(MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI. Definizione di cellula staminale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI. Definizione di cellula staminale"

Transcript

1 (MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI Definizione di cellula staminale Le cellule staminali sono cellule che possono dare origine a una progenie. Più questa progenie è varia, più si dice che il potenziale della cellula staminale è alto. Sulla base del loro potenziale si definiscono: () cellule totipotenti, cioè che sono in grado di produrre qualsiasi cellula del nostro organismo, () cellule pluripotenti o multipotenti., cioè che possono dare origine ad un certo numero di tessuti. Esistono due tipi di cellule staminali: () staminali embrionali (CSE) () staminali dell adulto (CSA). Le CSE sono cellule che si ritrovano nell embrione ai primissimi stadi (morula, blastula). Esse sono totipotenti, in quanto sono in grado di dare origine a tutte le cellule dell organismo. Le CSA invece sono presenti nell adulto disperse in vari tessuti ed organi, ed il loro potenziale è più limitato. Il fenomeno per cui una cellula che si è differenziata secondo una certa linea può successivamente differenziarsi lungo un altra linea è detto transdifferenziazione. Ad esempio: una cellula neurale diventerebbe una cellula del sangue o una cellula muscolare o una cellula epiteliale. Nei mammiferi non sappiamo ancora se: (1) questo fenomeno avvenga in natura, (2) se non avvenga in natura, ma possa essere indotto in provetta mediante apposite manipolazioni e, nel caso, quanto frequente esso possa essere indotto. Si ritiene che durante lo sviluppo embrionale ed il differenziamento cellulare, il nucleo di ogni cellula vada incontro a delle modifiche a livello della cromatina. Questo processo si riteneva fondamentalmente irreversibile nel mammifero, cioè si riteneva che una cellula differenziata non potesse annullare queste modifiche e tornare ad essere in-differenziata. Tuttavia, la clonazione di dolly ha mostrato che almeno in certe condizioni questo fenomeno, che va sotto il nome di riprogrammazione può avvenire. CENNI STORICI Quello delle cellule staminali è un problema complesso che viene oggi ampiamente dibattuto sui media. Per comprendere bene le loro caratteristiche è necessario iniziare con un breve excursus storico, per passare poi ad esaminarne le potenzialità ed analizzare i risultati reali che sinora sono stati ottenuti. Qualche riflessione di carattere etico e sociale concluderà l esposizione. Tutto è cominciato nel topolino, il piccolo animale da esperimento che viene utilizzato in molte prove di manipolazione embrionale. Alla fine degli anni Settanta, nasce la tecnologia dei topi transgenici. Vari ricercatori riescono ad inserire un gene nell embrione murino al livello di una singola cellula e dimostrano che questo gene viene trasmesso a

2 tutte le cellule dell organismo che si sviluppa: nascono cioè animali che hanno tutte le cellule con un gene in più. Non solo, ma il gene produce una proteina che è in grado di funzionare anche in una specie diversa. Nel 1982 appare sulla rivista Nature un topo transgenico che è nettamente più grosso dei suoi simili non transgenici. Palmiter, Brinster e i loro colleghi hanno infatti inserito il gene dell ormone della crescita umano nel topo e lo hanno fatto produrre in eccesso, il che ha fatto sì che il topolino transgenico crescesse più della norma. Il risultato è sorprendente e serve come stimolo per altri esperimenti di embriologia sperimentale.

3 Abbiamo visto che dopo la fusione del nucleo dello spermatozoo e dell uovo, si forma un unica cellula che inizia a dividersi in maniera più o meno esponenziale fino a costituire un ammasso cellulare contenuto in una cavità: a questo stadio l embrione viene chiamato blastula o blastocisti. Nella figura sono illustrate queste prime fasi della divisione embrionale: la cellula uovo singola, l embrione a due cellule, la morula e infine la blastula. Nel 1981 Martin Evans in Inghilterra riuscì a dimostrare che se si mettevano le cellule della blastocisti in coltura, esse davano origine a linee di cellule che non morivano mai e che conservavano tutte le caratteristiche delle cellule embrionali: nascevano così le CSE, le cellule staminali embrionali. La figura illustra schematicamente la tecnica utilizzata da Evans, che consiste essenzialmente nel dissolvere la blastocisti in una piastra di coltura.

4 Totipotenza della CSE Perché staminali? Perché erano in grado di dare origine a tutti i tessuti. Infatti, se si prendono queste cellule in coltura e le si reimpianta nella blastocisti, esse crescono insieme alle cellule originarie della blastocisti e contribuiscono alla formazione di tutti i tessuti. Questo può venir facilmente dimostrato marcando le cellule in coltura in modo che possano essere seguite durante lo sviluppo embrionale: analizzando poi l animale adulto si potrà constatare che le cellule marcate si ritrovano in tutti i tessuti, compresi quelli della linea germinale. Siamo di fronte cioè ad animali chimerici, ad animali che sono formati da cellule con due genomi diversi e che per questo ricordano un po le chimere della mitologia greca. Naturalmente nel topo, la maniera più semplice per dimostrare che siamo di fronte ad una chimera è quella di usare CSE in coltura ottenute da topi con un determinato colore del pelo ed inocularle in blastocisti ottenuti da un ceppo che ha un diverso colore del pelo.

5 Come illustrato dalla figura, il topo che nascerà avrà un pelo a chiazze, perché alcune zone del suo pelo sono derivate dalle cellule della blastocisti originaria e altre dalle cellule coltivate in vitro. Il pelo pertanto è un indicatore semplice del fatto che siamo di fronte ad una chimera, ma quello che succede per la cute vale anche per tutti gli altri organi: pertanto le CSE coltivate in provetta conservano la loro totipotenzialità, sono cioè staminali al massimo grado perché possono dare origine a cellule di tutti i tessuti embrionari, comprese le cellule della linea germinale. In effetti, dalle chimere possono nascere progenie di topi che derivano dalle cellule in coltura, e questo apre la via alla creazione di animali modificati a piacere: infatti se si modificano le cellule in coltura, parte della progenie della chimera sarà costituita da animali anch essi modificati. Nasce in questo modo, alla fine degli anni Ottanta, la tecnologia dei topi knockout, su cui tuttavia non possiamo dilungarci ulteriormente. Quello che ci interessa sottolineare è che le CSE hanno un completo potenziale differenziativo, ma che per ottenerle è necessario dissolvere l embrione: questo particolare, che ovviamente non ha importanza quando si tratta di topi, diventa, come facilmente intuibile, assai problematico nel caso dell uomo. In realtà per quasi 20 anni, le CSE del topo rimasero le uniche cellule staminali embrionali disponibili per studi di modificazione genetica, ma nel 1998 Thompson e i suoi collaboratori all Università del Wisconsin riuscirono ad ottenere CSE umane. Si apriva così la possibilità di utilizzare queste cellule per produrre cellule di tessuti umani da utilizzare durante la terapia in tutti quei pazienti in cui un particolare organo avesse perso le sua naturale funzionalità.

6 POTENZIALITA, CELLULE STAMINALI EMBRIONALI E CELLULE STAMINALI DELL ADULTO Potenzialità delle staminali Vi sono molte situazioni in patologia umana in cui un particolare tessuto o organo vanno incontro a degenerazione, in quanto le cellule muoiono e non vengono più sostituite. Come esempi illustrativi possiamo citare: () l aplasia midollare, in cui le cellule del midollo osseo non vengono più prodotte; () il morbo di Parkinson, in cui le cellule della sostanza nigra scompaiono; () l infarto miocardio, in cui in seguito all anossia una parte di muscolo cardiaco viene distrutta e sostituita con tessuto cicatriziale. In tutte queste condizioni, se avessimo a disposizione cellule con cui ricreare i tessuti scomparsi, forse potremmo fare qualcosa per il malato. E il settore della medicina rigenerativa, che sinora può utilizzare solamente organi e tessuti presi da cadaveri o in casi più limitati, da donatori viventi. Un trapianto di cuore deve essere necessariamente da cadavere, mentre per alcuni tessuti, come il midollo osseo, si può ottenere materiale da un donatore vivente; nel caso della pelle o della cornea a volte è possibile ricorrere al malato stesso. In tutti i casi tuttavia la medicina rigenerativa ha due grossi problemi da risolvere: la scarsità di organi e il problema del rigetto. Possono le cellule staminali aiutare a risolvere questo problema? In teoria, certamente. Come funzionano le CSE In cosa consisterebbe questo approccio delle CSE? Come mostrato nella figura, le cellule della blastocisti vengono dissociate in una piastra da coltura e dopo alcuni giorni vengono stimolate con diversi fattori di

7 crescita che si pensa abbiano un ruolo nella differenziazione dei vari tessuti. A seconda del cocktail di fattori usati, si potrebbero ottenere i tessuti desiderati: () cellule delle isole pancreatiche per la cura del diabete, () cellule del muscolo cardiaco per l infarto miocardico, () cellule del sangue per trasfusioni, () cellule nervose per la cura del morbo di Parkinson o della malattia di Alzheimer, () cellule del midollo osseo per la cura di malattie come le immunodeficienze. Naturalmente siamo ancora molto lontani da queste applicazioni, perché lo studio delle CSE umane è appena cominciato tra mille difficoltà. Ma nel topo alcuni risultati sono stati ottenuti. Ma le CSE non sono le uniche cellule che potrebbero essere utilizzate in questo modo. Le CSE sono certamente le cellule più versatili, in quanto in grado di dare origine a tutti i tessuti dell organismo. Ma le cellule staminali con un potenziale un po più limitato esistono anche negli organismi adulti, e ovviamente anche nei feti. Non sarebbe possibile utilizzare queste ultime, così da evitare di dover dissolvere gli embrioni, passaggio attualmente indispensabile per ottenere le CSE? Vediamo allora più da vicino queste cellule staminali dell adulto che abbrevieremo con CSA. Come sappiamo, molti tessuti si rinnovano continuamente: la pelle ad esempio perde continuamente cellule dal suo strato corneo e per sostituirle ne produce altre a partire da uno strato più profondo. Questo significa che la cute possiede delle cellule in grado di produrne altre, e questo per tutta la vita dell organismo. Queste cellule sono appunto le CSA. Lo stesso avviene nel midollo osseo, che deve produrre cellule del sangue continuamente: anch esso possiede dunque delle CSA. E anche il fegato, se colpito da un insulto grave, può ricostruire il suo parenchima, cioè può mettersi a produrre nuove cellule del fegato. Non solo, è stato dimostrato che anche tessuti che venivano una volta ritenuti non in grado di replicarsi, come il tessuto muscolare e il tessuto nervoso, possiedono CSA. Non sarebbe possibile utilizzarle per ottenere i tessuti di cui abbiamo bisogno per affrontare il problema della scarsità di trapianti? Vediamo concretamente cosa può succedere con le cellule dell adulto, prendendo come esempio le CSA del midollo osseo. Nel midollo osseo vengono prodotte una grande quantità di cellule, tra cui tutte le classiche cellule del sangue: granulociti (cellule della serie mieloide), linfociti, globuli rossi (cellule della serie eritroide), piastrine; ma anche osteoclasti e osteoblasti che contribuiscono alla formazione delle ossa, e altre. E possibile pertanto prendere queste CSA e produrre a partire da esse cellule di tutti questi tipi tissutali? Certamente, ed in effetti è quello che si fa con il trapianto di midollo, una pratica terapeutica che viene utilizzata da decenni con risultati soddisfacenti: moltissimi pazienti che presentavano difetti nelle cellule prodotte dal midollo osseo sono stati curati in questo modo. In effetti, il cosiddetto trapianto di midollo è un trapianto di cellule staminali ematopoietiche. Essendo le cellule del midollo facilmente ottenibili, la pratica del trapianto di midollo non ha il problema della scarsità di organi, ma mantiene purtroppo quello del rigetto, che ne limita di fatto l applicabilità. Ma altre CSA non sono facilmente ottenibili. Pensiamo alle cellule del sistema nervoso. Come abbiamo detto, anche il tessuto nervoso contiene cellule staminali che coltivate in provetta possono dare origine a cellule nervose e a cellule dellaglia. Ma queste non sono facilmente ottenibili, almeno per ora, perché sono contenute all interno della scatola cranica. Stesso discorso per il cuore: è probabile che anche il cuore abbia cellule in grado di produrre cardiomiociti, ma esse non sono facili da ottenere (entrambe queste cellule ovviamente potrebbero essere ottenute da cadaveri, ma in tal caso dovrebbero ancora

8 affrontare, ovviamente, il problema del rigetto). Ma siamo sicuri che non esistano nell adulto cellule staminali da poter produrre cellule di altri tessuti? Non potrebbero esserci nell adulto cellule che abbiano un potenziale simile a quello delle CSE? Per lungo tempo si è creduto di no, si pensava che nell individuo adulto esistessero solo CSA con un potenziale di rigenerazione limitato al tessuto in cui erano localizzate: da CSA del midollo osseo potevano derivare solo le cellule del sangue, dalle cellule della cute solo cellule della cute e così via. Ma recentemente questa limitazione è stata messa in dubbio. Alcuni ricercatori hanno portato dati che suggerivano che le CSA potessero in qualche modo ritornare sui loro passi e riprogrammarsi secondo i programmi differenziativi propri di altre cellule. In altre parole, si è suggerito che le cellule del midollo osseo potessero produrre anche cellule di altri tessuti. Questo fenomeno è stato inizialmente chiamato transdifferenziazione per indicare che una CSA poteva passare da un tipo di differenziazione ad un altro, ma è forse meglio indicarlo come plasticità. Se la plasticità fosse vera, sarebbe molto facile produrre tessuti di tutti i tipi, compresi quelli del cuore e del cervello, perché si potrebbe partire dalle CSA del midollo osseo e, tramite condizioni di coltura appropriate, ottenere tessuti a piacere, come mostrato nella figura, in cui si mostra come dalle cellule del sangue potrebbero essere derivate cellule del tessuto scheletrico, del cervello, del cuore ecc. Lo stesso si potrebbe dire per la pelle, un altro tessuto le cui staminali sono facili da ottenere. Purtroppo gli studi iniziali che avevano portato ad ipotizzare l esistenza della plasticità delle CSA sono stati ridimensionati. Oggi è molto dubbio che una plasticità delle CSA, sfruttabile a scopi terapeutici, esista realmente. Al momento vi sono scarsissime speranze di poter utilizzare questo supposto fenomeno nella cura dei pazienti. Ma il discorso è ancora aperto, la scienza ci ha abituato a molte sorprese e non è da escludere che in futuro una miglior conoscenza dei fenomeni differenziativi non ci possa consentire di riprogrammare le CSA in maniera tale da indirizzarle verso altri destini differenziativi. In fondo, la clonazione non è altro che una riprogrammazione del nucleo che avviene tramite il suo inserimento nel citoplasma di un uovo: perché non si dovrebbe essere in grado di conoscere questo fenomeno in maniera tale da utilizzarlo in altre situazioni? LA CLONAZIONE Nel febbraio 1997 il mondo intero venne scosso dalla pubblicazione della clonazione di un mite agnellino chiamato Dolly,

9 il primo mammifero clonato da una cellula di un adulto. Un individuo clonato da una cellula derivata da un adulto ha praticamente lo stesso genoma dell individuo da cui la cellula deriva e questo realizza quanto fino al 1997 era stato solamente ipotizzato nei libri di fantascienza. Il significato della clonazione di mammiferi per i biologi è tuttavia il seguente: il genoma di una cellula adulta è identico a quello delle cellule embrionali e non ha subito durante il processo di differenziamento modificazioni irreversibili, tanto che tutte queste modificazioni - per altro pochissimo conosciute - possono essere azzerate attraverso il trasferimento del nucleo (che contiene il genoma) in un oocita enucleato. Il nucleo, quindi, è come un computer che può essere resettato a piacimento. Come avviene tecnicamente la clonazione? Con la metodica del trasferimento nucleare in oocita enucleato. Un oocita (uovo) non fecondato viene privato del suo nucleo con una metodica meccanica illustrata nella figura, in cui si vede come una sottile pipetta di vetro penetri nell oocita e ne risucchi sia il pronucleo che il globulo polare (PB) che contiene il genoma di una precedente divisione dell oocita. A questo punto viene inserito il nucleo della cellula dell adulto che si vuole utilizzare. Nella procedura illustrata dalla figura la cellula intera, qui rappresentata da un fibroblasta (F), ma che in linea di principio potrebbe essere qualsiasi altro tipo di cellula, viene posta all interno della zona pellucida: le due cellule si fonderanno da sole e tramite appropriate stimolazioni, la nuova cellula formata comincerà di nuovo a dividersi. In alcuni casi, lo sviluppo di questa cellula giungerà allo stadio di blastocisti. Se la blastocisti verrà impiantata, l embrione potrà svilupparsi ulteriormente e giungere eventualmente al termine della gravidanza. Questa è la clonazione riproduttiva. Quindi, riassumendo, per clonazione riproduttiva si intende la produzione di un nuovo organismo identico ad un altro. Questo oggi viene generalmente compiuto attraverso la procedura del trasferimento del nucleo di una cellula originata da un organismo adulto in un uovo cui è stato tolto il nucleo.

10

11 Si può clonare un essere umano? Questa procedura è stata messa a punto inizialmente da Ian Wilmut e dai suoi colleghi del Roslin Institute di Edimburgo sulla pecora, ma si è ormai dimostrata possibile in una ventina di specie diverse di mammiferi, compreso il gatto, il cane, il topo, il bovino e il cavallo. Potrebbe essere possibile anche nell uomo? In teoria sì, in pratica, anche prescindendo dalle implicazioni etiche, le difficoltà da superare anche dal punto di vista tecnico sono al momento attuale notevolissime. La procedura della clonazione anche negli animali più studiati resta una procedura con un efficienza molto bassa e rischi notevolissimi: si andrebbe incontro a numerosi aborti e a nascite di bambini malformati. Pertanto attualmente nessun centro di ricerca pubblico persegue la clonazione riproduttiva nell uomo e l opinione pubblica, scienziati compresi, è contraria ad eseguirla nell uomo. La clonazione terapeutica La clonazione riproduttiva, cioè quella effettuata nel caso di Dolly, consiste quindi nella produzione di un organismo nuovo che contiene lo stesso genoma dell individuo da cui è stato ottenuto il nucleo (la cellula) usato per il trasferimento nucleare. Essa comunque va distinta da quella che impropriamente è stata poi chiamata clonazione terapeutica. In cosa si distingue la clonazione terapeutica da quella riproduttiva? Essenzialmente nel fatto che l embrione giunto allo stadio di blastocisti non viene reimpiantato ma viene dissolto e le sue cellule vengono poste in coltura per ottenere le cellule staminali come aveva fatto Martin Evans nel 1981 per gli embrioni murini. In pratica, nella clonazione terapeutica, il clonaggio, cioè il trasferimento di un nucleo di una cellula somatica adulta in un oocita cui è stato asportato un nucleo, viene utilizzato semplicemente come un artificio per ri-programmare il nucleo della cellula adulta che, così com è, non è in grado di essere utilizzata come cellula staminale. Il nucleo esposto a tutti i fattori contenuti nel citoplasma dell uovo subisce una serie di modificazioni, di cui non sappiamo quasi nulla, che cancellano tutte le programmazioni in corso e gli restituiscono lo status di cellula nondifferenziata, quale quello che è appannaggio delle CSE. Questa ri-programmazione d altro canto, non sembra un evento semplicissimo, dal momento che avviene solamente in una piccola porzione dei trasferimenti effettuati, e questa difficoltà nel ritornare allo stadio non programmato è alla base della scarsa efficienza della clonazione, sia essa riproduttiva o terapeutica.

12 Una volta che la riprogrammazione è avvenuta e che le cellule staminali sono state ottenute, noi siamo di fronte alla stessa situazione che avevamo con le CSE ottenute nella maniera classica. Pertanto, la procedura schematizzata nella figura ci mostra come le cellule staminali ottenute mediante la clonazione terapeutica possano poi venir indirizzate a produrre cellule dei tessuti desiderati, esattamente nella stessa maniera in cui possono venir utilizzate le CSE classiche. Ma con un evidente vantaggio: dal momento che queste cellule derivano da un adulto, esse saranno perfettamente compatibili con lui e pertanto non verranno rigettate. Quindi, la procedura della clonazione terapeutica consente di affrontare quello che è il secondo grande problema dei trapianti: il rigetto. Non solo, ma dal momento che, come abbiamo visto per le CSE del topo, le CSE sono geneticamente modificabili, è possibile, in linea teorica, correggere le CSE ottenute a partire da cellule di pazienti con malattie genetiche prima di utilizzarle per ottenere le cellule necessarie per la rigenerazione tissutale. Purtroppo, al momento attuale le CSE umane, siano esse ottenute con o senza la procedura della clonazione terapeutica, possono essere ottenute solamente da embrioni. Questi embrioni potrebbero venir creati all uopo oppure si potrebbe usare embrioni congelati che i genitori non intendono più utilizzare. In ambedue i casi, l embrione viene distrutto e questo ripugna molti. Per questo motivo si stanno studiando alternative alla produzione di CSE che non richiedano la dissoluzione dell embrione. Una di queste alternative potrebbe essere la biopsia dell embrione, da cui ottenere una o alcune cellule da cui ricavare linee di CSE: questa procedura, in teoria percorribile, presenta tuttavia due problemi. Il primo è che sinora nessuno è stato ancora in grado di ottenere CSE in questo modo, neanche nel topo; il secondo è che la biopsia dell embrione comunque non è scevra di rischi per l embrione stesso. Schema riassuntivo Al termine di queste considerazioni, può essere utile riassumere la strategia generale dell utilizzo di cellule staminali, siano esse dell adulto (CSA) o di origine embrionale (CSE). Un malato con una malattia degenerativa cerebrale, ad esempio il morbo di Parkinson, non ha più neuroni nella sua sostanza nigra. Si può tentare di trattarlo con due diversi approcci.

13 Nel primo caso (destra) possiamo cercare di ottenere con una biopsia cerebrale alcune CSA neurali, coltivarle per ottenerne un numero sufficiente di neuroni dopaminergici (che sono quelli carenti nel Parkinson) e poi inocularli nel cervello del malato. Oppure (sinistra) possiamo effettuare un trasferimento nucleare nell oocita enucleato, lasciarlo sviluppare fino allo stadio di blastocisti, ricavarne le cellule allo stadio di CSE, farle successivamente differenziare verso la linea neuronale dopaminergica e di nuovo inocularle nel cervello. Nella figura è illustrata anche la clonazione riproduttiva, che avrebbe luogo se si reimpiantasse la blastocisti nell utero di una donna. Vale la pena di precisare che al momento attuale la clonazione riproduttiva non è un obiettivo che la maggior parte degli scienziati intenda perseguire. LA SITUAZIONE ATTUALE DELLA MEDICINA RIGENERATIVA Vediamo ora quali risultati concreti siano stati ottenuti sinora con le cellule staminali embrionali. I risultati più notevoli sono per ragioni ovvie, stati ottenuti nel topo, in cui le CSE sono note da oltre 20 anni. In effetti, quello che sappiamo sulla biologia delle CSE lo si è appreso principalmente dal topo. Le CSE si sono in effetti dimostrate in grado di differenziarsi in vitro in vari tessuti e in grado, se inoculate nell animale, di contribuire alla guarigione di alcune malattie. Tuttavia presentano un problema: se inoculate direttamente in vivo possono causare la crescita di tumori, chiamati teratomi. Si tratta di tumori che presentano una differenziazione in vari tessuti, in accordo col potenziale differenziativo che hanno queste cellule. Il potenziale differenziativo delle CSE è tale che si è riusciti ad ottenere spermatozoi da CSE. Parimenti, si è pure riusciti ad ottenere oociti da CSE. Questi risultati dimostrano, come del resto atteso, che il potenziale delle CSE non si limita alle cellule somatiche, ma riguarda anche le cellule della linea germinale. Anche questo risultato apre nuove problematiche, in quanto le uova ottenute dalle CSE hanno potuto svilupparsi fino allo stadio di blastocisti. Sarebbe pertanto possibile, almeno in linea teorica, ottenere organismi interi a partire dalle CSE.

14

15 Ma forse il risultato più interessante ottenuto sinora nel topo è stato quello descritto dal gruppo di Jaenisch nel Questi ricercatori hanno simulato nel topo l intera procedura della clonazione terapeutica che potrebbe dimostrarsi utile anche nell uomo. Essi hanno preso un ceppo murino affetto da una nota malattia genetica, una SCID (immunodeficienza combinata grave) dipendente da un difetto in un gene chiamato RAG e hanno eseguito la procedura di trasferimento nucleare, trasferendo il nucleo di una cellula di un topo affetto da SCID in un oocita. L embrione così formato è stato poi lasciato svilupparsi fino allo stadio di blastocisti, da cui sono state ottenute CSE. A questo punto i ricercatori hanno utilizzato la procedura della ricombinazione omologa su queste CSE, correggendo quindi il difetto nel gene RAG. Le CSE così corrette sono poi state fatte differenziare verso la linea ematopoietica e sono state poi inoculate in un topo malato. Si è ottenuto un notevole miglioramento della malattia grazie alle cellule inoculate e, dal momento che le CSE erano geneticamente identiche a quelle del ricevente, non vi è stato nessun rigetto. Bisogna stare molto attenti però perché le procedure sono complesse e gli artefatti sono sempre dietro l angolo. Esaminiamo ad esempio questo caso. Il gruppo di Ronald Kay ha fatto differenziare le CSE verso la linea delle cellule delle isole di Langherans che sono quelle che producono insulina: si tratterebbe di un importantissimo progresso verso una futura cura del diabete. In effetti i ricercatori hanno ottenuto cellule che contenevano insulina in quanto reagivano con un anticorpo specifico per questa sostanza.

16 Ma quando altri ricercatori hanno cercato di riprodurre questi risultati, non sono stati in grado di dimostrare che nelle cellule fosse presente l mrna che produceva insulina. Come poteva esserci la proteina se la cellula non trascriveva il gene dell insulina? Resi sospettosi da questa anomalia, i ricercatori hanno eseguito appropriati controlli e hanno potuto dimostrare che l insulina non era prodotta dalle cellule ma veniva semplicemente assorbita dal terreno di coltura. Le cellule pertanto non si erano affatto differenziate lungo la linea desiderata. Questo esempio dimostra che la strada delle CSE, per quanto promettente, è ancora per molti versi inesplorata. Risultati con cellule dell adulto E nell uomo a che punto siamo? La ricerca qui è molto più lenta, per una serie di ragioni. In primo luogo vi sono problemi etici che rendono difficoltoso eseguire questi esperimenti in molte nazioni. In secondo luogo, vi sono poche linee di CSE umane e, in generale, la loro biologia è poco conosciuta. In terzo luogo, la procedura di clonazione terapeutica richiede degli oociti umani che sono molto difficili da ottenere. Per tutte queste ragioni i risultati sono scarsi. Bisogna tuttavia segnalare che un primo passo è stato eseguito da scienziati coreani che hanno ottenuto CSE attraverso la procedura di trasferimento nucleare in ben 11 pazienti affetti da varie malattie. Questi esperimenti sono stati molto dibattuti. Che dire invece delle cellule staminali dell adulto? Beh, innanzitutto bisogna dire che anche se il termine di CSA è abbastanza nuovo per il grande pubblico, esse sono state

17 ampiamente utilizzate in terapia umana nel caso del trapianto di midollo e del trapianto di cute. Il trapianto di midollo in fondo non è altro che un trapianto di cellule staminali ematopoietiche e viene usato in moltissime situazioni in cui le cellule del midollo non vengono prodotte o in cui sono difettose per un alterazione genetica. La SCID che abbiamo visto curata nel topo dal gruppo di Jaenisch tramite la clonazione terapeutica, viene abitualmente curata nell uomo mediante trapianto di midollo. In questo caso però vi è il problema del rigetto, per cui se un paziente non ha donatori compatibili le possibilità di successo sono scarse. D altro canto, con i metodi attuali non è facile correggere il difetto nelle CSA, per cui la clonazione terapeutica rimane una scelta che potrebbe avere dei vantaggi. Un altro tipo di risultati ottenuti con le CSA è, a guardar bene, anche il trapianto di organo. Infatti, quando si effettua un trapianto di rene, si trapiantano cellule mature ma anche CSA del rene. Se queste CSA non esistessero nel rene, dopo un po il rene si atrofizzerebbe perché le cellule dell organo vengono costantemente sostituite. Potranno le CSE o le CSA risolvere anche i problemi dei trapianti d organo? Qui il discorso è più complesso, perché anche se le CSE potessero venir indirizzate a produrre cellule renali o se le CSA renali venissero spinte a produrre tutti i tipi di cellule presenti in un rene, come potremmo fare per riformare la struttura tridimensionale dell organo? Il rene è un organo con una struttura così complessa che oggi come oggi non sapremmo da che parte cominciare. Quello della ricostituzione della struttura tridimensionale di un organo è uno dei problemi che inizia oggi ad essere affrontato. Non sappiamo quante difficoltà dovranno essere superate, anche se è probabile che queste difficoltà possano essere diverse a seconda dell organo: ad esempio porrebbe essere più facile costruire un osso che non un rene. E per quanto riguarda il cervello? Si sente molto parlare di cellule staminali per la cura di malattie degenerative come il morbo di Parkinson, la malattia di Alzheimer o la sclerosi multipla. In realtà il

18 Parkinson è stata la prima malattia neurodegenerativa in cui si è cercato di inoculare cellule per guarire il difetto prima ancora che tutto il dibattito attuale sulle cellule staminali cominciasse. La ragione della scelta di questa malattia è semplice: le cellule che degenerano sono relativamente poche e contenute in una specifica regione del cervello, relativamente ben conosciuta. La patogenesi del Parkinson infatti è dovuta alla morte dei neuroni che producono dopamina e che sono raccolti nella substantia nigra. Negli anni Novanta vari gruppi hanno inoculato cellule, ottenute dalla substantia nigra di feti, nel cervello di pazienti affetti da Parkinson con risultati incerti; l unico studio ben controllato, pubblicato qualche anno fa, ha mostrato che questa procedura non ha sortito alcun beneficio. Questo risultato pone dei dubbi in generale sull approccio dell inoculo di cellule staminali di vario genere nel cervello di malati affetti da malattie neurodegenerative o da gravi traumi cerebrali. La difficoltà da superare infatti è dovuta al fatto che ogni neurone ha un infinità di connessioni che vengono formate prima della nascita (anche se possono poi essere in parte modificate anche durante la vita postnatale) e che non è affatto chiaro come cellule inoculate possano riformarle tutte. Forse la sclerosi multipla, il cui difetto è di natura diversa da quella di Parkinson e Alzheimer, potrebbe giovarsi delle cellule staminali, come recentemente suggerito da uno studio nell animale da parte del gruppo di Gianvito Martino a Milano. Cellule staminali fetali Come abbiamo accennato precedentemente, i primi esperimenti sul Parkinson sono stati effettuati prelevando neuroni dopaminergici dalle substantiae nigrae di feti che erano stati abortiti spontaneamente. In generale, si tende a non utilizzare cellule di feti abortiti volontariamente perché vi sarebbe il pericolo che una gravidanza venisse iniziata al solo scopo di ottenere cellule per trattare i pazienti. Questo approccio fu scelto perché prima del 1998 non si parlava ancora di CSE o CSA neurali. D altro canto erano necessari parecchi feti per trattare un solo paziente, per cui comunque vi era un problema di scarsità di organi. Tuttavia oggi che le nostre conoscenze sulla coltura di cellule staminali sono più avanzate, vi è la possibilità di utilizzare cellule fetali per la medicina rigenerativa. I vantaggi sono molteplici, ma i più rilevanti sono due: () da un lato, non vi sono pregiudiziali etiche all uso di cellule fetali da aborti spontanei; () dall altro è probabile che la potenzialità delle cellule fetali sia comunque più elevata di quelle delle cellule staminali dell adulto. Ad esempio potrebbe essere relativamente facile ottenere cellule staminali fetali (CSF) di tipo neurale che nell adulto non sono di facile ottenimento. Per quanto riguarda le CSF ematopoietiche, potrebbe esservi un vantaggio ulteriore rispetto alle corrispondenti CSA, legato alla risposta immunologica. Infatti nel caso delle CSA ematopoietiche, oltre al classico problema del rigetto presente per tutti gli organi, in cui il ricevente rigetta i tessuti del donatore, vi è anche il problema della graft versus host disease (reazione del tessuto del donatore contro il ricevente) (GVHD) in cui le cellule del donatore non riconoscono quelle del ricevente: questo perché anche il donatore possiede dei linfociti che riconoscono le cellule dell ospite come non-proprie. Ma nel caso delle CSF potrebbe essere che i linfociti siano ancora immaturi e pertanto non ancora educati a riconoscere le cellule dell ospite come diverse da loro. Vale la pena di menzionare qui anche l uso delle cellule del cordone ombelicale. Al momento del parto rimane del sangue nel cordone ombelicale che in genere viene scartato. Si è però visto che tale sangue contiene un buon numero di cellule staminali ematopoietiche che originano dal feto, che possono essere sfruttate per trapianti successivi. Si è così iniziato ad implementare delle banche di sangue ombelicale e a

19 renderle disponibili alla comunità scientifica. Si tratta di un interessante possibilità, che richiede tuttavia uno sforzo economico non indifferente per la conservazione, la tipizzazione e la distribuzione di queste cellule. Vale la pena infine di menzionare un approccio alternativo al problema del rigetto. Studi nell animale hanno da tempo stabilito che l inoculo di cellule di un altro genotipo nei feti il cui sistema immunitario è ancora immaturo, non vengono rigettate ma vengono riconosciute come proprie dall organismo. In altre parole, si crea una tolleranza verso le cellule inoculate anche se queste hanno un sistema di istocompatibilità diverso da quello dell ospite. Pertanto, si potrebbe pensare di superare il problema del rigetto tramite l inoculo di cellule durante la vita fetale. Questo approccio potrebbe essere utile in tutte le malattie genetiche per le quali esista la possibilità di una diagnosi prenatale, ma è particolarmente importante in tutti quei casi in cui i segni della malattia sono già presenti alla nascita. Si tratta di un approccio che, anche se già utilizzato nell uomo, necessita di essere attentamente verificato per comprenderne pienamente le potenzialità. CONSIDERAZIONI ETICHE E LEGALI Il tema della clonazione, delle cellule staminali e della medicina rigenerativa non sarebbe completo senza una breve discussione delle implicazioni etiche, sociali e legali. Nel 2000, una Commissione di esperti voluta dall allora Ministro della Sanità Umberto Veronesi e presieduta da Renato Dulbecco, affrontava questi temi e emanava un rapporto. Si legge nel rapporto: La Commissione ha riconosciuto esenti da problemi etici irrisolvibili: () l uso delle cellule staminali adulte e da cordone ombelicale () l uso di cellule staminali da materiale abortivo () l uso di cellule staminali da trasferimento nucleare. purché non comporti lo sviluppo di embrioni umani. Queste frasi rappresentano i punti su cui la Commissione ha raggiunto un accordo, anche se sull ultima affermazione ci sono delle interpretazioni diverse. Si legge inoltre che: La Commissione ha lasciato aperto al dibattito etico i seguenti punti: () L uso di materiale da embrioni sovrannumerari. () L uso di singole cellule ottenute dalla blastocisti, durante la fase diagnostica preimpianto della fecondazione assistita () L uso di embrioni prodotti specificamente per scopi terapeutici. Queste frasi invece rappresentano i punti su cui non si è raggiunto un accordo. In realtà, oggi non vi è una legge specifica a proposito di clonazione e cellule staminali. Tuttavia nella legge emanata nel 2004 sulla procreazione assistita sono stati introdotte alcune frasi che sono di rilevanza in questi argomenti. L Art 12, comma 7 recita: Chiunque realizza un processo volto ad ottenere un essere umano discendente da un unica cellula di partenza, eventualmente identico ad un altro essere umano è punito con la reclusione da 10 a 20 anni e con la multa da a un milione di euro. Questo comma vieta la clonazione riproduttiva.

20 L Art 13, comma 3 della stessa legge afferma: Sono comunque vietati: c) interventi di clonazione mediante trasferimento di nucleo o scissione precoce dell embrione o di ectogenesi sia a fini procreativi sia di ricerca d) la fecondazione di un gamete umano con un gamete di specie diversa. Questo comma vieta anche la clonazione terapeutica. Conclusioni Le cellule staminali rappresentano uno strumento di grande interesse per la cura di numerose malattie, genetiche o acquisite, in cui le cellule di un particolare tessuto sono andate incontro a degenerazione e necessitano di essere sostituite. E difficile dire quale dei vari approcci che abbiamo qui brevemente esposto si rivelerà più efficace. La scelta dipenderà sia dai risultati concreti ottenuti con le diverse strategie che da considerazioni etiche.

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli