LEZIONE III DUPLICAZIONE DEL DNA. Dott. Paolo Cascio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE III DUPLICAZIONE DEL DNA. Dott. Paolo Cascio"

Transcript

1 LEZIONE III DUPLICAZIONE DEL DNA Dott. Paolo Cascio

2 DUPLICAZIONE DEL DNA NEI PROCARIOTI LA DUPLICAZIONE DEL CROMOSOMA BATTERICO CIRCOLARE INIZIA IN UN UNICO PUNTO E PROCEDE BIDIREZIONALMENTE FINO A QUANDO TUTTO IL CROMOSOMA NON E STATO COPIATO. LA ZONA IN CUI LA PARTE NEOSINTETIZZATA INCONTRA QUELLA NON DUPLICATA E DEFINITA FORCELLA DI DUPLICAZIONE. LA REPLICAZIONE INIZIA IN UN PUNTO DI ORIGINE FISSO E PROCEDE IN DIREZIONI OPPOSTE FINO A CHE LE FORCELLE DI REPLICAZIONE SI INCONTRANO. IN E. COLI SONO STATI SCOPERTI TRE ENZIMI CHE POSSONO CATALIZZARE LA SINTESI SU STAMPO DEL DNA (DNA POLIMERASI I, DNA POLIMERASI II, DNA POLIMERASI III). DNA POLIMERASI I: RIPARA LE LESIONI SUBITE DALLA CATENA DI DNA. DNA POLIMERASI II: IL SUO RUOLO IN VIVO NON E ANCORA NOTO. DNA POLIMERASI III: E RESPONSABILE DELL ALLUNGAMENTO DELLA CATENA DEL DNA DURANTE LA DUPLICAZIONE.

3 LA DNA POLIMERASI III ESISTE IN UNA FORMA PIU SEMPLICE (CON ATTIVITA MINIMA) FORMATA DA TRE SUBUNITA (α, ε, θ) E IN UNA FORMA MOLTO PIU ATTIVA (NOTA COME OLOENZIMA) FORMATA DALL ASSOCIAZIONE DI DUE COMPLESSI MULTIMERICI DI 13 SUBUNITA CIASCUNO. L ENZIMA SINTETIZZA IL DNA AGGIUNGENDO UN NUCLEOTIDE PER VOLTA ALL ESTREMITA 3 DELLA CATENA IN ACCRESCIMENTO. IL NUCLEOTIDE AGGIUNTO DERIVA DA UN DESOSSIRIBONUCLEOSIDE-5 - TRIFOSFATO (dntp). PER QUESTA REAZIONE E, INOLTRE, NECESSARIO Mg++, POICHE I dntp PER POTER ESSERE UTILIZZATI DEVONO ESSERE COMPLESSATI CON IL MAGNESIO. LO SCHELETRO ZUCCHERO-FOSFATO SI FORMA PER TRASFERIMENTO DI UN GRUPPO NUCLEOTIDICO DA UN dtnp AL GRUPPO OSSIDRILICO 3 DEL RESIDUO NUCLEOTIDICO TERMINALE DELLA CATENA DI DNA IN ALLUNGAMENTO. L IDROLISI DEL PIROFOSTATO (PP) AD OPERA DI UNA PIROFOSFATASI FORNISCE L ENERGIA NECESSARIA ALLA REAZIONE. L ENZIMA OPERA AD UNA VELOCITA DI CIRCA 1000 RESIDUI NUCLEOTIDICI AL SECONDO.

4 TEORICAMENTE LA DNA-POLIMERASI III POTREBBE AGIRE CON DUE MECCANISMI DIVERSI: 1) DOPO CHE UN NUOVO RESIDUO E STATO AGGIUNTO ALLA CATENA, L ENZIMA POTREBBE STACCARSI E LEGARSI A CASO SU DI UN ALTRA CATENA INCOMPLETA (PROCESSO DI SINTESI DEFINITO DISTRIBUTIVO). OPPURE 2) UNA VOLTA CHE LA POLIMERASI HA INIZIATO LA SINTESI DEL DNA SU UN FILAMENTO CHE FUNGE DA STAMPO, RIMANE LEGATA AD ESSO FINCHE TALE FILAMENTO NON VIENE COMPLETAMENTE REDUPLICATO (PROCESSO DEFINITO PROGRESSIVO). SPERIMENTALMENTE SI E POTUTO DIMOSTRARE CHE IL MECCANISMO D AZIONE DELLA DNA-POLIMERASI III (VEDI ESPERIMENTO) E PROGRESSIVO. QUANDO IN VIVO L ENZIMA SI ASSOCIA AD UN CROMOSOMA PROBABILMENTE NON SE NE DISSOCIA FINO A QUANDO L INTERO CROMOSOMA NON E STATO REDUPLICATO.

5 LA PROGRESSIVITA DELLA DNA-POLIMERSAI III E DOVUTA ALL AZIONE CONCOMITANTE DI VARIE SUBUNITA DELL OLOENZIMA: 1) LA SUBUNITA α CATALIZZA IL TRASFERIMENTO DI UN GRUPPO NUCLEOTIDICO IN DIREZIONE ) LA SUBUNITA β AGGANCIA SALDAMENTE L OLOENZIMA ALLA CATENA DI DNA. ALTRE PROTEINE COLLABORANO, INOLTRE, CON LA DNA-POLIMERASI III. 1) LE ELICASI CATALIZZANO LO SVOLGIMENTO DELL α-elica A LIVELLO DELLE FORCELLE DI DUPLICAZIONE. 2) LA PROTEINA CHE SI LEGA AD UN SINGOLO FILAMENTO (SSB) IMPEDISCE AI FILAMENTI DI DNA DENATURATI DI RIFORMARE L α- ELICA O DELLE ANSE A FORCINA (CHE ARRESTEREBBERO L AZIONE DELLA POLIMERASI). LA DNA-POLIMERSAI III E, INOLTRE, CAPACE DI CORREGGERE GLI ERRORI SULLA CATENA DI DNA IN FORMAZIONE CAUSATI DA UN NON CORRETTO ACCOPPIAMENTO DELLE BASI. QUESTO E POSSIBILE PERCHE LA SUBUNITA ε POSSIEDE UN ATTIVITA ESONUCLEASICA 3 5 CHE IDROLIZZA IL LEGAME FOSFODIESTERE TRA IL RESIDUO TERMINALE E IL RESTO DELLA CATENA. L OLOENZIMA INCORPORA

6 UNA BASE SBAGLIATA CIRCA UNA VOLTA OGNI REAZIONI DI ALLUNGAMENTO (TASSO DI ERRORE 10-4). QUESTI ERRORI VENGONO CORRETTI DALL ATTIVITA ESONUCLEASICA DELLA SUBUNITA ε CHE, A SUA VOLTA, HA UN TASSO DI ERRORE DI LA COMBINAZIONE DI QUESTE DUE REAZIONI SEQUENZIALI PRODUCE UN TASSO COMPLESSIVO DI ERRORE DI 10-7 (UNO DEI PIU BASSI MAI RISCONTRATI PER UN ENZIMA). QUINDI ENORMI MOLECOLE DI DNA VENGONO REDUPLICATE CON POCHISSIMI ERRORI. LA DNA-POLIMERSAI III CATALIZZA L ALLUNGAMENTO DELLA CATENA DI DNA SOLO IN DIREZIONE 5 3. TUTTAVIA, UN ESAME DELLA FORCELLA DI DUPLICAZIONE RIVELA CHE LA SINTESI 5 3 PUO ESSERE CONTINUA SOLO SU DI UN FILAMENTO. NELL ALTRO FILAMENTO, CHE HA UNA POLARITA OPPOSTA, LA SINTESI 5 3 PROCEDE IN DIREZIONE OPPOSTA RISPETTO ALLA FORCELLA DI DUPLICAZIONE. IL NUOVO FILAMENTO FORMATOSI PER POLIMERIZZAZIONE 5 3 NELLA DIREZIONE DELLA FORCELLA E CHIAMATO FILAMENTO GUIDA. L ALTRO FILAMENTO, FORMATOSI PER POLIMERIZZAZIONE 5 3 IN DIREZIONE OPPOSTA ALLA FORCELLA E CHIAMATO FILAMENTO LENTO.

7 IL FILAMENTO LENTO DEVE NECESSARIAMENTE ESSERE SINTETIZZATO IN FRAMMENTI, CIASCUNO DEI QUALI VIENE POLIMERIZZATO IN DIREZIONE 5 3. SOLO IN UN SECONDO MOMENTO I FRAMMENTI NEOSINTETIZZATI VENGONO LEGATI TRA LORO A FORMARE UN FILAMENTO COMPLETO (SINTESI DISCONTINUA DEL DNA). LA PROVA DELLA SINTESI DISCONTINUA DEL DNA E STATA OTTENUTA MARCANDO IL DNA NEOSINTETIZZATO CON 3H-TIMIDINA ED ESAMINANDO, POI, LA STRUTTURA DEGLI INTERMEDI DI DUPLICAZIONE. LA TIMIDINA TRIZIATA VIENE SOMMINISTRATA PER UN BREVE PERIODO ALLE CELLULE DI E. COLI IN FASE DI DUPLICAZIONE. LA SINTESI DEL DNA VIENE BLOCCATA A DIVERSE RIPRESE E IL DNA NEOSINTETIZZATO VIENE ISOLATO. LE MOLECOLE DI DNA NEOSINTETIZZATO SONO DI DUE TIPI: MOLECOLE DI DNA MOLTO GRANDI (CONTENETI CIRCA META DELLA RADIOATTIVITA TOTALE) E FRAMMENTI DI NUCLEOTIDI (CONTENETI L ALTRA META DELLA RADIOATTIVITA ). LE MOLECOLE GRANDI DI DNA DERIVANO DALLA SINTESI CONTINUA DEL FILAMENTO GUIDA. I FRAMMENTI PIU PICCOLI, INVECE, DERIVANO DALLA SINTESI DISCONTINUA DEL FILAMENTO LENTO.

8 QUESTI PICCOLI FRAMMENTI DI DNA SONO CHIAMATI FRAMMENTI DI OKAZAKI. ESISTE, PERO, UN ULTERIORE PROBLEMA. NESSUNA DNA-POLIMERASI NOTA E IN GRADO DI INIZIARE LA POLIMERIZZAZIONE DEL DNA EX NOVO, MA TUTTE RICHIEDONO PER POTER AGIRE LA PRESENZA DEL GRUPPO OSSIDRILICO 3 DI UN CORTO RNA INNESCO. PERCIO LA SINTESI DI TUTTI FRAMMENTI DI OKAZAKI (COSI COME DEL FILAMENTO GUIDA) COMINCIA CON QUELLA DI UN RNA INNESCO 5 3 AL QUALE LA DNA-POLIMERASI III PUO, POI, AGGIUNGERE DESOSSIRIBONUCLEOTIDI. L RNA INNESCO VIENE SINTETIZZATO DA UN ENZIMA DETTO PRIMASI (O dnag) CHE SINTETIZZA UN RNA INNESCO DI 1-3 NUCLEOTIDI AL SECONDO. POICHE LA FORCELLA DI DUPLICAZIONE SI MUOVE AD UNA VELOCITA DI CIRCA 1000 NUCLEOTIDI AL SECONDO, LA PRIMASI PRODUCE UN INNESCO OGNI 1000 NUCLEOTIDI.

9 A MANO A MANO CHE ALTRO DNA A FILAMENTO SINGOLO COMPARE DIETRO AD ESSA, LA PRIMASI AVANZA CON LA FORCELLA DI DUPLICAZIONE E SINTETIZZA NUOVI INNESCHI PER NUOVI FRAMMENTI DI OKAZAKI. LA PRIMASI E UN COMPONENTE DEL PRIMOSOMA, CHE E UN COMPLESSO MULTIMERICO CHE OPERA A LIVELLO DELLA FORCELLA DI DUPLICAZIONE. IL PRIMOSOMA CONTIENE ALMENO 17 POLIPEPTIDI DIFFERENTI, TRA I QUALI (OLTRE ALLA PRIMASI) 6 MOLECOLE DI dnab E 6 MOLECOLE DI dnac. QUESTI DUE ENZIMI SONO DELLE ELICASI CHE SROTOLANO E SEPARANO I DUE FILAMENTI DELL α-elica. UNA VOLTA CHE I FRAMMENTI DI OKAZAKI SONO STATI SINTETIZZATI, GLI RNA INNESCO VENGONO IDROLIZZATI SIA DALLA RNASI H CHE DALLA COMPONENTE ESONUCLEASICA DELLA DNA-POLIMERASI I. A QUESTO PUNTO IL FILAMENTO LENTO E COSTITUITO DA MOLTI FRAMMENTI DI OKAZAKI SEPARATI DA DISCONTINUITA DOVUTE ALL ASSENZA DI ALCUNI NUCLEOTIDI (DOVE PRIMA ERANO PRESENTI GLI RNA INNESCO).

10 LA DNA-POLIMERASI I POSSIEDE DIVERSE ATTIVITA : ATTIVITA ESONUCLEASICA 5 3 RIMUOVE L RNA INNESCO ALL ESTREMITA DI CIASCUN FRAMMENTO DI OKAZAKI (ESITE ANCHE UN ATTIVITA ESONUCLEASICA 3 5 CHE CORREGGE IL FILAMENTO DI DNA QUALORA VENGANO INSERITI NUCLEOTIDI ERRONEAMENTE APPAIATI). ATTIVITA POLIMERASICA 5 3 RIEMPIE LE LACUNE TRA I FRAMMENTI DI OKAZAKI RIMASTE DOPO L IDROLISI DEGLI RNA INNESCO. IL PROCESSO MEDIANTE IL QUALE LA DNA-POLIMERASI I SOSTITUISCE GLI RNA INNESCO CON DNA VIENE DEFINITO TRASLAZIONE DELLE DISCONTINUITA. STRUTTURA CRISTALLINA DI UN FRAMMENTO DI DNA-POLIMERASI I. L ENZIMA POSSIEDE UNA FENDITURA LARGA 2 nm E RIVESTITA DA CATENE LATERALI DI AMINO ACIDI CON CARICA POSITIVA CHE POSSONO LEGARE IL DNA. IL FILAMENTO STAMPO VIENE COSI A TROVARSI COMPLETAMENTE INSERITO ALL INTERNO DI QUESTA FENDITURA.

11 LO STADIO FINALE NELLA MATURAZIONE DEL FILAMENTO LENTO DI DNA APPENA SINTETIZZATO E LA SALDATURA DEI FRAMMENTI DI OKAZAKI DA PARTE DELL ENZIMA DNA-LIGASI. QUESTO ENZIMA CATALIZZA LA FORMAZIONE DI UN LEGAME FOSFODIESTERE TRA IL GRUPPO OSSIDRILICO 3 DELL ESTREMITA DI UN FRAMMENTO DI OKAZAKI E IL GRUPPO FOSFATO 5 DEL FRAMMENTO DI OKAZAKI ADIACENTE. IN VIVO LA SINTESI DEL FILAMENTO GUIDA E DI QUELLO LENTO AVVENGONO APPROSSIMATIVAMENTE ALLA STESSA VELOCITA, POICHE I DUE PROCESSI DI REDUPLICAZIONE SONO FISICAMENTE ACCOPPIATI. LE PROTEINE COINVOLTE NELLA SINTESI DEI DUE FILAMENTI SI ASSOCIANO, INFATTI, A FORMARE UN UNICO COMPLESSO PROTEICO, IL REPLISOMA. UN REPLISOMA PRESENTE NELLA FORCELLA DI DUPLICAZIONE RISULTA PERCIO COSTITUITO DA: 2 MOLECOLE DI DNA-POLIMERASI III (UNA PER IL FILAMENTO GUIDA E UNA PER QUELLO LENTO). 1 PRIMOSOMA COSTITUITO DALLA PRIMASI (CHE SINTETIZZA GLI RNA INNESCO) E DALLE ELICASI (dnab E dnac).

12 1 PROTEINA REP CHE SVOLGE LA STESSA FUNZIONE DI dnab (CIOE SROTOLARE L α-elica) MA PER IL FILAMENTO GUIDA. 4 PROTEINE SSB CHE SI LEGANO AL FILAMENTO SINGOLO CHE FA DA STAMPO PER IL FILAMENTO LENTO E GLI IMPEDISCONO DI RIFORMARE L α-elica O ANSE A FORCINA. VARIE DNA-TOPOISOMERASI CHE ALLENTANO LA TENSIONE CHE SI ACCUMULA A MONTE DELLA FORCELLA PER LO SROTOLAMENTO DELL α-elica UN REPLISOMA PRESENTE NELLA FORCELLA DI DUPLICAZIONE RISULTA PERCIO COSTITUITO DA: 2 MOLECOLE DI DNA-POLIMERASI III (UNA PER IL FILAMENTO GUIDA E UNA PER QUELLO LENTO). 1 PRIMOSOMA COSTITUITO DALLA PRIMASI (CHE SINTETIZZA GLI RNA INNESCO) E DALLE ELICASI (dnab E dnac). 1 PROTEINA REP CHE SVOLGE LA STESSA FUNZIONE DI dnab (CIOE SROTOLARE L α-elica) MA PER IL FILAMENTO GUIDA. 4 PROTEINE SSB CHE SI LEGANO AL FILAMENTO SINGOLO CHE FA DA STAMPO PER IL FILAMENTO LENTO E GLI IMPEDISCONO DI RIFORMARE L α-elica O ANSE A FORCINA.

13 VARIE DNA-TOPOISOMERASI CHE ALLENTANO LA TENSIONE CHE SI ACCUMULA A MONTE DELLA FORCELLA PER LO SROTOLAMENTO DELL α-elica LA DUPLICAZIONE DEL DNA BATTERICO HA INIZIO IN UN SITO UNICO DETTO SITO DI ORIGINE DELLA DUPLICAZIONE (oric IN E. COLI). oric CONSISTE IN UNA SEQUENZA DI 245 NUCLEOTIDI ALTAMENTE CONSERVATI IN QUASI TUTTI I BATTERI STUDIATI (QUINDI QUESTO SITO SI E CONSERVATO DURANTE L EVOLUZIONE). oric PRESENTA QUATTRO SITI DI LEGAME CHE ALL INIZIO DEL PROCESSO DI REDUPLICAZIONE DEL DNA INTERAGISCONO CON dnaa CHE E UNA PROTEINA TETRAMERICA ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE PER L AVVIO DELLA REDUPLICAZIONE. UNA VOLTA CHE LE PRIME 4 dnaa SI SONO LEGATE AD oric, MOLTE ALTRE SE NE AGGIUNGONO. SI VIENE COSI A FORMARE UNA STRUTTURA PARTICOLARE CON UN NUCLEO CENTRALE PROTEICO ATTORNO AL QUALE SI AVVOLGONO DELLE SPIRE DI DNA CHE DETERMINA UNA PICCOLA DENATURAZIONE DEL DNA. IN QUESTA BOLLA DI DNA DENATURATO COMINCIANO AD ASSEMBLARSI I COMPONENTI DEL REPLISOMA.

14 PER PRIMA COSA LE PRIMASI SINTETIZZANO L RNA INNESCO PER IL FILAMENTO GUIDA DELLA FORCELLA OPPOSTA. IN UN SECONDO MOMENTO LA PRIMASI COMINCIA A SINTETIZZARE ANCHE L RNA INNESCO PER IL FILAMENTO LENTO. IN QUESTO MODO LA REDUPLICAZIONE PROCEDE PER AMBEDUE I FILAMENTI STAMPO IN ENTRAMBE LE DIREZIONI (QUINDI SONO NECESSARIE 4 MOLECOLE DI DNA-POLIMERASI III).

DNA e replicazione del DNA

DNA e replicazione del DNA DNA e replicazione del DNA 1928: EXP di Griffith Scoperto il fattore trasformante Struttura elicoidale del DNA Struttura del DNA Subunità nucleotidiche Struttura del DNA Subunità nucleotidiche La replicazione

Dettagli

Duplicazione del DNA. 6 Dicembre 2007

Duplicazione del DNA. 6 Dicembre 2007 Duplicazione del DNA 6 Dicembre 2007 Duplicazione - Trascrizione - Traduzione DNA Trascrizione DNA - La DUPLICAZIONE è il processo che porta alla formazione di copie delle molecole di DNA ed al trasferimento

Dettagli

Contenuto di DNA aploide in alcune specie

Contenuto di DNA aploide in alcune specie Contenuto di DNA aploide in alcune specie 1-10 2 kb 10 3 kb 10 4 kb 10 5-10 8 kb Dimensioni del genoma Paradosso del valore C Non c è una correlazione tra la quantità di DNA e la complessità di un organismo

Dettagli

Traduzione. Trascrizione

Traduzione. Trascrizione Duplicazione del DNA IL DNA è LA MOLECOLA DEPOSITARIA DELL INFORMAZIONE GENICA CHE DEVE ESSERE EREDITATA DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE. PERTANTO LA STRUTTURA DEL DNA DEVE ESSERE TALE DA SODDISFARE AL MEGLIO

Dettagli

Quanto DNA è contenuto in una cellula?...

Quanto DNA è contenuto in una cellula?... Quanto DNA è contenuto in una cellula?... bp = Base Pair (coppie di basi) lungh DNA/lungh struttura ospitante E. coli: 4,6x10 6 bp (1,7 mm) 850 (unica molecola circolare) Cellula umana: 3,2x10 9 bp (~2

Dettagli

REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA

REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA REPLICAZIONE DEI GENOMI A DNA LA REPLICAZIONE DEL DNA SERVE A PERPETUARE L INFORMAZIONE GENICA FIGURA 12.26 GENES VII FIGURA 13.1 GENOMI II FIGURA 13.2 GENOMI II NEL 1958 MESELSON E STAHL DIMOSTRANO CHE

Dettagli

Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica)

Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica) Il DNA come molecola in grado di veicolare informazione ereditabile (genetica) Essenz. Alberts: cap 6 La trasmissione dell informazione replicazione trascrizione traduzione DNA RNA Proteina da, dg, dc,

Dettagli

La genetica molecolare

La genetica molecolare La genetica molecolare 1 Il materiale genetico Varia di quantità da specie a specie. Regola lo sviluppo della cellula. Ha la capacità di duplicarsi. Nome comune Numero di coppie di cromosomi zanzara 3

Dettagli

Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE DEL DNA...

Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE DEL DNA... ACIDI NUCLEICI...2 FUNZIONI DEL DNA...5 FUNZIONI DELL RNA...5 I NUCLEOTIDI...6 Struttura dei nucleotidi...6 Modello di Watson e Crick...10 Organizzazione strutturale superiore del DNA...13 DUPLICAZIONE

Dettagli

MODALITA DI REPLICAZIONE

MODALITA DI REPLICAZIONE MODALITA DI REPLICAZIONE In teoria è ipotizzabile che il DNA possa duplicarsi con modalità: 1) semi-conservativa se alla generazione successiva passano due doppie eliche entrambi costituite da un'elica

Dettagli

IL DNA è LA MOLECOLA DEPOSITARIA DELL INFORMAZIONE GENICA CHE DEVE ESSERE EREDITATA DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE. PERTANTO LA STRUTTURA DEL DNA DEVE

IL DNA è LA MOLECOLA DEPOSITARIA DELL INFORMAZIONE GENICA CHE DEVE ESSERE EREDITATA DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE. PERTANTO LA STRUTTURA DEL DNA DEVE Duplicazione del DNA IL DNA è LA MOLECOLA DEPOSITARIA DELL INFORMAZIONE GENICA CHE DEVE ESSERE EREDITATA DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE. PERTANTO LA STRUTTURA DEL DNA DEVE ESSERE TALE DA SODDISFARE AL MEGLIO

Dettagli

Acidi Nucleici. Contenuto:

Acidi Nucleici. Contenuto: Acidi Nucleici Contenuto: Il DNA e' l'unica molecola depositaria dell'informazione genetica, ossia del progetto nel quale sono immagazzinate istruzioni precise per tutte le caratteristiche ereditarie autoduplicazione

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA CORSO DI GENETICA REPLICAZIONE E COMPOSIZIONE DEL DNA La struttura del DNA La replicazione del DNA Iduefilamenti della doppia elica parentale si srotolano generando ciascuno un filamento figlio secondo

Dettagli

Acidi Nucleici: DNA = acido deossiribonucleico

Acidi Nucleici: DNA = acido deossiribonucleico Acidi Nucleici: DNA = acido deossiribonucleico depositario dell informazione genetica RNA: acido ribonucleico trascrizione e traduzione dell informazione genetica dogma centrale della biologia molecolare

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 21

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 21 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 21 La replicazione del DNA Concetti chiave: La DNA polimerasi necessita di uno stampo e di inneschi (i primer) per sintetizzare

Dettagli

La replicazione del DNA

La replicazione del DNA La replicazione del DNA Mappa del cromosoma di E. coli in cui sono indicate le posizioni dei geni che codificano proteine importanti per il metabolismo del DNA L esperimento di Meselson e Stahl (1957):

Dettagli

Legami idrogeno tra le coppie di basi

Legami idrogeno tra le coppie di basi Legami idrogeno tra le coppie di basi 4 3 6 1 4 3 2 6 1 2 Interazioni elettrostatiche deboli che si stabiliscono tra un atomo elettronegativo (es.ossigeno o azoto) e un atomo di idrogeno legato ad un secondo

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA 1

REPLICAZIONE DEL DNA 1 REPLICAZIONE DEL DNA 1 La replicazione del DNA è semiconservativa: ciascuno dei due filamenti parentali serve da stampo per la sintesi di un nuovo filamento e le due nuove doppie eliche sono costituite

Dettagli

La nuova biologia.blu

La nuova biologia.blu David Sadava, David M. Hillis, H. Craig Heller, May R. Berenbaum La nuova biologia.blu Genetica, DNA ed evoluzione PLUS 2 Capitolo B2 Il linguaggio della vita 3 Le basi molecolari dell ereditarietà Prima

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La Replicazione del DNA

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La Replicazione del DNA Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La Replicazione del DNA Prospettiva Storica La replicazione semidiscontinua Differenze tra procarioti ed eucarioti E fondamentale che ad ogni divisione cellulare

Dettagli

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO AMINOACIDI FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO SEQUENZA AMINOACIDICA DELL INSULINA STRUTTURA SECONDARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA QUATERNARIA DELLE PROTEINE Definizione Processi

Dettagli

David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis. Biologia La scienza della vita

David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis. Biologia La scienza della vita 1 David Sadava, H. Craig Heller, Gordon H. Orians, William K. Purves, David M. Hillis Biologia La scienza della vita 2 B - L ereditarietà e l evoluzione Il linguaggio della vita 3 Il materiale genetico

Dettagli

Replicazione Lewin, IL GENE VIII, Zanichelli editore S.p.A. Copyright 2006

Replicazione Lewin, IL GENE VIII, Zanichelli editore S.p.A. Copyright 2006 Replicazione Lewin, IL GENE VIII, Zanichelli editore S.p.A. Copyright 2006 Replicazione Ciclo cellulare Lewin, IL GENE VIII, Zanichelli editore S.p.A. Copyright 2006 Arthur Kornberg, 1970 Replicazione

Dettagli

Il processo di ricopiatura, detto replicazione del DNA, deve avvenire perché da una cellula si possano formare 2 cellule figlie geneticamente

Il processo di ricopiatura, detto replicazione del DNA, deve avvenire perché da una cellula si possano formare 2 cellule figlie geneticamente Lezione 5 - La replicazione del DNA 1. Introduzione 2. Modelli ed esperimenti 3. Replicazione nei procarioti 4. Complesso enzimatico 5. Svolgimento del DNA 6. Forcella replicativa 7. Primasi e innesco

Dettagli

LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA. Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958

LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA. Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958 LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958 Esperimento di Meselson e Stahl, 1958 La replicazione del DNA e semiconservativa

Dettagli

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA DNA: contiene tutte le informazioni per definire lo sviluppo e la fisiologia della cellula: ma come svolge questa funzione? Beadle e Tatum (1941): studiando mutanti della comune

Dettagli

lati esterni altamente Idrofilici

lati esterni altamente Idrofilici I due filamenti complementari del DNA sono antiparalleli: uno è in direzione 5-3 e l altro in direzione 3-5. parte interna idrofobica lati esterni altamente Idrofilici APPAIAMENTO DELLE BASI AZOTATE: 2

Dettagli

RNA: trascrizione e maturazione

RNA: trascrizione e maturazione RNA: trascrizione e maturazione Trascrizione e traduzione Nei procarioti: : stesso compartimento; negli eucarioti: : due compartimenti Pulse and chase 1) le cellule crescono in uracile radioattivo in eccesso

Dettagli

LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA. Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958

LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA. Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958 LA REPLICAZIONE DEL DNA E SEMICONSERVATIVA Esperimenti di Taylor in eucarioti 1957 Esperimento di Meselson e Stahl in procarioti, 1958 Esperimento di Meselson e Stahl, 1958 La replicazione del DNA e semiconservativa

Dettagli

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene LA TRASCRIZIONE Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene GLI ACIDI RIBONUCLEICI Nelle cellule nucleate la sintesi proteica avviene nel citoplasma, mentre il DNA si

Dettagli

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA La traduzione IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Trascrizione DNA Passaggio dell informazione contenuta nel DNA mediante la sintesi di RNA RNA Proteine Duplicazione DNA Traduzione Costruzione della catena

Dettagli

STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL DNA

STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL DNA IL LABORATORIO DI BIOLOGIA MOLECOLARE: Introduzione alle tecniche e alle loro applicazioni STRUTTURE DEGLI ACIDI NUCLEICI, Il DNA nell arte: Susan Rankaitis 2002, DNA2 CODICE GENETICO E REPLICAZIONE DEL

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA Chimica della replicazione del DNA Enzimologia della replicazione del DNA Replicazione del DNA nei procarioti Replicazione del DNA negli eucarioti Replicazione alle estremità www.studxwebmedicina.altervista.org

Dettagli

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI 1869 FRIEDRICK MIESCHER Isolò per la prima volta una sostanza zuccherina leggermente acida contenente fosforo Questa sostanza venne chiamata: acido nucleico perché scoperta nel

Dettagli

Scientists with lab coats: Corso di laboratorio Chimico-Biologico. Dott.ssa Valeria Berton Università di Verona

Scientists with lab coats: Corso di laboratorio Chimico-Biologico. Dott.ssa Valeria Berton Università di Verona Scientists with lab coats: Corso di laboratorio Chimico-Biologico Dott.ssa Valeria Berton Università di Verona Il DNA Il DNA contiene l informazione genetica di un organismo Scritta in un codice chimico

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna TRASCRIZIONE DEL DNA Formazione mrna Trascrizione Processo mediante il quale l informazione contenuta in una sequenza di DNA (gene) viene copiata in una sequenza complementare di RNA dall enzima RNA polimerasi

Dettagli

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle proteine. Tuttavia il flusso unidirezionale di informazioni

Dettagli

Interfase. La REPLICAZIONE del DNA

Interfase. La REPLICAZIONE del DNA Interfase La REPLICAZIONE del DNA REPLICAZIONE del DNA Doppia elica parentale Il modello di replicazione del DNA ipotizzato da Watson e Crick è basato sulla complementarietà delle basi dei due filamenti

Dettagli

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA LA TRASCRIZIONE La trascrizione La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA Le caratteristiche dell RNA La costituzione a singolo filamento permette alle

Dettagli

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE TRASCRIZIONE e TRADUZIONE Trascrizione e traduzione Dogma centrale della biologia molecolare: processo con cui l informazione contenuta nel DNA dirige la sintesi delle proteine. Trascrizione Maturazione

Dettagli

E. Giordano 16/09/2010

E. Giordano 16/09/2010 GRUPPO NAZIONALE DI BIOINGEGNERIA XXIX Scuola Annuale BIOLOGIA SINTETICA Bressanone 13-17 settembre 2010 1/41 COSTITUENTI MOLECOLARI DELLO CHASSIS CELLULARE Emanuele GIORDANO II Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

DNA e CROMOSOMI. Come il DNA si replica, si ripara e ricombina

DNA e CROMOSOMI. Come il DNA si replica, si ripara e ricombina DNA e CROMOSOMI Come il DNA si replica, si ripara e ricombina Nel 1928 venne dimostrato che il DNA è il materiale genetico dei batteri (Griffith) Alcune proprietà dei batteri S morti possono trasformare

Dettagli

Alcune sequenze di DNA insolite. Palindromo. Sequenze con una simmetria doppia

Alcune sequenze di DNA insolite. Palindromo. Sequenze con una simmetria doppia Alcune sequenze di DNA insolite Palindromo Sequenze con una simmetria doppia Possono formare: Struttura a croce dette anche anse cruciformi DNA rilassato DNA parzialmente disavvolto DNA cruciforme Struttura

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare.

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare. Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare. Nelle cellule in proliferazione le 4 fasi impiegano dalle 10 20 ore in dipendenza

Dettagli

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE CELLULA PROCARIOTICA O PROCARIOTE CELLULA EUCARIOTICA O EUCARIOTE Sany0196.jpg IL NUCLEO Provvisto di due membrane (interna ed esterna) che congiungendosi in alcuni punti formano i pori nucleari attraverso

Dettagli

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I PROTIDI Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I ORIGINE cellulare ogni cellula sintetizza le sue prote CARATTERISTICHE insolubili in acqua sensibili a variazioni di ph coagulano in presenza

Dettagli

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita 1 Cosa contiene il nucleo? Il nucleo non contiene solo DNA, che costituisce solo il 20% del materiale nucleare, ma anche una grande quantità di proteine chiamate nucleoproteine ed RNA. La maggior parte

Dettagli

Caratteristiche generali dei sistemi viventi

Caratteristiche generali dei sistemi viventi Caratteristiche generali dei sistemi viventi 1 Unicità chimica 2 Complessità ed organizzazione gerarchica 3 Metabolismo 4 Interazione ambientale: Regolazione e omeostasi 5 Riproduzione 6 Sviluppo 7 Evoluzione

Dettagli

Replicazione e ricombinazione del DNA

Replicazione e ricombinazione del DNA DNA Replication DNA Replication II Replicazione e ricombinazione del DNA La replicazione semiconservativa Tre modelli proposti per la replicazione del DNA La replicazione è semiconservativa: ogni frammento

Dettagli

IL MATERIALE EREDITARIO. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

IL MATERIALE EREDITARIO. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene IL MATERIALE EREDITARIO Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Caratteristiche del materiale ereditario 1 Replicarsi accuratamente durante crescita e divisione

Dettagli

estremità 5' DNA O - P O H 2 C O H H H H G N H O H 2 C P O H H T N ponte fosfodiestere O 3 P O estremità 3' etc.

estremità 5' DNA O - P O H 2 C O H H H H G N H O H 2 C P O H H T N ponte fosfodiestere O 3 P O estremità 3' etc. estremità 5' 5 3 - P N 5 2 C 3 ponte fosfodiestere P A 1 2 C 5 P 3 G N 1 2 C 5 3 P T N 1 5 2 C 3 etc. DNA C N 1 estremità 3' zucchero N 1 C 3 4 3 timina N adenina N N 1 6 N N 9 N zucchero N zucchero citosina

Dettagli

La trascrizione del DNA

La trascrizione del DNA La trascrizione del DNA I prodotti iniziali dei geni consistono in molecole di Acido Ribonucleico Dogma centrale DNA RNA polipeptide RNA/DNA Proprieta dell RNA - Prodotto a partire dal DNA stampo (trascrizione)

Dettagli

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO:

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO: LA SINTESI PROTEICA La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine utilizzando le informazioni contenute nel DNA. Nelle sue linee fondamentali questo processo è identico in

Dettagli

ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA

ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA ALCUNE DOMANDE DI RIEPILOGO PER LA 2 2 VERIFICA DEL CORSO DI GENETICA AGRARIA Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene Domande di riepilogo alla lezione 1 Riproduzione

Dettagli

MUTAZIONI. -Spontanee. -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione

MUTAZIONI. -Spontanee. -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione MUTAZIONI -Spontanee -appaiamenti vacillanti*, depurinazione, deaminazione e sequenze ripetute portano ad errori durante la replicazione -errori durante il riparo -errori durante la meiosi -Indotte -agenti

Dettagli

La sua struttura è stata determinata da Watson e Crick nel 1953.

La sua struttura è stata determinata da Watson e Crick nel 1953. DNA La sua struttura è stata determinata da Watson e Crick nel 1953. NUCLEOTIDI Componenti fondamentali degli acidi nucleici. Costituiti da 3 parti: 1. Uno zucchero a 5 atomi di C: nel DNA è il deossiribosio;

Dettagli

La chimica della vita

La chimica della vita La chimica della vita Ogni organismo vivente è una macchina sofisticata, risultato di un complesso insieme di reazioni chimiche. La costruzione e il funzionamento di questa macchina si devono all'esistenza

Dettagli

Il modello del Replicone

Il modello del Replicone Il modello del Replicone Il replicone copre l intera regione di DNA replicata a partire da una singola origine di replicazione (es. il genoma di E.coli corrisponde ad un singolo replicone). Il replicone

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA La chimica della sintesi del DNA DNA polimerasi III La forca replicativa La fase di inizio della replicazione Selezione delle origini replicative La terminazione della replicazione

Dettagli

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore Il genoma dei batteri è organizzato in operon Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore I geni di un operon sono diversi, ma concorrono allo

Dettagli

SINTESI DELLE PROTEINE

SINTESI DELLE PROTEINE SINTESI DELLE PROTEINE IN UN GIORNO DI UN INDIVIDUO ADULTO NORMALE: -100 grammi vengono introdotti con la dieta -400 grammi vengono degradati -400 grammi vengono sintetizzati -100 grammi vengono consumati

Dettagli

LA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI PCR

LA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI PCR LA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI PCR INTRODUZIONE Tecnica ideata da Mullis e collaboratori nel 1984 La possibilita' di disporre di quantità virtualmente illimitate di un determinato frammento di DNA,

Dettagli

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME...

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME... Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico 2011-2012 2 Marzo 2012 COGNOME... NOME 1) Quali delle seguenti affermazioni sulla struttura primaria delle proteine è falsa? a) può essere ramificata

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La trascrizione nei procarioti I meccanismi della trascrizione Il modello dell operone L attenuazione Batteri Polimerasi RNA Polimerasi Geni Trascritti Tutti

Dettagli

Le proteine. Sono polimeri di amminoacidi dispos$ in sequenza. Due amminoacidi si legano tra loro formando un legame pep-dico.

Le proteine. Sono polimeri di amminoacidi dispos$ in sequenza. Due amminoacidi si legano tra loro formando un legame pep-dico. Le proteine Sono polimeri di amminoacidi dispos$ in sequenza. Due amminoacidi si legano tra loro formando un legame pep-dico. Cur$s et al. Invito alla biologia.blu Zanichelli editore 2011 1 Struttura e

Dettagli

De Leo - Fasano - Ginelli Biologia e Genetica, II Ed. Capitolo 4. Watson e Crick. Rosalind Franklin

De Leo - Fasano - Ginelli Biologia e Genetica, II Ed. Capitolo 4. Watson e Crick. Rosalind Franklin Watson e Crick Rosalind Franklin Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare. citochinesi: o citodieresi. Divisione del citoplasma

Dettagli

flusso dell'informazione genetica è monodirezionale

flusso dell'informazione genetica è monodirezionale 5. La Trascrizione contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale dogma centrale della biologia molecolare flusso dell'informazione

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

Come si replica il DNA

Come si replica il DNA Come si replica il DNA Filamenti figli Replicazione semiconservativa Filamento parentale Un emielica di DNA funziona da stampo per la sintesi di un nuovo filamento Filamento parentale L enzima DNA polimerasi

Dettagli

Metabolismo, crescita e riproduzione batterica

Metabolismo, crescita e riproduzione batterica Metabolismo, crescita e riproduzione batterica 1 Ossigeno (presente o assente) Nutrienti (energia) Temperatura ottimale ph ottimale 2 OSSIGENO 1. Aerobi obbligati 2. Anaerobi obbligati 3. Aerobi/Anaerobi

Dettagli

CROMATINA ISTONI. Proteine relativamente piccole, con forte carica positiva per la presenza degli aminoacidi lisina e arginina

CROMATINA ISTONI. Proteine relativamente piccole, con forte carica positiva per la presenza degli aminoacidi lisina e arginina CROMATINA Complesso molecolare formato da DNA, istoni e proteine non istoniche ISTONI Proteine relativamente piccole, con forte carica positiva per la presenza degli aminoacidi lisina e arginina Si conoscono

Dettagli

L ACQUA E LE SUE PROPRIETÀ

L ACQUA E LE SUE PROPRIETÀ L ACQUA E LE SUE PROPRIETÀ L acqua è una sostanza indispensabile per tutte le forme di vita. Ogni molecola di acqua (H2O) è formata da due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno, uniti tramite due legami

Dettagli

DNA DNA DNA Legge di complementarietà delle basi Se in un filamento è presente una T nell altro filamento deve essere presente una A. Se è presente una C nell altro ci dovrà essere una G. E possibile

Dettagli

Principi di Biochimica

Principi di Biochimica Principi di Biochimica Augusto Innocenti Biologo Nutrizionista Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia Materia: Atomi e Molecole La materie è costituita

Dettagli

Citologia del nucleo

Citologia del nucleo 1 Citologia Animale e Vegetale (corso A - I. Perroteau) - il nucleo Citologia del nucleo Il nucleo è facilmente evidenziabile in una cellula tuttavia... Può avere aspetti diversi Non è presente durante

Dettagli

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina sintesi proteica La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine da sequenze del DN definite geni. Si tratta di un processo a più fasi Nelle sue linee fondamentali questo processo

Dettagli

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10 LA TRASCRIZIONE...2 INDUZIONE ENZIMATICA...3 Organizzazione geni dei procarioti...4 Organizzazione geni degli eucarioti...5 Sequenze dei Promotori dei procarioti...6 Sequenze dei Promotori degli eucarioti...6

Dettagli

Polymerase chain reaction - PCR. Biotecnologie applicate all ispezione degli alimenti di origine animale

Polymerase chain reaction - PCR. Biotecnologie applicate all ispezione degli alimenti di origine animale Prof.ssa Tiziana Pepe Polymerase chain reaction - PCR Biotecnologie applicate all ispezione degli alimenti di origine animale Dip. di Medicina Veterinaria e Produzioni animali tiziana.pepe@unina.it Metodologia

Dettagli

Il DNA conserva l informazione genetica

Il DNA conserva l informazione genetica Il DNA conserva l informazione genetica Gli esperimenti di Frederick Griffith (1928) Gli esperimenti di Oswald Avery (1944) + Estratti dal ceppo IIIS ucciso al calore di Polisaccaridi Lipidi Proteine Acidi

Dettagli

Il DNA: istruzioni per la vita Bibliografia I colori della Biologia Gatti- Giusti- Anelli Ed. Pearson

Il DNA: istruzioni per la vita Bibliografia I colori della Biologia Gatti- Giusti- Anelli Ed. Pearson Il DNA: istruzioni per la vita Bibliografia I colori della Biologia Gatti- Giusti- Anelli Ed. Pearson Una divisione equa Quando una cellula si divide, si formano due nuove cellule che contengono esattamente

Dettagli

Riassunto struttura DNA

Riassunto struttura DNA Riassunto struttura DNA Il nucleotide (unita monomerica del DNA): composto da uno zucchero pentoso, una base azotata e un gruppo fosfato (1-3) Il DNA e l RNA sono polimeri costituiti da nucleotidi uniti

Dettagli

3 Acidi Nucleici : Il RNA può essere catalitico

3 Acidi Nucleici : Il RNA può essere catalitico Caratteristiche Distintive del DNA e del RNA ACIDI NUCLEICI http://www.genome.gov/dmd/img.cfm?node=photos/graphics&id=85209 3 DNA RNA Proteina Il DNA è una molecola informativa. L informazione è immagazzinata

Dettagli

Domande. Come avviene la replicazione del DNA? Quali enzimi sono necessari? Quali sono le differenze fra procarioti ed Eucarioti?

Domande. Come avviene la replicazione del DNA? Quali enzimi sono necessari? Quali sono le differenze fra procarioti ed Eucarioti? Domande Come avviene la replicazione del DNA? Quali enzimi sono necessari? Quali sono le differenze fra procarioti ed Eucarioti? Tre modelli di replicazione del DNA Meselson e Stahl 1958 http://www.youtube.com/watch?v=kybdh8vpigk

Dettagli

Principi di biologia molecolare dei microrganismi

Principi di biologia molecolare dei microrganismi Principi di biologia molecolare dei microrganismi I genomi microbici La conoscenza della sequenza completa del genoma di un organismo è importante per comprendere: 1. come l organismo funzioni 2. quale

Dettagli

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI NEGLI EUCARIOTI TRASCRIZIONE E TRADUZIONE SONO DUE EVENTI SEPARATI CHE AVVENGONO IN DUE DIVERSI COMPARTIMENTI CELLULARI: NUCLEO E CITOPLASMA. INOLTRE, A DIFFERENZA DEI

Dettagli

Immagini e concetti della biologia

Immagini e concetti della biologia Sylvia S. Mader Immagini e concetti della biologia 2 A3 Le molecole biologiche 3 Il carbonio è l elemento di base delle biomolecole Una cellula batterica può contenere fino a 5000 tipi diversi di composti

Dettagli

ENZIMI. Un enzima è un catalizzatore (acceleratore) di reazioni biologiche.

ENZIMI. Un enzima è un catalizzatore (acceleratore) di reazioni biologiche. ENZIMI ENZIMI Un enzima è un catalizzatore (acceleratore) di reazioni biologiche. Catalizzatore = sostanza in grado di accelerare lo svolgimento di una reazione chimica e quindi di aumentarne la sua velocità,

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione CdL Tecnici di Lab Biomedico AA. 2011-12 - Prof.ssa Frabetti Come si esprime l informazione? Per i geni classici vedremo:

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Nei batteri non è presente una membrana nucleare

Nei batteri non è presente una membrana nucleare La cellula procariota (Bacteria e Archaea) Morfologia generale Composizione chimica Le strutture cellulari e le loro funzioni parte 1 L involucro Appendici esterne: Le strutture cellulari e le loro funzioni

Dettagli

I materiali della vita

I materiali della vita I materiali della vita I componenti chimici dei viventi Il corpo dei viventi è formato da relativamente pochi elementi chimici e in percentuale diversa da quella del mondo non vivente. Le molecole dei

Dettagli

Il DNA è il materiale ereditario e non le proteine

Il DNA è il materiale ereditario e non le proteine DNA -Come è stato scoperto -Quali sono le sue funzioni Il DNA è il materiale ereditario e non le proteine Esperimento di Griffith 1928 Streptococcus pneumoniae S(smooth) capsulato virulento R(rough) acapsulato

Dettagli

Relazione sequenza-struttura e funzione

Relazione sequenza-struttura e funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione sequenza-struttura e funzione Marco Nardini Dipartimento

Dettagli

Telomeri e Telomerasi:

Telomeri e Telomerasi: Telomeri e Telomerasi: 1 I cromosomi eucariotici sono molecole lineari, a doppio filamento, che terminano generalmente con un segmento di 10000 coppie di basi, costituito da piccole sequenze nucleotidiche

Dettagli

Trascrizione negli Eucariotici

Trascrizione negli Eucariotici Trascrizione negli Eucariotici Cytoplasm DNA RNA Transcription RNA Processing mrna G Nucleus AAAAAA Export G AAAAAA CLASSI DI GENI Le unità di trascrizione eucariotiche sono più complesse di quelle procariotiche

Dettagli

CARIOLOGIA. 4.1 Introduzione. 4.2 Cromatina e cromosomi

CARIOLOGIA. 4.1 Introduzione. 4.2 Cromatina e cromosomi 4 CARIOLOGIA 4.1 Introduzione Nel capitolo precedente abbiamo visto che il progetto biologico di ogni organismo vivente è contenuto nel suo DNA, un composto organico la cui molecola è dotata di proprietà

Dettagli

INTRODUZIONE AL METABOLISMO. dal gr. metabolè = trasformazione

INTRODUZIONE AL METABOLISMO. dal gr. metabolè = trasformazione INTRODUZIONE AL METABOLISMO dal gr. metabolè = trasformazione IL Metabolismo Il metabolismo è la somma di tutte le trasformazioni chimiche che avvengono in una cellula o in un organismo. E costituito da

Dettagli

IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI

IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI IL CODICE GENETICO E I CARATTERI EREDITARI Il DNA porta le informazioni genetiche scritte nella sequenza di basi. Qualunque sequenza è possibile. Il DNA virus più semplici: 5000 basi appaiate; 46 cromosomi

Dettagli

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA Nucleotidi e Acidi Nucleici Nucleosidi Nucleotidi Funzioni biologiche dei nucleotidi Struttura di DNA e RNA Concatenazione e appaiamento dei nucleotidi Lo scheletro degli acidi nucleici Componenti degli

Dettagli