SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona"

Transcript

1 SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica Progetto interregionale Prevenzione/tutela delle malattie croniche. Coordinamento, qualità, risorse nella gestione del diabete e della BPCO Lignano Sabbiadoro, marzo 212 L epidemiologia il i del dldibt diabete Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani

2 La prevalenza del diabete mellito tipo 2 è in progressivo incremento a livello mondiale; il numero di soggetti affetti da diabete noto salirà dagli attuali (nel 1995) 15 milioni a 3 milioni nel 225 [King et al, Diabetes Care 1998]. L incremento sarà più rilevante nelle aree in via di sviluppo, sottoposte ad un rapido aumento della prevalenza di obesità, rispetto alle aree industriali, quali Europa e Stati Uniti. In queste ultime prevarrà invece l effetto dell allungamento della vita media. Bruno G, Carta Q, Runzo C, Prina Cerai S, Pagano G (24) Incidenza e prevalenza di diabete mellito tipo 2. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): PREVALENZA DI DIABETE NOTO PER ETA E SESSO (Verona Diabetes Study) 9 Maschi Femmine 6 % anni

3 Prevalenza % 1 Diabete non-noto Diabete noto età in anni

4 n casi osserva ati DIABETE NOTO/IGNOTO IN 919 SOGGETTI DI 4-79 anni (Studio di Brunico, 199) DM noto DM ignoto Età Retinoaptia (% %) 15 _ 1 FPG 2hPG HbA1c FPG E RETINOPATIA RETINOAPTIA Indiani Pima _ 5 _ I I I I I I I I I I I FPG (mg/dl) hPG (mg/dl) HbA1c (%)

5 Per quanto riguarda l Italia, stime sulla prevalenza di diabete mellito noto erano state prodotte nell ambito di un progetto multicentrico promosso dal Ministero della Sanità nel 1988, che aveva visto il coinvolgimento delle popolazioni di Casale Monferrato, Cremona, Foligno e Verona. Le stime prodotte in tale occasione ottenute utilizzando fonti multiple di rilevamento dei casi e metodi della catturaricattura per stimare la completezza della rilevazione prevedevano una prevalenza di diabete noto nella popolazione generale pari al 2,6-3,2%. Bruno et al, Il Diabete, 24 Prevalenza (%) di diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. MASCHI n. (%) FEMMINE n. (%) TOTALE n. (%) Tipo (,36%) (,34%) (,35%) Tipo (3,62%) (3,49%) (3,55%) Secondario 92 (,5%) 643 (,3%) (,4%) Non definito 73 (,3%) 627 (,3% 1 33 (,3%) Totale (4,6%) (3,89%) (3,97%) modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24 E da segnalare come il numero dei soggetti registrati sia aumentato nel tempo, da individui nel 1999 a nel 23, con un incremento numerico del 33% in 4 anni. Bruno et al, Il Diabete, 24

6 Età all esordio nei casi prevalenti per diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. Età all esordio N. (%) (anni) < (,8%) (1,1%) (1,8%) (5,6%) (16,%) (29,2%) (27,5%) > (18,%) modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24 Terapia antidiabetica nei casi prevalenti per diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. Terapia antidiabetica Dieta 23% Ipoglicemizzanti orali 57% Insulina 16% Ipoglicemizzanti orali + insulina 4% modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24

7 Combinando la stima di prevalenza alla data del 3/4/23 ottenuta tramite il Registro Regionale Diabetici del Piemonte con il Casale Monferrato Study, possiamo stimare che attualmente la prevalenza di diabete noto sia pari al 5.3%. Si stima pertanto che in Italia siano presenti almeno tre milioni di soggetti affetti da diabete noto, dei quali 5. con diabete tipo 1 e con diabete tipo 2. Bruno et al, Il Diabete, 24 Incidenza del diabete in Italia Tipo di diabete Località Età (anni) Incidenza Bibliografia tipo 2 Brunico ,6/1 persone-anno Bonora, Diabetes 24 diabete Torino /1 pers.-anno Bruno, Il Diabete 24 tipo 1 Torino /1 persone-anno Bruno, Il Diabete 24

8 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani 545 FAMILY PHYSICIANS DIABETES DIABETES CLINIC CENTER DRUG PRESCRIPTIONS Verlato and Muggeo, Diabetes Care, 2

9

10 n1 m n' n2 Probability to be captured by the second source n1 m n' n2 m/n1 = n2 / n' n' = n1*n2/m

11 Assumptions of the capture-recapture method 1) The source of ascertainment should be independent (SOURCE INDEPENDENCE). 2) The probability of ascertainment of an individual by any particular source should remain constant within the studied population (CONSTANT CATCHABILITY). Other requirements: 3) Tags should not be lost, individuals should be matched from capture to recapture. For instance, names are not good tags to identify people in Tanzania. 4) When the sources are not simultaneously activated, the population should be closed to addition or deletions. 5) Sources of identification, in spite of low sensitivity, should have perfect specificity.

12 3)Who are the patients missed by all sources? When there are several lists, the patients who are not recorded in any list probably have unusual characteristics: it may be asked who these patients are, if they are never seen by a doctor, or never buy a drug, and are unknown to specialized clinics. The only clear conclusion is that these patients have not been a serious burden to the health services, or themselves". (Papoz L, Balkau B, Lellouch J; Int J Epidemiol 1996) Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani

13 Rischio di complicanze a 1 anni dalla diagnosi (UKPDS) 2 % evento cardiovascolare maggiore ( IMA, Ictus, scompenso cardiaco, morte improvvisa) ~ 5 % Retinopatia ~ 2 % insufficienza renale INCIDENZA CUMULATIVA DI EVENTI CARDIOVASCOLARI (UKPDS) Eventi % Infarto 12.6 Ischemia miocardica 6.1 Stroke (ictus cerebrale) 3.5 Morte improvvisa.6 Insufficienza cardiaca 2.4 Qualsiasi evento CV 2.4 N=512; follow-up medio= 7.6 anni Età media= 53 anni

14 STIMA DELLA DURATA DELLA FASE PREDIAGNOSTICA DEL DIABETE TIPO 2 (Harris et al, 1993) Re etinopatia (%) 8 6 _ 4 _ 2 _ Inizio della retinopatia Inizio del Diabete tipo 2 Diagnosi clinica I I I I I I I Anni dalla diagnosi COMPLICANZE CRONICHE DEL DIABETE ALLA DIAGNOSI 4 3 Tipo 1(DCCT) Tipo 2 (UKPDS) % 2 1 Retinopatia Nefropatia Neuropatia clinica Cardiopatia ischemica

15 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani Tass so *1 persone-an nno Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Femmine Totale Maschi

16 Se eliminiamo l effetto dell invecchiamento della popolazione mediante un procedimento statistico noto come standardizzazione diretta tandardizzato *1 pa Tasso s Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Maschi Femmine Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Tas sso *1 persone-ann no ?85 Età (anni)

17 Nel 22 i decessi per diabete (codice ICD IX 25) sono stati , pari al 3.15% del totale ( ). Questa percentuale è leggermente maggiore nelle donne (3.73 % = / ) e leggermente inferiore negli uomini (2.56% = 783 / ). Conti S, Scipione R, Carrani E, Roazzi P, Mari E, Minutoli E. La mortalità per causa in Italia: Istituto Superiore di Sanità Ufficio di Statistica. Mortalità per diabete mellito nelle classi di età 5-64 anni nel quinquennio nelle Unità Locali Socio-Sanitarie della Regione Veneto (Figura modificata da de Marco et al, 1997). Regione Veneto Mortalità per diabete nel periodo nelle classi di età 5-64 anni Range dell SMR

18 Eccesso di mortalità nei diabetici di tipo 2, rispetto alla popolazione generale. I dati di Verona sono ricavati da una coorte di 7148 pazienti seguiti per un quinquennio ( ) [de Marco et al, 1999] e i dati di Casale Monferrato da una coorte di 1967 pazienti seguiti per 7 anni ( ) [Bruno et al, 1999]. Rapporto di mortalità standardizzato (SMR), IC 95% 1,75 1,5 1,25 1,,75,5,25, Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale Verona Diabetes Study Casale Monferrato Tasso di mortalità nei diabetici e nei non-diabetici di Verona in funzione del sesso e dell età [Muggeo et al, 1995a] tasso di mo ortalità per 1 personeanno uomini diabetici uomini i non-diabetici i donne diabetiche donne non-diabetiche >=75 età (anni)

19 Eccesso di mortalità nei diabetici in funzione del sesso e dell età [Muggeo et al, 1995a]. tutte le cause (IC 95% %) SMR per t ,2 16,9 Uomini Donne >=75 età (anni) Percentuale della mortalità complessiva attribuibile alle varie cause di morte nel Verona Diabetes Study. UOMINI DONNE respiratorie altre cause incidenti tumori incidenti respiratorie altre cause tumori digestive digestive diabete diabete cardiovasc. cardiovasc

20 6 The Verona Diabetes Study (de Marco et al, Diabetes Care, 1999) Sta andardized Mortality Ratio (95% CI) Men Women Total all causes malignancies diabetes cardiovasc. digestive respiratory accidents (Liver,pancreas) Excess mortality related to diabetes SMR per cause specifiche nella coorte diabetica di Casale Monferrato 4 3 Uomini Donne SMR (IC 95%) 2 1 tutte le tumori cardio- malattie malattie malattie traumi cause maligni vascolari digestive respirat. genitourin. avvelen

21 And what about mortality from site- specific cancer? SMR (RR) in different co ountries Mortality from malignancies in diabetic patients men NIDDM NIDDM workers mean age=56 drug-treated 3-74 onset after 3 women NIDDM: both sexes cancer incidence hospitalized

22 In most studies [Fuller et al, 1983; Waugh et al, 1989; Moss et al, 1991; Sasaki et al, 1996; Adlerberth et al, 1998; Bruno et al, 1999] overall mortality from malignancies has been reported to be similar in diabetic patients as in the general population, but a few studies found either a decrease [Wong et al, 1991] or an excess [Balkau et al, 1991; Koskinen et al, 1998; Tierney et al 21] in mortality from malignancies in diabetic patients. Recently a small but significant increase in cancer incidence was detected in a large series of diabetic patients in Denmark [Wideroff et al, 1997]. According to the Verona Diabetes Study mortality from malignancies is slightly but significantly increased in type 2 diabetic women with respect to the general population [Verlato, Zoppini et al, 23]. ASSOCIATION BETWEEN TYPE 2 DIABETES AND CANCER IN CURRENT EPIDEMIOLOGY CURRENT LITERATURE (Giorgino and Pannaciulli, Il Diabete, 23) vs VERONA STRONG MODERATE Low Hepatic cancer Hepatic cancer Pancreatic ca. Pancreatic ca. Female Colorectal cancer Endometrial ca. Breast cancer Breast cancer Renal cancer Lung cancer Prostate cancer

23 Mortality from cancer according to system/apparatus of onset number of deaths from mal 35 lignancies MEN 42,63 29,72 33,77 117,71 116,55 11,48 Others Urinary tract Reproductive Respiratory Digestive Mouth,Pharynx , WOMEN 9,58 63,41 21, ,41 1,3 observed expected observed expected Mortality from cancer according to system/apparatus of onset (95% CI) Standardize ed Mortality Ratio ( 2, 1,5 1,,5, P=. 19 P=. 11 Not enough power Men Women Total P=.3 3 P=. 78 P=. 5 P=.5 52 All cancers Mouth,Pharynx Digestive Respiratory Reproductive Urinary tract

24 Standa ardized Mortality Ra atio (95% CI) 3, 2,5 2 2, 1,5 1,,5, Mortality from cancer arising from the digestive tract Men Women Total P<. 1 P=. 1 P< P=. Colon-rectum Stomach Liver Pancreas Esophagus Biliary tract Decreasing statistical power Body Mass Index modifies the association between type 2 diabetes and cancer (Verlato, Zoppini et al, Diabetes Care, 23) SMR P=.2 P=.9 P=.71 1 < >=3 < >=3 < >=3 < >=3 female reproductive liver cancer biliary tract ca. breast cancer system cancer BMI

25 CONCLUSIONS In the present study we found that some site-specific cancers behave differently in terms of mortality in diabetic patients than in the general population. pp In particular: 1) women show a significantly higher mortality from breast and pancreatic tumours. 2) mortality from hepatic cancer is increased in both sexes. Moreover, obesity seems to be an important risk factor for cancer of the female reproductive system, in particular for breast cancer, and for cancer of the biliary tract. Colorectal cancer SMR (95% CI) 4,5 4, 35 3,5 3, 2,5 2, 1,5 1,,5 Men Women 8. P=.51, diet OHD insulin Oss/attesi = 4/1.3 2/1.7

26 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani L unica sperimentazione clinica controllata e randomizzata (clinical trial), incentrata sulla sopravvivenza dei pazienti diabetici in funzione del livello di assistenza, venne effettuata in Inghilterra negli anni Ottanta: 2 pazienti affetti da diabete di tipo 2 vennero assegnati a caso all assistenza presso i medici i di base o presso un presidio ospedaliero dli e vennero seguiti per 5 anni. Durante il periodo di osservazione (follow-up), i diabetici in cura presso la struttura ospedaliera presentarono una riduzione sia del tasso di ospedalizzazione che del tasso di mortalità: i decessi furono pari al 6.2% del campione (6/97) contro il 17.5% (18/13) osservato tra i pazienti seguiti dai medici di base (P<.2). Hayes TM, Harries J (1984) Randomised controlled trial of routine hospital clinic care versus routine general practice care for type II diabetics. Br Med J 289:

27 Nel Verona Diabetes Study, i pazienti afferenti ad un centro anti-diabetico presentavano una migliore sopravvivenza rispetto ai pazienti seguiti esclusivamente dai medici di base, con un rischio relativo di morte di.83 (IC 95% ) controllando per sesso, età e tipo di trattamento [Verlato et al, Diabetes ib Care, 1996]. Questa differenza era legata ad una riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari (RR =.83, ) e per malattie dell apparato digerente (RR =.74, ) [Zoppini et al, Diabetes Metab Res Rev 1999]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): Mortalità per cause specifiche nei pazienti diabetici di tipo 2 di Verona in funzione del livello di assistenza: i diabetici afferenti al Centro Anti-Diabetico ospedaliero (CAD; n=447) vengono raffrontati con i pazienti non afferenti (no CAD; n=311). La mortalità è espressa come percentuale di morti durante un follow-up di 1 anni ( ) sul totale dei pazienti della coorte (Zoppini et al, 1999). morti per ca ause specifiche (%) no CAD altre cause traumi mal.digestive mal.respiratorie malattie cardiovascolari diabete tumori CAD

28 Mortalità per tutte le cause e per cause specifiche in funzione del livello di assistenza anti-diabetica. I rischi relativi sono calcolati rapportando la mortalità nei diabetici che frequentano un Centro Anti-Diabetico ospedaliero (CAD) alla mortalità nei diabetici che non afferiscono al Centro. Le barre rappresentano l intervallo di confidenza al 95%. 1,4 1,2 morte (IC 95%) CAD vs non-assistiti RR di m assistiti al C 1,,8,6,4,2, tutte le tumori diabete cardiova- malattie malattie traumi altre cause maligni scolari respirat. digestive avvelen. cause Tuttavia, dal momento che i pazienti non vennero assegnati a caso all uno o all altro livello di assistenza, non si può escludere la presenza di una distorsione da selezione (selection bias), di cui si ignora sia l entità che la direzione. L aggiustamento per sesso, età e terapia, tre determinanti fondamentali della mortalità nei pazienti diabetici, ha senz altro ridotto ma non del tutto abolito l effetto di questo bias. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): 3-316

29 Nello studio di Casale Monferrato si osservava una lieve riduzione della mortalità per tutte le cause nei pazienti afferenti al centro anti-diabetico (RR=.93, IC 95% , rispetto ai pazienti seguiti soltanto dai medici di base) che tuttavia non raggiungeva la significatività statistica [Bruno et al,diabetologia ib l i 1999]. Va tuttavia rilevato come i pazienti seguiti dal centro antidiabetico presentavano un profilo di rischio cardiovascolare nettamente peggiore [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. i i Il Diabete, 16(4): Al momento della riunificazione delle Germania, la prevalenza di complicanze tra i pazienti diabetici era molto inferiore nella Germania Est (DDR), dove vigeva un sistema centralizzato di assistenza, che non nei paesi occidentali (Germania Ovest, Austria, Regno Unito, USA) [Muller et al, Acta Diabetol ib l1993] 1993]. Questa differenza tra popolazioni geneticamente simili venne interpretata dagli Autori come una riprova dell efficacia del sistema centralizzato di assistenza. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. i i Il Diabete, 16(4):

30 Va tuttavia sottolineato come l adeguatezza del controllo metabolico migliora nettamente quando l assistenza viene fornita in modo integrato sia da un medico di base che da una struttura ospedaliera [Hoskins et al, Diabet Med 1993] o quando i medici di base lavorano insieme in mini-cliniche (mini-clinic format) [Singh et al, Brit Med J 1984]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): La gravità della malattia diabetica è inferiore in Italia rispetto agli Stati Uniti o al Nord Europa? 1) Tra i diabetici americani di tipo 2 l obesità è molto più diffusa che nontrai diabetici i i italiani. i Negli Stati Uniti l Indice di Massa Corporea (IMC) è aumentato da 3.4±.24 Kg/m 2 (media±es) nel a 32.3±.82 nel [Koro et al, Diabetes Care 24]. Nel 1986 a Verona l IMC limc era pari a 27.5±4.4 4 Kg/m2 (media±ds) [Verlato et al, Diabetes Care 23], e valori ancora inferiori si registravano a Casale Monferrato, con 26.6±4.1 tra i diabetici afferenti ai medici di base e 27.1±5.1 tra i diabetici afferenti al Centro Anti-Diabetico [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999].

31 2) La glicemia nei diabetici è in genere più bassa in Italia rispetto alla Scandinavia o agli Stati Uniti. Ad esempio, la glicemia a digiuno era pari a 8.5±2.1 mmol/l (media±ds) nei diabetici di Verona [Muggeo et al, Circulation 1997] e a 8.5±2.6 mmol/l nei diabetici di Casale Monferrato [Bruno et al, Diabetologia i 1999], mentre si registravano it valori di 11 mmol/l tra i diabetici finlandesi [Uusitupa et al, Diabetologia 1993]. L emoglobina glicosilata (HbA1c) era pari a 11.1±2.4% tra i diabetici del Winsconsin [Moss et al, Arch Intern Med 1994] e a 7.4±2.1% e 8.2±2.4% tra i diabetici di Casale Monferrato, afferenti rispettivamente ai medici di base o al centro antidiabetico [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999]. Tuttavia recentemente si sono riscontrati valori più bassi di emoglobina glicosilata anche negli Stati Uniti d America, come 7.9±.17 % (media±es) nello studio NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey) [Koro et al, Diabetes Care 24]. 3) In Italia i diabetici presentano un eccesso di mortalità cardiovascolare del 3-6% rispetto alla popolazione generale [Bruno et al, Diabetologia 1999; de Marco et al, Diabetes Care 1999], mentre in America la mortalità cardiovascolare è aumentata di 2-4 volte negli stessi pazienti [Stamler et al, Diabetes Care 1993; Wilson, Am J Kidney Dis 1998; Haffner et al, Am J Med 23]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): 3-316

32 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani 3,5 3 P=.75 P=.172 Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo 2,5 2 1,5 1,5 I II III terzili I II III Media dell' IMC (BMI) Coefficiente di Variazione dell'imc 3,5 3 Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Relat tivo 2,5 2 1,5 1 P=.483 P=.43,5 Zoppini et al, Int J Obesity, 3 I II III terzili I II III Media dell' IMC (BMI) Coefficiente di Variazione dell'imc

33 5 Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo P=.3 P= I II Media della III terzili I II III Coefficiente di Variazione Pressione sistolica della Pressione sistolica 5 4 Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Rela tivo 3 2 P=.153 P=.77 1 I II III terzili I II III Media della Coefficiente di Variazione Pressione sistolica della Pressione sistolica 3,5 3, Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo 2,5 2, 1,5 1, P=.37 P=.529,5, I II III terzili I II III Media della glicemia a digiuno CV della glicemia a digiuno 3,5 3, Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Rela ativo 2,5 2, 1,5 1, P=.37 P=.6,5, I II III terzili I II III Media della glicemia a digiuno CV della glicemia a digiuno

34 Aged under 65 years Aged 65 years or more 5 2,5 Relative Risk P=.75 P=.172 BMI Relative Risk 2 1,5 1 P=.483 P=.43 1,5 5 tertiles I II III I II III Mean of BMI Variation Coefficient of BMI 2,5 tertiles I II III I II III Mean of BMI Variation Coefficient of BMI Relative Risk P=.3 P=.594 Systolic pressure Relative Risk 2 1,5 1,5 P=.153 P=.77 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Systolic Blood Pressure Systolic Blood Pressure I II III I II III Mean of tertiles Variation Coefficient of Systolic Blood Pressure Systolic Blood Pressure 5 2,5 Relative Risk P=.37 P=.529 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Fasting Plasma Glucose Fasting Plasma Glucose Fasting plasma glucose Relative Risk 2 1,5 1,5 P=.37 P=.6 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Fasting Plasma Glucose Fasting Plasma Glucose RISULTATI Sotto i 65 anni di età, il livello medio dei fattori di rischio ha notevole importanza prognostica, ma non la loro variabilità. Infatti, il rischio di morte tende ad aumentare dal I al III terzile dell Indice di Massa Corporea (P=.75), della pressione sistolica (P=.3) e della glicemia a digiuno (P=.37). Una situazione opposta è stata rilevata nei pazienti anziani, in cui la variabilità (coefficiente di variazione intra- individuale) diventa il fattore prognostico più importante. Il rischio di morte tende ad aumentare dal I al III terzile del CV dell Indice di Massa Corporea (P=.43), della pressione sistolica (P=.77) e della glicemia a digiuno (P=.6).

35 CONCLUSIONI Si conferma che i soggetti anziani vanno incontro alla perdita dell omeostasi, ovvero della capacità di mantenere costante le condizioni dell ambiente interno [Resnick, 1998]. Questi dati suggeriscono che nei diabetici di tipo 2 più giovani la terapia dovrebbe mirare a ridurre il livello medio dei fattori di rischio, mentre nei soggetti anziani il clinico dovrebbe cercare anche di ridurre la variabilità di questi fattori. Zoppini G, Verlato G, Targher G, Bonora E, Trombetta M, Muggeo M (28) Variability of body weight, pulse pressure and glycemia strongly predict total mortality in elderly type 2 diabetic patients. The Verona Diabetes Study. Diabetes-Metab Res Rev 24(8):624-8

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino Accuratezza Accuratezza Analitica: Quanto il risultato del metodo di dosaggio

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli