CArPeDIAB.O. CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana. Responsabile del Progetto Prof.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CArPeDIAB.O. CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana. Responsabile del Progetto Prof."

Transcript

1 CArPeDIAB.O CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana Responsabile del Progetto Prof. Stefano Del Prato Centro Regionale di Riferimento per il Diabete Mellito in Età Adulta Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana Via Paradisa, Pisa 1

2 Introduzione Il diabete mellito è una delle malattie croniche non trasmissibili maggiormente diffuse al mondo, in particolare nelle aree industrializzate dove, con una prevalenza del 3-5%, rappresenta una delle principali minacce alla salute (1). Il diabete si associa infatti ad un elevato tasso di morbilità e mortalità. Il diabete mellito espone a severe complicanze a carico del microcircolo della retina, del rene e dei nervi periferici oltre che ad un precoce e multidistrettuale coinvolgimento del macrocircolo (coronarie, vasi cerebrali e degli arti inferiori). A causa di queste complicanze il diabete è la principale causa di cecità ed insufficienza renale (e quindi dialisi e trapianto renale) in età lavorativa nei paesi occidentali. Il rischio di malattia cardiovascolare, (infarto miocardico, ictus, arteriopatia obliterante periferica) è 2-5 volte superiore rispetto alla popolazione non diabetica. La prevalenza del diabete mellito nella popolazione italiana adulta (con più di 20 anni di età) è stimata intorno al 6-7%. A tale percentuale contribuiscono 1,5 milioni di individui affetti da diabete noto e oltre 2 milioni di individui con malattia non diagnosticata. In Europa, il 12% degli individui di età superiore a 60 anni è curato per il diabete, un ulteriore 15% ha un diabete non diagnosticato, mentre il 30% circa presenta una ridotta tolleranza glucidica (2). Le previsioni per i prossimi 25 anni prospettano un incremento del 40% della popolazione diabetica nei paesi industrializzati (3). In Italia, l aumento previsto è di almeno un altro milione di soggetti affetti nei prossini anni. Nella Regione Toscana è stato stimato che più del 3% della popolazione adulta (più di individui) è affetta da diabete mellito tipo 2, con un incremento dei casi nei prossimi 10 anni del 60% ( individui). Ancor più elevata risulta la prevalenza della sindrome metabolica che nella popolazione adulta toscana si attesta intorno al 16% (4) suggerendo che almeno soggetti nella sola Toscana sono a potenziale rischio di diabete tipo 2. L aumento dell incidenza del diabete tipo 2 è attribuibile a distinti cambiamenti nel comportamento e nello stile di vita avvenuti nel corso degli ultimi decenni. All epidemia di diabete di tipo 2 contribuiscono situazioni di rischio associate quali l obesità e la sindrome metabolica, una condizione caratterizzata dall'aggregazione di diverse alterazioni metaboliche (insulino-resistenza, ipertensione arteriosa, dislipidemia aterogena, iperglicemia ed obesità) e altresì contraddistinta da un elevato rischio cardiovascolare (5). Il diabete tipo 2 è quindi una malattia metabolica complessa risultato dell interazione tra una predisposizione geneticamente determinata e fattori ambientali quali obesità, adiposità centrale, inattività fisica ed incongrue abitudini alimentari (dieta ipercalorica, ricca in grassi, povera in fibre) (6). Diffusione della malattia, frequenza e gravità delle complicanze rendono conto dell elevato costo socio-sanitario della malattia. Secondo le stime nazionali più recenti, il costo annuale per l assistenza a circa 1.5 milioni di diabetici è di 5.17 miliardi di euro, pari a oltre il 6.5% delle risorse complessive impegnate dal nostro sistema sanitario. Il costo medio per l assistenza al paziente diabetico è più che doppio rispetto a quello del paziente non diabetico, con una quota di spesa di circa il 10% per i farmaci e superiore al 55% per le ospedalizzazioni, largamente dovute alle complicanze croniche e all incidenza di eventi cardiovascolari. In Toscana, i costi per il diabete, desunti da stime condotte a livello nazionale (7 ), raggiungono i 280 milioni di euro (circa l 8% della spesa sanitaria globale) e si prevede un incremento del 60-70% nei prossimi 10 anni. 2

3 Necessità e vantaggi della prevenzione del diabete Il diabete di tipo 2 è considerato una malattia nei confronti della quale è possibile una efficace opera di prevenzione. Di conseguenza diventa essenziale che tutti gli individui ad alto rischio possano essere identificati precocemente per poter istituire tempestivamente adeguate misure di prevenzione (8). Mentre non tutti gli individui con alterazioni della regolazione glicemica (prediabete) progrediscono verso il diabete, l'iperglicemia è un fattore di rischio continuo per le malattie cardiovascolari. L'identificazione dei pazienti con prediabete permette così di selezionare quei soggetti che possono beneficiare del controllo dei fattori di rischio cardiovascolare oltre che delle strategie di prevenzione del diabete. Considerazioni simili si applicano agli individui affetti da sindrome metabolica, cioè quegli individui caratterizzati da un aggregazione di fattori di rischio metabolici (iperglicemia, ipertensione arteriosa, aumento dei trigliceridi, basso colesterolo HDL, obesità viscerale) (9). I soggetti con sindrome metabolica, infatti, presentano non solo un maggior rischio di diabete (10), ma anche un maggiore rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare (11). Studi prospettici di coorte hanno da tempo dimostrato che "stili di vita a basso rischio" possono ritardare l'insorgenza del diabete di tipo 2 negli adulti. Ma solo di recente studi randomizzati, a lungo termine, e controllati hanno fornito convincenti evidenze che le modificazioni del livello di attività fisica e delle abitudini alimentari sono efficaci nel ritardare, e possibilmente prevenire, la progressione da ridotta tolleranza ai carboidrati (IGT) a diabete di tipo 2 (12, 13). Nel Finnish Diabetes Prevention Study (14) e nel Diabetes Prevention Program (DPP) (15) i partecipanti erano soggetti con IGT, sovrappeso o obesi (quindi ad alto rischio). In un followup medio di 3 anni, i due studi hanno dimostrato risultati altamente concordanti, con una riduzione del 58% di incidenza del diabete di tipo 2. Tali risultati sono stati raggiunti con un intervento mirato alla riduzione dell'assunzione calorica finalizzata ad ottenere un calo ponderale del 7% (14) e 5% (15) rispettivamente, ed un programma di esercizio fisico che aveva l'obiettivo di introdurre nella vita quotidiana un livello moderato di attività fisica pari a 30 minuti al giorno per almeno 5 giorni alla settimana (14), o, rispettivamente, per tutti i giorni della settimana (15). Le politiche di prevenzione focalizzate sulla modificazione dello stile di vita, in particolare una modesta riduzione del peso ed un aumento dell'attività fisica moderata nei soggetti a rischio, possono portare a sostanziali benefici in termini di salute (13). Si può stimare che in Toscana questo tipo di intervento potrebbe portare alla riduzione del 50% ( ) dei nuovi casi di diabete e del 30-40% (circa 100 milioni di euro) della spesa sanitaria imputabile al diabete. La sfida, quindi, è quella di individuare misure pratiche che permettano di aumentare l'attività fisica e ridurre l'assunzione calorica in ampi gruppi di popolazione a elevato rischio a costi ragionevoli (16). In tale contesto, appare inoltre altresì importante programmare la valutazione della fattibilità ed opportunità di futuri interventi farmacologici. Preliminarmente alla fase di intervento sullo stile di vita è necessario dotarsi di strumenti che permettano l individuazione dei soggetti a rischio. E largamente accettata la nozione che lo screening basato sul dosaggio sistematico della glicemia nella popolazione non è giustificato dal momento che i livelli glicemici presentano una variabilità troppo ampia (17). Le 3

4 raccomandazioni dell American Diabetes Association (ADA) indicano una minore variabilità della glicemia a digiuno e la sua utilità nello screening (8). D altra parte, studi europei hanno dimostrato che la maggior parte dei casi di diabete tipo 2 asintomatici ed i soggetti con ridotta tolleranza glucidica (una delle condizioni più fortemente associate allo sviluppo di diabete) sfuggono allo screening basato sulla sola glicemia a digiuno (18). Al fine di migliorare, ma anche semplificare, la possibilità di identificare i soggetti a rischio di diabete sono stati recentemente introdotti alcuni questionari basati sulla rilevazione dei fattori di rischio. Uno di questi questionari è il FINDRISC basato sull idea che sia possibile identificare i soggetti a rischio di diabete senza dover acquisire alcun parametro di laboratorio o clinico oltre la misura del peso corporeo e della circonferenza addominale (19). Dati prospettici ottenuti in popolazioni scandinave suggeriscono che tale questionario permette di ottenere una stima quantitativa del rischio a 10 anni per diabete tipo 2. In un ampio studio trasversale realizzato in Finlandia il valore medio del FINDRISC è risultato 9.1±4.4 in 1349 uomini e 9.7±4.5 in 1617 donne di età compresa tra i 45 e i 75 anni (20). La percentuale di soggetti con punteggio superiore a 15 (soglia che verrà utilizzata in questo progetto) è risultata pari a 11.7% negli uomini e 16.3% nelle donne. Il FINDRISC è stato validato anche nella popolazione italiana (21). 4

5 Congruità del progetto di prevenzione rispetto alle direttive del Piano Sanitario Nazionale e del Piano Sanitario Regionale. Un efficace azione di prevenzione di una patologia così diffusa come il diabete tipo 2 necessita di strategie di intervento di largo respiro. In altri termini, l implementazione di interventi preventivi rivolti a patologie ad ampia diffusione non può prescindere dal coinvolgimento integrato di tutti gli operatori sanitari sia a livello del territorio (Medici di Medicina Generale, Operatori dei Distretti) che delle strutture specialistiche (Servizi di Diabetologia, Centro Regionale di Riferimento). Una tale prospettiva di azione trova sostegno nelle indicazioni del Piano Sanitario Nazionale, laddove tra gli obiettivi di salute da perseguire viene indicato il diabete come una delle grandi patologie su cui focalizzare l attività e le priorità di intervento. Il Piano Nazionale della Prevenzione, approvato con Intesa Stato-Regioni, individua infatti tra le priorità la prevenzione della patologia cardiovascolare e in particolare, tra i determinanti del rischio cardiovascolare, la prevenzione dell obesità e del diabete. A ciascuna Regione, tenendo conto delle singole realtà, viene affidato il compito di pianificare secondo le linee operative definite dal Centro nazionale per la prevenzione ed il Controllo delle Malattie (CCM), uno specifico piano integrato di intervento. La cura del diabete viene individuata come aspetto rilevante anche dal Piano Sanitario Regionale (PSR) In particolare nel PSR il diabete viene considerato un modello per l implementazione della Medicina di Iniziativa, una strategia organizzativa innovativa che affida alle cure primarie l ambizioso compito di programmare e pianificare gli interventi di cura. Funzionali a questo mandato sono le Società della Salute attraverso le quali sono pianificate la programmazione e l elaborazione dei piani integrati di salute. Il progetto CArPeDIAB (CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella popolazione adulta della Toscana) vuole articolarsi nei seguenti punti: 1. Strategia di popolazione: basata sulla promozione della salute dell intera popolazione attraverso processi di educazione alla modificazione dello stile di vita in relazione agli aspetti della nutrizione e della attività fisica con l obiettivo sia di migliorare la percezione del problema che le conoscenze sulle opportunità per la sua soluzione. 2. Strategia per la popolazione ad alto rischio: basata su procedure standard di identificazione dei soggetti a rischio elevato di sviluppare diabete e quindi dei soggetti che possono trarre il maggior beneficio da un azione di intervento diretto. Tale strategia di prevenzione mirata è diretta agli individui a rischio, individuati in base ad indicatori biologici (familiarità per obesità, diabete, dislipidemie) e comportamentali. In questo ambito si colloca il Progetto di Prevenzione del Diabete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana PPDAT. 3. Strategia di diagnosi precoce e trattamento: La strategia descritta al punto 2 e, nello specifico, il PPDAT permettono anche di identificare gli individui con diabete non noto con l obiettivo di offrire loro il più precocemente possibile un programma sistematico di trattamento finalizzato alla prevenzione delle complicanze croniche. 5

6 In questo contesto, il Progetto CArPeDIAB rappresenta una componente essenziale di un unicum progettuale la cui implementazione, ampiamente integrata nel PSR , richiede la messa a punto di un sistema organizzativo e gestionale secondo una logica di gradualità e di coinvolgimento integrato delle varie componenti partecipanti al Progetto. Al momento attuale viene quindi considerato priopritario implementare la Strategia per la popolazione ad alto rischio e la Strategia di diagnosi precoce e trattamento. Tali stategie rappresentano l inizio, rispettivamente, di un processo di prevenzione primaria del diabete e di prevenzione primaria delle complicanze croniche nel diabete non noto. 6

7 Obiettivi Le prospettive per la prevenzione del diabete si basano su semplici ma solide assunzioni: 1. il diabete tipo 2 rappresenta un importante problema medico, a forte impatto economico e sociale; 2. la prevenzione del diabete tipo 2 è possibile attraverso interventi mirati alla modificazione dello stile di vita la cui efficacia è dimostrata da suggestivi studi prospettici; 3. la prevenzione del diabete tipo 2 potrebbe essere nel medio termine una valida opzione per l ottimizzazione delle risorse. L identificazione dei soggetti a rischio di diabete tipo 2 a livello del territorio rappresenta una sfida che può essere affrontata con successo attraverso l impiego di facili strumenti di screening. Tale identificazione non può non passare attraverso il ruolo delle figure più ampiamente distribuite sul territorio, i Medici di Medicina Generale ed il Personale Medico ed Infermieristico dei Distretti Sanitari, in stretta collaborazione con i Servizi di Diabetologia. La stretta collaborazione tra queste figure professionali, forte di strumenti semplici ma validati come i questionari di rischio, può rappresentare la base per una azione preventiva efficace ed economica. Il presente progetto si propone quindi di: 1. implementare un programma di screening a basso costo per l identificazione degli individui a rischio di diabete tipo 2 in una ampia coorte di soggetti adulti residenti in Toscana; 2. implementare un programma dedicato a modificare lo stile di vita attraverso interventi sulle abitudini alimentari e sull attività fisica e finalizzato alla prevenzione del diabete tipo 2 nei soggetti ad elevato rischio. Risorse a. Medici di Medicina Generale impegnati nelle attività di sanità di iniziativa previste dal PSR raggruppati ai fini del progetto in Gruppi di Lavoro b. Servizi di Diabetologia e Malattie Metaboliche c. Società della Salute 7

8 Descrizione del Progetto Obiettivo 1: campagna di informazione sulla prevenzione del diabete Sarà organizzata una campagna di informazione per la popolazione residente nel territorio in cui sarà condotto il progetto. Tale campagna sarà coordinata dalla Società della Salute, in concerto con gli altri partecipanti. In tale azione saranno coinvolte le varie componenti delle Società della Salute (comuni, associazioni di volontariato, associazioni di pazienti, ecc.). Obiettivo 2: Individuazione dei soggetti a rischio per diabete tipo 2 Lo screening dei soggetti ad elevato rischio per diabete tipo 2 verrà eseguito per mezzo del questionario FINDRISC. Il questionario sarà somministrato a soggetti senza diabete noto, di entrambi i sessi e con età compresa tra 35 e 70 anni. Presso ciascun Gruppo di Lavoro il questionario sarà somministrato ad almeno 300 e a non più di 600 individui (vedi inclusione randomizzata). Il questionario FINDRISC è inserito in una più ampia scheda di raccolta dati che permetterà di ottenere contemporaneamente informazioni relative al rischio cardiovascolare (HeartScore). In particolare sarà possibile ottenere le seguenti informazioni: a. distribuzione del rischio per diabete tipo 2 e prevalenza dei soggetti ad elevato rischio b. distribuzione e prevalenza dei principali fattori associati al rischio per diabete tipo 2 c. distribuzione del rischio cardiovascolare (HeartScore) e stratificazione del rischio cardiovascolare in funzione del rischio per diabete tipo 2 (FINDRISC) d. stima della prevalenza del diabete non diagnosticato nei soggetti identificati ad elevato rischio in base al questionario FINDRISC e. stima della prevalenza della sindrome metabolica e della distribuzione delle sue componenti (criteri ATPIII) (9) La scheda di raccolta dati (allegato 1) contiene le seguenti informazioni: a. FINDRISC o Età (anni) o BMI (peso, kg; altezza, cm) o Circonferenza alla vita (cm) o Uso di farmaci anti-ipertensivi (no/si) o Storia familiare di diabete (no/secondo grado/primo grado) o Precedenti elevati valori di glicemia (no/si) o Attività fisica (circa 30 minuti al giorno: no/si) o Consumo di frutta e vegetali (ogni giorno: si/no) b. HeartScore (oltre all età) o Sesso o Colesterolo totale (entro 1 anno dalla data di compilazione della scheda) o Pressione arteriosa (entro 1 anno dalla data di compilazione della scheda) o Fumo di sigaretta c. Altri parametri o glicemia a digiuno (entro 1 anno dalla data di compilazione della scheda) o colesterolo HDL (entro 1 anno dalla data di compilazione della scheda) o trigliceridi (entro 1 anno dalla data di compilazione della scheda) 8

9 o principali terapie in corso (no/si) Verranno considerati ad elevato rischio per diabete tipo 2 tutti i soggetti il cui punteggio al questionario FINDRISC risulterà pari o superiore a 15 (figura 1). Questi soggetti eseguiranno un test di tolleranza orale al glucosio (OGTT) con prelievo basale ed a 120 dalla somministrazione di 75g di glucosio. L OGTT permetterà di classificare i soggetti in: a. diabetici non noti b. soggetti IGT (ridotta tolleranza glucidica) o IGF (iperglicemia a digiuno) c. soggetti IFG + IGT d. soggetti NGT (normale tolleranza glucidica) Figura 1 Screening opportunistico a cura del Medico di Medicina Generale dei soggetti a rischio di diabete tipo 2. Ad ogni individuo selezionato per lo studio verrà somministrato il questionario per la valutazione del rischio di diabete tipo 2 (FINDRISC) integrato in una più ampia scheda che permette la contemporanea valutazione del rischio cardiovascolare (HeartScore). I soggetti a punteggio FINDRISC pari o superiore a 15 saranno avviati alla esecuzione dell OGTT e se non diabetici, ed indipendentemente dalla eventuale presenza di alterata tolleranza al glucosio (IGT/IFG), saranno inclusi nel programma di intervento sullo stile di vita. 9

10 I soggetti con diabete neo-diagnosticato verranno avviati alle consuete procedure di trattamento del diabete (implementazione della Strategia di diagnosi precoce e trattamento ). Ad esclusione dei soggetti con diabete neo-diagnosticato, tutti gli altri soggetti con rischio (FINDRISC) pari o superiore a 15 saranno inclusi nel programma dedicato alla modificazione dello stile di vita (figura 1). Obiettivo 3: implementazione del programma dedicato a modificare lo stile di vita Tutti i soggetti con rischio (FINDRISC) pari o superiore a 15 saranno inclusi in un programma di prevenzione del diabete tipo 2 basato su interventi mirati a modificazioni degli stili di vita (nutrizione, attività fisica). L intervento dovrà tendere al raggiungimento dei seguenti obiettivi: a. riduzione del peso corporeo del 5% b. riduzione dell assunzione di grassi a meno del 30% delle calorie totali c. riduzione dell assunzione di grassi saturi a meno 10% delle calorie totali d. assunzione di una quota di fibre superiore a 15 g/1000 kcal e. attività fisica moderata regolare per circa 30 minuti al giorno (figura 2). A Peso corporeo Esercizio Fisico Apporto di fibre Apporto di grassi Apporto di grassi saturi B Peso corporeo Esercizio Fisico Apporto di fibre Apporto di grassi Apporto di grassi saturi Figura 2 Tappe dell intervento sullo stile di vita: primo intervento (A) e reiterazione dell intervento (B). Dopo il primo intervento (individuale o di gruppo), saranno pianificati interventi successivi di rinforzo a distanza di 4-6 mesi. Tali interventi saranno indirizzati a motivare i soggetti ad alto rischio ad adottare stili di vita più sani fornendo informazioni sulla loro dieta e l attività fisica. 10

11 Le informazioni relative alle abitudini dietetiche ed all attività fisica saranno registrate facendo uso di specifici questionari che potranno essere interpretati in base alle seguenti informazioni: a. raggiungimento di 1 solo dei 5 obiettivi: nessun effetto sulla riduzione del rischio di diabete; b. raggiungimento di 3 obiettivi su 5: riduzione del 60% del rischio di diabete; c. raggiungimento di tutti i 5 obiettivi: riduzione del 100% del rischio di diabete. Alla fine del 2 anno i soggetti che all inizio dello studio avevano un punteggio pari o superiore a 15 al FINDRISC eseguiranno un nuovo OGTT. Sulla base di tale esame verrà analizzato il tasso di progressione a diabete e di regressione a normale tolleranza glucidica. La ripetizione del test nei soggetti a rischio ma con normale regolazione glicemica servirà inoltre a valutare le caratteristiche di performance (sensibilità e specificità) della procedura. Dimensioni del campione/gruppo di Lavoro Dati preliminari permettono di stimare che una popolazione complessiva di soggetti sottoposti a screening (vedi criteri di inclusione ed esclusione) dovrebbe condurre alla individuazione di soggetti (10-15%) ad elevato rischio di diabete (FINDRISC 15) (figura 3). Mediante l esecuzione del test di tolleranza orale al glucosio (OGTT) tra questi soggetti ad elevato rischio si dovrebbero individuare: a pazienti con diabete di nuova diagnosi (circa 15%) b soggetti con normale o alterata tolleranza glucidica (circa 85%) sui quali pianificare il programma di intervento sullo stile di vita (figura 3). Figura 3 Stima delle dimensioni del campione. Per una migliore comprensione del numero di soggetti da inserire nel programma di screening, vedi anche la sezione dedicata ai criteri di inclusione ed esclusione 11

12 Durata del Progetto Il progetto avrà durata di 2 anni e comprenderà due periodi della durata rispettivamente 6 e 18 mesi: - 1 semestre (gennaio-giugno 2010): screening dei soggetti a rischio e arruolamento nel programma di intervento dei soggetti a rischio elevato - 2 semestre e 2 anno (luglio 2010 dicembre 2011): completamento del programma di intervento sullo stile di vita e verifica del tasso di progressione e regressione Maggiori dettagli sulla durata delle varie fasi del Progetto CArPeDIAB sono riportate nel seguente cronoprogramma. Criteri di inclusione e di esclusione Saranno inclusi nello studio soggetti di entrambi i generi di età compresa tra 35 e 70 anni. Saranno esclusi tutti i soggetti con diabete noto. Le donne con storia di diabete gestazionale potranno essere incluse nello studio. Sarà valutata la possibilità di procedere ad una individuazione randomizzata di un campione di popolazione stratificato per sesso ed età. Età Maschi Femmine n n n n n n

13 Misure di outcome Le principali misure di outcome dello screening (obiettivo 1) e del programma di intervento (obiettivo 2) sono riportate nella Tabella 1. Queste includono sia misure di carattere epidemiologico che indici di efficacia delle procedure di intervento sullo stile di vita. Tabella 1 Principali misure di outcome Obiettivo 1: Percentuali dei soggetti residenti informati della campagna di prevenzione del diabete Obiettivo 2: Percentuale di adesione al progetto da parte della popolazione Percentuale di soggeti sottoposti a screening Percentuale dei soggetti ad alto rischio di diabete Percentuale di soggetti con nuova diagnosi di diabete Percentuale di soggetti con sindrome metabolica (criteri ATPIII) Profilo di rischio cardiovascolare Profilo di rischio cardiovascolare stratificato per rischio di diabete Obiettivo 3: Numero di obiettivi raggiunti in relazione alle procedure di intervento Strumenti Approvazione da parte del comitato etico locale (Approvazione da parte del Comitato Etico dell Azienda proponente) Scheda di raccolta dati (allegato 1) Questionario FINDRISC incluso nella scheda di raccolta dati (allegato 1) Statimetro, metro flessibile Bilancia pesa-persone Sfigmomanometro Data base informatico (Software: File-Maker Pro) Testi scritti contenenti consigli sullo stile di vita sano Definizione di un pacchetto educativo individuale o di gruppo Messa a punto di strumenti per il richiamo dei soggetti arruolati nello programma di intervento Modulo di Consenso Informato (allegato 2) 13

14 Ruoli dei vari partecipanti al progetto Ruolo delle Società della Salute Nell ambito della Campagna di Prevenzione del diabete le Società della Salute si avvarranno di diversi strumenti di comunicazione (manifesti, pieghevoli, comunicati stampa e radio/tv locali, sito web/asl) che potranno essere diffusi attraverso vari canali (distretti socio-sanitari, farmacie, ecc.). I messaggi della campagna informativa saranno diversificati per fasce di età (scuola, luoghi di lavoro, luoghi di svago, ecc). Ruolo dei Gruppi di Lavoro dei Medici di Medicina Generale L obiettivo finale è quello di reclutare un campione di soggetti stratificati per sesso ed età presso ciascuna Azienda Sanitaria inclusa nel Progetto: Età Maschi Femmine n n n n n n Ciascuna Gruppo di Lavoro di MMG (Medicina di Gruppo) dovrà reclutare da 300 (n. 3-4 Medici di Medicina Generale) a 600 individui (6-7 Medici di Medicina Generale) l obiettivo potrà essere raggiunto disponendo di n. 1 Gruppo di Lavoro composta da 6-7 MMG o n. 2 Gruppi di Lavoro composti da 3-4 MMG per un totale di circa MMG per ogni Azienda partecipante. A ciascuno di essi verrà richiesto quindi di arruolare in maniera randomizzata circa individui. I MMG potranno partecipare attivamente al programma di intervento sullo stile di vita. Ruolo del Servizio di Diabetologia (USL n.1, USL n.2, USL n.5) Afferiranno al Servizio di Diabetologia tutti i soggetti ad elevato rischio (FINDRISC 15) individuati dai medici di MMG del territorio di competenza. Compiti: 1. esecuzione di OGTT standard 2. esecuzione di prelievo ematico a digiuno 3. raccolta di un campione di urine early morning 4. dosaggio HbA1c 5. collaborazione con i Gruppi di Lavoro dei MMG per l implementazione del programma di prevenzione 6. pianificazione del programma di intervento e follow-up dei soggetti a rischio Ruolo dell U.O. di Malattie Metaboliche e Diabetologia di Pisa (Centro di Riferimento Regionale per il Diabete Mellito in Età Adulta) Afferiranno al Servizio di Diabetologia di Pisa tutti i soggetti ad elevato rischio (FINDRISC 15) individuati dai Gruppi di Lavoro dei MMG del territorio di competenza. Compiti: 1. esecuzione di OGTT standard 2. esecuzione di prelievo ematico a digiuno 14

15 3. raccolta di un campione di urine early morning 4. collaborazione con i Gruppi di Lavoro dei MMG per la implementazione del programma di prevenzione 5. pianificazione del programma di follow-up dei soggetti a rischio Il Centro avrà, inoltre, compiti di coordinamento del Progetto presso le varie USL partecipanti. Presso l U.O. verranno conservati i campioni relativi alle procedure specialistiche di laboratorio (1. campioni provenienti dall OGTT, 2. campioni derivati dal prelievo ematico a digiuno, 3. campione di urine early morning). Il laboratorio dell U.O. di Malattie Metaboliche e Diabetologia di Pisa provvederà al dosaggio dei seguenti parametri ematochimici ed urinari: 1. OGTT: Insulinemia basale e a 120 C-peptide basale e a Prelievo ematico a digiuno (esami di routine): Profilo lipidico: colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi Apolipoproteine A1 e B Creatinina (stima del filtrato glomerulare) Acido urico Proteina C-reattiva Fibrinogeno Il progetto CArPeDIAB si propone inoltre di costruire e conservare nella maniera più opportuna i campioni ematici che potranno essere utili per analisi future in relazione a marker di rischio di diabete. Prodotti del Progetto 1. Il materiale della campagna di prevenzione del diabete saranno messi a disposizione delle attività di Educazione alla Salute della Regione Toscana. 2. I risultati dello Studio saranno oggetto di presentazione in sede di Congressi nazionali ed internazionali e di pubblicazione su riviste scientifiche nazionali ed internazionali. 3. A completamento dello Studio, metodologie, modelli e risultati verranno presentati a livello Regionale in occasione di un Convegno organizzato ad hoc. 4. Gli atti del Convegno saranno oggetto di pubblicazione da distribuire a tutti i partecipanti al Progetto così come a tutti gli operatori del settore. 5. I manuali operativi per lo screening e la prevenzione del diabete verranno messi a disposizione del Settore Medicina Predittiva-Preventiva (Dipartimento Diritto Alla Salute E Delle Politiche Di Solidarieta') della Regione Toscana per l eventuale implementazione di strategie estese a livello Regionale. 15

16 Analisi dello stato di avanzamento del Progetto 1. Relazioni sullo stato di avanzamento del Progetto con analisi dei risultati ad interim verranno prodotte ed inviate al Settore Medicina Predittiva-Preventiva (DIPARTIMENTO DIRITTO ALLA SALUTE E DELLE POLITICHE DI SOLIDARIETA') della Regione Toscana. 2. La relazione finale consuntiva e i risultati dello studio verranno inoltre inviati al Settore Medicina Predittiva-Preventiva (DIPARTIMENTO DIRITTO ALLA SALUTE E DELLE POLITICHE DI SOLIDARIETA') della Regione Toscana, previo completamento dell analisi statistica e comunque non oltre 90 giorni dalla chiusura dello studio. Strumenti di monitoraggio sullo stato di avanzamento del Progetto 1. Verifica mensile dell andamento dello screening mediante analisi del database online. 2. Visite di monitoraggio trimestrali da parte del Centro di Coordinamento presso le sedi USL 3. Verifica del tasso di partecipazione al programma di interventio sullo stile di vita. Rendicontazione economica 1. La rendicontazione economica verrà effettuata alla fine del primo anno dello Studio ed al termine del Progetto (2 anno). Strutture Aziendali coinvolte nel progetto 1. Azienda USL n. 1 Massa Carrara 2. Azienda USL n. 2 - Lucca 3. Azienda USL n. 5 Pisa 4. Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana 16

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 IL NUOVO RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT RIVISITAZIONE DEI PROTOCOLLI DI IDONEITA ALL ATTIVITA SPORTIVOAGONISTICA E NON AGONISTICA 24

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli