GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI BILANCI GENETICI AZIENDALI. Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI BILANCI GENETICI AZIENDALI. Indice"

Transcript

1 GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEI BILANCI GENETICI AZIENDALI Indice Premessa Pag. 1 Introduzione Pag. 1 Il volet de synthese Pag. 2 L Index des Taureaux utilisés dans le troupeau Pag. 6 La Liste des Index des Femelles : vaches en production Pag. 7 La conduite du troupeau Pag. 7 Il Niveau génétique des femelles Pag. 8 Il Niveau génétique des pères et des veaux Pag. 10 Eléments complémentaires de description Pag. 11 Allegato 1 Pag. 12 Premessa Il Bilancio Genetico Aziendale che ti viene allegato è stato elaborato dall INRA e dall Institut del l Elevage francese per gli allevamenti del Libro Genealogico Charolais e Limousine italiano, nel quadro di un apposita collaborazione attivata con ANACLI. Costituisce per te un utile strumento di consultazione, nonché una concreta dimostrazione degli sforzi che ANACLI sta facendo per valorizzare i dati del Libro Genealogico allo scopo di metterti nelle condizioni di migliorare il management del tuo allevamento. 1. Introduzione La presente guida si propone di facilitare la consultazione del Bilancio Genetico Aziendale. Allo scopo di assolvere a tale funzione, prende a riferimento le sette sezioni di cui il Bilancio Genetico si compone. Per utilizzarla al meglio, si consiglia di prestare attenzione all intestazione delle pagine del bilancio e alla numerazione e/o alla sigla che nelle pagine è sempre posta nell angolo in alto a destra. Seguendo tale consiglio, si avrà modo di notare quanto segue : la prima delle sezioni del Bilancio denominata Volet de synthese, inizia a livello della cosiddetta Page 1; la seconda delle sezioni del Bilancio denominata Index des Taureaux utilisés dans le troupeau, inizia a livello della cosiddetta Page 3; 1

2 la terza sezione del Bilancio denominata Liste des Index des Femelles : vaches en production, inizia a livello della cosiddetta Page 4; la quarta sezione del bilancio denominata Condite du troupeau, inizia a livello della pagina indicata in alto a destra con la sigla T1; la quinta sezione del bilancio denominata Niveau génétique des femelles, inizia a livello della pagina indicata in alto a destra con la sigla T2; la sesta sezione del bilancio denominata Niveau génétique des pères et des veaux, inizia a livello della pagina indicata in alto a destra con la sigla T3; la settima e ultima sezione del Bilancio denominata Eléments complémentaires de description inizia a livello della pagina indicata in alto a destra con la sigla T4; Nel consigliarne la lettura, si ritiene peraltro opportuno fare la seguente precisazione : è la prima edita in lingua italiana e, in quanto tale, è stata redatta allo scopo di rendere comprensibili, in una prima battuta, le informazioni ritenute più importanti presenti nel Bilancio. Eventuali aspetti del Bilancio che interessino e per i quali non esista la traduzione, potranno essere nel caso chiariti ricorrendo, all Ufficio Centrale del Libro Genealogico. 2. Il Volet de synthese La prima sezione Bilancio, denominata Volet de synthese riporta un Riepilogo sintetico dei dati del tuo allevamento. Il riepilogo è organizzato in una intestazione e in una serie di 7 tabelle. 2.1 L Intestazione L intestazione del Volet riporta i seguenti dati : Il numero di codice con il quale l allevamento è identificato a livello francese (Troupeau). Il numero di parti che sono stati rilevati nell allevamento nel corso dell ultima campagna Anno nel caso dei bilanci elaborati nel corso del ( Nombre de velages sur la dernière campagne); Quale percentuale dei parti di cui sopra risultano essere derivati da FA (Velages issus d IA en 2004 ) Un valore riferito a un parametro denominato CACO che può variare da 0 a 1 e che, nel caso sia superiore a 0,4 segnala che il tuo allevamento è confrontabile, per quanto attiene i risultati delle elaborazioni riportate, con gli allevamenti Charolais e Limousine Italiani Francesi aderenti ai rispettivi Libri Genealogici e che siano connessi ( Vedi Allegato 1 ), considerati nel loro insiemecome un unica popolazione. 2.2 La Tabella Niveau génétique de l ascendance maternelle Nel Volet in alto a sinistra la Tabella denominata Niveau génétique de l ascendance maternelle documenta il Livello del valore genetico delle vacche dell allevamento. 2

3 La tabella documenta il valore in questione con riferimento ai seguenti indici : Indice di facilità di nascita (IFNAIS). Misura l attitudine dimostrata dal soggetto a nascere facilmente. Indice capacità di crescita prima dello svezzamento (CRsev). Misura l attitudine del soggetto guadagnare peso nel periodo che intercorre tra la nascita e lo svezzamento, se correttamente allevato dalla madre. Indice dello sviluppo muscolare sino allo svezzamento (Dmsev). Misura lo sviluppo muscolare del soggetto al momento dello svezzamento. Indice dello sviluppo scheletrico allo svezzamento (DSsev). Misura il grado di sviluppo scheletrico del soggetto allo svezzamento. Indice di sintesi allo svezzamento (ISEVR). Misura la capacità di un soggetto a produrre carne allo svezzamento ed esprime un valore al quale concorre la combinazione degli indici IFNAIS, Crsev, DM sev, Dssev. Indice attitudine al parto (AVEL). Misura dell attitudine del soggetto a partorire facilmente. (Indice disponibile per il 2005 solo per la Charolais). Indice attitudine materna all allattamento ( Alait). Misura la capacità che il soggetto ha di allevare il vitello dalla nascita allo svezzamento grazie al suo potenziale lattifero e al suo comportamento materno. Indice di sintesi del valore materno allo svezzamento (IVMAT). Misura l attitudine di un futuro riproduttore a produrre vitelli allo svezzamento e viene calcolato sulla base del valore degli indici IFNAIS, Crsev, Dmsev, Dssev, nonché degli indici Avel Aliat. Interessa in modo particolare vacche e tori, padri di future riproduttrici Il riquadro Troupeau La tabella nel riquadro Troupeau per gli indici di cui sopra riporta il valore medio rilevato per le vacche presenti nell allevamento per l anno indicato sotto la scritta Valeurs. La tabella nel riquadro mette in rapporto il valore riportato per l indice considerato con quello calcolato per l allevamento per l anno precedente e sotto la scritta Evolution indica se si sia verificato un miglioramento o un peggioramento rispetto all anno precedente, ricorrendo all uso di freccette che possono variare da una a tre e in ragione della direzione : verso l alto o verso il basso. Da notare quanto segue. Una freccia verso l alto indica che il valore dell indice interessato è stato superiore in una misura che varia tra + 0,5 e + 1,0 punti rispetto al valore dell anno precedente. Due frecce verso l alto indicano che il valore dell indice interessato è stato superiore in una misura che varia tra + 1,0 e + 1,5 punti rispetto al valore dell anno precedente. Tre frecce verso l alto indicano che il valore dell indice interessato è stato superiore in una misura superiore a + 1,5 punti, rispetto al valore dell anno precedente. 3

4 Una freccia orizzontale indica che il valore dell indice interessato è stato sostanzialmente stabile rispetto al valore dell anno precedente ( variazione compresa tra 0,5 e + 0,5 punti) Una freccia verso il basso indica che il valore dell indice interessato è stato inferiore in una misura che varia tra - 1 e -0,5 punti rispetto al valore dell anno precedente. Due frecce verso il basso indicano che il valore dell indice interessato è stato inferiore in una misura che varia tra - 1,5 e -1,0 punti rispetto al valore dell anno precedente. Tre frecce verso il basso indicano che il valore dell indice interessato è stato inferiore in una misura superiore a -1,5 punti rispetto al valore dell anno precedente Il riquadro Ecart entre le troupeau et la race Nella Tabella, a livello del riquadro Ecart entre le troupeau maternelle nel caso l allevamento sia connesso, viene evidenziato graficamente quale sia lo Scarto tra l allevamento e la razza che è stato rilevato per gli indici di cui alla pagina 3 per l anno oggetto di elaborazione, a seguito del confronto che è stato effettuato con il valore medio calcolato per la razza. Nel riquadro, una variazione positiva è segnalata dalla barra orizzontale che va verso destra. Una variazione negativa segnalata dalla barra orizzontale che va verso sinistra Il riquadro Distribution de l IVMAT des troupeax Nella tabella nel riquadro detto Distribution de l IVMAT des troupeax, posto in basso, viene indicato in che misura percentuale gli allevamenti della razza si distribuiscano in relazione al valore medio dell indice IVMAT ( Vedi pag. 3 ). La percentuale degli allevamenti, distribuiti per classi, che presenta un indice IVMAT negativo è indicata a sinistra. La percentuale degli allevamenti, distribuiti per classi, che presenta un indice IVMAT positivo è indicata a destra. 2.3 La Tabella Qualifications UPRA Nel Volet, la tabella denominata Qualifications UPRA posta immediatamente sotto la Tabella Niveau génétique de l ascendance maternelle indica quale sia la distribuzione percentuale delle vacche dell allevamento che presentano i requisiti previsti dalla normativa francese per conseguire determinate qualifiche. Di seguito, accanto alla sigla delle qualifiche, viene fornita una traduzione indicativa del termine originale francese. RRE = Riproduttore Raccomandato (Reproducteur recommandé ) RR = Riproduttore riconosciuto (Reproducteur reconnu ) 2.4 La Tabella Niveau génétique de l ascendance paternelle Nel Volet, la Tabella denominata Niveau génétique de l ascendance Paternelle posta a destra della tabella Niveau génétique de l ascendance maternelle documenta Il livello genetico dei tori. La Tabella presenta lo stesso tipo di organizzazione già descritta a proposito della tabella Niveau génétique de l ascendance maternelle, punto 2.2. Va da sé che gli indici che riporta sono riferiti ai tori che hanno operato nell allevamento! 2.5 La tabella Qualifications UPRA Nel Volet la tabella Qualifications UPRA posta immediatamente sotto la Tabella Niveau génétique de l ascendance paternelle indica quale sia la distribuzione percentuale dei tori dell 4

5 allevamento che presentano i requisiti previsti dalla normativa francese per conseguire determinate qualifiche. Di seguito, accanto alla sigla delle qualifiche, viene fornita una traduzione indicativa del termine originale francese. RRE M RRE QM RRE JB RRE VB RR VS RJ Espoir RCV = Riproduttore raccomandato accetatto per FA, di tipo misto ( carne e da riproduzione) Reproducteur recommandé agréé IA viande et élevage = Riproduttore raccomandato accettato per FA per vitelli da riproduzione (Toro accettato per Qualità Materne ) Reproducteur recommandé agréé IA jeunes bovins ( Taureau agréé Qualités maternelles ) = Riproduttore raccomandato accettato per FA per giovane bestiame (Reproducteur recommandé agréé jeunes bovins) = Riproduttore raccomandato accettato per FA vitelli da macello (Reproducteur recommandé agréé IA veux de boucherie) = Riproduttore raccomandato per lo svezzamento dei vitelli (Reproducteur reconnu veaux sevrés) = Riproduttore giovane Reproducteur jeune = Speranza = Riproduttore consigliato carne Reproducteur conseillé viande 2.6 La Tabella Niveau génétique des veaux nés Nel Volet, la Tabella denominata Niveau génétique des veaux nés, posta a destra della Tabella Niveau génétique de l ascendance paternelle documenta il livello genetico dei vitelli dell allevamento. La Tabella riporta gli stessi tipi di indici ed è organizzata in modo simile alla Tabella descritta al punto 2.2 salvo il fatto che riporta un numero inferiore di indici e che NON presenta in basso il riquadro Distribution de l IVMAT des troupeuax ma il riquadro detto Distribution de l ISEVRE des troupeaux Il riquadro Distribution de l ISEVR des troupeax Nella tabella nel riquadro detto Distribution de l ISEVR des troupeax, posto in basso, viene indicato in che misura percentuale gli allevamenti della razza si distribuiscano in relazione al valore medio dell indice ISEVR ( Vedi pag. 3 ). La percentuale degli allevamenti, distribuiti per classi, che presenta un indice ISEVR negativo è indicata a sinistra. La percentuale degli allevamenti, distribuiti per classi, che presenta un indice ISEVR positivo è indicata a destra. 2.7 La Tabella Effet Elevage sur le Poids à 210 jours Nel Volet, la tabella Effet Elevage sur le Poids à 210 jours, posta sotto la Tabella Niveau génétique des veaux nés mostra, nel caso l allevamento sia connesso, in che misura la popolazione dei vitelli dell azienda si distribuisca a seconda che sia costituita da soggetti per i quali l effetto ambientale dovuto all azienda abbia inciso in misura positiva o negativa nel determinare il peso dell animale a 210 giorni, avendo quale termine di riferimento il valore medio dell effetto ambiente calcolato per la razza. Nella tabella la percentuale dei soggetti, distribuiti per classi, che ha presentato un effetto ambiente negativo è indicata a sinistra. La percentuale dei soggetti, distribuiti per classi, che ha presentato un effetto ambiente positivo è indicata a destra. 2.8 La tabella Qualification UPRA des veaux au sevrage Nel Volet, sotto la tabella Effet Elevage sur le Poids à 210 jours, la tabella Qualifications UPRA indica quale sia la distribuzione percentuale dei vitelli della mandria che presentano i requisiti previsti dalla normativa francese per conseguire determinate qualifiche. 5

6 Di seguito, accanto alla sigla delle qualifiche, viene fornita una traduzione indicativa del termine originale francese. Queste le Qualifiche prese in considerazione. Femmine TA = Iscritto in ragione dell ascendenza Inscrit au titre de l ascendance 3. L Index des taureaax utilisés dans le troupeau La seconda sezione del Bilancio, denominata Index des taureaux utilisés dans le troupeau ( reperibile alla page 3), è composta di un unica tabella che riporta L indice dei tori utilizzati in allevamento. La tabella riporta con riferimento ai tori in questione i seguenti dati : nome (Nom) numero di matricola ( Numéro), tipo di qualifica di cui sono in possesso secondo la normativa Francese (Qualif. Agrément) anno di riferimento delle elaborazioni ( Camp. Es 2004) numero di vitelli nati nell anno di riferimento considerati nella valutazione IBOVAL : totali (Utilisation dans le troupeau /total/tot. ) di cui connessi (Utilisation dans le troupeau /total/cx. ) La Classificazione conseguita all interno della mandria (Classement des taureaux intra troupeau ) A livello delle colonne poste sotto tale intestazione, sotto la sigla che indica gli indici già descritti alla pag. 3 viene riportata ricorrendo a dei segni +, =, - la seguente informazione : se toro indicato si sia posizionato in maniera più o meno apprezzabile, nell ambito dei tori utilizzati nella mandria, in ragione del valore conseguito per l indice considerato. Da notare quanto segue : due segni - - indicano che il toro ha un valore dell indice considerato che lo fa ricadere in un range negativopari al peggiore 15% dei soggetti un segno - indica che il toro ha un valore dell indice considerato che lo fa ricadere in un range negativo, ma in una misura inferiore rispetto alla classe precedente. Un segno = indica che il toro ha un valore dell indice considerato che lo fa ricadere in un range rappresentativo della mandria in quanto comprendente il 40% dei soggetti; Un segno + indica che il toro ha un valore dell indice considerato che lo fa ricadere in un range positivo, rispetto alla classe precedente. Due segni + indicano che il toro ha un valore dell indice considerato che lo fa ricadere in un range fortemente positivo ( migliore 15% dei soggetti ). ( NCL significa non classificato) 6

7 Il valore degli Indici IBOVAL (Index IBOVAL ) A livello delle colonne poste sotto tale intestazione viene riportato ricorrendo a dei segni +, =, - la seguente informazione : se il toro indicato si sia posizionato in maniera più o meno apprezzabile, nell ambito dei tori utilizzati nella mandria. to all indice indicato il valore eventualmente riportato dal toro considerato per gli indici IFNAIS, CRsev, DM sev, DSsev, ISEVR, AVEL, ALait, IVMAT già descritti alla pag. 3, nonché il valore del relativo coefficiente di determinazione (CD). Quest ultimo parametro misura la precisione con la quale l indice è stato calcolato. Quanto più è vicino a 1, tanto più segnala che l indice è affidabile. ( NP Significa indice genetico non disponibile ) 4. La liste des index des femelles : vaches en production La terza sezione del Bilancio, denominata Liste des index des femelles : vaches en production (reperibile alla page 4), è composta di un unica tabella che riporta la Lista degli indici delle femmine : vacche in produzione. La tabella riporta con riferimento alle vacche in questione i seguenti dati : Nome Matricola Eventuale n. Aziendale Data di nascita Matricola, nome ed eventaule qualifica del padre Nome, eventuale n.az e qualifica della madre Nom N. National N. Travail Date nais. Père : (n. national, nom et qualif.) Mère (nom, n.travail et qualif.) Matricola, nome ed eventuale qualifica del nonno materno GP maternel ( n.national, nom et qualif.) Data ultimo parto, ordine di parto, eventuale interparto per pluripare, età al primo parto in mesi Dernier vel. RV et IV2+ Age 1er vel. Punteggi soggetti adulti Pointage adulte Campi al momento non utilizzati per l Italia Il valore degli Indici IBOVAL Index IBOVAL A livello delle colonne poste sotto tale intestazione il valore eventualmente riportato dal toro considerato per gli indici IFNAIS, CRsev, DM sev, DSsev, ISEVR, AVEL, ALait, IVMAT già descritti alle pag. 2/3, nonché il valore del relativo coefficiente di determinazione (CD). Quest ultimo parametro misura la precisione con la quale l indice è stato calcolato. Quanto più è vicino a 1, tanto più segnala che l indice è affidabile. ( NP Significa indice genetico non disponibile ) 5. Conduite du troupeau La Quarta sezione del Bilancio, denominata Condite du troupeau ( reperibile a livello della pagina che ha la sigla T1), riporta il valore di alcuni parametri demografici, organizzata in 1 tabella, due istogrammi e in una serie di 6 piccole torte. 7

8 5.1 La tabella Description du Troupeau Nella sezione, la tabella denominata Description du Troupeau riporta con riferimento agli ultimi 4 anni i seguenti dati : Anno di riferimento Campagne Numero di parti rilevato nell allevamento nell anno indicato Nombre total de velages Di cui da tori di razza pura autorizzati alla FA secondo i canoni francesi. Dont issuss de taureaux ecc 5.2 L istogramma Mois de velages des vaches L istogramma detto Mois de velages des vaches posto a sinistra sotto la scritta Campagne 2004 indica in che misura percentuale le vacche dell allevamento si sono distribuite per l anno considerato in ragione del mese di parto : nella razza ( a sinistra) e nell allevamento ( a destra). 5.3 L istogramma Age au velages des vaches ( en années ) L istogramma detto Age au velage des vaches (en années) posto al centro sotto la scritta Campagne 2004 indica in che misura percentuale si sono distribuite le vacche per l anno considerato in ragione dell età al parto espressa in anni : nella razza ( a sinistra) e nell azienda ( a destra). 5.4 Le sei torte poste sotto la dizione Intervalle entre les deux derniers velages Le sei torte poste sotto la denominazione Campagne 2004 in basso a destra mostrano quanto segue : riga superiore in che misura percentuale si sono distribuite nella razza ( a sinistra ) e nell allevamento ( a destra ) le vacche, per l anno indicato, in ragione dell intervallo interparto, stante le seguenti classi : meno di 370 giorni, da 370 a 400, da 400 a 430 giorni, oltre 430 giorni; sotto ciascuna delle due torte è indicato il valore medio dell interparto rilevato. riga media in che misura percentuale si sono distribuite nella razza ( a sinistra ) e nell allevamento ( a destra ) le vacche che hanno avuto due parti, per l anno indicato, in ragione dell intervallo interparto, stante le seguenti classi : meno di 370 giorni, da 370 a 400, da 400 a 430 giorni, oltre 430 giorni. Sotto ciascuna delle due torte è indicato il valore medio dell interparto rilevato. riga inferiore in che misura percentuale si sono distribuite nella razza ( a sinistra ) e nell allevamento ( a destra ) le vacche pluripare, per l anno indicato, in ragione dell intervallo interparto, stante le seguenti classi : meno di 370 giorni, da 370 a 400, da 400 a 430 giorni, oltre 430 giorni. Sotto ciascuna delle due torte è indicato il valore medio dell interparto rilevato. 6. Niveau genetiques des femelles La quinta sezione del Bilancio denominata Niveau génétique des femelles ( reperibile a livello della pagina che ha la sigla T2) documenta il Livello genetico delle femmine ed è organizzata in 2 tabelle, 3 grafici, 2 istogrammi. 6.1 La tabella Index moyens de l ascendance maternelle du troupeau pour la campagne de production 8

9 Nella sezione, la tabella denominata Index moyens de l ascendance maternelle du troupeau pour la campagne de production posta in alto a sinistra sotto la scritta Niveau génétique de l ascendance maternelle riporta il valore dell Indice medio delle vacche dell allevamento per la campagna di produzione La tabella riporta il valore medio degli indici delle vacche, già riportati nel Volet de syntihese, di cui al punto 2.2 della guida. In aggiunta presenta la colonna Razza (Race ) che riporta per gli indici considerati il valore medio calcolato per la razza. 6.2 Il Grafico Evolution de l index de valeur maternelle synthétique au sevrage (IVMAT) Il grafico denominato Evolution de l index de valeur maternelle synthétique au sevrage (IVMAT) posto in alto sotto la scritta Niveau génétique de l ascendance maternelle riporta L Evoluzione dell indice del valore materno sintetico allo svezzamento (IVMAT) rilevata per le vacche. Il Grafico nel caso l allevamento sia connesso, riporta l andamento rilevato nel corso degli ultimi 10 anni per l indice in questione ( vedi pag. 3 ) prendendo a riferimento il valore calcolato per l allevamento e per la razza. 6.3 I due grafici Evolution des index élémentaires I due grafici denominati Evolution des index élémentaires posti in alto a destra sotto la scritta Niveau génétique de l ascendance maternelle riportano l andamento rilevato nell allevamento nel corso degli ultimi 10 anni del valore degli indici CRsev, DMsev, DSsev; IFNAIS, AVel, Alait ( Vedi Pagg. 2 e 3 ). 6.4 L istogramma Distribution des IVMAT des vaches L istogramma denominato Distribution des IVMAT des vaches posto in basso a sinistra sotto la Tabella Index moyens de l ascendance maternelle du troupeau pour la campagne de production illustra in che modo il numero delle vacche presenti nell allevamento si è distribuito nell anno di riferimento a seconda del valore del relativo indice IVMAT (vedi pag. 3), suddiviso in classi. 6.5 Le tabelle Niveau génétique des vaches et génisses Le Tabelle denominate Niveau génétique des vaches et génisses poste in basso sotto la scritta Index des femelles présentes en fonction de leur campagne de naissance ( Indice delle femmine presenti in funzione dell anno di nascita ) riportano quale sia stato il Livello genetico delle vacche e delle manze dell allevamento a seconda dell anno di nascita, misurato con riferimento agli indici CRsev, DMsev, DSsev; IFNAIS, AVel, Alait per i quali si è riferito alle Pag 2 e L istogramma Ecart de niveau génétique entre les femelles nés et conservées L istogramma denominato Ecart de niveau génétique entre les femelles nés et conservées posto in basso sotto la scritta Index des femelles présentes en fonction de leur campagne de naissance ( Indice delle femmine presenti in funzione dell ano di nascita ) evidenzia, con riferimento agli ultimi 3 anni per i quali sia abbiano dati disponibili, quale sia stato lo scarto : positivo ( parte superiore ) o negativo ( parte inferiore ) che si è verificato tra i seguenti valori : il valore degli indici genetici (: IFANIS, CRsev, DMsev, DSsev; AVel, Alait, IVMAT ( vedi Pagg 2 e 3) delle femmine nate in azienda nell anno considerato e il valore degli indici genetici delle femmine nate in azienda nell anno considerato che sono rimasti in azienda ( cioè che non risultano essere stati vendute). 9

10 7. Niveau génétique des pères et des veaux La sesta sezione del Bilancio, denominata Niveau génétique des pères et des veaux ( reperibile a livello della pagina che ha la sigla T3), documenta il Livello genetico dei tori e dei vitelli ed è organizzata in 2 tabelle e 5 grafici. 7.1 La Tabella Index moyens des veaux nés pour la campagne de production Nella sezione, la tabella denominata Index moyens des veaux nés pour la campagne de production posta in alto a sinistra sotto il titolo Niveaux génétique des veaux nés ( Livello genetico dei vitelli nati ) riporta il valore medio degli indici dei vitelli, già riportati nel Volet de syntihese, di cui al punto 2.6 della guida. In aggiunta, rispetto a quanto indicato nel Volet riporta i dati eventualmente disponibili per la razza per gli indici considerati. 7.2 Il Grafico Evolution de l index de synthès au sevrage (ISEVR) L eventuale grafico denominato Evolution de l index de synthèse au sevrage (ISEVR) posto in alto sotto il titolo Niveaux génétique des veaux nés ( Livello genetico dei vitelli nati ) riporta per l allevamento connesso il confronto dell andamento rilevato nel corso degli ultimi 10 anni per l indice ISEVR. 7.3 Il Grafico Evolution des index élémentaires Il grafico denominato Evolution des index élémentaires posto in alto a destra sotto il titolo Niveaux génétique des veaux nés ( Livello genetico dei vitelli nati ) riporta l andamento rilevato nell allevamento nel corso degli ultimi 10 anni per i vitelli, per quanto attiene l indice IFANIS ( vedi pag. 2). 7.4 La tabella Index moyens de l ascendance paternelle du troupeau pour la campagne de production La tabella denominata Index moyens de l ascendance paternelle du troupeau pour la campagne de production posta in basso a sinistra sotto il titolo Niveaux génétique de l ascendance paternelle ( Livello genetico dei tori ) riporta il valore medio degli indici dei tori, già riportati nel Volet de synthese, di cui al punto 2.4 della guida. In aggiunta riportati anche il valore medio elaborato per la razza (race) per gli indici considerati. 7.5 Il Grafico Evolution de l index de valeur maternelle synthétique au sevrage (IVMAT) Il grafico denominato Evolution de l index de valeur maternelle synthétique au sevrage (IVMAT) posto in basso sotto il titolo Niveaux génétique de l ascendance paternelle ( Livello genetico dei tori ) riporta nel caso l allevamento sia connesso l andamento rilevato nel corso degli ultimi 10 anni per i tori che hanno operato in azienda del valore dell indice IVMAT, confrontato con il valore medio dell indice rilevato per la razza. 7.6 I Grafici Evolution des index élémentaires I due Grafici detti Evolution des index élémentaires posti in basso a destra sotto il titolo Niveaux génétique de l ascendance paternelle ( Livello genetico dei tori ) riportano l andamento rilevato nell allevamento nel corso degli ultimi 10 anni, riferito ai tori, del valore gli indici genetici CRsev, DMsev, Dssev; IFNAIS, Avel, Alait, di cui si è già riferito alle Pagg. 2 e 3. 10

11 8. Elements complementaires de description La settima sezione del Bilancio, denominata Elements complementaires de description ( reperibile a livello della pagina che ha la sigla T4), fornisce ulteriori dati e informazioni organizzati in 2 Tabelle e un disegno. 8.1 La tabella Performance des veaux ( campagne + anno di riferimento ). La Tabella denominata Performance des veaux con indicato accanto dopo il termine campagne l anno di riferimento riporta, in relazione ai vitelli nati nell allevamento nell anno indicato i seguenti dati : Poids naissance Il valore del peso alla nascita, riferito al numero dei soggetti maschi (males) e femmine (femelles) nati. Valore espresso come Media bruta ( Valeurs Brutes Troupeau) e come valore medio corretto per l effetto allevamento ( Valeurs Ajustées /Troupeau), messo a confronto con il valore corretto rilevato per la razza (Valeurs Ajustées/Race, Effet de l élevage). PAT 120 jours Il valore del peso all età tipo a 120 giorni, riferito al numero dei soggetti maschi (males) e femmine (femelles) per i quali sia disponibile. Valore espresso come Media bruta per allevamento ( Valeurs Brutes Troupeau) e come valore medio corretto per l effetto allevamento ( Valeurs Ajustées /Troupeau), messo a confronto con il valore corretto rilevato per la razza (Valeurs Ajustées/Race, Effet de l élevage). PAT 210 jours Il valore del peso all età tipo a 210 giorni, riferito al numero dei soggetti maschi (males) e femmine (femelles) per i quali sia disponibile. Valore espresso come Media bruta per allevamento ( Valeurs Brutes Troupeau) e come valore medio corretto per l effetto allevamento ( Valeurs Ajustées /Troupeau), messo a confronto con il valore corretto rilevato per la razza (Valeurs Ajustées/Race, Effet de l élevage). D muscolaires Il valore dello sviluppo muscolare calcolato come media del punteggio riportato per il carattere in questione per i soggetti nati nell allevamento nell anno indicato. Valore espresso come Media bruta per allevamento ( Valeurs Brutes Troupeau) e come valore medio corretto per l effetto allevamento ( Valeurs Ajustées /Troupeau), messo a confronto con il valore corretto rilevato per la razza (Valeurs Ajustées/Race, Effet de l élevage). D squelettique Il valore dello sviluppo scheletrico calcolato come media del punteggio riportato per il carattere in questione per i soggetti nati nell allevamento nell anno indicato. Valore espresso come Media bruta per allevamento ( Valeurs Brutes Troupeau) e come valore medio corretto per l effetto allevamento ( Valeurs Ajustées /Troupeau), messo a confronto con il valore corretto rilevato per la razza (Valeurs Ajustées/Race, Effet de l élevage). 11

12 8.2 La Tabella Conditions de naissance La tabella denominata Conditions de naissance riporta la distribuzione percentuale delle vacche partorite nell anno di riferimento, effettuata in ragione della difficoltà al parto rilevata. La distribuzione percentuale viene effettuata distintamente per vacche di primo parto ( 1er velages) e prendendo a riferimento tutti i parti verificatisi nell anno considerato ( Tous velages) e con riferimento alle seguenti 4 tipologie : 1. parto facile ( facile), 2. parto facile con aiuto ( aide facile), 3. (aide difficile), 4. parto cesareo (cesarienne). 8.3 Il disegno Expression des effets génétiques directs et maternels sur le poids au sevrage Il disegno posto sotto la scritta Expression des effets génétiques directs et maternels sur le poids au sevrage evidenzia il fatto che madre e padre e l ambiente influiscono nel determinare il peso allo svezzamento del vitello. Il disegno è suddiviso in una parte superiore e in una parte inferiore. La parte superiore illustra il tipo di influenza genetica sul carattere peso allo svezzamento del vitello che hanno padre e madre; la parte inferiore evidenzia il peso che hanno le componenti ambientali oltre che genetiche nel determinare il peso allo svezzamento del vitello. Il disegno, nel caso l allevamento sia connesso riporta alla fine un valore espresso in Kg.. Il valore evidenzia se l allevatore sia stato più o meno bravo nello svezzare i vitelli, rispetto alla media della razza. Per l esame delle informazioni contenute nel disegno, si rimanda a quanto indicato nella successiva pagina

13 Il patrimonio genetico della madre influisce nel determinare il peso allo svezzamento del vitello, in misura positiva o negativa, in due modi : in ragione della propria capacità di accrescimento misurata dal proprio Indice di accrescimento (Index CRsev) ; in ragione delle proprie capacità materne (capacità a produrre latte e qualità del latte), misurate dal proprio Indice Attitudine materna all allattamento (Index Alait) Il patrimonio genetico del padre influisce nel determinare il peso allo svezzamento del vitello, in misura positiva o negativa, in ragione del valore del proprio Indice di accrescimento (Index CRsev) ; Nel determinare il peso allo svezzamento del vitello incide la sua componente genetica. Tale componente è determinata dalla combinazione del valore degli indici genetici del padre e dalla madre. Nel box è indicato un valore espresso in Kg. che esprime la differenza che è stata rilevata tra il valore genetico medio dei vitelli dello allevamento e il valore genetico medio dei vitelli della razza, per l anno considerato. Nel determinare il peso allo svezzamento incide, oltre che la componente genetica del vitello anche il cosiddetto effetto allevamento, che esprime il peso che hanno fattori quali : la bravura dello allevatore nel gestire gli animali, l ubicazione dell allevamento, aspetti pedo-climatici, ecc Nel box è indicato un valore espresso in Kg. che esprime la differenza che è stata rilevata tra l effetto allevamento medio dell azienda e l effetto allevamento medio calcolato per la razza, per l anno considerato. Nel determinare il peso allo svezzamento incidono oltre che l effetto allevamento e l effetto genetico anche altri fattori non di natura genetica e non ascrivibili direttamente all allevamento. Si tratta ad es. del sesso, della stagione di parto della vacca, dell ordine di parto medio delle vacche, di effetti non conosciuti ecc. Tali fattori sono complessivamente aggregati e stimati nella componente Altri effetti dell ambiente Nel box è indicato un valore espresso in Kg. che esprime la differenza che è stata rilevata tra il valore medio aziendale di tale componente e il valore medio calcolato per essa per la razza, per l anno considerato. Il valore indicato espresso in Kg. corrisponde alla somma algebrica dei valori contenuti nei box precedenti ed esprime, sostanzialmente, lo scarto che si è rilevato entro il peso all età tipo a 210 giorni medio dei vitelli nati nell allevamento e il valore del peso all età tipo a 210 medio calcolato per la razza opportunamente corretti in funzione del peso che hanno avuto gli effetti ambientali e genetici. 13

14 Allegato 1 VALUTAZIONE DEI BOVINI DA CARNE SECONDO L INRA (Francia) 1. Valutazione degli allevamenti In Francia il principio di valutazione ai fini del miglioramento morfologico e produttivo degli allevamenti bovini da carne (le cosiddette vacche allattanti da non confondersi con le vacche da latte ) è regolamentato dall INRA che applica criteri puramente statistici. Allo scopo di ottenere il maggior numero di informazioni possibili e quindi migliorare la precisione delle risultanze vengono considerati tutti i dati raccolti con regolarità dalle associazioni, in particolare negli allevamenti di razza iscritti all associazione. Questa grande quantità di informazioni non può però essere utilizzata brutalmente ma va analizzata per tenere in debita considerazione le differenze genetiche e di gestione di ogni allevamento. Ad esempio se si volessero ricavare informazioni sul livello genetico delle vacche presenti in diversi allevamenti, non sarebbe giusto limitarsi ad un confronto diretto del peso e della morfologia allo svezzamento dei maschi e delle femmine, ma bisognerebbe determinare il diverso contributo dato dall integrazione alimentare durante la lattazione ma anche dalla genetica dei padri (tori) utilizzati. Per rendere possibile il confronto fra diversi allevamenti e avere una massa di dati sempre più significativa, l INRA ha introdotto da tempo il concetto della correlazione fra allevamenti (la cosiddetta connection ). Con l espansione dell uso della fecondazione artificiale la genetica dei migliori tori non si trova solo in uno o pochi allevamenti come si ha con la fecondazione naturale, ma risulta presente in un numero sempre crescente di allevamenti. INRA ha quindi stabilito che un allevamento risulta correlato (connecté) in una data stagione solo se in quel periodo sono stati controllati almeno 5 prodotti figli di un toro molto usato in FA. Questo toro viene chiamato connecteur e cioè correlatore. Un toro viene definito correlatore quando raggiunge, su almeno 5 campagne, almeno 100 figli. In altre parole INRA ha giudicato che si possano confrontare i risultati, sia di peso che morfologici allo svezzamento, di diversi allevamenti, ottenendo risultati sufficientemente attendibili dal punto di vista statistico, solo se ogni allevamento porta al controllo dopo lo svezzamento almeno 5 figli di un toro connecteur. Con questo principio è possibile giudicare il comportamento anche di quei tori che sono usati in uno solo o in pochi allevamenti perché i suoi figli sono confrontati con quelli nati dal toro connecteur. 14

15 Tutta la massa di dati così raccolti porta alla definizione di indici di miglioramento o peggioramento di centinaia di nuovi tori per ogni stagione riproduttiva. Sono i cosiddetti indici IBOVAL che vengono pubblicati annualmente nei cataloghi delle varie associazione di razza di cui parleremo in dettaglio più avanti. Come si può intuire, con le limitazioni imposte affinché un allevamento sia considerato correlato (connectè), vi sono molti allevamenti che non possono essere valutati e confrontati con gli altri. Per la razza limousine solo il 65% degli allevamenti ha potuto essere considerato correlato e avere quindi una sua valutazione. L INRA preoccupata di quanto detto sopra ha recentemente deciso di allargare la cerchia degli allevamenti controllati introducendo un nuovo indice : il CACO (ossia il Certificato di Ammissione alla Correlazione). Per fare questo INRA ha inserito in un grande computer i dati di tutti gli allevamenti di ogni razza e ha cercato per ogni allevamento una correlazione con uno o più allevamenti gia correlati. Partendo dal principio che due allevamenti sono correlabili solo se hanno parenti in comune e che quanto più stretti sono i vincoli di parentela fra due allevamenti tanto più essi possono confrontabili, è stato calcolato il grado di attendibilità della stima della correlazione che può variare da un minimo pari a zero (nessun grado di parentela ossia nei due allevamenti non è mai stato usato lo stesso toro e neppure parenti di quel toro) ad un massimo pari a 1 (massimo grado di parentela, ad esempio un allevamento è formato da tutte le figlie di un altro allevamento). Dopo aver lavorato ed esaminato milioni di allevamenti INRA dispone ora delle relazioni fra tutti gli allevamenti di una data razza e ritiene di poter confrontare con un sufficiente grado di approssimazione solo allevamenti che hanno con un altro allevamento un grado di correlazione uguale o superiore a 0,4. E possibile in questo modo generare una classifica di tutti gli allevamenti in funzione dei dati produttivi (Peso a 210 giorni) e/o dei dati morfologici in fase di svezzamento. Con l introduzione del CACO la percentuale degli allevamenti limousine valutati è salita al 77% con un aumento del 12%. Ciascun allevatore correlato con il vecchio sistema (tori correlati) o con il CACO ha ricevuto l informazione del livello cui si è posizionato il suo allevamento il che gli permette nel tempo di osservare le variazioni della sua posizioni e verificare la bontà ed efficienza dei suoi sistemi di gestione e delle sue scelte genetiche (tori usati). 15

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi

WineCountry.IT - Italian Wine - Listino Prezzi Stampabile. Listino Prezzi Listino Prezzi L.L.C. 20 Holstein Road, San Anselmo, CA 94960-1202, USA Tel.: 001 415 460 6455 E-mail: management@winecountry.it www.winecountry.it www.emporio-italkia.com www.italian-flavor.com www.italianwinehub.com

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA

LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA Cos'é la Statistica LOGISTICA APPUNTI DI STATISTICA La statistica è la disciplina che applica metodi scientifici alla raccolta di dati e informazioni per una loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli