SPUTNIK. Michele MADULI. La campagna elettorale del Psiup nel Un giornale murale per vincere le elezioni comunali a Taurianova.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPUTNIK. Michele MADULI. La campagna elettorale del Psiup nel 1970. Un giornale murale per vincere le elezioni comunali a Taurianova."

Transcript

1 SPUTNIK La campagna elettorale del Psiup nel Un giornale murale per vincere le elezioni comunali a Taurianova a cura di Michele MADULI

2

3

4 Novembre A Taurianova si svolgono le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale. Nelle casse del PSIUP (Partito socialista di unità proletaria, nato nel 1964 da una scissione del PSI di Nenni) non c è una lira. Ma c è da combattere una dura battaglia contro la DC dei Macrì e contro la Destra ringalluzzita dopo la rivolta di Reggio Calabria. Sputnik è l unica risposta possibile per i giovani della Sezione e poi per tutto il Partito. Vengono ricuperati e rivoltati una trentina di manifesti elettorali di grandi dimensioni; viene inventato il titolo (il richiamo è allo Sputnik, il primo satellite messo in orbita dai Sovietici), vengono reclutati i grafici e i vignettisti. I giornalisti, gli inviati speciali sono i giovani del Partito. Dopo i primi due giorni crescono i lettori (qualche migliaio) e l interesse per l esperimento. I voti, invece, non giungono e la Sinistra rimane ancora una volta al palo. Ma ci sarà bisogno del consigliere del MSI per dare vita ad una amministrazione guidata, ancora una volta, dagli uomini della DC. L ultimo manifesto è amaro e drammatico: Mazzetta nera! Dedico questo lavoro ai vecchi compagni del Psiup che ci hanno ormai lasciato. Tra i tanti, ricordo Natale Scullari, Ciccio Gerace, Pasquale Plateroti, Michele Misiani, Nino Condello, Rocco Antonio Misiani, Gianni Taverna, Pippo Mazzù, Raffaele Leonelli senior, Peppino Polifroni, Salvatore Saraceno, Ciccio Fazzalari. Ovviamente un ringraziamento va anche ai tanti giovani (d allora) che hanno contribuito al successo del giornale, in primo luogo a Pino Mazzù e a Salvatore Spinoso (dei quali parliamo nell introduzione).

5 SPUTNIK La campagna elettorale del Psiup nel Un giornale murale per vincere le elezioni comunali a Taurianova a cura di Michele MADULI

6

7 INTRODUZIONE Ho srotolato con emozione e curiosità gli enormi manifesti di partito sul retro dei quali alcuni giovani di sinistra tentarono, nel novembre del 1970, alla vigilia delle elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Taurianova, di scrollarsi di dosso, con rabbia mista a fantasia, il morso del clientelismo che uccide le speranze e impedisce la crescita civile e culturale. Il primo istinto è stato quello di riavvolgerli e di riconsegnarli al silenzio e all oblio in cui erano rimasti (a parte una breve apparizione in un festival dell Unità) per tutti questi lunghissimi anni. Poi è prevalso non solo l affetto per quei ricordi di gioventù ma anche la preoccupazione di consegnare alla riflessione degli storici un documento di vita politica e sociale (al di là del suo valore intrinseco). La prima considerazione da fare è che si tratta di un documento di 37 anni addietro. Nel 1970 era finita l epoca dell innocenza per quanti svolgevano attività politica. Nel pieno dell estate erano, infatti, esplosi i moti di Reggio; la città era rimasta isolata, sconvolta dalle barricate e dalle prepotenze della destra. Era intervenuto anche l esercito nel tentativo di riportare alla normalità una città gonfia di rabbia. Ci fu il tentativo di esportare la rivolta nella provincia ma gli esiti non furono quelli sperati (1) (2) Gli anni 60 erano stati anni di grandi mutamenti: il paese s era svuotato; l emigrazione aveva, dapprima seguito la via delle Americhe lontane e dell Australia, poi si era rivolta verso la Svizzera e la Germania. Questo mutamento di rotta dell emigrazione ebbe notevolissime conseguenze sull economia e sulla società delle regioni meridionali. Anche a Taurianova rifluirono le rimesse degli emigrati e poi ritornarono progressivamente anche i padri, i fratelli, i mariti che erano 7

8 partiti per fare fortuna. I vecchi rioni popolari si svuotarono progressivamente e attorno al nucleo storico crebbe una ragnatela di case, dieci volte tanto l antico territorio. Fu quella l occasione storica clamorosamente mancata dalle vecchie classi dirigenti democristiane che non seppero guidare, NOTE (1) Nell ottobre del 70 il comitato d azione reggino tenta di esportare la rivolta in provincia. A Taurianova, però, l iniziativa viene assunta da un sedicente comitato d azione controllato da qualunquisti e da democristiani. L azione di aggancio al movimento non viene operata dalla sezione del MSI ma da un circolo studentesco rivoluzionario, controllato dagli estremisti di destra, ma del quale facevano parte anche alcuni elementi di sinistra in buona fede. A ottobre il MSI cambia gestione e gli uomini nuovi aderiscono alle richieste degli arrabbiati che vogliono passare all azione e che sono decisamente contrari all accordo con la DC. Dopo le elezioni i giovani - anzi i giovanissimi - mettono in atto i primi progetti. Negli stessi giorni in cui viene bruciata per ben due volte il portone d ingresso della sezione del PCI, compaiono in paese le prime scritte inneggianti al fascismo; sui muri della sede del MSI viene stampigliato in modo ossessivo il testone del Duce con l elmetto. Nell ottobre del 70 a Taurianova, come pure a Cittanova e negli altri comuni della Piana, vengono rizzate delle barricate, in segno di solidarietà con i reggini in lotta per il capoluogo. Fino a settembre la provincia era rimasta indifferente di fronte alla rivolta di Reggio. Tra la provincia e la città non era mai corso buon sangue. Differente la composizione sociale delle due zone, diversi le ambizioni e gli interessi. Nella città, a differenza della Piana e della Jonica, predominavano i ceti piccolo-borghesi, i disoccupati dell edilizia, la pletora dei sottoproletari che nell istituzione del capoluogo intravedevano un ancora di salvez- za oltre che la soddisfazione di legittime aspirazioni. Infine, sulle masse cittadine influivano le pressioni insistentemente esercitate dalle categorie di speculatori e dalle cricche politiche in via di emarginazione che, con la questione del capoluogo, speravano gli uni di poter realizzare facili guadagni e gli altri di operare una rentrée politica. Solo nell ultima fase, cioè in ottobre, si tentò di esportare la rivolta nei paesi della provincia. Il gioco riuscì solo a metà e i blocchi stradali attecchirono solo a Scilla e a Bagnara. Nei centri della Piana, invece, si verificò una pronta ed energica risposta da parte delle organizzazioni di sinistra che qui disponevano di una solida base e che decisero di intervenire prima che i focolai si trasformassero in incendi. Partiti e sindacati non si limitarono a condannare la rivolta ma decisero di incanalare accortamente la protesta verso rivendicazioni di carattere sociale ed economico. 8

9 o almeno regolare, lo sviluppo urbano. Essi si limitarono a fornire aree a buon prezzo ma senza strumenti urbanistici e opere di urbanizzazione a migliaia di persone che rivendicavano un abitazione più decorosa dei vecchi catoi nei quali era stata inchiodata la generazione dei padri e dei nonni. In quegli anni c era un grande fermento politico e sociale; nel vecchio PSI prima e nel movimento giovanile del Psiup, poi, si ritrovavano centinaia di giovani che erano disposti a lottare. Gli iscritti alla giovanile del Psiup -solo per fare un esempio- erano più di 120. Nel biennio si era giocata una partita decisiva per le sorti della politica locale: tre elezioni amministrative con una sostanziale parità delle forze in campo. Nelle prime due elezioni prevalsero le sinistre che diedero vita per un breve periodo ad una amministrazione con un dissidente democristiano. Poi, nel 1965, vinse la DC di Ciccio Macrì che riuscì progressivamente a scalzare dalle poltrone il vecchio patriarca Peppe Macrì. Nel 1970, all epoca dei fatti, Macrì non era ancora diventato quel campione di clientelismo che le cronache successive ci hanno dipinto. Le latitanze e le disavventure giudiziarie erano ancora lontane Già prima che i sindacati proclamassero lo sciopero generale, nei vari centri della Piana la base dei sindacati e dei partiti democratici aveva reagito alle provocazioni della destra. A Palmi tra fascisti e democratici si era giunti allo scontro di piazza, prima ancora che si registrasse un attentato ai danni del segretario della Camera del lavoro e che si procedesse alla costituzione di un comitato unitario di sinistra. A Taurianova, allo sciopero pro-reggio conclusosi con un comizio del vicesindaco democristiano si era contrapposto lo sciopero generale organizzato autonomamente dai sindacati e dai partiti di sinistra. Il tentativo di esportare i moti fu particolarmente insidioso, in quanto anche nella provincia era forte il malessere sociale. Nella Piana e nella Jonica le masse bracciantili ed operaie, organizzate dal sindacalismo di sinistra, non erano disposte a battersi a fianco della destra. Non gli andava proprio giù che la loro protesta dovesse alla fine sostenere le rivendicazioni di un campanile da sempre ritenuto estraneo e lontano. Comunque, la voce della provincia si 9

10 e il Nostro s era limitato, da vicesindaco a assessore alle finanze, a mettere in piedi una clamorosa manovra truffaldina nei confronti di migliaia di famiglie prima gravate e poi sgravate della tassa, appunto, di famiglia. Tutto sommato, però, Macrì appariva come l ex-rampollo mantenuto a Roma che, dopo averne combinate di tutti colori nella capitale ai tempi della pacchia democristiana, era ritornato al suo paesello. Già nel 1965 e, più ancora nel 1970, si procede al passaggio di consegne tra i vecchi esponenti della DC e i nuovi rampanti tra i quali spicca, appunto, Ciccio Macrì che, con malcelata modestia si colloca al n. 17 della lista, lasciando solo formalmente la guida al vecchio sindaco Ursida. La sinistra, dopo la sconfitta della Concentrazione popolare del 1965 (quando i tre partiti PSI, PCI e PSIUP si erano presentati in una sola lista) non si era ancora ripresa e stentava a trovare il passo. Il Psiup, dopo i buoni risultati delle politiche del 1968, attraversava un fece sentire in decine e decine di manifestazioni che si svolsero negli stessi mesi in cui la città reggina era in preda alle convulsioni campanilistiche. Nonostante le apparenze, i due momenti di protesta esprimevano, sia pure in forme e in modi diversi (di gran lunga piú rilevante e piú acceso quello reggino, piú composto e misurato quello della provincia) un grande disagio sociale. (2) Anche a Taurianova si tentò di bloccare l accesso erigendo delle barricate con dei copertoni d auto bruciati. I rivoltosi, però, non rimasero a difendere le posizioni. Irritati per quanto era avvenuto, alcuni di noi si recarono, in rappresentanza dei partiti e delle organizzazioni democratiche, presso la stazione dei Carabinieri e chiesero che le barricate venissero rimosse. Il comandante della stazione rispose che con i pochi uomini di cui disponeva non era in grado di controllare la piazza e, quindi, nemmeno di fare sgombrare le strade. Si decise di intervenire con una squadra di compagni organizzati alla meglio. In pochi minuti le strade vennero sgombrate dai detriti e il paese restituito alla normalità. Vi fu solo qualche tentativo di resistenza da parte di alcuni fascisti isolati che però vennero costretti a darsela a gambe. In un momento successivo alcuni di noi osarono spingersi sin nella tana del lupo per partecipare ad un dibattito organizzato dal locale comitato dei boiachimolla. I moderati del Comitato riuscirono a far parlare la delegazione della sinistra. Questo cedimento, però, provocò la reazione rabbiosa degli ultras. Da quel momento il comitato d azione ebbe vita grama; i moderati, a poco a poco, se ne staccarono e vi rimasero solo i duri della destra e della DC. 10

11 momento di crisi, diviso tra quanti auspicavano un allineamento alla politica del maggior partito della sinistra e quanti, invece, ne sostenevano strenuamente l autonomia ed anzi ambivano a rappresentare politicamente i nuovi movimenti che erano nati in quegli anni. All appuntamento delle amministrative del 1970 il Psiup si presentò con le casse vuote e con una lista di soli 16 candidati. Si decise di variare il gioco ricorrendo ad uno strumento di comunicazione inusuale per quei tempi. La campagna elettorale ci costò poche lire, quelle necessarie per l acquisto dei pennarelli per scrivere sui manifesti rivoltati. A distanza di tanti anni, alcune vignette dello Sputnik fanno sorridere per la loro ingenuità, altre possono ancora scandalizzare per il loro linguaggio non proprio forbito. Quello che, però, va notata è l originalità dell impianto del giornale. Oggi, su qualsiasi quotidiano o periodico la vignetta è diventata una sorta di articolo di fondo. Spesso gustiamo le invenzioni dei vignettisti prima ancora di sorbirci i tradizionali articoli. Nello Sputnik che è, non bisogna dimenticarlo, un giornale murale scritto da alcuni giovani nel lontanissimo 1970, in una sperduta cittadina del profondo Sud- si possono rinvenire tutta una serie di novità, di invenzioni che, solo qualche anno più tardi, diventeranno la norma sulla stampa satirica italiana. Intanto diciamo che nel 1970 non erano ancora apparsi i giornali satirici di sinistra, quali Tango, Cuore, Frigidaire, Cannibale e il Male. Ancora non c erano Altan, ElleKappa, Giannelli, Angese, Staino, Pericoli, Andrea Pazienza, Vincino. Forattini incomincia a lavorare nel 1970 come Art Director e pubblica le prime vignette nel 1973 su Panorama e poi su Paese Sera. Altan inizia nel 1974, il Bobo di Staino appare su Linus solo nel La satira, la caricatura nel secondo dopoguerra erano state in- (1) Il Dibattito, anno VIII n.12 del 27 settembre

12 fluenzate dagli umoristi e dai disegnatori di destra (basti pensare a Guareschi o, meglio ancora, a Jacovitti). Sostanzialmente v erano scarsi riferimenti per chi si accingeva a sperimentare satira e caricature: solo qualche vecchio giornale umoristico, l immancabile Jacovitti, i fumetti per ragazzi. Non dimentichiamo che a sinistra non si rideva tanto in quegli anni e che lo stesso Togliatti aveva trattato malamente il povero Guareschi. C è da considerare, però, che a rendere fresca e genuina l ispirazione dello Sputnik contribuirono due giovani aggregatisi sin dai primi giorni che diedero corpo alle fantasie e alle sollecitazioni che venivano da parte degli autori dei testi. Mi riferisco a Peppe Mazzù, disegnatore di gran parte delle vignette e a Salvatore Spinoso, grafico, calligrafo e titolista. Che cosa viene pubblicato oggi in questo libretto? Dopo una breve testimonianza del curatore che risale al 1996 (anzi a metà degli anni 80), inizia la pubblicazione, in ordine cronologico, dei testi e delle vignette dello Sputnik. Si va dagli editoriali agli articoli di costume, ai corsivi alla maniera di Fortebraccio, alle tantissime vignette a colori che costellano l intera collezione dello Sputnik. La qualità delle riproduzioni non è eccelsa: a parte gli articoli interamente ribattuti, ci si deve accontentare delle fotografie che siamo riusciti a tirar fuori e a elaborare. Nella seconda parte, invece, ho inserito in ordine cronologico le pagine intere a colori dei numeri dello Sputnik: dal primo numero (meno 21) del 1 novembre 1970 alll ultimo (meno 3) del 20 novembre dello stesso anno. E andato smarrito il numero meno 12, mentre del meno 19 c è solo la copia in bianco e nero (una vecchia fotografia degli anni 70). Come si può notare, i manifesti sono in cattive condizioni, parzialmente illeggibili. Una curiosità: i murales meglio conservati sono 12

13 quelli realizzati avendo a base i maxi manifesti che ci vennero forniti dalla sezione del PSI; la carta dei manifesti del Psiup era, invece, di scarsa qualità, per questo alcuni fogli sono ridotti a brandelli. Abbiamo fotografato e poi elaborato con un programma di fotoritocco le singole vignette, i titoli, le parti più meritevoli di essere evidenziate. Nonostante questo la leggibilità di molte foto è scarsa: abbiamo deciso di pubblicare, comunque, le immagini intere dei vari numeri nonché alcuni particolari, per dare un idea del lavoro compiuto nell arco di una ventina di giorni da un gruppetto di militanti che dovevano raccogliere i materiali, selezionarli, rielaborarli e poi trasferirli con grande pazienza sul maxi manifesto. Tutte le mattine, poi, il giornale veniva esposto in uno degli spazi pubblicitari di Piazza Italia e poi, a sera, ritirato e portato nella vicina sezione. Oggetto delle attenzioni dello Sputnik non potevano che essere gli uomini della galassia democristiana; gli stessi che poi sarebbero rimasti (tranne l intervallo del ) alla ribalta fino alle soglie degli anni 90. Dopo la strage del 1991 e lo scioglimento per ragioni di mafia del Consiglio comunale, gran parte del personale politico democristiano sarebbe scomparso e solo qualche sopravvissuto sarebbe rimasto a rappresentare la vecchia DC. Chi oggi abbia la pazienza di sfogliare il libretto, può riscoprire volti e fatti di una città che non è, poi, mutata gran che rispetto ad allora. Oggi vengono alla luce i guasti che erano già preannunciati nelle azioni di un gruppo clientelare che non sapeva andare al di là dell ordinarissima amministrazione. Che questa sia la dura e brutale verità si può evincere dalla lettura istruttiva di un documento, apparso sulla rivista reggina Il Dibattito, meglio noto come Rapporto alla città (1) Tutto quello che alcuni di noi avevano intuito, ma solo parzialmente, veniva disvelato nella cruda e risentita disamina che del compor- 13

14 tamento dei suoi uomini faceva lo stesso Macrì. Il quale, poi, ebbe modo di compiacersi della propria impresa, definendo il discorso dal balcone come la terza migliore orazione politica di tutti i tempi, dopo il famoso discorso funebre di Marcantonio ai Romani e dopo il toccante richiamo lagrime e sangue di Churchill agli inglesi, ai tempi del bombardamento di Londra da parte dei nazisti di Hitler. Il discorso di Macrì (che potrebbe rientrare a buon diritto e parliamo seriamente- in qualche trattato di politica amministrativa) è il disvelamento delle critiche mosse sedici anni prima dallo Sputnik, il compimento di una figura di dantesca memoria, come avrebbe detto Auerbach. Nel racconto di Macrì molti democristiani sono solo dei questuanti che svolgono attività politica unicamente per ottenere posti e favori. Chiede il vecchio Macrì ad un dirigente dc: chi vvoi a lista o u postu? (che cosa preferisci, l inserimento in lista o l assunzione?) e quello risponde senza esitazioni: a lista, perché sa che in questo modo disporrà della forza contrattuale sufficiente per richiedere, non solo la propria assunzione, ma anche quella dei propri familiari. E, infatti, di lì a poco Ciccio Macrì assume l accorto questuante in modo fraudolento, inserendo la delibera di assunzione nel brogliaccio della Giunta provinciale, presieduta dal papà, senza che né questi né altri assessori si accorgano dell operazione. E dopo il capostipite, Ciccio assume, in un modo o nell altro, altri 11 familiari, salvo, poi, accorgersi che alcuni di loro non sono nemmeno in possesso dei titoli o che vanno all USL solo per riscuotere lo stipendio. Ma c è un altro capofamiglia che detiene il privilegio di poter dare in dote alle figlie non solo la biancheria ma anche u postu per i futuri mariti. Tanto è vero che quando il fidanzamento di qualcuna delle donzelle vacilla, egli interviene affinché l assunzione del bellimbusto venga ritardata...a dopo il matrimonio. 14

15 Quando, poi, Ciccio Macrì ha bisogno del voto dei grandi elettori, questi sempre più avidi, pretendono ancora di più e lasciano risposte evasive me figghiu iu a fungi, mio figlio è andato a raccogliere funghi, oppure papà iu a pisca, papà è andato a pesca e via dicendo. Confessa Cicio Macrì pensando alcune cose, a quello che ho fatto per questa città, a quello che ho fatto nel contesto della provincia, vi assicuro che, essendomi affacciato alla vita pubblica con passione ed entusiasmo per realizzare, per fare politica così come va fatta la politica, quasi mi sento pago...specialmente se penso e credo che sono l uomo politico della Provincia di Reggio Calabria che ha sistemato più gente. Di qui la rabbia contro i sei consiglieri traditori e irriconoscenti che fanno la fronda per due anni, fino a quando Macrì, spalleggiato da qualcuno che conta, non deciderà di riaccoglierli tutti o quasi nelle liste comunali e nel misericordioso partito della DC. Quale sia stato l esito di questa sciaugurata vicenda amministrativa, ormai è sotto gli occhi di tutti. Come l apprendista stregone della favola, anche Macrì, dopo avere maneggiato materiali così esplosivi, è saltato con tutta la baracca: dopo l inutile vittoria alle amministrative dell 89, lui è stato arrestato, mentre la Giunta ha vivacchiato fino a quando il Parlamento non ha votato una legge con la quale si è potuto procedere speditamente allo scioglimento dei Consigli comunali infiltrati dalla mafia. All inizio del 1991 i consiglieri comunali di opposizione del PCI e del PSI s erano dimessi chiedendo lo scioglimento dell intero consesso, mentre nel mese di aprile si era verificata la strage di Taurianova (cinque morti ammazzati, tra cui un consigliere dc, senza contare i quattro poliziotti della scorta ministeriale, schiantatisi con la loro auto nei pressi di Cannavà). 15

16 Certo, nel 1970 era difficile districarsi nella caligine amministrativa locale: lo Sputnik tentò, in qualche modo, di diradare le nebbie, di lanciare degli allarmi, degli avvertimenti alla stessa classe politica democristiana che era convinta di potersi concedere tutto. Gli allarmi non furono uditi, Taurianova procedette impavidamente come il Titanic contro gli ostacoli, di cui chiunque, dotato di sensibilità e di intelligenza politica avrebbe dovuto accorgersi in tempo. E rovinò paurosamente, come tutti ormai sanno. Quel che dispiace, a quanti hanno ancora a cuore la sorte della comunità nella quale sono nati e cresciuti, è che la lezione, terribile, di quegli anni non è stata appresa, se non in misura parziale e temporanea. Debbo confessare che sono rimasto colpito per l impudenza con la quale l Amministrazione comunale ha tentato di far passare una normale cittadina del profondo sud come città d arte. A rendere ancora più grande la mia sofferenza il fatto che gli amministratori non si sono limitati a parlarne su un giornale o in un programma televisivo, ma hanno scolpito a chiare lettere su un cartellone stradale la pietosa bugia. A meno non ci si intendesse riferire ai numerosissimi esempi di opere incompiute, disseminate sul territorio taurianovese nel corso dei decenni, non ultima quello del mercato nuovo che avrebbe dovuto sostituire la struttura liberty del vecchio mercato. Struttura che, a suo tempo venne smantellata per far luogo all unica vera e propria opera d arte in sintonia con lo spirito democristiano: la statua bronzea dedicata al capostipite dei Macrì, che si erge solitaria e beffarda in una realtà ormai desertificata dalla corruzione e dai delitti di mafia. Febbraio

17 Ma si continua a ridere: Lo Sputnik La sorte volle che la prima verifica elettorale dopo i moti di Reggio si compisse proprio a Taurianova. Nel novembre del 1970, infatti, giungeva a scadenza naturale il consiglio comunale, appena sei mesi dopo lo svolgimento delle prime elezioni regionali. In primavera le cose non erano andate tanto bene; le sinistre erano riuscite soltanto a mantenere le posizioni del 68, mentre la Democrazia cristiana aveva aumentato, sia pur di poco, la percentuale. La battaglia di novembre si preannunciava incerta, non solo perché questa volta i tre partiti della sinistra ripresentavano liste separate, dopo la negativa esperienza del 1965, ma anche perché esisteva l incognita della lista repubblicana sostenuta dal dissidente democristiano di Amato, Ninì Crea. Scottati dall esperienza di maggio, quando avevamo speso tutti i risparmi per manifesti e volantini in tipografia, questa volta decidemmo di andare al risparmio e di non spendere nemmeno una lira per la propaganda. L idea del giornale murale deriva, in fondo da questa necessità economica. Lo Sputnik fu un esperienza unica, per certi versi irripetibile; fu un misto di giornale e di manifesto, poiché in esso dovevano convivere l informazione e la propaganda. Per oltre venti giorni riuscimmo a tenere desta l attenzione della gente con questo murale interamente scritto a mano sul retro di enormi manifesti. Il numero uno, cioè l ultimo della serie, (poiché il conto veniva effettuato alla rovescia) uscì l ultimo venerdì di campagna elettorale. Il missile decollò ma, a dire il vero, non ebbe molta fortuna; almeno per quanto riguarda il risultato elettorale fallì il bersaglio. Risultati migliori vennero conseguiti nel campo del giornalismo militante e della satira politica. Dopo i primissimi giorni, in cui il giornale venne concepito e scritto da pochissime persone, si andò formando una vera e propria redazione con tanto di 17

18 collaboratori, di inviati speciali, di grafici e di vignettisti. Salvatore Spinoso era abilissimo nel comporre a mano i titoli e nell impostare graficamente il giornale; Peppe Mazzù, invece, era specializzato nel disegnare vignette su commissione dei vari redattori. Nello spazio di pochi giorni riuscimmo a divenire un punto di riferimento per tutti coloro i quali erano impegnati nella campagna elettorale; ricevevamo lettere, informazioni, poesie che pubblicavamo insieme con gli editoriali, con gli articoli di informazione e con i pezzi di satira. Sulle prime scandalizzammo i benpensanti con il nostro umorismo, a volte fine, spesso pesante. Poi, con il passare dei giorni, ci meritammo il consenso di buona parte dell elettorato che si divertiva a leggere il nostro murale, sul quale venivano messi alla berlina gli uomini del potere. Almeno un migliaio di lettori sfilavano giornalmente davanti al nostro giornale che rimaneva affisso da mattina a sera. Quando ritardavamo nell esporre il murale, erano gli stessi lettori che ci sollecitavano a far presto e che ci aiutavano a metterlo a posto. Spesso erano gli stessi candidati che con i loro pezzi di propaganda stimolavano il nostro senso satirico; come quel consigliere che si qualificava in un volantino attivo, diligente, disponibile, pronto, impegnativo. Rimangono ancora vivi alcuni ritratti di personaggi, come quello dedicato all ex sindaco Ursida, al preside Loschiavo o a un candidato molto noto a Taurianova. Anche la cronaca giudiziaria offriva il pretesto per mettere alla berlina i personaggi di potere, come quel tale che aveva profittato dei poveri pensionati postali. Ma, a parte gli scherzi e le satire di questa sorta di Cuore ante-litteram, trovavano spazio sul giornale articoli di informazione e di politica scritti in modo piano e comprensibile. La gente leggeva avidamente tutto quel che gli proponevamo, anche se poi preferiva votare per i partiti tradizionali e non per quello dello Sputnik. I risultati 18

19 elettorali furono, infatti, deludenti per le sinistre. Il PSIUP riuscì a mantenere solo il 5%; il PCI toccò il suo minimo storico prendendo appena il 12% dei voti; meglio andò il PSI con il 24%. Complessivamente la sinistra raggiunse il 41,7%, meno ancora di quanto aveva preso nel 1965 con la Concentrazione popolare. La DC ebbe il 44,6%, mentre il dissidente di Amato il 5,6%. Il MSI, invece, restò fermo al 5% del Tutto ciò non deve stupire, in quanto alle elezioni amministrative la DC è sempre riuscita a catturare buona parte dell elettorato di destra che alle politiche vota MSI: anche nel 1970, l anno dei fatti di Reggio. L ultimo numero del glorioso Sputnik, uscito dopo le elezioni, quando già si profilava l accordo al comune tra democristiani e missini, aveva un grosso titolo, lapidario e significativo: Mazzetta nera! Furono quelli giorni amari per Taurianova che, fino a tutto il 1971, divenne teatro di violenze suscitate dalla destra fascista, ormai ringalluzzita dai moti reggini. Anche in consiglio comunale stazionavano alcuni scalmanati di destra con il compito di provocare. In qualche caso si limitarono a lanciare in aula dei volantini inneggianti a Reggio capoluogo. Era il segnale che di lí a poco si sarebbe costituita a Taurianova una giunta di centrodestra; e questo senza che da parte della DC provinciale vi fosse alcun tipo di reazione. Senza dubbio, l alleanza tra DC e MSI, sanzionava a livello politico l intesa che già in autunno s era realizzata tra fascisti, agrari e vasti settori dell elettorato democristiano sul tema di Reggio capoluogo. Ma essa fu anche dettata dalla necessità che la DC di Macrì aveva di mantenere il controllo del comune, grazie al voto determinante del consigliere missino. M.Maduli, Un Cuore a sinistra,

20 20

21 21

22 22

23 LA MAGISTRATURA E IL POPOLO In questi ultimi 5 anni avremmo potuto, in diverse occasioni, rivolgerci alla Magistratura per denunciare certe irregolarità verificatesi al Comune di Taurianova. Non lo abbiamo fatto (e forse non lo faremo nemmeno in avvenire) per due motivi: 1) non disponiamo di mezzi finanziari per portare a termine l azione penale; 2) siamo un partito politico, il nostro interlocutor non è il giudice ma il popolo. Ci siamo sempre premurati, invece, di mettere a nudo tutte le irregolarità e gli abusi di cui siamo venuti a conoscenza, mediante la presentazione di interrogazioni, l affissione di manifesti, la pubblicazione di inchieste giornalistiche. C è un limite a questa azione di denuncia: la cittadinanza conosce soltanto il 10% dei fatti. Siamo disposti, pertanto, ad aprire il nostro archivio a quanti vorranno informarsi e documentarsi. 23 La prima vignetta-collage Nei prossimi numeri, poco per volta, riveleremo alcuni fatti che nessun comizio di chiusura potrà smentire: verba volant scripta manent (traduzione per i democristiani e per gli ignoranti: le parole volano, gli scritti restano). IL VOTO E LA SENTENZA DEL CITTADINO!

24 Perché il PSIUP sono in pochi a chiedersi perché Non votare per un partito piccolo, quando vi sono dei partiti in grado di eleggere 10 o 15 consiglieri. Noi a questi lettori diciamo che un partito si qualifica, non tanto per il numero degli iscritti, quanto per il tipo di linea politica che adotta. Pochi ma buoni, quindi, in attesa di diventare molti e buoni. Un esempio per tutti. Giorni fa sono stati i venticinque deputati del Psiup e gli otto del Manifesto (pochissimi in confronto alle centinaia presenti in parlamento) a procurare la caduta del decretone.. Tutti sanno che questo benedetto decretone, oltre a determinare l aumento della benzina, della carta bollata e di altre imposte sui consumi popolari...*...italiana godeva ottima salute, come hanno * testo mancante perché illegibile sull originale Chi è che scrive sui muri? Abbiamo notato che a fianco dei nomi stampati su un manifesto contenente la lista della DC (per i curiosi precisiamo che è anei pressi della villa comunale) qualche ignoto scrivano ha apposto delle qualifiche iripetibili e un tantino maliziose. Dobbiamo fare le nostre rimostranze all anonimo censore che ha usato un trattamento preferenziale nei confronti di alcuni candidati DC, omettendo di indicare per gli altri sfortunati la qualifica che, a suo giudizio, era opportuna. dimostrato in parlamento gli oratori del Psiup senza essere smentiti da alcuno) si proponeva di pagare i debiti delle mutue (perché non li paga chi li ha fatti?) e di dare, a spese dei lavoratori, alla economia italiana un determinato indirizzo (a favore di Agnelli e soci). In questa azione (non di ostruzionismo puro e semplice, ma politica) il Psiup, come partito, è statosolo in parlamento, anche se siamo convinti che nel Paese ha riscosso la solidarietà di tutti i lavoratori, dai socialisti ai cattolici, ai comunisti... Anche al Comune siamo in pochi e non pretendiamo di diventare molti all improvviso: però è indispensabile che ci siamo. Riflettano su questo punto coloro i quali approvano la nostra azione di pochi e poi votano per un partito di molti. Noi li invitiamo ad agire con noi invece che restarsene affacciati alla finestra di altri partiti. Questa volta dalle parole bisogna passare ai fatti! Lo sapevate che......per ottenere un impiego a Taurianova bisogna essere parenti o amici dei consiglieri dc?...c è qualcuno che in cambio di un voto offre 10 (dieci) mattonelle?...il Comune di Taurianova ha un deficit di oltre un miliardo e mezzo? come è stato speso questo danaro? nelle tasche di chi sono finiti questi soldi? 24

25 QUELLO CHE NON SAREMO MAI Il partito politico, la lista dei candidati alle elezioni, non sono dei concetti astratti ma la somma di dati concreti, di uomini e di idee, di speranze e di intenzioni. Se date uno sguardo alla lista del Psiup, non vi ritroverete dei politici di professione, dei burocrati o dei politicanti che campano la giornata prendendo a prestito le idee degli altri. E questo perché, nel formare la lista, abbiamo fatto ricorso ai compagni di partito ed agli indipendenti di sinistra che danno ampie garanzie di serietà civica e di capacità personali. Non lo facciamo per autoincensarci, ma per chiarire agli elettori i criteri di scelta che valgono per un partito come il nostro che, oltre a costituire una realtà presente, intende prefigurare la società futura, socialista. Ecco perché il confronto tra la nostra e le altre liste è anche un confronto di uomini, se è vero che ciascuno ha dietro di sè un passato più o meno chiaro, più o meno onesto, più o meno laborioso e che, intanto può dichiararsi appartenente ad un determinato partito politico, in quanto ha realizzato certe cose, in linea con la politica del partito. Un uomo che, per esempio, dopo aver rubacchiato dappertutto venga ricercato dall Interpol nel proprio paesello, non è certo tipo che possa entrare nella nostra lista. Un uomo che voglia farsi eleggere per poi poter vendere i posti ai disoccupati, non entrerà mai nella nostra lista. Un uomo che abbia tradito i propri compagni per ambizione o per danaro, non entrerà mai nella nostra lista. Un uomo che mendichi un posto di insegnante, non entrerà mai nella nostra lista. Un uomo che cerchi di riscattare i propri delitti e le proprie malefatte con la milizia politica, non entrerà mai nella nostra lista. Chi sarà mai questo personaggio? (La ragazza non c entra per niente). Aiutino: esisteva a quei tempi il cinturato Pirelli 25

26 Il Comune deve essere una Casa di cristallo! La lista dei candidati del PSIUP per le elezioni amministrative del 22 novembre 1970 in rigoroso ordine alfabetico 1) Domenico ALAMPI 2) Giuseppe BONGIOVANNI indipendente 3) Antonio CONDELLO 4) Francesco FAZZALARI 5) Santo FAZZARI 6) Michele FOTI indipendente 7) Filippo GERACE 8) Francesco GERACE 9) Raffaele LEONELLI 10) Michele MADULI 11) Michele MIGLIORESI indipendente 12) Rocco Antonio MISIANI indipendente 13) Pasquale PLATEROTI 14) Aldo ROMEO indipendente 15) Natale SCULLARI 16) Giovanni TAVERNA Lo sapevate che......il sindaco, preoccupato per le prossime elezioni, ha richiamato, a tutela dei voti il milite ignoto che era misteriosamente scomparso? Sapete qual è il colmo per un Lupo della PIANA? rifugiarsi sulla Montagna ***... in certi quartieri alti l acqua non manca mai? 26

27 Sputnik n. 3 (-19) del Non per questo smobiliteremmo SIAMO PRONTI ANCHE A PERDERE LE ELEZIONI L importante è impostare bene la lotta politica. Anche su posizioni di minoranza Le elezioni sono solo un momento della lotta politica che un partito conduce, giorno per giorno, nel paese. Anche noi riusciremmo a vincere le elezioni se disponessimo di mezza dozzina di medici, di collocatori comunali, di decine di insegnanti di istituti professionali, oltre che di un esercito di impiegati pubblici, di postulanti, di gente in attesa di sistemazione. Non sappiamo proprio renderci conto di come la DC, pur disponendo di questo enorme serbatoio elettorale, non riesca a prendere il doppio dei voti che ha sempre preso. Quello che sappiamo è che un altissima percentuale dei voti che vanno al nostro partito è costituita da voti politici di cui spesso noi non conosciamo la provenienza. A questi cittadini rivolgiamo un grazie sentito ed un invito, non solo a continuare a votare per noi, sinché riterranno valida la nostra linea politica, ma anche a fare azione di proselitismo. E questa la maniera più efficace per far pesare di più il voto dato al Psiup. Inoltre, chiediamo a loro di contribuire (anche collaborando a questo giornale) alla definizione di una linea politica del Psiup in campo comunale. 27 Per noi i veri problemi sono quelli che si porranno all indomani della costituzione di un eventuale giunta di sinistra. Bisogna arrivarci preparati. Voi conterete di più in quella giunta se maggiore sarà la rappresentanza del Psiup!

28 IL TRANSFUGA Esiste sotto tutte le latitudini (a Napoli e a Polistena viene catturato dagli avversari) ma a Taurianova assume una coloritura inconfondibile. Alcuni lo chiamano traditore (ma adoperano un termine grave e inappropriato perché questa gente non ha mai avuto ideali e finalità sociali e perciò non ha niente da tradire), altri banderuolo per la sua facilità nel passare da una parte all altra. Il transfuga è immediatamente individuabile per la fulmineità del suo passaggio e per il premio che gli viene sempre pagato. C è chi si accontenta della carica di sindaco, chi, invece, esige il pagamento di un impiego, chi contratta future speculazioni, chi, invece, lo fa per riconoscenza. Ci sono transfughi vecchi e transfughi nuovi, transfughi sicuri di sé e transfughi indecisi e pronti a fare marcia indietro. Ma il tipo più pericoloso di transfuga è quello che abbandona la propria classe nel tentativo di inserirsi in un ambiente sociale diverso. Questo sì che è traditore: ha rinnegato pure se stesso! In ogni caso il transfuga è un essere spregevole che non merita tanti rguardi nemmeno da chi se ne serve per fini personali o di partito. Chi vota per un transfuga è un individuo altrettanto abietto, con un aggravante in più: è pure sciocco. Bisogna odiare i transfughi, disprezzarli. Chi li ama e li vota favorisce i tradimenti futuri. Taurianova è una terra di transfughi e questi esisteranno fin tanto che esisterà qualcuno disposto a pagare per il loro tradimento. Statistiche: Dagli anni 50 fino ai nostri giorni si sono registrate le seguenti fughe (parliamo solo di numeri) -- Dal PSI alla DC N Dalla DC alla sinistra N Dal MSI alla DC N Dal centrosinistra al centrodestra N. 1 Promesse per braccianti e palazzi per... Tentativi di accalappiamento Da parte della DC: numerosi 28

29 Che cosa significa l emigrazione per il nostro Paese SE I LAVORATORI EMIGRANO E ANCHE COLPA DI MACRI Nel 1951 a Taurianova eravamo in ; oggi siamo meno di : il prossimo censimento lo accerterà. Se consideriamo l incremento naturale (differenza nati-morti) che c è stato, possiamo dire che nel nostro paese, negli ultimi venti anni, è emigrato quasi un quarto dei cittadini. Se, poi, teniamo conto degli emigrati stagionali e dei figli dei nostri fratelli residenti all estero, le cifre aumentano vertiginosamente: è un enorme forza-lavoro, un potenziale umano poderoso che viene a mancare alla nostra terra. Come stiano i nostri emigrati all estero e quali drammi crei il distacco forzato tra marito e moglie, tra padri e figli, lo lasciamo immaginare ai lettori che sicuramente annoverano degli emigrati, tra i propri amici o i propri familiari. Vogliamo soltanto ricordare che l emigrazione è una emorragia continua della nostra terra, è sangue, è ricchezza che se ne va: 4000 cittadini in meno, 4000 panini in meno, 4000 paia di scarpe in meno, 4000 vestiti in meno, 4000 persone, cioè, che non lavorano, che non consumano, che sono morte. Al capitalista, al padrone non può, certo, interessare tutto ciò: quello che gli preme è di avere al Nord manodopera a buon mercato; e questa la può avere solo se il Mezzogiorno è povero, fino a quando esso sarà un comodo serbatoio di braccia. La colpa della DC e dei governi di centro-sinistra è di avere consentito ai capitalisti di sviluppare l economia secondo i loro interessi (ai padroni importa soltanto guadagnare di più) e non secondo quello dei lavoratori e della collettività. Ecco per quale motivo noi siamo contro la locale democrazia cristiana (ed anche contro il Psi tutte le volte che quest ultimo collabora con essa). perché rappresenta l ultimo anello di una catena che vorrebbe legare e rendere impotenti i lavoratori. Da Macrì a Pucci a Colombo il passo è breve: chi poi manovra tutto è il grande capitale. Per questo anche le elezioni comunali sono importanti: bisogna rompere il primo anello per poter poi rompere gli altri. E i lavoratori, lo diceva Marx, quando protestano da perdere non hanno che le catene. 29

30 Ora, dobbiamo ricordare a questa gente che la satira politica non è stata inventata da noi, ma che essa esiste ed è fatta per i popoli civili. Se proprio volevano rimanere indenni non avevano che da rigare dritti. Noi, d altronde, abbiamo sollecitato centinaia di volte il dibattito politico. Ci è stato risposto: parlate, parlate, tanto da un orecchio ci entra e da un altro ci esce. E questo il motivo per cui all amaro degli articoli politici mescoliamo l agrodolce della satira nel tentativo di scuoterli dal loro torpore (ed anche per trattarli come si meritano). Niente paura, lettori, questa gente è tanto sorda che nemmeno risponderà ai nostri articoli. Da che mondo è mondo chi fa professione di servilismo è abituato a prendere le legnate e tacere. Anche i padroni, i vari Mazzetta, rimarranno muti: la carta stampata gli ha fatto sempre paura. Perciò, arrivederci ai prossimi numeri: fustigheremo, come è opportuno, le mignatte, gli orsi, i pinguini, le coccinelle, i copertoni, le gattine, i super-porci e tutta la fauna indescrivibile e rivoltante del regno di Dracula-Mazzetta. 30

31 Lo sapevate che......il nostro Comune spende l anno per i sacchetti a perdere della nettezza urbana?...taurianova ha un organico di 20 vigili urbani? Quanti ne vedete in giro?...il traffico a Taurianova è così disciplinato che i vigili urbani non riescono a fare una contravvenzione? Lite in famiglia anche in occasione della cerimonia del 4 Novembre 31

32 32

33 I democristiani hanno già dilapidato tutto IL COMUNE NON HA 1 LIRA Che cos è un bilancio comunale? Potremmo dire, semplicemente, l elenco delle entrate e delle spese previste per un anno. Per il 1970 le entrate del nostro Comune sono di soli 177 milioni. Le spese preventivate ammontano, invece, a (un miliardo e settecentosettantacinque milioni) Per restituirle il Comune deve ricorrere a un prestito di lire. Chi fa debiti paga gli interessi. nel caso nostro sono altissimi: sui mutui paghiamo ben 79 milioni e mezzo. Non solo; per fare debiti bisogna applicare le supercontribuzioni sulle imposte già salate che i cittadini pagano (in più lire). Questa volta la G.P.A. ha tagliato sensibilmente il bilancio. Ed il Comune ha dovuto ricorrere alle anticipazioni della Società Trezza e della Cassa di Risparmio: con quest ultima siamo alla bella cifra di 600 milioni, sui quali paghiamo 37 milioni all anno di interessi. Un portiere primario Le casse del Comune sono, pertanto, asciutte. I democristiani hanno speso pure gli spiccioli. E il guaio è che i cittadini non possono nemmeno controllare l impiego dei soldi. Se i debiti venissero fatti per motivi giusti, potremmo giustificarli anche noi. Quando, però, si fanno per motivi che non conosciamo o, magari, per pagare in tempo lo stipendio del sindaco o i premi in deroga a certi impiegati, è chiaro che non possiamo accettarli. Il pubblico amministratore deve evitare gli sperperi e calibrare le spese al millesimo. Questi miseri poppanti a spinton si fanno avanti Ma di lor succhia più in fretta solo Dracula-Mazzetta CHI NON SA AMMINISTRARE BENE I SOLDI DEGLI ALTRI, FACCIA DEBITI SOLO A CASA SUA! Se volete che la verità venga alla luce, aiutateci a diventare maggioranza 33

34 34 L uomo dalla barbetta bianca che fu a capo del suo popolo in lotta per la libertà e per il socialismo, l uomo all apparenza fragile, ma duro come il diamante, il marxista, il poeta, il partigiano, non fu mai un singolo ma il simbolo di un popolo ribelle che rimarrà nella storia dell umanità come l esempio più clamoroso di come possa un piccolo Paese, quando combatte per una causa giusta, sconfiggere un gigante. A te, compagno Ho Chi Minh, che stai con i Giap con i Nguien-Van-Troy, contro i fantocci Cao-Ky, i Nixon, dedichiamo questo numero, modesto contributo di compagni lontani che combattono la loro piccola battaglia contro i piccoli fantocci di paese. Grazie Ho Chi Minh dalla barbetta bianca, grazie Vietnam: la tua vita, la lotta del tuo paese hanno contribuito a farci diventare più uomini, più socialisti.

35 Come nasce un paese, come vengono fuori le strade, le costruzioni, le piazze; come si forma il tessuto connettivo entro il quale dovranno vivere per anni, per secoli, migliaia di persone? Due sono i modi per dar vita ad un centro urbano: o affidarsi all iniziativa personale, all inventiva del singolo; oppure delegare alla comunità, all ente pubblico, l incarico di fissare le linee fondamentali dello sviluppo della città. Si possono citare esempi dell una A Taurianova nulla di tutto ciò. Soprattutto nel dopoguerra, l espansione edilizia è avvenuta in maniera incontrollata e Le mani sulla città disordinata. Il piano regolatore verrà a sanzionare gli obbrobri di cui la classe dirigente locale s è resa complice consentendo la creazione di quartieri come Mazzitelli o S. Giovanni. L amministrazione comunale o è stata assente (come ai tempi di Loschiavo, padre putativo di o dell altra via, tratti dalla storia lontana o da quella vicina a noi. Risulta, però, ben chiaro un fatto: che il disegno della città moderna non può ignorare certe esigenze elementari di razionalizzazione. Mazzitelli) o ha fatto di tutto per incanalare lo sviluppo edilizio in una certa direzione (come la Giunta Ursida che, portando le fogne, l acqua, la luce, ha valorizzato la zona Nucarella a sud dell ospedale, dove parenti e amici degli assessori possedevano dei suoli edificabili). Al centro di tutto stanno la speculazione sulle aree, la noncuranza degli interessi pubblici e la strafottenza delle locali classi dirigenti che sono state incapaci persino di salvare la faccia. 35

36 SPUTQUIZ Di chi si tratta? L ISTI...NTO PROFESSIONALE Ricordate i lavori per la fogna sotto l ospedale? Le affermazioni dell assessore: Posso assicurare che i lavori sono stati eseguiti alla perfezione. CHICAZ! 36

37 Io sono il prode paladino Orlando (1) passo il mio tempo errando per le corti (2) siccome il mio mestiere (3) vo scordando difendo i vecchi, i pensionati, i morti.(4) 1) Non è il protagonista dell Orlando Furioso 2) Corti di giustizia 3) il mestiere di medico 4) trattasi di libretti di pensione 37 La posta di Sputnik Abbiamo ricevuto da un nostro lettore una lettera in cui si denunciano le assunzioni di favore che l amministrazione dc avrebbe fatto in questi ultimi tempi. Dovete parlarne - ci dice- se volete sottrarre circa trecento voti alla dc La facciamo, ma non certo perché crediamo ai 300 voti. Se così fosse, per le denunce che ha fatto, il nostro partito, di voti in più dovrebbe prenderne almeno Caro Sputnik -ci dice un altro lettore- non ne posso più, vicino a casa mia c è un terribile fetore di stocco... Caro lettore, giriamo la tua protesta all ufficiale sanitario e al sindaco. Ti avvertiamo, però, che ancora quest ultimo deve rispondere a una nostra interrogazione nella quale rilevavamo l esistenza segue

38 38

39 segue la posta di Sputnik in paese di capre, galline, vacche ed altri animali (questa volta veri! Un altro lettore ci prega di pubblicare un annuncio economico in cui si reclamizzano gomme e copertoni. Ci dispiace, non possiamo perché si tratta di copertoni usati. 39

40 40

41 Un nostro lettore, che qui ringraziamo, ha apprezzato la nostra definizione del comune come palazzo dalle pareti di cristallo, attraverso le quali tutti i cittadini, e non solo gli esperti e gli addetti ai lavori, possano vedere come si amministra la cosa pubblica. Diremo di più, per noi la democrazia stessa, in tutti gli istituti in cui si realizza la volontà popolare, deve essere un palazzo di cristallo! Questo è il solo modo per dare alle istituzioni contenuti di autentica, effettiva partecipazione popolare, per renderle strumenti di promozione civile, per legarle alle esigenze e agli interessi dei cittadini; in una parola, per rafforzarle e dar loro credibilità. Per noi socialproletari, questa è un esigenza primaria e irrinunciabile che coincide, fortunatamente, col desiderio di chiarezza e di pulizia di larghi strati di nostri concittadini, ai quali chiediamo maggiore forza per potere, assieme alle altre forze democratiche e progressiste, spalancare finalmente le porte e le finestre del palazzo comunale e farvi entrare aria nuova. Perché la nostra non rimanga solo una enunciazione di principi, diciamo che i problemi della nostra comunità saranno discussi in assemblee popolari, come ai tempi dei gloriosi comuni: dalla sintesi delle proposte dei cittadini scaturiranno le decisioni più vicine agli interessi dei cittadini stessi, e non già da misteriosi conciliaboli in cui bisogna dosare interessi personali o familiari o di gruppo di potere e utilità elettorali. I consigli di quartiere, strumenti moderni di una democrazia iù vicina alle sue origini, mentre rafforzeranno i legami tra il popolo e le istituzioni, presenteranno alla Giunta, in maniera più efficace e più diretta, le esigenze, i desideri, i problemi del rione. Queste sono le ipotesi di lavoro che offriamo, già da ora, all attenzione della nuova amministrazione. Se, come come vivamente desideriamo, sarà di sinistra faremo di tutto perché questa linea amministrativa venga discussa e realizzata. Nell altro caso ne faremo momenti di azione e di lotta a livello popolare per coinvolgere tutti, partiti e maggioranza, in un nuovo modo di discutere e di risolvere i problemi, nell interesse esclusivo dei cittadini. 41

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

introduzione Baracca nel quartiere di Annunziata Fonte: www.corriere.it

introduzione Baracca nel quartiere di Annunziata Fonte: www.corriere.it Baracca nel quartiere di Annunziata Fonte: www.corriere.it Siamo venuti a conoscenza del problema baracche a Messina nel dicembre 2008: decorreva il centenario del terremoto che colpì l area dello Stretto

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

L ITALIA REPUBBLICANA

L ITALIA REPUBBLICANA L ITALIA REPUBBLICANA LE REALIZZAZIONI DEL CENTRISMO LA RIFORMA AGRARIA, finanziata in parte dai fondi del Piano Marshall,fu,secondo alcuni studiosi,la più importante riforma dell'intero secondo dopoguerra.

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità

LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità LA CALABRIA CHE VORREMMO dal punto di vista Sanità È con vivo piacere che ho accettato l invito dell Associazione Calabro-Lombarda a trattare questo spinoso argomento. Sarebbe molto bello sentir parlare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità

CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità CORSO N 1 Relazioni educative tra complessità, sfide e opportunità Per un alleanza educativa Scuola-Genitori 29 Settembre 2012: Le relazioni familiari oggi:dalla mia famiglia alle famiglie Mt 13,53-58

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Altra causa è il fatto che sono entrate nella compagine azionaria i fondi di investimento, anonimi e gravemente indebitati.

Altra causa è il fatto che sono entrate nella compagine azionaria i fondi di investimento, anonimi e gravemente indebitati. 1 DISCORSO PRONUNCIATO DALL AVV. GIOVANNI VALCAVI ALL ASSEMBLEA DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO TENUTASI A MILANO IL 19 APRILE 2008 SULLA SITUAZIONE ECONOMICA GENERALE CONTRO I PROGETTI DI AGGREGAZIONE

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli