Prevalenza globale del diabete e proiezioni 2025

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prevalenza globale del diabete e proiezioni 2025"

Transcript

1 CORSO INTEGRATO D2

2 IL DIABETE MELLITO EPIDEMIOLOGIA diabete... - comune e sottostimato - Causa eventi macro- e Micro-vascolari - Riduce durata e qualità di vita Impatto della malattia diabetica Nel 2025 il diabete interesserà 300 milioni di individui nel mondo intero, un incremento del 122% a partire dal Il diabete è tra le 10 maggiori cause di morte nei paesi industrializzati. I costi globali per gli individui con diabete sono in media 2.5 volte più alti rispetto a quelli senza diabete. L insorgenza del diabete in epoca precoce si associa con una minore spettanza di vita. Prevalenza globale del diabete e proiezioni Nord America Sud America Mondo 27.3 Paesi sviluppati Paesi in via di sviluppo 47.8 Europa Africa Asia Oceania Mod. da WHO

3 Prevalenza* del diabete in Italia Italia 9 8 8,6 8,3 7, Diabete Ipertensione Arteriosa Infarto Miocardico ,9 2,1 Nord 3,2 1,9 Centro 3,4 Sud 1,9 * standardizzata x 100 persone Fonte ISTAT 1994 DEFINIZIONI E GENERALITA Diabete mellito definizione: Il diabete mellito descrive un disordine metabolico ad eziologia multipla, caratterizzato da iperglicemia cronica con alterazioni del metabolismo di carboidrati, lipidi e proteine, derivanti da difetti della secrezione insulinica, dell azione insulinica o di entrambe Diabete mellito generalità Il diabete mellito può manifestarsi con sintomi caratteristici quali sete, poliuria, disturbi visivi, dimagrimento. Nelle sue forme più severe, può manifestarsi chetoacidosi o uno stato non-chetosico iperosmolare e portare a stupor, coma e, in assenza di un trattamento efficace, a morte. Spesso i sintomi non sono gravi, o possono essere assenti, e di conseguenza una condizione di iperglicemia sufficiente a causare danni patologici e funzionali può essere presente già prima della diagnosi. Gli effetti del diabete includono danni a lungo-termine, disfunzione ed insufficienza di vari organi. Gli effetti a lungo-termine del diabete mellito includono lo sviluppo progressivo di specifiche complicanze come la retinopatia con potenziale cecità, nefropatia che può portare ad insufficienza renale, e/o neuropatia con rischio di ulcere al piede, amputazioni, artropatia di Charcot, disfunzione autonomica, inclusi disfunzione sessuale. Gli ndividui affetti da diabete sono a rischio elevato per malattie cardiovascolari, vasculopatia periferica e cerebrale. Nello sviluppo del diabete sono coinvolti diversi processi patogenetici. Questi includono processi che distruggono le beta-cellule del pancreas con conseguente deficit insulinico e altri che portano a insulino-resistenza. Le alterazioni del metabolismo dei carboidrati, lipidi e proteine sono dovuti a deficit dell azione insulinica sui tessuti bersaglio secondaria a ridotta sensibilità all insulina o a carenza di insulina. 3

4 CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Diabete tipo 1* (distruzione cellule β in genere deficit assoluto di insulina) - immuno-mediato - idiopatico Diabete tipo 2 * (variabile da insulino-resistenza predominante con deficit relativo di insulina a deficit secretorio predominante con insulino resistenza) - in genere insorge nell adulto - obesità Altri tipi specifici di diabete Diabete gestazionale Classificazione eziologica del Diabete Mellito Tipo 1 Tipo 2 Altri tipi specifici Gestazionale Distruzione delle β-cellule, solitamente determina deficit assoluto di insulina Eziologia non nota, vari gradi di insulino-resistenza e di deficit secretorio Difetti genetici della funzione β-cellulare, difetti genetici dell azione insulinica, malattie del pancreas esocrino, endocrinopatie. Indotto da farmaci, infezioni. Forme non note di diabete immuno-mediato. Altre sindromi genetiche talvolta associate a diabete Insulino-resistenza con disfunzione β- cellulare Mod. da ADA. Diabetes Care. 1997;20:

5 Fasi di sviluppo del Diabete Tipo 1 Geneticamente a rischio Positività anticorpi multipli Perdita prima fase risposta insulinica Massa Beta Cellule Predisosizione Genetica Insulite Danno Beta Cellulare Pre - Diabete Diabete neo-diagnosticato Diabete TEMPO Mod. da J. Skyler La storia naturale del DMT2 Glicemia Glicemia post prandiale 126 mg/dl Glicemia a digiuno Funzione β- cellulare Insulino resistenza Insulino secrezione Anni con Diabete Adapted from International Diabetes Center (IDC). Minneapolis, Minnesota. insulino resistenza Si tratta di una riduzione della sensibilità all azione dell insulina da parte dei tessuti periferici (muscoli e tessuto adiposo, ma anche fegato). Si riduce pertanto l assorbimento di glucosio nei tessuti provocando iperglicemia cronica. Si riscontra insulino-resistenza nei diabetici tipo 2, negli obesi e nelle donne in gravidanza. La riduzione del peso ripristina di solito - la sensibilità all insulina. 5

6 Lipotossicità La lipotossicità sembra dipendere da un eccesso di lipolisi, dovuta all espansione della massa adipocitaria e soprattutto alla presenza di adiposità intra-addominale, dove gli adipociti risultano meno sensibili all azione anti-lipolitica dell insulina. Ne deriva un costante flusso di acidi grassi liberi sia al fegato sia alla periferia, con comparsa di insulino-resistenza a livello muscolare ed alterazione della secrezione insulinica. Gli adipociti ipertrofici liberano inoltre resistina, TNF-alfa ed incrementano la produzione di leptina Fisiopatologia del DM T2 Deficit secretorio Insulino resistenza Pancreas Fegato T. Adiposo Muscolo Alterata secrezione, Ridotto contenuto insulinico Adiponectina TNFα e Resistina Lipolisi Ipoinsulinemia Gluconeogenesi FFA Utilizzazione del glucosio IPERGLICEMIA Gluco-tossicità Si intende l azione tossica che l iperglicemia cronica svolge a carico dei tessuti, dando luogo alle complicanze micro- e macro-angiopatiche. In particolare ci si riferisce all azione dannosa sulle beta-cellule, che, esposte cronicamente all iperglicemia, alzano la loro soglia di risposta al glucosio e secernono sempre meno insulina, pur in presenza di elevate glicemie. Curare l iperglicemia favorisce spesso un ritorno pur temporaneo ad una risposta secretiva più fisiologica. 6

7 Sindrome Metabolica (IDF 2005) Trigliceridi (>150 mg/dl) T2DM / IGT (FPG> 100mg/dl) Ipertensione (>135/85 mmhg) HDL colesterolo (<40 mg/dl m; <50 mg/dl d) Insulino Resistenza Microalbuminuria (UAE >20 mg/min min) Obesità Centrale* (giro vita: >94 cm uomini; >80 cm donne) Obesità centrale* + due (o più) ) componenti DIAGNOSIi Criteri diagnostici del Diabete Mellito Sintomi classici del Diabete (poliuria, polidipsia, calo ponderale, astenia ) + un occasionale valore di glicemia > di 200 mg/dl * oppure Glicemia a digiuno (FPG) di 126 mg/dl * oppure Glicemia alla 2 a ora del test orale di tolleranza glucidica (OGTT) 200 mg/dl * Il valore deve essere confermato da una successiva misurazione, a meno che non sia presente iperglicemia inequivocabile accompagnata da scompenso metabolico acuto. La glicemia deve essere dosata su plasma di sangue venoso. ADA. Diabetes Care. 1997;20:

8 Categorie di Pre-diabete Glicemia a digiuno Glicemia 2 ore dopo OGTT Diabete Mellito Diabete Mellito 126 mg/dl 110 mg/dl Alterata glicemia a digiuno mmol/l mg/dl Ridotta Tolleranza al 140 glucosio IGT 6.1 mmol/l mg/dl 11.1 mmol/l 7.8 mmol/l Normale Normale Mod. da The Expert Committee on the Diagnosis and Classification of Diabetes Mellitus. Diabetes Care. 1997;20: Criteri diagnostici WHO 1985 ADA 1997 WHO/WG 1998 FPG (mg/dl) PG 2ª ora (mg/dl) FPG (mg/dl) PG 2ª ora (mg/dl) FPG (mg/dl) PG 2ª ora (mg/dl) Alterata glicemia a digiuno (IFG) Ridotta Tolleranza glucidica (IGT) < < < Diabete Mellito (DM) ( WHO-1985, ADA-1997, WHO/WG-1998) 8

9 Riduzione dell incidenza di Diabete Tipo 2 mediante modificazioni dello stile di vita DIABETES PREVENTION PROGRAM RESEARCH GROUP La glicemia come fattore di rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare Risultati di una metanalisi ( 20 studi, soggetti, 12.4 anni di follow-up) Cumulative incidence of Diabetes (%) ,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 Placebo Metformin Lifestyle Year Rischio Relativo Glicemia a digiuno (mmol/l) Glicemia 2h (mmol/l) Glicemia a digiuno (6.1 mmol/l; 110mg/dl) RR = 1.33 (1.06 to 1.67) Glicemia post-prandiale (7.8 mmol/l; 140 mg/dl)) RR = 1.58 (1.06 to 1.67) 3 Mod. da DPP Research Group N Engl J Med 346: , 2002 Mod. da Coutinho M, Diabetes Care 1999 L HbA1c (Emoglobina Glicata) L emoglobina contenuta nei globuli rossi, sottoposta ad un regime di iperglicemia cronica, viene coniugata non enzimaticamente con il glucosio, nei soggetti diabetici, in percentuale superiore al normale e, se misurata, mostra valori percentuali superiori al 5,5% (v.n. 3,5% - 5,5 %). Il dosaggio dell HbA1c fornisce una stima dell andamento medio delle dei valori glicemici nell arco delle 8-12 settimane precedenti il prelievo ed è quindi considerato un buon indice dell efficacia delle terapie intraprese e del buon compenso glicometabolico nell arco di un trimestre. Il valore raccomandato per scongiurare l insorgenza delle complicanze diabetiche è < al 7% (ottimale < 6,5 %). COMPLICANZE E CLINICA DEL DIABETE MELLITO Diabete Mellito: sintomatologia Triade classica : Sete intensa (polidipsia) Fame intensa (polifagia) Aumento del bisogno di urinare per aumento del volume urinario (poliuria) + Prurito vulvare, debolezza, disturbi del visus, parestesie o assenza di sintomi (più frequentemente nel tipo 2) 9

10 COMPLICANZE DEL DIABETE MELLITO ACUTE CRONICHE IPOGLICEMIA CHETOACIDOSI COMA IPERGLIC. IPEROSMOLARE RETINOPATIA NEFROPATIA NEUROPATIA VASCULOPATIA IMMUNO-INFETTIVE INFETTIVE Complicanze tardive del diabete (Microvascolari) RETINOPATIA: è la prima causa di cecità negli USA NEFROPATIA: è la prima causa di IRC e ricorso alla dialisi. Si manifesta dapprima con microalbuminuria NEUROPATIA: a carico del SNPeriferico concorre allo sviluppo del piede diabetico ; coinvolge anche il SNAutonomo EVENTI CARDIO CEREBROVASCOLARI: Angina, Infarto, TIA, Ictus MALATTIA VASCOLARE PERIFERICA:Claudicatio intermittens e contributo al piede diabetico Altre complicanze del diabete Piede diabetico (ulcere, gangrena) Alterazioni cutanee (necrobiosi lipoidea, dermopatiaφ diabetica, maggiore suscettibilità alle infezioni fungine, disidratazione) Disfunzioni sessualiφ Impotenza maschile (conseguente a neuropatia, alterazioni circolatorie, problemi psicologici) 10

11 TERAPIA DEL DIABETE MELLITO OBIETTIVI DELLA TERAPIA DEL DIABETE TIPO 2 Scopi della terapia nel diabete di Tipo 2 Evitare le complicanze dovute alla riduzione/mancanza degli effetti insulinici: Acute - Sintomi dell iperglicemia (es. poliuria, polidipsia) - Sindrome (coma) iperosmolare iperglicemica Croniche - Macroangiopatia Aterosclerosi: infarto, ictus, arteriopatia periferica - Microangiopatia Retinopatia Nefropatia - Neuropatia Sensoriale Motoria Autonomica Garantire una buona qualità di vita La lezione dello UKPDS: controllo migliore, meno complicanze OGNI 1% di riduzione dell HbA1c RIDUZIONE DEL RISCHIO* Morte per diabete -21% Attacchi cardiaci -14% Complicanze microvascolari -37% 1% Malattia vascolare periferica -43% *p < UKPDS 35. BMJ 2000; 321:

12 Obiettivi del controllo glicemico ADA Linee guida Indice Biochimico Glicemia Preprandiale Glicemia Postprandiale Obiettivo mg/dl <180 mg/dl HbA 1c <7% Obiettivi del controllo glicemico Consensus Document SID-AMD-SIMG La terapia dovrebbe mirare non solo a raggiungere e mantenere soddisfacenti livelli di glicemia a digiuno ( mg/dl) e di emoglobina glicata (<7%,se possibile <6.5%), ma anche a conseguire variazioni limitate delle glicemie postprandiali (<160mg/dL) e ad evitare la ipoglicemia Diab.Nutr.Metab. 13: ,

13 Gli obiettivi fisiopatologici della terapia del diabete di Tipo 2 Ridurre l insulino-resistenza (fegato/rene, muscolo scheletrico, tessuto adiposo) Ristabilire un appropriato profilo insulinemico (sufficiente secrezione basale e appropriata secrezione post-prandiale, specialmente nelle fasi più precoci susseguenti un pasto) Contrastare la lipotossicità Ridurre la glucotossicità Trattamenti disponibili per il diabete mellito di tipo 2 Dieta ed esercizio Monoterapia con un singolo OAD (Oral Anti-Diabetes agent) Terapia di combinazione con 2 OAD con differenti meccanismi di azione (Es.: Sulfonilurea+metformina) Aggiunta di un terzo OAD o di insulina basale la sera In un terzo / metà dei casi, la terapia insulinica può rendersi necessaria ad un certo punto della storia naturale della malattia Trattamento a gradini del diabete tipo 2 DIETA - ESERC. FISICO BUON CONTROLLO BUON CONTROLLO NON OBESI CATTIVO CONTROLLO OBESI BIGUANIDI BUON CONTROLLO BUON CONTROLLO SULFONILUREE CATTIVO CONTROLLO BUON CONTROLLO CATTIVO CONTROLLO ASSOCIAZIONE SULFONIL-BIGUANIDI CATTIVO CONTROLLO ASSOCIAZIONE SULF.-BIG. BIG.-INSULINAINSULINA CATTIVO CONTROLLO INSULINA 13

14 DIETA ED ATTIVITA FISICA Componenti della dieta nel diabete tipo 2 Calcolare il fabbisogno calorico su peso ideale e attività fisica Distribuire le calorie: lipidi < 30%, proteine 10-15%,glucidi 55-60% Preferire i grassi e le proteine vegetali Preferire i glucidi complessi e gli alimenti ricchi di fibre Controllare/abolire gli alcoolici (1 g di alcool fornisce 7 kcal) Usare dolcificanti acalorici e limitare il consumo di sale ANTIDIABETICI ORALI Gli antidiabetici orali Secretagoghi SULFONILUREE (Glibenclamide, Glipizide, Gliclazide, Glimepiride) MEGLITINIDI o GLINIDI (Repaglinide, Nateglinide) Insulino-sensibilizzanti BIGUANIDI (Fenformina, Metformina) TIAZOLIDINEDIONI o GLITAZONI (Rosiglitazone, Pioglitazone) Modificatori dell assorbimento intestinale INIBITORI DELL α-glucosidasi intestinale (Acarbosio, Miglitol) 14

15 Azione ipoglicemizzante degli antidiabetici orali Glitazoni FEGATO/RENE: calo produzione glucosio MUSCOLO SCHELETRICO: aumento utilizzazione di glucosio β-cellula: aumento secrezione insulina Metformina INTESTINO: riduzione assorbimento carboidrati complessi RIDUZIONE dell IPERGLICEMIA Inibitori α-glucosidasi Secretagoghi (Sulfoniluree e Meglitinidi) Farmaci anti-iperglicemici: meccanismo d azione Aumento della disponibilità di insulina Sulfoniluree Meglitinidi Aumento dell azione dell insulina Biguanidi Tiazolidinedioni (glitazoni) Ritardo dell assorbimento dei carboidrati Inibitori dell α-glucosidasi Insulina 15

16 Risposta agli antidiabetici orali: effetti su HbA1c HbA1c (%) Glimepiride mg mg mg HbA1c (%) Acarbose mg mg 300 mg HbA1c (%) Metformina mg 1000 mg 1500 mg 2000 mg Dose giornaliera mg HbA1c (%) Troglitazone mg mg Dose giornaliera mg Da Garber AJ, et al. Am J Med 1997;103: ; Goldberg RB, et al. Diabetes Care 1996; 19: ; Precose (acarbose tablets). Bayer Corporation 1996; Fonseca VA, et al. J Clin Endocrinol Metab 1998; 83: Posologia degli antidiabetici orali Antidiabetico orale Dose (mg/die) Glibenclamide Glipizide Gliclazide Glimepiride Repaglinide Nateglinide Metformina Rosiglitazone* Pioglitazone* Acarbosio x x x 2-3 o 1-3 cpr MR 30mg a colazione 1-6 in dose singola al pasto principale x 3 Non in commercio in Italia x mg in dose singola o, se indicato, in 2 somministrazioni mg in dose singola o, se indicato, in 2 somministrazioni x 3 * Approvate solo in associazione con altri antidiabetici orali 16

17 SECRETAGOGHI I secretagoghi dell insulina: Meccanismo d azione Dipendente da: Potenza Posologia Effetti collaterali Rischio maggiore caratteristiche generali Aumento basale e post-prandiale della secrezione di insulina Funzione residua della β-cellula Riduzione della HbA1c dell 1-2% Sulfoniluree: una o due volte al giorno Glinidi: tre volte al giorno, prima dei pasti principali Aumento di peso, allergia (rara) Ipoglicemia Da Medical Management of Type 2 Diabetes. 4 th ed. Alexandria, Va: American Diabetes Association; 1998: L evoluzione delle Sulfoniluree: azione su un recettore specifico Glimepiride ha differenti caratteristiche di legame recettoriale rispetto a glibenclamide Modello di recettore delle SU nelle beta-cellule glibenclamide K+ Glimepiride 140kDa membrana -β celulare 65kDa Racettore delle SU K+ K canale ATP Esperimenti in vitro suggeriscono che Glimepiride si lega a subunità differenti del recettore per le SU Bibkliografia 1. Kramer W et al. Diab Res Clin Pract 1995; 28 (Suppl): S67-S80. 17

18 Glimepiride è ugualmente attivo in mono o duplice somministrazione egiornaliera e stimola la produzione di insulina primariamente in risposta ai pasti L evoluzione delle Sulfoniluree: utilizzo in monosomministrazione Insulina µu/ml placebo 3 mg Amaryl x 2 6 mg Amaryl x Adattato da Ore Disegno dello studio 161 diabetici di Tipo 2. Studio in doppio cieco, randomizzato, crossover. Amaryl 6 mgx1 vs Amaryl 3 mgx2 References 1. Sonnenberg GE et al. Ann Pharmacother 1997; 31: L evoluzione delle Sulfoniluree: modulazione dell attività in funzione dei livelli glicemici 18

19 L evoluzione delle Sulfoniluree: si riduce l incidenza degli episodi di ipoglicemia Glibenclamide Glimepiride 20 % di soggetti Mesi di trattamento Un terzo in meno di episodi ipoglicemici totali 1 Ipoglicemie severe notturne ridotte ad un quinto 2 1.Dills DG, et al. Horm Metab Res 1996; 28: ; Draeger KE, et al. Horm Metab Res 1996; 28: Holstein A. et Al. Diabetes Metab Res Rev, 2001; 17: L evoluzione delle Sulfoniluree: minori effetti sul peso Minore insulinemia a digiuno può significare perdita di peso in pazienti sovrappeso 1 BMI (n=) Variazione di peso (kg) p < <0, <0,05 > <0,05 Totale <0,05 Adattato da 1 Disegno dello studio Variazione del peso corporeo (come BMI) di 187 pazienti (72% già in trattamento; 28% non trattati) come parte di uno studio post-marketing condotto nel corso di 13,3 mesi Modificato da: Luger, A. Jatros Diabetes und Stoffwechsel, 1999; 2:

20 MEGLITINIDI Le glinidi si legano in modo rapido ai recettori della β-cellula: attivazione rapida e rapido distacco Veloce legame/distacco al recettore (Fast on/off) Stimolano il rilascio precoce di insulina Canali voltaggio-dipendenti del calcio glinidi Depolarizzazione K + ATP canali ( ) recettore (+) Ca ++ ( ) [ATP] Ca ++ libero [ADP] Metabolismo β-cellula Glucosio Rilascio di insulina Hu S, et al. J Pharmacol Exp Ther 2000; 293: Secrezione insulinica indotta: variazioni rispetto al basale pre-trattamento Placebo (n=50) Nateglinide 120 mg (n=50) Glibenclamide 10 mg (n=50) - insulina (pmol/l) Variazioni rispetto al basale della AUC (0 12 h) dell insulina p <0.05 glibenclamide e nateglinide vs placebo p <0.05 glibenclamide vs nateglinide Tempo (ore) Hollander PA, et al. Diabetes Care 2001; 24:

21 INSULINO-SENSIBILIZZANTI Metformina La metformina è una Biguanìde: caratteristiche di base Meccanismo d azione Dipendente da: Potenza Posologia Effetti collaterali Rischi principali Riduzione della produzione epatica di glucosio Aumento dell utilizzazione di glucosio (?) Presenza di insulina (potenziamento dell azione) Riduzione dell HbA1c dell 1-2% mg per 1-3 volte al giorno Diarrea, nausea Acidosi lattica Bell PM, Hadden DR. Endocrinol Metab Clin North Am 1997; 26: ; De Fronzo, et al. N Engl J Med 1995; 333: ; Baley CT, Turner RC. N Engl J Med 1996; 334: ; Medical Management of Type 2 Diabetes. 4 th ed. Alexandria, Va: American Diabetes Association; 1998: Metformina: meccanismi d azione Base molecolare non ancora completamente chiarita Probabile azione mediata dall attivazione di protein-chinasi AMP-dipendenti Aumentata risposta del fegato all insulina In alcuni casi, specialmente a dosi elevate, favorisce il calo ponderale (~2-3 kg) Il calo ponderale può migliorare l azione insulinica a livello del tessuto muscolare 21

22 Metformina: effetti su glucosio ed insulina Basale Metformina mg/dl Glucosio per os 0 Glicemia Tempo (ore) µu/l Glucosio per os 0 Insulinemia Tempo (ore) Mod. da Jackson, et al. Diabetes 1987; 36: Variazione media HbA 1c (%) TRATTAMENTO COMBINATO Sulfanilurea + Metformina: effetto sulla HbA 1c 1 Glibenclamide Metformina Trattamento (settimane) *P<.01; P<.001, vs glyburide monotherapy DeFronzo, et al. N Engl J Med. 1995;333: , with permission. * * * +0.2% 0.4% * 1.7% Metformin + glibenclamide 22

23 Tiazolidinedioni o Glitazoni Tiazolidinedioni (o glitazoni) Meccanismo d azione Dipendente da: Potenza Posologia Effetti collaterali Rischio maggiore Aumento della risposta all insulina del tessuto adiposo e muscolare Presenza di insulina (potenziamento dell azione) Riduzione della HbA1c dello % Una volta al giorno Danno epatico, edemi, anemia Edema a rapida insorgenza in alcuni soggetti I Glitazòni riducono la resistenza insulinica Intestino: assorbimento di glucosio su: Muscolo e tess.. Adiposo Muscle and adipose tissue: insulino resistance resistenza glucose uptake uptake glucosio su: Fegato rilascio Liver: hepatic epatico glucose di glucosio output Glicemia Saltiel AR, Olefsky JM. Diabetes. 1996;45: Suter SL et al. Diabetes Care. 1992;15: Whitcomb RW et al. In: Diabetes Mellitus. 1996:

24 sono attivatori intranucleari del PPAR-γ * : GLTZ resistina Recettore Dell insulina glucosio GLUT-4 GLTZ PI3K GLTZ GLTZ PPARγ RXR Recettore dell acido 9cis retinoico IRS-1 AKT-PKB PPARγ RXR * Peroxisome Proliferator Activated Receptor - Gamma I glitazoni hanno un ampia gamma di effetti, tuttora in corso di indagine Iperglicemia FFA PAI-1 Pressione arteriosa TZD HDL LDL piccole e dense Stress ossidativo Migrazione e proliferazione delle VSMC Migrazione dei monociti 24

25 Modificatori dell assorbimento intestinale Gli inibitori della α-glucosidasi: caratteristiche generali Meccanismo d azione Dipendente da: Potenza Posologia Effetti collaterali Rischio maggiore Ritarda l assorbimento intestinale di carboidrati Iperglicemia post-prandiale Riduzione dell HbA1c dello % Tre volte al giorno, prima di ciascun pasto Flatulenza, tensione addominale Aumento delle transaminasi (raro) Medical Management of Type 2 Diabetes. 4 th ed. Alexandria, Va: American Diabetes Association 1998; Gli inibitori della α-glucosidasi: effetti sulla glicemia post-prandiale Senza acarbose Normale assorbimento dei carboidrati Acarbose blocca l assorbimento prossimale Con acarbose Duodeno Digiuno Ileo Glicemia (mg/dl) Pasto * * Placebo Acarbose Tempo (min) *p <0.05 Dimitriadis G, et al. Metabolism 1982; 31:

26 La maggior parte dei pazienti diabetici di tipo 2 in USA e in Europa non è in adeguato controllo glicemico Percentuale di soggetti % US 1 64% Percentuale di soggetti % EU 2 69% 0 < 7% 7% HbA 1c (%) 0 6.5% >6.5% HbA 1c (%) 1 Koro CE, et al. Diabetes Care 2004; 27: Liebl A. Diabetologia 2002; 45:S23 S28. Gestione conservativa della glicemia: approccio tradizionale a gradini 10 Dieta OAD monoterapia OAD OAD combinazione OAD monoterapia + iniezioni multiple OAD + insulina basale titolazione giornaliere di insulina HbA 1c (%) Durata del diabete 26

27 Gestione proattiva della glicemia Dieta HbA 1c (%) OAD monoterapia OAD titolazione della dose OAD + OAD : associazione OAD + insulina basale OAD + iniezioni multiple giornaliere di insulina 7 6 Durata del diabete L Emoglobina Glicata è funzione della glicemia media dell ultimo trimestre HbA 1c ( 7%) = Glicemia a digiuno (50 mg/dl ) + Glicemia postprandiale (250mg/dl) HbA 1c ( 7%) = Glicemia a digiuno (140 mg/dl ) + Glicemia postprandiale (160mg/dl) 27

28 L Emoglobina Glicata è influenzata dalla iperglicemia basale Iperglicemia non controllata A1c ~ 8% Glicemia mg/dl 100 Valore medio di HbA1c 5% Tempo (ore) e dall iperglicemia postprandiale Iperglicemia parzialmente controllata A1c ~ 6.5% Valore medio di HbA1c 5% Tempo (ore) 28

29 Contributo relativo della glicemia a digiuno e postprandiale al livello medio complessivo dell iperglicemia in pazienti diabetici di tipo 2 Contribution (%) < >10.2 HbA1c quintiles Postprandial Fasting Monnier L et al. Diabetes Care 2003; 26: La gestione del diabete mellito di tipo 2 Dieta ed esercizio Monoterapia con un singolo OAD (Oral Anti-Diabetes agent) Terapia di combinazione con 2 OAD con differenti meccanismi di azione Aggiunta di un terzo OAD o di insulina basale la sera In un terzo / metà dei casi, la terapia insulinica può rendersi necessaria ad un certo punto della storia naturale della malattia 29

30 LA TERAPIA INSULINICA Profilo fisiologico dell insulina sierica Free insulin (mu/l) Normale range della free insulin Pasti Spuntini Tempo (ore) Adapted from Olsson et al Area di iniezione Insulina ad azione ritardo Insulina solubile ad azione rapida Insulina fissata ai tessuti Capillare Dimero Cristallo o particella di insulina Esamero Monomero Monomero Dissolvimento Dissociazione Diffusione 30

31 Insulina umana e analoghi dell insulina Tipo di insulina Inizio d azione Picco d azione (h) Durata d azione (h) Azione rapida insulina umana regolare insulina glulisina insulina lispro/aspart Azione intermedia NPH Lente Azione a lungo termine insulina glargine Ultralente Premiscelate insulina NPL/lispro 75/25 insulina aspart 70/ min 5-15 min 5-15 min 1 a 3 h 1 a 3 h 1-2 h 2-4 h 10 min 10 min no picco imprevedibile < La durata d azione di ogni insulina può variare in diversi soggetti, ed a tempi diversi nello stesso individuo. A causa di questa variabilità i dati indicati nella tabella qui sopra riportata devono essere considerati solo indicativi. Insulina umana e analoghi dell insulina Tipo di insulina sanofi-aventis Ely - Lilly Novo Nordisk Azione rapida insulina umana regolare (RHI) insulina glulisina insulina lispro/aspart Azione intermedia NPH Lente Azione a lungo termine insulina glargine Ultralente Premiscelate Insulina NPH/RHI 70/30 Apidra Lantus Humulin R Humalog (lispro) Humulin I (Humulin L) (Humulin U) Humulin 70/30 Actrapid Novorapid (aspart) Protaphane (Monotard) (Ultratard) Actraphane 70/30 insulina NPL/lispro 75/25 insulina NPA/aspart 70/30 Humalog Mix Novomix 31

32 L inizio della terapia insulinica con una singola iniezione di insulina intermedia la sera nel DMT2 400 Diet only Bedtime NPH Plasma Glucose (mg/dl) Time of Day Cusi & Cunningham. Diabetes Care. 1995;18: Inizio della terapia con insulina basale Vantaggi 1 iniezione (no miscele) Utilizzo delle penne per aumentare l accettazione dell terapia Titolazione graduale e semplice Bassi dosaggi Limitato impatto sul peso Miglioramento del controllo glicemico Sulfonilurea + Insulina Nel Diabete mellito di tipo 2 Può migliorare la glucotossicità sulle β-cellule, accrescendo la risposta alla sulfonilurea Può migliorare il bilancio fra attività epatica e periferica dell insulina Riduce la produzione epatica notturna di glucosio (grazie all insulina) Va incontro alla richieste di insulina correlate ai pasti (grazie alla sulfonilurea) OADs + Insulina nel Diabete tipo 2 Semplifica il regime insulinico Migliora il controllo glicemico Migliora la compliance Conveniene perchè riduce le dosi di insulina esogena Minor incremento ponderale 32

33 Perché NPH non è l insulina basale ideale Farmacocinetiche inappropriate Effetto picco ipoglicemia notturna Durata relativamente breve iperglicemia da digiuno Alta variabilità in assorbimento sottocutaneo ampie fluttuazioni di glucosio ematico da giorno a giorno Fabbisogno insulinico notturno (Infusione intravenosa a feedback di insulina) mu/kg/min mmol/l 5,5 4,5 0,16 0,14 0,12 0,10 Glucosio plasmatico n= 114 soggetti con T1 DM media ± SEM Velocità di infusione dell insulina PROFILO DI AZIONE DELL NPH h Ora del giorno Da Perriello G, et al. Diabetologia 1991; 34: L insulina basale ideale Nessun picco (piatta, attività costante) Riproducibilità di assorbimento sottocutaneo Azione prolungata per 24 ore 33

34 Nuovi candidati per il rimpiazzo dell insulina basale Analoghi dell insulina a lunga azione Analogo dell insulina con punto isoelettrico neutro Glargine (Lantus, Sanofi-Aventis) Insulina acilata C14-insulina umana Detemir NN304 (Levemir, NovoNordisk) Insulina glargine Catena-α S Gly Gly Ile Val Glu Gin Cys CysThr Ser Ile CysSer Leu Tyr Gin Leu Glu AsnTyr CysAsn S S S COOH S S NH 2 Phe Val Asn Gin His Leu Cys Gly Ser His Leu Val Glu Ala Leu Tyr Leu Val CysGly Glu Arg Gly Phe PheTyr Thr Pro Lys Thr Arg Arg a30b Catena-β Punto isoelettrico ph= 6,7 34

35 Insulina glargine (HOE 901) Meccanismi d azione Solubile a ph 4,0 Membrana capillare Insulina nel sangue ph 7,4 Precipitazione Dissolvimento Esameri Dimeri Monomeri 10-3 M 10-5 M 10-8 M Iniezione di una soluzione acida (ph 4,0) Precipitazione di glargine in tessuto sottocutaneo (ph 7,4) Lento dissolvimento di esameri liberi di glargine da glargine precipitata (aggregati stabilizzati) Azione protratta Il confronto tra i profili di azione Velocità di infusione del glucosio Insulina sottocutanea n= 20 T1 DM media ± SEM mg/kg/min 4,0 3,0 2,0 1,0 NPH Glargine µmol/kg/min Tempo (ore) Mod. da Lepore M et al, Diabetes 2000;

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

PARLIAMO DI DIABETE 4

PARLIAMO DI DIABETE 4 ASSOCIAZIONE DIABETICI TORINO 2000 Via San Domenico, 18 Torino Tel. 011.436.2269 Presidente Sig.ra M. Bono e-mail assdiato2000@email.it Alberto BRUNO U.O.A. DIABETOLOGIA ASO San Giovanni Battista Torino

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci CONTROLLO GLICEMICO E SICUREZZA DEI FARMACI ANTIDIABETICI ORALI Lucia Ricci Trattamento all esordio Definizione TARGET Educazione Stile di vita Monitorizzazione TRATTAMENTO ALL ESORDIO: MEMORIA PERSEGUIRE

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA-

Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- Nome Cognome: ROBERTO ZELANTE Titolo della Relazione:LINEE GUIDA AZIENDALI-MALATTIA DIABETICA AUSL 7 RAGUSA- 1 PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELLA MALATTIA DIABETICA ruppo di lavoro coordinato dal dr.

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito La terapia del Diabete Mellito Arezzo 25 Settembre 2010 Dott. M. Aimi Definizione del Diabete Mellito Il D.M. è una malattia metabolica

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della

Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della Ridurre i fattori di rischio cardiovascolari : il diabete Attualità in tema di diabete: Iperglicemia post-prandiale Resistenza insulinica Dott. Piero Vasapollo Area Endocrinologia e metabolismo della Società

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A.

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A. INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010 Dott. A. Burgio Responsabile Unità Operativa Malattie endocrine e metaboliche Divisione

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

Classificazione e Definizione del Diabete Mellito

Classificazione e Definizione del Diabete Mellito Università degli Studi di Roma Tor Vergata Classificazione e Definizione del Diabete Mellito Davide Lauro Centro di Riferimento Diabete di Tipo 2 d.lauro@uniroma2.it La parola Diabete deriva dal verbo

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione DIABETE GESTAZIONALE 1 Il diabete gestazionale (GDM) viene definito come una alterata tolleranza glucidica con primo riscontro o insorgenza durante la gravidanza. La diagnosi deriva quindi dalla applicazione

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

SINOPSI DELLO STUDIO. Outcomes secondari:

SINOPSI DELLO STUDIO. Outcomes secondari: SINOPSI DELLO STUDIO EFFETTI SULL INCIDENZA DI EVENTI CARDIOVASCOLARI DELL AGGIUNTA DI PIOGLITAZONE O DI UNA SULFONILUREA ALLA METFORMINA IN PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2 IN MONOTERAPIA NON ADEGUATAMENTE

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

IL DIABETE MELLITO Dr. Gaiti Dario 08.05.2013

IL DIABETE MELLITO Dr. Gaiti Dario 08.05.2013 IL DIABETE MELLITO Dr. Gaiti Dario 08.05.2013 Regolazione della glicemia Glicemia = concentrazione plasmatica di glucosio Variazioni fisiologiche della glicemia Aumento post-prandiale Diminuzione con lo

Dettagli

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete.

www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. www.buoncompensodeldiabete.org Una guida pratica per imparare a controllare il diabete. Con il contributo incondizionato di Indice 1. Che cos è il Buon Compenso del Diabete pg. 1 Una malattia da controllare

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Il cuore diabetico Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Fabrizio Celeste Centro Cardiologico Monzino IRCCS Milano Il cuore diabetico Esiste il cuore diabetico? La cardiopatia

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

IL DIABETE MELLITO. Alterata glicemia a digiuno o IFG (Impaired Fasting Glucose) se il soggetto ha valori glicemici tra 110-125 a digiuno

IL DIABETE MELLITO. Alterata glicemia a digiuno o IFG (Impaired Fasting Glucose) se il soggetto ha valori glicemici tra 110-125 a digiuno IL DIABETE MELLITO 1 DEFINIZIONE Il diabete mellito è una malattia del metabolismo dei carboidrati, con mancanza insulinica e/o resistenza aii insulina. L iperglicemia ( zucchero nel sangue elevato ) è

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Convegno SID-AMD Lazio 2014 Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Roma Eventi Fontana di Trevi, 26-27 settembre 2014 Daniela Bracaglia Centro di Diabetologia

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su:

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: SELEZIONE EZIONE RASSEGNA A STAMPA venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: 1 settembre 2014 3 settembre 2014 2 settembre 2014 Una nuova formulazione

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi Bambini con diabete Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi La storia di Francesco Francesco è un bimbo valdostano affetto da Diabete Mellito tipo 1,

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco STENOSI CAROTIDEA Influenza del controllo glicemico Este, 29 novembre 2013 giuseppe panebianco Difficoltà di determinare una correlazione tra correzione terapeutica dell iperglicemia e riduzione delle

Dettagli

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it Exenatide (Byetta ) Protocollo di lavoro sul monitoraggio d uso di exenatide per profilo di efficacia, tollerabilità e sicurezza nella normale pratica clinica. a) Background: Il documento della Commissione

Dettagli

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI 11 febbraio 2013 A cura di Paola Ilaria Bianchi, Andrea Denegri, Alessandro Grembiale Insulina da sola o mantenendo la metformina? Hemmingsen B,Christensen

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

DIABETE MELLITO (DM) Classificazione eziologica

DIABETE MELLITO (DM) Classificazione eziologica DIABETE MELLITO (DM) un gruppo di disturbi metabolici che condividono il fenotipo dell'iperglicemia - principale causa di insufficienza renale terminale, amputazioni arti inferiori e cecità dell'adulto

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

Per una gestione globale è fondamentale

Per una gestione globale è fondamentale REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N 7 RAGUSA Centro di diabetologia Vittoria La gestione globale del paziente diabetico Dott.ssa A. Garofalo Inf.prof F. Vitale Per una gestione globale è

Dettagli

CASO CLINICO Alessandro Ciresi

CASO CLINICO Alessandro Ciresi Nuovi orientamenti terapeutici nel fallimento secondario agli ipoglicemizzanti orali: Analoghi dell insulina CASO CLINICO Alessandro Ciresi Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 GUIDE AI PAZIENTI GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 RIGUARDO QUESTA INFORMATIVA Questa informativa: è dedicata ai soggetti adulti con diabete di tipo 2, ai loro parenti e a

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da

Dettagli

DALLE INSULINE ANIMALI....ALLE INSULINE UMANE FINO AGLI ANALOGHI

DALLE INSULINE ANIMALI....ALLE INSULINE UMANE FINO AGLI ANALOGHI DALLE INSULINE ANIMALI....ALLE INSULINE UMANE FINO AGLI ANALOGHI insulina Secrezione insulinica in soggetti normali ed in pazienti diabetici Insuline umane solubili Insulina Regolare Insulina Regolare

Dettagli

L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete

L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete L utilizzo dei nuovi farmaci nella terapia del diabete L uso delle Insuline Arezzo 1 Febbraio 2014 Banting Best Nel 1922 Banting e Best pubblicavano i loro studi che avrebbero cambiato per sempre la vita

Dettagli

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Il diabete di Tipo 1 Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Classificazione eziologica DIABETE TIPO 1 immuno -mediato idiopatico DIABETE

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica

TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica PERCHÉ UN DOCUMENTO DI CONSENSO SU TIREOPATIE E DIABETE MELLITO? Le malattie della tiroide e il diabete mellito sono le endocrinopatie di più

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI CORSO FAD IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ID ECM: 113615 CREDITI DESTINATARI 12 CREDITI ECM Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata

Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata Target terapeutici:linee guida, utilizzo delle insuline, dalla terapia basale alla terapia intensificata Alessandra De Bellis Sezione di Diabetologia Ospedale di Pistoia Il trattamento insulinico nel paziente

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle

Dettagli

DDD*10.000 ab.p./die ASL BO METFORMINA 125,26 107,24 BIGUANIDI E SULFONAMIDI 110,83 121,01 ROSIGLITAZONE 0,89 2,28

DDD*10.000 ab.p./die ASL BO METFORMINA 125,26 107,24 BIGUANIDI E SULFONAMIDI 110,83 121,01 ROSIGLITAZONE 0,89 2,28 Aspetti normativi della prescrizione dei nuovi Antidiabetici Orali Dott.Donato Zocchi MMG Confronto R.E.R.- A.USL BO prescrizioni I sem. 2007 GRUPPO TERAPEUTICO DDD*10.000 ab.p./die ASL BO DDD*10.000 ab.p./die

Dettagli

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI

POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI POLICLINICO MILITARE DI ROMA DIRETTORE MAGG. GEN. M.A. GERMANI 1 DISLIPIDEMIA NEL SOGGETTO AFFETTO DA SINDROME COL.ME ALTAMORE GIUSEPPE POLICLINICO MILITARE CELIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA CAPO U.O.C. DI

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Terapia ipoglicemizzante non insulinica nel diabete Tipo 2 Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Storia naturale del diabete tipo 2 Obesità IGT Diabete Scompenso Glicemia (mg/dl) 120 Iperglicemia

Dettagli

ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD I FARMACI ORALI NEL DIABETE DI TIPO 2

ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD I FARMACI ORALI NEL DIABETE DI TIPO 2 A CURA DELLA STRUTTURA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD NUMERO 21 NOVEMBRE 2010 All interno: pag.1 Terapia del dia- bete mellito non insulinodipen-

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE Dr. Gaiti Dario Reggio Emilia 08.05.2013 Sintomi+ PG >200 mg/dl oppure

Dettagli