Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza"

Transcript

1 Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza 7 Conferenza Annuale Responsible Care Giuseppe Abello ASSOCASA

2 Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa Rappresentanza delle imprese del settore nell ambito di Federchimica Confindustria 2

3 Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa Detergenti (superf. dure, tessuti, stoviglie, wc, ecc), saponi da bucato e coadiuvanti di lavaggio (ammorbidenti, sbiancanti, appretti, ecc) 3

4 Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa Prodotti di manutenzione (calzature e pelli, deodoranti ambientali smacchiatori, coloranti domestici, ecc), disinfettanti, disinfestanti (insetticidi, antitarme, ratticidi, ecc) 4

5 Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa Settore I&I Industriale (impianti alimentari, ecc) e Istituzionale (Scuole, Ospedali, HORECA, ecc) 5

6 Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa Settore dei beni di largo consumo 6

7 Assocasa - alcuni dati Numero di aziende associate ad oggi: circa 100 Multinazionali Nazionali Oltre l 80% di PMI Numero di addetti: circa Fatturato del settore: > 3 Miliardi di Euro ~ 80% uso domestico ~ 20% I&I 7

8 L approccio del settore Ambiente Sicurezza & Salute 8

9 Confronto dei benefici ambientali della distribuzione di detersivi sfusi ed in flaconi: bilancio di una Life Cycle Assessment(LCA) 9

10 Obiettivi dello studio Acquisire informazioni oggettive sugli impatti ambientali delle filiere complessive di distribuzione del detersivo (sfuso ed in flaconi)in modo da confrontarne i principali indicatori di impatto ambientale Supportare eventuali iniziative di comunicazione dell Associazione Realizzare un modello semplificato che supporti le aziende nell elaborazione di una valutazione di impatto ambientale base. Fornire spunti di miglioramento dei sistemi in modo da ridurre gli impatti ambientali (ecodesign) 10

11 L importanza di alcune caratteristiche nei prodotti per la pulizia della casa L assenza di sostanze nocive Che sia realizzato garantendo la sicurezza dei lavoratori Moltissimo + Molto Moltissimo L ecologicità della confezione L assenza di sostanze ad elevato impatto ambientale Che sia realizzato con un processo a ridotto impatto ambientale La presenza di un bollino che certifichi l eco-sostenibilità Che il trasporto non comporti lunghi spostamenti, inquinando Che sia un prodotto concentrato

12 Life Cycle Engineering is working on Life cycle Assessment and sustainability since the early Maggiori informazioni sono disponibili su September

13 Il metodo utilizzato LIFE CYCLE ASSESSMENT La LCA èuna tecnica per valutare gli aspetti ambientali e i potenziali impatti ambientali associati ad un processo/prodotto, mediante la compilazione di un inventariodi ciò che di rilevante entra ed esce da un sistema di prodotto, la valutazione dei potenziali impatti ambientali associati a ciò che entra e a ciò che esce, l interpretazionedei risultati riguardanti le fasi di analisi dell inventario e di stima degli impatti in relazione agli obiettivi dello studio CRADLE TO GRAVE OR CRADLE TO CRADLE Seconda lavorazione Produzione prodotto ( es. laminazione) ( es. palo di acciaio per trasporto e.e. o per illuminazione Prima lavorazione (es. produzione acciaio primario Estrazione m.p.m. (es. min. di ferro, m.p. energetiche utility zincatura Fase d uso e m anutenzione Messa in opera Eventuali ricicli 13

14 Il metodo utilizzato CONFINI DEL SISTEMA Essendo uno studio di confronto ènecessario che i sistemi siano perfettamente equifunzionali. Non si considera la produzione del detersivo. Scenario Fasi incluse Fasi escluse A Flaconi Produzione dei flaconi e trasporto ai produttori Confezionamento dei flaconi presso i produttori (imballo secondario) Trasporto dei flaconi alle piattaforme di vendita Smaltimento dei flaconi a fine vita (secondo gli scenari di gestione dei rifiuti delle principali aree Nielsen) Produzione del detersivo Produzione dei macchinari necessari al confezionamento dei flaconi B Refill Produzione e distribuzione dei flaconi vuoti Fabbricazione delle cisternette e trasporto ai produttori Distribuzione delle cisternettepiene e ritiro delle cisternette vuote lavaggio delle cisternette vuote Funzionamento del distributore dello sfuso Smaltimento delle cisternettee dei flaconi vuoti dopo i cicli di utilizzo previsti Produzione del detersivo Produzione dei macchinari necessari al confezionamento dei flaconi 14

15 Il metodo utilizzato IPOTESI PRINCIPALI Il progetto ha mostrato la presenza di molteplici scenariche dipendono dalla tipologia del flacone (massa, materiale, % di riciclo) e dalle pratiche gestionali (imballaggio secondario, fine vita, ecc ). Per questa ragione sono stati definiti alcuni scenari medi lasciando al modello semplificato la possibilità di elaborare gli indicatori per tutti gli altri Per quanto riguarda i trasporti ènecessario ipotizzare che i mezzi utilizzati siano sempre dedicati al trasporto della merce in oggetto. Il calcolo degli impatti associati alla gestione a fine vita èstato affrontato sulla base di scenari geografici 15

16 Il metodo utilizzato DUE LIVELLI DI IPOTESI Le ipotesi adottate per la conduzione dello studio LCA possono essere organizzate in quelle legate agli imballaggi ed in quelle di sistema. Questa suddivisione permette di focalizzare meglio l attenzione sugli aspetti piùrilevanti e maggiormente dipendenti dalle scelte aziendali sulle modalità di gestione dei flaconi IMBALLAGGI Massa dei flaconi, materiali utilizzati, volume Imballaggi secondari Le bottiglie usate per il REFILL sono normalmente piùpesanti e mai fabbricate in materiale riciclato SISTEMA Energie di produzione dei flaconi, Trasporti Fine vita 16

17 Il metodo utilizzato FINE VITA AREA I AREA II 23,7% 38,1% 12,5% 63,8% 15,1% 46,8% AREA III AREA IV 5,6% 74,0% 1,2% La fase di smaltimento èstata analizzata per scenari suddividendo il territorio in aree Nielsen e utilizzando informazioni note sulla destinazione dei rifiuti solidi urbani. 20,4% 13,2% 85,6% =% riciclo = % termovalorizzazione =% discarica 17

18 Risultati INDICATORI DI IMPATTO I risultati vengono restituiti prendendo in considerazione alcuni degli indicatori di impatto utilizzati tradizionalmente negli studi LCA e ritenuti significativi per i sistemi in oggetto: GWP: emissioni di gas serra espresse in g di CO 2 equivalente (uso di energia); GER: consumo di risorse energetiche espressi in MJ (produzione dei flaconi); POCP: smog fotochimico espresso in g di C 2 H 4 equivalente (trasporti) AP: acidificazione espressa in g SO 2 equivalenti (uso di energia e trasporti) Il confronto tra le due filiere viene effettuato utilizzando il calcolo del break evenin termini di riutilizzo del flacone per il refill. 18

19 Risultati LIVELLI DI RISULTATI I risultati sono stati organizzati in 3 livelli di approfondimento successivi: 1 livello: informazioni specifiche sugli impatti dei diversi scenari con approfondimenti sull importanza dei diversi aspetti 2 livello: analisi di break evenper il confronto tra il sistema tradizionale ed il sistema refill 3 livello: analisi dell incidenza delle distanze sul punto di pareggio ambientale tra i due sistemi 19

20 Risultati IL BREAK-EVEN ENERGETICO Nel caso dei consumi energetici, il break even è indicativamente a 3 utilizzi. Nel caso in cui il flacone sia in materiale riciclato, il break evensi sposta a circa 6 utilizzi. MJ/l 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 Consumo di energia HDPE 1 HDPE 2 HDPE 3 HDPE 4 PET 1 RPET1 R1 R2 R3 Utilizzi Caso con distanza pari a 500 km 20

21 Risultati IL BREAK-EVEN AD EFFETTO SERRA Nel caso delle emissioni di CO 2, il break evenvaria tra i 4 e i 6 utilizzi a seconda delle dimensioni del flacone GWP HDPE 1 HDPE 2 Per il flacone monouso completamente riciclato, il break evenèoltre i 10 utilizzi. g CO 2 /l HDPE 3 HDPE 4 PET 1 RPET 1 R1 R2 R3 Utilizzi Caso con distanza pari a 500 km 21

22 Risultati 3 RISULTATI IL BREAK EVEN IN FUNZIONE DEI KM Man mano che il sito di produzione si allontana dal punto di vendita, il break even diventa sempre più alto. A km, sono necessari mediamente 10 utilizzi per rendere vantaggioso il sistema REFILL Zona incerta Zona monouso 22

23 Risultati IL BREAK EVEN IN FUNZIONE DEI KM Per quanto riguarda le emissioni ad effetto serra, oltre i 500 km diventa problematico per il sistema REFILL essere competitivo nei confronti del sistema tradizionale. Zona incerta Zona monouso * T3 e T4 sempre migliori 23

24 Risultati 3 RISULTATI IL BREAK-EVEN DELLA CO 2 CONSIDERANDO LO SMALTIMENTO Il break evenè sostanzialmente invariante. Con 6 utilizzi, il refill consente di risparmiare 10 g di CO 2 nell area A1 e circa 50 nell area A4. Caso con distanza pari a 500 km 24

25 Risultati 3 RISULTATI CONSIDERAZIONI FINALI: TRADIZIONALE O REFILL? Non esiste una risposta univoca perché le combinazioni sono molte e gli scenari possono essere diversi. In ogni caso il metodo di confronto migliore èquello del punto di pareggio. Gli indicatori ambientali sono abbastanza allineati tra loro In media il sistema refill necessitàdi almeno 5-10 riutilizziper essere vantaggioso sulla maggior parte degli indicatori Il flacone monouso in materiale 100% riciclato rende più distante il punto di break even Il break evendiventa piùalto oltre i 500 km. Il fatto di considerare anche gli impatti associati alla gestione a fine vita dei flaconi rende piùmarcate le differenze mantenendo circa invariata la posizione dei punti di pareggio. Tale considerazione è più importante nelle zone con più alto ricorso alla discarica (A3 e A4). Esistono ampi spazi di miglioramento che potrebbero essere valutati con approfondimenti di ecodesign 25

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Strumenti per la Eco-Progettazione Pagina 1 di 7 STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Massimo Marino, Stefano Rossi Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati Via Livorno, 60 10144 Torino Riassunto

Dettagli

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili Rifiuti e Life Cycle Thinking Per un uso sostenibile delle risorse ed una gestione virtuosa dei rifiuti Milano, 24-06-2015 Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni esterne

Dettagli

Recycling & Horticultural Packaging Systems

Recycling & Horticultural Packaging Systems Recycling & Horticultural Packaging Systems 1 Overview AMP Recycling - Ferrara Fondazione 1962 Dipendenti 570 Fatturato 2012 195 M (+10%) Fatturato 2013 200 M (+2,5%) ILIP e MP3 - Valsamoggia Loc. Bazzano

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI CODICE CPC 35322 GRUPPO CODICE CPC 35 PCR PCR 2011:10 DETERGENTS AND WASHING PREPARATIONS, VERSION 1.0, 2011 08 30 NUMERO

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

Giugno 2013 June 2013

Giugno 2013 June 2013 Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Protocollo di monitoraggio del progetto e delle azioni e identificazione delle performance obiettivo Project s and Action s Monitoring Protocol and identification

Dettagli

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche M. Cellura, S. Longo, A. Orioli,

Dettagli

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare Piatti monouso in PP, PS, PLA, polpa di cellulosa e piatti riutilizzabili in porcellana Bicchieri monouso in PP, PS, PLA, cartoncino

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC SOTTO LA LENTE DEL CICLO DI VITA

I SERRAMENTI IN PVC SOTTO LA LENTE DEL CICLO DI VITA I SERRAMENTI IN PVC SOTTO LA LENTE DEL CICLO DI VITA I risultati e le metodologie dello studio LCA che ha posto a confronto serramenti in PVC, in alluminio e in legno PVC Forum Italia Centro di Informazione

Dettagli

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI LIFE10 ENV/IT/000367 PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI Buone pratiche di gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza di Sustainable Cruise Sustainable

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Ing. MARCO PIANA PVC Forum Italia- Centro di informazione sul PVC 1 Il PVC Forum Italia:

Dettagli

Carta e cartone: imballaggio responsabile

Carta e cartone: imballaggio responsabile Carta e cartone: imballaggio responsabile Carlo Montalbetti Direttore Generale 20 marzo 2009 1 www.comieco.org Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica L imballaggio di

Dettagli

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Torino, 18 Aprile 2012 Arch. Stefano Dotta Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione

Dettagli

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Sviluppo sostenibile Lo sviluppo è sostenibile quando soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle

Dettagli

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI O: opere pubbliche Come adottare i criteri

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA

INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA INNOVAZIONE, AMBIENTE & ICT QUALI FATTORI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA Maurizio Mariani Sotral Spa Torino 19 Marzo 2009 IL CAMBIO GENERAZIONALE Dal 1982 al 2003 GESTIONE FAMILIARE, I FONDATORI INIZIANO

Dettagli

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione 1 Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione Gino Schiona Direttore Generale CIAL Alberto Cambiaghi Direttore Generale Brianza Energia Ambiente Ecomondo Rimini, 6 novembre 2014 2 CIAL. La strategia

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Gli impegni ambientali di BTicino > Integrare la gestione dell ambiente nei siti industriali. Più dell'80% dei siti del Gruppo Legrand nel mondo sono

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Perché questo studio è stato scelto come esempio? Realizzare un indagine LCA (Life Cycle Analysis analisi del ciclo di vita) è un progetto complesso, che occupa

Dettagli

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS Obiettivi dello studio oggetto d analisi: BOTTIGLIA DI PLASTICA da 1 lt ampiezza ciclo di vita: DALLE MATERIE PRIME AL RICICLO/RIUSO FINALITÀ: Dai risultati dello studio

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti 37 Intervento dal titolo L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti A cura di Ing. Daniele Forni F.I.R.E. - Federazion Italiana per l uso Razionale dell Energia 39

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Riccardo Passigato Vice-Direttore Generale Gestione Operativa Materie

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità. I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA. FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010

Master La pulizia sostenibile come opportunità. I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA. FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA Assocasa e la sostenibilità La sostenibilità è un approccio

Dettagli

Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET

Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET I sistemi indipendenti del riciclo, il mercato della plastica Ravenna, 27 settembre 2013 Giancarlo Longhi, presidente Coripet 1 2 Lo scenario

Dettagli

Codice Europeo di buona pratica ambientale

Codice Europeo di buona pratica ambientale Codice Europeo di buona pratica ambientale Diminuire l impatto ambientale del processo di lavaggio del bucato Assocasa ha aderito al Codice Europeo di Buona Pratica Ambientale per i detersivi per il bucato

Dettagli

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA in collaborazione con: Provincia di Parma Relatore: Chiar.mo Prof. MARCO BERGONZONI Correlatore:

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali IL PROGETTO ECORUTOUR è un progetto europeo che si propone di promuovere

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario

La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario Domenico Castiello 1, Monica Puccini 2, Maurizio Salvadori 1, Maurizia Seggiani 2, Sandra Vitolo 2 1 Po.Te.Co. Scrl Polo Tecnologico

Dettagli

Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto

Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto Le buone pratiche per la tutela dell ambiente Riservato ad Associazioni L acqua di rete: lo scenario Pur in una situazione italiana di alti consumi

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD31U ATTIVITÀ 20.41.10 FABBRICAZIONE DI SAPONI, DETERGENTI E DI AGENTI ORGANICI TENSIOATTIVI (ESCLUSI I PRODOTTI PER TOLETTA) ATTIVITÀ 20.41.20 FABBRICAZIONE DI SPECIALITÀ CHIMICHE PER

Dettagli

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET Bicchieri Alu Il nostro impegno per proteggere le risorse naturali Thomas Nussbaumer, CEO Region Central L immagine che abbiamo di un ambiente intatto

Dettagli

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A.

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 5 DOCUMENTO Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI PROGETTO

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6 Angelo Bonomi ECONOMIA E AMBIENTE Il documento Draft Reference Document on Economics and Cross- Media Effects

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO

CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO CALENDARI E SONDAGGI PER L ANNO NUOVO È iniziata la distribuzione dei calendari per l anno nuovo realizzati dall Ufficio Ecologia del Comune di Saronno in collaborazione con Econord. L importante appuntamento

Dettagli

ELENCO PREZZI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIA

ELENCO PREZZI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIA ELENCO PREZZI PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIA 1 Codice articolo Descrizione Unità di Prezzo Unitario misura A.01 Servizio di pulizia straordinaria per interventi che si rendono necessari per ricondurre

Dettagli

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti:

Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: FAI LA DIFFERENZA Ciascuno di noi produce in media 1,5 KG Di RiFiUti AL GioRno, oltre 500 kg ogni anno! Se raccolti in modo differenziato, i tuoi rifiuti potranno essere ReCUPeRAti: attraverso il RICICLO

Dettagli

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita ECOMONDO Rimini Fiera 4.11.2010 Valutazioni di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Ecomondo 2012 LCA in Italia: ricerca, mercato, politiche L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Prof. Maurizio Cellura Rimini, 7 novembre 2012

Dettagli

taccuino 21/09/11 14:52 Pagina 1 n i Con il supporto della Commissione Europea

taccuino 21/09/11 14:52 Pagina 1 n i Con il supporto della Commissione Europea taccuino 21/09/11 14:52 Pagina 1 taccuino degli Acquisti ti s i qu ti per c A n ige uti ell t n i i rif o n me re r u d pro Con il supporto della Commissione Europea taccuino 21/09/11 14:52 Pagina 2 il

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

Gestione dei rifiuti e cambiamenti climatici: strategie innovative per la green economy. Prof. Stefano Caserini

Gestione dei rifiuti e cambiamenti climatici: strategie innovative per la green economy. Prof. Stefano Caserini International Center for Climate Governance, 6 febbraio 2013 Gestione dei rifiuti e cambiamenti climatici: strategie innovative per la green economy Prof. Stefano Caserini Stefano.caserini@polimi.it Politecnico

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. Nato/a il, in qualità di legale. Rappresentante della Ditta. Con sede legale in Via

Il/la sottoscritto/a. Nato/a il, in qualità di legale. Rappresentante della Ditta. Con sede legale in Via (da regolarizzare ai fini dell imposta di bollo) MODULO - OFFERTA per la fornitura di PRODOTTI IN CARTA, IN PLASTICA, PER LA PULIZIA, PER L IGIENE DELLA PERSONA: LOTTO N. 6 La fornitura sarà aggiudicata

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA QUANTA ACQUA IN BOTTIGLIA SI CONSUMA IN ITALIA? Il consumo nazionale di acqua in bottiglia è molto elevato: nel 2007, gli italiani ne hanno acquistato 12,4 miliardi

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

CARTELLA STAMPA. http://assocasa.federchimica.it http://it.cleanright.eu

CARTELLA STAMPA. http://assocasa.federchimica.it http://it.cleanright.eu CARTELLA STAMPA http://assocasa.federchimica.it http://it.cleanright.eu 1 1. CHE COS È ASSOCASA Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria e per la Casa L Associazione in numeri Assocasa,

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

Rifiuti: da problema a risorsa

Rifiuti: da problema a risorsa CONSORZIO NAZIONALE PER IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI BENI A BASE DI POLIETILENE Rifiuti: da problema a risorsa Nota illustrativa sul ciclo di gestione dei rifiuti in Italia CHE COSA SONO I RIFIUTI? Un

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013

Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013 Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale Asolo, 25 ottobre 2013 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti 2. La risposta normativa Legislazione europea Sistema Conai/Consorzi di Filiera

Dettagli

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Maurizio Cellura 1 mcellura@dream.unipa.it, Sonia Longo 1, Marina Mistretta 2, Domenico Panno 1 1 Università

Dettagli

Progettare un evento a basso impatto ambientale

Progettare un evento a basso impatto ambientale Progettare un evento a basso impatto ambientale di Andrea Gandiglio e Veronica Caciagli Sulla giusta strada In un periodo in cui la parola green è inflazionata e pullulano eventi che definiscono ingannevolmente

Dettagli

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p.

SCHEDA FESTA. Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. SCHEDA FESTA Il sottoscritto in qualità di legale rappresentante dell Ente/Proloco/Associazione con sede in via n. C.A.P. codice fiscale p. IVA riguardo la seguente iniziativa organizzata sul territorio

Dettagli

delle tecnologie energetiche sostenibili

delle tecnologie energetiche sostenibili Università di Palermo Dipartimento dell Energia LCA : strumento di valutazione delle tecnologie energetiche sostenibili Prof. Maurizio Cellura Tel. 091.23861931; email:mcellura@dream.unipa.it; Quadro energetico

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE

LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE Oreste Pasquarelli D.1 RICICLO MECCANICO IMPIANTI ITALIANI Il settore è molto sviluppato come selezione dei diversi materiali e come

Dettagli