MINTIMU LI COSI AN CHIARU. Commedia in atto unico di. Personaggi ed interpreti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINTIMU LI COSI AN CHIARU. Commedia in atto unico di. Personaggi ed interpreti"

Transcript

1 MINTIMU LI COSI AN CHIARU Commedia in atto unico di VITO STRIDI Personaggi ed interpreti PANCRAZIO ORONZA VITO ANTONIO ANNUNZIATA CARMELA PASQUALE SERAFINA NOTAIO (capofamiglia) (moglie di Pancrazio) (figlio di Pancrazio ed Oronza) (figlio di Pancrazio ed Oronza) (figlia di Pancrazio ed Oronza) (comare e vicina di casa) (marito di Carmela) (figlia di Carmela e Pasquale) INTRODUZIONE Questa vicenda si svolge in una famiglia modesta, dove regna la discordia e il malcontento. Pancrazio, capo di questa famiglia, per indispettire sua moglie Oronza, donna perfida, malvagia e manesca, escogita una menzogna che gli permetterà, almeno per poco, di riuscire a dominare l'indomita moglie ma, ad un certo punto, si rende conto che non è quello il sistema per farsi rispettare e decide d'imporsi con le cattive, ritrovando se stesso in una dimensione nuova. La commedia termina così a lieto fine.

2 Questa vicenda si svolge nel nostro Salento meridione d'italia PANCRAZIO: Un giorno o l'altro me ne devo andare in America. Eh! Me ne vado! E con che cosa me ne dovrei andare? Dovrei prendere una grossa eredità. E chi dovrebbe darmela questa eredità se i miei parenti sono tutti poveri? E pensare che ho uno zio in America. Ma lui fa il lustrascarpe, cosa può mai avere? Sono stanco di stare qui e di sentire sempre gridare mia moglie. E non solo gridare. Mi da certi schiaffoni da farmi vedere le stelle. Si sente dall'altra stanza una voce minacciosa. Cosa stai borbottando? Se vengo te ne do ancora. PANCRAZIO: Povero me! Povero me! Mi fanno ancora male le spalle. Che mani pesanti che ha! Si affaccia sulla porta il compare e, dopo aver chiesto se può entrare, si avvicina a Pancrazio. PASQUALE: Compare Pancrazio. Stamattina stai parlando da solo? Scommetto che hai bisticciato con comare Oronza. PANCRAZIO: Bisticciare? Altro che bisticciare. Ogni parola pesava cinquanta chili. (accennando con la mano) PASQUALE: PANCRAZIO: PASQUALE: Compare! Tu però ti fai trattare troppo male. Dovresti avere un po' più di dignità. Si! Perché tu fai tremare tutti! Tu non bisticci mai con tua moglie? (rifacendo il gesto con le mani) Compare! Ma cosa dici! Io a casa mia li faccio

3 tremare tutti. E' che non mi piace andare in campagna a lavorare, ma mi devono rispettare lo stesso. Sono sempre io il capofamiglia. PANCRAZIO: Eh! Beato te! Io ho una moglie che è una macchina di botte. In quanto al lavoro penso sia meglio che lo facciano gli altri. E, mentre parlano insieme i due compari, entra in scena Oronza. PANCRAZIO: Ah! Eccoli qua, tutti e due insieme già di prima mattina. La coppia più bella del mondo! Che vi venga un colpo! Mi dispiace solo che abitiamo in un vicolo cieco, dove non passa neanche un camion, almeno potevo avere la speranza che una volta o l'altra vi potesse travolgere. Compare. Andiamo via perché il disco ha iniziato a suonare e sono sicuro che se rimaniamo ancora un po' va a finire che ce le prendiamo di santa ragione. PASQUALE: Si. Andiamo via. Andiamo a giocare a tresette. Andate! Andate via e non tornate più. Qualche attimo dopo si affaccia comare Carmela. CARMALA: Comare! Ti sto sentendo urlare! E' successo qualcosa? E cosa dovrebbe succedere? Abbiamo dei mariti di cui non ci si può proprio fidare e anche Gesù Cristo da loro una mano altrimenti, cadono tanti fulmini... e non gliene fa cadere uno sulla loro testa? Stamattina mio marito se l'è prese per bene. Non puoi fare nessun affidamento su di lui. CARMELA: Eh! Tuo marito stamattina e... mio marito le ha prese ieri sera invece Eh! Comare mia! Dobbiamo sopportarli. Cosa

4 possiamo fare? Meno male anzi che prendono un po' di pensione. CARMELA: Si! Puoi star tranquilla che se non portava niente a casa l'avrei già cacciato. Comare cambiamo discorso, cosa mangi oggi? Comare mia! Sono ancora indecisa. Volevo cucinare le fave ma, ieri sera ho dimenticato di metterle a bagno. Dovevo cucinarle con un po' di verdura di campagna, va a finire che preparo solo quella. Uh! Ora che ci penso, è ancora da pulire e non so se avrò tempo di farlo perché, quel lazzarone di Serafina stanotte ha fatto la pipì a letto, e quanta... Sai, comare, che dorme ancora con noi? Beh! Ci ha bagnati tutti. Oh! Io questi problemi non li ho più ormai. I miei si sono fatti grandi ormai. Sono mezzi fessi, però la pipì nel letto non la fanno più. A questo punto entra Serafina con indosso una camicia da notte. SERAFINO: CARMELA: Mamma! Mi dici come faccio ad andare a scuola? Proprio stamattina che dobbiamo fare il dettato e dobbiamo essere interrogati sulla tabellina del due. Ti arrangi! Non l'ho fatta io la pipì nel letto. ( si alza dalla sedia, lo prende per una mano e dice) Andiamo via piuttosto, lazzarone. Escono di scena. Dall'altra stanza si sente gridare. VITO: Mamma! Guarda Antonio! Mi sta inseguendo! E' meglio che vada così li sistemo bene.

5 Oronza esce di scena e li sistema per le feste. Correndo entrano i figli con evidenti segni di lotta sul corpo. ANNUNZIATA: Tutta colpa vostra! Ahi! Ahi! Ahi! I due fratelli, mezzi fessi, si guardano in faccia e si mettono a ridere. Annunziata si toglie una scarpa e dice: ANNUNZIATA: Quando torna papà glielo dico. VITO: ANTONIO: Ma cosa le hai messo, (serio serio) caffè? (ancora più serio) No! Colla per topi! ANNUNZIATA: Scemi! Quando viene papà gli dico che mi avete messo la colla nella scarpa (ed esce di scena) VITO: ANTONIO: VITO: ANTONIO: VITO: ANTONIO: Antonio! Che cosa hai fatto a Francesco Sparaciole? Perché? L'ho incontrato l'altro giorno ed era ingessato dalla testa ai piedi. Gli ho domandato: "Francesco, cosa ti è successo"? Mi ha risposto con una frase molto irriguardosa e posso assicurarti che, se si poteva muovere, mi avrebbe certamente riempito di botte. Quante storie per un bastone che gli ho messo nella ruota della bicicletta. Antonio! La mamma ha detto di trovarci il lavoro. Lavoro? Ma cosa ti passa per la testa. Hai dimenticato cosa è successo l'ultima volta?

6 VITO: ANTONIO: VITO: INSIEME: Si! Due anni fa. E non ricordi che il padrone voleva farci lavorare? Già! E' vero! Ora ricordo. Quando ci vide arrivare in campagna ci disse:"beh! Non avete portato la zappa"? "Io per zappare vi ho chiamati". Ma per chi ci hai preso, per due cretini? Che con la zappa si lavora!!!... E con una risata escono di scena. Entrano invece i due compari, un po' brilli. PASQUALE: Uh! Compare! All'ultima mano, quando mi hai fatto cenno con l'occhio, ho capito che dovevo buttare l'asso, così abbiamo potuto vincere. PANCRAZIO: Il bello è che io, è vero che ho chiuso l'occhio, ma è perché mi era entrato un nocciolo di uva quando ho bevuto direttamente dal fiasco. PASQUALE: Parla piano compare, che se ci sentono quelle due brigadiere... Compare! Quando le buttiamo giù dal terrazzo? Così almeno facciamo il funerale insieme e può darsi che ci fanno anche lo sconto. (balbettando a causa del vino che hanno bevuto) PANCRAZIO: Compare! Ma ci pensi a mia moglie? Quella, fra cento anni la trovano ancora intatta. PASQUALE: Eh!... PANCRAZIO: Ehi! Se tu eri un verme, la mangiavi? (poi diventa tutto ad un tratto serio) Compare! E' da tanto che ho un pensiero per la testa... Volevo farle uno scherzo che, quando scoprirà la verità, può darsi che mi ammazza, ma almeno mi

7 son fatto trattare bene per un po' di tempo. PASQUALE: Di cosa si tratta compare? Che idea è? PANCRAZIO: Compare! Mi raccomando però. Dobbiamo saperlo solo noi due altrimenti... incomincia a mettere i soldi da parte perché poi dovrai farmi la corona. PASQUALE: Tra di noi queste cose compare? Dimmi! Dimmi! PANCRAZIO: Sai come è attaccata ai soldi, tanto che solo quando riscuoto quel po' di pensione,... non che mi tratta bene, ma è poco poco più dolce; e, con questa idea... penso che diventerà dolce come il miele. Ecco di cosa si tratta:... PASQUALE: Compare! Dove la trovi una persona istruita che ti fa questa parte? PANCRAZIO: Eh!... Per trovarlo lo troviamo. Basta andare in un altro paese, in modo che non sia conosciuto. PASQUALE: Compare! Sai cosa ti dico? L'idea mi sembra buona. Quando dobbiamo andare a trovare questa persona? PANCRAZIO: Penso che è meglio partire subito. Si spengono per un attimo le luci, oppure si chiude un momento il sipario e quando si riapre nella scena ci sono Pancrazio seduto come un pascià, Annunziata che svolge qualche lavoro domestico e Oronza che, come al solito, urla contro tutti. Guardatelo! Guardatelo che bello! Mi sembri il quadro della felicità. Perché non ti muovi un po'? Vai a raccogliere qualche cipollino e portali a Don Filippo. Lui mi dice sempre:" Quando tuo marito va a raccogliere i cipollini, me

8 li porti pure, io glieli pago". Ma tu,...altro che cipollini... Che ti venga un accidente! Non hai voglia di far niente. Che buono a nulla devo sopportare. Lui, sempre fermo, sta già pensando a ciò che deve succedere. Sempre Oronza si rivolge sgarbatamente verso Annunziata che è l'unica sensibile e garbata della famiglia. E tu, lumacona, ancora i piatti stai lavando? Vai a riempire una giara d'acqua. ANNUNZIATA Ma!!! La faccio piena piena. ORONZA Basta che la prendi, Piena, Piena quanto sei stupida. Esce di scena Annuinziata Eh! Gesù Cristo mio! Devi farne dieci!?!... Fanne uno ma buono, tu invece, hai fatto al contrario. In quel momento fanno ingresso in scena i due fratelli, con un portamento da scemi. Oronza si mette le mani nei capelli. VITO: ANTONIO: Di dove state venendo voi due? Siamo andati a raccogliere qualche fascina di legna. Fascine?!? E di dove le avete raccolte se noi non abbiamo nessun vigneto Noi,... noi le abbiamo raccolte dalla terrazza a fianco. Sulla terrazza di Giuseppe ce n'erano tante, così abbiamo pensato di spostarne un po' sulla nostra terrazza.

9 Oronza inveisce contro Pancrazio. Senti i tuoi figli! Senti cosa combinano. E tu che non gli dici mai niente. Che razza di uomo sei, non gli hai mai dato uno schiaffo. PANCRAZIO: Beh! Se è per questo, ci pensi tu. Pochi! Pochi sono quelli che vi do. Che razza di famiglia che ho. Non posso contarne nulla. Se non era per quel po' di pensione che vi da lo stato... Entra Annunziata con la giara in mano. ANNUNZIATA: Mamma! Dove la lascio? Che scema! Dove devi lasciarla? A terra, no? A questo punto entra Serafina. SERAFINA: Compare Pancrazio! Hai una sigaretta e un fiammifero? Ha detto papà PANCRAZIO: La sigaretta ce l'ho, per il fiammifero vai dalla comare. SERAFINO: (si avvicina ad Oronza) Comare Oronza! Mi dai un fiammifero? SERAFINO: E quando il prezzemolo, e quando un gambo di sedano. Ma non avete mai niente nella vostra casa?!? Comare Oronza! Me lo dai il fiammifero? Ogni volta mi dici le stesse cose. Quando vieni tu a casa nostra a chiedere le cose? Ecco! Ecco! Hai la lingua più lunga di quella di tua

10 madre. Serafino esce di scena. Dopo un po' si sente suonare alla porta. Nessuno si muove, e quando si sente bussare di nuovo Oronza, tanto per cambiare, grida ancora. Andate ad aprire la porta, maledizione! Mentre i maschi fanno solo finta di alzarsi, Annunziata va ad aprire però si trattiene davanti alla porta a parlare con chi ha bussato. Chi è che ha bussato si può sapere? Annunziata torna dalla mamma intimidita. ANNUNZIATA: Mamma! E' una persona. VITO: E chi è questa persona? Guarda che se sono quelli che vendono cerotti digli di andare via altrimenti gli faccio fare la fine di quello che è passato l'ultima volta. Perché mamma, cosa gli hai fatto? Cosa gli ho fatto? Pensa che alla fine i cerotti non voleva più vendermeli perché servivano tutti a lui. ANNUNZIATA: No mamma! Non vende cerotti. Sembra un signore. Fallo entrare allora. Vediamo, chi è questo signore. Entra in scena un signore con in mano una valigetta. Cosa vuoi? Per caso vendi biancheria? Il signore, un po' timido, parla in italiano.

11 Io, veramente, sono,... Che ti venga un accidente! Vuoi dire chi sei? PANCRAZIO: E fallo parlare quel poveretto. E io che sto dicendo? Che parli no? I due figli maschi intanto gli girano intorno perché poche volte hanno visto un signore così e Pancrazio già pregusta il divertimento che ci sarà. Voi siete la famiglia Scarsetta? TUTTI IN CORO: Si! TUTTI: TUTTI: Questa è la via Sant'Antonio? Si! E' il numero tre? Si! E il capofamiglia si chiama Scarsetta Pancrazio? Tutti si guardano in faccia e poi insieme rispondono:no! Come no! Mio marito si chiama 'Ngau! Va bene. Ma tradotto dovrebbe essere Pancrazio. Beh! Come... si chiama chiama, parla e sbrigati. Di cosa si tratta? Non voglio dilungarmi troppo. (apre la valigetta e

12 prende un foglio di carta scritto a macchina) Io sono il notaio Carretta e curo gli interessi della famiglia... (il notaio volutamente non fa mai il nome del benefattore)dunque, questo documento datomi appunto dalla mensionata famiglia, dice quanto segue. Voglio precisare che questa famiglia è ricchissima e voi, forse non forse, ne avrete vantaggi. (inizia così a leggere il documento) "Io sottoscritto... nel pieno delle mie facoltà mentali, dichiaro quanto segue: Ritenendomi io, devoto di Sant'Antonio; poiché per tre volte colto da infarto ed altrettante volte sono stato toccato dalla Sua grazia; voglio fare opera di bene come ringraziamento al grande Santo regalando la somma di 1OO milioni, con la seguente clausola: Prima di tutto dovrà essere una famiglia povera; non dovrà essere nativa del posto perché voglio rimanere anonimo; la famiglia che usufruirà di tale fortuna sarà scelta con dei criteri che elencherò: 1) Il paese dove si trova questa famiglia dovrà essere a 65 chilometri dal mio paese. (65 come i miei anni) Dovrà abitare nella via Sant'Antonio al numero 3. (le grazie da me ricevute) Dovrà essere povera, onesta e possibilmente devota del Santo". A queste parole tutti rimangono a bocca aperta. Io, per la verità, sono stato un po in giro ed ho chiesto vostre informazioni e, mi è stato riferito che siete una famiglia povera, ma un po' turbolenta. TUTTI INSIEME: Chiacchere, chiacchere! Non lo sai come sono nei paesi? Noi nientemeno ci vogliamo un bene che non finisce mai. E' vero Pancrazio? E

13 poi... ho tre figli che sono tre angeli del Paradiso. Io comunque dovrò indagare bene, queste sono le volontà del mio cliente. Chiederò ancora informazioni al vicinato. In quell'attimo si affaccia comare Carmela. CARMELA: Comare! Cos'è successo? Stavo scopando fuori ed ho visto entrare un signore molto elegante ed ho pensato:"avrà sbagliato casa. Non è per caso uno che vuol fidanzarsi con tua figlia"? Uh! Comare mia! Te ne vieni con certi argomenti! Che fidanzare e fidanzare, è ancora una bambina. A luglio termina quindici anni. ANNUNZIATA: Il tredici, vero mamma? (rivolgendosi alla comare)di piuttosto che non puoi vedere entrare nessuno che subito ti presenti. Eh! Comare mia! Prenditi una sedia, siediti, così ascolti tutto quello che ti interessa. Scusate signora Scarsetta. Chi è questa signora che ha fatto ingresso in casa vostra? Forse una parente, o una vicina? CARMELA: (tenta di parlare in italiano) Sonto la comare di sangiovanni. Sono battezzata questa bella signorini. Neh! Che figlioccia che tengo. Signora! Dovrei farvi delle domande, se non vi dispiace. Però, mi dovete dire la pura verità. CARMELA: (incrociando le braccia) Certo! Che mi possa cadere la casa

14 Si sente un rumore. sulla testa se non dico la verità. CARMELA: CARMELA: sono...acidi. Comare! Stai attenta a quello che dici... che a casa mia stai. Bene! Mi dica un po'. Com'è la sua comare? Una santa donna! Ed è con tutte le persone così? Si! Più o meno. Certo, se si alza di traverso al mattino... Oronza fa di tutto per far capire alla sua comare di non dire cose che possano nuocere alla sua famiglia. CARMELA: CARMELA: E, suo compare, com'è? E' bravo o cattivo? Guarda! Mio compare poi,... è un fannullone come pochi. E, con quel bel campione di mio marito... da una cantina escono e in un'altra entrano. Che ti venga un colpo, comare! Dì la verità! Dì che stai scherzando. (si rivolge al notaio) Signor notaio, mio marito eti un angelo del paratiso (cercando di parlare in italiano)e' vero che va qualche volta alla cantina, ma è perché glielo ha ordinato il medico. Soffre di bronchi e noi, questa malattia, la combattiamo con i metodi antichi: vino caldo e zucchero e, siccome a casa non ne abbiamo, va a prenderselo alla cantina. Ma comare mia! Ma mi state prendendo in giro? Ma se non passa giorno senza suonargliele perché torna ubriaco.

15 Il notaio finge di essere interessato. Ma non darle retta! Quali botte! Al massimo gli canto qualche canzone d'amore. E poi, un'altra cosa: non lo sto dicendo apposta, ma noi siamo devoti proprio di Sant'Antonio. Non immagini quante volte andiamo e veniamo a piedi al santuario che abbiamo vicino al paese. CARMELA: Ma! Io non sto capendo più niente. Vino caldo, canzoni d'amore, Sant'Antonio. Speriamo almeno che vi faccia una grazia Sant'Antonio. Entra in scena Serafina. SERAFINA: E' permesso? E da quando in qua si cerca permesso a casa mia SERAFINA: Tu mi dici sempre che bisogna bussare quando vengo a casa tua e devo aspettare che tu mi dici "avanti" SERAFINA: SERAFINA: SERAFINA: CARMELA: Entra, entra, ti ho vista nascere quante chiacchere E chi ti capisce. Mi dici sempre parole. Chi è questa bambina? Questa signorina è mia figlia. Sai com'è brava? Mi fa già i lavori di casa e poi alla scuola è la più brava della classe. Perché non reciti una poesia a questo signore. Quale devo dire, quella di Natale? No. è meglio quella sulla mamma.

16 Serafina si mette sulla sedia. SERAFINA CARMELA: Sono piccina per la mia mamma. Sono piccina per il mio papà. Ma quando combino qualcosa sono botte a volontà. Quando è mattina si dice buon giorno; quando è buio buona sera e se per caso mi dimentico mi fanno, come si dice, tutta nera. Come son bravi i miei genitori mai bisticciato con qualcuno, tra loro sempre grande rispetto tranne qualche pugno in faccia, nello stomaco e sul petto. Che bella famiglia che ho, si vogliono un bene veramente assai se non era che se si mangia osci, no' si mangia crai. Sono piccina per la mia mamma. Sono piccina per il mio papà. Quante cose potrei raccontare con il rischio di farmi ammazzare. Com'è commovente vero signor notaio? (rivolgendosi al notaio) Non ti preoccupare! Noi siamo una famiglia perbene e non abbiamo nulla da temere. Allora vado. Buongiorno. (fa qualche passo) E ora, quand'è che tornate? Non lo so. In qualsiasi momento della giornata.

17 Io... stavo chiedendo, perché... io esco durante la giornata. Se non vedo almeno una Santa Messa, la notte non riesco a dormire. Vada! Vada pure signora! Capisco che quando qualcuno ha certe abitudini, non può farne a meno. Eventualmente...verrò verso mezzogiorno. Si! Vieni, vieni! Così mangi qualcosa con noi. Il notaio esce e Oronza fa nervosamente avanti e indietro per la stanza. CARMELA: Povera me! Bisogna che esco e avvisi tutti i vicini, altrimenti chessà cosa potranno dire. Come è successo a questa cretina(rivolgendosi alla sua comare) Ma, non capivi quando ti facevo segno? Io non ho capito niente. Ma, cosa è successo? C'è un signore che ci regala 100 milioni però, dobbiamo essere una famiglia timorata di Dio e devota di Sant'Antonio. Si vede la meraviglia sul volto di Carmela. CARMELA: ANTONIO VITO ANTONIO VITO Ah! Ora incomincio a capire. Ma! Ed a noi cosa ci tocca Atonio noi con i soldi ci compriamo una bicicletta nuova Tu sei scemo, con la bicicletta bisogna pedalare E' vero e pedalare significa lavorare. Sai cosa facciamo ci compriamo l'automobile.

18 ANTONIO Ma non abbiamo la patente. ORONZA Come non avete la patente voi c'è l'avete da quando siete nati. piuttosto portate la legna sulla terrazza di Lucia che, se se ne accorge, altro che automobile vi compro. (e, quando passa davanti al marito) E tu, togliti davanti, cipollone! PANCRAZIO: (con aria da furbacchione) Guarda che non mi devi far girare la testa che, se poco poco faccio il pazzo, i 100 milioni te li sogni perciò, d'ora in avanti mantieniti calma altrimenti, ogni volta che viene il notaio, trovo qualche scusa per litigare oppure gli dico che razza di donna che sei. Oronza esce di scena. Pancrazio sembra soddisfatto. Rimangono in scena Pancrazio e la figlia Annunziata e questa si rivolge al padre. ANNUNZIATA: Papà! Quando prendiamo i soldi mi compri un vestito nuovo? Anzi il mio primo vestito.. sai come lo voglio : tutto rosa con tanti bottoni sulla giacchetta. PANCRAZIO: Eh! Figlia mia! A te, se potessi, comprerei tutto! Ma ti prometto che se prenderemo i soldi potrai comprarti il vestito più bello del paese. In quel momento entra in scena il compare Pasquale. Si tiene la pancia e ride. PASQUALE: Allora, compare. E' venuto, no? Pancrazio non gli risponde, gli fa cenno di stare zitto perché nella stanza vi è Annunziata. PANCRAZIO: Annunziata. Vai a comprarmi le sigarette. Le solite, sai?

19 Annunziata esce di scena. PASQUALE: Sapessi compare. Me ne sono dovuto uscire di casa che, per un po' scoppiavo. Con mia moglie stanno facendo il giro dei nostri vicini. (scoppia a ridere anche Pancrazio. Pasquale continua) Però compare. Il giorno che scoprirà la verità, ti conviene andare lontano almeno 100 chilometri. PANCRAZIO: Compare! E' meglio un giorno da leone che cento anni da pecoroni. Ora mi diverto poi, dopo, quel che vuol succedere succeda. Entra Oronza. PASQUALE: Compare. Per caso ti serve qualche cosa? No comare. Stiamo scambiando qualche chiacchiera. PANCRAZIO: Compare. Cosa dici. Ce lo beviamo un bicchiere di vino? PASQUALE: Quasi quasi. PANCRAZIO: Oronza. Riempi due bicchieri. Pancrazio si siede sgarbatamente, Oronza gli salta addosso mettendogli le mani al collo come se volesse strozzarlo. Scusate. Ho visto la porta aperta e sono entrato. Oronza cambia subito atteggiamento. Diventa immediatamente dolce. Lo stavo aiutando a sedersi. Gli ho preparato un po' di vino caldo perché non si stava sentendo bene e vero Pancrazio? PANCRAZIO: Si. Si avvocato. Mia moglie è una santa donna. Quando si presenterà a San Pietro (sottovoce) speriamo presto...

20 Come? Come? PANCRAZIO: Si. Dicevo che quando si dovrà presentare a San Pietro, sicuramente le darà la pergamena della bontà. Beh! Scusatemi! Devo andare alla missa. (tentando di parlare in italiano) PANCRAZIO: (sottovoce)speriamo almeno che ti cada sulla testa. Esce di scena Oronza e loro tre se la ridono. Ditemi una cosa. Per quanto tempo dobbiamo andare avanti con questa storia? PANCRAZIO: Di cosa ti lamenti! Ora vedi che ospitalità che ti fa. Mangi, bevi, cosa t'importa? Solo che, quando lo scopre, è meglio che fai un viaggio all'estero. Per me, invece,ogni tanto portatemi qualche garofano. Nel frattempo, andiamo al bar a farci una bella bevuta. Si abbassano le luci oppure per un attimo si chiude il sipario e, una voce dall'interno annuncia che è già passato un mese. Quando si riapre il sipario si sono Oronza e Pancrazio. Lui sdraiato e lei accovacciata che gli sta pulendo le scarpe. E' diventata più calma e deve inghiottire parecchi rospi per quei benedetti soldi. Pancrazio. Ma questo notaio quando si decide a darci i soldi? E' un mese ormai che va e viene da casa nostra e, combinazione poi, non si perde un pranzo. PANCRAZIO: Uh! Dove stai pensando! Quando prendiamo i soldi ci paga e ci strapaga. Mah! Speriamo presto! Quel cretino mi sta facendo

21 cambiare anche di carattere. Andarmi a vedere tutti i giorni una messa... Dici che Sant'Antonio ci sta facendo la grazia? Mi sembra che è parecchio che non te le suono. PANCRAZIO: Speriamo che duri! ORONZA.Cosa hai detto? Cosa hai detto? PANCRAZIO: Niente. Niente. Però, con te va d'accordo vero? Perché allora non lo convinci a darci presto i soldi? PANCRAZIO: Calma. Calma. Ogni cosa a suo tempo. Tu continua a comportarti così e vedrai che questa storia finisce presto presto. (e si fa il segno della croce) Entra in scena il notaio. Buongiorno. Scusate. Ho visto la porta aperta e sono entrato. Non fa niente. Entrate. Entrate. Qui è come se foste a casa vostra. Tanto per regolarmi, oggi rimanete a pranzo? Mah! Signora! Avrei da fare mille cose ma, visto che insistete tanto, vuol dire che rimarrò. Cosa si mangia? (e si strofina le mani) Pasta e fagioli. Buoni! Buoni! Vado matto per la pasta e fagioli e, magari, mi prepari anche un po' di patatine fritte e... un bel Rosato del Salento. Va bene. Le friggo presto presto.

22 Pancrazio si avvicina al notaio e sottovoce gli dice. PANCRAZIO: Ehi! Bello mio! Guarda che non devi esagerare. Mi sembra che ne stai approfittando troppo. I patti erano che dovevi passare ogni tanto, non che ti devi presentare tutti i giorni per il pranzo. Se credi di poter fare il furbo a casa mia, ti sbagli di grosso. Il notaio fa finta di niente e si va a sedere comodamente su una poltrona. Entra compare Pasquale, si avvicina a Pancrazio e gli sussurra all'orecchio. PASQUALE: Compare. Devo dirti una cosa. Lo sai che ho visto tua figlia Annunziata che piangeva per la strada? Pancrazio si alza di scatto dalla sedia. PANCRAZIO: E' successo qualche cosa? PASQUALE: No. Non ti preoccupare. La colpa è di questo cretino del notaio. Pancrazio guarda verso il notaio e con una smorfia... PANCRAZIO: Si!... Notaio!... PASQUALE: Ti stavo dicendo... di questo cretino. Sembra che con questa situazione, voglia approfittarsi di tua figlia. Cerca di tenere gli occhi aperti! Pasquale esce dalla scena Pancrazio si avvicina di nuovo al notaio e, calmo calmo, glielo dice ancora una volta. PANCRAZIO: Ehi! Bel giovane! Guarda che a casa mia ti devi

23 comportare benee soprattutto non dare fastidio a mia figlia Eh! Caro mio! Pensa piuttosto se sapesse tua moglie che hai organizzato tutta questa vicenda. Cosa pensi che ti accadrebbe? PANCRAZIO: Che ti venga un colpo! Siamo arrivati al punto che mi ricatti anche. Stai attento a quello che fai. Entra Annunziata. Il notaio si alza e le va torno torno facendo il pappagallo e Annunziata lo respinge. Il padre si alza, si avvicina alla moglie e le dice. PANCRAZIO: Oronza! Ma te ne sei accorta almeno che quello fa il cretino con tua figlia? Oronza è intenta a rammendare dei calzini. PANCRAZIO Su! Dove stai badando! Gliel'ho detto io a tua figlia di farsi corteggiare. Almeno possiamo sperare che ci da presto i soldi. Ma lei si vergogna! SI vergogna, si vergogna, ma se è una bambina. ORONZA Ma che dici vedi che ha quasi quindici anni. Pancrazio si mette a girare per la casa parlando da solo. PANCRAZIO: Gesù Cristo mio! Ma cosa ho combinato! Volevo fare una vendetta a mia moglie ma, non mi sembra giusto che debbano pagare i miei figli, con questo disgraziato che io stesso ho portato in casa così, agendo in ho dimostrato solo che sono più disgraziato di lei perché... quando ci conoscemmo lei non era così. Io, poi, non mi sono interessato più di nulla e lei ha preso il sopravvento. Ma ora basta! Succeda quel che succeda. Ora basta! A tutto c'è un

24 limite. Si avvicina al notaio e incomincia ad alzare la voce. PANCRAZIO: Senti! Signor notaio! Non ti sembra che stai esagerando? Ora mi fai la cortesia di alzare i tacchi e di andartene da questa casa. Il notaio risponde pensando che Pancrazio non sia capace do reagire. Ma, cosa ti salta in mente! Oronza si alza e cerca do calmare il marito ma lui, ormai, ha preso la decisione e non si ferma più. PANCRAZIO: Ti ho già detto che devi sparire da questa casa. (alzando ancora di più la voce) Ma, allora, vuoi che dica tutto a tua moglie. PANCRAZIO: Sei un verme schifoso! A mia moglie le dico tutto io ugualmente. Oronza a queste parole si incuriosisce. Cosa dovrei sapere io? Pancrazio si arrabbia, prende una sedia e tenta di spaccargliela sulla testa. Il notaio non ci pensa due volte e fila via di corsa. Pancrazio. Cosa è successo. Non ti ho mai visto così. PANCRAZIO: Nella vita c'è sempre una prima volta e uno, ad un certo momento, deve trovare una sua dignità.

25 Pancrazio! Ma cosa dici? Non ti ho mai sentito parlare così. PANCRAZIO: Tanto per essere chiari: il notaio... il premio... sono tutte storie che ho inventato io per farti un dispetto per tutto quello che mi hai fatto passare finora. Come?!? Come?!? Tutto uno scherzo? Le urla non si contano poi, Oronza, rivolgendosi alla figlia. Annunziata! Vai dal Rosso (personaggio locale che si occupa di pompe funebri) e ordina una bara e quattro candelabri. Sbrigati, sbrigati così, stasera stessa lo portano via tuo padre. Passa anche da quel cretino che fa i manifesti e digli che il funerale è per le tre. Annunziata scappa via coprendosi il viso con le mani e piangendo. Oronza si rimbocca le maniche e si avvicina minacciosa a Pancrazio ma, è Pancrazio invece che la riempie ben bene di botte. PANCRAZIO: Ma allora non hai capito niente! Oggi mi sento rinato! Mi sento un uomo e, come uomo devo suonartele. La moglie si inginocchia e grida perdono, perdono. Poi, dopo un po' che Oronza rimane inginocchiata, lui stende una mano e l'aiuta ad alzarsi e, una volta in piedi, Oronza dice ancora. Pancrazio! Perdonami! Perdonami! (e lo dice con tanta tenerezza) PANCRAZIO: Sono io che devo chiederti scusa perché, se tu sei diventata così, la colpa è mia perché non mi sono mai interessato di nulla e tu hai dovuto fare da madre e da padre ma, d'ora in avanti, dovrà cambiare tutto in questa casa. (e si abbracciano)

26 In quel momento entrano in scena i figli maschi.. VITO Papà antonio mi ha picchiato. PANCRAZIO VITO ANTONIO E perché? Perché lui con i soldi vuole comprato la macchina per andare a spasso e caricare le signorine. Io, invece voglio l'ape cinquanta con tre ruote così carico la legna i meloni e tutto quello che la campagna offre ( e fa il segno come dire tutto quello che c'è da rubare ) PANCRAZIO: D'ora in avanti avete finito di fare i cretini! L'automobile l'ape ve lo do a calci nel sedere lazzaroni dora in poi a lavorare tutte le mattine. Suonano alla porta. ed annunziata si precipita ad aprire e ritorna con un telegramma in mano ANNUNZIATA: Il postino mi ha dato questo telegramma. PANCRAZIO: Figlia mia è inutile che me lo dai in mano. ORONZA E vuoi darlo a me? che non ho gli occhiali? I FRATELLI E lo vuoi dare a noi che siamo tutti fessi. ANNUNZIATA Annunziata legge. Ho capito lo leggo io perché ho gli occhiali, perché non sono stupida e anche perché so leggere. però non vi arrabbiate con me. "MORTE IMPROVVISA DI GIUSEPPE SCARSETTA!

27 LASCIA GROSSA EREDITA' AL SUO UNICO NIPOTE SCARSETTA PANCRAZIO. VERRA' NOSTRO INCARICATO PER ULTERIORI CHIARIMENTI. STOP". Tutti si guardano in viso poi, dolce dolce, Oronza Pancrazio! Un altro scherzo?!?... F I N E

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli