Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori"

Transcript

1 Caratteristiche individuali e overcondence: l'impatto sul trading dei piccoli investitori Enrico Maria Cervellati Università di Bologna e Luiss Guido Carli Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della Finanza Comportamentale tra economia, psicologia e diritto Convegno organizzato da Associazione Disiano Preite e Consob Milano, 30 novembre 2010

2 Papers di riferimento Cervellati E. M., Fattori P., Pattitoni P. (2011) The Impact of Individual Characteristics and Overconfidence on the Trading Activity of Small Investors, International Journal of Behavioural Accounting and Finance (forthcoming). Cervellati E. M., Fattori P., Pattitoni P. (2010) L operatività degli investitori individuali: il caso di una banca cooperativa, Banche e Banchieri, n. 1, pp

3 Motivazioni e contributi The investor s chief problem and even his worst enemy is likely to be himself Benjamin Graham Motivazioni: Collegare caratteristiche individuali e overconfidenceal trading. Verificare se esistono peculiarità per i clienti di banche di credito cooperativo, effetti di località e di dimensione. Contributi alla letteratura: Work in progress Nuova metodologia econometrica Al momento, risultati in linea con la letteratura Sviluppi futuri promettenti (segue) 2

4 Misure di overconfidence Eccessiva confidenza nelle proprie conoscenze e/o capacità. Misure: Indirette: inferenza da caratteristiche sociodemografiche Dirette: metriche di overconfidence Illusione del controllo (illusion of control) Effetto superiore alla media (better than average) Errata calibrazione (miscalibration) 3

5 Overconfidence e trading eccessivo L overconfidence porta a movimentare troppo il portafoglio, con conseguente sotto-performance a causa dei costi di transazione sostenuti (Barber e Odean, 1999). 4

6 Genere Overall, men claim more ability than do women, but this difference emerges most strongly on masculine task[s] Deaux and Ferris (1977) In media, rispettoalledonne, gliuomini (Barber e Odean, 2001): sembrano essere più overconfident fanno più transazioni ottengono performance nette inferiori 5

7 Investitorionline Gli investitori che passano dal trading tradizionale a quello online (Barber e Odean, 2002): performano bene prima di passare al trading online accelerano il trading dopo essere passati online diventano più speculativi dopo essere passati online performano male dopo essere passati online 6

8 Perchègliinvestitorionline sono overconfident Errore di selezione (selection bias) Errore di auto-attribuzione (self-attribution bias) Illusioni della conoscenza (illusion of knowledge) Illusione del controllo (illusion of control) 7

9 Traders online: evidenze internazionali Descrizione dei trader online e dei loro portafogli è disponibile per molti paesi: Italia Germania Giappone USA Svezia I trader online hanno caratteristiche omogenee dal punto di vista socio-demografico e delle preferenze di portafoglio (Alemanni e Franzosi, 2006) 8

10 Evidenzesui trader online in Italia Alemanni e Franzosi (2006) investigano un campione di investitori online focalizzandosi sui c.d. high frequency trader (che effettuano almeno due transazioni al mese) rispetto a molteplici prospettive: Caratteristiche dei trader online Caratteristiche dei portafogli e del trading Tratti psicologici Dataset che integra sia azioni che derivati Psicometria Possibilità di distinguere diversi aspetti dell overconfidence Self-monitoring come metrica di intelligenza sociale 9

11 I trader online italiani Da un punto di vista socio-demografico, i trader online italiani hanno caratteristiche diverse dalla popolazione. Un tipico trader online italiano: uomo: 96,6% (vs. 48,7% della popolazione italiana) vive nel nord-ovest: 36% (vs. 24,7%) età fra i 35 e i 44 anni: 35% (vs. 22%) lavoratore autonomo, professionista o imprenditore: 37,5% (vs. 4,5% ) educazione medio-alta: 48,8% è laureato (vs. 6,7%) buon reddito: 51,1% con più di euro al mese. 10

12 Effettidell overconfidencedeitrader online italiani Gli investimenti dei trader online sembrano essere overconfident, ma sono diversificati. L overconfidence spiega la frequenza del trading (che aumenta per i lavoratori autonomi, i pensionati e per chi vive al sud Italia). Il numero di transazioni aumenta con la frazione di ricchezza dedicata agli investimenti di breve periodo, con l uso di broker online specializzati e con la performance passata. I trader online, anche se overconfident, sembrano comportarsi in modo più razionale di altri investitori individuali. Sviluppi: Alemanni e Franzosi (2007) 11

13 Informazione e overconfidence Guiso e Jappelli (2006) studiano gli effetti dell informazione e dell overconfidence basandosi sui dati di un gruppo bancario italiano. Gli autori trovano che gli investitori meglio informati registrano performance inferiori e possiedono portafogli meno diversificati. 12

14 Overconfidence non è necessariamente sinonimo di sotto-performance Shefrin, Hoffmann e Pennings (2010): impatto sulle performance di differenze attinenti agli obiettivi di investimento di investitori individuali (olandesi). Segmentazione del campione basandosi su: obiettivi di investimento, strategie di investimento, livello di ambizione, profilo del rischio, classe di investitore. Un questionario per misurare direttamente le tendenze di fondo del comportamento degli investitori. Risultato: l overconfidence non porta necessariamente alla sotto-performance. Pochi investitori overconfident, ma abili, riescono a sovra-performare. 13

15 Il nostrostudio Periodo: Dati: Numero e ammontare delle transazioni effettuate dai clienti di una banca di credito cooperativo Caratteristiche socio-demografiche dei clienti Numero di transazioni:

16 Statistiche descrittive Numero di operazioni Media 7,15 7,29 7,43 Deviazione standard 19,89 20,86 22,46 Minimo Mediana Massimo Totale Numero clienti Concentrazione (Gini) 0,7533 0,7529 0,7516 Tabella 1. Statistiche descrittive per il numero di transazioni 15

17 Età, genere, reddito Fonte: Lucarelli e Brighetti (2010) 16

18 log-operazioni Genere, età e internet Figura 1. Numero di transazioni per: Genere log-operazioni Genere log-operazioni Genere Genere F: Femmina (27%) M: Maschio (73%) % campione F M F M F M Età Età Età Età log-operazioni log-operazioni log-operazioni E1: <35 (10-15%) E2: (37-38%) E3: (31-33%) E4: >65 (16-20%) E1 E2 E3 E4 Internet E1 E2 E3 E4 Internet E1 E2 E3 E4 Internet Internet: trader on line. log-operazioni log-operazioni log-operazioni NO SI NO SI NO SI 17

19 log-operazioni Reddito, tipo lavoro e concentrazione Reddito R1 R2 R3 R4 log-operazioni Reddito R1 R2 R3 R4 log-operazioni Reddito R1 R2 R3 R4 Figura 2. Numero di transazioni per: Classe di Reddito % campione R1: <15,000 (33%) R2: 15,001-30,000 (51%) R3: 30,001-55,000 (11%) R4: >55,000 (6%) Lavoro Lavoro Lavoro Tipologia di Lavoro: log-operazioni log-operazioni log-operazioni A: Autonomo (32%) C: Casalinga (6%) D: Dipendente (41%) P: Pensionato (21%) A C D P A C D P A C D P Operazioni Operazioni Operazioni Concentrazione delle transazioni frequenza frequenza frequenza

20 Metodologia (1) Analizziamo il numero di transazioni per ogni individuo nel dataset La variabile dipendente può assumere solo valori interi non negativi La maggior parte dei clienti compie poche transazioni, dunque il numero medio (mediano e modale) della variabile dipendente è basso Essendo dati di conteggio, non seguono una distribuzione normale Le peculiarità della variabile dipendente suggeriscono di deviare dall OLS standard 19

21 Metodologia (2) La Poisson potrebbe essere un candidato, tuttavia in caso di sovra-dispersione dei dati non è utilizzabile. La deviazione standard della variabile dipendente è circa tre volte la media. Il rapporto varianza-media, i test di sovra-dispersione Cameron-Trivedi e LR suggeriscono che la variabile dipendente è sovra-dispersa non è dunque sufficientemente descritta da una semplice distribuzione Poisson Una regressione Binomiale Negativa ci permette invece di predirre il numero di transazioni considerando il problema della sovra-dispersione. 20

22 Numero di transazioni N. operazioni 2005 N. operazioni 2006 N. operazioni 2007 Stima Std. Error Sign. Stima Std. Error Sign. Stima Std. Error Sign. costante -5,617 1,673 *** -6,072 1,502 *** -5,348 1,484 *** uomo 0,615 0,200 *** 0,374 0,179 ** 0,443 0,179 ** età 0,089 0,042 ** 0,016 0,037 0,024 0,036 età 2 ( 10 4 ) -8,925 3,950 ** -0,011 0,335-1,193 3,221 internet 2,239 0,314 *** 2,759 0,273 *** 2,693 0,243 *** ln(reddito) 0,480 0,130 *** 0,643 0,118 *** 0,568 0,112 *** casalinga -0,210 0,429 0,677 0,372 * 0,470 0,369 dipendente -0,317 0,184 * -0,055 0,166-0,493 0,162 *** pensionato -0,197 0,261-0,189 0,235-0,294 0,217 θ 0,7609 0,9499 1,0059 N AIC 1.508, , ,70 2 Test LR ( 8 ) 2 Test LR ( ) χ 122,02 *** 189,33 *** 211,54 *** χ ,80 *** 2.073,10 *** 2.336,80 *** ***, ** e * indicano, rispettivamente, livelli di significatività a 99, 95 e 90 percento 21

23 Evidenze sul numero di transazioni Il numero di operazioni è maggiore per: uomini chi opera on-line chi percepisce un reddito mediamente più elevato Il numero di transazioni cresce con l età in una prima fase e diminuisce, in seguito, all avvicinarsi dell età della pensione. Il tipo di professione svolta non sembra avere un impatto significativo sul numero di transazioni effettuate. 22

24 Valori transazioni Valore scambiato 2005 Valore scambiato 2006 Valore scambiato 2007 Stima Std. Error Sign. Stima Std. Error Sign. Stima Std. Error Sign. costante uomo ** età età internet *** *** *** ln(reddito) *** *** ** casalinga * dipendente pensionato N R2 (Adj.) F(8, 243) *** *** *** Effetto professione (Test di Wald) F(3, 243) 0, F(3, 267) 196,553 F(3, 290) 0, ***, ** e * indicano, rispettivamente, significatività al livello del 99, 95 and 90 per cento. 23

25 Evidenze sull ammontare transato L ammontare transato è maggiore per: donne chi nonopera on-line chi percepisce un reddito mediamente più elevato L effetto età nonè significativo in relazione all ammontare transato. 24

26 Conferme di overconfidence VARIABILI N. OPERAZIONI AMMONTARE SCAMBIATO COEF. SIGN. COEF. SIGN. COSTANTE - SI ± NO GENERE (dummy) + SI - NO ETÀ + SI + NO ETÀ 2 - SI - NO INTERNET (dummy) + SI - SI REDDITO (logaritmo) + SI + SI LAVORO (dummy) ± NO ± NO La differenza è coerente con la letteratura e le evidenze empiriche precedenti perché i clienti che operano on-line effettuano un numero maggiore di operazioni (in quanto overconfident), ma per un volume inferiore. 25

27 Controlli di robustezza Test di causalità inversa(reverse causality) nella relazione tra il numeo di transazioni e la dummy internet Rigettiamo l ipotesi di endogeneità Il numero di zero (nessuna operazione) potrebbe essere più grande di quanto una regressione binomiale negativa possa sopportare Stimiamo un modello hurdle negative binomial Tale modello può catturare un numero eccessivamente grande di zeri I risultatinon alteranol interpretazionequalitativadell analisie non aggiungono alcuna informazione addizionale, ma il numero dei parametri si duplica Rimuovere gli outlier? Impossibile perchè rappresentano la maggior parte delle transazioni. 26

28 Conclusioni Le caratteristiche individuali sono rilevanti nello spiegare il numero di operazioni effettuate dagli investitori e l ammontare transato. Combinate, sembrano rappresentare una buona proxy del livello di overconfidence degli individui. Molto rimane da fare in questo filone di ricerca futuri sviluppi. 27

29 Datidisponibiliper future ricerche Periodo: Dati: Intra-Day Saldi di fine periodo Numero di osservazioni: Tutte (compresi esercizi diritti): Acquisti e vendite: frazionate: non frazionate:

30 Datiintra-day Codici dei singoli conti e dei proprietari del conto (singolo vs. cointestato) Commissioni fisse e variabili Profitto/perdita (lordi e netti) su ciascuna transazione (anche frazionata ) Codice ISIN dei titoli transati Prezzo e quantità degli eseguiti Canale trasmissione ordini (banco, telefono, internet) Data e ora della transazione 29

31 Home bias locale? TOTAL 1 Stmicr Telecom Italia Arena Fiat Unicredit Fiat 2 TIM ord. Intesa San Paolo Tenaris SA Enel Enel Enel 3 Tiscali Stmicr Fiat Alitalia Fiat Telecom Italia 4 Telecom Italia Enel Enel Unicredit Telecom Italia Stmicr 5 Seat Unicredit Capitalia Telecom Italia Eni ord. Unicredit 6 Fastweb Trevi Stmicr Intesa San Paolo Tiscali Intesa San Paolo 7 Alitalia Fastweb Intesa San Paolo Eni ord. Intesa San Paolo Tiscali 8 Finmeccanica Tel.Italia rnc Alitalia Generali Finmeccanica Raggr. Seat 9 Banca Fideuram Telecom Italia Media ord. Unicredit Banca Italease Seat Tenaris SA 10 Enel Seat Telecom Italia Fiat risp. Trevi Trevi Local home bias (Huberman, 2001): individui tendono a investire ammontare rilevanti nelleaziendechesonoloropiù familiario per prossimitàgeografica, o perchè lavorano per quell azienda. Cause: familiarità, rappresentatività, illusione del controllo Trevi? Azienda ubicata vicino alla banca e molto conosciuta. Arena? Stabilimentonellostessocomunedellabancae sedemolto visibile.tuttavia, dopoun controllo, è risultatochenel 2006 i fornitori localidi Arena venivano pagati anche in azioni; questo potrebbe in larga parte spiegare perchè in quell anno sia il titolo più scambiato. 30

32 Canaledi trasmissionedegliordini (sportello, telefono, internet) Le commissioni per le transazioni svolte allo sportello e al telefono vengono contrattate tra banca e cliente. Per le transazioni vi internet, invece, le commissioni non sono contrattabili. Canale trasm. ordini Sportello Internet Telefono Totale

33 Tipi di transazioniduranteilgiorno 32

34 Transazioniper anno e per mese 33

35 Altrequestioni Caratteristiche della banca e dei clienti. Rappresentatività della banca e dei clienti. Confronto con altre banche. Differenze tra banche cooperative e non? 34

36 Ricerchefuture (1): test addizionali Completare il modello con informazioni su: Eventi che attirano l attenzione (Barber e Odean, 2007) Portafoglio titoli complessivo posseduto (obbligazioni ecc ) Diversificazione di portafoglio (Polkovnichenko, 2005) Ricchezza complessiva Tentativo di questionario bloccato per problemi di privacy Testare: Effetto di disposizione (Shefrin and Statman, 1985; Odean, 1998) Avversione alla perdita Performance Il condizionamento da parte di amici, familiari ecc (peers effects) potrebbe rivelarsi importante in una banca di piccole dimensioni. Gambling (Kumar, 2009) 35

37 Ricerchefuture (2): altrimodelli Modelli differenziati per: Acquisti vs. vendite (diversi set azionari di scelta: Barber e Odean, 2007) Sportello, telefono o internet Chi effettua transazioni vs. chi non opera in Borsa (sembra siano due categorie qualitativamente differenti) Modelli hurdle: Modello di conteggio right-censored: per modellizzare la probabilità che i titoli vengano inclusi nei portafogli dei clienti condizionalmente alle caratteristiche dei titoli stessi Modello di conteggio left-censored: per modellizzare il numero di volte che un titolo viene contrattato Modelli che tengano conto dell effetto titoli locali che potrebbe avere: Maggiore probabilità di essere inclusi nei portafogli dei clienti di banche locali Minore probabilità, una volta inseriti in portafoglio, di essere venduti 36

38 Ricerche future (3): obbligazioni e mutui Includere obbligazioni detenute in portafoglio La maggioranza dei clienti della banca investe in obbligazioni Carenza di studi behavioral sulle obbligazioni In questo caso, tuttavia, la banca svolge attività di consulenza cambiare framework della ricerca. Includere scelte riguardanti i mutui Problemi comportamentali relativi all avversione alla perdita, alle emozioni (invidia ) per spiegare scelte apparentemente irrazionali. 37

39 Ricerche future (4): altri database Altre Banche di Credito Cooperativo (BCC): Azionario Obbligazionario Derivati? Universiadi del trading Dati Questionari Peculiarità: Peers effects (dinamiche di gruppo) Assicurazioni contro le perdite 38

40 Grazie per l attenzione! 39

Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano

Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano Portafoglio e psicologia dei trader online Secondo rapporto sul mercato italiano Barbara Alemanni Università Bocconi Alessandra Franzosi Borsa Italiana R&D Opening Trading Online Expo 20 Ottobre 2005 Milano

Dettagli

L investitore online: profili e comportamenti

L investitore online: profili e comportamenti L investitore online: profili e comportamenti Alessandra Franzosi, Enrico Pellizzoni Research & Development Borsa Italiana Spa Opening Trading Online Expo 6 maggio 2004 Milano Contenuti I motivi dell analisi

Dettagli

Docente: Enrico Maria Cervellati

Docente: Enrico Maria Cervellati Docente: Enrico Maria Cervellati 2 Euristiche Ancoraggio Disponibilità Euristica dell affetto Rappresentatività Ancorarsi a un valore di riferimento (e.g., prezzo d acquisto) e non aggiustare le proprie

Dettagli

TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE

TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE Comunicato Stampa Borsa Italiana S.p.A. Piazza degli Affari, 6 20123 Milano www.borsaitaliana.it 15 ottobre 2012 TOL EXPO 2012: IL RAPPORTO DI BORSA ITALIANA SULL AZIONARIATO E IL TRADING ONLINE - Presentazione

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza Nadia Linciano Roma, 4 giugno 2010 Il ruolo delle Autorità di vigilanza: la chiave di lettura comportamentale

Dettagli

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale R e l a t o r e : E n r i c o M a r i a C e r v e l l a t i P r o f e s s o r e d i F i n a n z a a l l U n i v e r s i

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento.

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento. Trading Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. COVERED WARRANT CALL: Voglio puntare sui movimenti al rialzo dell attività finanziaria sottostante. COVERED WARRANT PUT: Voglio puntare

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ di ECONOMIA Sede di Forlì FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH CANDIDATO: Marco Novelli RELATORE: Prof.

Dettagli

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G.

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G. CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA M. Gentile,

Dettagli

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G.

STUDI E RICERCHE RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI DI CONSULENZA FINANZIARIA. M. Gentile, G. CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE LE SCELTE DI PORTAFOGLIO DEGLI INVESTITORI RETAIL E IL RUOLO DEI SERVIZI DI CONSULENZA FINANZIARIA M. Gentile,

Dettagli

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Giuseppe Lusignani Università degli Studi di Bologna Padova, 22 ottobre

Dettagli

Presentazione dei risultati Gli indici statistici

Presentazione dei risultati Gli indici statistici Le competenze economicofinanziarie degli italiani Presentazione dei risultati Gli indici statistici Carlo Di Chiacchio - INVALSI I comportamenti finanziari Il possesso di una competenza in campo economico

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA

CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA CONVEGNO ABI CRM 2004 FIDELIZZARE LA CLIENTELA BANCARIA E LO SMALL BUSINESS LA SIGNIFICATIVITÀ DEI DATI SUI COMPORTAMENTI DELLA CLIENTELA Idee e applicazioni Massimiliano Bertucci TARGET LAB IMMAGINIAMO

Dettagli

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni : Azioni e Obbligazioni relatore Roberto Ciasca Responsabile Ufficio Risparmio Amministrato e Finanza Innovativa Intesa Sanpaolo Private Banking Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione

Dettagli

Differenze uomo donna

Differenze uomo donna Differenze uomo donna Una vastissima letteratura documenta che in numerosi domini, soprattutto nella sfera economica, donne e uomini differiscono sistematicamente. Dibattito intenso sul perché 1. Perché

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria. A.a. 2008/2009. Assetti proprietari e costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Analisi Finanziaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Analisi Finanziaria A.a. 2008/2009 Assetti proprietari e costo del capitale Gian Marco Chiesi Marco Tronchetti Provera GPI 60% (60%) [60%] Catena di

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano

Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano Il trading online: un asset del mercato finanziario italiano L articolo si focalizza sui risultati di un analisi, promossa da Borsa Italiana, sui trader online. Emerge la fotografia di un settore che si

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica

La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica Dinamiche e potenzialità di sviluppo del mercato dei certificati in Italia La diffusione e la percezione dei certificati presso la clientela finale e i financial advisor: una prima analisi empirica Francesco

Dettagli

*CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability.

*CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability. *CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability. *di Roberto Lombardi : Docente di Economia degli Intermediari Finanziari Alla luce dell attuale

Dettagli

la Financial Literacy e le Politiche Bancarie di Informazione e Trasparenza

la Financial Literacy e le Politiche Bancarie di Informazione e Trasparenza L Educazione Finanziaria allo Sportello: la Financial Literacy e le Politiche Bancarie di Informazione e Trasparenza Margherita Fort (Università di Bologna) Francesco Manaresi (Banca d Italia) Serena Trucchi

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Workshop ABI Metriche di misurazione delle performance commerciali LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Associazione Bancaria Italiana Funzione Ricerche e Analisi Daniela

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE Esame a libri chiusi. Si può usare una calcolatrice.tempo a disposizione: 1 ora Nome: ID: Data: 9 Aprile 2013 MULTIPLE CHOICES (1 Punto

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA ELLA DVICE RADING Palermo, 7 maggio 2005 Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è un prodotto nato con

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi?

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi? InvestiþerFondi identifica l offerta integrata di prodotti di gestione collettiva del risparmio del Credito Cooperativo proposta dalle BCC e Casse Rurali. Posso creare le basi per una vita serena investendo

Dettagli

E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI

E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI E-TRADING I RISULTATI DELL INDAGINE 2013 SU TRADER ED INVESTITORI Anna Ponziani, ITF Forum Rimini, 2013 Indice 1 L Indagine ITF 2013 è stata condotta su 860 persone che partecipano ed hanno partecipato,

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ Riccardo Puglisi Le questioni in ballo Che cosa compra la pubblicità? L attenzione di lettori ed ascoltatori per i prodotti pubblicizzati. I mass mediacome "GianoBifronte (mercatoaduelati)

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3

Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012. settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 settembre 2013 - numero 3 Indagine sul costo dei conti correnti nel 2012 Numero 3 - settembre 2013 Questo fascicolo presenta una sintesi dei risultati dell

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

ERRORI COGNITIVI E INSTABILITÀ DELLE PREFERENZE NELLE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI RISPARMIATORI RETAIL

ERRORI COGNITIVI E INSTABILITÀ DELLE PREFERENZE NELLE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI RISPARMIATORI RETAIL CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE ERRORI COGNITIVI E INSTABILITÀ DELLE PREFERENZE NELLE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI RISPARMIATORI RETAIL LE INDICAZIONI

Dettagli

Il trading di volatilità

Il trading di volatilità Il trading di volatilità Come identificare i cicli di volatilità, come sfruttarne le potenzialità a proprio vantaggio contenendo i rischi. Relatore: Enrico Malverti Treviso, 7 Ottobre 2015 CHI SONO Enrico

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA

FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA FACOLTÀ DI ECONOMIA Soluzione della Prova di autovalutazione 2012 (primi 6 CFU) ANALISI STATISTICA PER L IMPRESA NB Come potete vedere facendo la somma dei punteggi il numero di quesiti è superiore a quello

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University)

8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) 8. Disuguaglianza e consumo Tullio Jappelli e Immacolata Marino (Università di Napoli) Luigi Pistaferri (Stanford University) Il benessere materiale di un individuo è determinato in primo luogo dalla quantità

Dettagli

VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE

VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE VULNERABILITÀ E BENESSERE DELLE FAMIGLIE ITALIANE Luisa Anderloni Daniela Vandone Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Università degli Studi di Milano La crisi finanziaria e la

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM TRIO prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked.

Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM TRIO prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked. Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM TRIO prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked. Scheda Sintetica è un prodotto di Retro di copertina 1/4 INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale

La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale La preparazione degli italiani al risparmio previdenziale Elsa Fornero Università di Torino e CeRP Giornata Dipartimentale del Dipartimento di Economia Università dell Insubria Varese, 15 giugno 2010 La

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline I comportamenti degli investitori italiani

Dettagli

Introduzione agli investimenti finanziari

Introduzione agli investimenti finanziari FINANZAINPILLOLE Introduzione agli investimenti finanziari Carlo grannonio La prima regola: non perdere denaro. La seconda: non dimenticare mai la prima. (W. Buffett) Limitazione di responsabilità Il documento

Dettagli

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures.

Parleremo delle opportunità di trading con gli IDEM stock futures. IDEMDJD]LQH 1XPHUR 1(:6 /8*/,2$//,16(*1$',PLQL),%(,'(0672& )8785(6 $JRVWR 0LQL),%: il 17 luglio il minifib ha segnato il nuovo record storico giornaliero con 15.080 contratti scambiati. Il precedente record

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB 1 Schema della lezione 2 La continuità nell evoluzione del quadro normativo Gli scenari di mercato e dell innovazione finanziaria La rilevanza

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale. CERMES Centro di Ricerche su Marketing & Servizi

Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale. CERMES Centro di Ricerche su Marketing & Servizi Osservatorio sul Patrimonio Informativo Personale Obiettivi della rilevazione 1. Analizzare la consapevolezza dell esistenza di un Patrimonio Informativo Personale, dal punto di vista delle Fattispecie,

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di

LE NEWS DEL MESE BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE. nel prossimo numero parleremo di MAGGIO 2004 NUMERO 22 LE NEWS DEL MESE IN QUESTO NUMERO BORSA ITALIANA ORGANIZZA LA II TRADING ONLINE EXPO 7-8 MAGGIO PALAZZO MEZZANOTTE Le news del mese 1 Nel prossimo numero 1 Prima pagina 2 IDEM Quiz

Dettagli

Stima della pensione complementare

Stima della pensione complementare Stima della pensione complementare Progetto Esemplificativo Standardizzato Modello ISPP-IMPPES - Ed. 10/2014 Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 14 Istituito da Intesa Sanpaolo Previdenza Sim

Dettagli

Emilio Barucci. Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia. Assogestioni. Working Paper 2007/1

Emilio Barucci. Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia. Assogestioni. Working Paper 2007/1 Emilio Barucci Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia Assogestioni Working Paper 2007/1 Emilio Barucci Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Indice

Dettagli

Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1

Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Raccolta e performance dei fondi comuni di investimento in Italia 1 Emilio Barucci Dipartimento di Matematica Politecnico di Milano emilio.barucci@polimi.it 1 La stesura del rapporto ha tratto giovamento

Dettagli

Asset Management Bond Brochure riservato ai residenti in Italia

Asset Management Bond Brochure riservato ai residenti in Italia Asset Management Bond Brochure riservato ai residenti in Italia Una vasta gamma di investimenti in un unica Polizza Il nostro obiettivo non è solo fornire agli investitori istituzionali un ampia gamma

Dettagli

Aspettative occupazionali e di reddito: uno studio pilota della disoccupazione giovanile in Italia. Chiara Binelli (University of Southampton & RCEA)

Aspettative occupazionali e di reddito: uno studio pilota della disoccupazione giovanile in Italia. Chiara Binelli (University of Southampton & RCEA) Aspettative occupazionali e di reddito: uno studio pilota della disoccupazione giovanile in Italia Chiara Binelli (University of Southampton & RCEA) Convegno Network Roberto Franceschi, Milano 20 aprile

Dettagli

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ASPETTI GENERALI E IL CASO DEI FONDI COMUNI Lezione 17, CAPITOLO 19 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Supponete di avere deciso d iniziare a risparmiare per la pensione,

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato Risultati consolidati Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 7 agosto 2015 Contenuti Risultati consolidati Area assicurativa Area assicurativa Danni Area assicurativa Vita Area bancaria Gestione

Dettagli

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione LA CONSULENZA FINANZIARIA Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione Prof. Marco Oriani 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I primordi della consulenza

Dettagli

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo

La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il modello EBO: una verifica storica sul mercato europeo Torino, 4 marzo 2004 La possibilità di individuare titoli sottovalutati mediante il

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 00 Nuova serie Anno XXII - 5 Gennaio 0 Numero 6 INDICE pag.. Introduzione... 7. La struttura della

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 0 Nuova serie Anno XXIV - 7 Gennaio 04 Numero 5 INDICE pag.. Introduzione... 5. La struttura della

Dettagli

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Behavioral Funds Agenda Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Introduzione alla Finanza Comportamentale La finanza comportamentale

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni Introduzione Parte 1 Antonio Lengua IL TRADING CONSAPEVOLE CAPITOLO 1 LA NASCITA DI UNA NUOVA PROFESSIONE 1.1

Dettagli

Quanto incide realmente nelle tasche degli italiani l incremento della tassazione sulle rendite?

Quanto incide realmente nelle tasche degli italiani l incremento della tassazione sulle rendite? Quanto incide realmente nelle tasche degli italiani l incremento della tassazione sulle rendite? Esempi concreti ed errori concettuali A cura di Enrico Malverti Prendiamo ad esempio un portafoglio di un

Dettagli

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE Arricchimento dei dati del sottoscrittore / user Approccio Tradizionale Raccolta dei dati personali tramite contratto (professione, dati sul nucleo familiare, livello

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday ELLA DVICE RADING Rho, 20 novembre 2004 Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli Segnali Titoli Italia Multiday Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è

Dettagli

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015

Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015 Report di Analisi Tecnica Azioni Italia 19 Aprile 2015 L obiettivo dei report di analisi tecnica non è quello di prevedere i movimenti dei prezzi,ma quello di poter definire una strategia operativa,individuare

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Credit Linked Certificate Basket Italia - Obiettivo 4,50%

Credit Linked Certificate Basket Italia - Obiettivo 4,50% Credit Linked Certificate Basket Italia - Obiettivo 4,50% ISIN: DE000HV8AKN0 Paniere composto dalle seguenti società: - Enel S.p.A. - Fiat Industrial S.p.A. - Finemeccanica S.p.A. - Telecom Italia S.p.A.

Dettagli