Direzione Giovanna Mulas. Coordinazione Gabriel Impaglione. - Maggio 05 - Nuoro, Sardegna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Giovanna Mulas. Coordinazione Gabriel Impaglione. mulasgiovanna@hotmail.com - Maggio 05 - Nuoro, Sardegna"

Transcript

1 Isola Nera 1/9 Casa di poesia e letteratura. La prima in Sardegna, in Italia, aperta alla creazione letteraria degli autori italiani e di autori in lingua italiana. Isola Nera è uno spazio di libertà e di bellezza per un mondo di libertà e bellezza che si costruisce in una cultura di pace. Direzione Giovanna Mulas. Coordinazione Gabriel Impaglione. - Maggio 05 - Nuoro, Sardegna ( ) Quell insenatura; bocca di leone estesa dalle pendici rocciose digradanti ad est ed i voli di sommi gabbiani ciondolanti e pigri, rollanti su nuvolepietre, fichi d india svettanti tra i ciuffi di mirto ed il canto continuo di cicale in amore. L odore era dolceamaro, inconfondibile ed indimenticabile,tale da saggiarlo con l olfatto e portartelo appresso,chiuso nella mente pure lontano e comunque e sempre così da sentirlo accanto e solo tuo ad ogni soffio di maestrale. Le barche come gusci alzavano le vele prima dell affacciarsi del sole, salutavano i voli sparsi e il guizzo dei pesci scivolando costanti e meste per una bella distanza dalla riva, non so dirvi a quanto, e urlavano con l ululare dei pescatori che gettavano le reti.( ) (G. Mulas) Ernesto Cardenal Nicaragua Come gli stormi d' anatre che passano gridando Come gli stormi d'anatre che passano gridando, che nelle notti d'autunno passano gridando verso lagune del sud che non han visto mai e non sanno chi le sospinge né verso cosa muovono, così eravamo sospinti verso Te senza saperlo. Come gli stormi d'anatre che vengono dal sud in primavera, dal sud dell'america, e passano per il Kentucky gridando di notte!. Morrison, Poeta Sciamano Potreste dire che solo per caso io possegga le caratteristiche ideali per svolgere questo tipo di lavoro. Io mi sento come una corda d arco tesa da ventidue anni che venga improvvisamente fatta partire. Innanzitutto sono un americano, poi sono un californiano e quindi un abitante di Los Angeles. Sono sempre stato attirato dalle idee connesse alla rivolta contro le autorità. Mi piacciono quelle idee miranti ad abbattere o rovesciare l ordine costituito. Mi interessa ogni tipo di ribellione, disordine, caos: specialmente le attività che 1

2 non sembrano avere alcun senso. Mi sembra questa la strada giusta verso la libertà : la rivolta esteriore è un mezzo per ottenere la libertà interiore. Invece di iniziare dall interno, io comincio dall esterno, ossia voglio giungere alla dimensione mentale attraverso quella fisica. Sono un sagittario, se l astrologia ha qualcosa a che fare con tutto questo: il centauro, l arciere, la caccia. Ma la cosa più importante è che noi siamo i Doors. Noi arriviamo dall ovest L intera faccenda è come un invito all ovest Il tramonto La notte. Questa è la fine Il mare Il mondo che proponiamo è qualcosa come il selvaggio west Un mondo sensuale e perverso Strano e ammaliante, il sentiero verso il sole, capite? Verso la fine. Perlomeno per il nostro primo album. Facciamo tutti quanti perno sulla fine dello zodiaco. L oceano Pacifico/violenza e pace/la strada fra il nuovo e l antico. E certamente The End la canzone-manifesto della poetica di Morrison, il quale l ha spiegata in alcune dichiarazioni come una canzone di addio ad un amica, la fine di un amore, la morte interna dopo una passione ormai svanita. Ma se questo può essere vero in superficie, il testo ha però altre profondità, offre altre possibili letture. Jim Morrison credeva nella parola che libera. Nella poesia che apre tutte le porte. Il cantante dei Doors era inattuale. Avrebbe vissuto meglio, esistenzialmente, negli anni venti o trenta. In Europa. Avrebbe respirato la fede nella poesia che libera e trasforma. Negli anni sessanta era inattuale. Era in ritardo e in anticipo. E stato malcompreso dai suoi compatrioti, ammirato nel resto del mondo. In The End Il doppio livello di lettura (l amica può essere una donna o la Fine, ossia la Morte) è legato all ambiguità del linguaggio usato, ed è quindi uno stratagemma del poeta. L amore finito inizialmente diventa paura del futuro, immagine del freddo in una terra straniera, in un deserto di dolore affollato da bambini folli in attesa della pioggia estiva. Dopo questa prima parte del testo, la scena si sposta verso la pericolosa periferia della città e il consiglio è di andare ad ovest, perché ovest è la migliore scelta. L autobus della salvezza attende proprio loro ma la domanda è: autista, dove ci condurrai? In questi brevi passaggi Morrison ha dirottato la sguardo da un apparentemente banale storia d amore al tramonto ad un incubo in pieno svolgimento: sembra una descrizione onirica, in cui simboli potenti prendono il posto della realtà conosciuta. La strada reale, la direzione ovest dove il sole tramonta (sia la strada che il sole sono potenti simboli religiosi presso gli Atzechi, gli Incas e gli Egizi, civiltà il cui studio negli anni sessanta era molto in voga e che affascinavano i giovani hippies: anche Morrison parlò di questi suoi interessi); le miniere d oro, il blue bus come simbolo della fuga psichedelica (blu era uno dei colori preferiti di Morrison, e, insieme, un colore ideale nella iconografia hippy perché rappresentava il cielo ed era associato ai viaggi con la droga, come il bus stesso, senza dimenticare che il blu è un colore salvifico nella rappresentazione cristiana: tutte le madonne hanno un manto blu, simbolo del cielo, e Morrison è di cultura cattolica) ed ancora, il serpente lungo sette miglia, vecchio e dalla pelle gelida (simbolo sessuale per antonomasia, e quindi simbolo del maligno, ed in Morrison simbolo forse dell isterilimento dell amore, quindi della passione sessuale, della morte del pene: Morrison in American Prayer scriverà un lungo lamento per il mio cazzo dolente e crocifisso che terminava con il verso io sacrifico il mio cazzo sull altare del silenzio ). Poi di colpo entra in scena Edipo. L assassino si svegliò prima dell alba Si infilò gli stivali Prese una faccia dalla galleria degli antenati E si inoltrò giù verso il salone Andò nella stanza dove viveva la sorella E poi rese omaggio alla stanza del fratello 2

3 E poi lui, lui si inoltrò verso il salone Ed arrivò ad una porta, e guardò dentro padre? Si, figliolo? voglio ucciderti, madre, io voglio (The End) L uccisione del padre e l incesto con la madre. Il mito di Edipo, giocato dal destino e da se stesso, qui esplicito fino a diventare desiderio di morte per poter vivere, in una ripetizione degli ormai noti rituali della successione (chi sfidava il re e lo uccideva prendeva il suo posto) narrati dai moderni antropologi e per la prima volta resi scientificamente noti da James G. Frazer nel secolo scorso in il ramo d oro. In interviste più approfondite Jim Morrison descriverà The End come una metafora del dolore: certe volte il dolore è troppo forte per poter esaminato o addirittura sopportato ma la gente ha più paura della morte che della sofferenza. E starno che abbiano paura della morte, la vita fa molto più male della morte. Quando arriva la morte, la sofferenza è finita. Si, credo proprio che la Fine sia un amica (da un intervista a Lizzy James in The Doors Illustrated History, a cura di D.Sugermann, Vermillion). Con queste parole Morrison rivela la sua collocazione culturale: un orfico pagano moderno, un seguace di Epitteto e nello stesso un decadente del Novecento, un postero di Nietsche e di Heidegger, ma, in un torbido intreccio anche un fremente spirito religioso anelante alla autoannichilazione in nome di un altrove sicuramente migliore di questo presente. Morrison si accorge tardi di essere in trappola. La sua fuga a Parigi è fuori tempo massimo. Nell estate del 1965, quando recitando alcuni suoi scritti al compagno d università Ray Manzareck, decide di iniziare l avventura dei Doors, era sicuramente un altra persona. Ventidue anni, una cultura in rapida espansione, droghe e sesso come orizzonte di partenza per ritrovare quella stessa totalità descritta dai Poeti Visionari, primo fra tutti William Blake, che nutrivano la sua anima. Sei anni dopo, stordito, depresso, forse sconfitto, muore nella stanza da bagno della sua casa parigina, d infarto. Il lungo confronto con la giustizia americana, con la corte di Miami e il giudice Murray Goodman, che gli infligge il massimo della pena per i fatti del marzo 1969 ( nonostante non abbia potuto provare le accuse principali relative alla masturbazione in pubblico e all incitamento alla violenza) lo avevano sfiancato lasciandolo interdetto e molto provato. Tutto è in discussione, la musica, il gruppo, la sua stessa vita.la confusione di Morrison comunque, che raggiungerà il suo apice di fronte agli sberleffi e alle critiche di essere solo un clown che gioca a fare il profeta; ridicolo nel suo abbruttimento alcolico, è in The End ancora lontana dall apparire: la lucidità del testo non viene sfiorata dallo specchiarsi nelle opinioni degli altri. Il poeta è ancora padrone della sua visione. La Visione Io e mio -ah- madre e padre e un nonno e una nonna- stavamo viaggiando in macchina attraverso il deserto, all alba, e un camion pieno di lavoratori indiani aveva avuto un incidente con una macchina, oppure io non so cosa era accaduto ma c erano indiani sparsi su tutta l autostrada, sanguinanti a morte. Così la macchina frenò e si fermò. Quella fu la prima volta che io provai la paura. Dovevo essere più o meno sui quattro anni un bambino è come un fiore, la sua testa fluttua nel vento. La reazione che provo ora ripensando a quella scena, ricordando è che le anime degli spiriti di quegli indiani morti forse una o due di loro stavano proprio correndo intorno come impazzite, e saltarono dentro la mia anima. E loro sono ancora dentro di me. Nelle poesie, canzoni, racconti raccolti in An American Prayer Jim Morrison ha così raccontato la sua visione. I corpi degli indiani morti per un incidente sulla strada in pieno deserto (uno scontro tra una macchina e un camion di lavoratori pendolari, a quanto sembra) e lui, un bambino di quattro anni che osserva la scena dalla macchina con la quale viaggiava con i suoi genitori. E la sensazione di essere invaso dalle anime di quei morti, la certezza 3

4 che quelle anime, terrorizzate di non avere più un corpo nel quale abitare, avessero scelto lui e il suo corpo per continuare a vivere. Il bambino suggestionato dalla visione della morte. L adulto cerca di essere una reincarnazione, di avere dentro lo spirito di quegli indiani. E l incontro traumatico con la morte, il sangue, la paura. Da quelle memorie d infanzia Jim Morrison trasse poi versi ormai celebri, inseriti come recitativo all interno di Peace Frog su Morrison Hotel : Indiani sparsi all alba sull autostrada sanguinante Fantasmi affollano la mente fragile come un guscio d uovo di un fanciullo. Questa visione lo perseguitò fino alla morte. Forse fu in quella visione d infanzia, in quella lugubre alba sanguinosa che scoprì dentro di sé le forze dell istinto, le forze primordiali che lo hanno guidato nella sua breve vita fino alla morte. La fascinazione per il sangue e la morte. I suoi concerti sono stati spesso interpretati come trance sciamanica. E questa trance era sostenuta da ogni possibile mezzo di alterazione della coscienza, dall alcool alle droghe. Sperimentò ogni cosa, fino a concentrarsi sull alcool, del quale abusò fino alla morte. Il suo dramma, negli ultimi anni, fu la crisi creativa. Disse più volte che le sue canzoni erano nate tutte insieme, in un impeto creativo collegato al primo disco. Nel 1970 ancora incideva con i Doors canzoni scritte tre anni prima. Se da una parte le cose, vista la sua anima posseduta, non potevano non andare così, dall altra questa fu per lui una beffa. I visionari e il suo culto per William Blake è sintomatico- hanno visioni continue dopo la grande visione iniziale, quella in cui il divino tende loro un imboscata. Paolo sulla strada per Damasco, Mosè nei pressi del rovo parlante in fiamme, i grandi stregoni come Alce Nero e la sua visione dei sei Avi nell Arcobaleno fiammeggiante: tutti costoro hanno avuto la loro visione iniziale, germinatrice, fatale. Anche Morrison l ha avuta. Ma mentre dopo la prima visione gli altri hanno continuato a vedere, a dialogare con l Aldilà, Morrison, una volta detto il contenuto della sua visione in forma poetica in una serie di testi di canzoni, non ha più ritrovato i canali per comunicare con l altra parte. La sua crisi e la sua disperazione e, da quello che raccontano i suoi amici in vari libri ed interviste, possiamo dire la sua sofferenza, nascono da questa consapevolezza. La sua visione era sterile. Ma lui non voleva che finisse così. Era certo di poter ancora attingere il materiale necessario alla sua arte poesia, musica- in quel mondo immateriale della coscienza infinita che per qualche tempo aveva frequentato, quella infinità che Blake aveva descritto, quella possibile solo dopo aver ripulito le porte della percezione da ogni incrostazione razionale, per potersi poi accorgere di poter vedere le cose nella loro essenza infinita. Per poter vedere ancora una volta usò quello che nella California della controcultura era normale ed anche legale (almeno per LSD), vale a dire ogni genere di droga, a cominciare da quelle eminentemente psichedeliche, il peyote o il suo estratto, la messalina, e il suo equivalente chimico, l LSD. Poi passò all alcool in maniera massiccia. Ma fu solo un modo per autodistruggersi, coscientemente o no. La visione era sparita. Aveva lasciato solo il visionario. Prima che io sprofondi nel grande sonno Voglio udire, io voglio udire L urlo della farfalla (When the Music s Over) ( Kevin McCraney, The Doors poesia, morte e spirito della tragedia di Jim Morrison ) 4

5 Fernando Pessoa Portogallo Se qualcuno un giorno bussa alla tua porta, dicendo che è un mio emissario, non credergli, anche se sono io; ché il mio orgoglio vanitoso non ammette neanche che si bussi alla porta irreale del cielo. Ma se, ovviamente, senza che tu senta bussare, vai ad aprire la porta e trovi qualcuno come in attesa di bussare, medita un poco. Quello è il mio emissario e me e ciò che di disperato il mio orgoglio ammette. Apri a chi non bussa alla tua porta.. Patrizio Pacioni Italia Frammento da Iscassia e Fogu Arregordu Le bestie soffrivano. Le più forti, sfidando la calura ardente del pomeriggio, si ostinavano ancora a strofinare il muso sul terreno, alla ricerca dei radi, rachitici fili d erba risparmiati da un interminabile siccità. Le altre se ne restavano lì, all ombra degli ulivi incurvati dal maestrale, accasciate l una vicina all altra, impegnate a ruminare, dopo che anche le ghiande erano venute meno, fronde e saliva. Un respiro corto e irregolare increspava la lana lurida del manto nella quale, senza più necessità di nascondersi, colonie di pidocchi argentei e neri si esibivano in spavalde scorribande. Due agnelli di pochi mesi, nel vano tentativo di spremere qualche goccia di latte, tormentavano i capezzoli avvizziti della madre, che li lasciava fare, guardandoli inerte. C era un ragazzino a sorvegliare il gregge. Un adolescente dalla pelle bruna, con una zazzera di capelli ispidi, le gambe corte rispetto all ampio torace, muscoli ancora in formazione, ma già sviluppati, che guizzavano nervosi lungo gli avambracci e le cosce, e scolpivano il ventre incavato. Tore bevve dalla borraccia un breve sorso, trattenendo l acqua in bocca prima di deglutire, per poterne assaporare più a lungo il gusto e l effetto benefico che aveva sulle mucose riarse. Poi, volto in direzione dei rovi che si arrampicavano sulla pendice del monte, ficcati tra le labbra indice e medio di entrambe le mani, modulò due fischi acuti. Da un avvallamento del terreno, annunciati da un latrato, spuntarono gli occhi spiritati di Marigosu, poi il muso intero, e infine il corpo, talmente scavato sotto il 5

6 pelo marrone arruffato che, anche a quella distanza, il giovane pastore avrebbe potuto contargli le costole una per una. Il cane lanciò uno sguardo obliquo in direzione del padrone, grattandosi intanto con una zampa posteriore l orecchio mutilato in chissà quale battaglia, quindi decise di avvicinarsi, caracollando sulla terra irta di pietre. Non appena lo ebbe a portata, il ragazzo gli ficcò la mano sotto il muso, serrandolo forte ai lati, tanto da costringere la bestia a spalancare le fauci, irte di zanne aguzze. - Tenisi famini? - gli chiese a bassa voce La risposta di Marigosu fu qualcosa a metà tra un di ringhio sordo e un guaito strozzato. Poi una leccata umida sul palmo della mano che il padrone gli porgeva. - Eia. Seu deu su meri! - approvò Tore, cavando un tozzo di pane raffermo fuori dalla tasca dei pantaloni di fustagno. La coda di Marigosu batteva nervosamente in alto e basso, a destra e sinistra, producendo schiocchi sul terreno e sui fianchi dello stesso animale. C era un grande barattolo di latta vuoto, poco distante, che un giorno aveva contenuto tonno conservato sott olio; era pulito, lucido, tanto l aveva lappato il cane alla fine dell ultimo pasto, come sempre era solito fare. Tore vi depose il pane che spezzo, poi ammorbidì bagnandolo con l acqua della borraccia. Marigosu allora si avvicinò, annusando con scarsa convinzione, poi ficcò dentro il muso, che ritrasse subito dopo, senza avere assaggiato neppure un boccone. Si accucciò, restando in attesa, mentre un sottile filo di bava, scintillando, colava giù dalla bocca spalancata. Così immobile osservò il ragazzo andare all ovile, staccare la salsiccia appesa al palo piantato al centro del recinto e, liberata la lama del coltello a serramanico, tagliarne un pezzo. - Eccu su ingaungiu! - Esclamò Tore, ridendo, aggiungendo la salsiccia al pane magnato. Per qualche secondo la voce possente del maestrale fu superata dall ansimare ingordo di Marigosu e dagli scatti secchi delle fauci che si aprivano e si chiudevano, poi tornò incontrastata a dominare il silenzio. Seduto sulla roccia levigata che costituiva il punto d osservazione preferito, nel punto più alto del versante del pascolo che dominava le spiagge sottostanti, Tore girò intorno lo sguardo. Era una giornata straordinariamente limpida, e lui aveva gli occhi buoni. Sulla destra il mare spargeva scaglie di sole intorno allo scoglio superbo del Pan di Zucchero; mentre verso riva strisce di schiuma si andavano a infrangere contro una parete di roccia viva a picco sul mare. - Da qui non puoi vederla, ma c è una grande apertura a metà costa. - gli aveva cominciato a raccontare una volta Efisio. Fin dove arrivava con la memoria, Tore non riusciva a riportare alla mente i volti del padre e della madre, che pure dovevano essere esistiti anche per lui. Ricordava soltanto lui, l anziano pastore che da sempre s era preso cura di lui. - È lo sbocco sul mare di Porto Flavia: ormai l hanno abbandonata, e da parecchio tempo, ma una volta era una delle miniere più importanti. - aveva continuato il vecchio, masticando rumorosamente pane e formaggio stagionato. Erano i momenti migliori, quando mangiava. 6

7 - Le navi si fermavano al largo. Laggiù, vedi? E le bentoline facevano la spola per andare a raccogliere il minerale estratto che veniva scaricato dall alto. - Tore, che all epoca era poco più di un bambino, lo ascoltava cogli occhi sgranati, attento a non perdere neppure una parola. - I minatori si affacciavano su dal buco nella roccia, ciascuno con al sua bella maschera di polvere di piombo, manganese e zinco bene incollata alla faccia. Guardavano verso i piroscafi alla fonda, assaporando il gusto della salsedine e sognando viaggi in paesi lontani. Se ne restavano lì, lacrimando, abbagliati dal lucore del cielo e del mare, finché le urla dei sorveglianti non li richiamavano nel ventre buio della terra, perché riprendessero la massacrante attività di ogni giorno.- Così dicendo lo aveva calato giù dalle ginocchia, si era frugato in tasca alla ricerca della sacca del tabacco e dei prosperi, poi aveva leccato una cartina e si era arrotolato una sigaretta striminzita e storta: il segnale che, almeno per quella sera, non ci sarebbero state più chicchiere. - Deu cussu traballu non d ei a fai mai! - Aveva mormorato infine al vento, scuotendo il capo. Poi giù una scrollata di spalle, e un bel grumo di catarro sputato in terra, tra i piedi del piccolo Tore. - Sarta, pipieddu! - lo aveva canzonato, ghignando, come faceva quando gli girava per il verso giusto. Era un vecchio, imprevedibile come lo sono quasi tutti i vecchi: a volte passavano settimane intere durante le quali se ne restava muto, chiuso nei suoi ricordi, e in chissà quali crucci. Tore aveva imparato a stargli alla larga, quando era così. Aveva assaggiato i calli di quelle mani su di sé, quando non s era trattato dei duri nodi legnosi del bastone ad abbattersi sulle sue gambe e sulla sua schiena; quindi sapeva bene quanto male potesse procurargli Efisio quando era arrabbiato o soltanto nervoso. Poi, all improvviso, qualcosa cambiava, e il vecchio riprendeva a parlare, ritrovando il gusto di trasmettere frammenti di vita e di saggezza a quel ragazzo magro come un fuscello. - Langiu comenti unu fustigu. È così che gli diceva. Come se lui, invece, fosse un gigante. Però Quante cose meravigliose conosceva Efisio! Nuraghe, saraceni, il conte Ugolino e i Pisani E le notti della transumanza, quando del bivacco rimanevano soltanto faville rosse nel buio, e ci sarebbe sempre voluta una coperta in più per proteggersi dai morsi del freddo e del vento, arrivavano i racconti cupi sui misteri delle grotte che butteravano colline e monti, dal Marganai a Capo Teulada. Chissà quando, chissà come, chissà dove, Efisio aveva trovato modo di affiancare alle storie ascoltate qua e là nel corso del suo incessante girovagare frammenti di letture tra le più disparate: storia, geografia, scienze naturali, disorganici rudimenti di sapere di cui però mostrava di conservare nitidissimi ricordi. Tore ricordò quel mattino maledetto di fine settembre, quando era stato svegliato dal brontolio del temporale che si avvicinava rapidamente, affacciandosi dal crinale del colle dietro cui era rimasto acquattato per tutta la notte. 7

8 Presto erano cominciate a cadere le prime gocce di pioggia, grosse quanto gli acini d uva delle vigne di Santadi. Mentre raccoglieva in fretta le sue cose, per correre al più presto al riparo del capanno, e chiamava a gran voce Efisio, ancora raggomitolato nel suo giaciglio, Tore aveva realizzato che la luce, che pure filtrava attenuata dalla coltre di nuvole bianche, non era quella giusta. Era l inclinazione dei raggi solari, che non andava. Veniva da sopra, non dall orizzonte. Segno evidente che s era fatto giorno già da un bel pezzo. Efisio non aveva mai dormito così a lungo. C era da dare da mangiare ai cani, da mungere le pecore, e da sbrigare le mille altre faccende per le quali non bastavano mai le ore del giorno. - Scirarì, mandroni! - era la sveglia che era solito dargli il vecchio, sempre desto per primo, e intanto lo tirava su per i capelli, quando andava bene. Oppure, quand era di luna storta, poteva anche succedere che sulla faccia del ragazzo piovesse una gavetta d acqua gelata, o di latte appena munto, denso e caldo. A seconda della stagione. E poi l aveva chiamato già due volte a gran voce, ed Efiso, che aveva il sonno talmente leggero che bastava il cadere in terra di una pigna per svegliarlo, era ancora lì, immobile, addormentato. Addormentato? No. Quando finalmente aveva capito, Tore era caduto in ginocchio vicino a Efisio. Gridandogli nelle orecchie, scuotendolo invano per le spalle, avvertendo sotto la presa forte delle mani lo scricchiolare delle ossa sottili delle braccia del vecchio. Aveva girato verso di sé quel corpo, leggero e inerte, avevaaccostato la guancia alle labbra esangui. - Poita sesi mortu, becciu malarittu? - aveva mugolato, sconvolto. Poi s era alzato, e in preda a incontrollabile furore, aveva preso a girare intorno al cadavere, tirando calci rabbiosi. - Crasi chini m ara a contai is istoriasa? - chiedeva a ogni colpo che menava, e avrebbe continuato chissà per quanto, se non l avesse fermato il crepitio secco di un paio di costole che si spezzavano. E, finalmente, l aria troppo a lungo trattenuta nei polmoni era riuscita a erompere in un sibilo strozzato che, dopo una manciata di secondi, s era trasformato in un grido acuto. Un urlo straziante che, come un enorme mannaia, aveva separato in due tronconi il gregge spaventato. Per sottrarsi a quei pensosi ricordi, Tore afferrò un sasso, e lo serrò nella mano sempre più forte, finché le asperità della pietra non ebbero inciso profondi solchi rossi sul palmo della mano. Finché il dolore fisico non ebbe scacciato l altro dell anima, assai più atroce. 3 anni trascorsi nell'antica città di Iglesias, in Sardegna, e quindici giorni in compagnia di un pastore della zona di Teulada; danno vita a Iscassia e Fogu di Patrizio Pacioni, breve romanzo completo di inserti in campidanese-sulcitano. Dello stesso autore consigliamo Quel ramo del Lago. L Official Web Site. 8

9 Robert Louis Stevenson, 1896 "Il corallo cresce, la palma s'apre, ma gli uomini scompaiono", dice il triste adagio d'haiti. Ma, finché durano, sono tutti e tre affezionati alle spiagge. Dovevamo gettare l'àncora in un anfrattuosità tra le rocce, vicino all'angolo a sud-est della baia. La baia era là, come volevamo; la goletta virò di bordo, l'àncora si tuffò. Il rumore fu poco ma l'avvenimento immenso. La mia anima se ne andò coi suoi legami a profondità di dove nessun verricello poteva risollevarla, nessun palombaro ritirarla. Da quel giorno alcuni di quei compagni ed io dovevamo per sempre restare prigionieri delle isole Viviane. ( ) Miguel Hernández Spagna M'avanza il cuore Oggi sto, non so, non so come, oggi conosco solo la pena, oggi non ho amicizia, oggi ho soltanto voglia di strapparmi il cuore dalla radice e metterlo sotto una scarpa. Oggi rinverdisce quella spina secca, oggi è giorno di pianti nel mio regno, oggi lo scoraggiamento scarica nel mio petto scoraggiato piombo. Non resisto la mia stella. E mi cerco la morte nelle mani guardando con affetto i coltelli, e ricordo quell'ascia compagna, e penso ai più alti campanili per un salto mortale, serenamente. Se non fosse perché... non so perché, il mio cuore scriverebbe un'ultima lettera, una lettera che conservo là dentro, farei del mio cuore un calamaio, una fontana di sillabe, di addii e doni, e al mondo direi "cavoli tuoi". Nacqui sotto una cattiva luna. Porto la pena di una sola pena che vale più di tutta l'allegria. Un amore m'ha lasciato a braccia arrese e non posso più tenderli verso niente. Non vedete la mia bocca com'è delusa, come sono contrariati i miei occhi? Più mi guardo e più mi affliggo: con quali forbici tagliare questo dolore? Ieri, domani, oggi patendo di tutto cuore mio, malinconico acquario, galera di usignoli moribondi. 9

10 M'avanza cuore. Oggi scorarmi, io, il più cuorato degli uomini, e anche il più amaro. Non so perché, non so perché né come mi perdono la vita ogni giorno. José Martí Cuba Guantanamera Io sono un uomo sincero di dove cresce la palma, e voglio, prima di morire, dall'anima far uscire i miei versi. Io vengo da qualsiasi parte, e in qualsiasi parte vado. Arte sono fra le arti, nelle selve, selva sono. Conosco gli strani nomi delle erbe e dei fiori, e di mortali inganni, e di sublimi dolori. Ho visto nella notte oscura piover sopra la mia testa i raggi di luce pura della divina bellezza. Sulle spalle delle donne più belle ho visto spuntare le ali, e dai frantumi del bozzolo volar fuori le farfalle. Ho visto un uomo vivere con un pugnale nel petto, senza mai pronunciare il nome di colei che l'aveva ucciso. Fugace, come un riflesso, l'anima ho visto due volte: quando morì il povero vecchio, e quando lei mi disse addio. Ho tremato una volta, - al cancello che si apre sulla vigna - quando la barbara ape punse in fronte la mia bambina. 10

11 Una volta ho gioito, come non avevo gioito mai: quando la mia condanna a morte lesse il giudice piangendo. Sento un sospiro che viene di là dalle terre e dal mare, e non è un sospiro, è mio figlio che si sta per risvegliare. Se mi dicono: dallo scrigno scegli il gioiello migliore, scelgo un amico sincero e lascio da parte l'amore. Ho visto l'aquila ferita volare nel cielo sereno, e morire nella tana la vipera del suo veleno. So bene che quando il mondo cede, livido, al riposo sopra il silenzio profondo mormora quieto il ruscello. Ho posato la mano intrepida, rigida d'orrore e di gioia, sopra la stella spenta caduta davanti alla mia porta. Nascondo nel petto indomito la pena che lo attanaglia: il figlio di un popolo schiavo vive per esso, tace e muore. Tutto è bello e costante, tutto è musica e ragione, e tutto, come il diamante, prima che luce è carbone. So che lo sciocco si sotterra con grande sfarzo e gran pianto, e che non c'è frutto sulla terra come quello del camposanto. Taccio, e comprendo, e mi tolgo la pompa del rimatore: appendo a una pianta avvizzita il mio tocco da dottore. da "Versos sencillos", estate trad. di Gianni Guadalupi 11

12 George Byron Inghilterra Ondeggia, Oceano nella tua cupa e azzurra immensità A migliaia le navi ti percorrono invano; L'uomo traccia sulla terra i confini, apportatori di sventure, Ma il suo potere ha termine sulle coste, Sulla distesa marina I naufragi sono tutti opera tua, è l'uomo da te vinto, Simile ad una goccia di pioggia, S'inabissa con un gorgoglio lamentoso, Senza tomba, senza bara, senza rintocco funebre, ignoto. Sui tuoi lidi sorsero imperi, contesi da tutti a te solo indifferenti Che cosa resta di Assiria, Grecia, Roma, Cartagine? Bagnavi le loro terre quando erano libere e potenti. Poi vennero parecchi tiranni stranieri, La loro rovina ridusse i regni in deserti; Non così avvenne, per te, immortale e mutevole solo nel gioco selvaggio delle onde; Il tempo non lascia traccia sulla tua fronte azzurra. Come ti ha visto l'alba della Creazione, così continui a essere mosso dal vento. E io ti ho amato, Oceano, e la gioia dei miei svaghi giovanili, era di farmi trasportare dalle onde come la tua schiuma; fin da ragazzo mi sbizzarrivo con i tuoi flutti, una vera delizia per me. E se il mare freddo faceva paura agli altri, a me dava gioia, Perché ero come un figlio suo, E mi fidavo delle sue onde, lontane e vicine, E giuravo sul suo nome, come ora. Premi PREMIO SUD MILANO, POESIE E RACCONTI selezione mensile per la pubblicazione su Sud Milano RACCONTI E POESIE selezione maggio 2005 PROCEDURA: I partecipanti inviano uno o più testi in prosa e poesia purché in lingua italiana a precisando in oggetto: selezione per Sud Milano racconti e poesie. Il testo potrà essere edito o inedito, ma dovrà essere concedibile e di fatto concesso con la spedizione e l'iscrizione il diritto alla pubblicazione non in esclusiva del testo alla Associazione SUD MILANO. Ciascun testo dovrà essere spedito in 1 copia via in formato testo e caratteri Times New 12

13 Roman, completo di riferimenti (indirizzo e telefono dell'autore) all'indirizzo indicando in oggetto "SELEZIONE SUD MILANO". In alternativa può essere spedito su supporto digitale all'indirizzo dell'associazione organizzatrice. Non si accettano manoscritti o testi da ribattere. Dalla data di iscrizione il testo parteciperà a tre successive selezioni per la pubblicazione nelle successive tre uscite del giornale Sud Milano. Sono previste le seguenti sezioni: 1) Testi "brevi" (compresi entro 1000 caratteri di qualunque genere letterario) 2) Testi "medi" (compresi entro 2500 caratteri di qualunque genere letterario) 3) Testi "lunghi" (compresi entro caratteri di qualunque genere letterario) I dati personali dell'autore saranno forniti con il testo partecipante. Il giudizio dei critici e della redazione del giornale è insindacabile e inappellabile. La votazione in internet ha valore indicativo. Informativa ai sensi dell'art.10 della Legge n. 675/1996: i dati personali saranno trattati dagli organizzatori del premio esclusivamente a fini organizzativi. Sono previsti i seguenti premi per i vincitori di ogni sezione : 1 Premio Testi "brevi" : Pubblicazione dell'opera vincitrice e di altri testi scelti dall'autore vincitore in mezza pagina del giornale "Sud Milano Racconti e Poesie" per il valore corrispondente di 250 Euro. 1 Premio Testi "medi" : Pubblicazione dell'opera vi ncitrice e di altri testi scelti dall'autore vincitore in mezza pagina del giornale "Sud Milano Racconti e Poesie" per il valore corrispondente di 250 Euro. 1 Premio "Testi lunghi" Pubblicazione dell'opera vincitrice sul giornale "Sud Milano Racconti e Poesie" per il valore corrispondente di 650 Euro. I critici e la redazione del giornale, possono assegnare ogni mese altri premi speciali fra i partecipanti consistenti nella pubblicazione parziale o totale delle loro opere. Ai vincitori saranno inviate a spese dell'organizzazione 50 copie del giornale Sud Milano Racconti e Poesie in cui è stata pubblicata la loro opera. Tutti potranno leggere il mensile su internet all'indirizzo L'associazione Sud Milano si riserva il diritto, non esclusivo, di diffusione e stampa dei lavori iscritti senza alcun compenso per i diritti d'autore sul portale e sul giornale Sud Milano Racconti e Poesie. Con frequenza periodica in occasione di un incontro letterario promosso dalla Associazione Sud Milano saranno consegnati targhe ricordo e premi di partecipazione a tutti gli iscritti presenti. In occasione di questi incontri gli autori potranno intervenire e promuovere i propri testi. Vari, prossimi incontri letterari sono previsti presso International House di San Donato Milanese. I testi vanno inviati in a con in oggetto selezione per Sud Milano, racconti e poesie. La quota di partecipazione alla selezione dà diritto alla pubblicazione di tutti i testi su ed ad una breve comunicazione sul giornale Sud Milano di titolo, autore, genere letterario e altre informazioni utili che rimandano per la lettura al testo pubblicato in internet. Per ulteriori informazioni rivolgersi alla redazione. Sud Milano è mensile di attualità, arte, cultura e spettacolo. info tel Sito consigliato Fernando Bassoli Italia Bruxismi eccentrici Ora mi dicono tutti Bravo!. (Ma de che?) Bravo Bassoli, bravo! Vai, vai (So diventato un cavallo?) Avevano sempre creduto in me, sostengono. Mi invitano, adesso. Vogliono darmi pure un premio. (quando mai s è visto un premio, a casa mia? al massimo è entrato qualcosa coi punti del detersivo) 13

14 Intanto mi danno pacche sulle spalle. Mi sorridono. Qualcuno vuole offrirmi un caffè. Ma io rifiuto. Sono gli stessi che mi chiedevano dove potevano comprare un mio libro. E poi non andavano nemmeno in libreria. (Che me lo chiedevano a fare?) Mi chiedo dove fossero quando battevo i denti, per non battere sulla strada, dentro una stanza di gelo, zeppa di libri e vuota di pane. Mi domando come facevano a riempire i loro serbatoi, mentre io non avevo i soldi non dico per un automobile, ma nemmeno per rinnovare la patente. Cosa mangiavano, quando io pranzavo con lire? Cosa pensavano, quando mi toccava scegliere tra cinque piadine & un barattolo di marmellata, oppure tra due scatolette di ceci & un dentifricio di serie d? è forse venuto qualcuno a bussare alla mia porta? mi hanno telefonato? mi hanno offerto una cena? Mi chiedo dove fossero, quando addentavo i battenti di porte che stavano chiuse pure quando erano lasciate aperte, nella speranza che qualcuno entrasse. Mi chiedo dove fossero quando martellavo i tasti il giorno di Natale, quando entrare in un Cinema era solo sognare. Forse sono gli stessi che ritenevano che il mio nome fosse troppo di sinistra per vincere un concorso, oppure che il mio aspetto fosse troppo di destra, per camminare al mio fianco. Forse sono gli stessi che oggi mi spediscono i loro manoscritti, affinché dia loro un buon consiglio. O i loro libri, per una misera recensione. (Gli cambierà la vita?) Mica lo sanno, loro, che per leggere un libro che mi piaceva davvero dovevo rubarlo. (Cazzo, m avessero preso mai. Devo avere un gran talento ladresco) E poi parliamoci chiaro, mettiamo il dito nella piaga: erano forse presenti, loro, il giorno in cui la sconfitta del Valence ad Amiens - chi se la può dimenticare? mi ha fatto svanire una vincita di Euro in una giornata in cui avevo beccato perfino la vittoria esterna del Monchengladbach non ricordo dove quotata a 6,00? (Si chiama oblio della memoria) Che culo! avrebbero commentato, da veri ignoranti. Mica lo sapevano, loro, che quell anno il Monchengladbach non aveva mai vinto fuori casa. E che prima o poi gli zeri si cancellano, durante il campionato. Fateci caso. Tra loro, tra questi vigliacchi, si nasconde di certo anche il centravanti dell Amiens. Il signor nessuno che quel giorno segnò tre-reti-tre ad una squadra seconda in classifica. Non ricordo il suo nome. (Si chiama: rimozione) Quello che mi fece stringere i denti fino all ultimo secondo, davanti al monitor, nella speranza che il Valence riuscisse a segnare quattro goal nei minuti di recupero. O che ci fosse un errore. Che il 3 a 0 fosse in realtà uno 0 a 3. Ma invece era proprio un 3 a 0, cazzodibudda! Siccome sono uno che non sa perdere, che non molla mai, io sono rimasto lo stesso davanti al video. Ad oltranza. Per ore, giorni. Settimane. Nella speranza che il risultato cambiasse. Continuando a stringere i denti. E pure il culo. (Si chiama rifiuto della realtà) Poi un giorno la Telecom mi ha staccato il telefono. In effetti la bolletta era scaduta da troppo tempo. Quando il video si è spento, a forza di serrare le mascelle, mi faceva male la bocca. Allora mi sono alzato e sono andato dal mio dentista. Caro Bassòli Bàssoli! tu ciài il bruxismo eccentrico! ha esclamato, con un filo di sarcasmo, dopo aver ficcato il naso dentro la mia boccaccia. In effetti mi sono sempre considerato un eccentrico. Ma un bruxista mai. E che vòr dì? ho chiesto, con gli occhi ancora acquosi e pure un po cecati, data l esposizione al computer per 69 giorni e 69 notti consecutive, nell inutile attesa dei quattro goal del Valence. Vuol dire che ciài 32 denti spaccati. ha diagnosticato. E s è sciolto in una risatona. (Azz!) Di cui uno da devitalizzare. ha subito precisato. (Li morté! Je famo il funerale?) E com è possibile? ho replicato. Semplice, Bassoli: a forza di stringere i denti, te li sei consumati. Pensa che testa d abbacchio sei 14

15 (Ha parlato Einstein) Io non dicevo nulla. E continuavo a pensare: Ma possibile che l Amiens, penultima, abbia battuto il Valence, la seconda in classifica, per giunta per 3 a 0? Come si spiega? Non potevi venì prima? Mo te devo fa un lavoraccio Bassòli Bàssoli! Cazzo Bàssoli, ho detto! Eh, che permaloso! Vabbe, va ti perdono perché oggi è la mia giornata fortunata pensa che ho pure beccato alla Snai. ha sparato. (Li mortacci sua!) Ma mica è finita qui. Ha cacciato la ricevuta. E me l ha messa in mano. Si era giocato un botto di partite. Le ho contate, erano ben nove. Però ci capisce. ho notato. Aveva scommesso una bella sommetta, ma su partite comode, tranquille. Tutte prevedibili nulla da obiettare ho borbottato, quando la pupilla s è incantata sulla nona partita. (Cosa?) Non potevo crederci. (Amiens Valence = 1. Quote del match: 1: 3,50 X: 2,80 2: 1,70. Il Valence era strafavorito: si chiama culo) Scusa, dotto ma questa come la spieghi? ho domandato, con l indice puntato. Ah, l Amiens? quella era l unica sicura sai, ho mio cognato lì (Che cazzo dice?) Tuo cognato dove, ad Amiens? (Starà sicuramente bluffando) Nooo nell Amiens fa il calciatore (Non è possibile: non ci credo. Ora mi dirà che è uno scherzo) è quello che ha segnato tre goal. Ma era tutto preparato non so se mi capisci? sai come va il mondo, vero Bassòli? A tutti perdono e a tutti chiedo perdono. Non fate troppi pettegolezzi. Fernando Bassoli, giornalista e scrittore (Latina, 1969). Laureato in Giurisprudenza e vincitore di vari premi letterari, è presente in numerose antologie; collabora con varie testate. Ha pubblicato: Bordighera: volti & storie, Come cammina un uomo senza gambe?, Il vero volto delle donne. Salvo Zappulla Italia La clessidra Il Grande Vecchio passandomi accanto mi disse: Perché te ne stai sdraiato ad oziare? Non apprezzi dunque il valore della vita che ti ho donato? Pensi che dureranno in eterno i tuoi giorni?. Non risposi e mi girai dall altra parte. Mi lanciò uno sguardo di commiserazione e si allontanò. Mio padre, morendo, mi aveva lasciato una cospicua somma di denaro depositata nelle banche, azioni, beni immobili, eppure tutto ciò non mi interessava. Ero avvolto da irremovibile apatia, niente riusciva a stimolarmi, né la ricchezza, né gli altri piaceri della vita. Non avevo interesse alcuno, trascorrevo le mie giornate in contemplazione, sprofondato dentro l amaca, nella veranda di casa mia. Unica fatica, quando allungavo la mano per 15

16 afferrare la bottiglia di vino posta sul tavolo accanto a me. L indomani il Grande Vecchio passò di nuovo e, trovandomi sempre nello stesso posto, si rabbuiò: Ancora qui? Ancora sdraiato? Non hai desiderio di conoscere? Di scoprire? Guarda lo splendore che ti circonda: il sole, i colori del cielo, la terra ebbra di vita. Non ti pare un miracolo tutto questo?. La vita è una gran noia. Stavolta il Grande Vecchio si arrabbiò di brutto: Sciocco!. Lasciami in pace. Ti darò una lezione. Ecco qua i tuoi giorni, ridotti in polvere dentro la clessidra. Ora potrai vederli mentre si consumano e forse imparerai ad apprezzarli. Ciò detto prese l oggetto e me lo depose davanti al naso, sul tavolo. Mi risollevai di colpo, allarmato. Vedevo la clessidra che implacabilmente riversava la polvere dal vaso superiore a quello inferiore. Fui colto dal panico. Mi aveva giocato proprio un brutto scherzo. Non sapevo cosa fare, capivo che dovevo sbrigarmi, investire nel migliore dei modi il poco tempo che mi rimaneva. Avevo tutti quei soldi da parte, sarebbero rimasti inutilizzati con la mia morte. Un viaggio. Sì, avrei fatto un viaggio. Mi venne il desiderio di conoscere il mondo, prima che fosse troppo tardi. Sarei potuto andare in Africa, o nei Paesi nordici; in America, in Oriente. C erano tanti di quei posti meravigliosi da visitare, culture diverse, usanze, costumi, tradizioni, etnie. Rimaneva solo l imbarazzo della scelta. Mi precipitai all aeroporto, ma qui fui preso dall ansia. E se nel frattempo la polvere si fosse consumata? Non potevo rischiare di morire in una terra straniera. Preferii tornare indietro. Arrivai a casa con il cuore che mi batteva all impazzata. La clessidra era sempre lì, sul tavolo. La polvere era scesa quasi tutta. Così poco mi rimaneva? Non ragionavo più, la paura prevaleva, l apatia di prima si era trasformata in una frenetica e spasmodica rincorsa alla vita. E sempre così, quando ci si accorge di perdere qualcosa, se ne apprezza il valore. Pazzo che ero stato! Avevo dissipato i miei giorni, senza aver costruito nulla, senza aver realizzato niente di importante. Dovevo rimediare, dare un senso alla mia esistenza. Mi guardai intorno, il Grande Vecchio si era allontanato. In un lampo afferrai la clessidra e la capovolsi. Tirai un grosso sospiro di sollievo. Appena in tempo! Potrei donare tutti i miei averi alla gente povera, pensai; fondare un centro di accoglienza per bambini e vecchi abbandonati. Oppure potrei destinare le mie ricchezze a un associazione umanitaria, alla lotta contro le malattie del secolo. Mi avrebbero ricordato come benefattore. Decisi di recarmi dal notaio per registrare le mie volontà. Feci per allontanarmi ma, dando un occhiata alla clessidra, mi resi conto che la polvere scendeva molto più in fretta di prima. Com era possibile! Il Grande Vecchio era stato scorretto, aveva allargato la strozzatura. Beh, ma anch io a capovolgerla non ero stato molto leale. Che gran confusione nella testa! Fui tentato di prendere la maledetta clessidra e scaraventarla contro il muro, ma in tal modo i miei giorni sarebbero andati dispersi. Mi barricai in casa, sprangai porte e finestre e mi sedetti dinanzi al tavolo. Non appena la polvere nel vaso superiore stava per esaurirsi, capovolgevo la clessidra. Ogni volta essa ricominciava a scendere sempre più velocemente. Era diventata una sfida continua tra me e l infernale attrezzo. Quanto tempo rimasi in quello stato, con la barba lunga e lo sguardo allucinato? E quanto tempo resistevo senza mangiare, né bere? Mentre mi apprestavo a rigirare per l ennesima volta la clessidra, sentii una mano posarsi sopra la mia, bloccandola. Il Grande Vecchio era tornato. Stolto mi disse, pensavi di poterti prendere gioco di me. Pensavi di prolungare i tuoi giorni all infinito e non ti accorgi che sei già morto da tempo. L imprenditore Sono un imprenditore, io. Un imprenditore!. L impresario delle pompe funebri viene a sedermi accanto, ed io mi appresto rassegnato a sorbirmi l ennesimo suo sfogo. Non che mi dia fastidio, per carità. E un onesto lavoratore, uno che dalla morte ha tratto la ragione della sua vita ( però quella degli altri, ci tiene a sottolineare ). Bravissimo ragazzo, sveglio e dotato di un grandissimo fiuto per gli affari. Magari grezzo nei comportamenti e sprovvisto di tatto e della delicatezza necessaria per chi deve svolgere un lavoro di questo genere. Ha preso l abitudine di venire a confidarsi con me. Non so per quale motivo veda nella mia persona una sorta di padre spirituale. Forse perché sto ad ascoltarlo con infinita pazienza o forse perché non trova di meglio. In effetti, sarà per via del suo mestiere, sarà per il carattere impulsivo, ma non è che goda di molta simpatia nel 16

17 paese. Seduto al mio fianco, mi confida il suo malumore: Ce l hanno tutti con me! Mi detestano dottò, mi scansano come la peste!. Cerco di confortarlo: Su, non esageri, vedrà che tutto si sistemerà per il meglio. Ma lei davvero non potrebbe evitare, la mattina, di fare il giro dei circoli degli anziani per chiamare l appello?. Allora ragazzi, ci siamo tutti?. Tutti corrono a toccare ferro, qualcuno si tocca i genitali, ma visto che sono quasi tutti avanti con gli anni e quindi non si fidano dei propri, toccano quelli del ragazzo addetto alle pulizie, e questo crea non poco imbarazzo. Ormai quando lo sventurato passa per le vie, tutti a toccarsi. E diventata una vergogna. Tanto che la Giunta municipale, sindaco in testa, con delibera urgente ha deciso di installare nel paese delle aste metalliche dove i cittadini possono afferrarsi a tutela delle loro superstizioni. Ma il ragazzo, imperterrito, continua a tirare avanti per la sua strada. In questo paese mi vedono come il fumo negli occhi! insiste. Io sono diventato il suo unico punto di riferimento, anche perché stenta in maniera incredibile a socializzare con il resto della comunità. Non mi possono vedere, li ho tutti contro, dottò!. Non sono dottore, e non è affatto vero che ce l abbiano con lei; fanno semplicemente il loro interesse, che è quello di campare il più a lungo possibile, il quale chiaramente non coincide con il suo. Ce l hanno con me, ce l hanno con me. Vogliono vedermi rovinato. Ha notato come da qualche tempo siano diminuiti i decessi? Proprio ora che avevo affrontato delle spese. Ne sono certo, vogliono rovinarmi. Ma hanno voglia di crepare d invidia, tra non molto apro la più bella azienda di pompe funebri di tutta la provincia. Ho lavorato sodo io, mica come loro che passano le giornate a grattarsi le palle. L unico amico vero è Lei dottore. Ci terrei che fosse Lei a fare l inaugurazione della nuova azienda. Sono commosso ma nello stesso tempo preoccupato. Inaugurazione in che senso, scusi?. La domanda non riceve risposta. Forse non ha compreso il significato, visto che è in buona fede. Sicuramente non in quel senso che penso io, poiché continua a tributarmi segnali di affetto. Le assicuro che se dovesse capitare di sdebitarmi se dovesse se per disgrazia dovesse succedere la tratterei con riguardo, come si conviene a una persona distinta come Lei. Le farei un ottimo prezzo!. A questo punto devo confessare che anch io, immediatamente, con un gesto istintivo, porto la mano giù in cerca di protezione. Io che pensavo di essere superiore a queste sciocche superstizioni. Evidentemente siamo tutti meno eroi di quanto crediamo. Venga, le offro una birra dico per tenermelo buono. Appoggiati al bancone del bar, lo invito a rilassarsi e a brindare alla salute. Alla salute?. Beh, cosa c è di strano?. Non ho mai brindato alla salute di nessuno. E una questione di principio, cerchi di capire; sarebbe di cattivo auspicio per il mio lavoro. Santo cielo! Non vorrei che portasse jella davvero. Sarà la tensione, sarà la foga, fatto sta che la birra mi và di traverso. Ouff! ouff!. Rischio di soffocare. Si sente male?. Ouff! Mi sto riprendendo. Ouff!. Sa che ha proprio una brutta cera? Ha una faccia che sembra un cadavere. Io!?. Soffre d ulcera?. No. Mal di fegato?. Nemmeno. Emicranie? Dolori reumatici? Capogiri?. Neanche per sogno. Oh bé, allora potrebbero essere i primi sintomi di una broncopolmonite fulminante. Mi è solo andata la birra di traverso. Prova a battermi una mano sulle spalle. Non mi tocchi! Non mi tocchi!. 17

18 Da allora, quando lo incontro, anch io, come tutti, cerco una barra metallica a cui afferrarmi. Però s è messo su bene il ragazzo. L altro giorno mi ha confidato che sta ultimando la villetta in campagna. Mi mancano gli ultimi quaranta clienti e poi è bella e completa. Gli raccomando di essere più diplomatico e soprattutto di evitare gli eccessi. Ragazzo mio, va bene gli affari, va bene l attaccamento al lavoro ma eviti di fare affiggere quegli orribili manifesti sui muri. Una mattina mi era capitato di leggere: La ditta di pompe funebri di Caronte Vincenzo è felice di annunciare alla propria clientela che nel periodo pasquale sarà applicato lo sconto del trenta per cento su tutti i funerali di prima e seconda classe. Approfittatene! Inoltre saranno offerte tariffe particolarmente vantaggiose per decessi di gruppo, in caso di stragi o cataclismi naturali. Caronte sia più moderato lo redarguisco. Dice, dottò? Forse ha ragione, ma devo completare la villetta. Benedetto ragazzo, è irriducibile. Antonio Machado Spagna Il mare Lo scafo consunto e verdiccio della vecchia feluca riposa sul lido... sembra la vela mozzata che sogni ancora nel sole e nel mare. Il mare ribolle e canta... Il mare è un sogno sonoro sotto il sole d'aprile. Il mare ribolle e ride con le onde turchine e spume di latte e argento, il mare ribolle e ride sotto il cielo turchino. Il mare lattescente, il mare rutilante, che risa azzurre ride sulle sue cetre d'argento... Ribolle e ride il mare!... L'aria pare che dorma incantata nella fulgida nebbia del sole bianchiccio. Palpita il gabbiano nell'aria assopita, e al tardo sonnolento volare, si spicca e si perde nella foschia del sole. El Taller Del Poeta Visita l Official Web Site. Alala Gabriel Impaglione 18

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca)

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca) Il sacrificio al Sole è un vero e proprio rito di iniziazione, anche questo presente presso tutte le civiltà del passato e ancora presente tra noi in forme prevalentemente simboliche. Nel film si assiste

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA VINCITORI SEZIONE LETTERARIA GIROTONDO DEI DIRITTI Questo è il girotondo dei diritti dei bambini per far conoscere a grandi e piccini che i bimbi, tutti quanti, hanno diritti come i grandi. Hanno diritto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli