The ten top countries in the world have one thing in common

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The ten top countries in the world have one thing in common"

Transcript

1 TRIALS CLINICI SUL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL DIABETE Dott. Nicola Di Lorenzo UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA

2 The ten top countries in the world have one thing in common Basso, Mag 01

3

4

5 Innovation in Surgery A solution for European health and societal challenges OBESITY T2 DIABETES DIABESITY

6 Innovation in Surgery A solution for European health and societal challenges DIABESITY 300 MILLION PEOPLE WORLDWIDE 60 MILLIONS IN EUROPE

7

8 IARC, 2003

9

10 Il minor tasso di mortalità, da qualsiasi causa, tra la popolazione generale, si riscontra per valori di BMI tra 22 e 23.4 nelle donne e 23.5 e 24.9 negli uomini; in giovani non fumatori il Relative Risk per qualsiasi causa di mortalità aumenta per valori di BMI>30 American Cancer Society, New Engl J Med, 1999

11 Mortalità per obesità Rischio di mortalità Cause di mortalità Malattie digestive Malattie polmonari Malattie cardiovascolari Malattie della colecisti Diabete mellito Molto basso Basso Moderato Elevato Uomini Donne BM George A. Bray - Amercan Journal of Clinical Nurition, 1992 I

12 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1985 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

13 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1986 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

14 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1987 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

15 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1988 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

16 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1989 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

17 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1990 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

18 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1991 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

19 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1992 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

20 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1993 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

21 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1994 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

22 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1995 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

23 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1996 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

24 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1997 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

25 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1998 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

26 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 1999 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

27 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 2000 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

28 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 2001 Source: Mokdad A H, et al. J Am Med Assoc 1999;282:16, 2001;286:10.

29 Obesity Trends* Among U.S. Adults BRFSS, 2005 (*BMI 30, or ~ 30 lbs overweight for 5 4 person) No Data <10% 10% 14% 15% 19% 20% 24% 25% 29% 30%

30 EPIDEMIOLOGIA DELL OBESITA (PREVALENZA) SOVRAPPESO OBESITA U.S. S.A. A. 55% 23% Adolescenti obesi 15-25% ITALIA IA 33,1% 9,7% Obesità infantile (Nord Italia) 13,6% Dati ISTAT 2001: World Watch Institute (M 41%, F 25.7%) (M 9.5%, F 9.9%)

31 Prevalence and Trend in Obesity among US Adults. NHANES III NHANES Obesity (BMI 30 kg/m 2 ) - All 22.9 % 30.5 % - Males 20.2 % 27.5 % - Females 25.4 % 33.4 % Extreme Obesity (BMI 40 kg/m 2 ) - All 2.9 % 4.7 % - Males 1.7 % 3.1 % - Females 4.0 % 6.3 % Flegal et al. JAMA 2002;288:1723.

32 Opzioni terapeutiche per l obesità Non chirurgiche Chirurgiche

33 "Ho trovato una dieta eccezionale. puoi mangiare di tutto, ma devi farlo davanti a persone obese e nude". Ed Bluestone

34 Trattamenti non chirurgici dell obesità il 95% torna al peso iniziale precedente il trattamento

35

36 Opzioni terapeutiche per l obesità Non chirurgiche Chirurgiche

37 COMPLICANZE

38 Chirurgia dell obesità 1991 Storia Idea dell intestino corto; bypass digiuno-ileale 1979 Bypass gastrico sec.mason 1986 Gastroplastica sec.mason Diversione biliopancreatica 1993 Bendaggio gastrico ( Kuzmak) NIH consensus panel Laparoscopia

39 Surgery for Morbid Obesity Jejuno-ileal and jejuno-colic bypass

40

41 Prevalence growth by severity of obesity in the Behavioral Risk Factor Surveillance Survey. BMI>30 BMI>35 BMI>40 BMI>45 BMI> % increase Year Sturm R. Arch Intern Med 2003;163:2146.

42 Chirurgia Bariatrica in Italia Dati GILB / RICO Laparoscopia anni

43

44 Estimated Number of Bariatric Operations performed in the United States, (data from ASBS). N Year Steinbrook R. N Engl J Med 2004;350:1075.

45 Trend bariatric surgery Lap Malassorbitivi Open Lap ANNI

46 Trattamento temporaneo dell obesità: il palloncino intragastrico (BIB)

47 Gastroplastica verticale (Mason, MacLean) VGB

48 Bendaggio gastrico regolabile (ASGB)

49 POSIZIONAMENTO

50

51 IL BY-PASS GASTRICO AD Y SEC. ROUX Ideato da un chirurgo americano (Mason) alla fine degli anni 60, ha subito nel tempo numerose modifiche tecniche fino a raggiungere la configurazione attuale negli anni 80 (ad Y)

52

53 Roux-en en-y Gastric By-Pass RY-GBP

54

55 IL BY-PASS GASTRICO LAPAROSCOPICO - Il primo by-pass gastrico per via laparoscopica è stato eseguito nel Attualmente nella maggior parte dei Centri il by-pass gastrico viene eseguito per via laparoscopica

56 ROUX-EN-Y GASTRIC BY-PASS RYGB

57 Altre procedure By-pass gastrico Funzionale - FGB dott. F. Furbetta Obes. Surg. 2002, 12: 6 pag

58 SLEEVE GASTRECTOMY - OTTIMI RISULTATI NEL BREVE TERMINE - FOLLOW-UP ANCORA INSUFFICIENTE Obes Surg 2007; 17,

59 BPD con Duodenal Switch (DS) BPD+DS

60 Lap Band + Scopinaro Band-Inaro Altre procedure Le journal de Coelio-chirurgie N 38 Juin 2001 pgg.33-35

61 INDICAZIONI La chirurgia bariatrica è indicata in soggetti con obesità stabilizzata e BMI >40 (od a 35 con patologie associate), nei quali i tentativi di terapia medica siano falliti. Monteforte et al. Obes Surg 2000

62 Obesity Surgery Università degli studi di Roma Tor Vergata

63

64 ANCHE SE.. L uso del cloroformio ha consentito a qualsiasi deficiente di fare il chirurgo G.B.Shaw

65 Prospettive del trattamento endoluminale e transluminale dell obesità Chirurgia dei ciccioni

66 Prospettive del trattamento endoluminale e transluminale dell obesità Trattamento della sindrome metabolica

67 PUBBLICAZIONI SUI BENEFICI DELLA TERAPIA CHIRURGICA DELL OBESITA NEL RIDURRE MORTALITA E MORBILITA NV Christou, JS Sampalis, M Liberman, D Look, S Auger, APH McLean and LD MacLean. Surgery decreases long-term mortality, morbidity, and health care use in morbidly obese patients. Annals of Surgery 2004;240: L Sjostrom, A-K Lindroos, M Peltonen et al. for the Swedish Obese Subjects Study Scientific Group. Lifestyle, diabetes, and cardiovascular risk factors 10 years after bariatric surgery. New England Journal of Medicine 2004;351: H Buchwald, Y Avidor, E Braunwald, MD Jensen, W Pories, K Fahrbach, K Schoelles. Bariatric Surgery. A systematic review and meta-analysis. Journal of American Medical Association 2004;292:

68 Surgery decreases long-term mortality and morbidity in morbidly obese patients. Surgery Controls RR - Cancer 2.03 % 8.49 % Cardiovascular 4.73 % % Endocrinological 9.47 % % Musculoskeletal 4.83 % % Psychiatric 4.35 % 8.20 % Respiratory 2.71 % % Mortality 0.68 % 6.17 % 0.11 Christou et al. Ann Surg 2004;240:416

69 Swedish Obese Subjects (SOS) Study 5 0 Weight Change (%) controls Banding VBG GBP Years of Follow-up Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

70 Recovery from Diabetes, Hypertension and Hyperuricemia among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 100 Recovery (% of subjects) controls surgery 0 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Diabetes Hypertension Hyperuricemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

71 Incidence of Diabetes, Hypertension and Hyperuricemia among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 60 Incidence (% of subjects) Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Diabetes Hypertension Hyperuricemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia controls surgery Sjostrom et al. NEJM 2004;351:2683

72 Percent of patients with diabetes, dyslipidaemia or hypertension at baseline with normalisation after LAP-BAND, according to quartiles of percent weight loss * * * *** I ( %) II (11,0-16,8%) III (16,8-24,5%) IV (24,5-56,8%) 0 DM CHOL HDL TG HPT Busetto et al. Obes Res 2004;12:1256

73 Bariatric Surgery Meta-analysis Short-term effects on Diabetes. Diabetes Course Resolved Improved - Total 76.8 % 86.0 % - Gastric Banding 47.9 % 80.8 % - Gastroplasty 71.6 % 90.8 % - Gastric Bypass 83.7 % 93.2 % - BPD or DS 98.9 % 76.7 % Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724

74 Bariatric Surgery Meta-analysis Short-term effects on Hypertension. Hypertension Resolved Improved - Total 61.7 % 78.5 % - Gastric Banding 43.2 % 70.8 % - Gastroplasty 69.0 % 85.4 % - Gastric Bypass 67.5 % 87.2 % - BPD or DS 83.4 % 75.1 % Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724

75 Recovery from Diabetes, Hypertension and Hyperuricemia among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 100 Recovery (% of subjects) controls surgery 0 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Diabetes Hypertension Hyperuricemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

76 Incidence of Diabetes, Hypertension and Hyperuricemia among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 60 Incidence (% of subjects) Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Diabetes Hypertension Hyperuricemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia controls surgery Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

77 Correlation coefficients between % changes of blood pressure levels and % weight loss months after gastric banding. Weight losers Weight Stable Weight gainers (n = 296) (n = 136) (n = 183) SYSTOLIC BP * * DIASTOLIC BP * * Busetto et al. Obes Res 2004;12:1256

78 Recovery from Lipid Disturbances among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 100 Recovery (% of subjects) controls surgery 0 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

79 Incidence of Lipid Disturbances among subjects in the SOS Study over 2- and 10-year periods. 50 Incidence (% of subjects) controls surgery 0 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr 2 Yr 10 Yr Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Hypertriglyceridemia Low HDL-Cholesterol Hypercholesterolemia Sjostrom et al. NEJM 2004; 351:2683

80 Per ogni paziete obeso la perdita di 7 Kg di peso consentirebbe un risparmio di 390 euro/anno solamente in farmaci Prof. Michele Carruba Direttore del Laboratorio di Ricerche sull Obesità ISTITUTO AUXOLOGICO ITALIANO

81 Bariatric Surgery Meta-analysis Short-term effects on Dyslipidemia. Lipid levels (mmol/l) HDL TG - Total Gastric Banding Gastroplasty Gastric Bypass BPD or DS Buchwald et al. JAMA 2004;292:1724

82 TRATTAMENTI CHIRURGICI Risoluzione diabete tipo II Procedure restrittive 40%-70% By pass gastrico ad Y sec Roux 80%-98% Diversione bilio-pancreatica 92%-100%

83 RYGB E BPD IN PZ OBESI E NON OBESI,DIMOSTRANO CHE: L ESCLUSIONE DEL DUODENO E DEL DIGIUNO DAL TRANSITO DEL CIBO ASSOCIATO AD UNA RIDUZIONE DEL VOLUME GASTRICO,PUO AVERE UN IMPATTO DIRETTO SULL OMEOSTASI DEL GLUCOSIO PLASMATICO. RIDUZIONE DEL BMI V.Cohen,F.Rubino et Al.-SURGERY FOR OBESITY AND RELATED DISEASES(2007)

84 L EFFETTO ANTIDIABETICO DELLA CHIRURGIA PUO ESSERE CAUSATO DALLA PERDITA DI PESO? SI UNA RIDUZIONE DELL INTAKE CALORICO RIDUCE LA TOSSICITA DEGLI ACIDI GRASSI SULLE CELL. B PANCREATICHE; MIGLIORA LA SENSIBILITA PERIFERICA ALL AZIONE DELL INSULINA; Nel LAP-BAND lo stato euglicemico e raggiunto nel corso dei mesi,in relazione alla perdita di peso HARRISON ET AL.

85 2004(RUBINO AND MARESCAUX): BY-PASS DUODENO-DIGIUNALE(DJB) : L ESCLUSIONE DI DUODENO E DIGIUNO,SENZA RIDUZIONE DEL VOLUME GASTRICO RISOLVEVA IL DIABETE TIPO II SENZA RIDUZIONE DEL BMI SENZA RIDUZIONE DELL INTAKE CALORICO,, IN CAVIE NON OBESE. F.Rubino et al.-effect of duodenal-jejunal exclusion in a non-obese obese animal model of type 2 diabetes:a new perspective for an old disease-ann SURG 2004

86 LO STATO EUGLICEMICO, NEI PZ OPERATI CON RYGBP, SI OTTIENE GIA DALLA PRIMA SETTIMANA PRIMA CHE SI RIESCA AD OTTENERE UN SIGNIFICATIVO CALO PONDERALE; Schauer et al.-effect of laparoscopic Roux-en Y gastric bypass on type 2 Diabetes Mellitus.-ANN SURG 2003 Pories WJ-Diabetes:The evolution of a new paradigm.-ann SURG 2004

87 OBESITA DIABETE II RECENTEMENTE(COHEN et AL.) 37 pz CON DIABETE TIPO II,BMI 32-35: 35: EUGLICEMICI DOPO RYGB; F.RUBINO et Al.(2007) 2 pz CON DIABETE TIPO II,BMI <35kg/m2,SOTTOPOSTI A BY-PASS DUODENO-DIGIUNALE; DIGIUNALE; follow-up 9 mesi: EUGLICEMICI RIDUZIONE Hb1Ac% AUMENTATA SECREZIONE INSULINICA STESSO PESO Duodenal-jejunal bypass for the treatment of type2 Diabetes in patients with BMI of 22-34kg/m²:a report of 2 cases- Surgery for Obesity and related diseases(2007)

88 BY-PASS DUODENO-DIGIUNALE

89 RISOLUZIONE CHIRURGICA DEL DIABETE TIPO II POSSIBILI MECCANISMI: ESCLUSIONE DUODENO-DIGIUNALEDIGIUNALE

90 IL TRATTAMENTO DI PZ OBESI HA CONSENTITO LA GUARIGIONE DAL DIABETE TIPO II: >84% pz RYGB >95% pz BPD 48% pz LAP-BAND(lo stato euglicemico e stato raggiunto nel corso dei mesi,in relazione alla perdita di peso) Buchwald et al. Bariatric Surgery:a systematic review and meta- analysis.jama 2004

91 POSSIBILI MECCANISMI: BY-PASS DUODENO-DIGIUNALEDIGIUNALE FOREGUT HYPOTESIS : L ARRIVO DEL CIBO NEL DIGIUNO DISTALE DETERMINA UNA AUMENTATA SECREZIONE, DA PARTE DI CELLULE L ILEALI E COLICHE,DI ORMONI PEPTIDICI CHE POSSONO AVERE UN EFFETTO ANTIDIABETICO ED ANORESSIZZANTE GLP-1: glucacon-like like peptide 1 PEPTIDE YY OXINTOMODULINA Questi ormoni sembrano essere coinvolti nell aumentare la secrezione insulinica,migliorare la sua sensibilita periferica ed nel diminuire l appetito.

92 SECONO LA FOREGUT HYPOTHESIS: IL CONTATTO PRECOCE DEL CIBO CON LA MUCOSA ILEALE, INNESCHEREBBE MECCANISMI DI AUMENTATA SECREZIONE ORMONALE CAPACI DI OTTENERE UNA NORMALIZZAZIONE DELLA GLICEMIA. IPOTESI CONFERMATA DALL ESECUZIONE DI TRATT.CHIRURGICI DI INTERPOSIZIONE DI ANSA ILEALE, SUCCESSIVAMENTE AI QUALI SI ASSISTE AD UNA AUMENTA PRODUZIONE DI ORMONI PEPTIDICI(GLP-1,PEPTIDE YY,OXINTOMODULINA) Sclafani A., Koopmans HS-Control of body weight by lower gut signals INT J OBES 1981

93

94

95 Prospettive del trattamento endoluminale e transluminale dell obesità PROCEDURE ENDOLUMINALI Università degli studi di Roma Tor Vergata

96 Gastric restriction patents

97 Endoluminal technology for obesity Bariatric sleeve GI Dynamics

98 First human experience with an endoscopic duodenal-jejunal bypass sleeve Rodriguez, Alamo et al. Santiago (Chile), Sao Paulo (Brasil), Boston (USA) Video presentation at ASBS (San Diego, June 2007)

99

100

101

102 Prospettive del trattamento endoluminale e transluminale dell obesità VALENTx BREVETTI Università degli studi di Roma Tor Vergata

103 ValenTx Endo-Bypass System Roux-en-Y Gastric Bypass ValenTx Endo Bypass

104 Endo Bypass Sleeve

105 Elevate Water Jet Swing both sides

106

107 Implantable gastric bypass (I-GBY): Treatment concept and specific features The goal of the research and development is an endoscopic gastric bypass operation, which is significantly less invasive, safer, adjustable to the needs of the patient, and entirely reversible. x Therapeutic efficiency of gastric bypass through scalable implant solution Endoscopy of stomach possible after procedure No dissection or division of stomach, no Roux-Y Fewer side-effects through residual food passage Implant removable / exchangeable via gastroscopy Improved durability of therapeutic effect Minimal alteration to anatomy, (no Roux-Y anastomosis) Entirely reversible *Braun-anastomosis * Quick and easy operative procedure Therapeutic effect adjustable by gastroscopy Fewer wounds / less surgical trauma For patients who fear lifelong bypass and who want to control their therapy Scheme drawing of the operative result (Micro-lap I-GBY)

108 Implantable gastric bypass (I-GBY): Status of research and development (4) Due to adaptation of the implants to the tissue and anatomical condition further animal trials were performed. Potential refinements of implant shape, material properties and implantation procedure were detected. Exploratory study focusing interaction between anatomical condition and implant Without implant With implant

109 POTREBBE ESSERE L ESCLUSIONE DELLA PRIMA PORZIONE INTESTINALE IL POSSIBILE MECCANISMO? Il transito di cibo nel duodeno e digiuno Secrezione ormoni glucosio-dipendenti responsabili della regolazione insulinica Inibizione Secrezione

110 ESLUSIONE DUODENO-DIGIUNALEDIGIUNALE Nel pz diabetico prevale la secrezione degli inibitori insulinici L esclusione del transito riduce la secrezione di entrambi gli ormoni (inibitori e stimolatori) migliorando nei diabetici la secrezione insulinica. Rubino F.-Effect of duodenal-jejunal exclusion in a non-obese obese animal model of type 2 diabetes:a new perspective for an old disease.ann Surg Rubino F. et Al-The mechanism of diabetes control after gastrointestinal bypass surgery reveals a role of the proximal small intestine in the pathophysiology of type 2 diabetes-ann Surg 2006

111

112

113 STUDIO PROPOSTO DA NICOLA SCOPINARO.Si tratterà dunque di uno studio randomizzato di 100 casi di BPD e 100 casi di GBP, con 100 o 200 casi di controllo che saranno appaiati ( o ) ma non randomizzati, tutti seguiti per cinque anni. I dosaggi di insulina e c-peptide dovranno essere centralizzati nel laboratorio di Pisa, e questo comporterà un grosso sforzo per il nostro sponsor, che sarà però ridotto dalla proposta seguente. Poiché alcuni di voi mi hanno chiesto che lo studio sia il più possibile semplice, abbiamo deciso con Ferrannini di offrirvi degli studi modulari, che andranno dal più semplice, che potrebbe anche consistere nel solo monitoraggio della glicemia a digiuno e dell'emoglobina glicata, al più complesso, che prevederà una curva da carico di glucoso endovenoso, una da carico di glucoso orale e una da pasto misto

114 BPD MODIFICATA

115 POTREMO RISOLVERE UNA PATOLOGIA CHE NEL 2025 AFFLIGGERA 330 MILIONI DI INDIVIDUI?

116

117 SOLO GLI IMBECILLI NON SONO GOLOSI (Guy de Maupassant)

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe LA GESTIONE DELLA GLICEMIA POSTPRANDIALe Sito Internet Il presente documento è disponibile su www.idf.org. Referente e bibliografia correlata dell IDF Referente: Professor Stephen Colagiuri, Boden Institute

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006

un epidemia silente con immensi costi umani, sociali ed economici Laoura Lazouras, a nome del Gruppo dei 77, Nazioni Unite, 2006 Considerando la diffusione che il diabete sta avendo anche nei Paesi in via di sviluppo, si può prevedere che tra 5 anni non ci saranno più risorse sufficienti al mondo per poter contenere questo grave

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica Monica Pierattelli Pediatra di Famiglia & Federico Vassanelli 16 anni Possiamo finire così: per l età pediatrica vale tutto quello che abbiamo

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli