Dal 9 giugno è cambiato tutto: nuove regole e nuovi equilibri per DS e DSGA. Il primo Broker per la Scuola.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal 9 giugno è cambiato tutto: nuove regole e nuovi equilibri per DS e DSGA. Il primo Broker per la Scuola."

Transcript

1 Dal 9 giugno è cambiato tutto: nuove regole e nuovi equilibri per DS e DSGA.

2 Premessa. Dal 9 giugno cambia tutto: la Scuola è obbligata ad uniformarsi a tutto il resto della Pubblica Amministrazione nell applicare le nuove norme sull attività negoziale. Norme stringenti, che impongono procedure complesse e responsabilità maggiori. Norme che avranno un forte impatto soprattutto sul processo di acquisizione delle coperture assicurative. La Dirigenza Scolastica può azzardare un fai da te con improvvisate soluzioni a rischio, oppure adottare la medesima soluzione già in uso in tutta la Pubblica Amministrazione: farsi assistere da un Broker. Ecco qui di seguito 10 utili regole per affrontare il cambiamento in perfetto equilibrio tra esigenze di copertura del rischio e rispetto della legge.

3 Regola n. 1 Se tutto cambia cambia anche tu! Perché tutto cambia? Queste novità normative, in pieno vigore da giugno 2011, combinate a disposizioni già pienamente efficaci dal 2010, avranno un radicale impatto sulle procedure negoziali della Scuola e obbligheranno la Dirigenza Scolastica ad adempiervi scrupolosamente per non incorrere in pesanti e precise responsabilità: il Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici; la Legge sugli obblighi di Tracciabilità Finanziaria; l articolo 353-bis CP sulla turbata libertà del procedimento di scelta del Contraente (c. d. bandi fotocopia); Il Decreto Ricorsi che ha snellito e velocizzato ulteriormente, in favore degli offerenti, l accesso agli atti della gara ed il ricorso avverso procedure viziate da irregolarità. È la fine senza appello dei vecchi metodi e processi di acquisizione dei beni e dei servizi (come anche rimarcato dal MIUR con Circolare AOODGPER801 del 1/2/2010) in uso da decenni e la conclusione del lungo percorso di allineamento procedurale dell Amministrazione Scolastica alla restante parte della P.A., iniziato nel 2001 con la riforma dell autonomia scolastica. Tra le novità che creeranno una forte cesura col passato, spicca l obbligo di adozione e pubblicizzazione di predefiniti criteri matematici di aggiudicazione che calcoleranno l efficacia delle proposte pervenute in base alle necessità predeterminate dalla Amministrazione ed esplicitate nei Capitolati Speciali d appalto. Perché il cambiamento impatta soprattutto sulle coperture assicurative? Perché le responsabilità derivanti dal mancato rispetto delle nuove norme, nel caso dell assicurazione, non è proporzionato al premio pagato ma all ammontare delle somme assicurate. Somme che, nel caso delle coperture scolastiche, possono raggiungere cifre elevatissime e senza dubbio di molto superiori al valore di altri prodotti o servizi normalmente acquisiti dalle Scuole. Le scelte errate di acquisto di un PC o di un viaggio organizzato possono infatti comportare problemi proporzionali al prezzo del bene: qualche centinaio di Euro per il costo dell uscita didattica o il costo di qualche decina di mega di Ram in più per il PC. Una scelta errata della copertura assicurativa invece, nonostante l esiguità del premio pagato dall alunno, può comportare ad esempio il rischio di dover rimborsare in tutto o in parte un sinistro, non correttamente previsto, da 1 milione di euro. Insomma dal 9 giugno cambia la legge, cambia la procedura, aumentano le responsabilità, ma il Responsabile in caso di errore è sempre lo stesso. Non posso più rinnovare la polizza e devo indire una gara ma nessuno mi ha spiegato come. Perché, se sbaglio, il responsabile sono sempre io?

4 Regola n. 2 Lascia la strada vecchia per la nuova! (ma già percorsa da altre PP.AA.) Da oggi il punto di riferimento per le Scuole è l operato delle altre PP.AA! Non devo più chiedermi cosa ha fatto il mio collega, quanto piuttosto cosa fanno i responsabili delle amministrazioni comunale/provinciale/regionale del mio territorio. Fare come si è sempre fatto, quando invece tutto è cambiato, può generare risultati totalmente contrari alle aspettative. Un esempio di ciò è dato dall usanza del rinnovo automatico dei contratti assicurativi o del vecchio processo di acquisizione strutturato su un esame superficiale di brochure commerciali non sollecitate, giunte per corrispondenza. Sono queste procedure che, anche se reiterate per anni, oltre che essere errate, divengono oggi gravemente illecite e possono portare il Dirigente Scolastico a compiere scelte sbagliate a danno dell Amministrazione e dell Utenza. Il rischio di Culpa in Eligendo è più concreto che mai e può essere invocato dai genitori o dalla stessa Amministrazione, per ottenere dal RUP il risarcimento integrale o il differenziale di un danno anche solo parzialmente non coperto dall assicurazione. Nell istruire una procedura di gara, infatti, la Scuola si sottopone a verifiche di trasparenza, equità e congruità da parte degli offerenti, degli organi di vigilanza e dell Utenza, esponendosi a probabili ricorsi qualora la procedura risulti viziata da errore formale o sostanziale. In tal senso, il decreto ricorsi entrato in vigore l anno scorso, combinato all obbligo di adozione dei criteri matematici, della tracciabilità finanziaria e della perfetta equidistanza dei capitolati, ha creato una miscela altamente esplosiva di rischio e di responsabilità. Verifiche di regolarità dei procedimenti e di congruità dei capitolati sono state già avviate su molte scuole dalle autorità garanti e di vigilanza, oltreché dallo stesso MIUR. È ragionevole pensare che queste porteranno a rilievi e sanzioni, anche pesanti, qualora venissero ravvisate violazioni di legge. Pensiamo per esempio a cosa succederebbe se, per istruire la gara, venisse adottato del materiale prodotto da uno degli stessi concorrenti, ancorché reperito attraverso pubblicazioni varie. L adozione di tali supporti va a configurare la nuova fattispecie di reato penale che condanna l uso di bandi fotografia. Insomma, nell interesse dell Amministrazione e delle famiglie, bisogna affrontare il problema imboccando una strada che risulta certamente nuova per la Scuola Italiana, ma che da decenni è già stata ampiamente sperimentata e percorsa da Dirigenti e Funzionari delle altre PP.AA.. È quindi una via nuova, ma sicura. Meglio cambiare, no?

5 Regola n. 3 Non copiare. Analisi del rischio, lettera d Invito, capitolato generale e speciale, criteri di valutazione matematici, comparazione ponderale, relazione istruttoria, verbali apertura buste, aggiudicazione provvisoria, contraddittorio con gli offerenti, accesso agli atti, atti in via di autotutela, verbale di conformità, quantificazione del premio, riduzione proporzionale Da oggi il Dirigente Scolastico nella sua veste di RUP e il DSGA, responsabile dell attività istruttoria, si troveranno semplicemente a dover affrontare, al pari dei loro colleghi di altri Enti Pubblici, nuovi metodi e nuove procedure. A differenza degli altri settori però, in quello scolastico le novità normative produrranno un salto e una discontinuità molto più marcati rispetto al passato, rendendo necessari grossi sforzi di adeguamento per soppiantare le obsolete procedure standard in uso fino a ieri. È chiaro che la via più semplice e immediata sarebbe, come in passato, quella di utilizzare della documentazione di gara già pronta e resa disponibile dagli stessi offerenti o da riviste di settore. Operazione questa non più praticabile, perché sussiste il draconiano divieto, imposto dal ricordato art. 353 bis del Codice Penale, di utilizzare capitolati tecnici copia-incolla o bandi fotografia ; quei capitolati di gara, cioè, nei quali sono previsti requisiti talmente stringenti da determinare ex ante il vincitore. Esempio: è quanto accaduto l anno scorso, allorché un offerente nella sua brochure commerciale caldeggiava l utilizzo del capitolato generale (peraltro legalmente ineccepibile), associandolo però ad un capitolato tecnico viziato da indice di correlazione statistica marcatamente sbilanciato in favore dello stesso soggetto. Il capitolato in questione, utilizzato in buona fede da numerosi Dirigenti perché proposto da una rivista specializzata, finì al centro di vivaci polemiche perché i criteri di valutazione adottati, basati su elementi che non avevano rilevanza alcuna ai fini statistico-economici, falsavano il corretto esito della gara. Dal 7/9/2010 copiare maldestramente un bando di gara comporta sino a 5 anni di reclusione. Nella mia scuola è proibito copiare. A me per prima.

6 Regola n. 4 Chi fa da sé, sbaglia per tre. Fatti aiutare! Il contratto assicurativo è un contratto tipico, cioè regolato in modo preciso dalla legge, dal Codice Civile, dal Codice delle Assicurazioni e dai regolamenti attuativi. Un corpo normativo di oltre articoli che bisogna conoscere ancor prima di prendere in mano una polizza. Polizza che va analizzata articolo per articolo, sfoltendo eventuali clausole contrarie alle norme non derogabili, integrando quelle che, seppur non riportate, si intendono comunque vigenti ex lege, calando infine il tutto nel corposo patrimonio giurisprudenziale. La polizza va inoltre vagliata alla luce dei dati tecnici, statistici e matematici di cui si è in possesso per verificarne il reale grado di efficacia. Attività complesse, queste, che richiedono anni di studio ed applicazione pratica ma che le altre Amministrazioni dello Stato pongono in essere quotidianamente da decenni. Cambiare procedura non comporta nessun rischio quindi, se si decide di operare in modo uniforme alle altre PP.AA.. Pensare però di affrontare da soli e senza una specifica esperienza un processo per la stesura del quale la maggior parte degli Enti Pubblici si fa assistere da società di brokeraggio, potrebbe essere inutilmente rischioso. Un esempio banale Conseguenze derivanti da errata interpretazione del concetto di proposta assicurativa nella vendita per corrispondenza. Per proposta assicurativa, nel linguaggio comune si intende la proposta commerciale che l assicuratore fa all assicurato (la brochure con la quale un agente, per esempio, indica alla Scuola come e con chi assicurarsi). L articolo 1887 del C.C. indica invece l esatto opposto: Proposta assicurativa è la proposta scritta diretta all assicuratore.. La proposta pertanto, sarebbe costituita dal modulo di adesione prestampato che il DS firma e spedisce al preponente. È facile intuire quali conseguenze giuridiche questa differenza comporta qualora il RUP non abbia indetto la gara nelle forme di legge ed abbia proceduto ad un semplice esame di 3 proposte commerciali pervenute spontaneamente per corrispondenza, non sollecitate da un invito specifico. Supponiamo infatti che lo stesso DS non effettui il collaudo prima della firma del contratto definitivo e scopra successivamente che lo stesso è stato modificato in peggio rispetto all offerta commerciale inizialmente valutata. In caso di sinistro, l eventuale rifiuto di indennizzo totale o parziale opposto dalla Compagnia, in base alle nuove condizioni non sarebbe impugnabile in alcun modo, perché la semplice firma del contratto avrebbe il valore di controproposta accettata ex art C.C. A nulla, in questo caso, varrebbe far notare che nella brochure veniva pattuito qualcosa di diverso. Ecco come da un banale errore di interpretazione e dal mancato rispetto delle regole di gara Il Dirigente può essere chiamato a rispondere del danno procurato all Amministrazione ed all Utenza. Il Dirigente in questo caso ha fatto da sé e ha sbagliato per tre: per se stesso, per la P.A. e per l utenza! Quando facevamo tutto io, il DSGA e il CDI, ci sembrava tutto ok. Poi sono arrivati i controlli... e non ci ho più dormito la notte.

7 Regola n. 5 Scegli bene da chi farti aiutare Confronti la nostra polizza con queste altre. Vede? il nostro prodotto offre di più e costa di meno. È questo l incipit di un rapporto poco professionale e poco chiaro, quando non ancora peggio. A parità di condizioni, il premio matematico di rischio non varia al variare degli assicuratori. Ma se cambia il rischio contrattualizzato dall assicuratore, con esso può variare anche il premio finale. Il rischio matematico è invariabile: la probabilità che la mia auto sia rubata non cambia al cambiare dell assicuratore; qualsiasi Compagnia che assicuri la mia auto corre lo stesso rischio di pagare il furto. Il premio matematico è quindi uguale per tutti! È invece estremamente variabile il rischio contrattualizzato: l auto rubata può essere valutata in un modo o in un altro, ci possono essere franchigie e scoperti diversi, clausole limitative ed esplicative, dichiarazioni contrattuali restrittive, obblighi per il contraente di fare o di non fare, pena la non operatività delle garanzie. Il prodotto assicurativo mirabolante a basso costo esiste solo nelle fantasie più o meno distorte del marketing! Quando la comunicazione commerciale dice il nostro prodotto assicurativo è il migliore, assicura di più e costa meno, si deve sapere che, salvo piccoli margini, questa affermazione non può essere vera, a meno che la Compagnia assicurativa non decida di lavorare in perdita! Ecco che, a fronte di illusori acquisti vantaggiosi, con il metodo dell acquisto passivo, magari effettuato per corrispondenza, nel migliore dei casi si riesce a stipulare un normalissimo contratto assicurativo al corrente prezzo di mercato; di contro, nel peggiore, si acquista un bidone sbilanciato commercialmente su garanzie inutili a danno invece di quelle necessarie opportunamente depotenziate. Allo stesso modo, imbastendo un processo di acquisizione con il copia-incolla di un capitolato gentilmente messo a disposizione da un offerente, si rischia di aderire al suo rischio contrattualizzato facilitandogli il compito e per di più ricadendo nell articolo 353 Bis del C.P. che vieta i capitolati fotocopia. È abbastanza evidente a chiunque che non si può giocare e arbitrare la stessa partita! Non senza il rischio di vederne alterato il risultato! Insomma, ci sono consulenti indipendenti (Broker) e altri dai quali è sempre meglio non dipendere. Un tizio l altro giorno voleva vendermi non so cosa e mi offriva sottobanco anche i criteri giusti per la gara... Indovina cosa gli ho risposto?

8 Regola n. 6 Il broker. Naturale soluzione. La soluzione per la scuola è esattamente la stessa già adottata da sempre dalle altre pubbliche amministrazioni: il broker assicurativo. Il broker assicurativo è una figura professionale regolata dalla legge (nello specifico dal Codice delle Assicurazioni) che opera per conto del Cliente (la Scuola), differenziandosi in questo dalla figura dell Agente che rappresenta gli interessi della Compagnia. Le Società di brokeraggio assicurativo assistono i Dirigenti della P. A. nell individuare e misurare le esigenze di copertura del rischio, stabiliscono i criteri di aggiudicazione sulla base delle esigenze dell Amministrazione e dell Utenza, predispongono i capitolati, calcolano e redigono i prospetti di merito tecnico delle offerte pervenute, verificano la conformità dei contratti prima della stipula, verificano costantemente l allineamento delle coperture al variare del rischio, studiano la procedura di gestione dei sinistri più appropriata, forniscono ai danneggiati la necessaria consulenza e assistenza di parte per ottenere i risarcimenti pattuiti contrattualmente, e ancora prevengono o limitano, attraverso appropriate politiche di mediazione, l insorgere del contenzioso tra Ente, Compagnia Assicuratrice e danneggiati. La Dirigenza Scolastica in tal modo si concentrerà esclusivamente sull espletamento delle attività non delegabili, affidando il disbrigo delle problematiche tecniche (con le responsabilità professionali connesse) al Broker. Come può una Scuola, data la complessità della materia resa ancor più esasperata dalle novità normative intervenute, valutare ipotesi di processo alternative a quelle che da quasi trent anni sono una prassi consolidata della restante P.A.? I Dirigenti dei grandi Enti Pubblici ed i top Manager delle grosse aziende si avvalgono già da decenni di un consulente tecnico assicurativo (Broker o Risk Manager) e per verificare questa affermazione è sufficiente effettuare una ricerca su Google. È giunto il momento che anche i Dirigenti Scolastici possano permettersi un Broker. Analisi del rischio, capitolati tecnici, comparazioni ponderali, studi di processo... Questioni complesse e importanti che richiedono conoscenze e tempo che non ho... ma il mio broker sì!

9 Regola n. 7 Avere un Broker in più non costa un Euro di più. Le polizze assicurative devono essere tassativamente distribuite con le modalità e attraverso gli intermediari previsti dal Codice delle Assicurazioni (Gerenze di Compagnia, agenti, brokers, produttori diretti, banche, poste). I costi di intermediazione (provvigioni, premi, rappels, etc), vengono sempre inseriti dalla Compagnia Assicuratrice all interno del premio finito, indipendentemente dal numero e tipo di intermediari che opereranno l acquisizione. La presenza del Broker non comporta quindi alcun onere aggiuntivo, ma una semplice redistribuzione delle competenze di intermediazione regolata dalla clausola broker presente nel Capitolato Generale d Oneri*. Il Dirigente che deve scegliere se farsi assistere o no da un Broker, in fondo deve compiere una scelta logica: 1 Con il Broker mi faccio aiutare, scarico parte della responsabilità sul consulente esterno e indico alla Compagnia di dividere la commissione comunque dovuta 50 e 50 tra agente e Broker! 2 Senza il Broker faccio tutto io, mi assumo interamente la responsabilità per culpa in eligendo e indico alla Compagnia di pagare il 100% della commissione comunque dovuta alla mia controparte (agente). Migliaia di Dirigenti Pubblici che negli ultimi trent anni hanno scelto la prima non possono avere sbagliato! * Es. Clausola Broker inserita nel Bando di gara: Art. 18) Clausola Broker. Per la determinazione del contenuto dei Capitolati Generale e Speciale, per l effettuazione della presente procedura e per la gestione ed esecuzione del contratto, l Amministrazione si avvale dell assistenza di Tecnobroker Srl, sita in Via Casaregis, 42/ Genova (GE) Telefono , fax , - Società di Intermediazione Assicurativa (broker) incaricato, ai sensi del D.Lgs. n 209/ iscritta al R.U.I.A.R con il n B Al Broker potranno essere richieste le informazioni tecniche relative ai rischi da assicurare. L opera del Broker sarà remunerata, in conformità agli usi vigenti, dalla compagnia di assicurazione risultata aggiudicataria. Al solo fine di garantire la par condicio tra le Compagnie offerenti, si dovrà tener conto che la remunerazione del broker, in costanza di incarico, sarà pari al 14% di ciascun premio imponibile annuo relativo alle garanzie contratte dall Istituto Scolastico. Si precisa che tale compenso dovrà essere attinto in quota parte dall aliquota provvigionale già prevista e riconosciuta dalla Compagnia aggiudicataria alla propria rete di vendita diretta, e in nessun caso potrà comportare un costo aggiuntivo per l Istituto Scolastico o per l Utenza. Perché ho un Broker? Perché mi aiuta, si assume la responsabilità di quello che fa e in più non mi costa un Euro!

10 Regola n. 8 Affrontate il cambiamento con un Broker. L acquisto delle coperture scolastiche per corrispondenza attraverso brochure commerciali è una moda superata oltreché illecita. Ma, secondo qualche maldestro libero pensatore, assicurarsi attraverso un Broker presenta maggiori difficoltà iniziali. In verità è vero il contrario, poiché le difficoltà di applicazione della nuova normativa saranno più semplici da affrontare e risolvere con un Broker che possiede le competenze e gli strumenti tecnici idonei. Al di là delle difficoltà, solo psicologiche, di servirsi per la prima volta di un tecnico esterno, le nuove disposizioni normative andranno comunque rispettate, con o senza l assistenza di una società di brokeraggio. Se poi la società di brokeraggio ha già una consolidata esperienza in campo scolastico, tutto diventa molto più facile: nessuna necessità di sperimentare, di dover studiare e assimilare le peculiarità di un nuovo settore, ma l adozione di processi già collaudati. L acquisizione delle coperture assicurative rappresenta per la scuola una tra le procedure di spesa più importanti, se non la più importante. Nella prospettiva di verifiche e controlli sulla qualità della spesa, l acquisto delle coperture scolastiche sarà pertanto un bersaglio naturale e prioritario. Anche le norme sulla tracciabilità impongono una gestione documentale della gara trasparente e inappuntabile, requisiti questi che solo l esperienza e la professionalità di un Broker possono garantire. Insomma bisogna affrontare il cambiamento con coraggio e fiducia e meglio se con un alleato forte e capace. Lentamente muore chi diventa schiavo dell abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi... chi non si lascia aiutare Martha Medeiros L idea di cambiare era veramente snervante. Poi ho sentito un collega che aveva un Broker e ho deciso!

11 Regola n. 9 Un Broker sì, ma meglio se specializzato nella gestione dei rischi scolastici! Tecnobroker garantisce esperienza e specializzazione tecnica decennali uniche a livello nazionale nella analisi e nella gestione del rischio scolastico. Tutto, dal processo al materiale di gara, dall organizzazione del lavoro alla struttura operativa, è già stato in questi anni ampiamente sperimentato e collaudato. Niente è stato banalmente adattato da altri comparti assicurativi, ma è stato progettato e implementato per il settore scolastico, utilizzato nel settore scolastico e dallo stesso ampiamente assimilato. Tecnobroker dispone dei migliori tecnici disponibili a livello nazionale, forniti di grande esperienza nell individuare e misurare il rischio della scuola. Esperienza e professionalità mirate che si estrinsecano anche nella redazione di bandi di gara assolutamente trasparenti e autonomi, distanti da ogni prodotto esistente sul mercato e perciò caratterizzati da bassissimi indici di connessione statistica (chiunque può vincere le gare semplicemente adattando il proprio prodotto alle necessità reali e concrete della Scuola e delle famiglie ed evitando iperboliche strategie commerciali per occultare dannosi sprechi in garanzie inutili o illecite). I Criteri matematici di Tecnobroker hanno già superato, negli ultimi 6 anni, verifiche e controlli approfonditi da parte degli uffici legali di emanazioni regionali del MIUR e di diversi organi di vigilanza. Tecnobroker non vuol dire solo esperienza nel gestire le gare, ma anche cura e risoluzione di tutte le problematiche assicurative, legali ed amministrative dell Amministrazione cliente, nonché appoggio tecnico risolutivo alle famiglie dei danneggiati. Oggi nessuna società di brokeraggio in Italia può vantare come Tecnobroker 10 anni di esperienza pratica nel comparto Scuola, più di 800 Scuole gestite, 350 gare l anno di media e più di 2000 interventi di mediazione tra famiglie e Compagnie Assicuratrici. Cinque minuti al telefono... conosceva già tutti i miei problemi e aveva già tutte le soluzioni.

12 Regola n. 10 o logica del buon senso Tecnobroker: massimo risultato, minimo sforzo, senza rischi e costi aggiuntivi! Tecnobroker è una società di brokeraggio assicurativo che nasce dalla convergenza di professionalità di formazione diversa, unite nell intento di dare vita ad una organizzazione avente un carattere e un obiettivo ben precisi: offrire alle Scuole ed ai piccoli Enti Pubblici un servizio di misurazione quantitativa dei rischi. Tecnobroker infatti si occupa di misurare matematicamente i rischi reali a cui l assicurato è esposto, di stendere i requisiti tecnici per la corretta acquisizione delle coperture assicurative e di misurare la quantità di rischio che tali coperture assorbono per affrontare in modo razionale e organizzato l eventuale sinistro. La trattazione quantitativa dei rischi permette inoltre di evidenziare, misurandoli, non solo la differenza tra un rischio reale ed uno contrattualizzato (cioè assicurato), ma anche la differenza tra questi ed il rischio percepito (idea di rischio del cliente basata sulla propria esclusiva esperienza). La distanza tra percezione soggettiva del rischio e rischio reale è infatti la prima fonte di spreco assicurativo ed economico. Compito di Tecnobroker è di fatto ridurre o eliminare tale spreco con una appropriata informazione. La creazione di quadri sinottici, grafici e indici consente, infatti, di strutturare in modo razionale il processo di scelta della Dirigenza Scolastica ed il coinvolgimento di tutte le parti che, a vario titolo hanno, o potrebbero averne interesse: CDI, MIUR e sue emanazioni periferiche, Revisori e altri organi di vigilanza, Compagnie Assicuratrici e Utenza. Il modo di operare di Tecnobroker, inoltre, si adatta in modo perfetto alla nuova normativa riguardante le acquisizioni e la contrattualistica nel settore pubblico, la quale prevede espressamente proprio l adozione di metodologie quantitative nella valutazione delle offerte di beni e servizi, ivi compresi quelli assicurativi. Tecnobroker, sfruttando al meglio le nuove tecnologie che permettono l abbattimento delle distanze fisiche, è oggi in grado di operare sull intero territorio nazionale senza alcuna perdita di efficacia ed efficienza grazie anche alla ottimale implementazione di uno specifico software proprietario che permette una agevole e puntuale risposta alle esigenze di clienti e collaboratori sparsi in tutta Italia. Tecnobroker può inoltre vantare i migliori tecnici a livello nazionale nella analisi e gestione del rischio scolastico, spesso per questo coinvolti, in collaborazione con ABA (Accademia di Brokeraggio Assicurativo dell Associazione Italiana Broker di Assicurazione), in attività di formazione/informazione per USR, CSA, Reti di Scuole, Associazioni Sindacali e di categoria. Insomma è proprio una cosa insensata privarsi di un Broker! A pensarci bene la migliore soluzione è ancora la più logica.

13 Corollario Tutto ciò che non fa parte della soluzione, fa parte del problema. L articolo 109 del Codice delle Assicurazioni recita testualmente: nel registro sono iscritti in sezioni distinte: gli agenti di assicurazione, in qualità di intermediari che agiscono in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione; i mediatori di assicurazione o di riassicurazione, altresì denominati broker, in qualità di intermediari che agiscono su incarico del cliente e senza poteri di rappresentanza di imprese di assicurazione o di riassicurazione. Agente e Broker: due funzioni fondamentali per il corretto funzionamento del mercato assicurativo, due ruoli sostanzialmente complementari che generalmente entrano in contatto in modo collaborativo e costruttivo, pur nell ambito di una necessaria difesa dei rispettivi interessi. Nella Pubblica Amministrazione come nelle aziende, il Broker assiste il cliente nella analisi del rischio e nella stesura dei requisiti che le garanzie debbono avere per coprire il rischio; mentre l Agente funge da preziosissima interfaccia della Compagnia per consentire il puntuale disbrigo delle incombenze amministrative. Entrambi fanno parte della soluzione. Di regola. Purtroppo però ogni regola ha le sue eccezioni anzi, le sue Anomalie. Le Anomalie vanno assolutamente evitate perché possono rivelarsi un infinita fonte di ansia e di lavoro straordinario per la Dirigenza Scolastica. Le Anomalie sono facili da riconoscere perché creano problemi. Non possono mai offrire o rappresentare la soluzione ai problemi del Dirigente perché sono esse stesse la fonte dei problemi. Sono Anomalie: un prodotto che offre di più e costa di meno salvo scoprire il contrario all atto del sinistro.. un prodotto che viaggia inspiegabilmente su una rete parallela rispetto alla rete ufficiale e territorialmente più comoda.. il consiglio di affrontare da soli la procedura di gara per l assicurazione con l ausilio di bandi fotocopia. il consiglio a non avvalersi del broker lasciando così solo il DS con le sue eventuali responsabilità per culpa in eligendo. il suggerimento di fare prima una gara per la scelta del broker e poi un altra gara per la polizza, sperando così di fiaccare la disponibilità del DS e farlo perciò desistere sia dall una che dall altra. lo spendere ogni anno decina di migliaia di euro in costose campagne marketing e atti legali per piegare i DS e i DSGA alle proprie brame di conquista del mercato. il perpetrare per anni accessi agli atti inaccoglibili e preordinati al solo fine di creare fastidio e timore al RUP. Anomalia infine sarebbe quella di chi promuove e accetta l adesione on line di una Scuola, senza aver partecipato ad alcuna gara preventiva, conscio eppure noncurante dell illecito compiuto. Pensiamoci un momento: quale vantaggio può trarre l Istituto o l Utenza da queste Anomalie, dall operare cioè in modo difforme dalle altre PP.AA. e rinunciare al Broker di fiducia? L unico risultato dell accettare acriticamente queste Anomalie sarebbe: un maggior carico di lavoro, maggiori responsabilità, risultati mediocri, rischi non adeguatamente coperti e conflitto tra famiglie e Scuola. Abbiamo detto solo una parte di ciò che avremmo dovuto, ma per noi è fondamentale chiarire le differenze principali tra chi crea i problemi alla Dirigenza Scolastica ed alle Istituzioni e chi invece li risolve. Chiarire gli svantaggi delle Anomalie ed i vantaggi del collaborare con un Broker. Se tutto è, come deve essere, alla luce del sole, chiunque compia le sue scelte con logica sa per ragionamento e per esperienza che Tecnobroker è la naturale soluzione delle Scuole italiane.

14 La logica impone una verifica. Volete saperne di più e verificare se c è qualcosa di anomalo nelle vostre procedure o nel vostro rapporto assicurativo? Chiamateci, saremo lieti di aiutarvi senza alcun impegno né obbligo da parte vostra. Tel Logicamente adesso. Tecnobroker Srl - Via Casaregis, 42/ Genova (GE) Telefono Fax E mail: Società di Intermediazione Assicurativa (broker) incaricato, ai sensi del D.Lgs. n 209/ iscritta al R.U.I.A.R con il n B I 5 minuti meglio spesi della giornata!

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

BEST UN ANNO DOPO. Broker & Scuola Team s.r.l.

BEST UN ANNO DOPO. Broker & Scuola Team s.r.l. BEST UN ANNO DOPO Anche quest anno ci siamo impegnati ad osservare il Mercato ma purtroppo rispetto all anno scorso, la situazione non è cambiata di molto. Nonostante il nostro impegno, abbiamo avuto ancora

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli