S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA"

Transcript

1 S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale Tecnici Veterinari SATA

2 Direttive della Normativa Comunitaria creazione di una base normativa comune tra Paesi UE per una libera circolazione e rintracciabilità di animali e materiale seminale

3 ANTE 1991 L , N Sulla produzione zootecnica L , N Norme per la F.A. degli animali DPR , N Norme attuative della L. n.1009/52 L , N. 126 Disciplina della riproduz. bovina L , N. 127 Norme per l'esercizio delle stazioni di fecondaz. equina L , N. 74 Pratica della F.A. (modifiche ed integraz. Alla L. n. 1009/52 e al DPR n. 1256/58) RIPRODUZIONE ANIMALE LEGISLAZIONE NAZIONALE POST 1991 Disciplina della riproduz. animale Reg. di esecuzione della L.30/91 L , N. 30 D.M , N. 172 Circ. Min. n. 22/94 Chiarimenti su alcune disposiz. Appl del DM 172/94 (es. identific e codifica di strutture e operatori) Circ. Min. n. 1/95 Disp appl per le strutt con stalloni psi trott.it. D.M , n. 403 Nuovo regolamento di esecuzione della L.30/91 L. 280/99 Modifiche ed integrazioni alla L. n. 30/91 D.M. 12/02/01 Approv. moduli tipo CIF CIE e indicaz. minime registri c/s prev. dal DM 403/00 D.M Modalità di controllo ufficiale requisiti qualità MS (ISLS) Nota MINSAN 19/02/01 Valgono i requisiti sanitari di cui agli all. 6,7,8,9,10 del DM 172/94

4 Legge 30/91 integrata dalla L.280/99 DM 403/00 Nuovo regolamento di esecuzione della disciplina della riproduzione animale L. 74/74 pratica della fecondazione artificiale degli animali D.M Modalità di controllo ufficiale requisiti qualità MS (ISLS)

5 DISCIPLINA DELLA RIPRODUZIONE SCOPI - regolamentare la monta naturale e le attività di produzione, distribuzione ed utilizzo del materiale seminale, STRUMENTI - Autorizzazioni alle strutture - Elenchi degli operatori - Registrazione delle fecondazioni - Raccolta dati (fecondazioni, materiale seminale, embrioni) SOGGETTI -Centri Produzione Materiale Seminale (C.P.M.S.) -Recapiti -Centri Produzione Embrioni (C.P.E.) -Gruppi di Raccolta Embrioni (G.R.E.) -Stazioni di monta -Stazioni di inseminazione artificiale equina -Operatori di inseminazione artificiale (I.A.) ed impianto embrionale (I.E.) -Istituto Sperim.. It. Lazzaro Spallanzani

6 ELENCO OPERATORI INSEMINAZIONE ARTIFICIALE IMPIANTO EMBRIONALE OPERATORI PRATICI VETERINARI VETERINARI DDGG AGRICOLTURA SANITA

7 . Detenzione di materiale seminale e/o embrioni in allevamento per le specie bovina, bufalina, equina, ovina e caprina L allevatore può detenere in azienda esclusivamente seme /embrioni destinati alle necessità del proprio allevamento, rispettando però le seguenti condizioni: devono essere conservati in un locale separato da quelli che ospitano animali e prodotti zootecnici; possono essere utilizzati solo da un operatore laico oppure da un veterinario, abilitati ed iscritti agli appositi elenchi regionali; i corrispondenti documenti accompagnatori (o fatture), con indicazione di specie - razza e identificativo dei riproduttori, devono essere conservati in azienda.

8 Qualora l allevatore abbia intenzione di distruggere materiale seminale e/o embrioni, deve comunicarlo alla Regione Direzione Generale Agricoltura U.O. Interventi per la competitività e l'innovazione tecnologica delle aziende - ed al recapito / centro da cui sono state acquisite. Si ricorda infine che un allevatore può cedere ad altri allevatori embrioni prelevati da propri animali e conservati nella propria azienda, attraverso gruppi di raccolta autorizzati: in tal caso deve però rilasciare all acquirente un documento di trasporto (o fattura) che indichi tutti i dati dei riproduttori (specie, razza,identifica).

9 Veterinario F. A. Tutti gli atti fecondativi effettuati nell ambito di un unico calore con lo stesso riproduttore maschio da segnare su CIF o per le aziende che hanno delegato formalmente APA, sul riepilogo mensile delle fecondazioni Operatore pratico iscritto al registro Regionale Monta naturale Registro aziendale delle fecondazioni, riportante identificazione vacche e toro del gruppo, data di ingresso e uscita

10 Codice identificativo dell operatore le modalità di richiesta sono disponibili su: Per la ricerca dall home page selezionare: argomenti servizi alla zootecnia riproduzione animale Elenchi regionali degli operatori di inseminazione artificiale e degli operatori di impianto embrionale

11

12 C I F Codice identificativo azienda Codice specie, razza e matricola del riproduttore maschio Codice specie, razza e matricola della fattrice Data e tipo di intervento fecondativo N = naturale F= fresco C = congelato Codice univoco del responsabile della certificazione Identificazione della partita

13 C I F Gli operatori possono ritirare i CIF presso l APA, previo pagamento della quota stabilita dalla Regione Lombardia: 0.50 per CIF ( 0.75 per la sola specie equina), pagamento effettuato sul conto corrente postale n intestato alla Tesoreria Regione Lombardia - causale: Legge 30/91 CIF + specie Attenzione: tutti gli atti fecondativi svolti nel corso del medesimo calore e col medesimo maschio riproduttore saranno registrati in un unico CIF;

14 C I F 1 responsabile certificazione (vet /oper) 3 copie CIF 1 allevatore (per 2 anni) 1 APA

15 Allevamenti iscritti a Libri Genealogici Tali allevamenti possono delegare la propria APA a gestire ed ufficializzare i dati relativi alle fecondazioni aziendali: in tal caso la registrazione mensile APA delle fecondazioni SOSTITUIRA i CIF. Se l allevatore intende usufruire di tale procedura semplificata, deve presentare all APA una delega scritta completa della firma dei veterinari e/o operatori pratici che praticano la FA in azienda. In tal caso l allevatore riceverà dalla propria APA i riepiloghi mensili; avrà quindi 30 giorni per segnalare eventuali anomalie, e dovrà conservarli in azienda per i 2 anni successivi all anno di riferimento; una copia dei riepiloghi resterà invece a disposizione dell operatore. La domanda di iscrizione all elenco regionale degli operatori è scaricabile dal sito dell APA I CIF sono attualmente disponibili in blocchetti da 50 certificati.

16 Flusso delle informazioni e sanzioni L APA raccoglie ed elabora i dati su fecondazioni e impianti embrionali svolti; ne informerà periodicamente sia i responsabili di libri genealogici/registri anagrafici sia la Regione, che li trasmetterà al Ministero: in tal modo viene garantita la tracciabilità dei flussi di materiale genetico, dalla produzione all utilizzo finale. La violazione delle disposizioni previste dalla L.30 comporta l applicazione di sanzioni.

17

18 Alcuni riferimenti per la monta naturale privata per le specie bovina e bufalina Pur non essendo soggette ai CIF (salvo in caso di vendita di animali gravidi), anche la monta naturale è vincolata al rispetto di quanto previsto dalla L.30: 1. Le fecondazioni effettuate in monta naturale vanno puntualmente annotate su apposito registro aziendale, specificando il codice aziendale, la data della monta, l identificativo del riproduttore maschio e della fattrice sottoposta a fecondazione. Nel caso di monta allo stato brado, vanno riportate nel registro aziendale: date di entrata e di uscita del riproduttore maschio o della fattrice dal gruppo di monta; codici identificativi di tutti i maschi riproduttori presenti nel medesimo gruppo di monta.

19 2. Il riproduttore maschio deve essere iscritto a Libro Genealogico o Registro Anagrafico e deve essere correttamente identificato; per i suini, i verri utilizzati devono essere iscritti alla sezione riproduttori di libri o registri, oppure ad un registro di riproduttori suini-ibridi. Segnaliamo però due eccezioni a questa regola generale: possono essere utilizzati riproduttori maschi bufalini anche NON iscritti a Libro ma esclusivamente per la monta delle fattrici aziendali e previa specifica autorizzazione rilasciata dalla Regione; 3. Nel caso di vendita di fattrici gravide, l allevatore deve compilare un certificato di intervento fecondativo (denominato CIF) che indichi la data della monta e l identificativo del riproduttore. Anche in questo caso il CIF viene compilato in 3 copie: 1 copia va consegnata all acquirente della fattrice, che lo dovrà conservare sino allo svezzamento o alla vendita del soggetto nato; 1 copia va da inviata all APA entro 60 giorni dalla vendita; 1 copia va conservata in allevamento per i 2 anni successivi a quello di riferimento.

Riproduzione animale: le regole in Lombardia

Riproduzione animale: le regole in Lombardia Riproduzione animale: le regole in Lombardia 1. Interventi di fecondazione artificiale La fecondazione artificiale può essere svolta esclusivamente da operatori iscritti all apposito albo regionale (sia

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 33 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante "disciplina della riproduzione animale";

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante disciplina della riproduzione animale; REGIONE PIEMONTE BU16 17/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 marzo 2014, n. 33-7300 Disciplina della riproduzione animale. Modifica delle istruzioni per l'applicazione in Piemonte del D.M.

Dettagli

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Allegato A Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale, del regolamento d esecuzione adottato con decreto del Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

Riproduzione animale

Riproduzione animale Riproduzione animale Manuale Utente Sommario 1 Introduzione al servizio Riproduzione Animale... 3 1.1 Tipologie di Utenza... 3 2 Home page del servizio... 4 3 Consultazione dati dei soggetti autorizzati...

Dettagli

Riproduzione animale. Manuale Utente. Visualizzazione dati pubblici e compilazione moduli di richiesta

Riproduzione animale. Manuale Utente. Visualizzazione dati pubblici e compilazione moduli di richiesta Riproduzione animale Manuale Utente Visualizzazione dati pubblici e compilazione moduli di richiesta Indice 1 Introduzione al servizio Riproduzione Animale... 3 1.1 Tipologie di Utenza... 3 2 Visualizzazione

Dettagli

Riproduzione animale

Riproduzione animale Riproduzione animale Manuale Utente Indice 1 Introduzione al servizio Riproduzione Animale... 3 1.1 Tipologie di Utenza... 3 2 Home page del servizio... 4 3 Autorizzazione... 6 3.1 Dettaglio... 7 3.2 Istruttoria...

Dettagli

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina Modello 1 Alla Regione Campania A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Sperimentazione Informazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli Oggetto:

Dettagli

L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres.

L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres. L.R. 33/1996, art. 2, c. 1 B.U.R. 4/12/2002, n. 49 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 5 novembre 2002, n. 0336/Pres. Regolamento di attuazione dell articolo 2, comma 1, della legge regionale 26 agosto

Dettagli

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012.

Allegato. Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. Allegato Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Periodo 2012. La selezione ed il miglioramento genetico hanno un significato economico, assumendo un carattere strutturale

Dettagli

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( )

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( ) ALLEGATO 1 MODELLO 1 codice 52 06 09 - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli - PEC: dg06.uod09@pec.regione.campania.it Oggetto: Richiesta autorizzazione a gestire una stazione di monta naturale

Dettagli

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010

Dettagli

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame L. 15-01-1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 gennaio 1991, n. 24. Epigrafe Capo I Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale (in G.U. n. 24 del 29.1.1991, pag. 3) Capo I: Libri genealogici e Registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del

Dettagli

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI

Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009. Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI Prot. 1003 Potenza, 30 Luglio 2009 Ai Signori allevatori di bovini da latte LORO SEDI OGGETTO: Sostegno al miglioramento genetico del patrimonio zootecnico lucano. Con la presente si ha il piacere di comunicare

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione ad esercitare la fecondazione artificiale sulle fattrici bovine/suine/ovicaprine/cunicole. Sig.

Oggetto: Autorizzazione ad esercitare la fecondazione artificiale sulle fattrici bovine/suine/ovicaprine/cunicole. Sig. Autorizzazione n. del Oggetto: Autorizzazione ad esercitare la fecondazione artificiale sulle fattrici bovine/suine/ovicaprine/cunicole. Sig. IL DIRIGENTE VISTA la L.R. del 28/08/1986, n. 44 Disciplina

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16

LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16 LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16 Disciplina della riproduzione animale (b.u. 8 gennaio 1985, n. 2) Art. 1 Finalità La Provincia autonoma di Trento con la presente legge, al fine di favorire il

Dettagli

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE

Dettagli

Modifiche proposte. Testo vigente CAPO I MONTA NATURALE PRIVATA E PUBBLICA PER LA RIPRODUZIONE ANIMALE

Modifiche proposte. Testo vigente CAPO I MONTA NATURALE PRIVATA E PUBBLICA PER LA RIPRODUZIONE ANIMALE D.M. 13 gennaio 1994, n. 172 Regolamento di esecuzione della Legge 15 gennaio 1991, n. 30, recante «Disciplina della riproduzione animale. (G.U. n. 59 del 12 marzo 1998) Testo vigente CAPO I MONTA NATURALE

Dettagli

"Approvazione del nuovo regolamento di esecuzione della legge 15 gennaio 1991, n. 30, concernente disciplina della riproduzione animale"

Approvazione del nuovo regolamento di esecuzione della legge 15 gennaio 1991, n. 30, concernente disciplina della riproduzione animale DECRETO 19 luglio 2000, n. 403 "Approvazione del nuovo regolamento di esecuzione della legge 15 gennaio 1991, n. 30, concernente disciplina della riproduzione animale" IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

/HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire

/HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire /HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire l incremento e il miglioramento del patrimonio zootecnico,

Dettagli

Il Controllo Ufficiale della riproduzione animale. Donatella De Monte ASL 11. Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC

Il Controllo Ufficiale della riproduzione animale. Donatella De Monte ASL 11. Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC Donatella De Monte ASL 11 Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC Empoli, Mercoledì 11 Novembre 2015 LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) Livello Prevenzione Collettiva

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SANITA'

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SANITA' DECRETO 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento di esecuzione della legge 15 gennaio 1991, n. 30, concernente disciplina della riproduzione animale. IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo EURECA Cryoconservation WP2 Italia Rapporto riassuntivo In Italia sono presenti 23 razze locali con meno di 6500 bovine, tra queste 12 hanno meno di 1000 bovine (Tabella 1). Secondo la classificazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLA SANITÀ

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLA SANITÀ Modifiche al regime per l importazione e l esportazione del bestiame Riproduzione degli animali, cambiano le regole (Dm Politiche agricole 403/2000) Nuove regole per la monta naturale per la fecondazione

Dettagli

REGOLAMENTO STALLONERIA PRIVATA In vigore dall anno 2015 per la stagione di fecondazione 2016

REGOLAMENTO STALLONERIA PRIVATA In vigore dall anno 2015 per la stagione di fecondazione 2016 Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Istituto Incremento Ippico per la Sicilia REGOLAMENTO STALLONERIA PRIVATA In vigore dall anno 2015 per la stagione di fecondazione 2016

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

Regolamento del programma di Riproduzione pag. 2. Regolamento della Campagna di fecondazione pag. 25. Campagna di fecondazione Stagione 2011 pag.

Regolamento del programma di Riproduzione pag. 2. Regolamento della Campagna di fecondazione pag. 25. Campagna di fecondazione Stagione 2011 pag. INDICE Regolamento del programma di Riproduzione pag. 2 Parte generale A Centri di produzione di materiale seminale pag. 4 B Centri di inseminazione artificiale con seme refrigerato e congelato pag. 10

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov.

modulo E24 mod. ASP_13_SCIA_az-zootecnica vers. 00 dell 11-06-2013 GENERALITÀ DEL RICHIEDENTE Codice fiscale: Nato a: prov. ALLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di Dipartimento Prevenzione Per il tramite del SUAP del COMUNE DI Segnalazione Certificata Inizio Attività ( S.C.I.A. ) ai fini della registrazione di nuovo allevamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 29 marzo 2010, n. 57 Attuazione della direttiva 2008/73/CE che semplifica le procedure di redazione degli elenchi e di diffusione dell'informazione in campo veterinario e zootecnico.

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

IL PORTALE DEL CAITPR WWW.CAITPR.COM

IL PORTALE DEL CAITPR WWW.CAITPR.COM IL PORTALE DEL CAITPR WWW.CAITPR.COM Basta un click su www.caitpr.com per accedere a questa nuova iniziativa nata per dare uno spazio particolare anche sul WEB al CAVALLO AGRICOLO ITALIANO DA TIRO PESANTE

Dettagli

MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE SETTORE DELLA RIPRODUZIONE EQUINA

MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE SETTORE DELLA RIPRODUZIONE EQUINA MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE SETTORE DELLA RIPRODUZIONE EQUINA STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica Allegato 1 alla Determinazione n. 2921 del 07.05.2015 LEGGE REGIONALE N.1 DEL 14 MAGGIO 2009, ART. 4 COMMA 20. (decreto assessoriale n. 894/DecA/16 del 29 aprile 2015) Aiuti per l acquisto di riproduttori

Dettagli

Rintracciabilità degli animali

Rintracciabilità degli animali Rintracciabilità degli animali Base normativa comunitaria Dir. 92/102 relativa all identificazione degli animali Reg. CE 820/97 che istituisce un sistema di identificazione Reg. CE 1760/00 che istituisce

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI

DOSSIER PARERE PREVISTO NUMERO ARTICOLI DOSSIER PL n. 140/9 di iniziativa del Consigliere F. MORELLI recante: "Disposizioni per la valorizzazione, promozione e diffusione dei bovini di razza podolica calabrese"; DATI DELL'ITER NUMERO DEL REGISTRO

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE Pag. 1 di 5 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI DOTT. INDIRIZZO N. RESPONSABILE VETERINARIO COMUNE DI CODICE AZIENDALE IDENTIFICATIVO FISCALE

Dettagli

A.S.L. di Mantova, via dei Toscani 1, 46100 MN. A.S.L. di Mantova, via dei Toscani 1, 46100 MN

A.S.L. di Mantova, via dei Toscani 1, 46100 MN. A.S.L. di Mantova, via dei Toscani 1, 46100 MN F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VERA AMBROSI ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/01/2013 al 28/02/2014 Incarico specialistico per attività inerenti attività ispettiva e prelievo

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus)

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus) Bussolengo (VR) li 10/12/2015 Risposta a Nr. di prot. VM/LP/pf 1343 Spett.li Ministero delle risorse agricole aliment. e forest.li Assessorati Regionali agricoltura Ente Fiere Verona Associazione Italiana

Dettagli

Anagrafe Ovina e Caprina

Anagrafe Ovina e Caprina Anagrafe Ovina e Caprina Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it www.sanita.regione.lombardia.it (Veterinaria) Sommario:

Dettagli

Istituto Incremento Ippico per la Sicilia,

Istituto Incremento Ippico per la Sicilia, Allegato A Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste Istituto Incremento Ippico per la Sicilia CONTRATTO DI MONTA STAGIONE 2009 VENDITORE Istituto Incremento Ippico per la Sicilia, Via Vittorio

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO ALLEGATO 2 ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda deve essere compilata in ogni sua parte in maniera chiara e leggibile e deve essere datata e firmata dal veterinario

Dettagli

Anagrafe Suina. Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Anagrafe Suina. Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Anagrafe Suina Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it www.sanita.regione.lombardia.it (Veterinaria) E possibile consultare

Dettagli

FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO

FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO Si ricorda che per quanto attiene alle iscrizioni dei cani al Libro genealogico italiano, vigono le disposizioni del Disciplinare

Dettagli

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

232 8.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 30 marzo 2015, n. 385

232 8.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 30 marzo 2015, n. 385 232 8.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 14 DELIBERAZIONE 30 marzo 2015, n. 385 Disposizioni operative per l attuazione della normativa unionale e statale in materia di riproduzione

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA - CLUSONE Progetto sperimentale di valutazione del miglioramento della popolazione equina in Val Seriana Incremento e gestione patrimonio riproduttori Premesse Con Legge

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CAVALLO TROTTATORE ITALIANO CAPITOLO I Organizzazione del Libro genealogico Art. 1 1. Ai sensi dell art. 3 della legge 15 gennaio 1991 n. 30, il libro genealogico

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE TUTTO QUELLO CHE GLI ALLEVATORI DEVONO FARE PER

Dettagli

Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies)

Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies) Biotecnologie nella riproduzione animale ART (assisted reproductive technologies) Inseminazione Artificiale (AI) Trasferimento embrionale (MOET) Crioconservazione gameti e embrioni Sessaggio (gameti e

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Modello 4: SOMMARIO. Visualizza. pag. 3 Inserimento... pag. 3

Modello 4: SOMMARIO. Visualizza. pag. 3 Inserimento... pag. 3 Modello 4: SOMMARIO Visualizza. pag. 3 Inserimento... pag. 3 1 Il Mod. 4 è un documento che deve essere, obbligatoriamente, compilato in caso di trasporto di animali della specie suina, bovina, ovina,

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO ART. 1 Ai sensi dell'articolo 3 della legge del 15 Gennaio 1991 n.30 sulla Disciplina della riproduzione animale il Libro Genealogico dei bufali di razza Mediterranea

Dettagli

A.S.S.I. AREA SELLA CIRCOLARE ALLEVATORIALE 2012 ADEMPIMENTI PER I CAVALLI DELLE RAZZE: ORIENTALE, ANGLO ARABO E SELLA ITALIANO EDIZIONE 2012

A.S.S.I. AREA SELLA CIRCOLARE ALLEVATORIALE 2012 ADEMPIMENTI PER I CAVALLI DELLE RAZZE: ORIENTALE, ANGLO ARABO E SELLA ITALIANO EDIZIONE 2012 A.S.S.I. AREA SELLA CIRCOLARE ALLEVATORIALE 2012 ADEMPIMENTI PER I CAVALLI DELLE RAZZE: ORIENTALE, ANGLO ARABO E SELLA ITALIANO Approvata con determinazione Segretario Generale n 168 del 29/02/2012 La

Dettagli

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA

NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA ENCI Ente Nazionale Cinofilia Italiana NORME TECNICHE DEL LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA (DM 21203 del 8.3.2005 con modifiche DM 8403 del 16.4.2012) ENCI VIALE CORSICA 20 20137 MILANO WWW.ENCI.IT

Dettagli

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto Titolo dell aiuto Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico, tramite il sostegno alle attività di tenuta dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO

REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO FEDERAZIONE CINOLOGICA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DI ALLEVAMENTO PREAMBOLO 1. I Paesi membri e partner con contratto della federazione Cinologica Internazionale (FCI) sono tenuti a rispettare

Dettagli

Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico

Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico ALLEGATO A Misura A.1.6 Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento delle specie e razze di interesse zootecnico Azione b Incentivazione all acquisto e all impiego

Dettagli

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2).

Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). D.P.R. 30 aprile 1996, n. 317 ( 1). Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 92/102/CEE relativa all'identificazione e alla registrazione degli animali ( 2). (1) Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - D.P.R. 30 aprile 1996, n.317 Regolamento recante norme per l'attuazione dell direttiva 92/10/CEE relativa all'identifcazione e alla registrazione degli animali

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

ANOMALIE ANAGRAFICHE

ANOMALIE ANAGRAFICHE AMALIE ANAGRAFICHE / Partita IVA non indicata Certificato di attribuzione della Partita IVA o copia del certificato di attribuzione della Partita IVA con fotocopia documento di identità in corso di validità

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Modello 12/1 DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA Area Trotto -Via XX Settembre, 20-00187 Roma Applicazione diretta Bollo da 16,00 Euro COMUNICAZIONE

Dettagli

Tabella razze animali minacciate da erosione genetica e loro areali

Tabella razze animali minacciate da erosione genetica e loro areali REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 MISURA 214 Pagamenti agroambientali AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE,IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITA

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITA AGROALIMENTARE E DELL IPPICA EX A.S.S.I AREA SELLA

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITA AGROALIMENTARE E DELL IPPICA EX A.S.S.I AREA SELLA Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITA

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

L'iscrizione dei cani al ROI e al RSR può essere effettuata per cucciolata o per singolo soggetto.

L'iscrizione dei cani al ROI e al RSR può essere effettuata per cucciolata o per singolo soggetto. '0QGHODSULOH 1250(7(&1,&+(/,%52*(1($/2*,&2'(/&$1(',5$==$ 5(*,6752'(*/,$//(9$725,('(,35235,(7$5, Al registro degli allevatori previsto all art. 7 lett. a), del disciplinare del libro genealogico del cane

Dettagli

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche;

VISTO il decreto ministeriale n.22383 del 3 giugno 2003 con il quale sono state apportate alcune modifiche alle predette norme tecniche; Ministero delle Politiche Agricole e Forestali DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI E LA TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott. Marco LOVESIO - tel 019/840.5862 - mail m.lovesio@asl2.liguria.

struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott. Marco LOVESIO - tel 019/840.5862 - mail m.lovesio@asl2.liguria. S.C. SANITÀ ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI MODU177 Rev. 00 del 15.01.2015 Foglio di lavoro 1 di 1 struttura: SANITA' ANIMALE E IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI - direttore dott.

Dettagli

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti

SIPS Società Italiana Pro Segugio L. Zacchetti NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al Registro degli allevatori previsto all'art. 7 lett. a), del disciplinare del Libro genealogico

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO

PROCEDURA DI GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO PROCEDURA DI GESTIONE DELL'ALLEVAMENTO V.2.00.08 ANABIC Associazione Nazionale Allevatori Bovini Italiani da Carne S. Martino in Colle 06070 Perugia Tel. 075-6070011 Fax 075-607598 Internet: www.anabic.it

Dettagli

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana Ente Nazionale della Cinofilia Italiana NORME TECNICHE LIBRO GENEALOGICO DEL CANE DI RAZZA Decreto Ministeriale 21203 8 marzo 2005 REGISTRI DEGLI ALLEVATORI E DEI PROPRIETARI Art. 1 1. Al registro degli

Dettagli

Curriculum vitae PANCARO Francesco-Paolo Via M.lo Buonarroti 54/2 87041 Acri (CS) cell. 3389221883

Curriculum vitae PANCARO Francesco-Paolo Via M.lo Buonarroti 54/2 87041 Acri (CS) cell. 3389221883 Curriculum vitae PANCARO Francesco-Paolo Via M.lo Buonarroti 54/2 87041 Acri (CS) cell. 3389221883 Dati anagrafici e personali Cognome: Pancaro Nome: Francesco-Paolo Data di nascita: 27 marzo 1972 Luogo

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

Chiede. Al Servizio Veterinario. E p.c. Al Comune di. Pagina 1 di 2

Chiede. Al Servizio Veterinario. E p.c. Al Comune di. Pagina 1 di 2 Allegato A Mod. REG_bovini_LATTE( rev. 0/2008) RICHIESTA DI REGISTRAZIONE AZIENDA PRODUZIONE LATTE BOVINO DESTINATO AL TRATTAMENTO TERMICO E ALLA TRASFORMAZIONE Al Servizio Veterinario E p.c. Al Comune

Dettagli

Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1. Disciplina degli interventi regionali in materia di agricoltura e di sviluppo rurale

Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1. Disciplina degli interventi regionali in materia di agricoltura e di sviluppo rurale Allegato C Legge Regionale 24 gennaio 2006, n. 1 Disciplina degli interventi regionali in materia di agricoltura e di sviluppo rurale Deliberazione di Consiglio Regionale 23 dicembre 2008, n. 98 PIANO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO per la gestione della ANAGRAFE degli EQUIDI (Procedure di attuazione del Decreto 5 maggio 2006)

MANUALE OPERATIVO per la gestione della ANAGRAFE degli EQUIDI (Procedure di attuazione del Decreto 5 maggio 2006) MANUALE OPERATIVO per la gestione della ANAGRAFE degli EQUIDI (Procedure di attuazione del Decreto 5 maggio 2006) Pagina 1 di 39 SOMMARIO 1 Obiettivo... 3 2 Misure di sicurezza utilizzate... 4 3 Procedura

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA Articolo 1 Il Libro genealogico della razza bovina Grigio Alpina è gestito, ai sensi dell art. 3 della Legge n. 30 del 15 gennaio 1991, dall

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10

ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10 RICOGNIZIONE DELL OPERATIVITÀ DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE (SUAP) NELL AMBITO DEGLI ADEMPIMENTI DEI DIPARTIMENTI

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000

Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000 Pagina 1 di 19 Disciplinare di etichettatura volontaria della carne bovina Ai sensi del Reg CE 1760/00 e del D.M.22601 del 30.08.2000 IT007ET Pagina 2 di 19 Articolo 1 Definizioni Organizzazione Allevatore

Dettagli

LIBRO GENEALOGICO LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO

LIBRO GENEALOGICO LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO LIBRO GENEALOGICO NORME OPERATIVE PER: LA RACCOLTA DATI, L'IDENTIFICAZIONE DEI SUINI E L'EMISSIONE DEI CERTIFICATI DI LIBRO GENEALOGICO L'ISCRIZIONE DEI RIPRODUTTORI APPARTENENTI A LIBRI GENEALOGICI ESTERI

Dettagli

U.N.I.R.E. AREA CAVALLO DA SELLA

U.N.I.R.E. AREA CAVALLO DA SELLA U.N.I.R.E. AREA CAVALLO DA SELLA CIRCOLARE 2009 ADEMPIMENTI LIBRI GENEALOGICI PER I CAVALLI DELLE RAZZE ORIENTALE, ANGLO ARABO E SELLA ITALIANO approvata con Determinazione Segretario Generale del 16 febbraio

Dettagli