PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI"

Transcript

1 PARAGRAFO RIVISTA DI LETTERATURA & IMMAGINARI

2 Paragrafo Rivista di Letteratura & Immaginari pubblicazione periodica coordinatore FRANCESCO LO MONACO Redazione FABIO CLETO, DANIELE GIGLIOLI, MERCEDES GONZÁLEZ DE SANDE, FRANCESCO LO MONACO, FRANCESCA PASQUALI, VALENTINA PISANTY, LUCA CARLO ROSSI, STEFANO ROSSO, AMELIA VALTOLINA Segreteria di Redazione STEFANIA CONSONNI Ufficio 211 Università degli Studi di Bergamo P.za Rosate 2, Bergamo - tel: / web: webmaster: VICENTE GONZÁLEZ DE SANDE La veste grafica è a cura della Redazione La responsabilità di opinioni e giudizi espressi negli articoli è dei singoli collaboratori e non impegna la Redazione Questo numero è pubblicato con il contributo del Dipartimento di Lettere, Arti e Multimedialità Università degli Studi di Bergamo ISBN Sestante Edizioni / Bergamo University Press Via dell Agro 10, Bergamo tel fax web: Stampato da Stamperia Stefanoni - Bergamo

3 Paragrafo IV (2008) Sommario INCONTRI 1. GIOVANNI SOLINAS, La critica tra dialogo e conflitto. Conversazione con Romano Luperini 9 FIGURE 2. NICCOLÒ SCAFFAI, Fortuna e sfortuna di un poeta editore. Inediti di Domenico Buratti 3. PAOLA DI MAURO, Da dandy. L intellettuale dada contro la guerra 4. GABRIELE BUGADA, La pazzia del tiranno. Ritratti di un potere bandito QUESTIONI 5. LUIGI MARFÉ, In viaggio con Erodoto. Appunti per una tipologia dell anti-turismo contemporaneo 6. GIANPAOLO IANNICELLI, Tra le crepe della memoria. Dinamiche e criticità del processo di trasmissione del passato STERNIANA 7. STEFANIA CONSONNI, Schemi di costruzione spaziale del tempo in Tristram Shandy 8. STEFANO A. MORETTI, Quell inquieto calesse. Deviazioni spaziotemporali in Laurence Sterne e Prosper Mérimée I COLLABORATORI DI QUESTO NUMERO NUMERI ARRETRATI

4 3 Paola Di Mauro Da dandy L intellettuale dada contro la guerra Neujahr 1915: A bas la guerre Hugo Ball, Die Flucht aus der Zeit, 1931 La guerra a cui non volevamo credere è scoppiata [ ]. Non soltanto è più sanguinosa e rovinosa di ogni guerra del passato [ ] ma è anche perlomeno tanto crudele, accanita, spietata, quanto tutte le guerre che l han - no preceduta. Essa infrange tutte le barriere riconosciute in tempo di pace e costituenti quello che si diceva il diritto delle genti, disconosce le prerogative del ferito e del medico, non distingue fra popolazione combattente e popolazione pacifica, viola il diritto di proprietà. Abbatte quanto trova sulla sua strada con una rabbia cieca e come se dopo di essa non dovesse più esservi avvenire e pace fra gli uomini. Spezza tutti i legami di comunità che possono ancora sussistere fra i popoli in lotta e minaccia di lasciar dietro di sé un tale rancore da rendere impossibile per molti anni una loro ricostituzione. 1 Nel celebre scambio epistolare con Einstein, riflettendo circa l in sop pri - mibilità degli istinti aggressivi umani che avevano portato al conflitto mondiale, Freud affermava: Non si tratta [ ] di abolire completamente l aggressività umana; si può cercare di deviarla al punto che non debba trovare espressione nella guerra. 2 In altre parole, era necessario ricorrere all antagonista di questa pulsione: l Eros, 3 affinché dall equilibrio generato dall interazione tra spinte distruttive ed erotiche si ricostituissero le- 1 Sigmund Freud, Zeitgemässes über Krieg und Tod (1915), trad. it. di Cesare Musatti, Considerazioni attuali sulla guerra e la morte, in Id., Perché la guerra? Carteggio con Einstein e altri scritti, Torino: Bollati Boringhieri, 1975, pp Albert Einstein e Sigmund Freud, Warum Krieg? Ein Briefwechsel (1933), trad. it. di Ermanno Sagittario, Perché la guerra?, ivi, p Ibidem. PARAGRAFO IV (2008), pp

5 56 / PAOLA DI MAURO gami emotivi, unica chance di sopravvivenza per l umanità condannatasi, volontariamente, all autodistruzione. Come noto, la risoluta posizione dei due scienziati non è rappresentativa dell entourage culturale dell epoca, testimoniato piuttosto dal famigerato appello dei novantatre, 4 l indecoroso manifesto sottoscritto da note personalità del mondo intellettuale e accademico tedesco allo scopo di giustificare la violazione del diritto internazionale attuato dalla Germania. Rileva amaramente Reinhart Meyer: all intelligenza tedesca, soprattutto a quella accademica, era stata data la possibilità, al più tardi nella guerra e nel dopoguerra, di imparare. Ma tranne alcune eccezioni essa si mise sempre, anche dopo la guerra, dalla parte del capitale, del potere. 5 Riappare con ciò lo spettro di un Sonderweg calcato dagli intellettuali tedeschi che, scegliendo sostanzialmente un ruolo di conservatorismo e di consenso all establishment politico, confermarono, anche in tali circostanze, un endemica incapacità critica nei confronti del potere costituito. Al contrario, arte e letteratura divennero strumenti di propaganda con cui professori, poeti, scrittori e critici, dimenticando la loro naturale attitudine al pacifismo, alimentarono il furor populi guerrafondaio. Tra di essi, secondo Miklavž Prosenc, Klabund scriveva liriche da guerra. Karl Kraus, almeno ancora nel novembre 1914, salutava la guerra [ ] come la grande epoca, Richard Dehmel, Ernst Lissauer e Richard Nordhausen ottenevano all inizio del 1915 medaglie imperiali per meriti patriottici, e professori delle università tedesche pubblicavano testi programmatici con motti patriottici in versi. 6 Il fatto che solamente nel 1915 si contino quattrocentocinquanta antologie di liriche inneggianti all interventismo, 7 conferma l acuta osservazione di Cesare Cases sull entusiastica adesione alla guerra da parte degli esponenti degli sperimentalismi artistici tedeschi: Quando scoppiò la guerra mondiale, vociani e futuristi, espressionisti e neoclassici, bergsoniani e positivisti, nietzschiani e crociani, sindacalisti e forcaioli la salutarono come un esplosione necessaria e liberatrice, per cen- 4 Il testo dell appello lanciato il 4 ottobre 1914 è riportato e commentato da Luciano Canfora, Intellettuali in Germania tra reazione e rivoluzione, Bari: De Donato, 1979, pp Reinhart Meyer, Dada in Zürich und Berlin. Literatur zwischen Revolution und Reaktion, Regensburg: Scriptor, 1973, p. 15. Laddove non altrimenti indicato, la traduzione è mia. 6 Miklavž Prosenc, Die Dadaisten in Zürich, Bonn: Bouvier, 1967, p Cfr. Wolfgang Paulsen e Helmut G. Hermann (a cura di), Sinn aus Unsinn. Dada International, Bern: Francke, 1982, p. 88.

6 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 57 to ragioni diverse, ma con una convergenza di fondo di cui solo oggi forse si comincia a riconoscere pienamente il significato senza farsi più illusioni sulle scarse riserve o sulle scarse eccezioni. [La] guerra non era altro che la conferma di una fine del mondo che poeti ed artisti portavano già in sé. 8 Noto è lo zelo interventista con cui, all interno di tale congerie artisticoletteraria, i marinettiani affermarono la nascita di una nuova estetica del bello e della guerra. Seguendo la visione del tecnicismo razionalistico come soddisfacimento artistico, l umanità avrebbe dovuto vivere il proprio annientamento come un godimento estetico di prim ordine. 9 Così Walter Benjamin: Nel manifesto di Marinetti per la guerra coloniale d Etiopia si dice che da vent anni i futuristi si oppongono a che la guerra venga definita come antiestetica. Pertanto asseriscono: [ ] la guerra è bella, perché grazie alle maschere antigas, ai terrificanti megafoni, ai lanciafiamme, ed ai piccoli carri armati fonda il dominio dell uomo sulla macchina soggiogata. La guerra è bella perché inaugura la sognata metallizzazione del corpo umano. 10 Se non altro, questo manifesto, potremmo constatare assieme a Benjamin, ha il vantaggio di essere chiaro. 11 Dai glorificatori della guerra si distinguevano i dadaisti, rappresentanti di quelle scarse riserve immaginate da Cases, che non si rivolsero, nemmeno sporadicamente, al fiat ars pereat mundus loro contemporaneo. Basti pensare a definizioni quali la ripugnante meccanicistica visione del mondo 12 o alla veemenza con cui Hugo Ball, un antesignano del Dada zurighese, si scagliava contro la desacralizzante civiltà delle macchine: La necrofilia moderna. Credere alla materia è come credere alla morte. Il trionfo di questo tipo di religione è un orrenda devianza. La macchina conferisce una specie di vita apparente alla morta materia Cesare Cases, Arte e letteratura tra le due guerre (1970), in Id., Il testimone secondario. Saggi e interventi sulla cultura del Novecento, Torino: Einaudi, 1985, pp Walter Benjamin, Das Kunstwerk im Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkeit (1955), trad. it. di Enrico Filippini, L opera d arte nell epoca della sua riproducibilità tecnica. Arte e società di massa, Torino: Einaudi, 2000, p Ivi, p Ibidem. 12 Richard Huelsenbeck e Tristan Tzara, Dada siegt. Bilanz und Erinnerung, Hamburg: Nautilus, 1985, p Hugo Ball, Die Flucht aus der Zeit (1931), Luzern: Stocker, 1946, p D ora in avanti la sigla FZ farà riferimento a questo volume.

7 58 / PAOLA DI MAURO Mai i dadaisti presero parte a proclami apologetici di guerra, indignandosene, invece, e disprezzandola come espressione parossistica della meccanicizzazione disumanizzante del mondo: La guerra si basa su di un errore grossolano, diceva Ball, scambia le persone con le macchine. Si dovrebbero decimare le macchine al posto delle persone (FZ, p. 30). Sin dagli esordi zurighesi, essi si distinsero come intellettuali disorganici rispetto al gruppo sociale dominante, 14 giudicando la Germania responsabile in primis dello scatenarsi del conflitto bellico: Eravamo d accordo sul fatto che la guerra dei singoli governi fosse stata tramata dai più bassi e materialistici motivi di gabinetto. [Non] abbiamo avuto timore di dire talvolta anche ai filistei zurighesi grassi e ottusi, che consideravamo loro come dei maiali e gli imperatori tedeschi come i responsabili della guerra. 15 Nonostante sia significativo il debutto del Dada nell atmosfera compressa della Zurigo neutrale, allora occupata da un esercito internazionale di rivoluzionari, riformatori, poeti, pittori, musicisti, filosofi, politici, e apostoli della pace, 16 i dadaisti disdegnavano il pacifismo generalmente umanitario degli altri esuli svizzeri: Non erano pacifisti del tipo di Roman Rolland, anche lui rifugiato in quel tempo in Svizzera, precisa Sandro Volta, ma gente in rivolta contro tutte le menzogne dell ordinamento sociale, di cui la guerra era soltanto la conseguenza. 17 In altre parole, vedevano il conflitto bellico come parossistica evoluzione del più generale decadimento del sistema capitalistico annunciato nei contemporanei proclami bolscevichi. Al contempo però, la presenza di Lenin a Zurigo, che da lì a poco avrebbe compiuto il celebre viaggio in treno verso Leningrado, non suscitò entusiasmi negli artisti della porta accanto. Il capo bolscevico, infatti, risiedeva al 14 Antonio Gramsci, Gli intellettuali e l organizzazione della cultura (1949), Torino: Einaudi, Tra tutti, solo Ball, per poco, sarà interventista, come sappiamo da Steinke, che commenta così il temporaneo traviamento: colto da un attacco di fervore patriottico, si arruolò volontario. Gerhard Edward Steinke, The Life and Work of Hugo Ball: Founder of Dadaism, The Hague: Mouton, 1967, p Richard Huelsenbeck (a cura di), Dada. Eine literarische Dokumentation, Reinbek: Rowohlt, 1984, p D ora in avanti la sigla DLD farà riferimento a questo volume. 16 Hans Arp, Unsern täglichen Traum Erinnerungen, Dichtungen und Betrachtungen aus dem Jahren (1955), Zürich: Die Arche, 1995, p Sandro Volta, Prefazione, in Tristan Tzara, 7 Dada Manifeste (1918), trad. it. a cura di Sandro Volta, Manifesti del dadaismo e lampisterie, Torino: Einaudi, 1964, p. 17.

8 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 59 numero sei di quella stessa Spiegelgasse del Cabaret Voltaire dove i dada continuavano, indisturbati e indipendenti, le loro attività (DKA, p. 14): Strani accadimenti: mentre a Zurigo, nella Spiegelgasse 1, c era un Cabaret, abitava di fronte a noi nella stessa Spiegelgasse al numero 6, se non vado errando, il signor Ulianow-Lenin. Egli dovette sentire ogni sera le nostre musiche e le nostre tirate, non so se con gioia e vantaggio. Il Dadaismo, come segno e gesto, è il contrario del Bolscevismo? (FZ, p. 163) Nel caffè Terrasse di Zurigo Tzara e Lenin si riunivano per giocare a scacchi; pare inoltre che il rivoluzionario russo assistesse alle soirée dalla finestra del suo appartamento nella Spiegelgasse. 18 Come conciliare questa descrizione di felice convivenza con quella di Schwarz che riferisce di un Lenin così infastidito dagli spettacoli dada da allertare la polizia? 19 Di fronte a congetture così discordanti, sui rapporti tra i bolscevichi dell arte e quelli della politica, verosimile è l ipotesi di una reciproca cordiale indifferenza. 20 Indifferente la società zurighese lo era verso i bolscevichi, che colti e tranquilli progettavano la rivoluzione mondiale (DKA, p. 14), mentre con preoccupazione guardava ai dadaisti. I zurighesi non avevano nulla contro Lenin, poiché non era provocatorio. Invece il Dada li indignava. [ ] Il borghese vedeva nel dadaista un mostro dissoluto, un rivoluzionario scellerato, un asiatico scostumato. 21 Alla domanda se il Dada zurighese fu movimento politicizzato, risponde la scarsa eco che in esso ebbero gli avvenimenti politici contemporanei. Come evidenziato da Hugnet, nel 1917, al momento dell immane crollo dello zarismo, Dada organizzava esposizioni e conferenze sull espressionismo e l arte astratta. 22 Come si giustifica, ad esempio, che la Conferenza socialista internazionale di Zimmerwald (1915) non venga nemmeno menzionata? Della famosa assemblea svizzera non vi è traccia negli scritti dei dada; né essi presero mai parte a forme organizzate di protesta: anche la notizia di una presunta associazione di scrittori rivoluzio- 18 Ibidem. 19 Arturo Schwarz, Lo spirito dadaista, in Stefano Cecchetto e Elena Cardenas Malagodi (a cura di), Dada a Zurigo. Cabaret Voltaire , Milano: Mazzotta, 2003, p Georges Hugnet, L aventure Dada, (1971), trad. it. a cura di Giampiero Posani, Per conoscere l avventura dada: , Milano: Mondadori, 1977, p Hans Arp, op. cit., p Georges Hugnet, op. cit., p. 24.

9 60 / PAOLA DI MAURO nari fondata da Hans Richter nel 1919, viene smentita leggendo il memorandum dell avanguardista berlinese. 23 In definitiva, il gruppo fu contraddistinto da un certo velleitarismo: Il Dadaismo nasce e si sviluppa, dunque, con una fortissima carica antiborghese, fondamentalmente antiautoritaria e anarchica, incapace di prendere coscienza, al di là del gesto esemplare e del culto incondizionato della libertà individuale contro ogni forma di super io, della dialettica concreta della lotta di classe e di identificarsi, oltre al solidarismo, nella classe operaia e nelle sue organizzazioni storiche. 24 Tuttavia, la composizione internazionale del Dada zurighese era una caratteristica che, di per sé, si opponeva ai nazionalismi guerrafondai: I movimenti artistici immediatamente precedenti la prima guerra mondiale, precisa Rubin, avevano avuto in generale un carattere nazionale, e nel promuovere consapevolmente un arte che non tenesse conto dei confini, Dada divenne il primo movimento programmaticamente internazionale di pittori e scultori. 25 Tale caratteristica si rispecchiò nell allestimento di eventi artistici, come le soirées francesi e russe di musica, danza e poesia (DKA, p. 13), o negli sperimentalismi poetici: si pensi alle versioni gemelle del componimento plurilingue di Tzara Per fare una poesia dadaista, o alla poesia di Huelsenbeck, Janco e Tzara L ammiraglio cerca una casa da affittare, recitata simultaneamente in tedesco, inglese e francese. All interno del Cabaret Voltaire, quasi simbolo di una koinè plurima e sopranazionale e baluardo contro la virtus e la purezza germanica, 26 si respiravano particolari atmosfere danubiane. Come dimenticare, tra le curiose etimologie dell espressione diadica, quella basata sulla forma affermativa delle lingue slave: da-da? 27 Fu lo slavismo, rappresentato, tra 23 Hans Richter, Dada-Kunst Antikunst, Köln: DuMont, 1999, p. 45. D ora in poi la sigla DKA farà riferimento a questo volume. 24 Giampiero Posani, Introduzione, in Tristan Tzara, 7 Dada Manifeste (1918), trad. it. di Ornella Volta, Manifesti del dadaismo e lampisterie, a cura di Giampiero Posani, Torino: Einaudi, 1990, p. xxxiii. D ora in poi la sigla MDL farà riferimento a questo volume. 25 William S. Rubin, Dada and Surrealist Art (1968), trad. it. di Domenico Tarizzo, L arte dada e surrealista, Milano: Rizzoli, 1972, p Claudio Magris, Danubio (1986), Milano: Garzanti, 1999, p Così Richter: il nome Dada per il nostro movimento aveva rapporti di parentela con le forme affermative slave da, da (DKA, p. 30). Sull etimologia della parola dada cfr. Paola Di Mauro, Antiarte Dada, Acireale-Roma: Bonanno, 2005, pp

10 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 61 l altro, fisicamente dai rumeni Tzara e Janco e dal pittore ucraino Slodki, a determinare l identità vitalistica del movimento, quella paradossale joie de vivre slava come tradizionale controcanto alle incessanti guerre. Pomiràt tak s mùzykoj : se si deve morire, recita il noto proverbio russo, meglio con la musica. Nel ricordo mi sembra quasi idilliaca, 28 avrebbe detto più volte Arp, ripensando a Zurigo. La definizione è eloquente. Di fronte all imperversare della guerra, le percezioni dell isolamento zurighese quale condizione privilegiata e della città svizzera come idillio sicuro, ridimensionano la leggenda del Dada come movimento artistico-letterario engagée. Anche il controverso appellativo di Kerndadas, 29 chiamato a designare l autenticità del gruppo di Zurigo, secondo le intenzioni apolitiche dello scrittore di Hannover, ne mette in luce un tratto significativo. In tale contesto, si inquadrano le relazioni privilegiate con gli anarchici. Ball, in diretto contatto con Bakunin, Kropotkin, Landauer e Mereschkoski, definiva l anarchismo principio politico vicino al Dada: premessa è il credo rousseauiano nella bontà naturale dell essere umano e all ordine immanente della natura primigenia (FZ, p. 25). L utopismo anarchico, conciliabile con le nuances chimeriche del Dada zurighese, sarebbe stato caldeggiato anche da Serner e Tzara: Ball, Serner, Tzara e Richter erano necessariamente coinvolti nei dibattiti dell internazionale anarchica che si diffondevano attraverso la stampa, se non addirittura direttamente informati da Brupbacher. 30 Tuttavia, lo stesso Ball si mantenne sempre a rassicurante distanza da concrete imprese sovversive, precisando: Mai darei il benvenuto al caos, mai getterei bombe, farei saltare ponti e mai potrei sbarazzarmi delle idee. Non sono un anarchico (FZ, p. 26). In effetti: Non si tratta di valutare i dadaisti sulla base dell anarchismo, di evidenziare il loro interesse alle idee sociali o alle utopie come indizio di impegno politico, bensì [ ] del patrimonio ideale anarchico, che i dadaisti certamente conoscevano, e che doveva essere penetrato quale componente indispensabile nel concepimento artistico del Dada Hans Arp, op. cit., p. 59 (corsivo mio). 29 Schwitters usava l appellativo di Kerndadas, i dada autentici, per distinguere il gruppo di Zurigo, dedito all arte, dai berlinesi Huelsendadas, i dadaisti di Huelsenbeck politicamente degenerati. Cfr. Werner Schmalenbach, Kurt Schwitters, Köln: DuMont, 1984, p Miklavž Prosenc, op. cit., p Eckhard Philipp, Dadaismus. Einführung in den literarischen Dadaismus und die Wortkunst des Sturm -Kreises, München: Fink, 1980, p. 41.

11 62 / PAOLA DI MAURO Il nostro tipo di Candido contro il tempo, scriveva Ball (FZ, p. 94), facendo del protagonista del sarcastico romanzo di Voltaire il portavoce di un rassicurante progetto di esistenza per l artista. Tuttavia, la proverbiale cura dell orticello personale di Candido, vagheggiata come utopia, sarebbe stata abbandonata dai dadaisti assieme all ottimistica joie de vivre zurighese. Alcune circostanze contribuirono alla necessaria metamorfosi. Forse a causa dei ripetuti oltraggi contro la benpensante società zurighese e dei numerosi disordini verificatisi durante gli spettacoli, i locali della Spiegelgasse vennero chiusi. 32 Nel secondo cenacolo zurighese della Galerie Dada nella Bahnhofstrasse, che rappresentò una sorta di transizione verso la dimensione realmente poco idilliaca di Berlino, la variegata formazione del Dada si semplificava: Tzara sarebbe diventato leader indiscusso del gruppo, mentre Ball, in crisi mistica, se ne sarebbe allontanato, stabilendosi nel paese ticinese di Sant Abbondio. I dadaisti che, nel 1918, arrivarono a Berlino si confrontarono con una realtà assai diversa: Spartaco era in tutte le strade, in tutti i luoghi, e in una Berlino sconvolta si eccitava il Dada: chi sta fermo viene colpito a fuoco, ordine del prefetto della polizia. Niente gas, né elettricità, né acqua, e tutto questo già da più giorni. A ogni angolo della strada controlli per il porto d armi, manifestazioni di massa, incontri per Spartaco, di notte al centro rumore di mitragliatrici [ ]. E in tutto ciò si dovevano comporre versi ben levigati, dipingere nature morte o donne nude? Al diavolo. 33 Durante i tre anni dell esperienza berlinese si sentì la necessità che architetture artistiche e questioni sociali 34 camminassero di pari passo, come provano i numerosi dibattiti su arte, letteratura, politica e società: non solo l arte, ma anche i pensieri e i sentimenti, la politica e la società dovettero essere trascinati nella cerchia d azione del Dada (DKA, p. 105). Evidentemente, in questa fase, non erano le utopie anarcoidi ad affascinare i dadaisti, che ora si avvicinavano, semmai, a formazioni ideologi- 32 Cfr. Fritz Glauser, Dada-Erinnerungen, in Peter Schifferli (a cura di), Dada in Zürich. Bildchronik und Erinnerungen der Gründer, Zürich: Sanssouci, 1957, p Raoul Hausmann, Am Anfang war Dada (1972), a cura di Karl Riha, Gießen: Anabas, 1992, p Hanne Bergius, Das Lachen Dadas. Die Berliner Dadaisten und ihre Aktionen, Gießen: Anabas, 1989, p. 40.

12 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 63 camente strutturate: i fratelli Herzfelde, George Grosz e Franz Jung si unirono alle milizie del Partito comunista, nella cui sfera gravitavano, pur non essendovi formalmente iscritti, molti dadaisti. Berlino richiedeva gesti esemplari. Se, infatti, come asseriva Huelsenbeck era la città della fame sempre più dilagante, dove la rabbia repressa si trasformava in smisurata cupidigia, 35 era precisamente in tale contesto che [s]i dovevano trovare mezzi completamente diversi, se si voleva dire qualcosa alla gente. 36 Colpisce, in enunciati simili, la ricerca instancabile di gesti efficaci: il gesto dada si presentava nella metropoli berlinese aggressivo, battagliero, cinico e radicale politicamente. 37 A questo proposito e a scanso di equivoci, Fähnders propone una distinzione tra provocazione politicizzata, del Dada, e politica provocatoria, 38 dietro la quale si legge un giudizio impietoso sulla pressoché inesistente progettualità del movimento. Effettivamente, se da una parte il Dada fu una visione relativa, antiborghese, anticapitalistica, attivista di teste pensanti politicamente (DLD, p. 32), dall altra, il flirt con il comunismo (DKA, p. 115) fu un pretesto antiartistico, una posizione generica di protesta, come precisava Huelsenbeck: Non erano nemmeno i contenuti del comunismo che ci attraevano. Ciò per cui, per così dire, simpatizzavamo, era l impeto rivoluzionario. 39 In un successivo autodafé, il dadaista avrebbe giudicato con severità certe frequentazioni radicali, chiarendo, forse condizionato dall aria non troppo liberale della nuova dimora newyorkese del 1957, la differenza tra entusiasmo personale e militanza politica: Quando, nell anno 1918, portai il Dadaismo a Berlino, si unì a noi un tale, il cui carattere sospetto mi si è chiarito piano piano, il proprietario delle edizioni Malik, il cui nome era Wieland Herzfelde [ ]. Gli Herzfelde, Jung e l altro, e con essi il mio amico Hausmann, ci spinsero al comunismo e io devo ammettere adesso, con vergogna, che ideologicamente fui dalla loro parte. 40 Inoltre, alla luce della tradizionale vulgata del Dada berlinese come movi- 35 Herbert Kapfer, Bruitistisch, abstrakt, konkret, in Richard Huelsenbeck, Phantastische Gebete (1916), Gießen: Anabas, 1993, p Ibidem (corsivo mio). 37 Hanne Bergius, op. cit., p Walter Fähnders, Avantgarde und politische Bewegung, Text + Kritik, 2001, p Richard Huelsenbeck, Mit Witz, Licht und Grütze. Auf den Spuren des Dadaismus, Hamburg: Nautilus, 1985, p Richard Huelsenbeck, Phantastische Gebete, cit., p. 77.

13 64 / PAOLA DI MAURO mento inquadrato ideologicamente, come interpretare un atto paradossale quale l invio del telegramma da parte di Huelsenbeck, Baader e Grosz a sostegno dell impresa fiumana di Gabriele D Annunzio? Medesima perplessità suscita la fondazione del fantomatico Consiglio centrale rivoluzionario dadaista dove, ad onta delle emergenze berlinesi di quegli anni, si sostenevano rivendicazioni equivoche come l introduzione della disoccupazione progressiva attraverso l ampia meccanicizzazione di ogni attività oppure l introduzione della poesia simultanea come preghiera di stato comunista o ancora l immediata espropriazione del possesso e il sostentamento comunista di tutti, così come l edificazione di città-giardino e città-luce appartenenti alla comunità. 41 L eversione semantica di tali enunciati, tuttavia, attuata tramite il capovolgimento delle tradizionali espressioni utilizzate dalla politica, comportava uno slittamento del discorso su un piano metapolitico che evidenziava, oltre ai limiti terminologici e concettuali, anche l inefficacia della tradizionale retorica. Osserva Fähnders: Si tratta della ridicolizzazione della semantica politica fino alla messa in ridicolo di determinate strutture e postulati politici che tradizionalmente si muovono sui binari del pensiero lineare. 42 In tal senso, sebbene i dadaisti rimasero, salvo rare eccezioni, sostanzialmente estranei all engagement tradizionale, essi avviarono, con le loro pratiche antiartistiche e iconoclastiche, una riflessione ante litteram molto significativa sul linguaggio della politica. Il dadaista lotta contro la società borghese alla quale appartiene, penetrandone con lo sguardo la falsità, l ipocrisia e il cinismo, ma proprio con questi stessi mezzi. Lui è il dis-illuso, che scopre l illusione per mezzo dell illusione, svela il bluff con il bluff, l apparenza con l apparenza e la maschera con la maschera. 43 Nella caleidoscopica rappresentazione della realtà come festa mascherata, i dadaisti volevano apparire nei panni di buffoni: Finalmente il grande successo era arrivato!, si rallegrava Picabia delle sue esibizioni, eravamo trattati come pazzi, fanfaroni e clown (DLD, p.111). Volevamo ridere, ridere e fare ciò che i nostri istinti esigevano. Volevamo creare tutto da soli il nostro nuovo mondo (DLD, p. 62). Come 41 Der Zweemann, 2, 1919, pp Walter Fähnders, op. cit., p Hubert Schings, Narrenspiele oder die Erschaffung einer verkehrten Welt. Studien zu Mythos und Mythopoiese im Dadaismus, Frankfurt: Lang, 1996, p. 63.

14 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 65 evidenzia Bachtin nel suo lavoro sul comico e la letteratura, ridere è espressione di una precisa concezione del mondo. 44 Di tanto in tanto, i dadaisti davano a vedere che cosa ci fosse dietro lo scherno, quale concezione della realtà portasse con sé. Dichiara Huelsenbeck con fierezza: Chi si irrita del Dada, chi crede di considerare i dadaisti come arlecchini e inetti e il Dadaismo come una stupidaggine, non ha capito [ ] che i dadaisti sono uomini che hanno capito il senso della loro epoca meglio di tutti gli altri. 45 Ideatori di burle o di scherzi filosofici, 46 secondo la nota definizione di Alfred Kerr che ammantava, con tale espressione, lo scherno dada di un elogio malsicuro, i dadaisti furono dotati di quella saggezza superiore che fa percepire la realtà come poderoso spettacolo di insensatezza. Quello che conferisce alla figura del clown la sua eccentrica superiorità sugli imperatori e sui giudici è il fatto che, al contrario dei potenti presi in trappola dal loro abbigliamento e dagli attributi esterni di una vana tirannia, il clown è un re derisorio [ ]. Toccherà a noi intuire che egli rappresenta noi tutti, che siamo tutti dei pagliacci, e che la nostra vera dignità (giacché a questo punto si può parafrasare Pascal) consiste nell ammissione del nostro essere pagliacci. Se impariamo a osservare attentamente, vedremo che i nostri abiti sono tutti costumi di lustrini. Totus mundus agit histrioniam. 47 Dell artista da saltimbanco il dada possiede tutte le contraddittorie qualità, la capacità di librarsi in volo e piombare a terra, trionfo e declino; agilità e atarassìa; gloria e sacrificio, 48 ondeggiando saturninamente tra una buffonata e una messa funebre (FZ, p. 78), come scriveva Ball riferendosi al potere catartico del riso nel contesto luttuoso del suo tempo. 44 Michail M. Bachtin, Tvorcestvo Fransua Rable i narodnaja kulturasrednevekovja i Renessansa (1965), trad. it. di Mili Romano, L opera di Rabelais e la cultura popolare. Riso, carnevale e festa nella tradizione medievale e rinascimentale, Torino: Einaudi, 1982, p Richard Huelsenbeck, Die dadaistische Bewegung. Eine Selbstbiographie, in Jeanpaul Goergen (a cura di), Urlaute dadaistischer Poesie: Der Berliner Dada-Abend vom 12. April 1918, Hannover: Postskriptum, 1994, p Karin Füllner, Ulk mit Weltanschauung. Die dadaistische Großveranstaltung im Spiegel der zeitgenössischen Presse, in Id., Richard Huelsenbeck. Texte und Aktionen eines Dadaisten, Heidelberg: Winter Universitätsverlag, 1983, p Jean Starobinski, Portrait de l artiste en saltimbanque, (1983), trad. it. di Corrado Bologna, Ritratto dell artista da saltimbanco, Torino: Bollati Boringhieri, 1998, p Ivi, p. 117.

15 66 / PAOLA DI MAURO La beffa, riprendendo la sua antica funzione di consolidamento psicologico quale compensazione emotiva e vitalistica di fronte a situazioni di emergenza, fu un raffinato escamotage di esorcizzazione del terrore. Rivolta[ndosi] all idea che la logica potesse servire per giustificare l ucci sio - ne e la mutilazione di milioni di esseri, il riso fu il mezzo preferito della guerriglia dada 49 per sublimare la paura scatenata dagli eventi terrificanti della guerra. Tematiche simili emergono anche da prospettive individuali, come dalla descrizione autobiografica di Tzara che, affidando le sue ultime volontà pseudotestamentarie al fascino pernicioso della morte, dichiarava: Mi suicidio al 65%. Ho la vita molto a buon mercato, per me non è che il 30% della vita [ ]. La morte è un po più cara. Ma la vita è affascinante e la morte altrettanto affascinante (MDL, p. 34). Anche alla luce del suicidio del sofisticato Jacques Vaché, 50 dadaista ante litteram la cui magnifica forza impressionifica avrebbe fortemente influenzato tutto l entourage avanguardistico primonovecentesco, non era di poco conto l af fer - mazione di Tzara: prendetevi voi stessi a pugni in piena faccia e cascate morti (MDL, p. 22). Tuttavia il nesso illustrato da Agamben tra autoannientamento e produzione artistica avanguardistica, 51 non comprende la specifica evoluzione dei dada tedeschi, tesi piuttosto verso il rischio come forma vitalistica di sfida alla quieta esistenza borghese; basti pensare alle rocambolesche avventure descritte da Huelsenbeck (cfr. DLD, p. 34) o alla biografia del dadaista di Colonia Baargeld, scomparso, non suicida, come sostiene Schwarz, 52 ma più prosaicamente travolto da una valanga sul Monte Bianco. 53 Una particolare propensione ai piaceri psichedelici, tuttavia, conferma la vocazione dada alla bohème. Il consumo di droghe fu letale al libraio antiquario Hans Hack, il mecenate di Zurigo, il cui negozio era punto d incontro del gruppo, trovato morto a causa di una dose eccessiva di cocaina. Lo stesso Ball, che avrebbe messo in guardia dai pericoli del dandi- 49 William S. Rubin, op. cit., p. 9 (corsivo mio). 50 In realtà, Vaché, che morì nel 1918, non ebbe mai contatti con i dadaisti, il suo accostamento ideale al Dada fu opera di Breton con cui intrattenne uno scambio epistolare. Cfr. Jacques Vaché, Lettres de guerre (1919), trad. it. di Elena Paul, Lettere di guerra, Palermo: Duepunti, Giorgio Agamben, L uomo senza contenuto, Macerata: Quodlibet, Arturo Schwarz, op. cit., p William S. Rubin, op. cit., p. 11.

16 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 67 smo e della vita scapestrata, 54 mostra comprovata conoscenza delle sostanze stupefacenti che descriveva in termini altamente nobilitanti e come reali alternative alla sterilità della vita moderna: Per chi ha perso dubbi e speranze, le droghe possono offrire una consolazione. Le droghe sono condizioni umane di felicità e di disperazione, che conducono in un aldilà immaginario. La dose di cui ognuno ha bisogno per continuare a sopportare la vita si regola in relazione alla propria costituzione fisica, a seconda del livello di nostalgia o delusione. Le droghe servono a integrare l ideale. (FZ, pp ) Il Dadaismo era una rivolta della personalità oppressa da ogni lato, diceva Huelsenbeck. Era la ribellione contro la massificazione, la stupidizzazione, la distruzione. Era il grido di aiuto dell uomo creativo contro la banalità. 55 I dadaisti si cimentarono nella difficile impresa di rimanere fedeli ai proclami di antiartisticità attraverso un accurato repulisti da ogni tradizionalismo, con un attenzione scrupolosa affinché squilli di tromba dell antiarte, così Richter, non trasmettessero vibrazioni di antiche convenzioni (DKA, p. 51). Da qui si comprende il giudizio di Luigi Forte sulla centralità di un dissidio con l ossessiva riproduzione dell immago paterna ; 56 da qui l iden tificazione del gruppo sulla base di un intesa spiccatamente generazionale che, secondo Tzara, esprimeva l inquietudine della giovinezza di tutti i tempi. 57 Che nel 1918 tutti i membri del gruppo berlinese avessero appena vent anni, eccetto l architetto Baader, poco più che quarantenne ma irruente e scapestrato più degli altri, basterebbe a giustificare la definizione del Dada come nuovo, appassionato Sturm und Drang. 58 Questi tratti giovanilistici chiariscono anche la mancata intesa tra i dada berlinesi e Kurt Schwitters, che veniva apostrofato come il talentuoso piccolo borghese ; 59 anche Grosz non fece mistero della sua antipatia verso l avanguardista di Hannover quando, a dispetto di tutte le con- 54 Cfr. Hugo Ball, Flametti oder vom Dandysmus der Armen (1918), trad. it. di Piergiulio Taino, Flametti o del dandismo dei poveri, Pasian di Prato: Campanotto, Richard Huelsenbeck, Mit Witz, Licht und Grütze, cit., p Luigi Forte, Dada o le metamorfosi del gioco, in Id. Le forme del dissenso, Milano: Garzanti, 1987, p Cfr. Robert Motherwell (a cura di), The Dada Painters and Poets, New York: Wittenborn, 1967, p Valerio Magrelli, Profilo del Dada, Roma: Lucarini, 1990, pp Richard Huelsenbeck, Mit Witz, Licht und Grütze, cit., p. 96.

17 68 / PAOLA DI MAURO venienze, lo lasciò davanti alla porta del suo appartamento berlinese (cfr. DKA, pp ). In tal senso, si ridimensiona anche la querelle sulla politicità del Dada come principale causa delle incomprensioni tra Dada- Berlin e Schwitters. Basti solo osservare che Max Ernst, a sua volta dadaista sui generis e senz altro critico nei confronti dell egagement dada, giudicava inconciliabile il programma di un arte politica e antiborghese con la prospettiva elitaria dei berlinesi, coniando, a questo proposito, il termine Kurfürsten-Dammdadaismus, con cui alludeva sarcasticamente al legame tra i dadaisti e il boulevard più rappresentativo di Berlino. 60 Che il dandismo fosse un fenomeno molto diffuso in Dada, trova conferma nell adozione di ingegnosi apparati di liturgia sociale, 61 chiamati a mettere alla berlina ogni vezzo aristocratico: tra questi, l attri bu zion e, tipicamente bohémien, di soprannomi (Hausmann era il Dadasoph, Grosz il Propagandada, Mehring il Pipidada, Baader l Oberdada, Herzfelde il Progressdada, Heartfield il Monteurdada), l attenzione per l abbi glia men to come ci rammentano la passione per le stoffe inglesi di Arp (che portava scarpe disegnate da lui stesso), la predilezione di Heartfield per gli abiti di Savile Row, la raffinata eleganza di Picabia, o la provocatoria moda del monocolo adottata da Tzara, Grosz, Hausmann, Breton e Arp 62 la frequentazione assidua dei caffè zurighesi Terrasse e Odeon o altri luoghi di ritrovo, come la scuola delle ballerine di Laban, legate a doppio filo al Cabaret Voltaire. L intrinseca natura rivoluzionaria, instabile, scintillante di Dada non poteva non contagiare anche i rapporti d amicizia fra i suoi adepti. Il rapporto tra sé e gli altri era immancabilmente scandito da punte di adesione allucinata e vertiginosa o di dissociazione radicale: Noi siamo cinque amici, e la cosa più stupefacente è che non andiamo mai completamente d accordo, sebbene ci unisca principalmente la stessa convinzione. La costellazione cambia. Ora Arp e Huelsenbeck si capiscono e sembrano inseparabili, ora Arp e Janco fanno comunella contro H., ora H. e Tzara contro Arp ecc ecc. Si tratta di un ininterrotta e cangiante attrazione e repulsione. Bastano un lampo, un gesto, un nervosismo che la costellazione si trasforma. (FZ, p. 89) 60 Cfr. Jörgen Schäfer, Dada Köln. Max Ernst, Hans Arp, Johannes Theodor Baargeld und ihre literarischen Zeitschriften, Wiesbaden: Dt. Universitätsverlag, 1993, p Valerio Magrelli, op. cit., p Ibidem. 63 Hans Bolliger, Guido Magnaguagno e Raimund Meyer, Dada in Zürich, Zürich: Die Arche, 1985, p. 28.

18 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 69 Tuttavia, l unione indissolubile di questo movimento eterogeneo di amici e artisti 63 era costituita da uno spirito di solidarietà straordinariamente forte, particolarmente all interno del gruppo di Zurigo, i cui membri erano paragonabili, secondo l efficace metafora di Richter, ai colori di un arcobaleno, visivamente diversi, ma risultanti da un unica rifrazione luminosa (DKA, p. 25). Incontri più epifanici furono quelli del gruppo a Berlino, dove l inquietudine sociale si rifletteva anche all interno delle turbolente relazioni interpersonali, come dimostrano la contesa leadership tra Huelsenbeck e Hausmann 64 o l assenza di un manifesto firmato da tutti i componenti del gruppo. D altronde, l arte è una cosa privata, ribadirono più volte i dadaisti, l artista la fa per sé (MDL, p. 23). Non solo l antiarte dada doveva essere privata, ma più ermetica rimaneva, meglio era: Ciò di cui abbiamo bisogno, affermava Tzara, sono opere [ ] incomprensibili (p. 49). Fornivano un correttivo a questo soggettivismo estremo, da una parte il carattere conviviale delle manifestazioni dada, dall altra il rifiuto, pressocché categorico, dell idea di genio. Tale significativa incongruenza con lo stereotipo del dandy spiega la concezione estetica casuale e spontaneistica del Dada, per cui l atto creativo non doveva dipendere da specifiche capacità individuali, quanto piuttosto dall originalità della vita stessa. Infatti: Dada è immediato e naturale. Si è dadaisti vivendo. 65 In merito al rapporto tra individuo e gruppo nel Dada, le interpretazioni critiche sono discordanti. Mentre Sylvia Brandt sostiene che, [s]eb- bene uno spirito di gruppo giochi nel Dada un ruolo importante, il singolo è soprattutto il rappresentante di sé medesimo, 66 Prosenc, convinto della natura politicizzata del movimento, insiste sullo spirito d ag gre ga - zione: [i dadaisti] si presentavano insieme, si sostenevano reciprocamente nelle preparazioni, progettavano insieme, discutevano giorno e notte e scrivevano persino collettivamente. 67 A questi bisogni aggregativi corrispondeva la creazione di veri e propri sottogruppi quali la Società anonima per lo sfruttamento del vocabolario dadaista del 1919 di Arp, Serner e Tzara, 64 Così Hausmann: Huelsenbeck non ebbe su di noi il minimo influsso. Rimase sempre un corpo estraneo. Venne tollerato come un appendice, una sorta di alibi per il nome dada (op. cit., p. 102). 65 Richard Huelsenbeck, Einleitung, Dada Almanach, numero unico, Sylvia Brandt, Bravo! & Bum Bum Neue Produktions- und Rezeptionsformen im Theater der historischen Avantgarde: Futurismus, Dada und Surrealismus. Eine vergleichende Untersuchung, Frankfurt: Lang, 1995, p. 29.

19 70 / PAOLA DI MAURO FATAGAGA 68 di Arp ed Ernst oppure le collaborazioni tra la Taeuber e Arp, sulla base delle quali l artista alsaziano così rifletteva: Gli artefici dell arte concreta non dovevano portare la firma del loro autore. Questi dipinti, queste sculture queste cose dovevano essere anonime. 69 Si spiegano così azioni letterarie quali la falsificazione o lo scambio di firme, unite ad altre numerose pratiche, escogitate per impedire la riconoscibilità autoriale, che i dadaisti, eccelsi nell arte della dissimulazione, esercitavano con grande maestria. Ne è esempio emblematico il concepimento, volutamente incerto, della parola dada : Ognuno si identificava così tanto con l altro, che fu persino insignificante chi fosse il padre spirituale delle singole metafore, figure, paradossi o invenzioni. Caratteristico di questa atmosfera è che nel 1916 nessuno dei dadaisti si curò di stabilire chi di loro avesse trovato il simbolo. 70 Nella negazione dell originalità e nel rifiuto di appropriazione individualistica si manifestava un volontario disconoscimento dei valori di autorialità e paternità artistiche. Ma proprio perché si rifiutavano di concepire, i dadaisti furono tanto prolifici: essi riuscirono a superare la dimensione proiettiva edipica e giovanilistica primonovecentesca sublimando l azione criminosa nella prassi antiartistica: L assassinio operato dall avanguardia non coincide con la volontà di potenza o con la follia distruttrice, ma intende presentarsi come il retorico gesto di una detronizzazione a cui la coscienza aspira, la metafora dell impotenza che si esalta in aggressività verso gli idoli dei padri. Nel pensiero e nella prassi antiletteraria si compie il reato. 71 Se da una parte il dadandy cambiava i connotati meramente individualistici dell aristocratico esteta primonovecentesco, presentandone una sottile parodia, egli sfuggiva, dall altra, allo stereotipo dell intellettuale impegnato: la vocazione dell uno all azione si contrapponeva all altra, contemplativa e solitaria. L impegno corrispose, forse solo ad un desiderio, a un voler essere: un saturnino che sogna di essere mercuriale e che risente di 67 Miklavž Prosenc, op. cit., p Si tratta dell acronimo di Fabrication de Tableaux Gasométriques Garantis. Cfr. Hans Arp, op. cit., p Ibidem. 70 Ivi, p Luigi Forte, op. cit., p. 62 (il corsivo è mio).

20 L INTELLETTUALE DADA CONTRO LA GUERRA / 71 queste due spinte, 72 si potrebbe affermare parafrasando Italo Calvino e riconducendo quella del dada a una distonia più universale. Arduo stabilire, a posteriori, quale tra le due identità avrebbe prevalso sull altra: se alla lunga, avrebbe avuto la meglio il sapienziale fallire del bohémien o la strenua e lucida resistenza dell intellettuale. Non ci fu tempo di scegliere. Quando le tecniche della provocazione cominciarono ad usurarsi mostrando la propria inefficacia, ai dadaisti si presentò il problema di escogitare, pena la propria sopravvivenza, nuovi modi espressivi all altezza della carica sovversiva inizialmente proposta. Il problema del mantenimento della prassi rivoluzionaria si scontrava con il processo di consunzione delle forme espressive scelte che, per quanto dirompenti e innovative, finiscono sempre per fare i conti con la propria ineluttabile deperibilità. Nel riconoscere l essenza e l insuperabilità di questo dilemma, i dadandy, proclamando la propria palingenesi, si sarebbero dissolti, lasciando tuttavia le risonanze di un monito fecondo di fronte all aridità di assolute quanto fragili certezze: Quando si è poveri di spirito, si possiede un intelligenza sicura e solida, una logica feroce, un punto di vista irremovibile. Cercate di essere vuoti e di riempire le vostre cellule celebrali come viene. Distruggete sempre quel che avete dentro di voi. A seconda degli incontri che fate. Solo così potete capire molte cose. (MDL, pp ) 72 Italo Calvino, Rapidità, in Id., Lezioni americane. Sei proposte per il prossimo millennio (1985), Milano: Mondadori, 2002, p. 60. Ma secondo l opinione più diffusa, il temperamento influenzato da Mercurio, portato agli scambi e ai commerci e alla destrezza, si contrappone al temperamento influenzato da Saturno, melanconico, contemplativo, solitario. Dall antichità si ritiene che il temperamento saturnino sia proprio degli artisti dei poeti, dei cogitatori, e mi pare che questa caratterizzazione corrisponda al vero. Ivi, p. 59.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DADAISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 23. IL DADAISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

DADAISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 23. IL DADAISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 23. IL DADAISMO DADAISMO Il Dadaismo è un movimento artistico che nasce in Svizzera, a Zurigo, nel 1916 (ma lo si troverà anche in Germania, a Parigi e negli USA). La situazione storica in cui il movimento

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

CONOSCERE SE STESSI : PERCHE?

CONOSCERE SE STESSI : PERCHE? CONOSCERE SE STESSI : PERCHE? L importanza di sapere chi siamo Γνῶθι σαυτόν Nell Antica Grecia, sul Tempio dell Oracolo di Delfi, riassume la filosofia Socratica Nosce te ipsum Locuzione latina : "Uomo,

Dettagli

Elizabeth Gilbert. Big Magic. Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa. Traduzione di Martina Rinaldi. Rizzoli

Elizabeth Gilbert. Big Magic. Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa. Traduzione di Martina Rinaldi. Rizzoli Elizabeth Gilbert Big Magic Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa Traduzione di Martina Rinaldi Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 Elizabeth Gilbert 2015 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Intervista a Massimo Recalcati Eredità, testimonianza e sacro nella pratica artistica

Intervista a Massimo Recalcati Eredità, testimonianza e sacro nella pratica artistica Intervista a Massimo Recalcati Eredità, testimonianza e sacro nella pratica artistica Massimo Recalcati è uno tra gli psicoanalisti italiani più seguiti e prolifici degli ultimi anni. Le sue pubblicazioni

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Amnesty International e

Amnesty International e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani AI Foto: Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione universale dei diritti umani. Novembre 1949, New York 1. Premessa 1.1 Il 10 dicembre 2008 è il 60 anniversario

Dettagli

Bibliografia. Opere di Rosa Luxemburg. Biografie e antologie. Testi correlati. Altre opere citate nel presente documento

Bibliografia. Opere di Rosa Luxemburg. Biografie e antologie. Testi correlati. Altre opere citate nel presente documento Bibliografia Opere di Rosa Luxemburg ROSA LUXEMBURG, L accumulazione del capitale, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1960. ROSA LUXEMBURG, La rivoluzione russa, Massari Editore, Bolsena (VT), 2004. ROSA

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped.

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. Docente: prof.ssa Rita Paolicelli Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

La Giornata Internazionale della Pace

La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace La Giornata Internazionale della Pace viene celebrata il 21 settembre di ogni anno. Le seguenti proposte di lavoro riguardano i diversi gradi di scolarità, qui indicati

Dettagli

--- il Surrealismo ---

--- il Surrealismo --- --- il Surrealismo --- Nascita del movimento Il termine surrealista fu inventato nel 1917 dallo scrittore Guillaume Apollinaire, ma il Surrealismo come movimento artistico, in realtà, nacque solo nel 1924

Dettagli

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA

COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA COLLANA TEOLOGIA 5 COLLANA DIRETTA DAL PROF. LIVIO MELINA ALAIN MATTHEEUWS Amarsi per donarsi Il sacramento del matrimonio Prefazione di JEAN-LOUIS BRUGUÈS Traduzione a cura di Paolo Caena, Revisione

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO. Prof. Sofia Tavella

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO. Prof. Sofia Tavella CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO Prof. Sofia Tavella LA VERA EMERGENZA RELIGIOSA: DAL DIO DI FREUD AL DIO DI FRANKL ATTIVO FINO ALLA FINE Flectere si nequeo

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

Albero di giullari di Paul Gugelmann Ottone, altezza 550 cm, 45 000 franchi

Albero di giullari di Paul Gugelmann Ottone, altezza 550 cm, 45 000 franchi In questi giorni mi viene costantemente chiesto cosa desidero per il mio prossimo 75 compleanno nel 2010. In realtà non mi manca nulla: ho una famiglia fantastica, amici fedeli, una professione che continuo

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa Sped. in A.P. - 70% - LO/MI - BIMESTRALE - ANNO 3 - NUMERO 4 - AGO/SETT 2011 - EURO 4 OUT OF THE BOX ce lêhai un friend with benefits? tendenze Young Talents moda estate the beauty of south africa vacanze

Dettagli

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI

INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Milano, 13 settembre 2012 INAUGURAZIONE DEL WORKSHOP IL GIARDINO DEI GIUSTI Quando Gabriele Nissim, Presidente dell Associazione del Giardino dei Giusti, mi ha offerto la progettazione del nuovo Giardino

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità

Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità Comunità scientifica: incomprensioni o irresponsabilità Docente di Fisica e ricercatore presso il Massachusetts Institute of Technology 1) Oriana e la scienza Nell occasione di un recente referendum in

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Imparare e Usare il Metodo di Studio

Imparare e Usare il Metodo di Studio Imparare e Usare il Metodo di Studio Per gli studenti: con questa semplice guida puoi imparare a usare un buon metodo di studio. Per imparare, leggi e cerca di capire bene i passi seguenti e allenati ogni

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris

La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Davide Fantini La persuasione del mare. Il viaggio nell opera di Claudio Magris Il fascino della letteratura di viaggio si presenta a Claudio Magris già dall infanzia: in una recente intervista con Marco

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE A cura di Paolo Danza Nello scorso paragrafo il conflitto è stato considerato risorsa in quanto forza unificatrice nelle relazioni. Si è osservato come le organizzazioni

Dettagli

Quelli erano anni in cui si scrivevano molti manifesti artistici in Europa. E in questo contesto che Le Corbusier inizia il suo cammino.

Quelli erano anni in cui si scrivevano molti manifesti artistici in Europa. E in questo contesto che Le Corbusier inizia il suo cammino. Nico Bolla Libri: 3.2.Le Corbusier pag 1 3.2. Verso una Architettura - di Le Corbusier Autore figura 00 Le Corbusier, principale Maestro del Novecento, nato a La Chaux- de- Fonds nel 1887 (il 06 ottobre)

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COLORI

IL SIGNIFICATO DEI COLORI IL SIGNIFICATO DEI COLORI Per scegliere il colore delle pareti di casa bisogna prima apprendere il significato di ognuno, questa guida ti aiuterà ad avere più consapevolezza sull effetto che si può ottenere.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli