Schettino condannato: 16 anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schettino condannato: 16 anni"

Transcript

1 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: 1,20* ANNO 137- N 42 ITALIA Sped. Abb. Post. legge 662/85 art.2/19 Roma Pesaro Giovedì 12 Febbraio 2015 S. Eulalia IL GIORNALE DEL MATTINO Commenta le notizie su ILMESSAGGERO.IT L anniversario Da area disabitata a città famosa nel mondo: Miami compie un secolo Angelini a pag. 23 La storia Al via il processo del commilitone che ha ucciso l eroe di American sniper Pompetti a pag. 21 Il Festival Sanremo, subito boom di ascolti Charlize Theron incanta l Ariston Servizi alle pag. 28 e 29 TUTTO IL MEGLIO DI ROMA IN UN APP Schettino condannato: 16 anni `Abbandonò la Concordia, il pm aveva chiesto 26 anni per le 32 vittime: non andrà in carcere `«Infamia, non sono fuggito». Risarcimenti per 10 milioni: 30 mila alla moldava Domnica La sentenza Quell onta che il verdetto non cancella Paolo Graldi C ondannato. Gravi le colpe accertate per il disastro della Costa Concordia, confermato il rosario di accuse, omicidio e lesioni colpose, abbandono della nave, naufragio e false comunicazioni. L impianto accusatorio tiene in ogni sua parte, la pena inflitta no, taglia dieci anni rispetto alle richieste della Procura. Come se tutto fosse vero e verificato ma anche troppo gridato, quasi esagerato nelle pretese sanzionatorie; insomma, un processo che ha risentito di un inevitabile amplificazione mediatica e però che ha forse ritrovato una sua misura e un suo equilibrio meditato nel momentoalto edelicatissimo del giudizio. Dovevano essere 26 gli anni di carcere per i pubblici ministeri. E il carcere subito: pericolo di fuga. Di qui l amarezza dei colpevolisti ad oltranza per il mancato accoglimento di una richiesta tanto pesante. Di qui le immancabili polemiche, in attesa di leggere le motivazioni che meglio spiegheranno il percorso giuridico del collegio. Ilquale sembraessersi almeno in parte sottratto alle fortissimesuggestioni accusatorie, soprattutto, alla richiesta di una pena che di fatto rasenta l ergastolo. Continua a pag. 20 Minsk. Lunga trattativa fra Hollande, Merkel, Putin e Poroshenko Intesa al vertice: tregua in Ucraina Grecia, ultimatum dall Eurogruppo MOSCA Sulla crisi Ucraina, nel vertice di Minsk, si è trattatoa oltranza finoa tardanotte perraggiungere l intesa e ottenere una tregua. I presidenti russo Vladimir Putin, quello ucraino Petro Poroshenko, quello francese Francois Hollande e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno concordato una dichiarazione finale in cui si impegnano per il successo dei cosiddetti accordi di Minsk, in una versione corretta e aggiornata rispetto a quella del settembre scorso. E sulla Grecia arriva l ultimatum dell Eurogruppo ad Atene. Carretta, D Amato e Ventura alle pag. 2, 3 e 5 Scenari in bilico Due crisi appese a un filo Giulio Sapelli L e notizie che provengono dall Ucraina sono inquietanti e a un tempo tragiche. Il massacro dei civili sembra essere la cifra di questa guerra non dichiarata ma combattuta. Continua a pag. 20 GROSSETO Francesco Schettino è stato condannato a 16 anni dopo sette ore di Camera di consiglio, ma non andrà in carcere. L ex comandante della Concordia ha seguito la lettura della sentenza nella sua casa di Meta di Sorrento. E alla fine ha commentato: «È un infamia, non riesco ad accettarlo. Io non ho lasciato la nave prima degli altri». Lunga la lista dei risarcimenti a naufraghiedenti chesi sonocostituti parte civile: in tutto ammonta a circa dieci milioni. Cirillo e Mangani alle pag. 6 e 7 Il nuovo simbolo Il logo inglese che declassa Roma Capitale Mario Ajello al 2000 a oggi, l uso di termini inglesi nella lingua italiana è aumentato del D 773 per cento. E va bene il look, la governance, l austerity e l authority, il fashion e la deregulation, ma perchè chiamare Roma non Roma ma Rome? Questa non è soltanto la città del film di Woody Allen ( To Rome with love ). È anche molto altro e molto di più. Rome&You, come nuovo logo di questa città senza più la lupa e diventata orfana del buon vecchio SPQR considerato chissà perché desueto, sembra proprio una rinuncia. Continua a pag. 20 «Morti 330 migranti» Scontro sui soccorsi, la Ue: Triton è fallito `Letta: si deve tornare a Mare Nostrum `Renzi: non serve, il problema è la Libia PALERMO Sarebbero 330 i morti nell ultima strage di migranti nel Canale di Sicilia. Ed erano quattro i gommoni partiti dalla Libia, ognuno con un centinaio di persone a bordo. I dettagli dellatragedia sonoemersi dalle testimonianze dei superstiti. Letta: si torni a Mare Nostrum. Renzi: il nodo da sciogliereè lalibia. Per il Consiglio d Europa l operazione Triton ha fallito. Errante, Galluzzo e Massi alle pag. 6 e 7 Denuncia Consob «Popolari, 10 milioni di guadagni anomali» Roberta Amoruso S ulla riforma delle banche popolari c è poco da obiettare: è «complessivamente positiva». A pag. 16 Frigoriferi e occhiali inchiesta sulle spese alla Regione Marche Giovanni Sgardi P iù che spese pazze sono peccatucci. Ma le debolezze dei consiglieri regionali sarebbero costate un milione in cinque anni ai contribuenti marchigiani. Questo il conto presentato dalla Guardia di Finanza alla Procuradi Ancona, chehafirmato ieri 66 avvisi di fine indagine contestando il peculato e un episodio di truffa. Tra i presunti spendaccioni ci sono un po tutti: dal governatore uscente Gian Mario Spacca, al presidente dell Assemblea legislativa Vittoriano Solazzi. A pag. 15 SCORPIONE PRONTO A SISTEMARE TUTTO Buongiorno, Scorpione! Possiamo anche essere d accordo che a carnevale ogni scherzo vale, ma ci sono persone che da troppo tempo pensano di poter giocare con voi, esattamente dal 24 gennaio Oggi però avete un altro ultimo quarto, non compromesso da Saturno: siete in grado di concludere e sistemare le questioni in modo da ripartire il 19, Sole in Pesci. L amore sotto la Luna calante è come un mistero, nel buio della notte gli amanti si ritrovano col fuoco negli occhi. Auguri. L oroscopo a pag. 37

2 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N: 2 Primo Piano Russia e Europa lungo negoziato ma c è l intesa sul cessate il fuoco `Ucraina, a Minsk la trattativa tra Putin e il duo Merkel-Hollande contrasti sull invio di osservatori e sui poteri alle regioni dell Est Giovedì 12 Febbraio L INCONTRO MOSCA Verso una faticosa intesa. A Minsk si è trattato ad oltranza finoa tarda notte. Comerisultato i presidenti russo Vladimir Putin, quello ucraino Petro Poroshenko, il francese Francois Hollandee la cancelliera tedesca Angela Merkel (riuniti nel Gruppo dinormandia ) hanno concordato una dichiarazione finale in cui gli uni e gli altri si impegnano per il successo dei cosiddetti accordi di Minsk in una versione corretta ed aggiornata rispetto a quella fallita del settembre scorso. L'ultima chance per evitare ostilità fuori controllo e di larga scala, comele avevadefinite il capo dell'eliseo, potrebbe essere statacolta. Leprossime 72 oresaranno decisive. ACCORDO SUL RITIRO DELLE ARTIGLIERIE PESANTI. NEL VERTICE SPUNTA IL BIELORUSSO LUKASHENKO, PER LA UE PERSONA NON GRATA I PUNTI Da anticipazioni fornite alla stampa, il nuovo accordo di pace per il Donbass e la regione di Lugansk contiene vari punti con l'obbligatoria tempistica da seguire. Ecco i più importanti al momento. Primo:cessate il fuoco dalle 10 ora locale (le 9 del mattino in Italia) di oggi. Secondo: immediatoritiro delle artiglieriepesanti (per gli ucraini dalle posizioni odierne; per i separatisti da quelle del 19 settembre). I lancia missili devono essere portati da questalinea a 70chilometri didistanza, i sistemi missilistici a 140, il resto dell'artiglieria a 50. Terzo: entro il 20 febbraio approvazionedella leggedaparte del Parlamento ucraino con l'elenco dei distrettia cui si assegna uno status speciale. Quarto: entro il 23 febbraio fine per decreto dell' Operazione anti-terroristica governativa all'est. Quinto: entro il 20marzoapprovazione leggesulleelezioni municipali nei distretti speciali. Nei vari documenti allegati sono presenti punti - non si comprende ancora se anch'essi elaborati e concordati del tutto dai contendenti - sulla decentralizzazione dell'ucraina, sullo status degli osservatori internazionali, sullo scambio dei prigionieri, sulla ricostruzione socio-economica delle regioni vittime della guerra. La fitta rete di consultazioni a porte chiuse era incominciata a prima mattina a Minsk dopo una precedente nottata di lavoro. Qui il Gruppo di contatto (Russia, Ucraina, separatisti e Osce) si era Durnwalder «Pronto a spiegare a Kiev l autonomia altoatesina» «Sono pronto a partire per l'ucraina per illustrare l'autonomia altoatesina, se questo dovesse servire». Lo ha detto l'ex governatore Luis Durnwalder (nella foto) che ha confermato di essere stato recentemente contattato da Roma e di aver dato la sua disponibilità. riunito per definire le parti mancanti della bozza d'accordo da presentare ai leader. Nelle stesse ore Mosca, Parigi e Berlino avevano ipotizzato che il vertice bielorusso potesse saltare all'ultimo momento. Il tira e molla è andato avanti per lunghe tesissime ore fino a che è stato dato da tutte le cancellerieil tantoattesovialibera quasi in contemporanea. I CONFRONTI A Minsk è giunto nel tardissimo pomeriggio prima l'ucraino Poroshenko, poi il francese Hollande, che ha atteso all'aeroporto la tedesca Merkel. Il duo europeo ha raggiunto il centro della capitale bielorussa su un'unica automobile, forse per la necessità di definire gli ultimi accorgimenti. L'ultimo ad arrivare al palazzo dell'indipendenza è stato il russo Putin, che ha subito stretto la mano a Poroshenko prima di immergersi con lui in «una conversazione piena di emozioni», stando a quanto raccontato da fonti anonime. Sono quindi iniziati i lavori dei leader a quattr'occhi in una sala, dove i due presidenti ex sovietici eranosedutidi fronteconin mezzo gli europei. Parallelamente il Gruppo di contatto teneva un'ulteriore riunione in un palazzo attiguo per smussare altre divergenze. Nella seconda lunghissimasessione dilavori icapi distato sono stati affiancati dai rispettivi ministri degli Esteri e da un ristretto numero di membri delle delegazioni. Un raggiante Aleksandr Lukashenko, persona non grata in Ue e considerato dagli americanicome «l'ultimodittatore» del Vecchio Continente, ha fatto gli onori di casa. È certamente lui l'indiscusso vincitore di questa giornata che ha fatto tremare i polsi al mondo intero. Giuseppe D'Amato FOTO DI GRUPPO A MINSK Putin, Merkel, Hollande e Poroshenko I punti principali POSSIBILE PIANO DI PACE RUSSO-UCRAINO Immediato cessate il fuoco Definizione della linea del fronte, probabilmente sulle posizioni attuali, con i separatisti filorussi che hanno conquistato un migliaio di kmq in più rispetto agli accordi del 5 settembre Creazione di una zona demilitarizzata più ampia di quella di 30 km (15 per parte) prevista dagli accordi precedenti, con il ritiro di tutte le armi pesanti Meccanismi di controllo per il rispetto dell'intesa (osservatori Osce o forze di pace) e definizione dei tempi per la sua attuazione Scambi di massa di prigionieri Amnistia per i miliziani Status speciale per le regioni separatiste Controllo dei confini russo-ucraini A marzo Battaglioni ucraini addestrati dagli Usa Gli stati Uniti intendono addestrare a partire da marzo tre battaglioni del ministero dell'interno dell'ucraina. Lo ha annunciato ieri il leader delle forze statunitensi in Europa, il generale Frederick Hodges. Gli addestramenti, ha detto il generale, citato dall'agenzia Pap, durante una visita al Multinational Corps Northeast di Stettino, avranno luogo nella località di Leopoli, nell'ovest dell'ucraina. La formazione si concentrerà sulla difesa di ponti e di altri punti strategici, ma verranno anche fornite istruzioni in materia di sanità e non mancheranno operazioni di protezione dagli attacchi di artiglieria. Verranno messi in evidenzia, ha precisato Hodges, aspetti di «difesa di fronte ai tentativi russi di interrompere la comunicazione ucraina». Strage tra i bus di Donetsk, 5mila soldati circondati dai ribelli ANSA LA GUERRA MOSCA Sullo sfondo delle trattative per trovare un compromesso che metta fine al conflitto, nel sud-est ucraino si continua a combattere e a morire. In totale sono più di 40 le persone uccise nel Donbass nelle 36 ore che hanno preceduto l'atteso vertice di ieri sera a Minsk tra i leader di Francia, Russia, Germania e Ucraina. LA STAZIONE Ieri mattina proiettili di mortaio hannocolpito unastazionediautobus a Donetsk e la zona antistante l'ingresso di una fabbrica metallurgica. I morti - stando ai ribelli che controllano la città - sono almeno sei, e i feriti otto. Il bombardamento, attribuito alla forze governative, ha mandato in fiamme due minibus e sembra che tra le vittime ci sia l'autista di uno dei mezzi finiti carbonizzati. Ma nella principale roccaforte dei separatisti altri tre civili sono stati uccisi in un bombardamento notturno. Mentre nella sola giornata di martedì 19 soldati ucraini sono caduti e 78 sono rimasti feriti nella sacca di Debaltseve: un importante snodo ferroviario a metà strada tra i baluardi ribelli di Donetsk e Lugansk dove i separatisti sostengono di aver circondato tra cinque e ottomila militari di Kiev. A tutte queste vittime e caduti si aggiungono le 17 persone uccise martedì dalla pioggia di missili Smerch che si è abbattuta su Kramatorsk sventrando il quartier generale delle forze armate governative e colpendo poi - con una seconda raffica - un'area residenziale. LA VISITA DI POROSHENKO I feriti sono più di 60, di cui 11 in gravi condizioni. E il presidente ucraino Petro Poroshenko martedì notte si è recato a sorpresa proprionella cittadinamartoriata per incontrare alcuni dei feriti ricoverati in ospedale prima di volare a Minsk (dopo essere tornato a Kiev). «Chiederemo - ha anticipato il presidente ucraino - di fermare la guerra, il ritiro delle truppe e l'inizio di un dialogo politico senza alcune interferenza esterna». Intanto solo poche ore prima le forze armate ucraineavevano lanciato una controffensiva a est di Mariupol e i volontari nazionalistidel battaglione Azov sostengono di aver strappato ai ribelli tre cittadine: Shirokine, Pavlovo e Kominternovo. «Abbiamo spostato la linea del fronte a 20 chilometri dalla città di Mariupol - ha detto COLPI DI MORTAIO NELLA CITTÀ CONTROLLATA DAI FILORUSSI: UCCISI SEI CIVILI, ACCUSE AL GOVERNO UCRAINO DONETSK Una delle vittime, trasportata su una barella ilsegretariodel Consiglio disicurezza ucraino, Oleksandr Turcinov - proteggendoladai bombardamenti e rafforzando le difese di questa regione». Uno spostamento della linea del fronte annun ciato alla vigilia del vertice, con la probabile intenzione che questospazio conquistato rafforzi Kiev al tavolo delle trattative. A pagare il prezzo più alto in questoconflitto continuano a essere in ogni caso i civili: in 263 hannoperso lavita inpochigiorni, dal 31 gennaio al 5 febbraio. Mentre, secondo le Nazioni Unite, inquesti diecimesidicombattimenti sono cadute sotto il fuoco di entrambi gli schieramenti almeno persone e quasi 13mila sono rimaste ferite.e ieri il leader delle forze statunitensi in Europa, il generale Frederick Hodges, ha annunciato che gli Stati Uniti intendono addestrare a marzo tre battaglioni del ministero dell'interno dell'ucraina. R. Es.

3 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N: Primo Piano Giovedì 12 Febbraio Le sanzioni fanno male alla Ue finora persi 22 miliardi di Pil `Con un intesa si può evitare la fase 3 delle ritorsioni economiche europee `A carico dei russi i danni più pesanti: previsti 70 miliardi di perdite nel I numeri Sono i mortiaccertati dellaguerra in Ucraina, in circa dieci mesi 170 Sonoimilionidieurodi exportversolarussia persidall Italiain4mesi IL COSTO ROMA Si chiama superamento della fase 3 lo spettro di nuove sanzioni agitato dalla diplomazia europea contro la Russia, in caso di fallimento di Minsk. Malvolentieri, faticosamente, dolorosamente, i 28 hanno definito nei giorni scorsi l allargamento della platea di oligarchi e bersagli delle sanzioni Ue che hanno colpito figure del regime, transazioni su banche russe e vendita di armi e tecnologia. L allargamento riguarda 19 individui e 9 entità, ed è stato messo a punto un lavoro preparatorio sui possibili nuovi settori sanzionatori nei confronti di Mosca. Una guerraeconomica che sta facendo molto male alla Russia, con stime di perdita da 70 miliardi nel 2015 (20 del 2014), ma tutt altro che indolori per l Europa, in particolare perl Italia. GLI INTERSCAMBI La fase 3 concerneva fra l altro l impossibilità di acquistare o vendere obbligazioni e azioni emesse da grandi banche statali russe, l embargo sullo scambio di armamenti, tecnologie e consulenze militari, e interventi mirati a singoli esponenti del cerchio magico di Putin. Il problema riguarda per lo più l Europa, non gli Stati Uniti, il che aiuta a spiegare l intransigenza americana e la titubanza europea. Nel 2013 l interscambio Usa con Mosca è stato di 26 miliardi di dollari, quello Ue di 440. La fotografia della svolta negativa per l Italia nei primi mesi del 2014: rispetto a una crescita costante che dal 2012 al 2013 aveva prodotto esportazioni per quasi un miliardo di euro in più, da gennaio a aprile 2014 c è stata l inversione di rotta con un calo di 170 milioni rispetto allo stesso periodo del Da 3 miliardi 288 milioni a 3 miliardi 118 milioni. Forte il grido d allarme di settori come la moda, l alimentare e in generale il made in Italy. Nei primi 8 mesi del 2014, l export di arredo verso la Russia hapersoquasi l 8 per cento. QUEST ANNO Aparte l amarezza peri dannidel 2014, il timore più grande riguarda il 2015, quando per Claudio Marenzi (Sistema Moda Italia) il calo del sell-in, la vendita all ingrosso verso la Russia, tra il 7 e il 10 per cento nel 2014, potrebbe toccare il 50 per cento. Il crollo del rublo ha determinato la cancellazione di molti ordini e una diminuzione delle presenze di russi in Italia del 70 per cento. A rischio il 20 per cento della occupazione nelle imprese di settore. E se nel 2013 la BRUXELLES HA PRONTA UNA NUOVA LISTA DI 19 PERSONE E 9 SOCIETÀ O ENTI VICINI A PUTIN DA COLPIRE HANNO DETTO Siamo contrari alle sanzioni alla Russia dobbiamo cercare altri strumenti NIKOS KOTZIAS (GRECIA) I negoziati proseguono nella notte molto meglio che in modo super SERGHIEI LAVROV (RUSSIA) Russiaera il quinto mercato perle aziende calzaturiere, nei primi nove mesi del 2014 il calo è stato di oltre il 22 per cento in valore. Uno studio della Coldiretti stima invece in 200 milioni le perdite nel settore agroalimentare. A Madrid unostudio calcola che l Europa ha persoper le sanzioni 22 miliardi di dollari. Il Paese più colpito, la piccola Lettonia che ha visto ridursi dello0,25 percentoilpil. Andrebbe poi computato il calo dell interscambio con l altro protagonista della guerra, l Ucraina di Kiev (un calo di 138 milioni di euro nei primi tre mesi del 2014 dell export italiano, rispetto a una crescita costante dal 2010). Infine, per far respirare l economia ucraina la Ue ha già impegnato alcune decine di miliardi lo scorso anno. IL DANNO PER MOSCA Le sanzioni pesano ancor di più sulla Russia. Nel 2013 la fuga di capitali ha superato i 150 miliardi di dollari e nel 2015 si prevede un calo del Pil del 4,5 per cento e un inflazione al 15. Limitate sarebbero invece le conseguenze nell approvvigionamento energetico per l Italia di un più duro braccio di ferro con Mosca, grazie alla diversificazione delle fonti perseguita dall Eni. Drammatica la situazione per paesi come la Bulgaria, la Slovacchia e l Ungheria, che dipendono interamente dalle forniture di gas che attraversano l Ucraina. Marco Ventura PURA LUCE, PURA ENERGIA.

4 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N: 8 Primo Piano Giovedì 12 Febbraio Strage di migranti nel canale di Sicilia «Oltre 300 morti» Renzi: la Ue agisca `A picco 4 barconi. I superstiti: «Mare grosso, non volevamo partire, costretti con le armi». Il premier: il nodo è la Libia IL CASO PALERMO Mare forza 8, bastava guardarlo per avere terrore. Erano dunque consapevoli di andare incontro alla morte, ma non hanno avuto scelta. Sotto la minaccia di armi automatiche e di bastoni sono stati costretti a salire su 4 gommoni, salpati da una spiaggia alla periferia di Tripoli, destinazione Lampedusa. I trafficanti, primadi spingerein acqua i gommoni, hanno rapinato le vittime di tutto ciò che avesse un valore. LE VITTIME Secondo alcune fonti erano in 430 e secondo altre in 460 i migranti centrafricani in attesa di imbarco. Tutti maschi, inclusi almeno 6 ragazzini di anni. Soltanto 83 sono sopravvissuti. Cosìla stimadi 330 annegatiè solo una nuova riga puramente orientativa nella statistica dell ecatombe mediterranea senza fine. In loro soccorso la Guardia costiera ha coordinato gli interventi di 4 mercantili dirottati, di due motovedette salpate da Lampedusa, di un Atr 42 dello stesso Corpo e un aereo Atlantic della Marina Militare che hanno perlustrato dall alto la zona dei naufragi, al confineconle acquelibiche. Idettagli dell ultima tragedia vanno emergendo dalle testimonianze degli85superstiti. Novediessi sono sbarcati ieri a Porto Empedocle dal mercantile che li aveva soccorsinellanottedi lunedì. Iloro racconti si intrecciano e si riscontrano con quelli dei 76 superstiti. Gli uni e gli altri danno corpo all indagine della Procura. Atto dovuto, senza prospettiva. Gli sbarchi sulle coste italiane * Fonte: Viminale *dato Frontex ANSA LE TESTIMONIANZE Isuperstitihannoin media 25anni, provengono da Mali, Costa d Avorio, Senegal, Niger. «Per il viaggio abbiamo pagato 650 euro a testa», racconta un profugo del Mali. Dunque la tragedia ha fruttato più di un quarto di milione di euro. Un quadrocomplessivo dell affare emerge ricordando che secondo fonti Onu nel 2014 sono stati 218 mila i migranti sul Mediterraneo e questa tendenza proseguirà nel Dunque il bottino annuale è attestato prudenzialmente attorno ai 141 milioni e700 mila euro. «Da settimane- prosegue un secondo sopravvissuto del Mali- eravamo prigionieri in un campo alla periferia di Tripoli. Sabato scorso ci hanno trasferito ad una spiaggia alla periferia della capitale. Il mare era in tempesta, ma hanno detto che passava presto. Siamo stati suddivisi su 4 gommoni, con motori da 40 cavalli, hanno caricato una decina di taniche di benzina, ma niente cibo ed acqua. Molti volevano tirarsi indietro, ma non c è stato nulla da fare, siamo stati costretti sotto la minaccia delle armi». A poche miglia dalla costa i gommoni sono stati flagellati da onde alte 9 metri e sono partite le richieste di soccorso dai telefoni satellitari. Un primo gommone si è aperto come un frutto maturo, i migranti sono finiti in acqua: «Io ed un mio connazionale- prosegue il giovane del Mali- ci siamo aggrappati ad una cima, resistendo sino all arrivo dei soccorsi. In tutto, sono stati coinvolti quattro gommoni. L ennesima tragedia del mare, che ancora una volta riapre la polemica politica. IL GOVERNO «Quando ci sono morti - dice Matteo Renzi intervistato da SkyTg24 - anche soltanto per rispetto l idea di usarli come strumentalizzazione fa male al cuore». La stoccata è rivolta a coloro che, nel dibattito politico, «non guardano la realtà ma solo le proprie posizioni ideologiche». Il premier, che oggi sarà a Bruxelles, aggiunge: «Il problema non è Mare Nostrum o Triton, si può chiedere all Europa di fare di più e domani (oggi, ndr) lo farò. Mailpunto politico - conclude - è risolvere il problema in Libia, dove la situazione è fuori controllo». Lucio Galluzzo LAMPEDUSA Fermo immagine tratto dal video relativo allo sbarco dei migranti soccorsi «Immane tragedia» L elogio di Mattarella per i soccorritori Le massime cariche istituzionali hanno seguito con partecipazione le drammatiche notizie provenienti dal canale di Sicilia. «Sono colpito dalla nuova immane tragedia umanitaria avvenuta in acque internazionali ed esprimo apprezzamento per l'opera dei soccorritori che ha permesso di salvare molte vite», ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Siamo chiamati, come cittadini europei, a rispondere alla nostra coscienza per ciascuna delle vittime del Mediterraneo. Agire ora è già troppo tardi», ha scritto il presidente del Senato Pietro Grasso. Mentre per Laura Boldrini, presidente della Camera: «Di fronte alla strage di Lampedusa non si può non prendere atto che l'operazione Triton è inadeguata. L'Europa deve dotarsi di un sistema di monitoraggio e salvataggio più efficace di quello ora in vigore. Altrimenti ogni espressione di dolore per le tragedie avrà il segno dell'ipocrisia». Un gruppo di immigrati La sfida della Svizzera a Bruxelles: il governo introduce le quote `Nessuna concessione. La Svizzera sfida l'ue limitando l'immigrazione e accogliendo così in toto i risultati del referendum dell'anno scorso. È una denuncia di fatto degli accordi con l'unione europea, determinata a non cedere. Berna prospetta tetti massimi e ingressi contingentati annualmente per tutti gli stranieri in Svizzera, con priorità ai lavoratori già presenti nel Paese. Questa è in sintesi la posizione del governo federale, contenuta in un progetto di legge che risponde al referendum sull'immigrazione del 9 febbraio Con una stretta maggioranza -il 50,3% - gli svizzeri avevano deciso di limitare il diritto alla libera circolazione degli europei, denunciando un precedente referendum del 2000, quando il 67,2% degli elettori aveva dato via libera all'immigrazione dai paesi europei e abolito i controlli alle frontiere. Anche se con toni diplomatici, l'ue ha confermato ieri la linea dura, rifiutando qualsiasi deroga al principio della libera circolazione, una delle pietre angolari della costruzione europea. Sanità, per gli immigrati è allarme prevenzione tumori LA CAMPAGNA ROMA Fumo, alimentazione, alcol, analisi ed esami fatti in ritardo. Il cancro si nutre dell abuso. Gli italiani cominciano, pur lentamente, a cambiare gli stili di vita. Mentre la stragrande maggioranza degli immigrati che ormai vivono qui stabilmente ignorano le regole base per prevenire la malattia. L effetto: si rivolgono al medico quando la situazione è già compromessa e le cure, anche ad alto costo, rischiano di non essere efficaci. IL MEDICO Il 50% degli stranieri non si sottopone a screening e conduce uno stile di vita (dall alimentazione al fumo all eccesso di alcol) collegato all insorgenza di tumori. Anche in giovane età. La lingua, la difficoltà a farsi capire, ostacola la richiesta di cure e di esami: il 13,8% degli immigrati oltre i 14 anni non riesce, infatti, a spiegarsi in italiano e il 14,9% non capisce quello che il medico dice. Una percentuale importante che, unita ad una diffusa disaffezione alla tutela della salute, porta gli immigrati ad avere la diagnosi anche un anno dopo rispetto agli italiani. Proprio per iniziare ad affrontare in modo concreto questa situazione, tenendo anche conto deicontinuiflussi migratori, l Associazione italiana di oncologia medica e la Fondazione Insieme contro il cancro hanno presentato, alla Camera, la campagna La lotta al cancro non ha colore (www.lalottaalcancrononhacolore.org): quattro opuscoli sulla prevenzionein settelingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, filippino, cinese e arabo). Saranno distribuiti attraverso gli ospedali, le organizzazioni di volontariato, le ambasciate e i medici di famiglia. DAGLI ONCOLOGI OPUSCOLI IN 7 LINGUE NELLE CORSIE E NEGLI STUDI MEDICI PER INSEGNARE COME INTERVENIRE La brochure rivolta agli stranieri LA COMUNICAZIONE «Nel nostro Paese risiedono circa 4 milioni e 900mila stranieri, circa l 8,2% del totale della popolazione - spiega Francesco Cognetti presidente della Fondazione Insieme contro il cancro - E la fascia particolarmente a rischio per alcuni tipi di neoplasie come quelle del tratto digestivo superiore, dello stomaco, del polmone, del fegato, el retto, della vescica e del sistema nervoso centrale fra gli uomini e dello stomaco, del fegato e della cervice uterina fra le donne. Inoltre, la permanenza in Italia degli stranieri non migliora in maniera importante la capacità di comunicazione. A distanzadiun decenniodall ingresso il 10,7% dei cittadini stranieri ancora non è in grado di parlare in modo corretto con il medico». I fumatori sono più frequenti tra i romeni, tunisini e ucraini. Quasi un terzo degli stranieri è in sovrappeso (in particolaretra imoldavi, marocchini ealbanesi)mentre per quanto riguarda gli obesi i valori di allarme sono tra gli uomini ucraini e romeni e le donne tunisine e marocchine. VIDEO E SPOT Questa è la prima campagna nazionale per la prevenzione delle neoplasie indirizzata agli immigrati. Si svilupperà, oltre che con gli opuscoli, anche con video e spot sostenuti dalla Presidenza della Repubblica e il patrocinio della Camera e del Senato come ha ricordato la vicepresidente di Montecitorio Marina Sereni. «Abbiamo il dovere di accogliere le persone malate - aggiunge Aldo Morrone, presidente della Fondazione Istituto Mediterraneo di ematologia - l articolo 32 della Costituzione non parla di cittadini ma di individui a cui va garantito il diritto alle cure». Carla Massi

5 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N:CITTA 10 Primo Piano FI, Berlusconi dà i 7 giorni a Fitto: o dentro o fuori E lui: «Ci cacci?» `Assemblea con i parlamentari: niente diktat dalla Lega, pari dignità L ex governatore: siamo passati da viva il premier a viva Salvini Giovedì 12 Febbraio IL CASO ROMA Copione già visto. Smesso l abito del padre della patria «pronto a fare le riforme per il bene del Paese», Silvio Berlusconi indossa di nuovo la maschera del combattente e annuncia ai parlamentari di Forza Italia il cambio di strategia, «un opposizione a Renzi a 360 gradi». Non solo. In coda al suo intervento, questa volta scritto accuratamente, come per voler dare più ufficialità al proclama, va in scena un altra cacciata dal partito. Questa volta il reprobo è Raffaele Fitto, colpevole di aver organizzato «azioni di disturbo che danneggiano la nostra immagine». E, per giunta, «di aver disertato i nostri appuntamenti, anche questa assemblea». I fittiani infatti non si presentano all incontro di ieri con l ex Cavaliere. Che, offeso, dà all ennesimo ex pupillo, gli otto giorni.«una settimana, due al massimo, e poifitto ei suoidevono decidere. O dentro o fuori», avverte. IL DOCUMENTO I forzisti recepiscono, anche se della cacciata non c è traccia nel documentofinale, e si preparano all ennesima scissione. Ma con la memoria tornano allo storico «che fai mi cacci» di Fini, nel 2010, che sancì la fine del Pdl. Da allora in poi, la frana continuò con l uscita di Angelino Alfano e deisuoi.ora cirisiamo. Berlusconi intima: «Raffaele deve rassegnarsi, la minoranza può esprimere il suo dissenso, ma poi è la maggioranza che decide. E poi, mi domando dove può andare IL RETROSCENA Fitto, che, come gli altri, potràracimolare un risicato 1,3 per cento». Il ribelle ex governatore della Puglia, che pure si aspettava l intemerata, dopo aver aspettato invano una smentita da parte del leader, alla fine parla con toni che fanno capire che la scissione forse stavolta è inevitabile.«la domanda nasce spontanea, dopo l'ipotesi di una nostra cacciata. Perché? Perché facciamoopposizione? Perché abbiamo avuto ragione sulle riforme, e, purtroppo, su tutto il resto? Perché troviamo surreale il passaggio in due giorni da un forza Renzi a un forza Al Senato Area popolare Schifani capogruppo L ex presidente del Senato Renato Schifani è stato eletto all unanimità capogruppo del Nuovo centrodestra a Palazzo Madama. Alla presenza del segretario Angelino Alfano, i senatori di Area popolare Ncd-Udc si sono riuniti ieri per eleggere il nuovo presidente del gruppo ed è stato scelto Schifani, che prende il posto del dimissionario Maurizio Sacconi. L ex capogruppo al Senato si è dimesso dopo le polemiche che hanno diviso il partito nella vicenda dell elezione di Sergio Mattarella alla Presidenza della Repubblica. Vicepresidente vicario del gruppo è stato eletto Luigi Marino. ROMA L espulsione diraffaelefitto ancora non c è. Ma c è. E la scissione dei fittiani ancora non è formalizzata. Ma sta nei fatti. E c è già una prospettiva da costruire, ma poi bisognerà vedere con quali forze, nelle mani del leader frondista: un partito conservatore modello Cameron. Così lo definiscono i seguacidifitto eintantocome intutte le scissioni ognuno accusa l altro di volersi scindere. «Questa Forza Italia - è il contrattacco dell ex governatore pugliese processato in contumacia da un Berlusconi infuriato per «l ultima provocazione»: l assenza dei suoi parlamentari nell assemblea di tutti - si è scissa dai nostri elettori, delusi e astenuti. Più di nove milioni. Espelliamo anche loro? Li deferiamo ai probiviri?». Il clima questo è. Due partiti in un partito. Anzi, due partiti e basta. Quello targato Fitto - il quale continua a dire: «Noi non andiamo via e Berlusconi non può cacciarci» - il leader di Arcore già lo ha fatto pesare dalla sua sondaggistadi fiducia, AlessandraGhisleri: «Vale l 1,3 dei voti. Meno della Ncd di Alfano. Ma dove credere di andare Raffaele? Ho avuto con lui tanta pazienza, ma adesso basta». E questa ennesima separazione annunciata finisce per terremotare ancora di più un centrodestra già in preda ad ogni tipo di stress. L ADUNATA Il 21 febbraio Fitto metterà in mostra tutta la sua potenza, se c è, e i suoi Ricostruttori, questa sorta di Forza Italia 2.0 post-berlusconiana, si riuniranno non più al teatro Ghione, ma in un altro teatro molto più spazioso in zona Vaticano. «Sul territorio non ha più nessuno Raffaele, e tutto il potere che aveva Salvini? Per questo, meritiamo un processo popolare?». Tutto si deciderànella convention dei ricostruttori del 21 febbraio, che si annuncia già affollatissima, tanto che, rivela Fitto, «abbiamo dovuto affittare una sala molto più grande». E dopo la messa all angolo dei dissidenti, Berlusconipare archiviare anche il patto del Nazareno, del qualesi addossacongenerosità tutta la responsabilità. «E stata colpa mia, solo mia, ma, comunque, nonsono statoioarompere i patti. Renzi con il suo fare autoritario e il Pd hanno cambiato le carte in tavola», afferma. Insomma, Verdini e Gianni Letta non hanno responsabilità del naufragio dell intesa per le riforme.tuttavia, il leader forzista non chiude del tutto la porta alla mediazione. Non a caso, ripete di voler approvare «solo quello che ci convince». E, alludendo alla riforma istituzionale e alla legge elettorale comunica che «decideremo in aula all ultimo momento». Quindi, non tutto sembra perduto. Per ora, però «Renzi è il nemico numero uno e di lui non c è da fidarsi», ripete ai suoi. Ma sarà giusto invece fidarsi dell altro Matteo, il Salvini della Lega Nord, che detta gli aut-aut, «o con noi, o con Alfano?». L ex Cavaliere, cheincontraanche lameloni di Fratelli d Italia, prova a rassicurare le truppe. «Siamo amici di Salvini spiega- ma nessuno può lanciare diktat sui candidati e sui nostri alleati». Perciò, «sìall alleanzain Veneto, masenza rinunciare alla Campania». Claudia Terracina da ministro glielo ho fatto avere io cheneppure lovolevoalgoverno»: il Berlusconi furioso dice così. Anche se l ex governatore pugliese qualcosa sui territori meridionali ce l ha, in Campania per esempio oltre che in Puglia e in altre parti del Sud da cui partiranno i pullman dell esercito raffaellita per la kermesse romana, e in Parlamento può contare su 40 seguaci. Destinati ad aumentare nel caso Berlusconi e Renzi, l uno contro l altro, volessero precipitare la legislatura verso elezioni anticipate. Ma soprattutto, labomba Fitto puòcambiareequilibri eschemi nel cantiere dei moderati. La sola ipotesi di Gaetano Quagliariello candidato dincdpiùcentrosinistra piùfittiani come governatore della Campania - anche se spiritosamente smentita dall interessato: «Già sono stato ingaggiato come successoredi Benitezalla guidadelnapoli» - fa capire quanto il partito dei Ricostruttori possa sparigliare tutto. E come la scissione (o cacciata) di Fitto, che sembrava potesse avvenire sul versante di destra, ossia in polemica con il renzusconismo, Silvio Berlusconi con Raffaele Fitto Pronta la scissione fittiana: stile Cameron un partito conservatore e intese con Ncd PREPARA I RICORSI CONTRO L ESPULSIONE MA È GIÀ TUTTO PRONTO PER LA KERMESSE DEI «RICOSTRUTTORI» DEL 21 FEBBRAIO Fini: «Facile prevedere accadesse ancora ormai sono ridotti al si salvi-ni chi può» L INTERVISTA ROMA Presidente Fini, la sua cacciata dal Pdl ha fatto scuola? A Fitto toccherà la sua stessa sorte? «Era facile prevedere che sarebbe finita così. In Forza Italia chiunque esprime una posizione politica diversa da quella di Berlusconiallafineviene spintofuori dal partito. Secondo lui, visto che lo criticavo, io avrei dovuto lasciare la carica di presidente della Camera. Da Fitto pretende che smetta di fare politica con la sua testa». Cosa prova di fronte al replay del suo che fai mi cacci? «Da una parte, una certa soddisfazione perchè, alla fine, i fatti mi danno ragione, pur tardivamenteeal nettodegli erroricommessi. Ma dall altra provo moltissima amarezza». Per l atteggiamento di Berlusconi? «No. Berlusconi ormai lo conosciamo. E fatto così. Ha sempre avutoun ideaaziendale delpartito. Per questo tratta i suoi come farebbe unpresidente e amministratore delegato con i manager potrebbe rivelarsi invece come riavvicinamento del leader pugliese alle proprie radici democristiane e inserirsi nel cantiere del nuovo centrodestra a cui lavorano Alfano e gli altri. della sua ditta. Il messaggio è semplice. O si fa come dice lui, o si è fuori. Allora, perchè tanta amarezza? «Perchè il centrodestra, mi consenta la battuta, è ormai ridotto al si salvini chi può. Oscilla tra la deriva lepenista anti europea Gianfranco Fini, 22 aprile 2010 IL PRECEDENTE DELLA CELEBRE FRASE DELL ALLORA PRESIDENTE DELLA CAMERA: «CHE FAI, MI CACCI?» NO LEGA E del resto, l irriducibilità di Fitto a un alleanza con la Lega di Salvini è pari a quella di Alfano e la svolta filo-leghista di Berlusconi trova sia Angelino sia Raffaele sullo stesso fronte del mai e poi mai e del no e poi no. Il grande rimescolamento dei moderati sta dunque cominciando e la rottura tra Fitto e Berlusconi può avere un effetto rimbalzo difficilmente calcolabile al momento ma sicuro. Nell entourage fittiano si ragiona così: «Berlusconi vuole un piccolo partitello dell 8 o 9 per cento, una cinquantina di parlamentari-pretoriani che rispondono personalmente a lui e ai suoi interessi». E Fitto è all opposto di questa tendenza. Spiega a chi ci parla: «Non serve a niente una corte dei miracoli che dà sempre ragione a Berlusconi quando dice una cosa e gli dà ragione anche quando dice la cosa opposta». Quanto al rimescolamento nel centrodestra, ecco come lo spiega Vincenzo D Anna, vulcanico berlusconiano deluso in forza nel gruppo del Gal e molto fittiano: «Noi non solo non abbiamo paura di allearci con il centrosinistra, e per esempio voteremmo un candidato del Pd come Luigi Nicolais se lo mettonoin pistacomegovernatorecampano. Ma soprattutto, abbiamo ottimi rapporti con Ncd. Lo scopo del nostro gruppo è quello di creare un nuovo contenitore di centrodestra nel quale starebbero fuori i pretorianidiberlusconi e dentroil che esprime il segretario della Lega e l ormai scarsissima fiducia dei moderati in Berlusconi, che li stressa cambiando continuamente linea e strategia. Il che, va detto, continua a favorire Renzi, che, al momento, sembra avere la fortuna tutta dalla sua parte». Lei ha creduto nelpatto del Nazareno? «Pochissimo. Sono abituato ai voltafaccia di Berlusconi. Tuttavia non è detta l ultima parola. Ricordo che il leader di FI ha sempre detto di sapersi fare concavoe convesso... mi aspettosorprese». Ha un consiglio per Fitto? «Credo che Fitto già sappia cosa fare. Da tempo ha ben chiaro il suo percorso perchè conosce bene Berlusconi e sa perfettamente che non è mosso da una logica politicaeche, per questo, non accetta il dissenso. La vera domanda non è il destino di Raffaele, ma se e quando qualcuno sarà capace di parlare ancora a quanti si sentono di centrodestra e non si rassegnano al pensiero unico renziano». Cla.Ter. Nella foto twittata da Brunetta l aula semivuota dell assembela FI partito di Alfano. Anche se adesso loro stanno con Renzi e noi contro Renzi, le prospettive di lunga durata, quelle di un nuovo moderatismo non padronale, sono le stesse». E intanto, però, c è da vedere come andrà a finire la vicenda della cacciata di Fitto dal suo partito d origine. Il leader pugliese farà ricorsi su ricorsi, vorrà dimostrare che Berlusconi è un presidente abusivo diun partitosenza statuto ma lui è già pronto a ballare da solo o con nuovi compagni di strada. Mario Ajello

6 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N:CITTA Primo Piano Matteo Renzi Giovedì 12 Febbraio Riforme, linea dura di Renzi: seduta-fiume alla Camera `M5S non arretra, FI e Lega però ritirano i loro emendamenti: in cambio il voto finale a marzo IL RETROSCENA ROMA «Non possiamo farci bloccare da una minoranza». La strigliata di Matteo Renzi arriva di mattina presto e il premier, prima con il ministro Boschi e poi con il capogruppo Speranza, la mette giù pesante: «Senon si fanno le riforme costituzionali e la legge elettorale per me la legislaturaè finita». Le conclusioni tratte dal Rottamatore non suonano nuove ma mantengono inalterata la carica di efficacia. La stessa - sostengono a largo del Nazareno - che asuo tempocontribuìaconvincere Silvio Berlusconi ad accettarei tempi stretti perl approvazione dell Italicum. La prospettiva di una seduta fiume si materializza nel primo pomeriggio di ieri al punto che la presidente della Camera, Laura Boldrini, chiedeaigruppidi mettersiintorno ad un tavolo. Il ministro Boschi tratta con FI, il capogruppo Speranza con la Lega e il sottosegretario Lotti con il M5S. A notte l accordo si trova con FI e Lega che ritirano tutti i sub emendamenti ma non con i grillini malgrado Ettore Rosato offra ai pentastellati anche lo slittamento a marzo del voto finale. La seduta si interrmpe più volte per ripulire il testo dai sub-emendamenti, ma la seduta diventa fiume e costringe i deputati a restare sui banchi per tutta la notte e oltre. CAOS Renzi non molla e l irritazione del presidente del Consiglio per le tattiche ostruzioniste silenzia la minoranza Dem e spinge i gruppi di opposizione a trattare, ma le posizioni risultano subito molto distanti. I più turbati e indecisi sono i deputati di FI i quali nel pomeriggio sono usciti dall incontro con Berlusconi con le idee più confuse di prima. «Su riforme e Italicum decideremo alla fine - sostiene il Cavaliere - nel frattempo votiamo ciò che ci piace». In sostanza un tana libera tutti che rende vuote le minacce del capogruppo di FI a Montecitorio mentre il gruppo azzurro vota in ordine sparso per tutta la giornata. Renzi ha fretta. Il meccanismo che permette a Montecitorio di presentare sub-emendamenti ad ogni inizio seduta sulle leggi costituzionali, rischia di paralizzare per sempre la riforma e di mandare in stallo tutta l attività del governo. OPA Le riforme rappresentano per Renzi il biglietto da visita in Europa e oggi intende presentarsi a Bruxelles non certo meno forte perché il Patto del Nazareno è L INTRANSIGENZA DI PALAZZO CHIGI INDUCE LE MINORANZE A CERCARE UN COMPROMESSO `L avvertimento del premier: se non si fanno nuovo Senato e Italicum, legislatura finita saltato. «Le riforme le portiamo a casa, questa è la volta buona», ripetain serata il premieraimicrofoni di Sky. Lo sfoggio di ottimismo deve però fare i conti con i regolamenti della Camera che nonprevede canguri e accorpamenti di emendamenti. ISTINTO Con Berlusconi Renzi continua ad andarci cauto e alterna il bastone della riforma del settore radiotelevisivo o dei 50 milioni in più da pagare per le concessioni, alla carota rappresentata dal rinvio a maggio della norma del 3%. Renzi è convinto che l abito del padre della Patria che dà i suoi voti per rinnovare le istituzioni sia l unico che possa indossare il Cavaliere stretto tra la morsa di Salvini che ha lanciato un pesantissima opa sul centrodestra, e la minoranza guidata da Raffaele Fitto che rappresenterà pure l 1,3%, ma che da sola è in grado 11 di appannare la leadership dell ex presidente del Consiglio. Il Cavaliere, in vista anche delle elezioni regionali, non sembra voler far passi indietro ma ha messo da parte la «deriva autoritaria» e ai gruppi fa votare un documentomolto morbidonei confronti delle riforme. Il sospetto che Berlusconi voglia rimettersi al tavolo con Renzi per siglare un nuovo patto tiene in allarme Fitto, ma in realtà è solo un modo cheil Cavalierehapertenere unitoilpartito. Sull istintodi sopravvivenza del Parlamento Renzi conta molta e non ne fa mistero. A temere il voto anticipato sono soprattutto coloro che contestano le rispettive leadership e stavolta, a differenza di quando spuntarono iresponsabili, il partito di maggioranza non deve andarsi a cercare nuovi Stabilizzatori: si offrono da soli. Marco Conti Sfiorata in aula la rissa tra Ncd e Lega L intervento dei commessi alla Camera ha impedito la rissa Mail di Matteo a 30 esperti tv «Datemi idee per la nuova Rai» IL CASO ROMA La cartella con scritto Rai è sul suo tavolo. Chiederà consigli, sentirà i «suoi» e anche «gli altri» ma poi farà di testa sua come ha sempre fatto. Da Palazzo Chigi ieri è partita intanto una mail indirizzata a un trentina di esperti di mediae operatori. Firmatario appunto, lui, Matteo Renzi. Tra i destinatari i membri dem della Vigilanza, il capogruppo in Senato Luigi Zanda, alcuni ex direttori e Antonio Campo dell Orto che in futuro potrebbe avere un ruolo importante. A tutti il premier chiede idee e contributi su come rilanciare e rifondare il servizio pubblico. Che non vuole ridimensionare. Anzi. Il contrario, dice. L AGORA La tv pubblica nel disegno renziano è un pilastro fondamentale per ampliare la partecipazione dei cittadini purché garantisca «l equidistanza dell informazione». Un agorà mediatica che accompagni «la svolta e sia in grado di sintonizzarsi con il Paese». Come? Il percorso legislativo va individuato. Di sicuro nei prossimi mesi il Parlamento sarà chiamato a esaminare alcune proposte di legge per modificare la normativa sulle nomine del cda Rai e sul vertice. Nel documento che oggi la commissione di Vigilanza voterà a San Macuto i democrat hanno richiesto che si facesse espresso riferimento a un disegno di legge perriformarela disciplinadelcanone e garantire risorse sicure negli anni futuri. IL CAPO DELL ESECUTIVO NON DELEGA A NESSUNO IL DOSSIER SULLA GOVERNANCE DI VIALE MAZZINI MODELLO BBC FORMATO BBC Definire modalità e criteri della nuova governance è considerato dal Rottamatore il vero passaggiocruciale. Al Parlamentocompete il ruolo di garante dell imparzialità dell informazione. La Rai ha rappresentato finora plasticamente l esatto contrario. Da qui la necessità di «rovesciare l azienda come un calzino». Il modello a cui ci si ispira è la Bbc, e non solo dal punto di vista organizzativo. Una persona giuridica amministrata da un cda ristretto e fondata su una sorta di RoyalCharter che ne fissi i caratteri e le funzioni riconoscendone l indipendenza editoriale. Ma questo della governance è un capitolo ancora tutto da scrivere, anche se il presidente del Consiglio accelera. La Bbc, a tutela dei cittadini che pagano il canone, ha posto un Trust e un Executive Board. La nuova Rai potrebbedipendere da una Fondazione riducendo i poteri che ha l attuale commissione bilaterale di Vigilanza, un ad con ampi poteri, un dg organizzativo. La sede Rai di viale Mazzini Le risorse della Rai INTROITI 2013 Incidenza PUBBLICITÀ 24,8% 682-8,5% Fonte: bilancio Rai ATTIVITÀ COMMERCIALI 10,5% ,4% STOP ESTERNI Oggi intanto la Vigilanza dovrà esprimere un parere sul piano Gubitosi. E tutto lascia pensare che la relazione di Pino Pisicchio, (capogruppo del Misto), frutto di una lunga mediazione, possa passare sia pure con i voti contrari del centrodestra. Il piano proposto dal dg di viale Mazzini, presentato ormai una vita fa, prevede l accorpamento dei tg in due grandi newsroom. A favore dovrebbero votare, se non ci saranno colpi di scena, anche i grillini. Nell ultima formulazione i toni si sono fatti meno sfumati. Si IN COMMISSIONE DI VIGILANZA OGGI IL PARERE SULL ACCORPAMENTO DEI TG: PIANO DA MODIFICARE Milioni di euro milioni di euro Variazione sul 2012 CANONE 63,9% ,4% ALTRE ENTRATE 0,7% 19 ANSA ritiene «non più rinviabile il processodiriforma». Si chiededi razionalizzarele risorse umane; ridimensionare drasticamente «il ricorso a risorse esterne»; nonchédifavorire «la differenziazione delle offerte» e attingere «quanto più possibile» alle risorse interne. Alcuni punti sono in evidente contraddizione fra loro. Una formulazione pilatesca per mettere tutti d accordo? I MARCHI TG RESTANO Le prescrizioni richieste alla commissione di San Macuto sono ben 17. Il punto più contestato, il 3, riguardava il futuro delle testate giornalistiche che nel progetto dovrebbero agire in modo sinergico ed integrarsi. Ebbene, nella risoluzione finale, Tg1, Tg2, Tg3, Tgr, Rainewse RaiParlamentorestano con illoroprofilo editoriale» e con i loro «rispettivi marchi». Ma non è chiaro se per garantire questa «varietà di offerta» resteranno anche gli 8 direttori e i 32 vice che Gubitosi vorrebbe tagliare. Nel punto 6 si chiede poi di trasmettere alla Commissione un «documento dettagliato recante le informazioni necessarie a monitorare che i risparmi prospettati nel progetto siano conseguiti». Domanda: il vertice Rai potrà dare il via libera al Piano o invece dovrà riformularlo? All Usigrai questo piano non è maipiaciuto. Le pressioniper cestinarlo non sono mancate. Ma Renzi e i renziani non vogliono fermare un progetto di ottimizzazione delle risorse. Ecco allora lo stallo durato finora ben 7 mesi. «Questo parere non può essere disatteso, rappresentiamo la sovranità popolare», ribadisce Pisicchio, che per trovare una quadra ha sudato le proverbiali sette camicie. Prima di mettere ai voti il documento il relatore chiederà ai gruppi di ritirare i dieciemendamentipresentati ieri entro le ore 14. Si parla di una proroga del cda, ma intanto alla fine del prossimo mese di aprile il cda terminerà il suo mandato. Gubitosi ha fatto sapere ai suoi che lavorerà fino all ultimo giorno. Potrà anche fare le nomine? Avviare la riforma? E la richiesta del ministro dell Economia Padoan di sostituire la dimissionaria Luisa Todini? Aspettando Renzi, viale Mazzini sfoglia la margherita. Claudio Marincola

7 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N: Primo Piano `Vertice Renzi-Padoan, slitta il decreto che contiene la cosiddetta norma salva-berlusconi. Il premier: «Il Cavaliere non c entra» Giovedì 12 Febbraio Fisco, la riforma rinviata a settembre `Il governo verso una proroga di sei mesi. Primo esame del testo soltanto a maggio. Frodi e accertamenti, i nodi che restano aperti 13 IL CASO ROMA Nuovo colpo di scena sul decreto fiscale che tra le varie norme contiene anche quella ribattezzata salva-berlusconi. La riforma dei reati fiscali non sarà approvata nel consiglio dei ministri del 20 febbraio, come lo stesso governo aveva annunciato, ma resterà nel congelatore per almeno altri tre mesi, fino a maggio. A decidere di posticipare di nuovo il via libera al provvedimento già approvato la vigilia di Natale e poi ritirato dopo le polemiche sulla franchigia del 3 per cento per i reati di frode fiscale, è stato direttamente il premier Matteo Renzi. Ieri, in un vertice a Palazzo Chigi, Renzi ha incontrato il ministro dell Economia Pier Carlo Padoan e il suo vice Luigi Casero. Ufficialmente la motivazione del rinvio è la volontà di fondere il decreto sui reati fiscali con un altro provvedimento che il Tesoro sta finendo di mettere a punto, quello sulla revisione degli accertamenti da parte del Fisco. Ma secondo alcuni, la decisione di Renzi sarebbe nient altro che una nuova ritorsione nei confronti di Berlusconi per la rottura del Patto del Nazareno dopo l elezione a Presidente della Repubblica di Sergio Mattarella. Interpretazione che, tuttavia, il premier ha subito rigettato. «Abbiamo deciso di verificare bene la delega fiscale», ha detto ai microfoni di SkyTg24. «Tutti dicono che salva Berlusconi», ha aggiunto, «ma Berlusconi con questa vicenda non c entra niente». Eppure dal punto di vista tecnico il provvedimento è pronto da tempo. Anche gli ultimi nodi sarebbero ormai stati sciolti. La franchigia del 3 per cento per i reati fiscali dovrebbe restare, ma ci sarebbe una esplicita esclusione delle frodi fiscali che rimarrebbero sempre punibili. Verrebbe inoltre inserito anche un tetto massimo, oltre il NIENTE FRANCHIGIA DEL 3 PER CENTO IN CASO DI FRODE LA NON PUNIBILITÀ CI SARÀ SOLO PER ERRORI MATERIALI LE MISURE quale scatta sempre anche il procedimento penale. Ma la soglia del 3% non è, probabilmente, il nodo più delicato sul quale è in corso il confronto tecnico. LA QUESTIONE DEL RADDOPPIO La questione più spinosa riguarda un altranorma, quella sulraddoppio dei termini di accertamento. Il Fisco ha quattro anni per perseguire gli evasori, ma se c è una denuncia penale questo tempo si raddoppia. La riforma fiscale prevede che il Fisco possa avere a disposizione i tempi supplementari solo se la denuncia penale è presentata comunque entro i primi quattro anni. Non solo. Il testo approvato alla vigilia di Natale prevede anche la decadenza di tutti gli accertamenti dell Agenzia delle Entrate non ancora definitivi e per i quali il termine dei quattro anni è già scaduto. Il neo direttore delle Entrate, Rossella Orlandi, ha inviato una lettera al ministro dell Economia Padoan nella quale lamentacheinquesto modofinirebbero cestinati procedimenti per oltre 15 miliardi di euro. Su questo il Tesoro ha già individuato una soluzione. La nuova versione del decreto farà salvi tutti gli accertamenti già «notificati» anche se non ancora divenuti definitivi. Il nuovo stop impresso da Renzi alla delega fiscale renderà necessaria, come annunciato ieri dal vice ministro Casero, una proroga deitempi. I decretidovevanoessere tutti firmati dal capo dello Stato entro il 27 marzo. Il governo presenterà un emendamento al decreto Imu per allungare i tempi di sei mesi. La riforma, ha spiegato ancora Renzi, entrerà in vigore da settembre. «Il fisco come giudice, inteso come accertamento, riscossione e abuso del diritto», ha affermato il premier, «lo stiamo studiando, riflettiamo per evitare che accada una schifezza. Ma dal primo settembre», ha detto, «avremo un sistema che funziona, dove si riescono a riportare a casa tutti i soldi». Un affermazione riferita anche al caso Falciani. L Italia, ha sottolineato Renzi, ha contestato 740 milioni di potenziale evasione e ne ha portati a casa solo 29, mentre la Francia è riuscita a riaverli tutti. Andrea Bassi ROMA La tassa sulla fortuna, il balzello che chi vince a un gioco, sia esso il Supernalotto, piuttosto che il Gratta e Vinci, deve versare allo Stato, potrebbe salire dal 6 all 8 per cento. È una delle novità contenute nell ultima bozza del decreto legislativo di riforma del settore dei giochi, uno dei provvedimentidi attuazione delladelegafiscale che saranno esaminati dal consiglio dei ministri del 20febbraio. Rimandata a settembre l entrata in vigore del decretopiùdelicato, quello sullarevisione del sistema sanzionatorio per l evasione e l elusione fiscale, all esame di Palazzo Chigi venerdì della prossima settimana dovrebbero arrivare tre testi attuativi. Il primo è, appunto, quello di riforma del settore dei giochi. Il secondo riguarderà la revisione delle rendite catastali degli immobili che saranno parametrate ai valori di mercato e, il terzo, sarà invece un provvedimentoperl attrazione degliinvestimenti esteri attraverso il «ruling», una sorta di patto con l Agenzia delle Entrate per rendere certa l interpretazione delle norme fiscali per coloro che intendono avviare attività produttive in Italia. LA BOZZA Il provvedimento sui giochi è molto complesso. L ultima bozza, che Il Messaggero ha potuto visionare, si compone di ben 112 articoli e riscrive la disciplina dell intero sistema. Sui giochi vienestabilitauna «riserva statale». Significa che Comuni e Regioni non potranno dettare norme in contrasto con quello dello Stato. In moltepartidellapenisola, sindaci e governatori stanno Il ministro dell Economia Padoan Abuso del diritto L elusione non più reato penale Il decreto slittato di nuovo a settembre è stato ribattezzato sin dalla sua nascita «certezza del diritto». Il motivo è che al suo interno è contenuta una norma molto attesa dal mondo delle imprese, la definizione della nozione di abuso del diritto e la sua depenalizzazione. L abuso del diritto si ha quando si mette in atto un comportamento considerato lecito dalle norme tributarie ma che può essere perseguito dal Fisco se il suo unico fine è pagare meno tasse. Il decreto stabilisce dei precisi paletti alle contestazioni possibili da parte del Fisco, stabilendo il diritto per le imprese a scegliere, tra due vie possibili, quella fiscalmente più conveniente. In ogni caso l abuso non sarà più un reato penale. Tetto all evasione Così cambia la franchigia del 3 per cento La bozza del provvedimento approvata dal consiglio dei ministri del 24 dicembre e poi ritirata, prevedeva una franchigia del 3% sotto la quale i reati fiscali non sarebbero stati puniti penalmente. Una norma che, secondo alcune interpretazioni, avrebbe permesso la riabilitazione di Silvio Berlusconi facendo venire meno la condanna per frode fiscale nel caso dei diritti Tv. La norma sarà rivista. Dalla soglia saranno esclusi i reati di frode, mentre saranno ricompresi solo quelli connessi a meri errori materiali (infedele dichiarazione). Sarà anche inserito un tetto in valore assoluto oltre il quale il procedimento penale sarà comunque avviato a prescindere dalla regola del 3%. Giochi, tassa dell 8% sulla fortuna Rispunta l ipotesi della web tax «GAMING HALL» E SALE SEGRETATE IL GOVERNO METTE UN FRENO ALLA PROLIFERAZIONE DELLE SLOT MACHINE Raccolta Giochi 2014 Dati in milioni di euro RACCOLTA Diff. % Slot + Vlt ,2 Lotto ,6 Lotterie ,7 Bingo ,9 Gioco a base ippica ,4 Gioco a base sportiva ,3 Scommesse Virtuali Giochi numerici a totalizzatore ,0 Poker a torneo e skill games ,1 Poker cash ,1 Casinò Games ,1 Totale ,4 Stime Agipronews su dati Monopoli Nuovo catasto Valori legati al mercato e metri quadri Il decreto in arrivo getterà le basi, ma per completare il processo di riforma del catasto serviranno almeno cinque anni. Un lavoro immane che punta a modernizzare l assetto definito prima della Seconda guerra mondiale e non più ritoccato da oltre un quarto di secolo. Ci sono alcuni principi base: il passaggio dall attuale unità di misura dei vani ai metri quadrati e l ancoraggio dei nuovi valori catastali a quelli di mercato, rilevati nei tre anni precedenti attraverso gli atti di compravendita. La determinazione finale delle rendite avverrà attraverso un algoritmo che prenderà in considerazione dati dell immobile quali la posizione o le caratteristiche costruttive. Statali Madia: gli idonei nei concorsi non hanno diritto all assunzione I concorrenti risultati idonei ai concorsi pubblici meritano attenzione ma non possono avere un diritto all assunzione. Mentre i docenti della scuola che vorrebbero andare in pensione con le regole precedenti alla riforma Fornero saranno accontentati limitatamente a circa persone su Marianna Madia, ministro della Pubblica amministrazione, ha risposto così in Parlamento alle richieste di due categorie diverse che da tempo cercano di far sentire la propria voce. La questione delle graduatorie dei concorsi pubblici è annosa, ma una svolta - negativa per gli interessati - è arrivata con la recente legge di Stabilità che ha disposto l assorbimento presso gli uffici statali, regionali e comunali dei lavoratori ritenuti in esubero nelle Province. Inevitabilmente vengono penalizzati coloro che avendo vinto un concorso o essendo comunque risultati idonei attendevano l assunzione: Madia ha però specificato che solo i primi possono vantare un diritto. Quanto invece alla scuola, il ministro ha specificato che su circa lavoratori che avrebbero maturato il diritto alla pensione nel 2012 un migliaio potranno usufruire della sesta misura di salvaguardia messa in campo per i cosiddetti esodati (si tratta di quelli che nel 2011 avevano preso dei congedi per assistere parenti malati e disabili. Gli altri dovranno invece continuare a lavorare, perché il governo ha deciso di concentrare le risorse disponibili sull assunzione degli insegnanti precari. Una slot machine. Il governo ha deciso di limitare la proliferazione degli apparecchi da intrattenimento da tempo limitando la presenza di sale scommesse imponendo distanzeminime da qualsiasicosa, dalle scuole fino ai cimiteri. Questo non sarà più possibile. Sarà direttamente il governo a dettare norme uniformi su distanze e requisiti dei luoghi dove sarà possibile tentare la sorte. Buona parte dei giochi, dalle videolotteries al Bingo, fino alle scommessesportiveea quelleippiche, saranno consentitisoltanto in delle «gaming hall», delle sale giochi ad accesso sorvegliato e riservato ad un pubblico maggiorenne. Le vecchie slot machine potranno continuare ad operare in altri esercizi commerciali solo in forma «segregata», ossia in un apposita sala separata e sorvegliata. Nel provvedimento sul ruling, invece, il governo starebbe valutando l ipotesi di introdurre una sorta di web tax. L idea sarebbe quella di rivedere la nozione di «stabile organizzazione». Oggi un' impresa straniera può essere qualificata dal Fisco come italiana, se si dimostra che ha una struttura fisica nel Paese, come dei dipendenti, degli stabilimenti produttivi, una sede. Ma per le aziende che operano sul web, questi requisiti non necessariamente sono presenti. Anzi, nella maggior parte dei casi non ci sono. Le filiali italiane vengono generalmente indicate come semplici società di servizi che affiancanolacasa madre. L'ideadelTesoro sarebbe quella di rivedere la nozione di «stabile organizzazione», aggiungendo per lesocietà di internet, un ulteriore requisito: quello del fatturato. Se una società del web fattura in Italia una cifra superiore ad una certa soglia, verrebbe automaticamente qualificata come italiana, con l'obbligo di pagare nel paese le imposte dirette e indirette. A. Bas.

8 -MSGR - 20 CITTA /02/15-N: Cronache `Marche, tra i 66 indagati il governatore Spacca. Contestati cene, telefonini, olio al tartufo e perfino lardo di Colonnata Giovedì 12 Febbraio Occhiali e stendini a spese della Regione `L assessore Giorgi avrebbe indicato una residenza più lontana per truffare sui rimborsi. Nei guai anche il segretario Pd Comi 15 IL CASO ANCONA Più che spese pazze sono peccatucci. Ma le debolezze dei consiglieri regionali sarebbero costate un milione in cinque anni ai contribuenti marchigiani. Questo il conto presentato dalla Guardia di Finanza alla Procura di Ancona, che ha firmato ieri 66 avvisi di fine indagine contestando il peculato e un episodio di truffa. Tra i presunti spendaccioni ci sono un po tutti: dal governatore uscente Gian Mario Spacca (che viene bacchettato anche per l acquisto di un paio di occhiali), alpresidente dell Assemblea legislativa Vittoriano Solazzi, al segretario regionale del Pd FrancescoComi, agli assessoriluigiviventi, Maura Malaspina, Sara Giannini e Paola Giorgi. L inchiesta riguarda due legislature, dal 2008 al 2012, e vale anche in prospettiva politica. A maggio si vota per le regionali e l accusa non faciliterà Spacca, orientato a candidarsi con una sua lista dopo il divorzio dal Pd. Delicata infine la posizione della Giorgi, che avrebbe fatto finta di abitare a Matelica quando invece risiedeva ad Ancona, per aumentare i rimborsi mensili di trasporto. Tra pranzi e cene spesso con IPOTIZZATO UN MILIONE DI SPRECHI IN CINQUE ANNI NEL MIRINO DEI PM I CONSIGLIERI DI TUTTI I PARTITI commensali estranei all ente Regione, una capatina al ristorante per l onomastico della moglie, Spacca avrebbe comprato anche un paio di occhiali da 700 euro con fondi pubblici, soldi poi restituiti. Il segretario Pd Comi è accusato di aver fatto la cresta sui fondi chilometrici. Pranzetti, spese di telefonia e benzina sono le contestazioni che ricorrono nelle 111 pagine dell atto giudiziario. Poi la sarabanda delle curiosità. LE CURIOSITÀ Sarà interessante capire come il consigliere Franco Sordoni giustificherà l acquisto di un frigorifero da tavolo e uno stendibiancheria (al Lidl). Franco Capponi, all epoca capogruppo Fi, dovrà rendere conto dell acquisto di: miele, torte, mostarda, ladro di Colonnata, olio tartufato, formaggio tartufato, al peperoncino, di noci e di fossa. Un frigorifero l ha comprato anche il consiglieredinolatini. Chissà che attività svolgeva di sera, l assessore Malaspina, in una cena con due bambini? Di un altro pranzo, ugualmente contestato, si conoscono almeno i commensali: il Gruppo folcloristico di Ortezzano. E che ci avrà fatto il consigliere della Lega Enzo Marangoni con 40 calcolatrici marca Texas? La Procura, poi, pone il dubbio su una ricevuta del consigliere Erminio Marinelli rilasciata da una società che si occupa di discoteche, sale da balloe night. Ei libri IlPaesedellePrugne e LaPrincipessasulPisello comprati da Adriana Mollaroli che c azzeccano con il Consiglio regionale? Ah, saperlo. Giovanni Sgardi La sede del Consiglio regionale delle Marche Mattarella al Csm e accordo sulla prescrizione LA GIUSTIZIA ROMA Il presidente Mattarella presiede il suo primo plenum al Csm in occasione dell elezione, unanime, di Pasquale Ciccolo nuovo pg della Cassazione. Lo fa sollecitando il Csm a provvedere «con tempestività» alle altre nomine che, a causa dell abbassamento a 70 anni dell etàpensionabile dei magistrati, imporrà un ricambio di 500 vertici entro la fine dell anno. Contemporaneamente, il Guardasigilli Orlando riunisce i parlamentari di maggioranza delle commissioni giustiziaper trovare la quadra sulla prescrizione. La decisione del governo si concretizzerà oggi con un emendamento al testo base in Commissione Giustizia alla Camera in cui si prevede: 1) lo stop dei termini di due anni dopo la sentenzadicondannadiprimogrado edi un anno dopo l appello; 2) una norma transitoria in base alla quale la nuova prescrizione allungata non varrà per i processi in corso. Un nodo, quest ultimo, lungamente dibattuto. Orlando ha mantenuto il punto: la norma transitoria ci sarà, nonostante alcuni parlamentari del Pd la ritengono «ultronea» perché una previsione più sfavorevole non si applicherebbe in ogni caso ai processi in corso. Incluso quello in corso a Napoli dove Berlusconi è imputato per la compravendita di senatori. Il Guardasigilli avrebbe fatto notare che il governo aveva già previsto la norma transitoria: non metterla più significherebbe incorrerein un «fallodi reazione». Quanto all ipotesi di un doppio binario per allungare ulteriormente iterminidi prescrizioneper lacorruzione e la concussione, Orlando starebbe ragionando su un innalzamento da due a tre anni dello stop dopo la condanna di primo grado. Sil.Bar. La Cassazione «Franzoni ai domiciliari decisione da rivedere» Torna il alto mare il caso di Anna Maria Franzoni. La Cassazione ha accolto il ricorso della Procura di Bologna contro la concessione dei domiciliari per la donna condannata nel 2008, in via definitiva, a 16 anni di reclusione per l omicidio del figlio Samuele, avvenuta a Cogne il 30 gennaio Ora il Tribunale di sorveglianza di Bologna dovrà riesaminare la sua decisione. Così ha deciso la Prima sezione penale del Palazzaccio. Nei mesi scorsi, invece, il sostituto Procuratore generale della Suprema corte Francesco Salzano aveva dato parere favorevole alla concessione dei domiciliari e aveva chiesto il rigetto del reclamo della magistratura di Sorveglianza. La Franzoni si trova in detenzione domiciliare a Ripoli di Santa Cristina, un paese dell Appennino emiliano. Il giorno 8/2 u.s. e deceduto FRANCO CALLIGARI ne danno notizia, ad esequie avvenute, il fratello SERGIO ed il figlio STEFANO insieme ai familiari MARISA, LIDIA, EMILIO, ENRICO e PAOLO. E mancato improvvisamente all affetto dei suoi cari Ne danno il doloroso annuncio la moglie LORRAINE, i figli CARLO FILIPPO e LUDOVICA con ROMOLO e la piccola CHLOE. I funerali saranno celebrati venerdì 13 Febbraio alle ore 11,30 nella parrocchia del Sacro Cuore Immacolato di Maria in piazza Euclide, Roma. Non fiori ma opere di bene. OOFF URBE MASSIMO, MARIA LAURA e MAURIZIO, con PAOLA ed ANGELA ed i figli MARCO e MARINA, GIOVANNI e MARIA GIULIA, ANTONIO e CARLA, annunciano con profonda tristezza l improvvisa scomparsa dell amato fratello GIUSEPPE Le esequie si svolgeranno presso la chiesa Sacro Cuore di Maria venerdì 13 febbraio 2015 alle ore 11:30 Ad un amico, ad uno zio con il quale abbiamo condiviso una vita piena di gioie, risate e di speranze. CRISTINA, ANDREA, ILARIA, ALLEGRA e LUDOVICA Gli amici della BANCHERO COSTA partecipano sentitamente al lutto che ha colpito la famiglia D AMICO per la prematura perdita del caro COMANDANTE GIUSEPPE D AMICO Genova, 12 febbraio 2015 Il Presidente, il Consiglio Direttivo e tutti i Soci del Circolo Canottieri Aniene partecipano con profondo dolore al lutto della famiglia per la scomparsa del carissimo amico e consocio Socio Effettivo dal 2000 STEFANO ZAMPIERI piange GIUSEPPE impareggiabile compagno di voga e di vita ROMA, 12 febbraio 2015 ALBERTO ACCIARI con LODOVICA, LORENZO e JACOPO piange il suo capitano, amico, compagno, si stringe alla famiglia e abraccia con affetto tutte le persone che lo amano e gli vogliono bene Presidente, Amministratori, Dirigenti e Dipendenti del Gruppo Cambiaso Risso partecipano al dolore della famiglia d AMICO per la scomparsa del Cap. Genova, 12 febbraio 2015 MARCO RISSO e MAURO IGUERA profondamente commossi sono vicini alla famiglia d AMICO con tanto affetto per la prematura scomparsa del caro amico GIUSEPPE Genova, 12 febbraio 2015 CARLO FEDERICO, FLAMINIA con LUDOVICO MARIA ed EDOARDO MARIA partecipano con grande affetto al dolore della famiglia per l improvvisa dipartita del loro caro congiunto amico carissimo Roma, 11 febbraio 2015 Tutti gli amici e collaboratori della P. L. Ferrari & Co. affranti per la triste notizia partecipano commossi al dolore della famiglia per l immatura scomparsa del caro Genova, 12 febbraio 2015 LUIGI e ROSA FARENGA piangono per l improvvisa scomparsa del caro e impareggiabile amico PAOLO e NOEMIA d AMICO, con ANTONIO CARLOS, FRANCESCA, ALESSIA ed ANTONIA si stringono alla famiglia con immensa tristezza per la perdita del Capitano Il Presidente ed i Soci tutti del Roma Polo Club partecipano al dolore della famiglia per la perdita del consocio Roma Polo Club Ciao Capitano GIUSEPPE anche questa volta hai concluso la tua missione a modo tuo. Ora potrai remare più forte continuando a guardarci dall alto. CESARE e ADELINA, SALVATORE e BENEDETTA, LORENZO e VIOLA, EMANUELE e VERONICA ROMA, 12 febbraio 2015 GIOVANNELLA con PIERANGELO, MASSIMILIANO con GIORGIA, CRISTIANO con ISABELLA sconvolti si stringono con infinita tristezza a LORRAINE a LUDOVICA a CARLO FILIPPO e ai cugini MASSIMO, LAURA e MAURIZIO per l improvvisa scomparsa del Capitano GIUSEPPE Hai sempre vissuto come se fosse l ultimo giorno, volendo assaporare ogni attimo della vita. Ci lasci un grande vuoto; ci mancheranno le tue risate e la tua immensa energia positiva. GIORGIO e PAOLA, SIMONA, STEFANO e ANNA, LORENZO e MONICA, FRANCESCO e GIOIA, ROBERTO e SIMONETTA si stringono forte a LORRAINE, CARLO FILIPPO e LUDOVICA nel ricordo di amico di sempre. On. Fun. SENATORE 06/ DUCCIO e MARINELLA con BENEDETTA GIACOMO e SIVIA sono vicini a LORRAINE, CARLO FILIPPO, LUDOVICA e famiglia in questo triste momento per la perdita del nostro amato GIUSEPPE ROMA, 12 febbraio 2015 I dipendenti e i collaboratori tutti della d Amico Società di Navigazione, unendosi al dolore dei familiari, partecipano al lutto per l improvvisa scomparsa del Comandante Presidente, Consiglieri, Dirigenti, Comandanti, Impiegati ed equipaggi della Fratelli d Amico Armatori S.p.A. sono vicini alla famiglia nel ricordo del Capitano ANNA CIPOLATO e ROBERTO PENZO profondamente addolorati partecipano al lutto della famiglia per l immatura scomparsa del Capitano che ricorderanno sempre con molto affetto. Si associano al lutto dipendenti Orsoleo Assicurazioni Srl PAOLO CLERICI partecipa al dolore della famiglia per la scomparsa di Milano, 12 febbraio 2015 Il Tuo Equipaggio. FABIO FARINA, GUIDO FORMILLI FENDI, LELLO LEONARDO, LUCA VALENTINI, STEFANO MONACO, LUCA BRAGUGLIA, DARIO DENTALE, MASSIMO ROMITI, DARIO PICONE, GAETANO IANNUZZI, BENNY CARBONE, ASAD VENTRELLA, FLAVIO IARDINO, MARIO MAZZANTI, GIOVANNI SUAREZ, VALERIO BORSETTI. Funus Servizi Funebri e Servizi Cimiteriali Ciao, GIUSEPPE Amico di una vita. Ci mancherai. Un abbraccio a LORRAINE, CARLO FILIPPO e LUDOVICA. ENRICO e SOFIA A Munita dei conforti religiosi si è spenta in Roma la Marchesa MADA del CARRETTO di NOVELLO ne danno annuncio i parenti tutti insieme a VAIA e LIDIA, che l hanno accudita con affetto. Le esequie si svolgeranno oggi 12 febbraio alle ore nella chiesa di Santa Maria Mater Dei (Don Orione) Via della Camilluccia, 120. Cattolica Romana A Il marito, i figli, i fratelli, i cognati e i nipoti annunciano la scomparsa della cara TERESA FORTUNATO in MARRA avvenuta il 10/02/2015. I funerali avranno luogo oggi ore nella Basilica di San Lorenzo fuori le mura Piazzale del Verano n. 3 - Roma San Giovanni srl tel. 06/ A Il giorno 11 febbraio 2015, all età di anni 87, è tornato alla Casa del Padre ENRICO PIACENTINI Maestro del Lavoro La moglie MARIA TERESA, i figli LINO, ANTONELLO e VALERIO, con le nuore e i nipotini, lo comunicano a quanti lo conobbero e lo stimarono. I funerali si celebreranno il giorno 12 febbraio alle ore presso la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Mater Ecclesiae (Via Shangai, 10 - Piazza Cina- Torrino Sud); a seguire la tumulazione nel Cimitero di Paliano. Un grato ringraziamento ai volontari dell AIL. Non fiori ma le offerte raccolte nel corso delle esequie verranno devolute alle MC di Madre Teresa di Calcutta. Roma, 11 febbraio 2015 LA SAN LUCA SRL Tel. 06/ Via Erasmo Gattamelata, 104 Roma A E venuta a mancare FERNANDA SCHIAVETTI Ved. TURRIZIANI Ne danno il triste annuncio FRANCO, LUCIA e i nipoti tutti. I funerali si svolgeranno a Roma venerdì 13 febbraio 2015 alle ora 10,00 nella chiesa Traspontina in Via della Conciliazione Ulderico Srl RINGRAZIAMENTI I familiari sentitamente ringraziano tutte le persone che si sono loro unite nel dolore per la improvvisa scomparsa di FIAMMETTA DI DOMENICO TRIGESIMI e ANNIVERSARI A Nel terzo Anniversario della scomparsa di FLAVIO ATZEI I genitori, RIDIO e ANNITA, la sorella FIAMMETTA con PIERFRANCESCO, ALESSANDRO, ROSI e SERGIO lo ricordano con immutato amore e rimpianto TRIGESIMO 12/01/ /02/2015 Ad un mese dalla scomparsa del Cav. ALESSANDRO JOIMA La moglie e i figli ringraziano quanti con scritti, fiori e affettuosa presenza hanno preso parte al loro dolore Ti amiamo. Centralino 24 ore ROMANA Via Flaminia, (Belle Arti) Roma - Servizio 24 ore SENATORE FUNERALI E CREMAZIONI OVUNQUE

9 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: Pesaro Pesaro Macerata ANCONA Fermo Giovedì 12 Febbraio 2015 METEO Ascoli P. Rubrica di Gare, Aste, Appalti e Sentenze REDAZIONE: Via Marsala, 15 T 0721/ F 0721/ La visita I cinesi di Berloni incantati da Palazzo Ducale «Città magnifica» A pag. 42 Giorno & Notte La bella Margot torna dall Isola ma la mamma è contenta così Cataldo a pag. 50 L emergenza Maltempo, la Provincia chiederà i danni allo Stato L ente protesta perché non può intervenire a causa dei tagli alle risorse Intanto a Pesaro è lotta contro il tempo per le domande di risarcimenti Perini e Delbianco a pag. 43 Spese, terremoto in Regione `Chiusa l inchiesta sui costi del Consiglio: 66 indagati di tutti i partiti, un milione di sprechi `Peculato: tra i coinvolti il governatore Spacca, Solazzi, Mezzolani e il segretario del Pd Comi Ferita ad un occhio alla festa di Carnevale Il meteo Nuvole, freddo e un po di neve Oggi risentiremo lievemente di una ritornante fredda legata alla temporanea rimonta della depressione ellenica. Il cielo sarà piuttosto nuvoloso e sui settori piùmeridionali non mancheranno, in serata, qualche goccia di pioggia o qualche fioco dei neve in montagna. I venti saranno deboli orientali, mare poco mosso. Domani il tempo si manterrà piuttosto variabile. Oggi temperature mediamente stazionarie, comprese tra 3 e 12 C; le minime, in aumento, tra -2 e 7 C. Un milione di euro in cinque anni. Tanto avrebbero sborsato i contribuenti marchigiani per foraggiare, inconsapevolmente, le spese pazze del consiglio regionale. Inchiesta chiusa a tre mesi dalle elezioni Regionali. L'avviso di conclusione indagini è stato notificato ieri a 66 persone. Nel mirino della Procura entrano consiglieri, tra cui ex presidenti di gruppo, e addetti ai gruppi consiliari. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza ha esaminato i rendiconto di spesa nel periodo compreso tra il 2008 e il Praticamente dueintere legislaturesotto lalente dei magistrati. L'ipotesi di reato contestata è il peculato. Tra gli indagati spiccano i nomi del Governatore Gianmario Spacca, chiamato in causa come presidente del Gruppo Unione per le Marche. A sorpresa c'è anche quello del Presidente del Consiglio Regionale Vittoriano Solazzi, escluso da una prima tranche dell'inchiesta. Sotto indagine anche l'attuale segretario regionale del PD Francesco Comi e l'assessore alle infrastrutture Paola Giorgi. Particolare la posizione relativa di quest'ultima, indagata anche per truffa. A pag. 40 LA TRAGEDIA Commercio Zara è pronta a sbarcare in centro storico Anziano travolto e ucciso dopo un tamponamento Cinque Torri, due auto si scontrano mentre un pedone attraversa Unacommessadi 25anni dimondolfo è rimasta ferita ad un occhio ad una festa di Carnevale, per l esplosione di un gioco pirico. A pag. 44 Zara, uno dei marchi di abbigliamenti più famosi al mondo, è pronta è sbarcare a Pesaro in via Branca, nella ex sede dell Unicredit. La Confcommercio fiduciosa: «Il centro torna appetibile». Benelli a pag. 42 Tragedia ieri pomeriggio a Pesaro: un anziano è morto in seguito a un incidente stradale, mentre stava attraversando la strada. L incidente è successo intorno alle 16,45 in via Lubiana, nella zona di Cinque Torri, più precisamente a pochi passi dal supermercato A&O. Secondo la prima ricostruzione effettuata dalla polizia municipale, che è intervenuta sul posto per i rilievi di leggi, sembra che all origine della tragedia ci sia stato il tamponamento tra due auto. La vittima, Aurelio Barbieri, un pesarese di 79 anni, che abitava in via Lubiana 52 nelle immediate vicinanza del punto in cui è stato travolto, stava attraversando la strada a piedi. Proprio in quel momento, è avvenuto un tamponamento tradueautoche stavano impegnando la rotatoria di via Lubiana. Ed è stato proprio in conseguenza al tamponamento chebarbieri è stato urtato violentemente e scaraventato a terra. I soccorso sono stati immediati, sul posto è intervenuta un ambulanza del 118 che ha trasportato il ferito al pronto soccorso dell ospedale San Salvatore. Le sue condizioni, però, sono apparse subito gravissime ai medici. Barbieri è morto poco dopo l arrivo in ospedale. Per ricostruire con esattezza la dinamica dell incidente e stabilirne le responsabilità, sono ancora in corso gli accertamenti da parte della polizia municipale. L indagine. Parla la proprietaria del quadro «Il Leonardo all estero dal 1913» Un altro momento della conferenza in Procura sul recupero del quadro attribuito a Leonardo A pag. 41 A Febbraio, nel mese magico dell amore, Beauty and Fashion Profumerie premia la fedeltà Vieni a trovarci, fantastiche sorprese Ti attendono. Vieni a trovarci, fantastiche sorprese Ti attendono. Nei punti vendita di: Urbania - C.C. Il Ventaglio - Via Roma, 73/d - Tel Urbino - C.C. Porta Santa Lucia (fronte Coop) - Via Gramsci - Tel Ci piace prenderci cura di te! Marche Multiservizi la nuova mappa delle azioni IL QUADRO DOPO LA VENDITA DI PESARO HERA ARRIVA A DETENERE QUASI IL 49% In principio fu la Provincia per coprire il profondo rosso dei conti. Poi toccò al Comune di Urbino per chiudere il bilancio e a quello di Mombaroccio per sanareuncontenzioso giudiziario molto oneroso. Oggi è Pesaro a vendere il 2.5% di azioni di Marche Multiservizi per rifare il look al lungomare. In tempi di crisi la nuova frontiera è quella di vendere patrimonio pubblico ai privati. Misure forse poco lungimiranti ma che permettono ai Comuni di fare cassa e soprattutto di liberare investimenti. Già perché su tutto incombe l'ue che con il Patto di Stabilità impone agli enti locali il pareggio di bilancio della spesa corrente. Tradotto? I Comuni ogni anno possono spendere tanti soldi quanti ne incassano. Alla luce dei tagli del Governo ce n'è a malapena per mantenere i servizi. E così addio investimenti, grandi opere e "sogni di gloria" degli amministratori nostrani. E allora le azioni dell'azienda di via dei Canonici sonodiventatelanuova "gallina dalle uova d'oro". Anche perché le risorse che entrano sono svincolate dal Patto e possono essere subito spese. La Provincia incassò 3 milioni e 972 mila euro nel 2012 vendendo il 4.1% delle proprie azioni a Hera. Ne detiene ancora l'1.8%. Il Comune di Urbino qualche mese fa vendetteil 2% delleazioni: lo0.7% venne preso dalla Multiservizi come "azioni proprie" mentre l'1.3% andò sempre alla multiutility di Bologna per un milione e 300 mila. A Urbino resta così un pacchetto da 1.5%. Mombaroccio è passata dallo 0.6% delle azioni allo 0.2% incassando circa 500 mila euro che serviranno per chiudere un contenzioso giudiziario con dei privati. A comprare? Sempre Hera che al momento può contare sul 46.4% dell'azionariato di Marche Multiservizi. Se si aggiudicherà anche il 2.5% delle azioni messe a disposizioni da piazza del Popolo arriverà a detenere quasi il 49%. Ad un passo dalla maggioranza assoluta e dal limite imposto dallo Statuto dell' azienda che vieta ai privati di detenere più del 49.9%. Pesaro scenderà così dal 33.3% al 30.8% circa. A diminuire saranno anche gli utili che derivano dai dividendi: ogni anno si aggirano tra i 700 ed i 750 mila euro. Per il Comune significa rinunciare a circa 50 mila euro all'anno. Luca Fabbri

10 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: 40 Marche Regione, spese del Consiglio tutti indagati: sono 66 Anche Spacca e Comi `Chiusa l inchiesta della procura, avvisi a consiglieri di tutti i partiti Sprechi per un milione in 5 anni, per l assessore Giorgi c è la truffa Giovedì 12 Febbraio SPRECHI/1 ANCONA Unmilionedi euroin5anni. Tanto avrebbero sborsato i contribuenti marchigiani per foraggiare, inconsapevolmente, le spese irregolari del consiglio regionale. Inchiesta chiusa a tre mesi dalle elezioni Regionali. L avviso di conclusione indagini è stato notificato ieri a 66 persone. Nel mirino della Procura consiglieri, tra cui ex presidenti di gruppo, e addetti ai gruppi consiliari. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Finanza ha esaminato i rendiconto di spesa Praticamente due intere legislature. L ipotesi di reato contestata è il peculato. Tra gli indagati spiccano i nomi del Governatore Gianmario Spacca, chiamatoin causacomepresidente del Gruppo Unione per le Marche. A sorpresa c è anche quello del Presidente del Consiglio Regionale Vittoriano Solazzi, escluso da una prima tranche dell'inchiesta. Sotto indagine anche l'attuale segretario regionale del Pd Francesco Comi e l'assessore alle infrastrutture Paola Giorgi. Particolare la posizione relativa di quest'ultima, indagata anche per truffa. Nel 2010 l'allora consigliera Idv avrebbe raggirato la Regione dichiarando la propria residenza anagrafica a Matelica, anziché ad Ancona. Il tutto per ottenere rimborsi indebiti sulla percorrenza chilometrica. Il capogruppo del Pd Mirco Ricci deve rispondere invece dell'acquisto di libri, due cornici, un computer da euro, carburante, biglietti per l'ingresso a spettacoli di beneficenza, soggiorni in hotel, pranzi e cene, spese personali. L ELENCO Coinvolti nel'inchiesta anche gli attuali assessori Sara Giannini (Industria), Marco Luchetti (Lavoro), Almerino Mezzolani (Sanità), Luigi Viventi (Spending review) e Maura Malaspina (Agricoltura). Poi i presidenti di gruppo Massimo Binci (Sinistra Democratica), VERIFICHE DAL 2008 NELLA LISTA ENTRANO SOLAZZI E MEZZA GIUNTA REGIONALE IL CASO DEI RIMBORSI CHIESTI DALL ASSESSORE ALLE INFRASTRUTTURE VERSO IL VOTO ANCONA È scontro totale tra Pd e Marche Primi "ammiccamenti" del centrodestra a Spacca. Alleanza in vista tra il vicesegretario dei democrat Luca Fioretti e il candidato alle primarie Pietro Marcolini. Il clima è incandescente soprattutto nel centrosinistra. Il segretario regionale dei giovani Pd accusa Spacca di provare a fare il "furbo". «Non è il Pd, al quale Spacca non ha mai versato i contributi che spettano agli eletti, a dire no a Spacca - spiega Tesei - ma il medesimo che, con spocchia e veemenza, rivendica chissà cosa dopo aver Il procuratore Melotti Giuliano Brandoni (Rifondazione Comunista), Ottavio Brini e Franco Capponi (Forza Italia), Raffaele Bucciarelli (Federazione della Sinistra), Adriano Cardogna (Verdi), Antonio D'Isidoro e Lidio Rocchi (Misto), Sandro Donati (DL Margherita-L'Ulivo), Paolo Eusebi e Franco Sordoni (Idv), Dino Latini (Api-Liste Civiche Italia), Enzo Marangoni (Lega Nord), Erminio Marinelli e Francesco Massi Gentiloni (Per Le Marche), Moreno Pieroni (Partito Socialista Italiano), Fabio Pistarelli (AN), Cesare Procaccini (Partito Comunista), Mirco Ricci (Ds-l Ulivo), Daniele Silvetti (Futuro e Libertà). Nella lista degli indagati anche vari consiglieri e addetti dei singoli gruppi: Giacomo Bugaro, Graziella Ciriaci, Roberto Giannotti, Oriano Tiberi, Pietro Enrico Parrucchi, Stefania Benatti, Rosalba Ortenzi, Luca Acacia Scarpetti, Camela Valeriano, Luca Marconi, Fabio Pagnotta, Roberto Zaffini, Francesco Acquaroli, Mirco Carloni, Giancarlo D'Anna, Elisabetta Foschi, Giulio Natali, Franca Romagnoli, Umberto Trenta, Giovanni Zinni, Guido Castelli, Fabio Badiali, StefaniaBenatti, Gianluca Busilacchi, Enzo Giancarli, Katia Mammoli, Luigi Minardi, Adriana Mollaroli, Paolo Perazzoli, Paolo Petrini, Angelo Sciapichetti, Gino Traversini, Antonio D'Isidoro, Leonardo Lippi, Giuseppe Canducci, Andrea Filippini, Massimo Di Furia, Roberto Oscar Ricci e Fabio Pagnotta. Gino Bove Una seduta del consiglio regionale L inchiesta sulle spese della Regione, va sottolineato, non è ancora passata al vaglio di un giudice. Quelli inviati ieri dalla Procura sono avvisi ex 415 bis del codice di procedura penale, che vengono notificati alla fine dell indagine preliminare. Quella in cui l accusa raccoglie le prove. Ora gli inquisiti possono chiedere l interrogatorio e presentare elementi difensivi Occhiali, stendini e calcolatrici SPRECHI/2 fatto un suo partito personale. Grazie dei fiori ma hai deciso di fare il furbo». Immediata la replica del Governatore che respinge al mittente le accuse sui mancati pagamenti e, rivolgendosi al "giovane-vecchio" Tesei, lo invita a non riportare «veline scritte da altri». «Le carte testimoniano che dal 2010 ho personalmente versato al Pdoltre31milaeuro - replica Spacca - Sono stato eletto presidente a guida non del Pd ma di una coalizione con una lista propria che rappresentava anche il centro moderato. Inoltre vorrei ricordare che negli ultimi 10 anni nella Conferenza delle Regioni d'europa mi sonosempresedutonei banchidel gruppo dei democratici e liberali ANCONA Pranzi domenicali. Cene che coincidono con compleanni e onomastici di consiglieri o consorti. Campagne elettorali e soggiorniin albergo. Maanchefrigoriferi, calcolatrici, stendibiancheria, manualidi sopravvivenzaelibri sull'universo femminile. C'è di tutto nel conto saldato, secondo i magistrati, con i soldi dei contribuenti. Eccole le spese pazze del parlamentino marchigiano, contestate una per una ai 66 consiglieri in carica tra il 2008 e il Tra gli acquisti più singolari spiccano quelli contestati all'attuale governatore Gian Mario Spacca. Nel 2012 il Presidente uscente della Regione avrebbe comprato un paio di occhiali per 700 euro. Non solo. Quasi 10mila euro se ne sarebbero andati nello stesso anno per spese di ristorazione sostenute fuori regione. In alcunicasi ilprezzo diunsolo coperto superava i 50 euro. In una circostanza il pasto al tartufo per due persone sarebbe stato pagato ben 182 euro. Dalla tavola al frigorifero. Quello che avrebbero comprato con soldi pubblici i consiglieri Dino Latini e Franco Sordoni. Il primo avrebbe speso oltre160 eurocomprensivi ditrasporto e consegna. Sordoni avrebbe acquistato nel 2008 un frigo da tavolo per 179 euro, oltre a un salvaschermo da 13 euro e perfino uno stendibiancheria. A TAVOLA A chi il frigo non serviva, secondo la Procura, è Maura Malaspina. L attuale assessore avrebbe speso nel 2010 oltre euro di ristorazione. Quasi 5mila nel 2011 e circa 4mila nel Molti dei pasti sarebbero stati consumatineigiornifestivi, in tardaserata, con la presenza di bambini e per un numero di commensali che superava a volte le venti persone. 300 euro se ne sarebbero andati nel 2010 per un doppio soggiorno a Chianciano. A Francesco Comi, attuale segretario del Pd, vengono contestate irregolarità sui rimborsi delle trasferte. Avrebbe dichiarato distanze superiori a quelle effettivamente percorse per conto della I giovani Pd: «Spacca furbo» Lui: «Siete nati vecchi» senza che qualcuno del Pse avesse avuto mai qualcosa da eccepire». Spacca replica punto su punto. «Marche 2020 è nato davvero come movimento e solo la straordinaria partecipazione popolare e soprattuttola testardaggine del Pd al rifiuto di ogni forma di dialogo, sono riusciti a trasformarlo in una listaelettorale». Inserata dalcoordinatore regionale di Fi Remigio Ceroni giunge una sorta di "solidarietà" per il Governatore: «Se il presidente Gian Mario Spacca si candida dimostra di avere coraggio nel respingere il tentativo del Pd di addossargli la responsabilità di un fallimento generale e totale - spiegaceroni - che ha distrutto il sistema economico marchigiano». Il punto Al capolinea l inchiesta della Procura ma ancora non si è pronunciato un giudice TRA GLI ACQUISTI CONTESTATI FIGURANO FRIGORIFERI, LIBRI GHIOTTONERIE CORSI DI LINGUA Primarie, i Pd Marcolini e Ceriscioli Intanto in casa Pd continua la marcia dei candidati Ceriscioli e Marcolini verso le primarie del primo marzo. Marcolini, che domenica mattina sarà a Pesaro, incassa anche l'appoggio del vicesegretario Fioretti. Tanto che questa mattina i due terranno insieme una conferenza stampa. Luca Fabbri con le loro memorie. Solo allora la Procura tirerà le somme e deciderà se archiviare le posizioni o chiedere i rinvii a giudizio. Solo allora il caso finirà al vaglio del Gup. Due le possibilità: proscioglimento o rinvii a giudizio. Ovvero l istruzione di un processo. Le tappe per ipotizzare profili di colpevolezza sono dunque ancora molte. Regione tra il 2008 e il Ma c'è anche chi spendeva in cultura. 16 euro sarebbero finite nella libreria di Raffaele Bucciarelli per il libro dal titolo Il segreto delle donne. 56 euro avrebbe invece speso Massimo Binci per un corso di lingua francese e un libro intitolato Autostop. C'è chi all'autostop invece preferiva il camper, come Giuliano Brandoniche nel2009avrebbe noleggiato l'automezzo per una settimana al prezzo di 465euro. Generoso Franco Capponi, che avrebbe speso ben 6mila euro in omaggi natalizi. Semplici cesti? Macché. I pensierini erano fatti di vini, spumanti, dolciumi, miele, torte, mostarda, lardo di Colonnata, oliotartufato, formaggio al peperoncino e altro di diverse qualità. Trale spesedi ristorazionesostenutedaerminio Marinellispiccano 170 euro. A emettere ricevuta è stata un attività connessa alle discotechee nightclub. EnzoMarangoni avrebbe comprato ben 40 calcolatrici al prezzo di 260 euro. G.Bo. È SEMPRE SCONTRO TRA DEM E MARCHE 2020 CERONI CON IL GOVERNATORE PRIMARIE, I CIVATIANI DI FIORETTI SOSTENGONO MARCOLINI Nel mirino l Assemblea più virtuosa in Italia SPRECHI/3 ANCONA Il Consiglio regionale delle Marche, toccato dall'inchiesta dellaprocuradi Ancona, èconsiderato uno dei più sobri e «virtuosi» d'italia, tanto da essere capofila nella proposta di riduzione dei costi delle Assemblee legislative regionali. Oltre a varie modifiche di legge per rendere la contabilità più chiara e trasparente, ha adottato una spending review con un taglio di spesa di un milione di euro nel 2012 e di un altro milione nel «Qui non ci sono spese pazze - aveva detto tempo fa il vice presidente del Consiglio regionale Giacomo Bugaro (Fi)», sostenendo che nel 2012 «su uno stanziamento di 360 mila euro per i gruppi ne sono stati spesi 300 mila. E la stessa Corte dei Conti per quelle medesime spese in alcuni casi ha rilevato errori formali per importi inferiori al 4% dei rimborsi». La linea del rigore ha contraddistinto anche l'ultimo bilancio di previsione dell'assemblea, all'insegna del contenimento della spesa. Tanto che pur con la spesa aggiuntivanel2015per laliquidazione delle indennità di fine mandato (ricorrente solo negli anni di passaggio da una legislatura all'altra), il fabbisogno complessivo risulta di 15 milioni e euro, in riduzione rispetto allo stanziamento assestato dell'anno 2014 (15 milioni euro). Qualche mese fa l'assemblea ha varato altri tagli al trattamento economico dei consiglieri per un ammontare di circa un milione di euro. REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I LANCISI SALESI S.O. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Via Conca n TORRETTE DI ANCONA sistema per dosaggio farmaci (CIG ) 23 /03 / IL DIRETTORE SO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Rubrica di Gare, Aste, Appalti e Sentenze AnconaTel Fax Lecce Tel Fax Milano Tel Fax Napoli Tel Fax Roma Tel Fax

11 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N:DA RIBATTERE Pesaro Giovedì 12 Febbraio «Il Leonardo? Mi sento danneggiata» `Emidia Cecchini, la proprietaria pesarese del dipinto: «Coinvolta ingiustamente. Quell opera in Svizzera dal 1913» L INCHIESTA «SONO DUE NOTTI CHE NON DORMO MIO PADRE ERA UN COLLEZIONISTA E QUELLA TELA L HO EREDITATA» «Sono emersi ulteriori elementi sull esistenza di un traffico di opere d arte che sta assumendo dimensioni da intrigo internazionale». Per il procuratore Manfredi Palumbo il sequestro del dipinto di Leonardo Da Vinci di Isabella D Este è solo la punta dell iceberg che sta emergendo grazie all inchiesta sulle truffe alle assicurazioni che, ad agosto 2013, aveva messo nel mirino l avvocato fanese Sergio Shawo, l intermediario della venditadeldipintosuincaricodella proprietaria, la 70enne pesarese Emidia Cecchini, anche lei finita sotto inchiesta. Associazione per delinquere finalizzata all illecita esportazione di opere d arte, l accusa che la Procura contesta a lei, all avvocatoshawo, ma anche, a quanto sembra, a due poliziotti della Questura di Pesaro che avrebbero collaborato per la fuoriuscita del quadro dall Italia. «Sono molto amareggiata da quanto mi sta succedendo - dichiara Emidia Cecchini - anche perchè mi trovo coinvolta ingiustamente in un'inchiesta in cui figurano tante personeame deltuttosconosciute sulle quali grava l'accusa di aver trasferito all'estero opere d'arte italiane, di averle occultate al fine di commercializzarle. Sono veramente esterrefatta e sono due notti che non dormo». Emidia Cecchini, pantaloni e maglione neri, un cappello in testa e profondi segni di stanchezza sotto gli occhi, appare provata ma anche molto energica. «Per quanto di mia conoscenza il ritratto di Isabella D'Este, attribuito di recente a Leonardo Da Vinci, è stato sempre in possesso di mia nonna, che però non conosceva nè l'attribuzione nè il valore». Figlia di un facoltoso antiquario, Antonio Cecchini, e nipote di Walter, esponente storico della destra pesarese, Emidia Cecchini, detta Bibi, ha trascorso la gioventù a Pesaro, dove per l'avvenenza e la sua classe è stata eletta anche Miss Eleganza e Miss Pesaro. A 21 anni si sposa con un medico, il dottor Vincenzo Fabrocini di Sanremo, appartenente a una famiglia di ex banchieri, deceduto l'anno scorso. «Un luminare della medicina - dice la vedova - ma anche autore di libri riguardanti la sua materia professionale». PADRE COLLEZIONISTA La signora, che ha vissuto per lunghi periodi all'estero (in Spagna, CostaAzzurra, Franciae insvizzera) racconta di aver ereditato il quadro dalla nonna materna, Matilde Guerra in Grossi, vissuta in Svizzera fin dal «Essendo mio padre collezionista di dipinti e con la nonna proprietaria anche lei di dipinti, ceramiche e altre opere d'arte ho mantenuto sempre molti rapporti nel settore antiquario in Svizzera. Di questo dipinto venne fatta una copia su tela antica per mostrarla ad esperti, ritenendola un'opera di grande qualità. La copia è stata più volte trasferita in Italia e visionata da varie personalità, e ora si trova depositata presso un notaio svizzero, Renato Cabrini, che tuttora la detiene». Una tela, insomma, «simile all'originale e con le stesse dimensioni, che è stata più volte portata in Italia». Quanto al quadro sequestrato, «ho ritenuto - spiega - che potesse essere oggetto di vendita. Credo di non aver violato alcuna legge e anzi di essere danneggiata e comunque sono estranea a qualsiasi organizzazione finalizzata all' esportazionediopere d'arte. Conosco l'avvocato Sergio Shawo al quale avevo dato mandato di vendere l'opera che, ripeto, è stata sempre, fin dal 1913, in Svizzera». `Ma il procuratore rincara: «Emersi elementi tali da far supporre un intrigo internazionale legato al traffico di tesori d arte» LA DIFESA Il procuratore capo Manfredi Palumbo tra il colonnello dei carabinieri colonnello Cortellessa e il colonnello della Finanza Raimondo(Foto TONI) «Si stava trattando con gli Emirati Arabi» CASTIGNANI: «FAREMO OPPOSIZIONE LA SVIZZERA NON DEVE RILASCIARE IL QUADRO» L avvocato Achille Castignani che difende Emidia Cecchini insieme all ex questore di Pesaro, Italo D Angelo è preoccupato: «Molto preoccupato. L ultima volta che l ho sentita, due giorni fa, mi ha detto che non aveva neppure i soldi per mangiare». Avvocato, la Procura non è affatto certa che la proprietaria del Leonardo sia lei. Gli inquirenti propendono più per l ipotesi che sia una testa di legno dei veri proprietari «Assolutamente no. Il quiadro l aveva la nonna materna Matilde Guerra in Grassi. Lei neppure sapeva che fosse un Leonardo. Glielo ha detto il professor Pedretti. Già aveva venduto altri dipinti di famiglia. E così ha dato incarico all avvocato di Fano». La tela ora dovrebbe arrivare in Italia «No, non deve. Stiamo inviando l opposizione alle autorità elvetiche sulla base della legge 1089 del 1939». Con chi si stava trattando la vendita del quadro? «Si stava trattando con gli Emirati Arabi. Se l avvocato Shawo nonavesse avutoquell altro problema della truffa alle assicurazioni, forse a quest ora il dipinto era venduto. E Bibi avrebbe di che vivere». Cos altro è emerso dalla perquisizione alla sua cliente? «Niente, solo una cassetta di sicurezza con i gioielli di famiglia. Ritengo che questa inchiesta sia sovrapposta e un po confusionaria».

12 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: Pesaro Urbino L INONDAZIONE Corsa contro il tempo per presentare la richiesta del risarcimento danni. A Pesaro apertura straordinaria fino a sabato mattina. Rastrellata la spiaggia di Baia Flaminia dai detriti, spariscono le dune di sabbia. "Non ritornino più", chiedono i contrari. Tutti i cittadini, aziende, bagninie altrioperatori e categorie che hanno subito danni dal maltempo del 5-6 febbraio dovranno segnalarlo agli uffici dei comuni di appartenenza entro domani, come indicato dalla Regione Marche. Ma l'amministrazione del capoluogo ha deciso l'apertura straordinaria del Protocollo (Informa&Servizi, largo Mamiani, 11) anche sabato mattina, dalle 8.30alle 13, soloed esclusivamente per ricevere la documentazione relativa alla richiesta dei danni subiti dalle attività economichee produttive (con esclusionedi quelle agricole) e dal patrimonio edilizio privato. LA SCADENZA «Mi rendo conto, purtroppo, che i tempi sono stretti - spiega l'assessore Andrea Biancani - ma questo non dipende da noi, la scadenza è stata decisa dalla Regione Marche, poiché entro lunedì mattina dovremo inviarle tutta la documentazione che ci avranno trasmesso i cittadini. Va comunque sottolineato che si tratta di una prima valutazione, sommaria, dei danni, che servirà alla Regione per chiedere lo stato di emergenza. Non spetterà al Comune erogare i rimborsi, ma, nell'eventualità che venga riconosciuto lo stato di emergenza, provvederemo ad attivare tutte le procedure di nostra competenza. Il Comune, in sostanza, fa soltanto da intermediario tra i cittadino e la Regione Marche». Nelle segnalazioni dovranno essere indicati i dati anagrafici, descrizione e stima presunta dei danni, riferimenti relativi alla proprietà dell'immobile, dati catastali, via e numero civico, CAGLI FURTO AL BAR La Polstrada indaga sul furto di due slot machine e di un cambiamonete in un bar. Gli agenti sono stati avvisati dal titolare, il quale ha riferito che i ladri si erano allontanati su una Mercedes. La pattuglia ha incrociato l auto, i ladri però l hanno abbandonata e sono fuggiti a piedi. URBINO SCIOPERO DEI VIGILI URBANI Oggi sciopero nazionale della polizia locale. A Urbino si prevede un alta adesione, saranno garantiti solo i servizi essenziali. PESARO LA QUESTIONE ITALIANA Oggi alle a Pesaro nella sala della Provincia incontro con Vincenzo Macrì, Antonio Cantaro e Gianni D Elia su «La questione italiana e la ricerca della verità dopo Pasolini». LUCREZIA ALLERGIE E OMEOPATIA Stasera alle 20,45 nella sala della scuola media di Lucrezia, incontro con il dottor Gino Santini su «Allergie e intolleranza: l approccio omeopatico». adeguata documentazione fotografica comprovante i danni subìti. CICLABILE Intanto, la pista ciclabile di Sottomonte è stata in buona parte liberata, cosìcome igiardinettidavanti a Villa Olga, ma ora bisognerà intervenire per riparare la ciclabile, le panchine e i muretti di protezione. URBINO Soddisfatti per l'approvazione della mozione ma attenzione, «gli strumenti di finanza di progetto per la riattivazione della tratta vanno evitati». Il Movimento 5 Stelle di Urbino attraverso il proprio candidato alle Regionali di maggio, Piergiorgio Fabbri, plaudono la scelta del Consiglio regionale che martedì ha approvato (20 i favorevoli, 7 i contrari) la mozione, presentata da Adriano Cardogna consigliere dei Verdi, sulla Fano - Urbino, con cui si impegna la giunta regionale a richiedere la cancellazione dell'atto di dismissione della tratta. «Peruna volta lapolitica regionale, sperando che non sia solo unamossapre-elettorale - puntualizza il candidato regionale Cinque stelle di Urbino, Fabbri - ha avuto la forza di accogliere una precisa richiesta proveniente da un territorio troppo spesso penalizzato da scelte che hanno privilegiato, in nome di disdicevoli logiche elettorali, lo sviluppo delle località costiere». Il Movimento, attraverso una nota, sottolinea che il «pieno merito va dato all'associazione Giovedì 12 Febbraio La Provincia chiederà i danni allo Stato `I tagli alle risorse impediscono all ente di intervenire per l alluvione, il Consiglio decide di rifarsi su Roma L EMERGENZA Provincia pronta a chiedere i danni allo Stato e ad allargare la propria battaglia all'intera regione. Il consiglio provinciale ieri ha accolto la proposta del vicepresidente Maurizio Gambini che, parlando dell'alluvione a Miniera, nei giorni scorsi aveva sottolineato come ci fossero «i presupposti per chiedere un danno erariale allo Stato». Non solo: dalla seduta è emersa anche la volontà di estendere, attraverso un ordine del giorno, questa «battaglia» contro lo Stato centrale alle altre quattro province marchigiane. Nella seduta del Gal regionale, è stata invece approvata una delibera in cui la legge di stabilità viene definita illegittima. Uffici postali tagliati Parlamentari interrogano il ministro In relazione all annunciato piano di riorganizzazione aziendale annunciato da Poste Italiane su tutto il territorio nazionale che «rischia di ripercuotersi pesantemente nelle Marche già penalizzata nel corso degli ultimi anni» i parlamentari Ernesto Preziosi, Marco Marchetti, Alessia Morani, Emanuele Lodolini,Irene Manzi hanno persentato un interrogazione al Ministro per lo Sviluppo economico in cui chiedono «di conoscere quali iniziative il Via al tandem Cecconi-Mencoboni ma in Forza Italia c è aria di bufera POLITICA Forza Italia: avanti col tandem Cecconi-Mencoboni. Anche se non piace a tutti. A cominciare dall'ormai ex coordinatore AlessandroBettini edalsuo successoregiammarco Cecconi. Il piùduro è Bettini, seccato anche per il mancato invito alla cena in cui si è suggellato il «patto del cappelletto». «Credo che Ceroni sia stato ingeneroso nei miei confronti: poco corretto nel non invitarmi - premettebettini - Iltandem? Sbagliato perché offre l'immagine di un partito spaccato. Basta solo un coordinatore: Cecconi». In vista della composizione della lista per le Regionali c'era un'area di Forza Italia che si sentiva poco garantitadal'exsindacodi Petriano, Cecconi. Temevano potesse favorire qualcuno. Come, dicono alcuni, è accadutoconmochicinque anni fa quando coordinatore era Bettini. «Accuse che respingo: non appoggiai Mochi ma fui coordinatore super partes - spiegabettini - I votichepresea Pesaro il sindaco di Piobbico furono i suoi e non i miei». LEGGE DI STABILITÀ La volontà di un'azione forte è nata nel giorno successivo all'esondazione del Foglia, quando Gambini ha contattato il presidente Daniele Tagliolini chiedendo di poter organizzare un consiglio straordinario. Tematica all'ordine del giorno: la difficoltà, causate dalla legge di stabilità, ad erogare i servizi basilari, tra cuianchelamanutenzione ordinaria. «La proposta - racconta Gambini - è stata accolta da tutti i consiglieri perché hanno preso atto dell'impossibilità di operare causata dallo Stato. Togliere la possibilità di assicurare i servizi basilari, come manutenzione delle strade o delle scuole, equivale ad un danno erariale». Per questo la Provincia ha incaricato Marco Domenicucci, dirigente responsabile dell'area Contabilità economico finanziaria, di segnalare alla Corte dei conti di Roma il danno erariale. Domenicucci ha avuto il mandato di «effettuare una ricognizione sul territorio per stimare l'ammontare dei possibili danni», continua Gambini. «La legge di stabilità ha tagliato alla nostra Provincia 10 milioni. Ora se non facciamo manutenzione, tra due o tre anni spenderemo dieci volte tanto per ricostruire. Se noi abbandoniamo per due anni la manutenzione ordinaria, è un vero disastro. Non è questo il modo di risparmiare, così si spende di più. Abbiamo un patrimonio di tutti. Cancellare la manutenzione ordinaria lo distrugge». La prossima settimana sarà la volta anche dell ordine del giorno con cui la Provincia chiederà di schierarsi in questa battaglia anche ad Ancona, Macerata, Fermo e Ascoli Piceno. «È un'azione forte - sottolinea Gambini - ma quella del danno erariale non è una cosa campata per aria». Dalla seduta del Gal regionale arriva invece la delibera con cui l'ente dichiara illegittima la legge distabilità che «non tagliaformalmente le funzioni alle Province - termina il vicepresidente - ma le mette nell'impossibilità di erogare servizi». Andrea Perini Mencoboni Ministro intenda assumere nell ambito delle prerogative previste, anche in considerazione di quanto previsto dal contratto di servizio, al fine di indurre Poste Italiane a rivedere il piano di tagli previsto per il territorio Marchigiano e avviando un confronto con organizzazioni sindacali ed enti locali al fine di assicurare la permanenza di un servizio pubblico essenziale in considerazione della sua rilevanza sociale per i cittadini e il comprensorio». BETTINI: «CERONI INGENEROSO NEI MIEI CONFRONTI» LA PRESIDENTE DEI CLUB «PRIMA DI TUTTO IL BENE DEL PARTITO» Gli effetti dell ondata di maltempo dei giorni scorsi (Foto TONI) IL CONGRESSO Polemiche a parte da qui a maggio si andrà avanti in coppia in Forza Italia. Poi dopo le Regionali si aprirà la stagione congressuale per eleggere il nuovo coordinatoreprovinciale. Il coordinatore regionale Ceroni dovrebbe riunirei suoi la settimana prossima per ufficializzare la decisione. «Ho dato la mia disponibilità ad aiutare Forza Italia a riacquistare il consenso di un tempo nel nostro territorio anche se ritengo che sarebbe stato meglio individuare un solo coordinatore ma, dettoquesto, se la propostadi Ceroni sarà di un tandem la valuteremo - commenta Giammarco Cecconi - Perché no al tandem? Quandoandiamoachiudere trattativee accordia chispetterà l'ultima parola: a me o a Mencoboni? Dico questo nonostante non abbianullacontro dilei». Più collaborativa appare invece la vicepresidente provinciale dei club Forza Silvio, nonché consigliere di minoranza a San Costanzo, Margherita Mencoboni. «Ho dato la mia disponibilità perché dobbiamo prima di tutto avere a cuore il bene di Forza Italia: dobbiamorilanciare il partito apesarourbino eaiutarloadusciredallo stallo - commenta Mencoboni - Regionali? Non ci penso a candidarmi». Luca Fabbri `La proposta è partita dal vicepresidente Gambini l obiettivo adesso è di coinvolgere tutte le Marche Maltempo, corsa contro il tempo per le domande di rimborso VANNO PRESENTATE ENTRO SABATO INTANTO PROCEDONO LA RIPULITURA E L ASCIUGAMENTO DELLE AREE ALLAGATE Un area ancora allagata 43 BAIA FLAMINIA Anchela spiaggia di Baia Flaminia ieri mattina si presentava ripulita almeno nella parte più vicina alla focedel fiumefoglia. Tronchi e altri materiali trasportati dal mare sono stati accumulati in alcuni siti vicino alla riva, e la sabbia, con relative dune, è stata rastrellata. «Chiediamo che le dune di sabbia non vengano più ricreate - dice Gilberto Binda, promotore della raccolta firme, circa 300, contro il progetto - l'area deve restare pulita, senza altri interventi di questo tipo». Dalla costa alla periferia, dove continua il lavoro di asciugatura con le idrovore, delle aree tra via Sardegna e l'interquartieri, inondate dalla piena del fiume Foglia. «Stiamo liberando gli orti e gli altri spazi che erano stati allagati con due metri d'acqua, ne è rimasta un' ultima parte», dicono dalla Provincia. In quel punto l'argine, che potrebbe essere stato compromesso dai lavori alla terza corsia, non ha tenuto, colpendo anche le aziende sul lato monte di Via Toscana, che si sono ritrovate il pavimento pienod'acqua, comenel casodellavetreria Masetti. Una piena che ha devastato completamente gli orti di quella zona, con molti animali morti dentro i recenti dei capanni. «Faremouna ricognizionegenerale, per poi procedere con i lavori per risistemare l'argine», aggiunge la Provincia. Thomas Delbianco Ferrovia, i Cinque stelle: «Attenti ai finanziamenti» Ferrovie valle del Metauro, che da oltre 15 anni svolge un'azione, paziente e capillare, di informazione e formazione sul territorio. Noi del Movimento 5 stelle di Urbino, da subito, abbiamo raccolto con interesse e convinzione questa battaglia. L'esperienza, la conoscenza e la competenza maturate dai gruppi nati a sostegno della ferrovia devono essere un patrimonio preziosoper tutte quelle forzepolitiche». Dai pentastellati arriva anche l auspicio «che questo primo passo importante verso il ripristino della Fano - Urbino nonvenga strumentalizzato. L'invito, rivolto a noi stessi per primi e a tutti i cittadini, è di non abbassare la guardia perché sono sempre in agguato storturechepossono mettere in pericolo la realizzazione dell'interesse comune. Ad esempio, il ricorso agli strumenti di finanza di progetto per la riattivazione della tratta, che i Verdi hanno già individuato e anticipato, va assolutamente evitato perché, è dimostrato, nel lungoperiodo diventa molto più oneroso per la collettività del puro finanziamento pubblico». An. Pe.

13 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: 44 Fano RESIDENTI ESASPERATI DALLA FRAGILITÀ DEL TERRITORIO E DAL CONTINUO RINVIO DEI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLE SCOGLIERE Fax: Giovedì 12 Febbraio Maltempo, quarto esposto dalle Brecce `La zona sud del litorale martoriata dalla tempesta della settimana scorsa L EMERGENZA Esasperati di sicuro, forse anche disillusi, ma non abbastanza da restare passivi di fronte alla minaccia che la burrasca di Sant' Agata ha portato di nuovo a ridosso delle abitazioni. Erosione, spiagge azzerate, opere pubbliche cancellate, abitazioni allagate, disagi e danni. Il comitato Le Brecce ha depositato l'ennesimo esposto sul dissesto della zona fra Sassonia Sud e Baia Metauro, sperando in qualcosa di meglio rispetto alle risposte di cortesia, e ha convocato un'assemblea pubblica, domani alle 21nella salaincontridella parrocchia Gran Madre di Dio, a Fano in via del Ponte. Si discuteràsuidanniprovocati dalla recente mareggiata, uno sconquasso più che annunciato, e sui pericoli che l'attuale stato dellecosecomportaperi residenti, per le loro proprietà, per le attività stagionali e per il patrimonio pubblico. IL RIPRISTINO Prosegue intanto il lavoro per riportareallanormalità rioniancora molto provati dalla violenza del maltempo. Aset spa ha infatti garantito che continuerà anche nei prossimi giorni il ritiro del materiale ingombrante (mobili, grossi elettrodomestici e altro) danneggiato dagli allagamenti. Il servizio è gratuito per gli abitanti delle vie Schiavoni, Fratelli Zuccari, Alighieri e Adriatico. Lì la perturbazione del 5 e 6 febbraio scorsi ha colpito con maggiore intensità. Ha potuto farlo a causa dei problemi lasciati incancrenire negli anni, sostiene il comitato Le Brecce nell'esposto indirizzato al livello governativo, alla Prefettura, ad alcune Procure, alle forzedell'ordine e agli enti locali. È la quarta denuncia nell'arco di nemmeno un anno e mezzo per la mancata manutenzione delle dieci scogliere davanti a via Ruggeri, che anche nei giorni scorsi è stata devastata dai cavalloni. IL RITARDO Nonriuscendo a capire per quale ragione l'intervento comporti un' attesacosì lunga, ilgruppodeiresidenti chiede che "in tempi brevi si attuano i lavori per mitigare il ENNESIMA DENUNCIA IN POCHI MESI MENTRE CONTINUANO I LAVORI DI PULIZIA E LA CONTA DEI TANTI DANNI La costa martoriata dalla mareggiata (Foto TONI) rischio idrogeologico". Proprio di recente sono stati finanziati 3 milioni dal ministero, che però la Regione deve ancora erogare: sono da destinare alle nuove scogliere. In attesa che sia chiusa questa evidente falla nella difesa della nostra costa, in alcune case silavora ancora per salvare il salvabile. Ciò che è stato guastato in ore e ore di ammollo in acqua salata o di fogna, sarà invece ritirato da Aset spa. «Per velocizzare l'operazione - spiega Lucia Capodagli, presidente della società multiservizi - chiediamo di accantonare tutto il materiale a bordo strada. Di concerto con l'amministrazione comunale ci siamo subito attivati per garantire supporto ai residenti delle zone più colpite da mareggiate e allagamenti, con un impiego straordinario di uomini e mezzi vista la gravità della situazione». Prosegueinoltre la puliziadelle strade dai detriti, in particolare lungo via Faà di Bruno a Marotta. Per eventuali interventi su caditoie e fosse biologiche, Aset spa ricorda che è possibile rivolgersi alla società Rincicotti & Orciani (0721/808434). Trattandosi di un servizio extra, è a pagamento. L'Amministrazione comunale ricorda, infine, che si concluderà alle 12 di domani la ricognizione dei danni subiti da imprese (ma non agricole) e proprietà private. Osvaldo Scatassi Zona industriale Furto sventato al Centro Diesel Ennesimo furto, ma questa volta sventato, nella notte tra martedì e mercoledì, nella zona industriale di Fano. Mancavano pochissimi minuti alle 5 di mattina quando è scattato l allarme proveniente dal Centro Diesel in via dell Industria a Fano. Allarme scattato anche alla centrale della Vigilanza privata Vigilarm, che immediatamente ha inviato la pattuglia più vicina, arrivata sul posto cinque minuti dopo l allarme. Gli addetti alla vigilanza ed il titolare dello stabilimento hanno notato subito la porta forzata, ma per fortuna non c era più nessuno all interno e da un successivo controllo si è verificato che nulla era stato rubato. Probabilmente proprio per la tempestività dell allarme. Piscina, nessun rischio per l amianto INQUINAMENTO La piscina Dini Salvalai non è stata contaminata, i controlli effettuati dall'agenzia ambientale Arpam nella giornata dell'altro ieri hanno infatti escluso la dispersione di amianto nella palestra e nel piccolo locale annesso. Alla luce dei risultati, sarebbero da considerare inutili ulteriori verifiche riguardanti il corridoio e l'ala della piscina, dove il livello di rischio è stato considerato più lieve fin dall'inizio. L'assessore comunale Caterina Del Bianco sta comunque valutando la possibilità di estendere il controllo (aspirometria in termini tecnici) a tutto l'impianto sportivo. «Si tratterebbe - ha specificato - di BUONE NOTIZIE DAL SOPRALLUOGO DELL ARPAM ALLA DINI SALVALAI DOPO IL RAID DI LADRI E VANDALI una verifica a carattere precauzionale, per garantire il 101 per cento della sicurezza a tutti coloro che frequentano la DiniSalvalai. Se le fibre di amianto non sono state rilevate nella palestra, a maggior ragione non ce ne saranno nell'ala della piscina. La verifica di Arpam potrebbe essere effettuata domenica prossima, interrompendo l'attività natatoria. Vedremo». L'allarme contaminazione è scattato dopo che una banda di ladri ha picconato, fino a bucarla, una parete esterna contenente amianto (un materiale pericoloso per la salute, se inalato) aprendosi la via verso i pochi spiccioli nei distributori automatici di bibite e merendine. Il varco è stato aperto nelmurodellapiccolastanza annessaalla palestra: ecco per quale motivo i due locali sono stati considerati a maggiore rischio e subito sigillati. «Stiamo valutando con i tecnici i tempi della loro riaperturaal pubblico, dopo avere rimosso e sostituito il pannellobucato», ha conclusol'assessore Del Bianco. Questo tipo di interventopuòessereeffettuato solo da ditte specializzate. CANALE ALBANI Fase interlocutoria, invece, per quantoriguarda l'altra emergenza ambientale di questi ultimi giorni: la macchia oleosa nel canale Albani. I tecnici di Arpam stanno effettuando accertamenti più approfonditi, nel tentativo di ottenere informazioni utili sull'attivitàdacui proviene la sostanza. Si ritiene che lo sversamento oleoso sia stato effettuato nella zona industriale a Bellocchi, due sopralluoghi consecutivi dell'ufficio comunale all'ambiente hanno escluso danni alla flora e alla fauna. La chiazza è stata bloccata e assorbita, prima chearrivasseallacentrale elettrica, grazie all'intervento di Enel Green Power, società proprietaria del canale. Ragazza ferita a un occhio da un gioco di Carnevale MONDOLFO Brutta disavventura per una commessa mondolfese di 25 anni, vittima l'altra sera di una ferita al volto durante una festa di Carnevale. Tanta paura, ma per fortuna se l è cavata con una ferita leggera. La ragazza, che è addetta in un supermercato della zona, stava festeggiando in casa di amici il Carnevale. All'improvviso uno degli invitati alla festa - per gioco e involontariamente - ha fatto esplodere coriandoli e stelle filanti molto vicino al viso della ragazza, procurandole appunto una ferita all'occhio. La giovane, sotto choc, è stata portata subito dal 118 al Pronto soccorso dell' ospedale Santa Croce di Fano. I sanitari hanno constatato una forte infiammazione all' occhio destro, fortunatamente senza conseguenze gravi alla vista. Dopo gli accertamenti e le prime cure, perciò, la ragazza è stato subito dimessa. In questi casi gli esperti invitano sempre a verificare il funzionamento dei più comuni giochi o scherzi da Carnevale diffidando dall'acquisto e dall'uso di materiale a rischio che, se scaduto o contraffatto, può risultare molto pericoloso. Ja.Zuc. Ex zuccherificio, anche i grillini voteranno no VARIANTE Ancora una settimana ad altissima pressione per la giunta fanese e per il centrosinistra: quando il tema è la variante sull'ex zuccherificio, la politica fanese si accende. Non fanno sconti i grillini della lista civica Fano a 5 stelle, che continuano a descrivere la maggioranza in preda a un prolungato «stato confusionale». A partele schermaglie, lo stesso interventoesplicita un dato sostanziale: anche igrillini respingeranno il progetto urbanistico. Sembrano orientati per il no, inoltre, i due consiglieri di Progetto Fano, anche se il gruppo deve ancora fare il punto. Dunque, il dato numerico sembra quasi schiacciante a favore della bocciatura, nonostantel'appello di segno inverso rivolto da Madonna Ponte, società proprietaria dell'area. A parte qualche zona di perplessità nellalista civicanoicittà, chepure esprime il sindaco Massimo Seri, il pollice verso accomuna quasitutta lamaggioranza e buona parte dell'opposizione, escluso il centrodestra già espressosi per voce dell'ex sindaco Stefano Aguzzi. Le parti hanno tentato un nuovo avvicinamento, l'altro ieridurantel'incontro fra lagiunta e i rappresentanti di Madonna Ponte, ma ancora una volta è stata fumata nera. Tutti i nodi stanno venendo alpettine inpreparazionedelduplice consigliocomunale previsto a cavallo del 18 e 19 febbraio prossimi, quando si dovrà votare la variante. La maggioranza ne discuterà di nuovo domani sera, alle 21 nella sede del Pd fanese. L ex zuccherificio FANO A 5 STELLE Igrillinisostengonocheil centrosinistra sia «in stato confusionale» dopo che Noi città ha definito insensata l'eventuale bocciatura, senzaavere previstoun'alternativa. Fano a 5 stelle aggiunge però che non è possibile approvare «uno schema di sviluppo obsoleto», superato. Una volta respinto il progetto, risalente alle Amministrazioni Aguzzi, sarà necessario «convocare subito lacommissione urbanistica e Madonna Ponte, per recuperaregliottomesi di nulla prodotti dalla giunta, che arriva sempre lenta e tardi». I grillini proporranno di puntare su «strutture turistico-sportive e su realtà che accolgano ricerca e innovazione nel mondo del lavoro, coinvolgendo enti pubblici, privati e Università. Sarebbe degno della cosiddetta Porta Sud». Saipem, la Regione vigila sul pericolo chiusura VERTENZA Si continua a vigilare su Saipem, società di ingegneria che solo a Fano occupa circa tecnici. Nella mattinata di ieri il tavolo di confronto istituito dal sindaco Massimo Seri si è trasferito ad Ancona per l'incontro con l'assessoreregionalemarco Luchetti, al quale sono stati riepilogati gli sviluppi della vicenda Saipem, multinazionale italiana del settore energetico a rischio di vendita fino a qualche settimana fa. «Vero è che il socio maggioritario Eni ha deciso di congelare la situazione, però sindacati e rappresentanza unitaria Rsu sono intenzionati a mantenere alta la guardia per prevenire eventuali brutte sorprese future», ha detto il sindaco Seri al rientro dalla riunione, cui ha partecipato fraglialtri il presidenteconsiliare Renato Claudio Minardi. «L'assessore Luchetti - ha spiegato lo stesso Minardi - si è impegnato a prendere contatto con le giunte di Lazio, Veneto,Calabria e Sardegna, regioni dove sono aperte altre sedi Saipem. L'obiettivo è di fare fronte comune e di portare il governo a un tavolo di confronto con le Regioni, i Comuni interessati, i sindacati e la proprietà per cancellare in via definitiva il rischio della dismissione. Del resto una società con portafoglio di commesse pari a 24 miliardi non è decotta. Anzi, è competitiva e ricca di altissime professionalità».

14 -MSGR - 14 PESARO /02/15-N: 49 Giovedì 12 Febbraio Sabina Guzzanti e, a destra, una scena del suo ultimo film L attrice e regista romana presenta «La trattativa» stasera al cinema Galleria di Ancona e domani a Jesi Guzzanti, il film in tour DOCU-FICTION Prosegue il tour di Sabina Guzzanti al seguito della proiezione del suo nuovo film «La trattativa». L'attrice e regista romana è attesa stasera al Cinema Galleria di Ancona per la visione (ore 21) e il dibattito al termine. Mentre domani sarà a Jesi alla sala ex II Circoscrizione in via San Francesco (ore 20,30) dove presenzieranno anche i consiglieri comunali del Cinque Stelle e la deputata Donatella Agostinelli. Il nuovo lavoro della Guzzanti, presentato fuori concorso alla 71esma Mostra del cinemadivenezia, è unadocu-fiction sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Viene dopo il monologo teatrale di Marco Travaglio «È Stato la Mafia». E il tema è lo stesso. Ma in questo caso, però, la regista fa una scelta di forma: mescola ricostruzioni attoriali ad interviste, immagini reali della Seconda Repubblica ad afflati di cabaret satirico. L'intento e l'effetto sono chiari. Colpisce come un pugnoallo stomaco, eindigna. Attinge da inconfutabili fatti di cronaca. LA TRAMA Si parte dalle stragi di Cosa Nostra, le bombe di Capaci e di via D'Amelio. Come dimenticare. È da lì che, secondo alcune indagini, è scaturita la trattativa Stato-Mafia, per far smettere di tremare e morire. Ma in cambio di che cosa? Le intuizioni vengono da sé. Appunto, intuizioni. Anche se Sabina Guzzanti porta davanti al suo obiettivo testimoni apparentemente ocularidi come si siano svolti alcuni fatti. Quelli che rendono tutt'ora incomprensibili alcuni passaggi chiave della storia del nostro Paese. O, per alcuni, fintroppocomprensibili. C'è chiaramente Berlusconi in questa docu-fiction. Quellovero e quello interpretato dall'attrice. Ci sono i misteri più oscuri di un periodo mascherato da rinascita. C'è la P2, Ciancimino padre e figlio, Caselli, i capi del Ros Mori e Subrani, Napolitano, Mancino, Scalfaro, i pentiti, Gaspare Spatuzza, Mutolo, Dell'Utri, Mangano. Ci sono vent' anni di storia italiana: l'uccisione di Salvo Lima, il maxi processo, le bombe a Roma, Firenze, Milano, lafallitastrage allo StadioOlimpico. Gli ingredientisonotanti. L'intenzione è una: avvalorare la tesi che Mafia e Politica si siano sedute attorno ad un tavolo per stringersi la mano, e cominciare il dare-avere. Il tuttoconunsusseguirsi di linguaggi diversi. Un po' di fiction, un po' di interviste eseguite dalla stessa regista. E seppure lo strumento utilizzato non sia quello prettamente giornalistico, ci si avvicina in qualche caso. Andrea Maccarone A Pesaro appuntamento da non perdere con l Ente Concerti Incontro con l autore al Politeama Tra musica ecinema Il pianista russo Sokolov stasera al Pedrotti PESARO Stasera alle 21, all auditorium Pedrotti, la stagione dell Ente Concerti presenta il pianista Grigory Sokolov, una delle più forti personalità del pianismo russo contemporaneo, che presenterà brani di Bach, Beethoven e Schubert. Biglietti. posto unico 35 euro, ridotto 20 (under 25 e over 65), in vendita dalle e al teatro Rossini e dalle 20 direttamente al Pedrotti. Il regista Gaglianone a Fano per «Qui» FANO Stasera alle 21,15 al cinema Politeama serata d'apertura della rassegna Cinefanum. Il regista anconetano Daniele Gaglianone, autore tra gli altri di «Ruggine» e «La mia classe», sarà infatti presente alla proiezione del suo ultimo lavoro «Qui», il documentario che racconta l'opposizione alla Tav Torino-Lione. San Valentino a Gradara dura tutto il week-end INIZIATIVE FESTE FANO Il Giovedì grasso di Fano coinvolgeràil pubblico di grandi e piccini dalle ore in piazza XX Settembre con la Compagnia del Teatrino Rosso, che presenta lo spettacolo «Arlecchino: amore e... una bugia» (nella foto, re- pane, GRADARA Gradara è tutta d'amare. Da domani fino a domenica, il borgo medioevale di Paolo e Francesca si accenderà d'amore tra passeggiate romantiche, letture di poesie e cene a lume di candela, in occasione della festa di San Valentino. Che invece di un giorno solo, nel borgo dell amore per antonomasia, durerà un intero week-end. Un programma ricco di eventi in uno dei luoghi più suggestivi per trascorrere insieme al proprio partner la festa dedicata a tutti gli innamorati. Potrete, infatti, passeggiare mano nella mano con la vostra dolce metà accompagnati da una guida esperta, per scoprire gli angoli più romantici di Gradara e del suo suggestivo castello, assistere a letture di versi danteschi e poesie, firmare il libro degli innamorati dove potrete lasciare i vostri nomi a perenne ricordo del vostro amore ricevendo l'attestato d'iscrizione. Inoltre, tutte le persone che entreranno nel centro storico, il giorno di San Valentino, potranno accendere unacandela dell'amore e passeggiare per il borgo ripercorrendo i passi di Paolo e Francesca accompagnati da una romantica colonna sonora. Tutto il centro sarà addobbato a festa, con il Pozzo dell'amore allestito per l'occasione, e i ristoranti proporranno speciali menù atema per un SanValentino indimenticabile. MILLE CANDELE Infine, anche quest'anno Gradaraconferma ilconnubio trala festa degli innamorati e la giornata mondiale del risparmio energetico «M'illumino di meno», promossa dalla trasmissione «Caterpillar» di Radio 2. Per tutte e tre le serate, infatti, verrà spenta l'illuminazione pubblica del centro storico di Gradara che rimarrà così illuminato solo dalla luce di mille candele e dai fari Led a basso consumo, che tingeranno di rosso, ad intermittenza, tutta la cinta muraria del borgo medioevale, facendo diventare Gradara un grande cuore pulsante. Per maggiori informazioni sulla manifestazione è possibile chiamare lo 0541/ o consultare il sito Daniele Di Palma IL BORGO DI PAOLO E FRANCESCA PROPONE TRE GIORNI DI PASSEGGIATE ROMANTICHE, CENE E MESSAGGINI Il sindaco del Carnevale si elegge il Giovedì grasso plica alle ore 17.15) scritto e diretto da Simone Ricciatti. Dopo le ore 16 e la proclamazione del Sindaco della Città del Carnevale, laboratori dedicati a marionette e maschere. Alle al Teatro della Fortuna il musical «Peter Pan. Ogni favola è un gioco», Compagnia Neverland. Anche Urbino festeggia il Carnevale: la manifestazione, organizzata dai Gruppi studenteschi, si terrà dalle 16 al Palasport. AL CINEMA SALA PER SALA ANCONA AZZURRO Via Tagliamento, 39 - Tel La trattativa 2K di Sabina Guzzanti; con Sabina Guzzanti, Ninni Bruschetta, Maurizio Bologna (documentario) GALLERIA Via A. Giannelli 2 - Tel La trattativa di Sabina Guzzanti; con Sabina Guzzanti, Ninni Bruschetta, Maurizio Bologna (documentario) ITALIA Corso Carlo Alberto, 77 - Tel Romeo & Juliet di C. Carlei; con Douglas Booth, Hailee Steinfeld, Paul Giamatti (drammatico) MOVIELAND GOLDONI Via Montebello - Tel Sala 1 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Sala 2 Il nome del figlio di Francesca Archibugi; con Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Alessandro Gassman (commedia) Sala 2 Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Sala 3 Whiplash di Damien Chazelle; con J.K. Simmons, Miles Teller, Melissa Benoist (drammatico) Sala 4 Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Sala 5 Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) Sala 6 Sala 6 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) UCI CINEMAS ANCONA Via Filonzi, 10 - Loc. Baraccola - Tel Sala 1 Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Sala 2 Italiano medio di Marcello Macchia; con Maccio Capatonda, Lavinia Longhi, Herbert Ballerina (commedia) Sala 2 Sala 3 Sala 4 Sala 4 Sala 5 Sala 5 Sala 6 Sala 6 Sala 7 Sala 8 Sala 9 Sala 9 Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Mune - Il guardiano della luna di Benoit Philippon; di Alexandre Heboyan; (animazione) Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) Shaun - Vita da pecora: Il film di Mark Burton; di Richard Starzack; (animazione) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Jupiter - Il destino dell Universo di Lana Wachowski; di Andy Wachowski; con Sean Bean, Channing Tatum, Mila Kunis (fantascienza) Romeo & Juliet di C. Carlei; con Douglas Booth, Hailee Steinfeld, Paul Giamatti (drammatico) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Notte al museo 3 - Il segreto del faraone di Shawn Levy; con Ben Stiller, Rebel Wilson, Robin Williams (commedia) Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) FABRIANO MOVIELAND Via B. Gigli, 19 - Centro comm. Il Gentile - Tel Chiuso per lavori JESI UCI CINEMAS JESI Via Marco Polo 5 - Tel Sala 1 Sala 2 Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Sala 3 Mune - Il guardiano della luna di Benoit Philippon; di Alexandre Heboyan; (animazione) Sala 3 Italiano medio di Marcello Macchia; con Maccio Capatonda, Lavinia Longhi, Herbert Ballerina (commedia) Sala 4 Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders; con Bruno Ganz, Nastassja Kinski (drammatico)21.00 Sala 5 Notte al museo 3 - Il segreto del faraone 3D di Shawn Levy; con Ben Stiller, Rebel Wilson, Robin Williams (commedia) Sala 6 Shaun - Vita da pecora: Il film di Mark Burton; di Richard Starzack; (animazione) MATELICA MULTIPLEX GIOMETTI CINEMA Mgc1 Mgc2 Mgc2 Mgc3 Mgc4 Via Grifoni - Tel Cinquanta sfumature di grigio 2K VM 14 di Sam Taylor-Johnson; con Dakota Johnson, Jamie Dornan, Luke Grimes (drammatico) Non sposate le mie figlie! 2K di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Jupiter - Il destino dell Universo di Lana Wachowski; di Andy Wachowski; con Sean Bean, Channing Tatum, Mila Kunis (fantascienza)22.40 Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) SENIGALLIA GABBIANO MULTISALA via Maierini, 2 - Tel Sala 1 Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) Sala 2 Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) UCI CINEMAS SENIGALLIA Via Abbagnano, 8 - Tel Sala 1 Mune - Il guardiano della luna di Benoit Philippon; di Alexandre Heboyan; (animazione) Sala 1 Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Sala 2 Sala 2 Sala 3 Sala 4 Sala 5 Sala 6 Sala 6 Notte al museo 3 - Il segreto del faraone di Shawn Levy; con Ben Stiller, Rebel Wilson, Robin Williams (commedia) Jupiter - Il destino dell Universo di Lana Wachowski; di Andy Wachowski; con Sean Bean, Channing Tatum, Mila Kunis (fantascienza) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Shaun - Vita da pecora: Il film di Mark Burton; di Richard Starzack; (animazione) Italiano medio di Marcello Macchia; con Maccio Capatonda, Lavinia Longhi, Herbert Ballerina (commedia) PESARO LORETO Via Mirabelli, 3 - Tel Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) MULTISALA METROPOLIS Via Volontari del Sangue, 1 - Tel Sala1 Sala 2 Sala 3 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) ODEON Via Salvatori, 13 - Tel Chiuso SOLARIS Via Turati, 42 - Tel A B C Turner di Mike Leigh; con Timothy Spall, Tom Wlaschiha, Lesley Manville (biografico) Timbuktu di A. Sissako; con Toulou Kiki, Ibrahim Ahmed (drammatico) Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) UCI CINEMAS PESARO Piazza Stefanini, 5 - Tel Sala 1 Notte al museo 3 - Il segreto del faraone di Shawn Levy; con Ben Stiller, Rebel Wilson, Robin Williams (commedia) Sala 1 Sala 2 Sala 2 Sala 3 Sala 4 Sala 5 Sala 6 Sala 6 Jupiter - Il destino dell Universo di Lana Wachowski; di Andy Wachowski; con Sean Bean, Channing Tatum, Mila Kunis (fantascienza)22.45 Shaun - Vita da pecora: Il film di Mark Burton; di Richard Starzack; (animazione) Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Mune - Il guardiano della luna di Benoit Philippon; di Alexandre Heboyan; (animazione) Italiano medio di Marcello Macchia; con Maccio Capatonda, Lavinia Longhi, Herbert Ballerina (commedia) FANO CITYPLEX POLITEAMA via Arco d Augusto, 52 - Tel Sala 1 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Sala 2 Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu; con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts (drammatico) Sala 3 Qui MALATESTA via Mura Malatestiane, 1 - Tel Selma - La Strada per la libertà di Ava DuVernay; con Tim Roth, David Oyelowo, Cuba Gooding Jr. (drammatico) UCI FANO Via Einaudi, 30 - Tel Sala 1 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) Sala 2 Sala 2 Sala 3 Sala 3 Sala 4 Sala 4 Sala 5 Sala 6 Notte al museo 3 - Il segreto del faraone di Shawn Levy; con Ben Stiller, Rebel Wilson, Robin Williams (commedia) Jupiter - Il destino dell Universo di Lana Wachowski; di Andy Wachowski; con Sean Bean, Channing Tatum, Mila Kunis (fantascienza) Mune - Il guardiano della luna di Benoit Philippon; di Alexandre Heboyan; (animazione) Non sposate le mie figlie! di Philippe de Chauveron; con Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan (commedia) Shaun - Vita da pecora: Il film di Mark Burton; di Richard Starzack; (animazione) Italiano medio di Marcello Macchia; con Maccio Capatonda, Lavinia Longhi, Herbert Ballerina (commedia) Taken 3 - L ora della verità di Oliver Megaton; con Liam Neeson, Famke Janssen, Maggie Grace (azione) Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) ACQUALAGNA A. CONTI P.zza Maffei - Tel Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) URBINO DUCALE Via Budassi, 13 - Tel Sala 1 Sala 2 Cinquanta sfumature di grigio VM 14 di Sam Taylor-Johnson; Luke Grimes (drammatico) The Imitation Game di Morten Tyldum; con Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Charles Dance (thriller) NUOVA LUCE Via Veterani, 17 - Tel Non c è 2 senza te di Massimo Cappelli; con Fabio Triano, Dino Abbrescia, Belén Rodriguez (commedia) 21.15

15 y(7hb5j0*qotoro( +,!"!$!=!? Posteitaliane Sped.inA. P.- D.L.353/2003 conv.l. 46/2004,art. 1,c. 1, DCB-AN - Taxe Perçu CorriereAdriatico +dorso nazionaledelmessaggero a 1.20 (RegioneMarche) Dal 1860 il quotidiano delle Marche PESARO e FANO Anno155N 42 Giovedì12Febbraio Spese pazze, sono 66 gli indagati Colpiti i vertici della Regione, da destra a sinistra. Notificata la chiusura dell inchiesta Ancona Tsunami sulla Regione Marche per le spese dei gruppi consiliari dal 2008 al 2014, un periodo a cavallo tra due legislature. Dopo due anni e mezzo di indagini (con un paio di richieste di proroga), la Procura di Ancona ha notificato la chiusura delle indagini a 66 indagati: una sessantina di consiglieri regionali in carica ed ex, oltre agli addetti alla contabilità dei gruppi. Per tutti l'ipotesi di reato è di peculato o concorso in peculato, ma per l'assessore Paola Giorgi, consigliere regionale eletta conidv, poi passata a Centro Democratico e ora con Marche 2020, si parla anche di truffa perché avrebbe dichiarato di risiedere fuori Ancona, percependo rimborsi chilometrici non dovuti. Nel mirino della Procura spese ritenute assai poco istituzionali: consulenze, rimborsi per chilometri fantasma, pranzi, telefonini e anche speseal supermercato. Sconocchini Alle pagine 2 e 3 μi centristi a Roma Marche 2020 cerca sponda e invita Udc e Ncd Ancona Udc, si tratta con Roma. Oggi, in calendario, un incontro tra il gruppo regionale e i vertici nazionali: un summit per chiarire le posizioni del partito stretto tra la coalizione Pd e la nascita di Area popolare, il nuovo centro costituito da Ncd, Dc di Giombini, le civiche con in testa Latini, i Popolari di Donati, Marche 2020 e, appunto, l Udc. E proprio Cesa e il coordinatore nazionale Ncd Quagliariello sono tra gli ospiti della convention di Marche 2020, il 21 febbraio ad Ancona, l occasione per capire cosa farà Spacca. Buroni A pagina 5 μpedone di 79 anni Muore travolto da un auto Senesi In cronaca di Pesaro μprotestano i residenti di via dei Partigiani La vecchia casa diventa un palazzone LA VARIANTE Carnevale, il sindaco fatto in casa La fascia della trasgressione a Cecchini. Il programma di giovedì grasso LA FESTA Fano Per il secondo anno, dopo il 2013, sarà il presidente della Carnevalesca il sindaco della settima grassa. In compenso oggi il Carnevale va in onda in Tv alla Vita in diretta. Falcioni In cronaca di Fano Pesaro Sarà che nel rendering il palazzone è stato colorato d azzurro e in contrasto con il verde e il color mattone che regnano sulla zona fa l effetto di un pugno in un occhio ma il grido d allarme lanciato da un centinaio di residenti delle vie Vetreria, dei Partigiani e Bertozzini è destinato a provocare un certo effetto. Quale sia l interesse pubblico o almeno l interesse prevalente di una variante che la giunta si appresta ad approvare (eludendo il passaggio in consiglio comunale) non è facile da comprendere. Oggetto del contendere la vecchia casa fra via dei Partigiani e via della Vetreria che una variante trasformerà in un palazzone di cinque piani. Sinibaldi In cronaca di Pesaro Per il giovedì grasso collegamento televisivo di Raiuno con Fano A fianco, una seduta del consiglio regionale. Sopra, il governatore Gian Mario Spacca e il segretario regionale del Pd Francesco Comi μil Governatore Deve chiarire con chi è stato al ristorante μil segretario Pd E per Comi chilometri fantasma A pagina 3 A pagina 3 μil centrodestra Spese postali e telefonini Paga Pantalone A pagina 2 μl indagine va avanti. Polemiche sull attribuzione L Isabella di Leonardo Sette inquisiti e querelle IL CASO Pesaro Sono sette le persone indagate nell'inchiesta sul dipinto di Leonardo Ritratto di Isabella d'este sequestrato in Svizzera: la proprietaria del quadro, il suo compagno, un avvocato di Fano che aveva il mandato a vendere il dipinto, due poliziotti entrambi in servizio alla questura di Pesaro e due mercanti d'arte. L indagine della Guardia di Finanza riguarda un giro molto più ampio di compra-vendita illegale di opere d arte. Intanto, continua la querelle sull attribuzione del dipinto. Per Sgarbi è solo una crosta. Fabrizi A pagina 9 Il ritratto di Isabella d Este

16 2 Giovedì12 Febbraio 2015 Ristoranti e ricariche, un abbuffata La Procura ne ha anche per il gruppo del Pdl e i tanti ex: da Massi a Carloni, da D Anna a Foschi a Natali e Trenta BUFERA A PALAZZO Ancona Sono accuse bipartisan quelle mosse della Procura per speseritenuteassai pocoistituzionali, vagliate dalla Guardia di finanzache indue anni emezzo di indagine ha passato al setaccio una gran mole di materiale: documenti contabili, rendiconti, ricevute, bolle, scontrini. La conclusione dell inchiesta, arrivata ieri al capolinea con la notifica di 66 avvisi di conclusione indagini, non fa sconti a nessuna forza politica nelle sue varie incarnazioni: cisonoindagati asinistra (Pdci, Prc fino a Ds e Pd), al centro, a destra (dal Pdl in poi), passando per i vari cespugli (Verdi). Il quadro tracciato dagli investigatori va dalle spese per consulenze e collaborazioni, propaganda, telefoniaeinternet nonadeguatamente documentate, a quelle del materiale per realizzare striscioni per una manifestazione, alla beneficenza fatta S incrina l immagine del Consiglio: Assemblea virtuosa aveva rivendicato più volte il vice presidente coni fondidei gruppi consiliariepoi acquisto dilibri epranziaprofusione di cuinon èdocumentato il fine istituzionale. Unategolacheincrina l immaginedel Consiglio regionale delle Marche come Assemblea virtuosa, come ha rivendicato più volte il vice presidente del Consiglio regionale Giacomo Bugaro di Fi, anche lui tra i destinatari degli avvisi. Ce ne è infatti anche per l opposizione. Dai rimborsi spese non documentati per euro ai euro pagati per collaborazioni e consulenze senza indicare le pezze d appoggio degli incarichi. Sono alcune contestazioni di MARCHE A lato, Palazzo Raffaello sede della Giunta E sono accuse bipartisan quelle mosse della Procura per spese ritenute assai poco istituzionali peculato mosse nelle 111 pagine della Procura al gruppo consigliare Pdl nel 2010 in particolare all allora presidente Fancesco Gentiloni Massi Silveri in concorso con i vari componenti del gruppo e, nel La Finanza in due anni e mezzo di indagine ha passato al setaccio una gran mole di materiale caso specifico, a Francesco Acquaroli. Altri euro vengono addebitati a Massi e Giacomo Bugaronel2011 per consulenze, ristorazioneerimborsi forfettari che, per l accusa, sarebbero stati ottenuti senza idonei documenti: tra questi 600 euro per 30 pasti in un ristorante di Agugliano e di valori bollati per cui non si riusciva a collegare il costo ad attività funzionali al gruppo. Le spese - scrive la Procura - erano relative a ristorazioni anche di sabato, domenica o festivi, e i relativi documenti giustificativi non recavano l intestazione, il fine istituzionale, le generalità e il ruolo degli ospiti. A Giacomo Bugaro, reduce dalla trasferta romana come grande elettore del Presidente della Repubblica, vengono addebitati anche 4 mila euro di spese per rimborso peranticipi su propostedi legge tra cui euro pagati, nel 2012, a un legale per compenso per studio e ricerca su temi di natura regionale, della legislazione e della comunicazione politico istituzionale. Altre consulenze non ade- Online guatamente documentate, vengono contestate al presidente Massi e a Mirco Carloni: riguardanonel 2012consulenze da euro (1.600 per indagine e ricerca - Piano area vasta e servizio farmaceutico; euro per Analisie verifica bilancio2012. Oltre alle consulenze, molte delle poste non adeguatamentegiustificate riguardano rimborsi per iniziative sul territorio: euro e euro assegnati a Giancarlo D Anna nel 2010 e nel E anche euro ricevuti da Elisabetta Foschi nel 2011 come rimborsi per iniziative politiche sul territorio regionale non meglio individuate. Rimborsi non sufficientemente motivati per iniziative sul territorio vengono ascritti dalle toghedellaprocuradorica anche a Giulio Natali (4.400 nel 2011), Franca Romagnoli (1.950 nel 2010), Daniele Silvetti (3.950 euro nel 2010), Umberto Trenta (2.750 nel 2010), Graziella Ciriaci (4.800 euro nel 2011). A Giovanni Zinni vengono imputati euro di consulenza a un collaboratore, 200 euro di spese telefoniche su un utenza intestata a lui senza prova di istituzionalità della spesa e 10 euro di bollettino postale versato per beneficenza ad un associazione. RIPRODUZIONE RISERVATA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE MINERARIE ED ENERGETICHE Divisione I - Affari Generali, Espropri nel Settore Energia, Royalties Avviso di avvio del procedimento di approvazione del progetto previa verifica della conformità urbanistica, dichiarazione di pubblica utilità e apposizione del vincolo preordinato all esproprio per la costruzione del metanodotto di prima specie (DN 100, P 70 bar) di collegamento tra il pozzo a gas Talamonti 1d, ubicato nel comune di Altidona (FM) e l esistente metanodotto denominato Cozza che collega il pozzo Cozza Terra 2d alla centrale di trattamento gas San Giorgio Mare, nel territorio comunale di Fermo. 1. La Società EDISON Spa, con sede legale in Via Foro Buonaparte, Milano - C.F e Distretto Operativo in Via Aterno, San Giovanni Teatino (CH), titolare della Concessione di Coltivazione Massignano, conferita con decreto 6 dicembre 1992, in data 23 dicembre 2014 ha trasmesso al Ministero dello Sviluppo Economico istanza, registrata in pari data al prot. n della Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche (DGRiME), per l approvazione del progetto previo accertamento della conformità urbanistica, apposizione del vincolo preordinato all esproprio e dichiarazione di pubblica utilità del metanodotto di collegamento tra il pozzo a gas Talamonti 1d e il gasdotto esistente tra l area pozzo Cozza Terra 2d e la centrale di trattamento gas San Giorgio Mare, allegando i relativi elaborati tecnici. 2. Il metanodotto sopraindicato permette il recupero del gas derivante dalla produzione del pozzo a gas Talamonti 1d, ubicato nel territorio comunale di Altidona in provincia di Fermo. 3. Il tracciato dell opera si sviluppa per una lunghezza di 4.2 km; è ubicato per la sua interezza nella provincia di Fermo ed attraversa i comuni di Altidona, Lapedona e Fermo. 4. Con il presente avviso, da valere ai sensi e per gli effetti degli articoli 7 e 8 della legge 7 agosto 1990, n. 241, (di seguito: legge n. 241/90) si rende noto che: ha inizio la fase istruttoria del procedimento indicato in oggetto; l Amministrazione competente ad approvare il progetto, nonché a dichiarare la pubblica utilità dell opera con riconoscimento della conformità urbanistica e del vincolo preordinato all esproprio è il Ministero per lo Sviluppo Economico Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche, Via Molise, Roma; il termine per la conclusione del procedimento, di cui é responsabile lo scrivente, é il 19 giugno 2015, salvo le proroghe per i periodi di eventuale sospensione temporanea di cui all articolo 2, comma 7, della legge n. 241/90; il rimedio esperibile nel caso di inerzia dell Amministrazione é il ricorso effettuato ai sensi dell articolo 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n Gli atti e i documenti progettuali, a norma della citata legge n. 241/90, sono depositati presso il Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche Divisione I - e presso gli Uffici dei Comuni interessati dall opera. Nel caso di esame della documentazione depositata presso il Ministero, è consentito il diritto di accesso ai soggetti interessati, con modalità da concordare con lo scrivente responsabile del procedimento, trasmettendo apposita segnalazione ai recapiti ministeriali di seguito indicati. 6. Entro trenta giorni successivi alla pubblicazione del presente avviso e comunque non oltre la data 16 marzo 2015, le eventuali osservazioni sul progetto dovranno essere trasmesse al responsabile del procedimento, unitamente a documentazioni e memorie scritte di riferimento, recapitandole al Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche all indirizzo di posta elettronica certificata: oppure tramite fax al n Il recapito può essere effettuato anche per posta ordinaria, inoltrando la documentazione all indirizzo: MiSE - DGRiME Divisione I - Via Molise, n Roma. Le osservazioni inoltrate saranno valutate ai fini delle definitive determinazioni amministrative. 7. Il presente Avviso è affisso dalla data odierna per venti giorni consecutivi all albo pretorio dei comuni di Altidona, Lapedona e Fermo, nonché pubblicato sui quotidiani Il Sole 24 Ore e il Corriere Adriatico, e nel sito informatico della Regione Marche. Ai sensi dell art. 8, comma 3, della legge n. 241/90, la pubblicazione del presente Avviso assolve a tutti gli effetti alla comunicazione personale di avvio del procedimento, in quanto il numero dei soggetti interessati alla realizzazione dell opera è superiore a cinquanta. 8. Coloro che, secondo i registri catastali non risultano più proprietari o aventi diritti sugli immobili elencati in allegato, a norma dell art. 3, comma 3, del dpr 8 giugno 2001, n. 327, sono tenuti a darne comunicazione al responsabile del procedimento, ai recapiti del Ministero sopra indicati, segnalando il nominativo del nuovo proprietario, se a conoscenza, o fornendo copia degli atti utili a ricostruire le vicende dell immobile. Il responsabile del procedimento f.to: dr. Roberto Rocchi METANODOTTO DN 100 (4 ) P 70 BAR DI COLLEGAMENTO TRA IL POZZO A GAS TALAMONTI 1d E L ESISTENTE METANODOTTO DENOMINATO COZZA Elenco degli immobili interessati dal vincolo preordinato all esproprio per la realizzazione dell opera: Comune di Altidona: Fg. 4: mappale 128 Angelini Niccolina, Natali Daniela, Natali Francesco; mappali 333, 51 Ciarrocchi Mariano; mappali 159, 20, 257 Vallesi Alberto, Vallesi Luigino, Vallesi Stefano, Mecozzi Maria; mappale 246 Silla Marina, Vallesi Pierino; mappali 3, 4, 6, 171 Acciarri Gina; mappale 115 Giammarini Mariella, Mazza Alba; Fg. 3: mappale 50, 151, 52 Lodovici Manuela Maria Cristi. Comune di Lapedona: Fg. 5: mappale 7, 111, 86, 85, 44 Vallesi Maria, Silla Guerrino; mappali 242, 45, 98 Allegrini Celestino, Allegrini Enrico; mappali 8, 68, 9 Olivieri Tullio Fg. 4: mappale 83 Olivieri Tullio; mappale 111 Seminario Arcivescovile di Fermo; mappali 184, 90, 85, 74, 30, 409 Palloni Ivo; mappale 86 Palloni Giuliano. Comune di Fermo: Fg. 130: mappali 88, 49, 51, 16 Silla Guerrino, Vallesi Maria; mappale 87 Cipolletta Graziella, Palloni Ivo; mappale 50 Ferracuti Filippo; Partemi Francesca; mappale 145 Bedetta Gino, Montelpare Elvira; mappali 137, 62, 63, 52, 20 Fedeli Domenico; mappali 44, 64 Giammarini Anita; mappale 76 Scoccia Dino, Scoccia Mario, Scoccia Nazareno; mappale 79 Cicconi Carla; mappale 96 Petrini Giorgio; mappale 42 Petrini Franca Fg. 128: mappali 413, 414, 411 Petrini Angela Rosa; Petrini Emanuela; mappali 417, 416, 415, 418 Cacciari Italia; mappali 427, 428 Amministrazione Provinciale di Fermo; mappali 425, 426, 423, 421, 420, 422 Luciani Antonietta, Luciani Anna; mappale 63 Tiberi Fiore, Tiberi Stefano, Tiberi Tiziana, Perticara Lina; mappali 390, 66 Palmieri Maria Grazia, Palmieri Sara; mappali 389, 74 Silenzi Tommaso Massimo; mappali 151, 149, 76, 150 Biocchi Renato; mappale 72 Nazzaro Gabriella, Nazzaro Romano; mappali 311, 310 Giammarini Mario; mappali 114, 264, 267, 99 Autostrade Per L Italia Spa; mappali 240, 161 Cipolletta Anna Maria, Cipolletta Giorgio, Cipolletta Lorella, Cipolletta Marco, Cipolletta Stefania, Cipolletta Stefano, Luciani Maria Teresa, Ripani Elena; mappale 98 Giammarini Maria Luisa; mappale 171 Fabiani Luciana; mappali 115, 110 Anas-Demanio dello Stato. Concessionaria di pubblicità esclusiva per il Corriere Adriatico VIA BERTI, ANCONA TEL FAX REGIONE MARCHE AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I LANCISI SALESI S.O. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Via Conca n TORRETTE DI ANCONA sistema per dosaggio farmaci (CIG ) 23 /03 / IL DIRETTORE SO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI Concessionaria di pubblicità esclusiva per il Corriere Adriatico VIA BERTI, ANCONA TEL FAX

17 Giovedì12Febbraio Online MARCHE I conti non tornano, Regione sott accusa Contestate spese non giustificate a Spacca e Solazzi per telefonia, viaggi e pranzi al ristorante BUFERA A PALAZZO Ancona LORENZO SCONOCCHINI A tre mesi dalle elezioni regionali, irrompe sulla scena politica l effetto spese pazze, sotto forma di 66 avvisi di chiusura indagine con cui la Procura della Repubblica di Ancona annuncia l intenzione di chiedere un processo per peculato e truffa nei confronti di 61 consiglieri di due legislature, tra cui l attuale Governatore Gian Mario Spacca e il presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi (entrambi confluiti in Marche 2020) e cinque addetti ai gruppi. Considerato che ora gli indagati avranno venti giorni di tempo per far cambiare idea ai Pm, facendosi interrogare o presentando memorie difensive, ecco che il calendario di un eventuale richiesta di rinvio a giudizio si sposta proprio a ridosso del voto di primavera. Oltre a Spacca, in odore di ricandidatura per il terzo mandato con Marche 2020 e un raggruppamento centrista, c è dentro quasi tutta la giunta di centrosinistra in carica, e poi il segretario regionale del Pd Francesco Comi, l ex vice presidente della giunta Paolo Petrini, ora deputato Pd, l intero ufficio di presidenza del Consiglio regionale. Annunciato in mattinata da un comunicato del procuratore capo Elisabetta Melotti ( sono in corso le notificazioni dell avviso di conclusione indagini, emesso nel procedimento relativo all utilizzo dei fondi pubblici ), l atto d accusa della magistratura riguarda il periodo dal 2008 al 2012, ottava e nona legislatura regionale, passato al setaccio dal Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Ancona, delegato sia dalla Procura ordinaria che, per i profili contabili, da quella della Corte dei Conti. Tra coloro che si salvano da questo imbarazzante capitolo giudiziario c è l attuale assessore al Bilancio Pietro Marcolini (in corsa per le primarie del Pd), il vicepresidente dell aula Antonio Canzian (eletto consigliere del Pd e approdato quasi subito al governo della Regione) e il consigliere del Pd Letizia Bellabarba, subentrata a Petrini nel Per i 66 indagati, 23 dei quali hanno ricoperto la carica di presidente di un gruppo consiliare, ci sono contestazioni in tono minore rispetto a inchieste su altre Regioni italiane, che riguardano GLI INDAGATI 1. ACACIA Scarpetti Luca 2. ACQUAROLI Francesco 3. BADlALl Fabio 4. BENATTI Stefania 5. BlNCl Massimo 6. BRANDONI Giuliano 7. BRlNl OTTAVlO 8. BUCCIARELLI Raffaele 9. BUGARO Giacomo 10. BUSILACCHI Giantuca 11. CAMELA Valeriano 12. CANDUCCI Giuseppe 13. CAPPONl Franco 14. CARDOGNA Adriano 15. CARLONl Mirco 16. CASTELLI Guido 17. CIRlACl Graziella 18. COMI Francesco 19. D'ANNA Giancarlo 20. Dl FURlA Massimo 21. D'ISIDORO Antonio 22. DONATI Sandro 23. EUSEBI Paolo 24. FILIPPINI Andrea 25. FOSCHI Elisabetta 26. GlANCARLl Enzo 27. GlANNlNl Sara 28. GlANNOTTl Roberto 29. GIORGI Paola 30. LATINI Dino 31. LIPPI Leonardo 32. LUCHETTI Marco 33. MALASPINA Maura soprattutto pranzi e cene, spesso con commensali estranei alla Regione Marche o non identificati, spese postali, manifesti, consulenze, servizi di telefonia. Per tutti la Procura ipotizza i reati di peculato o concorso in peculato, ma all assessore Paola Giorgi, eletta consigliere regionale con l Idv e poi passata a Centro democratico e ora con Marche 2020, si contesta anche la truffa perché avrebbe dichiaratodi risiederea Matelicamentre per la Procura il suo effettivo domicilio era ad Ancona, percependo rimborsi chilometrici non dovuti: 3.167,37 euro nel 2010 e 5.538,34 nel Tra coloro che si salvano l attuale assessore al Bilancio Marcolini, in corsa per le primarie del Pd 34. MAMMOLl Katia 35. MARANGONI Enzo 36. MARCONI Luca 37. MARINELLI Erminio 38. MASSI Francesco 39. MEZZOLANI Almerino 40. MINARDI Luigi 41. MOLLAROLI Adriana 42. NATALI Giulio 43. ORTENZl Rosalba 44. PAGNOTTA Fabio 45. PARRUCCI P. Enrico 46. PERAZZOLI Paolo 47. PETRINI Paolo 48. PlERONl Giuseppe 49. PIERONI Moreno 50. PlSTARELLl Fabio 51. PROCACCINI Cesare 52. RICCI Mirco 53. RlCCl Roberto Oscar 54. ROCCHI Lidio 55. ROMAGNOLI Franca 56. SCIAPICHETTI Angelo 57. SlLVETTl Daniele 58. SOLAZZI Vittoriano 59. SORDONI Franco 6O. SPACCA Gian Mario 61. TIBERI Oriano 62. TRAVERSlNl Gino 63. TRENTA Umberto 64. VlVENTl Luigi 65. ZAFFINI Roberto 66. ZINNI Giovanni Nelle 111 pagine di avviso di chiusura delle indagini, firmate insieme al procuratore capo dai sostituti Giovanna Lebboroni e Ruggiero Dicuonzo, si passano in controluce le spese di tutti i gruppi consiliari, scontrino per scontrino. E così per gli inquirenti Spacca nel 2008, come presidente del monogruppo l Unione per le Marche, si sarebbe appropriato indebitamente di ,23 euro per spese di spedizione, redazione, di stampa e diffusione di manifesti, e spese di ristorazione. Entrando nello specifico: 3.658,23 euro per la spedizione del periodico Marche Domani, e ,00 euro per pranzi e cene, con documentazioni di rimborso carenti. Nel 2009, il Governatore, secondo accuse ancora tutte da dimostrare nelle opportune sedi giudiziarie, si sarebbe appropriato di ,35 euro. Per la Finanza μal capogruppo Pd Mirco Ricci contestata anche una spesa allo Sma Yogurt, Chinotto e S.Crispino I DETTAGLI Ancona Libri, due cornici, un computer da1.959 euro, carburante, biglietti per l ingresso a spettacolidi beneficenza, soggiorni in hotel, pranzi e cene,spese personali messe nelconto del gruppo: è molto corposa ladocumentazione dell'avviso dichiusura delle indagini per peculato e concorso in peculato che la Procura diancona ipotizza a carico del capogruppo Pd Mirco Ricci, a partire dall ottava legislatura, quando ilgruppo era ancoraquello dei Ds-L Ulivo. Un lungoelenco di Mirco Ricci speseche nonavrebbero alcuna attinenza con l attività politica del gruppo, e che comprendonoanche soggiorni in alberghi romani eperfino scontrini per pochi spiccioli: 21,71 euro adesempio, per l acquisto di Yogurt, vino San Crispino, Philadelfia, limoni sfusi: una spesafatta alcytiper Sma disenigallia, evidentementenon connessa afini funzionali del gruppo notano ipm. Di circa 600 euro dispese diristorante non si trovanogiustificativi convincenti, dicono gli inquirenti,e l elenco prosegue con anticipi di carta dicredito per1.088,50 euro, spese per applicativisoftware per 2.956,80euro e così via. Il presidente del gruppo Pd si sarebbeappropriato della sarebbero spese non sufficientemente documentate, oppure non inerenti alle attività del gruppo, per manifesti, ristoranti, servizi di telefonia e per la stampa di 55 mila copie del periodico filosofico culturale Koinè, oltre che per l acquisto di traffico Sms sul sito Aruba. Altri5.273euro vengonocontestati a Spacca per l anno 2010, per rimborsi legati ad attività di rappresentanza, servizi postali, cancelleria e telefonia, e per spese di ristorazione (1.647 euro) e acquisto di traffico Sms su Aruba (765 euro). Nella nona legislatura Spacca era stato rieletto con la lista Fuori dall inchiesta anche il vicepresidente dell aula Canzian e il consigliere dem Letizia Bellabarba somma complessiva di ,78euro, dicui euroriferibili personalmente all indagatoe le altre genericamenteal gruppo. Tutto a titolo di rimborsoper l acquisto dialimenti e bevande,di fiorie piante, per incarichidi consulenza, acquistodi Cd elibri, servizi postali, oggettistica, parcheggi, telefonia. Il 19 giugno 2009, provvista di bevandein un supermercato: Brillante Recoaro, Chinotto, Sprite, Fanta, Coca, The vari Nel lungo elenco anche soggiorni in alberghi romani e perfino scontrini per pochi spiccioli Gian Mario Spacca presidente, e come responsabile della gestione dei fondi del gruppo i magistrati gli chiedono conto di 4.152,84 euro di spese per ristoranti, spese postali e bolli, viaggi e per la partecipazione ad eventi. La Procura chiederà chiarimenti anche su pranzi per incontri tenuti sul territorio che sarebbero invece avvenuti altrove (ad esempio in Abruzzo, a Pescara e Villa Rosa) e con ospiti estranei all amministrazione regionale, o, nel caso di un paio di date fra onomastici e compleanni, con un familiare. Ma la stessa Procura evidenzia però che alcune di queste spese, pagate con la carte di credito, successivamente sono state saldate personalmente dal presidente. Ammonta a12.597,74euro la spesa contestata a Spacca nel 2012 per scontrini di ristoranti (anche locali di Abruzzo, gusti, Yoga mela-banana, biscotti.per iniziative del gruppo Pd cisono spese per euro chela Procura bolla come senza alcun documento giustificativo, spese di ristorazione per ,70 euroda cui Ricci non avrebbe detrattola propria quota e un pranzonatalizio con44 coperti (1.936euro) fatto a Senigalliail 21dicembre Il segretario regionaledei democrat FrancescoComi è indagato in concorso con Ricciper rimborsi perindennità di trasferta senza indonea documentazione: contestazioni consomme che variano da3.873,44 euro a 2.557,24euro a capitolo, con picchi di3.450,02 euro. In qualchecaso, sottolinea la Procura, le distanze chilometriche dichiarate nei prospetti dimissione dal consigliere Comi erano superioria quelle effettive, e ricomprendevanoanche tratti già coperti dal rimborso forfettario riconosciuto ai consiglieri. Curiose anche altre contestazioni per spesenon legate a finiistituzionali: come i 163euro rimborsati a Dino Latini (Api-Liste Civiche) per l acquisto diun frigorifero o il libro Il segreto delle donne pagato16,80 euroda Raffaele Bucciarellidi Rifondazione comunista. Per tutti ci sarà mododi spiegare nell interrogatorio (hanno venti giorni ditempo per chiederlo) opresentando memorie. Lazio e Lombardia), alberghi, spese di rappresentanza senza documentazione di supporto. Ma il grosso dell importo riguarda una consulenza professionale pagata ,74 euro. Il presidente dell Assemblea legislativa Vittoriano Solazzi è invece indagato in concorso col capogruppo del Pd Mirco Ricci per spese relative al 2009 e 2010, quando faceva parte del Gruppo dei Democratici. Con Ricci si sarebbe indebitamente appropriato di 1.270,90 euro nel 2009 a titolo di rimborsi e contributi per la ristorazione, (906,80 euro), spese postali e bolli (210), spese telefoniche (154). Nel 2010 Ricci e Solazzi si sarebbero appropriati di 2.384,90euro spettantialgruppo Dem: 1.402,90 euro per spese di ristorante, il resto postali (240 euro), internet (500), telefonia (242 euro). RIPRODUZIONERISERVATA μl azzurro Bugaro si dichiara molto sereno. Massi di Ncd: Ogni soldo è stato speso per attività istituzionali Questo è il prezzo che si paga a fare politica di questi tempi LE REAZIONI Ancona Si chiude l inchiesta e i consiglieri regionali, la maggior parte, sceglie di non esprimere giudizi anche perché molti di loro, per loro stessa ammissione, non hanno ricevuto nulla dalla Procura. I soliacommentare la vicendasono Francesco Massi, capogruppo regionale Ncd, e Giacomo Bugaro, vicepresidente di Forza Italia del consiglio regionale. Sono molto sereno - dice l esponente azzurro - questo è il Ricci: Finché non vedo, non commento Perazzoli: Non capisco cosa dovrebbe arrivarmi prezzoche si paga a fare politica di questi tempi. Siccome non ho rubato nulla e non mi sono approfittato delle pur modeste somme in discussione utilizzate soloperfiniper cuilalegge leha messe a disposizione, sono convinto di poter tranquillamene affrontare la questione. E molto tranquillo si dice ancheil consigliere regionale Massi. Non so ancora quello che mi viene contestato - dichiara il capogruppo di Ncd - sono comunque tranquillo. Voglio sottolineare che tutta la gestione è stata fatta col massimo rigore, ogni soldo è stato speso per attività istituzionali. E ancora: I miei conti sono sempre stati super controllati, spesso, tra l altro, non ho neanche utilizzato tutto il budget che era a disposizione. Sul fronte del Pd, bocche cucite. O quasi. Apprendo questa notizia dalla stampa - fa sapere il consigliere regionale Gianluca Busilacchi - non ho ricevuto nulla, sono comunque molto tranquillo, ho la massima fiducia nei confronti della magistratura e, proprio per questo, non mi sento di rilasciare dichiarazioni. Chi invece preferisce non entrare affatto nel merito della vicenda è Mirco Ricci, capogruppo regionale Pd. Ho sentito dire, finchè non vedo, non commento, si limita a dichiarare. Stessa musica per il consigliere regionale Dino Latini. Non mi è arrivato nulla - fa sapere - quindi, non rilascio dichiarazioni. Umberto Trenta, capogruppo regionale di Forza Italia, è ancora più parco. Ora sono dal notaio - spiega - non ne so nulla, non mi è arrivato nulla e spero che non arrivi niente. In casa Pd, il consigliere regionale Paolo Perazzoli è lapidario: Non so nulla, non capisco, tra l altro, che cosa dovrebbe arrivarmi. Parola infine a Marina Magistrelli, legale del segretario regionale del Pd Comi. Consiglio prudenza - esordisce - leggendo le 110 pagine di informazione di garanzia si vedono molti errori fuorvianti, nessuna selezione e nessun approfondimento probatorio e poi l onere della prova sembra si sia invertito, è chi accusa che deve portare prove a fondamento dell ipotesi accusatoria che in questo caso è il peculato, prova che poi verrà vagliata da un giudice nel processo. Insiste: Non sono sicura che questa indagine andrà a buon fine. Tutto questo can can su 66 persone aumenta solo l indignazione dell opinione pubblica, ma gli addetti ai lavori sanno che molti di questi indagati non hanno fatto nulladi illecito e che sarannoassolti. E chiude: Chi é colpevole deve pagare ma chi é innocente non può essere messo alla gogna come ha fatto la Procura con questa informazione di garanzia. fe.bu. RIPRODUZIONERISERVATA

18

19

20 IV Giovedì 12 Febbraio 2015 FANO Noi Città come Anonymous, chi c è dietro? IL RETROSCENA Fano Noi Città come Anonymous. La lista civica del sindaco annuncia che non voterà no sull ex zuccherificio senza un progetto alternativo con un comunicato stampa non firmato che propone in modo ossessivo l iterazione Noi, mettendo in evidenza le contraddizioni del centrosinistra che ha eletto a sindaco Massimo Seri. Contraddizioni insite nella lista civica ed elevate al quadrato nel dibattito sulla cosiddetta madre di tutte le varianti, che è la cartina di tornasole della politica fanese degli ultimi dieci anni. Sono due principalmente i passaggicritici della presa di posizione che rivendica per l ex zuccherificio una cittadella dello sport, ampliando l idea già veicolatanel dibattito storico sullavariante dall ex Pdl. Il primo. Ai tempi Noi città non era ancora nata e quindi non poteva essere presente alle scelte prese né all' epoca della giunta Carnaroli né tantomeno da quella successiva di Aguzzi, ancor più scellerata se si considera l'aspetto della cementificazione selvaggia. In ogni caso, come gruppo a oggi non condividiamo tali scelte. A differenza degli hacktivist della rete una lista civica non può rivendicare lo status dell anonimato e dell indefinito in relazione a scelte politiche che sono promosse dalle persone e misurate dalla coerenza delle stesse nel tempo. Per quanto è vero che nei dieci anni di amministrazione Aguzzi la lista civica Noi Città non c era, c erano eccome le persone che oggi le danno rappresentanza istituzionale in consiglio. In particolare il capogruppo Riccardo Severi per nove anni è stato il comandante della guardia della giunta Aguzzi, fino all ammutinamento finale; l assessore all urbanistica Marco Paolini era il cavaliere senza macchia, assessore con Aguzzi per sei anni, vittima di una congiura di palazzo; la consigliera Laura Serra invece è stata dal 2010 la Giovanna D Arco dell Idv sempre sulla breccia della protesta politica contro Aguzzi; il sindaco Seri era un oppositore di Aguzzi dall aplomb inglese, senza mai una parola sopra le righe (l unica che effettivamente non c era è Barbara Brunori all epoca dedita solo a lavoro e famiglia). L altropassaggio criticoè quello della censura ai dirigenti comunali per l'interazione nelle scelte delle votazioni in consiglio comunale e i consigli su quello che potrebbe essere realizzato con un riferimento implicito al capo di Gabinetto Celani. Nel parere allegato alla delibera in effetti Celani argomenta la sua tesi in modo meno incisivo del solito, citando invece delle norme e della giurisprudenza i comunicati stampa di Confesercenti e Confcommercio. Ma è il dirigente che gode della fiducia personale proprio del sindaco Seri. Siccome Noi Città non può essere Anonymous premono queste domande: chiha redattoilcomunicato? Chi l ha condiviso? Chi c è dietro Noi Città? l.fur. Incontro e proposta in extremis Madonna Ponte: Realizziamo palas e piscina in cambio del sì e ridiscutiamo tutto URBANISTICA ROVENTE T: E: F: LORENZOFURLANI Fano E iniziato il conto alla rovescia dell ultima settimana per trovare un intesa sulla destinazione dell area ex zuccherificio al fine di evitare due rischi: quello privato del fallimento della società di Madonna Ponte, quello pubblico della vendita per lotti dell area attualmente industriale in una zona diventata a pieno titolo urbana. La variante con la destinazione commerciale e direzionale, richiestadamadonna Ponte esviluppata dalla passata amministrazione di centrodestra, arriverà alla discussione del consiglio comunale mercoledì prossimo 18 febbraio, ultimo stadio di un L area dell ex zuccherificio iter iniziato più di 5 anni fa. La nuova maggioranza di centrosinistra è decisa a votare no perché la delibera costituisce la ta dal sindaco Seri, dal vice Marchegiani, dagli assessorepaolini e Mascarin e dal presidente del summa di una concezione urbanistica Consiglio comunale Minardi. rifiutata in toto. In mezzo c è la lista del sindaco Noi Città divisa, col capogruppo Riccardo Severi intenzionato a votare sì. Due giorni fa la parte privata si è di nuovo incontrata con l amministrazione, rappresenta- Con l omologazione in Tribunale del piano di ristrutturazione del debito di Madonna Ponte, la proprietà è già transitata da questa società (che raggruppa i principali imprenditori del mattone) a Medioleasing, braccio operativo di Banca delle Marche. Madonna Ponte resta come utilizzatore dell area sempre che non salti il piano di rientro del debito in dieci anni, che prevede l avvio della prima fase dei lavori nel giugno La mediazione tentata dall amministratore Duranti è quella di avviare l intervento con la parte sportivo ricreativa della variante compatibile con La lista civica evidenzia le contraddizioni della coalizione. Nel mirino Celani che ha la fiducia del sindaco un diverso e condiviso progetto disviluppo, chepotrà essere implementato con una successiva variante. Ma la condicio sine qua non è che il consiglio dia il via libera il 18 alla variante in discussione, altrimenti Madonna Ponte sarà tagliata fuori. La società ha già investito 10 milioni di euro, Medioleasing ce ne ha messi 36 - afferma Duranti -. RIPRODUZIONERISERVATA Ma il Pd guarda oltre Per Medioleasing una nuova variante LA REAZIONE Fano AlPd laproposta della società Madonna Ponte (sì alla variante con avvio degli impianti sportivi e revisione in itinere del progetto urbanistico) pare un azzardo. Ciòche dobbiamo evitare ora sono soluzioninon lineari - afferma StefanoMarchegiani, vicesindacoe segretario del Pd, che come riferimento prende già Medioleasing-. La decisione politica è presa. Se approviamo lavariante è difficile poi discutere di altro. Noiabbiamo offertoalla proprietà la disponibilitàa ragionare del piano disviluppo, con una nuova varianteda approvare in tempi rapidi e da realizzare entro i dieci anni di rientrodal debito. Non esistono iter brevi di variante. Se si ricomincia daccapo nel giugno 2016 non potremo partire con il progetto. Noi siamo disponibili a realizzare subito una struttura sportiva polifunzionale da posti e un parco acquatico con una piscina da 25 metrieduepiscineper lariabilitazione e per i bambini. RIPRODUZIONE RISERVATA Vertenza Saipem Vertice in Regione La mobilitazione per Saipem Fano Si è svolto ieri nella sede della Regione Marche l'incontro tra l'assessore al lavoro della Regione Marco Lucchetti, le organizzazioni sindacali Cgil Cisl Uil e una rappresentanza della Rsu aziendale della Saipem. Era presente anche il sindaco di Fano Massimo Seri, accompagnatodalpresidentedel consiglio comunale Minardi. Si è concordato di attivarsi immediatamente per la convocazione al Ministero per l'industria e lo sviluppo economico di tutte le parti coinvolte in questa difficile vertenza. Dopo l'incontro nazionale delle categorie sindacali che seguono la vicenda Saipem, verrà richiesta l'immediato coinvolgimento del ministro assieme alle istituzioni regionali dove sono presenti siti dell azienda, nelle Marche, in Lombardia, Lazio, Calabria, Veneto e Sardegna. La Cisl di Fano ha espresso particolare preoccupazione per questa atipica vertenza in quanto si vuole smantellare una azienda tecnologicamente avanzata dall'alto know how in termini di progettazione, con un consistente e significativo portafoglio, ordini acquisiti per i prossimi due anni, una elevata competenza professionale e tecnica degli addetti impiegati. "Se la Saipem chiudesse - ha evidenziato Giovanni Giovanelli - per il nostro territorio sarebbe un deserto sociale ed occupazionale". RIPRODUZIONERISERVATA Zuccherificio, Fano 5 Stelle critica la giunta Seri per otto mesi d inerzia Prevediamo strutture ricettive e per l innovazione del lavoro IL DIBATTITO Fano Gli attuali contrasti esistenti all'interno della maggioranza sul votare o meno la variante dell'ex zuccherificio, vengono interpretati da Fano 5 stelle come una grave mancanza nel non aver definito per tempo un progetto alternativo per l'area in questione. Noi città, la lista del sindaco dice che non ha senso votare no, se non c'è un'altra proposta per la zona ex-zuccherificio, in quanto si corre il rischio di lasciare gli attuali scheletri dei capannoni per chissà quanto tempo ancora. Il Partito democratico invece appare risoluto a bocciare tout cour lo strumento urbanistico, avendo imbastito su di esso una battaglia fin dai tempi della opposizione. Il fatto che non si è costruito nulla per arrivare ad una idea alternativa, viene considerato dai grillini, un esempio negativo dell'attività politica di Seri. Sarà interessante verificare tra pochi giorni cosa accadrà all'interno della maggioranza dopo i distinguo che sono emersi: il capogruppo di Noi città voterà in modo difforme dal Pd e cosa farà il sindaco, rispetto alla sua lista civica da un lato e rispetto al principale alleato della sua coalizione dall'altro? Per Fano 5 stelle non esistono dubbi: i grillini voteranno no alla variante. "Come si può ancora solo pensare - evidenziano Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri e Roberta Ansuini - di votare sì a questa variante? E' stato portatoavanti uno schema di sviluppo obsoleto, che è stato la causa stessa della crisi attuale, ovvero: la costruzione di nuovi supermercati e capannoni artigianali. Chiediamoci: Fano ha ancora bisogno di tutto questo?". In alternativa si propone Il consiglio comunale affronterà la questione mercoledì 18 di lavorare su due fasi: da subito votare "no" alla variante. Convocare immediatamente la commissione urbanistica con la società Madonna Ponte per convenire a una nuova idea da concordare e progettare nel giro di sei dieci mesi. Tutto tecnicamente possibile se si lavora alacremente- sottolinea F5S -. Per recuperare gli otto mesi del nulla della giunta Seri, che arriva sempre lenta e tardi. Noiporteremosul tavololanostra idea che da tempo proponiamo: puntare sustruttureturistico-sportive e su realtà che accolgano ricerca e innovazione nel mondo del lavoro, coinvolgendo enti pubblici, privati e Università. Questo sarebbe degno della cosiddetta "porta Sud di Fano". Ma se nella maggioranza regna confusione, nella minoranza esiste una spaccatura: infatti mentre i grillini sono orientati a votare come il Partito Democratico no alla variante, le altre forze politiche, La Tua Fano, Forza Italia e Udc che la variante hanno redatto ed avviato verso un lungo percorso burocratico, sono propense ad approvarla, magari apportando dei correttivi in seguito, per adeguare le previsioni alle mutate condizioni della economia locale, sempre più interessata dalla crisi. In ballo c'è la sorte della società Madonna Ponte, di cui l'amministratore delegato ha già prefigurato una brutta fine. m.f. RIPRODUZIONERISERVATA

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Data: 11 MARZO 2015 PAG. 29

Data: 11 MARZO 2015 PAG. 29 Testata: LA REPUBBLICA Sassoli de Bianchi (Upa): La pubblicità e i consumi tornano a crescere nel 2015. Google paghi i diritti d autore PAG. 29 Testata: ITALIA OGGI Costa: ora il progetto per l editoria

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani

Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani Noi, Fratelli musulmani, contro Al Qaeda per difendere i cristiani di Abdel Fattah Hasan - Il Sussidiario del 5/11/2010 PDF di LibriSenzaCensura Messa in una chiesa egiziana ÄSiamo pronti a sfidare Al

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi

Emergenza: Immigrazione. Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi Emergenza: Immigrazione Bene o Male? Nicholas Gares Giuseppe Bianchi - Alessandro Romano Alessandro Gatti Debora Danesi L Italia: il Nuovo Mondo? In Dettaglio Spesso si tende a credere che gli immigrati,

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

Terziario Donna. Può apparire quasi provocatorio, un atteggiamento elitario e sterile che non guarda ai reali problemi del Paese

Terziario Donna. Può apparire quasi provocatorio, un atteggiamento elitario e sterile che non guarda ai reali problemi del Paese Terziario Donna "I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano; sostenere tali diritti è un obbligo dell'umanità; il rafforzamento del potere di azione delle donne significa il

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CONVEGNO: IMPARARE DALL ESPERIENZA. L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE MAXIEMERGENZE INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ZANHOTEL EUROPA VIA BOLDRINI,

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI

BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI CAMERA DEI DEPUTATI 41 MARTEDÌ 20 GENNAIO 2015 XVII LEGISLATURA BOLLETTINO DELLE DELEGAZIONI PRESSO LE ASSEMBLEE PARLAMENTARI INTERNAZIONALI INDICE DELEGAZIONE PRESSO L ASSEMBLEA PARLAMENTARE DEL CONSIGLIO

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile

ANSA. Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile ANSA Giustizia: Oua a Letta, ottimistiche previsioni su civile (ANSA) - ROMA, 30 SET - "Con il premier Letta siamo d' accordo su una cosa importante: il Paese ha bisogno di interventi sulla giustizia a

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

LA BOSSI-FINI E LA TRAGEDIA DI

LA BOSSI-FINI E LA TRAGEDIA DI 655 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA BOSSI-FINI E LA TRAGEDIA DI LAMPEDUSA: QUALE NESSO? 14 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Introduzione Una soluzione europea Il

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Edilizia 1 Affari&Finanza (La Repubblica) 30/11/2015 LEGACOOP, UNA FUSIONE SALVERA' IL MATTONE ROSSO (E.Miele) 3 1 Affari&Finanza (La Repubblica) 30/11/2015 VITTORIO ARMANI IL MORALIZZATORE "FARO'

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli