Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD"

Transcript

1 Aeroelasticità Computazionale con modelli CFD Luca Cavagna, Giuseppe Quaranta e Paolo Mantegazza Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Abstract L analisi aeroelastica in campo transonico richiede l adozione di modelli aerodinamici accurati quali le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes. Viene introdotta in questo articolo una procedura aeroelastica per la modellazione di problemi di interazione fluido-struttura (F) basata sull integrazione di diversi codici commerciali. La soluzione dinamica delle equazioni della fluidodinamica computazionale richiede risorse computazionali molto maggiori di quelle usate per l aeroelasticità classica. Per questo, particolare attenzione è dedicata alla definizione di una strategia che renda il processo globalmente efficiente e quindi applicabile ai problemi industriali realistici. L attuale potenza di calcolo unita alla disponibilità di codici dedicati per l analisi strutturale e fluidodinamica, come MSC-NASTRAN e FLUENT, fanno sì che i tempi per estendere vantaggiosamente l Aeroelasticità Computazionale (CA) oltre l ambito accademico di ricerca, senza l ausilio di codici appositamente dedicati, siano oramai maturi. Aeroelastic analysis in transonic regime requires the adoption of accurate aerodynamic models, such as Euler or Navier-Stokes equations. This article introduces an aeroelastic procedure for fluid-structure (F) problems modelling, based on the integration of different commercial software. Far more computational resources than those used in the classic approach are required to solve the dynamic equations of the computational fluid dynamics. Therefore, particular attention is paid in order to define a strategy making the whole process efficient and well-suited for the realistic industrial environment problems. Current hardware resources, combined with the availability of specific software for structural and fluid dynamics analysis, such as MSC-NASTRAN and FLUENT, make the time mature for extending Computational Aeroelasticity (CA) beyond the academic research environment, without using a specifically developed code. Keywords: Fluidodinamica Computazionale, Aeroelasticità Computazionale, Flutter Transonico. Introduzione Molti velivoli moderni, sia civili che militari, operano per gran parte della loro vita in un regime di volo detto transonico, cioè a cavallo di una zona in cui le equazioni che modellano le forze aerodinamiche, per loro natura intrinseca, non sono linearizzabili a causa di fenomeni aerodinamici, come la formazione di onde d urto normali e le interazioni fra di esse e lo strato limite, che rendono questo regime particolarmente complesso. In tali casi, i metodi classici basati sulla teoria del potenziale possono fornire dei risultati grossolanamente approssimati, per cui diviene necessario rivolgersi a modelli fluidodinamici più accurati che permettano la risoluzione completa del campo di moto attraverso le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes 1;2. Il calcolo delle forze aerodinamiche richiede quindi l impiego di metodologie numeriche appartenenti alla classe della Fluidodinamica Computazionale CFD (Computational Fluid Dynamics). L uso di tali codici eleva di ordini di grandezza le richieste in termini di carico computazionale al fine di ottenere delle analisi che possano dare delle risposte anche quantitativamente accettabili. Affinchè tali analisi siano utili sia in fase di progetto che di verifica, cioè in situazioni nelle quali è richiesta la valutazione di un elevato numero di configurazioni, è necessario identificare delle procedure di calcolo in grado sempre di coniugare l accuratezza con l efficienza computazionale 3;4. Analisi aeroelastica classica L aeroelasticità si occupa dello studio dei fenomeni derivanti dall interazione tra le forze elastomecca- 18 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

2 niche strutturali e quelle aerodinamiche. Un aeromobile rappresenta infatti un sistema dinamico, denominato sistema aeroelastico, costituito da due sotto-sistemi anche essi dinamici, quello strutturale e quello aerodinamico, tra di loro strettamente dipendenti. Ciascun componente rappresenta un sistema a sè, con proprie caratteristiche statiche, dinamiche, propri modelli e tecniche di analisi. Tra le diverse classi di problemi affrontabili in questa disciplina, quello più importante, di vitale importanza per un velivolo, è lo studio del flutter, fenomeno di instabilità dinamica che si manifesta con oscillazioni autoeccitate, spesso catastrofiche, sostenute dall introduzione di energia nel sistema dovuta all accoppiamento tra il sistema strutturale ed aerodinamico. Lo studio classico del flutter valuta la stabilità in piccolo del sistema aeroelastico linearizzato e tempoinvariante 5. La modellazione strutturale si basa sull assunzione di comportamento elastico lineare con piccole deformazioni e sulla rappresentazione modale attraverso un insieme discreto di modi propri tali da permettere di rappresentare correttamente il meccanismo oggetto di studio. La dinamica strutturale è quindi rappresentata da matrici generalizzate di massa [m], rigidezza [k] e smorzamento [c] diagonali. L analisi di flutter, come altri problemi di stabilità, rappresenta un studio degli autovalori del sistema. Nel caso del flutter interessa valutare come il sistema strutturale si instabilizzi per effetto dell interazione con il sistema aerodinamico: la condizione critica è stabilita nel momento in cui un autovalore risulti avere parte reale nulla, con conseguente annullamento dello smorzamento del sistema. L equazione del flutter, nel dominio delle frequenze di Laplace s: ( [m]s 2 + [c]s + [k] q [H am (k, M )] ) {q} = 0 (1) dove q rappresenta la pressione dinamica di riferimento e {q} il vettore delle ampiezze modali, deriva dall equazione della dinamica strutturale alla quale è aggiunto il termine aerodinamico [H am (jk, M )] necessario per introdurre gli effetti dei carichi aerodinamici generalizzati. La definizione del termine aerodinamico costituisce sicuramente una fase delicata per l analisi aeroelastica. Le teorie classiche instazionarie operano direttamente nel dominio delle frequenze e forniscono le forze generalizzate dovute a movimenti armonici, attraverso una matrice di trasferimento tabulata per punti discreti di numero di Mach M e di frequenza ridotta k, parte immaginaria della frequenza ridotta complessa p = sl a /V, dove L a indica una lunghezza aerodinamica di riferimento e V una velocità di riferimento. Questo complica la risoluzione della Eq. (1) dal momento che, a causa dell impossibiltà di arrivare ad una espressione analitica, la dipendenza del termine aerodinamico dalla frequenza è implicita. La soluzione della Eq. (1) non rappresenta quindi un problema agli autovalori classico e richiede lo sviluppo di appositi metodi numerici 6. Negli ultimi anni la messa a punto di sistemi di controllo per la soppressione del flutter e di alleviazione dei carichi da raffica ha reso necessario portare la classica matrice di trasferimento aerodinamica nel dominio del tempo, in modo da utilizzare tutte le moderne tecniche tipiche dello studio dei sistemi dinamici e dei controlli. A partire dai primi lavori di Richardson 7, è stato possibile riscrivere la matrice di trasferimento classica, fornita da un modello aerodinamico classico o da un codice CFD, in una forma più semplice, come un comune sistema dinamico, grazie alla possibilità di identificare l aerodinamica instazionaria, con i suoi infiniti gradi di libertà, in uno spazio ridotto agli stati. Si parla perciò di Aeroelasticità Moderna, per sottolineare il passaggio dal dominio delle frequenze, della cosiddetta Aeroelasticità Classica, a quello del tempo. In questo modo è possibile passare dall analisi di risposta alle forzanti mediante la risposta in frequenza, all analisi di risposta diretta, e ricondurre l analisi di stabilità della Eq. (1) ad un problema classico agli autovalori, risolubile attraverso i comuni metodi numerici. La Fig. 1 mostra gli elementi sui quali è possibile agire per realizzare una procedura di analisi aeroelastica mediante codici CFD robusta ed efficiente: l interfaccia aeroelastica, un processo interpolatorio tra le diverse schematizzazioni aerodinamiche e strutturali; la deformazione di griglia, ossia la gestione del movimento degli elementi della griglia aerodinamica in seguito alle deformazioni del modello strutturale; l estrapolazione, mediante una ragionata eccitazione del sistema, di un modello dinamico ridotto (Reduced Order Model ROM ) per l aerodinamica instazionaria al fine di eseguire successive analisi di risposta e di stabilità del sistema linearizzato. L analisi linearizzata contiene, come introdotto sopra, delle ipotesi semplificatrici alla base, specie per il termine aerodinamico, sede di non-linearità quali onde d urto o separazioni del flusso. Queste sono appunto linearizzate in seguito all ipotesi di piccoli movimenti strutturali in modo da arrivare ad un operatore aerodinamico lineare. Al contrario però della metodologia classica, l analisi di flutter con modelli CFD, oltre a garantire una migliore modellazione del B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

3 Basemodalestrutturale Definizione delmodello CFD Interfaccia aeroelastica Soluzionedelladinamica strutturale Movimento dellagriglia Integrazione diretta Soluzionedelcampodi moto Analisi linearizzata Indentificazione della matriceditrasferimento aerodinamica (ROM) Figura 1: Diagramma a blocchi dell analisi aeroelastica integrata con codici CFD. fluido per gli effetti della comprimibilità e di dissipazione viscosa, consente di determinare la condizione di flutter nei pressi di una condizione di riferimento ottenuta come soluzione di un sistema non-lineare. Inoltre è possibile includere l effetto della deformabilità strutturale sullo spostamento dell onda d urto o gli effetti legati a manovre ad alta incidenza. Potenzialmente, per la non-linearità del sistema, ogni condizione di equilibrio rappresenta un caso a sè e quindi, esibendo un comportamento diverso nei confronti della stabilità, andrebbe verificata singolarmente. Questo porterebbe ad un tempo di analisi spesso insostenibile per cui è necessario estrapolare quanto contenuto nella matrice di trasferimento H am, costruita in corrispondenza di una determinata configurazione, a condizioni prossime, che differiscono per piccole modifiche nel flusso, nella rigidezza strutturale o nella massa. In tal caso è infatti possibile, qualora la base modale utilizzata come approssimazione del movimento strutturale sia sufficientemente ampia ed eventualmente arricchita con alcune forme statiche 8, approssimare i nuovi modi come una opportuna ricombinazione di quelli vecchi e ricondurre i termini strutturali alla forma diagonale. Accanto al metodo linearizzato deve però sempre esistere la possibilità di effettuare una simulazione nonlineare basata sull integrazione della dinamica strutturale accoppiata alle equazioni della fluidodinamica. Questa soluzione permette di giudicare, senza possibili indebite supposizioni, la stabilità del sistema, permettendo di studiare la sua l evoluzione anche nel post-flutter. Tale metodo verrà quindi utilizzato per quelle condizioni considerate critiche dall analisi linearizzata. Nelle prossime sezioni vengono discusse le diverse strategie adottate per la messa a punto di tutti gli elementi che contribuiscono ad arrivare all implementazione di un solutore aeroelastico integrato basato, nel caso specifico 9, sui codici commerciali MSC-NASTRAN e FLUENT. Interfaccia aeroelastica La modalità classica utilizzata nelle analisi dei sistemi aeroelastici si basa sullo studio separato dei campi che caratterizzano la fisica del problema, permettendo di posticipare il problema dell analisi del sistema strutturale ed aerodinamico in maniera accoppiata. Così facendo è possibile continuare ad utilizzare i metodi e modelli numerici di analisi consolidati e ormai tipici di ciascuna disciplina. L aspetto multidisciplinare dell aeroelasticità com- 20 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

4 Figura 2: Risultati della procedura di interfaccia modello strutturale-aerodinamico per i primi due modi propri della semiala AGARD porta però la capacità di rendere i due sistemi comunicanti, con l esigenza di saper tradurre le deformate strutturali in modifiche delle condizioni al contorno dell aerodinamica e di riportare poi i relativi carichi in termini di pressione sulla struttura. Lo scambio di informazioni tra struttura ed aerodinamica avviene attraverso l interfaccia aeroelastica ossia una procedura di interpolazione di campi di variabili, tipicamente posizioni, spostamenti, velocità e forze, tra due sistemi discretizzati diversamente sia in termini di dimensioni caratteristiche che di posizionamento spaziale dei nodi. Nella maggior parte delle applicazioni pratiche, si pensi all ambito industriale nel quale i modelli possono venire da diversi dipartimenti, risulta difficile avere la medesima griglia da utilizzare sia per un analisi strutturale che aerodinamica, avente quindi lo stesso grado di discretizzazione, perchè, se si vogliono ottenere analisi efficienti e allo stesso tempo accurate, ciascun sistema preso a sè richiede un diverso grado di risoluzione e di modellazione. A rigore un accurato ed efficiente schema di interfaccia deve soddisfare i seguenti requisiti: possibilità di connessione tra diverse discretizzazioni e topologie; esatto trattamento di traslazioni e rotazioni rigide; indipendenza della formulazione numerica degli elementi della griglia strutturale e CFD; conservazione delle quantità scambiate, in particolare energia e quantità di moto; possibilità di controllo sulla regolarità della grandezza interfacciata. Gli ultimi due punti sono particolarmente importanti perchè la creazione o l eliminazione di energia spuria da parte dell interfaccia potrebbe alterare la stabilità del sistema e, nel caso di soluzioni mediante le equazioni di Eulero o di Navier-Stokes, una non corretta regolarità delle superfici potrebbe portare a problemi di convergenza numerica e di instabilità locali del flusso non fisiche. I requisiti sopra introdotti vengono soddisfatti mediante la tecnica dei Minimi Quadrati Mobili (MLS) 10 basato sulla minimizzazione sul dominio di definizione Γ, di un funzionale Π definito come: Π = W(x) ε 2 (x)dγ (2) Γ in cui ε(x) rappresenta l errore, pesato attraverso la funzione W (x), commesso in seguito all utilizzo di B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

5 una soluzione approssimata per la funzione f da ricostruire. Il problema consiste nel partire dalla conoscenza di una generica funzione f, di classe C d su un dominio Ω R 3, in punti discreti arbitrariamente distribuiti appartenenti al vettore di supporto: {X} = {x 1, x 2,..., x N } (3) per poi, una volta costruita una sua approssimazione, estenderla ad altri x punti discreti del dominio. Si scrive quindi una formulazione approssimata f di f attraverso un opportuno sviluppo polinomiale, tipicamente lineare o quadratico, di m termini: f = m p i (x) q i (x) (4) i=1 opportunamente moltiplicati per altrettanti pesi incogniti q i, da determinare attraverso la minimizzazione del funzionale: Min W(x x) (f f(x)) 2 dγ(x) (5) Γ Il problema così posto può essere localizzato agendo attraverso funzioni peso a supporto compatto come le Radial Basis Functions (RBF) 11, solitamente scritte nella forma W (r/δ), dove δ rappresenta un fattore di scala che consente di modificare le dimensioni del supporto per i diversi centri x. Questo consente di avere una procedura flessibile in grado di attingere informazioni della grandezza da interpolare solo da un numero sufficiente di punti relativamente vicini, scartando invece quelli più distanti in modo da non appesantire inutilmente il carico computazionale 12. La Fig. 2 mostra alcuni risultati ottenuti seguendo lo schema riportato. Deformazione della griglia La formulazione ALE (Arbitrary Lagrangian Eulerian) per le equazioni di bilancio del fluido, consente di considerare il movimento e l aggiornamento della griglia CFD nel corso dell analisi senza il bisogno di ricostruirne una nuova ad ogni passo. La deformabilità strutturale comporta fisicamente una modificazione del dominio fluidodinamico. La procedura di deformazione deve quindi consentire il movimento strutturale, mantenendo allo stesso tempo una buona qualità degli elementi, vale a dire distorsioni contenute e volumi sempre positivi in modo da evitare problemi numerici. Esistono numerosi metodi proposti, segno del fatto che questa problematica è molto sentita dagli autori per la sua estrema delicatezza e per i grandi tempi di analisi cui questa può portare. Il metodo implementato in FLUENT riprende l analogia elastica proposta da Batina 13 che si basa sulla modellazione di ciascuna connessione nodale attraverso una molla non-lineare con rigidezza inversamente proporzionale alla distanza tra i suoi vertici. Degand e Farhat 14 arricchiscono il modello con molle torsionali su ogni vertice così da evitare problemi di collasso degli elementi; questo rende però il processo globalmente più costoso. Per motivi di efficienza computazionale e di robustezza degli algoritmi di deformazione, la procedura di deformazione utilizzata è esterna a quelle predefinite da FLUENT e si basa, attraverso il solutore statico implementato in MSC-NASTRAN, sulla analogia tra volume della griglia e continuo deformabile. Il modello costruito agisce direttamente sulle caratteristiche del materiale a comportamento lineare, variando il modulo di Young locale in modo inversamente proporzionale al lato minimo di ciascun elemento: 1 E el = min x j x k β (6) j,k el La strategia adottata, analogamente a quella di Batina 13, permette di irrigidire maggiormente gli elementi nelle vicinanze delle superfici portanti, solitamente per ragioni computazionali più piccoli, lasciando quindi a quelli più lontani, ossia quelli più grossi, il compito di farsi carico delle deformazioni senza subire pericolose distorsioni. La Fig. 3 mette in luce la robustezza della procedura che permette di imporre degli spostamenti dell ordine della stessa apertura alare senza ricorrere a rigidezze non-lineari. Il coefficiente di Poisson ν imposto varia tra 0 e 0.35 in modo da evitare il malcondizionamento del problema strutturale mentre, per il calcolo del modulo elastico trasversale G, è possibile sfruttare la legge costitutiva elastico-lineare. È comunque possibile adottare diverse leggi costitutive oltre quella elastica isotropa, in modo da lasciare all utente la facoltà di controllare la deformazione e la qualità degli elementi. Non è necessario introdurre delle molle torsionali sui gradi di libertà di rotazione, dal momento che, grazie all analogia del continuo, è possibile agire direttamente sulla matrice di rigidezza del materiale, ossia sui termini E, ν, G, e β, per raggiungere il risultato desiderato. Non esistono limitazioni sul tipo di griglie, ibride o meno, e sul tipo di elementi utilizzati. 22 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

6 Figura 3: Deformazione della griglia CFD secondo il primo modo flessionale. Come mostrato in Fig. 4, è possibile partizionare la griglia in diverse zone di fluido così da gestire in modo diversificato l implementazione delle caratteristiche resistive e deformare con un comportamento differenziato le diverse zone, o in alcuni casi non muoverle nemmeno. Inoltre partizionare il problema originale in diversi sotto-problemi consente di accelerare i tempi di calcolo: i singoli problemi da risolvere divengono più piccoli, la loro soluzione è più rapida ed è inoltre possibile eseguire contemporaneamente diversi processi su più macchine di calcolo. Ovviamente le deformate dei diversi blocchi devono rispettare opportune condizioni cinematiche di compatibilità per evitare lacerazioni o compenetrazioni degli elementi e l invalidità della griglia di calcolo. Una particolare attenzione richiede il calcolo in parallelo, dal momento che risulta necessario muovere in modo congruente le porzioni di griglia memorizzate su ogni macchina. Un algoritmo appositamente dedicato, una volta ricostruita l intera deformata del continuo, consente di inviare i movimenti nodali in modo selettivo alle rispettive macchine. Generalmente per griglie relativamente grandi la soluzione della deformata avviene in modo iterativo, evitando la costosa operazione di fattorizzazione della matrice di rigidezza. Bisogna però considerare che il processo di deformazione di griglia deve essere eseguito ad ogni passo temporale per tutte le analisi necessarie a verificare le diverse configurazioni aerodinamiche, strutturali e di carico. Per accelerare quindi il tempo di calcolo, è possibile introdurre una prima conveniente strategia che consiste nel fattorizzare la matrice di rigidezza del continuo una volta per tutte, dal momento che il problema è lineare; questo consente di eseguire poi tutte analisi necessarie, mediante sostituzione passo-avanti passo-indietro. Una seconda strategia ancora più conveniente permette di evitare l integrazione del codice fluidodinamico con quello strutturale per la deformazione della griglia. È possibile infatti eseguire una sola volta N calcoli di deformazione di griglia, con spostamenti alle pareti pari a ciascun modo proprio strutturale, creando una sorta di database delle deformate di griglia. Ad ogni passo temporale la deformata di tutta la griglia sarà ottenuta dalla sovrapposizione delle deformate globali modali opportunamente pesate secondo le ampiezze modali provenienti dalla risoluzione della dinamica strutturale. Si comprende quindi il motivo per il quale il partizionamento della griglia venga fatto a priori agendo sulla sua separazione in diverse zone di fluido anzichè sfruttare quello derivante dal processo parallelo: in questo caso infatti si perderebbe, al variare del numero di macchine utilizzate per l analisi, la possibilità di eseguire un unica analisi di deformata. Creazione del modello aerodinamico ridotto L aerodinamica rappresenta un sistema dinamico dotato di propri ingressi, gli spostamenti e le velocità strutturali, e proprie uscite, le forze generalizzate. Per ragioni di efficienza computazionale, tutti i metodi classici di aerodinamica instazionaria, basati sulla B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

7 linearizzazione delle equazioni di conservazione del fluido, portano direttamente alla relazione tra forze generalizzate e coordinate generalizzate, espressa, nel caso di sistema lineare e tempo-invariante, dalla matrice di trasferimento aerodinamica H am della Eq. (1). Tale matrice deriva, secondo la definizione, dal rapporto tra la trasformate nel dominio delle frequenze dell uscita del sistema, le forze generalizzate, e l ingresso, il movimento generalizzato. Nel caso di analisi con modelli CFD, la linearizzazione avviene per via numerica, agendo sull entità dell eccitazione in modo tale che la risposta del sistema sia lineare per effetto delle piccole perturbazioni. Secondo quanto introdotto nel paragrafo introduttivo, la caratterizzazione del sistema attraverso dei movimenti armonici appare la più naturale, vista la classica definizione della H am nel dominio di Fourier. Questo modo di procedere obbliga ad eseguire diverse simulazioni, una per ciascun valore della frequenza k di interesse da eccitare, per cui è necessario identificare un metodo più rapido che consenta di ridurre il numero eccessivo delle simulazioni. La risposta ad uno scalino o ad un impulso superano questo limite, permettendo di caratterizzare attraverso una sola simulazione un largo intervallo di frequenze; la discontinuità però si ripercuote negativamente sia sulla qualità delle trasformate alle frequenze basse di interesse, sia sulla scelta del passo di integrazione da adottare; è infatti necessario prendere passi molto piccoli, a scapito del tempo globale di analisi. Il metodo proposto consiste nell eccitare il sistema attraverso un gradino raccordato in modo da migliorare la descrizione del transitorio aerodinamico e l accuratezza globale della soluzione, una volta stabilito il valore massimo di interesse k max : { q 2 (1 cos(ω q(τ) = 0 τ)) 0 τ τ max (7) q τ τ max π 2π k max. con τ = tv /L a, Ω 0 = τ max, τ max = Per arrivare alla costruzione della matrice di trasferimento è necessario eseguire una simulazione per ogni modo proprio di interesse. Per il movimento della griglia basta quindi accedere al database delle deformate di griglia, caricare la deformata corrispondente al modo scelto e scalarla nel tempo secondo la Eq. (7). Quello che interessa misurare è l uscita del sistema aerodinamico, le forze generalizzate, ad un ingresso stabilito, per cui la dinamica strutturale non viene risolta. Ad ogni passo viene perciò calcolato il vettore delle forze generalizzate w associato ai diversi modi contenuti nella base modale. Al termine di ogni simulazione è possibile costruire una colonna della matrice di trasferimento dal rapporto tra la trasformata di Fourier, effettuata tramite un algoritmo FFT, delle forze generalizzate e quella dell ingresso: H am (jk, M ) i = F F T (w(τ, M ) i ) F F T (q(τ, M ) i ). (8) A partire da quanto ottenuto in frequenza, è possibile ricostruire dei modelli agli stati nel dominio del tempo ẋ a = Ax a + Bq f a = Cx a + D 0 q + D 1 q + D 2 q, (9) dove x a rappresenta il vettore degli stati aerodinamici, f a il vettore delle forze generalizzate e q il vettore degli stati strutturali, utilizzando le tecniche agli stati finiti 15;16;17. Una volta unito il sistema strutturale a quello rappresentato dalla Eq. (9) e a eventuali servocomandi, è possibile valutare la stabilità e la risposta del sistema aeroelastico alle forzanti. Integrazione debole del sistema accoppiato L integrazione nel tempo del sistema accoppiato fluido-struttura viene implementata in modo per così dire debole rinunciando ad una descrizione monolitica del sistema aeroelastico (Fig. 6). La scelta del passo di integrazione è dettata, dal momento che vengono adottati schemi impliciti, da vincoli di accuratezza della soluzione aerodinamica e di corretto campionamento delle dinamiche ritenute importanti per il meccanismo di flutter. FLUENT adotta obbligatoriamente, per il caso di utilizzo della formulazione ALE, uno schema di Eulero all indietro. Per quanto riguarda l integrazione della dinamica strutturale, è importante sottolineare come, attraverso l uso della base modale, il contenuto in frequenza del modello sia noto a priori e privo di effetti di disturbo da parte delle dinamiche ad alta frequenza. Riprendendo quanto proposto da Giles 18, è possibile determinare l evoluzione nel tempo del sistema aeroelastico al passo n + 1 mediante un algoritmo predictor-corrector derivato da quello di Crank-Nicholson: q = (I + 12 ) 1 ((I ha 12 ) ) ha q (n) + hp (n) (10) q (n+1) = (I + 12 ) 1 ha ((I 12 ) ha q (n) + 12 (11) (p h (n+1) + p (n))) 24 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

8 FLUENT Blocco1 Esportazione griglia Blocco2 Procedura di deformazione Fase preparatoria all'analisi BloccoN MSC NASTRAN1 MSC NASTRAN2 MSC NASTRANN DO1 update griglia Acquisizione deformate Soluzione campo di moto DO2 update griglia Passaggio dati (MPI) Parallelo FLUENT DOM update griglia DO 1 aggiornamento griglia Figura 4: Strategia di aggiornamento della griglia. FLUENT Condizione aerodinamica Analisi modon Avanzamento tempo t =D t i Determinazione parametri segnale di ingresso Caricamento griglia deformata modo N Aggiornamento griglia Sotto-iterazione k pseudo-tempo t Calcolo forze generalizzate Convergenza i=i+1 Convergenza N=N+1 Termine modi MATLAB Costruzione modello ROM Analisi di flutter Figura 5: Schema a blocchi per l analisi linearizzata. B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO

9 FLUENT Condizione aerodinamica Acqusizione base modale Predizione soluzione strutturale Calcolo forze generalizzate Determinazione parametri eccitazione Avanzamento tempo t =D t i Calcolo deformazione Loop modi base modale Caricamento griglia modon MSC NASTRAN Termine modi Sovrapposizione movimento Aggiornamento griglia Sotto-iterazione k pseudo-tempo t Convergenza Calcolo forze generalizzate Correzione soluzione strutturale Termine simulazione Termine tempo i=i+1 Figura 6: Schema a blocchi per l analisi accoppiata. dove A rappresenta la matrice degli stati del modello strutturale modale, q il vettore degli stati (ampiezza e velocità modale), p il vettore delle forze generalizzate aerodinamiche e h il passo di integrazione. Lo schema consente di risolvere il campo fluidodinamico in base ad una prima predizione strutturale, poi corretta per tenere conto degli effetti aerodinamici sulla struttura che dipendono dalla configurazione stessa. Come mostrato da Giles 18, attraverso la scelta di un passo di integrazione adeguato, è possibile assicurare la stabilità globale del metodo, minimizzando il contributo energetico introdotto o perso attraverso lo schema debolmente accoppiato. La Fig. 6 riporta la rappresentazione a blocchi per l analisi dinamica accoppiata. Implementazione della procedura La procedura aeroelastica partizionata, sfrutta la flessibilità lasciata da FLUENT di integrare il codice con proprie funzioni, denominate User Defined Functions (UDF), mediante le quali è possibile modificare le equazioni di conservazione, accedere alla soluzione del campo di moto e svolgere qualsiasi tipo di calcolo. L interprete dei comandi FLUENT, scritto in linguaggio Scheme derivante dal Lisp, consente di creare, in modo estremamente flessibile, diverse procedure aeroelastiche: esportazione della metrica della griglia per l analogia col continuo, analisi di flutter linearizzato e analisi dinamica integrata. Inoltre è possibile creare proprie funzioni che possono essere richiamate ed interpretate in tempo reale. Come mostrato in Fig. 7, il nucleo della procedura aeroelastica in ambiente FLUENT è fondato su: una libreria compilata in linguaggio C che permette di gestire tutti i passi fondamentali del calcolo aeroelastico quali esportazione della metrica della griglia, calcolo delle forze a parete, determinazione delle forze generalizzate, soluzione della dinamica strutturale, aggiornamento della griglia ed interfaccia con MSC-NASTRAN; una libreria in linguaggio Scheme che sincronizza nel corso dell analisi la chiamata a tutte le funzioni della libreria C e gestisce in modo intelligente l integrazione nello pseudo-tempo e nel tempo fisico basandosi su criteri di convergenza stabiliti dall utente esterni a quelli predefiniti. 26 B OLLETTI DEL CILEA N.98 AGOSTO 2005

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Università degli Studi di Palermo Corso in: SIMULAZIONE NUMERICA PER L'INGEGNERIA MECCANICA Docente: Prof. Antonio Pantano Anno Accademico

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA in Progetto in Zona Sismica

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza

Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : 2.1 2.2-2.3 Stato dell arte Modelli di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI In collaborazione con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Ingegneria Corso di studi in Ingegneria Civile Tesi di Laurea Magistrale CONTROLLO ATTIVO DELLE VIBRAZIONI

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

RT-MBDyn: un ambiente per la sperimentazione virtuale in tempo reale

RT-MBDyn: un ambiente per la sperimentazione virtuale in tempo reale RT-MBDyn: un ambiente per la sperimentazione virtuale in tempo reale Pierangelo Masarati, Marco Morandini Giornata di Studio sulla Meccatronica Politecnico di Milano 25 Settembre 2006 Politecnico di Milano

Dettagli

Prese d aria supersoniche [1-14]

Prese d aria supersoniche [1-14] Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Insegnamento di Propulsione Aerospaziale Anno accademico 2011/12 Capitolo 4 sezione a2 Prese d aria supersoniche

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Applicazione a tunnel stradali e linee metropolitane Luca Iannantuoni Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano 29 Ottobre 2009 Luca Iannantuoni

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Rendering air show e verifica della sincronizzazione

Rendering air show e verifica della sincronizzazione Capitolo 5 Rendering air show e verifica della sincronizzazione 5.1 Introduzione Il Rendering 3D dell evoluzioni acrobatiche costituisce uno degli aspetti cruciali dell applicazione realizzata. L ambiente

Dettagli

Indice Elementi di analisi delle matrici I fondamenti della matematica numerica

Indice Elementi di analisi delle matrici I fondamenti della matematica numerica Indice 1. Elementi di analisi delle matrici 1 1.1 Spazivettoriali... 1 1.2 Matrici... 3 1.3 Operazionisumatrici... 4 1.3.1 Inversadiunamatrice... 6 1.3.2 Matricietrasformazionilineari... 7 1.4 Tracciaedeterminante...

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester Università degli Studi di Genova Scuola Politecnica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Valutazione delle performance di uno strumento CFD open source per lo sviluppo di un energy harvester Candidato:

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile

Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Programma dettagliato del corso di MECCANICA RAZIONALE Corso di Laurea in Ingegneria Civile Anno Accademico 2015-2016 A. Ponno (aggiornato al 19 gennaio 2016) 2 Ottobre 2015 5/10/15 Benvenuto, presentazione

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

Corso di Costruzioni Aeronautiche

Corso di Costruzioni Aeronautiche Corso di Costruzioni Aeronautiche Introduzione al metodo degli elementi finiti 13 Novembre 2013 Ing. Mauro Linari Senior Project Manager MSC Softw are S.r.l. La schematizzazione delle strutture Considerazioni

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Marco Domaneschi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano Tubi commerciali in

Dettagli

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM Prof. Sergio Baragetti Progettazione FEM Perché gli Elementi Finiti Le teorie classiche della meccanica, studiate nei corsi precedenti, sono risolutive nella grande maggioranza dei casi: problemi piani,

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Giuseppe Quaranta, Angelo Colbertaldo, Marco Sirna L articolo presenta l applicazione

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido.

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Vincenzo Annoscia*, Nicola Pecere**, Angela Maria Altieri *** *O.C.T. - Bari - Italy **2S.I. Software e Servizi per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Docente del corso prof. Mariangela Usai Introduzione all'uso di Comsol Multiphysics ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS Dipartimento di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN INGENGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI Relazione di fine tirocinio Analisi non lineari statiche e dinamiche valutate con il software: ETABS

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

Capitolo 1 I fondamenti del FEM

Capitolo 1 I fondamenti del FEM Capitolo 1 I fondamenti del FEM 1.1 Il percorso base Prima di avventurarci nel dettaglio nell utilizzo del programma Femap è bene fissare dei punti di riferimento tra i quali mi sembra doveroso individuare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Riccardo Alessandrini

Dettagli

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1.

2.1.2 Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1.2.1. .1. Formulazione del test PSD Le potenzialità del metodo pseudodinamico si possono facilmente comprendere considerando l equazione (1..1.1) 17 Ma(t)+Cv(t)+S(d(t)) = f ex (t): (.1..1) applicata direttamente

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO Teoria dei Sistemi Ingegneria Elettronica, Informatica e TLC Prof. Roberto Zanasi, Dott. Giovanni Azzone DII - Università di Modena e Reggio Emilia AUTOLAB: Laboratorio

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura La dinamica degli edifici e le prove sperimentali La Norma UNI 9916 prende in considerazione in modo esplicito il caso della misura delle vibrazioni finalizzata allo: Studio del comportamento dinamico

Dettagli

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23 ANALISI NUMERICA Elementi finiti bidimensionali a.a. 2014 2015 Maria Lucia Sampoli ANALISI NUMERICA p.1/23 Elementi Finiti 2D Consideriamo 3 aspetti per la descrizione di elementi finiti bidimensionali:

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Finite Element Method, FEM Finite Element Analysis, FEA Finite Element, FE Applicazione all analisi strutturale Prof. Ciro Santus Dip. di Ingegneria Civile e

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

Introduzione al simulatore SPICE

Introduzione al simulatore SPICE Introduzione al simulatore SPICE Guida all uso del simulatore MULTISIM 2001 textbook edition di Electronics Workbench Introduzione (1) Il simulatore SPICE (Simulation Program with Integrated Circuit Emphasis)

Dettagli

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

APP_PIT_Comparazione Pile Dynamics Inc. Rev.01-012015

APP_PIT_Comparazione Pile Dynamics Inc. Rev.01-012015 Pile Integrity Tester PIT Caratteristiche Tecniche Serie PIT-X, PIT-X2, PIT-V e PIT-FV La strumentazione Pile Integrity Tester serie PIT è disponibile in 4 versioni, con 1 (PIT-X e PIT- V) o 2 (PIT-X2

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Si chiama NEiWorks ed è il primo

Si chiama NEiWorks ed è il primo Simulazione g Giancarlo Sada Analisi FEM Uno strumento alla portata di tutti Grazie alla stretta integrazione delle funzionalità di analisi mediante il metodo agli elementi finiti nell ambiente di progettazione,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover

Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Appunti di sviluppo di una procedura software per l analisi di Pushover Namirial SpA Il presente testo non vuole essere né una trattazione teorica, né un lezione sul tema della valutazione di vulnerabilità

Dettagli

Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici

Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici C. Vergara 3. Metodo della fattorizzazione LU per la risoluzione di un sistema lineare Errori di arrotondamento. Prima di affrontare la

Dettagli

Comportamento dinamico di valvole

Comportamento dinamico di valvole Comportamento dinamico di valvole Dott. Ing. Mario Cozzani Srl & Università degli Studi di Genova Felice Sfravara, Fabio Manfrone, Luca Montanelli, Massimo Schiavone, Andrea Raggi Obiettivi del progetto

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Analisi dei modi di vibrazione

Analisi dei modi di vibrazione Analisi dei modi di vibrazione Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXVI N. 8, agosto 1999, Tecniche Nuove) Una descrizione di un potente mezzo di indagine del comportamento dinamico

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks CAE PreProcessing Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti Annotazioni con riferimento a Hyperworks Metodi di Progettazione Avanzata F. Campana Sapienza Università di Roma Scopo del

Dettagli

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B In vigore dal 1 Gennaio 2003 RINA Società per azioni Gruppo REGISTRO ITALIANO NAVALE Via Corsica, 12-16128 Genova

Dettagli