Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD"

Transcript

1 Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD Luca Cavagna, Giuseppe Quaranta e Paolo Mantegazza Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Abstract L analisi aeroelastica in campo transonico richiede l adozione di modelli aerodinamici accurati quali le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes. Viene introdotta in questo articolo una procedura aeroelastica per la modellazione di problemi di interazione fluido-struttura (F) basata sull integrazione di diversi codici commerciali. La soluzione dinamica delle equazioni della fluidodinamica computazionale richiede risorse computazionali molto maggiori di quelle usate per l aeroelasticità classica. Per questo, particolare attenzione è dedicata alla definizione di una strategia che renda il processo globalmente efficiente e quindi applicabile ai problemi industriali realistici. L attuale potenza di calcolo unita alla disponibilità di codici dedicati per l analisi strutturale e fluidodinamica, come MSC-NASTRAN e FLUENT, fanno sì che i tempi per estendere vantaggiosamente l Aeroelasticità Computazionale (CA) oltre l ambito accademico di ricerca, senza l ausilio di codici appositamente dedicati, siano oramai maturi. Aeroelastic analysis in transonic regime requires the adoption of accurate aerodynamic models, such as Euler or Navier-Stokes equations. This article introduces an aeroelastic procedure for fluid-structure (F) problems modelling, based on the integration of different commercial software. Far more computational resources than those used in the classic approach are required to solve the dynamic equations of the computational fluid dynamics. Therefore, particular attention is paid in order to define a strategy making the whole process efficient and well-suited for the realistic industrial environment problems. Current hardware resources, combined with the availability of specific software for structural and fluid dynamics analysis, such as MSC-NASTRAN and FLUENT, make the time mature for extending Computational Aeroelasticity (CA) beyond the academic research environment, without using a specifically developed code. Keywords: Fluidodinamica Computazionale, Aeroelasticità Computazionale, Flutter Transonico. Introduzione Molti velivoli moderni, sia civili che militari, operano per gran parte della loro vita in un regime di volo detto transonico, cioè a cavallo di una zona in cui le equazioni che modellano le forze aerodinamiche, per loro natura intrinseca, non sono linearizzabili a causa di fenomeni aerodinamici, come la formazione di onde d urto normali e le interazioni fra di esse e lo strato limite, che rendono questo regime particolarmente complesso. In tali casi, i metodi classici basati sulla teoria del potenziale possono fornire dei risultati grossolanamente approssimati, per cui diviene necessario rivolgersi a modelli fluidodinamici più accurati che permettano la risoluzione completa del campo di moto attraverso le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes 1;2. Il calcolo delle forze aerodinamiche richiede quindi l impiego di metodologie numeriche appartenenti alla classe della Fluidodinamica Computazionale CFD (Computational Fluid Dynamics). L uso di tali codici eleva di ordini di grandezza le richieste in termini di carico computazionale al fine di ottenere delle analisi che possano dare delle risposte anche quantitativamente accettabili. Affinchè tali analisi siano utili sia in fase di progetto che di verifica, cioè in situazioni nelle quali è richiesta la valutazione di un elevato numero di configurazioni, è necessario identificare delle procedure di calcolo in grado sempre di coniugare l accuratezza con l efficienza computazionale 3;4. Analisi aeroelastica classica L aeroelasticità si occupa dello studio dei fenomeni derivanti dall interazione tra le forze elastomecca- 18 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

2 niche strutturali e quelle aerodinamiche. Un aeromobile rappresenta infatti un sistema dinamico, denominato sistema aeroelastico, costituito da due sotto-sistemi anche essi dinamici, quello strutturale e quello aerodinamico, tra di loro strettamente dipendenti. Ciascun componente rappresenta un sistema a sè, con proprie caratteristiche statiche, dinamiche, propri modelli e tecniche di analisi. Tra le diverse classi di problemi affrontabili in questa disciplina, quello più importante, di vitale importanza per un velivolo, è lo studio del flutter, fenomeno di instabilità dinamica che si manifesta con oscillazioni autoeccitate, spesso catastrofiche, sostenute dall introduzione di energia nel sistema dovuta all accoppiamento tra il sistema strutturale ed aerodinamico. Lo studio classico del flutter valuta la stabilità in piccolo del sistema aeroelastico linearizzato e tempoinvariante 5. La modellazione strutturale si basa sull assunzione di comportamento elastico lineare con piccole deformazioni e sulla rappresentazione modale attraverso un insieme discreto di modi propri tali da permettere di rappresentare correttamente il meccanismo oggetto di studio. La dinamica strutturale è quindi rappresentata da matrici generalizzate di massa [m], rigidezza [k] e smorzamento [c] diagonali. L analisi di flutter, come altri problemi di stabilità, rappresenta un studio degli autovalori del sistema. Nel caso del flutter interessa valutare come il sistema strutturale si instabilizzi per effetto dell interazione con il sistema aerodinamico: la condizione critica è stabilita nel momento in cui un autovalore risulti avere parte reale nulla, con conseguente annullamento dello smorzamento del sistema. L equazione del flutter, nel dominio delle frequenze di Laplace s: ( [m]s 2 + [c]s + [k] q [H am (k, M )] ) {q} = 0 (1) dove q rappresenta la pressione dinamica di riferimento e {q} il vettore delle ampiezze modali, deriva dall equazione della dinamica strutturale alla quale è aggiunto il termine aerodinamico [H am (jk, M )] necessario per introdurre gli effetti dei carichi aerodinamici generalizzati. La definizione del termine aerodinamico costituisce sicuramente una fase delicata per l analisi aeroelastica. Le teorie classiche instazionarie operano direttamente nel dominio delle frequenze e forniscono le forze generalizzate dovute a movimenti armonici, attraverso una matrice di trasferimento tabulata per punti discreti di numero di Mach M e di frequenza ridotta k, parte immaginaria della frequenza ridotta complessa p = sl a /V, dove L a indica una lunghezza aerodinamica di riferimento e V una velocità di riferimento. Questo complica la risoluzione della Eq. (1) dal momento che, a causa dell impossibiltà di arrivare ad una espressione analitica, la dipendenza del termine aerodinamico dalla frequenza è implicita. La soluzione della Eq. (1) non rappresenta quindi un problema agli autovalori classico e richiede lo sviluppo di appositi metodi numerici 6. Negli ultimi anni la messa a punto di sistemi di controllo per la soppressione del flutter e di alleviazione dei carichi da raffica ha reso necessario portare la classica matrice di trasferimento aerodinamica nel dominio del tempo, in modo da utilizzare tutte le moderne tecniche tipiche dello studio dei sistemi dinamici e dei controlli. A partire dai primi lavori di Richardson 7, è stato possibile riscrivere la matrice di trasferimento classica, fornita da un modello aerodinamico classico o da un codice CFD, in una forma più semplice, come un comune sistema dinamico, grazie alla possibilità di identificare l aerodinamica instazionaria, con i suoi infiniti gradi di libertà, in uno spazio ridotto agli stati. Si parla perciò di Aeroelasticità Moderna, per sottolineare il passaggio dal dominio delle frequenze, della cosiddetta Aeroelasticità Classica, a quello del tempo. In questo modo è possibile passare dall analisi di risposta alle forzanti mediante la risposta in frequenza, all analisi di risposta diretta, e ricondurre l analisi di stabilità della Eq. (1) ad un problema classico agli autovalori, risolubile attraverso i comuni metodi numerici. La Fig. 1 mostra gli elementi sui quali è possibile agire per realizzare una procedura di analisi aeroelastica mediante codici CFD robusta ed efficiente: l interfaccia aeroelastica, un processo interpolatorio tra le diverse schematizzazioni aerodinamiche e strutturali; la deformazione di griglia, ossia la gestione del movimento degli elementi della griglia aerodinamica in seguito alle deformazioni del modello strutturale; l estrapolazione, mediante una ragionata eccitazione del sistema, di un modello dinamico ridotto (Reduced Order Model ROM ) per l aerodinamica instazionaria al fine di eseguire successive analisi di risposta e di stabilità del sistema linearizzato. L analisi linearizzata contiene, come introdotto sopra, delle ipotesi semplificatrici alla base, specie per il termine aerodinamico, sede di non-linearità quali onde d urto o separazioni del flusso. Queste sono appunto linearizzate in seguito all ipotesi di piccoli movimenti strutturali in modo da arrivare ad un operatore aerodinamico lineare. Al contrario però della metodologia classica, l analisi di flutter con modelli CFD, oltre a garantire una migliore modellazione del B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

