SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica. Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona"

Transcript

1 SItI Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica Progetto interregionale Prevenzione/tutela delle malattie croniche. Coordinamento, qualità, risorse nella gestione del diabete e della BPCO Lignano Sabbiadoro, marzo 212 L epidemiologia il i del dldibt diabete Prof. Giuseppe Verlato Università di Verona Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani

2 La prevalenza del diabete mellito tipo 2 è in progressivo incremento a livello mondiale; il numero di soggetti affetti da diabete noto salirà dagli attuali (nel 1995) 15 milioni a 3 milioni nel 225 [King et al, Diabetes Care 1998]. L incremento sarà più rilevante nelle aree in via di sviluppo, sottoposte ad un rapido aumento della prevalenza di obesità, rispetto alle aree industriali, quali Europa e Stati Uniti. In queste ultime prevarrà invece l effetto dell allungamento della vita media. Bruno G, Carta Q, Runzo C, Prina Cerai S, Pagano G (24) Incidenza e prevalenza di diabete mellito tipo 2. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): PREVALENZA DI DIABETE NOTO PER ETA E SESSO (Verona Diabetes Study) 9 Maschi Femmine 6 % anni

3 Prevalenza % 1 Diabete non-noto Diabete noto età in anni

4 n casi osserva ati DIABETE NOTO/IGNOTO IN 919 SOGGETTI DI 4-79 anni (Studio di Brunico, 199) DM noto DM ignoto Età Retinoaptia (% %) 15 _ 1 FPG 2hPG HbA1c FPG E RETINOPATIA RETINOAPTIA Indiani Pima _ 5 _ I I I I I I I I I I I FPG (mg/dl) hPG (mg/dl) HbA1c (%)

5 Per quanto riguarda l Italia, stime sulla prevalenza di diabete mellito noto erano state prodotte nell ambito di un progetto multicentrico promosso dal Ministero della Sanità nel 1988, che aveva visto il coinvolgimento delle popolazioni di Casale Monferrato, Cremona, Foligno e Verona. Le stime prodotte in tale occasione ottenute utilizzando fonti multiple di rilevamento dei casi e metodi della catturaricattura per stimare la completezza della rilevazione prevedevano una prevalenza di diabete noto nella popolazione generale pari al 2,6-3,2%. Bruno et al, Il Diabete, 24 Prevalenza (%) di diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. MASCHI n. (%) FEMMINE n. (%) TOTALE n. (%) Tipo (,36%) (,34%) (,35%) Tipo (3,62%) (3,49%) (3,55%) Secondario 92 (,5%) 643 (,3%) (,4%) Non definito 73 (,3%) 627 (,3% 1 33 (,3%) Totale (4,6%) (3,89%) (3,97%) modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24 E da segnalare come il numero dei soggetti registrati sia aumentato nel tempo, da individui nel 1999 a nel 23, con un incremento numerico del 33% in 4 anni. Bruno et al, Il Diabete, 24

6 Età all esordio nei casi prevalenti per diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. Età all esordio N. (%) (anni) < (,8%) (1,1%) (1,8%) (5,6%) (16,%) (29,2%) (27,5%) > (18,%) modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24 Terapia antidiabetica nei casi prevalenti per diabete mellito noto nella Regione Piemonte al 3/4/23. Fonte: Registro Regionale Diabetici. Terapia antidiabetica Dieta 23% Ipoglicemizzanti orali 57% Insulina 16% Ipoglicemizzanti orali + insulina 4% modificata da Bruno et al, Il Diabete, 24

7 Combinando la stima di prevalenza alla data del 3/4/23 ottenuta tramite il Registro Regionale Diabetici del Piemonte con il Casale Monferrato Study, possiamo stimare che attualmente la prevalenza di diabete noto sia pari al 5.3%. Si stima pertanto che in Italia siano presenti almeno tre milioni di soggetti affetti da diabete noto, dei quali 5. con diabete tipo 1 e con diabete tipo 2. Bruno et al, Il Diabete, 24 Incidenza del diabete in Italia Tipo di diabete Località Età (anni) Incidenza Bibliografia tipo 2 Brunico ,6/1 persone-anno Bonora, Diabetes 24 diabete Torino /1 pers.-anno Bruno, Il Diabete 24 tipo 1 Torino /1 persone-anno Bruno, Il Diabete 24

8 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani 545 FAMILY PHYSICIANS DIABETES DIABETES CLINIC CENTER DRUG PRESCRIPTIONS Verlato and Muggeo, Diabetes Care, 2

9

10 n1 m n' n2 Probability to be captured by the second source n1 m n' n2 m/n1 = n2 / n' n' = n1*n2/m

11 Assumptions of the capture-recapture method 1) The source of ascertainment should be independent (SOURCE INDEPENDENCE). 2) The probability of ascertainment of an individual by any particular source should remain constant within the studied population (CONSTANT CATCHABILITY). Other requirements: 3) Tags should not be lost, individuals should be matched from capture to recapture. For instance, names are not good tags to identify people in Tanzania. 4) When the sources are not simultaneously activated, the population should be closed to addition or deletions. 5) Sources of identification, in spite of low sensitivity, should have perfect specificity.

12 3)Who are the patients missed by all sources? When there are several lists, the patients who are not recorded in any list probably have unusual characteristics: it may be asked who these patients are, if they are never seen by a doctor, or never buy a drug, and are unknown to specialized clinics. The only clear conclusion is that these patients have not been a serious burden to the health services, or themselves". (Papoz L, Balkau B, Lellouch J; Int J Epidemiol 1996) Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani

13 Rischio di complicanze a 1 anni dalla diagnosi (UKPDS) 2 % evento cardiovascolare maggiore ( IMA, Ictus, scompenso cardiaco, morte improvvisa) ~ 5 % Retinopatia ~ 2 % insufficienza renale INCIDENZA CUMULATIVA DI EVENTI CARDIOVASCOLARI (UKPDS) Eventi % Infarto 12.6 Ischemia miocardica 6.1 Stroke (ictus cerebrale) 3.5 Morte improvvisa.6 Insufficienza cardiaca 2.4 Qualsiasi evento CV 2.4 N=512; follow-up medio= 7.6 anni Età media= 53 anni

14 STIMA DELLA DURATA DELLA FASE PREDIAGNOSTICA DEL DIABETE TIPO 2 (Harris et al, 1993) Re etinopatia (%) 8 6 _ 4 _ 2 _ Inizio della retinopatia Inizio del Diabete tipo 2 Diagnosi clinica I I I I I I I Anni dalla diagnosi COMPLICANZE CRONICHE DEL DIABETE ALLA DIAGNOSI 4 3 Tipo 1(DCCT) Tipo 2 (UKPDS) % 2 1 Retinopatia Nefropatia Neuropatia clinica Cardiopatia ischemica

15 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani Tass so *1 persone-an nno Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Femmine Totale Maschi

16 Se eliminiamo l effetto dell invecchiamento della popolazione mediante un procedimento statistico noto come standardizzazione diretta tandardizzato *1 pa Tasso s Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Maschi Femmine Mortalità per diabete (ICD IX 25) in Italia Tas sso *1 persone-ann no ?85 Età (anni)

17 Nel 22 i decessi per diabete (codice ICD IX 25) sono stati , pari al 3.15% del totale ( ). Questa percentuale è leggermente maggiore nelle donne (3.73 % = / ) e leggermente inferiore negli uomini (2.56% = 783 / ). Conti S, Scipione R, Carrani E, Roazzi P, Mari E, Minutoli E. La mortalità per causa in Italia: Istituto Superiore di Sanità Ufficio di Statistica. Mortalità per diabete mellito nelle classi di età 5-64 anni nel quinquennio nelle Unità Locali Socio-Sanitarie della Regione Veneto (Figura modificata da de Marco et al, 1997). Regione Veneto Mortalità per diabete nel periodo nelle classi di età 5-64 anni Range dell SMR

18 Eccesso di mortalità nei diabetici di tipo 2, rispetto alla popolazione generale. I dati di Verona sono ricavati da una coorte di 7148 pazienti seguiti per un quinquennio ( ) [de Marco et al, 1999] e i dati di Casale Monferrato da una coorte di 1967 pazienti seguiti per 7 anni ( ) [Bruno et al, 1999]. Rapporto di mortalità standardizzato (SMR), IC 95% 1,75 1,5 1,25 1,,75,5,25, Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale Verona Diabetes Study Casale Monferrato Tasso di mortalità nei diabetici e nei non-diabetici di Verona in funzione del sesso e dell età [Muggeo et al, 1995a] tasso di mo ortalità per 1 personeanno uomini diabetici uomini i non-diabetici i donne diabetiche donne non-diabetiche >=75 età (anni)

19 Eccesso di mortalità nei diabetici in funzione del sesso e dell età [Muggeo et al, 1995a]. tutte le cause (IC 95% %) SMR per t ,2 16,9 Uomini Donne >=75 età (anni) Percentuale della mortalità complessiva attribuibile alle varie cause di morte nel Verona Diabetes Study. UOMINI DONNE respiratorie altre cause incidenti tumori incidenti respiratorie altre cause tumori digestive digestive diabete diabete cardiovasc. cardiovasc

20 6 The Verona Diabetes Study (de Marco et al, Diabetes Care, 1999) Sta andardized Mortality Ratio (95% CI) Men Women Total all causes malignancies diabetes cardiovasc. digestive respiratory accidents (Liver,pancreas) Excess mortality related to diabetes SMR per cause specifiche nella coorte diabetica di Casale Monferrato 4 3 Uomini Donne SMR (IC 95%) 2 1 tutte le tumori cardio- malattie malattie malattie traumi cause maligni vascolari digestive respirat. genitourin. avvelen

21 And what about mortality from site- specific cancer? SMR (RR) in different co ountries Mortality from malignancies in diabetic patients men NIDDM NIDDM workers mean age=56 drug-treated 3-74 onset after 3 women NIDDM: both sexes cancer incidence hospitalized

22 In most studies [Fuller et al, 1983; Waugh et al, 1989; Moss et al, 1991; Sasaki et al, 1996; Adlerberth et al, 1998; Bruno et al, 1999] overall mortality from malignancies has been reported to be similar in diabetic patients as in the general population, but a few studies found either a decrease [Wong et al, 1991] or an excess [Balkau et al, 1991; Koskinen et al, 1998; Tierney et al 21] in mortality from malignancies in diabetic patients. Recently a small but significant increase in cancer incidence was detected in a large series of diabetic patients in Denmark [Wideroff et al, 1997]. According to the Verona Diabetes Study mortality from malignancies is slightly but significantly increased in type 2 diabetic women with respect to the general population [Verlato, Zoppini et al, 23]. ASSOCIATION BETWEEN TYPE 2 DIABETES AND CANCER IN CURRENT EPIDEMIOLOGY CURRENT LITERATURE (Giorgino and Pannaciulli, Il Diabete, 23) vs VERONA STRONG MODERATE Low Hepatic cancer Hepatic cancer Pancreatic ca. Pancreatic ca. Female Colorectal cancer Endometrial ca. Breast cancer Breast cancer Renal cancer Lung cancer Prostate cancer

23 Mortality from cancer according to system/apparatus of onset number of deaths from mal 35 lignancies MEN 42,63 29,72 33,77 117,71 116,55 11,48 Others Urinary tract Reproductive Respiratory Digestive Mouth,Pharynx , WOMEN 9,58 63,41 21, ,41 1,3 observed expected observed expected Mortality from cancer according to system/apparatus of onset (95% CI) Standardize ed Mortality Ratio ( 2, 1,5 1,,5, P=. 19 P=. 11 Not enough power Men Women Total P=.3 3 P=. 78 P=. 5 P=.5 52 All cancers Mouth,Pharynx Digestive Respiratory Reproductive Urinary tract

24 Standa ardized Mortality Ra atio (95% CI) 3, 2,5 2 2, 1,5 1,,5, Mortality from cancer arising from the digestive tract Men Women Total P<. 1 P=. 1 P< P=. Colon-rectum Stomach Liver Pancreas Esophagus Biliary tract Decreasing statistical power Body Mass Index modifies the association between type 2 diabetes and cancer (Verlato, Zoppini et al, Diabetes Care, 23) SMR P=.2 P=.9 P=.71 1 < >=3 < >=3 < >=3 < >=3 female reproductive liver cancer biliary tract ca. breast cancer system cancer BMI

25 CONCLUSIONS In the present study we found that some site-specific cancers behave differently in terms of mortality in diabetic patients than in the general population. pp In particular: 1) women show a significantly higher mortality from breast and pancreatic tumours. 2) mortality from hepatic cancer is increased in both sexes. Moreover, obesity seems to be an important risk factor for cancer of the female reproductive system, in particular for breast cancer, and for cancer of the biliary tract. Colorectal cancer SMR (95% CI) 4,5 4, 35 3,5 3, 2,5 2, 1,5 1,,5 Men Women 8. P=.51, diet OHD insulin Oss/attesi = 4/1.3 2/1.7

26 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani L unica sperimentazione clinica controllata e randomizzata (clinical trial), incentrata sulla sopravvivenza dei pazienti diabetici in funzione del livello di assistenza, venne effettuata in Inghilterra negli anni Ottanta: 2 pazienti affetti da diabete di tipo 2 vennero assegnati a caso all assistenza presso i medici i di base o presso un presidio ospedaliero dli e vennero seguiti per 5 anni. Durante il periodo di osservazione (follow-up), i diabetici in cura presso la struttura ospedaliera presentarono una riduzione sia del tasso di ospedalizzazione che del tasso di mortalità: i decessi furono pari al 6.2% del campione (6/97) contro il 17.5% (18/13) osservato tra i pazienti seguiti dai medici di base (P<.2). Hayes TM, Harries J (1984) Randomised controlled trial of routine hospital clinic care versus routine general practice care for type II diabetics. Br Med J 289:

27 Nel Verona Diabetes Study, i pazienti afferenti ad un centro anti-diabetico presentavano una migliore sopravvivenza rispetto ai pazienti seguiti esclusivamente dai medici di base, con un rischio relativo di morte di.83 (IC 95% ) controllando per sesso, età e tipo di trattamento [Verlato et al, Diabetes ib Care, 1996]. Questa differenza era legata ad una riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari (RR =.83, ) e per malattie dell apparato digerente (RR =.74, ) [Zoppini et al, Diabetes Metab Res Rev 1999]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): Mortalità per cause specifiche nei pazienti diabetici di tipo 2 di Verona in funzione del livello di assistenza: i diabetici afferenti al Centro Anti-Diabetico ospedaliero (CAD; n=447) vengono raffrontati con i pazienti non afferenti (no CAD; n=311). La mortalità è espressa come percentuale di morti durante un follow-up di 1 anni ( ) sul totale dei pazienti della coorte (Zoppini et al, 1999). morti per ca ause specifiche (%) no CAD altre cause traumi mal.digestive mal.respiratorie malattie cardiovascolari diabete tumori CAD

28 Mortalità per tutte le cause e per cause specifiche in funzione del livello di assistenza anti-diabetica. I rischi relativi sono calcolati rapportando la mortalità nei diabetici che frequentano un Centro Anti-Diabetico ospedaliero (CAD) alla mortalità nei diabetici che non afferiscono al Centro. Le barre rappresentano l intervallo di confidenza al 95%. 1,4 1,2 morte (IC 95%) CAD vs non-assistiti RR di m assistiti al C 1,,8,6,4,2, tutte le tumori diabete cardiova- malattie malattie traumi altre cause maligni scolari respirat. digestive avvelen. cause Tuttavia, dal momento che i pazienti non vennero assegnati a caso all uno o all altro livello di assistenza, non si può escludere la presenza di una distorsione da selezione (selection bias), di cui si ignora sia l entità che la direzione. L aggiustamento per sesso, età e terapia, tre determinanti fondamentali della mortalità nei pazienti diabetici, ha senz altro ridotto ma non del tutto abolito l effetto di questo bias. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): 3-316

29 Nello studio di Casale Monferrato si osservava una lieve riduzione della mortalità per tutte le cause nei pazienti afferenti al centro anti-diabetico (RR=.93, IC 95% , rispetto ai pazienti seguiti soltanto dai medici di base) che tuttavia non raggiungeva la significatività statistica [Bruno et al,diabetologia ib l i 1999]. Va tuttavia rilevato come i pazienti seguiti dal centro antidiabetico presentavano un profilo di rischio cardiovascolare nettamente peggiore [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. i i Il Diabete, 16(4): Al momento della riunificazione delle Germania, la prevalenza di complicanze tra i pazienti diabetici era molto inferiore nella Germania Est (DDR), dove vigeva un sistema centralizzato di assistenza, che non nei paesi occidentali (Germania Ovest, Austria, Regno Unito, USA) [Muller et al, Acta Diabetol ib l1993] 1993]. Questa differenza tra popolazioni geneticamente simili venne interpretata dagli Autori come una riprova dell efficacia del sistema centralizzato di assistenza. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. i i Il Diabete, 16(4):

30 Va tuttavia sottolineato come l adeguatezza del controllo metabolico migliora nettamente quando l assistenza viene fornita in modo integrato sia da un medico di base che da una struttura ospedaliera [Hoskins et al, Diabet Med 1993] o quando i medici di base lavorano insieme in mini-cliniche (mini-clinic format) [Singh et al, Brit Med J 1984]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): La gravità della malattia diabetica è inferiore in Italia rispetto agli Stati Uniti o al Nord Europa? 1) Tra i diabetici americani di tipo 2 l obesità è molto più diffusa che nontrai diabetici i i italiani. i Negli Stati Uniti l Indice di Massa Corporea (IMC) è aumentato da 3.4±.24 Kg/m 2 (media±es) nel a 32.3±.82 nel [Koro et al, Diabetes Care 24]. Nel 1986 a Verona l IMC limc era pari a 27.5±4.4 4 Kg/m2 (media±ds) [Verlato et al, Diabetes Care 23], e valori ancora inferiori si registravano a Casale Monferrato, con 26.6±4.1 tra i diabetici afferenti ai medici di base e 27.1±5.1 tra i diabetici afferenti al Centro Anti-Diabetico [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999].

31 2) La glicemia nei diabetici è in genere più bassa in Italia rispetto alla Scandinavia o agli Stati Uniti. Ad esempio, la glicemia a digiuno era pari a 8.5±2.1 mmol/l (media±ds) nei diabetici di Verona [Muggeo et al, Circulation 1997] e a 8.5±2.6 mmol/l nei diabetici di Casale Monferrato [Bruno et al, Diabetologia i 1999], mentre si registravano it valori di 11 mmol/l tra i diabetici finlandesi [Uusitupa et al, Diabetologia 1993]. L emoglobina glicosilata (HbA1c) era pari a 11.1±2.4% tra i diabetici del Winsconsin [Moss et al, Arch Intern Med 1994] e a 7.4±2.1% e 8.2±2.4% tra i diabetici di Casale Monferrato, afferenti rispettivamente ai medici di base o al centro antidiabetico [Bruno et al, J Clin Epidemiol 1999]. Tuttavia recentemente si sono riscontrati valori più bassi di emoglobina glicosilata anche negli Stati Uniti d America, come 7.9±.17 % (media±es) nello studio NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey) [Koro et al, Diabetes Care 24]. 3) In Italia i diabetici presentano un eccesso di mortalità cardiovascolare del 3-6% rispetto alla popolazione generale [Bruno et al, Diabetologia 1999; de Marco et al, Diabetes Care 1999], mentre in America la mortalità cardiovascolare è aumentata di 2-4 volte negli stessi pazienti [Stamler et al, Diabetes Care 1993; Wilson, Am J Kidney Dis 1998; Haffner et al, Am J Med 23]. Zoppini G, Verlato G (24) Mortalità nel diabete. In: Il diabete mellito in Italia, 24. Parte Prima: Epidemiologia. Il Diabete, 16(4): 3-316

32 Prevalenza del diabete Metodo cattura-ricattura Morbosità nei diabetici Mortalità nei diabetici Mortalità in funzione del livello di assistenza e del Paese Variabilità negli anziani 3,5 3 P=.75 P=.172 Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo 2,5 2 1,5 1,5 I II III terzili I II III Media dell' IMC (BMI) Coefficiente di Variazione dell'imc 3,5 3 Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Relat tivo 2,5 2 1,5 1 P=.483 P=.43,5 Zoppini et al, Int J Obesity, 3 I II III terzili I II III Media dell' IMC (BMI) Coefficiente di Variazione dell'imc

33 5 Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo P=.3 P= I II Media della III terzili I II III Coefficiente di Variazione Pressione sistolica della Pressione sistolica 5 4 Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Rela tivo 3 2 P=.153 P=.77 1 I II III terzili I II III Media della Coefficiente di Variazione Pressione sistolica della Pressione sistolica 3,5 3, Pazienti diabetici <65 anni Rischio Relativo 2,5 2, 1,5 1, P=.37 P=.529,5, I II III terzili I II III Media della glicemia a digiuno CV della glicemia a digiuno 3,5 3, Pazienti diabetici i >=65 anni Rischio Rela ativo 2,5 2, 1,5 1, P=.37 P=.6,5, I II III terzili I II III Media della glicemia a digiuno CV della glicemia a digiuno

34 Aged under 65 years Aged 65 years or more 5 2,5 Relative Risk P=.75 P=.172 BMI Relative Risk 2 1,5 1 P=.483 P=.43 1,5 5 tertiles I II III I II III Mean of BMI Variation Coefficient of BMI 2,5 tertiles I II III I II III Mean of BMI Variation Coefficient of BMI Relative Risk P=.3 P=.594 Systolic pressure Relative Risk 2 1,5 1,5 P=.153 P=.77 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Systolic Blood Pressure Systolic Blood Pressure I II III I II III Mean of tertiles Variation Coefficient of Systolic Blood Pressure Systolic Blood Pressure 5 2,5 Relative Risk P=.37 P=.529 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Fasting Plasma Glucose Fasting Plasma Glucose Fasting plasma glucose Relative Risk 2 1,5 1,5 P=.37 P=.6 I II III tertiles I II III Mean of Variation Coefficient of Fasting Plasma Glucose Fasting Plasma Glucose RISULTATI Sotto i 65 anni di età, il livello medio dei fattori di rischio ha notevole importanza prognostica, ma non la loro variabilità. Infatti, il rischio di morte tende ad aumentare dal I al III terzile dell Indice di Massa Corporea (P=.75), della pressione sistolica (P=.3) e della glicemia a digiuno (P=.37). Una situazione opposta è stata rilevata nei pazienti anziani, in cui la variabilità (coefficiente di variazione intra- individuale) diventa il fattore prognostico più importante. Il rischio di morte tende ad aumentare dal I al III terzile del CV dell Indice di Massa Corporea (P=.43), della pressione sistolica (P=.77) e della glicemia a digiuno (P=.6).

35 CONCLUSIONI Si conferma che i soggetti anziani vanno incontro alla perdita dell omeostasi, ovvero della capacità di mantenere costante le condizioni dell ambiente interno [Resnick, 1998]. Questi dati suggeriscono che nei diabetici di tipo 2 più giovani la terapia dovrebbe mirare a ridurre il livello medio dei fattori di rischio, mentre nei soggetti anziani il clinico dovrebbe cercare anche di ridurre la variabilità di questi fattori. Zoppini G, Verlato G, Targher G, Bonora E, Trombetta M, Muggeo M (28) Variability of body weight, pulse pressure and glycemia strongly predict total mortality in elderly type 2 diabetic patients. The Verona Diabetes Study. Diabetes-Metab Res Rev 24(8):624-8

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

Scuole Venete di Diabetologia

Scuole Venete di Diabetologia Scuole Venete di Diabetologia La lezione dai dati amministrativi Arcugnano, 21 settembre 2012 Sistema Epidemiologico Regionale-SER http://www.ser-veneto.it DIABETE. Dati ISTAT Annuario statistico italiano

Dettagli

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD I numeri del diabete in Italia Prevalenza nella popolazione (Torino, Firenze 2003) ~4,3 % Prevalenza

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nei pazienti diabetici di tipo 2 afferenti ai servizi di diabetologia italiani

Complicanze macroangiopatiche nei pazienti diabetici di tipo 2 afferenti ai servizi di diabetologia italiani Ann Ist Super Sanità 2003;39(2):165-171 Complicanze macroangiopatiche nei pazienti diabetici di tipo 2 afferenti ai servizi di diabetologia italiani Marina MAGGINI, Stefania SPILA ALEGIANI, Roberto RASCHETTI

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata MEDICINA PRATICA < 57 Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata Nella Provincia di Modena la Gestione Integrata del Diabete Mellito è in atto dal 1998

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life Il Diabete Mellito, conoscerlo per prevenire e curare la malattia e le possibili complicanze Giorgio Grassi Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo Citta della Scienza e della Salute Torino Le curve

Dettagli

Emoglobina glicata: stato dell arte

Emoglobina glicata: stato dell arte Emoglobina glicata: stato dell arte Linee guida e ruolo dell HbA1c nella diagnosi di diabete Salvatore Caputo Istituto di Medicina Interna e Geriatria Servizio di Diabetologia Università Cattolica del

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

Osservatorio Arno diabete

Osservatorio Arno diabete Osservatorio Arno diabete Osservatorio ARNO Diabete Perché un focus sul diabete? Diabete condizione ad alta prevalenza ed in forte aumento Diabete condizione che assorbe una quantità elevata di risorse

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Annunziata Lapolla, Nino Cristiano Chilelli Dipartimento di Medicina Università degli Studi di Padova FOCUS ISTAT: il diabete

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

La salute sessuale e il Medico di Famiglia

La salute sessuale e il Medico di Famiglia La salute sessuale e il Medico di Famiglia Disfunzioni sessuali e Medico di famiglia La sessualità è una parte fondamentale nello sviluppo delle persone La sessualità influenza in maniera sostanziale la

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Dieta mediterranea e cancro

Dieta mediterranea e cancro Dieta mediterranea e cancro Cristina Bosetti Dipartimento Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri", Milano Corso di aggiornamento X-Files in Nutrizione Clinica ed Artificiale Oncologica

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA

STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA DIGESTIVA ED UNITÀ DEL FEGATO STRUTTURA COMPLESSA DI DIABETOLOGIA, DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA SLEEVE GASTRECTOMY LAPAROSCOPICA VERSUS TERAPIA MEDICA CONVENZIONALE IN PAZIENTI CON RECENTE DIAGNOSI DI DIABETE MELLITO TIPO2 E BMI 30-42KG/M 2 : STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CENTRI PARTECIPANTI: AZIENDA

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente

SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente SARCOPENIA E MORTALITA IN UNA POPOLAZIONE DI ANZIANI FRAGILI >80enni: RISULTATI DELLO STUDIO ilsirente Dott.ssa Oriana Fusco Centro Malattie dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il costo economico del diabete

Il costo economico del diabete Il costo economico del diabete Giulio Marchesini Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Azienda Ospedaliera di Bologna, SSD di Dietetica Clinica I numeri dell Osservatorio ARNO ( 2006 ) 7 Regioni

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali

Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali PROGETTO PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE (Disease Management del Diabete) Introduzione Il diabete mellito è una patologia

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi

Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi Centro Studi e Ricerche AMD Laboratorio di Epidemiologia Clinica del Diabete e dei Tumori Consorzio

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE Malattia cardiovascolare:

Dettagli

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Target di glicata e rischi di sovratrattamento A. Donzelli, Direttore Servizio Educazione all Appropriatezza ed EBM ASL Milano A. Battaggia, MMG Verona

Dettagli

Registro Diabete. Le funzioni fondamentali che il Registro del diabete svolge sono:

Registro Diabete. Le funzioni fondamentali che il Registro del diabete svolge sono: Registro Diabete Il Registro Diabete rappresenta uno strumento per il monitoraggio epidemiologico del diabete mellito e delle sue complicanze. Il Registro è attivato, per le rispettive fasce d'età, quale

Dettagli

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento PROGETTO LEONARDO Aggiornamento Gennaio 2007 2 Risultati conseguiti Esiti iniziali e andamenti Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente 3 Modello attuativo Personale attualmente 30 Care

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da

Dettagli

L insufficienza renale cronica

L insufficienza renale cronica L insufficienza renale cronica appunti di epidemiologia Bibbiena 18-09-2010 Update sugli endocrine disruptors e le alterazioni della differenziazione sessuale Le origini embrio-fetali delle malattie endocrinometaboliche

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE DIABETE MELLITO DEFINIZIONE Sindrome caratterizzata da aumento dei livelli ematici di glucosio (iperglicemia). a digiuno =126 mg/dl 2h dopo OGTT =200 mg/dl Comporta il rischio di complicanze acute (coma

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia Il contesto epidemiologico e la domanda di servizi sanitari Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia SITI Salute, centralità del cittadino, percorsi integrati di cura Sesto al Reghena (PN), 3-4

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico Caso clinico Sig.ra G.A di 66 anni : entra per dolore stenocardico protratto

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD)

Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Metodologia per la stima dell impatto delle patologie in termini di mortalità e disabilità (Burden of Disease- BoD) Sergio Mariotti Istituto Superiore di Sanità Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE IGEA: dal progetto al sistema L'integrazione delle cure per le persone con malattie croniche 22 aprile 2013 Mariadonata Bellentani Giulia Dal Co Mariagrazia Marvulli

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Il diabete in Piemonte 2011-2013 243/2011

Il diabete in Piemonte 2011-2013 243/2011 Il diabete in Piemonte 2011-2013 243/2011 Volume 1 - Anno 2015 0 1 2 Il diabete in Piemonte 2011-2013 243/2011 Volume 1 - Anno 2015 3 4 REGISTRO DIABETE PIEMONTE Responsabile scientifico prof.ssa Graziella

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti

Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti Quali nuove opzioni terapeutiche dai Farmaci antiiperglicemizzanti tradizionali? Valeria Manicardi Direttore Dipartimento Internistico Ospedale di Montecchio AUSL di Reggio Emilia Gli antidiabetici orali

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

Test d ipotesi. Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona. Ipotesi alternativa (H 1 )

Test d ipotesi. Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona. Ipotesi alternativa (H 1 ) Test d ipotesi Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Nel 900 falsificazione di ipotesi (Karl Popper) TEST D IPOTESI Nell 800 dimostrazione di ipotesi

Dettagli