PROGETTO LEONARDO Aggiornamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO LEONARDO Aggiornamento"

Transcript

1 PROGETTO LEONARDO Aggiornamento Gennaio 2007

2 2 Risultati conseguiti Esiti iniziali e andamenti Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente

3 3 Modello attuativo Personale attualmente 30 Care Manager 4 Supervisori 3 Coordinatori di Progetto 83 MMG 20 Medicine di Gruppo Studio di fattibiità Partner: Soggetti istituzionali italiani (Regione Puglia e AUSL Lecce), Pfe Italia, PHS/EPHS Obiettivi di arruolamento: 950 in totale (500 Rischio MCV, 250 Diabete, 200 Scompenso cardiaco) Arruolamento in 6 mesi (febbraio agosto 2006) Interventi su 12 mesi (settembre 2006 settembre 2007) Arruolamenti a oggi Totale: 1,153 (121%) Rischio MCV: 522 (104%) Diabete: 433 (173%) Scompenso cardiaco: 193 (97%)

4 Esiti iniziali e andamenti 4

5 Inizio Arruolamento Punto attuale Disponibilità esiti Studio di fattibilità completato Feb 2006 Ago 2006 Feb 2007 Sett 2007 Metriche operazioni amministrative: Reclutamento e arruolamento N. casi per CM Produttività Aderenza ai protocolli dello studio Metriche operazioni amministrative: Reclutamento e arruolamento N. casi per CM Produttività Aderenza ai protocolli dello studio Metriche esiti: Dati iniziali e a 6 mesi Soddisfazione del paziente Metriche operazioni amministrative: Definitivo pz arruolati N. casi per CM Contatti Metriche esiti: Cambiamenti psicosociali Cambiamenti degli stili di vita Cambiamenti nei valori clinici Utilizzo dei servizi Soddisfazione da parte del pz, CM, e MMG 5

6 *permanenza media nel programma di tutti i pazienti inizialmente arruolati nel programma 6 Caratteristiche dei pazienti Arruolamento Inizialmente arruolati Rimossi Attualmente arruolati Permanenza media nel Programma* Rischio MCV (2%) (3.5) Scompenso Diabete cardiaco (5%) 9 (4%) (3.6) 4.1 (3.4) Sesso Femmine 565 (47.4%) Età Maschi Media (DS) Mediana 627 (52.6%) 63.5 (11.8) (49.6%) 269 (50.4%) 64.2(10.7) (38.1%) 125 (61.9%) 71.2 (9.9) 71.0

7 7 Rischio MCV Sindrome Metabolica (n=799) No 53% Non noto 3% Sì 44% Patient Characteristics at Initial Assessment Diabete Tipo di diabete (n=420) Altro / Non noto 1% Tipo I 13% HF Frazione di eiezione (n=80) <40% 81% Malattia Conclamata (n=1192) Con malattia conclamata Senza malattia conclamata 18% 16% 66% Tipo II 86% Piede a rischio (n=419) N (%) Ischemia Ulcera A rischio Moderato 1 (0.2%) 5 (1%) 78 (19%) 60 (14%) Lieve 275 (66%) 40% 19% Classe NYHA (n=149) Classe I Classe II Classe III Classe IV N (%) 28 (19%) 43 (29%) 56 (37%) 19 (13%) Non nota 3 (2%)

8 8 Fabbisogno di Care Management: autoefficacia Autoefficacia dei pz aderenti al Progetto Leonardo alla Valutazione Iniziale Punteggio medio Autoefficacia complessiva (n = 769) 43%dei pz con punteggio di 7 o meno Capacità di contattare l'mmg (n=776)) Buon rapporto con l'mmg (n=776) 7.6 Azioni per gestire la malattia (n=775) 6.9 Aiuto da familiari e amici (n=765) 7.2 Capacità di fronteggiare la malattia (n=768) Per nulla sicuro Completamente sicuro (Non pertinente) N/P Meno sicuro Più sicuro

9 9 Fabbisogno di Care Management: Stadio del cambiamento Stadio del cambiamento dei pz aderenti al Progetto Leonardo alla Valutazione Iniziale Attività fisica n=857 16% 15% 13% 21% 34% 68% allo stadio di determinazione o antecedente Dieta N=881 14% 18% 16% 16% 36% 68% allo stadio di determinazione o antecedente 0% 20% 40% 60% Precontemplazione Contemplazione Determinazione Azione Mantenimento

10 Fabbisgno di Care Management: Stato di salute Stato di salute fisica e mentale dei pz aderenti al Progetto Leonardo alla Valutazione Iniziale (n=863) Norma nella popolazione italiana , ,7 Norma nella popolazione italiana 1 Punteggio medio SF-12 Salute mentale SF-12 Salute fisica *Punteggi più elevati indicano un migliore stato di salute 1 Fonte: Ware J et al. The equivalence of SF-36 summary health scores estimated using standard and countryspecific algorithms in 10 countries: Results from the IQOLA project. J Clin Epidemiol. 1998;51(11): SF-12 Health Survey è un marchio registrato del Medical Outcomes Trust 10

11 11 Aderenza alle linee guida Processo di cura - metriche Rischio MCV (N=1192) N (%) Diabete (N=534) N (%) SC (N=202) N (%) PA negli ultimi 6 mesi 923 (77%) 415 (78%) 156 (77%) Colesterolo totale negli ultimi 12 mesi 896 (75%) 419 (79%) 144 (71%) BMI negli ultimi 6 mesi 881 (74%) 397 (74%) 143 (71%) Circonferenza addominale negli ultimi 6 mesi 721 (61%) 331 (62%) 112 (55%) Vaccino anti-influenzale negli ultimi 12 mesi 915 (77%) 429 (80%) 153 (76%) Vaccino antipneumococcico negli ultimi 12 mesi 866 (73%) 404 (76%) 145 (72%) Screening sulla depressione negli ultimi 12 mesi 915 (77%) 419 (79%) 156 (77%) HbA1c negli ultimi 6 mesi n/p 261 (49%) n/p Microalbuminuria negli ultimi 12 mesi n/p 210 (39%) n/p Visita podologica negli ultimi 12 mesi n/p 352 (66%) n/p Esame del fondo oculare negli ultimi 12 mesi n/p 301 (56%) n/p da migliorare

12 12 Riscontri preliminari: Stadio del cambiamento Stadio del cambiamento : Quadro migliorato per l attività fisica (n=173) 60% 67% 60% Stadio del cambiamento: Quadro migliorato per la dieta (n=169) 78% 61% 40% 40% 48% 40% 44% 20% 24% 21% 14% 10% 11% 11% 12% 10% 19% 20% 22% 17% 13% 17% 14% 17% 0% Iniziale a 5 mesi di follow-up 0% Iniziale 4% 5% 3% a 5 mesi di follow-up Precontemplazione Contemplazione Determinazione Azione Maintenimento

13 Risultati preliminari sulla gestione della malattia Aderenza alla terapia dati riferiti dai pazienti Aderenza alla terapia miglioramento del punteggio medio (n=111) 1 3 Punteggio medio p< mesi di follow-up Punteggi più bassi indicano una migliore aderenza 1 L aderenza alla terapia è stata valutata con la Morisky Compliance Scale. La Scala prevede punteggi da 1 a

14 Risultati preliminari: Stato di Salute (SF-12) SF-12 - miglioramento del punteggio medio (n=110) Norma nella popolazione italiana , ,7 Norma nella popolazione italiana 1 Punteggio medio p<.001 p<.01 SF-12 Salute mentale 7.0 mesi di follow-up SF-12 Salute fisica *Punteggi più elevati indicano un migliore stato di salute 1 Fonte: Ware J et al. The equivalence of SF-36 summary health scores estimated using standard and countryspecific algorithms in 10 countries: Results from the IQOLA project. J Clin Epidemiol. 1998;51(11): SF-12 Health Survey è un marchio registrato del Medical Outcomes Trust 14

15 Riscontri clinici preliminari: PA Variazione della quota di pazienti con valori pressori ottimali 80% 60% 58% 52% 54% 2% - 22% di pertesi in Italia resenta valori ressori ttimalii 1,2 40% 41% 31% 32% 27% Iniziale Follow-up 20% 17% 0% p<.001 p<.001 p<.001 ns 3 MCV conclamata (n=587) 4,5 mesi 4 In assenza di MCV conclamata (n=152) 4,0 mesi 4 Diabete (n=342) 4,6 mesi 4 SC (n=121) 4,4 mesi 4 1 Mancia G et al. Cardiovascular risk profile and blood pressure control in Italian hypertensive patients under specialist care. Journal of Hypertension. 2004;22: Esposti ED et al. Risk factors for uncontrolled hypertension in Italy. Journal of Human Hypertension. 2004;18: ns=non significativo 4 media mesi intercorsi tra rilevazione iniziale e quella più recente 15

16 Riscontri clinici preliminari: Colesterolo totale 60% Variazione nella quota dei pazienti con valori ottimali di colesterolemia totale 40% 41% 44% 40% 40% 30% 33% 20% 15% 23% Iniziale Follow-up 0% p<.01 ns 1 p<.01 ns 1 MCV conclamata (n=256) 5,5 mesi 2 In assenza di MCV conclamata (n=48) 5,9 mesi 2 Diabete (n=161) 5,5 mesi 2 SC (n=42) 6,2 mesi 2 1 ns = non significativo 2 media mesi intercorsi tra rilevazione iniziale e quella più recente 16

17 Riscontri clinici preliminari: HbA1c Variazione della quota di pazienti con valori ottimali di HbA1c 60% 40% 42% Iniziale Follow-up 20% 26% 52% - 67% dei diabetici di Tipo II presentava un valore di HbA1c =<7.0% 1, 2 p<.001 0% Diabete (n=132) 5,0 mesi di follow-up 1 DeBerardis G et al. Quality of care and outcomes in Type 2 diabetic patients. Diabetes Care. 2004;27(2): Bruno G, Cavallo-Perin P, Bargero G, Borra M, et al. Cardiovascular risk profile of type 2 diabetic patients care for by general practitioners or at a diabetes clinic: a population based study, J Clin Depidemiol, 1999; 52(5):

18 18 Attività del Care Manager Contatti tra CM e paziente Contatti tra CM e MMG Media n. contatti/paziente Durata media contatti in minuti Mediana della durata dei contati in minuti Media n. contatti/paziente Durata media contatti in minuti Mediana della durata dei contatti in minuti 6,8 29,0 20,0 2,0 12,4 10 Motivo del contatto Valutazione di routine Valutazione clinica iniziale N Coinvolgimento pz 527 Varie 264 Valutazione a 6 mesi 1370 % 21% 42% 6% 3% 17% Motivo del contatto N Consulto sul caso 937 Coinvolgimento pz 360 Coord. assistenza 189 Valutazione per acuzie 110 Valutazione clinica iniziale 94 % 47% 18% 9% 5% 5% Valutazione per acuzie 185 2% Predis. Piano Cura 75 4% Predisp.Piano Cura 129 Preparazione valutazione 96 Coord. assistenza % 1% 1.3% Valutazione di routine 34 Preparazione valutazione 37 Varie % 1.8% 3% Consulto sul caso %

19 19 Interventi effettuati Azioni Formazione sanitaria erogata N 1855 Consulto specialistico organizzato 179 Indagini strumentali o cliniche organizzate 83 Analisi di laboratorio organizzate 78 Affiancamento e sostegno emotivo 169 Interventi mirati per stadio di cambiamento 145 Argomenti affrontati Automonitoraggio e autogestione Patologie e complicanze Esami e analisi cliniche Farmaci Come e quando chiamare il medico Altro Comunicazione con i professionisti % 29% 20% 18% 12% 9% 8% 3% Revisione del Piano di Cura 30 Revisione degli obiettivi 38 Revisione del Piano d Azione 22 Organizzazione di dispositivi di monitoraggio 13 Appuntamento programmato 528 Dispositivi Glucometro Sfigmomanometro Bilancia % 46% 38% 15%

20 20 Metriche di natura amministrativa Reclutamento Numero Percentuale del totale Metrica del successo della valutazione Pz che hanno acconsentito %* 70% a partecipare Medicine di Grupo che hanno acconsentito a partecipare 20 83% 75% Valutazione / protocollo di cura Valutazione iniziale Approvazione del protocollo di cura Attività completate Percentuale delle attività completate tra gli eligibili Percentuale delle attività completate nel tempo prestabilito % 42% entro 1 mese dall arruolamento % 75% entro 2 settimane dalla valutazione iniziale Metrica del successo della valutazione 70% 70% Completezza dei dati N Iniziale Programma nel complesso % Rischio MCV % Ulteriori misurazioni per il Diabete % Ulteriori misurazioni per lo Scompenso Cardiaco %

21 Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente 21

22 Soddisfazione del paziente Elaborazione del Questionario Ambiti oggetto di indagine Versione preliminare a cura di PHS Revisione ed editing a cura di: Pfizer Italia Dott. Mola Visite a domicilio Rendimento dei CM Comunicazione con i CM Soddisfazione complessiva Vantaggi del Programma Somministrazione del questionario Caratteristiche della populazione campione indagata 174 questionari restituiti alla AUSL Popolazione interessata: 219 soggetti arruolati nell arco di 3 mesi 177questionari distribuiti ai pazienti dai CM 42 questionari non ancora somministrati Tasso di restituzione =98% Arruolati in Rischio MCV Diabete SC Sesso Femmine Maschi Contatti tra CM e paziente N. Medio contatti/pz 6.9 % Media n. mesi arruolati 100% % % % 59% Durata media contatti in minuti

23 23 Vantaggi per il paziente e il team assistenziale Da quando partecipa al programma le sue abilità funzionali (es.: capacità di muoversi, energia, ecc) sono (n=167) 59% 37% 4%.la sua capacità di maturare decisioni relative ai vostri fabbisogni assistenziali è. (n=163) 72% 26% 2% il suo stato di salute generale è. (n=171) 66% 30% 4% il suo rapporto con il medico è. (n=169) 60% 39% 1% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Estremamente Migliorato / Migliorato Invariato Peggiorato / Estremamente Peggiorato

24 24 Gradimento della performance del CM Il mio Care Manager tiene sempre aggiornato il mio medico curante riguardo le mie necessità di cura(n=167) 99% 1% mi aiuta a fissare gli appuntamenti presso le strutture a cui sono stato indirizzato (n=163) è sempre facilmente rintracciabile. (n=170) 83% 92% 17% 8% non mi fa aspettare più di un quarto d ora prima di ricevermi.(n=170) 69% 31% mi parla della mia salute e delle cure di cui ho bisogno in modo chiaro e comprensibile.(n=170) mi coinvolge nelle decisioni sulla terapia e l assistenza di cui ho bisogno (n=170) conosce bene miei problemi di salute.(n=171) 99% 94% 98% 6% 1% 2% Accesso ai servizi specialistici e integrazione con l MMG 0% 20% 40% 60% 80% 100% Sì/ Nel complesso, sì Non esattamente/ No

25 25 Comunicazione con il Care Manager Livello di gradimento riguardo i seguenti punti Come il suo care manager e il suo medico curante lavorano insieme per aiutarla a gestire la sua malattia (n=170) 92% 4% 4% Incontri individuali (faccia a faccia) con il Care Manager (n=170) 94% 1% 5% Contatti telefonici con il Care Manager.(n=170) 89% 7% 4% Informazioni e consigli dati dal Care Manager.(n=171) 95% 2% 3% Integrazione con l MMG 0% 20% 40% 60% 80% 100% Molto/abbastanza soddisfatto Nè sodd/nè insodd Piuttosto/Molto insoddisfatto

26 Progetto Leonardo: Costruire la Casa della Salute Paziente Dal Questionario si evince che 83% dei pz è aiutato a fissare appuntamenti presso le strutture alle quali è stato indirizzato Casa della Salute Sostegno alla prevenzione Sostegno alla cronicità 98% dei pz dichiara: il mio CM conosce bene i miei problemi di salute 92% dei pz riferisce che il CM è sempre facilmente rintracciabile 92% dei pz si dichiara soddisfatto di come il CM e il medico curante lavorino insieme per aiutarlo 72% dei pz sostiene che la sua capacità di maturare decisioni relative alla propria salute sia migliorata Care Manager Specialista MMG Servizi di supporto 26

27 27 Grado di soddisfazione rispetto al Programma nel complesso Livello di gradimento riguardo a 100% 3% 2% 2% 3% 5% 11% 1% 5% 80% 60% 40% 86% 96% 92% 95% 20% 0% Materiale stampato (es. Manuali di cura) 1 (n=160) Care Manager nel complesso 1 (n=163) Programma nel complesso 1 (n=166) Consiglierebbe questo Programma a un familiare o un amico?(n=173) Molto / Abbastanza soddisfatto Né sodd né isodd Abbastanza / Molto insoddisfatto Assolutamente / Probabilmente sì Incerto Probabilmente / Assolutamente no

28 Arruolamenti e attività 28

29 29 Nuovi obiettivi consigliati Totale MCV Diabete Sc. Cardiaco Attualmente arruolati Obiettivo iniziale % dell obiettivo 121% 104% 173% 97% 1. Periodo di arruolamento prorogato da agosto a dicembre Termine fine Progetto improrogabile (settembre 2007) 3. Minimo 9 mesi di intervento (arruolamenti a tutto dicembre 2006) 4. Necessità di conseguire il nuovo obiettivo al fine di disporre di numeri sufficienti per rispondere ai quesiti valutativi 5. Prosieguo degli arruolamenti anche in caso di conseguimento dell obiettivo

30 pazienti arruolati, superando l obiettivo dei 950 Risultati conseguiti ad oggi 30 Care Manager attualmente in organico, secondo le previsioni iniziali Grado di soddisfazione riferito dai pazienti in merito al Progetto e ai CM molto elevato (>90%) Miglioramento dello stato di salute (66%) e delle abilità funzionali (59%) osservato dai pazienti Rafforzato rapporto con l MMG riscontrato dai pazienti (60%) Ruolo attivo dei Care Manager nel coordinamento dei servizi specialistici al fianco degli MMG e degli Specialisti (83%) Andamento positivo degli esiti di salute (ad esempio, la percentuale globale dei pazienti che presentano valori pressori ottimali è passata dal 32% al 50% (p<0,001)) Fattibile integrazione dei Care Manager nelle Medicine di Gruppo (il 92% dei pazienti si dichiara soddisfatto di come il CM e il medico curante lavorino insieme per aiutarlo) Confermate le potenzialità di una partnership tra Pubblico e Privato Valido supporto comunicativo al Progetto: accettati 9 abstract da presentarsi a congressi e altri 4 in attesa di conferma, oltre 20 articoli apparsi su quotidiani, oltre 10 partecipazioni radiotelevisive (seguite da un pubblico di circa 12 milioni)

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE II Convegno PREVENIRE LE COMPLICANZE DEL DIABETE: DALLA RICERCA DI BASE ALL ASSISTENZA ASSISTENZA IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE Dott. Paolo Di Berardino

Dettagli

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Introduzione al Disease Management 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Il costo delle condizioni croniche. Medical Expenses by Patient Condition 100% 80% 60% 40% 20% 0% % Population % Total Costs

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Telemedicina realtà o buoni propositi.

Telemedicina realtà o buoni propositi. Telemedicina realtà o buoni propositi. Nuove modalità di presa in carico del paziente cronico, il rapporto tra ospedale e territorio e l impatto sulle risorse sanitarie impiegate. Dr. Pier Luigi Bartoletti

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

Progetto Raffaello: valutazione dell efficacia del disease and care management in prevenzione cardiovascolare

Progetto Raffaello: valutazione dell efficacia del disease and care management in prevenzione cardiovascolare 8 CONGRESSO NAZIONALE CARD 2010 La qualità del sistema di assistenza territoriale e il valore delle relazioni per un distretto con-vincente PADOVA Centro Culturale Altinate 16-18 settembre 2010 Progetto

Dettagli

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management AZIENDA SANITARIA LOCALE LECCE L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management ASL LECCE Antonio Metrucci Disease and Care Management Obiettivi: Una partnership pubblico privato tra RegionePuglia,

Dettagli

La Gestione Integrata del Diabete tipo 2

La Gestione Integrata del Diabete tipo 2 La Gestione Integrata del Diabete tipo 2 Anna Vittoria Ciardullo Referente Area distrettuale Azienda USL Modena Direttore Sanitario: Andrea Guerzoni Documenti Regione Emilia Romagna (circolare n.14/2003)

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

DALLA MEDICINA DI ATTESA ALLA MEDICINA DI INIZIATIVA. Apparato cardiocircolatorio: LEONARDO DA VINCI; 1494-95. 95.

DALLA MEDICINA DI ATTESA ALLA MEDICINA DI INIZIATIVA. Apparato cardiocircolatorio: LEONARDO DA VINCI; 1494-95. 95. DALLA MEDICINA DI ATTESA ALLA MEDICINA DI INIZIATIVA Apparato cardiocircolatorio: LEONARDO DA VINCI; 1494-95. 95. AUMENTANO GLI ANZIANI Indice di Vecchiaia nei paesi dell Unione Europea 1997 Prometeo Atlas

Dettagli

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Esami Routine Valori o risultato al Intervento baseline ECG Routine Neg per IVS Programmare Eco in 3-4 mesi (se compatibile

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA

PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA Silvana Manfrini U.O. Diabetologia Equipe Territoriale Mare (M.Marchionni, R.Tarsi,

Dettagli

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco Percorso della gestione integrata della persona con diabete di tipo 2 in Liguria Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco GLI STRUMENTI PER GESTIRE IL PAZIENTE CRONICO: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo aiutano a vivere in maniera ottimalecon la sua malattia:

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

Dott. Umberto Salinas

Dott. Umberto Salinas Gestione Integrata del Paziente Diabetico: sfide aperte e bisogni insoddisfatti Dott. Umberto Salinas Medico di Medicina Generale - Grottaglie Il Diabete nel mondo: un crescente. 2003: 194 milioni 2025:

Dettagli

Percorsi assistenziali, empowerment del paziente e care management: i risultati del Progetto Leonardo

Percorsi assistenziali, empowerment del paziente e care management: i risultati del Progetto Leonardo Percorsi assistenziali, empowerment del paziente e care management: i risultati del Progetto Leonardo Convegno Siti Sezione Triveneto Sesto al Reghena, 4 Dicembre 2009 Andrea Musilli Pfizer Italia Obiettivo:

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

POAT SALUTE 2007 2013 LINEA DI ATTIVITA TRASVERSALE 1. Supporto allo svolgimento delle diverse fasi che accompagnano il ciclo della programmazione

POAT SALUTE 2007 2013 LINEA DI ATTIVITA TRASVERSALE 1. Supporto allo svolgimento delle diverse fasi che accompagnano il ciclo della programmazione UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro per la Coesione Territoriale Ministero della Salute Dipartimento della programmazione e dell ordinamento

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali

Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali Dipartimento tutela della Salute, Politiche sanitarie e sociali PROGETTO PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE (Disease Management del Diabete) Introduzione Il diabete mellito è una patologia

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia

Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia Rif.: 1300001193 Il ruolo del Nuovo Sistema Informativo Sanitario in una sanità che cambia walter bergamaschi D.G. Sistemi Informativi Ministero della Salute Bologna, 13 ottobre 2005 "We need to shift

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

Chronic Care Model esperienze nella regione Lazio

Chronic Care Model esperienze nella regione Lazio Chronic Care Model esperienze nella regione Lazio come è cambiato il metodo di cura per diabete e ipertensione nel 12 Distretto della ASL RmC 05.10.2013 Dr. Pietro Giuliani Punto di partenza Muro del Pianto

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

Candidata: Leny Giuliana De Jesus Jurado Chipana. Relatore: Prof. Saverio Pompili

Candidata: Leny Giuliana De Jesus Jurado Chipana. Relatore: Prof. Saverio Pompili Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Odontoiatria Corso di Laurea A in Infermieristica Sede Policlinico Umberto I Roma Presidente: Prof. Alfredo Antonaci Candidata: Leny Giuliana De Jesus

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca

Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca Ruolo dell infermiere di ricerca nello sviluppo di nuovi farmaci e possibili sfide future Dr.ssa Alessandra Milani Coordinatore Area della Ricerca 1 Fasi sperimentazione nuovi farmaci Fase I :per avviare

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Disease management del Diabete mellito tipo II Art. 9 AIR 2013

Disease management del Diabete mellito tipo II Art. 9 AIR 2013 GUIDA OPERATIVA Disease management del Diabete mellito tipo II Art. 9 AIR 2013 SOMMARIO 1 PAZIENTE ARRUOLABILE... 2 2 PAZIENTE ARRUOLATO RACCOLTA DEL CONSENSO INFORMATO... 4 2.1 Registrare il consento

Dettagli

Il Progetto Michelangelo

Il Progetto Michelangelo Il progetto Michelangelo-PREVASC: risultati della implementazione di un modello di disease e care management in prevenzione cardiovascolare in una ASL di Roma D Amato M, Ricci R, De Gregorio GC, Panfilo

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

Gabriella Levato - FIMMG Lombardia. Esperienze fatte: BuongiornoCReG. #buongiornocreg

Gabriella Levato - FIMMG Lombardia. Esperienze fatte: BuongiornoCReG. #buongiornocreg 2 Gabriella Levato - FIMMG Lombardia Esperienze fatte: BuongiornoCReG #buongiornocreg 3 Dalla delibera al bando.. DGR IX/937 1 DICEMBRE 2010 DETERMINAZIONE IN ORDINE ALLA GESTIONE DEL SERVIZIO SOCIO SANITARIO

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI?

IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? IMPLEMENTAZIONE DEL PDT PER PAZIENTI DIABETICI DI TIPO 2 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE: QUALI RISULTATI? A cura di Antonio Sebastiano, Francesca Scolari e Roberto Pigni Castellanza, 7 febbraio 2013

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

Come assicurare la qualità: Il follow up e la riabilitazione. Gianmauro Numico SC Oncologia, ASO Alessandria

Come assicurare la qualità: Il follow up e la riabilitazione. Gianmauro Numico SC Oncologia, ASO Alessandria Come assicurare la qualità: Il follow up e la riabilitazione Gianmauro Numico SC Oncologia, ASO Alessandria Il rischio di ricaduta 693.000 L Dal Maso Ann Oncol 2014 Quali altri bisogni? Condizioni di distress

Dettagli

Medicina di Genere in Diabetologia

Medicina di Genere in Diabetologia Medicina di Genere in Diabetologia Valeria Manicardi Direttore Unità Internistica Multidisciplinare Osp. Montecchio. Coordinatore Diabetologia Interaziendale AUSL di Reggio Emilia La Medicina di Genere

Dettagli

Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Normativo Compiti della Gruppo di Lavoro Regionale per

Dettagli

Gerardo Medea - Roberto Nardi Area Metabolica / Area Informatica S.I.M.G.

Gerardo Medea - Roberto Nardi Area Metabolica / Area Informatica S.I.M.G. Strumenti dell audit e sua efficacia nel miglioramento del paziente diabetico in Medicina Generale: come leggere e utilizzare i report di Clinical Governance singoli o di gruppo Gerardo Medea - Roberto

Dettagli

Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti?

Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti? Percorsi assistenziali del diabete: un esempio di monitoraggio di un percorso (PDTA) alla portata delle fonti informative correnti? Roberto Gnavi, Giuseppe Costa Università Torino e ASL TO3 del Piemonte

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati Allegato A al Piano operativo Azione 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati PREMESSA Una delle sfide principali dei Servizi Sanitari moderni è quella

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi

Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi Modalità d analisi, limiti e potenzialità del file dati AMD 2004 Fabio Pellegrini, Maria Chiara Rossi Centro Studi e Ricerche AMD Laboratorio di Epidemiologia Clinica del Diabete e dei Tumori Consorzio

Dettagli

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE I GRUPPI DI CURE PRIMARIE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ASL Pavia Dr. Guido FONTANA - Dr.ssa Simonetta NIERI Milano, 21 settembre 2011 GRUPPI DI CURE PRIMARIE Struttura Nel giugno 2004 nell ASL della provincia

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Diabetologia

Dirigente ASL I fascia - Diabetologia INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fois Maria Antonietta Data di nascita 16/08/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI Dirigente ASL I fascia - Diabetologia

Dettagli

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera.

IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. IL REINGRESSO OSPEDALIERO La prospettiva del DEA dell Azienda Ospedaliera. Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 26-27 settembre 2014 Relatore Dr Alessandro Morettini Le riammissioni in Medicina Interna

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE DIRETTORE SCIENTIFICO DEL PROGRAMMA Nome e Cognome Giulio DOVERI Qualifica Responsabile U.B. Diabetologia ed Endocrinologia Sede Ospedale regionale

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO COME STRUMENTO DI PREVENZIONE E TERAPIA La realtà di Parma RELATORE: Alberto Anedda Responsabile ff Unità Operativa Complessa di Medicina dello Sport AUSL PARMA Piano

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013

ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 ATTIVITÀ FISICA E ALIMENTAZIONE NELLA PREVENZIONE E CURA DEL DIABETE Santa Maria di Sala, 3 novembre 2013 Ester Vitacolonna Università «G. d Annunzio» Chieti- Pescara Salute: "Uno stato di completo benessere

Dettagli

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità

Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Convegno regionale FIASO Modelli e risultati nello sviluppo dei servizi territoriali La Medicina di Continuità Roberto Tarquini David Coletta Dipartimento Interaziendale per la Continuità dell Assistenza

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

VI Sessione Modelli organizzativi per le malattie croniche.

VI Sessione Modelli organizzativi per le malattie croniche. VI Sessione Modelli organizzativi per le malattie croniche. Il progetto IGEA in Piemonte: assistenza integrata per le persone con diabete mellito. A.Ozzello ASL TO 3 S.S.V.D. di Diabetologia e Malattie

Dettagli

Diabete: alla ricerca di una vita migliore. Dott.Enrico Ioverno

Diabete: alla ricerca di una vita migliore. Dott.Enrico Ioverno Diabete: alla ricerca di una vita migliore Dott.Enrico Ioverno Quanti diabetici? Health Search 1018 ricercatori ~ 900 ricercatori attivi 700 ricercatori selezionati* * mediante validazionedistribuzione

Dettagli

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014 Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Medicina della complessita IL DIABETE MELLITO VA STUDIATO E GESTITO IN UN OTTICA COMPLESSA E SISTEMICA Medicina

Dettagli

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Maria Chiara Rossi Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale

Dettagli

FPF SINDROME METABOLICA

FPF SINDROME METABOLICA GUIDA OPERATIVA FPF SINDROME METABOLICA Sommario 1 OBIETTIVO... 2 1.1 Metodologia operativa della rilevazione... 2 2 DEFINIZIONE DI PAZIENTE ARRUOLABILE... 2 3 ARRUOLAMENTO PAZIENTI... 4 4 INSERIMENTO

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo SALVATORE ITALIA U.O.S. Endocrinologia e Mal. Metaboliche Azienda Ospedaliera Umberto I Siracusa Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo OBIETTIVI DI UN MODELLO ASSISTENZIALE

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Metabolico Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Agenda Punto Insieme Sanità: Fare Aderenza Obiettivi del Tavolo Metabolico L Aderenza del paziente Diabetico 2 Fare Aderenza

Dettagli

NUOVI MODELLI DI DISEASE MANAGEMENT PER LA PERSONA CON DIABETE

NUOVI MODELLI DI DISEASE MANAGEMENT PER LA PERSONA CON DIABETE NUOVI MODELLI DI DISEASE MANAGEMENT PER LA PERSONA CON DIABETE Dott. Sergio Leotta UOC Dietologia, Diabetologia e Malattie Metaboliche Sandro Perini - Roma BOLOGNA 26-29 Novembre 2014 Premesse Secondo

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO

GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE- TERRITORIO DEL PAZIENTE CON SCOMPENSO CARDIACO CRONICO DEFINIZIONE Lo scompenso cardiaco (SC) può essere definito come una sindrome clinica complessa causata da qualsiasi disordine

Dettagli

Riassunto dell Elaborato Finale

Riassunto dell Elaborato Finale Riassunto dell Elaborato Finale L accompagnamento infermieristico della Persona affetta da Scompenso Cardiaco nella gestione della nuova vita quotidiana, utilizzando l educazione terapeutica, nella fase

Dettagli

Il Progetto Leonardo in Puglia

Il Progetto Leonardo in Puglia AZIENDA SANITARIA LOCALE LECCE CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA ASL Bergamo Sala Lombardia 13 nov. 2009 Convegno SITI Sez. Regione Lombardia Il Progetto Leonardo in Puglia Ambrogio Aquilino, Lina Chiriatti,

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Sandro Gentile Roma, Ministero della Salute 27 settembre 2011 Appropriatezza clinica Appropriatezza diagnostica Obiettivi terapeutici Educazione

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

APP mediche il percorso di regolamentazione del settore. Gianfranco Gensini

APP mediche il percorso di regolamentazione del settore. Gianfranco Gensini APP mediche il percorso di regolamentazione del settore Gianfranco Gensini APP mediche il percorso di regolamentazione del settore la visione della SIT Gianfranco Gensini Presidente SIT (Società Italiana

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Scuola di formazione specifica in medicina di famiglia Congresso SIGG/SIMG Regione Emilia Romagna Bologna 22-Ottobre-2011

Dettagli