Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto PIEZOTETTI. Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012. Riferimenti : Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza"

Transcript

1 Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 2 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : Stato dell arte Modelli di Simulazione Definizione dei Parametri Significativi BLUE Design srl

2 Obiettivi Fenomenologia dell impatto di gocce di acqua (pioggia) su superfici 1. Analisi bibliografica, ricerca dati sperimentali e parametri caratteristici. - Velocità limite della goccia. - Forma e dimensione. - Ordine di grandezza della forza d impatto. - Deformazione della goccia. 2. Simulazioni numeriche : - Simulazioni CFD (Modello 2D-assialsimmetrico, 3D) - Dynamic FEM Analysis (Ls-Dyna) - Confronto Modelli 3. Determinazione forza d impatto. 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 2

3 La deformazione della goccia Impatto di gocce di liquido su una superficie La deformazione della goccia dopo l impatto su una superficie risulta simile per superfici solide, elastiche o compliant. Deformazione della goccia : Valore del diametro massimo rispetto a quello nominale, al variare del N. di Reynolds e del N. di Ohnesorge (tiene conto della tensione superficiale della goccia) 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 3

4 Velocità limite / Diametro Dipendenza tra il diametro della goccia e la velocità limite. Equilibrio tra resistenza e gravità Diametro delle gocce di pioggia (da fonti in letteratura) 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 4

5 Impatto delle gocce di pioggia Studio tensionale dell impatto delle gocce di pioggia. In letteratura gli studi valutano il fenomeno dell erosione Forza d impatto Nello stato dell arte non si è trovata una relazione teorica che riproduca fedelmente la forza. Boundary shear stress Possibile valutarla con delle relazioni teoriche. DI NOSTRO INTERESSE!!!! 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 5

6 La forza d impatto prove sperimentali Trasduttore Diametro (mm) Velocità (m/s) Picco forza (N) Num. Osservazioni Time to peak (μs) Altezza di caduta m Tempo di caduta (sec) A B /01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 6

7 La forza d impatto, relazione teorica Forma della goccia a = r 1 + n= c n n=0 cos (nθ) Area di contatto A t = π a 2 a 0 Vt ^2 Forza durante l impatto F t = ρv 2 A t Velocità limite della goccia 9 m/s. Diametro della goccia 5 mm. 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 7

8 La forza d impatto Confronto tra dati sperimentali, Teoria e Metodo alle Differenze Finite Huang et al. Metodo Numerico alle differenze finite MAC (Marker and Cell), non viscoso incomprimibile. 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 8

9 Metodi di simulazione CFD Presenza di due fasi Fase liquida : Goccia Acqua Fase Gassosa : Aria Metodi di simulazione numerica dei Flussi Multifase. Moving Grid Method Front tracking method Particle-based methods Volume Of Fluid methods (VOF) Coupuled LS-VOF method (CLSVOF) 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 9

10 Descrizione codice CFD Software commerciale per la fluidodinamica computazionale CFD Basato sul metodo ai Volumi Finiti Risoluzione dell equazioni di Navier Stokes: Flusso incomprimibile Viscoso Instazionario Simulazione Multifase, metodologia VOF Frazione di volume di un fluido relativamente all altro in ogni cella del dominio computazionale. 0 f 1 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 10

11 Descrizione codice CFD NavierStokes & VOF Simulazioni 3D Simulazioni 2D assialsimmetrico Validazione Modello 2d Assialsimmetrico Z Z q X X Y (X,Y, Z) (X, Z, q) 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 11

12 Test case 2D assialsimmetrico / 3D Axial Dimensioni dominio: 10x20 mm Numero di celle: Wall Dimensione cella 5.0E-02 mm Wall Pressure outlet Dimensioni dominio: Cilindro R = 20 H = 10 mm Numero di celle: /01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 12

13 Definizione Fase 2D (goccia di pioggia) D=3.3 mm V_lim = 8.32 m/s Axial 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 13

14 Definizione Fase 3D (goccia di pioggia) D=3.3 mm V_lim=8.32 m/s 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 14

15 Risultati simulazioni, cfr Dati Sperimentali [N] D=3.3 mm V_lim = 8.32 m/s [s] 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 15

16 Deformazioni della goccia 2D Assialsimmetrico Animazione 3D - Sequenza frame : 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 16

17 Deformazioni della goccia 3D Animazione 3D - Sequenza frame : 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 17

18 Dynamic FEM Analysis Descrizione codice Ls-Dyna L analisi di calcolo è stata eseguita utilizzando il codice LS-DYNA versione 971 R4, che consente di simulare fenomeni dinamici impulsivi, fornendo risultati in termini di deformazioni, velocità, accelerazioni, energie, stati tensionali, ecc. LS-DYNA, uno degli strumenti di simulazione tecnicamente più avanzati, è un codice agli elementi finiti multidisciplinare (sia ad integrazione temporale esplicita che implicita) adatto a simulare ed analizzare fenomeni fisici altamente non lineari, in genere caratterizzati da grandi deformazioni, interazione per contatti e breve durata, come ad esempio i fenomeni di crash. Per la stabilità e la robustezza numerica del solutore, per l accuratezza dei risultati e per i tempi di calcolo fortemente ridotti è largamente impiegato e riconosciuto a livello mondiale come codice di calcolo di riferimento fin dai primi anni 70 per le analisi di crash, drop test ed impatto. 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 18

19 Descrizione modello Ls-Dyna - La piastrina è stata simulata con 336 elementi shell di dimensioni 2.5x2.5 mm circa, alle quali sono state assegnate le proprietà meccaniche del materiale piezoelettrico ceramico - La goccia d acqua è stata simulata tramite 759 elementi SPH (Smoothed Particles Hydrodynamics), distribuiti in maniera più o meno uniforme all interno di un volume sferico di 3.3 mm di diametro legate tra loro dalle equazioni costitutive dell acqua secondo la formulazione del codice di calcolo LS-DYNA - L interazione tra piastrina e goccia è stata gestita tramite un interfaccia di contatto di tipo AUTOMATIC_NODES_TO_SURFACE 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 19

20 Modello FEM Elemento piezoelettrico ceramico (PZT) di tipo patch (mod. PI DuraAct P876.A11) con configurazione a cantilever con vincolo laterale Dimensioni: 61x35x0.4 Massa: 2.1 g Modulo di Young : 16.4 GPa 35 mm 61 mm clamped 336 elementi shell goccia 759 elementi SPH (Smoothed Particles Hydrodynamics) 2.5x2.5 mm Ipotesi di goccia sferica Ø 3.3mm Massa 0.019g Velocità di impatto V= 8m/sec 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 20

21 Dinamica dell impatto singola goccia 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 21

22 Deformazione dell elemento piezo 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 22

23 Energia trasmessa alla piastra Energia d impatto della goccia: 0.6 mj

24 Risultati simulazioni [N] Confronto : - Dati Sperimentali - Simulazioni CFD - Simulazioni Fem & Dynamic [s] 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 24

25 Riferimenti Bibliografici M.A.Nearing J.M Bradford, Relationships between Waterdrop properties and force of impact, Soil Science, M.A.Nearing J.M Bradford, R.D.Holtz Measurement of force vs. Time relations for waterdrop impact, Soil Science, C. Huang, J. M. Bradford, AND J. H. Cushman, A Numerical Study of Raindrop Impact Phenomena: The Rigid Case F.H.Harlow and J.E.Welch. Numerical calculations of time-dependent viscous incompressible flow with a free surface. Physics of Fluids, Vol. 8, No. 12, pp , C.W.Hirt and B.D.Nichols. Volume of Fluid (VOF) Method for the dynamics of free boundaries, Journal Of Computational Physics, Vol. 39, pp , D.M. Hartley, P.Y Julien, Boundary shear stress induced by raindrop impact, journal of hydraulic research, Vol. 30, 1992, No.3 E. Kim, Drop Impact on Various Surfaces, Applied Mathematics Lab, New York University. September 21, 2005

26 Riferimenti : Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy, del 20/01/2012 Workpage : 4 Modelli di piezoceramici come generatori di potenza Deliverable : 4.1 System Concept BLUE Design srl

27 System Concept Definizione in fase preliminare del piezotetto. Tegola formata con quattro file da sei Elementi piezoelettrici per un totale di Ventiquattro elementi piezoelettrici 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 27

28 System Concept Configurazione montaggio tegole 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 28

29 System Concept 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 29

30 System Concept Soluzione con incastro laterale Ed elemento piezoelettrico a sbalzo 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 30

31 System Concept Gli elementi vengono fissati tra due barre A sezione rettangolare di materiale da definire Su cui sono presenti le predisposizioni elettriche 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 31

32 System Concept 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 32

33 System Concept Il cablaggio presente nelle piastrine sarà collegato con due connettori posti all estremità superiore ed inferiore della tegola 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 33

34 System Concept 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 34

35 Sviluppi futuri Simulazioni Ulteriori approfondimenti sulle di impatto goccia sia con approccio CFD sia con approccio FEM & Dynamic Upgrade caratteristiche meccaniche elemento piezoelettrico. Simulazione dell impatto di gocce di diverse dimensioni Simulazione dell impatto delle gocce su una superficie con un film di liquido (acqua). Valutazione della deformazione della piastrina System Concept Definizione cablaggio di collegamento tra i vari sottosistemi. Modifiche tecniche per la previsione di condizioni critiche (vento forte, grandine) Definizione connettori idrorepellenti. 20/01/2012 Progetto PIEZOTETTI Incontro Tecnico ATS PiezoEnergy 35

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione del moto ondoso tipo U-OWC (Oscillating Water Column).

Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione del moto ondoso tipo U-OWC (Oscillating Water Column). Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo di un modello numerico per simulazioni CFD di sistemi di conversione

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale LUNA ROSSA u p ro g e t ta z i o n e n ava l e u Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale La Coppa America, forse il più ambito trofeo velistico, si vince non solo sui

Dettagli

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti

Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Introduzione al Metodo agli Elementi Finiti Finite Element Method, FEM Finite Element Analysis, FEA Finite Element, FE Applicazione all analisi strutturale Prof. Ciro Santus Dip. di Ingegneria Civile e

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks

CAE PreProcessing. Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti. Annotazioni con riferimento a Hyperworks CAE PreProcessing Strategie di modellazione per l analisi agli elementi finiti Annotazioni con riferimento a Hyperworks Metodi di Progettazione Avanzata F. Campana Sapienza Università di Roma Scopo del

Dettagli

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM

Prof. Sergio Baragetti. Progettazione FEM Prof. Sergio Baragetti Progettazione FEM Perché gli Elementi Finiti Le teorie classiche della meccanica, studiate nei corsi precedenti, sono risolutive nella grande maggioranza dei casi: problemi piani,

Dettagli

VALIDAZIONE DI UN MODELLO MULTIFASE PER L ANALISI CFD DELLO SCAFO DI UNA NAVE

VALIDAZIONE DI UN MODELLO MULTIFASE PER L ANALISI CFD DELLO SCAFO DI UNA NAVE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria industriale DII Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Aerospaziale VALIDAZIONE DI UN MODELLO MULTIFASE PER L ANALISI CFD DELLO SCAFO DI UNA

Dettagli

CFD simulations of aorta hemodynamics: a preliminary study with Abaqus software

CFD simulations of aorta hemodynamics: a preliminary study with Abaqus software Università degli studi di Pavia Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura Corso di laurea in Bioingegneria CFD simulations of aorta hemodynamics: a preliminary study with Abaqus software Analisi

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base

PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works. Informazioni di base PROGETTAZIONE MECCANICA CON COSMOS/Works Informazioni di base Che cos è COSMOS/Works? COSMOS/Works è un software per sviluppare progettazioni essenzialmente meccaniche completamente integrato col modellatore

Dettagli

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Mercede Bergoglio e Gianfranco Molinar - CNR Torino (IMGC-CNR) Istituto di Metrologia G. Colonnetti Istituto di Metrologia G. Colonnetti

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Docente del corso prof. Mariangela Usai Introduzione all'uso di Comsol Multiphysics ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Introduzione a ANSYS CFX-11

Introduzione a ANSYS CFX-11 Introduzione a ANSYS CFX-11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste 1 Sommario

Dettagli

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Responsabile scientifico: S. Ravelli Dipartimento di Ingegneria Tutor di progetto: R. Ponzini 18 Febbraio 2014 MILANO

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Progetto MIUR DM 593 no. 12656. Vento di Sardegna. Obiettivo Realizzativo n. 1 ORGANIZZAZIONE. Attività 1.3A1

Progetto MIUR DM 593 no. 12656. Vento di Sardegna. Obiettivo Realizzativo n. 1 ORGANIZZAZIONE. Attività 1.3A1 Progetto MIUR DM 593 no. 12656 Vento di Sardegna Obiettivo Realizzativo n. 1 ORGANIZZAZIONE Attività 1.3A1 Messa a punto e integrazione dei diversi software per la simulazione! "# # CRS4 $ %&'((()*+,-.

Dettagli

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

DTI SUPSI. Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI. Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO PROGETTO DTI SUPSI 1 Progetto Generatore Eolico DTI SUPSI Corso: Produrre energia con il vento - DACD SUPSI Maurizio Barbato ; Davide Montorfano - DTI SUPSI

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Fioretti Stefano INDICE Introduzione e obiettivi

Dettagli

SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI

SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI modulari Giuseppe Miccoli, Tommaso Nizzoli u acustica u Il campo acustico emesso da un altoparlante a tromba utilizzato in una

Dettagli

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE

MISURE DI PRESSIONE PRESSIONE MISURE DI PRESSIONE 1 PRESSIONE Grandezza DERIVATA: pressione = forza area Grandezza di STATO: si ragiona in termini di differenze di pressione 2 PRESSIONE p pressione relativa (positiva) pressione atmosferica

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

La fluidodinamica computazionale permette di risolvere

La fluidodinamica computazionale permette di risolvere Evoluzione e storia della CFD: il ruolo di David Gosman Stephen Ferguson Come membro del gruppo di ricerca CFD del Prof. Brian Spalding all Imperial College, Gosman ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA NAVALE Dottorato di Ricerca Ingegneria Aerospaziale, Navale e della

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Ingegneria e simulazione di componenti in LSR

Ingegneria e simulazione di componenti in LSR Ingegneria e simulazione di componenti in LSR Andrea Romeo Consorzio Proplast Responsabile Area Ingegneria Il silicone liquido LSR Galliate, 22 settembre 2015 Ingegneria di prodotto e di processo Simulazioni

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M.

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M. LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) Progettazione di sistemi in pressione M. Guagliano 2 Si definiscono sistemi in pressione quegli apparecchi che

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

Optimization and control: CFD as a design tool

Optimization and control: CFD as a design tool Relazione di attività del PhD student Samuele Zampini Supervisore: Prof. Maurizio Quadrio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aereospaziali Optimization and control: CFD as a design tool Attività di

Dettagli

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1

RESISTENZA E PORTANZA. P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 RESISTENZA E PORTANZA P. Di Marco Termofluidodinamica Appl. RP-1 DISTACCO DELLO STRATO LIMITE Al di fuori dello strato limite: nelle zone in cui la pressione aumenta (gradiente di pressione avverso), il

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

Impianti dal design ottimale grazie ad un concetto di sviluppo in tre fasi La geometria esterna Fig. 1: Fig. 2: Fig. 3:

Impianti dal design ottimale grazie ad un concetto di sviluppo in tre fasi La geometria esterna Fig. 1: Fig. 2: Fig. 3: Impianti dal design ottimale grazie ad un concetto di sviluppo in tre fasi Il sistema implantare tiologic si basa sulle esperienze cliniche e protesiche del sistema TIOLOX, introdotto già nel 1989, nonché

Dettagli

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Le costruzioni devono soddisfare opportuni requisiti di sicurezza nei confronti della loro capacità portante Capacità portante Attitudine di una struttura

Dettagli

PRODUCT SPECIFICATION

PRODUCT SPECIFICATION PROUCT SPECIFICATION CONTENUTO 1.0 ESCRIZIONE 2.0 IENTIFICAZIONE 3.0 MATERIALI E FINITURE 4.0 CARATTERISTICHE ELETTRICHE 5.0 CARATTERISTICHE MECCANICHE 6.0 RESISTENZA ELLA AGGRAFFATURA 7.0 AMBIENTE I LAVORO

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO

Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCEDURA PER IL CALCOLO DELL ENERGIA DI DEFORMAZIONE DISSIPATA NEGLI URTI MOTO-AUTO Laboratorio per la Sicurezza e l Infortunistica Stradale PROCDURA PR IL CALCOLO DLL NRGIA DI DFORMAZION DISSIPATA NGLI URTI MOTO-AUTO aprile 0 Introduzione L energia cinetica dissipata durante la collisione

Dettagli

Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico

Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico Ente organizzatore: CISITA Formazione Superiore Realizzato in collaborazione con Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Progettazione affidabilistica con i materiali ceramici

Progettazione affidabilistica con i materiali ceramici Progettazione affidabilistica con i materiali ceramici Lecce, 17 Aprile 2012 Ing. Maurizio FERSINI Prof. Antonio Licciulli Outline Teoria della progettazione affidabilistica Concetto di resistenza teorica

Dettagli

ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA

ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA Ing. Thomas Pavan Ing. Settimo Martinello 4 EMME Service Spa La prova PIT, Pile Integrity Test,

Dettagli

Metodologia di sviluppo di componenti Alleggeriti di sospensioni per la nuova Ferrari

Metodologia di sviluppo di componenti Alleggeriti di sospensioni per la nuova Ferrari Automotive Metodologia di sviluppo di componenti Alleggeriti di sospensioni per la nuova Ferrari Isabel Ramirez Ruiz Dipartimento progettazione autotelaio, Ferrari GT In linea con il requisito di riduzione

Dettagli

Associazione Italiana per l Analisi delle Sollecitazioni (AIAS) XXXI Convegno Nazionale 18-21 Settembre 2002, Parma SESSIONE A VEICOLI

Associazione Italiana per l Analisi delle Sollecitazioni (AIAS) XXXI Convegno Nazionale 18-21 Settembre 2002, Parma SESSIONE A VEICOLI Associazione Italiana per l Analisi delle Sollecitazioni (AIAS) XXXI Convegno Nazionale 18-21 Settembre 22, Parma SESSIONE A VEICOLI SVILUPPO E VERIFICA SPERIMENTALE DI UNA PROCEDURA DI VALUTAZIONE VIRTUALE

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Dipartimento di Ingegneria Geotecnica Università degli Studi di Napoli Federico II MaTRiX Celle per carichi ciclici Manuale

Dettagli

ISOLAMENTO ELETTRICO E DISSIPAZIONE TERMICA NELL ELETTRONICA DI POTENZA: MATERIALI TERMOCONDUTTIVI BERGQUIST

ISOLAMENTO ELETTRICO E DISSIPAZIONE TERMICA NELL ELETTRONICA DI POTENZA: MATERIALI TERMOCONDUTTIVI BERGQUIST ISOLAMENTO ELETTRICO E DISSIPAZIONE TERMICA NELL ELETTRONICA DI POTENZA: MATERIALI TERMOCONDUTTIVI BERGQUIST by Ing. S.Sciolè POWER FORUM - Milano 18 Marzo 2008 PROGRAMMA PRESENTAZIONE DI WELT, BERGQUIST.

Dettagli

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici

La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici La CFD al servizio dell ambiente: simulazione di trasporto e diffusione di inquinan2 nel mare in seguito ad even2 catastrofici Ing. Filippo Palo, XC Engineering Srl Ing. Raul Pirovano, XC Engineering Srl

Dettagli

CORSI DI SPECIALIZZAZIONE POST-LAUREA

CORSI DI SPECIALIZZAZIONE POST-LAUREA CORSI DI SPECIALIZZAZIONE POST-LAUREA MODELLAZIONE 3D e 4D MODELLAZIONE FLUIDODINAMICA MODELLAZIONE STRUTTURALE Partecipanti Requisiti Durata 15+15+15 Stato di disoccupazione/inoccupazione; età compresa

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio

Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio Dipartimento di Scienze dei Materiali e Ingegneria Chimica- Politecnico di Torino- Sede di Biella Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio IKME-International Exhibition of

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI

Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE-PILASTRI Capitolo 3. ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI DEL SISTEMA CAMERE - PILASTRI È presentata nel seguito un ampia ed approfondita campagna di analisi numeriche condotte con il metodo degli elementi finiti. Le analisi

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

LONGO SANDRO GIOVANNI

LONGO SANDRO GIOVANNI Testi del Syllabus Docente LONGO SANDRO GIOVANNI Matricola: 005254 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 04294 - MECCANICA DEI FLUIDI Corso di studio: 3011 - INGEGNERIA MECCANICA Anno regolamento: 2011

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

SIMULAZIONE DELLA COLATA DEI METALLI FERROSI: CONCATENAZIONE VIRTUALE FONDERIA-CALCOLO STRUTTURALE

SIMULAZIONE DELLA COLATA DEI METALLI FERROSI: CONCATENAZIONE VIRTUALE FONDERIA-CALCOLO STRUTTURALE Via Zocco, 13 25030 Adro (BS) Italy Phone: +39.03074591 Fax: +39.0307356113 www.streparava.com contact@streparava.com SIMULAZIONE DELLA COLATA DEI METALLI FERROSI: CONCATENAZIONE VIRTUALE FONDERIA-CALCOLO

Dettagli

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii

Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Ciclo di Seminari Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del Rischio Idrogeologico in Calabria Interventi di tipo strutturale per la stabilizzazione dei pendii Prof. Ing. Enrico Conte La principale finalità

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile

Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile Ruolo dello stampaggio lamiera nel ciclo di sviluppo prodotto nell industria dell automobile Engineering GEA S.r.l Via Pavia, 65 10090 Cascine Vica - Rivoli (Torino) 27/03/02 Diapositiva 1 Ciclo di sviluppo

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA DESIGN ANALISI ELEMENTI FINITI prototipi

PROGETTAZIONE MECCANICA DESIGN ANALISI ELEMENTI FINITI prototipi PROGETTAZIONE MECCANICA DESIGN ANALISI ELEMENTI FINITI prototipi LA NOSTRA STORIA 50 STUDIO TECNICO ZOCCA. PIÙ DI Da oltre mezzo secolo lo Studio Tecnico Zocca si occupa di progettazione, analisi, calcolo,

Dettagli

MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE

MODERNA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE MODELLATORI DI SUPERFICI I modellatori di superfici sono particolarmente indicati per la modellazione e realizzazione di oggetti di stile, dove risultano fondamentali caratteristiche imponderabili come

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 392 5.4.1 celle di carico tecnotest unità di controllo digitale monotronic monotronic - centralina digitale a microprocessore AD 005

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Dott. Ing. Stefano Mauro PhD Sistemi Energetici ed Ambiente Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Catania

Dott. Ing. Stefano Mauro PhD Sistemi Energetici ed Ambiente Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Catania L importanza della simulazione multifisica come strumento per la ricerca scientifica: Attività e Risultati del gruppo di Sistemi Energetici dell Università di Catania Prof. Ing. Rosario Lanzafame Prof.

Dettagli

Itera opera nei seguenti settori:

Itera opera nei seguenti settori: Itera opera nei seguenti settori: ENGINEERING BANCHI PROVA ROBOTICA MACCHINE UTENSILI E MACCHINE INDUSTRIALI SPECIALI MACCHINE DI MISURA E SPERIMENTAZIONE INDUSTRIALE AUTOMOTIVE E MOTO AERONAUTICA E NAVALE

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

LA SOCIETA. Nasce nel 2005. Settori: Energie rinnovabili Efficienza energetica Sviluppo prodotti tecnologici

LA SOCIETA. Nasce nel 2005. Settori: Energie rinnovabili Efficienza energetica Sviluppo prodotti tecnologici ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI ASPETTATIVE DALLE NUOVE TECNOLOGIE SERAPH s.r.l. Università ECAMPUS Novedrate- 1 Marzo 2012 Relatore: Ph.D. Ing. Francesco D Amico - Presidente C.d.A. SERAPH s.r.l. LA SOCIETA

Dettagli

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero)

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero) Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK (Dir. Prof. Angelo Montenero) Lo spreco alimentare Nel mondo: Viene sprecato 1/3 del cibo prodotto Lo spreco equivale a 1,3 miliardi

Dettagli

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI PERMANENTI, CARICHI VARIABILI DI ESERCIZIO, VENTO, NEVE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale - Università degli Studi di Firenze www.dicea.unifi.it/maurizio.orlando

Dettagli

Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11

Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11 Esempio di analisi con ANSYS-CFX 11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste

Dettagli

Validazione di un modello CFD semplificato per analisi delle prestazioni globali di ventilatori assiali a sola girante

Validazione di un modello CFD semplificato per analisi delle prestazioni globali di ventilatori assiali a sola girante Validazione di un modello CFD semplificato per analisi delle prestazioni globali di ventilatori assiali a sola girante S. Castegnaro, M. Masi Università degli Studi di Padova Nell ambito della ventilazione

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 4 (5 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica dei fluidi Fluidi e solidi Unità 4 (5 ore) Densità e pressione di un fluido Proprietà dei fluidi:

Dettagli

Validazione codice di calcolo

Validazione codice di calcolo Validazione codice di calcolo Informativa sull affidabilità dei codici di calcolo D.M. 14-01-2008 paragrafo 10.2. Le fasi di progettazione e sviluppo dei software GeoStru sono sottoposti al controllo gestione

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei risultati di simulazioni CFD all interno del progetto icardiocloud

Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei risultati di simulazioni CFD all interno del progetto icardiocloud Università degli studi di Pavia Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di laurea in Bioingegneria Raccolta di dati clinici, elaborazione di immagini TC e PC-MRI e analisi dei

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO

SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO SPECIFICHE E MISSIONI DEL TELAIO I telai automobilistici devono soddisfare contemporaneamente molteplici missioni, alcune delle quali prese singolarmente darebbero soluzioni costruttive in contraddizione

Dettagli

Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi

Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi Michele Giannuzzi, Alessio Selci Adottando nuovi processi di packaging e di miniaturizzazione

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

La carta del vento della Regione Abruzzo

La carta del vento della Regione Abruzzo Capitolo 1 La carta del vento della Regione Abruzzo Pagina 1.1 1. La carta del vento della Regione Abruzzo. 1.1 Introduzione. Per la stesura delle Linee Guida per l eolico si è ritenuto opportuno effettuare

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

MILANO PORTA NUOVA GARIBALDI PROBLEMATICHE STRUTTURALI

MILANO PORTA NUOVA GARIBALDI PROBLEMATICHE STRUTTURALI MILANO PORTA NUOVA GARIBALDI 09 rzo 200 omo Sabato 28 Mar Co PROBLEMATICHE STRUTTURALI Progettista Dott. Ing. Danilo Campagna Supervisore strutturale Prof. Ing. Antonio Migliacci Coordinatore progetto

Dettagli

A.S.P.- AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE- COSENZA- Presidi Ospedalieri Castrovillari Unità Operativa Complessa di Diagnostica per Immagini

A.S.P.- AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE- COSENZA- Presidi Ospedalieri Castrovillari Unità Operativa Complessa di Diagnostica per Immagini A.S.P.- AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE- COSENZA- Presidi Ospedalieri Castrovillari Unità Operativa Complessa di Diagnostica per Immagini FISICA DEGLI ULTRASUONI ed ARTEFATTI L. Perretti- F. Calliada Cosa

Dettagli

Influenza dei difetti superficiali sulla risposta in frequenza su pali di fondazione

Influenza dei difetti superficiali sulla risposta in frequenza su pali di fondazione Influenza dei difetti superficiali sulla risposta in frequenza su pali di fondazione E. Lo Giudice 1, G. Navarra 2, R. Suppo 3 1 Direttore del Laboratorio DISMAT s.r.l., C.daAndolina, S.S. 122 km 28 92024

Dettagli

STUDIO DELL INTERFERENZA TRA CORPI ASSIALSIMMETRICI E PROFILI ALARI MEDIANTE ANALISI CFD

STUDIO DELL INTERFERENZA TRA CORPI ASSIALSIMMETRICI E PROFILI ALARI MEDIANTE ANALISI CFD Università degli Studi di Pisa Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Aerospaziale Tesi di Laurea STUDIO DELL INTERFERENZA TRA CORPI ASSIALSIMMETRICI E PROFILI ALARI MEDIANTE

Dettagli

Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP

Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP Francesco Portioli, Paolo Foraboschi, Raffaele Landolfo Ricerca Comportamento strutturale di volte a padiglione con e senza rinforzi in FRP Lo studio dimostra l efficacia strutturale, nelle volte a padiglione,

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008.

Applicazioni software per la progettazione geotecnica con le NTC 2008. GEOSTRU SOFTWARE WWW.GEOSTRU.COM Via C. Colombo 89 Bianco (RC) geostru@geostru.com PROGETTARE INTERVENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA AMBIENTALE ALLA LUCE DELLE NTC Bogogno - NOVARA, 27 novembre 2012 Applicazioni

Dettagli