PROVINCIA DI NOVARA ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ITTICO VENATORIE MANUALE DEL PESCATORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI NOVARA ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ITTICO VENATORIE MANUALE DEL PESCATORE"

Transcript

1 PROVINCIA DI NOVARA ASSESSORATO ALLE ATTIVITA ITTICO VENATORIE MANUALE DEL PESCATORE

2 INDICE CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE PROVINCIALI ACQUE PRINCIPALI ACQUE SECONDARIE ACQUE MONTANE DI PARTICOLARE PREGIO ACQUE SOGGETTE A PARTICOLARI DIRITTI O CONCESSIONI PRINCIPALI NORME PER L'ESERCIZIO DELLA PESCA ATTREZZI E MODALITÀ DI PESCA MISURE MINIME DIVIETI PERIODI DI DIVIETO - ORARI E PARTICOLARI MODALITÀ DI PESCA PARTICOLARE REGOLAMENTAZIONE DELLE ACQUE MONTANE E DI PARTICOLARE PREGIO ZONE DI PROTEZIONE NORME PER LA PESCA NON PROFESSIONALE NELLE ACQUE DEL LAGO MAGGIORE SOGGETTE ALLA CONVENZIONE ITALO-ELVETICA

3 FONTI NORMATIVE Regio Decreto , n 1486 "Regolamento per la pesca lacuale e fluviale" e successive modifiche ed integrazioni Regio Decreto , n 1604 "Testo unico delle leggi sulla pesca" e successive modifiche ed integrazioni Legge Regionale , n 7 "Norme per la tutela e l'incremento del patrimonio ittico e per l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Piemonte" e successive modifiche ed integrazioni Deliberazione Consiglio Regionale , n "Regolamento regionale sugli strumenti e mezzi di pesca nelle acque interne del Piemonte" e successive modifiche ed integrazioni Convenzione per la pesca nelle acque italo-svizzere Legge 22/11/88 n. 530 e relativo Regolamento di Applicazione della Convenzione del 1 gennaio 2000

4 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE PROVINCIALI Le acque scorrenti in territorio provinciale sono classificate, ai fini della pesca, in: ACQUE PRINCIPALI Nelle acque principali, si può praticare sia la pesca dilettantistica o sportiva, sia la pesca professionale. Sono classificate acque principali della Provincia di Novara, le seguenti: Fiume Ticino (alveo principale dal ponte della S.S. Torino-Novara-Milano fino al confine sud della Provincia di Novara) Lago d Orta (tutto lo specchio d acqua INTERESSANTE LA Provincia di Novara) Lago Maggiore (nella parte compresa tra il confine nord del comune di Lesa e la confluenza con il fiume Ticino), secondo le disposizioni della Convenzione Italo-Svizzera. ACQUE SECONDARIE Nelle acque secondarie si può esercitare solamente la pesca dilettantistica o sportiva, è fatto divieto di uso di attrezzi da pesca professionali. Sono classificate acque secondarie tutte le acque della Provincia di Novara non classificate principali. Tra queste va fatta una ulteriore distinzione che riguarda le acque montane e di particolare pregio. ACQUE MONTANE E DI PARTICOLARE PREGIO Tra le acque secondarie sono inoltre individuate le acque montane (acque in cui si intende tutelare l ittiofauna tipica) e di particolare pregio (acque in cui il patrimonio ittico richiede speciale tutela) nelle quali vige il divieto generale di pesca dal tramonto della prima domenica di ottobre all'alba dell'ultima domenica di febbraio. Sono classificate acque montane e di particolare pregio della Provincia di Novara, le seguenti: - Roggia Molinara nei Comuni di Romentino, Trecate, Cerano e suoi affluenti Sorgente e Gerana - Torrente Terdoppio e suoi affluenti dalle origini fino al ponte del Canale Regina Elena - Tutte le acque scorrenti a monte della linea stradale Romagnano-Borgomanero-Gattico-Comignago-Borgoticino-Castelletto Ticino - Fiume Sesia nel tratto compreso tra il Ponte di San Quirico e la passerella Serravalle-Grignasco.

5 ACQUE SOGGETTE A PARTICOLARI DIRITTI O CONCESSIONI Alcuni tratti di corsi d'acqua scorrenti sul territorio provinciale risultano gravati da diritti esclusivi di pesca. Si tratta di corsi o specchi d'acqua per i quali lo Stato ha riconosciuto, a privati o Enti, la facoltà di pesca con esclusione di qualunque altro soggetto. Per poter pescare in dette acque, non è sufficiente essere titolari di licenza di pesca, ma occorre avere il permesso del titolare o del concessionario di tali diritti, ed osservare altresì le regolamentazioni della pesca che il suddetto titolare o concessionario riterrà di adottare. DIRITTI ESCLUSIVI DI PESCA DEL DEMANIO PROVINCIALE FIUME SESIA Dal Ponte di S. Quirico in Comune di Grignasco al confine sud del Comune di Landiona Attualmente in concessione alla FIPSAS LAGO MAGGIORE 21 peschiere e murere tra la stazione ferroviaria di Arona e la Villa ex Conelli di Dormelletto Attualmente in concessione alla FIPSAS TORRENTI SCARPIA PELLINO E RIO PLESINA Per il tratto scorrente nel Comune di S. Maurizio d Opaglio Attualmente in concessione alla FIPSAS FOSSO RESE LAGO D ORTA Scorrente nei Comuni di Paruzzaro Comignago e Borgoticino Tratto del lago a sud della linea congiungente lo sbocco del torrente Riale di Nonio a ovest e il Km 49 della S.S. del Lago d Orta (Buccione) per la parte ricadente in Provincia di Novara Attualmente in concessione all A.P.D. Acqua non in concessione NOTE Tutte le zone di divieto e quelle in concessione alle Associazioni Piscatorie sono segnalate in loco con apposita tabellazione. Nelle ex acque private, dall entrata in vigore della legge 36/94 (che rende tutte le acque pubbliche) occorre essere in possesso di licenza di pesca, con la sola esclusione dei laghetti di pesca a pagamento.

6 PRINCIPALI NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA (la pesca sul Lago Maggiore è regolamentata dalla Convenzione Italo-Elvetica vedi paragrafo a parte) ATTREZZI E MODALITA DI PESCA Attrezzi Consentiti Per L esercizio Della Pesca Sportiva (Licenza B O D) Acque Principali massimo di 2 canne, con o senza mulinello, con lenza armata da non più di 5 ami da usarsi entro lo spazio non superiore ai m 3; bilancia (vedi disposizioni particolari sotto indicate) una tirlindana armata con un massimo di 5 ami o cucchiai o esche artificiali, limitatamente ai laghi Nelle acque secondarie massimo di 2 canne, con o senza mulinello, con lenza armata da non più di 5 ami da usarsi entro lo spazio non superiore ai m 3; bilancia (vedi disposizioni particolari sotto riportate) Nelle acque montane e di particolare pregio uso di una sola canna, con o senza mulinello, con lenza armata di un solo amo, semplice o multiplo, e con un massimo di 5 camole o 5 mosche artificiali Modalita Per L esercizio Della Pesca Con La Bilancia a) Il lato massimo della rete della bilancia non deve essere superiore a metri 1,50 ; b) Il lato delle maglie non deve essere inferiore a mm 15, da misurarsi in conformità all art.2 del Regolamento Regionale sugli attrezzi e mezzi di pesca; c) La rete deve essere montata su un palo di manovra di lunghezza non superiore a m.5. Non sono ammessi mezzi sussidiari atti a facilitarne il sollevamento; d) L uso della bilancia è consentito esclusivamente dalla sponda e greto a piede asciutto: La distanza fra due bilance in esercizio non può essere, salvo reciproco accordo, inferiore a m. 15;

7 e) La pesca con la bilancia è consentita esclusivamente nei seguenti corsi d acqua per tratti scorrenti in Provincia di Novara; 1) FIUME TICINO e sue lanche e mortizze; 2) FIUME SESIA; 3) TORRENTE AGOGNA - dal ponte della ferrovia Novara-Varallo a valle; 4) TORRENTE TERDOPPIO - dal ponte dell autostrada TO-MI a valle; 5) NAVIGLIO LANGOSCO; 6) NAVIGLIO SFORZESCO; 7) NAVIGLIO SAPORITI; 8) CANALE REGINA ELENA; 9) CANALE CAVOUR; 10) DIRAMATORE ALTO NOVARESE; 11) CANALE QUINTINO SELLA; 12) SUBDIRAMATORE VIGEVANO; 13) ROGGIA BUSCA; 14) ROGGIA BIRAGA; 15) ROGGIA MOLINARA - dalla presa d acqua in comune di Pombia al confine sud di Bellinzago, comprendente i tratti scorrenti nei Comuni di Pombia-Marano Ticino- Oleggio-Bellinzago; 16) CAVO IRRIGUO DENOMINATO ROGGIA SIMONETTA - dalla presa sul Fiume Ticino alla prima chiusa in località Montelame; 17) ROGGIA MORA - dalla statale 142 fino al barraggio di derivazione del canale di Carpignano; 18) CAVO CATTEDRALE - dal sottopasso sul torrente Agogna a valle per tutto il tratto scorrente in Provincia di Novara; f) La pesca con la bilancia è sempre vietata da 1 giugno al 15 luglio; g) La pesca con la bilancia è, inoltre, vietata nei periodi di asciutta. In tali periodi è, tuttavia, consentita nelle seguenti acque: 1) CANALE REGINA ELENA; 2) DIRAMATORE ALTO NOVARESE; 3) ROGGIA MOLINARA - dalla presa d acqua in comune di Pombia al confine sud di Bellinzago, comprendente i tratti scorrenti nei Comuni di Pombia-Marano Ticino- Oleggio-Bellinzago; 4) NAVIGLIO LANGOSCO; 5) CAVO CATTEDRALE - dal sottopasso sul torrente Agogna a valle per tutto il tratto scorrente in Provincia di Novara;

8 Attrezzi Consentiti Per L esercizio Della Pesca Professionale (Pescatori Muniti Di Licenza Di Tipo A) Lago D orta Attrezzi da posta: Tremaglio - Lunghezza massima della rete 40 m. Altezza massima della rete 1,5 m. Il lato delle maglie della rete interna non deve essere inferiore a 30 mm. L' uso di detta rete è vietato dal 15 ottobre al 30 marzo e dal 25 aprile al 30 giugno. Tremaglino - Lunghezza massima della rete 40 m. Altezza massima della rete 1 m. Il lato delle maglie della rete interna non deve essere inferiore a 15 mm. L' uso di detta rete è vietato dal 15 ottobre al 30 marzo e dal 25 aprile al 30 giugno. Rete volante per coregone lunghezza massima di diverse reti agganciate insieme 400 m.. Altezza massima della rete 10 m. Il lato degli maglie interne non deve essere inferiore a 55 mm. Rete volante per trota lunghezza massima di diverse reti agganciate insieme 400 m.. Altezza massima della rete 11 m. Il lato delle maglie interne non deve essere inferiore a 55 mm. Rete volante per coregone lunghezza massima di diverse reti agganciate insieme 400 m.. Altezza massima della rete 10 m. Il lato degli maglie interne non deve essere inferiore a 55 mm. Rete da fondo per luccio e tinca lunghezza massima della rete 60 m. Altezza massima della rete 2,5 m. Il lato delle maglie interne non deve essere inferiore a 45 mm. Ogni pescatore può collocare fino ad un massimo di 3 reti da fondo. Lenza da fondo una lignola corda con un massimo di 30 ami. L uso di detto attrezzo è vietato dal 25 aprile al 31 maggio. Attrezzi ad inganno: Bertovello Diametro massimo della bocca 1 m. Il lato delle maglie non deve essere inferiore a 15 mm. L uso di detto attrezzo è vietato dal 1 dicembre al 30 giugno. E sempre vietato l uso del bertovello con l ausilio delle frascate o arginelle. Nassa Diametro massimo della bocca 1 m. La distanza tra i vimini o le corde metalliche non deve essere inferiore a 15 mm. Attrezzi vari: Bilancione - Il lato della rete non deve essere superiore a 3 m. Il lato delle maglie, non deve essere inferiore a 20 mm.

9 Fiume Ticino Attrezzi da posta: Tremaglio - Lunghezza massima della rete 60 m. Altezza massima della rete 1,5 m. Il lato delle maglie della rete interna non deve essere inferiore a 30 mm. L' uso di detta rete è vietato dal 15 ottobre al 30 marzo e dal 25 aprile al 30 giugno. Tremaglino - Lunghezza massima della rete 40 m. Altezza massima della rete 1 m. Il lato delle maglie della rete non deve essere inferiore a 15 mm. L' uso di detta rete è vietato dal 15 ottobre al 30 marzo e dal 25 aprile al 30 giugno. Lenza da fondo una lignola corda con un massimo di 20 ami. Attrezzi vari: Bilancione - Il lato della rete non deve essere superiore a 3 m. Il lato delle maglie, non deve essere inferiore a 20 mm. N.B. La misura delle maglie delle reti si prende ad attrezzo bagnato, dividendo per dieci la distanza tra undici nodi consecutivi.

10 PERIODI DI DIVIETO ORARI E PARTICOLARI MODALITA DI PESCA La pesca è consentita a partire da un'ora prima del levar del sole sino ad un'ora dopo il tramonto (nel Lago Maggiore valgono le disposizioni della Convenzione Italo-Elvetica) E' vietato l'esercizio della pesca delle specie sotto indicate dalle ore 0.00 del primo giorno alle ore dell'ultimo giorno di divieto. ALBORELLA (Alburnus alburnus) con le reti Dal 15 maggio Al 15 Giugno CARPA (Cyprinus carpio) BARBO (Barbus barbus plebejus) CAVEDANO(Leuciscus cephalus cabeda) con le reti COREGONE(Coregonus fera) LUCCIO (Esox lucius) PESCE PERSICO(Perca fluviatilis) PERSICO TROTA (Micropterus salmoides) TEMOLO (Thymallus thymallus) TINCA (Tinca tinca) TROTA DI LAGO (Salmo trutta) SALMERINO (Salvelinus fontinalis) TROTA (Salmo trutta) Dal 1 giugno Dal 1 giugno Dal 1 giugno Dal 15 dicembre Dal 15 febbraio Dal 25 aprile Dal 25 aprile Dal lunedì successivo alla prima domenica di ottobre Dal 1 giugno Dal 15 ottobre Dal primo lunedì ottobre Dal tramonto della prima domenica di ottobre Al 30 giugno Al 30 giugno Al 30 giugno Al 15 gennaio Al 15 marzo Al 31 maggio Al 31 maggio Al sabato precedente la prima domenica di giugno Al 30 giugno Al 31 gennaio All ultimo venerdì di febbraio All alba dell'ultima domenica di febbraio

11 La pesca all'anguilla è consentita anche nelle ore notturne, con esclusione delle acque classificate montane e di particolare pregio, con le seguenti modalità: l'uso personale di due canne, con o senza mulinello e con lenza armata di un solo amo; il divieto dell' uso di fonti luminose, quando tale uso sia diretto all'esercizio della pesca; il divieto di detenere altre specie ittiche con esclusione di quelle utilizzate come esca. MISURE MINIME Le misure minime delle specie pescabili sono le seguenti: SPECIE MISURE MINIME (*) cm. ANGUILLA (Anguilla anguilla) CARPA (Cyprinus carpio) CARPIONE (Salmo trutta carpio) COREGONE (Coregonus fera) LUCCIO (Esox lucius) PESCE PERSICO (Perca fluviatilis) PERSICO TROTA (Micropterus salmoides) SALMERINO (Salvelinus fontinalis) TEMOLO (Thymallus thymallus)

12 TINCA (Tinca tinca) TROTA FARIO (Salmo trutta) TROTA IRIDEA (Onchorhynchus mykiss) TROTA MARMORATA E IBRIDI (Salmo trutta marmoratus (*) Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall'apice del muso all'estremità della pinna caudale. In tutte le acque ciascun pescatore non professionale può catturare, per ogni giornata di pesca: non più di 10 capi complessivi tra salmonidi e timallidi senza superare il limite di 3 trote marmorate e di 3 temoli; non più di 5 Kg di pesce di altre specie.

13 DIVIETI E' vietato: pescare con la dinamite e con altre materie esplodenti gettare ed infondere nelle acque materie atte ad intorpidire, stordire o uccidere i pesci e gli altri animali acquatici tenere i mezzi suindicati in prossimità delle acque lacustri e fluviali e sulle rive per una fascia di cento metri pescare con la corrente elettrica come mezzo diretto di uccisione e di stordimento, ad eccezione della pesca autorizzata dalla Giunta Provinciale ai sensi dell'articolo 6 R.D n 1604, con apparecchi a generatore autonomo di energia elettrica aventi caratteristiche tali da garantire la conservazione dei patrimonio ittico pescare con le mani pescare attraverso aperture praticate nel ghiaccio pescare con l'ausilio di qualsiasi fonte luminosa pescare dai ponti l'uso a strappo degli attrezzi armati con amo o ancoretta (si intende l'uso a strappo l'esecuzione di manovre atte ad allamare il pesce in parti dei corpo che non siano l'apparato boccale) abbandonare esche, pesci o rifiuti a terra lungo i corsi e specchi d acqua e nelle loro adiacenze pescare da natanti durante la navigazione fino all arresto e gli attrezzi devono essere completamente smontati. Tali limitazioni non si applicano alla pesca di mestiere o con tirlindana usare attrezzi da pesca, esclusa la canna con o senza mulinello, ad una distanza inferiore ai 30 m. da scale di monta per i pesci, da griglie delle macchine idrauliche, dagli imbocchi e sbocchi di canali, dai pilastri e dalle opere di difesa dei ponti pescare manovrando paratie, prosciugando i corsi o i bacini d acqua deviandoli o ingombrandoli con opere stabili, muri ammassi di pietre, dighe, terrapieni arginelli, chiuse ed impianti simili o smuovendo il fondo delle acque, ovvero impiegando altri sistemi di pesca non previsti dal regolamento regionale sugli strumenti e mezzi di pesca pescare durante l asciutta completa od incompleta, ad eccezione della canna con o senza mulinello pescare nelle zone di protezione a tutela ittica N.B.: l' uso del guadino è consentito solamente come mezzo ausiliario per il recupero dei pesci.

14 PARTICOLARE REGOLAMENTAZIONE DELLE ACQUE MONTANE E DI PARTICOLARE PREGIO Nelle acque classificate Montane e di particolare pregio" è consentito l'uso personale di una sola canna, con e senza mulinello, con lenza armata di un solo amo, semplice o multiplo e con un massimo di 5 camole artificiali o di 5 mosche artificiali. E' vietato: il sistema di pesca con l'uso di camole o mosche artificiali con zavorra affondante terminale radente il fondo (esclusivamente per il sistema denominato "camolera" o "piombolungo") usare larve di mosca carnaria, sangue comunque preparato o diluito o esche che ne contengano e ogni tipo di pasturazione, nonché tenere i mezzi sopra indicati in prossimità di dette acque. l'uso della bilancia pescare, nei confronti di tutte le specie ittiche presenti, dal tramonto della prima domenica di ottobre all'alba del- l'ultima domenica di febbraio dell' anno successivo. ZONE DI PROTEZIONE La Regione Piemonte ai sensi dell'art. 14 della L.R. n. 7 dell' per particolari esigenze relative al mantenimento o all'incremento del patrimonio ittico, può vietare l'attività di pesca totalmente o per determinate specie di corsi o specchi d'acqua, o loro tratti o parti, per un periodo non superiore a tre anni. In Provincia di Novara le zone di divieto totale di pesca costituite dalla Regione Piemonte con determinazione dirigenziale n. 29 del sono le seguenti: COMUNE CORSO D ACQUA PERIODO BORGOMANERO TORRENTE AGOGNA (tratto compreso tra la caserma dei Carabinieri e il ponte Torrione) dall alba dell ultima domenica di febbraio 2004 al tramonto dell ultimo sabato di febbraio 2007 BRIGA NOVARESE ROGGIA MOLINARA denominata AGOGNETTA dall alba dell ultima domenica di febbraio 2004 al tramonto dell ultimo sabato di febbraio 2007

15 PRINCIPALI NORME PER LA PESCA NON PROFESSIONALE (licenze tipo B e D ) NELLE ACQUE ITALIANE DEL LAGO MAGGIORE SOTTOPOSTE ALLA CONVENZIONE ITALO SVIZZERA SULLA PESCA MISURE MINIME, PERIODI DI DIVIETO E LIMITAZIONI DI PESCA Specie ittiche Misura Periodo di Ulteriori limitazioni di pesca (D) minima divieto (A) Trota del lago 30 cm 26/09-20/12-10 capi al giorno complessivi di Salmonidi (trote, salmerini e coregoni), di cui solo 5 Salmerini 25 cm 15/11-24/01 trote Coregone Lavarello (D) 30 cm 15/11-24/01 Coregone Bondella 25 cm 15/11-24/01 - divieto di pesca per DDT per tutti i coregonidi: Coregone sp. (D) 30 cm 15/11-24/01 lavarello (D), bondella e coregone sp. (D) Luccio 40 cm 15/03-30/04 Pesce persico 16 cm 15/04-15/06 25 capi al giorno Persico trota 20 cm 01/05-30/06 Lucioperca 40 cm 01/04-31/05 Carpa 30 cm 01/06-30/06 Tinca 25 cm 01/06-30/06 Anguilla 40 cm -- Agone 20 cm 15/05-15/06 divieto di pesca per DDT Scardola (D) (D) divieto di pesca per DDT Pigo -- 01/05-31/05 Barbo -- 15/05-15/06 Alborella -- 25/05-15/06 (B) divieto di pesca per DDT Gambero (C) divieto di pesca del gambero di fiume autoctono (Austropotamobius pallipes) (A) I periodi di divieto iniziano e terminano alle ore dei giorni indicati. (B) La pesca dell alborella è consentita soltanto per approvvigionamento di esca viva, impiegando gli attrezzi delle categorie Cattura di pesci da esca (Punto 7 della Tab. 2 del R.d.A.) e Canna (Punto 10 della Tab. 2 del R.d.A.), con le modalità e le limitazioni previste dal R.d.A. (C) E consentita la cattura di specie di gambero di origine esotica, quali quella attualmente presente nel Lago di Lugano Orconectes limosus). In tal caso gli esemplari catturati non potranno essere reimmessi nelle acque comuni italo-svizzere e comunque dovranno essere immediatamente uccisi. (D) LIMITATAMENTE ALLE ACQUE PIEMONTESI CON ORDINANZA N. 01/2003 DEL 22/04/2003 E STATO REVOCATO IL DIVIETO DI PESCA DELLE SPECIE ITTICHE: LAVARELLO, COREGONE SP. E SCARDOLA.

