Credere nei valori crea valore.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Credere nei valori crea valore."

Transcript

1

2

3 editoriale sec servizi essere azienda responsabile Credere nei valori crea valore. E in virtù di questo assioma che SEC SERVIZI ha fatto propria la Responsabilità Sociale d Impresa. Come impresa, essere socialmente responsabili, significa integrare motivazioni di natura etica all interno della visione strategica, avere volontà di gestire efficacemente problematiche ad impatto etico e sociale nell ambito delle attività aziendali quotidiane. A tal fine infatti, dal 2002 SEC SERVIZI ha adottato i Valori presentati nel Codice Etico e ne rendiconta ogni anno i risultati attraverso il Bilancio Sociale, prezioso strumento con il quale si riaffermano periodicamente i principi che sono alla base dell identità aziendale. Grazie all adozione di questi principi, SEC SERVIZI può godere di crescenti sinergie derivanti dalla costruzione di solide relazioni con gli stakeholder e con la collettività, relazioni che hanno contribuito a costruire giorno per giorno la crescita della società nel corso degli anni, assicurando così lo stabile assetto attuale ed un elevato ampliamento della clientela servita. leva e moltiplicano ogni investimento produttivo e tecnologico dedicato al nostro business. Forti di questa consapevolezza, abbiamo deciso di dare visibilità in questo numero, oltre ai consueti servizi a sfondo tecnologico che caratterizzano il nostro business, anche alle numerose iniziative aziendali intraprese in tal senso e presentate di seguito in approfondimento: I. l approvazione del Bilancio Sociale 2009; II. il convegno Peak Performance, sviluppato in partnership con Mind Room International, rivolto alle Risorse Umane sulle tecniche del Biofeedback e neuro feedback per il miglioramento delle performance; III. l intervento dell Università di Padova dedicato al benessere organizzativo, nell azienda; IV. l ultima Convention aziendale, forte momento di condivisione di questi valori per il team di SEC SERVIZI. Valori che si traducono in valori di business quali la centralità del cliente (una particolare attenzione alle esigenze dei nostri clienti e alla ricerca dell eccellenza nella qualità dei servizi offerti), l organizzazione e il gioco di squadra, valori di business che fanno da 3

4 sommario in questo numero 3 Editoriale Essere azienda responsabile 31 Certificazione IIOM SEC SERVIZI è certficata GSC - IIOM 5 Diamo voce ai clienti Intervista al Direttore di Volksbank J. Schneebacher 35 Data Certa Acquisizione telematica della marcatura temporale 8 Business e Sicurezza Tecnologie innovative al servizio dei clienti 40 Peak Performance Stress da lavoro biofeedback e neurofeedback 12 Temenos e Sec Servizi Sistema T24: una soluzione per Banca Ubae 45 Lavoro e salute Benessere individuale e organizzativo 14 Soluzioni su misura Nuovi applicativi nel sistema di full outsourcing 47 SEC SERVIZI Meeting 2010 Tre giorni ad Assisi e dintorni 16 Il tavolo dei compliance officer Le nuove issue regolamentari 22 Soluzione ERP-SAP Premiato Bronze Winner ai SAP Quality Awards Bilancio sociale 2009 SEC SERVIZI riafferma i suoi valori aziendali 40 4

5 Diamo voce ai clienti intervista al direttore generale di Volksbank Johannes Schneebacher rispecchiano una sapiente amalgama di esperienze, tradizioni e cultura nella nostra gente. D: Quali sono le strategie con le quali avete affrontato questo delicato momento storico? Johannes Schneebacher, Direttore Generale Banca Popolare Volksbank D: Dott. Schneebacher, può in poche righe descrivere la storia della Banca Popolare Volksbank? R: La Banca Popolare dell Alto Adige così come la conosciamo oggi nasce nel 1992 con la fusione tra le allora Banca Popolare di Bolzano e Banca Popolare di Bressanone. A queste si aggiungerà poi nel 1995 l incorporazione della Banca Popolare di Merano. Per cogliere le radici storiche, però, dobbiamo risalire indietro fino a qualche secolo fa: verso fine Ottocento a Bolzano e Bressanone furono fondate le Casse di Risparmio e Prestiti, mentre pochi anni prima, nel 1886, era nato l Istituto Risparmio e Prestiti di Merano. È evidente come il radicamento nella storia e nel territorio non siano per noi solo qualcosa di astratto, ma R: La recente crisi economico-finanziaria ha consolidato la consapevolezza nei punti forti di Banca Popolare Volksbank: siamo una banca regionale autonoma e conosciamo il nostro territorio e la nostra clientela. Questo riduce i rischi. Noi conosciamo i nostri azionisti, i quali investono a lungo termine nella nostra banca senza finalità speculative. L approccio con la nostra clientela è trasparente. L assistenza e la consulenza che offriamo creano valore aggiunto per i clienti. La collaborazione che proponiamo è di alto livello. Siamo gli sparring partner dei nostri clienti. Tutto ciò ci rende inconfondibili. Naturalmente negli ultimi anni abbiamo anche focalizzato la nostra attenzione su un maggiore utilizzo di prodotti e canali virtuali, con costi di produzione sempre più convenienti. Inoltre, si è notevolmente investito nel marchio Banca Popolare Volksbank e 5

6 Diamo voce ai clienti nei sottomarchi Private Banking, Corporate Banking e bank4fun. Abbiamo puntato molto sulla carta della Banca delle due culture. Siamo l anello di congiunzione tra le peculiarità dell universo culturale tedesco ed italiano. Le nostre dimensioni ci permettono di conformarci alle particolarità del bacino d utenza e del singolo cliente. D: E nel contesto attuale, si possono vedere segnali di ripresa, a suo avviso? R: Una ripresa dell economia è in atto, tuttavia non in Europa. L economia reale nel nostro bacino d utenza versa tuttora in stato di crisi, diversamente da ciò che avviene invece, ad esempio, in Asia, in Cina e India, ma anche in altri paesi emergenti, dove vi sono chiari segni di ripresa. In Europa per contro vedo soltanto una flebile crescita, ad eccezione delle imprese orientate all esportazione che ad esempio riforniscono l Asia, oppure le imprese di maggiori dimensioni che hanno posto in atto con successo una politica di abbattimento dei costi. Per le piccole e medie imprese le difficoltà perdurano, anche in Italia. Da noi una ripresa stabile dell economia non è in vista. Sono molte le aziende con un alto rischio di liquidità. Il motivo? Gli utili sono esigui, o si lavora persino in perdita; oltretutto le ditte sono messe alle strette dai fornitori sulle modalità di pagamento. Tutto ciò non fa che rendere più difficoltosi i rapporti d affari delle banche con la clientela d impresa. Sono certo che a livello nazionale la ripresa dipende in misura consistente dall atteggiamento dei consumatori italiani. Essi si dimostrano più attenti sugli acquisti, ma senza particolari cautele. Per questo sono dell avviso che nei prossimi mesi i consumatori si riveleranno decisivi rispetto all andamento dell economia. Saranno loro gli artefici della crescita nel nostro bacino d utenza; diversamente non vedo grandi margini per la crescita. D: Quali sono i servizi/prodotti sui quali punta la sua Banca? R: Oggi come non mai ci focalizziamo sui nostri clienti e sui loro bisogni. Come detto poc anzi, ultimamente abbiamo lavorato intensamente allo sviluppo dei canali elettronici, in modo da poter offrire maggiore flessibilità alla nostra clientela privata e d impresa. I clienti sono in grado di utilizzare i nostri servizi dove e quando preferiscono. Orientarsi al cliente non significa nient altro che produrre per il cliente un beneficio concreto. Procurare vantaggi al cliente è il compito centrale dei nostri consulenti. La consulenza è oggi fattore concorrenziale distintivo, poiché solo una migliore qualità della consulenza genera una prestazione fruibile da parte del cliente. 6

7 Diamo voce ai clienti Un rapporto solido e duraturo con la nostra clientela nasce in questo modo. D: Banca Popolare Volksbank fa parte della compagine di SEC SERVIZI, quali secondo lei i vantaggi di appartenere al Consorzio? diretto e informale, garantendo sotto il profilo tecnico l efficacia di interventi che vengono affrontati con una flessibilità e tempestività che va indubbiamente riconosciuta e apprezzata. R: Far parte di un consorzio comporta anzitutto uno scambio continuo e vitale con altre realtà in contesti economici simili. Questo ci dà la possibilità di conoscere culture bancarie diverse e di aprire la strada a svariate soluzioni e soprattutto innovazioni, un tema che ci è molto caro, in quanto puntiamo costantemente a dare alla nostra clientela il massimo del servizio e del confort abbinato a vantaggi concreti. In più, dato che l unione fa la forza, è possibile avviare progetti di più ampia portata tramite investimenti importanti cui partecipano proporzionalmente tutte le banche consortili. L ottimo rapporto di collaborazione con il centro servizi è per noi condizione imprescindibile per poter dare risposte alla nostra clientela che siano tempestive e al passo con le esigenze in un contesto variegato e dinamico come quello attuale. D: Come giudica la capacità di SEC SERVIZI, di seguire il business della Banca Popolare Volksbank? R: Da quando facciamo parte del consorzio, SEC SERVIZI è sempre stata in grado di dare una risposta alla nostra specificità, offrendo soluzioni calzanti alle esigenze della nostra realtà operativa. Un esempio lampante è la gestione bilingue delle procedure che richiede, per ovvi motivi, particolare cura ed attenzione. Nel rapporto quotidiano il personale di SEC SERVIZI interagisce con noi ad ogni livello con un approccio 7

8 Intervista business e sicurezza tecnologie innovative al servizio dei clienti La crisi non fa sconti, e le banche non fanno eccezioni: la strada maestra per la ripresa rimane quella di migliorare i servizi riducendo contemporaneamente i costi. A SEC SERVIZI, cuore tecnologico di importanti banche presenti sul territorio nazionale ne sono così convinti che su questo obiettivo hanno incorniciato uno splendido 10 in un annata di successi. «Nell ultimo esercizio - afferma il direttore generale Luciano Dalla Riva - siamo riusciti a ridurre del 10% il costo unitario per sportello. Solo nel 2009 il consorzio ha lavorato a più di 250 progetti per sostenere il business e le strategie delle nostre banche. Molto intensa è stata ed è tutt ora l attività per il rinnovamento dello sportello di filiale: «In questo caso, non si tratta solo di un ricambio di tecnologie, ma di una revisione del processo, insomma, del modo di lavorare - suggerisce Dalla Riva. Luciano Dalla Riva, Direttore Generale di SEC SERVIZI <<Siamo riusciti a ridurre del 10% il costo unitario per sportello>> L organizzazione, le architetture e le soluzioni previste per la nuova filiale permettono «all operatore bancario di gestire le attività in tempi ridotti del 40%». Che una riduzione dei costi possa trasferirsi in servizi più efficienti e in benefici per i clienti, il direttore di SEC SERVIZI non ha dubbi. «Gli azionisti della nostra società», continua Dalla Riva, «sono banche molto dinamiche, profondamente radicate sul territorio e impegnate a rafforzare il proprio ruolo nel sistema economico». 8

9 Intervista esigenze di mercato, in tempi brevissimi, si è rivelata un buon supporto decisionale per gli istituti di credito». Banche in altri termini che hanno nel loro Dna un rapporto diretto con la propria clientela, siano piccole e medie industrie che famiglie. Il 2010 conferma, per le banche, l attenzione a crm, customer relationship management e multicanalità integrata, come testimonia l operato di SEC SERVIZI. SEC SERVIZI può inoltre esibire un altro importante contributo: aver fornito in collaborazione con Prometeia, una delle principali società italiane di consulenza e ricerca economica finanziaria, uno strumento e un modello che ha permesso di governare la liquidità: uno degli aspetti che negli ultimi tempi aveva minato la fiducia negli istituti di credito. «Il governo del rischio di liquidità si è reso molto importante nel corso della crisi finanziaria dell anno scorso», osserva Dalla Riva, «la soluzione, realizzata con Prometia, per seguire le Successi che permettono al Direttore Dalla Riva di guardare la crisi con gli occhi dell ottimismo. Il mercato dell outsorcing, del ricorso all esterno di servizi telematici, è destinato ad ampliarsi. E SEC SERVIZI è pronta a raccogliere l opportunità, sfruttando il suo punto di forza: la flessibilità, la possibilità di offrire quello che in gergo si chiama servizi verticali. Gli interventi a supporto del business hanno compreso anche il corporate performance management, la gestione del complesso delle prestazioni aziendali, la consulenza finanziaria. 9

10 Intervista Tra le novità, l outsourcer ha lavorato alla promozione del mobile banking : «L obiettivo è ridurre sempre di più la distanza tra il cliente e i servizi di cui ha bisogno», spiega Dalla Riva. «Le applicazioni disponibili su telefono cellulare e iphone hanno la stessa usabilità di quelle presenti sul pc e non richiedono l installazione di software aggiuntivi». Sul fronte green, il consorzio ha annunciato infine un ipotesi finora poco battuta nel mondo bancario: «Abbiamo dedicato uno studio», conclude Dalla Riva «alla possibilità di utilizzare fonti di energia alternative». 10

11 Intervista

12 Temenos sec servizi integra il sistema T24: una soluzione per Banca UBAE Raggiunto l accordo tra SEC SERVIZI, BANCA UBAE e TEMENOS per l utilizzo della soluzione internazionale T24. L accordo è il risultato di una importante operazione gestita da SEC SERVIZI e prevede per Banca UBAE la disponibilità dell applicativo T24 integrato con il sistema informativo di SEC Servizi, il tutto garantendo gli elevati livelli di servizio già in essere. «Siamo particolarmente orgogliosi perché questo è il primo esperimento in Italia su larga scala, nato dalla collaborazione della nostra società con un partner prestigioso come TEMENOS. premette Samuele Sorato, Presidente di SEC SERVIZI fin dal 2001 e perchè, anche in questo caso, viene confermata la grande capacità di ascolto dei propri clienti, che da sempre contraddistingue SEC SERVIZI» Samuele Sorato, Presidente di SEC SERVIZI e Luciano Dalla Riva, Direttore Generale di SEC SERVIZI 12

13 Temenos bancario internazionale per la sua consolidata esperienza nel trade financing e nell intermediazione bancaria legata al commercio di petrolio ed energetici; una forte competenza e capacità d assunzione dei rischi (rischio paese, rischio di credito, rischio finanziario), e una radicata conoscenza dei mercati e delle normative commerciali e valutarie dei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente. «La volontà della banca, di adeguare i propri sistemi ai più elevati standard internazionali aprendo così anche nuove opportunità operative commenta Biagio Matranga, Direttore Generale di Banca UBAE ci ha condotto alla scelta proposta da SEC SERVIZI e TEMENOS. «Questa operazione è fonte di grande soddisfazione da parte nostra commenta Luciano Dalla Riva, Direttore Generale di SEC SERVIZI perché in tempi veramente contenuti abbiamo posto le basi per la realizzazione di una soluzione su misura e integrata che non ha precedenti in Italia e che risulta particolarmente efficace per la specificità del business di Banca UBAE» TEMENOS è infatti uno dei più importanti leader nella fornitura di servizi modulari integrati per il business bancario a livello europeo. Fondata nel 1993, supporta oltre 700 clienti in 120 diversi paesi. «Questo accordo ci permette di entrare nel mercato italiano ed accrescere in modo significativo la nostra presenza a livello globale. La partnership con SEC SERVIZI è inoltre un importante milestone nella nostra strategia commerciale e di prodotto. Le banche italiane potranno ora usufruire dei vantaggi di T24, un prodotto che viene costantemente migliorato con investimenti continui per garantire che il software sia allo stato dell arte da un punto di vista tecnologico e per soddisfare i requisiti di business e normativi a livello europeo e nazionale. Siamo sicuri che le sinergie tra T24 e le procedure di SEC SERVIZI genereranno una significativa economia di scala per ogni banca italiana,» ha commentato Kay Luhle (Regional Manager Temenos, Italia) Banca UBAE, cliente di SEC SERVIZI dal 2001 e socia dal 2004, si contraddistingue da sempre nel panorama del mercato Il sistema TEMENOS T24 è già in funzione da anni presso il nostro azionista di riferimento, la Libyan Foreign Bank ed alcune sue partecipate, ed è pertanto a noi già noto nei suoi caratteri innovativi, inoltre abbinato alla integrazione delle procedure, alla sicurezza sulle operazioni e ad un efficace strumento di Disaster Recovery, sarà un passo ulteriore della Banca nella direzione della qualità offerta ai nostri clienti». L accordo, che ha una durata di 10 anni, contempla l utilizzo dei servizi di Facility Management, di Application Management e di Disaster Recovery. 13

14 Piattaforma commerciale soluzioni su misura nuovi applicativi nel sistema di full outsourcing L aumento della complessità delle informazioni da gestire e dei servizi da erogare richiede sempre più una differenziazione dei canali di contatto con la clientela. Emerge l esigenza di intendere la multicanalità nell ottica di strategia di relazione da instaurare con il cliente, per ristabilire una relazione face to face. E importante che lo sportello venga percepito non più come un luogo di passaggio, ma come un luogo d incontro tra la banca e il cliente, luogo in grado di erogare servizi di consulenza personalizzati, capace di relazioni forti e durature. Per SEC SERVIZI l obiettivo è stato quello di capire quali potessero essere gli strumenti efficaci da utilizzare per supportare gli operatori di filiale nella trasformazione da esecutori a consulenti, al fine di instaurare un rapporto personalizzato in base alle esigenze di ogni cliente. Si cerca di sincronizzare i processi commerciali e di marketing tra di loro, con quelli transazionali. Abbiamo quindi operato una revisione del modello commerciale con un approccio orientato alla clientela e agli obiettivi di portafoglio, il tutto al fine di fidelizzare il cliente. Fonte: La piramide del Crm - Front Line Solutions Inc, Si evolve quindi da un approccio transazionale (che genera valore attraverso il volume e il numero di operazioni) ad un approccio CRM orientato alla relazione con il cliente: il salto è il passaggio da politiche di mercato a politiche basate sullo sviluppo della relazione. Nell approccio CRM l elemento tecnologico i sistemi informativi rivestono un ruolo chiave nell adozione e nella diffusione del modello commerciale. Soluzioni ICT a supporto diretto dell attività commerciale realizzano customer services efficaci ai fini di adottare soluzioni di pianificazione e di marketing che riducano le attività 14

15 Piattaforma commerciale operative ed amministrative. L integrazione delle informazioni offre una visione globale del cliente e aiuta la banca a concentrarsi nella gestione della relazione, eliminando l attività non core. La Piattaforma Commerciale di SEC SERVIZI unisce quindi 4 driver che operano sinergicamente: lo sportello web integra attività legate ai diversi processi core operando in ottica customer centric, che si basa su un infrastruttura tecnologica flessibile, costruita su frame work multicanale, realizzando così per il cliente una vera e propria experience allo sportello nella quale l efficacia commerciale si unisce all efficienza operativa. in grado di poter iniziare un operazione su uno di essi e poterla proseguire su un altro. Attraverso questo approccio: 1. si contengono i costi; 2. si aumentano i volumi e i margini da servizi; 3. si struttura un offerta in logica AAA (anyhow, anytime, anywhere). L innovazione richiesta allo sportello racchiude in sé evidenti vantaggi: una maggiore efficienza a vantaggio dell efficacia delle attività commerciali; la proattività dello scenario di riferimento, fa divenire fondamentale il processo di distribuzione del servizio per assicurare una vantaggio competitivo alla rete di vendita. Mettendo a disposizione del cliente differenti canali con cui relazionarsi alla banca a seconda della necessità del momento, non si parla più di multicanalità ma di intercanalità, identificando il ruolo più adatto per ciascun canale, creando una combinazione di servizi 15

16 Compliance il tavolo dei compliance officer: le nuove issue regolamentari Negli ultimi anni il mercato finanziario è stato investito da vere e proprie ondate di adeguamento a nuove normative nazionali ed internazionali, che hanno indotto complessi e costosi programmi di cambiamento dei processi operativi, delle organizzazioni e soprattutto degli strumenti a supporto. 16

17 Compliance Ripartizione TCO ICT con dettaglio ambito Compliance. in migliaia In questo contesto, ha mosso i suoi primi passi la Funzione di Compliance, costituita nel 2008 per disposizione della Vigilanza Bancaria, in linea con quanto previsto anche dal Comitato di Basilea. La nuova funzione si pone all interno del Sistema dei Controlli Interni della Banca, come organo di Secondo Livello che accentra la responsabilità del governo e della corretta gestione del Rischio di Non Conformità alle norme, attraverso un processo trasversale di valutazione e gestione del rischio volto a far sì che le procedure interne siano coerenti con la necessità di prevenire la violazione di norme di etero e autoregolamentazione. Si tratta a tutti gli effetti di affrontare un terreno praticamente inesplorato finora dalle classiche organizzazioni di un istituto finanziario, da approcciare risolvendo in primis i seguenti requisiti prioritari: a. Delineare il perimetro normativo di riferimento, individuando all interno del complesso corpo di leggi, codici e regolamenti quanto attiene all operatività del proprio istituto, in forma diretta ma anche indiretta; b. Identificare i requisiti standard di ottemperanza alle norme e valutare il rischio di mancato adempimento, attraverso una attenta valutazione di quanto previsto dall impianto sanzionatorio di norme e leggi, ma anche dell analisi di quanto registrato nel recente passato all accadimento di eventi di Non Conformità; c. Verificare la solidità del sistema adottato dalla Banca per la conformità, attraverso una metodologia di ispirazione risk based, che consideri la verifica di efficacia anche in situazioni eccezionali (es. stress test). d. Informare periodicamente in modo completo gli organi aziendali esposti direttamente al rischio di Non Conformità, dando una rappresentazione adeguata del rischio in essere e soprattutto suggerendo piani di azione in grado di contenere il rischio complessivo. 17

18 Compliance Ripartizione TCO ICT con dettaglio ambito Compliance. in migliaia Indirizzare quanto descritto afferma Renato Signorelli, responsabile Servizio Sistemi Direzionali - è un percorso nuovo e molto complesso, che non può prescindere dall utilizzo di competenze specialistiche (pensiamo soprattutto agli aspetti legali) difficilmente riscontrabili in modo completo all interno delle classiche organizzazioni bancarie. Abbiamo quindi colto l occasione per trasformare in opportunità le esigenze comuni delle nostre Banche, facendo sinergia a livello di Consorzio per creare un tavolo di lavoro comune denominato Tavolo dei Compliance Officer al quale contribuire ciascuno con la propria competenza, arricchita e supportate dal contributo di esperienze di operatori specializzati di mercato, in grado di colmare il gap delle nostre competenze. Il Tavolo dei Compliance Officer si è quindi trasformato da subito in un vero e proprio cantiere operativo, con il contributo attivo delle risorse di SEC, delle funzioni Compliance ed Organizzazione delle Banche del Consorzio (Gruppo Banca Popolare di Vicenza, Gruppo Veneto Banca, Gruppo Banca Popolare Alto Adige e Banca di Credito Popolare Torre del Greco) e dei consulenti selezionati come partner per questo lavoro. Caratteristica delle sessioni di lavoro spiega Mirco Visintin, Project Manager di SEC SERVIZI dedicato al tema è stato un approccio altamente improntato al confronto ed alla cooperazione: molto più che in altre occasioni ciascuno dei partecipanti ha messo a disposizione dei colleghi la propria competenza ed esperienza, collaborando a 4 mani nella predisposizione degli strumenti che sono ora a disposizione di tutto il Consorzio. Obiettivo prioritario del cantiere è stata la predisposizione nell arco di 3-4 mesi del seguente framework di risultati: Definizione kit di metodologia adottabile dalla funzione di compliance per le attività di individuazione e valutazione dei rischi, basata su una mappa standard dei processi aziendali, una tassonomia univoca dei rischi ed un metodo 18

19 Compliance standard di misurazione dei gradi di esposizione di rischio; Predisposizione di una base dati di legal inventory, aggiornata alle recenti disposizioni normative, correlata al modello dei processi aziendale ed ai relativi adempimenti; elemento saliente della base dati è la chiara declaratoria dei rischi amministrativi e/o penali, reputazionali e pecuniari e la definizione dei punti di controllo necessari a garantire il corretto presidio a contenimento del rischio complessivo (Mat.Ri.Co. Matrice dei Rischi di Compliance); Rilascio di un primo tool informatico a supporto delle attività di esecuzione dei controlli e dei test di efficacia. Pur essendo il primo cantiere di un percorso di certo ancora ben articolato, si è raggiunto in questa fase l importante obiettivo di rilasciare degli strumenti finiti, che sebbene ancora in una forma prototipale costituiscono de facto un importante tassello dell offerta di SEC SERVIZI ai propri clienti. Considero l esperienza del Tavolo dei Compliance Officer prosegue Renato Signorelli - un buon esempio di implementazione di alcuni elementi costitutivi del nostro Consorzio: cooperazione basata sulla condivisione di risorse e competenze, utilizzo delle eccellenze offerte dal mercato, orientamento ad indirizzare soluzioni veloci, ritagliate sulle esigenze degli utenti. Chiuso questo primo cantiere, il Tavolo dei Compliance Officer rimane attivo in modo permanente nell organizzazione operativa di SEC SERVIZI, per proseguire l esperienza positiva di collaborazione e confronto, contribuendo in parallelo alle prossime fasi di ingegnerizzazione della soluzione informatica all interno della piattaforma GRC (Governance Risk & Compliance) di SEC Servizi, che serve in modo sinergico tutte le funzioni di controllo in Banca. 19

20 Compliance Raccogliamo e pubblichiamo l opinione di Alessandro Zamboni, Senior Manager e Socio di Nike consulting, partner del progetto Sistema di supporto alla Compliance assieme a SEC Servizi e Banche della governance di SEC Servizi: Utilizzare all interno del progetto compliance la base dati MAT.RI.CO. (Matrice Rischi Compliance) è significato assumere un approccio distinto e ben più avanzato rispetto alla semplice fruizione di una legal inventory. necessari per recepire adeguatamente la normativa esterna; gli obiettivi di controllo di impianto (controlli su aspetti strutturali di tipo organizzativo) e funzionamento (controlli sui comportamenti) funzionali alla predisposizione di specifici piani di compliance; un sistema innovativo di proposta di gestione di indicatori di compliance, articolando i medesimi tra indicatori di anomalia e di esposizione e, con riferimento alle discipline MiFID e Anti-riciclaggio, articolando gli indicatori in appositi dashboard al cui interno potere valorizzare ed esaminare congiuntamente: a. indicatori sul comportamento strategico; b. indicatori di tipo dimensionale; c. indicatori di contesto esterno e interno; d. indicatori di efficacia di processo. Il valore aggiunto della base dati MAT.RI.CO. per le funzioni di compliance partecipanti al progetto è stato infatti quello potere utilizzare nel quotidiano una base dati in grado di già identificare e quindi suggerire: i rischi di compliance già raccordati con la tassonomia dei cc.dd. event type utilizzati in ambito operational risk management; gli adeguamenti organizzativi da porre a mitigazione degli eventi di non conformità potenziali. Al riguardo, proprio su tale aspetto è tangibile il valore aggiunto di avere una base dati a livello consortile. In particolare, per ogni rischio di non conformità, sono stati censiti i presidi informatici rilasciati da SECServizi quale recepimento dei requisiti normativi nonché catalogate, secondo una tassonomia standard definita a livello di Consorzio, le altre tipologie di adeguamenti organizzativi (riferiti alle policy, procedure, alla modulistica, ) Avere rilasciato da parte di SEC SERVIZI la base dati MAT.RI.CO. alle funzioni di compliance permetterà alle medesime di possedere un vero e proprio acceleratore delle proprie attività di assessment, monitoring & testing, senza dimenticare la possibilità, disponibile a breve, di poterla utilizzare direttamente per le valutazioni del rischio di non conformità. A tutto questo si aggiunge infine l opportunità di potere importare agevolmente la base dati MAT.RI.CO. all interno dei più importanti software GRC governance risk & compliance presenti sul mercato. 20

21

22 SAP Quality Award progetto ERP-SAP premiato Bronze Winner ai SAP Quality Awards 2010 di un efficiente ERP a copertura delle funzionalità amministrative e gestionali, che L adozione garantisca il massimo livello di integrazione e controllo, è un requisito fondamentale per un azienda operante in un mercato competitivo. In quest ottica, SEC SERVIZI, azienda leader nel mercato dell Information & Communication Tecnology, ha portato a termine del corso del 2009 una complessa progettualità interna di implementazione della suite ERP SAP 6.0. Il progetto sviluppato in partnership con SAP Italia, ICMS, e PricewaterhouseCoopers - si inserisce in un contesto di sostenuta crescita aziendale, con la conseguente necessità di supportare lo sviluppo del core business attraverso la continua evoluzione dei processi, dell organizzazione e dei sistemi informativi. SERVIZI un importante riscontro delle capacità di integrazione di sistemi ICT complessi, derivante dalla significativa esperienza maturata nell attività core destinata al mercato bancario. Il premio giunge al termine di un intensa attività avviata nel corso del 2009 ed ultimata con il Go Live del nuovo sistema Il riconoscimento di Bronze Winner Italia nella categoria delle PMI - Small and Medium Size Enterprise Implementation - rappresenta per SEC il 1 gennaio Forte l apprezzamento riscontrato sui seguenti parametri: qualità dell approccio metodologico, capacità di gestione dei rischi di 22

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI SELEZIONARE CON ATTENZIONE I CLIENTI, MONITORARE IN MODO EFFICACE LA QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO, RISPONDERE

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende.

COMPANY PROFILE. Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. COMPANY PROFILE Al centro della Pubblica Amministrazione. Al fianco dei liberi Professionisti e delle Aziende. La storia del Gruppo Maggioli ha inizio un secolo fa e da allora procede, attraverso quattro

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Abstract Il progetto BALANCED SCORECARD del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi corona una famiglia di

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

Soluzioni per il Futuro

Soluzioni per il Futuro srls Soluzioni per il Futuro IL NOSTRO IMPEGNO In un sistema economico sempre più complesso, ed in continua e rapida evoluzione, la capacità per l Impresa di operare con successo sul mercato dipende, in

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Alla luce delle nuove Disposizioni di Banca d Italia Ing. Riaz Bashir Opentech Confidi Day 2014 - Castelbuono (PA) 15

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE Roma, 04/01/2016 www.gepincontact.it 1 Agenda Chi siamo Partnership Prodotti & Servizi I nostri Clienti Contatti 2 Chi Siamo GEPIN CONTACT, società specializzata nei servizi

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE

Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio Con l obiettivo duplice di comprimere i costi, ottimizzando l uso delle risorse

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services Customer Services Agenda 2 Il contesto competitivo La strategia del Customer Services Call Center Protezione Civile Il telelavoro Il servizio 186 Il contesto competitivo Il mercato dei Contact Center ha

Dettagli

WebRatio. Per il settore Servizi Finanziari. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. Per il settore Servizi Finanziari. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio Per il settore Servizi Finanziari Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il divario tra Business e IT nel settore Servizi Finanziari Il settore dei servizi finanziari è

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

la mission Soft System Soft System

la mission Soft System Soft System la mission In Soft System, società customer oriented, poniamo il Cliente al centro di ogni scelta aziendale. Operiamo con e per le aziende affinché possano essere costantemente aggiornate sui progressi

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Comune di Codogno Provincia di Lodi

Comune di Codogno Provincia di Lodi Comune di Codogno Provincia di Lodi Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE Virtualizzazione di tutti i server del Sistema Informativo Comunale Firma

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Il caso Banco Popolare

Il caso Banco Popolare 1 Evoluzione dei modelli organizzativi in un contesto di cambiamento Il caso Banco Popolare CeTIF, Milano, 15 Ottobre 2008 Banco Popolare Mauro Guerra Piercarlo Pavesi Agenda 2 Il Gruppo Banco Popolare

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 * * * * * * LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi 2. Miglioramento strutturale del rischio di credito 3. Aumento dell efficienza della macchina operativa 4. Azioni

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

ObjectWay Group. Winning Software Solutions. ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria

ObjectWay Group. Winning Software Solutions. ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria Winning Software Solutions ObjectWay Group ObjectWay Financial Suite: la soluzione flessibile e innovativa per la consulenza finanziaria Il Gruppo ObjectWay Il Gruppo ObjectWay, fondato nel 90, è il primo

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli