BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini ( ) Abstract L obiettivo di questo articolo è descrivere la progettazione e l implementazione di un middleware che permetta di risolvere un problema di sincronizzazione di dati all interno di un sistema eterogeneo cercando una soluzione il più possibile completa, efficiente ed indipendente dal problema originale, ossia riutilizzabile. Il problema di partenza è la necessità di sincronizzare un sistema gestionale realizzato come applicazione web con software di comune distribuzione nelle macchine locali. Il sistema è stato poi esteso per aumentare la QoS introducendo un cluster di server. 1 Introduzione Questo progetto nasce da una esigenza sempre più comune nello sviluppo di sistemi software: la collaborazione tra elementi eterogenei, ovvero scritti in linguaggi diversi ed operanti in diversi sistemi operativi. Lo scopo del progetto è fornire un middleware che permetta di risolvere un problema di sincronizzazione di dati all interno di un sistema eterogeneo cercando una soluzione il più possibile completa, efficiente ed indipendente dal problema originale, ossia riutilizzabile. Il problema di partenza è la necessità di sincronizzare un sistema gestionale realizzato come applicazione web (installata su un server) con software di comune distribuzione nelle macchine locali (es: Microsoft Outlook e Microsoft Pocket Outlook). Poiché i dati possono essere modificati sia sui dispositivi locali che sul server, la sincronizzazione deve essere intelligente, cioè deve poter capire a quale dei due sistemi prestar fede, e prevedere diverse politiche di sincronizzazione e variarla nel tempo, eventualmente prevedendo la possibilità di interpellare l utente stesso in caso di dubbio. Si consideri inoltre che, mentre il server web è sempre on-line, gli altri sistemi possono effettuare modifiche anche off-line e solo in seguito eseguire la sincronizzazione. Nella prossima parte sarà analizzato il problema nei suoi aspetti critici, sondando possibili alternative di soluzione. La terza sezione tratterà delle scelte effettuate nella soluzione, e la quarta mostrerà i dettagli principali dell implementazione. La quinta parte esaminerà un estensione del sistema, introducendo la replicazione del server. 2 Analisi del problema Il problema evidenzia tre importanti aspetti che devono essere affrontati con riguardo: l eterogeneità, il coordinamento tra le entità e le politiche di sincronizzazione. 2.1 Eterogeneità Le entità sono in generale software diversi che girano su piattaforme diverse, e soprattutto che organizzano le informazioni in modo diverso. Perciò è necessario in qualche modo tradurre le informazioni in una struttura logica unica per poterle confrontare. Questa potrebbe essere una struttura astratta creata dal sistema o un vero e proprio file esportato dalle diverse entità in uno standard comune. Questo secondo caso appare più interessante in

2 quanto permette la progettazione di un unico software di sincronizzazione, di cui qualunque programma di terze parti può usufruire previa la realizzazione di un plugin di esportazione ad hoc. 2.2 Coordinamento tra entità La presenza del server web sempre on-line richiama subito l idea di un sistema client/server, che facilita molto la sincronizzazione in quanto è possibile permettere ad una sola entità di monitorare l intera operazione. Questo modello però comporta un alto carico di lavoro sul server, che è prevedibile lavori con diversi utenti contemporaneamente. Non è perciò da escludere una implementazione secondo il modello P2P, considerando che ogni entità ha, a prescindere, la stessa veridicità per quanto riguarda le informazioni che contiene. 2.3 Politiche di sincronizzazione Occorre considerare innanzitutto che in generale le entità, escluso il server web, potrebbero effettuare modifiche sulle informazioni in modalità off-line. Inoltre lo stesso utente potrebbe voler attualizzare le informazioni da due dispositivi diversi contemporaneamente. La sincronizzazione deve essere quindi un operazione atomica, perché sia garantita la consistenza dei dati. Il sistema deve poi prevedere diverse politiche di sincronizzazione, dipendenti dal tempo (ad esempio: è la prima sincronizzazione, e quindi in generale le informazioni locali non sono aggiornate, o il contrario) e dal luogo (ossia dal dispositivo); occorre quindi che queste politiche siano facilmente modificabili e che il sistema ne sia indipendente. 3 Scelte progettuali 3.1 Eterogeneità e politiche di sincronizzazione Il problema dell eterogeneità ha portato alla scelta del Java come linguaggio di implementazione, in quanto è indipendente dalla piattaforma su cui gira, ed è largamente diffuso anche nelle tecnologie mobili. Per permettere il confronto dei dati si è pensato ad un formato standard in cui rappresentarli, ed è stato scelto come linguaggio l Xml, standard sempre più in uso che presenta forti vantaggi in quanto a usabilità e leggerezza, nonché diffusione. Sarà necessario perciò realizzare un exporter (in un linguaggio di programmazione qualunque!) per ogni diverso sistema che vuole interagire attraverso la nostra applicazione. Ma, grazie a questo standard, è anche possibile immaginare che vengano implementati sistemi a partire dal formato Xml da noi utilizzato come standard. Sarà utilizzato l Xml anche per la definizione delle politiche da seguire, rendendone così facile la configurazione. 3.2 Coordinamento Il nostro sistema presenta una forte asimmetria: da una parte abbiamo un server web, sempre on-line ma che deve gestire l accesso di più utenti allo stesso tempo (e anche dello stesso utente da più postazioni); dall altra delle entità che lavorano sia on-line che off-line, e lavorano con un singolo utente. Perciò, nonostante le riflessioni sulla parità di ruolo di tutte le entità, la scelta più efficace appare essere quella di un sistema client/server. È però necessario che il carico di lavoro sul server sia minimo. Ogni operazione di sincronizzazione è quindi effettuata rispetto al server, visto che è l unica entità sempre on-line, il quale ha quindi il solo compito di fornire la sua versione dei dati, nonché di impedire l accesso ai dati dello stesso utente da più postazioni, e garantire l atomicità e la consistenza delle operazioni di sincronizzazione. Compito del client è quindi fare richiesta di sincronizzazione al server ed effettuare il confronto dei dati. In questo modo sarebbe anche facilmente implementabile una politica che preveda l interrogazione diretta del client: l esecuzione avverrebbe sempre in locale, e non comporterebbe un carico di lavoro maggiore da parte del server e della rete. 4 Implementazione Il middleware è stato implementato tralasciando, oltre agli exporter (che come si è già detto sono componenti di fatto esterne al sistema), l interfaccia grafica. È perciò contemplata ma non implementata la possibilità di interrogare direttamente l utente in caso di dubbio. 2

3 Il sistema comprende due sottosistemi in comunicazione tra loro: il client e il server. Entrambi sono stati realizzati secondo una logica di layer, così da facilitare la modifica ed il riutilizzo dei componenti. Local Software WebServer-DB GUI Importer Policy Importer Application Layer Application Layer Network Layer Network Layer Disegno 1: Layers L atomicità dell operazione è realizzata tramite le operazioni di Lock e UnLock che operano sul server a livello Application. In figura 1 e 2 sono riportate le strutture logiche del Client e del Server, ad un livello di astrazione tale da riportare solo i metodi essenziali. Figura 1 Il client ruota attorno alla classe AppLayer, che si serve delle altre classi del sistema. Il dialogo col server è reso trasparente grazie alla classe NetLayer, che implementa il layer di rete, la quale, una volta istanziata, maschera tutto il dialogo di rete con due chiamate di invio e ricezione di file. Figura 2 Il server è stato implementato a partire dal basic remoting pattern Singleton. Questo ci permette di avere una classe istanziata una sola volta, la classe Framework, che, oltre a prendersi carico dell inizializzazione dello Stub e quindi dell infrastruttura di rete, gestisce il delicato accesso alla LockList, nonché la classe LockManager, responsabile di monitorare la lista. Essendo un singleton ha tra l altro il vantaggio di poter essere chiamata da chiunque ne abbia la visibilità (come il NetLayer). Si noti inoltre la classe NetUtility: questa classe composta esclusivamente di metodi statici si può considerare come un semplice middleware per standardizzare la comunicazione tra i componenti del sistema. Fornisce il passaggio di due tipi di dato: messaggio e file. La classe XmlUtility provvede invece tutti i metodi per manipolare i file xml. L interazione tra client e server è riportata in fig. 3. Come si vede il server ha un comportamento passivo, in quanto aspetta le interrogazioni del client e non è preoccupato dell esito dell operazione. Al contrario il client conosce perfettamente l esito delle operazioni e, in caso di errore, può agire di conseguenza. 3

4 Figura 3 L interazione è divisa in due fasi: lock e sync. Questa divisione non è solo logica: la connessione viene chiusa alla fine di ogni fase. Questo per ottimizzare l utilizzo della banda e minimizzare l occupazione delle porte del server. Inoltre, pensando alla possibilità che il processo di sincronizzazione interagisca con l utente, evita di mantenere aperta una connessione inoperosa. In questo modo però il server resterebbe all oscuro di un eventuale fallimento del processo di sincronizzazione, e non potrebbe eliminare la lock effettuata dal client. Per questo è stato pensato un monitor che, dato un tempo massimo di validità della lock, controlla periodicamente il registro di lock per scartare le entry scadute. L eterogeneità è stata risolta, come detto, dall utilizzo di un formato standard basato sull Xml. Il layer Application del client quindi effettuerà una comparazione tra il documento locale, riportato dall Importer, e quello remoto, ricevuto dal Network Layer. Le scelte saranno guidate dalla politica impostata nel file di policy, anch esso in xml. Un esempio di file di policy è il seguente: <?xml version="1.0" encoding="iso "?> <!-- Local: creato in locale. Remote: creato in rem.--> <policy> <new> <!-- possibilità: keep/skip/ask --> <local> keep </local> <remote> skip </remote> </new> <different> <!-- possibilità: keeplocal/keepremote/ask--> <localnewer> keeplocal </localnewer> <remotenewer> keeplocal </remotenewer> <samedate> keepremote </samedate> </different> </policy> Il sistema è stato sviluppato con il framework Eclipse usando Java JRE 1.5. E stato testato in ambiente Windows. 5 Estensione: Server replicati Vogliamo ora incrementare la Qualità del Servizio del nostro sistema. In particolare vogliamo far sì che, in caso di caduta del server, sia ancora possibile fruire del servizio in modo trasparente all utente che lavora da un dispositivo client: vogliamo quindi garantire un servizio sempre attivo 24/7. Visto che abbiamo considerato l exporter server-db come un componente esterno, non ci occuperemo della fault-tolerance del database, in quanto supporremo già fornito da terze parti. Nel nostro sistema fornire un servizio attivo 24/7 vuol dire far si che, in caso di caduta di un server, ce ne sia un altro che possa fornire lo stesso servizio, e questo conservando l atomicità dell azione rispetto all utente. Quindi è necessario avere un sistema replicato in cui tutti i server vedano la tabella dei lock aggiornata. La soluzione proposta prevede di avere un cluster di server secondo il modello del bilanciamento di carico. Ogni copia può realizzare il protocollo di scambio con il client, e il sistema provvede alla sincronizzazione e al bilanciamento. 4

5 Per la gestione dei server si introduce un nuovo componente, chiamato Broker, che dovrà occuparsi della ricezione della richiesta da parte del client, l assegnazione di un server, nonché del monitoraggio e della sincronizzazione del cluster. In questo modo, però, il collo di bottiglia creato dalla possibile caduta del server è solo spostato ad un altra entità. Per questo anche il Broker dovrà essere a sua volta replicato. Figura 4 Il client ora non interrogherà più direttamente il server, ma dovrà contattare il broker. Questi gli dovrà passare il riferimento ad un server. Perciò cambierà leggermente il protocollo di comunicazione, che sarà realizzato come in figura 5. Come si può vedere, dal lato client c è un solo significativo cambiamento: la contrattazione del server come fase iniziale. Contrattazione determinata dalla presenza del messaggio change server. Anche dal lato server i cambiamenti sono minimi: la possibilità di ricevere un ping e il messaggio di lock indiretto lock <username> ##Broker, il cui significato sarà spiegato in seguito. La limitatezza di queste modifiche fa si che sia il client che il server siano ancora compatibili con il precedente protocollo: è ancora possibile la comunicazione diretta client-server senza alcuna mediazione. L introduzione del broker ci permette di delegare a questi il monitoraggio ed il bilanciamento dei server. Il broker sarà in possesso di una lista dei server attivi e di una lista dei server offline, e istanzierà dei processi di monitoraggio per poter aggiornare il contenuto delle liste. In particolare saranno presenti due oggetti attivi, ServerManager e ServerRestore. Il primo monitorerà i server attivi, e, in caso di caduta di uno di questi, li sposterà nella lista dei server offline. Il secondo controllerà i server offline tentando di ripristinare quelli che sono tornati raggiungibili. La struttura logica del broker è riportata in figura 6. Figura 6 Figura 5 La ServerList è stata implementata come un singleton doppio, estendendo la 5

6 peculiarità del singleton alle due liste di cui necessitiamo. Si noti che, nonostante l analogia col server, la classe Broker non è un singleton come la classe server.application.framework. Questo perché nel broker tutta la parte a livello di applicazione riguarda la ServerList, e perciò è a questa classe che è stato applicato il pattern. Le informazioni dei server sono incapsulati nella classe serializable ServerInfo. E perciò possibile inviarli ad oggetti remoti (quali i client) grazie ai nuovi metodi getobj e sendobj aggiunti alla classe NetUtility, a cui è stata anche aggiunta la funzione connect(serverinfo). La ServerList incapsula i server nella classe ServerListInfo, che estende la ServerInfo aggiungendo l attributo use che permette di utilizzare un algoritmo di bilanciamento di carico: ad ogni chiamata getworkingserver viene scelto il server con il parametro use maggiore, e allo stesso tempo viene incrementato di uno il valore di tutti i server. I parametro del server scelto viene poi decrementato del numero dei server presenti. Viene qui assunta nuovamente una politica positivista: il server ritornato è sicuramente on-line. Questa scelta, basata sull esistenza di un doppio monitoraggio (si veda il prossimo capoverso), permette di risparmiare il tempo altrimenti perso da una verifica dello stato del server. La sincronizzazione viene effettuata con una strategia positivista al momento stesso delle chiamata da parte dell utente: mentre il server scelto viene messo in comunicazione con l utente, agli altri server viene inviata la stessa richiesta con il suffisso ##Broker. Questo viene codificato dal server come una richiesta differente, in quanto eseguirà solo le operazioni che riguardano la lock. In questo modo si suppone che l esecuzione sul server scelto vada a buon fine. Questa scelta è stata dettata dalla volontà di minimizzare i cambiamenti, e supportata dalla relativa semplicità dell operazione. Si è deciso quindi di seguire una politica simile all aggiornamento eager di tutte le copie, ma le copie secondarie eseguono l operazione solo parzialmente, e non c è una fase di accordo finale. La chiamata agli altri server viene eseguita attraverso il ServerManager: questo permette di aggiornare la lista dei server attivi. Il ServerManager può essere eseguito anche come processo indipendente che si ripete ad intervalli regolari, in modo da migliorare il throughput al momento della richiesta da parte del cliente nel caso di un lungo intervallo di inattività del sistema. Il ServerRestore viene istanziato come un processo indipendente che, ad intervalli regolari, effettua una ping su tutti i server offline. Nel caso di risposta affermativa avvia la procedura di restore schematizzata in figura 7. Figura 7 Viene richiesto alla ServerList un WorkingServer, e a questi viene richiesto di comunicare al server in fase di restoring la lista delle lock. In seguito viene reinserito tra i server attivi. L operazione usa nuovamente i metodi sendobj e receiveobj di NetUtility, perciò anche la classe Lock ora implementa l interfaccia Serializable. La replicazione del broker è realizzata attraverso un cluster statico (nel nostro caso 2 istanze) a copie attive, una primaria ed una secondaria: entrambi i broker possono operare in maniera indipendente, e non è necessaria nessuna fase di aggiornamento tra i due, in quanto ognuno monitora comunque i server attivi. Il client avrà l indirizzo di entrambi, e potrà 6

7 accedere alla copia secondaria in caso non sia disponibile quella primaria. Sarebbe interessante, come attività futura, sviluppare in modo più completo questa replicazione, ad esempio condividendo tra i broker le informazioni di bilanciamento del carico dei server, o sfruttando il broker secondario per il controllo dello stato dei server. Le modifiche al client per adattarlo a questa estensione sono minime: è stato modificato unicamente il layer di rete, introducendo la possibilità della contrattazione del server con il broker, ad eccezione dell aggiunta di un ulteriore parametro nella configurazione per conoscere anche l indirizzo del broker secondario. Si è approfittato del cambiamento per eseguire anche una refactory del codice sfruttando la nuova classe ServerInfo dove possibile. E possibile eliminare il broker e creare un sistema di coordinamento per cui un server si prende dinamicamente l incarico di coordinatore. E possibile implementare un layer di rete alternativo che utilizzi un altra tecnologia (es: bluetooth) per la comunicazione tra un dispositivo comunque connesso alla rete (che può comportarsi quindi come un server, essendo sincronizzato con il server principale) ed uno che non può connettersi. Il server ha subito anch esso i cambiamenti principalmente nel Network Layer, per adattarlo alle nuove funzionalità come la comunicazione con il broker ed il restoring, ed ha subito qualche modifica anche nel layer applicativo: oltre alla modifica già citata della classe Lock, si sono aggiunti nuovi metodi nel Framework e nella LockList per l invio e la ricezione dell intera lista. 6 Conclusioni È stato realizzato un middleware di sincronizzazione per sistemi eterogenei, che prevede l utilizzo di un formato standard basato sull xml per il confronto dei dati, la possibilità di definire politiche di sincronizzazione anch esse in xml, che si basa su di un modello client/server. Il middleware è stato progettato ed implementato, rispondendo a tutti i requisiti. Lo si è poi esteso aumentandone la Qualità di Servizio, introducendo un cluster di server gestito da un broker a sua volta replicato. Grazie ad una politica positivista, il servizio non ha perso significativamente velocità, guadagnando in disponibilità. 6.1 Sviluppi futuri E possibile modificare il cluster di server utilizzando una politica non positivista, e quindi con un protocollo di coordinazione tra broker e server più complesso ma più affidabile. 7

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli