N Le migliori 50 produttrici di latte in carriera Consanguineità sotto controllo nella P.R.I. Studio della fertilità nella P.R.I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 3-2012. Le migliori 50 produttrici di latte in carriera 2011. Consanguineità sotto controllo nella P.R.I. Studio della fertilità nella P.R.I."

Transcript

1 N Trimestrale dell Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa Italiana Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - NE/UD Le migliori 50 produttrici di latte in carriera 2011 Consanguineità sotto controllo nella P.R.I Studio della fertilità nella P.R.I.

2 ITALIANI CENTRO TORI 2 MORUZZO Da sempre il centro italiano della Pezzata Rossa GENOMICI ITALIANI TORI GENOMICI PIERGIULIO GS RAU X VANSTEIN IDA 1232 MORFOLOGIA CELLULE 112 RICCARDO GS RAU X REGARD IDA 1062 MORFOLOGIA CELLULE 113 ROSMARINO ROUND UP X HIPPO IDA 915 MORFOLOGIA CELLULE 113 ITALO IDIOM X RESS IDA 1194 MORFOLOGIA CELLULE 112 MEDIA 4 TORI IDA 1100 LATTE 490 MORFOLOGIA CELLULE ASSOCIAZIONE ALLEVATORI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VIA XXIX OTTOBRE 9/B CODROIPO (UD) Tel Fax

3 3 SOMMARIO Pezzata Rossa Italiana N Le migliori 50 Consanguineità produttrici di latte in carriera 2011 sotto controllo nella P.R.I. Studio della fertilità nella P.R.I. 4 Editoriale Oro verde 5 Le migliori 50 produttrici di latte in carriera Consanguineità sotto controllo nella P.R.I. 10 Studio della fertilità nella P.R.I. 14 La produzione di gelato di alta qualità con latte crudo di Pezzata Rossa Italiana 16 Quale foraggicoltura per diminuire i costi di produzione 21 MILKBAR un nuovo strumento per ridurre il problema dei vitelli che si succhiano 22 Attività degli esperti di razza 22 Corso esperti di razza Pezzata Rossa Italiana 24 Podesteria 4 Agosto I tori selezionati nel 2011 per la I.A. 28 Indici genetici Pezzata Rossa Italiana 29 Tutti i tori con prima valutazione in Italia nuove uscite 30 Top Indici Genetici Pezzata Rossa Italiana Rank Valutazione Genomica Pezzata Rossa Italiana 36 I vitelli al Centro Genetico ANAPRI 46 Tori giovani valutati genomicamente In copertina: AZ. 262 IT (Mozart * Regler) 1 latt 305 gg 9379 Kg 3.58% gr 3.71% pr. - Hl(2) 305 gg Kg 3.99% gr. 3.38% pr. Proprietario: Franco Renzo - Sarmede (Tv) Pezzata Rossa Italiana N Trimestrale dell Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa Italiana. Pubblicità inferiore al 70%. Le opinioni liberamente espresse degli autori non responsabilizzano la Direzione. La rivista inoltre non garantisce i prodotti o i servizi pubblicizzati ed i relativi inserti non la impegnano moralmente Direzione e Amministrazione: Via Ippolito Nievo, Udine - tel fax Autorizzazione del Tribunale di Udine n. 13/88 in data Hanno collaborato a questo numero: Mauro Braga, Stefano Casali, Lorenzo Degano, Alessandro Donda, Claus Leiding, Daniele Vicario Redazione: Giacomo Menta, Loris Zanello, Sara Dal Mas Direttore responsabile: Giacomo Menta Servizio abbonamenti: Sara Dal Mas Stampa: Litostil sas - Z.I. Via Pilacorte, Fagagna UD GARANZIA DI RISERVATEZZA: In conformità alla legge 196/03 sulla tutela dei dati personali, l Associazione garantisce la massima riservatezza dei dati da Lei forniti; inoltre Lei avrà sempre la possibilità di richiederne gratuitamente la cancellazione scrivendo alla Direzione - A.N.A.P.R.I. Via Ippolito Nievo, Udine - Le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico ed in quello dell Edagricole verranno utilizzate al solo scopo di inviarle il nostro periodico o notizie ed altre informazioni afferenti l attività svolta dall Associazione

4 4 Lorenzo DEGANO EDITORIALE ORO VERDE Là dove c era l erba ora c e una città e quella casa in mezzo al verde ormai dove sarà. Era il novembre del 1966 quando Adriano Celentano pubblicò il brano Il ragazzo della via Gluck, una vita fa. Un ritornello, purtroppo, più attuale che mai, dato che l Italia, un Paese straordinario non solo per storia e cultura, ma anche per gli aspetti naturalistici, è soggetta ad una continua erosione legata alla cementificazione delle aree verdi. Un continuo consumo di territorio con un ritmo stimato di ettari all anno. Dal 1950 ad oggi, un area grande quanto tutto il nord Italia è stata sepolta sotto il cemento. La continua espansione edilizia delle città lascia dietro di se case diroccate o aree dismesse per la chiusura delle fabbriche che una volta erano limitrofe al tessuto urbano; oggi anche il più piccolo paesello, per non sentirsi tagliato fuori dal mondo, prevede nel proprio piano regolatore una zona industriale. Il verde e il colore sgargiante dei prati in fiore sta lasciando sempre più spazio al grigio del cemento e al nero del catrame, e i risultati di questa sorta di desertificazione causata dall uomo sono sotto gli occhi di tutti: il paese è al dissesto idrogeologico, i patrimoni paesaggistico e artistico rischiano di essere irreversibilmente compromessi, l agricoltura vede il proprio spazio vitale assottigliarsi sempre più. Poco importa, dato che oggi i principali indicatori del benessere sono il PIL, la crescita, lo spread cose importanti ma che per migliaia di anni se ne è fatto a meno. Espropri, strade nuove, centri commerciali, mega condomini, stanno progressivamente mangiando il bel paese, mentre la crisi attuale sta facendo chiudere molte fabbriche oramai cattedrali nel deserto. Un territorio che lo stesso ente pubblico, quotidianamente, si dimostra non in grado di gestire, come testimonia l incuria di certe aree la cui gestione dovrebbe essere a carico della collettività. A farne le spese i cittadini, ma anche chi di verde vive. In 10 anni il numero delle imprese agricole si è ridotto del 32,2%, dato uscito dal censimento ISTAT. I motivi sono molteplici, non solo sicuramente la mancanza di spazi. Mancato ricambio generazionale, burocrazia, la ricerca di una condizione di vita più agiata, hanno favorito l esodo dalle campagne. Tuttavia, molte aziende sono state costrette alla chiusura o ridimensionate proprio dalla mancanza di spazi verdi ove esercitare impresa. Le aziende agricole zootecniche in particolare che si occupano di bovini, si trovano in difficoltà a reperire terreni da coltivare per alimentare i propri animali anche perché la continua diffusione di centrali a Biogas sta sottraendo alla loro zootecnia sempre più terreni. Lo stesso dicasi per i terreni occupati da impianti fotovoltaici. Terreni che diventano fruibili solo dietro il pagamento di canoni di affitto non giustificabili da quelle che sono le entrate garantite da una normale coltivazione. Forse sarà il caso di dare uno stop a questa sorta di energia verde che di verde ha ben poco. Se per produrla si devono consumare mais e occupare terreni, favorendo la chiusura delle aziende agricole che sono le uniche in grado di garantire una gestione a basso costo del territorio, forse il gioco non vale la candela. Ben vengano i biodigestori che si nutrono di reflui zootecnici o di residui della potatura, ben vengano gli impianti fotovoltaici posizionati sui tetti delle fabbriche come della case o delle stalle. Del resto ne facciamo volentieri a meno. Vendo oro verde è quel che recita un cartello posizionato su un terreno in vendita nella periferia udinese. Spazi verdi una rarità preziosa come l oro

5 5 Lorenzo DEGANO LE MIGLIORI 50 PRODUTTRICI DI LATTE IN CARRIERA 2011 % Quota ammortamento Produttive, longeve, quindi economiche. Sono le 50 migliori produttrici di latte in carriera, classifica che tiene conto delle bovine ancora in attività nel 2011 (tabella 1). Vacche dalle carriere particolarmente lunghe e dalle performance latte di primissimo livello: 9,7 lattazioni la durata media della carriera produttiva di questi 50 animali (una buona parte di essi sono ancora in attività), kg di latte la media della produzione in carriera con un contenuto medio di grasso e proteine rispettivamente di 3,85% e 3,47%; su buoni livelli il valore dell intervallo parto concepimento (122 giorni) e, quindi, quello dell interparto (404 giorni), anche in considerazione del fatto che trattasi di animali dalla notevole attitudine latte e, comunque, con alle spalle molte primavere. Sono 12 i soggetti che hanno superato i kg di latte in carriera, bovine che sono state premiate durante l Assemblea dell Associazione. Delle 50 bovine in lista, 13 sono figlie di riproduttori nazionali, 15 di tori francesi e 22 di riproduttori tedesco-austriaci; tori nazionali che sono degnamente rappresentati in quest elenco, tenendo conto del fatto che sovente i tori giovani italiani non vengono utilizzati sulle migliori bovine. Ben 8 di queste bovine provengono dall allevamento di Danese Lucio e Cisino di Abano Terme (PD), uno dei migliori allevamenti di Pezzata Rossa Italiana, sovente nelle prime posizioni della classifiche per livelli produttivi, che ha contribuito alla selezione nazionale grazie ad alcuni riproduttori come il vecchio Poseidone, o i più recenti Antenore, Gagliardo. La ricerca della longevità deve essere uno degli obiettivi di selezione da perseguire a tutti i costi se si vuole Numero di lattazioni Fig. 1: Quota di ammortamento per lattazione del capitale investito per l allevamento o l acquisto di una manza in relazione alla lunghezza della carriera produttiva (numero di lattazioni) far reddito. Allo stato attuale una PRI conclude la propria carriera, in media, dopo 3,3 lattazioni; circa il 41% delle bovine hanno alla spalle almeno 4 parti (tabella 2). Un dato di per se buono, ma che deve essere necessariamente migliorato, in particolar modo deve essere ridotto il numero di soggetti che escono dalla stalla già alla prima lattazione. E evidente come ammortizzare il crescente costo d allevamento delle manze su più lattazioni sia necessità imprescindibile, e lo è tanto di più per una razza come la P.R.I. dove il 60% degli allevamenti sono locati in comprensori montani, aree dove non sempre è fattibile, per motivi di varia natura (spazio, possibilità di smaltire i reflui, costo), allevare un adeguato numero di vitelle da destinare alla rimonta. Personalmente ritengo che sia errato dare poca importanza alla longevità delle vacche per il semplice motivo che, nel caso delle bovine a duplice attitudine, la vendita della vacca a fine carriera garantisce comunque un certo introito. La vendita della vacca a fine carriera deve essere semplicemente una sorta di buona uscita, magari anche sostanziosa, ma che deve essere il più ritardata possibile. Il grafico in figura 1 si può osservare come vi sia un progressiva riduzione della quota di ammortamento del capitale investito per l allevamento o acquisto di una manza all aumentare della lunghezza, espressa in numero di lattazioni, della carriera produttiva di una bovina. La riduzione è particolarmente evidente quando si passa da

6 6 Tabella 1: Migliori 50 produttrici di latte in carriera, ancora attive nel Posizione Soggetto Padre Anno di nascita N lattazione Kg Latte in carriera Grasso % Proteine % Parto concepimento Interparto Allevatore Comune 1 ITBZ RENGER ,30 3, Prenn Paul Sand in Taufers (BZ) 2 ITBZ HONEX ,41 3, Reichegger Josef Sand in Taufers (BZ) 3 ITBZ GIBRALTAR ,51 3, Hintner Peter Santa Maddalena (BZ) 4 ITCN BOULOGNE ,28 3, Cacciolatti Claudio Saluzzo (CN) 5 IT BOIS LE VIN ,48 3, Quaresima Azienda Agricola Mason Vicentino (VI) 6 IT097VR126C001 FAUCON ,99 3, Fontana Mario, Marino e Daniele Santa Maria (VR) 7 ITBZ BOIS LE VIN ,06 3, Oberkofler Josef San Giovanni (BZ) 8 ITBZ HORB ,08 3, Stabinger Reinhard Niederdorf (BZ) 9 IT SAMURAI ,99 3, Plunger Guenther Castelrotto (BZ) 10 ITBZ HOBEL ,21 3, Hofer Valentin Colle (BZ) 11 IT ZEUKAR ,07 3, Rabensteiner Werner Barbiano (BZ) 12 ITPD FERAHN ,80 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 13 IT BOIS LE VIN ,55 3, Societa Agricola Cosolo Pieris (GO) 14 IT001PD047C031 HORST ,12 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 15 IT ROLO ,90 3, Cacciolatti Claudio Saluzzo (CN) 16 ITVR EMBRUN ,92 3, Fontana Mario, Marino e Daniele Santa Maria (VR) 17 IT NITRATE ,56 3, Quaresima Azienda Agricola Mason Vicentino (VI) 18 ITUD BELINDEX ,32 3, Picco Luigi Adriano Flaibano (UD) 19 IT WINZER ,97 3, Cascina Tirone Offanengo (CR) 20 IT001PD047C079 TOLSTOY ,62 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 21 IT097VR126C002 EMAGNY ,89 3, Fontana Mario, Marino e Daniele Santa Maria (VR) 22 ITBZ MEISTER ,81 3, Planer Johann Fie allo Sciliar (BZ) 23 ITBZ BOIS LE VIN ,59 3, Alton Manfred Anterselva di Sotto (BZ) 24 IT001PD047C007 HORST ,67 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 25 ITPD RENATO ,83 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 26 ITBZ ALMIT ,97 3, Hofmann Michael San Martino (BZ) 27 IT GARDIAN ,86 3, Sist Edi San Quirino (PN) 28 IT WINZER ,65 3, Mair Thomas San Stefano (BZ) 29 IT RANDY ,61 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 30 ITBZ HORB ,28 3, Peinter Viktor Tesido (BZ) 31 IT RANDY ,92 3, Plankensteiner Heinrich Tesido (BZ) 32 IT203CN122C072 CIXON ,36 3, Cacciolatti Claudio Saluzzo (CN) 33 ITBZ HORB ,85 3, Ausserhofer Robert Brunico (BZ) 34 ITBZ ZEUGE ,24 3, Lamprecht Friedrich Spinga (BZ) 35 IT HONER ,60 3, Schneider Georg Anterselva di Sotto (BZ) 36 ITBZ HORB ,38 3, Hintner Markus Valle di Casies (BZ) 37 ITBZ HORB ,99 3, Kerschbaumer Guenther Castelrotto (BZ) 38 IT ROLO ,69 3, Cacciolatti Claudio Saluzzo (CN) 39 ITBZ HALLING ,24 3, Innerhofer Stefan Molini Di Tures (BZ) 40 IT HOBLACH ,90 3, Mosanghini Gianluigi Mortegliano (UD) 41 IT GARDIAN ,40 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 42 ITUD REPORT ,89 3, Distefano Giovanni Comiso (RG) 43 IT EDDY MERKX ,27 3, Zanoni F.lli Levico Terme (TN) 44 IT WINZER ,61 3, Pfattner Richard Lazfons (BZ) 45 IT ROBERT ,41 3, Danese Cisino Abano Terme (PD) 46 ITBZ STREIMON ,19 3, Peinter Viktor Tesido (BZ) 47 IT115UD003C005 FASSIA CLEY ,73 3, Bianchin Roberta Scodovacca (UD) 48 IT VISIR ,18 3, Pozzerle Luciano Soc. Agric. Verona (VR) 49 IT074UD046C065 GARDIAN ,54 3, Listuzzi A.F.G.N. La Fattoria Pavia di Udine (UD) 50 ITBZ HONER ,62 3, Passler Josef Rasun Anterselva (BZ)

7 7 Tabella 2: Ripartizione tra i diversi ordini di parto delle bovine eliminate nel periodo di controllo (l anno è definito sulla base della data dell ultimo controllo funzionale disponibile). (i valori sono %) ,4 22,4 22,8 22,8 22,2 22,1 21,6 22,0 22,2 21,4 23,3 2 21,2 21,1 20,1 20,5 21,8 20,8 20,1 20,1 20,3 19,7 19,3 3 17,1 18,6 18,0 16,7 17,7 17,9 18,9 18,0 17,0 17,2 16,9 4 13,5 13,9 14,4 13,9 13,9 14,3 14,0 14,4 13,8 15,2 14,7 5 ed oltre 24,8 24,1 24,6 26,1 24,4 24,8 25,4 25,5 26,7 26,4 25,8 IT Figlia di Rolo. Produzione totale in carriera in 8 lattazioni Kg 3,90% gr. 3,43% pr. Proprietario: Cacciolatti Claudio, Saluzzo (CN). Oltre a essere produttiva e longeva questa bovina è anche morfologicamente molto valida tanto da aver partecipato alla Fiera di Verona del 2004 una carriera produttiva della durata di una lattazione ad una dalla durata di 4 lattazioni. Successivamente la riduzione della quota di ammortamento per lattazione e meno marcata. Un esempio, se vogliamo banale, ma che mette in risalto come sia necessario garantire una durata minima degli animali in stalla. Se si ipotizza un costo di acquisto di una manza in euro (per fare cifra tonda), passare da un numero medio di lattazioni di 2 a 3 vorrebbe dire passare ad una quota di ammortamento per lattazione da euro a 666 euro, con un risparmio netto di 334 euro circa. In una stalla di 50 vacche vorrebbe dire risparmiare circa euro; non dico uno stipendio di un operaio, ma quasi. A questo risparmio si aggiungerebbe la possibilità, per chi fa rimonta interna, di operare una miglior selezione degli animali da destinare alla riproduzione e di poter vendere un maggior numero di vitelli/e, o manze, con un conseguente ulteriore introito. Sono conti semplici, ma che danno l idea dell importanza economica della longevità. Selezionare per la longevità è stato e deve rimanere obiettivo di selezione imprescindibile. Il miglioramento delle produzioni di latte, che è assolutamente necessario, non deve andare a discapito della longevità degli animali; sempre più attenzione, quindi, a caratteristiche come conformazione della mammella e degli arti, resistenza alle mastiti e mungibilità, fertilità e rusticità. Se la Pezzata Rossa ha una carta vincente in mano, questa è proprio quella della facilità di gestione e della longevità. Giochiamola bene. Pasion 1 L A.N.A.P.R.I. ha realizzato una propria procedura per effettuare gli accoppiamenti programmati negli allevamenti di razza Pezzata Rossa Italiana iscritti al Libro Genealogico. Il suo nome è PASION 1 che sono le iniziali di: Procedura Accoppiamenti programmati Simmental Italiana Obiettivo Numero 1. Questo nuovo strumento informatico sarà di supporto agli esperti di razza Pezzata Rossa, che possono variare da obiettivi quasi esclusivamente lattiferi a quelli esattamente opposti di sola produzione di carne. Oltre alla scelta dei tori provati più adatti per ciascuna vacca, fornisce anche un eventuale uso di tori giovani in prova di progenie. Inoltre, vengono fornite statistiche dell allevamento utili per meglio decidere gli indirizzi selettivi, come l ANALISI DEI GENI e il PROGRESSO GENETICO ATTESO. Prossimamente aggiungeremo anche una terza statistica: IL PROFILO GENETICO REALIZZATO. Per richiedere questo nuovo servizio bisogna rivolgersi alla propria Associazione Provinciale Allevatori (semplicemenete comunicandolo al controllore).

8 8 Lorenzo DEGANO CONSANGUINEITÀ SOTTO CONTROLLO NELLA P.R.I. L attività di selezione porta inevitabilmente ad una riduzione della variabilità genetica e ad un incremento del livello medio di consanguineità (inbreeding in inglese). In particolare, l utilizzo dei modelli BLUP-ANIMAL MODEL per la stima degli indici genetici ha determinato, indirettamente, un incremento della parentela media in popolazione poiché, per loro natura, queste metodologia di analisi statistica tende a premiare i soggetti appartenenti ad una determinata famiglia. Va da se che aumentando il livello di parentela media in popolazione aumenta anche la probabilità che un particolare accoppiamento comporti la nascita di un individuo consanguineo. Questo accade quando l accoppiamento riguarda due soggetti parenti ossia che hanno un ascendente comune; tanto più lontano nel pedigree dei due animali è il soggetto in comune tanto minore sarà il livello di consanguineità del nascituro. In certe razze si sono raggiunti livelli di consanguineità preoccupanti, con conseguenze deleterie su tutti quelli che sono gli aspetti legati alla fitness. L inbreeding è tematica di grande attualità, tanto che si stanno diffondendo programmi che vedono nell incrocio a più vie lo strumento da adottare per sfuggire alle problematiche derivanti da elevati tassi di consanguineità. In uno studio effettuato dall A.N.A.P.R.I. nel 2011 (Rivista Pezzata Rossa N , pag. 20), si è evidenziato che i soggetti con livelli di consanguineità superiori al 2% presentano un rischio sensibilmente più alto (dal 25,5% al 33%) di non raggiungere il IV parto, rispetto a quelli con un tasso di inbreeding inferiore al 2%. E evidente il fatto che mantenere su buoni livelli la variabilità genetica ha degli effetti su diversi caratteri, alcuni dei quali misurabili direttamente (resistenza alle mastiti, fertilità) ed altri non misurabili o comunque non rilevabili, che influenzano la longevità delle vacche. A livello di popolazione, è importante monitorare il tasso medio di consanguineità presente, onde evitare, fra qualche anno, una eccessiva riduzione del livello di variabilità genetica e, magari, alla diffusione di tare ereditarie; inoltre l incremento del tasso di consanguineità si tradurrebbe in una riduzione della rusticità degli animali, in maggiori problemi di fertilità e di resistenza alle malattie. Da qui, l importanza di un continuo monitoraggio della situazione generale. Consanguineità % 6 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 La situazione nella P.R.I. Il grafico in figura 1 riporta il trend per anno di nascita del tasso di consanguineità nella P.R.I., differenziato per vacche controllate per la produzione di latte, tori testati al performance test e tori nazionali da I.A.. Poiché l affidabilità del calcolo del coefficiente di consanguineità è influenzata dalla profondità del pedigree, si è considerato solo i soggetti di cui erano noti almeno tutti 4 i nonni. E evidente come, negli anni, si sia verificato un incremento del tasso di consanguineità, sia per la popolazione femminile che per i tori. Un certo incremento del livello di consanguineità è fisiologico; i valori della popolazione P.R.I., tuttavia, sono ancora ottimali, essendo di poco superiori all 1%. In particolare, considerando le sole bovine attive (vacche controllate nel 2011), Anno di nascita Figura 1: Trend del livello di consanguineità nella P.R.I. Tori testati in Performance Test Tori I.A. Bovine

9 9 Tabella 1: Ripartizione della popolazione femminile attiva (bovine controllate nel 2011; si sono considerate solo le soggetti di cui erano noti almeno tutti 4 i nonni) in relazione al livello di consanguineità. Classe di consanguineità N Bovine % Soggetti sul totale Consanguineità Media D.S. 0%-2% ,7% 0,72% 0,55% 2%-4% ,3% 2,83% 0,60% 4%-6% 990 2,8% 4,61% 0,51% >6% 793 2,2% 9,07% 4,30% Generale % 1,31% 1,72% il coefficiente di consanguineità medio è del 1,31%, quindi su valori decisamente contenuti. Anche limitando l analisi ai soggetti che hanno tutti i trisnonni noti (pedigree più profondo), il tasso di consanguineità calcolato è del 1,53%; questa ulteriore analisi, consente d affermare che la bassa consanguineità è caratteristica intrinseca della popolazione Simmental Italiana, e che i valori solitamente riportati non sono contenuti causa una scarsa profondità dei pedigree considerati nell analisi. A ulteriore conferma, le stesse genotipizzazioni dei tori da I.A. confermano quanto emerge da questo studio. Relativamente alla ripartizione della popolazione attiva in funzione del tasso di consanguineità (tabella 1), l 80,7% delle bovine attive hanno un tasso di consanguineità inferiore o uguale al 2%. Per contro solo il 2,2% della bovine presenta dei valori superiori al 6% soglia indicata come critica. E evidente che se si ponesse un po più di attenzione nella definizione degli accoppiamenti delle bovine appartenenti alle classi di consanguineità 4-6% e oltre 6%, classi poco numerose ma dove il livello di consanguineità è elevato, si avrebbe una sensibile riduzione del tasso d inbreeding medio di popolazione. Problemi di consanguineità: cosa fare Nonostante la situazione non sia preoccupante, è necessario, sia a livello generale che di singola azienda, porre molta attenzione a quest aspetto. Per tale motivo, a livello di popolazione, è doveroso adottare una politica selettiva che non si limiti all utilizzo di poche linee di sangue, ma che mantenga la variabilità genetica, carburante necessario alla macchina della selezione. Per fortuna, la possibilità di reperire risorse genetiche da altre popolazioni Simmental estere, poco imparentate tra loro, consentirà un domani, se si dovesse raggiungere un grado di consanguineità elevato, di rimescolare le carte. A livello di singola azienda, invece, l utilizzo dei piani di accoppiamento può garantire non solo un azione di miglioramento mirata, ma consente d evitare accoppiamenti tra individui parenti, limitando il tasso di consanguineità della mandria. Conoscere il cross di un toro e della bovina in oggetto dovrebbe dar già delle buone garanzie di commettere grossolani errori nella definizione dell accoppiamento. Tuttavia, sarebbe preferibile appoggiarsi ad un tecnico per la compilazione periodica dei piani d accoppiamento. Questo solleverebbe l allevatore da un lavoro che, se fatto bene, richiede un certo tempo, ma soprattutto consentirebbe d evitare un incremento del tasso di inbreeding medio in stalla, permettendo un azione di miglioramento genetico mirata. Un invito, quindi, ai nostri allevatori a richiedere ai tecnici dell Associazione, che visitano i vostri allevamenti, il piano d accoppiamento. Una piccola spesa che si tradurrà in un grande vantaggio. Malga Montasio (UD) - foto V. Micolini

10 10 Lorenzo DEGANO STUDIO DELLA FERTILITÀ NELLA P.R.I. Premessa La situazione attuale vede nel contenimento dei costi di produzione del latte la via da seguire per ottenere un utile d impresa. Da qui l interesse crescente verso caratteri funzionali, tra i quali la fertilità è quello economicamente più rilevante: una bovina che non partorisce ogni anno ha una produzione di latte quanti/qualitativa per giorno in mungitura inferiore: bassa efficienza Tabella 1: Cause d eliminazione nella P.R.I. in funzione dell ordine di parto. Causa Manza 1 Parto 2 Parto 3 Parto 4 Parto 5 Parto Totale Produzione 37% 38% 32% 29% 27% 22% 29% Sterilità 25% 27% 29% 30% 29% 28% 28% Mastite 9% 11% 12% 14% 11% 11% Vecchiaia 1% 3% 5% 8% 21% 8% Da Vita 9% Altro 29% 24% 25% 24% 22% 18% 22% riproduttiva significa non coprire i fabbisogni di rimonta e ridurre il numero di vitelli vendibili; l infertilità si traduce in maggiori costi per l inseminazione e cura delle patologie riproduttive e, come confermato da una ricerca ANA- PRI rappresenta, col 25%-30% (tabella 1), dopo la scarsa produzione, la causa principale di riforma delle bovine. Negli anni si è assistito ad un peggioramento generale dei parametri di fertilità (tabella 2) trend negativo che ha interessato, seppure in maniere lieve, pure la P.R.I.. Tuttavia, l intervallo partoconcepimento rimane su valori ottimali, anche se la situazione non è la stessa in tutte le province (tabella 3). Sulla base di queste considerazioni, ANAPRI ha promosso una ricerca finalizzata allo studio del carattere fertilità: si è voluto verificare qual è il contributo della componente genetica nell espressione di questo gruppo di caratteri, verificando anche le relazioni che essi hanno con altri tratti di interesse selettivo. Le misure di fertilità Da un punto di vista biologico il fenomeno della riproduzione può essere sintetizzato in sei diverse capacità: Tabella 2: Mediana parto/concepimento in alcune razze allevate in Italia (dati A.I.A.). Razza P.R.I Bruna Italiana Frisona Italiana Tabella 3: Mediana parto/concepimento della P.R.I. nelle prime 10 province per numero di bovine controllate (dati A.I.A.) Bolzano Udine Pordenone Trento Torino Belluno Cuneo Ragusa Treviso Gorizia

11 11 maturare sessualmente, mostrare calore, concepire, portare a termine la gravidanza, resistere ai disordini postpartum, riprendere l attività ciclica. Ai fini della presente indagine si è optato per considerare solo informazioni rilevate su bovine primipare, anche perché in diversi studi si è evidenziato che non vi sono differenze marcate nel determinismo genetico di misure di fertilità rilevate su bovine di ordine di parto diverso. Data la non sempre ottimale qualità dei dati di fertilità, è stato necessario sviluppare una procedura di verifica dei dati a disposizione. Nello specifico lo studio ha interessato i seguenti parametri: Tasso di fertilità (TNR): misura la capacità di concepire; può assumere due valori: uno (1) quando l animale è gravido in seguito alla prima inseminazione e nei successivi 56 giorni non presenta altri interventi, zero (0) nel caso contrario ( record). Intervallo parto - 1ª inseminazione (IPI): periodo in giorni che intercorre tra parto e 1ª inseminazione; misura la capacità di una bovina di riprendere l attività ciclica post-parto ( record). Interparto (IP): periodo in giorni che intercorre tra un parto e quello successivo; essendo la lunghezza della gestazione poco variabile, l interparto è per lo più influenzato dall intervallo parto-concepimento; misura la capacità di una bovina di riprendere l attività ciclica dopo il parto e la capacità di concepire in seguito ad inseminazione ( record). Il modello utilizzato per l analisi singola di ciascun carattere considerava l effetto del gruppo di contemporanee, età al parto e stagione di parto. Stimati i parametri genetici (ereditabilità, variabilità genetica), si sono stimanti gli indici genetici espressi con media 100 e D.S. 12. Per interparto ed intervallo parto - 1ª inseminazione si è invertito il segno in base alla desiderabilità del carattere. Calcolati gli indici per i tre diversi caratteri questi sono stati sintetizzati in un unico Indice Fertilità, dove ciascun di essi entra con identico peso (33,3%). Tabella 4: Descrittive del campione utilizzato per la stima dei parametri genetici. Record Media D.S. Minimo Massimo IP IPI TNR ,70 0, Interparto (IP), Intervallo parto-prima inseminazione (IPI), Tasso non ritorno (TNR) I risultati In tabella 4 sono riportate le statistiche descrittive del data set a disposizione, dati di fertilità che sono in linea con quelli riportati da per la popolazione Simmental Tedesca, su livelli prossimi all ottimale. Fleckviehzuchtversteigerungen ASTE BOVINI PEZZATA ROSSA S. Lorenzo Südtiroler Fleckviehzuchtverband Società Allevatori Razza Pezzata Rossa Via Galvani Bolzano Tel Fax Donnerstag, 11 Uhr Giovedì, ore Bolzano Bolzano S. Lorenzo S. Lorenzo Bolzano S. Lorenzo S. Lorenzo Bolzano S. Lorenzo S. Lorenzo Bolzano S. Lorenzo Bolzano Bolzano Ausstellungen, Mostre: Samstag, Sabato 4 maggio mostra zonale Valle Aurina

12 12 La tabella 5 presenta i parametri genetici stimati (valori delle Varianze genetica e residua e dell ereditabilità) per la popolazione P.R.I.. I valori di ereditabilità (h 2 ) sono contenuti con i fattori ambientali che giocano un ruolo di gran lunga predominante nell influenzare il determinismo di questi caratteri. L interparto presenta una ereditabilità del 3,80%, l intervallo parto Ia- inseminazione del 3,47%, e un valore di ereditabilità ancora più basso per il tasso di non ritorno a 56 che si attesta sul 1,83%. Questi dati confermano quanto visto in altre popolazioni Simmental, ma anche in razze specializzate per la produzione di latte. La fertilità è un carattere prettamente ambientale, anche se esiste una certa componente genetica che consentirebbe di fare selezione e, nel lungo periodo, ottenere dei miglioramenti della sfera riproduttiva. Disponibili i parametri genetici si è proceduto col calcolo degli indici; in Tabella 5: Parametri genetici delle misure di fertilità (S.E.: Standard Error). Interparto Interv. Parto - Iª ins Tasso non ritorno 56 Varianza S.E. Varianza S.E. Varianza S.E. Var. Genetica 95,6 13, Var. Errore 2418,4 17, Var. Totale Ereditabilità 3,80% 3,47% 1,83% particolare non si osserva alcun trend per nessuno dei tre caratteri analizzati e, di conseguenza, anche per l indice fertilità complessivo. Questo vale sia per i tori, dove l andamento è un po più casuale, che per le bovine (figure 1 e 2). Si può affermare che la selezione per la duplice attitudine non ha portato a selezionare un patrimonio sfavorevole all attitudine riproduttiva. Relativamente alle relazioni esistenti tra gli indici riproduttivi e quelli prodotti per i caratteri oggetto di selezione (tabella 6), è evidente come vi sia una correlazione negativa e sfavorevole tra indici produttivi (kg di latte, grasso e proteine) e fertilità; lo stesso dicasi per l IDA, mentre, la selezione per la muscolosità porta indirettamente ad un

13 13 Indice Anno di nascita Indice IP Indice IPI Indice TNR Indice Fertilità Figura 1: Trend genetici toro per i caratteri fertilità miglioramento dell attitudine riproduttiva. La selezione per la D.A. ha consentito d ottenere un animale con buone performance latte e carne, parametri di fertilità di primo livello. Per gli altri caratteri i valori di correlazione non sono significativi, o comunque presentano valori prossimi allo zero. Tabella 6: Correlazione tra indici fertilità e gli indici per i caratteri d interesse selettivo (in grassetto le relazioni significative). Carattere Coefficiente di correlazione IDA Latte Grasso% 0.04 Indici Anno di nascita Indice IP Indice IPI Indice TNR Indice Fertilità Figura 2: Trend genetici vacca (si sono considerate esclusivamente le bovine con record) Animali al pascolo a Fusine (Ud) - foto di Alessandro Laporta Proteine % 0.15 Grasso Kg Proteine Kg Taglia Muscolosità 0.17 Arti e piedi 0.04 Mammella Mungibilità Cellule S Indice carne 0.08 Le decisioni della CTC Sulla base del presente studio la CTC dell ANAPRI ha reputato non necessaria l adozione di una procedura per la valutazione genetica per la fertilità. Le motivazioni di questa decisioni vanno ricercate nel fatto che non si sono evidenziati dei particolari trend genetici sfavorevoli, confermando quanto visto a livello fenotipico. Data la non elevata ereditabilità, l attendibilità degli indici non sarebbe elevata e, di conseguenza, i progressi in termini selettivi non sarebbero elevati. Infine, mantenendo all interno dell IDA un peso adeguato al carattere muscolosità vacche si potrà limitare nel tempo un peggioramento del livello genetico per i caratteri fertilità imputabile alla selezione per la produzione di latte.

14 14 Alessandro DONDA - Associazione Allevatori del Friuli Venezia Giulia LA PRODUZIONE DI GELATO DI ALTA QUALITÀ CON LATTE CRUDO DI PEZZATA ROSSA ITALIANA Sabato 2 giugno, organizzato dall Associazione Nazionale Allevatori bovini di razza Pezzata Rossa Italiana e dall Associazione Allevatori del Friuli Venezia Giulia, ha avuto luogo presso l area festeggiamenti di Monte di Buja, nell ambito della tradizionale Fieste di Primavere che fa capo alla Pro Buja, il convegno Le eccellenze della produzione della Pezzata Rossa Italiana: il gelato. Di fronte ad un buon pubblico composto da allevatori, tecnici, docenti universitari e politici locali e regionali, l incontro è stato introdotto dal dott. Venturini, Presidente della Pro Buja, e dal Sindaco di Buja Sig. Bergagna, che si sono soffermati sui motivi di tale iniziativa che, come tante altre in Regione, ha come finalità la promozione del Tipicamente Friulano, che deve essere motivo di orgoglio per la Regione Friuli Venezia Giulia. Il Presidente dell Anapri Sig. Moras, dopo aver ringraziato i politici presenti con particolare riguardo nei confronti dell Assessore Violino, ha ricordato la collaborazione attiva tra Regione, Università ed Anapri nel portare avanti il marchio Solo di Pezzata Rossa Italiana, che si è concretizzata anche quest anno nei festeggiamenti di Monte di Buja tramite la promozione del gelato dopo quella della carne e dei formaggi dei due anni precedenti. Moras ha ricordato brevemente i dati della razza, che sta aumentando negli ultimi anni in modo sensibile sia come consistenza che come allevamenti in tutta l Italia. Il Presidente dell Associazione Allevatori Sig. Vadori, dopo avere ricordato la stretta sinergia fra Anapri e Aafvg, ed avere rivolto un pensiero affettuoso agli allevatori dell Emilia, colpiti duramente dal recente terremoto ma fieramente orgogliosi nel voler rilanciare la propria economia, si è rivolto ai presenti ma soprattutto al mondo politico, al fine di fare sistema, anche grazie ai soldi pubblici, per valorizzare gli eccellenti prodotti regionali e portare avanti con determinazione un progetto più organico di filiera, in modo tale da conquistare i palati dei residenti ma soprattutto dei turisti in visita alla nostra regione (si pensi ad esempio alle presenze a Lignano o in altri centri turistici). La normativa inerente la produzione del gelato artigianale con latte crudo, ai sensi dei Reg. UE 852 e 853 del 2004, è stata trattata dal dott. Palei, - Direttore Servizio Sicurezza Alimentare, Igiene della nutrizione e Sanità pubblica Veterinaria della Regione FVG, che si è soffermato, in maniera chiara, sugli aspetti della pastorizzazione, sui pericoli eventuali provocati dalle intossicazioni da Coli, sul presupposto inderogabile di non abbassare mai la guardia, al fine di garantire la difesa del consumatore finale. Il dott. Menta, tecnico dell Anapri, si è soffermato sul marchio per la valorizzazione dei prodotti Solo di Pezzata Rossa Italiana, spiegando ai presenti le motivazioni che hanno portato alla sua nascita, che nascono da un profondo malumore negli allevatori PRI che non si vedono riconosciute e remunerate dal mercato le ottime caratteristiche organolettiche sia del latte che della carne. Ha ricordato l esempio francese della Montbeliarde, razza strettamente legata ai formaggi ottenuti con il suo latte (es. il Comtè). Ha ripercorso tutto l iter che, a partire dal 2006 tramite la collaborazione con l Università di Udine, ha portato al riconoscimento comunitario del marchio nel 2008 e sulle 27, per ora, aziende aderenti al marchio, che include latte, carne e pellame. Si è soffermato sui requisiti che devono avere le aziende aderenti, sulle procedure e le modalità di gestione del marchio, sugli aspetti pubblicitari, le modalità di applicazione ed i controlli, sui casi di non conformità, sul recente accordo con il Montasio, da cui è nato il formaggio Montasio di sola PRI. Menta ha concluso poi il suo intervento ricordando il lavoro fatto in collaborazione con l Università di Udine, da cui sono state confermate le ottime caratteristiche nutritive, organolettiche e di salubrità della carne di razza PRI (es. il minor contenuto di acidi grassi saturi e parimenti il più elevato tenore di acidi grassi insaturi nonché di acido linoleico). Il contributo seguente è stato portato dal Sig. Simsig, tecnico dell Associazione Allevatori, che ha parlato dell assistenza tecnica e dei controlli di qualità

15 15 Il Dott. Palei durante la sua esposizione Folto pubblico presente al convegno da parte dell Aafvg. Sono stati illustrati gli aspetti quanti - qualitativi del latte prodotto nella nostra regione, le caratteristiche delle strutture di trasformazione, la destinazione produttiva del latte, l importanza dei controlli sulla qualità della materia prima che passa attraverso il prezioso lavoro portato avanti dal laboratorio, accreditato, dell Associazione Allevatori. Il Sig. Timballo, Presidente Cogel Fipe (gelatai) e della coppa del mondo della Gelateria, si è soffermato, più in specifico, sulla produzione di gelato di alta qualità con latte crudo di PRI. Ha messo in evidenza, in modo schematico, i presupposti indispensabili al fine di ottenere un gelato di ottima qualità, individuandoli: a) nella bontà e nella rigorosa selezione della materia prima usata (latte), i cui componenti (lattosio, grasso, sali minerali) sono correlati strettamente alle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche del gelato (spatolabilità, dolcezza, ariosità, cremosità etc.); b) nella indispensabile pastorizzazione, meglio se è previsto un unico trattamento (oggi autorizzato) con l utilizzo di latte crudo; c) nella professionalità del gelatiere, che deve sapere come lavorare il latte (crudo), ed a garanzia di ciò tutti i clienti dell azienda zootecnica Bianchini di Talmassons, (azienda che è stata la prima in regione a credere nella destinazione del latte crudo PRI nella produzione del gelato), si sottopongono ad una sorta di autocontrollo associativo. Il latte crudo di Pezzata Rossa Italiana soddisfa dunque pienamente tali requisiti, ed allora perché (lancia una provocazione) non avere come obiettivo la creazione di un gelato tipicamente friulano? E seguito l intervento del dott. Bellini, direttore dell ERSA, che dopo avere ringraziato Moras e Vadori, ha sottolineato l importanza, strategica, della zootecnia nell economia agricola della Regione, richiamando gli allevatori ad una maggiore imprenditorialità. La conclusione dei lavori è stata affidata a Violino, Assessore alle risorse rurali, agroalimentari e forestali della Regione Friuli Venezia Giulia. L Assessore si è detto d accordo con Vadori in merito alla necessità di fare sistema, ma considera tale strada, per una serie di motivi, di difficile attuazione nel settore zootecnico. Ricorda, invece, come esempio, il recente accordo raggiunto nel settore vitivinicolo regionale che ha portato alla fusione di 7 su 8 Consorzi DOC, che sono confluiti nell unico Consorzio DOC Friuli. Questo rappresenta sicuramente un primo passo in tale direzione. Considera un fatto fortemente negativo che circa il 30% del latte prodotto in regione, latte dalle ottime caratteristiche merceologiche ed igienico-sanitarie, venga venduto al di fuori dei confini regionali, il più delle volte a basso prezzo, con perdita di valore aggiunto per gli stabilimenti e per gli allevatori stessi, ritiene strategico il ruolo dell attività zootecnica nel sistema agroalimentare del Friuli Venezia Giulia e plaude all iniziativa del convegno ed accoglie volentieri la provocazione di un gelato tipicamente friulano. L assessore è convinto che, per potere essere competitivi a livello nazionale ed internazionale con i nostri prodotti (il formaggio Montasio, il prosciutto di San Daniele, gli eccellenti vini), l unica strada percorribile debba essere quella della qualità, incoraggiando i consumatori a bere ed a mangiare i nostri prodotti, facendo in maniera tale da tenere i nostri produttori sul nostro territorio. Al convegno è seguita dapprima la degustazione dell ottimo gelato, prodotto da una gelateria artigianale locale lavorando latte di sola Pezzata Rossa Italiana fornito dall azienda Bianchini, e poi dalla cena dell allevatore, anch essa rigorosamente e non poteva essere diversamente a base di formaggi e carne solo di Pezzata Rossa Italiana, iniziative che sono state molto apprezzate dai presenti, e che hanno fatto da degna cornice al convegno.

16 16 Mauro BRAGA - Riassunto di Giacomo MENTA QUALE FORAGGICOLTURA PER DIMINUIRE I COSTI DI PRODUZIONE Negli ultimi anni oltre al prezzo del latte e della carne non certo soddisfacente, sono stati gli aumenti dei costi delle materie prime per l alimentazione a far pendere la bilancia decisamente verso il saldo negativo. Per ovviare a questa situazione è necessario trovare delle alternative o delle integrazioni alle attuali modalità di produzione delle risorse foraggiere anche perché estati sempre più secche dovute ai cambiamenti climatici richiedono colture meno esigenti in termini idrici specialmente nelle zone dove l acqua di irrigazione non è di facile utilizzo. A questo proposito l Associazione Regionale Allevatori del Friuli ha organizzato l 11 settembre a Codroipo un interessante incontro tecnico che ha visto come primo relatore il Dott. Mauro Braga del SATA lombardo, un esperto alimentarista che ha portato le sue esperienze pratiche. Questi ha messo in chiaro, come premessa, che mentre anni fa si fornivano alle bovine razioni con 6-7 kg di concentrato, attualmente si tende ad inserire nella dieta kg comprendenti anche il cotone ed altri componenti. La sua idea è quindi quella di puntare sul miglioramento dell apporto di energia dei foraggi per avere una minor dipendenza dai concentrati. Ha quindi mostrato alcune possibili alternative o integrazioni alle attuali colture maggiormente diffuse. Esempio n 1 - Frumento foraggero + sorgo foraggero entrambi insilati Vantaggi: Prevenzione della Diabrotica Minor uso di pesticidi e diserbanti Razioni che favoriscono la digeribilità Maggior qualità del foraggi per produzione di grasso e proteine Ripartizione dei rischi in annate sfavorevoli Complessiva maggior produzione annua di alimenti Possibilità di semina su sodo o senza aratura Cantieri di lavoro meglio distribuiti ed efficienti Utilizzo degli stessi silos usati per il silo-mais con facilità di conservazione dei foraggi Miglior gestione dei liquami zootecnici con conseguente diminuzione dei concimi Migliore sanità animale Minor utilizzo delle risorse idriche L accoppiata frumento foraggero più sorgo in secondo raccolto è stata quella che meglio si è adattata alla pianura lombarda dove il dott. Braga ha fatto la maggior parte delle sue esperienze in questo settore. Per lui il frumento si fa preferire al Triticale, per una maggior facilità di insilamento e per una maggiore resa nella razione alimentare mentre rispetto all orzo è più zuccherino ed ha una maturazione più lenta mentre l orzo tende a scappare in fase di raccolta. Mostriamo ora un elenco di tabelle che illustrano quanto il dott. Braga ha mostrato durante la sua interessante riunione:

17 17

18 18

19 19 Ci mettiamo il cuore per farvi avere sempre i migliori risultati Produzione e vendita mangimi Sistema di gestione Qualità UNI EN ISO 9001:2008 certificato CSQA n 3021 Tel

20 20 Arricchisci la tua cultura casearia con la biblioteca di CASEUS A me il naso cheese o della tecnica di degustazione per appropriarsi della chiave di lettura della qualità dei formaggi In questo libro l amatore-curioso viene accompagnato nelle varie fasi della degustazione. Non è una guida alla degustazione, ma un viaggio attraverso la crosta, la pasta, la struttura, l assaggio, il retrogusto per appropriarci della chiave di lettura della diversità dei formaggi. Pagine: 117 Prezzo: 21,00 Euro Latte e formaggio tra scienza e curiosità Informazioni serie e semiserie sui prodotti lattiero-caseari Tra le pagine di questo libro sarà possibile trovare la descrizione delle sostanze indispensabili, utili e sospette presenti nei prodotti lattiero-caseari e, soprattutto, la loro funzione nel nostro organismo. Completano il libro preziosi consigli su come acquistare e consumare il latte, il formaggio e lo yogurt. Pagine: 132 Prezzo: 17,00 Euro Caseus Rivista bimestrale di arte e cultura del formaggio la rivista per chi ama... la puzza sotto il naso CASEUS In ogni numero: articoli, rubriche, attualità, appuntamenti, notiziari dell ANFOSC e dell ONAF, schede di formaggi da collezionare SOLO IN ABBONAMENTO Matilde Calandrelli - Donato Nicastro FORMAGGIO FAI DA TE istruzioni per produrre in casa un buon formaggio Caseus Il carrello dei formaggi o dell arte di raccontare la collezione casearia del tuo locale. Questo libro vuole fornire a quanti vogliono fare del carrello un momento importante della convivialità la chiave di lettura per raccontare la specificità di ciascun formaggio e le informazioni necessarie per acquistare, scegliere, curare e gestire questo formaggio. Pagine: 147 Prezzo: 21,00 Euro Formaggio fai da te Istruzioni per produrre in casa un buon formaggio Guida semplice ma completa per insegnarvi a produrre in casa formaggi noti e meno noti. Ogni fase della caseificazione è illustrata con splendide foto a colori. Pagine: 144 Prezzo: 18,00 Euro Il formaggio raccontato ai bambini Fantastico viaggio alla scoperta del mondo del formaggio: dal pascolo si arriva all animale, al latte, al caseificio, alle tecnologie di produzione per giungere, infine, al momento della degustazione, momento in cui tutti i sensi incontrano ciò che il formaggio sa dirci. Nelle ultime pagine veri e propri giochi caseari: il cruciverba, il labirinto, alla ricerca dei formaggi nascosti, il fumetto. Pagine: 96 Prezzo: 14,90 Euro per informazioni e ordini: Caseus Srl editore Viale del Basento, Potenza Tel

21 21 Claus LEIDING, BVN (traduzione a cura di D. Vicario) MILKBAR UN NUOVO STRUMENTO PER RIDURRE IL PROBLEMA DEI VITELLI CHE SI SUCCHIANO Il centro tori BVN in Germania si è attivato molto negli ultimi anni per aiutare i propri soci a ridurre il problema del succhiamento reciproco dei vitelli e delle manze. Per esempio, si può citare l anello a tenaglia da mettere al naso, con tre punzoni rivolti verso l alto. Questo accessorio è infatti un esclusiva BVN. In particolare però ci siamo concentrati sull origine del problema, ovvero sui piccoli vitelli che iniziano a prendere questo vizio precocemente. In diversi studi sono stati analizzati i fattori a cui fare attenzione se si vuole ridurre il problema. Al centro dell interesse è emersa una sperimentazione con un nuovo metodo di somministrazione del latte, che dalla Nuova Zelanda è approdato anche in Germania, il Milkbar. Si tratta di una vaschetta con dei speciali succhiotti, ai quali il vitello deve abituarsi già dalla prima poppata. Questo succhiotto speciale è in materiale molto più duro di quelli convenzionali e richiede al vitello uno sforzo maggiore per succhiare il latte. In questo modo, la poppata dura più a lungo, il vitello si stanca di più e alla fine della stessa ha meno voglia di andare a succhiare gli altri. Il succhiotto è abbinato al vitello, nel senso che dura fino a che il vitello è svezzato e poi bisogna sostituirlo con uno nuovo per il prossimo vitello, altrimenti finisce l effetto. Si presta anche allo svezzamento a gruppi visto che ci sono vaschette per box multipli con più succhiotti. In ogni caso, quando il gruppo ha completato lo svezzamento bisogna cambiare i succhiotti. Subito un anticipazione: nelle stalle in cui è stato sperimentato si è osservato un calo del 70% del succhiamento reciproco, rispetto ai secchi tradizionali. Il modo di poppare influisce in modo determinante sul benessere del vitello. In particolare, rispetto al soddisfacimento di questo bisogno, nessun altro fattore ambientale nell allevamento intensivo ha un effetto così grande. In questo fase il vitello deve essere messo nelle migliori condizioni per crescere. A questo proposito, conta molto la frequenza dei pasti e la durata della poppata per adattare il ritmo naturale dello stimolo a succhiare, che, come noto, in natura non è vincolato a tempi determinati (il vitello succhia sotto la madre quando ne ha voglia). Somministrazioni irregolari delle poppate portano a vitelli irrequieti, si agitano e diventano nervosi e non di rado sfociano in disturbi Pascolo a Fusine (UD) - foto A. Laporta comportamentali. In questa fase della crescita gli effetti ambientali esterni influiscono di più che non in altri periodi. Non basta però solo soddisfare il bisogno di succhiare, bensì esiste tutto un complesso di fattori che entrano in gioco, legati alla fine dell alimentazione lattea con il passaggio alla ruminazione. Sotto questo profilo, rientrano anche tutti quegli accorgimenti finalizzati a tenere impegnato il vitello per soddisfare il suo bisogno di gioco e curiosità, evitando così la noia che porta allo stress. Ritornando al MILKBAR, la sperimentazione condotta da Viola Daubner, una diplomanda alla scuola superiore di Weihenstephan-Triesdorf, in quattro allevamenti è stata la seguente. In ognuna delle 4 aziende, la sperimentazione prevedeva un gruppo di controllo e un gruppo di prova, costituiti da 6 vitelli ciascuno. Tutti gli altri fattori entro allevamento erano identici. Durante il periodo di osservazione, suddiviso in tre fasi (3-5, 5-7, 8-10 e settimane) sono state rilevate in modo dettagliato e protocollato l attività di succhiamento reciproco, il leccarsi e altri comportamenti strani. Inoltre, insieme alle aziende è stato elaborato anche uno specifico questionario. Nei gruppi di prova, sia la frequenza di succhiamento reciproco che la durata, si sono ridotti di circa il 70% rispetto ai gruppi di controllo. I vitelli, oltre a succhiarsi di meno, dimostravano anche maggiore vitalità e una minor frequenza di malattie. Infine, anche gli accrescimenti nei gruppi di prova sono risultati superiori.

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 6 GIUGNO 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG

la newsletter degli allevatori n. 6 GIUGNO 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BOVININews la newsletter degli allevatori n. 6 IUNO 2015 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario BCC CREDITO COOERTIVO LE ECCELLENZE DELL ZOOTECNI FRIULN D EXO SEZIONE REIONLE LLEVTORI RZZ

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BCC CREDITO COOPERATIVO

la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BCC CREDITO COOPERATIVO la newsletter degli allevatori n. 11 NOVEMBRE 2013 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario Rigutto nadal IT021001371987 ID 991 RK 97 nadal 100% MONTBELIRDe MMMELL 120 LTTE + 868 K EMILIO

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh. Guida BrunaNet Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch Indice Generalità... 3 Iscrizione... 3 Il mio conto... 3 Ultime pagine

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Analisi economica sull'uso dei pavimenti in gomma per le stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Le malattie podali rappresentano un grave problema nell

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

la Gemma, troverai bio

la Gemma, troverai bio Cerca la Gemma, troverai bio La Gemma Due terzi della popolazione svizzera consuma regolarmente bio, tendenza in aumento. I consumatori apprezzano soprattutto la genuinità, il sapore naturale e la sicurezza

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile

Organismi di Controllo le razze bovine alimentazione sistema di produzione sostenibile L allevamento delle bovine da secondo metodo biologico segue le indicazioni definite nella normativa comunitaria (Reg. CE 2092/91, Reg. CE 1804/99, Reg. CE 834/07, Reg CE 899/08) integrata da successivi

Dettagli

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere

Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere SIMULAZIONE DI DUE SCENARI POSSIBILI Stalle da latte del Centro Italia, alternative per non chiudere di Danluigi Bertazzi, Angelo Frascarelli Il settore del latte oggi è diventato molto più competitivo

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Andrea Albera ANABORAPI Incontri Assistenza Tecnica Zootecnica Provincia di Novara Programma Obiettivi e sistema di selezione Risultati ottenuti Quali informazioni

Dettagli

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA

Rimettiamo le vacche al centro di GIOVANNI DE LUCA Luciano e Mauro Comino hanno ribaltato l allevamento di famiglia situato a Rocca de Baldi (Cn) per abbattere i costi di alimentazione e ridare spazio alle foraggere aziendali. Tagliando sul silomais e

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale I foraggi tornano al centro della gestione aziendale L Associazione regionale allevatori del Piemonte punta su un cambio nella gestione agronomica delle aziende da latte. In nome del greening e della sostenibilità

Dettagli

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali Verona 10 Febbraio 006 Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte Alessandro Bagnato Dipartimento Veterinaria per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG Frisona italiana settembre/ottobre 2013

la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG Frisona italiana settembre/ottobre 2013 la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario TO ENOMICI CULCO ET VILL CURT IOT IOT X JEEVES X BUCKEYE IT035990582104 Latte +991 gr% 0,20 pr% 0,02

Dettagli

Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico

Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico Nicolò P.P. Macciotta 1, Marcello Mele 2, Roberto Steri 1, Pier Lorenzo Secchiari 2 Dipartimento di Scienze Zootecniche, Università

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Direttore Generale Prof. Ezio

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda

Seconda prova. a) Descrizione dell azienda Seconda prova Il candidato, con dati verosimiglianti, elabori il bilancio di previsione di un'azienda agraria ad ordinamento foraggero-zootecnico di media estensione e condotta in economia con salariati.

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A.

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. S W Strenghts (Punti di forza): ciò che l azienda è capace di fare bene Weaknesses (Punti di debolezza): ciò che l azienda non è capace di fare bene

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

La modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 viene presentata ai sensi dell articolo 6.1.(c) del Reg. (CE) n. 1974/2006.

La modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 viene presentata ai sensi dell articolo 6.1.(c) del Reg. (CE) n. 1974/2006. 1 - PARTE GENERALE: Stato membro: Regione: Programma: ITALIA Provincia Autonoma di Bolzano Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 ai sensi del Reg. (CE) n. 1698/2005, approvato con Decisione CE C (2010)

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA

RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA STUDIO DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA E RIPRODUTTIVA DELLE VACCHE DA CARNE DI RAZZA MARCHIGIANA E STIMA DEL SUO VALORE ECONOMICO RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA Progetto Studio dell efficienza produttiva

Dettagli

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI SETTORE ECONOMICO - GESTIONALE 1. INTERVENTI DIVULGATIVI coerenti con gli obiettivi del progetto. la spesa ammissibile verrà valutata in base alla caratteristiche

Dettagli

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)

Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013) Sommario Costi di produzione del latte bovino in Veneto (2013)... 3 1. Le tipologie di allevamenti da latte prevalenti in Veneto... 3 2. Il costo di produzione del latte in Veneto: metodologia... 5 2.1

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

Esame di Stato di abilitazione alla professione di Dottore Agronomo e Dottore Forestale Sezione A Sessione di giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013

Esame di Stato di abilitazione alla professione di Dottore Agronomo e Dottore Forestale Sezione A Sessione di giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013 Agricoltura e paesaggio: il candidato illustri, ponendo a confronto vecchie e nuove metodologie operative, i nuovi rapporti fra agricoltura, tutela del paesaggio ed ecosistema.

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

Macchine più grandi e con più elettronica

Macchine più grandi e con più elettronica Così i tecnici del Crpa interpretano lo sviluppo della meccanizzazione nella raccolta dei foraggi Foraggicoltura/2 Macchine più grandi e con più elettronica Di questo ed altro abbiamo parlato con alcuni

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

Allevamento del Bufalo

Allevamento del Bufalo Allevamento del Bufalo Dott. Francesco Vacirca Cenni storici Incremento numerico in Italia (Zicarelli 2001) 1948 12.000 capi 2001 200.000 capi (1700 % ) Secondo al mondo dopo il Brasile (1900 %) Animale

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit Autorità locale competente in agricoltura Guido Violini Servizio Valorizzazione delle produzioni Qualificazione delle produzioni

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio INDAGINE PROMOSSA DAL CONSORZIO LATTIERO-CASEARIO DI VICENZA CON IL CRPA Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio La scarsa propensione degli allevatori ad aggregarsi è il punto

Dettagli

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura

Titolo della misura. Investimenti in immobilizzazioni materiali. Codice della misura. Provvisoriamente: misura 3. Codice della sottomisura Titolo della Codice della Codice della sotto Base legale della Investimenti in immobilizzazioni materiali Provvisoriamente: 3 Provvisoriamente: sotto a) Articolo 18 del Regolamento (CE) n. xxxx / 2013

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA

IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA IL SETTORE ZOOTECNICO MONTANO E LE POLITICHE DI SOSTEGNO NELLA REGIONE LOMBARDIA Rabai M., Lugoboni A. DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA - Regione Lombardia Riassunto Gli autori delineano la realtà zootecnica

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana)

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Per diminuire la dipendenza di ristalli dall estero, stringere una forte alleanza tra produttori di carne & latte e valorizzare il #madeinitaly!

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

fresca tradizione nelle tavole degli Italiani

fresca tradizione nelle tavole degli Italiani fresca tradizione nelle tavole degli Italiani La Casatella Trevigiana DOP interpretata dagli chef d Italia con le eccellenze tipiche di ogni regione. Casatella Trevigiana DOP freschezza italiana Iniziativa

Dettagli