16 ORARI, DISPOSIZIONI E MODALITA VIETATE DI PESCA DILETTANTISTICA La pesca con la canna da riva è sempre consentita, mentre la pesca con la canna ed altri attrezzi dilettantistici da imbarcazione è vietata da un ora dopo il tramonto ad un ora prima del levare del sole. Ad esclusione dell alborella pescata a scopo di esca, i pesci catturati in periodo di divieto e quelli che non abbiano raggiunto la misura minima, nonchè le specie ittiche proibite eventualmente catturate vive con attrezzi consentiti devono essere rimessi in acqua con ogni possibile cura. Le specie ittiche proibite per il DDT, eventualmente rinvenute morte, dovranno essere conservate opportunamente surgelate per la successiva consegna ai centri di raccolta già indicati dai competenti Servizi Veterinari delle ASL. E vietato praticare la pesca a strappo con attrezzi armati con amo, cucchiaio, ancoretta o altri dispositivi ad essi assimilabili. Per pesca a strappo si intende l esecuzione di manovre atte ad allamare il pesce in parti del corpo che non siano l apparato boccale. Sono inoltre vietati: la pasturazione con la larva di mosca carnaria (cagnotto); l uso a scopo di pesca di apparecchi di sondaggio a onde (elettroscandaglio); la pesca con le mani; l uso di sostanze tossiche, narcotiche ed esplosive e della corrente elettrica. ATTREZZI CONSENTITI (estratto da Tab. 2 del R.d.A.) Attrezzi della categoria CATTURA DI PESCI DA ESCA Attrezzi permessi esclusivamente per la cattura del pesce bianco da esca. Le altre specie vanno immediatamente rimesse in acqua. I pesci da esca catturati debbono essere collocati e mantenuti vivi in idoneo contenitore. L impiego e la detenzione di pesci vivi da utilizzare come esca, che non appartengano alla comunità ittica del lago Maggiore è sempre vietato. Nome attrezzo dimensione Misura maglia bilancino Lato massimo m. 1,5 6 8 mm. limitazioni Proibito: - durante il divieto dell alborella - l uso radente il fondo e a traino dell imbarcazione - sia da riva che da imbarcazione da un ora dopo il tramonto ad un ora prima dello spuntare del sole - nelle acque interne ai porti, alle darsene ed ai pontili d attracco quando questi ultimi siano disposti in modo da racchiudere uno specchio d acqua con un unico lato libero a lago. Nassetta Bottiglia altezza massima 50 cm diametro massimo 25 cm 6-8 mm

17 Attrezzi della categoria GUADINO Da usare solo per estrarre dall acqua il pesce già catturato con attrezzi consentiti. Attrezzi della categoria TIRLINDANA Attrezzi proibiti da un ora dopo il tramonto ad un ora prima dello spuntare del sole. Per gli attrezzi di questa categoria è consentito l uso di un numero massimo di due attrezzi, anche di tipo diverso, per imbarcazione. Nel caso in cui gli attrezzi usati siano dello stesso tipo, il numero complessivo di esche non può superare quello massimo consentito per l attrezzo stesso. Nel caso di uso di due cavedanere, il numero di esche per attrezzo è aumentato a sei. attrezzo Modalità consentita limitazioni Molagna o Macchina per trota Con un massimo di venti esche, artificiali o naturali, per attrezzo. Proibita durante il divieto della trota. Tirlindana per : salmerino Luccio Persico Agone Altre specie Con un massimo di otto esche, artificiali o naturali, per attrezzo. Cavedanera per cavedano e trota Con un massimo di otto esche, artificiali o naturali, per attrezzo. Proibita durante il divieto della trota Durante il periodo di divieto del pesce persico è consentito l uso soltanto ad una distanza dalla riva superiore ai 50 m.

18 Attrezzi della categoria CANNA attrezzo Modalità consentita limitazioni Con non più di dieci ami o simili Canna con o senza mulinello E consentito l uso di non più di due canne, con o senza mulinello, per pescatore. Proibita da imbarcazione da un ora dopo il tramonto ad un ora prima dello spuntare del sole. Durante il periodo di divieto dell alborella ne è permessa la pesca esclusivamente dalla riva con una sola canna con non più di un amo. Lanzettera Alborella per Con trenta lanzette al massimo Proibita : durante il divieto della alborella. da un ora dopo il tramonto ad un ora prima dello spuntare del sole, sia da riva che da imbarcazione. Per le disposizioni relative alla pesca, anche professionistica nel Lago Maggiore, non specificatamente indicate nel presente manuale, si rimanda alle norme dettate dalla Convenzione per la pesca nelle acque italo-svizzere Legge 22/11/88 n. 530 e dal Regolamento di Applicazione della Convenzione del 1 gennaio 2000, nonchè dalle altre vigenti ordinanze del Commissario delle quali si potrà prendere visione anche presso le bacheche provincialisituate all imbarcadero di Arona e sotto i portici dell imbarcadero di Lesa. Per quanto non espressamente indicato nel presente manuale, valgono le disposizioni di cui al T.U. n 1604/1931, al R.D. n 1486/1914 ed alla L.R. n 7/1981 e loro successive modifiche ed integrazioni.

CONVENZIONE ITALO ELVETICA MISURE E DIVIETI

CONVENZIONE ITALO ELVETICA MISURE E DIVIETI CONVENZIONE ITALO-ELVETICA COMMISSARIATO ITALIANO PER LA CONVENZIONE ITALO-SVIZZERA SULLA PESCA NORME PER LA PESCA NON PROFESSIONALE (LICENZA TIPO "B") NELLE ACQUE ITALIANE DEL LAGO MAGGIORE IN VIGORE

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca dilettantistica nel Lago di Mezzola e nel Pozzo di Riva

Regolamento per l esercizio della pesca dilettantistica nel Lago di Mezzola e nel Pozzo di Riva Regolamento per l esercizio della pesca dilettantistica nel Lago di Mezzola e nel Pozzo di Riva Province di Sondrio e di Como (Legge Regionale 5 dicembre 2008, n. 31 Titolo IX e Regolamento Regionale del

Dettagli

PESCA ARTICOLO CHE PREVEDE LA SANZIONE SEQUESTRO

PESCA ARTICOLO CHE PREVEDE LA SANZIONE SEQUESTRO PESCA DESCRIZIONE DELL ILLECITO 1 LICENZA DI PESCA N.B. : i pesci detenuti in alla legge, se ancora vivi, devono essere reimmessi nel corso d acqua dal pescatore. Art. 23 c. 4 L.R. 37/2006 *Pesca senza

Dettagli

Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal 01.01.2013

Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal 01.01.2013 Settore Agricoltura - Funzione Caccia, Pesca, Parchi e Gev Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal 01.01.2013 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE AI FINI DELLA PESCA Ai sensi

Dettagli

Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal

Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal Settore Agricoltura - Funzione Caccia, Pesca, Parchi e Gev Disposizioni per la pesca nella Provincia di Novara In vigore a partire dal 01.01.2017 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE AI FINI DELLA PESCA Ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA in vigore dal 1 gennaio 2015 REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA Approvato dalla Commissione per la pesca nelle acque italo-svizzere

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali

DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma 1, lettera c del Regolamento Regionale 22

Dettagli

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti

ALLEGATO. TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti ALLEGATO TABELLA A (Art. 7) Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso A) Attrezzi consentiti 1. Nelle acque classificate come salmonicole è consentito soltanto l uso di una sola canna per

Dettagli

ALLEGATO A. Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti

ALLEGATO A. Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso. A) Attrezzi consentiti ALLEGATO A Attrezzi consentiti o vietati per la pesca modalità d uso A) Attrezzi consentiti 1. Nelle acque classificate come salmonicole è consentito soltanto l uso di una sola canna per ogni singolo pescatore,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale 3544 del ORARI, MISURE MINIME, LIMITI PESCATO.doc Prot. n. (APA/93/D-425AA)

Delibera della Giunta Regionale 3544 del ORARI, MISURE MINIME, LIMITI PESCATO.doc Prot. n. (APA/93/D-425AA) Prot. n. (APA/93/D-425AA) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che la L.R. n. 22 febbraio 1993 n. 11 "Tutela e sviluppo della fauna ittica e regolazione della pesca in Emilia-Romagna" prevede

Dettagli

REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA

REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA REGOLAMENTO D'APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA PESCA NELLE ACQUE ITALO-SVIZZERE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA in vigore dal 1 gennaio 2012 TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA

REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA REGOLAMENTO INTERPROVINCIALE PER LA PESCA SUL FIUME ADDA ART. 1 TRATTO DEL FIUME ADDA OGGETTO DELL ACCORDO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE 1. Il presente regolamento è relativo al tratto di Fiume Adda compreso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL USO CIVICO DI PESCA - 2016

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL USO CIVICO DI PESCA - 2016 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL USO CIVICO DI PESCA - 2016 Art. 1 Sono soggette all uso civico di pesca tutte le acque pubbliche scorrenti nel territorio di Villafranca Piemonte come riconosciuto

Dettagli

cliccare poi sulla sezione come accedere ; per accedere al portale utilizzare il browser Chrome (utilizzando Explorer non è visibile).

cliccare poi sulla sezione come accedere ; per accedere al portale utilizzare il browser Chrome (utilizzando Explorer non è visibile). La licenza di pesca dilettantistica di tipo B ha durata annuale ed autorizza i cittadini italiani e stranieri alla pesca dilettantistica con gli attrezzi consentiti dalla normativa regionale e alla pesca

Dettagli

Documentazione approntata da: Massimo Ficarelli

Documentazione approntata da: Massimo Ficarelli Fiume Tresa Dalla località Biviglione fino alla diga di Creva. Ha le caratteristiche di un bacino idroelettrico e la corrente è lenta, quasi inesistente. La gestione del bacino è dell' Enel. A valle della

Dettagli

REGOLAMENTO DI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELLE VALLI DEL CEDRA E DEL PARMA PER L ANNO 2007.

REGOLAMENTO DI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELLE VALLI DEL CEDRA E DEL PARMA PER L ANNO 2007. !" # $!%&'!(! ) %& *! #! ) +$, -.!, +.! /! 0 ) / 1 1!! REGOLAMENTO DI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELLE VALLI DEL CEDRA E DEL PARMA PER L ANNO 2007. (ai sensi dell art. 11

Dettagli

di rendere operanti a decorrere dalla data di esecutività della presente deliberazione le seguenti disposizioni:

di rendere operanti a decorrere dalla data di esecutività della presente deliberazione le seguenti disposizioni: Delibera di Giunta - N.ro 1993/3544 - protocollato il 27/7/1993 Oggetto: DEFINIZIONE DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DI PESCA NELLE ACQUE INTERNE, DELLE MISURE MINIME DEI PESCI, DEI LIMITI GIORNA- LIERI E STAGIONALI

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI

REGIONE EMILIA ROMAGNA MEMORANDUM PER I PESCATORI REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA MEMORANDUM PER I PESCATORI Tutti i cittadini italiani e stranieri in possesso della licenza, hanno uguale diritto ad esercitare la pesca nelle acque interne

Dettagli

! "# $!! "! % & ' '! "! %

! # $!! ! % & ' '! ! % !"#$!!"!%&' '! "!% DISPOSIZIONI GENERALI valide su tutte le acque provinciali (compreso il fiume Adda) 1. MEZZI DI PESCA 1) Bilancia o bilancella o quadrato. L uso della bilancia di cui all art. 8, comma

Dettagli

Provincia di Parma Corpo di Polizia Provinciale

Provincia di Parma Corpo di Polizia Provinciale Provincia di Parma Corpo di Polizia Provinciale Corso di formazione per Guardie Ecologiche Volontarie: La fauna ittica e la disciplina della pesca Polizia Provinciale Parma 1 LEGGE REGIONALE 07 novembre

Dettagli

Nel regolamento 2016 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno

Nel regolamento 2016 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno Nel regolamento 2016 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno - Zone no-kill - Esercizio della pesca e comportamento del pescatore - Acque

Dettagli

Nel regolamento 2014 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno

Nel regolamento 2014 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno Nel regolamento 2014 sono state introdotte alcune modifiche. Regolamento interno Associazione pescatori dilettanti di Molveno - Esercizio della pesca e comportamento del pescatore - Acque in concessione

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI

ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Allegato alla deliberazione n. 37 del 19 dicembre 2005 ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamento provvisorio per l esercizio dell attività di pesca sportiva nel Parco. Stagione di pesca 2006

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010 Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2010 Art. 1 Principi generali 1. Ai sensi dell articolo 11 comma 3 lettera a) della Legge 6 dicembre 1991

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI REGIONE LAZIO RISERVA NATURALE REGIONALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA NEI LAGHI LEGGE REGIONALE N. 87 DEL 07/12/1990 E SUCCESSSIVE MODIFICHE DELIBERA COMMISSARIALE

Dettagli

Per la pesca no kill sono previste modalità e attrezzi particolari di cui al successivo articolo 5

Per la pesca no kill sono previste modalità e attrezzi particolari di cui al successivo articolo 5 c/o Comunità Montana-Unione dei Comuni info@parchiemiliaoccid www.parchiemiliaoccid Parco Regionale delle info.valli-cedraeparma@parchiemiliaoccid REGOLAMENTO DI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE CALENDARIO PISCATORIO REGIONALE 2015 Classificazione delle acque interne Ai sensi dell art. 20, comma 1, della L.R.11/03, ai fini della gestione della fauna ittica e dell esercizio della pesca, le acque

Dettagli

Altre acque. Allegato B)

Altre acque. Allegato B) Allegato B) Altre acque Prescrizioni in ordine all esercizio della pesca nei tratti no-kill alle specie ittiche predatrici istituiti lungo i fiumi Tartaro, Tione, fosso Tartarello, fossa Leona e fossa

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale 43 del 28.11.2007 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale.

IMPORTANTE. Le lunghezze minime totali dei pesci sono misurate dall apice del muso all estremità della pinna caudale. NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA IN ACQUE LIBERE ORARI, PERIODI DI PESCA, MISURE E LIMITI DI CATTURA IMPORTANTE - Per le acque gestite da associazioni piscatorie valgono i divieti stabiliti dai relativi

Dettagli

PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO TOSCO - EMILIANO- COMUNI DI CORNIGLIO E MONCHIO DELLE CORTI INDICAZIONI

PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO TOSCO - EMILIANO- COMUNI DI CORNIGLIO E MONCHIO DELLE CORTI INDICAZIONI PESCA NELLE ACQUE PRESENTI ALL INTERNO DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO TOSCO - EMILIANO- COMUNI DI CORNIGLIO E MONCHIO DELLE CORTI - ANNO 2012 INDICAZIONI 1) Attrezzi consentiti ai pescatori Nelle acque

Dettagli

Articolo 2 : Autorizzazione di pesca (vale per tutte le acque di questa tessera)

Articolo 2 : Autorizzazione di pesca (vale per tutte le acque di questa tessera) Allegato A) Prescrizioni in ordine all esercizio della pesca nel tratto no-kill (trota marmorata, temolo e luccio) di fiume Adige compreso tra la diga del Pestrino (Sorio I) e la diga di San Giovanni Lupatoto

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

Art.7 Pesca mediante sbarramento, prosciugamento, sommovimento del fondo, durante l asciuttal. occupazione di più della metà del bacino o della metà

Art.7 Pesca mediante sbarramento, prosciugamento, sommovimento del fondo, durante l asciuttal. occupazione di più della metà del bacino o della metà R.D. n. 1486 del 1914 e SANZIONI Art.7 Pesca mediante sbarramento, prosciugamento, sommovimento del fondo, durante l asciuttal occupazione di più della metà del bacino o della metà del corso d acqua d

Dettagli

CIRCOLARE PROVINCIA DI CUNEO STAGIONE PESCA 2009

CIRCOLARE PROVINCIA DI CUNEO STAGIONE PESCA 2009 CIRCOLARE PROVINCIA DI CUNEO STAGIONE PESCA 2009 Oggetto: Stagione di pesca 2009. Disposizioni attuative della L.R. 29/12/2007 n. 37, del D.P.G.R. 21/4/2008 n. 6/R e della D.G.P. n. 8 del 20/01/2009. In

Dettagli

PESCA DILETTANTISTICA E 1/6

PESCA DILETTANTISTICA E 1/6 art. 19 1 comma 1 comma lett. J art. 27 1 comma lett. J art. 16, 1 comma art. 16, 1 comma art. 16, 3 comma art. 13, 3 comma art. 18, 2 comma art. 10 comma 5 lett f 1 comma lett. A Pesca senza licenza o

Dettagli

REGOLAMENTO STAGIONE 2016

REGOLAMENTO STAGIONE 2016 A.S.D. Liberi Pescatori Lago di Corlo e Cismon Soggetto concessionario del Bacino n 12 della Provincia di Belluno Piazza G.Marconi, n 1 www.pescarecismoncorlo.it 32030 Arsiè (BL) bacino12@pescarecismoncorlo.it

Dettagli

Aggiornato a settembre 2013

Aggiornato a settembre 2013 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI PESCA Aggiornato a settembre 2013 Normativa di riferimento Regio Decreto 8 ottobre 1931 n. 1604 (R.D. 1604/31) Testo Unico delle leggi sulla pesca Legge Regionale

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n 123 del 14 dicembre 2007 In vigore dal 30 gennaio 2008

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

PRONTUARIO PESCA L.R.T. N 7/2005 E REG. N 54R/2005 GESTIONE DELLE RISORSE ITTICHE E REGOLAMENTAZIONE DELLA PESCA NELLE ACQUE INTERNE

PRONTUARIO PESCA L.R.T. N 7/2005 E REG. N 54R/2005 GESTIONE DELLE RISORSE ITTICHE E REGOLAMENTAZIONE DELLA PESCA NELLE ACQUE INTERNE PRONTUARIO PESCA L.R.T. N 7/2005 E REG. N 54R/2005 GESTIONE DELLE RISORSE ITTICHE E REGOLAMENTAZIONE DELLA PESCA NELLE ACQUE INTERNE DESCRIZIONE Esercitare la pesca senza essere munito di licenza. Art.

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S.

RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. RACCOLTA DATI RELATIVI ALLE ACQUE CONVENZIONATE F.I.P.S.A.S. Compilare una scheda per ogni corpo idrico (inviare la scheda solo tramite @mail all indirizzo: sfai@fipsas.it) Nome Impianto/Acqua convenzionata:

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LECCO SETTORE CACCIA E PESCA Servizio Pesca NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI LECCO

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LECCO SETTORE CACCIA E PESCA Servizio Pesca NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI LECCO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LECCO SETTORE CACCIA E PESCA Servizio Pesca NORME PER L ESERCIZIO DELLA PESCA PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI LECCO AGGIORNATO AL MESE DI MARZO 2007 NORME GENERALI PER LA PESCA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PESCA NELLE ACQUE DEL BACINO di PESCA N. 4

REGOLAMENTO PER LA PESCA NELLE ACQUE DEL BACINO di PESCA N. 4 REGOLAMENTO PER LA PESCA NELLE ACQUE DEL BACINO di PESCA N. 4 Per esercitare la pesca nelle acque della provincia di Belluno e nel bacino di pesca nr.4 è necessario essere muniti dei seguenti documenti:

Dettagli

Art. 1. (Modifiche all'articolo 6 della legge regionale 30 luglio 1998, n. 7)

Art. 1. (Modifiche all'articolo 6 della legge regionale 30 luglio 1998, n. 7) LEGGE REGIONALE 24 giugno 2011, n. 13. La presente pubblicazione non riveste carattere di ufficialità Classificazione 12.Flora, fauna, caccia, pesca e fruizione della produzione naturale e spontanea Legge

Dettagli

Protocollo, data e fascicolo da citare sempre nella risposta. Ai COMUNI della Provincia. Alla QUESTURA. Al COMANDO PROV.

Protocollo, data e fascicolo da citare sempre nella risposta. Ai COMUNI della Provincia. Alla QUESTURA. Al COMANDO PROV. Protocollo, data e fascicolo da citare sempre nella risposta Medaglia d'oro al Valore Civile C.so Nizza, 21 12100 CUNEO Tel. (0171)445111 Fax (0171)698620 Codice Fiscale e Partita IVA n.00447820044 www.provincia.cuneo.it

Dettagli

Prontuario. delle infrazioni in materia di pesca L.R. 37/06. Aggiornato al 21 luglio 2009

Prontuario. delle infrazioni in materia di pesca L.R. 37/06. Aggiornato al 21 luglio 2009 Prontuario delle infrazioni in materia di pesca. Aggiornato al 21 luglio 2009 PESCA 1 LICENZA - VERSAMENTI pag 3 2 LUOGHI TEMPI MISURE QUANTITA pag 3 3 MODALITA ATTREZZI pag 5 4 DIVIETI GENERICI pag 8

Dettagli

Facebook: Bacino Dodici Belluno STAGIONE 2015 CONCESSIONE DI PESCA BACINO N 12 LAGO DI CORLO E CISMON

Facebook: Bacino Dodici Belluno STAGIONE 2015 CONCESSIONE DI PESCA BACINO N 12 LAGO DI CORLO E CISMON A.S.D. Liberi Pescatori Lago di Corlo e Cismon Soggetto concessionario del Bacino n 12 della Provincia di Belluno Piazza G.Marconi, n 1 www.pescarecismoncorlo.it 32030 Arsiè (BL) bacino12@pescarecismoncorlo.it

Dettagli

DEFINIZIONE DI ESERCIZIO DI PESCA

DEFINIZIONE DI ESERCIZIO DI PESCA DEFINIZIONE DI ESERCIZIO DI PESCA Per esercizio della pesca si intende oltre che l impossessamento del pesce, anche ogni atto e comportamento che riveli univocamente il proposito di praticare tale attività.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA SULLE ACQUE DEL LAGO DI VIVERONE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale 43 del 28.11.2007 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Norme riguardanti la pesca sul lago di Pusiano

Norme riguardanti la pesca sul lago di Pusiano Il presente regolamento viene aggiornato in data 1 luglio 2012 a seguito del cambio di gestione attuato da Egirent srl che diventa nuovo titolare dei diritti di pesca e navigazione. Norme riguardanti la

Dettagli

Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia.

Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia. Regolamentazione e controllo della pesca nelle acque in concessione FIPSAS della provincia di Brescia. MODALITA DI ACCESSO Nei tratti in concessione la pesca è consentita solo ai tesserati FIPSAS, in regola

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso. (ai sensi dell art. 4 Legge Regionale 28 aprile 1998, n.

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso. (ai sensi dell art. 4 Legge Regionale 28 aprile 1998, n. Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso (ai sensi dell art. 4 Legge Regionale 28 aprile 1998, n. 19) Approvato con Delibera del Consiglio Provinciale n 11/12996

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PESCA NELLA PROVINCIA DI VICENZA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PESCA NELLA PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PESCA NELLA PROVINCIA DI VICENZA TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Carta Ittica 1. Al fine di accertare la consistenza del patrimonio ittico e la potenzialità produttiva

Dettagli

Gli indirizzi regionali per la gestione della pesca in lombardia

Gli indirizzi regionali per la gestione della pesca in lombardia Gli indirizzi regionali per la gestione della pesca in lombardia Adozione del documento tecnico ai sensi art.8 l.r.12/01 Aspetti tecnico-scientifici Gabriele Borsani Università di Milano Interventi per

Dettagli

PROPOSTA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

PROPOSTA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE REGIONE LAZIO COMUNE DI POSTA FIBRENO RISERVA NATURALE LAGO DI POSTA FIBRENO PROPOSTA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE Approvato con delibera di C.C. n. 49 del 24 giugno 1995 Esaminato il 28 luglio 1995 dal

Dettagli

PESCARE d u e m i l a 15 guida alla pesca nel bellunese

PESCARE d u e m i l a 15 guida alla pesca nel bellunese PESCARE d u e m i l a 15 guida alla pesca nel bellunese Estratto del Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno (deliberazione del Commissario Straordinario)

Dettagli

Si riportano di seguito gli articoli della legge e del nuovo regolamento di maggiore interesse per i pescatori sportivi e dilettantistici.

Si riportano di seguito gli articoli della legge e del nuovo regolamento di maggiore interesse per i pescatori sportivi e dilettantistici. Si riportano di seguito gli articoli della legge e del nuovo regolamento di maggiore interesse per i pescatori sportivi e dilettantistici. DISCIPLINA DELLA PESCA ART. 15 LICENZE DI PESCA 1. L esercizio

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) 8.5.2.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

REGOLAMENTO STAGIONE 2017

REGOLAMENTO STAGIONE 2017 A.S.D. Liberi Pescatori Lago di Corlo e Cismon Soggetto concessionario del Bacino n 12 della Provincia di Belluno Piazza G.Marconi, n 1 www.pescarecismoncorlo.it 32030 Arsiè (BL) bacino12@pescarecismoncorlo.it

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA SERVIZIO CONTROLLO TERRITORIALE

PROVINCIA DI SAVONA SERVIZIO CONTROLLO TERRITORIALE Scaricato da www.fiumi.com PROVINCIA DI SAVONA SERVIZIO CONTROLLO TERRITORIALE Savona, 29 Gennaio 2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE TUTELA AMBIENTALE VISTA la Legge Regionale n. 21 dell'11/11/2004 Norme per

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d oro al V.M. per Attività Partigiana Piazza Simonetti,36 - Tel. (0736) 2771 SERVIZIO RISORSE NATURALI CACCIA E PESCA CALENDARIO PISCATORIO PROVINCIALE ANNO 2013 (approvato

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno. - Gennaio 2012-

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno. - Gennaio 2012- Allegato b) Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno. - Gennaio 2012- ART. 1 - CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE 1. Tutte le acque fluenti e lacustri della

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n.54/r

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n.54/r DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n.54/r Regolamento di attuazione della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 7 (Gestione delle risorse ittiche e regolamentazione della pesca

Dettagli

C O M U N E D I PORTICO E SAN BENEDETTO

C O M U N E D I PORTICO E SAN BENEDETTO C O M U N E D I PORTICO E SAN BENEDETTO Area Tecnica e Lavori Pubblici P.zza Marconi,3-47010 PORTICO E SAN BENEDETTO (FC) Italia Telefono 0543 967047- Fax 0543 967243 Sito Internet: www.comune.portico-e-san-benedetto.fc.it

Dettagli

Pescare in Provincia di Treviso

Pescare in Provincia di Treviso Pescare in Provincia di Treviso VADEMECUM PER IL PESCATORE 2010 Le novità introdotte dalla LR n 4/2009 modifica della LR n 19/1998 Norme per la tutela delle risorse idrobiologiche e della fauna ittica

Dettagli

Nota marginale modificata dal R ; in vigore dal BU 1997, )

Nota marginale modificata dal R ; in vigore dal BU 1997, ) 8.5.2.1.1 Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Competenze Zona e periodi di pesca 1) IL CONSIGLIO DI STATO

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) 8.5.2.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Stato 1 gennaio 2017 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno 2004

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno 2004 Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno 2004 CLASSIFICAZIONE E SUDDIVISIONE DELLE ACQUE. In base alle indicazioni contenute nella Carta Ittica della

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) 8.5.2.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

(Stato 11 luglio 2000) Confini tra il lago, gli immissari e l emissario. del Monte Bianco a Ginevra. naturali del lago.

(Stato 11 luglio 2000) Confini tra il lago, gli immissari e l emissario. del Monte Bianco a Ginevra. naturali del lago. Traduzione 1 Regolamento d applicazione dell Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica francese concernente la pesca nel lago Lemano 2 0.923.211 Proposto della Commissione

Dettagli

CONCESSIONE DI PESCA: LAGHI NEGRISIOLA-RESTELLO-MORTO

CONCESSIONE DI PESCA: LAGHI NEGRISIOLA-RESTELLO-MORTO VAL LAPISINA INIZIATIVE FIPSAS LAGHI di VITTORIO VENETO PESCA SPORTIVA ANNO 2017 CONCESSIONE DI PESCA: LAGHI NEGRISIOLA-RESTELLO-MORTO PREMESSA Da quest anno al lago Restello si aggiungono i laghi Negrisiola

Dettagli

Bur n. 72 del 20/08/2013

Bur n. 72 del 20/08/2013 Bur n. 72 del 20/08/2013 REGOLAMENTO REGIONALE 12 agosto 2013, n. 2 Regolamento per la tutela della fauna ittica e per la disciplina della pesca nelle acque del lago di Garda. Il Consiglio regionale ha

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Art. 2 - Mezzi consentiti per la pesca dilettantistica

Art. 1 - Oggetto. Art. 2 - Mezzi consentiti per la pesca dilettantistica DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n. 54/R Regolamento di attuazione della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 7 (Gestione delle risorse ittiche e regolamentazione della pesca

Dettagli

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n.

Aggiornamento CT0402ur13 VOCE T 4.2 LRG/XIII,1 ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO. CACCIA E PESCA R.R. 22 maggio 2003, n. CACCIA E R.R. 22 maggio 2003, n. 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, n. 9 «Attuazione della L.R. 30 luglio 2001 n. 12 Norme per l incremento e la tutela del patrimonio ittico e l esercizio della pesca

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012 Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Anno 2012 Art. 1 Principi generali 1. Ai sensi dell articolo 11 comma 3 lettera a) della Legge 6 dicembre 1991

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) 8.5.2.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996)

Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) Regolamento di applicazione della Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e dei gamberi indigeni (del 15 ottobre 1996) 8.5.2.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9

REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 REGOLAMENTO REGIONALE 22 maggio 2003, 9 Attuazione della l.r. 30 luglio 2001, n. 12 Norme per l'incremento e la tutela del patrimonio ittico e l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Lombardia

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque interne della Provincia di Treviso (ai sensi dell art. 4 Legge Regionale 28 aprile 1998, n. 19) Regolamento Provinciale Pesca 1 Approvato con Delibera

Dettagli

Nuova area della Riserva Celesia

Nuova area della Riserva Celesia Nuova area della Riserva Celesia A B RISERVA CELESIA Regolamento Confini della Riserva Celesia: Ex area Riserva Celesia estesa a nord fino alla congiungente tra la Punta del Pizzo (A) e il Pontile di Blevio

Dettagli

REGOLAMENTO RISERVA DI PESCA Valido per l anno 2012

REGOLAMENTO RISERVA DI PESCA Valido per l anno 2012 REGOLAMENTO RISERVA DI PESCA Valido per l anno 2012 Il seguente regolamento si applica nelle acque oggetto di convenzione tra l Ente di Gestione Aree Protette dell Ossola e la Provincia del Verbano Cusio

Dettagli

Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e gamberi indigeni. (del 26 giugno 1996)

Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e gamberi indigeni. (del 26 giugno 1996) 8.5.2.1 Legge cantonale sulla pesca e sulla protezione dei pesci e gamberi indigeni (del 26 giugno 1996) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: la legge federale sulla pesca del 21

Dettagli

Art. 5 - Eâ vietato lâ uso della nassa. Il pesce va rimesso in acqua vivo via via che viene pescato.

Art. 5 - Eâ vietato lâ uso della nassa. Il pesce va rimesso in acqua vivo via via che viene pescato. Laghi Firenze ACQUE IN CONCESSIONE ALLA F.I.P.S.A.S. DI FIRENZE REGOLAMENTO PARTICOLARE LAGO DI GALLIANO â LAGO DI S.CLEMENTE â LAGO BORGIOLI I Laghi sono una proprietã privata convenzionata con la Federazione

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco.

Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Regolamento per l esercizio dell attività di prelievo selettivo dell ittiofauna nel Parco. Art. 1 Principi generali 1. Ai sensi dell articolo 11 comma 3 lettera a) della Legge 6 dicembre 1991 n. 394 Legge

Dettagli

<< LA SORGENTE >> REGOLAMENTO 2017 SOCIETA MANDAMENTALE PESCATORI SPORTIVI

<< LA SORGENTE >> REGOLAMENTO 2017 SOCIETA MANDAMENTALE PESCATORI SPORTIVI SOCIETA MANDAMENTALE PESCATORI SPORTIVI > 35013 CITTADELLA (PD) REGOLAMENTO 2017 Per l esercizio della pesca nelle acque oggetto della concessione di piscicoltura Riportato nel blocchetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA FAUNA ITTICA E PER LA DISCIPLINA DELLA PESCA NELLE ACQUE DEL LAGO DI ISEO. Art. 1 FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento approvato dalle Province di Bergamo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n. 54/R Regolamento di attuazione della legge regionale 3 gennaio 2005, n.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n. 54/R Regolamento di attuazione della legge regionale 3 gennaio 2005, n. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 agosto 2005, n. 54/R Regolamento di attuazione della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 7 (Gestione delle risorse ittiche e regolamentazione della pesca

Dettagli

Regolamento per l'esercizio della pesca nella provincia di Vicenza

Regolamento per l'esercizio della pesca nella provincia di Vicenza Regolamento per l'esercizio della pesca nella provincia di Vicenza TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Carta Ittica 1. Al fine di accertare la consistenza del patrimonio ittico e la potenzialità produttiva

Dettagli

Provincia di Avellino

Provincia di Avellino Provincia di Avellino Settore Agricoltura e Ricerca Scientifica Servizio Caccia e Pesca CALENDARIO ITTICO ANNO 2011 IL DIRIGENTE VISTO Il Regolamento per la pesca fluviale e lacuale. approvato con R.D.

Dettagli

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno

Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno Regolamento per l esercizio della pesca nelle acque pubbliche interne della provincia di Belluno Approvato con delibera del Consiglio Provinciale del 20 novembre 1998, n 46/336 e parzialmente modificato

Dettagli

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po

LAGO DI GHIRLAHIRLA. Tempo teorico di ricambio (anni) 0,1. Torrente Margorabbia Lago maggiore Fiume Ticino Fiume Po LAGO DI GHIRLAHIRLA Latitudine ( N): 45 55 Longitudine ( E): 08 49 Altitudine (m s.l.m.) 442 Altitudine max bacino imbrifero (m s.l.m.) 1129 Superficie lago (km2) 0,28 Superficie bacino imbrifero naturale

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valor Militare per attività partigiana

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valor Militare per attività partigiana CALENDARIO PISCATORIO PROVINCIALE ANNO 2015 Classificazione delle acque interne Ai sensi dell art.20, comma 1, della L.R. n.11/03 le acque interne sono suddivise nelle seguenti categorie, al solo fine

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valor Militare per attività partigiana

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valor Militare per attività partigiana DECRETO N. _253/ 30.11.2015 Oggetto: L.R. n. 11/2003 art. 24 - Approvazione Calendario Piscatorio Provinciale anno 2016. IL PRESIDENTE VISTA la L. 7 aprile 2014, n. 56 recante "Disposizioni sulle città

Dettagli