Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi e controllo di uno scambiatore di calore"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Candidato: Francesco Ferrante Matricola Relatore: Prof Riccardo Marino Anno Accademico

2 francesco ferrante A N A L I S I E C O N T R O L L O D I U N O S C A M B I ATO R E D I C A L O R E

3 Il matematico gioca un gioco in cui egli stesso inventa le regole. Il fisico gioca un gioco in cui le regole sono fornite dalla Natura. Ma, con il passare del tempo, diventa sempre più evidente che le regole che il matematico trova interessanti sono quelle che la Natura ha scelto. Paul Adrien Maurice Dirac

4 I N D I C E Notazione 12 I Analisi dello scambiatore di calore 14 1 descrizione dell impianto 15 2 modello matematico dello scambiatore di calore Modellazione degli organi di misura e di attuazione Analisi F.E.M 24 3 analisi numerica dello scambiatore di calore Caratterizzazione input-output dello scambiatore di calore Analisi del legame v ϑlu m Analisi del legame ϑ li ϑlu m Analisi del legame ϑ v ϑlu m Analisi dell impianto basata sul modello Analisi del comportamento dinamico del processo attorno al punto di lavoro nominale Analisi del comportamento dinamico del processo attorno ad alcuni punti di lavoro ammissibili 49 II Controllo dello scambiatore di calore 59 4 controllo dello scambiatore di calore Descrizione del problema di controllo Problema di regolazione asintotica Primi passi verso la soluzione del problema di regolazione e assunzioni sul problema Regolazione con azione feed-back+feed-forward Controllo Observer-Based Metodi basati sulla risposta armonica per la regolazione Controllo PID based Valutazione delle prestazioni del sistema di controllo in piccolo 73 5 sintesi dei regolatori per lo scambiatore di calore Verifica delle condizioni per la sintesi del controllore Controllo PID dello scambiatore di calore Controllo PID con rete compensatrice Controllo LQG Scelta del controllore più soddisfacente 97 6 alcuni risultati numerici Controllo PID con azione in avanti 12 4

5 indice Controllo PID con rete compensatrice con azione in avanti Controllo LQG con azione in avanti conclusioni 121 a strumenti necessari per la sintesi dei regolatori 122 bibliografia 132

6 E L E N C O D E L L E F I G U R E Figura 1 Scambiatore di calore 15 Figura 2 Tratto di condotta di lunghezza infinitesima considerato per il bilancio energetico 18 Figura 3 Profili di temperatura in condizioni nominali 21 Figura 4 Grafico della mappa della velocità all equilibrio 22 Figura 5 Piano (θ li θ v ) dei punti di equilibrio. In blu vengono indicati i punti al di fuori della regione ammissibile mentre in rosso i punti appartenenti alla regione ammissibile 23 Figura 6 Caratteristica statica delle servovalvola 23 Figura 7 Andamento dell indice J(N) 27 Figura 8 Profili di temperatura del liquido e del rame in condizioni nominali confrontati con le relative approssimazione ottenute dal modello ad elementi finiti 28 Figura 9 Risposta ad un gradino di velocità pari a,31 m s 1 a partire dalla condizione indicata in Figura 1 Sollecitazione dell impianto con un ingresso di velocità v(t) = v +.1 sin(.6 t) [m s 1 ] 32 Figura 11 Sollecitazione dell impianto con un ingresso di velocità v(t) = v +.2 sin(.6 t) [m s 1 ] 33 Figura 12 Andamento della variazione di temperatura ϑlu m (t) a fronte della variazione della velocità del fluido rispetto al valore nominale: v(t) =.23 δ 1 (t 2) [m s 1 ] 33 Figura 13 Andamento reale ed approssimato con il modello (F.O.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della velocità del fluido rispetto al valore nominale v(t) =.23 δ 1 (t 2) [m s 1 ] 35 Figura 14 Andamento reale ed approssimato con il modello (S.O.R.P.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della velocità del fluido rispetto al valore nominale v(t) =.23 δ 1 (t 2) [m s 1 ] 36 Figura 15 Andamento reale ed approssimato con i modelli (S.O.R.P.P.D.T.) e (F.O.P.D.T. della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della velocità del fluido rispetto al valore nominale v(t) =.23 δ 1 (t 2) [m s 1 ] 36 Figura 16 Andamento della variazione di temperatura ϑlu m (t) a fronte della variazione della temperatura del fluido in ingresso rispetto al valore nominale θ li = 5 δ 1 (t 2) [ C] 37 6

7 Elenco delle figure 7 Figura 17 Figura 18 Figura 19 Figura 2 Figura 21 Figura 22 Figura 23 Figura 24 Figura 25 Figura 26 Figura 27 Figura 28 Figura 29 Figura 3 Figura 31 Figura 32 Figura 33 Andamento reale ed approssimato con il modello (F.O.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della temperatura del fluido in ingresso rispetto al valore nominale θ li (t) = 5 δ 1 (t 2) [ C] 38 Andamento della variazione di temperatura ϑlu m (t) a fronte della variazione della temperatura del fluido in ingresso rispetto al valore nominale θ v = 5 δ 1 (t 2) [ C] 39 Andamento reale ed approssimato con il modello (F.O.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della temperatura del fluido in ingresso rispetto al valore nominale θ v (t) = 5 δ 1 (t 2) [ C] 39 Andamento reale ed approssimato con il modello (S.O.R.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della temperatura del vapore rispetto al valore nominale θ v (t) = 5 δ 1 (t 2) [ C] 4 Andamento reale ed approssimato con il modello (F.O.P.D.T.) e con il modello (S.O.R.P.P.D.T.) della variazione di temperatura ϑlu m (t) rispetto al valore nominale a fronte della variazione della temperatura del vapore rispetto al valore nominale θ v (t) = 5 δ 1 (t 2) [ C] 41 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) 46 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) 46 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) 47 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) e della sua approssimante (3.3) 47 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) e della sua approssimante (3.5) 48 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) e della sua approssimante (3.7) 48 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 14 C 49 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 14 C 5 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 14 C 5 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 14 C 51 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 14 C 52 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 14 C 52

8 Elenco delle figure 8 Figura 34 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 15 C 53 Figura 35 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 15 C 54 Figura 36 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) per il punto di lavoro θ li = 75 C θ v = 15 C 54 Figura 37 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 15 C 55 Figura 38 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 15 C 56 Figura 39 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) per il punto di lavoro θ li = 5 C θ v = 15 C 56 Figura 4 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento F y v (s) per i diversi punti di lavoro. Le diverse funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con F i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 57 Figura 41 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento F y w1 (s) per i diversi punti di lavoro. Le diverse funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con F i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 57 Figura 42 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento F y w2 (s) per i diversi punti di lavoro. Le diverse funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con F i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 58 Figura 43 Schema di controllo adottato 65 Figura 44 Schema di controllo con azione integrale 68 Figura 45 Schema di controllo con azione avanti 68 Figura 46 Diagramma di Bode della risposta armonica del controllore PID 8 Figura 47 Diagramma di Bode della funzione d anello L(s) 8 Figura 48 Diagramma di Nyquist della funzione d anello L(s) 81 Figura 49 Diagrammi di Bode della funzione di sensitività complementare T(s) e della funzione H(s) T(s) 82 Figura 5 Diagramma di Bode del modulo della funzione di sensitività S(s) 82 Figura 51 Diagrammi di Bode delle funzioni anello ottenute per i diversi punti di lavoro. Le funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con L i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 83 Figura 52 Diagrammi di Bode della funzione di compensazione G(s) 85 Figura 53 Diagrammi di Bode del controllore C(s) G(s) 85

9 Elenco delle figure 9 Figura 54 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento P(s) a confronto con la funzione d anello L(s) = P(s) C(s) G(s) 86 Figura 55 Diagramma di Nyquist della funzione di anello L(s) nel caso nominale 86 Figura 56 Diagramma di Bode della funzione sensitività nel caso nominale 87 Figura 57 Diagramma di Bode della funzione T(s) H(s) nel caso nominale 87 Figura 58 Diagrammi di Bode delle funzioni anello ottenute per i diversi punti di lavoro. Le funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con L i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 88 Figura 59 Valori singolari della funzione di trasferimento del processo linearizzato attorno al punto di lavoro nominale 9 Figura 6 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento del processo nominale e della sua approssimazione di ordine 6 91 Figura 61 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento del compensatore LQG con azione integrale 92 Figura 62 Valori singolari associati ai modi naturali presenti nel legame ingresso-uscita del controllore LQG 93 Figura 63 Diagramma di Bode di C r (s) e di C(s) a confronto 93 Figura 64 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento C d (s) 94 Figura 65 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento L(s) 94 Figura 66 Diagramma di Bode del modulo della funzione di sensitività S(s) 95 Figura 67 Diagramma di Bode della funzione di trasferimento H(s) T(s) 95 Figura 68 Diagramma di Nyquist della funzione d anello L(s) 96 Figura 69 Diagrammi di Bode delle funzioni anello ottenute per i diversi punti di lavoro. Le funzioni di trasferimento nel diagramma sono indicate con L i (s) con i {, 1, 2, 3, 4} a seconda del punto di lavoro considerato, in maniera consistente alla numerazione riportata in (Tabella 1) 96 Figura 7 Diagrammi di Bode del modulo della funzione di sensitività per i tre controllori nel caso nominale 98 Figura 71 Diagrammi di Bode della funzione di trasferimento tra la variazione del riferimento di temperatura e l errore di regolazione H(s) T(s) per i tre controllori nel caso nominale 99 Figura 72 Diagrammi di Bode delle funzioni di trasferimento C(s) e C d (z) a confronto 1 Figura 73 Andamento del riferimento y (t) 11 Figura 74 Andamento delle variabili ϑ li (t) e ϑ v (t) 11 Figura 75 Andamento dell uscita controllata y(t) 12 Figura 76 Andamento del controllo u(t) 12 Figura 77 Variazione delle temperatura di riferimento da 98 a 94 13

10 Figura 78 Figura 79 Figura 8 Figura 81 Figura 82 Figura 83 Figura 84 Figura 85 Figura 86 Figura 87 Figura 88 Figura 89 Figura 9 Figura 91 Figura 92 Figura 93 Figura 94 Variazione delle temperatura di riferimento da 94 a Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (65, 12 ) a (75, 14 ) 15 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 14 ) a (5, 14 ) 16 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (5, 14 ) a (75, 15 ) 17 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 15 ) a (5, 15 ) 18 Variazione delle temperatura di riferimento da 98 a Variazione delle temperatura di riferimento da 94 a Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (65, 12 ) a (75, 14 ) 111 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 14 ) a (5, 14 ) 112 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (5, 14 ) a (75, 15 ) 113 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 15 ) a (5, 15 ) 114 Variazione delle temperatura di riferimento da 98 a Variazione delle temperatura di riferimento da 94 a Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (65, 12 ) a (75, 14 ) 117 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 14 ) a (5, 14 ) 118 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (5, 14 ) a (75, 15 ) 119 Variazione della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore da (75, 15 ) a (5, 15 ) 12 E L E N C O D E L L E TA B E L L E Tabella 1 Tabella 2 Valore della temperatura del liquido in ingresso e del vapore per i punti di lavoro scelti. Il punto di lavoro nominale viene indicato con il numero. 44 Valore dei margini di guadagno e di fase ottenuti per i punti di lavoro scelti con il controllo PID. Il punto di lavoro nominale viene indicato con il numero. 83 1

11 Elenco delle tabelle 11 Tabella 3 Tabella 4 Tabella 5 Valore dei margini di guadagno e di fase ottenuti per i punti di lavoro scelti con il controllo PID+ Rete compensatrice. Il punto di lavoro nominale viene indicato con il numero. 88 Valore dei margini di guadagno e di fase ottenuti per i punti di lavoro scelti con il controllo LQG. Il punto di lavoro nominale viene indicato con il numero. 92 Valore dei margini di guadagno e di fase ottenuti per i punti di lavoro scelti con il controllo LQG. Il punto di lavoro nominale viene indicato con il numero. 98

12 N OTA Z I O N E δ 1 (t t ) := { 1 t t t < t Funzione gradino C C + R R + R n R n m I n Insieme dei numeri complessi Insieme dei numeri complessi con parte reale non negativa Insieme dei numeri reali Insieme dei numeri reali non negativi Vettori reali di dimensione n Matrici reali di dimensione n m Matrice identità di dimensione n u u T u Norma euclidea s Variabile complessa del dominio di Laplace T.H.D.% Distorsione armonica percentuale (Total Harmonic Distortion) x T, (A T ) Vettore x trasposto (matrice A trasposta) C k (D) Insieme delle funzioni continue e con le prime k derivate continue nell insieme D L Insieme delle funzioni reali limitate 12

13 I N T R O D U Z I O N E I n questa trattazione si vuole affrontare il problema della analisi e del controllo di uno scambiatore di calore. La trattazione verrà affrontata dividendo il testo in due parti: La prima relativa all analisi del processo considerato mentre la seconda dedicata alla sintesi del sistema di controllo. In particolare nella prima parte verrà derivato un modello matematico del processo basato sulle equazioni che governano il fenomeno fisico portante, successivamente su tale modello verrano condotte delle analisi atte a caratterizzare la dinamica del processo fisico e il comportamento ingresso uscita del medesimo. Nella seconda parte invece verrà formalizzato il problema di controllo dello scambiatore di calore e verranno presentati dei risultati che condurranno alla soluzione del problema. Infine si mostreranno i risultati ottenuti dal controllo dello scambiatore di calore. 13

14 Parte I. Analisi dello scambiatore di calore 14

15 1 D E S C R I Z I O N E D E L L I M P I A N TO I n termotecnica con il termine scambiatore di calore si fa riferimento ad un componente atto a realizzare uno scambio di energia termica tra due fluidi a temperature diverse. In generale gli scambiatori sono sistemi aperti che operano senza scambio di lavoro, ovvero presentano un flusso costante di fluido e una distribuzione di temperatura a regime costante. Nella realtà industriale esistono molteplici metodologie per effettuare lo scambio termico tra due fluidi ossia esistono diverse tecnologie per realizzare uno scambiatore di calore. Nella trattazione che ci appresta a presentare verrà presa in considerazione una particolare tipologia di scambiatore di calore detto Scambiatore a superficie. In questo tipo di scambiatore le correnti assorbono il calore dalle superfici con le quali sono separati, inoltre in tali dispositivi si riconoscono sempre due lati contenenti i fluidi. In particolare la struttura che verrà presa in considerazione in questo ambito è mostrata in (Figura 1). In questa struttura il fluido ad Figura 1.: Scambiatore di calore un temperatura ϑli m, acqua nel caso in esame, scorre con velocità v all interno di una serpentina in rame la quale è immersa in una camera contenente del vapore saturo a temperatura ϑ v ed infine il fluido sbocca dalla serpentina con una temperatura ϑ lu. In particolare nell impianto in esame la velocità del fluido v può essere variata, agendo sulla apertura di una servovalvola calettata sulla serpentina stessa, mentre la temperatura del fluido in uscita ϑ lu può essere misurata attraverso una termocoppia installata allo sbocco della condotta dello scambiatore di calore. E evidente che a seconda del valore delle variabili appena menzionate l impianto si troverà in una condizione operativa piuttosto che in un altra. Ebbene tra tutte le possibili condizioni operative in cui l impianto può trovarsi si può prendere in considerazione il punto di lavoro riferito ai 15

16 descrizione dell impianto 16 valori nominali delle variabili in gioco, ossia: ϑ lu = 98 C ϑ v = 12 C ϑ li = 65 C tale punto viene denominato punto di lavoro nominale e verrà considerato come il punto di lavoro di riferimento per condurre la maggior parte delle analisi sullo scambiatore di calore.

17 2 M O D E L L O M AT E M AT I C O D E L L O S C A M B I ATO R E D I C A L O R E A l fine di poter effettuare un analisi numerica dello scambiatore di calore è necessario derivare per tale sistema un modello matematico sufficientemente affidabile. Prima di passare alla scrittura del modello matematico del processo in esame è bene fare alcune assunzioni semplificative [3]. La temperatura del vapore saturo è uguale in ogni punto della camera Il fluido è assunto essere incompressibile Il fluido è assunto essere in regime laminare La serpentina è considerata come un tubo rettilineo Si noti che l aver assunto il fluido in regime laminare impone un vincolo sulla velocità v dello stesso, la quale ovviamente non può assumere valori qualunque. In particolare tale assunzione implica che: v [.1,.7] m s 1 Inoltre si supporrà nel seguito della trattazione che: ϑ li 8 C (2.1) ϑ li 1 C (2.2) A fronte delle ipotesi semplificative appena esposte, al fine di formulare un modello matematico del processo in esame, si può effettuare un bilancio delle energie scambiate da una sezione di lunghezza infinitesima della serpentina in un intervallo temporale infinitesimo. A tal scopo è conveniente dapprima fissare una ascissa di riferimento, che indicheremo con ξ, in modo da poter individuare in maniera univoca ogni punto della serpentina. Detto ciò si indichino ora con ϑ l (ξ, t) e con ϑ r (ξ, t) rispettivamente, la temperatura del generico punto del liquido e del rame nell istante di tempo t e con ϑ v (t) la temperatura del vapore nella camera nell istante di tempo t, dunque il bilancio energetico può essere effettuato considerando dapprima i flussi di energia entranti ed uscenti, dalla porzione di liquido contenuta nel tratto di condotta di lunghezza infinitesima in esame e successivamente prendendo in considerazione i medesimi flussi relativamente alle pareti della condotta (Figura 2). In particolare relativamente ai flussi di energia riguardanti il liquido, si possono mettere in evidenza principalmente tre forme di scambio termico: Energia che il liquido scambia al suo interno Energia scambiata con la parete della serpentina Energia che il liquido trasporta a causa del suo moto nella serpentina 17

18 modello matematico dello scambiatore di calore 18 Figura 2.: Tratto di condotta di lunghezza infinitesima considerato per il bilancio energetico Ebbene indicando con: α lm coefficiente di adduzione acqua-rame [J m 2 s 1 C 1 ] c l calore specifico dell acqua [J Kg 1 C 1 ] D l diametro interno della condotta [m] µ l densità lineare dell acqua [Kg m 1 ] v velocità del fluido nella condotta [m s 1 ] gli scambi termici sopra elencati in maniera qualitativa possono essere espressi in modo quantitativo come segue: Energia che il liquido scambia al suo interno c l µ l dξ (ϑ l (ξ, t + dt) ϑ l (ξ, t)) Energia scambiata con la parete della serpentina α lm dξ (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t))π D l dξ dt Energia che il liquido trasporta a causa del suo moto nella serpentina µ l v dt c l (ϑ l (t, ξ) ϑ l (t, ξ + dξ)) Viceversa relativamente ai flussi di energia riguardanti le pareti della condotta si possono mettere in evidenza, anche in questo caso, tre forme di scambio termico: Energia che la parete scambia con se stessa Energia che la parete scambia con il liquido Energia che la parete scambia con il vapore In questo caso indicando con:

19 modello matematico dello scambiatore di calore 19 α v coefficiente di adduzione vapore-rame [J m 2 s 1 C 1 ] c r calore specifico del rame [J Kg 1 C 1 ] D v diametro interno della condotta [m] µ r densità lineare del rame [Kg m 1 ] tali termini possono essere quantificati come segue: Energia che la parete scambia con se stessa µ r dξ c r (ϑ r (ξ, t + dt) ϑ r (ξ, t)) Energia che la parete scambia con il liquido α lm π D l dξ dt (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t)) Energia che la parete scambia con il vapore α v π D v ξ dt (ϑ r (ξ, t) ϑ v (t)) A questo punto imponendo la conservazione dell energia si ottengono due bilanci energetici uno per il liquido ed uno per il rame della condotta. Bilancio energetico del liquido: c l µ l dξ (ϑ l (ξ, t + dt) ϑ l (ξ, t)) + α lm dξ (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t))π D l dξ dt+ + µ l v dt c 1 (ϑ l (t, ξ) ϑ l (t, ξ + dξ)) = (2.3) Bilancio energetico del rame: µ r dξ c r (ϑ r (ξ, t + dt) ϑ r (ξ, t)) + α lm π D l dξ dt (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t))+ + α v π D v ξ dt (ϑ r (ξ, t) ϑ v (t)) = (2.4) Pertanto al fine di ottenere delle equazioni di validità locale si può effettuare un passaggio al limite e confondere gli incrementi parziali delle varie temperature con le relative derivate prime. In tal modo si ottiene il seguente sistema di equazioni alle derivate parziali (E.D.P.): α v (ϑ v (t) ϑ r (ξ, t)) π D v α lm π D l (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t)) µ r c r ϑ r (ξ, t) dt = c l µ l (ϑ l (ξ, t)) dt + α lm π D l (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t)) + µ l v c 1 ϑ l (ξ, t) dξ = ϑ l (, t) = ϑ li (t) t ϑ r (ξ, ) = ϑ r (x) ξ [, L] ϑ l (ξ, ) = ϑ l (x) ξ (, L]

20 modello matematico dello scambiatore di calore 2 (2.5) Il significato delle boundary-conditions alle quali è soggetto il sistema di (E.D.P.) è presto detto: La temperatura del liquido in ingresso deve poter essere specificata istante per istante mentre i profili spaziali delle temperature del rame e del liquido nell istante iniziale devono essere specificate al fine di ottenere un problema ben posto. Fatte le necessarie precisazioni si può riscrivere il sistema di (E.D.P.) (2.5) in maniera più compatta come segue: (ϑ v (t) ϑ r (ξ, t)) β (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t)) τ 2 ϑ r (ξ, t) dt = τ 1 (ϑ l (ξ, t)) dt ϑ l (, t) = ϑ li (t) t + (ϑ r (ξ, t) ϑ l (ξ, t)) + v τ 1 ϑ l (ξ, t) dξ = (2.6) ϑ r (ξ, ) = ϑ r (x) ξ [, L] ϑ l (ξ, ) = ϑ l (x) ξ (, L] Dove le variabili τ 1, τ 2, β sono espresse come segue: β := D l α lm D v α v (2.7) τ 1 := τ 2 := (2.8) c l µ l π D l α lm [s] (2.9) (2.1) c r µ r π D v α v [s] (2.11) Ottenuta una scrittura più snella per il sistema (E.D.P.) (2.5) si può passare ora ad ottenere una soluzione analitica di tipo stazionario di tale sistema al fine di poter valutare il profilo di temperatura che si stabilisce lungo la condotta a transitorio esaurito a fronte di una una temperatura costante per il liquido in ingresso ϑ li (t) ϑ li Ebbene indicando con (ϑ r (ξ), ϑ l (ξ) la soluzione cercata, allora essa certamente deve soddisfare il seguente sistema di equazioni misto Algebrico-E.D.O:

21 modello matematico dello scambiatore di calore 21 (ϑ v (t) ϑ r (ξ)) β (ϑ r (ξ) ϑ l (ξ)) = (ϑ r (ξ) ϑ l (ξ)) + v τ 1 ϑ l (ξ) dξ = (2.12) ϑ l (, t) = ϑli t A fronte di opportune manipolazione e di una successiva integrazione rispetto alla variabile spaziale ξ si ottengono le seguenti espressioni per la soluzione cercata: ϑ l (ξ) = e x τ 1 v (β+1) (ϑli ϑ v) + ϑ v ( ) (2.13) ϑ r (ξ) = β e x τ 1 v (β+1) (ϑli β + 1 ϑ v) + ϑ v +ϑ v Attraverso l uso delle relazioni ottenute è possibile graficare i profili di temperatura del liquido e del rame che ci stabiliscono in condizioni stazionarie, mostrati in (Figura 3) θ(ξ) C θr(ξ) θl(ξ) ξ[m] Figura 3.: Profili di temperatura in condizioni nominali In particolare essendo la temperatura del fluido in uscita la grandezza di maggior interesse è conveniente disporre di un espressione di tale valore dipendente dagli altri parametri di processo, tale espressione può essere ottenuta a partire dalla (2.13) valutando ϑ l (ξ) nel punto ξ = L, l espressione che si ottiene è la seguente: ϑ(l) = ϑ lu = e τ 1 v (β+1) (ϑli ϑ v) + ϑ v L

22 modello matematico dello scambiatore di calore 22 Dal legame appena mostrato è possibile derivare il valore della velocità del fluido necessario ad ottenere una data temperatura per il liquido in uscita dalla condotta, in particolare la relazione suddetta è la seguente: v = L τ 1 (β + 1) ln( ϑ li ϑ v ϑ lu ϑ v ) (2.14) il legame appena pervenuto è di fondamentale importanza in quanto permette di stabilire, a partire dalle condizioni operative del processo, se sia possibile o meno condurre l impianto in un equilibrio assegnato, ossia permette di stabilire se il valore di velocità da imporre al fluido in una data condizione operativa dell impianto si ammissibile o meno. A titolo di esempio si consideri il caso in cui si voglia mantenere la temperatura del fluido in uscita al suo valore nominale ossia 98 C, anche a fronte di variazioni della temperatura del fluido in ingresso e della temperatura del vapore, ebbene è evidente che esisteranno delle condizioni operative per le quali il valore della velocità richiesto non rientra nei vincoli imposti dalla assunzione di regime laminare. Per ragioni che saranno chiare più avanti è conveniente definire l insieme ammissibile dei punti di equilibrio ammissibili in maniera precisa. Definizione 2.1: Si definisce insieme ammissibile delle condizioni operative Θ ϑlu l insieme definito come segue: { } Θ ϑlu : (ϑ li, ϑ v ) R 2 L :.1 τ 1 (β + 1) ln( ϑ li ϑ v ϑ lu ϑ v ).7 A supporto di quanto appena illustrato, in (Figura 4), viene riportato il grafico della relazione (2.14) ottenuto facendo variare ϑ v e ϑ li in un intervallo opportuno e fissando ϑ lu al suo valore nominale ossia 98 [ C] Inoltre per rendersi con v [m s 1 ] θ li [ C] θ v [ C] Figura 4.: Grafico della mappa della velocità all equilibrio to di quale sia regione ammissibile, nel caso di temperatura del fluido di uscita nominale, in (Figura 5) vengono discriminati, tramite un diversa colorazione, i punti appartenenti alla regione ammissibile Θ 98 dai restanti. Prima di concludere questa sezione, si osservi che la relazione appena discussa può essere utilizzata per derivare il valore della velocità del fluido in condizioni nominali v (velocità nominale del fluido), il quale a priori risulta non noto,

23 2.1 modellazione degli organi di misura e di attuazione θv [ C ] θl i [ C ] Figura 5.: Piano (θ li θ v ) dei punti di equilibrio. In blu vengono indicati i punti al di fuori della regione ammissibile mentre in rosso i punti appartenenti alla regione ammissibile ebbene a riguardo la ( 2.14 nella pagina precedente) porge il seguente valore per la velocità nominale: v,31 m s modellazione degli organi di misura e di attuazione Come già indicato espressamente nella situazione in esame sono presenti degli organi di misura e degli organi di attuazione, in particolare sono presenti una termocoppia per la misura della temperatura del fluido in uscita e una servovalvola per la regolazione della velocità del fluido nella serpentina. Tali dispositivi debbono essere modellati oculatamente al fine di ottenere un modello accurato del processo sotto controllo. In particolare per quanto riguarda il dispositivo di attuazione della valvola è possibile, data la sua elevata rapidità, trascurare la sua presenza e tenere in conto solamente dell intervallo delle velocità ammissibili per il fluido modellando la servovalvola come un dispositivo non lineare statico descritto dalla caratteristica in (Figura 6). Relativamente alla termocop- Figura 6.: Caratteristica statica delle servovalvola pia, è possibile modellare tale dispositivo come un sistema a singola costante di tempo. Con ciò indicando con ϑlu m la misura della temperatura del liquido

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli