viaggio nel tempo raccontando vecchi e nuovi mestieri numero 8 / anno 1 dicembre 2010 una via per pino indini 20 la seconda vita dell oggetto usato 27

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "viaggio nel tempo raccontando vecchi e nuovi mestieri numero 8 / anno 1 dicembre 2010 una via per pino indini 20 la seconda vita dell oggetto usato 27"

Transcript

1 l altra faccia della musica 12 una via per pino indini 20 la seconda vita dell oggetto usato 27 viaggio nel tempo raccontando vecchi e nuovi mestieri numero 8 / anno 1 dicembre 2010 In distribuzione gratuita l'ultimo sabato del mese

2 in copertina vincenzo maggiore, di brindisi. foto di virginia frigione - afi numero 8 / anno 1 dicembre 2010 chiuso il 28 dicembre 2010 Testata registrata presso il Registro Stampa del Tribunale di Brindisi n. 14/2009 Modelle per un giorno - Concorso scomunicando rassegna stanca antonio de vitis, campione con i guantoni le arti divinatorie: un patrimonio perduto 22 ne vale la penna uccio lu vasciu: due chiacchiere con coco la fungia golosità da indossare. angela chionna e le sue creazioni in cernit 29 domotica: la casa del futuro atterra a brindisi Redazione: Via F. Carena (c/o imprendigiovani.it) Brindisi / Editore: Vetrine Inedite (Ass. di Promozione Sociale) Direttore Responsabile: Serena Passarelli DIETRO LE QUINTE Stefano Ranalli Graphic Designer Impaginazione e Grafica: Stefano Ranalli (Quadra) Segreteria di Redazione: Ilaria Passarelli Stampa: Locopress Mesagne (BR) In redazione: Italo Bernardi Massimiliano Gatti Francesco Piccinin Maura Gatti Ilaria Passarelli Segretaria di Redazione info pubblicità / Luca Montemurro Fotografo Emanuele Vasta Giovanni Membola Gabriele Ciullo Virginia Frigione Monica Cucinelli Michele Cavallo Roberto Spagnoletto Claudia Corsa Maura Cesaria Marco Falcone Vincenzo Maggiore Marialba Guadalupi Resp. Commerciale EDITORIALE Cari lettori di CicloStyle, il nostro affascinante viaggio tra i talenti, in questo numero, si affianca a un viaggio, altrettanto affascinante, tra i mestieri. Dal vecchio al nuovo, dal passato al futuro. Dove il passato è il presente e il presente ha il fascino suggestivo di ciò che è stato. Parola dopo parola, gli ultimi superstiti di mestieri ormai quasi del tutto scomparsi, ci hanno fatto riscoprire la straordinarietà di una cultura brindisina conservata nei loro ricordi. Epoca dove il niente era tutto e il tutto erano i valori. Epoca in cui il ragazzo di bottega era trattato come un figlio dalla famiglia del Principale, epoca in cui la dedizione alla famiglia e al lavoro contava al punto da sentirsi, solo per questo, veri uomini e vere donne. L epoca del fare senza dire, dell apprendere senza ostentare il sapere, del trasmettere senza confidare. Eppure quello che è stato veramente straordinario, in questo viaggio, è stato scoprire le capacità che alcuni giovani hanno avuto di rendere estremamente moderno ciò che faceva parte del passato. Ragazzi che, attraverso creatività e impegno, stanno rispolverando i resti di quella cultura. Tutto questo perché nello spettacolo che vede Brindisi pronta ad accogliere grandi nomi dell arte, i giovani che ne costruiranno il futuro, non si sentano relegati ai margini della realtà della quale sono già attori protagonisti. Buona lettura. Serena Passarelli, Direttore Responsabile Ciclostyle collezione asimetric autunno - inverno 2010/11 brindisi via g. bruno, via saponea, 38 mesagne (br) c/o auchan / cellino san marco (br) (feelgood) - c.da pagliarella Partecipa al concorso e il tuo bambino potrebbe essere il nuovo volto nelle campagne pubblicitarie di Io Bimbo Brindisi. In regalo un servizio fotografico professionale a cura dell AFI e premi Io bimbo. Info presso il punto vendita o su io BIMBO Via Dalmazia, 27 BRINDISI un evento VETRINE INEDITE numero 8 DICEMBRE 2010 pag 3

3 di giovanni membola > CICLOSTYLE - storie da copertina ARREDA LO SPAZIO CON LA LUCE LAMPADARI APPLIQUES Todisco PLAFONIERE LAMPADE Au gu ra un Nuovo An no ricc o di luce e sere ni tà. TODISCO LISTE NOZZE Brindisi Via Appia, 53/55 Tel Liste Nozze TODISCO CONSEGNA E MONTAGGIO GRATUITO BOMBONIERE PUNTO LUCE COMPLEMENTI D ARREDO. LE MIGLIORI MARCHE IN STILE CLASSICO E MODERNO dal 1912 VIAGGIO NEL TEMPO dal passato al futuro per raccontare i vecchi e i nuovi mestieri Riscoprire, conservare ed appropriarsi dell'esperienza del passato per non dimenticare gli aspetti della nostra cultura popolare. Un affascinante viaggio nel tempo: nel passato, attraverso i racconti di coloro che sono gli ultimi depositari dei mestieri di una volta destinati inesorabilmente a scomparire, inghiottiti dal tempo e dalla modernità; nel futuro, attraverso i racconti di giovani talenti che, grazie ad oggetti ed esperienze che vengono dal passato, si sono inventati un business estremamente moderno. VIAGGIO NEL PASSATO A spasso nel passato attraverso i ricordi di uomini che continuano a mantenere accesa l ultima fiammella di una tradizione ormai segnata, per raccontare l audacia del lavoratore di un tempo, abituato alla fatica, al sacrificio e perciò capace di dare la giusta importanza al denaro, ottenuto in foto vincenzo maggiore. lo scatto è di virginia frigione - afi. con il reale sudore della fronte. Una narrazione che non vuole abbandonarsi ad un malinconico amarcord e alla nostalgia per la realtà lavorativa di una volta, ma aspira a ricordare certi aspetti di un epoca ormai superata, richiamando quelle figure abili nel riparare, esperti nel realizzare e generosi nel donare consigli e saggezza. Storie di lavoro, di fatica e anche di sfruttamento, che possono risultare utili non solo per garantire la giusta salvaguardia della memoria storica e delle antiche tradizioni, ma anche per dare uno spunto di riflessione che coinvolga l universo giovanile, e magari permetta di capire e vivere in modo più consapevole il presente. I motivi che hanno determinato la scomparsa di tanti antichi mestieri sono da ricercare principalmente nel processo di industrializzazione avvenuta a partire dalla metà del XIX secolo, quando il progresso e le tecnologie più sofisticate, accompagnate dalla prospettiva - e talvolta l illusione - di un nuovo impiego meno faticoso e più remunerativo rispetto al passato, hanno portato un repentino cambiamento delle mansioni di numerosi operai ed artigiani, specialisti di un settore che veniva considerato ormai sorpassato dall avvento dei nuovi processi industriali. Un epoca di profonde trasformazioni economiche e sociali, che ha registrato la silenziosa perdita di professioni secolari, come carrettieri, vinaioli, bottai, craunari, molinari, calderai, arrotini, ombrellai, lavandaie, cantastorie, impagliatori, banditori, acquaioli, spazzacamini una lista davvero lunga e per niente facile da completare. Successivamente ci ha pensato (e continua a farlo) il consumismo a rifinire l opera: meglio acquistare che riparare; è preferibile un prodotto dozzinale a quello unico ed artigianale. Anche oggi non è semplice concorrere con il progresso e con l economia globale, è una battaglia perduta in partenza. (Le interviste da pagina 6) VIAGGIO NEL FUTURO Nuove professioni e mestieri da riscoprire, guardando al futuro senza dimenticare il passato. È una delle scelte lavorative che tanti giovani intraprendenti hanno deciso di attuare, tra passione e rilancio di antiche professioni, per guardare oltre la crisi ed aprirsi al mercato globale. Ispirarsi al vecchio ed adeguarlo all attuale, è questo lo spirito giusto che ha permesso e guidato tanti ragazzi a proporsi come nuovi specialisti, rispondendo anche al bisogno di consolidamento di professioni antiche. Secondo uno studio della Coldiretti, tra i mestieri che hanno preso spunto dal passato e che si sono proposti con successo nei giorni nostri ci sono: il falconiere, che garantisce la sicurezza degli aeroporti; il consulente a domicilio per la coltivazione dei tartufi; l affinatrice di formaggi che lavora il latte per conciarlo e garantirgli il gusto tipico ed esclusivo del territorio. Ma esistono anche corsi per riproporre le antiche tecniche come la decorazione murale (affresco, pittura a secco e graffito) e la lavorazione della pietra, entrambe molto richieste. Gli specialisti sono tutti concordi nell affermare che per le nuove-vecchie professioni l importante è seguire la regola base: la qualità, sempre e comunque. (da pag 24) numero 8 DICEMBRE 2010 pag 5

4 di giovanni membola > CICLOSTYLE - storie da copertina di serena passarelli > CICLOSTYLE - storie da copertina Pino Pennetta, l ultimo Scardalana sfioccava la lana per ridare morbidezza a materassi e guanciali pino pennetta mentre lavora FOTO E RITOCCO: AMORE DA NOZZE D ORO pino stasi: segreti e trucchi di un mestiere che continua ad esistere Lo scardalana era quell abile artigiano che con la sua inseparabile macchina sfioccava la lana per ridonare ossigeno alle fibre e la giusta morbidezza al materasso e ai guanciali. L ultimo testimone di questa speciale lavorazione è Giuseppe Pino Pennetta, avviato dal padre a questo mestiere prima del 1948, anno di acquisto del cardo (o scardasso) ovvero l apparecchiatura che gli ha permesso, per oltre mezzo secolo, di lavorare a servizio di numerose famiglie brindisine. LA TESTIMONIANZA Quando si andava nelle abitazioni dei signori di Brindisi (i benestanti dell epoca, Ndr) che ci commissionavano la cardatura di tutti i loro materassi, a volte anche più di dieci, spesso ci veniva offerto un pasto o delle speciali pietanze, visto che si trascorreva quasi l intera giornata nella loro casa. Era una singolare forma di rispetto che ci veniva riservata e della quale andavamo orgogliosamente fieri, racconta scrutando lontano come per rivedere il passato. L operazione andava ripetuta ogni due o tre anni, ma c era chi la richiedeva anche ogni sei mesi. Il lavoro consisteva nello scucire un lato del materasso e tirare fuori la lana, stenderne una quantità giusta sul pezzo fisso del cardo, mentre l altro pezzo sovrapposto veniva movimentato, avanti ed indietro, dalle braccia dell operatore. Su entrambe le parti del macchinario erano fissate delle punte metalliche uncinate utili a pettinare la lana che poi veniva spinta verso l esterno pronta per essere rimessa nel materasso. In funzione del tipo di vello, il pezzo mobile del cardo poteva essere regolato in altezza (gradazione): era l esperienza dello scardalana a permettere la giusta collocazione e la forza da imprimere al pezzo mobile. Ogni materasso conteneva dai 12 ai 18 kg di lana (un kg per ogni cm di altezza). C erano famiglie che avevano materassi che raggiungevano anche i 35 kg, ricorda Pino. Lui conserva, come un moderno database, le usanze e le abitudini di tutti i suoi principali clienti. Il compenso richiesto per ogni singolo materasso inizialmente era di 50 lire, per poi aumentare negli anni passando da 100 e 200 lire sino ad arrivare ad oltre 50-60mila lire degli anni '90. Coadiuvava il lavoro dello scardalana un altra figura dell epoca, la materassaia, che aveva il compito di ridisporre la lana nel materasso e nei guanciali in maniera uniforme, per poi ricucire i bordi aperti con l ausilio di lunghi aghi e di un robusto spago. Un materasso normale veniva completato in circa 30 minuti e talvolta era possibile lavorare anche più di 25 materassi al giorno. Era un lavoro stagionale racconta che si svolgeva solitamente da giugno a settembre, mesi di lavoro quasi ininterrotto considerato che ci commissionavano la cardatura dei materassi anche nelle caserme della Guardia di Finanza e dell Aeroporto militare. Si partiva da casa presto con la pesante attrezzatura, talvolta da trasportare anche ai piani alti e sui terrazzi degli edifici. Poteva essere questa la parte più faticosa del lavoro, il motivo che poi mi ha indotto a lasciare, considerata anche l età che avanza. Ma nonostante gli anni Pino Pennetta continua a svolgere con la sua solita operosità alcuni lavori nell ambito dell edilizia privata, una seconda attività svolta soprattutto nei periodi di fermo, quando scarseggiavano le richieste di cardatura e quindi era necessario trarre un guadagno da un altra mansione. Il mestiere dello scardalana, incalzato dalle moderne tecnologie e dai materiali alternativi, è destinato a scomparire inesorabilmente, una privazione ancora maggiore se si perdesse anche quella memoria storica e artistica di una parte interessante della nostra cultura popolare. foto di virginia frigione - afi un esempio di fotoritocco e colorazione di una foto Aveva 12 anni quando riuscì a diventare il garzone di uno dei fotografi più bravi di Brindisi. Giuseppe Stasi, Pino per parenti e amici, era il ragazzo di bottega del fotografo Zaccaria al quale, nello studio si corso Roma, rubò arte e mestiere senza fare domande per diventare fotografo, stampatore e ritoccatore. Uno degli ultimi ancora in vita. Il racconto incanta come la più bella delle favole dove l'amata è una macchina fotografica, il castello incantato è la sala posa. Appena ventenne, al grande amore della sua vita si aggiunge Enza che lo fa papà di 5 figlie, nonno di 9 nipoti e bisnonno di altri due. Subito dopo il matrimonio, partii per il servizio di leva. Tornato, stentavo a trovare un lavoro ma non volevo ne sapevo fare altro, racconta. Fu Vincenzo Isceri, fotografo e ritoccatore di alto livello che nello studio alle spalle dell ex Upim riparava anche le macchine fotografiche, a fargli conoscere Argese. Cominciai a lavorare a San Vito dei Normanni. Con una famiglia a cui pensare, non mi restavano i soldi per poter comprare la macchina. Così, una vigilia di Pasqua, Argese mi mandò a casa con un pacco. Dentro c era la macchina fotografica, l ingranditore, il flash, pellicola e carta. Iniziai a lavorare a Brindisi appoggiandomi al negozio di Isceri. Ma quando una persona è convinta delle sue potenzialità, non può non puntare in alto. Aprì lo studio a Torre Santa Susanna, in società con suo cognato. E fu subito successo. Lo stesso giorno in cui alzava per la prima volta la saracinesca, si tenevano le Cresime. Una strategia di marketing e divenne subito il fotografo del paese: scattò foto a tutti i cresimandi consegnando loro il bigliettino da visita e promettendo lo sviluppo gratuito. Mio cognato non credeva potesse funzionare. Alle 8 di sera ancora non si vedeva nessuno. Da lì a poco iniziammo a scattare foto in studio fino alle 5 di mattina raccogliendo solo di acconti 250 mila lire e incassando, a lavoro finito, un milione e mezzo, confida. Nel 1962 tornò a Brindisi per far contenta sua moglie. Vista la concorrenza, pensò bene di cercare l'alleanza che lo portò a sviluppare e ritoccare per tutti o quasi- i fotografi dell epoca. La cosa importante, in una fotografia di studio o esterno, è capire la fonte luminosa. Un buon fotografo deve quindi conoscere la luce e saper ritoccare. Io ero molto bravo in questa cosa, cercavo sempre di attenuare eventuali imperfezioni senza stravolgere l immagine di una persona. Questo mi aiutò molto", confessa. La fotografia non è stato un lavoro per lui ma passione pura e arte. La fotografia allora era in bianco e nero e le possibilità, limitate. Il trucco era fare in modo che il rullino fosse esposto, allo stesso modo, sia in studio che in esterna perché non ci fosse, in fase di stampa, spreco di carta. E così con i segreti che aveva rubato, sperimentando, aprì l'ultimo negozio chiamandolo "Foto 2000, anno programmato per l inizio della pensione. E lì, trascorreva le sue giornate tra sala posa e camera oscura fino a quando non arrivò a colorare le foto in bianco e nero. Diluivo il colore in un piattino di acqua intingendolo nei fogli di carta colore arrivati dalla Germania, spiega. Un reperto di oltre 50 anni, che ancora oggi conserva insieme ai tanti trucchi del mestiere che tanto contavano prima che la saracinesca del suo negozio si abbassasse. L ultima volta, per sempre. pag 6 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 7

5 di Michele Cavallo > CICLOSTYLE - storie da copertina di emanuele vasta > CICLOSTYLE - storie da copertina L arte di un artigianato che rischia di scomparire francesco cavallo e le armi segrete del liutaio Mestru Miminu lu ferracavaddi la leggenda del maniscalco brindisino La sua attività rappresenta una delle più pure forme di raro artigianato esistenti nella nostra provincia: è l attività svolta da Francesco Cavallo, liutaio fasanese. Una passione, la musica, diventata una scelta di vita. Francesco, infatti, ha trasformando il suo innato talento musicale realizzando quel violino, che sin da giovane età, lo ha proiettato nel mondo della musica. Oggi è un arte certosina quella che, quotidianamente, l ormai 82enne, porta avanti nella sua piccola bottega realizzando pezzo per pezzo i suoi piccoli gioielli musicali. Una passione, quella di Francesco per la liuteria, nata in tarda età dopo una vita spesa per il lavoro, la famiglia e la musica. Una vita che lo ha portato a vivere e lavorare per ben 25 anni (dal 1961 al 1986) nella bella ed incantevole Lucerna (Svizzera), come operario specializzato, senza mai dimenticare la grande passione per la musica e per l amato violino. Quello strumento dell anima ha accompagnato sempre la sua vita, anche quando ha avuto la possibilità di accarezzare il successo discografico diventando parte di diversi gruppi musicali come bassista e organizzatore di numerosi eventi musicali per i tanti emigranti italiani che, dal 1960 al 1990, hanno popolato lo stato elvetico. Il primo amore, si sa, non si scorda mai e così, quando la carriera di musicista sembrava ormai a un bivio, arriva la grande occasione della vita: un corso per liutaio. Il sogno di costruire quello che da sempre era stato lo strumento più amato della sua vita divenne realtà. Pochi anni di corso e di studio e le sue mani ben presto diventano arnesi preziosi, capaci di trasformare dei pezzi di legno in pregiati violini. Scalpelli, forme, resine, vernici e soprattutto tanto lavoro e tanta certosina pazienza: queste le armi di Francesco che, rientrato a Fasano, ben presto diventò punto di riferimento per tanti musicisti che a lui affidarono- e ancora oggi affidano- i loro strumenti per apportare riparazioni e modifiche. E sì, perché il lavoro del liutaio va oltre la creazione di un nuovo violino, e passa soprattutto per il restauro e la manutenzione di tutti i liuti come violini, viole, violoncelli. E poi ancora chitarre, mandolini e banjo. Numerosi i pezzi di grande valore transitati dalle mani di Francesco spesso arrivati in condizioni disperate e riportati al primordiale splendore. Diverse sono anche le sue creature che oggi girano nelle varie orchestre sinfoniche per mano di musicisti rapiti dal suono dei suoi violini. La sua umiltà e il rispetto per i suoi clienti, lo porta a custodire gelosamente i nomi di quei grandi musicisti. Strumenti mai uno uguale all altro. Alcuni esemplari, inoltre, sono stati realizzati con legni non rispondenti alla tradizione. Insomma anche una sorta di rivoluzione liuteristica sempre molto apprezzata da tutti gli interpreti del panorama musicale. Un impegno a tutto tondo nel ristretto panorama della liuteria che lo ha portato anche a realizzare dei rivoluzionari modelli di mandolini che, nelle varie mostre per artigiani, hanno sempre riscosso molti consensi. Arte di un artigianato che, dopo di lui, rischia di scomparire. Certo resterà il suono dei suoi violini, dolci melodie per la nostra anima. cosimo suma Il mestiere del maniscalco, una delle più importanti figure tra gli artigiani, è quasi scomparso dalla realtà economica italiana, ma rimane tra i ricordi più cari degli anziani. Nei ricordi dei brindisini, invece, c è Lu fèrracàvàddi, nella persona di Mèstru Miminu alias Cosimo Suma, che durante un periodo di tre anni della sua carriera, può vantare di essere stato l unico maniscalco in attività nella regione Puglia. Maniscalco brindisino encomiabile, della rispettosa età di ottantun anni, conosciuto da tutti per la sua arte, tramandata con dedizione a soli due apprendisti e senza l uso di alcun libro. Nel 1953, dopo il servizio di leva, mi trasferì a Brindisi da San Michele Salentino per aprire la bottega che mi avrebbe reso celebre, svela Cosimo. Gli brillano gli occhi, la voce trema dall emozione mentre le sue parole raccontano più di cinquant anni di premiata solerzia al servizio di cavalli e cavalieri. Ancora oggi indossa un grembiule in pelle. Svolgeva la sua attività nel laboratorio di via Bastioni San Giacomo, unica via di collegamento tra nord e sud di Brindisi. Da lì passavano numerosi forestieri che divenivano puntualmente suoi clienti. All epoca, i più facoltosi disponevano di almeno un cavallo, nonostante l avvento delle Fiat. Il lavoro era sempre in crescendo ma il salario era limitato. Imparò a ferrare nel suo paesino, da un grande maniscalco, che lo prese sotto la sua incudine protettiva fin dall età di 6 anni, insegnandogli tutto. Iniziai osservando, azionando il ventilatore e schiacciando le mosche. Apprendevo, ma non pretendevo, ricorda Cosimo. Celati dal silenzio, segreti gelosamente riservati, ne distinguono l attività. Per tenere l animale fermo si usa la pastora (cinghia di cuoio che trattiene le zampe del cavallo, Ndr) e se è possibile lo si fa con l aiuto di un altra persona, racconta. Quando ero giovane, ferrare male un cavallo era una tragedia: l animale rischiava di zoppicare o di sentire un dolore lancinante dopo tutti i chilometri che doveva percorrere. Oggi, fortunatamente, all animale viene fatta un iniezione e i ferri si producono in serie. Preparavo a mano i ferri dai lunghi ritagli di navi, li arroventavo sul fornello e poi martellavo sull incudine, spiega. Ogni volta il suo lavorare, aveva tutto il fascino della foggia di pezzi unici. Impiegavo un paio d ore per fabbricarne quattro, li appendevo per tenerli pronti all uso, erano il mio colpo in canna. Non mi sottraevo mai, anche quando già sapevo che quel cliente m avrebbe ricompensato con un fiasco di olio o un litro di vino. Capite perché mi stimano in qualunque ceto sociale?, garantisce sorridendo. Una volta, quando i cavalli stavano male, mi chiamavano di notte per soccorrerli; mi precipitavo senza lucro. Quella era la mia più grande dichiarazione d amore per quell animale. Qualunque veterinario neolaureato, nell approccio con l equino, non avrebbe certamente la sicurezza di Mèstru Mìminu. Giro ancora l Italia, per dispensare consigli ai più giovani, ma oggi uso i 'cavalli motore'. In casa conservo ancora quelle staffe rare che nella vita tanta fortuna m hanno portato. leggi l intervista completa su: Partecipa al concorso e il tuo bambino potrebbe essere il nuovo volto nelle campagne pubblicitarie di Io Bimbo Brindisi. In regalo un servizio fotografico professionale a cura dell AFI e premi Io bimbo. Info presso il punto vendita o su io BIMBO Via Dalmazia, 27 BRINDISI un evento VETRINE INEDITE Partecipa al concorso e il tuo bambino potrebbe essere il nuovo volto nelle campagne pubblicitarie di Io Bimbo Brindisi. In regalo un servizio fotografico professionale a cura dell AFI e premi Io bimbo. Info presso il punto vendita o su io BIMBO Via Dalmazia, 27 BRINDISI un evento VETRINE INEDITE pag 8 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 9

6 NOME VIA BAR LA NUOVA CAPANNINA Via A. Bafile, 46 BAR AL CAFFÈ Piazza Di Summa, 5 BAR LUX Via Cappuccini, 55 CAFFÈ MULATA SAS Via Appia, 322 BAR DELL OSPEDALE SS per Mesagne BAR NOVECENTO Via Villafranca, 36 NOEMI BAR RISTORO Via Sant Angelo, 73 BAR PICCADILLY Viale A. Ligabue, 5 CREATORI D IMMAGINE RUSSO ANTONIO Via P. della Francesca, 7 CAFFÈ EDEN Via Germania, 75 BAR TANCREDI Via del Lavoro, 11 CAFFETTERIA PARADISO Via Nicola Brandi, 60 BAR LA CAPANNINA SAVEKA CLUB Viale Duca degli Abruzzi Via V. Emanuele, 46 - Tuturano BAR GINO Via Marche, 25 BAR CASTELLO Via C. Colombo, 136 M&D PARRUCCHIERI Via Annunziata, 3 EUROSPIN PUGLIA SPA SI RINGRAZIA PER LA COLLABORAZIONE TUTTE LE AZIENDE DI BRINDISI E MESAGNE. IN PARTICOLARE: Piazza del Popolo con il Patrocinio del Comune di Briindisi Prima Edizione del Premio Nazionale di Narrativa Ne Vale la Penna Brindisi tra le Righe RISTORANTE AL CANTUCCIO Via Santa Lucia, 21 SMOOVY LOOK Via giordano Bruno 18 VERTIGO CAFFÈ V.le Regina Margherita, 38 PASTICCERIA 2001 Viale Porta Pia, 4 JUST DESIGN 9 SRL Via Santa Lucia, 9 CAFFÈ BLU ROSE Via delle Mimose, 24 CAFFÈ VERONICA Corso Roma, 25 BAR ROYAL Via Prov.le per Lecce, 30 MARIPA FAST AWAY Piazza Matteotti CAFFÈ DEL TEATRO Via de Terribile, 8 BIRDY SHOP Via Prov.le San Vito, 26 LA GRAN PASTICCERIA Viale San G. Bosco, 147 CAFFETTERIA GLAMOUR Via G. Cesare PASTICCERIA DALMAZIA Via Damazia, 8 CAFFÈ LIBERTY BAR CIRCOLO TENNIS SS per Mesagne 2a Via Ciciriello THE KING OF SLOT Via S. Angelo, 61 LAVANDERIA ONDA BLU Via De' Carpentieri 38/40 PULP STORE Via Indipendenza 13 diventa anche tu un punto di distribuzione del nostro magazine info-line PER TE SCONTI E PROMOZIONI SPECIALI BRUNDA PAPER via Lata, 37 CAFFÈ VALEN via Imp. Augusto, 80 PULP STORE via Indipendenza, 13 TODISCO LISTE NOZZE via Appia, 53 LAVANDERIA ONDA BLU via de' Carpentieri, 38/40 BAR CIRCOLO TENNIS via Ciciriello THE KING OF SLOT via S.Angelo, 61 CARPE DIEM Bruschetteria piazza Dante 11 Bando, Regolamento del Concorso e Scheda di Partecipazione

7 di maura cesaria > RASSEGNA STANCA - l'altra faccia della verità di maura cesaria > RASSEGNA STANCA - l'altra faccia della verità L'altra faccia della musica silvia sciarra, paola petrosillo e francesca pergola: una realtà in fermento fra alti e bassi francesca pergola paola petrosillo Una realtà in fermento fatta di alti e bassi, di serate nei pub, di pochi spazi pubblici e rare occasioni per esibirsi. Un mondo di concerti pagati pochi euro a fronte di cari sacrifici. Dove la cultura dei grandi (accomodati su morbide poltrone) è lontana da quella dei piccoli (relegati alle panche di un pub), e gli artisti locali sono considerati alla stregua di hobbisti. Silvia Sciarra, Paola Petrosillo e Francesca Pergola, tre musiciste brindisine, fanno sentire la loro voce su un tema caro a molti: la scena musicale locale. Il quadro è questo: la musica a Brindisi è un universo sommerso che ha molte potenzialità per crescere, sfondare e alimentare circoli virtuosi. Purtroppo mancano i canali giusti per farlo. Tuttavia la musica qui è come una donna forte, ostinata e in grado di partorire grandi figli. Ecco perché, anche se la musica le porterebbe lontano, Paola, Francesca e Silvia, hanno deciso di restare. Gli anni trascorsi sui palchi regalano un grande bagaglio di esperienze e lucide osservazioni. Paola, voce e chitarra acustica dei MarinAria, dopo dieci anni a Bologna, è ritornata con un progetto in cui si fondono jazz, rock e dialetto brindisino. Silvia è rientrata dopo aver vissuto a Roma. È la cantante dei Cats N Joe, figli del ricco panorama rock locale. Francesca, flautista dei Malaussene, vive a Bari ma con un piede nella sua città per fare musica. Tutte e tre condividono un idea: Brindisi è un centro vivo dal punto di vista musicale e artistico. Lo spiega Paola: C è molta musica inedita, più che nel resto del Salento. E non è un caso perché la BIOGRAFIE Paola Petrosillo è una compositrice, cantante e chitarrista brindisina. Dal 2009 insegna Propedeutica Musicale nella scuola di musica Saint Louis, dove studia canto moderno. Sin da bambina ama la musica e la chitarra. Sul palco dal Si laurea nel 2005 in Etnomusicologia con uno studio sulle tradizioni musicali del Sud Italia. Da qui parte la passione per la ricerca e la riproposta della musica tradizionale in chiave contemporanea, studio che la porta a comporre musiche e testi in dialetto brindisino con il sestetto MarinAria. Francesca Pergola suona il flauto traverso sin da bambina, grazie alla passione profusa dal maestro Artur Xheraj. Nel 2009 si diploma presso il Conservatorio di Bari e si laurea in Comunicazione. A soli 14 anni inizia a suonare dal vivo con i Malaussene con i quali incide due album, partecipa a importanti concorsi e condivide i palchi di grandi della musica italiana, tra i quali Max Gazzè, Folkabbestia e Bandabardò. Silvia Sciarra voce graffiante e accattivante dei Cats N Joe dal 2006, viene rapita dalla trascinante passione per la musica e il canto spinta dalla curiosità e dalla voglia di comunicare. Ama scrivere. Con la sua band sforna brani rock che mantengono alto il nome della tradizione indipendente brindisina e accolgono consensi da ogni parte. Calca decine di palchi e suona come backing band per i Marta sui Tubi. Dopo alcuni anni di università a Roma torna a Brindisi. Tra i vari progetti collabora con Roberto D Ambrosio. musica esprime anche la rabbia verso la propria città. Scoprire l altra faccia della musica mostra tante potenzialità. Quello che manca è il contorno: luoghi, educazione e proposte di qualità. È scandaloso vedere come in una città con un liceo musicale e artistico, e decine di band, non ci sono modi di sfogare la creatività, mancano realtà professionalizzanti e luoghi in cui esibirsi, dichiara Francesca. I mecenate della musica locale, ad oggi, sono i proprietari dei pub. Offrono spazi per esibirsi ma senza troppe pretese economiche, da parte di nessuno. Eppure la situazione di Brindisi è migliore rispetto a quella di altre città. Ad oggi è una delle poche province con una sala prove comunale. Il discorso dei pub funziona spiega Francesca - ma ci vorrebbero iniziative e concerti di spessore. Ma è possibile che non si possano organizzare eventi pubblici per promuovere gli artisti locali?, domanda Silvia. Proporre musica inedita non è facile continua Paola ma la decisione di spingere le band spetta solo ai privati. Alcuni eventi potrebbero essere organizzati dal Comune in collaborazione con le associazioni, come accade da anni in Emilia Romagna. Insomma la marcia è ingranata (da un silvia sciarra po ), le idee ci sono e non manca la collaborazione. Ogni settimana i pub accolgono le più disparate proposte musicali. Ma, nella città che nel 2019 ambisce al titolo di Capitale della Cultura Europea, non sarebbe il caso di curare ogni forma di espressione culturale? Ma quale musica maestro? A Brindisi manca un'orchestra che rappresenti la città dal punto di vista musicale, non solo nelle grandi occasioni. Per questo il Comune si rivolge a quella di Lecce o Monopoli. Eppure la scuola di musica Frescobaldi qualche tempo fa ha avanzato una proposta, mettendo a disposizione venti e più professionisti in grado di parlare linguaggi classici e moderni. Maestri e allievi che rappresenterebbero al meglio la nostra città. Come è andata a finire? Leggi l articolo su pag 12 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 13

8 L importante campagna di comunicazione dell E.A.C. di Brindisi ha acceso i riflettori sugli sport minori e sul talento pugilistico brindisino di Antonio De Vitis in occasione della sua partecipazione al campionato intercontinentale WBO. Il pugile sta rappresentando la tradizione locale di questo sport, vincendo i titoli più importanti, è quanto ha rivelato Olivier Cannarile, referente dell associazione Olivier, presieduta da Giusy Patronelli. Il loro intento è di esibire a Brindisi il miglior pugilato, inaugurando nel 2011 una palestra che possa coinvolgere i ragazzi in questo sport, lavorando attivamente nel sociale. Reduce dalla conquista del titolo di campionato intercontinentale WBO al Palazumbo di Brindisi, Antonio De Vitis si è raccontato così. L'INTERVISTA Quando è nata la passione verso la boxe? Nel 1993 grazie al compianto Sergio Ragno, un caro amico scomparso a Firenze per un tragico incidente. Francesco De Tommaso fu il mio primo maestro. Da dilettante collezionai 60 combattimenti e nel 1996 anche qualche presenza in nazionale. In seguito dovetti emigrare in Piemonte per lavoro e mi trovai ad un passo dal decidere di lasciare la boxe. Lì conobbi degli scaltri allenatori, vinsi di emanuele vasta > RASSEGNA STANCA - l'altra faccia della verità la vocazione pugilistica e le vittorie del pugile che emulava i must Antonio De Vitis, campione con i guantoni 31 combattimenti su 33. Sicché nel 2005 decidemmo di unirci per provare la strada del professionismo categoria pesi superpiuma di limite di 58,97 kg. Scegliemmo Rosanna Conte Gavini come manager e Bruno Vottero come coach. Dopo aver vinto 7 incontri, occupando un buon posto in classifica, mi ritennero pronto per il titolo italiano che vinsi nel 2006 a Piacenza. Nel 2007, in Belgio, abbiamo tentato il titolo europeo, ma fui sconfitto per la prima volta con un verdetto abbastanza discutibile. Nel 2008 però vinsi il titolo del Mediterraneo ed il titolo Internazionale. Spiegheresti il vero senso della nobile arte? Oltre ai due corpi a sfidarsi sul ring ci sono due menti. Non si usa solo forza e coraggio ma l intelligenza unita a regole ben precise. Non ci si picchia con cattiveria. Per quale motivo ci dovrebbe essere rancore? Io dico che ogni combattimento è un vestito cucito su misura, si studiano le difficoltà del rivale, lavorando sulle sue lacune. Bisogna che la collettività smetta di descriverci come non siamo. Il ragazzo che ultimamente ha ucciso, si allenava in una palestra di boxe, ma non era iscritto alla federazione pugilistica, non era pugile. Tyson fu provocato volutamente e risarcito profumatamente per mordere l orecchio di Holyfield. Io non ho mai litigato per strada. Chi ti ha rotto il naso: la vita o la boxe? In 17 anni di pugilato con 116 match all attivo ho il naso ancora integro. (sorride). Le caratteristiche di un campione? Bisogna dimostrarlo prima nella vita. Sacrifici, vita sana e credere in ciò che fai. Era questo il futuro che sognavano per te i tuoi genitori? Non mi hanno mai imposto nulla. Sicuramente avrebbero voluto studiassi. Mia madre temeva mi facessi molto male (sorride). Sul tuo coinvolgimento quanto hanno influito gli eroi velleitari come Rocky Balboa? Son cresciuto emulando pugili veri come Trane, Roma, lo stesso Olivier che per me erano idoli. Rubavo il meglio da ognuno, a casa cercavo di imitarli. Hai un appellativo nell ambiente? Pittbull, perché sfianco l avversario aggredendolo da subito. Ma a me piace essere chiamato Antonio De Vitis e stop. Il tuo asso nel guantone? Il fiato, perché sono un picchiatore che non dà tregua all avversario e il gancio sinistro che riesco a portare a segno con disinvoltura da quando mi infortunai il destro. Il primo trionfo prestigioso? Il titolo d Italia nel 2006 da professionista a Piacenza, pesi superpiuma, battendo a casa sua in dieci riprese Massimiliano Chiofalo. Fu come una duplice vittoria. Chi è il tuo erede nella boxe brindisina? Tanti pugili virtuosi hanno inorgoglito la scuderia di Brindisi. Al momento ci sono ragazzi abili ma la stoffa nel pugilato va approvata col tempo. Cosa manca nel pianeta boxe locale? Mancano gli sponsor a sostegno dei costi dei combattimenti e le relative riunioni pugilistiche delle nuove leve. Non ci si può allenare a go go senza battersi ufficialmente. Saresti un campione se fossi rimasto? Avrei appeso i guantoni al chiodo nel La gente di Brindisi non risponde come al Nord dove riempivo un palazzetto da 4 mila persone. A che titolo punti? Il titolo europeo EBU per il quale sono in finale come sfidante ufficiale. leggi l intervista completa su: ESTETICA SOLARIUM TATUAGGIO ARTISTICO TRUCCO SEMI-PERMANENTE dall esperienza decennale di MAX TATTOO I nostri clienti possono usufruire di vari servizi quali: DEPILAZIONE A FREDDO MANICURE PEDICURE PULIZIA VISO SOLARIUM TRUCCO GIORNO, SERA, CERIMONIA MASSAGGIO DRENANTE, DECONTRATTURANTE, EMOLINFATICO RICOSTRUZIONE UNGHIE il nuovo del bello AUTORIZZATO ASL MATERIALI MONOUSO vdi emanuele vasta > RASSEGNA STANCA - l'altra faccia della verità BRINDISI Via Giovanni XXIII 5/A (trav. Corso Roma) Orari di apertura: dal Lun/Ven: 9:00-12:30 / 15:30-19:30 Sabato: :30 Max: / Annarita: pag 14 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 15

9 di maura gatti > SCOMUNICANDO leggi l articolo completo su: di maura gatti > SCOMUNICANDO LE ARTI DIVINATORIE: UN PATRIMONIO PERDUTO le tecniche più antiche per prevedere il futuro Nel corso dei secoli l uomo ha sempre cercato di prevedere il futuro, di entrare in contatto con le entità o gli dei per aver risposte certe. Non tutti erano capaci, però, di leggere i segni. Si vennero così a creare quelle figure, temute e cercate, tutt oggi immerse nel mistero. Al mondo esistono centinaia di tecniche divinatorie, alcune antichissime, altre più recenti. Ma ormai è difficile trovare persone in grado di interpretare gli antichi misteri.dopo le numerose persecuzioni per stregoneria, infatti, gli uomini hanno cercato di mantenere segrete certe pratiche, spesso erroneamente associate al diavolo, per timore di essere giudicati ed emarginati. Il risultato è stato la perdita, lenta, di un patrimonio inestimabile. AUTOANALISI CENTRO PRENOTAZIONI ASL/BR1 OMEOPATIA COSMETICA ELETTROMEDICALI CENTRO APPLICAZIONE ORECCHINI NOLEGGIO AUSILII ORTOPEDICI CARDIO FREQUENZIMETRI 1 VOLTA AL MESE MISURAZIONE GRATUITA DELLA GLICEMIA IL CONSIGLIO È IL VALORE PIÙ GRANDE CHE IL FARMACISTA OFFRE PER LA TUA SALUTE. Farmacia dr. RIZZO Via Mecenate 12 BRINDISI Tel Ceromanzia Divinazione tramite la cera di una candela. Particolarmente usata durante la notte di Capodanno, per scoprire se i progetti per l anno nuovo si realizzeranno. La notte del 31 dicembre si accende una candela bianca e si lascia colare la cera in un contenitore, preferibilmente di ottone o argento, precedentemente riempito di acqua fredda. A seconda della figura che si forma si avranno i responsi. Se si forma una barca, per esempio, significa che per realizzare i propri sogni bisognerà andare lontano, una corona significa che si incontrerà una persona importante che favorirà i propri progetti mentre un cuore simboleggia un'amicizia che si trasformerà in amore. Aeromanzia Divinazione condotta attraverso l interpretazione delle condizioni atmosferiche, praticata da Indù, Etruschi e Babilonesi. Oggi non si utilizzano quasi più queste arti divinatorie. Ma almeno la scienza ha riconosciuto l'influenza che il clima ha su ognuno di noi, definendo una persona particolarmente sensibile ai mutamenti climatici come metereopatica. Sticomanzia Divinazione basata su l estrazione a sorte di una frase. La forma divinatoria più usata inconsapevolmente al mondo. Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, ha aperto un libro a caso e ha letto una frase che ha interpretato in base alla propria situazione (bibliomanzia). Ma la forma più conosciuta di sticomanzia in Italia sono i biglietti dei Baci Perugina. E nell era moderna abbiamo i biscotti della fortuna virtuali, opzione offerta da Facebook. Alomanzia: (interpretazione del sale). Pratica citata da Omero, che definiva il sale divino tra le più antiche e radicate pratiche divinatorie. Si poteva interpretare in diversi modi: da come si scioglieva nell acqua o come reagiva a contatto con le mani di una persona, interpretando le forme che si creavano spargendolo su una superficie piana o da come crepitava nel fuoco, interpretando eventi casuali (dimenticare il sale a tavola, rovesciarlo o addormentarsi sul tavolo prima che le saliere fossero tolte). Da qui la credenza che rovesciare il sale a tavola porti sfortuna. In questo caso si getta un po di sale sopra la spalla sinistra nell occhio del diavolo, che si credeva fosse in agguato sul lato sinistro. In alternativa lo si prende con la punta di un coltello. pag 16 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 17

10 di virginia frigione - Accademia Fotografica Italiana - AFI > di redazione > SCOMUNICANDO SCOMUNICANDO LA STAMPA SU CARTA FOTOGRAFICA la camera oscura: fascino e mistero (seconda parte) N ella prima parte, pubblicata nel numero 7 di Ciclostyle, abbiamo esaminato la prima fase dei procedimenti che avvengono in camera oscura: lo sviluppo della pellicola. Una volta terminati tali procedimenti, possiamo passare a quella successiva: la stampa su carta fotografica. Anche in questo caso dobbiamo procurarci alcuni semplici oggetti: la luce rossa di sicurezza (consente di muoverci nella stanza senza danneggiare la carta, fotosensibile); carta fotografica fotosensibile (in commercio ve ne sono di vari tipi. È molto importante aprire la scatola solo in camera oscura e in presenza della luce rossa di sicurezza); una base d appoggio (per gli strumenti di lavoro); l ingranditore (permette di proiettare e ingrandire l immagine sul foglio di carta sensibile); tre bacinelle; liquidi (sviluppo, arresto, fis- pag 18 DICEMBRE 2010 numero 8 tecniche e prodotti per il restyling dell immagine operato da smoovy look parrucchieri i ragazzi dell afi in camera oscura condi. Con carta baritata, i tempi d attesa si allungheranno a circa tre minuti. Successivamente procediamo ad immergere il nostro foglio nella bacinella contenente il bagno d arresto per pochi secondi, per poter così bloccare lo sviluppo della carta, e quindi nel fissaggio, per poter congelare quanto impresso in precedenza. Dopo un breve lavaggio, potremo esaminare i nostri provini per stabilire quale sia il tempo di posa da utilizzare e decidere se aumentare o meno il contrasto. Una buona stampa deve mostrare, se presenti nell immagine, neri profondi, bianchi puliti e una giusta sfumatura di grigi. Grazie all utilizzo di appositi filtri, infatti, è possibile aumentare o diminuire il contrasto delle nostre fotografie. Possiamo ora esporre il foglio di carta nella sua completezza e ammirare la nostra foto che magicamente prende vita. Se non siamo ancora soddisfatti, possiamo ancora migliorare la nostra stampa, enfatizzando alcuni particolari, grazie all impiego di due tecniche complementari: la mascheratura e la bruciatura, di cui parleremo nel prossimo numero. Leggi la prima parte dell articolo su: foto di: Marco Tedesco la foto stampata saggio). Posizioniamo il negativo dentro il porta negativi dell ingranditore e scegliamo l inquadratura alzando o abbassando la colonna della testa dell ingranditore stesso, regoliamo la messa a fuoco e inseriamo il filtro rosso di sicurezza. A questo punto possiamo chiudere il diaframma a f8 e preparare i provini: una serie di esposizioni su una parte dell immagine che ci permetteranno di calcolare il tempo giusto di esposizione. Quindi, collochiamo sotto l ingranditore un foglio di carta sensibile politenata o baritata ed esponiamo una piccola striscia di questa, coprendo la parte restante con l ausilio di un cartoncino nero, per cinque secondi. Poi scopriremo un altra striscia di carta ed esporremo per altri cinque secondi e così via fino alla fine del nostro foglio. Alla fine, l ultima zona esposta avrà ricevuto soli cinque secondi di esposizione, la penultima dieci secondi, fino alla prima che avrà ottenuto la somma di tutte le pose. Fatto ciò, inseriremo le strisce appena stampate nella bacinella dello sviluppo e agitiamo il liquido di tanto in tanto. Vedremo così che la nostra immagine apparirà poco alla volta. Generalmente, utilizzando ad esempio carta a contrasto variabile politenata, i tempi d attesa sono di circa sessanta se- Modella per un giorno I lettori cambiano look fase 1. veli di luce fase 2. riflessante naturale M odelle per un giorno, testimonial per una stagione : è questo il nome dell iniziativa ideata e promossa dai parrucchieri di Smoovy Look, Vetrine Inedite e Virginia Frigione (Afi). Lidea è quella di rifare il look di aspiranti modelle, tutte brindisine, che diventano poi le testimonial di un campagna di comunicazione volta a presentare la moda capelli del momento. La selezione delle aspiranti modelle che parteciperanno al la fase conclusiva avviene, mese dopo mese, attraverso le pagine di CicloStyle. Questo mese la candidata di Modelle per un giorno è Maura. Stefano Palmieri, artdirector di Smoovy Look, spiega tutte le fasi del restyling operate sull aspirante modella. Veli di luce Per dare luminosità al colore, senza interferire troppo sulla nuance naturale, abbiamo utilizzato dei Veli di Luce ottenuti intingendo il pettine nella tintura e lasciando sul capello dei sottilissimi fili di un paio di tonalità più chiari. Il risultato è molto naturale e non lascia ricrescita evidente. Questo ci ha permesso di dare più luminosità al viso e di valorizzare i toni tenui ma caldi della carnagione e degli occhi di Maura. Riflessante naturale Abbiamo applicato un riflessante naturale per dare intensità e corposità al capello. In questo caso rame dorato per mettere in fase 3. taglio risalto gli occhi verdi senza definire troppo i contorni del viso per non appesantire l immagine, molto discreta, di Maura. Il taglio Il capello è particolarmente riccio e pesante, tende verso il basso. Per renderlo più voluminoso, sono state create delle sconnessioni sulle punte senza toccare la lunghezza. L asciugatura Nell asciugatura abbiamo usato il Frizzy Hair di Ap Tricosistem per delineare il riccio senza indurire i capelli. Abbiamo optato per un asciugatura al naturale con la tecnica dei torcion e del diffusore. Infine, abbiamo formato delle onde con una piastra Mini Styler GHD che abbiamo poi spettinato per definire il movimento con la Styling Cream Ap Tricosistem. Make-up (a cura di Daniela Nigro) Per un Make-up che valorizzi il soggetto, è fondamentale creare una base perfetta. Quando si affronta un trucco non ci si basa solo sull anatomia, fisionomia e colori del viso ma anche sul vestiario. Considerato il colore nero (colore neutro) degli abiti di Maura mi sono concentrata di più sul mettere in risalto gli occhi. Si presentano molto grandi con sfumature dell iride cangianti di verde e marrone chiaro. Bisogna ricordare che per ingrandire gli occhi non si deve mai utilizzare la matita all interno o la matita doppia sull oc- fase 4. asciugatura fase 5. make-up chio perché si avrà un effetto contrario. Vista la grandezza dell occhio di Maura e il colore chiaro, abbiamo potuto applicarla all interno. Il trucco è stato eseguito per essere adatto sia di giorno che di sera. Per questo ho preferito le sfumature di marrone e beige. Solitamente si distingue tra il trucco per il giorno, molto più naturale, e il trucco per la sera, molto più deciso e colorato. Per il naso si gioca molto con le ombre: per rimpicciolirlo si devono usare due tonalità di fondotinta e applicare il più scuro sulla parte che si deve sminuire. Il trucco della bocca è soggettivo. Io preferisco enfatizzare di più gli occhi che le labbra per rendere lo sguardo più magnetico ed il soggetto non volgare. In questo caso ho mantenuto un trucco naturale sia per gli occhi che per le labbra. Come linea Makeup uso e consiglio solo TIGI Professional perché è prodotta solo con sostanze naturali ed ipoallergenica, il prezzo non è alto ma la qualità sì. PRIMA numero 8 DOPO DICEMBRE 2010 pag 19

11 di vincenzo maggiore > ne vale la penna lo scrittore mimmo tardio di vincenzo maggiore > ne vale la penna UNA VIA PER INDINI in ricordo di un grande scrittore brindisino La grande fantasia artistica e l abilità con la penna hanno fatto di Pino Indini un personaggio storico di Brindisi conosciuto dai più come Coco Lafungia. Questo è il motivo che spinse molti concittadini e la famiglia con il supporto della stampa locale, all indomani della sua morte, a pensare che l intestazione di una via, a perenne ricordo di colui che ha saputo rappresentare l anima profonda della sua gente e le tradizioni autentiche della sua terra, fosse un doveroso omaggio a Indini. Non c è mai stata una richiesta ufficiale, eppure l interesse ad attivarsi per fare questo regalo postumo all artista è un sentimento condiviso. Sul blog del sito dedicato a Indini spiccano dei commenti di alcuni consiglieri comunali che hanno promesso di adoperarsi a tal fine. Il posto ideale sarebbe la piazzetta Guglielmo da Brindisi, ubicata al centro di Largo Guglielmo da Brindisi, dichiara il figlio Francesco Indini, che ha realizzato e curato minuziosamente il sito internet. -Era un luogo molto importante per mio padre che sarebbe stato felice di questo prestigioso tributo. D altro canto l artista brindisino aveva capito con largo anticipo che sarebbe entrato nella memoria della sua amata città soltanto dopo la morte, con la previdenza che è concessa a pochi eletti. Senza alcuna presunzione, perché l umiltà e i buoni sentimenti erano il suo pane quotidiano, come racconta Francesco. Quando parla del padre scrittore, scomparso prematuramente nel 2006 dopo una lunga malattia, gli si illuminano gli occhi, in un vortice di ricordi numerosi più dei suoi scritti. È sempre riuscito a infondere in tutta la famiglia un senso di sicurezza e di grande unione che ancora oggi viviamo grazie a lui. Era un tipo silenzioso Pino Indini, studioso dei classici e bibliotecario per un ventennio, poco propenso alla mondanità, sempre volontariamente lontano da una partecipazione attiva alla politica cittadina nonostante in molti premessero per coinvolgerlo. Preferiva starsene a casa, a fumare le sue amate Nazionali, a scrive- CHI FA DA SE FA PER 3 FALEGNAMERIA e FAI DA TE Via Prov.le S. Vito, 54/58 BRINDISI Tel: Taglio, piallatura e fresatura di massello e pannelli Cucine componibili e in muratura mobile e fissa Ante da incasso per cucine e muratura Complementi d arredo e semilavorati di ogni genere re di Brindisi, dei brindisini e della brindisinità, dividendo la penna e la sigaretta con il suo alter ego letterario, Coco Lafungia. Da un lato del tavolo il poeta, dall altro una figura grottesca e surreale che con un gergo a dir poco strampalato ne ha avute da dire su tutti, senza remora alcuna di infastidire i potenti. Indimenticabili le sue lettere pubblicate periodicamente su diverse testate locali che hanno fatto sorridere i suoi concittadini ma che hanno anche regalato loro molteplici spunti di riflessione. Indimenticabile il sarcasmo congenito nelle sue battute, le stesse che impedivano a giornalisti affermati di mantenere la serietà durante le interviste di cui è stato protagonista. La maschera di Coco Lafungia ha accompagnato l artista per molti anni, fino a quando Indini incominciò a soffrirne la presenza ingombrante. Da qui l idea bizzarra di disfarsene e di affiggere per tutta la città manifesti funebri che ne annunciavano l avvenuta morte. Episodio che risale al Non ricordo quante telefonate di cordoglio abbiamo ricevuto a casa per lo scomparso Coco Lafungia, molti brindisini erano convinti ormai che mio padre si chiamasse così-, ricorda Francesco. -Se ne avesse avuto la possibilità avrebbe addirittura inscenato un vero e proprio funerale, durante il quale sarebbe risuscitato per dare simbolicamente il via a nuova vita artistica. Roba da teatro d avanguardia, ma anche da reato per vilipendio religioso. Dovette desistere dal suo goliardico intento. Se Pino Indini era un personaggio amato da molti, era scomodo per altri. Ha fatto tremare più volte le mura del palazzo comunale, perché le sue erano denunce pronunciate senza peli sulla lingua-, continua Francesco Indini. -Basti pensare alla Brindisiade, in cui qualcuno vi ha voluto vedere un insofferenza di mio padre verso la città. Niente di più sbagliato. Pino Indini amava Brindisi come se stesso. Forse dedicargli una strada sarebbe il modo migliore per ricordare quel legame indissolubile. L'INEDITO INDINI venti poesie di pino indini pubblicate dalla hobos Regalo natalizio in vista per gli estimatori dello scrittore Pino Indini, meglio conosciuto come Coco Lafungia. È imminente l uscita di una plaquette contenente venti poesie inedite dell artista, curata dallo scrittore Mimmo Tardio con il contributo del figlio Francesco Indini. Il libro, che sarà pubblicato dalla Hobos dell editore Vittorio Bruno Stamerra, potrebbe rappresentare un primo passo importante nell operazione di riscoperta e valorizzazione dell artista. Pino Indini è stato il più grande cantore della brindisinità, che ha raccontato Brindisi con la sagacia propria dei grandi. Un quadro preciso quello proposto dal docente e scrittore Mimmo Tardio, conoscitore attento dell anima artistica e poetica di Indini. Resto sbalordito nel pensare che in molti lo ricordino solo per la sua maschera più caratteristica, quella di Coco Lafungia. Indini era tanto altro. Era soprattutto un grande scrittore in lingua italiana conosciuto in tutta la penisola, vincitore di numerosi premi e riconoscimenti per la sua produzione. Un suo volume di poesie, recensito da Evgenij Evtusenko, è stato tradotto in lingua russa e numerosi suoi scritti sono inseriti in svariate antologie italiane e straniere. Pino Indini ha pubblicato, durante la sua vita, ventitré opere tra narrativa, poesia, saggistica, teatro e satira popolare, più volte esaurite e ristampate. In molti si sono interessati ai suoi scritti, tra cui Vittorio Sgarbi, Giorgio Barberi-Squarotti, Raffaele Nigro, Carlo Bo, Michele Dell Aquila, Daniele Giancane. Rappresenta, senza alcun dubbio, un caso letterario intrigante e complesso. Era un poligrafo che ha voluto con ogni probabilità camuffare (in una sorta di contrappasso) la sua grande sapienza poetica e narrativa proprio attraverso la maschera di Coco Lafungia, che contraddiceva la natura letteraria e colta del suo mondo culturale e anticipava il dialetto reinventato di Andrea Camilleri nel suo Montalbano. Ma Coco Lafungia ha giocato un brutto scherzo a Pino Indini, accaparrandosi le luci della ribalta, offuscando la profondità e la bravura del poeta, sia in lingua italiana che in dialetto. Per saperne di più è possibile visitare la pagina web Associazione culturale ricreativa sportiva TITTY EVENTI viale porta pia, 24 Brindisi cell Organizzazione ed animazione feste e ricorrenze con personaggi dei cartoon, trucco decorativo, effetti speciali # Intrattenimento baby e doposcuola; # Disegno; # Corsi di recitazione; # Canto e insegnamento strumenti musicali; # Corsi di Ballo (Salsa, bachata, merengue, rumba, rueda de casino, tango argentino, liscio, danza del ventre, pizzica pizzica, balli di gruppo e divertentismo); # Organizzazioni di eventi, feste, congressi, mostre; # Servizio hostess, promoter, guide turistiche; # Lezioni di lingue, servizio di traduzioni ed interpretariato. GULP!! pag 20 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 21

12 di Roberto Spagnoletto > ne vale la penna di Roberto Spagnoletto > ne vale la penna Nu giurnu ti fini acostu mugghierima e nipotima Oresti sta giraunu intra casa, iu cangiava e scangiava canali alla tilivisioni: no sapiumu ce cazzu erumu a fari. Gira e vota, vota e gira, mi venni l infilici idea cu sciamu allu cimiteru cu sce truvamu li muerti nuestri. Assìu l apicedda, ndi sistimammu e ndi vviammu versu lu Pirrinu. Trasuti allu cimiteru, comu sempri, m agghiu dummandatu pi ce cazzu hannu scrittu Risorgeranno. Erunu pututu mettiri armenu nu puntu interrogativu vistu ca iu non d aggiu vistu assiri mai muerti ca hannu bivisciutu ti da intra. Infatti nonnuma ticia: quandu aggiu muertu, piscimi an facci. Maria simbrava nu curru m pacciutu scia ti na tomba all atra e ogne tanto ticia: Ucciu a vistu ci è muertu! Amposta avi assai ca no lu vitiumu. Parlandu parlandu e caminandu caminandu amu rrivvatu allu cimiteru nuevu cu li DUE continuano le storie di ucciu lu vasciu CHIACCHERE CON LA FUNGIA "ucciu lu vasciu" in un'interpretazione di massimiliano gatti tombi a condominiu. A nu certu puntu mi n daccorsi ca intra lu cimiteru non ci stava n anima viva - e non è na battuta- si sintiunu soltantu li tacchi ti Maria senza sobbratacchi. Uardau l orologiu mia, nu 'Rolecchisi'. "No' mi pigghiati pi 'gnoranti stai scrittu propia cussini, l aggiu cattatu alla cinesi ti la chiazzodda ca m e dittu: Questo essele Lolecchisi oliginale e essele pule laccato d olo solo cinque euli. Iu facia li cinqu e menza e subbutu aggiu pinsatu ca la staggioni, lu cimiteru, chiuti alli setti. Lu soli mi sta paria assai vasciu, ca iu so villanu e capescu quando la sciurnata sta spiccia. Vabbhè! Amu fattu tutti sti cazzu ti giri e poi la verità amu sbattutu nu picca cu truvamu l assuta. Amu rrivvatu allu Crucifissu, tutti e treti ndamu vutatu e ndamu fattu lu Segnu ti la Croci ca cussini si usa pirceni li spaddi a Cristu no si votunu mai puru ca iddu certi voti a nui ndi li vota. Marì mi sta pari ca lu cancellu stai chiusu, ma ce ora faci tui? Li setti e menza, risposi Maria. Li setti e menzaaaaaaaa? Mannaggia li muerti ti la cinesi, l orologiu n ora andretu s è pigghiatu, amu rimastu chiusi intra lu cimiteru e moi comu cazzu ama fari?. Maria simbrava ca l era pizzicata la tarantula e cuminzau, a usu sua, a ucculari: Aaiiuutttoooooooo!!!!!!!!!!!! Abbiamo rimasti chiusi dentro lo cimitero e ci stiamo prendendo paura asssaaaaiiiiiii!!!. Calma, calma. Oré no tieni lu tilifuninu? Chiamamu la polizia, nci dissi. Oresti trimulandu mi risposi: L aggiu lassatu a casa ca quando vau alla Chiesa no mi lu portu mai. E chitemmuertu quai alla chiesa stamu? Di dà nanzi, non ci passava anima viva pi chiediri aiutu. Lu soli si n dera sciutu e amu dicisu cu n di mittimu a nu postu rimiggiatu cu passamu la nuttata. Chianu chianu Maria e Oresti si durmiscera. Iu stava ti uardia mai sia quarchetunu si n vicinava, (ca poi ci cazzu s era n vicinari ci erunu tutti muerti). Totta na vota intra lu silenziu sintiu na voci: C: Ucciu lu Vasciu! Mi sintiu squagghiari li ntrami. C: Iu sacciu tuttu ti tei, tissi la voci e iu risposi: U: Allora sai puru ca vau ti pressa, buonanotti. C: No fari lu spiritosu cu mei. Saccio che appena hai trasuto hai letto la scritta in faccia al cancello 'BIVISCERANNO' e accome hai cercato di passare il pisulo hai truppicato che per un picca non te ne vai di faccia a terra come un carniale. Meno male che stava quel santo vagnoni ti nipotita che ti ha mantinuto ci no, a quest ora, non ci stavi quai stavi allu Di Summa. U: E com èti ci ca sai tuttu, no sai ca l uspitali vecchiu l annu cangiatu, tissi iu. C: Statti cittu e no mi contraddiri ci noni mo ti lu mollu un bel ricchiale. Intantu sintia n'addori ti pippa e di intra all ombra no vi putiti immaginari ci assiu cu la coppula e la pippa an bocca: Lu cumpari ti li cumpari, lu megghui, lu crandi Coco Lafungia. Rimasi a vocca aperta e no sapia ce dicia, quand era chiu vagnoni era lettu tutti li n furrati ca era cappatu e mi facia ritiri assai. U: Ma Cocu la Fungia sinti ssignuria?, furunu li primi paroli ca mi assera ti la vocca. Ma no ieri muertu? C: La titta giusta! La scritta 'Bivisceranno' in faccia al cancello è vera solo che bivisciamo a tanti alla vota se no se bivisciamo tutti a una fiata qua succede una confusione. Pratticamente uno bivesce e l altru si durmesce, rispundiu Coco. U: E cazzu cazzu cu tanta ca nci ndeti propria tui ieri a bivesciri? Noni pi nienti ma ci tu tuerni, iu no nci diventu importanti? C: Sapevo che stavi qua e allora ho dummandatu il permesso di bivescere io. Le storie che stai cappando mi piacono assai ma vedi connossia ti allarghi troppo e ndi approfitti quasi ca io non ci stau. Iu ti sobbra all astricu uardu tuttu quiddu ca faci. La verità alli tiempi mia era chiù facili cu faci ritiri li cristiani. Mo vanno tutti come cani rragiati che sembra che tutta a una vota gli sono morti mammisa, ttanusa e puramente i frati. U: No mi pirmittia mai cu mi mettu a paraconi cu Signuria ca pi mei atu statu e sariti sempri lu megghiu Cumpari. C: Comunque Ucciu ti sta cosa ca ha vistu, non di parlare cu nisciunu, ca sacciu ca tieni la lengua longa quantu via Lata. U: Signor Coco, ci tu mi vvisi ogne quantu bivisci, la prossima vota, ti portu nu cornettu ti lu Peddy e magari ndi pigghiamu nu cafei anziemi. C: Va beni cumpa. Cumpa! Cumpa! Cumpa!, mi sintiu scutulari, apriu li uecchi e di fronti a mei stava lu uardianu ti lu cimiteru. Allora pinsau: Maggiu sunnatu tutti cosi e mi venni nu scurimientu ti cori. Nci tessi nu carzaloni allu Uardianu e nci tissi: Comu cazzu, chiuti e no sueni mancu la sirena? Pigghiammu l apicedda e ndi avviammu versu casa. Comunque ti quiddu giurnu, iu pi scrupulu, lu cornettu n ci lu portu e la matina va spiu e non ci stai chiui. Vabbhè ca certi rubunu puru alli muerti! U: Uccio; c: Coco La Fungia. LEGENDA Tutte le storie di Uccio su: pag 22 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 23

13 di giovanni membola > di Marialba Guadalupi > Esperti in Beni Culturali, il successo della passione Nuove professioni e mestieri il cui solo capitale sociale è il passato. L ideale risposta al desiderio di apprendere e di scoprire più da vicino i luoghi e le tradizioni del nostro territorio ha trovato riscontro nelle capacità di tre giovani laureati in Beni Culturali. Sono Daniele Spedicati, Annachiara Guadalupi e Chiara Mazza, bravi a trasmettere a grandi e bambini la passione per le opere storiche, archeologiche ed artistiche. I tre esperti, accomunati dallo stesso percorso di studi, dopo aver maturato importanti esperienze nel settore si sono uniti investendo nella più affascinante delle materie prime: la cultura. Nella scorsa estate, infatti, sono stati impegnati con successo, con la Mini crociera nel porto di Brindisi, un progetto sostenuto dagli assessori al Turismo (Teodoro Titi) ed alle Attività Produttive (Francesco Renna), in collaborazione con la biblioteca Arcivescovile De Leo : centinaia di persone si sono presentate agli appuntamenti organizzati ogni weekend dei mesi estivi per vedere e scoprire la città dal mare, visitare la cripta alla base del Monumento al Marinaio e poi raggiungere via mare il Castello Alfonsino, dove sono state illustrate le caratteristiche monumentali in foto: annachiara guadalupi, daniele spedicati e chiara mazza del maniero e l attualità artistica della mostra di arte contemporanea Intramoenia Extra Art. Fondere arte ed architettura è stata la chiave del successo, dichiarano soddisfatti gli ideatori dell iniziativa che, nello stesso periodo, erano anche impegnati con le visite guidate al Museo Archeologico Provinciale nell ambito del programma Città Aperte. Siamo riusciti a gestire entrambi i progetti con l ausilio di quattro neo-laureati assunti come collaboratori spiegano un risultato che dimostra come in questo settore si possono creare posti di lavoro, so- minicrociera nel porto di brindisi tre giovani impegnati con successo nel tramandare la storia, l arte e le conoscenze archeologiche di brindisi prattutto quando le autorità credono nel progetto. Un successo annunciato che ha superato ogni aspettativa. Il tour ha confermato, ancora una volta, come i beni culturali possono essere una valida risorsa economica da valorizzare. La minicrociera è stata una sfida riuscita bene confermano ci dispiace per le oltre 400 persone che non hanno potuto partecipare agli eventi (i posti in barca erano limitati), tra loro anche i nostri genitori e parenti. Applausi, strette di mano, ringraziamenti sinceri al termine delle visite e l entusiasmo dei bambini, ci hanno dato l energia per fare sempre meglio. Tra le tante attestazioni di apprezzamento anche le parole di ringraziamento di una signora ipovedente: Siete riusciti a farmi vedere quello che non riesco a guardare. L attività del gruppo, nella pianificazione di nuove proposte utili alla destagionalizzare l offerta turistica, continuerà con il ciclo di incontri su Federico II che si terranno presso la sede dell Auser. In una città ricca di luoghi della storia, le autorità preposte dovrebbero sempre sostenere le idee che vengono dalla passione e dalle conoscenze storico-artistiche, in una professione che combina elementi di tradizione e d innovazione in un ambito spesso trascurato. GOLOSITÀ DA INDOSSARE angela chionna e le sue creazioni in cernit anello e ciondolo (foto sopra) in cernit Un hobby, tanto talento e una creatività innata diventeranno forseun lavoro per la designer di moda Angela Chionna. Entrare nel suo mondo, infonde la piacevole sensazione di essere ospitati in una delle favole che da piccoli ci facevano venire l acquolina, più che farci addormentare. Si apre la porta della casa di marzapane e appare Angela, la protagonista della nostra fiaba: è brindisina e, dopo aver affidato i propri sogni ad una grande città, ha scelto di tornare lì dove è stata bambina, per continuare a crescere. In attesa di trovare un lavoro ha scelto di impegnare il tempo creando gioielli golosi. Ispirata ai succulenti e coloratissimi pasticcini che trionfano nelle vetrine delle bakery inglesi, Angela riesce a manipolare il cernit (o fimo, pasta modellabile colorata, che cotta in forno indurisce, Ndr) che, con il calore delle sue mani, si trasforma in ciambelle glassate, plumcake, fragole, fette di torta, biscotti. Tutti rigorosamente da indossare. Appassionata di musica soul, pasticceria e cucina giapponese, Angela aggiunge a questi ingredienti, l impasto colorato a seconda del proprio umore, una buona dose di ispirazione e fantasia q.b. (quanto basta). A questo punto porta il forno a temperatura e inforna. Dopo una spennellata di lucido e una spruzzatina di essenza di zucchero, ecco pronti i suoi dolcetti... ops gioielli! Ora, dopo neanche un anno di creazioni e tanta gratificazione, Angela inizia a credere davvero che questa possa essere la sua strada: produce degli accessori unici, non in serie e di cui non esistono copie. Piacciono a lei, prima di tutto, ma incontrano soprattutto il gusto del pubblico. Angela è pronta anche a cambiare il finale di quella favola che vuole Brindisi una città poco propensa ad accogliere la novità e a premiare i nuovi talenti che devono l'origine del proprio mestiere unicamente alla creatività. Dolce e bella come i suoi prodotti, la nostra eroina è pronta ad affrontare questa sfida: permeare la città di buon gusto e profumo di zucchero a velo. foto di: Alessandra Bruno pag 24 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 25

14 di maura gatti > di emanuele vasta > VINCENZO DELL ATTI: UNO TRA I NOVANTA FORTUNATI il sogno militare di un ragazzo brindisino appena ventenne: cadetto all accademia di modena francesca prudentino La seconda vita dell oggetto usato i segreti e le confidenze di francesca prudentino, artista brindisina Tra i mestieri più antichi e, al tempo stesso, in continua evoluzione c è sicuramente quello del militare. Vincenzo Dell Atti è un ragazzo brindisino appena 20enne che ha scelto la difficile Accademia di Modena. Tra i dodicimila aspiranti, lui è uno dei novanta fortunati. A raccontarci la sua scelta, suo padre Mimmo. L'INTERVISTA Da dove questa scelta? È una tradizione di famiglia. Ha sempre avuto una passione per l ambiente militare. L ultimo anno del liceo parlavamo spesso del futuro e lui ne era spaventato, si chiedeva sempre se studiare gli avrebbe poi dato la stabilità per farsi una vita indipendente. A casa abbiamo sempre parlato delle difficoltà nel trovare un lavoro, abbiamo sempre commentato i telegiornali insieme, non volevamo che i nostri figli crescessero lontano dalla realtà. Per entrare in Accademia si devono superare numerose prove. Come è stato per lui? Oltre alle prove scritte ci sono prove fisiche e un mese di tirocinio durante il quale ti mettono alla prova rendendoti la vita molto difficile. Vincenzo ha superato tutti i test e le prove, è stato ammesso al tirocinio ma alla fine è stato scartato per soli 4 posti. Era stravolto, tanto che io e mia moglie ci preoccupammo. Pensavamo che gli ci volesse un po di tempo, invece lui entrò come soldato semplice nei parà a Pistoia. Quest anno ci ha riprovato, con una nuova consapevolezza, ed è entrato! Proprio la settimana scorsa abbiamo assistito alla Cerimonia dello Spadino, un emozione indescrivibile! Come l avete trovato? Stanchissimo. Pensi che gli hanno lasciato mezzo pomeriggio libero e lui ha preferito trascorrerlo nel B&B. Si è fatto una doccia e ha dormito! Ci ha raccontato che i ritmi sono massacranti, a malapena hanno il tempo di lavarsi. Le racconta mai qualcosa che può preoccuparla? Quando siamo andati alla cerimonia, il Comandante ci ha radunato in una sala e ci ha testualmente detto: Non fatevi impietosire da ciò che vi racconteranno i vostri figli, da qui devono uscire futuri vincenzo dell atti comandanti, i migliori. Basti pensare che quando devono studiare o mangiare devono assumere una posizione perfettamente eretta mantenendo una distanza di quattro dita dallo schienale e quattro dita dal tavolo. Non possono rilassarsi in nessun momento della giornata. Sono ragazzi che in futuro dovranno comandare e prendere decisioni in condizioni estreme, gli insegnano a vivere sotto pressione, ogni minuto. Da loro dipenderanno delle vite, devono essere preparati a qualsiasi evenienza. Un punto di forza e uno di debolezza di Vincenzo. È sicuramente consapevole delle sue capacità. Punto debole? È un tenerone. Chiunque incontri Vincenzo non crede possa essere un militare, è un ragazzo mite e molto dolce. E abbraccia sempre la mamma! Cosa direbbe ai giovani che vogliono intraprendere questa strada? Entrare in Accademia non significa solo marciare o sparare. Al contrario, adesso è molto tecnologica. Si acquisiscono delle competenze tecniche molto utili, ci si forma per un mestiere.oggi ci sono ancora pregiudizi: i militari vengono etichettati come guerrafondai, in realtà sono medici, veterinari, ingegneri. Un messaggio per i genitori? Cercare di scoprire le attitudini dei figli e indirizzarli verso la strada giusta. Bisogna imparare a vedere le potenzialità, farle emergere. E poi lasciarli andare, che è la cosa più difficile da fare per un genitore. Ci sono mobili un tempo sfavillanti che, divenuti marci, vengono considerati spazzatura. Eppure Francesca Guya Prudentino resuscita cose che noi getteremmo via, donando una nuova immagine. Colla, polvere di trucco, forbici, colori e all occorrenza stucco; mani esperte e testa sapiente. Lei stravolge anche il niente. L'INTERVISTA Chi è Guya e perché? Sono un artista improvvisata che ha ricostruito a gusto suo le cose vecchie o smontate, dopo averne intuito la tecnica. A ben 24 anni la prima occasione per sperimentarmi, è stata concepire un regalo di matrimonio originale per mio fratello. Guya me l'ha affibbiato lui e non mi è dispiaciuto continuare a firmarmi così. Più avanti forse inventerò un logo personalizzato. Cosa t ispira? Le più grandi ispirazioni mi vengono quando sto facendo altro. Di artista consumato ho solo il momento dell ispirazione. (ride) Cosa ascolti, cosa osservi, cosa o chi ami? La musica che passa al momento nella mia playlist. Dal metal alla classica senza pregiudizi. Certi ritmi mi spronano e mi caricano. Non osservo in giro, ma mi fermo mezz'ora ad esaminare ciò che creo, addentrandomi in un mondo senza orari né pensieri, anche se dovessero esserci tante persone attorno. Amo l'arte pop, creo il kitsch, ma più di tutto il riutilizzo dei materiali che tutti svalutano e cestinano. Non ho un unico punto di riferimento vivente. Da ogni personaggio o stile è giusto acquisire il massimo aspetto positivo. Definisciti in un solo vocabolo per ciò che crei. Non creo dal nulla, ma ricreo. Quindi una redesigner. La tua è propensione artistica o un mestiere? Spero entrambi. In futuro vorrei aprire un laboratorio tutto mio. Esistono maestri dai quali hai imparato le basi della tua tecnica? Non ho avuto maestri, ma solo motivazioni scaturite dal fronteggiare l inutile spendi e spandi quotidiano della gente che non ha voglia di ottimizzare le proprie risorse. Nelle tue creazioni custodisci un identificazione chiara e costante? Mi si riconosce perché amo i fumetti o la carta stampata in genere. Prediligo gli abbinamenti particolari. Hai mai dato un nome alle tue opere? Al locale Cillarese (Brindisi), aperto d'estate, c'è un'ape Piaggio che ho chiamato "estape". Il nome va anche in base a come si intitola l'acquirente. (sorride) Ti è mai capitato di autoallibirti di ciò che riesci a fare? Lo ammetto, mi sono autocompiaciuta fissando la mia ultima creazione. I tuoi pezzi possono custodire un valore affettivo? Dipende dalle persone alle quali li dedico. Per alcune cose mi viene la palpitazione quando le devo dare a chi me le ha commissionate. In ogni pezzo c'è la mia anima. Quanto costa la creatività? Le idee devono avere un valore ed il tempo che si può impiegare non è sempre uguale visto che non sono un robot che produce in serie. Mi sono sottovalutata spesso. Però mi ha fatto molto piacere che un artista quotato mi abbia chiesto un lavoro, elogiandomi. Qual è il tuo più grande sogno nel cassetto? Vorrei unire il mio attuale mestiere nel pub, con ciò che riesco a creare. Mai sentito parlare di locali d'autore? Arredare i caffè o i wine-bar sarebbe il mio sogno attuale. Cosa diresti ai ragazzi creativi brindisini per invogliarli a farsi valorizzare? L evento Talenti Compressi è stato un esempio (evento organizzato da Vetrine Inedite per premiare i talenti del territorio, Ndr): unire tutti i brindisini capaci di rappresentare le diverse forme d'arte. Non dev'essere uno spunto nato da altri, ma concretamente dagli stessi artisti. Dovremmo chiamare noi CicloStyle dicendo: vi interessa? Il mio malcontento sfocia nell'arte. Brindisi non ha molto da offrire e tutti si lamentano anche se è bellissima. Non è cattiveria, ma concreta costruttività se dico che dobbiamo smuovere qualcosa visto che, per la maggiorparte dei giovani, qualsiasi altro posto può sembrare migliore. foto di: Ilaria Bramato pag 26 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 27

15 di vincenzo maggiore > di redazione > nicola de giorgio IL COLLEZIONISTA DI nicola de giorgio e i segreti della cartogiocofilia CARTE LA CASA DEL FUTURO ATTERRA A BRINDISI (in basso): alcuni degli articoli in vendita; (a dx in alto): i titolari di n&s domotica alessandro vecchio, fernando scivales e domotica Quando si parla di collezioni si è soliti valutarne l importanza in base al numero dei pezzi posseduti. Niente di più sbagliato, perché esistono collezioni composte da poche rarità di altissimo valore e collezioni ricche in quantità ma povere in termini qualitativi. Questo vale anche per le collezioni di carte da gioco, come quella faticosamente costruita dal brindisino Nicola De Giorgio. Sì proprio carte da gioco. Perché accanto a chi si cimenta nella collezioni di francobolli, di vinili, di monete, di vecchie schede telefoniche e di farfalle (più o meno fantomatiche), esiste al mondo una schiera di appassionati che hanno trovato nelle carte da gioco un grande motivo d interesse. La cartogiocofilia consiste proprio nel collezionismo delle carte da gioco che non vengono considerate solo uno strumento per passare il tempo ma articoli che meritano di essere raccolti e conservati. Dietro questi oggetti di uso comune, arrivati in Europa a metà del 1300, si nascondono secoli di storia e variegate modalità di utilizzo che, da un esigenza primaria di natura essenzialmente ludica, si dipanano fino ai tarocchi e il gioco d azzardo. De Giorgio è ormai un esperto nel campo. Tutti i tipi di carte sono nati per il gioco, spiega. Nicola ha svolto numerose ricerche sulle carte nelle diverse regioni italiane, con particolare riferimento all Italia meridionale nel periodo del Regno di Napoli. I tarocchi spiega- rappresentano la naturale evoluzione del gioco delle carte, come avviene nella briscola, in cui troviamo l introduzione della carta superiore a tutte le altre. La divinizzazione e la cartomanzia sono passi successivi. L argomento meriterebbe un approfondimento sostanzioso, in grado di ricalcare almeno a grandi linee un analisi storica, culturale, politica, antropologica e artistica a cui specialisti del settore hanno dedicato un numero infinito di libri e pubblicazioni. Ma come nasce la voglia di collezionare carte da gioco? In maniera del tutto fortuita e casuale, perché all inizio non rappresentavano altro che dei souvenir di paesi lontani in cui sono stato. Poi si è accesa la miccia della curiosità e ho incominciato a documentarmi. Il passo più difficile è sicuramente la ricerca delle carte. Trovare un mazzo di carte antico completo è una cosa difficilissima, ma altrettanto difficile è classificare le carte, che possono essere in prima istanza suddivise in standard e non standard. L appartenenza delle prime può essere riconosciuta a seconda della tipologia delle raffigurazioni (spade, bastoni, denari, coppe per le italiane; quadri, cuori, fiori e picche per le francesi). Per non parlare delle numerose differenze che si possono trovare poi tra le carte da regione a regione. Dedizione e tanta passione, d altra parte, sono sempre quelle che rendono unica la collezione. una parte della sua collezione Una casa ultramoderna, da 'comandare' anche dall'ufficio o nella quale entrare stando in vacanza nell'altro capo del mondo. Oggi anche a Brindisi tutto questo è possibile grazie a due giovani appena trentenni che ne hanno fatto un mestiere. Alessandro e Fernando Scivales hanno aperto, infatti, il primo centro di vendita e assistenza -unico in zona- dedicato alla domotica. Ma che cosa c'è dietro questo termine ancora poco conosciuto? "Un mondo estremamente tecnologico che costruiamo su misura grazie a tutta la professionalità acquisita attraverso corsi di specializzazione ed anni di esperienza sul campo, spiegano. S inizia a parlare di domotica (dal greco domos, casa e titemi, ordinare) a metà degli anni '90, proprio per venire incontro all'esigenza di semplificare la gestione degli impianti, perfezionare i sistemi di sicurezza e razionalizzare il consumo di energia. In un solo concetto: migliorare la qualità della vita. Nata per uso privato ben si adatta alle varie esigenze del settore industriale. Permette di rendere parzialmente o totalmente autonome tutte le apparecchiature di un ambiente, in particolare quelle dedicate all elettrotecnica e alla videosorveglianza. Grazie ad un sistema di sensori, molto più sicuro dei cavi a tensione elettrica, si può fornire all'impianto illuminotecnico un sistema di autoapprendimento, in grado di regolare automaticamente l'intensità della luce diffusa in base alla presenza o meno della luce naturale, riducendo al minimo lo spreco di energia. Allo stesso modo, lontani da casa, vi si può simulare la presenza (alzando e abbassando le tapparelle, accendendo e spegnendo le luci) attraverso un comando remoto installato sul proprio palmare. E poi è possibile decidere di riscaldare gli ambienti prima di rientrare. Si tratta di un sistema di gestione remota che può essere applicato anche alla video-sorveglianza. L'utente, infatti, può visualizzare dal proprio telefono cellulare, l'intero sistema di telecamere installato in ogni area dell'abitazione o può verificare l'effettiva intrusione di soggetti estranei, in seguito ad un segnale d'allarme. Questo software, inoltre, permette di trasmettere su qualunque monitor presente in casa, inclusi pc e televisori, controllando perciò da una stanza quello che avviene nelle altre. Un mondo estremamente all'avanguardia, un concetto nuovo di abitazione. Non solo. Tutto ciò può essere anche previsto per strutture molto più grandi e complesse come quelle di un'azienda o di grandi spazi pubblici. È il caso del sistema di telecamere attivato al Palazzetto dello Sport Elio Pentassuglia, in contrada Masseriola, a Brindisi, che garantisce la videosorveglianza completa dell edificio durante le manifestazioni sportive, spiegano i due. A breve, inoltre, Fasano assisterà alla costruzione del primo condominio interamente domotico, simbolo di come la domotica stia pian piano conquistando l'attenzione di un maggior numero di cittadini. Il costo di queste implementazioni- assicurano i due esperti- supera solo di 1/3 quello di un impianto tradizionale, progettazione e messa in funzione incluse. Risparmio energetico, sicurezza, automazione e molto altro. Per calcolare con esattezza l'entità del risparmio energetico che ne può derivare e avere altri approfondimenti, basta raggiungere il negozio N&S DOMOTICA, in viale Commenda 202, Brindisi. pag 28 DICEMBRE 2010 numero 8 numero 8 DICEMBRE 2010 pag 29

16 di redazione > LABORATORIO VIRTUALE DI POESIA E SCRITTURA art: VETRINE INEDITE CREATIVA È nato il primo laboratorio virtuale di poesia e scrittura creativa. Il contenitore non poteva non essere il sito ufficiale del magazine (www.ciclostyle.it). Uno spazio virtuale di scrittura in cui giocare con le parole, improvvisare, esprimersi. Poesie, haiku, brevi pensieri o prose, frammenti di emozioni, di risposte o domande. Proporremo suggestioni visive (immagini, colori), auditive(brani musicali), olfattive (profumi) e sensoriali. Immergiti negli stimoli proposti e libera la una rubrica per liberare il talento notte stellata sul rodano di van gogh tua creatività. Per partecipare è necessario compilare il form proposto nel canale Ne vale la Penna di Ciclostyle.it ed entrare così nella community per inviare gli scritti suscitati da alcuni file (audio, video e immagini) che la redazione vi proporrà. Un modo per consentire ai brindisini di liberare la propria creatività e tutto il proprio talento nel campo della poesia e della scrittura creativa. La rubrica è curata da Monica Cucinelli La prima suggestione sarà visiva: "Notte stellata sul Rodano" di Van Gogh. Il primo lavoro, in questo caso una poesia, è stata scritta proprio da Monica Cucinelli. Quanto immersa dentro il buio, la profondità della luce. Essa è lì. Solo a tratti, dimentichi di meraviglia e grandezza, la ignoriamo, dimentichi non ci lasciamo avvolgere, da ciò che è già dentro di noi. Ma basta solo un attimo, uno spiraglio. E in quell'aprirsi ciò che desideriamo ci attendeva già; e ci precede, venendoci incontro. Monica Cucinelli make a wish esprimi un desiderio salone parrucchiere acconciature moda cut & color personalizzati extension solarium doccia solare estetica manicure trattamenti massaggi make-up pacchetti sposa: trucco capelli make up diagnosi personalizzata del cuoio capelluto, del capello con tricocamera per problemi di diradamento causa caduta, forfora, desquamazione il gusto da prendere al volo di Stefania Cuppone Corso Roma Via Santa Lucia CARPE DIEM P.zza Dante, 11 BRINDISI BRINDISI via Dè Gallo, 3 Tel Lunedì chiuso Orario continuato Riceve su appuntamento skype: adhara.hairbeauty Via Lata Via De Gallo Via B. De Rojas in centro nei pressi della Chiesa di Santa Lucia Via Porta Lecce pag 30 DICEMBRE 2010 numero 8

17

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Gioielli per ogni occasione

Gioielli per ogni occasione GUIDA REGALO Gioielli per ogni occasione I gioielli di una donna sono generalmente gli oggetti di maggior valore economico che possiede e spesso anche i più cari dal punto di vista affettivo. Oggi sul

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli