Università di Macerata Facoltà di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Macerata Facoltà di Economia"

Transcript

1 Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico Università di Macerata Facoltà di Economia 1

2 Analisi SCI processo ciclo attivo - order to cash cosa significa, in ottica di audit, analizzare un processo; come rappresentarlo (RCM); aspetti organizzativi: funzioni, process owner, action owner, control owner; sotto processi; obiettivi di controllo; rischi; controlli; test. 2

3 Premessa cosa significa, in ottica di audit, analizzare un processo per valutare il SCI. come rappresentarlo (RCM). 3

4 Aspetti organizzativi: funzioni, process owner, action owner, control owner. Le funzioni coinvolte nel processo di ciclo attivo: Sales Force Marketing Customer Service Supply chain (logistic) Administration (account receivable department) Treasury Service 4

5 Aspetti organizzativi: funzioni, process owner, action owner, control owner. I process owners: soggetti responsabili del processo e/o dei sotto processi (hanno la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi dell intero processo e/o dei sotto processi che gestiscono). Alcuni esempi: Sales Force Director acquisizione dei nuovi clienti Marketing Director gestione dei listini Customer Service Manager gestione degli ordini di vendita Supply chain (logistic) Director spedizione del prodotto finito al cliente Accounting Receivables Manager contabilizzazione delle fatture Treasury Manager gestione degli incassi Service (after sales services) Director servizi di assistenza post vendita 5

6 Aspetti organizzativi: funzioni, process owner, action owner, control owner. Gli action owner: soggetti responsabili delle singole attività nei vari sotto processi (hanno la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi delle singole attività in cui è suddiviso il sotto processo). Alcuni esempi: Sales force (impiegati commerciali/agenti di vendita) acquisizione dei nuovi clienti Pricing specialist (addetti alla definizione dei prezzi di vendita) gestione dei listini Customer Service operator gestione degli ordini di vendita Logistic operator (es. spedizioniere spedizione del prodotto finito al cliente Accounting Receivables operator (addeti alla contabilizzazione delle fattture di vendita contabilizzazione delle fatture Treasury operator gestione degli incassi Service operator (addetti dei centri di assistenza ) servizi di assistenza post vendita 6

7 Aspetti organizzativi: funzioni, process owner, action owner, control owner. I control owner: soggetti responsabili delle attività di controllo, quindi delle attività che minimizzano il rischio di non raggiungere gli obiettivi stabiliti. Alcuni esempi: Sales area manager (responsabile di un area commerciale) acquisizione dei nuovi clienti Marketing manager gestione dei listini Customer Service manager gestione degli ordini di vendita Logistic manager spedizione del prodotto finito al cliente Responsabile contabilità clienti contabilizzazione delle fatture Credit manager gestione degli incassi Service manager servizi di assistenza post vendita 7

8 Sub processes 1. Acquiring and approving customers 2. Managing customers master file 3. Managing pricing data 4. Managing sales contracts 5. Managing and processing orders 6. Distribution and delivery 7. Generating and accounting invoices and credit/debit notes 8. Processing cash receipts and managing credits 9. Managing insolvencies and allowance for doubtful accounts 10. Processing, recording and payment of trade deals and customers incentives 11. After sales services 8

9 Obiettivi di controllo: esempi (1.5) 1. Acquisizione e approvazione dei nuovi clienti: Il credito è concesso solo a clienti affidabili 2. Gestione delle anagrafiche dei clienti: Vengono create solo le anagrafiche valide Tutte le modifiche valide all anagrafica clienti, vengono introdotte e processate Le modifiche delle anagrafiche clienti sono accurate I dati dell anagrafica clienti sono aggiornati 3. Gestione dei listini I prezzi praticati sono coerenti con quelli stabiliti e autorizzati dal management 4. Gestione dei contratti con la clientela I contratti presentano prezzi e condizioni coerenti con quelli stabiliti dal Management 9

10 Obiettivi di controllo: esempi (2.5) 5. Gestione degli ordini dei clienti: Tutti gli ordini sono approvati solo a prezzi e condizioni autorizzate. Solo ordini validi sono processati. I dati dell'ordine sono trasmessi in modo completo ed accurato ai fini della corretta gestione delle attività di spedizione e di fatturazione. 6. Consegna dei prodotti ai clienti: Solo gli utenti autorizzati possano processare le spedizioni di beni. I ricavi sono registrati per beni e servizi effettivamente spediti/prestati. 7. Gestione del processo di fatturazione (incluse note credito/debito): Tutte le fatture emesse sono registrate. Le note credito e gli aggiustamenti dei conti relativi ai crediti sono accuratamente calcolati e registrati. Tutte le note credito sono correlate alla restituzione delle merci o ad altre valide rettifiche. 10

11 Obiettivi di controllo: esempi (3.5) 8. Gestione degli incassi e dei crediti dei clienti: Tutti gli incassi sono tempestivamente e accuratamente registrati. 9. Gestione delle insolvenze e del fondo svalutazione crediti: In caso di insolvenza sono tempestivamente attivate le procedure di sollecito. La riserva per crediti inesigibili, e la svalutazione dei crediti inesigibili sono calcolati e registrati correttamente. 11

12 Obiettivi di controllo: esempi (4.5) 10. Gestione dei premi contrattuali e degli sconti alla clientela: Le modifiche al sistema degli incentivi vengono adeguatamente approvate. I programmi di offerte promozionali sono unici e non duplicati. Ogni spesa per programma di incentivazione è adeguatamente monitorata. Tutte le promozioni e gli incentivi ai clienti sono registrati nel corretto periodo di competenza. Solo il personale autorizzato ha la possibilità di creare/modificare i programmi promozionali. Gli incentivi promozionali vengono correttamente processati e autorizzati. 12

13 Obiettivi di controllo: esempi (5.5) 11. Gestione dei servizi di assistenza alla clientela : La società monitora costantemente il livello di servizio assistenziale al cliente. Gli interventi in garanzia sono correttamente gestiti. Le manutenzioni e riparazioni sono correttamente gestite Vengono effettuati gli opportuni stanziamenti per gli interventi in garanzia. Vengono effettuati gli opportuni stanziamenti per le campagne di richiamo 13

14 Rischi I rischi rappresentano gli eventi che impediscono il raggiungimento degli obiettivi. La definizione del rischio è quindi implicita nel momento in cui si individuano gli obiettivi. Il rischio deve essere valutato in termini di probabilità e impatto. 14

15 Controlli: esempi (1.9) 1. Acquisizione e approvazione dei nuovi clienti: I criteri per la selezione dei clienti sono definiti e comunicati dal management allo scopo di assicurare che i beni e i servizi siano venduti solo ai clienti autorizzati. Procedure adeguate sono in essere per la definizione e il controllo dell'analisi di solvibilità, dei limiti di fido e dei termini di pagamento. L'analisi di solvibilità è eseguita da personale adeguato prima che vengano introdotti nuovi clienti in anagrafica. Esistono delle procedure che bloccano l'iscrizione dei nuovi clienti in anagrafica prima che venga definito un limite di fido. Il limite massimo di credito concesso ad ogni cliente è periodicamente rivisto sulla base delle fatture scadute e della puntualità nei pagamenti. 15

16 Controlli: esempi (2.9) 2. Gestione delle anagrafiche dei clienti: Gli accessi degli utenti all'anagrafica cliente sono regolamentati; l'accesso all'anagrafica clienti è concesso solo ad un numero limitato di dipendenti autorizzati, che non hanno la responsabilità dell'emissione degli ordini. I cambiamenti significativi apportati all'anagrafica clienti sono approvati dal responsabile designato. Le richieste di cambiamento dei dati dell'anagrafica clienti sono registrate tempestivamente. Le richieste di cambiamento dell'anagrafica cliente sono effettuate su moduli pre-numerati. La sequenza numerica è registrata. I cambiamenti apportati all'anagrafica clienti vengono confrontati con la documentazione di supporto o vengono confermati dal cliente allo scopo di garantire che i dati siano introdotti correttamente. Esistono delle procedure che evitano l'iscrizione multipla del cliente in anagrafica. I report dei clienti che non hanno emesso un ordine per uno specifico periodo di tempo sono rivisti, al fine di assicurare che i dati dell'anagrafica clienti siano aggiornati. I dati dell'anagrafica clienti sono rivisti periodicamente dal management, che ne verifica l'accuratezza e l'aggiornamento. 16

17 Controlli: esempi (2.11) 3. Gestione dei listini Il listino prezzi è aggiornato e trasmesso all'ufficio vendite e ai clienti. Tutte le variazioni di prezzo sono comunicate al personale che gestisce l'anagrafica clienti, e sono aggiornate periodicamente. Il management autorizzato rivede periodicamente le variazioni dei listini prezzi in anagrafica. I prezzi sono confrontati con il listino prezzi autorizzato prima che un ordine sia processato. Il sistema garantisce che, durante la registrazione di un ordine, non possano essere modificati i prezzi di listino. Esistono delle procedure che disciplinano l'introduzione e la modifica alle condizioni di pagamento, registrazioni e politiche di prezzo/prodotto per singolo cliente, ivi inclusi il nome del responsabile, le fonti documentali, i livelli di approvazione richiesti e le modalità di verifica. Vi sono delle procedure per la verifica, da parte del management, delle revisioni di prezzo. 17

18 Controlli: esempi (3.9) 4. Gestione dei contratti con la clientela Solo il responsabile designato può firmare i contratti dopo aver rivisto le quote, le varianze sui prezzi, gli sconti e le garanzie. L'ufficio vendite deve sottoporre prima della firma i nuovi contratti (o i contratti aventi condizioni diverse da quelle abituali) all'ufficio Legale. 18

19 Controlli: esempi (4.11) 5. Gestione degli ordini dei clienti: Gli ordini di vendita e/o i termini e i prezzi di fattura vengono definiti sulla base del listino prezzi approvato, o dei contratti. Le eccezioni sui prezzi prefissati, e gli sconti, richiedono una approvazione specifica da parte del management. Le variazioni dei prezzi rispetto agli standard vengono documentate e riviste dal management. I profili di accesso sono definiti in base al ruolo: solo il personale autorizzato ha la possibilità di creare, modificare e cancellare gli ordini di vendita. Il sistema inserisce automaticamente dei blocchi sui clienti che hanno superato il loro limite di fido. Viene effettuata una quadratura dei dati dell ordine, con i dati della bolla e quelli della fattura; gli errori individuati (ad esempio differenze di quantità tra una spedizione e l'ordine originario) sono prontamente corretti. 19

20 Controlli: esempi (4.9) 6. Consegna dei prodotti ai clienti: L'ordine è verificato e confrontato con la richiesta del cliente, prima della spedizione. Esistono delle procedure documentate per la verifica, da parte del management, degli ordini inevasi. Viene effettuato un controllo periodico dei report relativi ai ritardi nelle consegne, agli ordini inevasi, ai resi da cliente dovuti a errate spedizioni, alle fatture in contestazione dovute a prodotti inviati di qualità inferiore, oppure non ordinati. I livelli di accesso al sistema sono predefiniti sulla base di livelli di responsabilità ben individuati. Il management effettua autonome verifiche degli accessi a sistema. Esistono delle procedure che definiscono la corretta gestione dei documenti di spedizione emessi in un determinato periodo contabile. Le procedure devono anche definire le regole di cut-off e delle riconciliazioni da effettuare, per assicurare che tutte le spedizioni siano fatturate al cliente nel corretto periodo di competenza. Le attività di consegna merce vengono riconciliate con le vendite con frequenza regolare. I dati relativi alle attività di distribuzione e spedizione merce vengono mantenuti. Le bolle di spedizione firmate sono ricevute dal cliente per ogni spedizione effettuata Viene effettuato un controllo periodico (mensile) dei ricavi per beni o servizi per i quali è stata effettuata la fatturazione, ma la spedizione/prestazione non è ancora stata effettuata. 20

21 Controlli: esempi (5.9) 7. Gestione del processo di fatturazione (incluse note credito/debito): I termini e i prezzi inseriti nella fattura fanno riferimento ai dati presenti sull'ordine di vendita. Le eccezioni richiedono specifiche approvazioni da parte del management. Le fatture sono pre-numerate in sequenza. La sequenza del processo di fatturazione è registrata. Tutti i rientri merce sono registrati al momento del ricevimento. I dati relativi ai rientri sono confrontati con le note credito per assicurarne la registrazione nel corretto periodo di competenza, e in accordo con le procedure aziendali. Esiste una policy sui criteri di emissione delle note credito, e l'adesione a questa policy viene monitorata. Il sistema di registrazione del fatturato nel conto di contabilità generale si basa sui dati presenti nelle fatture di vendita. Esistono delle procedure di verifica delle fatture da emettere a fine periodo, per assicurare che non siano state effettuate spedizioni non fatturate. Il management approva le note credito e altre correzioni sul conto crediti. 21

22 Controlli: esempi (6.9) 8. Gestione degli incassi e dei crediti dei clienti: Gli incassi ricevuti a cavallo di fine periodo sono esaminati e/o riconciliati al fine di assicurare una completa ed adeguata registrazione nel corretto periodo di competenza. Esistono delle procedure che garantiscono che i pagamenti non abbinati vengano attribuiti alle corrette fatture in modo tempestivo. Il management rivede il livello di sconto da praticare al cliente. 22

23 Controlli: esempi (7.9) 9. Gestione delle insolvenze e del fondo svalutazione crediti: Sono predisposte analisi periodiche sullo scaduto clienti e queste sono analizzate dal management. Esistono delle procedure che assicurano che i crediti di dubbia esigibilità sono monitorati e gestiti (tramite un sollecito direttamente al cliente o tramite un'azione legale da parte di un responsabile di adeguato livello). Il calcolo del fondo svalutazione crediti è rivisto dal responsabile designato, e viene confrontato con l'anno precedente 23

24 Controlli: esempi (8.9) 10. Gestione dei premi contrattuali e degli sconti alla clientela: Esiste un'analisi separata e indipendente per tutte le transazioni commerciali e le promozioni nei confronti dei clienti. Le modifiche alle proposte di liquidazione dei premi richiedono un'approvazione indipendente prima di essere processate. Viene utilizzato un programma che numera in sequenza i programmi di incentivazione. Sono richiesti differenti livelli di autorizzazioni sulla base del valore dei programmi di spesa delle promozioni/incentivi. Viene effettuata un'analisi indipendente di tutti i pagamenti dei programmi di promozione/incentivi. E' effettuata un'analisi indipendente e periodica di tutti i programmi di promozione/incentivazione. Le procedure adottate dal management individuano le persone autorizzate a concedere gli incentivi, a effettuare le transazioni e gli importi che questi possono spendere. Le policy che regolano i piani promozionali sono in linea con gli obiettivi del management, coerenti con i suoi poteri, rispettano i limiti prefissati e le modalità di rendicontazione e di controllo da parte della società. Vi sono controlli di sistema che impediscono agli addetti vendita di inserire piani promozionali nelle transazioni legate ai crediti, e relativi aggiustamenti. 24

25 Controlli: esempi (9.9) 11. Gestione dei servizi di assistenza alla clientela: Vengono effettuate le opportune verifiche prima di attivare interventi di garanzia post-vendita. Gli interventi in garanzia sono adeguatamente autorizzati e documentati. Le fatture passive dei centri di assistenza relative agli interventi in garanzia vengono sottoposte a verifica da parte di personale di adeguato livello, prima di provvedere al pagamento delle stesse. I costi relativi agli interventi in garanzia vengono monitorati costantemente. Gli interventi di manutenzione/riparazione sono autorizzati e i costi sostenuti vengono rifatturati tempestivamente. La società effettua periodicamente delle analisi per determinare il fondo da stanziare a fronte di interventi di manutenzione e riparazione. Il calcolo del fondo è adeguatamente rivisto. Nel caso si renda necessaria una campagna di richiamo, esiste una procedura che garantisce la tempestiva valutazione degli oneri potenziali, e gli opportuni stanziamenti a fondi rischi in bilancio. 25

26 Test: esempi per processo (1.3) 1. Acquiring and approving customers: selezionare un campione di nuovi clienti e verificare il processo di autorizzativo e di attribuzione del fido. 2. Managing customers master file: selezionare un campione di nuovi clienti e verificare se il fido autorizzato eè quello caricato a sistema; verificare se solo le persone autorizzate possono creare o modificare le anagrafiche dei clienti. 3. Managing pricing data: ottenere l ultimo listino approvato e verificare se i prezzi registrati a sistema sono coerenti. 4. Managing sales contracts: selezionare un campione di contratti e verificare se sono stati firmati in accordo con il sistema delle procure vigenti. 26

27 Test: esempi per processo (2.3) 5. Managing and processing orders: verificare se solo i customer service operators possono registrare ordini a sistema. 6. Distribution and delivery: verificare le analisi di cut off effettuate per valutare la corretta competenza dei ricavi; selezionare ad es. al 31/12/20xx) un campione delle ultime bolle di entrata e di uscita e verificare se le fatture sono state emesse nel corretto periodo di competenza (ripetere il test con le prime bolle di entrata e di uscita del periodo successivo). 7. Generating and accounting invoices and credit/debit notes: selezionare un campione di note credito e verificare l adeguatezza del processo autorizzativo (rispetto alla procedura aziendale). 8. Processing cash receipts and managing credits: verificare il rispetto dei termini di dilazione concessa ai clienti (rispetto alla procedura aziendale). 27

28 Test: esempi per processo (3.3) 9. Managing insolvencies and allowance for doubtful accounts: verificare se vengono effettuate analisi sull anzianità dei crediti e la relativa congruità del fondo svalutazione credito (anche in relazione alla regole di reporting dell azienda). 10. Processing, recording and payment of trade deals and customers incentives: verificare il processo autorizzativo per l erogazione di sconti e abbuoni ai clienti. 11. After sales services: verificare l esistenza delle procedure di re-call di prodotti difettosi; verificare se eventuali sostituzioni di prodotti in garanzia sono state adeguatamente autorizzate e sono state effettuate sulla base di garanzia valide e non scadute. 28

29 RCM Le RCM (risk&control matrix) sono delle matrici che, a livello di processosotto processo e attività, individuano gli obiettivi, i rischi e le attività di controllo. Generalmente includono le seguenti informazioni: Activity Description: descrizione dell attività Activity Owner: descrizione del responsabile dell attività Risk/Control Objectives: rischi e obiettivi di controllo Control Activity: controllo teorico Implementation Method: modalità di svolgimento del controllo Gap Analysis: eventuale gap tra controllo teorico e modalità di svolgimento del controllo Control rating (ex. primary control): rilevanza del controllo Mandatory Documentation: documentazione attestante l effettiva implementazione del controllo Tyoe of control: es. manuale o automatico Frequency: frequenza del controllo Control Owner: responsabile del controllo Le RCM possono essere accompagnate da flow chart e note esplicative. 29

30 RCM: esempio 30

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Analisi SCI processo ciclo passivo - purchase to pay cosa significa, in ottica

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 10 Ornella Ornella Rogata: Rogata: Valutazione SCI SCI - Payroll ciclo attivo

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 10 12 Ornella Rogata: Valutazione SCI ciclo attivo passivo 1 Il processo di Internal

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Il controllo operativo nell area commerciale Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Ciclo ordini-spedizioni Ciclo vendite-incassi Ciclo ordini spedizioni 1. Acquisizione degli ordini

Dettagli

3 La revisione del sistema di controllo interno

3 La revisione del sistema di controllo interno 3 La revisione del sistema di controllo interno Secondo i vecchi Principi di revisione italiani, il sistema di controllo interno 1 è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Operational Audit: Macerata Plant Kick-off Detailed scope Daniele 2 Bruni: Esercitazione

Dettagli

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi Antonio La Mattina Prevenire le frodi a danno dell azienda: il Fraud Risk Assessment Roma, 31 gennaio 2013 Fraud Management: ambiti di

Dettagli

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione

OSSERVATORIO. La gestione del credito commerciale nelle PMI venete. 1 report trimestrale. Studio S V S Consulenza di Direzione OSSERVATORIO La gestione del credito commerciale nelle PMI venete 1 report trimestrale Studio S V S Consulenza di Direzione Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 275 imprese che operano

Dettagli

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM

Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM Processo di Vendita Gestionale ERP ERP BILLING CRM 1 Organizzazione Commerciale Una organizzazione commerciale è responsabile per negoziare le condizioni di vendita e distribuzione di beni e servizi. Rappresenta

Dettagli

controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati attesi GIBELLINI & ROSSI STUDIO ASSOCIATO

controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati attesi GIBELLINI & ROSSI STUDIO ASSOCIATO La Laricerca ricercadell equilibrio dell equilibriotra traobiettivi obiettivicommerciali commerciali eecontrollo finanziario controllo finanziario Colmare la distanza tra le strategie di mercato e i risultati

Dettagli

DEBITI VERSO FORNITORI

DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO FORNITORI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Obbligazioni per acquisto di merci o servizi. Art. 2424 c.c. D)

Dettagli

AICS - BLC FORUM 2011. L assicurazione del credito per una migliore gestione del portafoglio clienti

AICS - BLC FORUM 2011. L assicurazione del credito per una migliore gestione del portafoglio clienti AICS - BLC FORUM 2011 L assicurazione del credito per una migliore gestione del portafoglio clienti Stefano Fischione Head of Account Management Atradius Italia Milano 5 Ottobre 2011 Agenda L assicurazione

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

SpeedUp. «Un approccio integrato alla gestione del credito» dicembre 2013. M&GF Project S.r.l Via Magellano,6 20049 Concorezzo (MI)

SpeedUp. «Un approccio integrato alla gestione del credito» dicembre 2013. M&GF Project S.r.l Via Magellano,6 20049 Concorezzo (MI) SpeedUp «Un approccio integrato alla gestione del credito» M&GF Project S.r.l Via Magellano,6 20049 Concorezzo (MI) Tel: 039 6886163 Fax: 039 6886021 www.mgfproject.com info@mgfproject.com dicembre 2013

Dettagli

Soluzioni Innovative per la protezione del Rischio Credito. Credit & Risk Council 13 novembre 2013, Verona

Soluzioni Innovative per la protezione del Rischio Credito. Credit & Risk Council 13 novembre 2013, Verona Soluzioni Innovative per la protezione del Rischio Credito Credit & Risk Council 13 novembre 2013, Verona Gerarchia delle scelte delle imprese Fonte: Financial Innovation Esigenze delle imprese Fonte :

Dettagli

INCAS NET. Intelligence Control Area System Introduzione. Giugno 2009

INCAS NET. Intelligence Control Area System Introduzione. Giugno 2009 Intelligence Control Area System Introduzione Giugno 2009 Introduzione INCAS NET (Intelligence Control Area System) rappresenta un soluzione intelligente di automazione della forza vendita. La soluzione

Dettagli

ATOMS Versione 1.0. Pag. 1 di 18

ATOMS Versione 1.0. Pag. 1 di 18 Accounting Transfer Order Management System Manualle utente Pag. 1 di 18 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 MENÙ DI AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 3 MENÙ PRINCIPALE... 5 4 FUNZIONI PREVISTE... 6 4.1 Gestione gerarchia

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Processo vendite e incassi

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Processo vendite e incassi Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Processo vendite e incassi Introduzione Contabilità Revisione Il processo in dettaglio Definizione Il ciclo vendite comprende tutte le operazioni di

Dettagli

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino AICS MEETING DAY 2009 Agenda La partnership La survey L integrazione Le soluzioni 2 Agenda La partnership

Dettagli

Tecnologia. www.mbm.it

Tecnologia. www.mbm.it Il portale SCM permette di comunicare con il mondo esterno all azienda, in particolare con fornitori e lavoranti esterni, fornendo strumenti e metodologie per un trasferimento veloce e sicuro delle informazioni

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO

QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO NOME DELLA SOCIETA : 1. Ufficio Credito a. Descrivere la struttura dell Ufficio Credito per persone e responsabilità. 2. Livelli Decisionali e Responsabilità

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

B-B FOX. B-Bright s.r.l. via Brenta, 3/A 31027 Spresiano TV T 0422.881585 F 0422.724971 - * contact@b-bright.net - ý www.b-bright.

B-B FOX. B-Bright s.r.l. via Brenta, 3/A 31027 Spresiano TV T 0422.881585 F 0422.724971 - * contact@b-bright.net - ý www.b-bright. B-B FOX Numerose sono le caratteristiche che rendono B-B FOX appetibile, a partire da quelle economiche: - trasparenza nei costi di licenza d uso, che vengono garantiti invariati per almeno tre anni, a

Dettagli

Gestione della vendita al banco

Gestione della vendita al banco Indice degli argomenti Introduzione Operazioni preliminari Inserimento operazioni di vendita al banco Riepiloghi generali Contabilizzazione scontrini Assistenza tecnica Gestionale 1 0371 / 594.2705 loges1@zucchetti.it

Dettagli

- Fatturazione a blocchi e interattiva. - Analisi e statistiche dell'area Vendite

- Fatturazione a blocchi e interattiva. - Analisi e statistiche dell'area Vendite Modulo Questo modulo del pacchetto fornisce gli strumenti per una completa gestione delle attività dell'azienda legate alla vendita: offerte, acquisizione degli Ordini Clienti, spedizione delle merci ed,

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

3.1 Iscrizione ABF..4

3.1 Iscrizione ABF..4 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Abbreviazioni e definizioni.3 3. Corpo della procedura..3 3.1 Iscrizione ABF..4 3.2 Ufficio preposto alla gestione dei reclami....4 3.3 Gestione operativa reclami

Dettagli

CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Il CRM di NTS Informatica Una fidelizzazione del cliente realmente efficace, ed i principi fondamentali alla base della sua

Dettagli

CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CRM / WEB CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Il CRM di NTS Informatica Una fidelizzazione del cliente realmente efficace, ed i principi fondamentali alla base della sua

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi

Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Release 5.20 Manuale Operativo CLIENTI PLUS Fido e Scoperto, Blocchi Amministrativi Il modulo Clienti Plus è stato studiato per ottimizzare la gestione amministrativa dei clienti, abilitando la gestione

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi IAS 18 Ricavi Determinazione dei ricavi Il ricavo deve essere determinato in base al fair value del corrispettivo ricevuto o spettante, al netto di eventuali sconti commerciali e riduzioni legate alla

Dettagli

SysAround S.r.l. Moduli di MyCRMweb

SysAround S.r.l. Moduli di MyCRMweb Moduli di MyCRMweb Vendite Gli strumenti di automazione della forza vendita consentono la semplificazione del processo commerciale. I manager e il team di vendita possono gestire: contatti e clienti potenziali

Dettagli

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione APPROVVIGIONARE Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ OPERATIVE MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

Order-to-Cash. Guardiamo avanti

Order-to-Cash. Guardiamo avanti Order-to-Cash Guardiamo avanti Mediacom supporta le aziende in tutte le fasi del Ciclo Attivo con il servizio di Order-to- Cash, che razionalizza ed ottimizza le risorse ed i processi delle aziende, con

Dettagli

Gestione Fidi Manuale Utente. Gestione Fidi Manuale Utente

Gestione Fidi Manuale Utente. Gestione Fidi Manuale Utente Gestione Fidi Manuale Utente Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 7 Versione 118 del 28/03/2014 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

IFRS 15 Ricavi: un nuovo modello di rilevazione Un approccio integrato per la gestione della first adoption

IFRS 15 Ricavi: un nuovo modello di rilevazione Un approccio integrato per la gestione della first adoption IFRS 15 Ricavi: un nuovo modello di rilevazione Un approccio integrato per la gestione della first adoption aspetti rilevanti Valore Aggiunto - Proposto Riconoscimento dei ricavi: un nuovo modello Nel

Dettagli

Smobilizzo pro soluto di lettere di credito export

Smobilizzo pro soluto di lettere di credito export Smobilizzo pro soluto di lettere di credito export , definizione L operazione prevede la ricezione di una lettera di credito EXPORT in favore del cliente esportatore italiano, con termine di pagamento

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

- Modulare - Efficiente - Verticalizzato - Sicuro - Personalizzabile - User friendly - Affidabile - Semplice

- Modulare - Efficiente - Verticalizzato - Sicuro - Personalizzabile - User friendly - Affidabile - Semplice PROGRAMMA GESTIONALE CONTABILITA E MAGAZZINO Domino è il nuovo gestionale sviluppato in linguaggio Visual Basic.NET; suddiviso in MODULI si adatta perfettamente alle diverse tipologie aziendali; un alta

Dettagli

Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009.

Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009. Evoluzione ed integrazione della figura del Credit Manager all interno del processo Order to Cash 1 AICS Meeting Day 2009. Bardolino, 27 maggio 2009. Alberto Roncallo Credit & Customer Accounting Manager

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Sezione G => G100 Altri Crediti

Sezione G => G100 Altri Crediti 358 Sezione G => G100 Altri Crediti OBIETTIVI Verificare che i crediti verso altri non clienti: - accertare che i crediti verso altri esposti in bilancio siano relativi a reali transazioni e rappresentino

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla Produzione su commessa GALILEO Produzione su Commessa. La soluzione applicativa si rivolge a quelle aziende del settore manifatturiero e/o impiantista

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I SoftwareSirio V10 SIDIS per il settore della distribuzione A CHI SI RIVOLGE Alle Piccole e Medie Imprese Italiane del settore merceologico della distribuzione

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Un credit manager a 360 a vostra disposizione

Un credit manager a 360 a vostra disposizione Un credit manager a 360 a vostra disposizione CREDIT TEAM: UN PARTNER AFFIDABILE PER LA GESTIONE DEI VOSTRI CREDITI www.creditteam.eu Credit Team nasce dalla sinergia di professionisti altamente qualificati

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

MATCH4CASH - Mandati. Sistema di ausilio alla acquisizione dei mandati di pagamento

MATCH4CASH - Mandati. Sistema di ausilio alla acquisizione dei mandati di pagamento MATCH4CASH - Mandati Sistema di ausilio alla acquisizione dei mandati di pagamento 1/7 PREMESSA La gestione della cassa e tesoreria ha caratteristiche e impatti molto differenziati, dipendentemente dal

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE FONDAZIONE dott. PIETRO FOJANINI di Studi Superiori Via Valeriana, 32 23100 SONDRIO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PROTOCOLLO PT 04 GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Split payment consigli per gestirlo con e/satto

Split payment consigli per gestirlo con e/satto Split payment consigli per gestirlo con e/satto Cenni normativi e aspetti non definiti L art. 1, comma 629, lett. b), Legge n. 190/2014, Legge di Stabilità per l'anno 2015, introducendo il nuovo art. 17-ter,

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti:

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti: Delibera ARG/elt 195/08 Determinazione a preventivo degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del ciclo del combustibile e alle attività connesse

Dettagli

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. Contratti di manutenzione, chiamate e interventi

SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I. Contratti di manutenzione, chiamate e interventi SOFTWARESIRIO L E S O L U Z I O N I P E R L A P M I Contratti di manutenzione, chiamate e interventi A CHI SI RIVOLGE Alle Piccole e Medie Imprese italiane che vogliono gestire in maniera automatizzata

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE

Teseo. Noi. enterprise. per Innovare. con Voi TECNOLOGIE INFORMATICHE TECNOLOGIE INFORMATICHE Il gestionale per la distribuzione Il progetto nasce dalla presa d atto che le problematiche del settore idrotermosanitario hanno una forte specificità derivante dalle caratteristiche

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

Raccolta ordini in mobilità. Il verso giusto per la tua Azienda

Raccolta ordini in mobilità. Il verso giusto per la tua Azienda Raccolta ordini in mobilità Il verso giusto per la tua Azienda xorderhd è il sistema informatico xorderhd, COS È studiato per l automazione della forza vendita in mobilità e rappresenta il punto di forza

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO...2 AVVERTENZE...2 TUTTE LE CONTABILITA...2 ADEGUAMENTO ARCHIVI (00056z)...2 NUOVA ALIQUOTA IVA AL 22%...3 Riferimenti normativi...3 Tabella codici

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni ROBERTA SCOLA Staff e Affari Giuridici della Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

IL CONTROLLO DEI CREDITI

IL CONTROLLO DEI CREDITI IL CONTROLLO DEI CREDITI Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1. STABILISCO COME

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22%

Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22% Pag. 1 Aumento Aliquota IVA ordinaria al 22% 30 Settembre 2013 Pagina 1 di 11 Pag. 2 sommario Dal 1 Ottobre 2013 aumento IVA... 3 Premessa... 3 Cessioni di Beni... 3 Prestazioni di Servizi... 3 Acquisti

Dettagli

SH Sistemi. SH Sistemi. Principali novità dei sw erp Uni9000 di versione i70000 e i71000: UNIGEST 7.0 / 7.1, FREEDOM 7.0 / 7.1

SH Sistemi. SH Sistemi. Principali novità dei sw erp Uni9000 di versione i70000 e i71000: UNIGEST 7.0 / 7.1, FREEDOM 7.0 / 7.1 Principali novità dei sw erp Uni9000 di versione i70000 e i71000: UNIGEST 7.0 / 7.1, FREEDOM 7.0 / 7.1 Per ulteriori informazioni: SH Sistemi Via Parini, 9/A 60027 Osimo (AN) Italy Tel.: +39 (071) 7202009

Dettagli

Sistema di Gestione Integrato ISTRUZIONE OPERATIVA CONSUNTIVAZIONE ON - LINE ISO 9001:2000 ISO 14001:2004

Sistema di Gestione Integrato ISTRUZIONE OPERATIVA CONSUNTIVAZIONE ON - LINE ISO 9001:2000 ISO 14001:2004 Pag. 1 di 8 1. OBBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. CAMPI DI APPLICAZIONE 4. MODALITA OPERATIVE FORNITORE 4.1. Accesso al Sistema...2 4.2. Maschera Principale...3 4.3. Inserimento consuntivo...3 4.4. Non Approvazione

Dettagli

Obiettivo della ricerca

Obiettivo della ricerca Obiettivo della ricerca ispondere al quesito: Cosa implica dal punto di vista gestionale ed organizzativo il passaggio dall ABC all ABM? Approccio Analisi di un caso: L evoluzione del modello ABC in DHL

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Caratteristiche Software Gestionale

Caratteristiche Software Gestionale Analisi, progettazione e sviluppo di Applicazioni Gestionali personalizzate per qualsiasi esigenza aziendale. Ottimizzazione dei processi produttivi e amministrativi. Analisi e statistiche. Consulenza

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli