due o più sostanze C) omogenea di due o più sostanze D) omogenea liquida di due o più sostanze

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2 Emoglobina (Hb): tetramero (le globine si associano formando due copie di dimeri αβ (α 1 β 1 e α 2 β 2 ) che si associano a formare un tetramero attraverso interazioni idrofobiche, legami H e ponti salini

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

Saggi di riconoscimento dei gruppi funzionali e preparazione dei derivati cristallini

Saggi di riconoscimento dei gruppi funzionali e preparazione dei derivati cristallini Saggi di riconoscimento dei gruppi funzionali e preparazione dei derivati cristallini F. rtuso - Analisi dei Medicinali II Derivati cristallini Il riconoscimento dei gruppi funzionali presenti in un composto

Dettagli