Sempre più diabete: come gestirlo prima, durante e dopo un evento acuto? Alberto De Micheli Genova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sempre più diabete: come gestirlo prima, durante e dopo un evento acuto? Alberto De Micheli Genova"

Transcript

1 Sempre più diabete: come gestirlo prima, durante e dopo un evento acuto? Alberto De Micheli Genova

2 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 2

3 Diabete oggi e domani Dicembre 2013 Alberto De Micheli 3

4 L epidemia diabete in Italia ed in Liguria Pazienti con diabete mellito (x 1.000) L epidemia diabete in Italia Epidemia del diabete in Liguria: proiezione sul numero dei casi Senza altre patologie Con altre patologie Totali OMS (www.who.int/diabetes/facts/world_figures/en/index4.html) Novembre 2013 Alberto De Micheli 6 ARS Liguria, 2010 Novembre 2013 Alberto De Micheli 7 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 4

5 Distribuzione della spesa sanitaria per il diabete La spesa per il diabete in Italia Spesa sanitaria per il diabete in USA 29% 14% 57% Spesa media totale Ricoveri ospedalieri 57% Farmaci 29% Farmaci e presidi 24% Cure ambulatoriali 20% Cure ospedaliere 50% Prestazioni specialistiche 14% Case di riposo 6% Osservatorio ARNO Diabete, Il profilo assistenziale della popolazione con diabete, Rapporto 2011 Volume XVII - Collana Rapporti ARNO, Cineca- Dipartimento SISS Sanità; Novembre 2013 Alberto De Micheli 9 Novembre 2013 ADA Statement Diabetes Care 31: , 2008 Alberto De Micheli 10 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 5

6 GLICINE - SPIDER Diabete e iperglicemia all ingresso in UTIC diabetici iperglicemici non diabetici normoglicemici 69% 14% 10% 7% diabetici normoglicemici non diabetici iperglicemici ANMCO Lombardia, AMD Lombardia, Istituto Mario Negri Studio GLICINE-SPIDER 2010 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 6

7 Distribuzione percentuale dei valori glicemici al momento del ricovero in UTIC 43.4% Iperglicemia 21% BG <=180 BG > % 13.9% 8.7% 4.4% 3.1% 1.5% 1.2% 0.9% 0.6% 0.2% 0.6% <100 <140 <180 <220 <260 <300 <340 <380 <420 <460 <500 >= 500 ANMCO Lombardia, AMD Lombardia, Istituto Mario Negri Studio GLICINE-SPIDER 2010 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 7

8 Obiettivi di cura nei diabetici Dislipidemia Il colesterolo LDL è l obiettivo primario della terapia e il target raccomandato è < 100 mg/dl. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione A) Nei diabetici con malattia cardiovascolare e/o multipli fattori di rischio cardiovascolare non correggibili, valori di colesterolo LDL < 70 mg/dl possono rappresentare un obiettivo terapeutico opzionale. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) Ulteriore obiettivi della terapia sono il raggiungimento di valori di trigliceridi < 150 mg/dl e di colesterolo HDL > 40 mg/dl nell uomo e > 50 mg/dl nella donna. (Livello della prova III, Forza della raccomandazione B) Terapia antiaggregante La terapia antiaggregante con acido acetilsalicilico ( mg/die) è indicata nei diabetici con pregresso evento cardiovascolare, cerebrovascolare o con arteriopatia obliterante periferica. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione A) Un inibitore del recettore di P2Y12 (clopidogrel o prasugrel o ticagrelor) è indicato in pazienti con diabete e SCA e in coloro che sono andati incontro a procedure di rivascolarizzazione trans-vascolare per almeno 1 anno (Livello della prova I, Forza della raccomandazione A) La terapia antiaggregante non è raccomandata nei diabetici a basso rischio cardiovascolare (Livello della prova III, Forza della raccomandazione A) In alternativa all acido acetilsalicilico, nei soggetti intolleranti può essere preso in considerazione l utilizzo del clopidogrel (Livello della prova I, Forza della raccomandazione B) oppure in seconda scelta della ticlopidina (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) La terapia antiaggregante con acido acetilsalicilico può essere considerata nei diabetici in prevenzione cardiovascolare primaria con elevato rischio cardiovascolare (con multipli fattori di rischio) (Livello della prova III, Forza della raccomandazione C) In presenza di sanguinamento gastrointestinale recente, ipertensione arteriosa non controllata, malattie epatiche in fase attiva, allergia al farmaco, il trattamento con aspirina non è indicato. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione A) Ipertensione arteriosa Il trattamento antipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica < 140 mmhg. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione A) Il trattamento antipertensivo in alcune categorie di pazienti (recente diagnosi di ipertensione, giovani, elevato rischio di ictus) ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica <130 mmhg. (Livello della prova IV, Forza della raccomandazione C) Il trattamento antipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione diastolica < 80 mmhg. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) Un obiettivo pressorio < 130/80 mmhg è raccomandato nei soggetti diabetici con proteinuria > 1 g/die. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) Nei diabetici anziani che necessitano di terapia farmacologica antiipertensiva, l obiettivo del trattamento deve prevedere il raggiungimento di valori pressori < 140 e <90 mmhg, se ben tollerati. (Livello della prova IV, Forza della raccomandazione B) Obiettivi glicemici Il trattamento del diabete deve essere tempestivamente adattato in ogni paziente fino a ottenere valori di HbA1c stabilmente inferiori a 53 mmol/mol (7,0 %) (Tabella 9), valori che consentono di prevenire l incidenza e la progressione delle complicanze microvascolari. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione B). Il follow-up a lungo termine degli studi DCCT e UKPDS suggeriscono che un trattamento volto a ottenere valori di HbA1c stabilmente inferiori a 53 mmol/mol (7,0 %) subito dopo la diagnosi di diabete è associato con una riduzione a lungo termine del rischio di complicanze macrovascolari. Un obiettivo di HbA1c pari o inferiore a 53 mmol/mol (7,0 %) è generalmente consigliabile per i soggetti adulti con diabete per prevenire l incidenza e la progressione delle complicanze macrovascolari. (Livello della prova III, Forza della raccomandazione B) Obiettivi glicemici più stringenti [HbA1c 48 mmol/mol ( 6,5 %)] dovrebbero essere perseguiti in pazienti di nuova diagnosi o con diabete di durata (<10 anni), senza precedenti di CVD abitualmente in discreto compenso glicemico e senza comorbilità che li rendano particolarmente fragili. (Livello della prova III, Forza della raccomandazione C). Obiettivi di compenso glicemico meno stringenti [HbA1c 64 mmol/mol ( 8,0 %)] dovrebbero essere perseguiti in pazienti con diabete di lunga durata (>10 anni) soprattutto con precedenti di CVD o una lunga storia di inadeguato compenso glicemico o fragili per età e/o comorbilità. L approccio terapeutico deve essere tale da prevenire le ipoglicemie. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Nei pazienti in terapia intensiva si consiglia l utilizzo di algoritmi di autogestione della terapia insulinica in quanto facilitano il raggiungimento degli obiettivi glicemici. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) Il rischio di ipoglicemie deve essere considerato nella valutazione del targhet glicemico ottimale per il paziente. (Forza della raccomandazione B) Standard italiani per la cura del diabete mellito , in preparazione Dicembre 2013 Alberto De Micheli 8

9 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 9

10 Obiettivi glicemici standard 2014 Il trattamento del diabete deve essere tempestivamente adattato in ogni paziente fino a ottenere valori di HbA1c stabilmente inferiori a 53 mmol/mol (7,0 %), valori che consentono di prevenire l incidenza e la progressione delle complicanze microvascolari. (Livello della prova I, Forza della raccomandazione B). modificato da ADA 2013 Il follow-up a lungo termine degli studi DCCT e UKPDS suggeriscono che un trattamento volto a ottenere valori di HbA1c stabilmente inferiori a 53 mmol/mol (7,0 %) subito dopo la diagnosi di diabete è associato con una riduzione a lungo termine del rischio di complicanze macrovascolari. Un obiettivo di HbA1c pari o inferiore a 53 mmol/mol (7,0 %) è generalmente consigliabile per i soggetti adulti con diabete per prevenire l incidenza e la progressione delle complicanze macrovascolari. (Livello della prova III, Forza della raccomandazione B). Obiettivi glicemici più stringenti [HbA1c 48 mmol/mol ( 6,5 %)] dovrebbero essere perseguiti in pazienti di nuova diagnosi o con diabete di durata (<10 anni), senza precedenti di CVD abitualmente in discreto compenso glicemico e senza comorbilità che li rendano particolarmente fragili. (Livello della prova III, Forza della raccomandazione C) Standard italiani per la cura del diabete mellito , in preparazione Dicembre 2013 Alberto De Micheli 10

11 Correlazione fra Hb A 1c e complicanze cardiovascolari Hb A1c e complicanze cv in diabetici e non diabetici Infarto del miocardio Microvascolari Khaw K Ann Intern Med 2004: 141: ; UKPDS 35, Stratton IM, BMJ 2000; 321: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 11

12 UKPDS: Compenso glicemico con sulfoniluree o insulina e complicanze del diabete RR p Relative Risk & 95% CI Any diabetes rel. endpoint % Diabetes related deaths All cause mortality Myocardial infarction Stroke Microvascular UKPDS 33, Lancet 1998; 352: Dicembre Alberto De Micheli -16% -25% Favours Favours intensive conventional 12

13 UKPDS: Terapia insulinica vs sulfoniluree nella prevenzione dell IMA event0.4 Proportion of patients with event Dicembre Conventional (896) Chlorpropamide (619) Glibenclamide (615) Insulin (911) C v G v I p = Years from randomisation 13 Alberto De Micheli UKPDS 33, Lancet 1998; 352:

14 UKPDS: Vantaggi della metformina nella prevenzione dell infarto del miocardio in diabetici in sovrappeso Proportion of patients with events Dicembre Conventional (411) Intensive (951) Metformin (342) M (HbA1c 7.4%) vs C (HbA1c 8%) p=0.010 M v I p= Years from randomisation UKPDS 34, Lancet 1998; 352: Alberto De Micheli 14

15 UKPDS: aggiunta di metformina alla sulfonilurea Relative Risk & 95% CI Median follow up 6.6 years RR p Any diabetes related endpoint 1.04 Diabetes related deaths * All cause mortality Myocardial infarction Stroke Microvascular Interpret with caution in view of small numbers : 26 deaths on sulphonylurea plus metformin vs. 14 deaths on sulphonylurea alone Favours Favours added sulphonylurea metforminalone UKPDS Group Lancet 1998; 35 : Dicembre 2013 Alberto De Micheli 15

16 Intervento all esordio: UKPDS follow up 10 anni Sulfonilurea- Insulina Metformina IMA p<0.01 IMA p<0.005 Mortalità tot p<0.01 Mortalità tot p<0.002 Holman R et al. N Engl J Med Oct 9;359(15): Dicembre 2013 Alberto De Micheli 16

17 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 17

18 Stile di vita Metformina Secondo farmaco QaseemA Ann Intern Med. 2012; 156: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 18

19 Personalizzazione della terapia Step 1 Step 2 Step 3 1. stile di vita 2. acarbose 3. metformina 9 x 8 = 72 9 x 8 x 7= sulfoniluree 5. glinidi 6. glitazoni 7. inibitori DPP-IV Step 4 9 x 8 x 7 x 6 = GLP-1 9. Insulina 10. Inibitori SGLT-2 diverse opzioni (SU, gliptine, insuline ) diversi dosaggi da Marco Gallo 2012 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 19

20 Terapia del diabete tipo 2 basata sulle alterazioni fisiopatologiche High renal glucose reabsorption SGLT- 2 inhibitors Ismail-Beigi F. N Engl J Med 2012;366: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 20

21 This chart has been adapted from a 2009 AACE Guidelines chart. Dicembre 2013 Alberto De Micheli 21

22 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 22

23 Raccomandazioni Obiettivi glicemici Terapie Gli obiettivi glicemici durante un ricovero ospedaliero possono essere differenziati in funzione delle diverse situazioni cliniche: Pazienti in situazione critica, ricoverati in Terapia Intensiva, medica o chirurgica: valori glicemici mg/dl, in funzione del rischio stimato di ipoglicemia. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) L utilizzo dei principali farmaci ipoglicemizzanti orali o iniettivi diversi dall insulina (secretagoghi, biguanidi, tiazolidinedioni, incretine) presenta notevoli limitazioni in ambito ospedaliero. La somministrazione di insulina è pertanto la terapia di scelta nel paziente diabetico ospedalizzato non stabilizzato. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Pazienti in situazione non critica: valori glicemici pre-prandiali < 140mg/dl, post-prandiali < 180 mg/dl o valori random <180 mg, se ottenibili senza rischi elevati di ipoglicemia. Target più stringenti possono essere perseguiti in soggetti clinicamente stabili e in precedente controllo glicemico ottimale. Target meno stringenti possono essere accettati in presenza di severe comorbidità. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) In alcune situazioni cliniche a elevato rischio di ipoglicemia è opportuno un innalzamento degli obiettivi glicemici. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) La terapia insulinica per via sottocutanea deve seguire uno schema programmato. Questo schema può essere integrato da un algoritmo di correzione basato sulla glicemia al momento dell iniezione. Il metodo di praticare insulina solamente al bisogno (sliding scale) deve essere abbandonato. (Livello della prova IV, Forza della raccomandazione B) In pazienti critici e/o che non si alimentano per os, nel periodo perioperatorio e in situazioni di grave instabilità metabolica, la terapia insulinica deve essere effettuata in infusione venosa continua, applicando algoritmi basati su frequenti controlli dei valori glicemici e validati nel contesto di applicazione. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Standard italiani per la cura del diabete mellito , in preparazione Dicembre 2013 Alberto De Micheli 23

24 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 24

25 IMA: iperglicemia da stress e rischio relativo di mortalità intraospedaliera Non diabetici Diabetici Dicembre 2013 Capes SE, Lancet 2000; 355: Alberto De Micheli 25

26 IMA: Valore predittivo della glicemia sulla mortalità a lungo termine in diabetici R.R. glicemia (+1 mmol/l) 1.06 ( ) R.R. HbA 1c (+1%) 1.09 ( ) Malmberg K, Circulation 1999; 99: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 26

27 IMA: Valore predittivo a lungo termine della glicemia su mortalità ed eventi cv maggiori in non- diabetici Sopravvivenza Glicemia 133 mg/d Sopravvivenza senza eventi Glicemia 133 mg/dl Glicemia >133 mg/dl Glicemia >133 mg/dl Norhammar A. Diabetes Care 1999; 22 : Dicembre 2013 Alberto De Micheli 27

28 Mortalità dopo IMA in diabetici trattati con strategia invasiva precoce 10% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% HR 3.47 (95% CI: ) 4,1% 1,3% Mortalità ospedaliera Non diabete 9,7% HR 2.11(95% CI: 1.33 to 3.36) 4,9% Mortalità a lungo termine Diabete Dicembre 2013 Müller C Diabetologia 2004; 47: Alberto De Micheli 28

29 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 29

30 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 30

31 Studio Van den Berghe 2001: disegno Trattamento convenzionale Infusione continua di insulina (50 UI in 50% NaCl 0.9%) Inizio: glicemia > 215 mg/ dl Goal: glicemia mg/ dl Controllo glicemia: ogni 1-4 ore Nutrizione: g glucosio iv/ 24 ore I gior. parenterale, mista, enterale Terapia post UTI: convenzionale, goal glicemico mg/ dl dello studio Trattamento intensivo Infusione continua di insulina (50 UI in 50% NaCl 0.9%) Inizio: glicemia > 110 mg/ dl Goal: glicemia mg/ dl Controllo glicemia: ogni 1-4 ore Nutrizione: g glucosio iv/ 24 ore I gior. parenterale, mista, enterale Terapia post UTI: convenzionale, goal glicemico mg/ dl Van den BergheG, NEJM 2001, 345: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 31

32 Studio Van den Berghe 2001: curve di sopravvivenza di Kaplan- Meier ICU In- Hospital Van den BergheG, NEJM 2001, 345: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 32

33 Studio NICE- SUGAR: protocollo In this study, adults who were expected to require treatment in the intensive care unit on 3 or more consecutive days were randomly assigned to undergo: intensive blood glucose control (target range, 81 to 108 mg per deciliter [4.5 to 6.0 mmol per liter]) conventional blood glucose control (180 mg per deciliter [10.0 mmol per liter]) The primary end point was death from any cause within 90 days after randomization The NICE-SUGAR Study Investigators. N Engl J Med 2009;360: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 33

34 Probabilità di sopravvivenza nello studio NICE-SUGAR A total of 829 patients (27.5%) in the intensive-control group and 751 (24.9%) in the conventional-control group died (OR 1.14; 95% CI, 1.02 to 1.28; P = 0.02) HR % CI, 1.01 to 1.23 P = 0.03). The NICE-SUGAR Study Investigators. N Engl J Med 2009;360: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 34

35 Studio NICE-SUGAR: ipoglicemia, degenza- media, morbilità The NICE-SUGAR Study Investigators. N Engl J Med 2009;360: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 35

36 Differenze fra studio di Leuven e NICE- SUGAR Monocentrico vs. multicentrico internazionale Popolazione Approccio di cura Iperalimentazione parenterale vs. enterale Trattamento diverso nei controlli: Correzione se glicemia > 215 mg/ dl vs. Obiettivo mg/ dl Inzucchi SE, NEJM 2008, 360: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 36

37 Metanalisidi Griesdale: mortalità Mixed ICU All mixed ICU patients RR 0.99 ( ) Medical ICU All medical ICU patients 1.00 ( ) Surgical ICU All surgical ICU patients 0.63 ( ) All ICU patients 0.93 ( ) All ICU GriesdaleDEG CMAJ 2009; 180: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 37

38 Metanalisi di Griesdale: ipoglicemia Overall 654/ / ( ) GriesdaleDEG CMAJ 2009; 180: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 38

39 Take home messages Iperglicemia ed ipoglicemia hanno effetti diversi in tipi diversi di pazienti L abbassamento della glicemia non modifica la mortalità in tutti i pazienti critici La terapia intensiva può ridurre la mortalità nei pazienti critici chirurgici I differenti risultati degli studi possono dipendere: Dalla durata dell iperglicemia prima della terapia Dall accuratezza delle misurazioni glicemiche Dalla capacità di raggiungere l obiettivo evitando l ipoglicemia Necessità ulteriori di ricerca: Identificazione del target ottimale in pazienti diversi Miglioramento degli strumenti per l implementazione nella pratica clinica (categorizzazone dei pazienti, misurazioni della glicemia, protocolli terapeutici, risk management ) Van den BergheG CMAJ 2009; 180: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 39

40 Pericoli della terapia insulinica? Attivazione simpatica? Ritenzione di sodio? Azione mitogena Ipoglicemia ( inavvertita e non diagnosticata?) Concentrazione sul trattamento della glicemia con negligenza su altri punti? La iperglicemia da stress è una risposta fisiologica da non trattare? Inzucchi SE, NEJM 2008, 360: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 40

41 Un ruolo anche per la variabilità glicemica? Mortalità vs deviazione standard delle glicemie Mortalità vs media delle glicemie Mortalità % Mortalità % Range delle DS delle glicemie (mmol/ l) Range delle medie delle glicemie (mmol/ l) Egi M Anesthesiology 2006; 105: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 41

42 Studio DIGAMI: protocollo Criteri di inclusione: Diabete noto + glicemia > 200 mg/ dl o glicemia > 200 mg/ dl Stratificazione: 4 gruppi diabete trattato o non con insulina + basso o alto rischio (2 fra età> 70 a. ; pregresso IMA; pregresso scompenso; terapia digitalica in corso) NI+ BR NI+ AR I+ BR I+ AR Trattamento ipoglicemizzante Convenzionale Infusione insulina/ glucoso 5% 1u/ 6 ml Obiettivo glicemico: mg/ dl Controllo glicemia ogni ora (ogni 2 se v infusione immutata) Trattamento successivo terapia insulinica con somministrazioni multiple per 3 mesi Altra terapia Trombolisi se indicata β bloccanti se non controindicati Malmberg K JACC 1995; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 42

43 Studio DIGAMI: mortalità ai diversi tempi di follow up 30% 25% 26,1% -29%; p= % 15% 10% 11,1% -18%; n.s. 9,1% 15,6% -21%; n.s. 12,4% 18,6% 5% 0% Ospedale 3 mesi 1 anno Controllo Infusione Malmberg K JACC 1995; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 43

44 Problemi aperti dopo il DIGAMI 1 Quali sono le cause della ridotta mortalità? Il beneficio è dovuto: Al trattamento infusionale in acuto? Al seguente trattamento insulinico intensivo Ad entrambi? Dicembre 2013 Alberto De Micheli 44

45 DIGAMI 2: strategie terapeutiche ed obiettivi Strategie terapeutiche Obiettivi Gruppo 1: Infusione insulinica in acuto* + trattamento insulinico intensivo dopo dimissione** Primario: differenza nella mortalità per tutte le cause fra gruppo 1 e gruppo 2 Gruppo 2: infusione insulinica in acuto+ trattamento ipoglicemizzante standard Gruppo 3: trattamento metabolico ruotinario secondo la pratica locale *almeno 24 h ; goal glicemico mg/ dl 4 somministrazioni/ die * * goal glicemici: Dicembre 2013 Digiuno mg/ dl Non digiuno < 180 mg/ dl Secondario: differenza nella mortalità per tutte le cause fra gruppo 2 e gruppo 3 Terziario: differenze nella morbilità (IMA non fatale, scompenso cardiaco, ictus) Malmberg K European Heart J 2005; 26: Alberto De Micheli 45

46 DIGAMI 2: materiali e metodi 1253 pazienti (età media 68 anni; maschi 67%), con sospetto infarto del miocardio acuto, diabetici noti o con glicemia al momento del ricovero > 200 mg/ dl, randomizzati nei tre gruppi (474, 473, 306) Follow up medio 1.94± 1.0 anni (range 0-3); nessun paziente perso al follow up. Studio condotto in 48 ospedali di Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi e Regno Unito. Arruolamento previsto circa 3000 Pazienti Potenza statistica dello studio calcolata su questo numero e su una mortalità prevista (30 % nel gruppo 3) più elevata di quella effettivamente osservata. Arruolamento chiuso precocemente nel marzo 2003 a motivo di basso tasso di arruolamento trascurabili differenze nei valori di Hb A 1c osservate nei tre gruppi Malmberg K European Heart J 2005; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 46

47 DIGAMI 2: compenso glicemico Malmberg K European Heart J 2005; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 47

48 DIGAMI 2: eventi combinati Tempo per il primo evento maggiore (morte, reinfarto o ictus) Dicembre 2013 Malmberg K European Heart J 2005; 26: Alberto De Micheli 48

49 DIGAMI 2: mortalità Malmberg K European Heart J 2005; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 49

50 DIGAMI 2: morbilità Ictus, IMA Ictus Reinfarto del del miocardio Malmberg K European Heart J 2005; 26: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 50

51 DIGAMI 2: analisi epidemiologica Predittori di mortalità Malmberg K European Heart J 2005; 26: Un aumento della glicemia di 54 mg/ dl o della Hb A1c del 2% è associato ad un aumento della mortalità del 20% Dicembre 2013 Alberto De Micheli 51

52 DIGAMI 2: limiti Ridotto arruolamento con ovvie conseguenze sulla potenza statistica dello studio Nessuna differenza del compenso glicemico fra i gruppi, con buon compenso anche nei gruppi di controllo (valori medi di Hb A 1c 6.8%) Obiettivi glicemici non raggiunti nel gruppo in trattamento intensivo Dicembre 2013 Alberto De Micheli 52

53 Studio HI-5 Intensive Insulin Infusion In Infarction Studio multicentrico randomizzato condotto in 6 ospedali in Australia 240 soggetti con IMA entro le precedenti 24 ore Diabetici noti o glicemia all ingresso 140 mg/dl Target glicemici : mg7dl per almeno 24 ore Insulina e.v. a 2 U/h e destrosio a 80 ml/h e poi modificati secondo un algoritmo non specificato Misura della glicemia capillare ad orari prefissati per 8 volte/die End pointprimario : mortalità intraospedaliera e dopo 3 e 6 mesi Cheung NW, Diabetes Care2006; 29: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 53

54 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 54

55 Normalizzazione della glicemia e mortalità nell infarto del miocardio Post- admission glucose levels and mortality after multivariable adjustment MPGL* OR [955 CI] [ ] [ ] [ ] > [ ] * mean postadmissionglucose level Kosiborod M Arch Intern Med. 2009;169(5): Dicembre 2013 Alberto De Micheli 55

56 Trattamento con insulina e mortalità dopo infarto del miocardio Mortality among insulin-treated vs non insulin-treated patients Kosiborod M Arch Intern Med. 2009;169(5): Dicembre 2013 Alberto De Micheli 56

57 Mortalità in ipoglicemia iatrogena vs. ipoglicemia spontanea Association Between Hypoglycemia and Mortality After Multivariable Adjustment Kosiborod, M. et al. JAMA 2009;301: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 57 Copyright restrictions may apply.

58 Trattamento ipoglicemizzante intensivo (goal mg/ dl) e riduzione della dimensione dell infarto Glicemie medie per braccio di trattamento Effetto del trattamento in sottogruppi predefiniti de Mulder M, JAMA Intern Med. doi: /jamainternmed , Published online September 9, 2013 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 58

59 Messaggi EBM Differenti strategie con o senza insulina per il compenso glicemico nei diabetici di tipo 2 in corso di SCA hanno effetti simili sulla mortalità a breve e lungo termine L iperglicemia è uno dei più importanti predittori prognostici: Un aumento della glicemia di 54 mg/ dl o della Hb A1c del 2% è associato ad un aumento della mortalità del 20% Nel DIGAMI 2 la mortalità a 2 anni è stata del 18.4%, la più bassa in una coorte di diabetici con SCA L ipoglicemia iatrogena non è correlata con la mortalità Problema non risolto: un trattamento insulinico volto ad ottenere la normoglicemia in acuto e nel periodo successivo alla SCA può ulteriormente migliorare la prognosi? Dicembre 2013 Malmberg K European Heart J 2005; 26: Alberto De Micheli 59

60 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 60

61 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 61

62 NICE 2011:Trattamento dell iperglicemia entro le 48 ore dalla SCA Manage hyperglycaemia in patients admitted to hospital for an acute coronary syndrome (ACS) by keeping blood glucose levels below 11.0 mmol/litre while avoiding hypoglycaemia. In the first instance, consider a dose-adjusted insulin infusion with regular monitoring of blood glucose levels. Do not routinely offer intensive insulin therapy (an intravenous infusion of insulin and glucose with or without potassium) to manage hyperglycaemia (blood glucose above 11.0 mmol/litre) in patients admitted to hospital for an ACS unless clinically indicated Dicembre 2013 Alberto De Micheli 62

63 Italia: Consensus : Screening e Terapia della Cardiopatia Ischemica nel Paziente Diabetico La terapia insulinica è la terapia di scelta per il controllo della iperglicemia durante il periodo perinfartuale o periprocedurale in corso di rivascolarizzazione miocardia, sia in presenza sia in assenza di anamnesi positiva per diabete mellito. La somministrazione con infusione endovenosa è la modalità più efficace per raggiungere e mantenere gli obiettivi glicemici. (Livello di prova I, Forza della raccomandazione A) Gli obiettivi glicemici durante un ricovero ospedaliero possono essere differenziati in funzione delle diverse situazioni cliniche e per i pazienti in situazione critica i valori glicemici dovrebbero essere mantenuti tra 140 e 180 mg/dl, in funzione del rischio stimato di ipoglicemia. (Livello della prova II, Forza della raccomandazione B) SID, AMD, ANMCO,ARCA, SIC, SISA,2010 consensus-completo.pdf Dicembre 2013 Alberto De Micheli 63

64 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 64

65 Protocollo di infusione di insulina di Yale Goldberg PA et al. Diabetes Spectrum 2005;18: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 65

66 Protocollo di infusione di insulina di Yale Goldberg PA et al. Diabetes Spectrum 2005;18: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 66

67 Protocollo di infusione di insulina di Yale Goldberg PA et al. Diabetes Spectrum 2005;18: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 67

68 Proposta operativa di AMD-SID-OSDI della Regione Emilia-Romagna, 2009 da TRIALOGUE La gestione dell iperglicemia in area medica. Istruzioni per l uso Gruppo di lavoro G.P. Beltramello, V. Manicardi, R. Trevisan. Il Giornale di AMD 2012;15: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 68

69 Proposta operativa di AMD-SID-OSDI della Regione Emilia-Romagna, 2009 da TRIALOGUE La gestione dell iperglicemia in area medica. Istruzioni per l uso Gruppo di lavoro G.P. Beltramello, V. Manicardi, R. Trevisan. Il Giornale di AMD 2012;15: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 69

70 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Dicembre 2013 Alberto De Micheli 70

71 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Dicembre 2013 Alberto De Micheli 71

72 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Dicembre 2013 Alberto De Micheli 72

73 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Dicembre 2013 Alberto De Micheli 73 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev

74 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev Dicembre 2013 Alberto De Micheli 74 Desio Diabetes Diagram (DDD) OCTOPUS 2013 ev

75 Protocollo di Montecchio in CORSO Iperglicemia grave ( >200) per 48/72 ore in paziente critico Nella stessa via venosa: 1 via INFUSIONE IN POMPA SIRINGA (Pompa Brown) DI 49,5 ml. di SOL. FISIOLOGICA + 50 U.I. di INSULINA RAPIDA o Regolare (HUMULIN R ) (= 0,5 ml) 1 cc. DI SOL. = 1 U.I. DI INSULINA 2 via per Glic in partenza > 500 mg/dl) Infondere Gluc.5% 500 cc + KCL 20 meq (1fl) o sol Potassio 27 meq/l a vel variabile secondo il compenso emodinamico e lo stato di idratazione, previo controllo K+ e Creat. ematica 1. SE GLIC. > 500 mg/dl velocità Infusione 5 cc/h + bolo iniziale di 10 u ev 2. SE GLIC. TRA 400 E 500 velocità Infusione 4 cc /h. 3. SE GLIC. TRA 300 E 400 velocità Infusione 3 cc/h 4. SE GLIC. TRA 250 E 300 velocità Infusione 2,5 cc/h 5. SE GLIC. TRA 200 e 250 velocità Infusione 2 cc/h Gl + K 6. SE GLIC. TRA 150 E 200 velocità Infusione 1,5 cc/h 7. SE GLIC. TRA 110 E 150 velocità Infusione 1 cc/h ( 0,5 CC/H di NOTTE) 8. SE GLIC. < 110 STOP INSULINA! (ma mantenere la pompa) 9. SE GLIC. < 80 INFONDERE GLUCOSIO 5% E.V. PER ALMENO 2-4 ORE + STIX ogni ora e adeguamento infusione EV Insulina in pompa) 10. SE CI SONO SINTOMI da IPOGLICEMIA USARE GLUC. AL 10-30% per 2 ore e controllo stix ogni ora CONTROLLO STICK dopo 1 ora, per verifica dose (U/ora) poi OGNI 2 ORE PER LE PRIME 12 ore, poi OGNI 4 ore, se glicemie stabili Quando 3 glic successive sono => 140 e < 180 mg/dl embricare la TER. INSULINICA S.C. AI PASTI con HUMALOG o NOVORAPID o APIDRA, e sospendere la pompa alla prima dose di LANTUS serale. Dicembre 2013 Alberto De Micheli 75

76 Protocollo di Montecchio Istruzioni Operative : per l applicazione del protocollo di Ter Insulinica Intensiva e per la transizione da Terapia ev a Ter. sc. 1 - Iniziare il protocollo ev in ogni paziente ricoverato per patologie acute che non si alimenti, che presenti all ingresso una Glicemia => a 200 mg/dl o sottoposto ad interventi chirurgici che presenti all uscita dalla sala operatoria valori glicemici => 200 mg/dl, sospendendo la terapia per il Diabete eventualmente in corso. 2 - Monitorare le glicemie (Stix Glicemico su sangue capillare) dopo la 1 ora, poi ogni 2 ore di gg e 4 di notte, dopo le prime 12 ore. 3 - Stop alla infusione di Insulina ev per glicemie < = 110 mg 4 - Per glicemia <= 80, (oltre a sospendere l insulina) infondere Glucosio al 10% ev, monitorando la glicemia ogni ora. Durata: 5 - in Medicina almeno ore, fino a scendere al di sotto di 180 mg, ma => (140 mg/dl 6 -In Utic/Area Critica/Ter Intensive : ore, fino ad ottenere 2-3 valori consecutivi di Glicemie < 180 mg/dl ma => 140 mg/dl. Schema di transizione dalla Terapia Insulinica EV. alla Ter. Insulinica SC Dopo avere ottenuto una stabilità dei valori glicemici adeguata : 1 - almeno 6 ore di valori < 140 mg, o almeno 3 valori successivi di Glicemia <140 mg/dl, programmare la terapia di transizione: calcolare le unità infuse nelle ultime 6 ore (es 10 U ), moltiplicarle x 4 per ottenere il possibile fabbisogno die (=40 U) e programmare la Ter Insulinica sc con ANALOGO LENTO (LANTUS) serale pari al 50% del fabbisogno totale, meno il 20% (40/2 20% = 16 U) da iniziare dopo cena, con sospensione della pompa di infusione ev e distribuire il restante 50% del fabbisogno (= 20 U) ai pasti come ANALOGO RAPIDO (Humalog/Novorapid/Apidra) nelle dosi di ¼ a colazione ( = 5 U) e il resto diviso tra pranzo e cena (8 + 7) (Prot. Desio GIDM 2007) 2 Sospendere la pompa di infusione EV al momento dalla prima somministrazione di analogo Lento serale. (LANTUS ) 3 Se la infusione di Insulina ev è stata nelle ultime 24 ore < 12 U, si può evitare la LANTUS serale ed utilizzare solo Analogo rapido ai pasti, in base ai valori glicemici pre / post prandiali (4 5 U a pasto), con verifica delle dosi sulla base dei profili. 4 Monitorare le Glicemie con profili glicemici, secondo le indicazioni del Diabetologo. 5 - Titolazione LANTUS: In base alla glicemia a digiuno variare la dose di Lantus serale, aumentando di 1-2 U ogni 2 gg e di conseguenza correggere i boli ai pasti. 6 Programmare la consulenza Diabetologica pre-dimissione per la terapia domiciliare e la presa in carico dei pazienti da parte degli IP del serv di Diab almeno 3 gg prima della dimissione per l addestramento all autocontrollo e alla somministrazione corretta della Insulina. Dicembre 2013 Alberto De Micheli 76

77 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 77

78 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 78

79 NICE 2011: identificazione in ricovero e follow up dei pazienti con iperglicemia durante SCA senza diabete noto HbA1c levels before discharge Fasting blood glucose levels no earlier than 4 days after the onset of ACS. Do not routinely offer oral glucose tolerance tests to patients with hyperglycaemia after ACS and without known diabetes if HbA1c and fasting blood glucose levels are within the normal range. Advise patients without known diabetes that if they have had hyperglycaemia after an ACS they: are at increased risk of developing type 2 diabetes Offer patients with hyperglycaemia after ACS and without known diabetes lifestyle advice Should be offered tests for diabetes at least annually. Dicembre 2013 Alberto De Micheli 79

80 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 80

81 Italia: Consensus : Screening e Terapia della Cardiopatia Ischemica nel Paziente Diabetico Un obiettivo di HbA1c pari o inferiore a 7% è generalmente consigliabile per i soggetti adulti con diabete per rallentare la progressione delle complicanze macrovascolari. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B). Obiettivi di compenso glicemico meno stringenti (HbA1c 7-8%) dovrebbero essere perseguiti in pazienti con diabete di lunga durata (>10 anni) soprattutto con precedenti di CVD o una lunga storia di inadeguato compenso glicemico o fragili per età e/o comorbilità. L approccio terapeutico deve essere tale da prevenire le ipoglicemie. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) SID, AMD, ANMCO,ARCA, SIC, SISA,2010 consensus-completo.pdf Dicembre 2013 Alberto De Micheli 81

82 Standard italiani per la cura del diabete mellito Obiettivi di compenso glicemico meno stringenti [HbA1c 64 mmol/mol ( 8,0 %)] dovrebbero essere perseguiti in pazienti con diabete di lunga durata (>10 anni) soprattutto con precedenti di CVD o una lunga storia di inadeguato compenso glicemico o fragili per età e/o comorbilità. L approccio terapeutico deve essere tale da prevenire le ipoglicemie. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Il rischio di ipoglicemie deve essere considerato nella valutazione del target glicemico ottimale per il paziente. (Forza della raccomandazioneb) Standard italiani per la cura del diabete mellito , in preparazione Dicembre 2013 Alberto De Micheli 82

83 Studio ACCORD: obiettivo primario e mortalità per ogni causa Outcome primario 2.11 vs. 2.29% /anno HR 0.90; 95% CI, 0.78 to 1.04; P = 0.16 Mortalità per ogni causa 1.41 vs 1.14 %/ anno HR 1.22; 95% CI, 1.01 to 1.46 P = 0.04 Mortalità cv 0.79 vs. 0.56% / anno HR 1.35 (95% CI ) p =0.02 NNH 95 / 3.5 anni IMA non fatale 1.11 vs. 1.45%/ anno HR 0.76 (CI 95% ) P= The Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes Study Group. N Engl J Med 2008;358: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 83

84 Il fenotipo dei pazienti dei trials UKPDS ACCORD ADVANCE VADT Età media 54 ± ± ± ± 8.6 Durata diabete neodiagnosi 10 anni 7.9± ± 7.2 Peso kg 76± ± ± BMI 27.2± ± ± 5 31 Circonferenza addome cm Pregresso evento cv ± ± % 32.3% 40% Dicembre 2013 UKPDS :Criteri di esclusione Creatininemia > 2 mg/dl IMA entro1 anno Angina Scompenso di circolo >1 evento cv Ipertensione maligna Retinopatia da trattare con laser Alberto De Micheli 84

85 Il NNH per l ipoglicemia: la metanalisi di Kelly Event RR (95% IC) DR* (95% IC) NNT/ NNH CV disease 0.90 (0.83 a 0.98) -15 (-24 to -5) 66.6 CHD 0.89 (0.81 a 0.96) -20 (-38 a -1) 50 Non fatal MI 0.80 (0.65 a 0.98) -9 (-13 a -5) Death from CVD 0.97 (0.76 a 1.24) -3 (-14 a 7] Death from Any Cause Severe hypoglycemia 0.98 (0.84 a 1.15) -4 (-17 a 10) 2.03 (1.46 a 2.81) 39 (7 a 71) 25.6 *Absolute risk difference 1000 patients 5 years Dicembre 2013 Alberto De Micheli 85 Kelly, T. N. et. al. Ann Intern Med 2009;151:

86 Durata del diabete e aspettativa di vita: la buona e la cattiva memoria metabolica Storia dell UKPDS Storia del VADT Holman R et al. N Engl J Med ;359: Del Prato S, Diabetologia 2009; 52: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 86

87 Raz I Diabetes Care 2013; 36: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 87

88 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 88

89 Raccomandazioni La strategia terapeutica ipoglicemizzante da raccomandare nel follow-up post-acuzie di pazienti diabetici affetti da SCA, in mancanza di studi specifici, si basa sui seguenti principi: Prestare attenzione al controllo glicemico mirando al raggiungimento e al mantenimento di un buon controllo con diversi, individualizzati approcci terapeutici (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Tenere in considerazione eventuali controindicazioni dei singoli farmaci (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) Evitare interventi intensivi con obiettivi glicemici troppo stretti per il rischio di severe ipoglicemie, sovente asintomatiche, in grado di peggiorare la prognosi cardiovascolare. (Livello della prova VI, Forza della raccomandazione B) SID, AMD, ANMCO,ARCA, SIC, SISA,2010 consensus-completo.pdf Dicembre 2013 Alberto De Micheli 89

90 Incidenza dell insufficienza cardiaca in pazienti trattati con glitazonici RCT Osservazionali Dicembre 2013 SinghS DiabetesCare 30: , 2007 Alberto De Micheli 90

91 Rischio di IMA e mortalità cv: rosiglitazone vs singoli farmaci Risk of Myocardial Infarction and Death from Cardiovascular Causes for Patients Receiving Rosiglitazone versus Several Comparator Drugs Nissen S and Wolski K. N Engl J Med 2007; /NEJMoa Dicembre 2013 Alberto De Micheli 91

92 Rosiglitazone /25/2013 -Drug Safety Communication-FDA] SafetyAlertsforHumanMedicalProducts/ucm htm?source=govdelivery&utm_medium= &utm_source=govdelivery Dicembre 2013 Alberto De Micheli 92

93 Studio Proactive: risultati principali End point principale End point secondario HR 0.90 ( ) p=0.095 HR 0.84 ( ) P= Dicembre 2013 Alberto 93 De Micheli Dormandy JA Lancet 2005; 366:

94 Sulfonilurea vs. altri ipoglicemizzanti: mortalità per ogni causa ad un anno Autore Farmaci di raffronto HR Masoudi FA, (Circulation2005; 111: ) Altri secretagoghi Inibitori α glicosidasi Metformina TZD, Insulina 0.99 ( ) Dicembre 2013 EurichDT, BMJ 2007; 335: 497. Epub2007 Aug30 Alberto De Micheli 94

95 Rischio relativo di eventi cv: glibenclamide vs. altre terapie (metanalisi) Farmaco di raffronto RR CVD RR morte Tutti i secretagoghi 0.84 ( ) 0.87 ( ) Altre sulfoniluree 0.92 ( ) 0.79 ( ) Insulina 0.89 ( ) 0.97 ( ) Gangji AS, Diabetes Care 30: , 2007 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 95

96 Benefici clinici ed outcome positivi delle terapia incretinica Beneficio glicemia a digiuno e post prandiale Non ipoglicemia Peso corporeo Efficacia AR GLP-1 vs. inibitori DPP-4 Simile all insulina Simile alle sulfoniluree Riduzione 2-4 kg Lieve o neutro Pressione arteriosa «Durability»> sulfoniluree ( non dimostrati miglioramenti durevoli su massa o funzione ß cellule ) Prevenzione microvascolare (modelli preclinici e dati preliminari da trials) Potenzialità di prevenzione evento cardiovascolari e mortalità Riduzione 2-5 mm Hg Solo in ipertesi Nauck MA, Diabetes Care 36: , 2013 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 96

97 GLP 1 agonisti e rischio CV: metanalisi dei trials clinici Diabetes Obes Metab Jul 6. doi: /dom [Epub ahead of print] Effects of glucagon-like peptide-1 receptor agonists on cardiovascular risk: a metaanalysis of randomized clinical trials. Monami M, Dicembrini I, Nardini C, Fiordelli I, Mannucci E. J Clin Pharm Ther Oct 16. doi: /jcpt [Epub ahead of print] The cardiovascular effects of glucagon-like peptide-1 receptor agonists: a trial sequential analysis of randomized controlled trials. Wu S, Sun F, Zhang Y, Yang Z, Hong T, Chen Y, Zhan S. Monami M Exp Diabetes Res. 2011;2011: doi: /2011/ Epub 2011 Apr 2 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 97

98 Inibitori del DPP - 4 e rischio cardiovascolare: metanalisi RR of any adverse CV event 0.48 (0.31 to 0.75, p= 0.001) RR for nonfatal AMI or ACS 0.40 (0.18 to 0.88, p= 0.02) Dicembre 2013 PatilHR Am J Cardiol. 110: , 2012 Alberto De Micheli 98

99 Eventi cv negli studi di fase 3 con incretine diverse Nauck MA, Diabetes Care 36: , 2013 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 99

100 Saxagliptin e rischio CV: SAVOR-TIMI 53 End point primario: morte cv, IMA, ictus End point secondario: morte cv, IMA, ictus, ricovero angina instabile, rivascolarizzazione coronarica, scompenso cardiaco SciricaBM, N Engl J Med DOI: /NEJMoa Dicembre 2013 Alberto De Micheli 100

101 Saxagliptin e rischio CV: SAVOR-TIMI 53 End points clinici prespecificati SciricaBM, N Engl J Med DOI: /NEJMoa Dicembre 2013 Alberto De Micheli 101

102 EXAMINE Study (alogliptin): Incidenza di endpoint cardiovascolari White WB et al. N EnglJ Med 2013;369: Dicembre 2013 Alberto De Micheli 102

103 Obiettivi L obiettivo del compenso glicemico deve essere personalizzato sulle caratteristiche fenotipiche globali del paziente con particolare riguardo: all età alla durata del diabete alla presenza di complicanze cardiovascolari Terapia Igiene di vita Metformina Evitare sulfoniluree a lunga durata d azione quali la glibenclamide Scegliere gli altri farmaci sulla base di: caratteristiche del paziente comorbilità, prevalenza di glicemia a digiuno o post prandiale rischio di ipoglicemia preferenze del paziente Dicembre 2013 Alberto De Micheli 103

104 Dicembre 2013 Alberto De Micheli 104

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe Sito Internet Il presente documento è disponibile su www.idf.org. Referente e bibliografia correlata dell IDF Referente: Professor Stephen Colagiuri, Boden Institute

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino Accuratezza Accuratezza Analitica: Quanto il risultato del metodo di dosaggio

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

RISCHIO CARDIOVASCOLARE AZIENDA SANITARIA LOCALE LANCIANO VASTO - CHIETI CORSO DI AGGIORNAMENTO AZIENDALE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013 RISCHIO CARDIOVASCOLARE A cura di Docente MMG: dr.ssa Stefania Plessi Docente

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun SORVEGLIARE L ANDAMENTO DEL DIABETE Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun disturbo anche quando la glicemia è alta. Hanno l aria di sentirsi privilegiati: è come se la natura

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica [CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica Stesura: Luglio 2006 A cura di: Alessandro Battaggia, Area Cardiovascolare SIMG Titolo: Critical

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO MESSAGGI CHIAVE Dott. Alessandro Battaggia SIMG Area Critical Appraisal 10 gennaio 2011 La dimensione epidemiologica della prevenzione cardiovascolare

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli