Novità in tema di diabete tipo 1. Andrea Scaramuzza Clinica Pediatrica Università di Milano Ospedale Luigi Sacco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità in tema di diabete tipo 1. Andrea Scaramuzza Clinica Pediatrica Università di Milano Ospedale Luigi Sacco"

Transcript

1 Novità in tema di diabete tipo 1 Andrea Scaramuzza Clinica Pediatrica Università di Milano Ospedale Luigi Sacco

2 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

3 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

4 La squadra.. e non sono tutti!!

5 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

6 Servizio di Diabetologia Pazienti Day Hospital Ricoveri screening complicanze Visite ambulatoriali

7 Attività Diabete tipo 1 Diabete tipo 2 Obesità Screening familiari 1 grado Esordio Follow-up Consulenze specialistiche Ambulatorio microinfusori Ambulatorio nutrizionale Consulenza psicologica Screening Follow-up Consulenze specialistiche MODY Ambulatorio nutrizionale Prime viste Follow-up ambulatoriale Ricoveri diagnostici Consulenza psicologica Ambulatorio nutrizionale Test Immunitari Test metabolici Test genetici Progetti internazionali

8 Attività extra Collaborazioni internazionali e nazionali Corsi di cucina con grandi chef Campi scuola e weekend bimbi piccoli Merenda con Sprint Stage all estero Progetto transizione

9 Attività di ricerca Progetti internazionali Diamyd Defend 2 Input Log Study Interpret Membro dello Steering Committee Collaborazioni Pediatria Università di Cambridge Progetti nazionali/locali VipKids PRT Influenza H1N1 Sindrome metabolica negli adolescenti DMT1 TyBoDi 1,2,3,4,5 Attività sportiva e microinfusore Vaccinazione HPV

10

11 Pubblicazioni BMJ 2010

12 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

13 Prevalenza stimata globale di diabete tipo 1 e tipo 2

14 Diabete From Joerg Ermann & C. Garrison Fathman Nature Immunology, 2, (2001)

15 Beta cell mass 1986 NEJM Stages in Development of Type1Diabetes (?Precipitating Event) Genetic Predisposition Overt immunologic abnormalities Normal insulin release Progressive loss insulin release Glucose normal Overt diabetes C-peptide present No C-peptide Age (years)

16 Residual -cell function in new onset Type 1 diabetes Age C-peptide level within normal range (years) At diagnosis One year Two years % 10% <5% % 55% 46% rhw 5/99

17 FATTORI AMBIENTALI * La concordanza per la malattia nei gemelli omozigoti è del 30-35%. ** Solo il 10-15% dei pazienti neodiagnosticati ha un genitore o fratello con il diabetea VIRUS: Parotite, Coxsakie, Rosoloia, Echo, Rotavirus ALIMENTI: Nitrosamine, Proteine del latte Infezione gestazionale e incompatibilità AB0

18 Diagnostic sensitivity and specificity of autoantibodies for Type 1 diabetes Autoantigen Sensitivity Specificity Insulin 40-70% 99% GAD % 99% IA % 99% rhw12/98

19 Effetto della presenza di 1 o più autoanticorpi sulla comparsa di diabete

20 Incidenza di diabete tipo 1 in America 0 14 anni DIAMOND Project Canada USA Uruguay Brasil Argentina Barbados Colombia Venezuela Chile Cuba Mexico Paraguay Peru /100, Karvonen M et al. Diabetes Care 2000

21 Incidenza di diabete tipo 1 a Santiago, Chile p<0.001 /100, Carrasco E et al. Diabetes et Metabolism 2003

22 100,000/year 55 Incidenza di diabete tipo 1 in Finlandia Bambini <15 anni, Years 1-4 years 4-9 years years Tuomilehto et al. Diabetologia 1999

23 Incidenza relativa di diabete tipo 1 Bambini 0-14 anni Increase in the incidence %/year Yearly change: 2.5 % per year ( ) United Kingdom Hungary Hawaii China Slovakia Norway Finland USA Allegheny Sweden Lithuania Estonia Adattato da Onkamo P et al, Diabetologia 1999

24 Epidemiologia

25 Epidemiologia del DTM1 Italia: tasso medio: 6-12/ incidenza medio-bassa Sardegna: 38/ seconda alla Finlandia nel mondo - caratteristiche etniche della popolazione - isolamento nei secoli scorsi con selezione di geni predisponenti (HLA) figli di genitori sardi nati nel Lazio e Lombardia hanno rischio minore rispetto a quelli nati in Sardegna ma maggiore rispetto all incidenza della regione di residenza

26 In Italia Carle F et al. Diabetes Care 2004

27 In Italia

28 The Major Histocompatibility Complex Human Chromosome 6 Class II Class III Class I DP DQ DR B C A Antigen Processing Genes Complement Proteins Cytokines Class I-like genes and pseduogenes Mouse Chromosome 17 Class III Class II Class I Class I K I-A I-E D L

29 Inherited Susceptibility Loci LOCUS CHROMOSOME CANDIDATE GENES or MICROSATELLITES IDDM1 6p21 HLA-DQ\DR IDDM2 11p15 INS VNTR IDDM3 15q26 D15s107 IDDM4 11q13 MDU1, ZFM1, RT6, FADD/MORT1, LRP5 IDDM5 6q24-27 ESR, MnSOD IDDM6 18q12-q21 D18s487, D18s64, JK (Kidd locus) IDDM7 2q31 D2s152, IL-1, NEUROD, GALNT3 IDDM8 6q25-27 D6s264, D6s446, D6s281 IDDM9 3q21-25 D3s1303 IDDM10 10p11-q11 D10s193, D10s208, D10s588 IDDM11 14q24.3-q31 D14s67 IDDM12 2q33 CTLA-4, CD28 IDDM13 2q34 D2s137, D2s164, IGFBP2, IGFBP5 IDDM14? NCBI # 3413 IDDM15 6q21 D6s283, D6s434, D6s1580 IDDM16? NCBI # 3415 IDDM17 10q25 D10s1750-D10s1773 OTHERS

30 Associazioni principali DR/DQ Diabete Tipo 1 DR3: DRB1*0301/DQA1*0501/DQB1*0201 DR4: DRB1*0401/DQA1*0301/DQb1*0302 Malattia celiaca Le stesse del diabete tipo 1 più DR5/DR7 = DQA1*0501/DQB1*0201 in trans Malattia di Addison Le stesse del diabete tipo 1, ma preferenza DRB1*0404 (Yu, JCEM 84:328,1999)

31 Prevalence of TGA by HLA-DR amongst patients with type 1 DM, relatives of DM 25% 20% 15% 10% 5% patients and general population Prevalence IDDM Relatives Population 0% DR3+ DR3- HLA-DR BDC

32 HLA-defined IDDM risk groups Denver population, n=9,338 IDDM risk by age 20 HLA-DR DQB1 Frequency % High 1:15 3/4 0201/ Moderate 4/x 0302/ :60-1:200 4/4 0302/ 3.0 3/3 0201/ Average 1:300 3/x 0201/ /4 0201/not Lower than 1:300 4/x, 4/4 /not others 60.4 DAISY 7/96

33 Health effects of vitamin D Traditionally: regulation of calcium homeostasis and bone metabolism More recently suggested to affect a wide-range of diseases, including autoimmune disorders, cancer, metabolic syndrome Vitamin D is known to modulate immune function in humans suppresses (overaggressive) reactions

34 Etiology of type 1 diabetes Destruction of beta cells by autoimmune process Length of latency period varies, often very long Disease develops in a genetically susceptible individual after (series of) environmental insults Viral infections and several dietary factors suggested to be involved in the pathogenic process

35 Vitamin D & Type 1 diabetes - Seasonal and geographical variation Some evidence for north-south gradient exceptions (e.g. Sardinia) association diluted by variations in genetic susceptibility? Little evidence for seasonal variation by time of birth in diabetic cases or according to season of the onset of the disease multifactorial disease, latency may be long confounded by use of vitamin D supplements, recommended during the dark seasons of the year

36 Vitamin D & Type 1 diabetes -Studies in animals and humans Type 1 diabetes prevented by 1,25-(OH) 2 D in animal models Some evidence for protective effect in humans only a few studies published to date

37 Vitamin D & Type 1 diabetes - Relevant time window? Pregnancy Infancy mothers cod liver oil consumption diabetes risk any vitamin D supplementation diabetes risk dose of supplementation diabetes risk vitamin D deficiency diabetes risk Childhood? Adolescence? Adulthood?

38 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

39 HbA1c (%) Diabete e terapia intensificata Terapia intensificata Multiiniettiva (MDI) Microinfusore (CSII) ,9 7,5 ANALOGHI CSII Dati relativi al nostro ambulatorio di diabetologia pediatrica Ospedale L. Sacco di Milano (giugno 2010) VANTAGGI del CSII Miglior compenso metabolico; Minor rischio di complicanze; Minore incidenza di ipoglicemie severe; Maggior flessibilità nello stile di vita; Maggiore precisione nel dosaggio (0,025U/h vs 0,5).

40 Diabete e terapia intensificata Come funziona il microinfusore BOLI Colazione Pranzo Cena BASALE

41 Insulina (U) Insulina (U) Insulina (U) Diabete e terapia intensificata Tipologie di bolo BOLO SEMPLICE BOLO ONDA QUADRA BASALE Tempo (min) BASALE Tempo (min) BOLO ONDA DOPPIA BASALE Tempo (min)

42 Potenzialità del microinfusore

43 Scopo degli studi Tybodi 1: valutare il tempo di somministrazione ottimale del bolo Tybodi 2: individuare il miglior tipo di bolo in occasione di un pasto base di pizza margherita Tybodi 3: individuare il miglior tipo di bolo in occasione di un pasto tipico della dieta mediterranea

44 Materiali e Metodi PAZIENTI 109 PAZIENTI ARRUOLATI 64 maschi e 45 femmine ETA : 4-21 anni (media 14.9±4.4) DURATA: 1 a 19 anni (media: 8,4±4,5) DIABETE HbA1c: 8,1±1.3 % BMI 21.8±4.1 kg/m2 Fabbisogno insulinico 0,80 ± 0,24 U/Kg/die

45 Disegno dello studio GLICEMIA Misurata 15 prima e al momento del pasto e poi a 30, 60, 90, 120, 180, 240,300, 360 min. Misurazione della glicemia da sangue capillare mediante glucometro FineTouch, Terumo Japan. Nel caso di ipoglicemia, per valori: < 70 mg/dl sospensione del microinfusore per 15 < 60 mg/dl sospensione del microinfusore e correzione con Glucerna 230 ml.

46 Disegno dello studio DIETA 1 DIETA 2 DIETA 3 Dieta Standard CHO: 55% (pari a 95 gr) Lipidi 29% Proteine 16% Pizza Apporto calorico giornaliero kcal 200 g di pizza margherita = 76,4 g di CHO Dieta Mediterranea da: 2000 kcal (pari a gr di CHO a pasto) per bambini con età > a 11 anni kcal (pari a gr di CHO a pasto) per bambini con età a 10 anni. La composizione dei pasti è stata mantenuta costante in ciascun studio e supervisionata da una dietista.

47 Disegno dello studio 1 giorno 2 giorno 3 giorno TIPO di BOLO BOLO SEMPLICE BOLO ONDA DOPPIA 70/30 in 4 ore BOLO ONDA DOPPIA 50/50 in 4 ore TEMPO del BOLO PRANZO: -15 min dal pasto CENA: Appena prima del pasto PRANZO: -15 min dal pasto CENA: Appena prima del pasto PRANZO: -15 min dal pasto CENA: Appena prima del pasto Per rendere i risultati più attendibili sono stati randomizzati i vari tipi di bolo da somministrare nel corso dei tre giorni.

48 Scaramuzza et al, Diabetes Technol Ther 2010 Risultati Studio Tybodi 1 Per ottimizzare la risposta glicemia postprandiale in bambini e adolescenti con diabete tipo 1 è meglio somministrare il bolo almeno 15 min prima del pasto (tale tempo potrebbe dover essere aumentato se glicemia preprandiale è >180 mg/dl).

49 Risultati Studio Tybodi 2 In occasione della pizza (pasto ad lelevato indice glicemico), a patto che sia di semplice composizione come nel caso della Pizza Margherita, il Bolo Semplice è meglio rispetto al BOD 30/70 in 6 h De Palma et al, Diabetes Technol Ther, 2011

50 glicemia (mg/dl) Risultati Studio Tybodi 3 Il bolo a onda doppia 70/30 in 4 h resta il bolo a onda doppia di scelta in un pasto base della dieta mediterranea (carboidrati caratterizzati da un indice glicemico medio - basso e da una velocità di digestione e di assorbimento più lenta con risposta glicemica ed insulinica post-prandiale più bassa nella fase precoce ma più prolungata e ritardata nel tempo) 300,0 250,0 200,0 150,0 100,0 50,0 B.S -15 B.S. app 70/ /30 app 50/ /50 app 0,0 t -15 t 0 t 30 t 60 t 90 t 120 t 180 t 240 t 300 t 360 Tempo (min)

51 TIBODI 1 TIBODI 2 TIBODI 3 Conclusioni Per una corretta gestione dei picchi glicemici post-prandiali è importante che la somministrazione insulinica avvenga PRIMA del pasto, circa 15 minuti prima, in modo da consentire un adeguato assorbimento dell insulina e da mimare la fase cefalica dell insulina (Scaramuzza et al Diabetes Care 2010, in press) Nel caso di un pasto a base di pizza preferire il bolo semplice 15 minuti prima del pasto Il tipo di bolo a onda doppia migliore da utilizzare in alternativa al bolo semplice in un pasto tipico della dieta mediterranea è il 70/30 in 4 ore somministrato 15 minuti prima del pasto Ulteriori studi sono in corso per valutare l impatto di diversi tipi di bolo (bolo semplice vs bolo onda doppia o onda quadra) per differenti tipologie di pasti con differenti tempi di assorbimento della glicemia

52 TyBoDi5 Scopo dello studio: Confrontare l efficacia di 3 calcolatori di bolo nel contenere il rialzo glicemico post-prandiale e nel correggere le iperglicemie 40 pazienti (primi ricoveri ottobre) Pasti (tutti uguali): colazione, pranzo e 1 snack Calcolatori: Animas 2020, Paradigm Veo, Spirit Combo Glicemie: -30, 0, +30, +60, +90, +120, +180, +240 min (+ CGM con ipro2) Outcome: Picco glicemia, AUC, indici variabilità glicemica

53 Progetto SRINT Valutare la strategia più efficace per la gestione della terapia con microinfusore in bambini e adolescenti con diabete tipo 1 sottoposti a 2 ore di esercizio aerobicoanaerobico.

54 Caratteristiche dei partecipanti Pazienti 15 ragazzi Età anni (media ± DS: 13.1 ± 2.7 anni) Durata diabete tipo 1: 6.9 ± 3.2 anni Controllo metabolico HbA1c 7.64% ± 0.54% ( buon controllo) Fabbisogno insulinico: 0.85 ± 0.16 U /die BMI: ± 3.05 kg/m 2 Terapia insulinica Microinfusore 6 mesi (2.9 ± 1.1 anni) Minimed PRT, Medtronic, Northridge, CA, USA Tutti I pazienti usavano insulina Aspart

55 Metodi Schemi terapeutici Microinfusore on Microinfusore off Microinfusore off + bolo correzione Ordine assegnato in modo RANDOM Monitoraggio glicemia Pre-esercizio: -30, 0 min Durante esercizio: +30,+60,+90,+120 min Dopo esercizio: +30,+60,+90,+120,+180 min Durante la notte: mezzanotte, 3:00 h Tutte le glicemie controllate con lo stesso glucometro (FineTouch Terumo ) Tutte le sessioni di attività sportiva si svolgevano nel pomeriggio fra le 16:00 e le 18:00 e tutti I pasti sono stati mantenuti costanti rispetto a qualità e quantità dei cibi assunti

56 Riproducibilità esercizio METs valutati utilizzando SenseWear Pro2 Armband (SWA; BodyMedia, Inc., Pittsburgh, PA) p = (ANOVA)

57 Glicemie Pre Eserczio Dopo Notte

58 Glicemie Pre Esercizio Dopo Notte

59 Glicemie Pre Esercizio Dopo Notte

60 Glicemia pre-esercizio >100 mg/d l<180 mg/dl Microinfusore Se glicemia <100 mg/dl - Correggere glicemia assumendo 15 g CHO - Controllare glicemia dopo 30 min Se glicemia >180 mg/dl - Fare un bolo di correzione - Controllare glicemia dopo 30 min o più Micr on Micro off Se esercizio 60 min Se esercizio min Se esercizio 60 min Se esercizio min Assumere 15 g CHO alla fine esercizo Basale temporaneo -20% per 2 ore dopo esercizio Assumere 15 g CHO dopo 60 min e alla fine esercizio Basale temporaneo -20/30% per 4 ore dopo esercizio Assumere 15 g CHO alla fine esercizio Basale temporaneo +20% per 2 ore dopo esercizio Assumere 15 g CHO alla fine esercizio Basale temporaneo +20/30% per 4 ore dopo esercizio Raccomandazioni suggerite per la gestione ottimale della terapia con microinfusore in caso di attività sportiva in bambini con diabete tipo 1

61 Andamento della glicemia in seguito a esercizio fisico prolungato

62 Vaccinazione H1N1 128 subjects aged 9-25 years with diabetes type 1 80 randomized 48 excluded -23 did not want to participate -13 unable to attend scheduled visits - 9 had symptoms of pandemic flu - 2 had diabetic complications - 1 treatment with corticosteroids 6 excluded -6 did not attend scheduled visits 40 received 1 dose of pandemic vaccine (Focetria ) plus 1 dose of seasonal vaccine (Inflexal V ) 34 included in immunogenicity assessment 40 received 2 doses - 1 month apart - of pandemic vaccine (Focetria ) plus 1 dose of seasonal vaccine (Inflexal V ) 33 included in immunogenicity assessment 7 excluded - 3 did not attend scheduled visits - 4 declined further vaccination

63 Progetto Vaccinazione H1N1

64 Chi siamo Cosa facciamo Overview Novità in tema di diabete tipo 1 Novità nella gestione del diabete tipo 1 Novità in tema di complicanze del diabete tipo 1 (Alessandra De Palma) Novità in tema di alimentazione (Alessandra Bosetti) Prospettive future

65 Conta con il Leone e Merenda con Sprint

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Servizio di Diabetologia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Marco C. Amato Ricercatore di Endocrinologia presso Dipartimento Biomedico di Medicina Interna

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI Paola Ponzani U.O. Diabetologia - ASL 3 Genovese Bocca di Magra 4 giugno 2010 Abilità tecniche nella gestione del microinfusore

Dettagli

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI CARATTERIZZATO DA: IPERGLICEMIA STABILE GLICOSURIA PREDISPOSIZIONE A COMPLICANZE

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere. Joslin Diabetes Center/Harvard Medical School, Boston USA

Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere. Joslin Diabetes Center/Harvard Medical School, Boston USA a scuola di scienze della vita Liceo Scientifico N. Tron Schio (VI), 16 Dicembre 2008 Il Diabete: Una Nuova Epidemia? Amedeo Vetere Dip Scienze della Vita Universita degli Studi di Trieste Joslin Diabetes

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

Esistono tre forme di diabete

Esistono tre forme di diabete Il Diabete mellito L insulina regola la captazione del glucosio Incapacità delle cellule di captare il glucosio in circolo iperglicemia e glucosuria Disponendo di meno glucosio le cellule degradano i grassi

Dettagli

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Dal test sull urina all autocontrollo domiciliare fino al monitoraggio nei fluidi interstiziali Nell urina 1940-50: Clinitest, Clinistix strip, Acetest,

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE. E.

MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE. E. MARCATORI AUTOANTICORPALI PER LA DIAGNOSI DEL DIABETE TIPO I: CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE E APPLICAZIONI CLINICHE E. Tonutti (Udine) 10 42 L incidenza di DT1 in Europa ed in altri Paesi del Mediterraneo.

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

L assistenza al bambino con diabete negli ultimi anni

L assistenza al bambino con diabete negli ultimi anni L assistenza al bambino con diabete negli ultimi anni Stefano Zucchini Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna Centro Regionale per la Diabetologia Pediatrica Unità Operativa di Pediatria-Pession Regione

Dettagli

Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa

Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa La maggior parte delle malattie comuni dell adulto (es. diabete mellito e ipertensione) e delle malformazioni congenite (palatoschisi, difetti del tubo neurale)

Dettagli

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi Bambini con diabete Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi La storia di Francesco Francesco è un bimbo valdostano affetto da Diabete Mellito tipo 1,

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Medicina di Genere in Diabetologia

Medicina di Genere in Diabetologia Medicina di Genere in Diabetologia Valeria Manicardi Direttore Unità Internistica Multidisciplinare Osp. Montecchio. Coordinatore Diabetologia Interaziendale AUSL di Reggio Emilia La Medicina di Genere

Dettagli

AVVIO DELLA TERAPIA CON MICROINFUSORE. U.O. Diabetologia ASL 3 Genovese

AVVIO DELLA TERAPIA CON MICROINFUSORE. U.O. Diabetologia ASL 3 Genovese AVVIO DELLA TERAPIA CON MICROINFUSORE Paola Ponzani U.O. Diabetologia ASL 3 Genovese Valutazione del paziente Inizio della terapia Follow-up Valutazione del paziente Inizio della terapia Follow-up Adattamento

Dettagli

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni)

Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) PAGINA 1 DI 28 Istantanea Set 28, 2013 - Ott 25, 2013 (28 giorni) Glicemia PERIODO DI REFERTAZIONE SELEZIONATO Test 44% Sopra valore stabilito 41% Nel target 15% Sotto valore stabilito Deviazione standard

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

MODY (Maturity-Onset Diabetes of the Young)

MODY (Maturity-Onset Diabetes of the Young) MODY (Maturity-Onset Diabetes of the Young) DM2 DM1 Difetti genetici della beta-cellula - Difetti genetici dell azione insulinica Sindromi genetiche rare associate al diabete Il MODY (Maturity-Onset Diabetes

Dettagli

Il registro del diabete tipo 1 in Sardegna: un elevato rischio ancora in aumento

Il registro del diabete tipo 1 in Sardegna: un elevato rischio ancora in aumento Osservatorio ARNO Diabete Bologna 3 luglio 2007 Il registro del diabete tipo 1 in Sardegna: un elevato rischio ancora in aumento M Songini* e il Gruppo Collaborativo per l Epidemiologia dell IDDM in Sardegna

Dettagli

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto Dia 1 Nella scorsa lezione abbiamo tracciato il razionale della terapia insulinica. In questa lezione vedremo come i concetti teorici vedono la loro applicazione pratica, in una serie di comportamenti,

Dettagli

DIABETE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE

DIABETE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE SINDROME DI DOWN ED ENDOCRINOPATIE Dott.ssa Elisabetta Lovati Servizio Endocrinologia e CAD - Cl. Medica I Fond. IRCCS Policlinico San Matteo - PAVIA Il diabete ha una più alta prevalenza nei pazienti

Dettagli

Il tempo ottimale di somministrazione del bolo in bambini e adolescenti affetti da DMT1 in terapia con microinfusore (Studio TiBoDi)

Il tempo ottimale di somministrazione del bolo in bambini e adolescenti affetti da DMT1 in terapia con microinfusore (Studio TiBoDi) Ospedale Luigi Sacco AZIENDA OSPEDALIERA POLO UNIVERSITARIO Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia Il tempo ottimale di somministrazione del bolo in bambini e adolescenti affetti

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma

Il diabete di Tipo 1. Dott. Francesco Costantino. Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Il diabete di Tipo 1 Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica-Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Classificazione eziologica DIABETE TIPO 1 immuno -mediato idiopatico DIABETE

Dettagli

Attività fisica e microinfusore

Attività fisica e microinfusore Attività fisica e microinfusore è tutto? PRODUZIONE DI GLUCOSIO GLICEMIA UTILIZZAZIONE DI GLUCOSIO TROPPA INSULINA CIRCOLANTE UTILIZZAZIONE DI GLUCOSIO IPO GLICEMIA IPER GLICEMIA RISCHIO

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

LE IPERGLICEMIE OCCASIONALI EVENTO SOTTOVALUTATO

LE IPERGLICEMIE OCCASIONALI EVENTO SOTTOVALUTATO LE IPERGLICEMIE OCCASIONALI EVENTO SOTTOVALUTATO Chiara Scarabello Maurizio Vanelli Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma Glicemia valori di normalità Glicemie capillari a digiuno in bambini

Dettagli

Dal diario glicemico ai sistemi più evoluti

Dal diario glicemico ai sistemi più evoluti Dal diario glicemico ai sistemi più evoluti Torino, 14 ottobre 2014 Cristina Gottero S.C. Endocrinologia e Malattie Metaboliche Ospedale Maria Vittoria ASL TO2 Torino Agenda: Glucometri e diario glicemico

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi

IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi Obiettivi: Cosa sono i carboidrati dove si trovano? a cosa servono? Quantificarli in modo preciso Allenare l occhio alla porzionatura indispensabile

Dettagli

Paziente diabetico in condizioni non

Paziente diabetico in condizioni non Paziente diabetico in condizioni non critiche:linee guida e schemi terapeutici Paola Battisti Medicina ad indirizzo Endocrino Metabolico Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma Cause più frequenti

Dettagli

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG)

L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio - Caravaggio (BG) CORSO ACTIVE DOCTORS ACTIVE PEOPLE: ATTIVITÀ/ESERCIZIO FISICO COME PRESCRIZIONE MEDICA? Milano, 3 dicembre 2011 L ESERCIZIO FISICO NEL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DEL DIABETICO Antonio Carlo Bossi, Treviglio

Dettagli

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività NUOVE TECNOLOGIE NELLA CURA DEL DIABETE DI TIPO 1 Attività fisica e terapia insulinica Dott.ssa Guido ASL 3 Villa Scassi Dott.ssa A.Cattaneo LA CAPACITÀ DI ADEGUARE IL REGIME TERAPEUTICO (INSULINA E TERAPIA

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Sistema Integrato MiniMed 640G

Sistema Integrato MiniMed 640G Sistema Integrato MiniMed 640G Intelligent for Better Control Il Sistema Intelligente PER UNA PROTEZIONE AVANZATA PER GRANDE SEMPLICITÀ D USO E PERSONALIZZABILITÀ L ipoglicemia è una delle maggiori criticità

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Monitoraggio continuo della glicemia in paziente con diabete di tipo 2 trattato con insulina (basal-bolus): confronto con autocontrollo

Monitoraggio continuo della glicemia in paziente con diabete di tipo 2 trattato con insulina (basal-bolus): confronto con autocontrollo Monitoraggio continuo della glicemia in paziente con diabete di tipo 2 trattato con insulina (basal-bolus): confronto con autocontrollo Luciano Zenari, Servizio di Diabetologia, Ospedale Sacro Cuore -

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo

DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU. Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA SU DIABETE E GRAVIDANZA Chiara Pacchioni Servizio di Diabetologia Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo Screening e diagnosi di Diabete Gestazionale Raccomandazioni per lo screening

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Autocontrollo Strutturato

Autocontrollo Strutturato 10ª EDIZIONE Giornate Diabetologiche Salernitane Autocontrollo Strutturato Carmela Punzo «Secondo me la missione delle cure infermieristiche in definitiva è quella di curare il malato in casa» Florence

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Il Diabete nell'età adulta Relatore: Dr. Ferruccio D'Incau Data: 19 marzo 2014 Sede: Aula Piccolotto Ospedale di Feltre Il Diabete mellito è una patologia

Dettagli

Sabato 1 ottobre 2011

Sabato 1 ottobre 2011 Gli esami nella contraccezione e in gravidanza: per un punto di vista della medicina generale Sabato 1 ottobre 2011 L'indicazione ad eseguire una periodica e vasta gamma di esami di laboratorio alle donne

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Report Eventi Formativi AMD

Report Eventi Formativi AMD Report Eventi Formativi AMD Titolo Evento Formativo Nuove tecnologie nella cura del diabete di tipo 1 Corso di aggiornamento per medici diabetologi delle Sezioni Regionali AMD Liguria e Toscana Data e

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete

Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Quali Progestinici e Quale Estrogeno nella Donna con Diabete Prof. Angelo Cagnacci Ginecologia e Ostetricia Aziend Policlinico di Modena Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale Loris Malaguzzi

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR Maria Chiara Rossi Dipartimento di Farmacologia Clinica ed Epidemiologia Centro Studi e Ricerche AMD Consorzio

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente.

Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. Il bambino con il diabete a scuola: informazioni utili per il personale docente. a cura di Giuseppe Chiumello con la collaborazione di Riccardo Bonfanti, Franco Meschi e Matteo Viscardi Centro Regionale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

IPOGLICEMIA LIEVE- MODERATA

IPOGLICEMIA LIEVE- MODERATA TERAPIA IPOGLICEMIA Il trattamento dell ipoglicemia è diverso a seconda del grado dell ipoglicemia stessa ed inoltre è diverso a seconda del setting di cura. IPOGLICEMIA LIEVE- MODERATA L obiettivo del

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

nutrizione enterale specifica per il diabete

nutrizione enterale specifica per il diabete Una formula per la nutrizione enterale specifica per il diabete () migliora la Variabilità Glicemica nei pazienti con diabete di tipo 2 Considerazioni su: Alish CJ et al. A Diabetes-Specific Enteral Formula

Dettagli

Educazione terapeutica nel diabete mellito tipo 1

Educazione terapeutica nel diabete mellito tipo 1 Educazione terapeutica nel diabete mellito tipo 1 Alessandra Dei Cas Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale U.O. Endocrinologia CLASSIFICAZIONE EZIOLOGICADELLE PRINCIPALI FORME DI DIABETE MELLITO

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

COME IMPOSTARE IL CALCOLATORE DI BOLO: RELAZIONE CON IL COUNTING DEI CARBOIDRATI

COME IMPOSTARE IL CALCOLATORE DI BOLO: RELAZIONE CON IL COUNTING DEI CARBOIDRATI COME IMPOSTARE IL CALCOLATORE DI BOLO: RELAZIONE CON IL COUNTING DEI CARBOIDRATI ROSA ANNA RABINI U.O.MALATTIE METABOLICHE E DIABETOLOGIA INRCA ANCONA RISULTATI UTILIZZO CALCOLATORE DI BOLO - SIGNIFICATIVA

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014

Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Diagnosi multimarker della patologia diabetica: nuove linee guida SID AMD 2014 Annunziata Lapolla, Nino Cristiano Chilelli Dipartimento di Medicina Università degli Studi di Padova FOCUS ISTAT: il diabete

Dettagli

Genetica ed Endocrinopatie Teresa Arrigo

Genetica ed Endocrinopatie Teresa Arrigo Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Pediatriche, Ginecologiche, Microbiologiche e Biomediche Genetica ed Endocrinopatie Teresa Arrigo Diabete tipo I E la malattia metabolica piu

Dettagli

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA

GLUCO CALEA. Per sicurezza e precisione MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET GLUCO CALEA MISURATORE DI GLICEMIA PER CANI GATTI CAVALLI WELLIONVET Per sicurezza e precisione Ci impegniamo per agevolare la vita di pazienti e partner. Tramite idee innovative, consigli e servizi. Werner Trenker,

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli