Giunta Regionale della Campania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giunta Regionale della Campania"

Transcript

1 Settore Orientamento, Ricerca, Sperimentazione e Programmazione nella Formazione Professionale Napoli Centro Direzionale, Isola A/6 Tel Fax Prot. n del 28/12/2004 Dirigenti Scolastici Istituti Professionali di Stato LORO SEDI Oggetto: Attività di formazione integrata, III Area, a titolarità del M.I.U.R. c/o gli Istituti Professionali di Stato. Ad integrazione ed esplicitazione di quanto già detto con la nota n. 6511/3 del 24/10/200, allegata alla Delibera n. 4104, e in attuazione di quanto previsto dalla D.G.R. 966 del 02/07/2004 e dalla D.G.R. n del 17/11/2004, tenuto conto della peculiarità degli interventi formativi, si riportano le modalità di gestione e chiarimenti ai quesiti più ricorrenti, al fine di assicurare agli allievi un percorso formativo efficace che garantisca l acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro. Temi trattati: - Organizzazione e gestione delle attività - Valutazione allievi in situazione di handicap - Stage - Prove finali MODALITA OPERATIVE Tutta la documentazione, da trasmettere al Settore Orientamento Professionale, deve essere dattiloscritta, sottoscritta dal Dirigente scolastico, ordinata per singolo corso e deve riportare la denominazione della qualifica, l anno formativo di riferimento e la classe di appartenenza. 1

2 Prima dell avvio delle attività, per ogni corso, tra l altro, l Istituto deve istituire i registri: - registro didattico e di presenza, numerato, timbrato e vidimato dal Dirigente scolastico. Il frontespizio di tale registro deve riportare ogni riferimento utile alla individuazione dell'azione formativa: denominazione della qualifica, anno formativo, durata del corso e classe. Nel registro vanno riportate le firme di entrata e di uscita dei partecipanti, ora di inizio e di termine, le firme dei docenti, materia e argomenti trattati. - registro per attività di stage, numerato, timbrato e vidimato dal Dirigente scolastico - registro rilascio attestati di qualifica vidimato e timbrato dal competente ufficio regionale (Settore Tecnico Amministrativo Provinciale), previa richiesta autorizzativa da rilasciarsi a cura del Settore Orientamento Professionale. Area di indirizzo - Area di professionalizzazione Il biennio dell area di professionalizzazione è curricolare, consente agli allievi degli Istituti Professionali di conseguire, durante la frequenza del IV e V anno, un Attestato di qualifica regionale di II livello, di specializzazione rispetto all area di indirizzo frequentata. Pertanto, le attività della III Area non possono essere concentrate e svolte tutte all inizio dell anno scolastico, in quanto verrebbero a mancare i presupposti per l apprendimento di nuovi contenuti essendo i contenuti dell Area di indirizzo sinergici rispetto a quelli dell Area di specializzazione. Si precisa inoltre che Ai fini del rilascio dell Attestato di qualifica regionale, non sono possibili accorpamenti orizzontali di classi che non siano della stessa tipologia di indirizzo di studi, né accorpamenti verticali di classi IV e V. Pertanto, non saranno autorizzati esami regionali per classi che non abbiano svolto il biennio formativo della III Area regolarmente durante il IV e V anno dell Istituto Professionale. Alla frequenza del primo anno di corso della III Area, deve corrispondere la frequenza del IV anno, al secondo anno di corso deve corrispondere la frequenza del V anno.

3 entro il mese di Settembre I Annualità L Istituto dovrà inviare al Settore O. P., per ogni corso: - una copia del Progetto Formativo, redatto sull'apposito formulario regionale; La figura professionale, e quindi, i contenuti formativi previsti dal progetto, devono essere coerenti e non ripetitivi rispetto all area di indirizzo frequentata dagli allievi del corso. Qualora lo stesso profilo professionale fosse richiesto per più corsi, è sufficiente trasmettere una sola copia del progetto; la progettazione deve essere riferita solo al profilo professionale prescelto, con una struttura moduli/ore uguale per tutte le classi. entro i dieci giorni successivi alla data di inizio delle attività, trasmettere - la comunicazione, sottoscritta dal Dirigente scolastico, della data di inizio attività, specificando per ogni corso la denominazione della qualifica, la classe, la sezione e l indirizzo di riferimento; - l elenco nominativo degli allievi; Per gli allievi diversamente abili, in grado di conseguire gli obiettivi formativi minimi previsti dal progetto, trasmettere, all inizio del IV anno, la certificazione congiunta dell ASL di competenza e dell Istituto relativa all idoneità dell allievo allo svolgimento del ruolo professionale riferito alla qualifica del corso che l allievo sarà ammesso a frequentare. - una sola copia del contratto formativo (modello allegato) sottoscritto da ciascun allievo del corso, una copia del contratto sottoscritto sarà rilasciata ad ogni allievo. - l elenco nominativo dei docenti e tutor scolastico (modello allegato) in caso di difficoltà a reperire tutti gli esperti esterni necessari è possibile ricorrere a docenti aventi documentate esperienze professionali maturate nel mondo del lavoro e della produzione - il calendario delle lezioni con l'indicazione dei moduli e/o discipline insegnate e docenti impegnati; - la scheda di monitoraggio in itinere del corso, con cadenza trimestrale;

4 Stage La scelta dell azienda deve essere coerente con il profilo professionale previsto dal progetto formativo. L effettuazione della fase di stage di 120 ore annue è condizione essenziale per l espletamento delle prove finali. D.G.R. 966 del 02/07/2004: Lo stage, sia organicamente che giuridicamente, è un periodo di permanenza degli utenti in azienda o presso altra realtà lavorativa per finalizzare specifici apprendimenti. Esso è attentamente definito e progettato per quanto riguarda gli obiettivi, i livelli di autonomia, il ruolo/contesto di inserimento, la durata e l articolazione...di norma tutti gli allievi del corso devono partecipare contemporaneamente allo stage. Preferibilmente la collocazione temporale dello stage va prevista nelle fasi intermedie o conclusive del percorso formativo. Lo svolgimento dello stage deve essere documentato da una convenzione o lettera d incarico controfirmata per accettazione, che intervenga tra il soggetto attuatore ed il soggetto ospitante. Detto documento deve contenere i seguenti elementi: - finalità, tipologia e modalità dello stage (durata, frequenza, orario); - riferimento al progetto formativo entro cui lo stage si inquadra - il/i nominativo/i del/i partecipante/i e le mansioni attribuite; - il/i nominativo/i del/i tutor aziendale/i; - i diritti e gli obblighi delle parti. Fra il soggetto ospitante e chi viene ospitato non si instaura alcun tipo di rapporto di lavoro; l ospitato deve essere assicurato contro gli infortuni sul lavoro, nonché per la responsabilità civile.. Gli allievi partecipanti ad un azione formativa possono essere suddivisi in gruppi (per le grandi imprese gruppi da 5 in poi, per le PMI non più di 5 partecipanti). Salvo casi particolari e motivati, le attività non possono prevedere più di sei giorni di lezione alla settimana con un massimo di otto ore giornaliere di lezione... Il diritto al rimborso del pasto si matura oltre le sei ore di lezione. Almeno quindici giorni prima dell inizio dello stage, trasmettere - la comunicazione, sottoscritta dal Dirigente scolastico, della data di inizio stage e azienda convenzionata. - le finalità, tipologia e modalità dello stage (durata, frequenza e orario); - i nominativi dei partecipanti e le mansioni attribuite; - la scheda di presentazione dell azienda convenzionata - il nominativo del tutor aziendale Al termine del primo anno di corso, il Dirigente scolastico deve trasmettere al Settore Orientamento Professionale: - una relazione finale relativa al monte ore effettuato, distinto in ore di teoria e stage, moduli realizzati e competenze acquisite dagli allievi, anche in riferimento allo stage - l elenco degli allievi ammessi al quinto anno con le ore di presenze/assenze individuali. - Una relazione redatta dal tutor su quanto realizzato dagli allievi durante lo stage.

5 II Annualità Entro i dieci giorni successivi alla data di inizio del secondo anno di corso, gli Istituti devono comunicare al Settore Orientamento Professionale: - la data di inizio attività, specificando per ogni corso la denominazione della qualifica, la classe, la sezione e l indirizzo di riferimento, evidenziando eventuali variazioni di classi rispetto al primo anno; - l elenco nominativo dei docenti e tutor scolastico (modello allegato) - il calendario delle lezioni con l'indicazione dei moduli e/o discipline insegnate e docenti impegnati; - la scheda di monitoraggio in itinere del corso, con cadenza bimestrale; Almeno quindici giorni prima dell inizio dello stage, trasmettere - la comunicazione, sottoscritta dal Dirigente scolastico, della data di inizio stage e azienda convenzionata. - le finalità, tipologia e modalità dello stage (durata, frequenza e orario); - i nominativi dei partecipanti e le mansioni attribuite; - la scheda di presentazione dell azienda convenzionata, se diversa da quella già convenzionata per lo stage del primo anno di corso - il nominativo del tutor aziendale Utenza Tutti gli allievi dovranno sottoscrivere il regolamento corsuale per conoscere le modalità di svolgimento dell intervento formativo, le norme di comportamento e le condizioni per l ammissione alle prove finali dell esame di qualificazione regionale. L'allievo deve apporre la firma di presenza negli appositi registri, in entrata e in uscita e sarà ammesso agli esami, se avrà frequentato almeno l 80% delle ore complessive del corso così come previsto dalla Delibera di Giunta Regionale n. 966 del 02/07/2004.

6 Prove finali Le prove finali, effettuate al completamento delle ore programmate, e non oltre il biennio di riferimento, sono dirette all'accertamento delle capacità professionali, acquisite dagli allievi durante il corso. Devono prevedere: - una prova scritta o una prova pratica sul programma svolto, sorteggiata, in sede di esami, da un rappresentante degli allievi alla presenza della commissione esaminatrice, sulla base di una terna di prove, diverse, predisposte dal gruppo di progetto, secondo la tipologia di qualifica, sentiti i docenti del corso. La prova pratica, ove prevista, consiste nell esecuzione di un compito o una fase del processo lavorativo riferito al ruolo professionale per il quale gli allievi conseguono l attestato di qualifica. I modi e i tempi per l esecuzione delle prove devono essere tali da consentire alla Commissione la valutazione delle abilità operative acquisite da ogni singolo allievo. - una prova orale significativa ai fini della valutazione delle competenze relazionali e comunicative insite nel profilo professionale, di indagine ed approfondimento sulla esperienza di stage, nonché di altri aspetti che la Commissione ritiene utile verificare. La valutazione complessiva accerta il possesso o meno delle competenze richieste dalla figura professionale e tiene conto: - della valutazione di ogni allievo espressa durante il percorso formativo; - della valutazione espressa dall azienda ospitante durante il periodo di stage; - dell esito dell esame finale. Il giudizio finale, espresso dalla Commissione, avrà carattere complessivo e sarà formulato con i termini: ottimo, distinto, buono, soddisfacente, sufficiente, insufficiente. Ammissione degli allievi agli esami regionali Sono ammessi agli esami regionali gli allievi che abbiano frequentato, durante il IV e V anno dell Istituto Professionale, almeno l 80% delle 600 ore di lezione previste, (lezioni teoriche e stage). Non sono ammessi agli esami regionali: - gli allievi che non abbiano frequentato consecutivamente il biennio della III Area per almeno l 80% delle ore previste. Non sono cumulabili le ore di frequenza che non rispettino tale condizione. Non sono ammessi agli esami regionali: - gli allievi che non abbiano frequentato, nel biennio, il corso post-qualifica per lo stesso indirizzo curricolare, e appreso, nel primo anno di corso, contenuti formativi diversi da quelli previsti per la figura professionale in uscita al termine del percorso formativo.

7 Valutazione finale allievi in situazione di handicap psichico Gli allievi che abbiano svolto un Piano Educativo Individualizzato Differenziato in funzione di obiettivi didattici e formativi non riconducibili al programma formativo previsto dal progetto (corso), possono partecipare alle prove finali svolgendo prove differenziate, coerenti con il percorso svolto, finalizzate al conseguimento della certificazione attestante le competenze, le capacità acquisite. Al giudizio riportato nel verbale d esame e nella certificazione, rilasciata dall Istituto, sarà aggiunto che la valutazione è riferita al P.E.I. ai sensi dell O. M. 90/2001, art. 15 comma 6. Programmazione delle prove finali Gli Istituti, almeno 30 giorni prima del termine previsto dell'attività, dovranno inviare al Settore Orientamento Professionale, la richiesta di costituzione della Commissione d'esame, indicando la data prevista di fine corso, e la data di possibile svolgimento delle prove E possibile chiedere l espletamento delle prove finali solo per le attività formative delle quali è stato completato il monte ore previsto (600 ore) ed è stata presentata, nel biennio, la dovuta documentazione rispettando i tempi e i modi previsti dalla presente nota. Le ore dedicate all esame finale non concorrono a formare il monte ore totale del corso. Per consentire la programmazione delle prove finali, l Istituto dovrà far pervenire al Settore Orientamento Professionale: - l elenco degli allievi ammessi agli esami con le ore di presenze/assenze individuali effettuate nel biennio (modello allegato); attestazione da parte del Dirigente scolastico relativa a: - completamento del monte ore previsto; - regolare svolgimento del corso e positivo raggiungimento degli obiettivi formativi; - relazione finale circa i moduli realizzati e le competenze acquisite dagli allievi, anche in riferimento allo stage. - nominativi di due componenti della Commissione di esame, nominati dal Dirigente scolastico in qualità di:rappresentante d'istituto (Dirigente scolastico o docente) e rappresentante dei docenti, individuato tra coloro che hanno insegnato nel corso discipline professionali caratterizzanti il corso stesso. Le prove avranno, di norma, la durata massima di due giorni e saranno valide, ai sensi della Legge 845/78, art. 14, se presenti il rappresentante del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, il rappresentante del Ministero del Lavoro, e il rappresentante della Regione, con funzione di Presidente. Sono altresì componenti della Commissione, un rappresentante delle forze sindacali dei lavoratori e un rappresentante delle organizzazioni imprenditoriali o professionali di categoria. Farà parte, inoltre, della Commissione un Segretario, nominato dal Dirigente del Settore Orientamento Professionale. I componenti delle Commissioni saranno designati ed autorizzati, su richiesta della Regione Campania, dai rispettivi Enti ed Organizzazioni.

8 Documentazione da presentare alla Commissione esaminatrice: - il modello di verbale di esame, in 5 copie in formato A3, già compilato alle voci di propria competenza, compresi i nominativi e i dati anagrafici degli allievi ammessi agli esami e la data di inizio della prima annualità del corso, verificando, inoltre, che la dicitura della qualifica da trascrivere sul verbale corrisponda a quella riportata nella comunicazione regionale di conferma dello svolgimento delle prove. - gli attestati di qualifica, da rilasciare agli allievi aventi diritto; - l elenco allievi con le ore di presenze/assenze individuali, sottoscritto dal Dirigente scolastico (modello allegato); - la certificazione dell ASL di competenza attestante l idoneità dell allievo diversamente abile allo svolgimento del ruolo professionale riferito alla qualifica del corso frequentato; - le schede individuali di valutazione degli allievi; - una copia dei programmi svolti, per ogni singola disciplina, firmati dai docenti e da almeno tre corsisti; - tre prove pratiche, preventivamente predisposte in buste aperte. Prima dello volgimento delle prove, la Commissione è tenuta a verificare la documentazione relativa ai candidati ed a definire i termini e le modalità delle operazioni d esame. Gli Istituti, a conclusione delle prove finali, provvederanno a chiedere al Settore Tecnico Amministrativo Provinciale competente per territorio la convalida degli attestati di qualifica specificando il numero e la data del decreto di autorizzazione ministeriale, la qualifica del corso, il numero degli attestati di qualifica da convalidare, ed allegando: - verbale di esame in copia originale; - attestati debitamente compilati e sottoscritti dal Presidente di Commissione e dal Dirigente scolastico in qualità di Direttore del corso; - registro rilascio attestati, dove saranno riportati per corso, con numero progressivo, il cognome e nome degli allievi che hanno conseguito la qualifica.

9 Tutta la documentazione riferita alle prove finali va conservata agli atti dell'istituto. La copia del verbale di esame, conforme all'originale, e completo in ogni sua parte, deve essere inviata alla Direzione Regionale del Lavoro - Via Vespucci NAPOLI e alla Direzione Scolastica Regionale. Il presidente della commissione esaminatrice provvederà, entro 15 giorni dallo svolgimento delle prove, alla trasmissione degli atti al Settore Orientamento Professionale. Oneri contabili Al termine dei lavori di valutazione, l istituto provvederà alla liquidazione degli emolumenti dovuti ai componenti la Commissione. Ad ogni membro della Commissione di esame spetta un gettone di presenza per ogni seduta di 77,00 lordi, D.G.R. n del 17/11/2004, più eventuali spese di mobilità. Gli oneri riferiti al rimborso delle spese di trasferimento degli operatori regionali impegnati nelle attività di competenza, nonché quelli riferiti agli interventi richiesti e programmati dagli Istituti fuori orario di servizio, cedono a totale carico degli stessi, nella misura prevista dal Ministero Pubblica Istruzione per il proprio personale. Documentazione da esibire all Istituto: Lettera d incarico Fatture o ricevute quietanzate. S invita i Dirigenti scolastici a trasmettere ai docenti, per l opportuna conoscenza, la presente nota, affinché possano fornire agli allievi una corretta informazione sulle finalità degli interventi formativi in oggetto, e sulle condizioni di ammissibilità all esame regionale per il conseguimento dell attestato di qualifica regionale ai sensi dell art. 14 legge 845/78. Il Dirigente di Servizio (Prof Tommaso Pezone) Il Dirigente del Settore (Dr. Alfredo Tamborlini)

Premessa. Art. 1 Finalità Generali

Premessa. Art. 1 Finalità Generali Premessa La legge regionale n. 15 del 7/08/2002 prevede, all art. 8 lettera g), che alle Province sono attribuite, tra l altro, le funzioni relative all autorizzazione delle attività di formazione professionale

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE.

CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. CRITERI DI VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ASA ED OSS: SECONDA PARTE. LE PROVE D ESAME: MODALITA DI CONDUZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE. 24 settembre 2010 Angelo Benedetti 1 LA COMMISSIONE COSTITUITA

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI FORMAZIONE PROFESSIONALE Regolamento PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI (Corsi Liberi) Requisiti e Modalità per il riconoscimento e l autorizzazione allo svolgimento di

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INSEGNANTE DI TEORIA E ISTRUTTORE DI GUIDA NELLE AUTOSCUOLE ART.1- AMBITO DI APPLICAZIONE 1-Il presente Regolamento

Dettagli

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali PREMESSA A norma dell art. 8 della L.R. n. 15 del 07/08/2002, al comma 2 lettera g è attribuita alle Province la funzione relativa al riconoscimento e autorizzazione delle attività di Formazione Professionale

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA

PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INSERIMENTO DI PERSONALE NELL ORGANICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n.233/45230 del 17.06.2010 con contestuale

Dettagli

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA

ESAME DI STATO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E DSA ISTITUTO MAGISTRALE Tommaso Gullì" Corso Vittorio Emanuele, 69-89125 Reggio Calabria N.O. Liceo Delle Scienze Umane - Liceo S.U. Opzione Economico Sociale-Liceo Linguistico V.O. Liceo Socio - Psico-Pedagogico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI Art. 1. Fonti normative. 1. Ai sensi del Decreto Legislativo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA CARNARO INDIRIZZO CONDUZIONE DEL Mezzo NAUTICO E AERONAUTICO

ISTITUTO TECNICO STATALE DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA CARNARO INDIRIZZO CONDUZIONE DEL Mezzo NAUTICO E AERONAUTICO Prot. N. 1670/C14 Brindisi, 10 marzo 2012 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia di BRINDISI All Ufficio Scolastico Regionale PUGLIA All Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO ISTRUZIONE

ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO ISTRUZIONE Allegato B ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO ISTRUZIONE Interventi a favore delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado della Sardegna, per

Dettagli

BANDO AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI AZIENDE PER L ATTUAZIONE DEGLI STAGE DELL OBIETTIVO C Azione 5

BANDO AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI AZIENDE PER L ATTUAZIONE DEGLI STAGE DELL OBIETTIVO C Azione 5 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Direzione Generale per gli affari internazionali Ufficio IV Con l Europa investiamo nel vostro futuro! UNIONE EUROPEA Fondo sociale europeo Prot.

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia Regione Liguria Provincia di Imperia Assessorato alla Formazione Professionale, Sviluppo occupazionale e Servizi per l impiego Settore Politiche attive per il lavoro, Formazione professionale, Servizi

Dettagli

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento

Le attività del progetto dovranno essere avviate entro 3 mesi dalla stipula della convenzione pena la revoca del finanziamento PROCEDURE PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI FINANZIATI TRAMITE AVVISO PUBBLICO - POR Toscana FSE 2007-2013 Normativa di riferimento DGRT n. 1179/19.12.2011 e s.m.i. Dopo l approvazione del progetto l Amministrazione

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Formazione Professionale

AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Formazione Professionale ALLEGATO 1 AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Formazione Professionale LINEE OPERATIVE SUGLI ASPETTI PROCEDURALI, FORMALI E ORGANIZZATIVI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA' FORMATIVE RICONOSCIUTE

Dettagli

Via M. Altamura 71122 Foggia

Via M. Altamura 71122 Foggia Via M. Altamura 71122 Foggia cod. scuola FGIC86200B C.F. 94090660716 TEL. 0881 746552 e-mail certificata fgic86200b@pec.istruzione.it e-mail fgic86200b @istruzione.it Prot. n 165 del 15/01/2014 Programma

Dettagli

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza scuola/lavoro l alternanza non è uno strumento formativo, ma si configura piuttosto come una metodologia formativa, una vera e propria modalità di apprendere PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO

DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA DI VARESE DI PROGETTI DA FINANZIARE CON LE RISORSE PROVENIENTI DALLA REGIONE LOMBARDIA - ANNO 2002/2003. DISPOSITIVO PROVINCIALE OBBLIGO FORMATIVO Sviluppo

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA CARNARO INDIRIZZO CONDUZIONE DEL Mezzo NAUTICO E AERONAUTICO

ISTITUTO TECNICO STATALE DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA CARNARO INDIRIZZO CONDUZIONE DEL Mezzo NAUTICO E AERONAUTICO Bando AOODGAI 3760-31/03/2010 Codice Progetto C-5-FSE-2010-70 Titolo ORIENTAMARE Brindisi, 10 ottobre 2010 Prot. N. 7051/C14 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia

Dettagli

Ministero Pubblica Istruzione Affari Internazionali Ufficio IV

Ministero Pubblica Istruzione Affari Internazionali Ufficio IV 1 Con l Europa investiamo nel Vostro futuro! NOVARO-CAVOUR Via Nicolardi, 136 80131 Napoli (Na) tel./fax. 081/0176536 E-Mail: NAIC82200T@ISTRUZIONE.IT Prot. n. 6851/A22 Napoli, 10/12/2013 CIG 5494304B15

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Via Lecce, 17 03100 FROSINONE - ITALIA Tel. 0775 210531 Fax 0775 210531 E-mail: formazione@sanasrl.it ALLEGATO II.1 CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI LIVELLO STRATEGICO POLITICA

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope AG Decreto n. 860 IL RETTORE VISTO il Decreto Ministeriale n. 509 del 3 novembre 1999; VISTO il Regolamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale

Dettagli

Art. 2 Requisiti per il conseguimento dell abilitazione d insegnante

Art. 2 Requisiti per il conseguimento dell abilitazione d insegnante AREA AMBIENTE E MOBILITA U.O. TRASPORTI E MOTORIZZAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE D INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

I T S. Tecnico Superiore per la conduzione del cantiere di restauro architettonico

I T S. Tecnico Superiore per la conduzione del cantiere di restauro architettonico I T S FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE ATTIVITA TECNOLOGICHE INNOVATIVE PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI DELLA PROVINCIA DI SIRACUSA ARCHIMEDE Viale Santa Panagia 131 - Siracusa - www.its-fondazionearchimede.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO E DI MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI ANNO 2008

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO E DI MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER APPRENDISTI ANNO 2008 UNIONE EUROPEA REGIONE PIEMONTE FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione Formazione Professionale - Lavoro Servizio Formazione Professionale Allegato A DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE, IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Possono presentare la candidatura ad erogare le politiche attive i seguenti soggetti:

Possono presentare la candidatura ad erogare le politiche attive i seguenti soggetti: AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI AD EROGARE INTERVENTI DI POLITICHE ATTIVE IN FAVORE DI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA INDICE ART. 1 PREMESSA... 2 ART. 2 FINALITA DELL

Dettagli

RIAPERTURA BANDO DI SELEZIONE ESPERTI

RIAPERTURA BANDO DI SELEZIONE ESPERTI Programma Operativo Regionale CCI 2007IT05PO007 Con l Europa investiamo nel vostro futuro Codice progetto: C--FSE-204-22 Prot. n. 324 C5g Capaccio, 8/02/205 All Albo della Scuola Alle Istituzioni Scolastiche

Dettagli

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO (II Stralcio della bozza di Regolamento degli studenti approvato con delibera del Consiglio Accademico

Dettagli

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLE SESSIONI D ESAME A CONCLUSIONE DEI PERCORSI DI QUALIFICA E DI DIPLOMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLE SESSIONI D ESAME A CONCLUSIONE DEI PERCORSI DI QUALIFICA E DI DIPLOMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE ALLEGATO A DETERMINAZIONI IN MERITO ALLE SESSIONI D ESAME A CONCLUSIONE DEI PERCORSI DI QUALIFICA E DI DIPLOMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE PREMESSA Le presenti indicazioni si riferiscono agli

Dettagli

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI

SERVIZI FORMATIVI OFFERTI CARTA DELLA QUALITA La Carta della Qualità della ISEAF ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche dei servizi offerti ai propri clienti ed è ispirata ai criteri e principi di uguaglianza,

Dettagli

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi

1. Premessa. 2. Caratteristiche dei percorsi formativi DISCIPLINA DEI PROFILI FORMATIVI DELL'APPRENDISTATO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA QUALIFICA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE E DEL DIPLOMA PROFESSIONALE AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 2 DEL D.LGS 167/2011

Dettagli

RICONOSCIMENTO CREDITI

RICONOSCIMENTO CREDITI Circ. n 48 Milano, 18 ottobre 2015 Sig.ri DOCENTI STUDENTI FAMIGLIE PERSONALE Amministrativo OGGETTO: RICONOSCIMENTO CREDITI (formali, informali, non formali) STUDENTI I.d.A e redazione dei patti formativi

Dettagli

Cell. 328 5518905 Tel/Fax 0861 242211 Codice fiscale Partita IVA 01778140671

Cell. 328 5518905 Tel/Fax 0861 242211 Codice fiscale Partita IVA 01778140671 FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

I L R E T T O R E. Data 12/02/2015. Protocollo 3268-III/4. Rep. D.R. 198-2015

I L R E T T O R E. Data 12/02/2015. Protocollo 3268-III/4. Rep. D.R. 198-2015 Protocollo 3268-III/4 Data 12/02/2015 Rep. D.R. 198-2015 Area Didattica,Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile dott.tommaso Vasco

Dettagli

Prot. n. 3297 /B32 Castellammare di Stabia, 27/08/2013

Prot. n. 3297 /B32 Castellammare di Stabia, 27/08/2013 Direzione Didattica Statale 3 Circolo San Marco Evangelista Via Cicerone, 16 80053 Castellammare di Stabia (NA) Tel.: 081 / 871.66.01 Fax 081 / 870.56.44 e-mail naee12700x@istruzione.it C.M. NAEE12700X

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA FORMAZIONE POST LAUREAM GV/mldb Decreto Rettorale del 20/04/2005 Rep. n. 738-2005 Prot. n. 13730 Oggetto: Bando concernente

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

VERBALE N. 1 DELLA COMMISSIONE TECNICA APERTURA BUSTE INVITO A GARA PON C1- FSE-2014-279 La nouvelle entreprise

VERBALE N. 1 DELLA COMMISSIONE TECNICA APERTURA BUSTE INVITO A GARA PON C1- FSE-2014-279 La nouvelle entreprise ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.M. SFORZA PALAGIANO (TA) con sede Aggregata di Palagianello Via R. Scotellaro, 34 74019 Palagiano (TA) tel. 099-8841504 fax 099-8889024 e-mail: tais017002@istruzione.it

Dettagli

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI IeFP DELLA REGIONE LOMBARDIA

ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI IeFP DELLA REGIONE LOMBARDIA ESAME DI QUALIFICA E DI DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSI DI IeFP DELLA REGIONE LOMBARDIA Disposizioni applicative per l anno scolastico e formativo 2014-15 PREMESSA Le presenti disposizioni contengono misure

Dettagli

QUESTIONARIO TUTOR AZIENDALE - ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

QUESTIONARIO TUTOR AZIENDALE - ALTERNANZA SCUOLA LAVORO QUESTIONARIO TUTOR AZIENDALE - ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Egregio Tutor Aziendale, al termine dell esperienza di Alternanza Scuola Lavoro Le chiedo di esprimere un Suo parere sull alunno stagista che Lei

Dettagli

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d)

BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) BANDO POTENZIAMENTO AVVIAMENTI NUMERICI MIRATI DISPOSITIVO 3.3 (azioni 3.3.a, 3.3.b, 3.3.c, 3.3.d) Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999 e s.m.i; - D.lgs. n. 181/2000,

Dettagli

O. NOTARANGELO - G. ROSATI Via Napoli,101 71122 Foggia

O. NOTARANGELO - G. ROSATI Via Napoli,101 71122 Foggia Prot. n. 5611 del 06/11/2012 CIG:Z4B070FF60 CUP:H72B11000200002 Avviso per la selezione di Aziende ed Esperti Alternanza Scuola Lavoro 2012/2014 (9^ edizione) Tecnico per i servizi generali dell azienda

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Sessioni -- Sedi di esame.

Art. 1. Art. 2. Sessioni -- Sedi di esame. Decreto Ministeriale 15 marzo 1986 (in Gazz. Uff., 22 maggio, n. 117). -- Regolamento per gli esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della libera professione di geometra. Il Ministro della pubblica

Dettagli

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 ALL. A PROVINCIA DI PISA Servizio Lavoro e Sociale - CENTRO PER L IMPIEGO di PISA NOTA INFORMATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE ILA Individual Learning Account ADEMPIMENTI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE DELLA REGIONE CAMPANIA ANNI

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE DELLA REGIONE CAMPANIA ANNI BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L AMMISSIONE AL CORSO TRIENNALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE DELLA REGIONE CAMPANIA ANNI 2013-2016. Art. 1. (Contingente) 1. E indetto pubblico

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi esterni

Regolamento per il conferimento di incarichi esterni Regolamento per il conferimento di incarichi esterni approvato dal CdA del 06/02/2014 verbale n. 2/2014 I.R.VA.T Istituto per la Valorizzazione e la Tutela dei Prodotti Regionali Disciplina del conferimento

Dettagli

Carta intestata dell Istituzione scolastica

Carta intestata dell Istituzione scolastica Carta intestata dell Istituzione scolastica Prot. n. //2013 AVVISO DI SELEZIONE AD EVIDENZA PUBBLICA IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI o il Decreto Interministeriale n. 44 del febbraio 2001 "Regolamento concernente

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti

GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti GIUNTA REGIONALE - Dirigenza - Decreti 11.6.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 23 Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento

Dettagli

Prot. 3108/C27/d Venafro, 12 settembre 2013 RICHIESTA OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSICURAZIONE DEGLI ALUNNI A.S.

Prot. 3108/C27/d Venafro, 12 settembre 2013 RICHIESTA OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSICURAZIONE DEGLI ALUNNI A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. Pilla Via Maiella tel. 0865904216 fax 0865904216 cod fisc.80003310945 e-mail: isic82500p@istruzione.it PEC: istitutoleopoldopillavenafro@ecert.it 86079 V E N A F R O (IS)

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Regionale per la Campania Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80100 Napoli

Ministero della Pubblica Istruzione Regionale per la Campania Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80100 Napoli Ministero della Pubblica Istruzione Regionale per la Campania Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80100 Napoli Ufficio Scolastico PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO: FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015 GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE a.s. 2014 2015 La seguente guida è un attento resoconto del documento fornito dalla Regione, prot. N 4128 del 28/04/2015 Gli esami di qualifica si articolano

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 176 / Prot. Data 23/04/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 145 del Reg. Data 24/04/2014 Parte riservata alla Ragioneria Bilancio Comune di Alcamo PROVINCIA

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE LAVORO SETTORE STANDARD FORMATIVI QUALITÀ E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE LAVORO SETTORE STANDARD FORMATIVI QUALITÀ E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE UNIONE EUROPEA Fondo sociale europeo DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE LAVORO SETTORE STANDARD FORMATIVI QUALITÀ E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Disposizioni sulle modalità di predisposizione delle

Dettagli

Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Annualità 2013 / 2014

Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Annualità 2013 / 2014 Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Via Monticelli, 1 84131 Salerno Tel. 089/301704 Fax 089/3055189 Web: http://www.itisfocaccia.it e-mail: satf06000p@istruzione.it Programma Operativo Nazionale

Dettagli

OGGETTO: Avviso Pubblico per la selezione di docente/i di L2 per Corsi di Lingua Italiana a cittadini non comunitari. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

OGGETTO: Avviso Pubblico per la selezione di docente/i di L2 per Corsi di Lingua Italiana a cittadini non comunitari. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Regione Puglia I S T I T U T O C O M P R E N S I V O G. PASCOLI -TRICASE Centro Territoriale Permanente CENTRO RISORSE INTERCULTURALI DI TERRITORIO Via Umberto I 107 73039 TRICASE (LE)Tel. e Fax 0833/544046

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Bari, 12 ottobre 2013 prot. 3803 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI ESTERNI, ESPERTI/DOCENTI INTERNI AI FINI DEI CORSI POST-QUALIFICA TERZA AREA - AA.SS. 2012/2013-2013/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

R I A P E R T U R A BANDO SELEZIONE RISORSE UMANE INTERNE

R I A P E R T U R A BANDO SELEZIONE RISORSE UMANE INTERNE ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO - Basilio Focaccia Articolazioni: Chimica e Materiali Elettrotecnica Informatica Produzioni e Trasformazioni agrarie Sede Centrale: Via Monticelli, 1 84131 Fuorni

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 ARTICOLO 1 Requisiti per l ammissione alla selezione E indetta una selezione,

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Pareggiato ai Conservatori di Musica di Stato D.P.R. n. 766 del 14.07.1984 Via Dante, 11 21013 Gallarate (VA) G. PUCCINI R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O - Emendato

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica apparati e sistemi ottici Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica, apparati e sistemi ottici La figura in oggetto è: Tecnico installatore reti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

BANDO PER ATTIVITA DI TUTORATO RELATIVO ALLE PROBLEMATICHE DELL HANDICAP. Il DIRETTORE

BANDO PER ATTIVITA DI TUTORATO RELATIVO ALLE PROBLEMATICHE DELL HANDICAP. Il DIRETTORE Prot. N. 503 del 18/03/2014 BANDO PER ATTIVITA DI TUTORATO RELATIVO ALLE PROBLEMATICHE DELL HANDICAP Il DIRETTORE VISTI i Regolamenti di Ateneo vigenti, D.R. n.385 del 28.01.2004, con il quale sono stati

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Con l Europa, investiamo nel vostro futuro UNIONE EUROPEA FONDO

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Servizio Programmazione, Gestione, Monitoraggio e Controllo della Formazione BANDO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro AVVISO PUBBLICO

Con l Europa investiamo nel vostro futuro AVVISO PUBBLICO Con l Europa investiamo nel vostro futuro SCUOLA SECONDARIA STATALE DI GRADO A D A N E G R I Via della Libertà,0-8000 - VILLARICCA(NA) - Tel. 08/894695; Fax 08/330943 Codice meccanografico NAMM535009 -

Dettagli

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Deliberato dal Consiglio Accademico nella seduta del 23/11/2010; Approvato dal M.I.U.R. con D.D.G. n 232 del 02/12/2010; Adottato dal Direttore

Dettagli

Prot. n. 301/C24 Paternò, 17 gennaio 2013 BANDO DI RECLUTAMENTO ESPERTI ESTERNI IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n. 301/C24 Paternò, 17 gennaio 2013 BANDO DI RECLUTAMENTO ESPERTI ESTERNI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 301/C24 Paternò, 17 gennaio 2013 All Albo dell Istituto Al Sito web A tutte le Scuole BANDO DI RECLUTAMENTO ESPERTI ESTERNI IL DIRIGENTE SCOLASTICO - Vista la delibera del Collegio dei Docenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Prot. n. 303 Roma, 18/02/2014 Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI LINGUISTICI PER L INSEGNAMENTO DI UNA DNL IN LINGUA STRANIERA SECONDO LA METODOLOGIA

Dettagli

Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli

Conservatorio di Musica San Pietro a Majella Napoli Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO DELLA SPERIMENTAZIONE SOMMARIO Premessa Art. 1. Definizioni Art. 2. Crediti

Dettagli

BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI ESPERTI E DI FIGURE PROFESSIONALI P.O.N. F.S.E. Competenze per lo sviluppo Annualità 2013

BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI ESPERTI E DI FIGURE PROFESSIONALI P.O.N. F.S.E. Competenze per lo sviluppo Annualità 2013 V Via S. Marco, 3-95030 - Tremestieri Etneo (CT) Cod. Fiscale 80021700879 - Cod. Min. CTMM06700R N. tel/fax 095/496093 Indirizzo e-mail: ctmm06700r@istruzione.it Sito web: www.raffaellosanzio.ct.it Prot.

Dettagli

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE SEVERI-GUERRISI GIOIA TAURO/PALMI Via Galluppi,1 89013 GIOIA TAURO (RC) TEL. SEGR. 0966/51810 fax 0966/504179 Cod. Fisc. 82000920809 VADEMECUM PER L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 1087 del 12/02/2013 Proposta: DPG/2013/1008 del 01/02/2013 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato per la qualifica

Dettagli

Il sistema di crediti utilizzato prevede, per ciascun anno di corso, l assegnazione di 60 crediti. ART. 2 REQUISITI DI AMMISSIONE

Il sistema di crediti utilizzato prevede, per ciascun anno di corso, l assegnazione di 60 crediti. ART. 2 REQUISITI DI AMMISSIONE N _2186_ Concorso pubblico, per titoli e colloquio, per l ammissione al corso di Dottorato di Ricerca Internazionale Franco-Italiano in Politiche Penali Europee IL RETTORE - VISTO l art. 7 del D.M. del

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Via Atzori, 174-84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel.Fax: 081 5174171 081 927918 D D PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Direzione per la didattica e le attività post-lauream Settore Post-lauream/Scuole di Specializzazione

Università degli Studi di Cagliari Direzione per la didattica e le attività post-lauream Settore Post-lauream/Scuole di Specializzazione D. R. n. 1 Del 2/10/2006 ATTIVAZIONE DEL CORSO SPECIALE PRESSO L UNIVERSITÀ DI CAGLIARI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE O DELL IDONEITA ALL INSEGNAMENTO PER GLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B

Dispositivo. Azioni di sistema per il sostegno del sistema delle cooperative sociali di tipo B Provincia di Como Assessorato Politiche Attive del Lavoro Servizio provinciale collocamento mirato disabili rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per

Dettagli

Prot. n /C11 PON Avellino, 25/10/2013. All Albo pretorio della Scuola SEDE

Prot. n /C11 PON Avellino, 25/10/2013. All Albo pretorio della Scuola SEDE ISTITUZIONE EDUCATIVA P. COLLETTA SCUOLE PRIMARIE SECONDARIE I e II GRADO ( LICEO GINNASIO LICEO EUROPE1643102 Cod.Fisc.80009730641 E MAIL : AVVC01000E@istruzione.it; AVEE007003@istruzione.it; 83100 AVELLINO

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

START UP INN OVA TIVE

START UP INN OVA TIVE P.O.R. Sardegna 2007 2013 Linea di attività 6.2.1.A BANDO PUBBLICO Programma di aiuti per start up innovative II Invito a presentare proposte ALLEGATO 3 CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI START UP INN

Dettagli

Settore VII VOUCHER PER ESTETISTE ED ACCONCIATORI. Avviso pubblico per la presentazione delle candidature

Settore VII VOUCHER PER ESTETISTE ED ACCONCIATORI. Avviso pubblico per la presentazione delle candidature Settore VII Lavoro, Formazione Professionale e Turismo VOUCHER PER ESTETISTE ED ACCONCIATORI Avviso pubblico per la presentazione delle candidature Indice DISPOSIZIONI DI RIFERIMENTO... 3 ART. 1 FINALITÀ...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

comune di cecina (provincia di livorno) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA U.O. POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE

comune di cecina (provincia di livorno) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA U.O. POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE comune di cecina (provincia di livorno) Allegato A) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA U.O. POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE TRASPORTO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE DISABILI - DISPONIBILITA DEI SOGGETTI ACCREDITATI

Dettagli

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R.

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Regolamento Art. 1 - Finalità del Corso Il Corso di Specializzazione in Psicoterapia

Dettagli

REGIONE ABRUZZO. Allegato A

REGIONE ABRUZZO. Allegato A Allegato A REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Servizio Programmazione delle Politiche Attive del Lavoro, Formative e Sociali. AVVISO PUBBLICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI UNIONE EUROPEA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. Sardegna 2000-2006 Misura 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO AZIONE 3.13.B INCENTIVAZIONE DIRETTA ALLE

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI

TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1 Generalità TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi delle Leggi vigenti, delle disposizioni ministeriali e delle

Dettagli

Progetto PROVACI Tecnologie per la PROtezione sismica e la VAlorizzazione di Complessi di Interesse culturale. Progetto PROVACI-FORMAZIONE

Progetto PROVACI Tecnologie per la PROtezione sismica e la VAlorizzazione di Complessi di Interesse culturale. Progetto PROVACI-FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza Asse I Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo operativo: Aree scientifico-tecnologiche generatrici di processi di

Dettagli