3 Basemodalestrutturale Definizione delmodello CFD Interfaccia aeroelastica Soluzionedelladinamica strutturale Movimento dellagriglia Integrazione diretta Soluzionedelcampodi moto Analisi linearizzata Indentificazione della matriceditrasferimento aerodinamica (ROM) Figura 1: Diagramma a blocchi dell analisi aeroelastica integrata con codici CFD. fluido per gli effetti della comprimibilità e di dissipazione viscosa, consente di determinare la condizione di flutter nei pressi di una condizione di riferimento ottenuta come soluzione di un sistema non-lineare. Inoltre è possibile includere l effetto della deformabilità strutturale sullo spostamento dell onda d urto o gli effetti legati a manovre ad alta incidenza. Potenzialmente, per la non-linearità del sistema, ogni condizione di equilibrio rappresenta un caso a sè e quindi, esibendo un comportamento diverso nei confronti della stabilità, andrebbe verificata singolarmente. Questo porterebbe ad un tempo di analisi spesso insostenibile per cui è necessario estrapolare quanto contenuto nella matrice di trasferimento H am, costruita in corrispondenza di una determinata configurazione, a condizioni prossime, che differiscono per piccole modifiche nel flusso, nella rigidezza strutturale o nella massa. In tal caso è infatti possibile, qualora la base modale utilizzata come approssimazione del movimento strutturale sia sufficientemente ampia ed eventualmente arricchita con alcune forme statiche 8, approssimare i nuovi modi come una opportuna ricombinazione di quelli vecchi e ricondurre i termini strutturali alla forma diagonale. Accanto al metodo linearizzato deve però sempre esistere la possibilità di effettuare una simulazione nonlineare basata sull integrazione della dinamica strutturale accoppiata alle equazioni della fluidodinamica. Questa soluzione permette di giudicare, senza possibili indebite supposizioni, la stabilità del sistema, permettendo di studiare la sua l evoluzione anche nel post-flutter. Tale metodo verrà quindi utilizzato per quelle condizioni considerate critiche dall analisi linearizzata. Nelle prossime sezioni vengono discusse le diverse strategie adottate per la messa a punto di tutti gli elementi che contribuiscono ad arrivare all implementazione di un solutore aeroelastico integrato basato, nel caso specifico 9, sui codici commerciali MSC-NASTRAN e FLUENT. Interfaccia aeroelastica La modalità classica utilizzata nelle analisi dei sistemi aeroelastici si basa sullo studio separato dei campi che caratterizzano la fisica del problema, permettendo di posticipare il problema dell analisi del sistema strutturale ed aerodinamico in maniera accoppiata. Così facendo è possibile continuare ad utilizzare i metodi e modelli numerici di analisi consolidati e ormai tipici di ciascuna disciplina. L aspetto multidisciplinare dell aeroelasticità com- 20 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

4 Figura 2: Risultati della procedura di interfaccia modello strutturale-aerodinamico per i primi due modi propri della semiala AGARD porta però la capacità di rendere i due sistemi comunicanti, con l esigenza di saper tradurre le deformate strutturali in modifiche delle condizioni al contorno dell aerodinamica e di riportare poi i relativi carichi in termini di pressione sulla struttura. Lo scambio di informazioni tra struttura ed aerodinamica avviene attraverso l interfaccia aeroelastica ossia una procedura di interpolazione di campi di variabili, tipicamente posizioni, spostamenti, velocità e forze, tra due sistemi discretizzati diversamente sia in termini di dimensioni caratteristiche che di posizionamento spaziale dei nodi. Nella maggior parte delle applicazioni pratiche, si pensi all ambito industriale nel quale i modelli possono venire da diversi dipartimenti, risulta difficile avere la medesima griglia da utilizzare sia per un analisi strutturale che aerodinamica, avente quindi lo stesso grado di discretizzazione, perchè, se si vogliono ottenere analisi efficienti e allo stesso tempo accurate, ciascun sistema preso a sè richiede un diverso grado di risoluzione e di modellazione. A rigore un accurato ed efficiente schema di interfaccia deve soddisfare i seguenti requisiti: possibilità di connessione tra diverse discretizzazioni e topologie; esatto trattamento di traslazioni e rotazioni rigide; indipendenza della formulazione numerica degli elementi della griglia strutturale e CFD; conservazione delle quantità scambiate, in particolare energia e quantità di moto; possibilità di controllo sulla regolarità della grandezza interfacciata. Gli ultimi due punti sono particolarmente importanti perchè la creazione o l eliminazione di energia spuria da parte dell interfaccia potrebbe alterare la stabilità del sistema e, nel caso di soluzioni mediante le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes, una non corretta regolarità delle superfici potrebbe portare a problemi di convergenza numerica e di instabilità locali del flusso non fisiche. I requisiti sopra introdotti vengono soddisfatti mediante la tecnica dei Minimi Quadrati Mobili (MLS) 10 basato sulla minimizzazione sul dominio di definizione Γ, di un funzionale Π definito come: Π = W(x) ε 2 (x)dγ (2) Γ in cui ε(x) rappresenta l errore, pesato attraverso la funzione W (x), commesso in seguito all utilizzo di B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

5 una soluzione approssimata per la funzione f da ricostruire. Il problema consiste nel partire dalla conoscenza di una generica funzione f, di classe C d su un dominio Ω R 3, in punti discreti arbitrariamente distribuiti appartenenti al vettore di supporto: {X} = {x 1, x 2,..., x N } (3) per poi, una volta costruita una sua approssimazione, estenderla ad altri x punti discreti del dominio. Si scrive quindi una formulazione approssimata f di f attraverso un opportuno sviluppo polinomiale, tipicamente lineare o quadratico, di m termini: f = m p i (x) q i (x) (4) i=1 opportunamente moltiplicati per altrettanti pesi incogniti q i, da determinare attraverso la minimizzazione del funzionale: Min W(x x) (f f(x)) 2 dγ(x) (5) Γ Il problema così posto può essere localizzato agendo attraverso funzioni peso a supporto compatto come le Radial Basis Functions (RBF) 11, solitamente scritte nella forma W (r/δ), dove δ rappresenta un fattore di scala che consente di modificare le dimensioni del supporto per i diversi centri x. Questo consente di avere una procedura flessibile in grado di attingere informazioni della grandezza da interpolare solo da un numero sufficiente di punti relativamente vicini, scartando invece quelli più distanti in modo da non appesantire inutilmente il carico computazionale 12. La Fig. 2 mostra alcuni risultati ottenuti seguendo lo schema riportato. Deformazione della griglia La formulazione ALE (Arbitrary Lagrangian Eulerian) per le equazioni di bilancio del fluido, consente di considerare il movimento e l aggiornamento della griglia CFD nel corso dell analisi senza il bisogno di ricostruirne una nuova ad ogni passo. La deformabilità strutturale comporta fisicamente una modificazione del dominio fluidodinamico. La procedura di deformazione deve quindi consentire il movimento strutturale, mantenendo allo stesso tempo una buona qualità degli elementi, vale a dire distorsioni contenute e volumi sempre positivi in modo da evitare problemi numerici. Esistono numerosi metodi proposti, segno del fatto che questa problematica è molto sentita dagli autori per la sua estrema delicatezza e per i grandi tempi di analisi cui questa può portare. Il metodo implementato in FLUENT riprende l analogia elastica proposta da Batina 13 che si basa sulla modellazione di ciascuna connessione nodale attraverso una molla non-lineare con rigidezza inversamente proporzionale alla distanza tra i suoi vertici. Degand e Farhat 14 arricchiscono il modello con molle torsionali su ogni vertice così da evitare problemi di collasso degli elementi; questo rende però il processo globalmente più costoso. Per motivi di efficienza computazionale e di robustezza degli algoritmi di deformazione, la procedura di deformazione utilizzata è esterna a quelle predefinite da FLUENT e si basa, attraverso il solutore statico implementato in MSC-NASTRAN, sulla analogia tra volume della griglia e continuo deformabile. Il modello costruito agisce direttamente sulle caratteristiche del materiale a comportamento lineare, variando il modulo di Young locale in modo inversamente proporzionale al lato minimo di ciascun elemento: 1 E el = min x j x k β (6) j,k el La strategia adottata, analogamente a quella di Batina 13, permette di irrigidire maggiormente gli elementi nelle vicinanze delle superfici portanti, solitamente per ragioni computazionali più piccoli, lasciando quindi a quelli più lontani, ossia quelli più grossi, il compito di farsi carico delle deformazioni senza subire pericolose distorsioni. La Fig. 3 mette in luce la robustezza della procedura che permette di imporre degli spostamenti dell ordine della stessa apertura alare senza ricorrere a rigidezze non-lineari. Il coefficiente di Poisson ν imposto varia tra 0 e 0.35 in modo da evitare il malcondizionamento del problema strutturale mentre, per il calcolo del modulo elastico trasversale G, è possibile sfruttare la legge costitutiva elastico-lineare. È comunque possibile adottare diverse leggi costitutive oltre quella elastica isotropa, in modo da lasciare all utente la facoltà di controllare la deformazione e la qualità degli elementi. Non è necessario introdurre delle molle torsionali sui gradi di libertà di rotazione, dal momento che, grazie all analogia del continuo, è possibile agire direttamente sulla matrice di rigidezza del materiale, ossia sui termini E, ν, G, e β, per raggiungere il risultato desiderato. Non esistono limitazioni sul tipo di griglie, ibride o meno, e sul tipo di elementi utilizzati. 22 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

6 Figura 3: Deformazione della griglia CFD secondo il primo modo flessionale. Come mostrato in Fig. 4, è possibile partizionare la griglia in diverse zone di fluido così da gestire in modo diversificato l implementazione delle caratteristiche resistive e deformare con un comportamento differenziato le diverse zone, o in alcuni casi non muoverle nemmeno. Inoltre partizionare il problema originale in diversi sotto-problemi consente di accelerare i tempi di calcolo: i singoli problemi da risolvere divengono più piccoli, la loro soluzione è più rapida ed è inoltre possibile eseguire contemporaneamente diversi processi su più macchine di calcolo. Ovviamente le deformate dei diversi blocchi devono rispettare opportune condizioni cinematiche di compatibilità per evitare lacerazioni o compenetrazioni degli elementi e l invalidità della griglia di calcolo. Una particolare attenzione richiede il calcolo in parallelo, dal momento che risulta necessario muovere in modo congruente le porzioni di griglia memorizzate su ogni macchina. Un algoritmo appositamente dedicato, una volta ricostruita l intera deformata del continuo, consente di inviare i movimenti nodali in modo selettivo alle rispettive macchine. Generalmente per griglie relativamente grandi la soluzione della deformata avviene in modo iterativo, evitando la costosa operazione di fattorizzazione della matrice di rigidezza. Bisogna però considerare che il processo di deformazione di griglia deve essere eseguito ad ogni passo temporale per tutte le analisi necessarie a verificare le diverse configurazioni aerodinamiche, strutturali e di carico. Per accelerare quindi il tempo di calcolo, è possibile introdurre una prima conveniente strategia che consiste nel fattorizzare la matrice di rigidezza del continuo una volta per tutte, dal momento che il problema è lineare; questo consente di eseguire poi tutte analisi necessarie, mediante sostituzione passo-avanti passo-indietro. Una seconda strategia ancora più conveniente permette di evitare l integrazione del codice fluidodinamico con quello strutturale per la deformazione della griglia. È possibile infatti eseguire una sola volta N calcoli di deformazione di griglia, con spostamenti alle pareti pari a ciascun modo proprio strutturale, creando una sorta di database delle deformate di griglia. Ad ogni passo temporale la deformata di tutta la griglia sarà ottenuta dalla sovrapposizione delle deformate globali modali opportunamente pesate secondo le ampiezze modali provenienti dalla risoluzione della dinamica strutturale. Si comprende quindi il motivo per il quale il partizionamento della griglia venga fatto a priori agendo sulla sua separazione in diverse zone di fluido anzichè sfruttare quello derivante dal processo parallelo: in questo caso infatti si perderebbe, al variare del numero di macchine utilizzate per l analisi, la possibilità di eseguire un unica analisi di deformata. Creazione del modello aerodinamico ridotto L aerodinamica rappresenta un sistema dinamico dotato di propri ingressi, gli spostamenti e le velocità strutturali, e proprie uscite, le forze generalizzate. Per ragioni di efficienza computazionale, tutti i metodi classici di aerodinamica instazionaria, basati sulla B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

7 linearizzazione delle equazioni di conservazione del fluido, portano direttamente alla relazione tra forze generalizzate e coordinate generalizzate, espressa, nel caso di sistema lineare e tempo-invariante, dalla matrice di trasferimento aerodinamica H am della Eq. (1). Tale matrice deriva, secondo la definizione, dal rapporto tra la trasformate nel dominio delle frequenze dell uscita del sistema, le forze generalizzate, e l ingresso, il movimento generalizzato. Nel caso di analisi con modelli CFD, la linearizzazione avviene per via numerica, agendo sull entità dell eccitazione in modo tale che la risposta del sistema sia lineare per effetto delle piccole perturbazioni. Secondo quanto introdotto nel paragrafo introduttivo, la caratterizzazione del sistema attraverso dei movimenti armonici appare la più naturale, vista la classica definizione della H am nel dominio di Fourier. Questo modo di procedere obbliga ad eseguire diverse simulazioni, una per ciascun valore della frequenza k di interesse da eccitare, per cui è necessario identificare un metodo più rapido che consenta di ridurre il numero eccessivo delle simulazioni. La risposta ad uno scalino o ad un impulso superano questo limite, permettendo di caratterizzare attraverso una sola simulazione un largo intervallo di frequenze; la discontinuità però si ripercuote negativamente sia sulla qualità delle trasformate alle frequenze basse di interesse, sia sulla scelta del passo di integrazione da adottare; è infatti necessario prendere passi molto piccoli, a scapito del tempo globale di analisi. Il metodo proposto consiste nell eccitare il sistema attraverso un gradino raccordato in modo da migliorare la descrizione del transitorio aerodinamico e l accuratezza globale della soluzione, una volta stabilito il valore massimo di interesse k max : { q 2 (1 cos(ω q(τ) = 0 τ)) 0 τ τ max (7) q τ τ max π 2π k max. con τ = tv /L a, Ω 0 = τ max, τ max = Per arrivare alla costruzione della matrice di trasferimento è necessario eseguire una simulazione per ogni modo proprio di interesse. Per il movimento della griglia basta quindi accedere al database delle deformate di griglia, caricare la deformata corrispondente al modo scelto e scalarla nel tempo secondo la Eq. (7). Quello che interessa misurare è l uscita del sistema aerodinamico, le forze generalizzate, ad un ingresso stabilito, per cui la dinamica strutturale non viene risolta. Ad ogni passo viene perciò calcolato il vettore delle forze generalizzate w associato ai diversi modi contenuti nella base modale. Al termine di ogni simulazione è possibile costruire una colonna della matrice di trasferimento dal rapporto tra la trasformata di Fourier, effettuata tramite un algoritmo FFT, delle forze generalizzate e quella dell ingresso: H am (jk, M ) i = F F T (w(τ, M ) i ) F F T (q(τ, M ) i ). (8) A partire da quanto ottenuto in frequenza, è possibile ricostruire dei modelli agli stati nel dominio del tempo ẋ a = Ax a + Bq f a = Cx a + D 0 q + D 1 q + D 2 q, (9) dove x a rappresenta il vettore degli stati aerodinamici, f a il vettore delle forze generalizzate e q il vettore degli stati strutturali, utilizzando le tecniche agli stati finiti 15;16;17. Una volta unito il sistema strutturale a quello rappresentato dalla Eq. (9) e a eventuali servocomandi, è possibile valutare la stabilità e la risposta del sistema aeroelastico alle forzanti. Integrazione debole del sistema accoppiato L integrazione nel tempo del sistema accoppiato fluido-struttura viene implementata in modo per così dire debole rinunciando ad una descrizione monolitica del sistema aeroelastico (Fig. 6). La scelta del passo di integrazione è dettata, dal momento che vengono adottati schemi impliciti, da vincoli di accuratezza della soluzione aerodinamica e di corretto campionamento delle dinamiche ritenute importanti per il meccanismo di flutter. FLUENT adotta obbligatoriamente, per il caso di utilizzo della formulazione ALE, uno schema di Eulero all indietro. Per quanto riguarda l integrazione della dinamica strutturale, è importante sottolineare come, attraverso l uso della base modale, il contenuto in frequenza del modello sia noto a priori e privo di effetti di disturbo da parte delle dinamiche ad alta frequenza. Riprendendo quanto proposto da Giles 18, è possibile determinare l evoluzione nel tempo del sistema aeroelastico al passo n + 1 mediante un algoritmo predictor-corrector derivato da quello di Crank-Nicholson: q = (I + 12 ) 1 ((I ha 12 ) ) ha q (n) + hp (n) (10) q (n+1) = (I + 12 ) 1 ha ((I 12 ) ha q (n) + 12 (11) (p h (n+1) + p (n))) 24 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

8 FLUENT Blocco1 Esportazione griglia Blocco2 Procedura di deformazione Fase preparatoria all'analisi BloccoN MSC NASTRAN1 MSC NASTRAN2 MSC NASTRANN DO1 update griglia Acquisizione deformate Soluzione campo di moto DO2 update griglia Passaggio dati (MPI) Parallelo FLUENT DOM update griglia DO 1 aggiornamento griglia Figura 4: Strategia di aggiornamento della griglia. FLUENT Condizione aerodinamica Analisi modon Avanzamento tempo t =D t i Determinazione parametri segnale di ingresso Caricamento griglia deformata modo N Aggiornamento griglia Sotto-iterazione k pseudo-tempo t Calcolo forze generalizzate Convergenza i=i+1 Convergenza N=N+1 Termine modi MATLAB Costruzione modello ROM Analisi di flutter Figura 5: Schema a blocchi per l analisi linearizzata. B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

9 FLUENT Condizione aerodinamica Acqusizione base modale Predizione soluzione strutturale Calcolo forze generalizzate Determinazione parametri eccitazione Avanzamento tempo t =D t i Calcolo deformazione Loop modi base modale Caricamento griglia modon MSC NASTRAN Termine modi Sovrapposizione movimento Aggiornamento griglia Sotto-iterazione k pseudo-tempo t Convergenza Calcolo forze generalizzate Correzione soluzione strutturale Termine simulazione Termine tempo i=i+1 Figura 6: Schema a blocchi per l analisi accoppiata. dove A rappresenta la matrice degli stati del modello strutturale modale, q il vettore degli stati (ampiezza e velocità modale), p il vettore delle forze generalizzate aerodinamiche e h il passo di integrazione. Lo schema consente di risolvere il campo fluidodinamico in base ad una prima predizione strutturale, poi corretta per tenere conto degli effetti aerodinamici sulla struttura che dipendono dalla configurazione stessa. Come mostrato da Giles 18, attraverso la scelta di un passo di integrazione adeguato, è possibile assicurare la stabilità globale del metodo, minimizzando il contributo energetico introdotto o perso attraverso lo schema debolmente accoppiato. La Fig. 6 riporta la rappresentazione a blocchi per l analisi dinamica accoppiata. Implementazione della procedura La procedura aeroelastica partizionata, sfrutta la flessibilità lasciata da FLUENT di integrare il codice con proprie funzioni, denominate User Defined Functions (UDF), mediante le quali è possibile modificare le equazioni di conservazione, accedere alla soluzione del campo di moto e svolgere qualsiasi tipo di calcolo. L interprete dei comandi FLUENT, scritto in linguaggio Scheme derivante dal Lisp, consente di creare, in modo estremamente flessibile, diverse procedure aeroelastiche: esportazione della metrica della griglia per l analogia col continuo, analisi di flutter linearizzato e analisi dinamica integrata. Inoltre è possibile creare proprie funzioni che possono essere richiamate ed interpretate in tempo reale. Come mostrato in Fig. 7, il nucleo della procedura aeroelastica in ambiente FLUENT è fondato su: una libreria compilata in linguaggio C che permette di gestire tutti i passi fondamentali del calcolo aeroelastico quali esportazione della metrica della griglia, calcolo delle forze a parete, determinazione delle forze generalizzate, soluzione della dinamica strutturale, aggiornamento della griglia ed interfaccia con MSC-NASTRAN; una libreria in linguaggio Scheme che sincronizza nel corso dell analisi la chiamata a tutte le funzioni della libreria C e gestisce in modo intelligente l integrazione nello pseudo-tempo e nel tempo fisico basandosi su criteri di convergenza stabiliti dall utente esterni a quelli predefiniti. 26 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca (Ivan Corazza) INDICE Misura intervalli RR battito-a-battito (Giorgio Barletta) Misura della variabilità

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli