MINTIMU LI COSI AN CHIARU. Commedia in atto unico di. Personaggi ed interpreti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINTIMU LI COSI AN CHIARU. Commedia in atto unico di. Personaggi ed interpreti"

Transcript

1 MINTIMU LI COSI AN CHIARU Commedia in atto unico di VITO STRIDI Personaggi ed interpreti PANCRAZIO ORONZA VITO ANTONIO ANNUNZIATA CARMELA PASQUALE SERAFINA NOTAIO (capofamiglia) (moglie di Pancrazio) (figlio di Pancrazio ed Oronza) (figlio di Pancrazio ed Oronza) (figlia di Pancrazio ed Oronza) (comare e vicina di casa) (marito di Carmela) (figlia di Carmela e Pasquale) INTRODUZIONE Questa vicenda si svolge in una famiglia modesta, dove regna la discordia e il malcontento. Pancrazio, capo di questa famiglia, per indispettire sua moglie Oronza, donna perfida, malvagia e manesca, escogita una menzogna che gli permetterà, almeno per poco, di riuscire a dominare l'indomita moglie ma, ad un certo punto, si rende conto che non è quello il sistema per farsi rispettare e decide d'imporsi con le cattive, ritrovando se stesso in una dimensione nuova. La commedia termina così a lieto fine.

2 Questa vicenda si svolge nel nostro Salento meridione d'italia PANCRAZIO: Un giorno o l'altro me ne devo andare in America. Eh! Me ne vado! E con che cosa me ne dovrei andare? Dovrei prendere una grossa eredità. E chi dovrebbe darmela questa eredità se i miei parenti sono tutti poveri? E pensare che ho uno zio in America. Ma lui fa il lustrascarpe, cosa può mai avere? Sono stanco di stare qui e di sentire sempre gridare mia moglie. E non solo gridare. Mi da certi schiaffoni da farmi vedere le stelle. Si sente dall'altra stanza una voce minacciosa. Cosa stai borbottando? Se vengo te ne do ancora. PANCRAZIO: Povero me! Povero me! Mi fanno ancora male le spalle. Che mani pesanti che ha! Si affaccia sulla porta il compare e, dopo aver chiesto se può entrare, si avvicina a Pancrazio. PASQUALE: Compare Pancrazio. Stamattina stai parlando da solo? Scommetto che hai bisticciato con comare Oronza. PANCRAZIO: Bisticciare? Altro che bisticciare. Ogni parola pesava cinquanta chili. (accennando con la mano) PASQUALE: PANCRAZIO: PASQUALE: Compare! Tu però ti fai trattare troppo male. Dovresti avere un po' più di dignità. Si! Perché tu fai tremare tutti! Tu non bisticci mai con tua moglie? (rifacendo il gesto con le mani) Compare! Ma cosa dici! Io a casa mia li faccio

3 tremare tutti. E' che non mi piace andare in campagna a lavorare, ma mi devono rispettare lo stesso. Sono sempre io il capofamiglia. PANCRAZIO: Eh! Beato te! Io ho una moglie che è una macchina di botte. In quanto al lavoro penso sia meglio che lo facciano gli altri. E, mentre parlano insieme i due compari, entra in scena Oronza. PANCRAZIO: Ah! Eccoli qua, tutti e due insieme già di prima mattina. La coppia più bella del mondo! Che vi venga un colpo! Mi dispiace solo che abitiamo in un vicolo cieco, dove non passa neanche un camion, almeno potevo avere la speranza che una volta o l'altra vi potesse travolgere. Compare. Andiamo via perché il disco ha iniziato a suonare e sono sicuro che se rimaniamo ancora un po' va a finire che ce le prendiamo di santa ragione. PASQUALE: Si. Andiamo via. Andiamo a giocare a tresette. Andate! Andate via e non tornate più. Qualche attimo dopo si affaccia comare Carmela. CARMALA: Comare! Ti sto sentendo urlare! E' successo qualcosa? E cosa dovrebbe succedere? Abbiamo dei mariti di cui non ci si può proprio fidare e anche Gesù Cristo da loro una mano altrimenti, cadono tanti fulmini... e non gliene fa cadere uno sulla loro testa? Stamattina mio marito se l'è prese per bene. Non puoi fare nessun affidamento su di lui. CARMELA: Eh! Tuo marito stamattina e... mio marito le ha prese ieri sera invece Eh! Comare mia! Dobbiamo sopportarli. Cosa

4 possiamo fare? Meno male anzi che prendono un po' di pensione. CARMELA: Si! Puoi star tranquilla che se non portava niente a casa l'avrei già cacciato. Comare cambiamo discorso, cosa mangi oggi? Comare mia! Sono ancora indecisa. Volevo cucinare le fave ma, ieri sera ho dimenticato di metterle a bagno. Dovevo cucinarle con un po' di verdura di campagna, va a finire che preparo solo quella. Uh! Ora che ci penso, è ancora da pulire e non so se avrò tempo di farlo perché, quel lazzarone di Serafina stanotte ha fatto la pipì a letto, e quanta... Sai, comare, che dorme ancora con noi? Beh! Ci ha bagnati tutti. Oh! Io questi problemi non li ho più ormai. I miei si sono fatti grandi ormai. Sono mezzi fessi, però la pipì nel letto non la fanno più. A questo punto entra Serafina con indosso una camicia da notte. SERAFINO: CARMELA: Mamma! Mi dici come faccio ad andare a scuola? Proprio stamattina che dobbiamo fare il dettato e dobbiamo essere interrogati sulla tabellina del due. Ti arrangi! Non l'ho fatta io la pipì nel letto. ( si alza dalla sedia, lo prende per una mano e dice) Andiamo via piuttosto, lazzarone. Escono di scena. Dall'altra stanza si sente gridare. VITO: Mamma! Guarda Antonio! Mi sta inseguendo! E' meglio che vada così li sistemo bene.

5 Oronza esce di scena e li sistema per le feste. Correndo entrano i figli con evidenti segni di lotta sul corpo. ANNUNZIATA: Tutta colpa vostra! Ahi! Ahi! Ahi! I due fratelli, mezzi fessi, si guardano in faccia e si mettono a ridere. Annunziata si toglie una scarpa e dice: ANNUNZIATA: Quando torna papà glielo dico. VITO: ANTONIO: Ma cosa le hai messo, (serio serio) caffè? (ancora più serio) No! Colla per topi! ANNUNZIATA: Scemi! Quando viene papà gli dico che mi avete messo la colla nella scarpa (ed esce di scena) VITO: ANTONIO: VITO: ANTONIO: VITO: ANTONIO: Antonio! Che cosa hai fatto a Francesco Sparaciole? Perché? L'ho incontrato l'altro giorno ed era ingessato dalla testa ai piedi. Gli ho domandato: "Francesco, cosa ti è successo"? Mi ha risposto con una frase molto irriguardosa e posso assicurarti che, se si poteva muovere, mi avrebbe certamente riempito di botte. Quante storie per un bastone che gli ho messo nella ruota della bicicletta. Antonio! La mamma ha detto di trovarci il lavoro. Lavoro? Ma cosa ti passa per la testa. Hai dimenticato cosa è successo l'ultima volta?

6 VITO: ANTONIO: VITO: INSIEME: Si! Due anni fa. E non ricordi che il padrone voleva farci lavorare? Già! E' vero! Ora ricordo. Quando ci vide arrivare in campagna ci disse:"beh! Non avete portato la zappa"? "Io per zappare vi ho chiamati". Ma per chi ci hai preso, per due cretini? Che con la zappa si lavora!!!... E con una risata escono di scena. Entrano invece i due compari, un po' brilli. PASQUALE: Uh! Compare! All'ultima mano, quando mi hai fatto cenno con l'occhio, ho capito che dovevo buttare l'asso, così abbiamo potuto vincere. PANCRAZIO: Il bello è che io, è vero che ho chiuso l'occhio, ma è perché mi era entrato un nocciolo di uva quando ho bevuto direttamente dal fiasco. PASQUALE: Parla piano compare, che se ci sentono quelle due brigadiere... Compare! Quando le buttiamo giù dal terrazzo? Così almeno facciamo il funerale insieme e può darsi che ci fanno anche lo sconto. (balbettando a causa del vino che hanno bevuto) PANCRAZIO: Compare! Ma ci pensi a mia moglie? Quella, fra cento anni la trovano ancora intatta. PASQUALE: Eh!... PANCRAZIO: Ehi! Se tu eri un verme, la mangiavi? (poi diventa tutto ad un tratto serio) Compare! E' da tanto che ho un pensiero per la testa... Volevo farle uno scherzo che, quando scoprirà la verità, può darsi che mi ammazza, ma almeno mi

7 son fatto trattare bene per un po' di tempo. PASQUALE: Di cosa si tratta compare? Che idea è? PANCRAZIO: Compare! Mi raccomando però. Dobbiamo saperlo solo noi due altrimenti... incomincia a mettere i soldi da parte perché poi dovrai farmi la corona. PASQUALE: Tra di noi queste cose compare? Dimmi! Dimmi! PANCRAZIO: Sai come è attaccata ai soldi, tanto che solo quando riscuoto quel po' di pensione,... non che mi tratta bene, ma è poco poco più dolce; e, con questa idea... penso che diventerà dolce come il miele. Ecco di cosa si tratta:... PASQUALE: Compare! Dove la trovi una persona istruita che ti fa questa parte? PANCRAZIO: Eh!... Per trovarlo lo troviamo. Basta andare in un altro paese, in modo che non sia conosciuto. PASQUALE: Compare! Sai cosa ti dico? L'idea mi sembra buona. Quando dobbiamo andare a trovare questa persona? PANCRAZIO: Penso che è meglio partire subito. Si spengono per un attimo le luci, oppure si chiude un momento il sipario e quando si riapre nella scena ci sono Pancrazio seduto come un pascià, Annunziata che svolge qualche lavoro domestico e Oronza che, come al solito, urla contro tutti. Guardatelo! Guardatelo che bello! Mi sembri il quadro della felicità. Perché non ti muovi un po'? Vai a raccogliere qualche cipollino e portali a Don Filippo. Lui mi dice sempre:" Quando tuo marito va a raccogliere i cipollini, me

8 li porti pure, io glieli pago". Ma tu,...altro che cipollini... Che ti venga un accidente! Non hai voglia di far niente. Che buono a nulla devo sopportare. Lui, sempre fermo, sta già pensando a ciò che deve succedere. Sempre Oronza si rivolge sgarbatamente verso Annunziata che è l'unica sensibile e garbata della famiglia. E tu, lumacona, ancora i piatti stai lavando? Vai a riempire una giara d'acqua. ANNUNZIATA Ma!!! La faccio piena piena. ORONZA Basta che la prendi, Piena, Piena quanto sei stupida. Esce di scena Annuinziata Eh! Gesù Cristo mio! Devi farne dieci!?!... Fanne uno ma buono, tu invece, hai fatto al contrario. In quel momento fanno ingresso in scena i due fratelli, con un portamento da scemi. Oronza si mette le mani nei capelli. VITO: ANTONIO: Di dove state venendo voi due? Siamo andati a raccogliere qualche fascina di legna. Fascine?!? E di dove le avete raccolte se noi non abbiamo nessun vigneto Noi,... noi le abbiamo raccolte dalla terrazza a fianco. Sulla terrazza di Giuseppe ce n'erano tante, così abbiamo pensato di spostarne un po' sulla nostra terrazza.

9 Oronza inveisce contro Pancrazio. Senti i tuoi figli! Senti cosa combinano. E tu che non gli dici mai niente. Che razza di uomo sei, non gli hai mai dato uno schiaffo. PANCRAZIO: Beh! Se è per questo, ci pensi tu. Pochi! Pochi sono quelli che vi do. Che razza di famiglia che ho. Non posso contarne nulla. Se non era per quel po' di pensione che vi da lo stato... Entra Annunziata con la giara in mano. ANNUNZIATA: Mamma! Dove la lascio? Che scema! Dove devi lasciarla? A terra, no? A questo punto entra Serafina. SERAFINA: Compare Pancrazio! Hai una sigaretta e un fiammifero? Ha detto papà PANCRAZIO: La sigaretta ce l'ho, per il fiammifero vai dalla comare. SERAFINO: (si avvicina ad Oronza) Comare Oronza! Mi dai un fiammifero? SERAFINO: E quando il prezzemolo, e quando un gambo di sedano. Ma non avete mai niente nella vostra casa?!? Comare Oronza! Me lo dai il fiammifero? Ogni volta mi dici le stesse cose. Quando vieni tu a casa nostra a chiedere le cose? Ecco! Ecco! Hai la lingua più lunga di quella di tua

10 madre. Serafino esce di scena. Dopo un po' si sente suonare alla porta. Nessuno si muove, e quando si sente bussare di nuovo Oronza, tanto per cambiare, grida ancora. Andate ad aprire la porta, maledizione! Mentre i maschi fanno solo finta di alzarsi, Annunziata va ad aprire però si trattiene davanti alla porta a parlare con chi ha bussato. Chi è che ha bussato si può sapere? Annunziata torna dalla mamma intimidita. ANNUNZIATA: Mamma! E' una persona. VITO: E chi è questa persona? Guarda che se sono quelli che vendono cerotti digli di andare via altrimenti gli faccio fare la fine di quello che è passato l'ultima volta. Perché mamma, cosa gli hai fatto? Cosa gli ho fatto? Pensa che alla fine i cerotti non voleva più vendermeli perché servivano tutti a lui. ANNUNZIATA: No mamma! Non vende cerotti. Sembra un signore. Fallo entrare allora. Vediamo, chi è questo signore. Entra in scena un signore con in mano una valigetta. Cosa vuoi? Per caso vendi biancheria? Il signore, un po' timido, parla in italiano.

11 Io, veramente, sono,... Che ti venga un accidente! Vuoi dire chi sei? PANCRAZIO: E fallo parlare quel poveretto. E io che sto dicendo? Che parli no? I due figli maschi intanto gli girano intorno perché poche volte hanno visto un signore così e Pancrazio già pregusta il divertimento che ci sarà. Voi siete la famiglia Scarsetta? TUTTI IN CORO: Si! TUTTI: TUTTI: Questa è la via Sant'Antonio? Si! E' il numero tre? Si! E il capofamiglia si chiama Scarsetta Pancrazio? Tutti si guardano in faccia e poi insieme rispondono:no! Come no! Mio marito si chiama 'Ngau! Va bene. Ma tradotto dovrebbe essere Pancrazio. Beh! Come... si chiama chiama, parla e sbrigati. Di cosa si tratta? Non voglio dilungarmi troppo. (apre la valigetta e

12 prende un foglio di carta scritto a macchina) Io sono il notaio Carretta e curo gli interessi della famiglia... (il notaio volutamente non fa mai il nome del benefattore)dunque, questo documento datomi appunto dalla mensionata famiglia, dice quanto segue. Voglio precisare che questa famiglia è ricchissima e voi, forse non forse, ne avrete vantaggi. (inizia così a leggere il documento) "Io sottoscritto... nel pieno delle mie facoltà mentali, dichiaro quanto segue: Ritenendomi io, devoto di Sant'Antonio; poiché per tre volte colto da infarto ed altrettante volte sono stato toccato dalla Sua grazia; voglio fare opera di bene come ringraziamento al grande Santo regalando la somma di 1OO milioni, con la seguente clausola: Prima di tutto dovrà essere una famiglia povera; non dovrà essere nativa del posto perché voglio rimanere anonimo; la famiglia che usufruirà di tale fortuna sarà scelta con dei criteri che elencherò: 1) Il paese dove si trova questa famiglia dovrà essere a 65 chilometri dal mio paese. (65 come i miei anni) Dovrà abitare nella via Sant'Antonio al numero 3. (le grazie da me ricevute) Dovrà essere povera, onesta e possibilmente devota del Santo". A queste parole tutti rimangono a bocca aperta. Io, per la verità, sono stato un po in giro ed ho chiesto vostre informazioni e, mi è stato riferito che siete una famiglia povera, ma un po' turbolenta. TUTTI INSIEME: Chiacchere, chiacchere! Non lo sai come sono nei paesi? Noi nientemeno ci vogliamo un bene che non finisce mai. E' vero Pancrazio? E

13 poi... ho tre figli che sono tre angeli del Paradiso. Io comunque dovrò indagare bene, queste sono le volontà del mio cliente. Chiederò ancora informazioni al vicinato. In quell'attimo si affaccia comare Carmela. CARMELA: Comare! Cos'è successo? Stavo scopando fuori ed ho visto entrare un signore molto elegante ed ho pensato:"avrà sbagliato casa. Non è per caso uno che vuol fidanzarsi con tua figlia"? Uh! Comare mia! Te ne vieni con certi argomenti! Che fidanzare e fidanzare, è ancora una bambina. A luglio termina quindici anni. ANNUNZIATA: Il tredici, vero mamma? (rivolgendosi alla comare)di piuttosto che non puoi vedere entrare nessuno che subito ti presenti. Eh! Comare mia! Prenditi una sedia, siediti, così ascolti tutto quello che ti interessa. Scusate signora Scarsetta. Chi è questa signora che ha fatto ingresso in casa vostra? Forse una parente, o una vicina? CARMELA: (tenta di parlare in italiano) Sonto la comare di sangiovanni. Sono battezzata questa bella signorini. Neh! Che figlioccia che tengo. Signora! Dovrei farvi delle domande, se non vi dispiace. Però, mi dovete dire la pura verità. CARMELA: (incrociando le braccia) Certo! Che mi possa cadere la casa

14 Si sente un rumore. sulla testa se non dico la verità. CARMELA: CARMELA: sono...acidi. Comare! Stai attenta a quello che dici... che a casa mia stai. Bene! Mi dica un po'. Com'è la sua comare? Una santa donna! Ed è con tutte le persone così? Si! Più o meno. Certo, se si alza di traverso al mattino... Oronza fa di tutto per far capire alla sua comare di non dire cose che possano nuocere alla sua famiglia. CARMELA: CARMELA: E, suo compare, com'è? E' bravo o cattivo? Guarda! Mio compare poi,... è un fannullone come pochi. E, con quel bel campione di mio marito... da una cantina escono e in un'altra entrano. Che ti venga un colpo, comare! Dì la verità! Dì che stai scherzando. (si rivolge al notaio) Signor notaio, mio marito eti un angelo del paratiso (cercando di parlare in italiano)e' vero che va qualche volta alla cantina, ma è perché glielo ha ordinato il medico. Soffre di bronchi e noi, questa malattia, la combattiamo con i metodi antichi: vino caldo e zucchero e, siccome a casa non ne abbiamo, va a prenderselo alla cantina. Ma comare mia! Ma mi state prendendo in giro? Ma se non passa giorno senza suonargliele perché torna ubriaco.

15 Il notaio finge di essere interessato. Ma non darle retta! Quali botte! Al massimo gli canto qualche canzone d'amore. E poi, un'altra cosa: non lo sto dicendo apposta, ma noi siamo devoti proprio di Sant'Antonio. Non immagini quante volte andiamo e veniamo a piedi al santuario che abbiamo vicino al paese. CARMELA: Ma! Io non sto capendo più niente. Vino caldo, canzoni d'amore, Sant'Antonio. Speriamo almeno che vi faccia una grazia Sant'Antonio. Entra in scena Serafina. SERAFINA: E' permesso? E da quando in qua si cerca permesso a casa mia SERAFINA: Tu mi dici sempre che bisogna bussare quando vengo a casa tua e devo aspettare che tu mi dici "avanti" SERAFINA: SERAFINA: SERAFINA: CARMELA: Entra, entra, ti ho vista nascere quante chiacchere E chi ti capisce. Mi dici sempre parole. Chi è questa bambina? Questa signorina è mia figlia. Sai com'è brava? Mi fa già i lavori di casa e poi alla scuola è la più brava della classe. Perché non reciti una poesia a questo signore. Quale devo dire, quella di Natale? No. è meglio quella sulla mamma.

16 Serafina si mette sulla sedia. SERAFINA CARMELA: Sono piccina per la mia mamma. Sono piccina per il mio papà. Ma quando combino qualcosa sono botte a volontà. Quando è mattina si dice buon giorno; quando è buio buona sera e se per caso mi dimentico mi fanno, come si dice, tutta nera. Come son bravi i miei genitori mai bisticciato con qualcuno, tra loro sempre grande rispetto tranne qualche pugno in faccia, nello stomaco e sul petto. Che bella famiglia che ho, si vogliono un bene veramente assai se non era che se si mangia osci, no' si mangia crai. Sono piccina per la mia mamma. Sono piccina per il mio papà. Quante cose potrei raccontare con il rischio di farmi ammazzare. Com'è commovente vero signor notaio? (rivolgendosi al notaio) Non ti preoccupare! Noi siamo una famiglia perbene e non abbiamo nulla da temere. Allora vado. Buongiorno. (fa qualche passo) E ora, quand'è che tornate? Non lo so. In qualsiasi momento della giornata.

17 Io... stavo chiedendo, perché... io esco durante la giornata. Se non vedo almeno una Santa Messa, la notte non riesco a dormire. Vada! Vada pure signora! Capisco che quando qualcuno ha certe abitudini, non può farne a meno. Eventualmente...verrò verso mezzogiorno. Si! Vieni, vieni! Così mangi qualcosa con noi. Il notaio esce e Oronza fa nervosamente avanti e indietro per la stanza. CARMELA: Povera me! Bisogna che esco e avvisi tutti i vicini, altrimenti chessà cosa potranno dire. Come è successo a questa cretina(rivolgendosi alla sua comare) Ma, non capivi quando ti facevo segno? Io non ho capito niente. Ma, cosa è successo? C'è un signore che ci regala 100 milioni però, dobbiamo essere una famiglia timorata di Dio e devota di Sant'Antonio. Si vede la meraviglia sul volto di Carmela. CARMELA: ANTONIO VITO ANTONIO VITO Ah! Ora incomincio a capire. Ma! Ed a noi cosa ci tocca Atonio noi con i soldi ci compriamo una bicicletta nuova Tu sei scemo, con la bicicletta bisogna pedalare E' vero e pedalare significa lavorare. Sai cosa facciamo ci compriamo l'automobile.

18 ANTONIO Ma non abbiamo la patente. ORONZA Come non avete la patente voi c'è l'avete da quando siete nati. piuttosto portate la legna sulla terrazza di Lucia che, se se ne accorge, altro che automobile vi compro. (e, quando passa davanti al marito) E tu, togliti davanti, cipollone! PANCRAZIO: (con aria da furbacchione) Guarda che non mi devi far girare la testa che, se poco poco faccio il pazzo, i 100 milioni te li sogni perciò, d'ora in avanti mantieniti calma altrimenti, ogni volta che viene il notaio, trovo qualche scusa per litigare oppure gli dico che razza di donna che sei. Oronza esce di scena. Pancrazio sembra soddisfatto. Rimangono in scena Pancrazio e la figlia Annunziata e questa si rivolge al padre. ANNUNZIATA: Papà! Quando prendiamo i soldi mi compri un vestito nuovo? Anzi il mio primo vestito.. sai come lo voglio : tutto rosa con tanti bottoni sulla giacchetta. PANCRAZIO: Eh! Figlia mia! A te, se potessi, comprerei tutto! Ma ti prometto che se prenderemo i soldi potrai comprarti il vestito più bello del paese. In quel momento entra in scena il compare Pasquale. Si tiene la pancia e ride. PASQUALE: Allora, compare. E' venuto, no? Pancrazio non gli risponde, gli fa cenno di stare zitto perché nella stanza vi è Annunziata. PANCRAZIO: Annunziata. Vai a comprarmi le sigarette. Le solite, sai?

19 Annunziata esce di scena. PASQUALE: Sapessi compare. Me ne sono dovuto uscire di casa che, per un po' scoppiavo. Con mia moglie stanno facendo il giro dei nostri vicini. (scoppia a ridere anche Pancrazio. Pasquale continua) Però compare. Il giorno che scoprirà la verità, ti conviene andare lontano almeno 100 chilometri. PANCRAZIO: Compare! E' meglio un giorno da leone che cento anni da pecoroni. Ora mi diverto poi, dopo, quel che vuol succedere succeda. Entra Oronza. PASQUALE: Compare. Per caso ti serve qualche cosa? No comare. Stiamo scambiando qualche chiacchiera. PANCRAZIO: Compare. Cosa dici. Ce lo beviamo un bicchiere di vino? PASQUALE: Quasi quasi. PANCRAZIO: Oronza. Riempi due bicchieri. Pancrazio si siede sgarbatamente, Oronza gli salta addosso mettendogli le mani al collo come se volesse strozzarlo. Scusate. Ho visto la porta aperta e sono entrato. Oronza cambia subito atteggiamento. Diventa immediatamente dolce. Lo stavo aiutando a sedersi. Gli ho preparato un po' di vino caldo perché non si stava sentendo bene e vero Pancrazio? PANCRAZIO: Si. Si avvocato. Mia moglie è una santa donna. Quando si presenterà a San Pietro (sottovoce) speriamo presto...

20 Come? Come? PANCRAZIO: Si. Dicevo che quando si dovrà presentare a San Pietro, sicuramente le darà la pergamena della bontà. Beh! Scusatemi! Devo andare alla missa. (tentando di parlare in italiano) PANCRAZIO: (sottovoce)speriamo almeno che ti cada sulla testa. Esce di scena Oronza e loro tre se la ridono. Ditemi una cosa. Per quanto tempo dobbiamo andare avanti con questa storia? PANCRAZIO: Di cosa ti lamenti! Ora vedi che ospitalità che ti fa. Mangi, bevi, cosa t'importa? Solo che, quando lo scopre, è meglio che fai un viaggio all'estero. Per me, invece,ogni tanto portatemi qualche garofano. Nel frattempo, andiamo al bar a farci una bella bevuta. Si abbassano le luci oppure per un attimo si chiude il sipario e, una voce dall'interno annuncia che è già passato un mese. Quando si riapre il sipario si sono Oronza e Pancrazio. Lui sdraiato e lei accovacciata che gli sta pulendo le scarpe. E' diventata più calma e deve inghiottire parecchi rospi per quei benedetti soldi. Pancrazio. Ma questo notaio quando si decide a darci i soldi? E' un mese ormai che va e viene da casa nostra e, combinazione poi, non si perde un pranzo. PANCRAZIO: Uh! Dove stai pensando! Quando prendiamo i soldi ci paga e ci strapaga. Mah! Speriamo presto! Quel cretino mi sta facendo

21 cambiare anche di carattere. Andarmi a vedere tutti i giorni una messa... Dici che Sant'Antonio ci sta facendo la grazia? Mi sembra che è parecchio che non te le suono. PANCRAZIO: Speriamo che duri! ORONZA.Cosa hai detto? Cosa hai detto? PANCRAZIO: Niente. Niente. Però, con te va d'accordo vero? Perché allora non lo convinci a darci presto i soldi? PANCRAZIO: Calma. Calma. Ogni cosa a suo tempo. Tu continua a comportarti così e vedrai che questa storia finisce presto presto. (e si fa il segno della croce) Entra in scena il notaio. Buongiorno. Scusate. Ho visto la porta aperta e sono entrato. Non fa niente. Entrate. Entrate. Qui è come se foste a casa vostra. Tanto per regolarmi, oggi rimanete a pranzo? Mah! Signora! Avrei da fare mille cose ma, visto che insistete tanto, vuol dire che rimarrò. Cosa si mangia? (e si strofina le mani) Pasta e fagioli. Buoni! Buoni! Vado matto per la pasta e fagioli e, magari, mi prepari anche un po' di patatine fritte e... un bel Rosato del Salento. Va bene. Le friggo presto presto.

22 Pancrazio si avvicina al notaio e sottovoce gli dice. PANCRAZIO: Ehi! Bello mio! Guarda che non devi esagerare. Mi sembra che ne stai approfittando troppo. I patti erano che dovevi passare ogni tanto, non che ti devi presentare tutti i giorni per il pranzo. Se credi di poter fare il furbo a casa mia, ti sbagli di grosso. Il notaio fa finta di niente e si va a sedere comodamente su una poltrona. Entra compare Pasquale, si avvicina a Pancrazio e gli sussurra all'orecchio. PASQUALE: Compare. Devo dirti una cosa. Lo sai che ho visto tua figlia Annunziata che piangeva per la strada? Pancrazio si alza di scatto dalla sedia. PANCRAZIO: E' successo qualche cosa? PASQUALE: No. Non ti preoccupare. La colpa è di questo cretino del notaio. Pancrazio guarda verso il notaio e con una smorfia... PANCRAZIO: Si!... Notaio!... PASQUALE: Ti stavo dicendo... di questo cretino. Sembra che con questa situazione, voglia approfittarsi di tua figlia. Cerca di tenere gli occhi aperti! Pasquale esce dalla scena Pancrazio si avvicina di nuovo al notaio e, calmo calmo, glielo dice ancora una volta. PANCRAZIO: Ehi! Bel giovane! Guarda che a casa mia ti devi

23 comportare benee soprattutto non dare fastidio a mia figlia Eh! Caro mio! Pensa piuttosto se sapesse tua moglie che hai organizzato tutta questa vicenda. Cosa pensi che ti accadrebbe? PANCRAZIO: Che ti venga un colpo! Siamo arrivati al punto che mi ricatti anche. Stai attento a quello che fai. Entra Annunziata. Il notaio si alza e le va torno torno facendo il pappagallo e Annunziata lo respinge. Il padre si alza, si avvicina alla moglie e le dice. PANCRAZIO: Oronza! Ma te ne sei accorta almeno che quello fa il cretino con tua figlia? Oronza è intenta a rammendare dei calzini. PANCRAZIO Su! Dove stai badando! Gliel'ho detto io a tua figlia di farsi corteggiare. Almeno possiamo sperare che ci da presto i soldi. Ma lei si vergogna! SI vergogna, si vergogna, ma se è una bambina. ORONZA Ma che dici vedi che ha quasi quindici anni. Pancrazio si mette a girare per la casa parlando da solo. PANCRAZIO: Gesù Cristo mio! Ma cosa ho combinato! Volevo fare una vendetta a mia moglie ma, non mi sembra giusto che debbano pagare i miei figli, con questo disgraziato che io stesso ho portato in casa così, agendo in ho dimostrato solo che sono più disgraziato di lei perché... quando ci conoscemmo lei non era così. Io, poi, non mi sono interessato più di nulla e lei ha preso il sopravvento. Ma ora basta! Succeda quel che succeda. Ora basta! A tutto c'è un

24 limite. Si avvicina al notaio e incomincia ad alzare la voce. PANCRAZIO: Senti! Signor notaio! Non ti sembra che stai esagerando? Ora mi fai la cortesia di alzare i tacchi e di andartene da questa casa. Il notaio risponde pensando che Pancrazio non sia capace do reagire. Ma, cosa ti salta in mente! Oronza si alza e cerca do calmare il marito ma lui, ormai, ha preso la decisione e non si ferma più. PANCRAZIO: Ti ho già detto che devi sparire da questa casa. (alzando ancora di più la voce) Ma, allora, vuoi che dica tutto a tua moglie. PANCRAZIO: Sei un verme schifoso! A mia moglie le dico tutto io ugualmente. Oronza a queste parole si incuriosisce. Cosa dovrei sapere io? Pancrazio si arrabbia, prende una sedia e tenta di spaccargliela sulla testa. Il notaio non ci pensa due volte e fila via di corsa. Pancrazio. Cosa è successo. Non ti ho mai visto così. PANCRAZIO: Nella vita c'è sempre una prima volta e uno, ad un certo momento, deve trovare una sua dignità.

25 Pancrazio! Ma cosa dici? Non ti ho mai sentito parlare così. PANCRAZIO: Tanto per essere chiari: il notaio... il premio... sono tutte storie che ho inventato io per farti un dispetto per tutto quello che mi hai fatto passare finora. Come?!? Come?!? Tutto uno scherzo? Le urla non si contano poi, Oronza, rivolgendosi alla figlia. Annunziata! Vai dal Rosso (personaggio locale che si occupa di pompe funebri) e ordina una bara e quattro candelabri. Sbrigati, sbrigati così, stasera stessa lo portano via tuo padre. Passa anche da quel cretino che fa i manifesti e digli che il funerale è per le tre. Annunziata scappa via coprendosi il viso con le mani e piangendo. Oronza si rimbocca le maniche e si avvicina minacciosa a Pancrazio ma, è Pancrazio invece che la riempie ben bene di botte. PANCRAZIO: Ma allora non hai capito niente! Oggi mi sento rinato! Mi sento un uomo e, come uomo devo suonartele. La moglie si inginocchia e grida perdono, perdono. Poi, dopo un po' che Oronza rimane inginocchiata, lui stende una mano e l'aiuta ad alzarsi e, una volta in piedi, Oronza dice ancora. Pancrazio! Perdonami! Perdonami! (e lo dice con tanta tenerezza) PANCRAZIO: Sono io che devo chiederti scusa perché, se tu sei diventata così, la colpa è mia perché non mi sono mai interessato di nulla e tu hai dovuto fare da madre e da padre ma, d'ora in avanti, dovrà cambiare tutto in questa casa. (e si abbracciano)

26 In quel momento entrano in scena i figli maschi.. VITO Papà antonio mi ha picchiato. PANCRAZIO VITO ANTONIO E perché? Perché lui con i soldi vuole comprato la macchina per andare a spasso e caricare le signorine. Io, invece voglio l'ape cinquanta con tre ruote così carico la legna i meloni e tutto quello che la campagna offre ( e fa il segno come dire tutto quello che c'è da rubare ) PANCRAZIO: D'ora in avanti avete finito di fare i cretini! L'automobile l'ape ve lo do a calci nel sedere lazzaroni dora in poi a lavorare tutte le mattine. Suonano alla porta. ed annunziata si precipita ad aprire e ritorna con un telegramma in mano ANNUNZIATA: Il postino mi ha dato questo telegramma. PANCRAZIO: Figlia mia è inutile che me lo dai in mano. ORONZA E vuoi darlo a me? che non ho gli occhiali? I FRATELLI E lo vuoi dare a noi che siamo tutti fessi. ANNUNZIATA Annunziata legge. Ho capito lo leggo io perché ho gli occhiali, perché non sono stupida e anche perché so leggere. però non vi arrabbiate con me. "MORTE IMPROVVISA DI GIUSEPPE SCARSETTA!

27 LASCIA GROSSA EREDITA' AL SUO UNICO NIPOTE SCARSETTA PANCRAZIO. VERRA' NOSTRO INCARICATO PER ULTERIORI CHIARIMENTI. STOP". Tutti si guardano in viso poi, dolce dolce, Oronza Pancrazio! Un altro scherzo?!?... F I N E

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

L imperativo e i pronomi

L imperativo e i pronomi L imperativo e i pronomi 1. L IMPERATIVO DIRETTO ( TU, NOI, VOI) (TU) Prendi il caffè! > PRENDILO! (NOI) Prendiamo il caffè! > PRENDIAMOLO! (VOI) Prendete il caffè! > PRENDETELO! Con l imperativo diretto

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

I SOPRALLUOGHI. FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe

I SOPRALLUOGHI. FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe I SOPRALLUOGHI FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe GIOVANNI: Non vogliono uscire... si sono messi a mangiare, a fare e dire, lei era ben vestita, ho detto ma!.--// GIUSEPPE: ne ho visto macchine entrare.--//

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Sipario chiuso BUIO. LUCE sul proscenio. Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. Anastasia esce dal sipario

Sipario chiuso BUIO. LUCE sul proscenio. Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. Anastasia esce dal sipario Sipario chiuso BUIO GENOVEFFA (voce fuori campo): E ANDATEVENE TUTTI A FANKULO! LUCE sul proscenio Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. GENOVEFFA: Branco di deficienti incapaci Anastasia

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

TEST GRAMMATICALE DI LIVELLO

TEST GRAMMATICALE DI LIVELLO 1.- "Ciao, come?" a) sta b) vai 2.- "Sono francese" " " a) Da dove? b) Dove sei? TEST GRAMMATICALE DI LIVELLO c) va d) siete c) Di dove? d) Dove? 3.- "Ciao Marina, ci vediamo domani" "D'accordo " a) presto

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

QUALCUNO HA PER CASO DUE BOMBE?

QUALCUNO HA PER CASO DUE BOMBE? QUALCUNO HA PER CASO DUE BOMBE? Commedia in 2 atti di Giacomo Masseroni Chiaro Personaggi COLONNELLO SOTTOPOSTO DI DONATO RAGAZZO ADELE PRIMO NEMICO SECONDO NEMICO 1 ATTO I Ufficio militare. Un colonnello

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

BIANCO INVERNO Atto unico di Valerio Di Piramo

BIANCO INVERNO Atto unico di Valerio Di Piramo 1 BIANCO INVERNO Atto unico di Valerio Di Piramo Nonna, 65-80 anni; Amica di ; Bel giovane, sui 30; Nipote di, 20 anni. Ventitrè dicembre, antivigilia di Natale; Parco, ed è freddo; sarebbe bello ci fosse

Dettagli

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI Elisa Riedo conversa con Maria, 8 febbraio 2007. Il nome della paziente e ogni altro dato che possa permetterne l identificazione è stato alterato per rispettarne la

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Destinazione 10. Maremma bistecchina! Menù della mattina eh?! Subito! Sigla. Leo, ma che hai fatto? Oioioi, bambini buongiorno eh!

Destinazione 10. Maremma bistecchina! Menù della mattina eh?! Subito! Sigla. Leo, ma che hai fatto? Oioioi, bambini buongiorno eh! Destinazione 10 Ciao Maria! Oh Leo, e una domanda... Oh sì, dimmi! Abbiamo fatto colazione stamattina? Sì, come sempre, con il mio latte e tanti biscottini inzuppati. Mm, no, no, no! Non ci siamo capiti!

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

IL REGALO di Velise Bonfante

IL REGALO di Velise Bonfante IL REGALO di Velise Bonfante Scena: l interno di due abitazioni, tavolino, sedie. Necessaria una bella scatola con dentro un libro. Personaggi: FAMIGLIA BIANCHI CORTILE FAMIGLIA ROSSI Armando - amico di

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli