at dapibus. Pellentesque. Donec a luctus nibh.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10.12. at dapibus. Pellentesque. Donec a luctus nibh."

Transcript

1 10.12 dui id Donec a luctus nibh. orci mi. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nunc eu lacus lacus. Nunc ultricies diam vitae risus vulputate congue. Vestibulum rutrum, eros id hendrerit scelerisque, est ipsum sodales est, eget hendrerit lorem sem non lectus. Suspendisse potenti. Cras elementum interdum velit sit amet tempor. Donec eu mauris a lorem imperdiet condimentum. Sed facilisis lorem sit amet tellus pretium in mollis tellus vulputate. Vivamus nulla urna, sagittis at vehicula vel, vestibulum et erat. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Curabitur at rhoncus augue. Sed a nisi sed ligula convallis consequat. Aenean nibh ipsum, congue vitae pharetra eget, placerat eget nulla. Phasellus accumsan ligula sed magna rutrum quis tempus libero varius. Sed tincidunt purus sed neque sollicitudin sodales. In hac habitasse platea dictumst. Phasellus accumsan ligula sed magna rutrum quis tempus libero varius. Proin nec lectus tortor. Cras vel nisi a est malesuada laoreet ac et purus. Cras vel urna felis. Mauris luctus pellentesque viverra. Fusce gravida, turpis eget volutpat accumsan, lectus massa imperdiet lectus, at dapibus Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Curabitur at rhoncus augue.

2

3 XOMEGAP E-BOOK 1ª EDIZIONE OTTOBRE 2012 IMPAGINAZIONE E GRAFICA ELENA BERTACCHINI MULTIPSICO studio

4 10.12 INDICE La Cassetta degli Attrezzi RACCONTI Romagnoli Raffaella Dire Fare Baciare Lettera Testamento Sacchi Francesca Sole e Luna Sernesi Enrico In Missione Bonacini Angela - Olimpo De Marino Imma - Il Babbo mio Simonini Silvia - La Vittoria... per voi

5 LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI La creatività e il bisogno di comunicare le proprie idee sono il primo impulso della scrittura. Per questo bastano un semplice pezzo di carta e una penna. Non è sufficiente se invece vogliamo spingerci oltre e abbracciare l infausta idea di fare gli scrittori. Servono tecnica e trucchi per rendere i nostri testi estremamente buoni. Ogni autore valuta i propri testi già ottimi e questo accade per due motivi. Il primo, come dice il buon Max, è che ogni aspirante scrittore ha fatalmente un basso potere di autocritica il secondo è una scarsa conoscenza dei meccanismi e delle regole che guidano la scrittura. Nonostante ciò che molti pensano, la scrittura creativa ha canoni abbastanza precisi. Queste regole possono essere infrante e manipolate, ma solo se si conoscono. Le regole ci permettono di avere il controllo sul nostro testo quando esso, nella nostra foga creativa, si anima ribellandosi alla nostra stessa volontà. Un corso di scrittura ha proprio questo scopo. Deve fornire ai partecipanti una cassetta degli attrezzi che permetta di lavorare in modo oggettivo su un testo. A questo va aggiunto un lavoro di confronto fatto sullo scritto, passaggio fondamentale per il miglioramento dell autocritica. Un lavoro che faccia capire allo scrittore dove si nascondono le debolezze dei suoi scritti in modo che possa lavorare al loro miglioramento. Questa l idea su cui si è basato il primo corso di scrittura di Xomegap. Un corso che ha prodotto i racconti raccolti in questo ebook. Non pensiate che i racconti che leggerete siano stati banalmente pensati e scritti. Dietro a ognuno di essi c è stato un grande lavoro di ideazione e riscrittura. Nello scrivere gli autori hanno applicato alcuni degli strumenti appresi nel corso cercando di comprendere quali fossero maggiormente efficaci e adatti al tipo di racconto che avevano intenzione di scrivere. Vedere i testi evolvere e mutare è stato molto emozionante. Leggerli adesso rispetto alla loro fase embrionale ci rende soddisfatti del lavoro svolto. Lasciamo quindi la parola ai racconti, ringraziando tutti per il lavoro svolto e per la passione e l impegno messi in questo laboratorio di scrittura.

6 RACCONTI

7 DIRE FARE BACIARE LETTERA TESTAMENTO Cielo terso, aria gelida. Non so per quale motivo ho la strana convinzione che ai funerali debba piovere. Forse l idea generalizzata che la pioggia e il tempo grigio ben si addicono alla tristezza. Invece la luce del sole, soprattutto quella di un pomeriggio di dicembre inoltrato, evidenzia con maggiore intensità le espressioni dei volti e rende la situazione che si sta svolgendo come la scena di un film. La gente del paese è tutta presente. E un tacito dovere partecipare all ultimo saluto di un compaesano. Sono tutti sparsi lungo il percorso che porta alla chiesa, come se ciascuno sapesse esattamente dove stare, in ordine. Ci sono persone che non vedo da anni, sono quelle che incontri solo in determinate occasioni come matrimoni, battesimi e appunto funerali. Alcune le riconosco subito, per altre devo fare uno sforzo di memoria tanto i segni del tempo le hanno cambiate. Non riesco a stare concentrata sul defunto. L obiettivo non dovrebbe essere questo? Pensare intensamente al compianto? Un meccanismo di autodifesa emozionale scatta in me tutte le volte che partecipo a una situazione tragica. Inizio a osservare le persone e le cose che mi circondano e cerco particolari, dettagli, elementi che stonano nel quadro generale. E il senso del dovere che mi ha spinta a essere presente? Volevo bene a Maria, ma non la vedevo da un paio d anni; l ultima volta aveva faticato a riconoscermi. Mi dava del lei come se fossi stata un estranea e continuava a ripetere le stesse frasi, una litania senza fine, sussurrate e poi urlate e poi di nuovo sussurrate. Il deperimento della sua mente mal si sposava con il suo corpo ancora vivo e forte. Era in qualche modo morta allora. Una parte dell elaborazione del lutto l avevo già affrontata. La percezione di oggi è quella di espletare delle formalità. L atto finale. Ma forse anche questa considerazione è legata all astrazione dalla situazione reale che sto cercando. Partecipo fisicamente eppure voglio assistere dall esterno, come se stessi osservando la scena da lontano. Quando entro nella piccola chiesa del paese mi accorgo di quanto sia stata trascurata. Le pareti sono in più punti rovinate dall umidità, il resto presenta un colore sbiadito. La luce delle candele elettriche ha sostituito quella delle candele di cera e crea una macabra atmosfera. Fa freddo. Il silenzio dovrebbe essere parte del rito, invece tutti vociferano, chiacchierano, si salutano in una profusione di baci e abbracci. Quelli che dovrebbero essere mesti sorrisi di condoglianze mi appaiono sguaiati scambi di convenevoli, inappropriati. Mi siedo su una delle panche, verso il fondo, una reminiscenza di rispetto religioso mi impone di restare in disparte, non posso essere considerata un assidua frequentatrice di messe e non mi sentirei a mio agio in prima fila. I posti migliori sono per i parenti stretti. La figlia e i nipoti, in questo caso. Vedo Matilde, saranno passati sei o sette anni dall ultima volta in cui ci siamo incontrate. Noto una marcata somiglianza con Maria. Invecchiando sembra assumere la sua stessa espressione, in particolare l angolo degli occhi rivolto verso il basso, la bocca imbronciata mentre è assorta. Mi chiedo per quale motivo abbia deciso di scrivermi per comunicarmi il decesso, soprattutto in considerazione del fatto che i miei vivono nello stesso borgo di Maria e mi hanno avvisata immediatamente. Forse, visto il momento di dolore, ha riesumato il ricordo di quando da piccole giocavamo assieme nel giardino di sua nonna. Allora eravamo amiche. Una delle tante amicizie di infanzia che si è persa nel tempo e nei meandri delle scelte di vita, così, senza una ragione. Una mail. 1

8 Volendo essere pignola, visto il contesto, avrebbe dovuto spedirmi una lettera scritta a mano in bella calligrafia. Anche se probabilmente mi sarebbe arrivata dopo la celebrazione. Di sicuro non si è persa in convenevoli: La nonna è morta, il funerale è domani alle due e mezza, ci sarai? Rispondo: Ho saputo, mi dispiace davvero tanto, ti abbraccio forte. Ci vediamo domani. Forse nemmeno io sono stata troppo premurosa, ma cosa avrei dovuto rispondere? Dovrebbero essere sentite e lo sono, ma appaiono sempre come frasi di circostanza; mi ricordano i moduli prestampati. Al momento delle condoglianze proverò a essere più generosa di parole. Devo pensare bene a cosa dire per non apparire troppo scontata. Sono presenti anche tutti i parenti di Ernesto, sono solo tre anni che è stato seppellito pure lui e tra poco sarà di nuovo con sua moglie. A pensarci bene sono stati separati solo due volte nella loro vita: durante la guerra e in questo triennio. Ha un nonsoché di romantico. La storia d amore più lunga che io conosca. Per qualche tempo, negli anni cinquanta, si erano trasferiti nel Regno Unito dove Maria aveva una zia che aveva sposato un soldato inglese, uno che contava diceva lei. Se da quell esperienza non avevano imparato quasi nulla della lingua, avevano però arricchito la loro personalità e vissuto esperienze che, tradotte in minuziosi racconti di quella terra piovosa, piena di farfalle e fiori, avevano riempito i miei pomeriggi di infanzia. Maria mi raccontava spesso storie di Mago Merlino e di Re Artù, diceva che del castello in cui era nato non rimanevano che pochi ruderi e che, se non stavi attento, passeggiando sulla scogliera potevi scivolare dritto, dritto in quel mare così blu là in fondo. La messa è un susseguirsi di situazioni tra l ironico e il patetico. Il prete senegalese che ora gestisce la parrocchia non sa parlare l italiano! Al momento della predica riesce a bofonchiare qualche sentenza sulla vita e sulla morte. Poveretto, strabuzza gli occhi ogni volta che deve pronunciare una parola composta. Le orbite oculari sparate all indietro sono talmente bianche, in confronto alla pelle scura, che fanno pensare a una sorta di esorcismo. Pochissimi tra i presenti rispondono alle invocazioni. Una suora anziana intona i canti del rito e viene seguita da pochi stonati fedeli. L accompagnamento musicale di un giovane aspirante chitarrista non riesce a mascherare il fastidioso miscuglio di voci. Il risultato è un ulteriore contributo grottesco. Mi chiedo se Maria, e in generale il defunto che si trova al cospetto dell altare, percepisca in qualche modo quello che accade intorno oppure se sia tutto finito, punto e basta e quindi anche il funerale e l estremo saluto siano solo un teatro per i sopravvissuti, un intento religioso in buona fede, ma pur sempre una messinscena. Quanti dei presenti le hanno davvero voluto bene, dall inizio alla fine, in modo disinteressato e genuino? Non riesco a vedere un coinvolgimento reale da parte di nessuno, nemmeno della figlia. L uscita dalla chiesta segue gli schemi prestabiliti, prima la famiglia, quindi gli uomini e in coda le donne. Non riesco ad affiancare Matilde, in compenso vengo bloccata dai parenti di Ernesto, i cinque nipoti figli del fratello: mi baciano e mi abbracciano, inondandomi con una serie di domande sulla mia vita. Cerco di essere cortese, ma mi sembrano esagerati. Non ho mai avuto un gran rapporto con loro, si potrebbe dire che non li conosco e non riesco a capire per quale motivo siano così interessati e spudoratamente cordiali. Il corteo verso il cimitero è scomposto e rumoroso. 2

9 Sono infastidita. Vedo la figlia di Maria che si gira a guardare la colonna di persone e il nostro sguardo si incrocia. Cerco di rimanere impassibile. La corazza di protezione che mi costruisco in queste circostanze vuole tenere lontane le emozioni altrui, eppure rimango perplessa dall occhiataccia che ricevo. Sono lì per essere vicina al loro dolore, ma è come se la mia presenza la disturbasse. Anche Matilde si gira nella mia direzione, in risposta le faccio un cenno con il capo e abbozzo un sorriso. Nulla. Lo sguardo è serio, quasi accusatorio. Che cavolo sta succedendo? Vengo superata dalle due pettegole del paese, la signora Ortensia e la fidata amica Agata: non hanno smesso un attimo di chiacchierare e ora alzano la voce quel tanto che basta per far sì che io le possa sentire. Pare che ieri sera, terminato il rosario, il prete abbia dovuto far da pacere, con non poche difficoltà, tra la Rosetta e il sig. Guardinbene dice la prima. Ah, la figlia della povera signora Maria ha sempre avuto un caratteraccio! Chissà perché se la sarà presa stavolta, con quel buon uomo dell avvocato, poi? aggiunge subito la seconda. Lo sguardo furtivo che mi indirizza ha lo scopo di verificare che il discorso sia stato ben afferrato: è in attesa di una mia reazione che però non arriva. Così si avvicina: Buongiorno Silvia, come sta? quanto tempo! erano anni che non la si vedeva da queste parti! Accenno un sorriso. Non voglio essere intrappolata nella loro alquanto inappropriata conversazione, ma nemmeno posso essere scortese. Agata non molla: So che era così attaccata alla Maria quando era piccolina, e la Maria l adorava, parlava sempre di lei, poveretta! Però poteva venire a trovarla più spesso, eh? Se l Ortensia non mi avesse detto chi era, quasi non l avrei riconosciuta. Potrei replicare che sono sempre stata in contatto con Maria, anche quando ero all estero per lavoro, ma rispondere significherebbe partecipare al loro gioco. E poi a loro che importa? Comincio ad avere la sensazione che stiano indagando. Vogliono scoprire se sono a conoscenza di qualche nuova informazione sull ultima vicenda della comunità: la lite tra gli eredi e il noto, nonché unico, avvocato del paese. In tutti questi anni di esilio volontario, l unica cosa che non mi è mai mancata è la costante sensazione di non poter fare nulla senza che tutti ne venissero a conoscenza in tempi record e il ruolo di gazzetta informativa le due comari l avevano sempre ricoperto a dovere. Di nuovo sorrido e cerco di cavarmela rispondendole in tono fermo: E molto doloroso per me parlarne. Le ero molto affezionata. Spero che la risposta telegrafica riesca a trasferire il messaggio che non ho intenzione di aggiungere altro alla conversazione. Essendo il corteo prossimo all entrata del cimitero confido nel fatto di potermela svignare tra la folla. L Ortensia, però, sbuca sulla destra in uno slancio sportivo che proprio non le si addice, e mi prende sotto braccio. Cara Silvia, mi racconti, si sfoghi con me, come l ha presa? con fare da psicologa televisiva più che da bottegaia. Corrugare la fronte e alzare le sopracciglia con aria interrogativa non la frena dal proseguire. Avete già parlato? 3

10 Comincio seriamente a spazientirmi. Appoggio la mano sinistra sulle sue che mi stringono il braccio, voglio aumentare la sensazione di confidenza e contrariamente a quando si sarebbe aspettata di udire le dico: Ortensia! Ma con chi caspita avrei dovuto parlare? Avrei potuto esordire con un mi fa veramente piacere vederla e posso davvero dire che la trovo in splendida forma ma mi sarei persa lo sbigottimento sul suo volto e il repentino abbandono della presa. Proseguo libera lasciandomi alle spalle il cicaleccio delle due in evidente confusione. Possibile che nessuno, me compresa, riesca a vivere lo spirito della cerimonia? Il prete sta benedicendo la bara ricoperta di calle bianche. Erano i fiori che Maria preferiva. Fiori da sposa per un funerale. Una contraddizione che, essendo riferita a lei, non stona. La sua eccentricità mi aveva sempre affascinata. Determinata e cocciuta governava lei la casa. Il marito obbediva in modo amorevole. Non mi stupirei se avesse lasciato detto che la figliol prodiga non avrebbe visto il becco di un quattrino se la tomba non fosse stata piena di calle bianche. E la Rosetta, che frequentava la madre solo quando le risorse finanziarie iniziavano a scarseggiare, non avrebbe esitato a eseguire alla lettera le disposizioni pur di mettere le mani sull eredità. Gran parte della mia infanzia e della mia adolescenza l avevo passata in loro compagnia, quella silenziosa di Ernesto e quella invadente, spumeggiante, chiassosa di Maria. La curiosità. Credo fosse questo l aspetto del mio carattere che aveva creato il legame tra noi. E vero quello che ha detto l Agata. Maria mi adorava. Per riprendere il controllo della situazione e non cedere ai ricordi mi accodo alle altre persone per pronunciare le sentite condoglianze. Rosetta mi stringe la mano per convenienza e non risponde alla mia frase di cordoglio. Di nuovo percepisco una forte ostilità nei miei confronti che, per quanto ne so, non ha motivo di esistere. Avvicino Matilde: il suo sguardo è palesemente adirato. Faccio per abbracciarla quando sento che tra le labbra sibila: Come hai potuto?. Quindi accenna un sorriso di circostanza e mi allontana. Sollevo gli occhiali scuri e la fisso dritto negli occhi. Ho sempre creduto che uno sguardo diretto non menta e voglio che capisca che non ho la più pallida idea di cosa stia succedendo. Sono più che spazientita, sono irritata. Altri vogliono salutare e ne approfitto per allontanarmi, perplessa più che mai. Al cancello d ingresso del cimitero intravedo Guardinbene. Devo raggiungerlo. A questo punto anche io voglio le informazioni sul pettegolezzo del paese. Mi affretto, ma potrei fare con calma: mi sta aspettando. Mi saluta cordialmente come usuale per un avvocato e senza troppi preamboli mi dà appuntamento per l indomani presso il suo ufficio: I parenti sono già al corrente di tutto, temo abbiano trovato una bozza scritta a mano, ma occorre aspettare l ufficialità della lettura. Fa per allontanarsi ed ecco che si volta porgendomi una busta di carta finissima Di questa non sanno nulla. Solleva il cappello in gesto di saluto e se ne va. 4

11 Cara Silvia, negli ultimi anni ti ho vista poco, ma per fortuna siamo riuscite a rimanere in contatto. Le tue cartoline hanno quasi completamente oscurato lo specchio del comò e non ti nascondo che mi fanno anche un favore così non sono costretta a vedere le rughe sul mio volto. Le tue lettere, poi, rimangono la mia lettura preferita, la sera prima di addormentarmi. Parlando con tua madre mi sono tenuta costantemente informata. Non potevo non farlo. Viaggiavi, studiavi, amavi con passione e frenesia. Eri la mia telenovela preferita. Hai potuto farlo perché sei riuscita a praticare il distacco nei confronti di tutto quello che ti legava a questo vecchio bigotto paese e in questo sono fiera di aver dato il mio contributo spronandoti a scoprire il mondo. Sono soprattutto fiera di te! Negli ultimi tempi la salute fa i capricci. Alzaimer dicono e non so nemmeno come si scriva. Presto mi rimbambiranno di così tante medicine che non sarò più in grado di capire. Voglio essere breve, sai che non sono le parole che contano, ma i fatti. Sono andata da un notaio. E tutto scritto, per quando non ci sarò più. Questa lettera ti verrà consegnata allora e tu dovrai presentarti all apertura del testamento. Ho deciso di lasciarti qualcosa che solo tu potresti apprezzare. Stai tranquilla e accetta quanto ti viene donato. Ho fatto in modo che anche quegli ingrati dei miei eredi legittimi ricevano quanto devono avere per legge. Non potranno impugnare le mie decisioni. Sii felice. Con affetto Maria Percorrendo la strada in direzione di Tintagel continuo a meravigliarmi del verde di questa terra. Sono in Cornovaglia da due giorni e nemmeno una goccia di pioggia, e io che mi aspettavo il tipico tempo uggioso britannico. Ho in programma di visitare il castello dove si dice sia nato Re Artù e, se la marea lo consente, di entrare nella grotta di Mago Merlino. A quanto pare ve ne sono molte altre sparse per tutto il Regno Unito, il che fa nascere in me qualche sospetto. Avrei potuto guidare senza soste e arrivare direttamente a Port Isac, ma voglio arricchire questo viaggio il più possibile. Sul sedile sinistro, di fianco alla borsa, c è un mazzo di chiavi; continuo a guardarle con trepidante attesa. Quando il notaio ha letto il testamento sono rimasta sbalordita, senza parole. Mi sarei aspettata un gioiello, di certo non il cottage sul mare in Cornovaglia. E stato subito chiaro il motivo del malumore dei parenti, così come ho compreso la frase della lettera di Maria in cui diceva che solo io avrei potuto apprezzarlo. Gli ingrati lo avrebbero venduto e si sarebbero spartiti il ricavato, con ogni probabilità senza nemmeno andare a vederlo. Maria nutriva un amore profondo per la Cornovaglia, forse per il ricordo di un periodo felice della sua vita. In un certo senso ha voluto far sì che potessi condividere con lei parte delle emozioni che aveva vissuto. Guidando per le strette strade riconosco sempre più dettagli dei racconti ascoltati da bambina. *** 5

12 Ho visitato questi luoghi mille volte con la fantasia e ora si materializzano davanti ai miei occhi. Una volta varcata la soglia del piccolo portone blu sarà impossibile non restare. 6

13 SOLE E LUNA Ho male alla caviglia. Non so dove sono. Deve essere quasi l alba, vista la luce fioca che mi fa intravedere solo qualche bagliore sulle onde. Mi sono svegliata da qualche momento e non so per quanto ho dormito. Mi guardo le gambe scoperte e infreddolite: non posso credere che la mia gonna fosse così corta ieri sera. Non so cosa pensavo di dimostrarti: volevo essere bella, di una bellezza inconsueta. Volevo che capissi che non sono solo un insignificante impiegata nascosta dietro a occhialini da professoressa. Volevo che ti ricordassi di me, colpirti. Chissà se ce l ho fatta. Ma soprattutto chissà cos ho fatto per trovarmi qui da sola, all alba, su una spiaggia fredda gelata. E tu dove sarai? E le altre? Dove sono finite? Perché non mi sono venute a cercare? Poi realizzo che non ho più nulla. La mia borsa è scomparsa, devono avermi rubato tutto, cellulare, portafoglio, chiavi e quel poco che avevo. Sono tutta insabbiata. Mi sento appiccicosa, un misto tra salsedine e sabbia umidiccia. Che schifo. Come cavolo farò a tornare a casa? Con un grande sforzo mi alzo: la caviglia è gonfissima. A qualche fila di ombrelloni di distanza sento dei bonghi suonare e intravedo un gruppo di persone. Potrei andare a chiedere loro dove sono, ma probabilmente sti qua sono così fuori di melone che sarebbe già un successo se non mi vomitassero addosso. Inizio a pensare alla notte e intanto cammino dalla parte opposta rispetto alle percussioni. Mi ricordo che sei arrivato tardi. Per la prima volta ti ho visto senza uno dei tuoi completi eleganti che usi in ufficio, e i tuoi occhi liberi dalla cornice seriosa degli occhiali me li vedo ancora davanti. Ricordo che io e la Dani avevamo già bevuto un po quando sei arrivato. Mi hai salutato dicendo che il tuo amico ti era passato a prendere in ritardo. La Dani l ha subito voluto conoscere: di lui, Mirco o Marco, non ricordo molto. Ero troppo attratta da te. La Dani ha iniziato a parlare con lui. Io e te siamo andati a cercare l Elisa e la Patti. Dopo non so. Quella mongola dell Elisa deve avermi fatto bere di tutto. Ho alcuni ricordi vaghi, imprecisi. Ridevo come una svitata, non ricordo il perché. E poi cos è successo? Perché sono scappata? Sto camminando già da un po e la luce che si diffonde sulla spiaggia mi dà fastidio, la testa batte fortissimo. Raggiungo il lungomare e cerco di capire da che parte è il campeggio. Non so neanche dove dormi: vorrei poter sapere che mi sei venuto a cercare, che eri preoccupato per me. Invece so che non è così. Starai dormendo, forse con una che hai conosciuto ieri sera. Ma d altronde cosa te ne può fregare di me? Sono solo una collega, una tra le tante. Tu non sai nemmeno quanto mi piaci, non sai nulla. Arrivo sulla strada. Sono al bagno 42, devo arrivare al 66. Mi sento male! Sarà almeno un chilometro a piedi e la caviglia non vuol smettere di farmi incazzare. C è un silenzio surreale per essere Marina. Solo ogni tanto sento qualche risata lontana, forse dalla spiaggia. Continuo a camminare, ho le braccia e le gambe congelate. Senza parlare del mal di testa sovrumano. 7

14 Mi chiedo se anche questa volta, come le altre, la sbronza che ho preso mi servirà per chiudere il capitolo Andrea. Chiuderlo senza averlo mai iniziato. La mia vita è fatta di innamoramenti appesi a un filo e intoccabili. Con te ci sono dentro fino al collo già da tre mesi. Nessuno lo sa. Neanche Maurizio sospetta nulla. Speravo che bevendo sarei riuscita a dirti qualcosa, in un momento di inconsapevole coraggio. Ora in realtà non mi ricordo cos è successo dopo che quella babista dell Elisa mi ha fatto bere. Mentre cammino arriva una macchina. Accosta e ci sono due tipi che mi guardano e ridono. Ciao stellina, vuoi un passaggio? No, grazie, vado a piedi. Ma dove vuoi andare, sei messa peggio di mio nonno! Io sicura contrattacco: Ma no, tranquilli, ormai sono arrivata. Ci manca solo di salire in macchina con due a caso senza documenti! Per fortuna il tipo taglia corto: Oh, va bè, musino. Fai a modo, eh? La macchina sfreccia via. Probabilmente non ha per niente sfrecciato, ma rispetto alla mia andatura da tartaruga è partita velocissima. Sono al numero 58. La luce aumenta un ancora. Nelle macchine parcheggiate ai lati della strada qualcuno dorme in posizioni assurde. Da una macchina spuntano due piedi. Pensare che credevo di essere messa male io! Il volto di Mauri mi si affaccia alla mente. Di sicuro ieri sera mi avrà chiamato. Chissà se avevo ancora il cellulare con me quando ha telefonato. Chissà se ho risposto e soprattutto cosa gli ho detto Lui mi vuole bene davvero e anch io gliene voglio. Forse lui è la persona con cui voglio stare. Con lui non ho bisogno di bere, di mettermi gonne corte, di apparire diversa. Ma oltre a lui ora voglio anche te. Voglio sentire il tuo corpo addosso al mio. Tra le tante ore che passo con Mauri vorrei passare qualche ora con te. Io lo tradirei per te. Sarei disposta a rischiare. Non glielo direi mai, ma vorrei avere tutte e due. Come in Jules e Jim, come ogni giorno sopra la mia testa passano il sole e la luna, senza incrociarsi mai. Perché dobbiamo amare una sola persona alla volta? Chi l ha detto? Chi è che ci vieta di amare più di una persona? Al diavolo la gelosia, la monogamia. Io voglio il suo amore e il tuo. Tutto insieme. Felicità più felicità. Felicità al quadrato. Eppure non riesco a dirti nulla di ciò che penso. Mi sembra così difficile entrare in confidenza con te, arrivare lentamente a scoprire di giorno in giorno nuovi dettagli di te, fino a poterti spogliare nel mio letto di casa. Mentre sto pensando a tutto questo arrivo davanti al Piomboni. Non ho un documento, né un soldo, né un telefono. Il braccialetto del campeggio però ce l ho e lo faccio vedere fiera al guardiano. Bella sensazione questa. Sapere che sei ancora qualcuno al mondo per un semplice oggettino di carta rinforzata legato intorno al polso! Sono così felice quando mi fa entrare che la caviglia non fa più così male. Mi avvio con le poche forze rimaste verso la tenda. A un certo punto da lontano vedo una figura avvicinarsi: riconosco Stefano. Appena mi vede velocizza il passo e in un attimo è da me. Giulia! Ma dove sei finita? Tu non hai idea di che casino abbiamo fatto per trovarti alla Duna stanotte! Ma che hai fatto? 8

15 Guarda, Ste, non lo so. So solo che mi sono svegliata un ora fa, distesa vicino al bagno 42. Non ho idea di come ho fatto ad arrivare là, non so dirti altro. Ste, mi hanno fottuto tutto: borsa, cellulare, portafoglio. Ma no, quelli ce li ha la Dani in tenda: non ti ricordi che avevi lasciato la borsa vicino al tavolo, prima di sparire con Andrea? A proposito, ma dove siete stati dopo? Ah, io sarei sparita con Andrea? Ma si. L Eli dice che dopo che ti sei sparata tre mojito di fila hai portato Andrea a ballare. L Eli vi ha visto per l ultima volta in pista: tu ti appoggiavi a lui perché non stavi dritta. Poi lei è andata in bagno e quando è tornata non c eravate più. E Andrea dov è adesso?. Direi in tenda a dormire. C è anche il suo amico, Mirco. Senti, Giuli, mi sto pisciando addosso, secondo me ti conviene andare a sdraiarti un po. Le altre sono tutte in tenda. Si ora vado, a dopo. Ok, a dopo. Zio bo, verso le tre forse riprendo conoscenza! Non posso aspettare, devo sapere che cos è successo. La tua tenda è due file più avanti. Ma cosa potrei dirti? Non ho idea di cosa ho fatto! Non posso venire lì, svegliarti, e chiederti cosa ti ho detto o cos ho fatto ieri sera Poi stanotte sicuramente ti avrò così schifato che non vorrai nemmeno vedermi. Penso all ufficio, al fatto che probabilmente ho rovinato il nostro rapporto di buoni colleghi, costruito in questi mesi di convivenza. Che cogliona che sono. Meglio andare in tenda dalle altre. Devo dormirci su, almeno un oretta o due, giusto il tempo per riprendermi e aspettare che ci sia così caldo in tenda che saremo tutte costrette a svegliarci. Oddio! Non voglio vederti, non voglio sapere cos ho fatto ieri notte! Entro in tenda. Solo la Dani apre mezzo occhio e dice: Giuli, sei, qui! Ma dov eri anche te? Dopo poi mi spieghi eh?! Poi rientra in coma, come le altre. Penso che fra ventiquattro ore saremo tutti quanti in ufficio, coi nostri vestiti stirati e le facce di pietra. Io non avrò più il coraggio di entrare nel tuo ufficio a chiederti qualcosa. Tutti sparleranno di me: sono sputtanata per sempre, cogliona che non sono altro! Mi appoggio e sento la terra dura sulla schiena che preme e fa un male cane. La Duna è anche questo: dormire in campeggio al Piomboni rigorosamente senza materassino, come vuole la tradizione. A pensarci con un minimo di raziocinio la Duna non è niente in tutto: alcuni metri quadri di sabbione scuro, qualche ombrellone finto hawaiano e un numero spropositato di più e meno giovani barcollanti che fan casino fino all alba. Orde di giovani emiliani. Fighetti, sfattoni, alternativi, eterni bambini, futuri manager in cerca di emozioni, impiegatine e studentesse in cerca di avventure. Migliaia di battute ai limiti della comprensibilità per il novantanove per cento delle persone ma assolutamente vitali per quell uno per cento che le partorisce. Litri di cocktail ingurgitati per allontanare il vestito sempre troppo stretto della settimana. E alla fine di tutto un metro quadrato di piazzola umidiccia per crollare, sfatti, alle sei del mattino. Però, per quanto poco senso abbia tutto questo, c è qualcosa che passa la soglia della memoria a breve, medio e anche lungo termine, depositandosi in quella culla misteriosa chiamata ricordo, che per me ad esempio è: stelle, mare Adriatico puzzoso, da qualche parte nel cielo la luna che se la chiami scende subito giù a farti due coccole, voci stonate lontano, un abbraccio forte per tenersi su a vicenda, due occhi che sanno solo che di fronte hanno altri due occhi sorridenti, il sottofondo di Somewhere over the rainbow versione onirica di IZ 9

16 Kamakawiwoʻole, come dire al mondo: Ok, scusate, siamo colpevoli, ci stiamo solo divertendo. Siamo la gioventù bruciata che lontano dai roghi delle proprie città cerca solo un riparo di follia inutile, musicale, alcolica. Chiediamo venia, le trasmissioni riprenderanno il prima possibile. Il dolore alla caviglia mi riporta a terra. Poi qualcosa di ieri sera inizia a tornarmi in mente. Un immagine: io e te in riva al mare. Io ero mezza fuori, non so se è realtà o se me lo sono sognato, ma mi sembra di averti detto che dovevi rincorrermi. Si, correvo sulla sabbia, ma non ricordo se poi tu mi inseguivi. In effetti il fatto che mi sia svegliata al bagno 42 potrebbe essere una logica spiegazione della mia folle corsa di quasi un chilometro nella speranza che tu mi seguissi. Boh? Chissà com è andata veramente. Se è vero che ho corso fin là una cosa è certa. Tu non c eri. Non mi hai cercato, non mi hai voluto. Tutto qui. Ho solo voglia di piangere per la figura da cretina. E ancora di più perché non mi hai rincorso. Ma perché solo nei film si rincorrono, perché solo nei film si guardano negli occhi una volta e sono già amanti? Perché ieri sera sono corsa via invece di parlarti, di starti vicina? Certo, forse non avrei potuto fare gran discorsi, ma potevo almeno guardarti negli occhi, in silenzio e farti capire quanto ti voglio, quanto ti desidero. Invece sono corsa via, pensando che ti sarebbe piaciuto rincorrermi, prendermi, buttarmi a terra in un abbraccio e farmi sentire il tuo corpo sopra il mio. Adoro le coppie che si rincorrono, mi trasmettono un senso di libertà, di pace e di sensualità profonda, vera. Ma io e te non siamo insieme. Siamo solo colleghi. Ho perso la mia più grande chance: tu eri libero, lontano dai pensieri del lavoro, ed eri lì tutto per me, distanti dalla mucchia della Duna. Ma allora perché sono fuggita? D un tratto, nel silenzio generale, sento dei passi. Qualcuno si ferma davanti alla tenda. Sento una mano che tocca la veranda e apre la prima cerniera. Vedo due gambe, ma dall ombra non capisco di chi si tratta. Io ho proprio la testa vicino all ingresso della tenda. Quando la prima cerniera viene aperta del tutto inizio a distinguere qualcuno. Non voglio crederci: sei tu, sei venuto qui, perché? Apri la seconda cerniera e ti chini per entrare. Io non provo neanche a fingere di dormire e ti punto gli occhi sbarrati addosso. Devo avere uno sguardo allucinante. Tu mi guardi, serio, come quando in ufficio mi devi dare una risposta difficile. I tuoi occhi guardano per un momento dentro la tenda, poi tornano veloci su di me, prima sul mio corpo tutto storto e quasi scoperto, poi sul mio viso. Non ce la faccio e distolgo per un istante lo sguardo. Giulia, puoi uscire? mi dici, un po severo, un po insicuro. Vorrei chiederti perché, ma non mi escono le parole di bocca. Intanto sono già fuori dalla tenda. Spero di non aver svegliato le altre. Ti indico di incamminarti un po in là e di fare piano. Tu vai verso i lavandini. Poi d un tratto ti fermi e mi guardi: sempre prima il mio corpo, poi i miei occhi. Stefano mi ha detto che sei arrivata mezz ora fa. Dov eri? Mi hai fatto prendere un colpo. Alle cinque quando sono tornato in tenda la Daniela mi ha detto che non eri ancora tornata. Non rispondo, imbarazzata. 10

17 Ieri notte sei corsa via a una tale velocità! Io non ti ho seguito perché pensavo che saresti tornata subito indietro. Invece sei sparita. Non so perché ho corso così tanto, ero un po fuori. E tu cos hai fatto dopo che sono corsa via? Sono tornato verso la Duna, pensavo che fossi andata al Toto. Poi sono stato lì con Mirco e l Elisa. Mi stavo rompendo un po. Ho anche beccato la mia ex. Ah, si? Beh, ti ha salutato? Si, è stata un po lì con me, poi è arrivato un tipo, penso sia il suo nuovo moroso. Dopo sono spariti. Io era da un bel po che non stavo così. A fatica ricordo cos è successo. Bè, meglio sempre rimuovere quello che si fa quando si è fuori. E che ho fatto io? Non so, dicevi cose senza senso. Quando le dicevi però sembravi seria. Convinta. Che ho detto, Andrea? Niente Cose senza senso. Mi guardi per cedermi la parola. Ma non ho niente da dire e con lo sguardo ti imploro di dirmi tutto. A un certo punto hai detto che ti piacevo. Silenzio. Interminabile. Poi sei corsa via. Correvi così forte che non ho avuto la prontezza di rincorrerti. Non potevo crederci. Te l ho detto davvero? Come posso non ricordarmelo? Ti osservo, mentre guardi in giro, ovunque. Tranne me. Andrea, scusa, chissà che cavolo mi è preso. Non mi ricordo nulla. Appunto, dicevo che è meglio scordare ciò che si dice quando si è fuori. Cavolo, adesso non riuscirò più a guardarti in faccia. Che figura di merda. Ma, no, non ti preoccupare! So che eri fuori, chissà a chi pensavi. In realtà cazzo, adesso te lo dico. In realtà forse non pensavo a niente. Chissà come mi è uscita quella frase. Facciamo così. Facciamo come se non sia successo niente, io non sono mai venuto là con te, questa notte non ci siamo visti. Ok, perfetto. Tutto rimarrà lì, su quella spiaggia alle tre del mattino. Torniamo alla tenda? Si. Anche se non riuscirò più a dormire, c è già un caldo terribile là dentro! Non so come fate voi a starci in quattro tutte pigiate. Infatti mi sa che in quella tenda non ci torno. Vado a fare un bagno. E da quando avevo dieci anni che non faccio il bagno alle sette del mattino! Perché, a dieci anni facevi il bagno alle sette? Si. Ogni tanto quando andavo in vacanza in hotel con mia madre mi svegliavo prestissimo e da vera bambina rompipalle costringevo anche lei ad alzarsi e a portarmi al mare per fare il bagno. Volevo avere il mare tutto per me. In effetti non era male. E mi sa che ora ci vado davvero. Adesso ti chiedo se vuoi venire. No, non ce la faccio. Mi lascio andare. Tu vieni? Sono un po distrutto Ma sì dai, sarà che io non ho mai fatto il bagno prima delle nove e mezza, anche quando avevo dieci anni. Vado a prendere il costume. Ci vediamo davanti al Piomboni fra cinque minuti. Ok! 11

18 Ok, ok, ok. Non ci capisco più nulla. Perché stiamo andando a fare il bagno? Non so neanche se mi reggerò in piedi col mal di testa che ho: ciocca come un batteria! Ma chi se lo perde un bagno con te alle sette del mattino? Ho male ovunque, sono distrutta, ma la cosa che voglio di più al mondo ora è un mare piatto con te vicino che nuoti. Merda, non ti ho mai visto in costume. E tu non hai mai visto me! Mi vengono mille paranoie, ma voglio fare questo bagno con te. Mi fiondo in tenda, ravano nella borsa, mi cambio e per poco non pesto la testa dell Elisa che comunque continua a dormire. Esco e mi sto per dimenticare pure il telo. Se penso che fino a un secondo fa eri lì che mi ripetevi quello che ti ho detto ieri sera mi sento male. Dopo due minuti esatti sono davanti all ingresso del campeggio. Il guardiano mi guarda un po storto: forse si chiederà come diavolo faccio, senza aver dormito neanche tre secondi, a essere così carica per un bagno al mare. Comunque tu arrivi, con i boxer e la magliettina azzurra. Ciabatti come un dannato. Hai la faccia distrutta, ma sei bellissimo tutto stropicciato e spettinato. Forse mi scappa un sorriso mentre mi vieni incontro perché penso a come sei impeccabile in ufficio. Vestito da sposo, come dice la Daniela. Ora non sembri neanche tu. Ma sarà gelata! dici. Si, ma almeno alle sette si vede il fondo, e in Adriatico non è cosa da poco. Io non so se ho le forze, forse annegherò, comunque sei tu la bagnina, mi dovrai salvare! Chi ti ha detto che sono bagnina? Lo dicevi un giorno in ufficio a Patrizia. Ma allora è vero che i muri parlano. Come fai a sentire tutto quello che diciamo? Se devo coordinare i lavori bisognerà pure che non mi faccia scappare nulla. Vi tengo d occhio! Basta, ho capito, inizieremo a parlarci a gesti! Mi giro di lato per vedere la tua espressione e mi sorridi come un bimbo che appena ha fatto una marachella. Sei così diverso da come appari di solito e noto un nuovo aspetto di te che trovo ancora più irresistibile. Arriviamo davanti al bagno della Duna. C è giusto uno dei proprietari che riordina degli scatoloni. Per spezzare il silenzio dico: Questo posto è veramente un buco, se lo vedi vuoto e tutto in ordine. E vero, ma io non so quante volte ci sono già stato quest anno. Sono sempre qui. E un buco schifoso, però incontro più amici qui che a casa! Io quest anno non ci ero ancora stata, ma a me la Duna fa un brutto effetto. Finisce sempre che vado fuori come un balcone anche se non vorrei. Taci, va là, che prima mi hai fatto prendere un mezzo colpo. E dire che in ufficio sei così tranquilla! Però mi hai fatto troppo ridere quando hai dato quel ceffone a lui là! Cos è che ho fatto? Ma si, non ricordi? A un certo punto, mentre eravamo lì con l Elisa è arrivato sto qua. Tu ballavi e giravi in tondo, lui ti ha preso sotto braccio accompagnandoti nella danza. Poi ha provato a portarti via e mentre tu ridevi e lo guardavi gli hai tirato una ceffa da paura. Sto qua non se l aspettava ed è rimasto pietrificato. Poi ha visto che eri fuori più di lui ed è andato via. Io non voglio crederci. Una tronca come ieri non la prendevo da un bel po. Io e l Elisa avremo molto da raccontare in ufficio lunedì! 12

19 No, Andrea, veramente, dovete avere pietà di me. Non voglio che tutti mi ridano dietro. Poi neanche tu e l Elisa eravate del tutto in forma! Si ma almeno io mi ricordo cos ho detto e cos ho fatto! Ma guarda che io non sarei arrivata a quel punto se non era per quella mongola dell Elisa che mi portava tremila mojito al minuto! Sì ma potevi anche non berli! In effetti ho esagerato, ma i mojito mi fanno impazzire. Li bevo come acqua dal gran che mi piacciono! Comunque scusa, io non so davvero cos ho fatto. Il fatto è Cosa? Non lo so, avevi uno sguardo. Come? Non so, mentre mi dicevi quelle cose mi guardavi fisso negli occhi e non è da te. Andrea, ti ho già detto, io non so No, il fatto è che tu non guardi mai così fisso negli occhi. Quando mi parli di solito guardi un po me, un po ti guardi intorno, poi ti soffermi sulle scarpe, poi fissi di nuovo me. Ieri sera mi hai guardato negli occhi per tre, quattro minuti. Sembravi un altra. Infatti ero un altra, non ero io, ero fuori come un balcone! Lo so, ma sembravi così vera. Così sicura. Hai detto tante cose, lo sai? Siamo circondati da un silenzio troppo grande, ogni momento dentro questo non dirsi nulla sembra aumentare la verità delle parole che ti avevo detto ieri sera. Devo assolutamente parlare: Io mi tuffo. Tu vieni? Ti guardo e intanto, mentre immergo il piede nell acqua mi parte un brivido incontrollabile per tutto il corpo. Deve essere caldissima dalla faccia che hai fatto! dici ridendo. Certo, è caldissima. Il freddo e il caldo sono solo questione di volontà, non lo sai? Poi mi faccio forza e mi tuffo in acqua. Faccio tre bracciate arrancando a fior d acqua, poi il fiato mi si blocca in gola. I mojito si fanno sentire molto bene. In realtà l acqua è davvero gelida però l ultima frase che ho detto mi è uscita bene. Tiro su la testa. Tu sei ancora là sulla riva, con l acqua alle caviglie. Mi guardi dubbioso per un secondo e poi ti levi veloce la maglietta. Il tuo fisico asciutto lo intravedo per un istante prima che ti lanci agilmente in acqua. Anche tu accenni alcune bracciate sgangherate e mi arrivi di fianco. Tutte quelle goccioline sul tuo viso lo rendono ai miei occhi ancora più bello e prezioso. La luce del sole è lieve, ma tutta per noi. Anche il mare è solo per noi. La Duna al mattino così presto, ma chi l aveva mai vista? Di tutti i week-end passati alla Duna mai ne avevo vissuto uno con il corpo a bagno nel mare. Questa strana energia che mi sono ritrovata addosso stamattina è solo per te, sai? No, non lo sai. Vado giù sott acqua ma riemergo in un secondo perché il fiato mi si blocca nei polmoni. Commento felice: Vedi, si vedono i piedi in fondo! E vero, hai ragione! Beh, dai, fra un ora sarò collassato di nuovo, ma adesso in fondo sto bene. Alla fine sto bagno ci voleva, mi sento quasi riposato! Scoppio a ridere, non so perché, forse per le due occhiaie che ti ritrovi mentre dici sta cosa. Che ti ridi? È vero! Sono fresco come un fiorellino! Beh, l importante è esserne convinti. Io sono a pezzi, non riesco a stare sotto per più di due secondi! Però guarda, abbiamo l Adriatico tutto per noi. L hai mai visto così vuoto? Direi di no, anche se se lo meriterebbe, sto buco d acqua puzzolente! 13

20 Io intanto mi sono sdraiata sull acqua. Il cielo sopra è lontanissimo. Allargo le braccia e mentre sono lì a fare il morto vedo il tuo viso che mi appare sopra. Sento che mi stringi una mano, poi l altra, le porti verso l alto e dici: Ora ti porto a fare un giro. Mi fai scivolare sull acqua in tondo e io mi lascio cullare. Chiudo gli occhi e mi esce questa frase sussurrata: E fantastico. Dimmi che non smetterai mai. Con le orecchie in acqua riesco a sentire la tua voce ovattata che dice: Beh, ne possiamo parlare. E io: No, non ne parliamo. Tu mi spiazzi dicendo: No, invece io ne voglio parlare. Smetti di cullarmi lasciandomi le mani. Io mi tiro su e ti guardo interrogativa. Di cosa vuoi parlare? Del perché sei corsa via ieri sera e di ciò che hai detto. Mi vuoi far star male. No, vorrei solo che mi guardassi negli occhi come hai fatto ieri sera. Cioè? Guardami negli occhi per tre minuti. Tre minuti? Sì, sono centottanta secondi. Allora ti guardo e intanto conto fino a centottanta? Si, ma conta in silenzio. Uno, due, tre. Quattro, cinque, sei, sette, otto. Hai gli occhi più grandi del mondo. Nove, dieci, undici, dodici. Numeri su numeri, il tempo ha una forma incredibile stamattina. È da secoli che non sento il tempo così forte sulla pelle. Tredici, quattordici. E una clessidra col buco otturato. Sento i secondi strozzarmi la gola. Quindici, sedici, diciassette, diciotto: se ne stanno lì in gola. Mi rendo conto che non sto respirando. Mi sembra quasi di non avere più bisogno di respirare. Diciannove, venti. Fino al trentanove non penso a nulla, ci sono solo i tuoi occhi che fanno male. Tu non ridi, sei serio, sei concentrato su di me. D un tratto inizio a pensare a te che mi stai guardando. Dov è la tua mente? Mi sembri così presente: sei proprio lì che mi guardi. I numeri iniziano a mischiarsi nella testa: cinquanta, settantatre, centodue, centosedici? Come si fa a mettere in fila dei numeri? Non sono mai stata una persona ordinata come te. Tu stai ancora contando mentre io mi sono già persa. Io sono così anche nella vita. Butto le cose a casaccio: i vestiti, le chiavi, i soldi, le parole, i foglietti. Milioni di foglietti su cui appunto pezzi di vita, pensieri, desideri, tanti desideri disordinati. Tu fai un passo, oppure non so, forse qualcuno ha spostato la sabbia sotto di noi. Siamo più vicini. Forse abbiamo già passato i centottanta secondi, forse non siamo neanche a cento. So solo che questo momento non è sostenibile. Sto perdendo quota, ho iniziato ad avvicinarmi. Anche tu ti avvicini. Ma lo sai dove stai andando? Atterri. Atterri sulle mie labbra. 14

21 Non so che dire: iniziamo a baciarci. Nella bolla di desiderio in cui sto nuotando ora un pensiero percorre la mia mente: da quanto tempo non provavo una sensazione così forte per un semplice bacio? Penso alle migliaia di baci con Mauri, che sono passati via, lisci come l olio. E sento invece questi baci come una burrasca di mare che mi travolge. Tutto mi sembra così inconcepibilmente sensuale. La novità, il fatto che da mesi ti desidero, che da tre mesi ti ho idealizzato come una statua greca. Anche tu ora hai smesso di contare. Finalmente sei perso nello stesso posto dove sono io. Hai gli occhi aperti, ogni tanto li chiudi, il tuo desiderio mi stupisce. Poi i nostri occhi si incontrano. Ci richiamano per un momento all ordine e smettiamo di baciarci. Tu guardi il mare e intanto dici: Anche tu mi piaci, sai? Non lo avrei mai pensato. Non te l avrei mai detto se non fossi stata così fuori di testa ieri sera. Neanch io te l avrei mai detto. C è Maurizio. Sì, c è Mauri. Pensavo che col tempo mi sarebbe passata: lo speravo. Adesso non so. Adesso spero che non dovrò spiegare a nessuno quello che è successo. Adesso, e neanche domani e neanche dopodomani. So solo che è bellissimo. Cosa è bellissimo? Io non riesco più a parlare. Ti indico semplicemente con il dito il sole, che si staglia all orizzonte sul mare e poi dall altra parte, sopra la pineta, la luna. 15

22 IN MISSIONE Un lampo di luce. Michael spalanca gli occhi Dove diavolo sono? L ambiente gli è subito famigliare. Pensa e si guarda intorno, si rende conto di trovarsi in volo, nel simulatore militare della base. Oh merda! Mi sono addormentato durante un addestramento! Se qualcuno se n é accorto sarà una bella macchia nera, difficile da cancellare. "Ehi, Michael, tutto bene?", la voce familiare. Michael R. Patterson, dal Michigan, matricola , Capitano dell aviazione degli Stai Uniti d America: pensa in automatico. "Capitano Patterson, sono il Capitano Chavez, suo responsabile di terra, le chiedo di fare rapporto sulle sue condizioni, i parametri rilevati dal simulatore non sono coerenti, passo". Il Capitano Chavez? Miguel! Se mi parla in autoritarese significa che devo rispondere a modo. Michael si schiarisce la voce con un colpetto di tosse; "Capitano Michael R. Patterson, matricola , aviazione degli Stai Uniti d America". "Bene, Capitano Patterson, ora che sappiamo che è tra noi, vuole cortesemente farmi rapporto?" la voce di Chavez ha cambiato tono e risulta amichevole e allo stesso tempo accorta. Michael si guarda intorno e riassume le condizioni del volo leggendo gli strumenti, mentre aggiorna a voce il responsabile di terra. "Posizione attuale 41,44 nord, 12,39 est, altezza diciottomila piedi, velocità 1.3 mach, rotta zero-otto-zero". Il suo sguardo indugia su vari strumenti, per notare eventuali anomalie. "Tutti i parametri di volo sono regolari e nella norma. Armeggia sulla console posta a destra, premendo [select] più volte, ed ecco comparire i parametri vitali del pilota, che lampeggiano indicando valori fuori scala. "Base, chiedo controllo. Ho indicazioni di allarme per le condizioni vitali." "Michael, i tuoi parametri vitali ci risultano nella norma. Pulsazioni 110, pressione 85/145. Aspetta! Ossigenazione 0,93; immagino tu abbia un'avaria a bordo, tutto questo ossigeno deve averti stordito". Chavez è molto calmo nell esporgli la situazione. "Miguel, mi fa piacere sapere che ci sia una motivazione. Non so cosa mi sia successo. So di essere nel simulatore, ma non ricordo il briefing, né tanto meno obiettivo primario e secondario!" Qualche secondo di attesa e Michael controlla anche gli ultimi pannelli dei vari quadri strumenti che si trovano davanti a lui. Fa in tempo a capire che l aereo è equipaggiato con armamento S&D, per attacco a terra e combattimento ravvicinato con altri caccia, il suo preferito. "Michael, sei a bordo del simulatore di volo presso la base di Pasadena. La missione odierna riguarda il raggiungimento di una squadra a terra che ha richiesto aiuto via radio quattro minuti fa. Sei a bordo dell F-35D, su cui hai maturato oltre quattrocento ore di volo. L armamento è S&D. ETA 1:35. Previsione di trovare a terra un convoglio corazzato leggero, dotato di contraerea, alta possibilità di missili Terra Aria a ricerca. Ipotizziamo circa cento ostili. I nostri hanno preso possesso di una serie di edifici, che sul tuo schermo compariranno evidenziati in verde". 16

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP

Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Elisabetta Mughini: Responsabile Ufficio Comunicazione Agenzia Scuola Lorenzo Guasti:

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI Elisa Riedo conversa con Maria, 8 febbraio 2007. Il nome della paziente e ogni altro dato che possa permetterne l identificazione è stato alterato per rispettarne la

Dettagli

Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa /

Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa / Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa / Brand Identity Naming, logo, logotipo, immagine coordinata salt4skin DB DB DB cosmetics SpaWear beauty via Cavour, 8 (vicino

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

strategie Blog Slideshow Post May 23rd, 2013 no avanti un progetto comune sfruttando le loro complementarità, senza rinunciare alla

strategie Blog Slideshow Post May 23rd, 2013 no avanti un progetto comune sfruttando le loro complementarità, senza rinunciare alla home company strategie servizi partners case study DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO. Hai un idea? Hai un idea? stabile di collaborazione per cui diverse imprese portano avanti

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Tra il dire e il fare PNL e Coaching 2 Titolo Tra il dire e il fare Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Sdraiato sul lettino, inizia a fremere, non apre bocca da almeno cinque minuti. Se fosse seduto, il suo piede ballerebbe. In testa continua a sentire, inarrestabile,

Dettagli

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio.

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio. Clive e Jones Clive Il matrimonio passa attraverso molte fasi: Idillio, Disillusione, Infelicità e Risveglio. Noi le abbiamo passate tutte più volte nel corso dei nostri 45 anni di matrimonio! Buon pomeriggio!

Dettagli