Ict Professioni e carriere 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ict Professioni e carriere 2006"

Transcript

1 Ict Professioni e carriere a Indagine nazionale sull evoluzione professionale, retributiva e formativa degli addetti che operano nell Ict Settembre 2006

2 Indice 1 Introduzione Metodologia Premessa Le caratteristiche dei rispondenti all indagine I profili professionali dell Ict La formazione Le carriere Le retribuzioni Conclusioni Allegati Indice delle figure Indice delle tabelle ICT Professioni e Carriere

3 1 Introduzione Linea Edp (settimanale di informatica per gli Ict manager) presenta la quarta edizione dell indagine nazionale sull evoluzione professionale, retributiva e formativa degli addetti che operano nell Ict. Promossa in esclusiva da Linea Edp, l indagine sta diventando un appuntamento fisso per comprendere lo stato dell arte delle politiche occupazionali del settore in Italia. L obiettivo è quello di offrire un diverso punto di vista, basato sull osservazione delle singole realtà (arrivando all atomizzazione estrema, che guarda alla singola figura professionale) del settore Ict allargato : quello, cioè, composto dalle imprese di informatica e di telecomunicazioni cui si aggiungono le strutture Ict all interno delle imprese utenti. Queste ultime, in particolare, diventano spesso vere e proprie aziende nell azienda e alle strutture aziendali centrali devono rispondere in termini di livelli di servizio da rispettare, professionalità da garantire, investimenti da valorizzare per abilitare i processi di business. L indagine, seguendo uno schema che si è consolidato nel corso degli anni e che ha raggiunto ormai piena maturazione, approfondisce diverse tematiche: le figure professionali dell Ict, i ruoli più diffusi e una loro caratterizzazione (anzianità, livello di scolarizzazione, ); le retribuzioni e i cambiamenti in atto nei modelli di incentivazione delle risorse Ict; le carriere delle figure professionali Ict, i loro percorsi e le loro aspirazioni, la ricerca del lavoro; la formazione Ict. 2 Metodologia L indagine è stata condotta nei mesi di giugno e luglio di quest anno. Replicando la positiva esperienza dell anno scorso, la raccolta delle informazioni è stata effettuata esclusivamente attraverso la compilazione spontanea del questionario elettronico dal sito di Linea Edp (affiancato da partner come Aica, Manager.it, Ilsoftware.it, Sirmi, TechTarget), da parte di singole persone, appartenenti a settori economici diversi ma tutte con un ruolo professionale attinente con l informatica e le telecomunicazioni, le cui risposte sono state validate dalla richiesta di rilascio dei dati anagrafici. Le domande del questionario erano particolarmente articolate, proprio per la volontà di comprendere più in profondità la delicata situazione occupazionale odierna, e questo rende ancora più significativo il successo dell iniziativa, successo che cresce di anno in anno: partendo dalle 600 risposte del 2005, infatti, l indagine 2006 ha superato il traguardo dei rispondenti (esattamente, 1075). Il punto di partenza per la rilevazione è la professione dell occupato. Per questa ragione, è stata utilizzata una classificazione delle figure professionali più diffuse per funzione aziendale. È stata comunque lasciata aperta la possibilità per l intervistato di indicare un ruolo differente da quelli presenti nel questionario ICT Professioni e Carriere

4 La classificazione vede 27 profili professionali, suddivisi nelle 7 aree aziendali tipicamente presenti presso le imprese (tab. 1), siano esse appartenenti all Ict o utenti fruitori di soluzioni e servizi di informatica e telecomunicazioni. Tab. 1 Le figure professionali più presenti nell indagine AREA DIREZIONE E GESTIONE Amministratore Delegato / Direttore Generale / Titolare di azienda Project Manager Responsabile Sistemi Informativi / EDP Manager Program Manager AREA MARKETING E COMMERCIALE Marketing Manager Account Manager Product Marketing Manager Solution Pre-sales AREA CONSULENZA (ERP, CRM, E-Business, E-learning, Data Mining, Data Warehousing) Consulente Senior Consulente Junior AREA TELECOMUNICAZIONI Direttore di Rete Specialista di architetture e telecomunicazione Network Engineer OSS Specialist Progettista di rete AREA SISTEMISTICA, NETWORKING E SICUREZZA Amministratore di sistemi / reti Data Warehouse Administrator Specialista di sistemi / reti Security Manager Database Administrator AREA SVILUPPO ED IMPLEMENTAZIONE Analista Programmatore Web Developer Sviluppatore Software AREA MANUTENZIONE ED ASSISTENZA Operatore di supporto tecnico IT Operatore help desk tecnico Operatore di assistenza tecnica TLC Operatore telefonico front line (call center) Cercare di descrivere un settore complesso come quello dell Ict attraverso solo 27 figure professionali potrebbe essere riduttivo. È chiaro che questa esemplificazione ha come obiettivo quello di cercare il più possibile di mettere a fattore comune elementi relativi a profili omogenei. È opportuno sottolineare che i profili scelti sono quelli più diffusi, o comunque quelli in cui le risorse si identificano maggiormente: infatti, solo un quinto degli intervistati indica una professionalità differente da quelle suggerite. Tuttavia, è importante riconoscere come parte della ricchezza e dinamicità di questo settore sia legata proprio a questo 22,5%, perché mostra una varietà di competenze, seniority, responsabilità e attività indicativa di come l Ict sia un settore dove la professionalità e la sua continua evoluzione siano importanti. 3 Premessa L Ict sta lentamente, ma progressivamente, riprendendo quota, dopo aver attraversato anni di difficoltà che hanno avuto impatti anche sull occupazione. Il 2005 può invece essere considerato l anno della ripresa, non solo perché il mercato Ict ha ricominciato a crescere, grazie ad un rinnovato interesse verso l innovazione da parte delle imprese utenti che si è tradotto in nuovi, seppure ancora cauti investimenti, ma anche perché questa ripresa sembra non essere più solo un episodio di natura congiunturale, ma pone invece le basi per ulteriori crescite nel breve e medio periodo ICT Professioni e Carriere

5 Il mercato Ict ha visto una crescita pari al 2,3% (Rapporto annuale dell Informatica e delle Telecomunicazioni 2006 Aitech-Assinform), superiore a quella registrata nell anno precedente ma, soprattutto, con un ritorno a performance positive anche da parte dell It. La crescita è in sintesi il risultato combinato di un ritorno al segno positivo da parte dell informatica (+0,9%), dopo un biennio negativo, e di una dinamica ancora vivace, migliorativa rispetto allo scorso anno, delle telecomunicazioni (+3,0%) (fig. 1). Fig. 1 Il mercato dell Ict ( ) Valori in milioni di euro e in % % % % % % % IT TLC Fonte: AItech Assinform / NetConsulting Il processo di trasformazione in atto presso il settore dell Ict, dovuto ad un rapido sviluppo dell economica digitale e alla convergenza tra tecnologie eterogenee, sta modificando assetti del mercato, i modelli di business delle aziende e quindi anche le competenze che vengono richieste alle risorse, la cui evoluzione della conoscenza deve necessariamente procedere ad uguale velocità rispetto alle sollecitazioni del mercato. Nei paesi a bassa crescita della domanda, come l Italia, tale situazione tende a generare criticità sulle imprese che si trovano a dover competere abbassando costantemente i prezzi e le tariffe dei servizi venduti: questo impatta sulle politiche di gestione e incentivazione delle risorse, ma anche, inevitabilmente, sulle risorse messe in campo per la loro crescita e per lo sviluppo delle competenze. Il numero degli addetti totali del settore Ict e Media (Icmt) ammonta a circa unità (dati Federcomin / DIt), tra dipendenti e indipendenti, in costante calo a partire dal 2001: nel giro di 4 anni, il settore ha perso oltre unità, soprattutto nel comparto delle Telecomunicazioni; in controtendenza rispetto al settore nel suo complesso, il comparto Software e Servizi ha visto un saldo positivo di circa unità. Gli addetti indipendenti aumentano sensibilmente, principalmente per il contributo del comparto hardware e assistenza tecnica, mentre tra gli addetti dipendenti la componente in calo risulta quella relativa alle grandi imprese Ict che tra il 2001 e il 2004 hanno perso oltre unità. Queste dinamiche hanno contribuito nel ICT Professioni e Carriere

6 tempo a modificare le politiche di gestione delle risorse e le logiche retributive, ad esempio ponendo maggiore attenzione alle componenti variabili. Infine, è importante sottolineare come una buona componente di professionalità Ict derivi anche dalle imprese utenti: su un totale di addetti a tempo pieno (Fte), infatti, circa addetti lavorano presso i fornitori, ma ben addetti operano presso gli utenti e rappresentano quindi una quota significativa del panorama occupazionale dell Ict. È proprio per questa ragione che la nostra analisi si concentra sulla risorsa professionale, ma guarda anche al contesto in cui questa opera, andando ad evidenziare le differenze presenti nei diversi ambiti lavorativi. Infatti, da alcuni anni l analisi si concentra sul perimetro allargato dell Ict (fig. 2) che guarda non solo all occupazione nel settore strettamente Ict, ma anche alle professionalità Ict che provengono da altri settori economici secondo confini che si stanno allargando per comprendere sempre più competenze. Fig. 2 Il perimetro allargato delle figure professionali Ict Fonte: Rapporto Ict - Professioni e carriere Le caratteristiche dei rispondenti all indagine Rispetto all universo di riferimento, che vede circa il 60% delle risorse Ict occupate nel settore Ict, i rispondenti alla nostra indagine confermano la netta prevalenza di figure provenienti dal mondo dell informatica, il 40% sul totale, ma ben rappresentati sono anche gli altri settori economici (fig. 3). Anzi, il panel di indagine si divide quasi equamente tra settore Ict e imprese utenti. Questo elemento sembra indicare come anche da parte delle aziende utenti vi sia un forte interesse verso tutto ciò che riguarda il settore Ict, che passa anche attraverso un aggiornamento continuo della conoscenza attraverso più canali (come la stampa specialistica on line, canale ovviamente utilizzato dalle persone che hanno partecipato alla nostra iniziativa) ICT Professioni e Carriere

7 Fig. 3 La composizione delle risorse Ict per settore economico Informatica 40,0% Altro 7,5% Finance 3,4% Commercio 9,0% Industria 12,8% PA 6,4% TLC 9,0% Media 1,1% Servizi 10,8% Si parla spesso del settore Ict come di un universo di piccole realtà. La frammentazione del settore, e quindi l incapacità di fare sistema, è stata spesso additata come una delle cause delle difficoltà del settore: imprese di piccole dimensioni, infatti, non sarebbero state in grado nel tempo di fronteggiare le criticità imposte dalla necessità di competere abbassando costantemente i prezzi e le tariffe dei servizi venduti e che, di conseguenza, ha ridotto la disponibilità di risorse (economiche e di competenza) utili a diversificare il loro portafoglio di offerta, perdendo quindi anche in competitività sui temi caldi dell innovazione e della convergenza. Il nostro campione vede ben rappresentato questo universo, anche se con un sovradimensionamento, rispetto all universo, delle risorse appartenenti ad aziende di grande dimensione (fig. 4). Rispetto allo scorso anno, tuttavia, è cresciuto il numero delle risorse appartenenti ad aziende di piccola dimensione, come dimostra il 21% dei rispondenti facenti parte di aziende con meno di 10 addetti. Di questi, il 55% appartiene a imprese di informatica, e un altro 25% a settori immediatamente correlati. Questo dato si ricollega a un altro fenomeno importante e tipico del nostro paese, ovvero la forte natalità (ma anche la nati/mortalità) delle imprese, soprattutto di piccole dimensioni: indice di una forte vitalità del settore (molto spesso si tratta di imprese con specializzazioni di nicchia e che operano su segmenti molto specifici con competenze distintive), di senso di imprenditorialità, ma anche di difficoltà a rafforzare il mercato ICT Professioni e Carriere

8 Fig. 4 La composizione delle risorse Ict per classe dimensionale delle aziende di appartenenza 1000 addetti e oltre 22,3% fino a 10 addetti 21,0% addetti 15,7% addetti 17,9% addetti 26,1% Se guardiamo ora alla singola figura professionale, possiamo fare diverse considerazioni su come si struttura il panel della nostra indagine. Innanzitutto, vale la pena sottolineare che la presenza delle donne è aumentata: 13,9% del nostro campione, contro il 12,6% del Spesso si parla del ruolo della donna all interno del mondo del lavoro, non solo dell Ict, e le considerazioni possono essere diverse. Certo è che, rispetto al passato, la presenza femminile si fa sempre più consistente e non solo da un punto di vista strettamente numerico, ma anche di contenuto. Aumenta il numero di donne che ricopre ruoli manageriali e che segue percorsi di crescita professionale del tutto simili a quelli dei loro colleghi maschi. Tuttavia, è ancora evidente come queste conquiste appartengano ad un presente piuttosto recente: il gap non è ancora stato completamente colmato, ma i divari si stanno lentamente, ma progressivamente, riducendo. E, infatti, guardando alle aree in cui le donne sono occupate (fig. 5) risulta evidente come ancora vi sia una differenza nei diversi ruoli: la donna, tipicamente ricopre ruoli (all interno delle funzioni Marketing, per esempio, dove è prevalente la presenza femminile) dove è richiesta maggiormente capacità di relazione e di comprensione delle esigenze del cliente (negli ambiti della Consulenza, ma anche nel disegno e realizzazione di progetti), la sua presenza risulta invece inferiore alla media e decisamente inferiore a quella dei colleghi maschi negli ambiti più tecnici. Questo significa anche che i percorsi di costruzione delle competenze non sono stati fino a oggi omogenei, ma hanno seguito strade parallele ma differenti. Infine, non si può ancora parlare di parità nelle funzioni di direzione (37,2% degli uomini contro il 33,8% delle donne), anche se in questo caso il gap negli ultimi anni si è decisamente ridotto ICT Professioni e Carriere

9 Fig. 5 Le aree aziendali di appartenenza delle figure professionali TOTALE 36,8% 16,6% 12,2% 14,5% 6,0% 9,8% 4,1% Maschio 37,2% 16,2% 11,7% 13,6% 6,5% 10,8% 4,0% Femmina 33,8% 19,6% 15,5% 20,3% 2,7% 4,7% 3,4% Direzione e Gestione Consulenza Manutenzione ed Assistenza Telecomunicazioni Marketing e Commerciale Sviluppo ed Implementazione Sistemistica, Networking e Sicurezza Rispetto al 2005, è aumentata la quota di figure professionali appartenenti alle aree di direzione (oggi il 36,8%, contro il 30% dell anno scorso), nelle quali rientrano i responsabile dei sistemi informativi/cio (12,1%), i top manager (quasi il 10% dei rispondenti sono direttori generali, amministratori delegati o titolari dell azienda), consulenti senior, project manager e altre figure dirigenziali che si sono qualificate a parte. L analisi delle figure professionali (fig. 6), tuttavia, mostra come segnale maggiormente indicativo della realtà dell Ict una forte frammentazione delle professionalità: le risposte risultano infatti distribuite su un numero elevato di figure. Sicuramente vi sono figure professionali in cui è più facile riconoscersi: il responsabile dei sistemi informativi, il top management, il consulente o le figure marketing. In questo caso, l ambito di attività è solo una specifica di un ruolo che è universalmente riconosciuto in termini generali. Nel caso delle figure tecniche, invece, l ambito di attività, la tecnologia gestita e conosciuta, sono distintive del ruolo ricoperto, sono anzi l essenza stessa della professione, che si identifica con la specifica competenza. Se, quindi, ha senso parlare di un product marketing manager senza specificare l ambito all interno del quale svolge la sua professione, e la sua competenza sarà immediatamente riconoscibile, per certe figure tecniche l ambito di attività, la tecnologia di riferimento, sono indissolubilmente legati al ruolo stesso e anzi ne costituiscono l elemento caratterizzante. La forte frammentazione delle competenze è ancora una volta un segnale di come la conoscenza sia l elemento portante di questo settore, che proprio nella conoscenza e nel suo costante sviluppo e aggiornamento, trova la linfa vitale per evolvere ICT Professioni e Carriere

10 Fig. 6 Le Top 15 figure professionali (figure professionali che hanno ottenuto il maggior numero di citazioni da parte degli intervistati) Resp. SI / EDP Manager AD / DG / Titolare di azienda Consulente Senior Analista Programmatore Amministratore di sistemi / reti Account Manager Project Manager Marketing Manager Sviluppatore Software Solution Pre-sales Operatore di supporto tecnico IT Consulente Junior Program Manager Web Developer Specilista di sistemi / reti 3,2% 2,9% 2,7% 2,3% 2,0% 2,0% 1,9% 1,6% 7,3% 6,7% 6,0% 5,1% 5,1% 9,7% 12,1% 0 Volendo, infine, scandagliare le professionalità tipiche tra le donne, vanno segnalate come più diffuse tre figure professionali, che rientrano proprio nel ruolo, precedentemente descritto, che ricopre oggi la donna nell Ict: quello del marketing manager, che ha ottenuto il 7,4% delle risposte, è il ruolo più diffuso; il 6,7% è un consulente senior; infine, il 6% delle rispondenti all indagine ha un ruolo di alto livello a capo dell azienda. 5 I profili professionali dell Ict In soli quattro anni l età media delle figure dell Ict è aumentata di 3 anni (fig. 7). Se il progressivo innalzamento dell età media veniva l anno scorso indicato come un segnale del processo di maturazione in atto nel settore, oggi, alla luce del mercato, possiamo anche fare un analisi diversa. Sicuramente non ci sono più ragioni per cui l Ict non possa essere equiparato a molti altri settori industriali, anche nella modalità con cui sviluppa le proprie risorse; soprattutto, il ciclo di vita del dipendente segue le stesse logiche dell economia nel suo complesso, con un invecchiamento progressivo delle risorse lavorative ma un ricambio generazionale che avviene in maniera più dinamica e dove i giovani hanno ancora più facilità di ingresso rispetto ad altri settori (basti pensare che il 6% dei rispondenti ha meno di 25 anni). Tra uomini e donne esiste una differenza di due anni: 38,3 anni in media per gli uomini contro i 36,3 delle donne. A fare la differenza è proprio la diversa presenza delle figure sopra i 50 anni di età, che vedono ridotta la presenza di risorse femminili proprio perché un tempo la donna era meno presente nel settore (infatti, se si guarda alle persone con età compresa tra i 30 e i 40 le differenze non sono particolarmente significative): le donne con più di 50 anni sono il 6,8% contro il 9,7% degli uomini; la differenza è ancora più evidente poi se si ICT Professioni e Carriere

11 guarda alle persone con più di 55 anni, dove anche le differenze di trattamento pensionistico incidono: 3,3% degli uomini contro appena lo 0,7% delle donne. Fig. 7 L età delle risorse professionali: 4 anni a confronto Età media ,0% 14,2% 20,6% 22,7% 16,5% 10,7% 9,3% 38, ,8% 14,8% 26,5% 24,7% 16,7% 8,1% 6,3% 37, ,6% 20,0% 30,7% 20,6% 12,8% 6,6% 4,8% 35, ,9% 22,9% 29,1% 21,0% 13,8% 4,8% 3,5% 35,3 < 25 anni anni anni anni anni anni > 50 anni Fonte: Indagine Ict - Professioni e Carriere 2006 I 40 anni segnano il traguardo verso ruoli di responsabilità o in cui è richiesta maggiore seniority. Tra le figure a forte managerialità, diverse vedono un età media vicina a 40 (fig. 8), come il responsabile dei sistemi informativi, amministratori delegati e direttori generali, il program manager. Altre figure manageriali, siano esse in ambito marketing, vendite o progettazione, hanno comunque un eta superiore alla media. Il settore Ict è, quindi, relativamente giovane (le figure dirigenziali hanno comunque un età media inferiore rispetto a quella di altri settori dell economia) ma, parallelamente, premia la senioriity delle risorse. È anche questo indice di una conquistata maturità del settore. E che la professionalità proceda di pari passo alla seniority, premiata con ruoli di maggiore responsabilità, è particolarmente evidente se si guarda al divario di età esistente tra figure simili: tra il consulente senior (che ha un età media pari a 40,3 anni) e il consulente junior (di poco maggiore dei 28 anni, età che si giustifica con la tendenza da parte delle società di consulenza ma non solo di inserire nel proprio organico neo laureati per ricoprire i ruoli più a bassa seniority) la differenza di età è particolarmente significativa, segno della necessità di seguire un lungo cammino verso la specializzazione necessario al raggiungimento di traguardi professionali e di carriera. È interessante notare come le figure di vendita presentino in generale età piuttosto elevate. Questo si può giustificare con il fatto che la vendita in area Ict è nel tempo evoluta da una logica di prodotto ad una, più complessa, di soluzione che richiede quindi competenze, tecnologiche e di business, che vengono acquisite nel ICT Professioni e Carriere

12 tempo. Account manager e solution pre-sales mostrano entrambi età superiori alla media. È cuorioso, inoltre, notare come il solution pre-sales sia la figura professionale con l età media più alta, mentre l anno scorso era l account manager. Infine, gli sviluppatori presentano le età più basse tra tutte le figure professionali. Anche in questo caso, si può parlare di un percorso di carriera che è stato tracciato e che prevede l inserimento di neo laureati a supporto delle attività più operative, che successivamente assumono ruoli più di responsabilità o di gestione delle fasi del progetto. Inoltre, nel caso degli sviluppatori Web, si può parlare di un ambito che è relativamente giovane e che solo negli ultimi anni ha creato occasioni di formazione delle competenze e che quindi ha visto coinvolto figure più giovani. Fig. 8 L età media delle Top 15 figure professionali Solution Pre-sales AD / DG / Titolare azienda 40,8 40,5 Consulente Senior 40,3 Resp SI / EDP Manager 40,3 Program Manager 40,1 Project Manager 39,4 Marketing Manager 38,8 Account Manager 38,3 Amministratore di sistemi / reti 36,4 Specilista di sistemi / reti 35,9 Analista Programmatore 35,7 Operatore di supporto tecnico IT Sviluppatore Software Web Developer 29,7 33,1 34,8 Età media: 38.0 Consulente Junior 28,1 Diventa, inoltre, sempre più stretta la relazione tra età e seniority. L invecchiamento degli addetti dell Ict procede parallelamente a una crescita delle competenze nel proprio ruolo. Oltre il 70% delle risorse ha un anzianità nel ruolo superiore ai 3 anni e una persona su tre ricopre stabilmente lo stesso ruolo da oltre cinque (fig. 9). La seniority è quindi una garanzia per le aziende: per gli utenti, significa poter contare su figure professionali con skill comprovati nel tempo; per i fornitori, rappresenta un valore da fornire al cliente. In generale, avere risorse con alta seniority consente all azienda di risparmiare sui costi di creazione delle competenze, che spesso hanno impatti superiori a quelli che invece implica il fatto di dover riconoscere una retribuzione più alta ad una risorsa senior: accanto a valutazioni sui costi effettivi, di tipo economico, infatti, l azienda deve considerare i costi nascosti o che si manifestano nel tempo, legati alla necessità di investire per inserire la risorsa nel ruolo, per formarla, per proporla al cliente, perché il cliente possa riconoscerne le competenze e quindi il valore ICT Professioni e Carriere

13 Non va, però, dimenticato come maggiore seniority in un ruolo spesso può anche significare minore flessibilità per la risorsa, poiché un ruolo si identifica spesso con una tecnologia, la seniority in un ruolo può precludere la possibilità di poter operare su tecnologie diverse e quindi di cambiare ruolo. Un effetto della contrazione del mercato, e della sua raggiunta maturità nel periodo di ripresa, è sicuramente la minore mobilità dei ruoli. Il fenomeno del job hopping, che tanto ha influenzato le dinamiche del mercato del lavoro nel periodo della new economy e dello skill shortage, è ormai dimenticato. Il mondo del lavoro nel settore Ict è diventato più stabile e, di conseguenza, ha diluito i tempi di crescita delle risorse. Fig. 9 Anzianità nel ruolo delle figure professionali dell Ict: quattro anni a confronto ,7% 6,7% 13,8% 33,2% 20,8% 16,8% ,9% 5,8% 17,1% 39,5% 18,9% 11,7% ,0% 11,1% 19,5% 37,4% 14,9% 7,1% ,4% 10,0% 29,6% 35,0% 10,2% 5,8% Meno di un anno 1 anno 2 anni 3-5 anni 6-10 anni Oltre 10 anni Si è molto insistito sul tema delle competenze come un fattore essenziale per questo settore. In effetti, l Ict è un mondo che si gioca tutto sulla conoscenza, sul suo sviluppo e sulla sua evoluzione. Paradossalmente, tuttavia, un settore high knowledge based come questo non fonda le proprie basi sulla scolarizzazione: nel corso del tempo, anzi, sembra che il livello di scolarizzazione si sia progressivamente abbassato, privilegiando figure diplomate o con laurea breve piuttosto che figure in possesso di titoli di studio superiori, che ormai non raggiungono il 40% sul totale (fig. 10) ICT Professioni e Carriere

14 Fig. 10 Livello di scolarizzazione delle risorse Ict: cambiamenti nel tempo ,3% 5,7% 31,7% 6,3% ,4% 4,0% 39,8% 5,8% ,9% 4,3% 47,4% 8,4% Diploma Laurea breve Laurea Master Le ragioni di questo fenomeno sono diverse. Da un lato, sicuramente, incide molto il fatto che il settore veda una forte preponderanza di figure tecniche, cui è richiesto il diploma (fig. 11). E, infatti, oltre il 90% delle risorse presenti nell area di manutenzione e assistenza è in possesso di un diploma, così come il 70% dei sistemisti. La percentuale di laureati più alta si rileva nell area consulenza e, d altra parte, è la conseguenza del fatto che le società di consulenza richiedono la laurea come condizione essenziale per l assunzione. Questo perché una figura consulenziale deve avere competenze tecniche ma anche un approccio necessario ad acquisire competenze diverse, in particolare organizzative e di processo. Il laureato, più del diplomato, presenta un bagaglio di conoscenze e un approccio che facilitano la formazione di un profilo completo, tecnico e non solo ICT Professioni e Carriere

15 Fig. 11 Il livello di scolarizzazione nelle diverse aree aziendali Direzione e Gestione 58,8% 4,7% 30,8% 5,7% Marketing e Commerciale 48,0% 5,7% 35,4% 10,9% Consulenza 41,5% 3,8% 43,8% 10,8% Telecomunicazioni 41,9% 7,0% 41,9% 9,3% Sistemistica, Networking e Sicurezza 70,9% 8,7% 19,4% 1,0% Sviluppo ed Implementazione 53,6% 8,5% 34,0% 3,9% Manutenzione ed Assistenza 91,7% 1,7% 6,7% Diploma Laurea breve Laurea Master In aggiunta alle considerazioni appena fatte bisogna evidenziare come l inserimento nel mondo del lavoro ormai avvenga sempre più spesso prima che la risorsa abbia finito gli studi, anche grazie al crescente ricorso a stage; in un settore come l Ict, dove l età media è piuttosto bassa, questo significa una forte presenza di figure giovani che non hanno ancora terminato gli studi. Infatti, oltre il 70% dei rispondenti con meno di 25 anni è in possesso di un diploma (fig. 12), la totalità delle risorse con meno di 20 anni, mentre il master è più diffuso nella fascia di età compresa tra i 25 e 40 anni, anche per il proliferare dell offerta in tal senso. Le figure dirigenziali sono quelle con un titolo di studio mediamente più elevato, ma anche con un anzianità maggiore: per questa ragione, oltre la metà delle persone con un età superiore ai 50 anni è anche in possesso di un titolo universitario ICT Professioni e Carriere

16 Fig. 12 Il livello di scolarizzazione per classi di età delle figure professionali meno di 25 anni 72,1% 16,4% 11,5% anni 55,3% 8,7% 27,3% 8,7% anni 45,0% 6,9% 38,4% 9,7% anni 57,9% 4,2% 31,6% 6,3% anni 67,4% 3,5% 25,0% 4,1% anni 63,1% 2,7% 27,9% 6,3% oltre 50 anni 43,9% 2,0% 52,1% 2,0% Fonte: Indagine Ict Professioni e carriere 2006 Diploma Laurea breve Laurea Master D altro canto, tuttavia, età e professionalità spiegano solo parzialmente, sebbene in larga misura, la scolarizzazione delle figure. L impressione è che in realtà la formazione istituzionale sembri non poter soddisfare completamente il bisogno di conoscenza dell Ict. Solo recentemente, infatti, le università hanno istituito corsi e percorsi di formazione con caratteristiche utili all inserimento nel mondo del lavoro dell informatica e delle telecomunicazioni. Questo significa che, spesso, un titolo di studio elevato non è garanzia di conoscenza, che invece deve essere formata direttamente dall azienda, e a suo carico. 6 La formazione È, quindi, cruciale per un azienda formare le proprie risorse. E per una risorsa, perché possa continuare a essere competitiva e svolgere il proprio compito in maniera adeguata alle evoluzioni del mercato, è fondamentale costruire, arricchire ed aggiornare il proprio bagaglio di conoscenza. La formazione gioca un ruolo di primo piano nel settore dell Ict. Non è un caso che la crisi del mercato che ha investito gli anni compresi tra il 2002 ed il 2004 abbia visto anche una contrazione della spesa allocata dalle imprese per servizi di formazione. Se queste sono le premesse, sembrerebbe ovvio aspettarsi da parte delle aziende un attenzione particolare per garantire alle proprie risorse un adeguata formazione. Tuttavia, purtroppo, la realtà presenta un quadro differente ICT Professioni e Carriere

17 Nell ultimo anno solo il 40,7% delle risorse ha potuto fruire di iniziative formative (il dato peraltro mostra un calo, seppure contenuto, rispetto al 40,9% dell anno precedente), mentre una risorsa su tre non ha mai usufruito di attività formative (fig. 13). Un aspetto importante da sottolineare è che la partecipazione o meno a corsi di formazione non dipende tanto dalla posizione occupata in azienda o dall area aziendale di riferimento, ma è piuttosto una scelta di campo dell azienda: se l azienda crede nel valore e nell utilità della formazione, ne farà fruire le sue risorse a prescindere dal ruolo da queste occupato, ovviamente con modalità e intensità differenti a seconda delle necessità; le risorse che non partecipano ad attività di formazione invece spesso appartengono a realtà che non credono nel valore della formazione e quindi solo se necessario vi ricorrono. In sintesi, se un azienda crede nella formazione, ne beneficieranno le sue risorse, altrimenti la decisione di investire sarà dettata da fattori esogeni, come la volontà di ottenere una certificazione, la necessità di acquisire una competenza per operare presso un cliente, l arricchimento del portafoglio di offerta con nuove tecnologie. Il mondo dell Ict quindi si divide in due: da un lato, le aziende che investono in conoscenza e quindi si preparano a cogliere l innovazione; dall altro, le aziende che hanno un approccio più reattivo alle evoluzioni del mercato e per le quali l investimento resta prima di tutto un costo. Fig. 13 La partecipazione a corsi di formazione No 32,1% Sì, anche nell'ultimo anno 40,7% Sì, ma non nell'ultimo anno 27,2% Perché in effetti, e questo non può essere negato, la formazione rappresenta prima di tutto un costo, almeno fino a quando l efficacia del percorso formativo sul miglioramento delle attività lavorative non dimostrerà il contrario. La difficoltà di misurare a priori l effettivo ritorno degli investimenti rende quindi l azienda più cauta nell allocazione delle risorse. Strumenti che consentissero all azienda di valutare quali saranno i benefici per il suo business a medio termine già prima di effettuare l investimento, forse aiuterebbe nella valutazione e nella pianificazione di un percorso formativo reso ancora più difficile da una situazione di grande fermento tecnologico, che riduce i tempi in cui le conoscenze diventano obsolete, ma, contemaporaneamente, apre la strada a più evoluzioni, con il rischio di disperdere sforzi e investimenti ICT Professioni e Carriere

18 Il costo della formazione non è solo il costo di partecipazione a un corso. Di fatto, il tempo impiegato in attività di formazione non può essere utilizzato per svolgere le normali attività lavorative e questo, soprattutto per un azienda fornitrice, si traduce in mancato guadagno. È per questo che spesso, anche in presenza di aziende che investono in formazione, l approccio meglio seguito è quello che vede la risorsa impegnata per breve tempo, o con modalità che le consentono di gestire in maniera flessibile il tempo che viene messo a disposizione. Anche sotto questa luce bisogna quindi guardare la riduzione del tempo dedicato alla formazione nel 2006, se confrontato con quello dell anno precedente (fig. 14). Sembra che le aziende propendano sempre più per corsi intensivi ma di breve durata, e che distribuiscano su più risorse i diversi corsi, così da ridurre il tempo di indisponibilità di ogni singola risorsa. Tuttavia, il fatto che circa il 40% delle figure professionali, ancorché in leggero calo, dedichi più di 10 giorni alla propria formazione è un elemento sicuramente importante e assolutamente distintivo del settore Ict. Fig. 14 Il tempo dedicato alla formazione oltre 10 giorni 42,7% 1-5 giorni 30,8% giorni 35,2% oltre 10 giorni 39,2% giorni 26,5% 6-10 giorni 25,6% È soprattutto la formazione tecnica quella di cui l azienda sente di avere maggiore necessità. E, in effetti l innovazione tecnologica e la rapidità con cui questa cambia gli scenari di mercato, rende indispensabile un aggiornamento continuo. Le modalità con cui la figura professionale viene formata sono invece differenti (fig. 15): - Nella maggior parte dei casi la risorsa decide di prendere personalmente iniziative volte alla propria formazione: infatti, essere aggiornato e possedere certificazioni significa anche essere maggiormente competitivi sul mercato del lavoro; è anche per questa ragione che due persone su tre si aggiornano in maniera autonoma, raccogliendo informazioni e investendo personalmente in materiale e iniziative didattici; ICT Professioni e Carriere

19 - Oltre la metà dei rispondenti ha seguito corsi di formazione in aula su tematiche di tipo tecnico; come detto in diverse occasioni, l alto numero di figure tecniche che compongono l universo occupazionale dell Ict rende necessario sviluppare percorsi di crescita sulle competenze tecnologiche; - Spesso, tuttavia, questa formazione avviene non attraverso corsi veri e propri o ricorrendo a materiale didattico, bensì si realizza nella vita lavorativa di tutti i giorni, con l affiancamento delle figure junior a figure senior da cui poter apprendere non solo conoscenze tecniche, ma anche metodologie e approcci; questa modalità, peraltro, ha il vantaggio, oltre che di abbattere i costi, di non sottrarre risorse alla normale pianificazione delle attività, oltre che di formare le risorse ad hoc, ovvero secondo il modo di operare dell azienda stessa; - Infine, i corsi in aula sono in generale preferiti a quelli a distanza: il contatto diretto con altre persone infatti è ancora l approccio preferito perché consente uno scambio più immediato; peraltro, l e-learning sconta un offerta piuttosto recente e quindi la difficoltà ad abituare e fidelizzare l utente, che ancora oggi prefersice questa modalità per corsi non focalizzati, come le lingue straniere. Sarebbe tuttavia scorretto pensare ad una modalità di formazione svincolata dalle altre. Come anche i risultati dell indagine dimostrano, prevale un modello formativo che vede la combinazione di più strumenti, da utilizzare al variare delle necessità. Ad esempio, se per un corso rivolto alla formazione su una nuova tecnologia viene preferito il corso in aula, successivi aggiornamenti sull argomento potranno prevedere l utilizzo di strumenti di e-learning, così come il training on the job tipicamente affianca ma non sostituisce la formazione più istituzionale delle risorse junior. Fig. 15 Le tipologie di formazione fruite dalla figure professionali nell ultimo anno Riposte multiple Autoformazione 63,8% Formazione tecnica in aula 55,6% Training on the job 48,3% Formazione manageriale in aula 32,0% Formazione tecnica a distanza 24,0% Formazione manageriale a distanza 10,3% ICT Professioni e Carriere

20 È quindi importante che l azienda, insieme con la risorsa, non preveda momenti di formazione solo estemporanei, legati a necessità contingenti, ma pianifichi gli interventi formativi, i suoi contenuti, le sue modalità di erogazione e le tempistiche, perché questo piano si inserisca in un percorso più ampio di crescita professionale. Il processo di acquisizione delle conoscenze segue due strade parallele: quello della formazione, indispensabile ad acquisire competenze, e quello dell aggiornamento e dell acculturamento di mercato che, seppure più generico, è comunque importante per contestualizzare le conoscenze e calarle all interno di un sistema più ampio, fatto di altre aziende e altre realtà, in cui diventa fondamentale lo scambio delle esperienze. L Ict, più di altri settori, ha investito per creare momenti e spazi che consentissero lo share of knowledge tra realtà differenti. Forse nei tempi più recenti il moltiplicarsi delle iniziative ha addirittura prodotto un senso generale di assefuazione e surplus di offerta che ha richiesto un ridimensionamento perché la proposta risultasse ancora efficace. Infatti, rispetto all anno scorso, le persone che ricorrono periodicamente o sistematicamente ad altri strumenti di aggiornamento si è ridotta, seppure mantenendosi ancora alta (fig. 16). È come se l intensificarsi di proposte sia andato spesso a scapito della qualità delle stesse, per una eccessiva generalizzazione dei contenuti o una scarsa aderenza rispetto alle esigenze ed alle aspettative delle persone che ne hanno fruito, così che l utenza ha preferito incrementare le proposte di formazione più tradizionale, selezionando accuratamente i canali di informazione cui attingere. Tra queste, Internet e la stampa specializzata sono le due fonti privilegiate: la prima, perché fornisce all utente un enorme disponibilità di informazioni in ogni momento e lascia a chi naviga la libertà di scegliere le fonti preferite; la seconda, perché ha cercato nel tempo di mantenere alto il live0llo di qualità delle informazioni fornite, ponendo al contempo un attenzione particolare all innovazione del settore e quindi a far evolvere la proposta. Le altre forme di aggiornamento, poi, come la partecipazione a convegni e seminari, anche laddove giudicate utili, sono tuttavia più dispendiose, in termini di costi e di tempo da dedicare, e quindi vengono selezionate e ridotte rispetto a quelle ritenute maggiormente di interesse. Non tutte le risorse, inoltre, hanno la possibilità di parteciparvi, in quanto le aziende tendono a scegliere di volta in volta quali possono essere i partecipanti; non a caso, manifestazioni fuori dall azienda sono di solito frequentate da figure aziendali appartenti all area marketing o da figure dirigenziali ICT Professioni e Carriere

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER TECNICO INFORMATICO WEB MASTER Corso di Formazione Professionale Por Puglia 2000-2006 Complemento Di Programmazione Asse III Mis. 3.4 - Az. a) Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 Candidati chiavi in mano gli introvabili dell informatica Nel mondo dell It le imprese sempre meno disposte a investire in lunghi periodi

Dettagli

ICT Professioni e Carriere 2003

ICT Professioni e Carriere 2003 ICT Professioni e Carriere 2003 Prima indagine nazionale sull'evoluzione professionale, retributiva e formativa degli addetti che operano nell'ict Il Rapporto è stato elaborato con la collaborazione di:

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE G L O S S A R I O JOB PROFILE IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE tratto da www.isfol.it/orientaonline IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DEFINIZIONE Il Tecnico dell Amministrazione

Dettagli

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente le prospettive lavorative dei laureati Laureati in corsi lunghi e di durata triennale: quanti trovano lavoro? Nel 2007 il 73,2% dei laureati

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Orientamento e Comunicazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Orientamento e Comunicazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI Direzione Orientamento e Comunicazione Sbocchi occupazionali dei laureati nel 2007 dell Università degli Studi di Cagliari ad un anno dalla laurea Laureati Specialistici a Ciclo

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES a cura di Gianluca Loparco 1 (gianluca.loparco@tin.it) Modello gestionale e parametri di funzionamento dei contact center. Il benchmarking rivolto

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile Saldo/lista movimenti c/c Ricarica cellulare Ricerca sportelli Bancomat/ATM più Ricerca filiali più vicine Bonifici e giroconti Saldo/lista movimenti conto Ricarica carta di credito prepagata Informazioni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011

IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011 IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011 Investimenti e comportamenti di acquisto delle aziende italiane ed europee Realizzato da: Patrocinato da: & Media partner: Le Aziende principali protagoniste del mondo degli

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE

CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE CALL CENTER: IL MODELLO VODAFONE Nicola benedetto Francesca devescovi L universo dei call center, oltre a rappresentare una delle realta occupazionali con il più elevato tasso di crescita, e un mondo complesso

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Analisi e sintesi dei risultati - Percorso occupati

Analisi e sintesi dei risultati - Percorso occupati Progetto Centri E-Learning Realizzazione del progetto di aggiornamento e qualificazione professionale per il management della Biblioteca Digitale Italiana AUTOVALUTAZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA Analisi

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti.

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli