Registro Aziende Sostenitrici a pag. 47. Ambiente pagina 4. Diritti del Cittadino pagina 10. Giovani, istruzione e opportunità pagina 28

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Registro Aziende Sostenitrici a pag. 47. Ambiente pagina 4. Diritti del Cittadino pagina 10. Giovani, istruzione e opportunità pagina 28"

Transcript

1

2 con il Patrocinio e l Adesione di: Ambiente pagina 4 Tutela dell Ambiente pagina 4 Tutela degli Animali pagina 8 Diritti del Cittadino pagina 10 Famiglia pagina 10 Sicurezza Stradale pagina 12 Tutela dei Cittadini pagina 15 Tutela dei Consumatori pagina 18 Tutela della Donna pagina 22 Tutela dell Infanzia pagina 23 Tutela delle Minoranze pagina 27 Giovani, istruzione e opportunità pagina 28 Giovani pagina 28 Scuola e Cultura pagina 31 Mondo del lavoro e politiche sociali pagina 32 Immigrazione pagina 32 Lavoro pagina 33 Piccole e Medie Imprese agevolazioni e finanziamenti pagina 35 Sostegno alle Imprese pagina 35 Prevenzione e Sanità pagina 38 Alimentazione pagina 38 Fumo pagina 40 Malattie Respiratorie pagina 41 Nanotecnologie pagina 43 Salute della Donna pagina 44 Direttore Editoriale: Maurizio Costanzo Direttore Responsabile: Pierpaolo Zucchetti Editore: Società Editrice Europea srl Via Lima, 7 - Roma (Parioli) - Fax P. Iva Testata: Registro imprese del comune Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 788 del 20/02/1991 Supplemento al n. 126 del Registro imprese del comune Sicurezza pagina 46 Forze dell Ordine pagina 46 Registro Aziende Sostenitrici a pag. 47 2

3

4 Ambiente Failadifferenza cittadini e raccolta differenziata Tutela dell Ambiente Clini presenta a Washington aziende italiane green economy Failadifferenza, questo il titolo della campagna di comunicazione promossa dal Ministero dell Ambiente e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per sensibilizzare l opinione pubblica sulla raccolta differenziata dei rifiuti. La campagna sarà interattiva, consentirà cioè ai cittadini, contattando il ministero dell ambiente (scrivendo una mail a: di segnalare disservizi e altre problematiche relative alla gestione della raccolta differenziata sul proprio territorio. Differenziare gli scarti è un passo fondamentale per consentire l attuazione di un corretto ciclo dei rifiuti. Consente infatti di ridurre in maniera decisiva le quantità da avviare alla termovalorizzazione o in discarica (come purtroppo avviene ancora in molte città Italiane), consente di recuperare valore con la cessione delle materie prime "differenziate e, di conseguenza, permette il riciclo e recupero dei materiali con un minore impiego di risorse naturali. Ma per un ciclo corretto dei rifiuti è fondamentale, oltre all impegno delle istituzioni preposte, il contributo di ciascuno perché la differenziata parte dalle case degli italiani. Da qui l invito del Governo ai cittadini a differenziare di più meglio e l opportunità di essere parte attiva indicando mancanze e problemi al Ministero dell Ambiente. Il ministro dell'ambiente, Corrado Clini, ha partecipato a Washington il 1 ottobre scorso al workshop organizzato dall'ambasciata italiana nell'ambito dell'edizione 2012 del Global CleanTech 100. L'obiettivo è quello di facilitare l'incontro tra le imprese italiane della green economy e gli investitori Usa, favorire progetti comuni e competitivi nel mercato globale delle nuove tecnologie e presentare quelle aziende italiane che hanno puntato maggiormente sull'innovazione verde. L'iniziativa, organizzata dal CleanTech Group, presenta ogni anno le 100 aziende più innovative al mondo nel campo delle tecnologie a basso contenuto di carbonio e per l'energia pulita. La presenza delle imprese italiane sarà particolarmente significativa. Parteciperanno infatti oltre venti fra aziende e centri di ricerca. Fra queste Enel, Mossi & Ghisolfi, Magneti Marelli, Area Science Park. L'iniziativa italiana all'interno del Global CleanTech 100 anticipa gli Stati generali della green economy, che si terranno a Rimini il 7 e 8 novembre. La due giorni, che avrà luogo alla Fiera di Rimini nell'ambito della rassegna Ecomondo, è promossa da 39 organizzazioni nazionali di imprese che, in accordo con il ministero dell'ambiente, vogliono mettere al centro di una nuova prospettiva di sviluppo l'economia verde, in cui l'italia è già tradizionalmente predisposta sia per il dinamismo delle sue piccole e medie imprese sia per la propensione del made in Italy alla qualità. Un incontro strategico per il futuro del nostro Paese ma anche per dare un contributo concreto alla preparazione delle future politiche europee per la green economy che, come è emerso in giugno alla Conferenza delle Nazioni Unite che si è tenuta a Rio de Janeiro, "è la base per avviare una nuova fase di sviluppo e di crescita economica - commenta il ministro Clini - anche con un diverso modello energetico, con standard più elevati di qualità dei prodotti e con tecnologie ecoefficienti". Clima: obiettivo, tagliare del 25% la CO2 entro il 2020 Il ministro dell Ambiente, Corrado Clini ha presentato al Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) il Piano per la riduzione delle emissioni al 2020 per l Italia, incardinato negli obblighi europei e nella strategia Ue al Le misure, presentate in forma di delibera al Cipe e illustrate dal ministro nel corso della riunione del Mef a Roma, prevedono l istituzione di un catalogo di tecnologie, sistemi e prodotti per decarbonizzare l' economia italiana; l introduzione della carbon tax (risorse a potenziamento del Fondo per Kyoto); l efficientamento energetico, la generazione distribuita e lo sviluppo di reti intelligenti per 'smart cities'; l eco-edilizia ed estensione fino al 2020 del credito di imposta (55%) per investimenti a bassa CO2 in economia; infine la gestione del patrimonio forestale sia come serbatoi di cattura della CO2 sia per la produzione di biomassa e biocombustibili. Obiettivi, questi, "che si sposano con l' innovazione tecnologica - ha spiegato Clini - con il cambio delle filiere di produzione e che, peraltro, mettono l' economia europea in grado di competere con l' economia degli Stati Uniti, dell' India, della Cina e del Brasile, che stanno investendo tantissimo nelle nuove tecnologie a basso contenuto di carbonio" CASTEL GANDOLFO (Roma) CORSO DELLA REPUBBLICA, 16 TEL FAX PAVONA (Roma) VIA DEL MARE, 104 A/B TEL FAX

5 Ambiente Finanziamenti europei per gli acquisti verdi pubblici e privati Al fine di contribuire all attuazione del Piano d'azione Europeo per l Eco-innovazione, La Commissione Europea, Direzione Generale Ambiente, ha pubblicato un invito a presentare proposte (entro 20 ottobre 2012 ore 17 ora di Bruxelles), per sostenere gli Appalti Verdi Pubblici e Privati nel campo della Ecoinnovazione. L'obiettivo dell invito (codice identificativo: ENT/CIP/11/C/N02C00) è quello di rafforzare il ruolo strategico dell eco-innovazione creando reti transnazionali di committenti pubblici e privati che acquistano prodotti, servizi e lavori verdi, al fine di superare la frammentazione della domanda di soluzioni eco-innovative in Europa e di condividerne i rischi e i costi aggiuntivi di acquisto e di utilizzo. La Guida per i candidati e i relativi allegati necessari per preparare una proposta possono essere scaricati al seguente indirizzo: Per ulteriori informazioni contattare GPPP Call for Proposals help desk (European Commission- DG Environment) tramite l indirizzo Tutela dell Ambiente Cibi che cambiano il mondo Il conto alla rovescia per Salone del Gusto e Terra Madre 2012 è cominciato! Mancano ormai meno di cinque mesi al più grande incontro organizzato da Slow Food, un evento unico al mondo che richiama ogni due anni decine di migliaia di visitatori. Di edizione in edizione, gli spazi di Terra Madre e del Salone del Gusto si sono avvicinati e contaminati sempre di più per fondersi quest anno in un'unica grande area espositiva. Nel grande mercato potremo assaggiare e comprare anche i prodotti delle comunità del cibo e le conferenze di Terra Madre saranno aperte a tutti i visitatori. Dal 25 al 29 ottobre il Lingotto e l'oval di Torino saranno il centro di un formicolante scambio alla scoperta dei cibi che cambiano il mondo, come recita lo slogan della manifestazione. Durante la presentazione ufficiale il Presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese ha riassunto le cifre dell'evento: circa 1000 espositori da più di 100 Paesi, 44 conferenze, 170 tra Teatri del Gusto, Laboratori e Appuntamenti a tavola, a cui si aggiungono iniziative educative e di aggregazione. Il sito dell'evento è online con tutte le informazioni, si possono acquistare i biglietti di ingresso e per gli appuntamenti a pagamento, guardare i video e le foto delle edizioni passate e scoprire il programma completo della manifestazione. (fonte: No al carbone, Sì al futuro. Il carbone fa male al clima: tra tutte le fonti fossili, il carbone rappresenta la principale causa di emissioni di gas serra, il cui aumento esponenziale provoca il cambiamento climatico: nel 2009, nel mondo, il 43% dell'anidride carbonica è stato originato dalla combustione del carbone. Il carbone fa male alla salute: moltissimi studi dimostrano che dalla combustione del carbone si liberano sostanze pericolose per la salute umana. Malattie cardiache e respiratorie, cancro, ictus, sono solo alcuni dei problemi che questo combustibile provoca. Il "carbone pulito" è solo un trucco, perché sappiamo che nessuna tecnologia è in grado, oggi, di azzerare le emissioni dannose per il clima, la salute e l'ambiente. Il carbone non serve all'italia: il nostro paese, con una potenza installata che già supera i 106 GW, a fronte di una punta massima della domanda di circa 57 GW, ha una sovracapacità di produzione di energia elettrica tale da costringere le centrali a funzionare a scartamento ridotto. Non abbiamo quindi alcun bisogno di investire in impianti a carbone. Dobbiamo puntare su un diverso modello energetico centrato sul risparmio, l'efficienza e le fonti rinnovabili. Vogliamo che non si costruiscano più centrali elettriche a carbone e si chiudano quelle esistenti. parrucchiere unisex di Bergamo Silvia Gelato, Torte e Semifreddi di propria produzione artigianale per ogni cerimonia ed occasione. Gelato senza glutine Via Europa, Breda di Piave (TV) Telefono Piazza Repubblica, 32 - Noceto (Pr) Tel. e Fax Aperto tutti i giorni 5

6 Ambiente Auto: meno consumo ed emissioni di anidride La guida, la cui pubblicazione è prevista dalla direttiva 1999/94/CEE, recepita in Italia con il decreto del Presidente della Repubblica 17 febbraio 2003, n. 84, fornisce ai consumatori informazioni utili per un acquisto consapevole di autovetture nuove, con lo scopo di contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra e al risparmio energetico. La guida, approvata con decreto interministeriale del Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e delle Infrastrutture e Trasporti dell 11 maggio 2012, sarà pubblicata anche sui siti Internet degli altri Ministeri interessati. Il trasporto, la cui domanda è in forte espansione, rappresenta un settore critico per il raggiungimento degli obbiettivi di Kyoto in quanto è responsabile di una parte significativa del consumo totale di energia. I fattori che determinano tali livelli elevati di emissioni di gas serra sono legati in parte alle prestazioni dei singoli modelli di autovettura in termini di consumi ed emissioni di CO2 e in parte alle elevate percorrenze annue dei veicoli e allo stile di guida del conducente. L a guida contiene un elenco di tutti i modelli di autovetture commercializzate al 29 febbraio 2012 con i rispettivi consumi ed emissioni di CO2, una lista dei modelli a più basse emissioni, divisi per alimentazione a benzina, a gasolio, a bifuel (con utilizzo di GPL o metano) e a propulsione elettrica, nonché consigli utili agli automobilisti per guidare in modo ecologico ed economico. Tutela dell Ambiente Terreni agricoli e tutela del suolo, presentato disegno di legge Valorizzare i terreni agricoli e contenere il consumo del suolo, al fine di promuovere l attività agricola, il paesaggio e l ambiente, per uno sviluppo equilibrato delle aree urbanizzate e delle aree rurali: questi gli obiettivi dello schema di disegno di legge quadro approvato in via preliminare nella riunione del Consiglio dei Ministri del 14 settembre 2012, su proposta dei Ministri delle politiche agricole alimentari e forestali, per i beni culturali e dello sviluppo economico, di concerto con i Ministri competenti. Il provvedimento vuole incidere sul problema della cementificazione del territorio agricolo, che sta assumendo in Italia proporzioni sempre più preoccupanti, ha detto il Presidente Monti nella successiva conferenza stampa, ricordando che negli ultimi 40 anni la superficie agricola è passata da 18 a 13 milioni di ettari. Di conseguenza, il ddl punta a porre un limite al consumo di superficie agricola per fine edificatorio. Stabilisce che dovrà essere determinata con decreto ministeriale, da adottarsi entro 180 giorni dall entrata in vigore della legge, l estensione massima di superficie agricola edificabile sul territorio nazionale, tenendo conto dell estensione e della localizzazione dei terreni agricoli rispetto alle aree urbane, dell estensione del suolo che risulta già edificato, dell esistenza di edifici inutilizzati, dell esigenza di realizzare infrastrutture e opere pubbliche. I limiti così stabiliti rappresentano, per ciascuna regione, il tetto massimo delle trasformazioni edificatorie di aree agricole che possono essere consentite nel quadro del piano paesaggistico, a meno che questo non indichi possibilità del consumo del suolo ancora inferiori. Tale decreto, da adottarsi sentito il parere di un apposito Comitato, istituito con la funzione di monitorare il consumo di superficie agricola sul territorio nazionale ed il mutamento di destinazione d uso dei terreni agricoli, sarà aggiornato ogni dieci anni. Il Comitato redige entro il 31 dicembre di ogni anno un rapporto sul consumo di suolo in ambito nazionale, che il Ministro delle politiche agricole presenta poi al Parlamento. Attenendosi al limite indicato nel predetto decreto, le regioni stabiliscono l estensione dei terreni agricoli edificabili ripartendola tra i comuni esistenti in regione, anche in considerazione della popolazione residente. Inoltre, i terreni agricoli che hanno ricevuto aiuti di stato o aiuti comunitari non possono avere una destinazione diversa da quella agricola per almeno 5 anni dall ultima erogazione; sono consentiti gli interventi strumentali alla coltivazione del fondo, alla conduzione dell impresa agricola e alla commercializzazione dei prodotti agricoli. Negli atti di compravendita dei terreni questo vincolo deve essere espressamente richiamato, pena la nullità dell atto. Ai comuni e alle province che procedono al recupero dei nuclei abitati rurali, attraverso la ristrutturazione degli edifici esistenti o la conservazione ambientale del territorio, è attribuita priorità nella concessione di finanziamenti statali e regionali eventualmente previsti in materia edilizia. Lo stesso ordine di priorità è attribuito ai privati, singoli o associati, che realizzano il recupero di edifici nei nuclei abitati rurali. Specificato che terreni agricoli devono essere considerati quelli a cui gli strumenti urbanistici attribuiscono destinazione agricola, indipendentemente dall effettiva utilizzazione per l esercizio dell attività agricola. ISOL-TERMO di Chiappalone Lavori Civili e Industriali di Clotilde & Veronica Via Marco Emilio Lepido, 81 - Bologna Tel. e Fax: Chiuso tutto il lunedì, il pomeriggio di domenica e mercoledì Aperto tutti i restanti giorni, festivi compresi Loc. REGEDANO - SASSOFERRATO (AN) Cell

7 Ambiente Autorizzazione unica ambientale per le imprese In arrivo il Regolamento di disciplina dell Autorizzazione unica ambientale (AUA), uno degli strumenti di semplificazione per le imprese introdotti dalla legge n. 35 del 2012 ( Semplifica Italia ), con lo scopo di alleggerire il carico degli adempimenti amministrativi previsti dalla vigente normativa ambientale, garantendo comunque la massima tutela dell ambiente. Il provvedimento è stato esaminato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 14 settembre 2012, su proposta dei Ministri dell ambiente, della pubblica amministrazione e semplificazione e dello sviluppo economico. Dopo aver acquisito i previsti pareri della Conferenza Unificata, del Consiglio di Stato e delle competenti Commissioni parlamentari sarà nuovamente esaminato. Si tratta di una nuova Autorizzazione, rilasciata dallo Sportello unico per le attività produttive, che andrà a sostituire vari atti di comunicazione, notifica ed autorizzazione previsti dalla legge in materia ambientale, indicati nel regolamento stesso. Tra i vantaggi, i minori costi organizzativi per le imprese, che dovranno formulare una sola richiesta, per via telematica, ad un interlocutore unico; inoltre, questa autorizzazione ha una durata di quindici anni a partire dalla data di rilascio, superiore a quella ottenibile richiedendo singolarmente le autorizzazioni. In sintesi: destinatari del provvedimento sono le microimprese, le piccole e medie imprese (PMI) nonché gli impianti non soggetti alle disposizioni in materia di Tutela dell Ambiente autorizzazione integrata ambientale. Sono esclusi i progetti sottoposti a Valutazione d impatto ambientale, quando tale valutazione comprende e sostituisce tutti gli altri atti di assenso in materia ambientale; la domanda per il rilascio, corredata dai documenti, dalle dichiarazioni e dalle altre attestazioni previste è presentata al SUAP che ne verifica la completezza formale e la trasmette immediatamente, in modalità telematica, alle autorità competenti (cioè la regione, provincia autonoma o diversa autorità indicata dalla normativa); tra gli atti sostituiti dall AUA, ad esempio, l autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, l autorizzazione alle emissioni in atmosfera, la documentazione previsionale di impatto acustico. L elenco dei titoli abilitativi ambientali che vengono sostituiti non è tassativamente indicato, essendo comunque riconosciuta la possibilità per regioni e province autonome di individuare ulteriori atti che potranno essere compresi nell AUA; verifiche: se l autorità competente riscontra che è necessario integrare la documentazione presentata lo comunica la SUAP, che, in quanto unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative relative alla sua attività produttiva, inoltra la comunicazione all impresa. Le verifiche devono concludersi entro 30 giorni dal ricevimento della domanda; decorso tale termine in assenza di comunicazione l istanza si intende correttamente presentata; termini: se l AUA riguarda il rilascio di titoli abilitativi per i quali la conclusione del procedimento è fissata in un termine inferiore o pari a 90 giorni, il SUAP, acquisiti dall autorità competente i necessari assensi, rilascia il titolo nel termine di novanta giorni dalla presentazione della domanda, ferma restando la facoltà di indire la conferenza di servizi nei casi previsti dalla normativa. Se l AUA riguarda il rilascio di titoli abilitativi per i quali almeno uno dei termini di conclusione del procedimento è superiore a 90 giorni, il SUAP indice entro trenta giorni dalla ricezione della domanda la conferenza di servizi. In tal caso l autorità competente si esprime sull autorizzazione entro 120 giorni dal ricevimento della domanda (150 in caso di richiesta di integrazione della documentazione); prevista una procedura semplificata anche per il rinnovo dell autorizzazione: se le condizioni di esercizio sono rimaste immutate è sufficiente la presentazione di una istanza con una dichiarazione sostitutiva. Durante il tempo necessario per il rinnovo, l esercizio dell attività può proseguire sulla base dell autorizzazione precedente. Fabio Del Monte Agente Generale Assicurazioni Cavriago (RE) Via della Repubblica 51 Tel Fax ASSISTENZA AUTORIZZATA EUROGAS di GUERCI & CONTE s.n.c Via De Chirico, 74 - Reggio E. Mail: Ninfea di Marin Isabella Via Marconi, 33/d Adria (RO) Liste Nozze Bomboniere Argenteria Articoli Regalo CONCESSIONARIO Tel

8 Ambiente Tartarughe marine Il WWF Italia è impegnato nella salvaguardia e nella ricerca applicata alla conservazione delle Tartarughe marine dagli anni ottanta, quando fu avviato, in collaborazione con l Università La Sapienza di Roma, il primo programma nazionale su queste specie. Questa prima attività ha consentito lo sviluppo di molteplici attività a livello locale, con la promozione da semplici azioni di monitoraggio a complessi interventi e progetti di assistenza diretta su esemplari in difficoltà o recuperati dai pescatori. Grazie a queste iniziative è stata prodotta una notevole quantità di informazioni che ha contribuito a far luce sulla biologia e sui problemi di queste specie nel Mediterraneo. Inoltre, le varie attività svolte accrescono, direttamente o indirettamente, la sensibilizzazione di un gran numero di persone appartenenti a varie categorie potenzialmente in contatto con le tartarughe marine. Le possibilità di intervento con azioni di conservazione delle Tartarughe marine sono favorite anche dalla presenza capillare di sezioni, Centri Recupero Animali Selvatici (CRAS) e Oasi del WWF sull intero perimetro costiero nazionale. In particolare, i diversi centri recupero del WWF- Italia organizzati nel Network Tartarughe si sono rivelati utili centri di aggregazione e di riferimento a livello locale per attività di ricerca e conservazione di questi animali. In quanto punti permanenti essi offrono grandi potenzialità nello sviluppo di legami di collaborazione duraturi con autorità locali e pescatori. Mediante sia un monitoraggio Tutela degli Animali costante e diffuso, sia specifici progetti da svolgere nell ambito del Network Tartarughe, il WWF Italia si prefigge di: 1) applicare le tecniche di conservazione attualmente disponibili per la riduzione dell impatto delle attività umane sulle popolazioni di tartaruga marina 2) acquisire informazioni su parametri biologici e impatti antropici, indispensabili per lo sviluppo di nuove attività di conservazione. (fonte: Tartarughe marine: 60 nuovi nati in Sicilia Oltre 60 tartarughine marine sono nate in Sicilia dopo una schiusa durata 4 giorni, con gli ultimi 6 esemplari scortati in acqua sul gommone della Guardia Costiera di Porto Empedocle insieme ai volontari del WWF per superare una difficile mareggiata: è la bella notizia di fine estate regalataci dal nido di tartaruga marina Caretta caretta sulla spiaggia di Giallonardo (Agrigento), proprio nei pressi della Riserva Naturale e Oasi WWF di Torre Salsa, immortalata in un video realizzato dai volontari sul posto. Per tutta l estate il nido è stato infatti monitorato, nell ambito del Progetto Tartarughe del WWF, dal personale della Riserva e da circa 50 volontari provenienti da tutta Italia coordinati dall associazione Archelon, che si sono dati il cambio giorno e notte per far sì che la nidificazione avesse buon fine. Tutto il processo di nidificazione e schiusa è stato monitorato sotto l occhio vigile della ripartizione faunistica venatoria di Agrigento e grande è stata la collaborazione del vicino lido balneare e dalla popolazione di Realmonte, che anche quest anno ha adottato i nidi della spiaggia di Giallonardo. E ormai da qualche anno, infatti, che il WWF presta una particolare attenzione alla costa di Giallonardo, poiché sono stati frequenti i ritrovamenti di tracce o nidi. L anno scorso i nidi sulla stessa spiaggia furono quattro. Spesso sono i bagnanti o gli operatori turistici a segnalarne la presenza e questo è anche un successo delle recenti campagne di informazione del WWF, come l iniziativa Segui le tracce, realizzata proprio a insegnare ai fruitori delle spiagge come riconoscere una traccia di tartaruga, scoprire nuovi nidi e segnalare i ritrovamenti agli esperti del network tartarughe del WWF, che per tutto l anno sono impegnati in attività di sensibilizzazione, monitoraggio e cura delle tartarughe ferite o catturate accidentalmente negli attrezzi da pesca. La schiusa di Giallonardo è una bellissima notizia per il WWF e per tutti i volontari che nei mesi estivi ci hanno aiutato giorno e notte a proteggere il nido. Purtroppo il numero delle nidificazioni di tartaruga marina in Sicilia è fortemente sottostimato e impedisce una adeguata protezione. Per questo ogni anno coinvolgiamo cittadini, bagnanti e operatori del mare nel porre attenzione a eventuali tracce o piccoli di tartaruga sulle spiagge e segnalarli prontamente in modo che siano monitorati e protetti afferma Paolo Casale, responsabile scientifico del Progetto Tartarughe del WWF. La schiusa, avvenuta in due diversi momenti, dovrebbe essere completata ma continueremo a monitorare la spiaggia e il nido, ha detto l operatore dell Oasi WWF di Torre Salsa, Giuseppe Palilla Le nidificazioni degli ultimi anni indicano che Giallonardo è una spiaggia apprezzata dalle tartarughe marine, in cui in cui più femmine decidono di depositare le uova. DELEGAZIONE DI CAGLI di Ragni Maria Angela e Alessandra s.n.c. Via Flaminia, CAGLI (PU) Tel. e Fax Bologna - Via Marco Emilio Lepido, 7/C Info prenotazioni: Via Buozzi, 7 Corte Tegge di Cavriago (Reggio E.) ITALY tel w w w. h o t e l c o r t e b u s i n e s s. i t 8

9 Ambiente Strage di randagi in Europa: l On. Motti in tutela dei diritti degli animali L On. Tiziano Motti, Gruppo PPE delegazione UDC, ha presentato a Strasburgo un filmato di denuncia della Onlus italiana F.I.D.A.(Federazione Italiana Diritti Animali) in cui sono presentate, senza censura, immagini relative alla condizione dei canili in alcuni stati europei e ai casi recenti degli stermini di animali randagi con metodi violenti, avvallati tra gli altri dalle Autorità pubbliche Rumene, Spagnole ed Ucraine. Secondo l On. Motti, uno fra i pochi Deputati che si è opposto alla recente approvazione della direttiva sulla sperimentazione animale, il contenuto del filmato pone, al di là delle questioni di moralità lasciate alle coscienze dei singoli, un interrogativo di sostanza giuridica: Il quesito riguarda l applicazione da parte degli Stati del dispositivo dell art.13 del Trattato di Lisbona, laddove documentazioni diffuse da molteplici Organizzazioni per la tutela del benessere animale dimostrano la barbarie e i dolori inflitti ai danni di animali randagi, che sono appunto considerati essere senzienti dal TFUE, all art. 13. La Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia del 13 Novembre 1987 già disponeva precise misure di sterilizzazione come metodo di prevenzione per prevenire l incontrollata riproduzione dei randagi. Non tutti gli stati membri del Consiglio d Europa hanno firmato la suddetta convenzione, ma il Trattato di Lisbona è stato invece firmato e ratificato da TUTTI gli Stati membri, ivi comprese la Romania e la Spagna, dove si stanno tuttavia perpetrando veri e propri stermini dei cani randagi. Al termine della proiezione del filmato, l On. Motti ha aggiunto che solo l adozione di strategie politiche comunitarie Tutela degli Animali relative alla gestione della popolazione canina ed alla promozione di una cura degli animali responsabile permetterà di tenere sotto controllo il fenomeno. Sono circa 120 milioni gli animali randagi in Europa - ha concluso l eurodeputato UDC - ormai facili prede per la sperimentazione animale ai fini scientifici, secondo i dettami della nuova Direttiva 63/2010. La massiccia raccolta di firme in corso in Italia e in molti paesi europei dimostra la volontà popolare, di cui il Parlamento europeo ha l obbligo di farsi voce, verso l applicazione di misure preventive di sterilizzazione, di cui tutti gli Stati membri dovranno arrivare a farsi carico sotto la pressione dell opinione pubblica, da un lato, e l apertura di una procedura d infrazione dall altro. Campagna di comunicazione contro l'abbandono dei cani 2012 L abbandono dei cani, oltre ad essere un gesto incivile e un reato perseguito in Italia ai sensi dell art.727 del Codice penale con l arresto fino a un anno o con l ammenda da a euro, rappresenta la causa primaria del randagismo. Il fenomeno del randagismo implica una serie di importanti conseguenze dal punto di vista igienico, sanitario e sociale. Basti pensare, ad esempio, ai numerosi incidenti stradali causati dal vagabondare di animali randagi e alle possibili patologie da questi trasmesse al bestiame e all uomo. Contrastare, quindi, l abbandono dei cani è l obiettivo della campagna lanciata dal Ministero della Salute anche nel OBIETTIVI Diffondere la cultura del possesso responsabile, contrastando l abbandono dei cani Informare che l abbandono di un ca- ne costituisce un reato per il quale è prevista un ammenda o l arresto (Art. 727 Cod. Penale) TARGET La popolazione generale, in particolare, i proprietari di cani TONO E MESSAGGIO Il claim Chi abbandona un cane lo condanna focalizza immediatamente il problema chiamando direttamente in causa il proprietario del cane. L affermazione va letta unitamente al testo che segue immediatamente E un gesto di inciviltà e un reato che sostiene le ragioni anche non sentimentali del comportamento da stigmatizzare. Nel testo è, inoltre, presente il richiamo informativo al fatto che la maggior parte dei cani abbandonati è destinata ad una sorte drammatica: morire di fame e di sete o ad essere investita dalle automobili lungo le strade. (fonte: Estetica Solarium Bellaria - via Panzini, 11/A Tel Cell orario continuato dalle 9,00 alee 21,00 Giugno - Luglio - Agosto Aperto anche la domenica SEVESO CENTRO C.so Marconi n.62 Tel SEVESO BARUCCANA Via Trento e Trieste n.3 Tel

10 Diritti del Cittadino Il fondo di credito per i nuovi nati proseguirà fino al 2014 Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sala Polifunzionale, si è svolta il 31 luglio scorso la conferenza stampa con il Ministro per Cooperazione internazionale e l Integrazione Andrea Riccardi, con delega alle politiche per la famiglia e il Presidente dell ABI Giuseppe Mussari. Nel corso dell incontro si è parlato della misura Fondo di credito per i nuovi nati, prorogata per il triennio e delle altre iniziative a favore della famiglia nell attuale difficile contingenza economica. Il Fondo di credito per i nuovi nati continua a costituire una forma di sostegno alla genitorialità sino all anno La Legge di stabilita' 2012 (art.12) ha infatti prorogato per gli anni 2012, 2013 e 2014 tale misura nata nel 2009 e concessa a tutti coloro che si vengano a trovare nella situazione prevista dalla norma, indipendentemente dal reddito e dalle motivazioni sottese alla richiesta. Si tratta di uno strumento, rivolto ai genitori di figli nati o adottati durante gli anni sopra indicati, che consente di richiedere un prestito a tasso agevolato, di un massimo di 5000 euro, presso le banche che hanno aderito all iniziativa governativa. Il Fondo di credito per i nuovi nati, fondato sul presupposto che l arrivo in famiglia di un figlio comporta nuovi oneri e nuove spese, fornisce un aiuto concreto alle famiglie, rappresentando, allo stesso tempo, una effettiva agevolazione in un momento particolarmente critico da un punto di vista socio-economico. La domanda di prestito può essere presentata alle banche entro il 30 giugno dell anno successivo (sino a giugno 2015) a quello di nascita o di adozione del figlio per cui si richiede il prestito. Dalla data di avvio del Fondo - 1 gennaio 2010 al 30 giugno le banche hanno confermato n garanzie, a fronte delle quali sono stati erogati finanziamenti per complessivi euro ,70 concessi da 141 banche in 20 regioni. I dettagli dei vantaggi di questa misura, compresi gli istituti di credito aderenti, sono consultabili attraverso il sito web dedicato, ed il contact center, gestito in collaborazione con l'inps, raggiungibile al numero verde Famiglia Anno dell invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni Il 18 aprile scorso, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è tenuto l'evento lancio dell'anno Europeo 2012 dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni. L'Anno Europeo 2012 mira a migliorare le condizioni dell'invecchiamento attivo, con particolare riferimento al campo dell'occupazione, della partecipazione alla vita sociale e della promozione di una vita indipendente. Stimola, inoltre, gli stakeholder e i rappresentanti politici a definire obiettivi specifici e intraprendere passi concreti in merito. Alla cerimonia, presieduta dal Ministro per la Cooperazione internazionale e l'integrazione con delega alle politiche per la famiglia, sono intervenuti, tra gli altri, il Presidente della Regione Campamia, Stefano Caldoro, Lorena Rambaudi e Mariella Zezza, Assessori della Liguria e del Lazio, presentando l'impegno e le misure adottate a livello regionale. MBJ di Leonardo Villani & C. snc Via L. Belardinelli, 4/A-4/B JESI Tel

11 Diritti del Cittadino Rivalutazione per il 2012 degli assegni di maternità ed alle famiglie numerose Il Dipartimento delle politiche per la famiglia ha reso noto i nuovi importi per il 2012 degli assegni mensili di maternità e di quelli per i nuclei familiari numerosi, rivalutati in base all'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, pari all'2,7%. Il relativo comunicato è pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 39 del 16 febbraio Alcuni giornali hanno ripreso la notizia e hanno parlato di un assegno di maternità di 324 euro creando un equivoco, come se si trattasse di una misura nuova. Si tratta invece dell'aggiornamento di assegni già esistenti, su cui si forniscono di seguito ulteriori elementi. Per maggiori informazioni su questa e altre misure in favore della famiglia è disponibile anche il servizio informativo "Tuttofamiglia", organizzato da questo Dipartimento in collaborazione con l'inps ed accessibile attraverso il sito web dedicato oppure tramite il Contact center al seguente numero verde gratuito Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori (art. 65 della L.448/98) È l'assegno per le famiglie con almeno tre figli concesso dal Comune ma pagato dall'inps. Per ottenerlo è necessario avere un valore ISE non superiore, per il 2012, a Euro ,39. L'importo dell'assegno e dei requisiti economici sono annualmente rivalutati sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI). Esso non costituisce reddito ai fini fiscali e previdenziali e può essere cumulato con analoghe prestazioni erogate dagli Enti locali e dall'inps. Assegno di maternità (art. 74 del d.lgs. 151/2001). È un beneficio economico concesso dai Comuni ed erogato dall'inps in presenza di determinati requisiti reddituali. Destinatarie sono le donne (residenti, cittadine italiane, comunitarie o non comunitarie in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo) che si trovino in una delle seguenti situazioni: madri non lavoratrici (disoccupate, casalinghe, studentesse, ecc ) madri lavoratrici non aventi diritto ad alcuna tutela economica per la maternità; madri lavoratrici aventi diritto ad una tutela economica per la maternità complessivamente inferiore rispetto al valore dell'assegno. La social card Semplifica Italia prevede la sperimentazione di una nuova social card, destinata alle famiglie in disagio economico. Affiancherà la vecchia carta acquisti del 2008 (Social card ordinaria) che, nel frattempo, continuerà a essere distribuita: 40 euro al mese per circa un milione e 300mila cittadini. La gestione della nuova social card sarà affidata ai Comuni con più di 250 mila abitanti, avrà durata di un anno e potrà contare su risorse per 50 milioni di Euro, prese dal fondo generale della Social card ordinaria. I Ministeri del Lavoro e Politiche sociali e quello dell Economia e delle Finanze definiranno, entro tre mesi, i criteri di identificazione dei soggetti che potranno utilizzare la nuova carta acquisti e l ammontare della disponibilità. Famiglia Tuttofamiglia, soluzioni casa per casa Il Dipartimento Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l'inps, nell'ambito di un progetto di nuova informazione a sostegno della famiglia, hanno realizzato un servizio di consulenza sulle tematiche connesse alle politiche familiari con particolare riguardo alla tutela della maternità/paternità ed all'assegno al nucleo familiare. Questa sezione fornisce, oltre ad informazioni di carattere generale raccolte in schede distinte per tipologia di lavoratore e per le diverse forme di tutela, anche riferimenti normativi, una serie di risposte alle domande più frequenti (FAQ) ed un glossario, contenente la spiegazione per esteso di alcune parole contenute nelle informazioni generali. AUTONOVANTA Autorizzato C i t r o ë n Via Carducci 11 SEVESO (MI) TEL

12 Diritti del Cittadino Pirateria Stradale Si allarga paradossalmente la forbice fra il calo degli incidenti stradali e l'incremento delle piraterie. Nel primo semestre del 2012 le piraterie stradali aumentano ancora del +33%. Secondo gli esperti dell Osservatorio il Centauro ASAPS, sono stati ben 461 gli episodi più significativi di questa odiosa forma di criminalità stradale nel nostro Paese che hanno lasciato sulle strade 57 morti, 2 in più dello stesso semestre dello scorso anno (+4%) e 564 feriti (+35%). Ma alla data odierna le vittime sono già schizzate a quota 74 con 17 morti da pirateria dal 1 luglio al 5 agosto. Come dire più di 2 morti e 22 feriti per ogni settimana e uno ogni due giorni nel cuore dell estate. Nello stesso periodo di riferimento del 2011 si erano registrati 347 eventi che avevano provocato 55 vittime e 418 feriti. In 265 episodi su 461 (58%), le forze dell ordine, grazie all azione investigativa di ricerca e rintraccio dei pirati, sono riuscite a dare un nome ed un cognome al fuggitivo. Il dato però è in calo rispetto al primo semestre dell anno precedente quando gli inquirenti avevano dato un volto al pirata nel 66% dei casi. Il 25,7 degli autori identificati, 68 su 265, era in stato di ebbrezza, tra questi il 13%, 9 casi, è risultato positivo al narcotest. Se consideriamo che una buona parte dei pirati scoperti si è costituita in tempi successivi all evento, e che per altri 196 (42%) la caccia non è finita, è da ritenere che la presenza di alcol e stupefacenti sia in realtà molto più diffusa. Stabile intorno al 7% la mancanza (o falsa) assicurazione) anche se non in tutti gli episodi è stato possibile stabilire con certezza questo aspetto. Nel 30,6% degli eventi il pirata identificato è stato arrestato: si tratta, in questo caso, di soggetti ai quali le forze di polizia arrivano genericamente da sole Sicurezza Stradale nella quasi immediatezza del sinistro. Le manette sono scattate 81 volte nel primo semestre 2012 e in 77 occasioni nel medesimo periodo del 2011 (+5%). Denunciato a piede libero invece il 69,4% degli autori. In questi casi la denuncia scatta per coloro che si presentano da soli, spesso consapevoli di essere ad un passo dall identificazione, e che dunque evitano la custodia cautelare. In questo senso, i primi sei mesi di quest anno, hanno portato al deferimento di 184 persone contro le 153 del precedente periodo. Il Report ha inoltre rilevato come la partecipazione attiva di cittadini stranieri a questo crimine stradale segua una tendenza stabile. Nel primo semestre del 2012, i conducenti immigrati o turisti che sono fuggiti dopo uno schianto sono stati 62, più del 2011 quando furono 54: pari al 23,4%, la stessa percentuale dello scorso anno. Cresce in modo costante, il coinvolgimento del sesso femminile a questa particolare forma d incidentalità stradale. Le bandane rosa responsabili di fuga a seguito di sinistro stradale sono state quest anno 34, contro le 21 del Si tratta del 12,8 degli autori noti (raddoppiando in 3 anni), contro il 9,1 del primo semestre 2011, il 7,7% del 2010 e il 6,2% del Infine uno sguardo alle categorie più deboli della strada: gli anziani e i minori. Le vittime over 65 sono state 65, il 14,1% del totale: nella rilevazione dello scorso anno il bollettino si era fermato a 49. Incremento vistoso anche dei bambini, interessati in 74 episodi di pirateria (16,1% del totale degli eventi), nel 2011 erano stati 30. Le regioni più piratate: Lombardia con 86 episodi significativi, seguono il Veneto con 45, Lazio e Campania con 39, la Puglia con 38, la Toscana con 34 e l'emilia Romagna con 31. (Fonte: Sicurezza dei Bambini Nel folder scaricabile dal sito: alcuni consigli per non fare rischiare i bambini in auto: La sola cintura dell auto non è un o strumento adatto e sicuro per un bambino, on quanto è studiata per un passeggero adulto Il seggiolino auto deve essere adatto alla struttura fisica del piccolo occupante e conforme ai caratteri di qualità e sicurezza fissati dalle normative vigenti. La scelta del seggiolino auto va sempre valutata in funzione del peso del bambino PALMER s.r.l. centro di formazione professionale per parrucchieri Via Barozzi, 6/M Bologna Tel. e Fax Centro Estetico e solare UOMO DONNA Viareggio - Via Matteotti, 80 tel

13 Diritti del Cittadino Sicurezza Stradale Sicurezza stradale: orientamenti per la sicurezza stradale Nonostante i progressi realizzati in materia di sicurezza stradale nell Unione europea (UE) durante il terzo programma di azione europeo per la sicurezza stradale ( ), la Commissione sottolinea la necessità di ulteriori sforzi per migliorare la sicurezza stradale. Questo terzo programma di azione per la sicurezza stradale fissava un obiettivo ambizioso, ossia il dimezzamento del numero di vittime della strada entro il 2010 e conteneva numerose proposte di azioni concrete nel campo della sicurezza dei veicoli, delle infrastrutture e degli utenti. La Commissione riconosce che il conseguimento dell obiettivo iniziale entro la fine del 2010 era poco probabile, tuttavia, il programma di azione europeo ha incoraggiato i paesi dell UE ad essere più proattivi nel migliorare la sicurezza stradale e ha fortemente contribuito a ridurre in maniera significativa il numero delle vittime sulle strade dell'ue. Gli orientamenti europei sulla politica di sicurezza stradale intendono definire un quadro generale e obiettivi ambiziosi che servono a orientare le strategie nazionali e locali, nel rispetto del principio di sussidiarietà. Nell ambito di questo quadro generale la Commissione sottolinea la necessità di: creare un quadro di cooperazione basato sullo scambio delle migliori pratiche in tutta l UE; adottare una strategia per i feriti e gli interventi di primo soccorso per dare una risposta alla necessità di ridurre il numero di feriti sulle strade; migliorare la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada. Principi e obiettivo La Commissione fissa tre principi fondamentali: favorire l adozione dei più severi standard di sicurezza stradale in tutta Europa - incoraggiando i cittadini dell UE a farsi carico della sicurezza propria e altrui sulle strade dell UE e mirando le azioni al miglioramento della sicurezza degli utenti più vulnerabili; un approccio integrato alla sicurezza stradale - attraverso la cooperazione con altre politiche comunitarie, come quella dell energia, dell ambiente, dell istruzione, dell innovazione e della tecnologia, e della giustizia. sussidiarietà, proporzionalità e responsabilità condivise - attraverso il concetto di responsabilità condivisa, impegno e azioni concrete a tutti i livelli, dai paesi dell UE e le autorità europee agli enti regionali e locali. In seguito al programma d azione , la Commissione propone di mantenere l obiettivo del dimezzamento del numero totale di vittime della strada nell Unione tra il 2010 e il Sicurezza stradale: la Polizia in campo Le campagne di sicurezza stradale ovvero la comunicazione come strumento irrinunciabile di prevenzione. Per alzare il livello di sicurezza sulle strade ci vuole un cambiamento culturale, costruito anche attraverso un linguaggio adeguato soprattutto se i destinatari della comunicazione sono i giovani. Attraverso le proprie campagne di sicurezza sulle strade, la Polizia Stradale si impegna ogni giorno nelle scuole ed in altri eventi rivolti ai giovani perché si diffonda la consapevolezza dei rischi e in modo che la sicurezza diventi uno stile di vita. Per la tutela della sicurezza stradale la Polizia Stradale ha sviluppato una rete di collaborazioni con istituzioni, enti, associazioni e privati. L'idea è che solo una sicurezza partecipata e condivisa da tutti gli attori della sicurezza Stradale, quindi anche da tutte le persone che circolano con i loro veicoli sulle strade, può consentire il raggiungimento dell'obiettivo della Commissione europea di dimezzare la mortalità per incidente stradale. Tra i suoi impegni la Polizia Stradale promuove da sempre una collaborazione stabile con i Ministeri che sono interessati ai temi della circolazione stradale, con l'anas, con l'aiscat e le diverse concessionarie autostradali, con l'aci, con associazioni e albi professionali. Sono state anche avviate forme di partenariato - pubblico e privato - utili ad approfondimenti sulle dinamiche, anche sociali e ambientali, del fenomeno infortunistico. MUTUISTAR Via Nicolò Biondo, Carpi (MO) Tel Fax LEY tricot S.p.a CARPI (MO) Sede: Via E. Majorana, 4 Tel Fax

14

15 Diritti del Cittadino Sportelli di ascolto Equitalia Equitalia apre in 100 città lo sportello dedicato alle situazioni più complesse. Terminata la fase sperimentale - l iniziativa è stata lanciata il 5 aprile scorso in dieci città (Milano, Torino, Genova, Firenze, Bologna, Pescara, Roma, Napoli, Cosenza e Foggia) il nuovo punto di ascolto sta per arrivare in tutti i capoluoghi di provincia, Sicilia esclusa, per dare assistenza mirata ai cittadini anche nelle situazioni più complesse. Il 28 maggio scorso sono state inaugurate nuove postazioni a Modena, Parma, Ancona, Teramo, Cagliari, Sassari, Lucca, Pisa e Perugia. Il 31 maggio è toccato alle città del Nord: Udine, Genova, La Spezia, Imperia, Savona, Varese, Trento, Bolzano, Venezia Mestre e Padova. Il 4 giugno è stato attivato lo sportello ascolto di Benevento, il 5 quello di Reggio Calabria. A luglio, invece, è prevista l apertura di nuove postazioni ad Avellino e Caserta, rispettivamente il 2 e il 16 del mese. Entro l estate 2012 lo sportello sarà attivo anche in tutte le restanti province italiane, secondo un calendario prestabilito. L iniziativa, che punta a migliorare il rapporto tra Equitalia e i cittadini, è rivolta in primo luogo a coloro che hanno maggiori difficoltà nella gestione delle pratiche più semplici, come gli Tutela dei Cittadini anziani e gli immigrati che non conoscono bene la lingua italiana. Ad oggi sono più di due mila i cittadini che hanno trovato una soluzione ai propri problemi rivolgendosi allo sportello di ascolto. Nella maggior parte dei casi è stata fornita assistenza per risolvere questioni di particolare complessità dovute a difficoltà economiche o personali del contribuente e per aiutare le persone a leggere la documentazione. Come agisce in concreto lo sportello di ascolto? Tra i tanti casi trattati, c è la storia di una signora disperata perché ha la casa messa all asta da una banca e decide di fare un ultimo tentativo con lo sportello di ascolto. Il fisco è tra i creditori ammessi alla procedura di vendita e il personale di Equitalia inizia a vagliare le possibili soluzioni per permettere alla signora di fare fronte ai suoi debiti senza però perdere l immobile. In breve tempo è stata trovata la strada giusta: Equitalia ha concordato con la contribuente un piano di rateizzazione e, grazie anche alla collaborazione dell istituto di credito, il giudice ha potuto bloccare la vendita. Insieme all apertura degli sportelli di ascolto, parte anche una task force con i Consulenti del lavoro per assistere i contribuenti, cittadini e imprese. Durante un incontro fra i vertici di Equitalia e il Consiglio nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro, si è raggiunto un accordo che porterà a una task force congiunta che avrà il compito di analizzare le situazioni critiche segnalate dagli iscritti agli Ordini provinciali dei Consulenti del Lavoro, come ad esempio i casi in cui le imprese dichiarano di ricevere cartelle per tributi già pagati. La task force servirà anche a informare in modo capillare i consulenti sulle tante novità normative varate di recente dal Parlamento in materia di riscossione e sulle opportunità di dialogo tra fisco e cittadini. Lotta all evasione in Italia "L'evasione fiscale produce un grosso danno nella percezione del Paese all'estero" e "penso che l'italia si trova in uno stato di difficolta' soprattutto a causa di questo fenomeno e che si trova da questo punto di vista in uno 'stato di guerra'". Lo dice il presidente del Consiglio Mario Monti, in una intervista al direttore di 'Tempi', Luigi Amicone, presentata al Meeting di Rimini. "La notorieta' pubblica del nostro alto tasso di evasione - spiega Monti - contribuisce molto a indisporre nei confronti dell'italia quei Paesi verso i quali di tanto in tanto potremmo aver bisogno di assistenza finanziaria. Come i Paesi del Nord Europa, che dicono: 'l'italia e' un Paese molto ricco, pero' lo Stato ha un fortissimo debito pubblico che magari richiedera' domani di aiutarla a rinnovare; eppure ci sono italiani ricchi o medi che sistematicamente non pagano le tasse'". Per questo, secondo il premier, e' giustificato il ricorso a "strumenti forti. Io stesso, fino a poche settimane fa, quando sono stato anche ministro dell'economia e delle Finanze e quindi responsabile dell'agenzia dell'entrate e responsabile politico della Guardia di Finanza, ho sempre incoraggiato fortemente le persone che vi lavorano - sottolinea- a fare una dura lotta all'evasione. La seria lotta all'evasione puo' comportare la necessita' di momenti di visibilita' che possono essere antipatici. Ma che hanno un forte effetto preventivo nei confronti degli altri cittadini". GastronomiaeRistorazione Telefono e Fax

16 Diritti del Cittadino Costi della Politica e Pubblica Amministrazione Tutela dei Cittadini Il Semplifica-Italia muove un passo avanti verso il miglioramento dell efficienza della pubblica amministrazione. Il principio di base è quello di intensificare l utilizzo delle nuove tecnologie per semplificare la vita dei cittadini e delle imprese. Elenchiamo, di seguito, alcune delle novità più interessanti: Le comunicazioni tra amministrazioni centrali e territoriali (Comuni, Regioni, Stato ma anche enti previdenziali come per esempio l Inps) avverranno in maniera esclusivamente telematica. Il risparmio di tempo e di costi (si pensi alla riduzione delle spese di stampa, spedizione e archiviazione dei documenti cartacei) è consistente. Procedure anagrafiche e di stato civile più veloci: oltre 7 milioni di comunicazioni verranno effettuate esclusivamente in via telematica. I cittadini avranno tempi più rapidi nella trascrizione degli atti di stato civile, essenziale a fronte di fondamentali eventi della vita (nascita, matrimonio e morte), nella cancellazione e iscrizione alle liste elettorali e nei cambi di residenza. E stato introdotto entro tre mesi dall entrata in vigore del decreto l obbligo per le amministrazioni di pubblicare sul proprio sito i codici Iban (International Bank Account Number) per consentire i pagamenti online di multe, rette della mensa scolastica e ticket sanitari. All interno di ogni ufficio pubblico viene individuato un dirigente dotato del cosiddetto potere sostituivo. In sostanza, se l amministrazione non rispetterà i tempi di conclusione delle pratiche, cittadini e imprese potranno rivolgersi a questo dirigente che avrà il compito di provvedere in tempi brevi. La responsabilità disciplinare e contabile per il funzionario che non rispetta i tempi, già prevista dalla legge, sarà applicata con maggiore frequenza e rigore. Sul provvedimento finale dovrà essere indicato se sono stati rispettati i tempi del procedimento. Si previene l introduzione di carichi burocratici per i cittadini e le imprese attraverso una valutazione periodica (condotta in contraddittorio con le organizzazioni degli imprenditori e dei consumatori) degli oneri introdotti e di quelli eliminati da ciascuna amministrazione statale. Se un amministrazione aumenta gli oneri burocratici il Governo interverrà per tagliarli attraverso appositi regolamenti. Entro il 31 gennaio di ogni anno le amministrazioni statali dovranno trasmettere alla Presidenza del Consiglio una relazione sugli oneri amministrativi a carico di cittadini e imprese introdotti ed eliminati nell anno precedente. Nel caso in cui quelli introdotti siano superiori a quelli eliminati, entro il 30 giugno la Presidenza del Consiglio dovrà approvare specifici provvedimenti che ne comportino la riduzione o l eliminazione. Meno oneri per partecipare alle gare di appalto: ogni anno le imprese presentano in media la stessa documentazione 27 volte alle varie stazioni appaltanti, con la Banca dati nazionale dei contratti pubblici, presso l AVCP (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici), le amministrazioni dovranno consultare un fascicolo elettronico della documentazione di impresa ed effettuare i controlli sul possesso dei requisiti, senza richiedere la documentazione alle imprese. Dal 2014 solo online comunicazioni P.A.: a partire dal 1 gennaio 2014 nella pubblica amministrazione saranno utilizzati esclusivamente i canali e i servizi telematici, compresa la posta elettronica certificata (Pec). Agevolazioni per i mutui La detrazione del mutuo prima casa è possibile farla entro un anno dall acquisto dell immobile. I contribuenti che acquistano un immobile da destinare ad abitazione principale possono detrarre gli interessi passivi. L immobile deve essere destinato ad abitazione principale dall acquirente (cioè abituale dimora del proprietario o dei suoi familiari intesi come coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado). E da sottolineare che il non uso dell immobile come abitazione principale comporta la decadenza dai benefici. La detraibilità degli interessi passivi è accordata ai contribuenti che comprano un immobile da destinare ad abitazione principale ed è pari al 19% degli interessi passivi e dei relativi oneri accessori, corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari contratti per l acquisto dell abitazione principale, comprese le relative pertinenze. La Legge Finanziaria 2008, dal primo gennaio 2008, ha elevato il limite massimo degli interessi passivi pagati su mutui ipotecari per l acquisto dell abitazione principale, portandolo da Euro 3.615,20 ad Euro 4.000,00. Al momento dell effettuazione della dichiarazione dei redditi, il bonus massimo ottenibile dal sostenimento di questi oneri è di Euro 760 (19% di Euro 4.000). 16

17 Diritti del Cittadino FIABADAY, 10 a giornata nazionale per l abbattimento delle barriere architettoniche Domenica 7 ottobre si celebra il FIABA- DAY - 10^ Giornata nazionale per l abbattimento delle barriere architettoniche, durante la quale Palazzo Chigi, dalle ore 9 alle 19, potrà essere visitato da persone con disabilità e dai loro accompagnatori. L evento è stato preceduto da una conferenza stampa, il 3 ottobre, alle ore 11.00, presso la sala stampa di Palazzo Chigi, durante la quale il Segretario Generale della Presidenza del Consiglio Manlio Strano ed il Presidente di FIABA Giuseppe Trieste illustreranno le molteplici iniziative promosse dall Associazione. I giornalisti, i fotografi e gli operatori televisivi, interessati a seguire l evento, dovranno collegarsi al portale AMEI (Accreditamento Media Eventi Istituzionali) tramite il seguente indirizzo: https://amei.palazzochigi.it e quindi accreditarsi seguendo le istruzioni riportate entro, e non oltre, le ore 10,00 dello stesso 3 ottobre. Per ulteriori informazioni sugli accrediti si prega di contattare il numero La GIORNATA FIABADAY è stata istituita con DPCM n. 96 del 28 Febbraio Come nelle precedenti edizioni i visitatori saranno accolti dai funzionari di Palazzo Chigi e dallo staff di Fiaba; davanti alla sede del Governo sarà, inoltre allestito il Palco FIABADAY dove si terranno dibattiti su pari opportunità, scuola e ambiente, attraverso l esperienza e il contributo degli ospiti. Tanti gli artisti che si esibiranno sul palco. Il FIABADAY in questi anni ha fortemente promosso un cambiamento culturale nel modo di concepire la disabilità, per una piena integrazione di tutte le persone alla vita sociale: ciò è sintetizzato nello slogan della manifestazione: 10 Anni di FIABADAY: dal mondo dei disabili e normodotati ad una Società per tutti! Patto per Taranto Tutela dei Cittadini Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di emanare disposizioni per fronteggiare e superare le gravi situazioni di criticita' ambientale e sanitaria accertate in relazione al sito di bonifica di interesse nazionale di Taranto, individuato come sito di preminente interesse pubblico per la riconversione industriale, al fine di accelerarne il risanamento ambientale e, nel contempo, di sviluppare interventi di riqualificazione produttiva e infrastrutturali, anche complementari alla bonifica, nonche' di individuare misure volte al mantenimento e al potenziamento dei livelli occupazionali, garantendo in tale modo lo sviluppo sostenibile dell'area; Visto il Protocollo di intesa per interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto stipulato, il 26 luglio 2012, tra il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero dello sviluppo economico, il Ministro per la coesione territoriale, la regione Puglia, la provincia di Taranto, il comune di Taranto, il Commissario straordinario del porto di Taranto; Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 3 agosto 2012; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e con il Ministro dell'economia e delle finanze; ha emanato il seguente decreto-legge: Art Per assicurare l'attuazione degli interventi previsti dal Protocollo d'intesa del 26 luglio 2012, di seguito denominato: «Protocollo», compresi quelli individuati per un importo complessivo pari ad euro dalle delibere CIPE del 3 agosto 2012, afferenti a risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione gia' assegnate alla regione Puglia e ricomprese nel predetto Protocollo, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, e' nominato, senza diritto ad alcun compenso e senza altri oneri per la finanza pubblica, un Commissario straordinario, di seguito denominato: «Commissario» autorizzato ad esercitare i poteri di cui all'articolo 13 del decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 maggio 1997, n. 135, e successive modificazioni. Il Commissario resta in carica per la durata di un anno, prorogabile con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. materassi reti e complementi dormire bene vivere meglio Possibilità detrazione fiscale 19% AL.BA. S.r.l. Via Cesare Battisti n Cislago (VA) tel Via Trento Trieste, 57 Tel Baruccana di Seveso (MI) È GRADITO L APPUNTAMENTO di Canato Silvia 17

18 Diritti del Cittadino Etichettatura energetica: recepita la direttiva europea Esteso l obbligo di etichetta energetica a tutti i prodotti correlati al consumo di energia, che abbiano un impatto diretto o indiretto significativo sul consumo durante il loro uso; il consumo di corrente elettrica tra le fonti più importanti. La novità è prevista dal decreto legislativo 28 giugno 2012, n.104 (G.U. 20 luglio 2012, n. 168) che attua la direttiva 2010/30/UE. Obiettivo, orientare i consumatori alla scelta di prodotti connessi al consumo di energia che comportino un minor consumo, attraverso etichette e informazioni uniformi. Attualmente, gli apparecchi con la nuova etichetta e le tre classi A+, A++ e A+++, di maggiore efficienza energetica, che si aggiungono alle tradizionali classi A, B, C e D, sono frigoriferi e congelatori, lavatrici, lavastoviglie, televisori e condizionatori d aria. Il decreto prevede l obbligo per i fornitori che immettono sul mercato o che mettono in servizio i prodotti coperti da una misura di implementazione, di fornire un etichetta e una scheda di prodotto; per i distributori di esporre le etichette, in maniera visibile e leggibile, nonché di presentare la scheda nell opuscolo del prodotto o in ogni altra documentazione che correda i prodotti quando sono venduti. Viene, inoltre, stabilito che quando i prodotti sono posti in vendita, affitto Tutela dei Consumatori o locazione finanziaria, per corrispondenza, su catalogo, via internet, tramite televendita o in qualsiasi altra forma per cui il potenziale utilizzatore finale non può prendere visione del prodotto esposto, i distributori devono fornire ai loro clienti le necessarie informazioni come previsto dalle specifiche misure di implementazione. Individuata nel Ministero dello Sviluppo Economico l autorità di vigilanza competente ad organizzare controlli a campione per la corretta applicazione dei dispositivi previsti nel decreto. Pensioni, novità per la riscossione del contante Scade il 30 settembre il termine entro cui i pensionati debbono comunicare le modalità di riscossione alternative al contante nel caso in cui la propria pensione superi i mille euro. L'Inps, con un comunicato del 25 settembre, ricorda le nuove modalità di pagamento. La legge 214/2011(decreto Salva Italia) ha disposto che la corresponsione di stipendi, pensioni e compensi comunque dovuti di importo superiore a mille euro debba avvenire attraverso strumenti di pagamento elettronici: conti correnti bancari e postali, libretti nominativi di risparmio, carte di pagamento. Il termine per la scelta, prorogato rispetto a quello originariamente previsto dalla legge, era il 30 giugno ma è stato previsto un periodo transitorio durante il quale i pagamenti sono stati disposti e trattenuti in un conto di servizio transitorio, in attesa della comunicazione del pensionato. Trascorso il termine, fissato al 30 settembre, senza che il pensionato abbia indicato i dati richiesti, le somme accantonate saranno restituite all Inps. Per evitare difficoltà nella riscossione della rata pensione di ottobre, è necessario pertanto che chi non abbia ancora provveduto, comunichi al proprio ufficio pagatore (Banca o Poste Italiane) o alla sede INPS che gestisce la pensione, le modalità di pagamento elettronico prescelte. Per venire incontro alle difficoltà dei pensionati impossibilitati, per comprovati e gravi motivi di salute o per provvedimenti giudiziari restrittivi della libertà personale, a recarsi personalmente presso gli uffici postali o bancari, è previsto che chi è delegato alla riscossione, in deroga alla normativa vigente, abbia la possibilità di chiedere l apertura di un conto corrente base o di un libretto di risparmio postale, intestato al beneficiario, su cui ricevere il pagamento. BAR ONE Via Rivasi, 7/ Cavriago (RE) - Tel

19 Diritti del Cittadino Vizi e virtù del social shopping Tutela dei Consumatori E il fenomeno del momento con oltre 7 milioni di utenti e un fatturato mensile di più di 250 milioni di euro. Sono i gruppi di acquisto, la nuova frontiera dello shopping online, nonché una vera e propria tendenza sociale che ha modificato le abitudini degli italiani davanti al computer e negli acquisti. Ormai, la prima cosa che si fa appena arrivati in ufficio è di controllare le offerte del giorno delle varie newsletter alle quali si è iscritti; se si cerca un paio di scarpe, un maglione o un abito elegante si dà prima uno sguardo alle vetrine virtuali e per week end fuori porta, cene e beauty farm si aspetta l offerta ad hoc del gruppo online. Sarà la crisi che incombe e la convinzione che sul web si risparmia sempre, ma sono sempre di più i consumatori che usano abitualmente il social shopping; anzi, secondo gli ultimi dati, sono le donne il pubblico privilegiato di Groupon, Groupalia, Letsbonus, Poinx e tutti gli altri: donne laureate, con una media di età tra i 25 e i 44 anni, ed impegnate a tempo pieno con un reddito medio di circa euro annui. Le categorie di consumo più acquistate sono i servizi: ristorazione, beauty & wellness e viaggi; tra i prodotti, invece, i più venduti risultano tecnologia e casalinghi. Ma si risparmia davvero acquistando sui questi siti? sicuramente, va detto che rappresentano un buon escamotage commerciale per accedere a scontistiche davvero privilegiate (tra il 30 e il 60 % con punte dell 80 %). Ma non mancano gli inconvenienti: ogni giorno, ai nostri sportelli giungono le segnalazioni dei consumatori che denunciano difficoltà nell utilizzare il coupon prima della scadenza, problemi di prenotazione e ritardi nel ricevere la merce acquistata. Ecco, dunque, i nostri consigli per scongiurare i soliti problemi: è bene non affidarsi semplicemente al sito del gruppo d acquisto su cui si sta acquistando, ma contattare la singola struttura cui si fa riferimento (se si tratta ad esempio di un centro benessere, un trattamento estetico o una cena al ristorante); anche una ricerca sui forum che raccolgono le recensioni dei clienti può essere utile. È consigliabile, inoltre leggere le condizioni di utilizzo del coupon prima del click e in caso di problemi contattare subito il servizio clienti. La prima regola resta il buonsenso: il rischio, infatti, è che accecati dallo sconto si comprino cose di cui non si ha effettivamente bisogno; il suggerimento, dunque, è crearsi un paniere di beni (compatibili con il nostro budget) e cercare in rete i prezzi più vantaggiosi confrontando diversi siti. (tratto da: Top Ten, il sito che aiuta te e l ambiente Il sito Topten nasce nel 2000 in Svizzera e rapidamente si diffonde in tutta Europa. Oggi ne fanno parte ben 17 paesi europei. Nel 2011 Topten ha varcato i confini europei ed è sbarcato negli USA e in Cina, tanto che oggi Topten raggiunge circa 2 miliardi di persone. I 17 siti europei di Topten sono visitati da circa 2.2 milioni di visitatori l anno. Il sito permette ai consumatori di trovare velocemente i migliori elettrodomestici per il luogo di lavoro o per la casa. Il consumo di energia dovuto ad apparecchi poco efficienti contribuisce al fenomeno dei cambiamenti climatici, peggiorando così la salute del pianeta e la nostra. I test sugli apparecchi, effettuati dalle stesse case produttrici e verificati dagli esperti di Top Ten, seguono standard europei. I prodotti selezionati in maniera trasparente vengono distribuiti in Italia. Le indicazioni di produttori e importatori non sono soggette ad alcuna forma di pagamento: il sito Top Ten è assolutamente indipendente da qualunque forma di condizionamento economico ed è al tempo stesso uno strumento efficace per trasformare il mercato verso le soluzioni tecnologiche più avanzate e più leggere per il pianeta mitigando così gli effetti dei cambiamenti climatici. Il settore elettrico è responsabile nel mondo di almeno il 37% delle emissioni globali. L efficienza energetica è uno degli strumenti più efficaci per affrontare la sfida del riscaldamento globale. Ad esempio: se in Cina tutti i frigoriferi fossero sostituiti con modelli più efficienti si risparmierebbero all atmosfera globale almeno 40 milioni di tonnellate di CO2 all anno. Per info: TP TENDA Via Garibaldi, Lutrano di Fontanelle (TV) Tel Cell (Umberto) - Fax

20 Diritti del Cittadino La scatola che fa risparmiare Lo scorso 20 gennaio, il Governo ha approvato un pacchetto di riforme per la crescita del Paese. In questo provvedimento denominato Cresci Italia, troviamo interessanti novità nel campo delle assicurazioni: gli sconti per chi installa la scatola nera e offerte identiche da parte di ciascuna delle compagnie assicurative per le classi di massimo sconto. La tecnologia al servizio della sicurezza Partiamo dalla tecnologia e quindi dalla possibilità di far installare sulla propria auto una scatola nera e facciamo un po di chiarezza. Talvolta si parla in modo improprio di scatola nera, come quando ci si riferisce a quella (ma in realtà è arancione con inserti catarifrangenti) capace di registrare i dati durante gli incidenti a bordo di aerei o navi. E conosciamo quella montata insieme all'antifurto satellitare sulle macchine di lusso. Questi dispositivi però non vanno confusi con la scatola che viene installata sulle autovetture, detta check box, il cui progetto è stato curato dall'isvap (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo). Si tratta di un apparato che può essere installato, a spese della compagnia assicurativa, per rilevare diversi parametri di utilizzo del veicolo come ad esempio la velocità, il regime di rotazione del motore, la marcia inserita e l accelerazione laterale. Nel campo delle assicurazioni, il controllo di questi dati è essenziale per evitare le frodi: la check box offre un innegabile vantaggio per le compagnie di Tutela dei Consumatori assicurazione nella gestione dei sinistri, con un sostanziale risparmio di tempo e denaro. Questo strumento può aiutare a ricostruire la dinamica degli incidenti stradali ed ecco perché, oltre che le compagnie, potrebbe aiutare anche i consumatori. Quando? L'articolo 32, comma 1, del Cresci Italia prevede che, nel caso in cui l assicurato acconsenta all installazione di meccanismi elettronici che registrano l attività del veicolo (quali la scatola nera o dispositivi similari), le imprese applicano una riduzione significativa del premio (cioè del costo della polizza). Secondo la norma, i costi della installazione, disinstallazione, sostituzione, funzionamento e R C Auto. Inoltre, in questo regolamento verrà fatta chiarezza in caso di sottoscrizione da parte dell assicurato di un contratto con impresa diversa da quella che ha installato il meccanismo, perché una delle maggiori perplessità dei consumatori riguarda proprio il rischio di speculazioni se ciascuna compagnia dovesse imporre il proprio gestore di scatola di fiducia. Al di là dei tempi per l'attivazione delle novità, resta il fatto che i consumatori sperano davvero di poter risparmiare grazie alla tecnologia: tutte le compagnie assicurative dovranno adeguarsi e potrebbero applicare anche una scontistica al furto e incendio per chi dota il proprio autoveicolo di antifurto satellitare in combinazione con la scatola nera. Fonte: Rimborsi per il passaporto dei minori - non tutti ne hanno diritto Dal 26 giugno scorso vige l obbligo per i minori di viaggiare con carta di identità o passaporto individuale. Molti consumatori, pronti a partire per le vacanze estive, hanno scoperto soltanto una volta arrivati in aeroporto che vige l obbligo per i minori di viaggiare con carta di identità o passaporto individuale, finendo anche per dovere rinunciare al viaggio. Secondo la nuova norma, che giunge in seguito ad una raccomandazione formulata dall Unione Europea, dunque, i più piccoli potranno viaggiare: con un passaporto individuale; con la carta d'identità (se in Europa); fino a 15 anni, con un certificato contestuale di nascita e cittadinanza vidimato dal questore. Probabilmente una migliore informazione sul cambiamento avrebbe evitato molti disagi,ma purtroppo non tutte le famiglie costrette a rimandare la partenza o a rinunciare al viaggio avranno diritto al rimborso. E diverso infatti il caso di chi ha acquistato semplicemente un biglietto aereo da quello di chi ha comprato un pacchetto turistico; nel primo caso non può essere addossata alla compagnia aerea la responsabilità legale per l'omessa comunicazione al momento della prenotazione; se si tratta, invece, di un pacchetto tutto compreso, il Codice del turismo espressamente prevede che le informazioni sui documenti per l espatrio vengano rilasciate 'per iscritto' dal tour operator o dall agenzia di viaggio al momento dell acquisto. In questo caso, dunque è possibile chiedere il risarcimento al tour operator o all agenzia di viaggio in cui è stata effettuata la prenotazione. Fonte: Chiuso il Lunedì Autofficina F.lli Carli s.n.c. Officina Autorizzata Mercedes-Benz Viale G. Di Vittorio, S. Croce s/arno (PI) Tel Fax di Canato Michele Via N. Cattozzo, 45 - Tel ADRIA (RO) 20

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. - Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO Mauro Zanini Federconsumatori Milano 13 Dicembre 2013 1 FEDERCONSUMATORI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

RIPARTONO GLI INCENTIVI ICBI A gas per l ambiente

RIPARTONO GLI INCENTIVI ICBI A gas per l ambiente Comune di Parma RIPARTONO GLI INCENTIVI ICBI A gas per l ambiente Aria più pulita grazie agli incentivi ICBI! Dal giorno 20 FEBBRAIO 2012 saranno nuovamente attivi gli incentivi per l installazione di

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL. 1 AL DECRETO N..DEL INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI POLIZZI GENEROSA PROVINCIA DI PALERMO Via Garibaldi n. 13 - cap. 90028 - tel. 0921 551621 - fax 0921 688205 Sito internet: www.comune.polizzi.pa.it CARTA DEI SERVIZI SOCIALI Delibera n. 38 del

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

Articoli Selezionati ... 2

Articoli Selezionati ... 2 Articoli Selezionati STAMPA LOCALE 04/04/12 teleradioerre.it 0 Fisco: per casi più difficili Equitalia apre 'sportello amico'... 1 04/04/12 helpconsumatori.it 0 Equitalia, nasce lo Sportello Amico: assistenza

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it Allegato 1A al Decreto n. del.. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea I Programmi di finanziamento UE a gestione diretta Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Programma d azione comunitario

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011)

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) SERVIZIO CENTRALE DI SEGRETERIA DEL CIPE UFFICIO VIII SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) RAPPORTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3891 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MELANDRI Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Presentata il 23 novembre

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Articolo 60 della legge n. 35 del 4 aprile 2012. Sperimentazione finalizzata alla proroga del programma "carta acquisti.

Articolo 60 della legge n. 35 del 4 aprile 2012. Sperimentazione finalizzata alla proroga del programma carta acquisti. Direzione Generale Roma, 30-07-2013 Messaggio n. 12249 Allegati n.2 OGGETTO: Articolo 60 della legge n. 35 del 4 aprile 2012. Sperimentazione finalizzata alla proroga del programma "carta acquisti. 1.

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE ACCELERARE LA GIUSTIZIA PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE DIGITALIZZAZIONE DI ATTI NOTIFICHE ON LINE PAGAMENTI ON LINE Roma, Indice Obiettivi del programma Sintesi Inquadramento Obiettivi e linee

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Attuazione e risultati delle misure regionali di sostegno all affitto e all acquisto della prima casa Relazione finale 1. L ambito di

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI VILLA Provincia di Como GUARDIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 21 del registro delle deliberazioni Codice ISTAT: 013245 OGGETTO: Approvazione Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1832 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GARRAFFA, BARATELLA, BATTAGLIA Giovanni, BATTISTI, COLETTI, DATO, FASSONE, FILIPPELLI, FLAMMIA, FORMISANO, LIGUORI,

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013

Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Circolare N.61 del 9 Aprile 2013 Rientro al lavoro delle madri lavoratrici. I chiarimenti dell INPS sull erogazione del voucher Gentile cliente con la presente intendiamo informarla è stato pubblicato

Dettagli

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue:

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue: ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE DEL 12 FEBBRAIO 2014 PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI DISCIPLINATI DAL DECRETO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE - WORKSHOP ITALIA 2013 -

IL RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE - WORKSHOP ITALIA 2013 - IL RISANAMENTO DELLE MURATURE UMIDE - WORKSHOP ITALIA 2013 - Metodo scientifico ed innovazione tecnologica per il risanamento delle murature umide. La tecnologia elettrofisica a neutralizzazione di carica

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) LEGGE REGIONE MARCHE 11 NOVEMBRE 2008, N. 32 Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Funzioni della Regione) Art. 3 (Istituzione del Forum permanente) Art. 4 (Iniziative di prevenzione) Art. 5 (Informazione) Art. 6

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi;

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi; ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO per le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione Lazio, per la presentazione di progetti rispondenti alle priorità di cui al punto 6.1 dell Allegato alla

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli