TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2"

Transcript

1 TERAPIA del DIABETE MELLITO tipo 2 Giuseppe Bigiarini Sabato 22 Maggio 2010

2 CRITERI DIAGNOSTICI Glicemia a digiuno>= 126 mg/dl in almeno 2 occasioni O Glicemia a 2 ore dal carico orale di glucosio 75 gr (OGTT) >a 200 mg/dl O Glicemia random > 200 mg/dl Quanto a l uso di HbA1c attualmente non indicazione Per mancata uniformazione metodi di dosaggio e range di riferimento

3 INSULINO-RESISTENZA INADEGUATA SECREZIONE INSULINICA DIABETE MELLITO TIPO 2

4 Deficit di funzione delle beta-cellule Carenza insulinica Diminuzione della secrezione insulinica indotta dalla glicemia - Diminuzione di inibizione della produzione epatica di glucosio - Diminuzione i di uptake cellulare di glucosio Iperglicemia L inadeguata secrezione dell insulina è più evidente ai pasti per assenza della prima fase di secrezione insulinica

5 OGTT: carico standard di glucosio (75 gr) valutazione glicemia a 0 e 120 Indicazioni: Alterata glicemia a digiuno (IFG) > 110 mg/dl Glicemia a digiuno > 100 mg/dl se altri fattori di rischio (familiarità, sovrappeso-obesità, pregresso diabete gestazionale) INTERPRETAZIONE TEST: glicemia a 120 -Se < 140 mg/dl: normale tolleranza al glucosio - se tra 141 e 199 mg/dl alterata tolleranza al glucosio (IGT) - se > 200 mg/dl Diabete Mellito tipo 2

6 OBIETTIVI TERAPEUTICI Raggiungere i targets terapeutici Ridurre la morbilità e la mortalità CV (per ogni aumento del 1% di HbA1c aumentano del 20% gli eventi cardiovascolari e del 22% la mortalità cardiovascolare) Preservare la funzione pancreatica Controllo del peso

7 TARGET TERAPEUTICI: Riduzione/controllo del peso corporeo HbA1C: < 7% <6.5% in pz selezionati a basso rischio di ipoglicemie o di nuova diagnosi <7.5% in pz anziani a rischio di ipoglicemie severe sul Monitoraggio glicemico domiciliare (digiuno e 2h dopo i pasti) Glicemia a digiuno <130 mg/dl Anche nei pazienti non a terapia insulinica Glicemia post prandiale <180 mg/dl Per migliorare il controllo glicemico PA <130/80 mmhg Colesterolo LDL <100 mg/dl (se pregresso IMA <70 mg/dl) Trigliceridi<150mg/dl

8 Raccomandazioni nutrizionali Dieta normocalorica/ipocalorica Proteine 10-20% Grassi <30% (grassi saturi <10%) Colesterolo <300 mg/die Carboidrati >50% Fibra g Sodio <3 g/die ADA. Diabetes Care 23 suppl. 1: S43, 2000

9 L esercizio fisico regolare è un elemento fondamentale della terapia del diabete di tipo 2 Attenzione a cardiopatia ischemica (rischio di infarto), retinopatia proliferante (rischio di emorragie), neuropatia somatica (rischio di lesioni al piede). ADA. Diabetes Care 23 suppl. 1: S50, 2000

10 IPOGLICEMIZZANTI ORALI 1) Ad azione insulino-sensibilizzante Biguanidi Tiazolinedioni 2) Ad azione insulino-stimolatoria Sulfaniluree Glinidi 3) Acarbose 4) Nuove molecole Inibitori di DPP/IV Analoghi GLP-1

11 I FARMACI Decremento HbA1C % Metformina 1.5 TZDs Sulfoniluree 1.5 Glinidi Inibitori α-glucosidasi Insulina Analoghi del GLP-1 0,8-1 Inibitori DPPIV 0.6-1

12 Metformina(escrezione renale) Riduce la glicemia ed al tempo stesso l insulinemia, migliorando la sensibilità all insulina. Dose: mg/die in 2-3 somm. Effetti collaterali: gastrointestinali (10-15%) acidosi lattica (rarissima) Controindicazioni: Insufficienza renale (Cl creat <60 ml: cautela ridurre la dose,< 30 ml/min stop) Scompenso cardiaco classe III-IV, Insufficienza respiratoria grave.

13 Metformina: meccanismo d azione Insulino-SENSIBILIZZANTE Soppressione produzione epatica di glucosio Aumento uptake periferico di glucosio Riduzione acidi grassi liberi circolanti Riduzione assorbimento intestinale di glucosio Stimolazione secrezione GLP-1

14 Metformina: azioni extraglicemiche Riduzione dell insulinemia Riduzione del peso corporeo Riduzione dei trigliceridi e del colesterolo LDL; aumento del colesterolo HDL Tendenziale riduzione della pressione arteriosa Riduzione del PAI-1

15 metformina EFFETTI EXTRAGLICEMICI Insulinemia a digiuno 0-20% Peso corporeo 0-6% Trigliceridi 0-30% Colesterolo totale 0-10% Colesterolo LDL 0-25% Colesterolo HDL 0-17% Pressione arteriosa 0 PAI %

16 Metformina e GLP-1 Il trattamento con metformina aumenta i livelli di GLP-1 dopo un carico glicidico orale. Ciò potrebbe contribuire alle seguenti azioni del farmaco: Effetto anoressizzante Effetto ipoglicemizzante (aumento della sensibilità epatica all insulina e maggiore responsività della secrezione insulinica in fase post-prandiale precoce)

17 metformina TOLLERABILITA Disturbi gastrointestinali (10-20%) Ridotto assorbimento vitamina B12 Acidosi lattica Paese Periodo Incidenza Mortalità UK Svizzera Svezia Francia USA casi/milione trattati per anno (Howlett & Bailey, 1999)

18 metformina OBESITA Anche se la riduzione ponderale ottenuta con la metformina non sarebbe tale da giustificarne l impiego come farmaco anti-obesità, essa di fatto viene sempre più impiegata (sfruttando essenzialmente il suo effetto anoressizzante) per favorire la perdita di peso in pazienti obesi non diabetici, pur non esistendo al riguardo indicazioni ufficialmente riconosciute Fontbonne A, et al. Diab Met, 1991

19 metformina ACIDOSI LATTICA L acidosi lattica con metformina è almeno 500 volte meno frequente che con fenformina Non tutti i casi di acidosi lattica sono attribuibili alla metformina (incidenza di acidosi lattica nei pazienti con diabete di tipo 2 negli USA prima della introduzione della metformina: 97 casi/mil. anno). La mortalità per acidosi lattica da metformina è inferiore alla mortalità da ipoglicemia da glibenclamide (in Svezia 72-81: 24 vs. 33 casi/mil. anno)

20 .IPOGLICEMIA Neurological Complications Neuronal death Convulsive disorder Focal neurological deficits Coma Cerebral Infarction [Sahay BK, Neurology 2001] [Gold AE, Diabetes Care 1996]

21 Cardiovascular morbidity associated Prolongation QT Atrial fibrillation Ventricular tachycardia Silent miocardial ischaemia Angina Miocardial infarction Sudden death [Mc Aulay V, Diabet Med 2001]

22 Metformina ATTENZIONE A Scompenso cardiaco acuto e cronico Pneumopatia severa con ipossia IRC (sospendere VFG< 30) Eventi coronarici acuti Interventi chirurgici FAG

23 Tiazolidinedioni Insulino-sensibilizzanti: PIOGLITAZONE e ROSIGLITAZONE(metabolismo epatico CYP2C8) Riduzione glicemia prevalentemente a digiuno e insulinemia, per aumento della sensibilità insulinica epatica e muscolare Meccanismo d azione: attivazione del recettore nucleare PPAR-gamma Azioni extraglicemiche: riduzione trigliceridi e pressione arteriosa, azione antinfiammatoria, prevenzione restenosi di stent

24 TIAZOLINEDIONI Effetti indesiderati Ritenzione idrica Ritenzione sodio Controindicazioni Scompenso cardiaco (I-IV) Insufficienza epatica

25 Sulfaniluree Farmaco Dose Durata n. somm. Clorpropamide >24 1 Glibenclamide Glipizide Gliclazide Gliquidione Glimepiride

26 Sulfaniluree Effetto farmcologico: riducono la glicemia attraverso la stimolazione della secrezione insulinica Effetti collaterali: ipoglicemia, aumento di peso (variabile); effetto antabuse, tossicità miocardica (?). Raramente: fenomeni di epatotossicità Controindicazioni: diabete di tipo 1, insufficienza epatica, insufficienza renale (per pericolo di accumulo)

27 SULFANILUREE VIAGGIANO LEGATE A PROTEINE PLASMATICHE E SUBISCONO METABOLIZZAZIONE EPATICA

28 Altri stimolatori secrezione Derivati meglitinide: Repaglinide Dose mg 3 volte al giorno, prima dei pasti Emivita 1 ora (< alle SU: < rischio di ipoglicemie) Agisce sul controllo glicemico post-prandiale Utilizzabile anche in caso di insufficienza renale Cautela nell insufficienza epatica

29 Acarbose Inibisce la alfa glucosidasi intestinale, rallentando l assorbimento postprandiale dei carboidrati Dose: mg 1-3 volte al giorno Non assorbimento sistemico Effetti collaterali: meteorismo, dolori addominali Controindicazioni: patologie gastrointestinali in atto attualmente in fascia A

30 Nuovi farmaci GLP-1 deriva dal Proglucagone / GRPP Glucagon IP-1 GLP-1 IP-2 GLP Glicentina MPGF Oxyntomodulina Pancreas Glucagone MPGF Intestino Glicentina Oxyntomodulina GLP-1 GLP-2 IP-2 Drucker DJ. Mol Endocrinol 2003; 17:

31 Nuovi farmaci PREMESSE: Il Glucagon like peptide GLP-1 Enterormone peptidico analogo al glucagone. Secreto dalle cell L intestinali in risposta al pasto AZIONI -Facilita la secrezione insulinica glucosio-dipendente - Aumenta la sazietà per un rallentato svuotamento gastrico (azione periferica) e per riduzione dell appetito (azione centrale) -Aumenta la funzione β-celllulare pancreatica riducendo l apoptosi

32 LL.Baggio et al. Biology of incretin: GLP-1 and GIP. Gastroenterology 2007, 132:

33 Il GLP-1 nativo ha una breve durata di azione poichè è precocemente degradato dalla DPP-IV e questo limita il suo diretto impiego farmacologico

34 GLP-1(7-36)amide (pg/ml) GLP-1 e diabete tipo 2 Nel paziente affetto da Diabete Mellito tipo 2 I livelli di GLP-1 sono ridotti: - per ridotta sintesi -per aumentata inattivazione da parte dell enzima DPP-IV ctrl DM2 ** ** ** base * * * * Time (min) * p<0,01 vs. 0; **p<0,01 vs. ctrl Mannucci E. et al., Diabetic Med, Diabet Med Oct;17(10): \

35 Difference in HbA1c (%) DPP-IV activity (U/l) * EFFETTO GLUCOTOSSICITA T2DM T2DM-nd IGT NGT L attività della DPP-IV è significativamente più alta in pazienti con DM tipo 2 scompensati (HbA 1 c>8.5%) rispetto a soggetti di controllo normotolleranti, IGT e diabetici neo diagnosticati con HbA 1 c<7.5% Variazione dell attività della DPP-IV activity in soggetti con diabete mellito tipo 2 correla in modo diretto con la variazione della HbA 1 c (r=0.26; P<0.05), ma non con il BMI (r=0.20; P>0.05) Mannucci E, Pala L et al Diabetologia Jun;48(6): Difference in DPP-IV activity (U/l)

36 UTILIZZO TERAPEUTICO DEL GLP-1 Il GLP-1 nativo ha una breve durata di azione ALTERNATIVE: ANALOGHI DEL GLP-1 INIBITORI DELLA DPPIV Agonisti del recettore del GLP-1: Exenatide: molecola estrattiva (Byetta 5-10 mcg) sc 2 volte/dieg Liraglutide: analogo long-acting di GLP-1, di prossima uscita in commercio (sc 1 vv/die) Inibitori dell enzima DPP-IV: Sitagliptin (Januvia-Xelevia) e Vildagliptin (Galvus) Alogliptin e saxagliptin di prossima uscita in commercio Tutti i DDPIV-I sono per os

37 Concentratione Plasmatica Exendin-4 (pg/ml) Exendin-4 nel Gila Monster Exendin-4 è stato isolato dalla saliva del Gila monster,come peptide correlato al pasto Exendin-4 sembra avere una funzione endocrina nel Heloderma suspectum (Gila monster) In studi clinici, exenatide mostra azione simile al GLP-1: Stimulazione della secrezione di insulina solo in presenza di iperglicemia Soppressione della secrezione postprandiale di glucagone Rallentamento dello svuotamento gastrico mice 1 rat Tempo dopo il pasto (h) Data from: Young AA. Glucagon-like peptide-1, exendin and insulin sensitivity. In Hansen B, Shafrir E,

38 Effetti collaterali incretinomimetici Exenatide(escrezione renale) Nausea, vomito Infezioni vie aeree superiori Pancreatite necrotico emorragica (6 casi dalll ottobre 2007) CONTROINDICATO IN IR SEVERA

39 Solo in associazione ad altri ipoglicemizzanti EXENATIDE Byetta (5-10mcg s.c bid) Piano terapeutico online nel sito AIFA Sottoposti a monitoraggio SITAGLIPTIN una volta /die Januvia100mg(XELEVIA,TESAVEL) Janumet (+met)(50-850) (EFFICIB,VELMETIA) VILDAGLIPTIN due volte /die Galvus(50 MG) Eucreas (+ met)( ) (controllo transaminasi)

40 MODALITA PRESCRIZIONE Byetta associato a: metformina sulfalinuree (in pz intolleranti a metf) metf + su Sitagliptin (Januvia Tesavel e Xelevia) associato a: Vildagliptin (Galvus) associato a :metformina sulfalinuree (in pz intolleranti a metf) tiazolinedioni

41 Effetti collaterali DPP/IV Vildagliptin (escreto per via renale intatto 85 %(cautela nella i.r.c.) Innalzamento transaminasi Epatopatie,(non controin, ma non adeguato) Nausea, ipoglicemia Sitagliptin (INATTIVAZIONE EPATICA)- -Cefalea, artralgie, infezioni (resp. Ur.)IPOGLICEMIA Interazioni CON ALTRI FARMACI - - cautela nella i.r.c.(aggiustare la dose)

42 ANALOGHI DEL GLP-1 E INIBITORI DELLA DPP-IV A CONFRONTO Endocrine Reviews, April 2007, 28(2):

43 ALGORITMO TERAPEUTICO I Step: Metformina: in tutte le linee guida accanto a lifestyle per efficacia, profilo di sicurezza, riduzione complicanze croniche (anche riduzione RR cancro mammella e altre neo diabete correlate) II Step: fenotipizzazione paziente sulla base di: Profilo glicemico (iperglicemie a digiuno vs post prandiali) BMI Copatologie (insuff renale, epatica, scompenso cardiaco) considerando costi e rischi (ipoglicemie)

44 ALGORITMO TERAPEUTICO PER IL DMT2 Terapia non farmacologica: educazione alimentare e esercizio fisico + Metformina. Se HA1c > 7%? Se prevalentemente glicemia diguno: Metformina + Tiazolidinedioni Se glicemia post-p: +Analoghi del GLP-1 o Inibitori della DPPIV e/o Acarbose e/o Su o Repaglinide Metformina + Tiazolidinedioni+ Analoghi del GLP-1 e/o Inibitori della DPPIV e/o segretagoghi + inib. -glucosidasi Metformina + Insulina

45 INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Diabetico Paziente con polipatologie Politrattato farmacologicamente RISCHIO DI INTERAZIONE TRA I FARMACI

46 Interferenze tra farmaci Fegato CYP450 e isoenzimi Rene Interferenze sulla escrezione

47 ATTENZIONE A IPOLIPEMIZZANTI E CYP450 GEMFIBROZIL (potente inibitore CY) ALTO RISCHIO FENOFIBRATO BASSO RISCHIO STATINE RISCHIO VARIABILE

48 ATTENZIONE ASSOCIAZIONE TRA MACROLIDI,SPECIE ERITROMICINA,E ALTRI INIBITORI DEL CYP450(CYP3A4),COME CICLOSPORINA, MA ANCHE SIMVASTATINA E,IN MINOR MISURA,LOVASTATINA..

49 INTERAZIONI ADO METFORMINA (competizione con secr.tubulare attiva) Cimetidina (+++) Amiloride (?) Digossina (?) TIAZOLINEDIONI (met. epatico) Rifampicina (-) Gemfibrozil (++)

50 INTERAZIONI ADO SULFANILUREE (forte legame proteico, met. Epatico) ipoglicemie severe ASA<300 mg, FANS, DICUMAROLICI, CLORAMFENICOLO, (BETABLOCCANTI) CIPROFLUOXACINA, RANITIDINA, FLUCONAZOLO, CHETOCONAZOLO, SIMVASTATINA, FLUVASTATINA(ATTENZIONE ANCHE A VERAPAMIL E CLARITROMICINA) GLINIDE (minor rischio) Gemfibrozil Ciclosporina

51 INTERAZIONI DPP/IV VILDAGLIPTIN (non interf. CYP450) IRC: cautela SITAGLIPTIN (CYP450) Attenzione farmaci competitivi (1 caso rabdomiolisi in associazione con simvastina)

52 INTERAZIONE INCRETINOMIMETICI Controindicato IR Grave Dicumarolici (INR allungato) Ritardo assorbimento dei farmaci Attenzione alle terapie che necessitano una azione rapida (ansiolitici, antidolorifici) Attenzione per i farmaci a rapido transito gastrico (ASA, Bifosfonati)

53 CYP450 Substrati Induttori enzimatici Inibitori CYP1A2 SSRI: amitriptilina, imipramina Antipsicotici: aloperidolo, clozapina R-warfarin, paracetamolo, Caffeina Rifampicina, barbiturici, fenitoina, carbamazepina Fluvoxamina, ciprofloxacina CYP2C9 Sulfaniluree (la maggior parte) Fluvastatina, Rosuvastatina, FANS, Antiepilettici: fenitoina, fenobarbital, ac. Valproico S-Warfarin, losartan, torasemide Rifampicina, barbiturici, fenitoina, carbamazepina Fluconazolo, itraconazoli, Cimetidina, ranitidina, Ciprofloxacina, Gemfibrozil, Fenofibrato CYP2C19 CYP2D6 CYP3A4 Glicazide, SSRI: amitriptilina, clomipramina, Citalopram, Fenitoina, Diazepam, omeprazolo, propanololo, proguanil, R-warfarin SSRI: paroxetina, fluoxetina, Citalopram, mirtazapina Aloperidolo, risperidone, olanazapina Codeina, destrometorfano, tramadolo, metoprololo, pindololo, timololo, flecainide, propafenone Sitagliptin, glibenclamide, simvastatina, lovastatina, atorvastatina, amitriptilina, clorimipramina, imipramina, sertralina, Trazodone, mirtazapina, aloperidolo, clozapian, risperidone, alprazolam, midazolam, triazolam, diltiazem, felodipina, nifedipina, eritromicina, claritromicina, ciclosporina, tacrolimus, indinavir, ritonavir, cisapride, amiodarone, etinilestradiolo, levonorgestrel, metadone, sildenafil Rifampicina, barbiturici, fenitoina, carbamazepina Rifampicina, barbiturici, fenitoina, carbamazepina Rifampicina, barbiturici, fenitoina, carbamazepina Omeprazolo, esomeprazolo, ticlopidina, fluvoxamin, fluoxetina, ciprofloxacina, cimetidina, fenofibrato Fluoxetina, paroxetina Eritromicina, chetoconazolo, itraconazolo, nefazodone, ritronavir, simvastatina (dai 20 mg), fluvastatina (dai 40 mg) CYP2C8 Repaglinide, sitagliptin, tiazolinedioni Ciclosporina, gemfibrozil

54 Statina Metabolismo Emivita Idro/liposolubilità Atorvastatina CYP3A h Liposolubile Fluvastatina CYP2C9 (in minor misura CYP3A4, CYP2D6)) 1-2 h Liposolubile Lovastatina CYP3A4 1-3 h Liposolubile Pravastatina Escrezione renale 1-3 h Idrosolubile Simvastatina CYP3A4 1-3 h Liposolubile Rosuvastatina CYP2C9 CYP2C19 (in parte CYP3A4) 1-3 h Idrosolubile

55 Agente Emivita Clearance Farmacocinetica Glimepiride h Renale/biliare Buona affinità al recettore Bcellulare Glicazide h (16-24 h per le formulazioni RM) Glibenclamide 6-24 h (media 10 h) Renale (come metabolita inattivo) Alta affinità di legame a proteine plasmatiche. Metabolismo epatico (CYP2C9, CYP3A4) ed escrezione renale di metaboliti attivi Alta affinitàù e selettività per il recettore pancreatico. Legame reversibile Legame irreversibile al recettore Glipizide 6-10 h Alta affinità di legame a proteine plasmatiche. Metabolismo epatico (CYP2C9, CYP3A4) ed escrezione renale/biliare

56

57

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti 27 Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti ALBERTO CORSINI, STEFANO BELLOSTA Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università degli Studi di Milano Negli ultimi anni

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe Sito Internet Il presente documento è disponibile su www.idf.org. Referente e bibliografia correlata dell IDF Referente: Professor Stephen Colagiuri, Boden Institute

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI)

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) CFI (Commissione farmaceutica interna) ASL CN2 Alba - Bra Elaborato

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

La terapia dell ansia e della depressione nell anziano

La terapia dell ansia e della depressione nell anziano La terapia dell ansia e della depressione nell anziano CLAUDIO VAMPINI (1), CESARIO BELLANTUONO (2) (1) Dipartimento per la Salute Mentale, Ospedale Civile Maggiore, Verona (2) Sezione di Psichiatria -

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

IL DOLORE NELL ANZIANO

IL DOLORE NELL ANZIANO IL DOLORE NELL ANZIANO Caratteristiche, diagnosi e trattamento Manuel Ventura SC di Geriatria SS di Lungodegenza PRESUPPOSTI Stephen W. Arkins FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE La modulazione del dolore è a doppio

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Obiettivi per chi legge:

Obiettivi per chi legge: 3 LE COMPRESSE Obiettivi per chi legge: Conoscere i cardini della cura del diabete tipo 2. Sapere quando sono utili le compresse ipoglicemizzanti e come funzionano. Prendere le compresse solo quando servono

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli