Direzione e Redazione: Biblioteca Provinciale, V.le Di Vittorio Foggia - Tel , Fax P.I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione e Redazione: Biblioteca Provinciale, V.le Di Vittorio 1 71100 Foggia - Tel. 0881-63752617, Fax 636881 - P.I. 00374200715"

Transcript

1 Direttore responsabile Mario Giorgio Segretarìo di redazione Luigi Mancino Direzione e Redazione: Biblioteca Provinciale, V.le Di Vittorio Foggia - Tel , Fax P.I Registrazione al n. 150 del Trib. dì Foggia in data 6/VI/1963 Leone Editrice s.r.l. - Foggia V.le G. Di Vittorio 31d

2 SOMMARIO Editoriale 9 Varo: «... meos reddite libros!» Saggi 15 MICHELE DELL AQUILA Poesia e scienza: un unico linguaggio? 23 LUIGI PAGLIA Il sistema semantico dell'«allegria» ungarettiana 53 GERARDO CAPOZZI Lite seicentesca ad Ascoli Satriano: una taverna fra spada e croce 67 NUNZIO TOMAIUOLI Aspetti e problemi dell'architettura del '700 nella provincia di Foggia 143 ANTONIO VITULLI Una famiglia di patrioti foggiani: 1 Salerni marchesi di Rose 163 NINO CASIGLIO Angelo Fraccacreta tra economia e politica 173 GIUSEPPE DE MATTEIS Esiti di poesia religiosa in Puglia

3 203 GIUSEPPE ROSATI Per la intelligenza del Sistema Doganale 239 ARMANDO GRAVINA Bronzi dauni (VIII - III sec. a.c.) a Nord-Ovest di San Severo Tra cronaca e storia 253 ANGELO CELUZZA I venti anni della nuova Biblioteca Provinciale di Foggia: ANTONIO DE COSMO Rita Hayworth e il suo doppio. Diario grafico-catalografico 305 MARIA ALTOBELLA GALASSO Le Cinquecentine della Biblioteca Provinciale di Foggia Appendice 351 GUIDO PENSATO Un saluto

4 Editoriale

5 Varo: «... meos reddite fibros!» Finalmente una buona notizia per questa città: nell'ideale classifica della qualità della vita «Foggia ha lasciato l ultimo posto a Taranto -... dove la sfiducia nelle istituzioni è stata alimentata per anni e anni da una classe politica locale, che ha amministrato la città in maniera a dir poco pietosa: basti dire che a Taranto non esiste una biblioteca comunale (e provinciale)! - ma è rimasta al penultimo!» (Il MONDO, 29 agosto 1994). In verità, quanto a classe politica e attenzione di questa per il mondo della cultura e delle biblioteche, Foggia non è che sia stata e stia molto meglio: «Gesù - commentava testualmente, tra sorpresa, incredulità e risentimento, un senatore locale il giorno dell'inaugurazione dell'attuale sede - mica noi sapevamo (e meno male!) che qua stesse sorgendo questa po po di biblioteca!». E, vent anni dopo, all'ultimo assessore provinciale alla P.I. e Cultura, tirato letteralmente per la giacca anche per fargli rendere conto di parte non irrilevante delle sue specifiche attribuzioni, sono occorsi ben sette mesi, perché, materialmente, vedesse la Biblioteca Provinciale. In altra sezione di questo numero - che, in occasione del ventennale della nuova sede, raccoglie contributi di argomento più segnatamente biobliografico, quali un saluto di Guido Pensato, le riflessioni diaristiche di Antonio De Cosmo, occasionategli dall'esperíenza catalografica del fondo Manifesti cinematografici ; e l Appendice, curata da Maria Altobella, al Catalogo delle Cinquecentine già apparso nel Angelo Celuzza, che - per una irripetibile, favorevole congiunzione astrale e in clandestina complicità con i ben diversi tecnici e amministratori di quel tempo, tra i quali non si può non ricordare, tra gli altri, il presidente Berardino Tizzani - tenacemente volle questa nuova sede, ricostruisce, sul filo della memoria (e, quindi, con qualche inevitabile dimenticanza) il fervore e le illuminate spinte ideali di partenza e, con accenti a mano a mano sempre più delusi ed amareggiati, la travagliata storia di questi ventanni. Circostanze fortuite e concomitanti vogliono che, chi scrive questa nota, oltre che della rivista sua emanazione esterna, regga, attualmente, le sorti dell intera istituzione e avverta, nel contesto di un Paese, che, tutt'intero, retrocede, come il processo di arretramento e degrado, che investe Città e provincia, ne coinvolga, implacabilmente e in primo luogo, il mondo e le istituzioni culturali. E solo così, del resto, è spiegabile l apparente paradosso: 400 mila ettari di pianura quasi tutta irrigata e un reddito agricolo pro-capite triplo rispetto alla media nazionale; un giacimento metanifero, nel Subappennino, tra i più 9

6 consistenti d Europa e il Gargano punto forte, ormai, del turismo nazionale e internazionale; e, ancora, un nodo ferroviario di strategica importanza e strutture aereoportuali consolidate; istituti di ricerca a livello e con collegamenti nazionali; il più grande Consorzio di Bonifica d Europa, ricco di un patrimonio tecnico-professionale di tutto rilievo; una Fiera dell Agricoltura ancora tra le prime d Italia e... tuttavia, nonostante questa addirittura eccessiva concentrazione di ricchezze e di potenzialità di sviluppo, questa Città permane come avviluppata in una coltre di indolente, rassegnato assopimento, che impedisce quel salto, quello scatto, che informi e connoti, a un diverso livello di qualità appunto, la sua vita civile. Allorché il diffuso processo di ridimensionamento e dequalificazione coinvolge, e di proposito, anche una biblioteca, la cui sola esistenza costituisce dato discriminante per non toccare l estremo degrado, e questa biblioteca in particolare, che rappresentò l'elemento decisivo, perché qui potessero aver inizio gli attuali corsi universitari decentrati in vista della futura autonomia, sembra doveroso e necessario denunciare il processo in atto e, su questo, richiamare l'attenzione della Foggia civile. Oltre che svilire un ricco patrimonio di cultura tout court, e di memoria storica locale, condannandolo ad una asfittica sopravvivenza, si lascerebbe nel contempo cadere proprio uno dei capisaldi culturali, che, nel corso degli anni, ha tentato - per quello che gli è stato possibile - di portare avanti discorsi ed iniziative di dignitoso livello, proponendosi sia in modo autonomo, che come punto di riferimento e di raccordo. Quel salto di qualità, quello scatto che non riesce a compiere, è possibile, per questa Città, solo e attraverso - è dato storico e teorico pacificamente acquisito, si pensi al Gerschenkron vigorosi stimoli ideologici o culturali, favoriti da istituzioni come una biblioteca attrezzata, e provocati, finalmente, da una Università degli Studi decorosa ed equilibrata, che, consolidandosi negli anni, potrebbe rappresentare il punto di autentica svolta; e che, pur essa, non potrebbe non far riferimento, intanto, a questa Biblioteca Provinciale, preparata e rifondata proprio in tale ottica. Che è la stessa, del resto, a rendere opportuna la ripresa di questa testata, offrendosi essa e rappresentanto, anche con l attuale numero, luogo quasi obbligato - ultimo rimasto - per contributi di particolare impegno civile e intellettuale e per testimonianze di gratificante significato. A cominciare dall incalzante ed innata eleganza d apertura di Michele Dell Aquila e dal dignitoso rigore, che Nino Casiglio - ritornando su Angelo Fraccacreta, del quale, si ricorda, possediamo la ricca e specializzata biblioteca - rileva e segnala nell azione politica dell economista sanseverese; per conti- 10

7 nuare - nel campo delle humanae litterae - con gli ampi saggi di Luigi Paglia e Giuseppe De Matteis, l uno sperimentando con successo nell Allegria ungarettiana moduli di lettura d avanguardia, l altro percorrendo con matura sensibilità critica gli ultimi esiti poetici di Capitanata, dei quali piace richiamare l afflato serafico e dolente di Domenico Lamura; con i ragguagli interessanti fornitici da Armando Gravina su recenti, locali rinvenimenti archeologici; e col gusto penetrante e divertito di Gerardo Capozzi, non disattento ad economia e costumi del tempo, nel racconto di un esemplare lite seicentesca in Ascoli Satriano. Proseguendo con una inedita storia agraria del Tavoliere di Giuseppe Rosati, introdotta e curata con collaudata competenza da Antonio Ventura; con la passione civile di sempre di Antonio Vitulli, che colmando un vuoto storiografico e precisando, di passaggio, sciatterie toponomastiche cittadine, trasmette nel documentato saggio sui Salerni, marchesi di Rose. E, per concludere, con il notevole sforzo di sintesi operato da Nunzio Tomaiuoli nel più ampio, informato ed aggiornato studio, di cui si disponga, sull'architettura settecentesca di Capitanata. Si tratta, a guardar bene, di contributi e testimonianze di una parte della Capitanata civile di oggi, che riflette su figure e argomenti del presente e di un passato più o meno recente altrettanto civile : è, in definitiva, il mondo al quale, per converso, si fa riferimento e nel quale si confida, perché, in un'atmosfera di nubi minacciose, la valanga non salga. E per evitarci anche la giustificata richiesta, che, come ombra di Banquo, potrebbe avanzare il fantasma del primo mecenate di questa biblioteca, il gentiluomo troiano Gaetano Varo: «... ma ridatemi i libri e... andate, andate!». M.G. 11

8 Saggi

9 Poesia e scienza: un unico linguaggio? di Michele Dell'Aquila* In principio era il Verbo e il Verbo, / era presso Dio, / e il Verbo era Dio. / Egli era in principio presso Dio. / Tutto è stato fatto per mezzo di lui / e senza di esso niente è stato fatto di tutto ciò che esiste. Il memorabile esordio del Vangelo secondo Giovanni propone fin dal principio della nostra era volgare, in forma fortemente anaforica, l inestricabile intreccio di senso tra Verbo / parola, Verbo / pensiero e, si direbbe, Verbo / azione. Una unione, come tutte le altre, segnata da numerose crisi; divorzi, abbandoni, rappacificazioni. Il testo, com è noto, risale alla fine del primo secolo dopo Cristo e risente della sedimentazíone di tutta la cultura filosofica antica, greca ed ellenistica, senza della quale, pur nella forte spinta innovativa della ispirazione cristiana, non si spiegherebbe. La espressione Verbo, secondo altre traduzioni Parola, ci viene da Verbuni che è nel testo della versione latina detta Vulgata, la quale così volge il greco Logos del testo originale. Questo a sua volta arrivava sulla pagina evangelica da una tradizione di linguaggio e di pensiero filosofico svoltasi in oltre cinquecent anni, dalla speculazione socratico/platonica alle scuole neoplatoniche del tempo; e dunque si può dire rappresentativa di tutta la filosofia classica. Fu allora, ai tempi di Platone e dell Accademia, che i filosofi greci riuscirono ad ottenere la fissione del concetto di logos, sprigionando nei secoli avvenire una energia mentale certamente non inferiore a quella fisica scatenata dalla bomba atomica, senza che mai, peraltro, si sia potuto con nettezza di contorni definire il valore distinto da attribuire ai neutroni * Relazione letta al Symposium dell'unione Europea degli Scrittori Scienziati e Artisti UESA nella sede dell Unione degli Scrittori in Mosca, giugno

10 ed al protone così liberati. L espressione Logos, infatti, manterrà irriducibile nel tempo la sua ancipite valenza semantica di parola e di pensiero, di discorso e di ragionamento, segnando così i confini e gl intrecci dei prodotti del pensiero e di quelli della parola, quanto dire delle scientiae e delle litterae: creature bicefale esse stesse o, se si preferisce, bisessuate, mescolandosi in esse, senza rimedio, i geni originari, essi stessi originati dalla comune bisessuata matrice. Insomma, nate da un tal ceppo, scienze e lettere si sono svolte nei secoli misurandosi, confrontandosi, soverchiandosi, o tentando di soverchiarsi con alterna vicenda e fortuna, sovente vestendosi l una dei panni dell altra, scambiando o rubandosi concetti e parole, e in qualche caso perfino finalità e competenze, in un incessante attraversamento di confini ed intreccio di forme, anche quando sembravano starsene distanti, nei propri territori, come potenze guardinghe in riguardosi armistizi o in tendenziose offerte di incontri. D altro canto, non solo la letteratura e l arte hanno avuto le loro crisi e, di volta in volta, quasi una morte annunciata. Alla rnorte dell arte di hegeliana memoria, fanno riscontro le crisi della filosofia che ciclicamente, dopo le ambiziose sintesi dialettiche degli assoluti, si è vista costretta a ripiegare sulla fenomenologia e sull analisi delle microstrutture e casi individuali, come mostra di essere orientato oggi il cosiddetto pensiero debole ; le scienze, poi, attraversano crisi cicliche di fede in se stesse e di generale credibilità assoluta. I reciproci atteggiamenti possono ridursi, in qualche modo, nelle categorie di: sottomissione o complesso d inferiorità, tentativo di assimilazione e conciliazione, autonomia e indifferenza, disprezzo e rifiuto: dico delle lettere verso le scienze e delle scienze verso le lettere. Ma si tratta di schematizzazioni sommarie, buone forse a spiegare l atteggiamento dei mediocri, ma non certo dei grandi. La realtà profonda, oltre le forme esteriori e le apparenze, era ben chiara ai sommi, a nessuno dei quali, poeti o filosofi o scienziati che fossero, sfuggiva il nodo originario, l intreccio inestricabile, l osmosi senza fine dell una e dell altra radice. Che cosa poteva mai aspirare a dire la poesia e la letteratura che non fosse riflessione sulla vita o immaginazione (e dunque ricreazione) della vita nelle forme libere ed originali dell arte? E la scienza, non dichiarava essa stessa, in più casi, di aver bisogno per i suoi progressi di uno scatto d immaginazione, oltre che di metafore e immagini e parole mutuate alla letteratura e in qualche caso alla poesia? 16

11 Che cos altro era stata la poesia di Virgilio e di Orazio, e prima quella di Omero e dei greci? E Virgilio, per poter meritare nel Medioevo la fama di mago e di saggio, non era stato l indagatore dei misteri della morte e dell oltretomba, del destino oscuro degli uomini, dei loro viaggi terreni ed ultraterreni secondo itinerari che nessuna carta nautica o scienza della navigazione segnava con certezza? E Lucrezio, seguendo Epicuro e Democrito ed i naturalisti vissuti prima di Socrate, non aveva rappresentato poeticamente lo strazio doloroso e luminoso dell amore, il principio della vita cosmica ed universale, il clinamen degli atomi in vertiginosa discesa, l incontro/scontro degli elementi che si attraggono e si respingono, a formare la materia e le forme della vita, le tempeste dell anima, la corruzione e la morte e la trasformazione della materia vivente? Insomma cos altro erano quei suoi libri del De Rerum natura se non scienza e poesia d inestricabile intreccio? Le stesse poesie amorose di Saffo e di Catullo e degli altri lirici tra antichità e medioevo, fino a Dante ed oltre, non si mostravano consapevoli delle leggi della passione, non ignare delle oscure latebre dell anima, delle altezze e degli abissi in cui la passione sospinge senza scampo? Per rappresentare Francesca e la bufera infernale dei lussuriosi, Dante sa bene di quelle cose, partecipa e respinge, comprende e condanna, non cancella responsabilità anche personali, della letteratura d amore del tempo, di se stesso e degli altri amici stilnovisti, persuasori di una educazione sentimentale che poteva portare sulla strada di un ambiguo raffinamento, fino alla improvvisa irresistibile irruzione dei sensi e dunque alla perdizione ed alla morte dell anima. Scienza e poesia s intrecciano nella sua opera cui pose mano e cielo e terra, non solo nelle parti più didascaliche che rispondevano alle inclinazioni di un enciclopedismo medioevale, ma anche nelle parti di più alta ispirazione poetica e religiosa. Lo stesso Stil nuovo e molta poesia e trattatistica d amore provenzale nascevano da uno stretto intreccio di cultura letteraria e scientifica, quale poteva determinarsi negli ambienti universitari del tempo, Tolosa, Montpellier, o Parigi, o Bologna, in quell ambito di cultura laica che veniva differenziandosi faticosamente, all alba dell era moderna, dalla cultura degli ordini religiosi e delle scuole di sacra scrittura. Petrarca rappresenterà il tramite inquieto e doloroso tra idue evi: la sua battaglia contro le scienze e le arti meccaniche può sembrare l estrema difesa del letterato umanista; in realtà riassumeva un atteggiamento tradi- 17

12 zionale, ma ne anticipava nello stesso tempo un altro, di nuovo umanesimo. Così come Boccaccio, almeno in una parte della sua opera, sarà il descrittore della nuova società laica e mercantesca, dei suoi valori d intelligenza, di spirito, di avvedutezza e sagacia, della fortuna e della virtù, dall intreccio delle quali cose è mossa la storia, come già è chiaro nel Decameron prima che nel Principe di Machiavelli. Certo il Medioevo e l età antica erano epoche di forte sincretismo; la cultura e gli studi, organizzati nel sistema del Trivio e del Quadrivio, non conoscevano ancora le distinzioni e le specializzazioni esasperate che l avrebbero resi miopi ed orbi, fuori dello stretto seminato di una specifica competenza. Le ricostruzioni di quella età, anche quelle più vicine a noi e largamente diffuse da formule scrittorie di successo, quali Il nome della rosa o il più recente Pendolo di Eco, mostrano il fitto intreccio disciplinare, gl ingranaggi combinatori di tante sedimentazioni e forme culturali, anche esoteriche, che s intrecciavano a formare quella che diciamo l anima di un età, la sua dimensione culturale, che vista di lontano, negli schematismi dei manuali e dell insegnamento scolastico può apparire univoca e povera, mentre era ricchissima e complessa e variegata nella sua organica unità. Potremmo dunque non stupirci se in quei secoli il poeta ed il filosofo o l uomo di scienza potessero trovare agevole terreno d incontro, pur nella specificità dei loro linguaggi, data la comune formazione ed i comuni referenti culturali. Avverrà forse nell età moderna la separazione ed il distanziamento, fino alla dicotomia? Invece proprio nella larga onda del naturalismo rinascimentale poesia e filosofia, scienze naturali ed umane, litterae e scientiae trovano nuovi terreni d incontro: Machiavelli è letterato e pensatore, e per converso Campanella e Bruno sono filosofi e letterati, anzi, poeti. Così sarà di Galileo e dei galileiani: anzi, proprio da essi verrà quella spinta al recupero di una tradizione di lingua desueta alle esigenze espressive e terminologiche della scienza nuova. Certo vi erano falde di letteratura arroccate nella separatezza, quali il petrarchismo italiano ed europeo, cittadella d avorio sorgente nel cuore di Parnaso chiusa in un sogno di vitrea perfezione formale. Ma accanto ed intorno avvenivano incontri e scontri e connubi: la tradizione speculativa, da Montaigne a Pascal a Rousseau amava vestire i panni della riflessione 18

13 moralistica e della grande prosa di tradizione, così come tutta la letteratura religiosa, eloquente e morale del Seicento. La tragedia moderna, come quella antica, dibatteva le grandi questioni delle leggi umane e divine, delle passioni dell uomo e delle necessità sociali, dell erotismo, dell ambizione, dell amore, dell odio: lo faceva con forte intensità di sentimento, e con eloquenza e capacità di commozione, ma anche con profondità di riflessione non soltanto poetica, ma si direbbe filosofica e morale. Il Settecento razionalista. e riformatore, con le sue infinite curiosità e la smania di vivere che slargavano i confini del mondo, produsse una poesia ch era didascalica e satirica, ed una trattatistica che era ricca d intelligenza e d esprit, d ironia e di ragionevolezza: la rivoluzione vera, la dissacrazione dei miti e delle autorità costituite in ogni campo muovevano dal sorriso tagliente di Voltaire, dalla volubilità avventurosa di Casanova, dalla comicità di Goldoni, dalla rivoluzione narrativa di Swift e di De Foe, dall ironia umorosa di Sterne. A che vale continuare nella carrellata fino ai nostri tempi? Romanticismo e decadentismo non sono stati anche i momenti di maggiore tensione conoscitiva della poesia? Non è stato Leopardi, e con lui Goethe, Hölderlin, Shelley, De Vigny, e poi Baudelaire ed i simbolisti di fine secolo, fino a Mallarmé e Rilke, e al nostro Pascoli, a teorizzare una possibilità di conoscenza intuitiva, assai più profonda nelle misteriose corrispondenze della natura, di quanto non possa razionalmente la scienza, anche la più sicura di sé? Ma non solo a livello d intuizione misteriosofica o sensoriale, bensì proprio nell intendimento speculativo, come riteneva il Leopardi nella sua polemica antirazionalista, contro la raison/raison e nell avversione agli entusiasmi scientisti e progressivi di una cultura dell incivilimento di cui si sentiva stretto e deluso. Ne riporto qui una sola citazione dallo Zibaldone: E siccome alla sola immaginazione ed al cuore spetta il sentire e quindi conoscere ciò ch è poetico, però ad essi soli è possibile ed appartiene l entrare e il penetrare addentro ne grandi misteri della vita, dei destini, delle intenzioni, sì generali, sì anche particolari della natura. Essi soli possono meno imperfettamente contemplare, conoscere, abbracciare, co mprendere il tutto della natura, il suo modo di essere, di operare, di vivere, i suoi generali e grandi effetti. Essi solo sono atti a concepire, creare, formare, perfezionare un sistema filosofico, metafisico, politico che abbia il meno possibile di falso, o, se non altro, il più possibile di simile al vero, e il meno possibile di assurdo, d improbabile, 19

14 di stravagante... Finalmente la sola immaginazione ed il cuore, e le passioni stesse... hanno più scoperto e insegnato e confermato le più grandi, più generali, più sublimi, profonde, fondamentali e più importanti verità filosofiche che si posseggano e rivelato e dichiarato i più grandi, alti, intimi misteri che si conoscano, della natura e delle cose... ( , del 22 agosto 1823). Da altre posizioni, si era naturalmente di parere diametralmente opposto, come tutta la vicenda del positivismo e del naturalismo di fine Ottocento dimostrano; senza peraltro che venissero meno le ragioni d intreccio e di scambio, proprio a livello letterario e di metodo scientifico. Ma l Ottocento registra anche la straordinaria vastità d interessi e perfezione formale dell opera di Puskin, la classica rappresentazione delle violenze della storia e delle resistenze degli individui e dei sentimenti umani che si ritrova nella maestosa opera narrativa di Tolstoj, lo scavo allucinante di Dostoevskij nel mondo inquieto e sotterraneo dei demoni dell anima che assediano l uomo, la rappresentazione perfetta di una vita e di una società che ormai è lontana dal nostro tempo ma non dalla nostra anima, ch è nell opera narrativa e drammatica di Cecov. Perché questo fosse possibile ormai lo scrittore doveva essere ad un tempo scrittore e conoscitore dell animo umano, scrittore e indagatore delle vicende della storia, scrittore e maestro nei processi della conoscenza scientifica. L intellettuale letterato del Novecento possiede ingegno riflessivo e filosofico, da Svevo a Pirandello, da Kafka a Camus, da Pessoa a Mann, a Sinisgalli, a Gadda, a Montale, a Calvino, a Gorki a Maiakowskij. E un modo di difendersi (e soprattutto di difendere) dalla straripante sopraffazione della tecnologia, ma anche dalla sterilità delle retoriche. Parola e pensiero, discorso e ragionamento, con le loro intenzioni speculative, dichiarative, suggestive, oratorie, debordano dai loro statuti in un intreccio sempre più fitto in cui concretamente si definiscono. Le capacità combinatorie si dispiegano infinitamente e la semiologia sembra corrispondere, dal versante della parola, alle combinazioni dell informatica e dei sistemi segnici della scienza. Forse proprio oggi, nel comune uso del computer la possibilità di un linguaggio comune degli scrittori e degli scienziati è più reale che mai. E proprio Leopardi, l esile contino recanatese chiuso nella sua tristezza come nella nera redingote che lo vestiva, memore dei suoi studi giovanili di retorica e di filosofia, quanto dire di lettere e di scienza, in un suo pensiero poco noto, che mi piace qui riportare, offre un nuovo elemento alla nostra riflessione: 20

15 Né mi pento - egli scriveva in una lettera degli anni maturi - di aver prima studiato di proposito a parlare, e dopo a pensare, contro quello che gli altri fanno; tanto che se a- desso ho qualcosa da dire, sappia come va detta, e non l abbia da mettere in serbo, aspettando ch io abbia imparato a poterla significare. Oltre che la facoltà della parola aiuta incredibilmente la facoltà del pensiero, e le spiana ed accorcia la strada. In principio era il Verbo, dunque. Ed al principio ci rimanda l esperienza della storia ed il fitto intreccio parola/pensiero e l ininterrotta vicenda delle scienze e delle lettere, con una certezza, più che un augurio, di rinnovata integrazione, tra gli uomini e nelle opere. 21

16 Il sistema semantico dell «Allegria» ungarettiana* 1. Il sistema logico-semantico di Luigi Paglia L individuazione degli elementi logico-semantici 1, dei principi generativi profondi del macrotesto dell Allegria squaderna l universo tematico fondamentale della raccolta, il quale si proietta e si realizza figurativamente nel sistema archetipico, ossia nella trama dei simboli, e nella costellazione metaforica, si attualizza operativamente nelle azioni dei personaggi, il più importante dei quali appare l io lirico, e si dilata nelle coordinate spaziali e temporali. (*) Lo studio che viene qui presentato costituisce la documentazione e la trasposizione in forma saggistica del lavoro didattico, centrato monograficamente sull analisi dei testi dell Allegria ungarettiana, condotto negli ultimi anni scolastici (anche con l ausilio del mezzo informatico, nel quadro della sperimentazione dello studio della Letteratura italiana col computer) con i miei alunni, del corso C del III I. T. C. per Programmatori B. Pascal di Foggia, ai quali viene dedicato il saggio. Esso, rispetto all esperienza didattica, presenta un doppio processo: di dilatazione, per quanto riguarda il numero dei testi poetici esaminati (ridotti a quelli più significativi, in sede scolastica), e di sintesi, in quanto sono stati, ovviamente, eliminati i passaggi didattici necessari nell esplicazione testuale, mentre vengono riproposti gli schemi grafici e i tabulati (che sono funzionali ad una migliore comprensione dei meccanismi semantici dei testi ungarettiani) per l elaborazione dei quali, oltre al quadrato semiologico greimasiano, di cui si dirà nella nota 1, è stato utilizzato il modello topologico dello spazio interno (IN) e dello spazio esterno (ES) elaborato dal Lotman (Cfr. nota 22). 1 - Nel delineare il sistema semantico dell Allegria, si utilizzerà, con alcune modifiche, il modello elaborato da Greimas, e in particolare il cosiddetto quadrato semiologico che prevede tre tipi di relazioni, visualizzate nello schema grafico seguente, tra i quattro termini della struttura elementare della significazione: una relazione di contrarietà (Es.: bianco - nero ) e di subcontrarietà (Es.: non nero non bianco ), una di contraddizione ( bianco non bianco e nero non nero ) ed una di complementarità ( bianco non nero e nero non bianco ). 23

17 L asse semico fondamentale appare quello stabilito sulla direttrice dei contrari pace-guerra: la guerra è il tema ossessivo (anche se a volte rimosso) della raccolta, alla cui negatività si contrappone l aspirazione, talvolta sottaciuta e sotterranea ma non per questo meno avvertita e intensa, alla pace, e all armonia universale. L altro asse semico basilare, parallelo al primo, dei subcontrari è costituito dal rapporto vita-morte, poli vibranti della dialettica esistenziale e situazionale designata nel macrotesto. Inoltre, poiché ogni sistema semiotico è una gerarchia, le relazioni contratte dai termini possono servire, a loro volta, da termini in grado di stabilire tra loro relazioni gerarchicamente superiori. In questo modo le due relazioni di contrarietà contraggono tra loro una relazione di contraddizione e le due relazioni di complementarità stabiliscono tra loro una relazione di contrarietà, come ad esempio, nel cosiddetto quadrato di veridizione (Cfr. la prefazione di P. Magli e M. P. Pozzato a A. J. GREIMAS, Senso 2, Milano, 1985, pp. V-VI, e, per ulteriori approfondimenti, A. J. GREIMAS, Del senso, Milano, 1974, p. 145 ss., e lo stesso Senso 2, p. 47 ss.). 24

18 L essere per la morte, secondo la definizione di Heidegger 2, rappresenta la condizione umana, è il dato fondamentale dell esistenza, ma la guerra agisce come elemento catalizzatore, attualizzante, del dissidio vita-morte, dà ad esso il carattere di imminenza, di drammatica concentrazione e manifestazione. Le relazioni di contraddizione, d altra parte, mettono in luce l irriducibilità della morte disumana, provocata dalla guerra (a cui è parificata la distruzione delle case, come in San Martino del Carso), alla dimensione della pace; mentre, simmetricamente, la vita si oppone alla guerra (la morte appare come la signora della guerra, e la vita della pace). Il superamento del contrasto guerra-pace può individuarsi nella fraternità, ossia nel riconoscimento della appartenenza alla stessa umanità (o, in termini cristiani, della discendenza umana dall unico padre celeste), e nella solidarietà ed aiuto reciproco degli uomini; mentre quello tra la vita e la morte (che mette in luce l umana limitatezza) si riposa e si annienta nella comunione con la natura, o, si proietta, in una dimensione cosmica o religiosa, nell espansione della persona umana nell immenso, o nel divino. Le relazioni di contrarietà e subcontrarietà stabiliscono tra loro un rapporto di contraddizione, per cui la fraternità umana, la solidarietà, che attengono al campo umano, si oppongono alla proiezione nel non umano: la divinità, l immensità, la natura. La relazione di complementarità stabilita tra i termini pace-vita (che è indicatrice di positività: deissi positiva), che può essere individuata nelle caratteristiche, dislocate su vari livelli, psicologico, temporale e spaziale: della sicurezza, dell apertura al futuro e all ES, e dell immissione nel flusso storico, entra in contrasto con le connotazioni della relazione, contraddittoria rispetto alla precedente e orientata sull altra polarità complementare di guerra-morte (che rappresenta il versante negativo: deissi negativa), che investe i livelli semantici della precarietà, della fissazione al presente (e al passato) e all IN, e dell uscita dalla dimensione della storia. Graficamente il sistema semantico dell Allegria può essere visualizzato nel seguente quadrato semiologico greimasiano: 2 - Cfr. M, HEIDEGGER, Sein und Zeit, Tubingen, 1927, traduzione italiana a c. di P. Chiodi: Essere e tempo, Milano,

19 La lettura di alcuni testi dell Allegria esemplifica i tratti del sistema delineato. Come si è detto, il motivo fondamentale della guerra, e delle sue distruzioni, attraversa quasi tutto il libro: da Soldati a San Martino del Carso, da Veglia a In dormiveglia, da Pellegrinaggio ( in queste budella/ di macerie ) a Vanità ( sulle macerie ), e diventa più dirompente proprio quando viene sottaciuto, collocato sotto traccia e quasi rimosso dalla coscienza e dalla rappresentazione, come nel caso di Natale, di Solitudine, di Dormire, di I Fiumi, di C'era una volta, di Peso (in cui l unico accenno alla guerra: Quel contadino soldato, nell edizione udinese del 1916, viene eliminato nella successiva edizione vallecchiana del 1919); mentre la pace rappresenta il termine sotterraneo di riferimento, l elemento contrario di profondità, la filigrana in positivo (giacente nella sfera latente del subconscio, del sonno, del sogno o del ricordo - come avviene, per es., in C'era una volta, Natale, Dormire), della sequenza bellica negativa; ed, inoltre, l armonia, dilatata su scala cosmica, è la massima aspirazione dell io lirico ( mi sono riconosciuto/ una docile fibra/ dell universo// Il mio supplizio/ è quando/ non mi credo/ in armonia, in I fiumi; Resto docile/ all inclinazione/ dell universo, in A riposo). L asse vita-morte, d altra parte, è fondamentale nella visione poetica di tutta la produzione ungarettiana, ed in particolare nell Allegria, apparendo in tutta la sua evidenza in testi esemplari, come S. Martino del Carso, Sono una creatura, e Veglia: in quest ultima composizione i quat- 26

20 tro elementi nodali del quadrato semiologico delineato compaiono contemporaneamente o, per dir meglio, emergono i temi della guerra, della vita e della morte, mentre quello della pace che balena in sottotraccia, prefigurato nel motivo dell amore ( Ho scritto/ lettere piene d amore ), rappresenta l obiettivo profondo, anche se inespresso a livello denotativo, a cui tende il desiderio latente del poeta. La fraternità ( Parola tremante/ nella notte dell esistenza, Foglia appena nata nel deserto umano) appare come il tentativo di superare il drammatico, abissale contrasto tra la guerra e la pace: la timida luce di riscatto dalla bestialità degli uomini si accende, appunto, in Fratelli, e in San Martino del Carso in cui è proiettata sull esangue e muto mondo dei morti (così come nel testo proemiale dell Allegria, In memoria, illumina e lenisce un altra violenza, non quella bellica, ma che, tuttavia, esplode nella grande città estranea la stessa carica dirompente ed annientatrice della guerra). D altra parte, il tentativo di superare l insanabile frattura tra la vita e la morte configura una pluralità di esiti, di direzioni di uscita: la comunione con la natura o con la divinità e la proiezione nell immenso, che appaiono i riferimenti, disposti su una scala di minore o maggiore corrispondenza, del trittico Mattina, Solitudine, Dormire (il grido contro il cielo muto, l identificazione col bianco silenzio del paesaggio nevoso, in cui è insinuato forse anche un abbandonarsi alla morte, e l accecante e- spansione nell immensità, comune anche alla diversa ubriacatura di La notte bella e di Universo); mentre il rovello conoscitivo sulla bramosia di Dio ( Perchè bramo Dio? ) che si acuisce in Dannazione entra in contrasto con l ingenua religiosità del contadino-soldato di Peso, la quale appare come un talismano contro gli orrori della guerra. Il rapporto di contraddizione tra le polarità di segno positivo (sicurezza, a- pertura al futuro ed all ES, nel flusso della storia) e quelle negative (precarietà, fissazione al presente ed all IN, nella stagnazione del tempo storico) determina il numero maggiore di investimenti semantici. Il testo di più alta esemplarità della dialettica sicurezza-precarietà appare Soldati in cui l incipit di stabilità ( Si sta ) viene rovesciato nella designazione massima dell incertezza esistenziale la quale rappresenta il tema centrale anche di altri testi emblematici come Vanità ( Un ombra// Cullata/ e piano/ franta ), Sereno ( Mi riconosco/ immagine/ passeggera// Presa in un giro/ immortale ), Fratelli ( involontaria rivolta/ dell uomo presente alla sua/ fragilità ). Naturalmente, l universo semantico dell Allegria appare molto più 27

21 complesso ed articolato (ed anche più dialettico) dello schematico modello suggerito: per es., la pace, a volte, appare correlativa (coincidente e non oppositiva) alla morte (o alla sua prefigurazione, come avviene in Dormire), e la tranquillità di Natale potrebbe trasformarsi in stagnazione, senza la vitalità e il movimento della raffigurazione del fumo-fuoco del caminetto; mentre la guerra può esasperare l accensione vitale (come in Veglia). Il quadro assiologico dei valori (e disvalori) della semantica fondamentale si converte, a livello di sintassi figurale, in un fare (agire, pensare, dire) antropologico 3. Il fulcro del sistema di operazioni antropologiche individuabili nell Allegria, che si innesta sul quadrato semiologico delineato, è rappresentato, ovviamente, dall io lirico (dalla sua complessità emotivo-psicologica, dalla dialettica conscioinconscio, dalle rappresentazioni e proiezioni psichiche), oltre che dalla serie dei personaggi (soldati, amici vivi e morti, donne ecc.) che svolgono quasi sempre un ruolo di comparse o comprimari, per cui si è potuto parlare da parte di Bàrberi Squarotti della centralità tolemaica dell io che si pone al punto di intersezione dei vari rapporti di contraddizione o di interazione. 2. L universo archetipico-simbolico Il quadrato semiologico trova la quasi perfetta corrispondenza (o la proiezione) nel sistema simbolico la cui organizzazione è orientata in modo binario sui piani superiore ed inferiore ed è polarizzata sui versanti positivo e negativo. Infatti, gli archetipi, appartenenti alla sfera superiore, del cielo, dell aria, del fuoco, del sole, della luce, che appaiono in rapporto di complementarità (ed interdipendenza) con gli altri archetipi (della sfera inferiore) della terra, della vegetazione, dell acqua, della luna, dell oscurità 4, sono orientati sulla polarità positiva (della vitalità o creatività, o della presenza) o negativa (della distruttività o della loro assenza), così che 3 - Cfr. A. J. GREIMAS, Senso 2, cit., pp e e l introduzione di Magli e Pozzato, p. VII. 4 - Gli archetipi del Cielo e della Terra, Fuoco ed Acqua, Sole e Luna ecc., che si co llocano in posizione di complementarità ed interdipendenza, secondo la tradizione orientale sono riconducibili ai principi dello Yin e dello Yang di cui è da sottolineare (e 28

22 anche la loro articolazione assume configurazione quadripartita (in corrispondenza coi principi logico-semantici elementari precedentemente individuati di pace vs guerra e di vita vs morte): BRA [ARMONIA - CARITA - PACE] [GUERRA] CIELO - ARIA CIELO LONTANO 0 NEMICO FUOCO - SOLE - LUCE SOLE - FUOCO DI- STRUTTIVI TERRA - VEGETAZIONE TERRA DESOLATA - DE- SERTO - PIETRA ACQUA - LUNA - OM- ARIDITA - VEGETAZIO- NE SREGOLATA ACQUA DISTRUTTIVA o ASSENTE o STAGNANTE - GHIAC- CIO [AMORE - EROS - VITA] [MORTE] Bisogna, infatti, ricordare la caratteristica della bivalenza degli archetipi, il loro fluttuare, ambiguamente, da un campo semantico all altro (ed anche la loro dialettica interna), estendendosi essi sul doppio versante, positivo e negativo, della creatività o della distruttività. Per es., il simbolo solare può inserirsi nella figurazione del cielo, ed avere una connotazione di creatività, o, al contrario, trasformarsi in un principio di distruttività, in analogia con la sfera del fuoco anch esso fluttuante tra negativo e positivo; così come la terra può essere attratta nel campo dell acqua e della vegetazione, o nel campo opposto della petrosità, dell aridità; inoltre, anche l acqua connotata nel senso della fertilità, può rovesciarsi nell opposto campo della distruttività 5. visibile nel simbolo globale Yin-Yang) l indivisibilità, la compenetrazione, ed anche la particolarità che il primo elemento procede dall altro e viceversa. Cfr. R. GUE- NON, La Grande Triade, Milano, 1980, pp ; cfr. anche M. ELIADE, Traité d'histoire des religions, Paris, 1948, trad. ital. Trattato di storia delle religioni, Torino, 1976, p. 42 ss., e FUNG YU-LAN, Storia della filosofia cinese, Milano, 1975, p. 109 ss. 5 - Sulla bipolarità degli archetipi, cfr. E. FROMM, Il linguaggio dimenticato, Milano, 1972; e il mio saggio Il rovesciamento del tempo solare nei «Preludes» di Eliot, in «RAPPORTI», n , 1980, pp Sul rovesciamento semantico degli archetipi in un altra opera ungarettiana, La Terra Promessa, si veda il mio saggio L'inversione delle connotazioni espansive sul piano 29

23 E evidente che i simboli debbano essere inseriti e decifrati nel contesto del mondo semantico che essi contribuiscono ad attivare, e che debba, quindi, essere rimossa la tendenza che isola i simboli come [... ] oggetti da conoscere negandone il radicamento soggettivo e la mobile complessità e che soffre di una segreta limitatezza metafisica (corsivo nel testo) 6. Si cercherà di delineare un quadro di riferimento sintetico del sistema simbolico ungarettiano, rinviando per un esame testuale più articolato all analisi delle singole poesie in altri miei studi. 2.1 Il cielo è esplicitamente richiamato in Notte di maggio ed investito delle connotazioni dell armonia e della comunione cosmica nella suggestiva raffigurazione della collocazione in capo ai minareti delle ghirlande di lumini, immagine che sembra insinuare l idea delle nozze tra cielo e terra (e tra l elemento maschile e quello femminile) e, quindi, della massima possibilità di unione e di compenetrazione fisica e psicologica, estendendosi altresì al campo archetipico della fecondità e della vegetazione con il riferimento metaforico alle ghirlande. Ma il punto più alto della comunione con l universo viene raggiunto in Mattina, con l espansione dell io nell immensità, e con il rispecchiamento della irradiazione luminosa (mentre, simmetricamente, in Solitudine 7 l armonia viene rovesciata nel negativo dell indifferenza o della mancata comunicazione celeste: il grido verso il cielo che ricade sull emittente), e nella Notte bella in cui l ubriacatura d universo viene coniugata alla figurazione, questa volta esplicita, delle nozze, simbolo -come si è detto di comunione, ed alla metafora di fusione figlio-madre: Ora mordo/ come un bambino la mammella/ lo spazio ed, inoltre, a locuzioni metaforiche relative al campo semantico dell acqua ( sorgiva e stagno di buio in cui appaiono, rispettivamente, l insorgenza e la latenza della dilatazione vitale) o del vino, prodotto della terra ( ubriaco d universo ). In Sereno, l armonia interiore dell io lirico viene raggiunta nella dialettica tra il riconoscimento, collegato allo svelarsi delle stelle, dei limiti spazio-temporale-antropologico negli ungarettiani «Cori di Didone», in «CRITICA LETTERARIA», n. 78, 1993, pp Cfr. J. CHEVALIER e A. GHEERBRANT, Dizionario dei simboli, Milano, 1986, p. XXIX. 7 - Per un esame più approfondito delle poesie Mattina, Solitudine e Dormire, si rimanda al mio lavoro: Configurazione dei rapporti spaziali in un trittico dell «Allegria» ungarettiana, in «OT- TO/NOVECENTO», n. 6/1992, pp

24 umani e la rivelazione della sconfinata apertura del cielo ( Respiro/ il fresco/ che mi lascia/ il colore del cielo// Mi riconosco/ immagine/ passeggera// Presa in un giro/immortale ), cosi come in Godimento la febbrile vitalità dell archetipo luminoso che matura dolcemente, sul piano della metaforica vegetazione, il frutto della giornata, si oppone all insignificanza esistenziale, al rimorso-latrato nel panorama arido ed infecondo del deserto metaforico. In Inizio di sera si realizza il raddoppiamento, sul versante positivo, dell energia radiante e vitalizzante del sole e del principio di fertilità della potenziale acqua delle nuvole; tale figurazione, nella quale si può anche intravedere la compenetrazione dei principi maschile e femminile ( nuvole colme/ trapunte di sole ), ritorna nell immagine analogica ( Come una nuvola/ mi filtro nel sole ) di Trasfigurazione nel cui testo la dialettica cielo-terra si potenzia e si moltiplica (nel gremirsi di motivi erotici e di fecondità) nella vita brulicante della terra (la cui feracità si proietta nella metaforica pienezza del frutto vegetale e di quello umano del bimbo) e nella prospettiva delle fasi del cielo, e trova la sua diffusione (e conclusione) nel bacio cosmico, e il suo inizio (e la sua motivazione) nell eredità biologica della gente contadina, nella scoperta delle origini ( Ben nato mi sento/ di gente di terra ). A riposo prospetta l alternanza tra fasi di espansione e di ripiegamento interiore: in un primo tempo si attua il raddoppiamento (e l interazione) dei due principi vitali del sole e dell acqua, a significanza della massima espansione creatrice dell universo e dell armonico inserimento dell io nel ciclo vitale; le espressioni terrestri restano fecondate dall azione combinata dei due princìpi: l erba flessuosa è seminata di gocciole di sole, le montagne subiscono la transustanziazione metaforica nell acqua ( sorsi ), ed entrano in sintonia col cielo. Nella seconda fase, il rovesciamento della situazione di sublimazione presenta il correlativo oggettivo della discesa dall elevato e sconfinato spazio esterno al sottostante e limitato spazio interno, e dalla luce al buio, anche se tale movimento implica la trivellazione vitale dei territori psichici profondi ( E m oscuro in un mio nido ). In Monotonia, l archetipo celeste dell aria appare sottoposto ad una straordinaria dialettica interna, in quanto oscillante tra i due poli della depressione e del languore, da una parte, e dell armonia e della sublimazione, dall altra, in relazione alla diversificazione temporale presente-passato ed alla variata serie delle figurazioni metaforiche che connotano, sui due piani sensoriali visivo e auditivo, rispettivamente, la declinazione 31

25 luminosa ( appannata, cecità, consunzione ), e l armonia musicale ( arpeggio ). La comunione e l armonia con l universo sono raggiunte in Risvegli, dopo l immersione nel vivificante bagno / di care cose consuete, nel segno della pioggia celeste ( le nuvole che si sciolgono e le gocciole di stelle ) e sono connotate in Annientamento dalla trasmutazione dell io lirico nel principio aereo del volo di nubi, dopo la sua trasmigrazione attraverso le tappe simboliche della vegetazione e dell acqua. 2.2 Il tema della distruzione (nel segno del ferro e del fuoco bellico) è coniugato in San Martino del Carso e in Pellegrinaggio in tutta la sua carica dissolvente, referenziale e metaforica, con la stessa tipologia di immagini ( Brandello di muro e budella di macerie, ho strascicato / la mia carcassa / usata dal fango / come una suola ) e viene dilatato anche sul versante degenerativo del campo semantico dell acqua ( fango ) e della corporeità umana ( brandello e carcassa ), oltre che sul terreno della petrosità ( muro e queste [... ] macerie ), e dispiegato nella dimensione della affermazione dello strazio del cuore o dell illusorio desiderio di metaforica liberazione dalla tragedia della guerra ( E' il mio cuore/ il paese più straziato e un riflettore [... ] mette un mare / nella nebbia ). Anche le macerie di Vanità, segni della cieca distruzione della guerra, appaiono come i correlativi, nel campo delle espansioni-costruzioni umane, della morte dell uomo, e della sua fragilità improvvisamente scoperta (davanti al limpido/ stupore/ dell immensità, a contatto coi simboli della vita: acqua e sole) ed accettata e sublimata nella comunione universale. La distruttività della guerra appare correlata, in modo evidentissimo, alla violenza esercitata sulla notte e sull elemento positivo dell aria ( Assisto la notte violentata// L aria è crivellata [... ] dalle schioppettate/ degli uomini / ritratti/ nelle trincee ), nonché alla profanazione della terra (per lo scavo delle trincee) nel testo di In dormiveglia, mentre in Fratelli la violenza bellica, che egualmente produce i suoi effetti dissonanti ( Parola tremante/ nella notte, Nell aria spasimante ) sulla simbologia positiva dell aria (e della notte), trova un inizio di riparazione e di conversione nel segno vitalizzante dello spuntare (metaforico) della vegetazione ( Foglia appena nata ). La simbologia distruttiva del fuoco ( Reggo il mio cuore/ che s incaverna/ e schianta e rintrona/ come un proiettile ; Guardo l orizzonte/ che si vaiola di crateri ), mutuata dal contesto bellico, appare in tutta la sua carica dirompente in Perché?, in correlazione metaforica col cuore della 32

26 dramatis persona la quale è ulteriormente paragonata alla sostanza inerte (che richiama la pietra così prosciugata/ così refrattaria di Sono una creatura), e quindi priva del potere vitalizzante dell acqua, deteriorata, infine, nella sua compattezza materica ( scaglia dei sassi tarlati/ della improvvisata strada/ di guerra ), che appare figura emblematica della guerra e della morte; tuttavia, l io lirico appare attratto in un moto di levitazione e di liberazione dalla prigione della guerra e del tempo, e dal buio del momento storico, moto che trova il suo veicolo metaforico nell erba che vuole tremare piano alla luce nella cui formulazione appaiono i due simboli vitalizzanti della vegetazione e della luce, richiamati, egualmente, nella settima strofe negli zampilli (acqua), e nei razzi (luce) i quali perdono la loro figura di segnali di guerra. Appare evidente in Ricordo d'affrica la polarità negativa del simbolo solare ( Il sole rapisce la città ) sganciato dall affinità col cielo, e spostato, invece, nel campo distruttivo del fuoco (rimandando ad altri luoghi ungarettiani: il sole belva di Foggia nel Deserto e dopo 8, Di luglio ecc.), così che si identifica e si unisce con la morte, anzi cancella perfino le tombe col suo fulgore annientante (in una sorta di figurazione di morte al quadrato): l energia vitale si rovescia in distruttività, e la luce in oscurità. In Fase d'oriente, invece, il simbolo solare è trasferito nella dimensione individuale, sul piano della guerra e della devastazione interiore, ed evidenziato nella sua carica compressiva nella figurazione della vendemmia umana, correlativo esterno della interna consumante arsione, della devastante tempesta erotica che scarica il suo peso opprimente anche sulla terra, deviata dal suo ruolo creativo, dopo la vanificazione dell illusiva prospettiva equorea delle infinite promesse, dopo la dispersione delle connotazioni acquatico-vegetative ( molle, germogli, lago ) che pure, in un primo tempo, si innestano dialetticamente sull esplosione della violenza erotica. 2.3 La polarità della petrosità, dell aridità, della mancanza d acqua, talvolta in connessione con lo sfiorire della vegetazione e il declinare della luce, spalanca il negativo della morte, e l eclissi dell amore. La morte dell amico Moammed Sceab diffonde la desolazione nell appassito vicolo in discesa (In memoria) e nel buio dello Spazio nero infinito e delle ultime oscurità (Chiaroscuro). 8 - Cfr. Il Tavoliere, in Il deserto e dopo, Verona, 1961, p

27 In Agonia la morte è mancanza dell elemento vitale dell acqua nella proiezione analogica Morire come le allodole assetate che allude alla desolazione e alla morte psichica del personaggio intratestuale, così come la stagione autunnale, con la spoliazione della vegetazione: la caduta delle foglie, egualmente connota la morte (o la precarietà dell esistere) in Soldati. La distruttività della guerra e l incombente presenza della morte sono collegate alle connotazioni negative della durezza e della refrattarietà della pietra, caratteristiche dilatate al massimo dell espressività (e dell espressionismo) in Sono una creatura in cui anche il pianto appare prosciugato e la morte si paga con la dilungata morte dell esistenza. Nel testo di In galleria, l archetipo equoreo si manifesta, sul versante degenerativo, nelle figurazioni dello stagno e del ghiaccio che connotano l indifferenza e la lontananza del cielo, a cui corrisponde, sul piano umano, l acquario/ di sonnambula noia. Nei Fiumi viene realizzata una straordinaria operazione dialettica che evidenzia l energia radiante degli archetipi attivi nel testo. Sul versante negativo appaiono la folgorante immagine dell albero mutilato (in cui vengono connotate la morte o la ferita dell albero della vita, l interruzione dei processi vegetativi) ed, inoltre, i segni dell aridità della dolina (mentre l immagine conclusiva della corolla di tenebre risulta ambiguamente oscillante tra i connotati della depressione e dell espansione). Ma la composizione rovescia nel positivo i segnali di negatività (e ciò costituisce un anticipazione dei motivi presentati nella sezione successiva), investendo il campo semantico della morte ( urna, reliquia ) dei connotati lievitanti della vita, e spalancando l orizzonte dell archetipo acquatico con la reiterazione insistente dei lessemi relativi al campo semantico acqueo ( acqua, fiumi e la nominazione dei quattro fiumi) nel cui segno avviene il viaggio all ndietro nel tempo (e nello spazio) attraverso le epoche della vita dell io lirico, ed anche più indietro, nella discesa nelle passate generazioni in una trivellazione stratigrafica alle fonti della vita. 2.4 L archetipo dell acqua nella poesia dell Allegria, individuato per primo da Macrì 9 ed indagato nelle sue articolazioni e diramazioni nella 9 - Cfr. O. MACRI, Aspetti rettorici e esistenziali dell'«allegria», in ID. Realtà del simbolo. Poeti e critici del Novecento italiano, Firenze, 1968, p. 26 ss. 34

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

A spasso nel Sistema Solare

A spasso nel Sistema Solare A spasso nel Sistema Solare Un progetto per le scuole dell infanzia Silvia Casu INAF-OAC Alba Murino Scuola dell infanzia Dolianova 3 Perché è importante fare scienze già nella scuola dell infanzia: come

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Prefazione di Anselm Grün

Prefazione di Anselm Grün Prefazione di Anselm Grün Molti ritengono che la spiritualità e il lavoro siano due concetti in contraddizione l uno con l altro. Pensano che quelli che lavorano molto non possano essere spirituali e,

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Istituto Comprensivo Virgilio 4 Na Scuola infanzia, primaria e secondaria di primo grado

Istituto Comprensivo Virgilio 4 Na Scuola infanzia, primaria e secondaria di primo grado Allegato P.O.F. n 3 Istituto Comprensivo Virgilio 4 Na Scuola infanzia, primaria e secondaria di primo grado Anno scolastico 2013 2014 A cura delle Commissioni POF e Continuità/Orientamento PREMESSA Ci

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori).

Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). LE ONDE di V.Woolf Il romanzo è diviso in nove interludi lirici e corrispondenti recitativi (soliloqui o monologhi interiori). INTERLUDI 9 prose liriche atte a interrompere l azione del romanzo - la vita

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli