IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIALOGO COME FORMA E STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA PERSONA UMANA"

Transcript

1 Nuove Indicazioni Nazionali Progetto di formazione e ricerca della Bassa Veronese degli istituti: IC Bovolone, IC Cerea, IC Salizzole, IC Nogara, IC Cerea, IC Minerbe Percorso di ricerca azione sviluppato nell IC di Minerbe: Laboratorio dialogico applicato a storie e racconti Parlato, Registrato, Trascritto (PRT) di altri laboratori d oralità realizzati dai corsisti nelle classi di competenza per il quarto e ultimo incontro GRUPPO DOCENTI DEL PRIMO CORSO 1) Zenzanò; Insegnanti Almari Paola e Tassello Giuliana Gruppo omogeneo 5 anni (13/05/2014) Ai bambini viene raccontato il capitolo ottavo del testo di Zenzanò. La premessa è, come in tutti gli altri laboratori, che volevamo condividere una storia che è molto piaciuta a noi insegnanti. A differenza di altre storie che vengono raccontate in sezione, questa ha davvero colpito nel segno e molti bambini ascoltano a bocca aperta l evolversi del racconto. Elia quasi alla fine del racconto interrompe dicendo che il bambino << che era il bambino orco >> Ins.: bravissimo Elia [ ] Matilde: ma cosa facciamo con questi fogli disegniamo quello che abbiamo sentito giusto? Ins.: SI Elia: quello che vogliamo? Ins.: quello che volete, liberamente Viene lasciato il tempo ai bambini di disegnare e colorare Ins.: Chi vuole raccontare quello che ha disegnato? Sofia: io ho disegnato il bambino che aveva catturato anche l orco e l essere umana Martina: eh il.. ho disegnato il bambino con il papà e la mamma Micol: ho disegnato la mamma, l orco e il bambino Gloria: io ho disegnato solo la umana Nicole: ho disegnato che scappavano nella foresta Nicolò: l orco con gli alberi Emma: il papà, la mamma, il bambino e l orco Andrea: ho disegnato quattro bambini Sofia: a me sono piaciuti tutti gli umani Nicolò: a me l orco e gli alberi [.] Uno dei bambini stava fermo con il suo disegno in mano Ins.: Davide ha un bellissimo disegno in mano Sofia: è uguale a Nico Gloria: ma no perché Nico li ha fatti in fila, non li ha fatti sopra e sotto

2 Sofia: si ma sono sempre alberi eh Nicolò: e dopo lui ha fatto anche il fiorellino, io no Sofia: ma lo ha anche cancellato e non c è nella storia il fiorellino Poi a bassa voce continuano a discutere tra di loro su questo fiorellino non si vede quasi più Si allegano alcuni dei disegni dei bambini 2

3 3

4 2) Zenzanò, Ins.te Claudia Frameglia (trascrizione della registrazione) Franc: Gli orchi cattivi non dovevano prendere i bambini per mangiarseli! Giov.: Visto che prendevano i bambini, gli orchibifolchi abitando nelle foreste forse non hanno sentito che le regole erano cambiate Maria: Può essere. Giov.: Oppure non erano per nulla umani e così capivano poco. Sim.: Forse hanno un cervello piccolo. Dav.: Mi meraviglio che siano usciti vivi i bambini dalle mani di quegli orchi! Mattia: Per me erano solo quegli orchi là così cattivi! (Silenzio) Mat.: e poi come potevano mangiare anche gli elefantorchi? Maria: Nemmeno io ho capito Mat.: Potrebbe essere che non fossero così selvatici da mangiare, ma come gli animali Leo.:. domestici! Matt.: Appunto! E magari erano adorabili! (silenzio) Aless.: A me è piaciuto quando le persone che hanno rapito il bambino sono state inseguite dal papà con il cammellorco. Maria: Ma perché rapivano solo i bambini? Mat.: Ma perché in tutte le storie di orchi sempre gli orchi mangiano i bambini! Giov.: Sì, però questa è una storia dentro una storia. Maria: Quale storia dentro la storia? Giov.: La storia degli orchi normali e degli orchi che si mangiano tra loro Ari.: Io sono rimasta colpita quando alla fine si è saputo che l orchetto era un bambino! Ele.: Anche a me è piaciuto quando l orchetto è diventato bambino. Maria: ma era già un bambino, non lo è diventato! Ele.:.e anche l orca era una bambina! Maria: una donna! Chi raccontava la storia era una persona adulta! Chiara: Gli orchi avevano nomi che facevano ridere. Ari.: Maestra, ci fai vedere i disegni che ci sono sulle fotocopie del racconto? (La maestra mostra le illustrazioni) Ari.: Allora l orco è quasi uno scimpanzé! Lo pensavo bruttissimo! (silenzio) Maria: però è stato bello quando hanno scoperto che l orchessa e uno dei fratelli erano umani! Peccato sia stato alla fine! Mat.: Ma come potevano gli altri orchi non essersi mai accorti che vivevano con degli umani? Maria: Ma forse non si erano mai fatti tante domande Fran.: Oppure si erano travestiti così bene che gli altri non se ne erano accorti Leo.: Avranno avuto dei poteri magici Mat.: Ma noooo! E impossibile travestirsi! Il viso da orco vedi bene che non è il viso di un umano! Dav.: E stata una storia molto triste! Hamza: Perché, maestra, ci hai letto una storia così triste? Maestra: Non avrei dovuto leggervi questa storia? Fran.: Hamza, ma questa è una storia che fa parte delle storie tristi. Poi ci sono altri tipi di storie da raccontare Giov.: e in tante storie tristi accadono fatti come questi poi però viene il lieto fine! Franc.: Nella maggior parte delle storie tristi per fortuna c è il lieto fine! 4

5 3) Zenzanò di Rita Aglietti; Ins.te Manara Patrizia; classe I B prim.di Villa B. (19/05/2014) INS:. Allora bambini vi è piaciuta la storia? LEONARDO- A me mi è piaciuta la storia perché Babborco ha salvato il bambino ALEX- Mi è piaciuta la storia perché il bambino lo hanno rubato e Babborco è andato a salvarlo. RIM- A me mi è piaciuta la storia perché c era la strega che diceva la verità che era un umana. MARTINO- A me mi è piaciuto perché il fratello dell orco era un umano invece di essere un orco. GIOVANNI- A me mi è piaciuta la storia perché c era l elefantorco // e concludo. LORENZO- A me è piaciuto quando // non mi ricordo più. LUNA- Mi è piaciuto quando la maestra Patrizia ha detto che c era la valle del Solleone, credevo che c era un leone pieno di luce che gli orchibifolchi lo volevano uccidere e io mi sono subito spaventata. SOFIA B.- Io non credevo che gli orchi, una volta, mangiavano i bambini. SOFIA L.- A me è piaciuto quando Yanna ha detto la verità: che era un umana. ELIA- A me NON mi è piaciuto il pezzo dove ha detto che gli orchi bifolchi mangiavano i bambini. MARTINO- Io credevo che era un barbicuire prima di mangiare i bambini ( e ride per un po ). LORENZO- Io credevo che volevano proprio uccidere il bambino invece lo hanno salvato perché gli orchi erano buoni quando erano così / hanno fatto una cosa giusta. INS.- Bravo Lorenzo hai fatto una bella osservazione. GIOVANNI- Pensavo che gli orchibifolchi non mangiavano i bambini, invece li mangiavano. LUNA- Io non immaginavo che gli orchi mangiavano i bambini, ma quando papà orco ha salvato il bambino ho capito che tutti quanti noi possiamo essere buoni. INS.- Bella osservazione anche la tua, Luna! SOFIA L.- Io l elefantorco me lo immagino come come il pupazzo che ho adesso qua a scuola è quello dell Era Glaciale. ALEX- Io non pensavo che con il temporale e i fulmini l elefantorco si spaventava e scappava, lo pensavo più forte //. INS.- Lo pensavi più forte visto che era il capo della famiglia. RIM- Io avevo paura quando ho sentito che gli orchi mangiavano i bambini, però non ho avuto più paura perché il papà orco ha salvato un bambino. LEONARDO- A me sembrava che l elefantorco non avesse paura dei fulmini, invece aveva paura. MARTINO- Per me era meglio se facevano un barbicuire e se li bruciavano ( e ride). ELIA- Come mai gli orchi bifolchi mangiano i bambini? RICCARDO- Perché avevano fame e gli piaceva la carne degli umani. MARTINO- Quando erano in galera i bambini, dopo Babborco li aveva salvati. SOFIA B. Io non pensavo proprio che Orlando e Yanna diventavano degli umani. INS. Lo abbiamo capito solo alla fine del racconto. GIOVANNI- Gli orchi mangiavano i bambini perché avevano fame. LORENZO- I bambini non dovevano andare nell altro villaggio perché altrimenti gli orchi li catturavano e li mangiavano per colazione e per cena. SOFIA L. Alla fine ho capito che Orlando e Yanna erano umani e l ha capito anche Otto. LUNA- A me sembrava che gli orchibifolchi volevano mangiare i bambini perché sono aggressivi e perché forse non sono buoni di pelle e forse un tempo, quando c erano tanti orchi bifolchi, gli umani venivano a cacciare gli orchibifolchi e allora loro li ripagano mangiando i loro bambini. EMMANUEL- // quanta paura che aveva Orlando quando è stato rapito RIM- Io credevo che gli orchibifolchi sono metà mostri però c era il papà che ha salvato il bambino e io sapevo che i bifolchi non esistevano quindi non avevo neanche paura adesso. LEONARDO- Io penso che Orlando aveva tanta paura quando l avevano catturato, ma poi ha conosciuto gli orchi buoni e non ha avuto più paura. SOFIA B.- Io se vivevo in una famiglia di orchi avevo paura se mi mangiavano, però visto che non esistono qua non ho paura. 5

6 LEONARDO- A me mi sembrava che gli orchi erano cattivi, invece sono buoni, come nella storia di Tarzan LORENZO- Un bambino è caduto da un elicottero, un gorilla l ha visto e poi dopo l ha curato. LUNA- Io credevo che Babborco prima salvava il bambino e poi se lo portava a casa e se lo mangiava, invece l hanno tenuto e l hanno tenuto con cura e, anche se era un umano avevano formato una grande famiglia e anche perché la famiglia è una cosa sacra. SOFIA L.- Gli orchi mi ricordano la storia di Tartan. ELIA- Per me questa storia ci insegna che se troviamo qualcosa, tutto quello che troviamo dobbiamo tenerlo bene. LORENZO- Altrimenti, se gli orchi esistevano ti potevano uccidere ed era la fine del mondo nostra. Dopo la conversazione gli alunni passano a disegnare un momento della storia. 4) Zenzanò; Ins.ti G. Menegol e A. De Fanti; scuola primaria di Nogara; classe 1^ Lettura animata a due voci svolta dalle insegnanti Davide: Mi è piaciuta la storia degli orchi/ mi è piaciuto il bosco degli orcodatteri a me piacciono i datteri. Oghogho: Mi sembra una storia di orchi e di bambini umani Sara: Di un bambino umano che viveva con gli orchi // però erano buoni Stefania: Altri erano cattivi e volevano mangiare gli umani / però il Babborco era coraggioso e lo ha salvato. Martina: Io penso sia come Shrek un orco brutto ma buono Nicholas: Ma gli orchi hanno dei bernoccoli sulla testa e dei musi strani Lorenzo S.: Io ho capito che se anche sono strani e hanno strani nomi, sono come gli umani, perché sono una mamma e un papà // e poi tengono il bambino Maestra: vai avanti Lorenzo S.: Il bambino non era come loro, un orco / era un umano che viveva con loro. Aurora: Ma suo fratello si era accorto che non era come lui, che era strano// però gli voleva bene e pensava solo che era strano Noemi: Io vorrei disegnare l orco / quello più cattivo Martina: Alto come una montagna, con gli occhi cattivi che vuole mangiare i bambini Aurora: I cattivi nei racconti però muoiono, perché sono cattivi Noemi: Ma a volte i cattivi diventano buoni e allora diventano amici Stefania: Ma questa storia è vera maestra? Noemi: Tu cosa pensi // dimmi? Elia: Io credo che non è vera / ma un po si // non esistono gli orchi e gli elefantorchi e l orcopolizia, ma c è la polizia e gli elefanti e forse hanno usato la fantasia per fare la storia per i bambini Stefania: Ma il bambino è come se era di un altra mamma, ma adesso viveva con loro e faceva tutto come loro. Martina: Ho capito era stato trovato e lo hanno tenuto con loro per / salvarlo dai cattivi. Lorenzo M: Maestra posso fare il disegno MAESTRA: Sì, adesso disegnate pure. Alessia Nalin-sbobinatura del brano di Zenzanò letto ai bambini classe terza della scuola primaria di Roverchiara. Da Zenzanò cap. 8 Tutta la verità 6 Maestra: Che cosa vi ha colpito di più di questo racconto? Hiba: che Otto e Ianna erano umani. Maestra: Perché ti ha colpito così tanto il fatto che fossero umani? Sara: perché parlando non sapevano che fossero umani.

7 Maestra: Hm, spiegati meglio. Sara: Orlando era un umano e suo fratello Otto non poteva sapere che era così, per tutto questo tempo credeva che fosse uno come lui e lo scopre dal racconto. Fabio: non glielo ha mai detto nessuno, nessun orco lo sapeva, quindi credevano che era uno di loro come tutti gli altri. Elia: li hanno sempre avuti vicino e non hanno mai saputo che loro erano umani. Hiba: perché gli orchi e gli umani non possono vivere in pace. Maestra: gli orchi e gli umani non possono vivere in pace Hiba: perché gli orchi mangiano i bambini. Fabio: anche se quella cosa lì era stata vietata da tanti anni. Mounir: anche perché fanno la guerra fra orchi e umani. Fabio: Otto e Orlando però erano amici. Francesca: loro non facevano la guerra tra di loro. Fabio: qualcuno che è anche innocente può anche morire. Maestra: qualcuno innocente può morire in una guerra tra di loro, spiegati meglio. Fabio: in una guerra che loro pensano che sia finita perché la regola è che non devono più prendere gli umani e mangiarli perché non potevano nemmeno attraversare i confini e avventurarsi nella terra degli umani. Hiba: bisogna rispettare la legge. Sara: c era anche la legge che proibiva di andare nella terra del solleone. Fabio: gli orchi però volevano mangiare un animale domestico e un umano. Mounir: scusa gli orchi mangiano i bambini? Maestra: in questo racconto è così. Francesca: però bisogna volersi bene e mai se quello lì ti ha fatto qualcosa andare lì e fare così. Si può anche chiedere scusa perché l hai fatto? e poi fare la pace. Muonir: la nonna allora racconta a Otto queste cose. Maestra: la nonna racconta a loro quello che è accaduto in passato. Fabio: quindi glielo ha detto la nonna che era un umano o lo sapeva già? Elia: Glielo lo ha detto la nonna. Hiba: la nonna doveva raccontare la verità prima. Maestra: mi dici che la nonna doveva raccontare la verità prima. Francesca S.: Otto non lo ha proprio mai capito che lui era un umano. Fabio:ma parlavano male di loro perché nelle storie gli umani mangiano i bambini. Hiba: non hanno raccontato perché avevano paura che mangiasse il bambino. Giulia : non detto la verità perché magari aveva paura che si arrabbiava Elia: ma loro si volevano bene. Hiba: non si mangiavano perché si volevano bene. Fabio: babborco ha fregato gli elefantorchi e ha salvato il bambino. Elia: li ha fregati con gli orco datteri. Sara: babborco è riuscito a salvare l umano. Francesca: è bello aiutare gli altri. Giulia: e va detta la verità. Fabio: forse non ha detto subito la verità per salvarli perché aveva paura che li mangiasse. Maestra: questa è un ipotesi interessante. Elia: perché aveva paura che gli orchi mangiavano gli umani. Francesca: ma doveva dirlo subito. Hiba: ma così si sono voluti bene e poi hanno scoperto il passato. Fabio: ma perché all inizio quando raccontava la verità dei suoi genitori si spaventava ancora di più? Maestra: perché cominciava a capire una cosa nuova. Fabio: e non sapeva se era buona o cattiva. 7

8 Jessica: ma se era un umano lo capiva da subito. Maestra: da cosa? Simone: dalla loro faccia perché erano diversi. Mounir : no perché non lo conoscevano ancora bene. Elia: lo vedevano strano. Tarik: la cosa più importante è volersi bene e anche amarsi. Francesca S.: Babborco ha attraversato tanti ostacoli per andare a salvare l umano. Hiba: bisogna volersi bene anche se si è diversi. Sara: anche se non è della sua specie. 5) Zenzanò;Tutta la verità; classe 1B; scuola sec. di Roverchiara; ins.te Zatti Anna (lunedì 5 maggio, ore ) a) Leggiamo due volte insieme il brano Tutta la verità (da Zenzanò cap. 8) b) Chiedo agli alunni di soffermarsi su ciò che li ha colpiti ed esprimere i loro pensieri al riguardo. Ilyass: i genitori di Otto e anche Janna cioè / non sono degli orsi, sono degli adulti / sono delle persone Ins: non sono degli orsi, tu dici Ilyass: Otto era arrabbiato e dovevano calmarlo allora Orlando l ha calmato NiKolas: che nel nome della città e nel nome dei personaggi c è sempre ORCO che vuol dire paura Ins: c è sempre orco Simone F.: perché erano in una città di orchi NiKolas M.: c erano degli orchi che erano cattivi Ilyass: quasi tutti erano cattivi a parte alcuni Federico: perché i genitori di Otto sono venuti da lontano, sono venuti da lui per raccontare una storia, perché gli orchi sono cattivi / mangiano le persone Nicolas T.: c erano degli orchi, gli orchi bifolchi che erano diversi dagli altri perché erano più cattivi e volevano / fare dei crimini cioè // rapire le persone, rapinare Ins: erano più cattivi Nicolas T.: e volevano fare del male agli altri orchi e anche agli umani // hanno rapito un bambino, un umano Simone F.: come ha detto Nicolas, gli orchi bifolchi erano più cattivi, perché rapivano e facevano del male a orchi ed anche ad umani Ins: gli orchi bifolchi erano più cattivi Sebastiano: perché fare del male a bambini era proibito era da tanto che non si parla di queste cose e poi era anche una cosa non tanto bella // nel racconto dice Janna che ce n erano pochi che facevano queste cose / e succedeva molto raramente Ilyass: gli orchi che abitano in Orcuzia dicevano che nella valle del Solleone c era // faceva paura Ins: in che senso? Ilyass: che chi ci andava non ritornava mai più Cosmin: alla fine del racconto hanno scoperto che anche Janna è un umano e che lei doveva decidere se il bambino doveva stare nella città di Orcuzia oppure ritornare dagli umani / io dico che è bene che il bimbo restasse perché c è un solo umano almeno gli tiene compagnia, sta con uno dei suoi simili Denisa: secondo me la storia vuole raccontare che da piccolo Orlando sentiva tante storie di orchi e lui credeva di essere un orco / però non era un orco Ins: credeva di essere un orco NiKolas M.: è complicata questa storia Ilyass: che Otto e Janna non sapevano dov era elefantorco e lo sono andati a cercare e l hanno trovato / tra gli orchi bifolchi 8

9 Sebastiano: e poi gli orchi possono magari fare amicizia con gli umani, trovarsi qualche giorno con gli umani, sono sempre nemici / ma possono qualche volta trovarsi, socializzare Simone Z.: è giusto dire la verità Ins: è giusto dirla Simone Z.: agli altri, è una cosa che riguarda la storia Ilyass: che papà orco e mamma orca e Janna erano degli adulti, degli umani Ins: interessante Giulia: che Otto sapeva tutto sui suoi genitori invece Orlando è venuto a saperlo per mezzo di Janna Ins: è venuto a sapere Cosmin: che babborco ha salvato Orlando quando era un bebè che così non fosse divorato dagli orchibifolchi e così è sopravvissuto / ha trovato una nuova casa Giulia: lui non credeva di avere i genitori perché sono morti, il papà l aveva salvato Ins. e quindi NiKolas M. serve per raccontare al bambino da dove viene Giulia: che era un umano e dirgli da dove veniva Cosmin: ma se ci pensiamo / potrebbe essere che i genitori del bambino siano stati non tanto / responsabili e / avessero lasciato una finestra o una porta aperta e così sono entrati gli orchi bifolchi e l hanno rubato Ins: l hanno rubato Cosmin: e babborco l ha salvato e l ha adottato, solo che l ha salvato per caso perché lui voleva salvare l elefante di più Ins: siamo d accordo? Simone F.: è vero che c era il bambino, lui era andato lì solo per salvare l elefante e ha scoperto che c era anche un bambino Ins: per concludere, si parla di verità Ilyass: alla fine Otto ha scoperto che i suoi genitori, che sono degli umani e che lui era stato adottato Ins: benissimo, bravi. 9

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014 la scuola in... forma Notizie dall interno curiosando nella scuola A cura di: Clara, Camilla, Lorenzo di classe 5, Elisa,

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba PERCORSI DIDATTICI La fiaba di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-10 anni La fiaba è un genere letterario di origine popolare, che nasce dalla tradizione orale e solitamente

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno AMICIZIA di Pietro P. Voglio solo stare insieme ai miei amici, Giocare insieme a loro e non litigare. Per me loro sono

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni )

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) I NUMERI NEGATIVI Lezione tratta da http://www.maecla.it/bibliotecamatematica/af_file/damore_oliva_numeri/mat_fant_classe4.pdf

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A Staffette 4 x 25 Stile Libero 1 F SPORT VILLAGE (Azzoni-Mazzeo-Caravaggi-Costa) 2 F VOGHERESE N (Guida-Prizzon-Guagnini-Dragoti) 3 F CENTRO FIN PAVIA (Rossi-Beretta-.-Balduzzi)) 1 F/M MELEGNANO (Marchesoni-Gigli-Turazza-Benussi)

Dettagli

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio

XVI COPPA 4 STILI CITTA' DI TRENTO - pomeriggio Trento dal 27/05/2012 al 27/05/2012 RIEPILOGO 100 Dorso Esordienti A Femminile - Serie 1) DONINI Valentina 00 RARI NANTES TRENTO 1'125 2) BAZZANELLA Chiara 00 2001 TEAM ASD - ROVER 1'153 3) CRISTOFALETTI

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli