Manuale di gestione dei documenti cartacei delle Strutture della Giunta Regionale del Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di gestione dei documenti cartacei delle Strutture della Giunta Regionale del Veneto"

Transcript

1 Direzione Regionale Affari Generali P.O. Protocollo Informatico e Archiviazione Manuale di gestione dei documenti cartacei delle Strutture della Giunta Regionale del Veneto (DGR 28/11/2003, n. 3648, Disposizioni, Allegato A, punto 3)

2

3 Indice 1 Introduzione. Obiettivi, ambiti e definizioni preliminari Che cos è, a cosa e a chi serve il manuale 1.2 Ambito di applicazione 1.3 Atti preliminari Area organizzativa omogenea (AOO) e Servizio Protocollo Archivio Generale Unità organizzative di coordinamento (UOC) Unità operative utenti (UOU) 2 2 Il registro informatico di protocollo. Generalità Rilevanza giuridico-probatoria del registro di protocollo 2.2 Le operazioni di protocollazione. Definizioni Registrazione di protocollo. Dati minimi Segnatura di protocollo. Dati minimi 2.3 Introduzione del registro di protocollo unico ed eliminazione dei registri di protocollo interni 2.4 Produzione e conservazione delle registrazioni di protocollo informatico 2.5 Operazioni di annullamento Annullamento dell intera registrazione Annullamento di informazioni non assegnate dal sistema. (Aggiornamento) 2.6 Registrazione a fronte. Divieto 2.7 Registro di emergenza 5 Richiesta; Autorizzazione; Utilizzo del registro di emergenza; Fase di ripristino; 2.8 Gli utenti / operatori presso le Strutture (UOU) Individuazione e abilitazione degli utenti Compiti delle Strutture Compiti del Servizio PAG 2.9 Modalità di accesso al registro di protocollo. Norme comportamentali 7 3 Il documento. Definizione e caratteristiche Documenti in partenza. Definizione ed elementi di base a) Identificazione dell AOO - Giunta Regionale del Veneto; b) L'intitolazione della struttura produttrice; c) L oggetto del documento; c.1) Oggetto e dati personali; d) Il destinatario singolo o multiplo; d.1) Documento da inviarsi a più destinatari in ingente numero; e) Sottoscrizione autografa in originale; f) Qualifica rivestita dal sottoscrittore g); Unità Operativa proponente il documento; h) Nominativo del responsabile dell'unità Operativa; i) 4 I

4 Nominativo, riferimenti telefonici e di posta elettronica dell'autore del documento; l) Iniziali del redattore del documento; m) Il numero di eventuali allegati presenti; n) L indice di classificazione; o) Modalità di trasmissione; o.1) Trasmissione di documenti contenenti dati sensibili e dati giudiziari 3.2 Documenti in arrivo Documenti interni 4 Flusso documentale in partenza Protocollazione e predisposizione per il recapito Registrazione di protocollo in partenza La Struttura produttrice del documento; L oggetto del documento; Il destinatario singolo o multiplo; L indice di classificazione; Il numero di eventuali allegati presenti; L'Unità Operativa proponente il documento; La modalità di trasmissione del documento Casistica particolare relativa alla registrazione dei dati Oggetto con dati personali Destinatari esterni multipli in numero ingente Registrazione di dati in merito al contenuto del documento Segnatura di protocollo Numero di protocollo / Codice Struttura; Data di protocollo Confezionamento e predisposizione per la trasmissione Raccomandate e assicurate a) Caso particolare. Notificazione degli atti a mezzo delle Poste Fax sostitutivi Telegrammi 4.2 Consegna alle Poste e recapito Spedizione tramite corrrieri privati Consegna di raccomandate e assicurate 5 Flusso documentale in arrivo Recapito alle Strutture. Generalità e compiti del Servizio PAG Posta raccomandata indirizzata a Strutture Centrali Altra corrispondenza recapitata in busta chiusa alle Strutture Centrali 5.2 Protocollazione della documentazione Apertura della corrispondenza 17 a) Condizioni di sicurezza b) Casistica particolare II

5 Documenti relativi a gare d appalto; Buste indirizzate nominativamente a dipendenti regionali presso le Strutture; Notificazione di atti a mezzo messo autorizzato consegnati in busta chiusa Protocollazione di documento in arrivo Destinatario a) Caso particolare: Documento con destinatari multipli interni proveniente da Pubblica Amministrazione soggetta alle norme che disciplinano il flusso documentale (DPR 445/2000) Oggetto 19 a) Caso particolare: Oggetto contenente dati personali Mittente Casistiche particolari: Lettere anonime Protocollo e data dell atto ricevuto Allegati Posta Raccomandata Data e ora di arrivo Indice di classificazione Registrazione di dati in merito al contenuto del documento Segnatura di protocollo a) Casistica particolare: Segnatura di documenti relativi a gare d appalto Assegnazione (Movimentazione) 22 a) Generalità; b) Procedura Tipologie di particolare protocollazione 23 a) Documenti ricevuti via fax e rapporto con altri loro esemplari; b) Fatture, note di accredito e altri documenti a rilevanza contabile; c) Domande di immissione in graduatorie e simili; d) Documenti digitali allegati a comunicazioni ; e) Ricevute di ritorno di notificazione degli atti a mezzo delle Poste Corrispondenza erroneamente pervenuta 25 a) Corrispondenza non di competenza di alcuna delle Strutture regionali; b) Corrispondenza di competenza di Struttura diversa a quella in indirizzo Compiti di protocollazione del Servizio PAG Corrispondenza non in busta chiusa Corrispondenza con destinatario generico Domande di partecipazione e offerte di gara; istanze di immissione in graduatorie regionali Protocollazione differita e registrazione di data arrivo Rilascio di ricevuta di documenti 27 III

6 5.2.8 Documenti esclusi dalla registrazione a protocollo Registrazione particolare mediante applicativi informatici specifici per richieste su moduli-esemplari unici 6 Flusso documentale interno Compiti del Servizio PAG. L aggiornamento del sistema 6.2 Compiti delle Strutture Struttura mittente. Protocollazione della documentazione Casistica particolare in merito alla trasmissione a) Corrispondenza riservata per personale in Servizio presso una Struttura; b) Uso del fax Struttura destinataria Accettazione Inoltro ad altre Strutture Rifiuto 31 IV

7 1 Introduzione. Obiettivi, ambiti e definizioni preliminari Dal 1 gennaio 2004, la Giunta Regionale del Veneto, con la Deliberazione 28 novembre 2003, n.3648 (DGR 3648/2003), si è dotata di un unico registro informatico di protocollo, per tutte le Strutture afferenti alla Giunta Regionale e al Gabinetto del Presidente della Regione. Con lo stesso provvedimento, inoltre, si sono previsti i successivi strumenti di indirizzo tecnicooperativo su aspetti cruciali dei flussi documentali, quali la gestione e la tenuta dei documenti su vari supporti, la trasmissione dei documenti informatici, l uso dei titolari di classificazione e dei massimari di selezione, ecc. (Allegato A alle Disposizioni per la gestione del flusso documentale nella Giunta Regionale del Veneto approvate con la DGR 3648/2003), secondo quanto stabilito dal pacchetto normativo confluito nel DPR 28 dicembre 2000, n. 445, recante il Testo unico sulla documentazione amministrativa. (Testo Unico). Questo manuale costituisce il primo di questi strumenti. 1.1 Che cos è, a cosa e a chi serve il manuale Il presente manuale, previsto al punto 3 dell allegato A) alle Disposizioni per la gestione del flusso documentale nella Giunta Regionale del Veneto approvato con DGR 3648/2003, definisce e disciplina nei suoi aspetti tecnici la gestione dei documenti cartacei prodotti o ricevuti dalle Strutture Regionali nell esercizio delle loro funzioni. Esso è pertanto rivolto ai dirigenti, ai responsabili di uffici e agli operatori di protocollo come strumento di lavoro per la gestione dei documenti presso le Strutture. 1.2 Ambito di applicazione Il manuale disciplina le attività di produzione, registrazione, trasmissione e ricezione dei documenti su supporto cartaceo presso gli organi e le strutture facenti capo alla Presidenza e alla Giunta Regionale. 1.3 Atti preliminari In conformità al DPR 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, la Giunta Regionale, con la DGR 3648/2003, ha introdotto nel panorama organizzativo dell ente e con riferimento esclusivo alle procedure di gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi l Area Organizzativa Omogenea, le Unità Organizzative di Coordinamento e le Unità Operative Utenti Area Organizzativa Omogenea (AOO) e Servizio Protocollo Archivio Generale Le Strutture della Giunta Regionale del Veneto e del Gabinetto della Presidenza costituiscono, ai fini della tenuta del protocollo, della gestione del flusso documentale e degli archivi, un unica AOO Giunta Regionale del Veneto (come istituita dalla DGR 3648/2003; cfr. anche art. 5 delle Disposizioni). Questo comporta che unico dev essere il Registro informatico di protocollo e unico il Servizio Protocollo e Archivio Generale (Servizio PAG, art. 7 delle Disposizioni) che coordina la gestione dei flussi documentali dal protocollo all archivio. Tale funzione di coordinamento è svolta dalla Struttura della Giunta Regionale competente alla gestione del protocollo informatico ed archiviazione, che cura, altresì, le attività di ricezione e spedizione degli invii a mezzo posta e i rapporti con i soggetti gestori dei servizi postali sul territorio (Poste) per le Strutture centrali della Giunta Regionale Unità organizzative di coordinamento (UOC) Ogni Unità Organizzativa di Coordinamento (UOC) coincide, ad un primo livello organizzativo dell AOO, con una Segreteria Regionale e le Strutture della Giunta Regionale che ad essa funzionalmente afferiscono. I compiti delle UOC sono delineati dall art. 8 delle Disposizioni. 1

8 1.3.3 Unità operative utenti (UOU) Le unità operative utenti (UOU) sono l'insieme delle funzioni e delle risorse umane, organizzative e tecnologiche finalizzate alla corretta gestione del protocollo e dei flussi documentali operanti nelle Strutture organizzative dell ente. I compiti delle UOU sono delineati dall art. 9 delle Disposizioni. 2

9 2 Il registro informatico di protocollo. Generalità Il registro informatico di protocollo è un sistema che si compone innanzitutto di un nucleo applicativo di base che assolve alla funzionalità minima prevista dal Testo Unico, in quanto permette che siano svolte le operazioni di registrazione, le operazioni di segnatura del documento e le operazioni di classificazione. Il sistema è, inoltre, integrato con funzionalità aggiuntive necessarie alla gestione dei flussi documentali ed alla accessibilità alle informazioni. 2.1 Rilevanza giuridico-probatoria del registro di protocollo Il registro di protocollo è un atto pubblico (Consiglio di Stato, sent. 1993, I, 838) e, in quanto tale, fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato, nonché di tutto ciò che egli attesta essere stato dichiarato o fatto dalle parti in sua presenza e da lui compiuto (artt Codice Civile), con responsabilità civile e penale connessa a tale funzione. Chi registra a protocollo, dunque, ha la responsabilità di attestare sul registro (atto pubblico) gli elementi per l univoca e indubbia identificazione dei documenti ricevuti o spediti dall Ente. L addetto responsabile della registrazione, invece, nulla deve valutare circa il merito del contenuto del documento registrato. 2.2 Le operazioni di protocollazione. Definizioni Per protocollazione di un documento si intende la procedura con cui si attesta l'ingresso di un documento nell'ambito dell'aoo e lo si rende univocamente riconoscibile. Essa è schematicamente divisa nelle seguenti due operazioni, da svolgersi in immediata successione senza soluzione di continuità, per ciascun documento: Registrazione di protocollo. Dati minimi Consiste nella memorizzazione, nel registro informatico, almeno di: numero e data di registrazione di protocollo assegnati automaticamente dal sistema e non modificabili; mittenti e destinatari; oggetto del documento; data e protocollo del documento ricevuto, se disponibile; numero e sommaria descrizione degli eventuali allegati; indice di classificazione del documento Segnatura di protocollo. Dati minimi Consiste nell apposizione o associazione al documento, in forma permanente e non modificabile, almeno di: denominazione dell' AOO - Giunta Regionale del Veneto; Struttura UOU responsabile della registrazione; numero progressivo di protocollo; data di protocollo; indice di classificazione del documento. Il registro informatico di protocollo dell AOO Giunta Regionale del Veneto, dunque, è un atto pubblico originario che fa fede di quanto in esso dichiarato ed è idoneo a produrre effetti giuridici a favore o a danno delle parti in esso riscontrabili. 3

10 La registrazione dei documenti avviene secondo una numerazione unica e progressiva per tutta la AOO, che riparte da uno ad ogni nuovo anno solare. 2.3 Introduzione del registro di protocollo unico ed eliminazione dei registri di protocollo interni Con l entrata in vigore del sistema disegnato dalla DGR 3648/2003 e in virtù dell istituzione di un unica AOO, sono cessati di fatto e di diritto tutti i cosiddetti protocolli di Struttura o altri sistemi di registrazione della corrispondenza diversi dal registro di protocollo unico dell AOO Giunta Regionale del Veneto (Registro). 2.4 Produzione e conservazione delle registrazioni di protocollo informatico Ogni registrazione informatica di protocollo produce un record nel sistema informatico che viene progressivamente accodato in una base dati. I campi numero e data di registrazione non sono alterabili nemmeno dall'amministratore. Ogni operazione di inserimento e modifica viene registrata nel sistema con modalità in grado di evidenziare eventuali tentativi di manipolazione. Il sistema fornisce in chiaro l'elenco degli aggiornamenti e le relative informazioni su di essi (operatore, data, ora e caratteristiche di operazioni svolte). L applicativo non consente di effettuare cancellazioni di registrazione: in alternativa è previsto, a cura del Servizio PAG, l'annullamento di una registrazione (cfr. Punto 2.5 Operazioni di annullamento.) 2.5 Operazioni di annullamento Le operazioni di annullamento possono riguardare l intera registrazione (annullamento di informazioni generate automaticamente dal sistema), o le singole informazioni non assegnate automaticamente dal sistema (aggiornamento della registrazione) Annullamento dell intera registrazione Per quanto concerne le informazioni generate o assegnate automaticamente dal sistema e registrate in forma non modificabile, l annullamento anche di una sola di esse determina l automatico e contestuale annullamento dell intera registrazione di protocollo. Tale operazione è autorizzata ed eseguita a cura del Servizio PAG su formale richiesta del responsabile della Struttura UOU che ha effettuato la registrazione. La richiesta deve riportare il numero di protocollo da annullare e i motivi dell annullamento. Nel record di protocollo apparirà in forma visibile la dicitura di Annullato e sulla registrazione annullata non potrà essere più effettuato alcun aggiornamento Annullamento di informazioni non assegnate dal sistema (aggiornamento) Per le altre informazioni registrate in forma non modificabile, l annullamento anche di un solo campo, che si rendesse necessario per correggere errori intercorsi in sede di immissione o che potrebbero ingenerare dubbi sull individuazione univoca del documento, è eseguito dall utente abilitato alla registrazione a protocollo e comporterà l aggiornamento del campo stesso con i dati corretti. Le informazioni originarie, successivamente annullate, vengono memorizzate insieme alla data, all ora ed all autore della modifica. 2.6 Registrazione a fronte. Divieto Ad ogni documento corrisponde un unico numero di protocollo, e viceversa. Non è pertanto consentita la cosiddetta registrazione a fronte, cioè l utilizzo di un unico numero di protocollo per un documento in arrivo e per un documento in partenza, 4

11 neppure se la pratica si esaurisce con la risposta e neppure se la registrazione avviene nel medesimo giorno lavorativo. 2.7 Registro di emergenza Nelle situazioni di emergenza nelle quali non sia possibile utilizzare il registro informatico di protocollo, ogni registrazione necessaria, urgente ed improcrastinabile deve essere effettuata su un supporto cartaceo, denominato Registro di emergenza (R/E). L autorizzazione all uso del registro d emergenza, il suo utilizzo, ed il ripristino dei dati nel registro informatico di protocollo seguono le seguenti fasi. 1. Richiesta E in capo ai responsabili delle singole Strutture la richiesta al Servizio PAG dell attivazione della registrazione in modalità di emergenza, qualora si verifichino contemporaneamente le seguenti eventualità: Impossibilità effettiva di accedere al registro informatico di protocollo da nessuno dei PC in dotazione della Struttura; Necessità, urgenza e impossibilità di differire oltre la registrazione di protocollo; Impossibilità effettiva di accedere al registro informatico di protocollo da qualche altro PC in dotazione ad altre Strutture nella stessa sede/palazzo. La richiesta dovrà dare atto delle tre condizioni sopra dette. 2. Autorizzazione E in capo al Servizio PAG l autorizzazione all uso del registro cartaceo di protocollo d emergenza, una volta verificata, di concerto con la Direzione Sistema Informatico, l anomalia tecnica ed appurata l impossibilità di prevedere in tempi brevi la sua risoluzione. L autorizzazione del Servizio PAG sarà inviata alla Struttura interessata e riporterà l identificativo del R/E. 3. Utilizzo del registro di emergenza La Struttura procederà, dunque, all annotazione, sulla prima pagina dell apposito modello cartaceo, dell identificativo del R/E, della causa, della data e dell ora di inizio dell interruzione delle procedure informatiche di registrazione. L identificativo del R/E dovrà essere riportato in intestazione di ciascun foglio del R/E, ed i fogli medesimi numerati progressivamente. Da quel momento in poi, dovranno essere effettuate solo le registrazioni improcrastinabili (es.: scadenza di termini per l invio di documenti, necessità di rilasciare a mittenti esterni ricevuta del documento, scadenza di gare, ecc.) fino alla fine dell emergenza. La prima registrazione sul R/E avrà il numero 1, la seconda il 2 e così via fino all ultima prima della fine dell emergenza. Oltre ai consueti dati minimi, la segnatura di protocollo in emergenza dovrà riportare tra parentesi, subito dopo il numero attribuito, l identificativo del R/E. Analogamente, le ricevute da consegnare a soggetti esterni che lo richiedano dovranno riportare come dati di registrazione, la data di annotazione sul R/E e il numero seguito, tra parentesi, dall identificativo del registro. L efficacia della registrazione è garantita dal numero attribuito dal R/E e a quel numero deve farsi riferimento per l avvio dei termini del procedimento amministrativo. 4.Fase di ripristino 5

12 La fine dell emergenza ed il ripristino delle normali prestazioni del sistema verrà comunicata dal Servizio PAG, su conforme attestazione della Direzione Sistema Informatico. La Struttura dovrà, dunque, immediatamente cessare dalla registrazione sul R/E e chiudere il registro cartaceo annotando nell ultima pagina utilizzata la data e l ora della fine dell emergenza ed il numero complessivo di registrazioni effettuate dal suo inizio. Gli utenti della Struttura potranno, da quel momento, riprendere le normali modalità di registrazione utilizzando il registro informatico di protocollo. I fogli con le registrazioni effettuate in emergenza, sottoscritti dal responsabile della Struttura, saranno immediatamente inviati al Servizio PAG via fax con nota di trasmissione protocollata. Alla ricezione del R/E utilizzato, il Servizio PAG provvederà a configurare il profilo di accesso della Struttura per il ripristino dei dati registrati in emergenza sul registro informatico di protocollo. Successivamente, gli utenti della Struttura procederanno ad inserire nel registro informatico di protocollo i dati registrati in emergenza, avendo cura di verificare l esatta corrispondenza tra i dati annotati sul R/E e quelli inseriti nei nuovi records ripristinati. I documenti annotati nel R/E e ripristinati nel Registro recheranno, pertanto, due numeri: uno del R/E e uno del Registro. Per ogni successiva emergenza, le registrazioni in emergenza ripartiranno sempre da 1, ma su R/E diversamente denominati. 2.8 Gli utenti / operatori presso le Strutture (UOU) La complessa articolazione della Giunta Regionale conduce al decentramento della funzione di gestione della corrispondenza presso le Strutture UOU, che, dunque, sono chiamate a svolgere le operazioni di protocollazione con le modalità descritte nel presente manuale Individuazione e abilitazione degli utenti Le operazioni di individuazione degli utenti e l attribuzione dei permessi di accesso sono procedure co-gestite dalle Strutture UOU e dal Servizio PAG Compiti delle Strutture La Direzione Risorse Umane comunica al Servizio PAG la data e gli estremi dei provvedimenti organizzativi di attivazione di nuove Strutture regionali UOU. Le Strutture devono: Comunicare al Servizio PAG la designazione del personale da abilitare all accesso al registro informatico di protocollo, da scegliersi esclusivamente tra personale in servizio presso l ente a tempo indeterminato o determinato. In tale ultima ipotesi dovrà essere specificata la data di fine rapporto presso la Struttura. Comunicare al Servizio PAG la cessazione dell utente abilitato dalle mansioni relative alla protocollazione presso la Struttura (per trasferimento, cessazione del rapporto di lavoro, mutamento di mansione, ecc.) e la conseguente necessità di inibire il relativo accesso. Richiedere eventuali abilitazioni temporanee per la contemporanea assenza degli utenti abilitati, o in previsione di straordinari afflussi di corrispondenza in arrivo o partenza in carico alla Struttura. In 6

13 entrambe le eventualità, la richiesta dovrà indicare il termine dell abilitazione richiesta Compiti del Servizio PAG In adempimento alle Disposizioni (art. 7, c.2. a), il livello di abilitazione per l accesso al Registro di protocollo è attribuito dal responsabile del Servizio PAG al personale designato dai dirigenti delle Strutture. E facoltà del Servizio PAG procedere a verifiche sull utilizzo delle abilitazioni concesse e, di concerto con i responsabili delle Strutture, disporre eventualmente la revoca delle abilitazioni in eccesso rispetto al normale carico di gestione della corrispondenza presso la Struttura. 2.9 Modalità di accesso al registro di protocollo. Norme comportamentali L abilitazione all accesso al registro è attribuita a ciascun utente con la consegna allo stesso di una coppia di login / password personale, a cui è legato uno specifico profilo di accesso. La comunicazione della coppia login/password è effettuata in busta chiusa da ritirarsi personalmente dal dipendente che ne attesterà la ricevuta nelle forme stabilite dal Servizio PAG. L accesso al Registro informatico di protocollo è da effettuarsi esclusivamente nell orario di presenza in servizio, con finalità inerenti lo svolgimento delle competenze assegnate, nel rispetto delle norme sul segreto d ufficio. Richiamando, qui, la natura di atto pubblico del registro di protocollo e la conseguente funzione notarile di chi registra (Cfr. precedente punto Rilevanza giuridicoprobatoria del registro di protocollo), è necessario prestare particolare attenzione al momento della protocollazione, in quanto, la non fedele registrazione o l alterazione dei dati relativi ai documenti registrati può costituire falso in atto pubblico. Se, ad esempio, è ammessa la correzione di errori ortografici, o la rettifica delle modalità di trasmissione (fax o posta), non può essere modificata la descrizione dell oggetto sostituendola con un altra non univocamente riferibile al medesimo documento. Si richiama quindi agli utenti la necessità di non utilizzare altre login e password che i propri, da considerarsi rigorosamente personali e non cedibili, proprio per evitare di dover rispondere di azioni commesse da altri soggetti. Nell accesso e nell utilizzo del registro informatico di protocollo devono essere, infine, applicate le disposizioni di sicurezza comuni a tutto il patrimonio informativo della Giunta Regionale. Si evidenzia, dunque, con particolare riguardo alla protezione della password personale, la necessità di rispettare le norme comportamentali per gli utenti emanate con DGR 05/03/2004, n. 584 e di quant altro verrà disposto per le Strutture. 7

14 3 Il documento. Definizione e caratteristiche Per documento cartaceo (documento) va intesa ogni rappresentazione grafica su supporto cartaceo del contenuto di atti, fatti o cose giuridicamente rilevanti, prodotta o acquisita dalle Strutture della Giunta Regionale. Con riguardo al loro flusso rispetto all AOO, i documenti si distinguono in: 3.1 Documenti in partenza. Definizione ed elementi di base I documenti sono in partenza quando sono prodotti dalle Strutture e sono destinati a soggetti non appartenenti alla AOO. Ogni documento in partenza va redatto in almeno due esemplari sottoscritti in originale, di cui almeno uno in carta intestata originale. Il secondo, che riporterà la dicitura copia può essere anche una fotocopia. Al destinatario sarà trasmesso l esemplare in carta intestata originale (salvi i casi particolari; cfr. infra). Il secondo esemplare copia andrà conservato nel fascicolo del procedimento oggetto del documento. I documenti in partenza da sottoporre a registrazione di protocollo conterranno almeno i seguenti elementi: a) Identificazione dell AOO - Giunta Regionale del Veneto Tale identificazione sarà prestampata sui fogli costituenti il documento con modalità e forme previste dalle disposizioni adottate dalla Giunta Regionale in merito all immagine coordinata della Regione Veneto ai sensi della Legge 7 giugno 2000, n b) L'intitolazione della struttura produttrice e suo indirizzo prestampati o predisposti completi di riferimenti telefonici, di fax e di posta elettronica. c) L oggetto del documento L oggetto non deve contenere riferimenti nominativi di soggetti privati. Esso non deve dare informazioni circa il merito del procedimento, ma solo consentire di individuarlo compiutamente. Dovrà essere completo dei rinvii alle eventuali registrazioni nel protocollo dell AOO Giunta Regionale immediatamente collegate (documenti precedenti riscontrati, o cui si fa seguito, ecc.). c.1) Oggetto e dati personali Se non strettamente necessario, nell oggetto non dovranno comparire dati personali in qualunque forma soggetti alla tutela prevista dal D.Lgs. 30/06/2003, n.196 Codice in materia di protezione di dati personali. (Codice Privacy) e relativi ai destinatari, o altri soggetti all interno del documento. Tale cautela dovrà riguardare particolarmente: dati sensibili, ovvero i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; dati giudiziari, ovvero i dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all'articolo 3, comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del D.P.R. 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative 8

15 dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale; In caso contrario, il responsabile della registrazione di protocollo sarà tenuto ad omettere la registrazione di tali dati (vedi sotto, punto Oggetto con dati personali). d) Il destinatario singolo o multiplo I soggetti potranno essere destinatari: per competenza, ove non diversamente specificato; per conoscenza (se specificato tale); per tramite (se specificato tale). L indirizzo dev essere completo degli elementi necessari e sufficienti a garantirne il corretto recapito. d.1) Documento da inviarsi a più destinatari in ingente numero Il caso si presenta, ad esempio, per richieste di offerte in relazione ad appalti; comunicazioni in merito a sanzioni amministrative, tasse e tributi regionali; comunicazioni in merito all erogazione di contributi e sovvenzioni; comunicazioni su scadenze di termini previsti, ecc. In tale eventualità potranno essere trasmessi ai singoli destinatari esemplari del documento sottoscritti in copia protocollati con le modalità sotto esposte (vedi punto 4). Nel fascicolo del procedimento relativo andrà conservato un esemplare del documento con sottoscrizione autografa originale cui andrà unita, anch essa sottoscritta dal firmatario del documento, la lista completa dei destinatari. e) Sottoscrizione autografa in originale (salvi i casi particolari.vedi supra e infra) del responsabile dell atto f) Qualifica rivestita dal sottoscrittore g) Unità Operativa proponente il documento con riferimenti telefonici e di posta elettronica h) Nominativo del responsabile dell'unità Operativa i) Nominativo, riferimenti telefonici e di posta elettronica dell'autore del documento (estensore concettuale del documento) l) Iniziali del redattore del documento (esecutore della digitazione del testo) se diverso dall'autore m) Il numero di eventuali allegati presenti n) L indice di classificazione ricavato dal titolario di classificazione La redazione e modifica del titolario spettano al Servizio PAG, su conforme parere espresso dai responsabili delle strutture. Il software propone il quadro di classificazione specifico della Struttura composto di indici comuni a tutta l AOO - Giunta Regionale e di indici specifici che descrivono i procedimenti svolti da ciascuna. Struttura. Ogni indice è comprensivo della descrizione degli atti ad esso riconducibili. 9

16 o) Modalità di trasmissione Da specificarsi sulla prima pagina del documento. Se non compare la specificazione, la trasmissione del documento dovrà intendersi tramite posta ordinaria. Qualora sia specificata la modalità fax sostitutivo dovrà essere specificato il numero di fax del destinatario. o.1) Trasmissione di documenti contenenti dati sensibili e dati giudiziari L eventuale presenza di dati sensibili o giudiziari (cfr. precedente punto c.1) Oggetto e dati personali ) relativi a persone individuabili nel testo, va segnalata a cura dell autore apponendo sul documento l avvertenza dati sensibili e/o giudiziari. Il documento andrà, dunque, trasmesso eslcusivamente in busta chiusa recante la dicitura Riservata D.Lgs 196/2003 Codice Privacy. La protocollazione dei documenti in partenza è effettuata presso la Struttura UOU mittente Documenti in arrivo I documenti sono in arrivo quando provengono da soggetti non appartenenti alla AOO. La protocollazione dei documenti in arrivo è di norma effettuata presso la Struttura UOU cui i documenti vengono recapitati, con esclusione dei casi che verranno delineati in seguito (cfr. punto 5. - Flusso documentale in arrivo). 3.3 Documenti interni Per documenti interni si intendono i documenti inviati da una Struttura (mittente) dell AOO ad un altra Struttura (destinataria) dell AOO, e i documenti inviati da un Servizio o Ufficio (mittenti) di una Struttura ad un altro Servizio o Ufficio (destinatari) della medesima Struttura. La registrazione dei documenti interni è effettuata: presso la UOU mittente, nel caso di documenti scambiati tra due Strutture; presso la Struttura all interno della quale avviene la corrispondenza, nel caso di documenti scambiati tra Servizi o Uffici della stessa. 10

17 4 Flusso documentale in partenza In tale sezione sono disciplinate le procedure relative al trattamento dei documenti in partenza dalla protocollazione alla consegna al vettore postale per il recapito a destinazione. 4.1 Protocollazione e predisposizione per il recapito La Struttura UOU produttrice dei documenti in partenza li protocolla e ne cura la loro predisposizione per il recapito Registrazione di protocollo in partenza I documenti in partenza vengono protocollati riportando sul registro i seguenti elementi minimi: La Struttura produttrice del documento Sarà proposta in automatico dal sistema e coincide con la Struttura UOU per la quale l operatore risulti abilitato. Essa deve essere indicata come mittente. L oggetto del documento Dovrà essere riportato integralmente come espresso sul documento. Il destinatario singolo o multiplo Ogni destinatario, registrato con l apposita funzione, potrà essere per competenza, per conoscenza o per tramite (opzioni da selezionarsi nell apposito campo del record di protocollo). I dati vanno inseriti sulla base di quanto attestato sul documento e seguendo le indicazioni dell allegato Criteri per la tenuta e l aggiornamento dell indirizzario di protocollo. Una volta completata la protocollazione, a quel record saranno permanentemente associati i dati del destinatario come inseriti in fase di registrazione. Se fra i destinatari di un documento in partenza sono ricomprese anche altre Strutture dell AOO, queste vanno registrate attraverso la funzione di collegamento alla lista delle Strutture Regionali. Dalle Strutture destinatarie, il documento sarà, dunque, trattato come documento interno (vedi infra, punto Struttura destinataria ). L indice di classificazione desunto dal titolario della Struttura mittente Il numero di eventuali allegati presenti Da specificare nell apposito campo del record di protocollo. E possibile una descrizione sommaria degli allegati (es.: tavole, volumi, elaborati, ecc.) Altri dati da ritenersi opportuni sono: L'Unità Operativa proponente il documento Da selezionarsi, tra i Servizi ed Uffici interni alla Struttura, attraverso il collegamento alla lista delle Strutture Regionali. La modalità di trasmissione del documento Da specificarsi selezionando l opzione desiderata dall apposita funzione del sistema. 11

18 4.1.2 Casistica particolare relativa alla registrazione dei dati Oggetto con dati personali Fermo restando quanto disposto al precedente punto 3.1.c Oggetto, se all interno dell oggetto compaiono riferimenti nominatavi a soggetti privati, questi vanno omessi. Se, per esigenze legate all espletamento del procedimento relativo, l oggetto contenga dati afferenti alla sfera personale di soggetti individuabili tra i destinatari, quali dati sensibili o dati giudiziari (cfr. precedente punto 3.1.c.1 Oggetto con dati personali), in fase di protocollazione, l addetto ometterà di riportare l oggetto nella sua integrità, limitandosi alla registrazione della dicitura Oggetto con dati riservati - D.Lgs.196/2003 Codice privacy Destinatari esterni multipli in numero ingente Se si presenta il caso previsto al precedente punto 3.1.d.1) Documento da inviarsi a più destinatari in ingente numero, l addetto alla protocollazione inserirà come destinatario esterno la dicitura Destinatari esterni vari vedi allegato e attiverà la funzione che permette di allegare al record di registrazione il file in formato testo della lista di destinatari del documento fornita dall autore. Qualora, tra i destinatari del documento figurassero altre Strutture dell AOO, queste andranno comunque registrate attraverso la funzione di collegamento alla lista delle Strutture Regionali Registrazione di dati in merito al contenuto del documento In fase di protocollazione possono essere inseriti anche altri dati relativi al documento, quali eventuali termini di scadenza o i riferimenti ad altre registrazioni collegate Segnatura di protocollo Terminata la registrazione, il numero e la data di protocollo dovranno essere registrati immediatamente sullo spazio riservato allo scopo in tutti gli esemplari del documento. Numero di protocollo / Codice Struttura Al numero di protocollo, da annotarsi come appare in sede di registrazione sul registro informatico, dovrà aggiungersi, separato da una barra, il Codice identificativo della Struttura responsabile della protocollazione secondo i seguenti esempi: Nome Struttura Codice completo Codice Segnatura SEGRETERIA REGIONALE AFFARI GENERALI SEGRETERIA PARTICOLARE VICE PRESIDENTE DIREZIONE AFFARI GENERALI UNITA' PERIFERICA GENIO CIVILE DI VENEZIA UNITA' PERIFERICA SERVIZIO FORESTALE REGIONALE TREVISO E VENEZIA ISPETTORATO DI PORTO DI VENEZIA

19 Nome Struttura Codice completo Codice Segnatura UFFICIO RELAZIONE CON IL PUBBLICO (U.R.P) VENEZIA Data di protocollo La data di protocollo dovrà essere riportata mediante timbro datario nella seguente forma: 02 GEN 2004 Il numero e la data di protocollo dovranno contestualmente essere apposti anche sul fronte degli eventuali allegati al documento registrato Confezionamento e predisposizione per la trasmissione I documenti, una volta protocollati devono essere inseriti nelle buste sulle quali dovrà leggersi il destinatario, completo dei dati come indicati sul documento contenuto. Sulla busta devono essere, inoltre, riportati il timbro della Struttura produttrice, data e numero di protocollo del documento contenuto, oltre alle eventuali indicazioni inerenti la sua riservatezza (cfr. supra Punto 3.1.c). Si individuano, di seguito, alcune delle modalità particolari di più frequente uso Raccomandate e assicurate L indicazione della spedizione del documento con raccomandata e gli eventuali servizi aggiuntivi da richiedere (avviso di ricevimento, ecc.) devono apparire sulla prima pagina di tutti gli esemplari prodotti per la protocollazione e sull involucro del documento. Devono, inoltre, essere compilate, a cura della Struttura: le parti relative al mittente e al destinatario delle eventuali ricevute di ritorno, che riporteranno anche numero e data di protocollo del documento recapitato; la distinta delle raccomandate o delle assicurate, attivando l apposita funzione del registro di protocollo. La stampa di tale distinta verrà unita al gruppo di plichi corrispondenti, per le relative operazioni di pesatura e affrancatura e per la consegna alle Poste. a) Caso particolare: Notificazione degli atti a mezzo delle Poste Se ricorre la necessità di notificazione di atto protocollato a mezzo delle Poste ai sensi della Legge 20 novembre 1982, n.890, art. 12, la Struttura dovrà predisporre il plico e l allegato avviso di ricevimento utilizzando le speciali buste e moduli di colore verde, conformi al modello prestabilito dall Amministrazione Postale, sulle quali andranno segnati, unitamente ai dati previsti dal caso, anche numero e data di protocollo dell atto notificato. Sulle buste non debbono porsi segni o indicazioni dai quali possa desumersi il contenuto dell atto. Le buste ed il relativo avviso di ricevimento dovranno riportare come mittente/destinatario la Struttura competente preceduta dalla dicitura Regione del Veneto Giunta Regionale. 13

20 Fax sostitutivi Un documento protocollato trasmesso via fax ad un destinatario non sarà trasmesso allo stesso con altre modalità. L indicazione della spedizione del documento con modalità di fax dovrà essere riportata su tutti gli esemplari prodotti per la protocollazione. Il documento trasmesso dovrà essere preceduto da un foglio di accompagnamento riportante, in intestazione, almeno l indicazione dell AOO Giunta Regionale del Veneto, la Struttura titolare del numero di fax di partenza, completa di indirizzo e recapito telefonico di riferimento. Il foglio di accompagnamento dovrà essere predisposto a cura del personale che cura la trasmissione e completato almeno con la segnatura di protocollo e l indicazione del destinatario come desunti dal documento. L accompagnatoria dovrà, infine, riportare la sigla dell addetto alla trasmissione e il numero di fogli complessivamente trasmessi. Il foglio di accompagnamento e il report di trasmissione saranno successivamente allegati all esemplare del documento destinato alla conservazione nel fascicolo. Nel caso di documento con destinatari multipli, foglio di acompagnamento e relativo report di trasmissione dovranno essere prodotti per ognuno dei destinatari Telegrammi L autore del documento può disporne la spedizione esclusivamente con modalità di telegramma. Tale indicazione dovrà essere riportata su tutti gli esemplari prodotti per la protocollazione. In tal caso, l addetto all invio del telegramma avrà cura di aggiungere al testo del documento i dati della segnatura di protocollo. La ricevuta del telegramma pervenuta attraverso le Poste sarà allegata all esemplare del documento trasmesso destinato alla conservazione nel fascicolo. 4.2 Consegna alle Poste e recapito I documenti possono essere trasmessi alle Poste solo dopo che siano state eseguite le operazioni di affrancatura, a cura degli addetti del Servizio PAG. A tale proposito, ai fini di programmare le operazioni di affrancatura e di trasporto, nonché le relative maggiori spese, le Strutture Centrali dovranno segnalare con congruo anticipo al Servizio PAG la necessità di spedizione di particolari quantitativi di corrispondenza che eccedano il normale flusso di invii o che rivestano motivato carattere di urgenza, comunicando il numero presunto di buste, loro peso e formato, tipologia di affrancatura richiesta Spedizione tramite corrieri privati In casi eccezionali motivati da particolari necessità di urgenza di consegna di documenti con determinate scadenze, le Strutture possono richiedere la spedizione di plichi a mezzo di corriere privato. La richiesta indirizzata al Servizio PAG dovrà indicare contenuto, dimensioni, e peso dei plichi, oltre alle loro destinazioni, data e ora entro cui devono essere consegnati Consegna di raccomandate e assicurate In presenza di posta raccomandata in partenza dalle Strutture Centrali, gli addetti del Servizio PAG provvederanno a completare la distinta di cui al precedente 14

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico Manuale di gestione del protocollo informatico ALLEGATO A 1. Ambito di applicazione del manuale e definizioni...2 2. Le tipologie documentarie...3 2.1. Documenti in arrivo...3 2.2. Documenti in partenza...4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

Comune di Barbara. Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE

Comune di Barbara. Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE Allegato sub A Alla deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 05.10.2015 Comune di Barbara Provincia di Ancona MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Sommario PARTE PRIMA - Ambito di applicazione del manuale e definizioni... 3 Articolo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Vademecum per l edizione del Manuale di Gestione documentale degli Enti Locali ai sensi dell art.5 del DPCM 3 dicembre 2013 a cura di Domenico Barone e Marco Angeloni e con la collaborazione di Gabriella

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE SEZIONE A) DEFINIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO GENERALE. SEZIONE B) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI

Dettagli

Parte prima Ambito di applicazione del manuale

Parte prima Ambito di applicazione del manuale Parte prima Ambito di applicazione del manuale 1.1.Manuale di gestione dei documenti Le Regole tecniche sul protocollo informatico ( art. 3 e 5 del DPCM 3 dicembre 2013) prescrivono che ciascuna Pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI CASTELFIDARDO ********* MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - I N D I C E - INTRODUZIONE Pag. 5 Premessa Individuazione di una unica Area Organizzativa Omogenea

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A.

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. 1 PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. MANUALE DI GESTIONE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 223 del 22/12/2013 Modificato con deliberazione di Giunta

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI

MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI COMUNE DI CIVITA CASTELLANA Provincia di Viterbo * * * AREA RELAZIONI ESTERNE MANUALE DI GESTIONE E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNALI 1 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Allegato n 1 della Deliberazione n 473 del 11.09.2014 MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Pagina 1 di 29 Sommario Sommario... 2 1.DISPOSIZIONI GENERALI... 5 1.1Introduzione... 5 1.2Ambito di applicazione...

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO E ARCHIVIO Pagina 1 di 22 Il presente manuale di gestione dei documenti è adottato ai sensi degli articoli 3 e 5 del DPCM 31 ottobre 2000, recante le regole tecniche

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DIREZIONE GENERALE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO 13 dicembre 2005 Sommario 1. Premessa...7 1.1. Atti di organizzazione preliminari... 9 1.2. Introduzione del protocollo unico della Direzione

Dettagli

Concorso a premi promosso da Poste Italiane S.p.A. Vinci un ipad al giorno

Concorso a premi promosso da Poste Italiane S.p.A. Vinci un ipad al giorno Concorso a premi promosso da Poste Italiane S.p.A. Vinci un ipad al giorno Regolamento: La Società POSTE ITALIANE SPA (Promotore) Società con socio unico, Patrimonio BancoPosta con sede legale in Viale

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

COMUNE DI ODERZO. Provincia di Treviso

COMUNE DI ODERZO. Provincia di Treviso COMUNE DI ODERZO Provincia di Treviso MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNALI (Regolamento adottato ai sensi degli artt. 3 e 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Comune di Castelnovo ne Monti MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale di gestione dei documenti

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000)

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (art. 5 del D.P.C.M. 31 ottobre 2000) Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 125 del 18/10/2012

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Il protocollo in pillole

Il protocollo in pillole Divisione flussi documentali e informativi Il protocollo in pillole Tutta la corrispondenza in arrivo al Dipartimento affluisce alla Segreteria amministrativa del Dipartimento che la apre e la registra

Dettagli

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio Comune di Lavena Ponte Tresa Provincia di Varese Via Libertà n. 28 LAVENA PONTE TRESA Tel. 0332/524111 Fax 0332/551754 - C.F. 00405070129 Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Dettagli

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti Revisione del febbraio 2013

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l. MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO DELLA FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD Tel. 011/2402632

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413227 REGOLAMENTO

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO Emanato con D.P. n. 63 del 05/05/2005; modificato con D.R. n. 466 del 12/10/2015. Art. 1 (Ambito

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Approvato dalla G.C. con deliberazione n. 201 del 7.9.2000 INDICE CAPO

Dettagli

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Manuale di gestione dei flussi documentali e del Protocollo informatico Approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.77 del 13.10.2015 Struttura Manuale di

Dettagli

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUS DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE INDICE 2 INTRODUZIONE 5 SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 7 Articolo

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico Manuale di gestione del protocollo informatico (art. 5 D.P.C.M. 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 57-bis e 71, del Codice dell amministrazione

Dettagli

Regolamento per la gestione dell Albo pretorio on line.

Regolamento per la gestione dell Albo pretorio on line. Regolamento per la gestione dell Albo pretorio on line. INDICE Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Istituzione e finalità dell Albo Pretorio Informatico Articolo 3 - Atti da pubblicare all Albo

Dettagli

Carta della Qualità. Prodotti Postali. Integrazione - Integrità - Celerità - Affidabilità. Carta della Qualità dei prodotti postali Integraa s.a.s.

Carta della Qualità. Prodotti Postali. Integrazione - Integrità - Celerità - Affidabilità. Carta della Qualità dei prodotti postali Integraa s.a.s. Carta della Qualità dei prodotti postali Carta della Qualità Integrazione - Integrità - Celerità - Affidabilità Prodotti Postali 1 Carta della Qualità dei prodotti postali Sommario 1) Introduzione A. Descrizione

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

1 Disposizioni generali

1 Disposizioni generali 1 Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione Il presente manuale descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti prodotti o ricevuti dal Comune nello svolgimento della sua attività

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI Approvato dalla Giunta Comunale con la deliberazione n. 38 del 03/03/2009 INDICE TITOLO I

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE SEZIONE I - DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICAZIONE SEZIONE II - DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE III - PRODUZIONE DEI DOCUMENTI E SPEDIZIONE DI DOCUMENTI ALL'ESTERNO

Dettagli

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003)

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) Indicazioni pratiche per i Centri di Ascolto La legge sulla privacy intende disciplinare il trattamento dei dati personali, ovvero di tutte quelle operazioni di raccolta,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI VIA CARDUCCI N. 2 64028 SILVI (TE) teic83700d@istruzione.it teic83700d@pec.istruzione.it MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO,

Dettagli

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823)

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) L Ateneo ha istituito dal 1 gennaio 2011, ai fini di una gestione unica e coordinata della documentazione amministrativa,

Dettagli

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:..

Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo 149, 00147 Roma. Cognome:.. Nome:.. Codice Fiscale: Data di nascita:.. Convenzione LTC CIPAG/Poste Vita n. 22 Modulo di adesione per la copertura aggiuntiva Individuale ai sensi dell art. 15 delle Condizioni Generali di Assicurazione Da inviare a: Aon S.p.A., Via C. Colombo

Dettagli

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 La soluzione proposta, conforme alle normative vigenti in materia, permette l amministrazione completa di tutte le informazioni relative al protocollo di un Ente

Dettagli

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale

Manuale di gestione. del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Manuale di gestione del Protocollo Informatico e del Servizio Archivistico comunale Approvato con Delibera di G.C. n. 235 del 24/12/2008 Parte Prima: Ambito di applicazione e Definizioni 1.1 Ambito di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Prot. n. 4519 del 12/10/2015 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA II presente manuale, previsto dall'art. 5 del DPCM 3 dicembre 2013, descrive il sistema di gestione e di conservazione

Dettagli

il Direttore Generale

il Direttore Generale Pubblicazione sul sito aziendale in data 20/8/2014 Decorrenza 21/08/2014 Scadenza 04/9/2014 Avviso Pubblico Per la formulazione di una graduatoria di Operatore Socio Sanitario (ctg. Bs) da utilizzare in

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pag. 1 di 11 PROCEDURA PRIVACY PER RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI REV. DATA REDATTO APPROVATO Rev. 2 aprile 2014 Dr. Egidio Sesti Referente Aziendale Privacy Dr. Vitaliano De Salazar Direttore

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

Manuale di gestione dei documenti del Comune di Pisa conforme al DPCM 31 ottobre 2000 n. 445

Manuale di gestione dei documenti del Comune di Pisa conforme al DPCM 31 ottobre 2000 n. 445 COMUNE DI PISA Manuale di gestione dei documenti del Comune di Pisa conforme al DPCM 31 ottobre 2000 n. 445 Redazione Direzione Sistema Informativo e Sportello al cittadino UO Automazione flusso documentale

Dettagli

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Avviso 4 novembre 2015, n. 1 Bando pubblico per l'assegnazione in locazione di una proprieta' immobiliare non di pregio di proprieta' degli Isma sita

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE AOODRVE Ufficio Scolastico Regionale del Veneto MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PPS-PRO-MM-DRVE-2.0 INDICE PREMESSA...4

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente manuale è adottato ai sensi degli articoli 3 e 5 del DPCM 31 ottobre 2000 per la gestione delle attività di formazione, registrazione, classificazione, fascicolazione

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di CATANZARO SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico COLLEGIO TERRITORIALE DELL ORDINE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLE PROVINCE DI BARI E BAT Manuale di gestione del protocollo informatico http://www.periti-industriali.bari.it

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Fra Ambrogio da Calepio

Istituto Comprensivo Statale Fra Ambrogio da Calepio Prot.n.3909 /C14b Castelli Calepio, 03/10/2015 Spett.li PLURIASS CARIGE BENACQUISTA ASSICURAZIONI AXA Assicurazioni AMBIENTE SCUOLA Oggetto: Lettera invito alla presentazione delle offerte per l affidamento

Dettagli

Ente Parco dell Etna. Nicolosi

Ente Parco dell Etna. Nicolosi Ente Parco dell Etna Via Del Convento n. 45 Nicolosi MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL ENTE PARCO DELL ETNA. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Premessa 1. Per gestire correttamente i

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI"

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea Automobile Club di BARI Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI" SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AREA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Procedura aperta. ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163. per l affidamento del servizio di cassa, per il quadriennio 2015-2018,

Procedura aperta. ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163. per l affidamento del servizio di cassa, per il quadriennio 2015-2018, Prot. n. 1814/c14 Maniago, 01/04/2015 Procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 per l affidamento del servizio di cassa, per il quadriennio 2015-2018, dell Istituzione scolastica I.I.S.

Dettagli

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente

L'anno il giorno del mese di, nella sede municipale del Comune di Nome_Ente CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI NOME_ENTE E PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O GESTORI DI PUBBLICO SERVIZIO, PER L'ACCESSO IN CONSULTAZIONE DELLA BANCA DATI DELL ANAGRAFE DELLA POPOLAZIONE L'anno il giorno del mese

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

Prot.n. 2324 Girifalco, lì 15/05/2014

Prot.n. 2324 Girifalco, lì 15/05/2014 Prot.n. 2324 Girifalco, lì 15/05/2014 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI PER CONFERIMENTO DI INCARICO DI MEDICO COMPETENTE (AI SENSI DEL D.LVO. 9/04/08 N 81) IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO l articolo

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ADUNANZA N. 11/2004 DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 15/12/2004 DELIBERA N. 11-177 ADOZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Relatore: Dott.

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente

ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 dpcm 31/10/2000) Sommario SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE DEL N. 174 DEL 28/12/2006 COMUNE DI CASTEL GOFFREDO

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE DEL N. 174 DEL 28/12/2006 COMUNE DI CASTEL GOFFREDO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE DEL N. 174 DEL 28/12/2006 COMUNE DI CASTEL GOFFREDO MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (artt. 3 e 5 DPCM

Dettagli

COMUNE di MONGUZZO. (Regione Lombardia - Provincia di Como) Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007.

COMUNE di MONGUZZO. (Regione Lombardia - Provincia di Como) Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007. Protocollo n. 2604/IM Monguzzo, 01 agosto 2007. Oggetto: Bando di gara per appalto fornitura pasti per refezione scolastica per gli anni scolastici 2007/08 2008/09 2009/2010. BANDO DI GARA Si rende noto

Dettagli

Manuale. di Gestione e Conservazione dei documenti. C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli)

Manuale. di Gestione e Conservazione dei documenti. C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) Settore Organi Istituzionali e Rapporti con il Cittadino Manuale di Gestione e Conservazione dei documenti approvato con deliberazione della G.C. n. 10 del 15.01.2015

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä IL SINDACO Dr. Raffaele Allocca IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Maria Luisa Dovetto 1 S O M M A R I O ARTICOLO 1... pag.4 RIFERIMENTI NORMATIVI CAPO I PERSONALE ADDETTO

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE. 2. Definizioni Ai fini del presente manuale di gestione si intendono per:

MANUALE DI GESTIONE. 2. Definizioni Ai fini del presente manuale di gestione si intendono per: MANUALE DI GESTIONE 1. Premessa Le disposizioni del presente manuale di gestione disciplinano le modalità di protocollo e di gestione dei documenti ricevuti e prodotti da organi, servizi, uffici e strutture

Dettagli

Protezione dei dati personali

Protezione dei dati personali Associazione Federazione Pugliese Donatori Sangue Piazza Umberto I Palazzina ex goccia del latte Tel/fax: 0805219118 e-mail: fidas_fpds@yahoo.it www.federazionepugliesedonatorisangue.it 70121 B A R I ONLUS

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto MAGD Rev. 0 del 31.10.2007 Pagina 1 di 71 MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto File MAGD Rev. 0 del 31.10.2007

Dettagli

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche.

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. D.P.R. 20-10-1998 n. 428 Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. 1. Definizioni. 2. Gestione dei documenti con sistemi informativi

Dettagli

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Brescia 15-22 ottobre 2011 Linee generali: Sistema di

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 201 in data 22.12.2011 Entrato in vigore dal 13.01.2012

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINISIONE Pag. 1 Definizione dei termini usati

Dettagli

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Direzione Sistemi Informativi Versione 1.0 Sommario 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 A partire dal 31 marzo 2015 scatterà

Dettagli

L appalto è finanziato con fondi PON M2M progetto n. 01_01541. I pagamenti avverranno secondo le modalità stabilite nel capitolato speciale.

L appalto è finanziato con fondi PON M2M progetto n. 01_01541. I pagamenti avverranno secondo le modalità stabilite nel capitolato speciale. BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI 40 SMATRPHONE, 2 TABLET E 30 SIM. APPALTO N. 029/012. CIG4169443D32 PROGETTO PON 01_01541. 1. Amministrazione aggiudicatrice Denominazione

Dettagli

Spett. le Agenzia/Compagnia

Spett. le Agenzia/Compagnia Spett le Agenzia/Compagnia Oggetto: Lettera di invito alla presentazione delle offerte per l affidamento del servizio di assicurazione in favore degli alunni e del personale per l as / CIG DECORRENZA dalle

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata di cottimo fiduciario per l affidamento della fornitura biennale di gas speciali e azoto liquido

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI (Art. 5 D.P.C.M. 31/10/2000) 1. Il manuale:

Dettagli

AVVISO DI RICERCA DI MERCATO

AVVISO DI RICERCA DI MERCATO Stazione Appaltante ex art. 33 del D.lvo 163/2006 c/o Settore Risorse Umane e Finanziarie, Patrimonio e Coordinamento dei Progetti Comunitari Ufficio Gare e Contratti Prot. n 56376 Li 24 aprile 2015 AVVISO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA Via Laura Bassi Veratti, 20 40137 BOLOGNA - C.F. 91360430374 boic88000g@istruzione.it Prot. n 2437/B15 Bologna, 14 Aprile 2014 BANDO PUBBLICO finalizzato alla fornitura

Dettagli

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29.12.2009 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO I domini www.comune.mozzecane.vr.it

Dettagli

Quadro di riferimento

Quadro di riferimento ENEA Frascati sala Bruno Brunelli 14 e 17 ottobre 2005 ore 9,30 formazione in materia di Protezione dei dati personali punto 19.6 del Discplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza del d.lg.

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Premessa Il Manuale di gestione del protocollo informatico e della gestione dei flussi documentali, è uno strumento

Dettagli

COMUNE DI TERNI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI AI SENSI DEL D.P.C.M. 31 OTTOBRE 2000. Adottato con Delibera di G. C. n.

COMUNE DI TERNI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI AI SENSI DEL D.P.C.M. 31 OTTOBRE 2000. Adottato con Delibera di G. C. n. Allegato alla Delibera All.1 di GIUNTA COMUNALE n. 193 del 17.12.2014 COMUNE DI TERNI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI AI SENSI DEL D.P.C.M. 31 OTTOBRE 2000 Adottato con Delibera di G. C. n. 305 del 6/6/2004

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SETTORE GESTIONE DEL PERSONALE

IL DIRETTORE DEL SETTORE GESTIONE DEL PERSONALE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE INFORMATICO CATEGORIA C, POSIZIONE ECONOMICA 1 IL DIRETTORE DEL SETTORE GESTIONE DEL

Dettagli