Genitale maschile TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO. Criptorchidismo. sono le più frequenti in cane e cavallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genitale maschile TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO. Criptorchidismo. sono le più frequenti in cane e cavallo"

Transcript

1 Genitale maschile Criptorchidismo Orchiti Neoplasie del testicolo Iperplasia della prostata Prostatiti Tumore venereo trasmissibile sono le più frequenti in cane e cavallo TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO Ipoplasia, testicoli più piccoli del normale Criptorchidismo, unica veramente importante, ritenzione a livello: addominale o inguinale, bilaterale (raro) o monolaterale (più sx che dx) suino, cavallo (Percherons, cavalli da sella americani e Quarter Horses), cane (Schnauzer nano, volpino, barboncino, Siberian Husky e Yorkshire Terrier) ma si trova un po' in tutte le specie e razze Predisposizione genetica su base anatomica o ormonale: ridotta apertura dell'anello inguinale o una scarsa lunghezza del gubernaculum testis che si oppone alla discesa del testicolo Il testicolo ritenuto va incontro a incompleto sviluppo (microrchidia) dovuto alla compressione da parte delle strutture addominali e alla temperatura più elevata rispetto a quella scrotale, colorito marrone-brunastro e consistenza molle, eventuale evoluzione sclerotica, possibile ipertrofia compensatoria del controlaterale normale. Istologicamente: numerose cellule interstiziali (iperplasia), epitelio germinale atrofico, concrementi per il disfacimento di masse di cellule desquamate (microlitiasi testicolare), spermatogenersi assente. I testicoli criptici non sono mai funzionanti, non producono spermatozoi Possibile evoluzione neoplastica, nel cane (seminomi e Sertoliomi sono 11 volte più frequenti nei criptorchidi e nel cavallo (tumori delle cellule del Leydig) frequente Possibile evoluzione flogistica, nel cavallo monorchia (presenza di un solo testicolo), anorchia (assenza dei testicoli) poliorchidismo (presenza di più di 2 testicoli), sinorchia (testicoli fusi insieme) Illustrazione 1: Cane, testicolo normale e testicolo ritenuto; tubuli seminiferi atrofici con interstizio maggiormente evidente (sclerosi) 1

2 Illustrazione 2: prevale l'aspetto atrofico; non c'è fibrosi né iperplasia intestiziale, i tubuli sono praticamente vuoti è presente soltanto lo strato basale e non c'è segno di maturazione degli spermatociti Illustrazione 3: atrofia testicolare; iperplasia delle cellule interstiziali con ORCHITE Infiammazione del testicolo Classificazione clinica: Acuta Subacuta testicolo teso (per tumefazione, dolorosa), sezione iperemica edematosa, emorragie (tutti quadri dell'infiammazione acuta), necrosi, suppurazione infiammazione inapparente, apprezzabile solo microscopicamente Cronica testicolo indurito, sclerotico, con eventuali focolai granulomatosi (irregolare alla palpazione), non è dolorosa perchè non c'è tumefazione ma solo proliferazione di tess. fibroso Classificazione anatomopatologica: 2 Orchite interstiziale, infiammazione nello spazio tra un tubulo e l'altro, tipicamente autoimmunitarie subacuta focolai linfoidi (infiltrati di linfociti) intertubulari o perivasali che secondariamente portano a degenerazione tubulare. Orchite intratubulare, tipicamente batterica infiammazione all'interno dei tubuli seminiferi, infiammazione ascendente, nella maggior parte dei casi (di solito monolaterale, c'è cmq sterilità dell'eiaculato perchè le sostanze provenienti dal testicolo malato lo devitalizzano) focolai bianco-giallastri (dati dalla fuoriuscita al taglio dell'essudato all'interno dei tubuli), singoli o multipli, a margini mal definiti, max 1 cm, divengono sodi e biancastri nella cronicizzazione. degenerazione e desquamazione tubulare evoluzione granulomatosa e/o sclerotica Orchite necrotizzante, il parenchima non è più riconoscibile (foto) grave evoluzione necrotica di forme intratubulari ascendenti o per diffusione ematogena di agenti patogeni.

3 Illustrazione 4: orchite purulenta: visibili i tubuli seminiferi dilatati con l'essudato purulento all'interno Orchiti: eziologia Orchiti batteriche aspecifiche Provocate da germi che sono presenti e frequentemente danno altre patologie in una certa specie animale Salmonella abortus equi e Streptococcus equi nel cavallo Arcanobacterium pyogenes nei bovini Pasteurella pseudotuberculosis e A. ovis negli ovini E. coli e Proteus vulgaris nel cane. Orchiti batteriche specifiche (da batteri che hanno tropismo per il testicolo o che danno lesioni caratteristiche) Orchite brucellare, molto importante perchè ha tropismo per tutto l'apparato genitale, la ritroviamo in tutte le specie, il tipo di infiammazione può essere molto variabile a seconda dell'ospite, del ceppo e della risposta immunitaria; in linea di massima da infiammazione granulomatosa ma a volte prevale l'aspetto necrotizzante toro: Brucella abortus (necrotico-purulenta o granulomatosa) (foto 5) verro: B. suis (necrotico-purulenta) ariete e becco: B. melitensis (granulomatosa) cane: B. canis, B. abortus, B. suis, B. melitensis (necrotizzante) Illustrazione 5: visibile la necrosi dei tubuli seminiferi Orchite tubercolare (foto 6) Orchite morvosa, nel cavallo Orchite pseudotubercolare, nella pseudotubercolosi dei piccoli ruminanti Orchiti parassitarie I parassiti raramente vanno a localizzarsi a livello del testicolo: da protozoi: nel morbo Tripanosoma equiperdum da macroparassiti: coitale maligno del cavallo, da Illustrazione 6: uno diffusamente interessato l'altro con piccoli focolai e ipoplastico da Strongylus negli equini criptorchidi, le larve di Strongili che si localizzano nelle arterie possono arrivare anche a livello dei testicoli, spt criptorchidi 3

4 da Mesocestoides nel cane: è un parassita estremamente raro, una piccola tenia che abita libera nel cavo peritoneale del cane e da qui tramite la vaginale può arrivare nel testicolo Orchite autoimmunitaria Orchite interstiziale a predisposizione genetica (come tutte le patologie a base autoimmunitaria) Orchiti virali Anemia infettiva equina (orchite necrotizzante) nel cavallo Cimurro nel cane Mixomatosi nel coniglio virus che determina un'alterazione di un tessuto connettivale embrionale a livello di sottocute formando delle tumefazioni e che interessa anche il testicolo Illustrazione 7: Infiammazione interstiziale Illustrazione 8: Orchite interstiziale con tubuli in degenerazione Illustrazione 9: Cell. mixoidi che producono tess. connettivo ricco di mucopolisaccaridi (rosa-lilla) NEOPLASIE DEL TESTICOLO Incidenza variabile nelle diverse specie: cane +++, cavallo +, toro +, gatto -, verro -, ariete - criptorchidismo predisponente (seminomi e sertoliomi) Le gonadi sono composte da una popolazione di cellule più indefinita rispetto agli altri tessuti e questo influenza la terminologia: di solito, la maggior parte delle neoplasie derivano o da cell. epiteliali o da cell. mesenchimali e si distinguono in benigni e maligni Per i più importanti tumori del testicolo non è prevista, nella terminologia, una distinzione tra tumori benigni e maligni perchè di solito iniziano come neoplasie benigne e vanno incontro a progressiva malignità. Si distinguono in base all'origine cellulare: DERIVAZIONE CELLULARE DENOMINAZIONE Tumori delle cellule germinali - Seminoma - Teratoma - Carcinoma embrionale Tumori gonadostromali - Tumore delle cellule del Sertoli (Sertolioma, tumore delle cellule sustentacolari) - Tumore delle cellule del Leydig (Leydigoma, tumore delle cellule interstiziali) Tumori primitivi misti - Seminoma + leydigoma + sertolioma Tumori del sistema collettore, che - adenomi ed adenocarcinomi della rete testis 4

5 sono costituiti da cell. epiteliali Altre neoplasie - Mesoteliomi: neoplasie che insorgono a livello di pleure e peritoneo, qui originano dalla vaginale che deriva dal peritoneo - Schwannomi - Leiomiomi - Mastocitomi I testicoli ritenuti hanno una possibilità di andare incontro a trasformazione neoplastica 10 maggiore rispetto ai testicoli normali. Seminoma: tipico colore giallognolo lucido, consistenza friabile (foto), raggiunge facilmente dimensioni notevoli e questo permette di diagnosticarlo più rapidamente. Illustrazione 10: Nella maggior parte dei casi i tumori testicolari determinano una notevole asimmetria apprezzabile anche all'esame esterno, rispetto all'orchite sono molto meno dolenti Da un punto di vista istologico si ritrovano 3 tipi diversi di seminoma (foto): tubulare: forma iniziale benigna, caratterizzata dalla riproduzione di strutture tubulari, da parte delle cell. neoplatiche, in cui manca il lume e la spermatogenesi; tende ad evolvere verso tubulare invasivo: l'architettura tubulare viene interrotta e si ha una strutturazione diffusa, fase in cui si hanno metastasi diffuso Illustrazione 13: Seminoma diffuso Illustrazione 11: Seminoma tubulare Illustrazione invasivo 12: Seminoma tubulare Motivo per cui si consiglia sempre l'asportazione del testicolo. Sertolioma: tumore delle cell. del Sertoli; da un punto di vista macroscopico (foto) è molto più compatto e duro alla palpazione rispetto al seminoma, presenta del tessuto fibroso che gli conferisce una strutturazione in lobuli. Da un punto di vista microscopico (foto) è analogo al seminoma: nelle fasi iniziali c'è una organizzazione in tubuli che con il tempo tende a perdersi acquisendo malignità. Le cell. del Sertoli normalmente producono estrogeni e di solito mantengono questa capacità anche nella loro trasformazione neoplastica ma con l'aumento del n di cell. la quantità di estrogeni prodotti è notevole e porta alla così detta Sindrome di femminilizzazione (nel cane): Illustrazione 14: Seminoma: cell. simili a spermatociti ma con caratteri di malignità, molto voluminose, nucleoli molto evidenti e presenza di cell. giganti multinucleate 5

6 modificazioni anatomico comportamentali (cambia il modo di urinare, i maschi tentano di montarlo, è presente ginecomastia, perdita del pelo sul ventre, pelle sottile e, soprattutto, soppressione dell'attività midollare dovuta all'interferenza degli estrogeni con l'eritropoietina grave anemia aplastica) Illustrazione 15: Grande sertolioma, possono essere anche intratesticolari, di piccole dimensioni e non dar luogo ad una evidente asimmetria dei testicoli, spesso i primi sintomi sono riconducibili alla sindrome di femminilizzazione Illustrazione 16: Leydigoma: spesso rimangono piccoli per molto tempo e insorgono al centro del testicolo per cui rilevare l'asimmetria è molto difficile Leydigoma: di consistenza molto soffice e molle, tendono ad essere di colore giallo intenso o molto rossi perchè queste cellule sono ricche di lipidi ( giallo) e molto spesso il tumore porta alla formazione di aree emorragiche ( rosso) (foto). Anche questo tumore può essere ormono-secernente ma meno spesso rispetto al sertolioma, può produrre estrogeni portando alla sindrome di femminilizzazione ma più frequentemente produce androgeni portando a sintomi meno facili da identificare Illustrazione 17: Leydigoma compatto, con cell. vacuolizzate Illustrazione 18: Leydigoma vascolare cistico, aree emorragiche, vere e proprie lacune ematiche PROSTATA 6

7 Ghiandola posta sul collo della vescica, attraversata dall'uretra prostatica, nel cane è bilobata questo fa si che problemi prostatici (aumenti di V) non si evidenzino tanto con problemi alla minzione, ma piuttosto con ostacoli alla defecazione per compressione sul retto. Dal punto di vista istologico è una gh. tubulare ramificata, con uno stoma ben rappresentato, composta da cell. batiprismatiche. Per quanto riguarda le patologie della prostata si fa riferimento principalmente al cane. Patologie degenerative CISTI piuttosto frequenti, si ritrovano anche all'esame ecografico o alla laparotomia esplorativa, possiamo distinguerle in: Cisti periprostatiche esternamente o paraprostatiche, visibili Cisti dei linfatici periprostatici, che corrono sulla capsula della prostata caratteristico colore giallo citrino (foto) Cisti periprostatiche fibrose e/o epiteliali Cisti prostatiche, interne alla prostata Cisti prostatiche epiteliali, più frequenti, derivano da dilatazioni del sistema duttale, spesso in concomitanza con iperplasia Cisti del dotto paramesonefrico, struttura embrionale che normalmente va incontro a regressione ma può permanere e dare cisti CORPORA AMYLACEA, concrezioni di natura secretoria a stratificazione concentrica, possono costituire il nucleo attorno al quale per sedimentazione possono formarsi calcoli CALCOLI ATROFIA / IPOTROFIA, diminuzione di V dovuta a: involuzione senile castrazione, estrogeni: le cell. della prostata sono molto ricche di recettori ormonali, quindi molto sensibili a variazioni METAPLASIA squamosa, (foto)dell'epitelio cubico che riveste i dotti e gli acini della prostata, diventa pluristratificato e negli strati superiori diventa appiattito; squamoso cioè con cheratinizzazione degli strati superficiali nei vitelli trattati con estrogeni anabolizzanti, tanto è vero che si fanno controlli a questo proposito come esami di screening, da confermare con un tossicologico, perché potrebbe anche essere dovuta a mangimi contaminati con micotossine ad azione ormonosimile associata ad iperplasia ed ipersecrezione stesse lesioni in ghiandole bulbo-uretrali e uretra prostatica mucosa: eccesso di produzione di muco nei cani, associata ad iperplasia IPERPLASIA aumento del numero delle cellule Se la prostata è aumentata di volume è apprezzabile già alla normale apertura dell'addome mentre di solito è necessario esercitare una certa trazione per riuscire ad evidenziarla molto frequente nel cane anziano, dopo i 6-7 anni c'è un aumento di volume variabile in tutti i cani, può provocare compressioni 7

8 influenza ormonale alterazione del rapporto androgeni/estrogeni sierici, castrazione possibile terapia per l'iperplasia semplice: arresta o rallenta la crescita iperplasia ghiandolare benigna o semplice, si osserva nelle fasi iniziali (foto) Definita come: iperplasia adenomatosa (talmente florida da sembrare una neoplasia) papillare (si solleva in piegne sostenute da un asse fibro-vascolare) dendritica (le papille di ramificano) (sollevamento dell epitelio in pieghe verso il centro degli alveoli) è un'iperplasia dell'epitelio prostatico ma può proliferare anche la componente stromale, può aumentare la produzione di secreto che, in questa situazione, ristagna a causa della compressione esercitata dallo stroma iperplastico sul lume e delle papille che lo ostruiscono. Può portare a una iperplasia complessa iperplasia complessa, riguarda sia la componente ghiandolare che mesenchimale iperplasia cistica della prostata : epitelio iperplastico che tappezza alveoli cistici (dilatati dal ristagno di secreto) e contemporaneo aumento dello stroma connettivale e muscolare liscio (foto) cisti prostatiche epiteliali accompagnata da un infiammazione cronica, dovuta a rottura delle cisti: il secreto va nell'interstizio e da infiammazione (prostatite), facilita lo sviluppo di batteri e può trasformarsi in un ascesso che può fistolizzare e dare peritonite probabile evoluzione dell iperplasia ghiandolare benigna PROSTATITE Patologia infiammatoria della prostata cane (associata ad iperplasia), toro, verro, rara nelle altre specie E. coli, Proteus, Pseudomonas, Brucella, stafilococchi, streptococchi, cimurro: non ci sono batteri specifici che diano prostatite arrivano per: via ematogena o ascendente condizioni predisponenti sono tutte quelle che provocano ristagno dell'urina o del secreto prostatico: infezioni delle basse vie urinarie, urolitiasi, neoplasie, traumi alterazioni della normale secrezione prostatica (metaplasia squamosa e iperplasia cistica) acuta (purulenta), (foto) la più frequente, i dotti sono pieni di granulociti neutrofili in autolisi cronica (apostematosa) 8 diffusa o a focolaio, aumento asimmetrico, congestione (arrossamento), zaffi purulenti (in sezione) ascessi multipli (per contaminazione batterica delle cisti prostatiche), che fistolizzano ( peritonite) o confluiscono (la prostata si trasforma in un unico grande ascesso) Rara: prostatite tubercolare granulomatosa del toro (ematogena), da tubercolosi

9 NEOPLASIE DELLA PROSTATA Importante nell'uomo, molto rara negli animali. NEOPLASIE EPITELIALI (carcinomi ed adenocarcinomi), possono determinare ristagno di urine per compressione ma di solito non invadono l'uretra (foto) nel cane (poco frequenti) età media 10 anni molto aggressive TUMORI MESENCHIMALI metastasi nel 70-80% dei casi (a linfonodi lombo-aortici e fegato e disseminazione peritoneale) ancora più rari NEOPLASIE SECONDARIE, più frequenti Linfoma in cane, gatto, bovino Invasione da carcinomi uroteliali dal collo della vescica o dall uretra prostatica Tumore venereo trasmissibile del cane (TVT - tumore di Sticker) Interessa di solito i genitali esterni sia maschili che femminili. È il primo tumore per il quale è stata dimostrata la trasmissibilità neoplasia trasmissibile del cane di istogenesi incerta (perché è molto sdifferenziato) Illustrazione 19: Carcinoma della prostata, può determinare un ristagno di urina per compressione (dilatazione degli ureteri e del bacinetto renale megauretere e idronefrosi bilaterale) cellule rotonde: derivazione istiocitaria o linfoide trasmissibile per contatto diretto per impianto di cellule tumorali vive (coito, morsi, sperimentalmente) non è trasmesso da agenti virali non è trasmissibile con filtrati acellulari, non c'è trasmissione se provoco la lisi cellulare isoantigeni dell ospite non dimostrabili sulla superficie delle cellule tumorali Sono cell. tumorali che si sono talmente sdifferenziate da diventare quasi parassiti, infatti il tumore non deriva da cell. dell'ospite ma da cell. esterne che hanno cominciato a proliferare sull'organismo ospite: gli Ag sulle cell. tumorali sono diversi (non-self) ma le cellule subiscono alterazioni cromosomiche importanti. variazioni cariotipiche costanti (58-59 cromosomi contro i 78 normali) con riarrangiamento dell oncogene c-myc localizzazioni genitali (foto) (pene, prepuzio, vagina; più frequente perché questa è la modalità di trasmissione) ed extragenitali (naso, bocca per lambimento, rar, cute e occhio per morsi da cani con localizzazioni orali), non si sa se classificarlo come benigno o maligno: può raggiungere dimensioni notevoli ma rare le metastasi, possibile molto spesso la regressione spontanea per possibile reazione immunitaria contro le cell. tumorali in quanto non-self, vengono prodotti linfociti T citotossici che provocano apoptosi nelle cell. tumorali (anche se non vengono riconosciute subito e questo da la possibilità al tumore di svilupparsi) aspetto nodulare o a cavolfiore, da pochi mm a 10 cm, crescita rapida cellule rotonde uniformi grandi, con abbondante citoplasma chiaro, grosso nucleo rotondeggiante e nucleolo prominente solitamente eccentrico, limiti cellulari poco distinti, molte mitosi: (pag ) sono simili alle cell. linfoemopoietiche (istiociti giovani o a riposo) si vede anche con 9

10 l'immunoistochimica non è né un tumore epiteliale né mesenchimale, anche se la proliferazione delle cell. avviene nel derma. Illustrazione 20: Importante sfoderare il pene perché le lesioni si possono trovare alla base o sulla punta, l'aspetto papillomatoso delle lesioni non deve far pensare a tumori epiteliali È comparso alla fine dell' 800 e si è diffuso in tutto il mondo in particolare nelle zone più calde, non si sa perché; forse il clima favorisce la sopravvivenza delle cell. nell'ambiente esterno e inoltre in questi paesi c'è meno controllo sul randagismo. Un aspetto simile ce l'ha il CARCINOMA SQUAMOCELLULARE DEL PENE del cavallo, ma a differenza del TVT è un tumore epiteliale con aspetto a cavolfiore (= tanti noduli ravvicinati); è la più comune neoplasia cutanea del cavallo e può colpire anche occhio e naso. Nelle altre specie è decisamente poco frequente. (foto) 10

Fratture dell osso penieno

Fratture dell osso penieno Fratture dell osso penieno (Cane) ü Ematuria ü Diminuizione dell urinazione ü Interruzione dell urinazione ü Prepuzio integro o con ferite ü Cateterizzazione difficile o impossibile Palpazione ü Tumefazione

Dettagli

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI Prof. Paola Maiolino L indagine citologica dei tumori mammari è poco applicata in medicina veterinaria e da molti è considerata poco attendibile. Ciò è legato: alla notevole

Dettagli

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it

Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Citopatologia delle neoformazioni cutanee. Prof. Paola Maiolino e-mail:maiolino@unina.it Primo obiettivo nella valutazione citologica è determinare la natura del processo patologico e cioè se si è in presenza

Dettagli

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia

05/02/2015. Malattie della mammella. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it. Richiami di Anatomia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Sezione di Chirurgia Interdisciplinare «F. Durante» UOC di Chirurgia Generale N Corso di Laurea Infermieristica J Malattie della mammella Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it

Dettagli

05/02/2015. Anatomia patologica del rene e vie urinarie. Anatomia. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it

05/02/2015. Anatomia patologica del rene e vie urinarie. Anatomia. Roberto Caronna. roberto.caronna@uniroma1.it Dipartimento di Scienze Chirurgiche Sezione di Chirurgia Interdisciplinare «F. Durante» UOC di Chirurgia Generale N Corso di Laurea Infermieristica J Anatomia patologica del rene e vie urinarie Anatomia

Dettagli

ANATOMIA DEL MASCHIO

ANATOMIA DEL MASCHIO Testicolo Involgi del testicolo Involgi del testicolo Serie di membrane derivanti dalla parete addominale Proteggono e sostengono Solo lo scroto è comune Invogli profondi sono propri di ciascuna gonade

Dettagli

MAMMEL LA. Anomalie congenite. Atrofia e ipertrofia. Alterazioni acquisite. Disturbi di circolo. Mastiti

MAMMEL LA. Anomalie congenite. Atrofia e ipertrofia. Alterazioni acquisite. Disturbi di circolo. Mastiti MAMMEL LA È una ghiandola tubulo alveolare composta, costituita da 2 componenti: Ghiandole e prime vi di escrezione: o Alveoli secernenti. o Galattofori. o Cisterna ghiandolare (seno lattifero). Capezzolo:

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice)

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori dell apparato genitale femminile ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori del collo dell utero (cervice) Benigni: polipo cervicale Maligni: carcinoma

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

Neoplasie mesenchimali

Neoplasie mesenchimali Neoplasie mesenchimali Nicoletta Ravarino S.C. di ANATOMIA PATOLOGICA Direttore B.Torchio A.O ORDINE MAURIZIANO TORINO TUMORI MESENCHIMALI Derivazione dal mesenchima del corpo: stroma endometriale, muscolatura

Dettagli

ECOGRAFIA TESTICOLARE

ECOGRAFIA TESTICOLARE ECOGRAFIA TESTICOLARE Quando e come si fa Quadri normali e patologici Dr. Stefano Palladino CENNI DI ANATOMIA NORMALE DIMENSIONI NASCITA 15X10X7 +/-2 3 MESI 20X12X2+/-2 11 ANNI 40X25X25 +/-10 mm TECNICA

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli

Cancro del testicolo

Cancro del testicolo Cancro del testicolo ti 1 Anatomia 2 1 Epidemiologia ed Eziologia 1 2% dei tumori maligni 9 pazienti su 10 guariscono Incidenza 3/100000 in Italia Maggior frequenza nella terza quarta decade 3 Fattori

Dettagli

Oncologia. Lo studio dei tumori

Oncologia. Lo studio dei tumori Oncologia Lo studio dei tumori Cause di morte nel mondo nel 2000 1. Malattie cardiache 2. Cancro 3. Malattie cerebrovascolari 4. Malattie respiratorie croniche 5. Incidenti 6. Diabete 7. Influenza e polmonite

Dettagli

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz I TUMORI DELLA CUTE www.fisiokinesiterapia.biz Ghiandole sebacee Ghiandole sudoripare Annessi cutanei I TUMORI DELLA CUTE 1) DERIVATI DALLE STRUTTURE EPITELIALI 1) BENIGNI (CHERATOSI SEBORROICA) 2) EPITELIOMA

Dettagli

www.hackmed.org PROSTATA Anatomia/istologia della prostata

www.hackmed.org PROSTATA Anatomia/istologia della prostata PROSTATA Anatomia/istologia della prostata 1 Prostatite Def: malattia infiammatoria della postata che può essere acuta/cronica; specifica (infez batterica)/aspecifica. 1) Prostati specifiche Prostatite

Dettagli

EUCARIOTI. suddivisione del lavoro a livello cellulare

EUCARIOTI. suddivisione del lavoro a livello cellulare EUCARIOTI ORGANISMI UNICELLULARI alghe unicellulari protozoi ORGANISMI PLURICELLULARI suddivisione del lavoro a livello cellulare da cellule tutte uguali (prime fasi sviluppo embrionale) a popolazioni

Dettagli

Classificazione del carcinoma mammario

Classificazione del carcinoma mammario Classificazione del carcinoma mammario Carcinoma mammario invasivo Carcinoma più frequente della donna: 1 su 9 Rischio aumentato con l étà Def.: Lesione epiteliale maligna invasiva derivata dalla unità

Dettagli

LE NEOPLASIE PANCREATICHE

LE NEOPLASIE PANCREATICHE 2 CONGRESSO NAZIONALE SIEMG VIBO LE NEOPLASIE PANCREATICHE BLUNDO LUIGI SONO CONSIDERATE LA SECONDA CAUSA PIU FREQUENTE DI MORTE PER CANCRO CIRCA IL 90% DEI TUMOR DEL PANCREAS SONO ADENOCARCINOMI DUTTALI

Dettagli

IL TUMORE DEL TESTICOLO

IL TUMORE DEL TESTICOLO IL TUMORE DEL TESTICOLO TUMORE DEL TESTICOLO CENNI DI EPIDEMIOLOGIA Costituisce la più frequente neoplasia nel maschio tra i 15 ed i 35 anni La sua incidenza è incrementata di 3-4 volte negli ultimi 50

Dettagli

Modulo 2. Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO

Modulo 2. Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO Modulo 2 Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO Istotipi Eventuale meno sottotitolo frequenti Carcinoma neuroendocrino a grandi cellule Neoplasia maligna a grandi cellule caratterizzata da un pattern

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

Patologia dell apparato riprodu/ore maschile

Patologia dell apparato riprodu/ore maschile Patologia dell apparato riprodu/ore maschile Prof. G.M. Lacalandra Dr. Davide Monaco N.B. I nomi sopracitati non si riferiscono all immagine presentata.. PATOLOGIE COMUNI DELL APPARATO MASCHILE IN BASE

Dettagli

Neoformazi i on d l e lll h e g i hi d an l o e salivari Piero Lazzari

Neoformazi i on d l e lll h e g i hi d an l o e salivari Piero Lazzari Neoformazioni i delle ghiandole salivari Piero Lazzari Parotide Maggiori Sottomandibolare Sottolinguale Ghiandole salivari Labiali Buccali Minori Palatine Linguali Incisive Ghiandola Parotide Situata nella

Dettagli

Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi

Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi CELLULA NORMALE (omeostasi) Stress, aumentata richiesta Stimolo dannoso ADATTAMENTO Incapacità di adattamento DANNO CELLULARE MORTE CELLULARE Adattamento cellulare

Dettagli

IL TUMORE DEL TESTICOLO

IL TUMORE DEL TESTICOLO IL TUMORE DEL TESTICOLO Cos è il tumore del testicolo? Il cancro del testicolo è una forma rara di tumore maschile, in cui le cellule tumorali si formano a partire dai tessuti di uno o di entrambi i testicoli.

Dettagli

Lo Scroto Acuto in età pediatrica

Lo Scroto Acuto in età pediatrica Az.Osp.San Camillo Forlanini U.O.C. di Chirurgia Pediatrica Dr. Guido Fiocca Lo Scroto Acuto in età pediatrica DOLORE ARROSSAMENTO TUMEFAZIONE Rappresentano una triade comune a differenti condizioni Torsione

Dettagli

Patologia benigna della mammella

Patologia benigna della mammella Patologia benigna della mammella Mammella La mammella è una ghiandola esocrina deputata alla produzione del latte. La sua origine è ectodermica: si sviluppa da un ispessimento dello strato germinativo

Dettagli

NEOPLASIE TESTICOLARI

NEOPLASIE TESTICOLARI NEOPLASIE TESTICOLARI 1,5 % DELLE NEOPLASIE NELL UOMO INCIDENZA ANNUALE 3-6/100.000 ABITANTI/ANNO MAGGIORE FREQUENZA IN CLASSI SOCIOECONOMICHE ELEVATE E NELLA POPOLAZIONE ANGLOSASSONE MASSIMA INCIDENZA

Dettagli

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI CANCRO DEL PENE EPIDEMIOLOGIA NEOPLASIA PIUTTOSTO RARA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI NEI PAESI OCCIDENTALI RAPPRESENTA LO 0,2-2% DI TUTTE LE NEOPLASIE CHE COLPISCONO L UOMO NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E

Dettagli

Malattie dell apparato genitale femminile. www.mattiolifp.it

Malattie dell apparato genitale femminile. www.mattiolifp.it Malattie dell apparato genitale femminile Malformazioni ovaie salpingi utero vagina ipoplasie / agenesie = uni o bilaterali ovaie sopranumerarie ectopia aplasia = uni o bi-laterale ipoplasia duplicatura

Dettagli

Tumori di origine uroteliale

Tumori di origine uroteliale Tumori di origine uroteliale Vescica Si manifestano come: Tumori superficiali a basso grado di malignità Tumori invasivi ad alto grado di malignità Sono tumori multifocali Le loro cellule possono impiantarsi

Dettagli

Programmi didattici delle Discipline del 3 anno di corso

Programmi didattici delle Discipline del 3 anno di corso Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Sede di Napoli Programmi didattici delle Discipline del 3 anno di corso (anno accademico 2009/10) Corso Integrato di Patologia Generale (Coordinatore

Dettagli

Neoplasia: definizione. Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie

Neoplasia: definizione. Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie Neoplasia: definizione Neoplasia= nuova crescita Oncologia= studio delle neoplasie Regolazione della crescita cellulare Tessuti in rapida divisione Tessuti che si dividono sotto stimolo Tessuti che non

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dip. Emergenza e Trapianto d Organo Sez. Urologia e Trapianto di Rene Dir. Prof. F.P.Selvaggi

Università degli Studi di Bari Dip. Emergenza e Trapianto d Organo Sez. Urologia e Trapianto di Rene Dir. Prof. F.P.Selvaggi Università degli Studi di Bari Dip. Emergenza e Trapianto d Organo Sez. Urologia e Trapianto di Rene Dir. Prof. F.P.Selvaggi PATOLOGIE DEL TESTICOLO PATOLOGIE DEL TESTICOLO ANOMALIE DEL NUMERO IPOGONADISMO

Dettagli

Iperplasia Si divide in:

Iperplasia Si divide in: Patologia dei fenomeni progressivi Ipertrofia:aumento di volume della cellula e conseguente aumento di volume dell organo. Iperplasia: aumento numerico della cellularità di un organo o tessuto. Entrambe

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

Gameti. Gonadi. Riproduzione di tipo sessuato. Fecondazione. Zigote

Gameti. Gonadi. Riproduzione di tipo sessuato. Fecondazione. Zigote APPARATO GENITALE Gameti cellule sessuali Gonadi organi in cui avviene la produzione di gameti Riproduzione di tipo sessuato Fecondazione Zigote APPARATO GENITALE MASCHILE Gonadi: testicoli (contenuti

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

ESOFAGO. La parete esofagea è costituita da quattro tonache: mucosa sottomucosa muscolare propria avventizia

ESOFAGO. La parete esofagea è costituita da quattro tonache: mucosa sottomucosa muscolare propria avventizia Organo cavo, mediano, impari, situato nel mediastino posteriore. E lungo in media 25 cm e si estende dal faringe al cardias. Confine gastro-esofageo: linea z. Funzione meccanica La parete esofagea è costituita

Dettagli

SLIDE SEMINAR in CITOLOGIA della MAMMELLA. A cura di: Davide Federico

SLIDE SEMINAR in CITOLOGIA della MAMMELLA. A cura di: Davide Federico SLIDE SEMINAR in CITOLOGIA della MAMMELLA A cura di: Davide Federico CASO 1 STORIA CLINICA ANAMNESI: Donna, 17 anni, nodulo mammella destra ESAME OBBIETTIVO: Nodulo del diametro di 3,2 x 2,4 cm fibroparenchimatoso

Dettagli

TUMORI DEL RENE PROF. H. JALLOUS FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO - PAVIA

TUMORI DEL RENE PROF. H. JALLOUS FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO - PAVIA TUMORI DEL RENE PROF. H. JALLOUS FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO - PAVIA CLASSIFICAZIONE (I) 1. TUMORI PRIMITIVI - EPITELIALI - MESENCHIMALI - EMBRIONALI 2. TUMORI SECONDARI www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici Tiroide La tiroide è formata da due lobi laterali uniti da un segmento trasversale (istmo) che si continua con una propaggine (lobo piramidale) aderente alla laringe L altezza media della tiroide è di

Dettagli

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Membrane epiteliali: sono membrane di rivestimento Membrane

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA. CHIRURGIA PEDIATRICA CRIPTORCHIDISMO CRIPTORCHIDISMO

CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA. CHIRURGIA PEDIATRICA CRIPTORCHIDISMO CRIPTORCHIDISMO CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA. CHIRURGIA PEDIATRICA Sindrome da mancata discesa del testicolo nello scroto per arresto o anomala migrazione della gonade 1 Formazione e sviluppo del sistema genitale

Dettagli

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel Diagnosi Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel centrifugato Oligozoospermia severa Grave

Dettagli

Presidio Ospedaliero: Ospedale S. Maria Bianca Mirandola Servizio di Diagnostica per Immagini. Direttore Dott.ssa Novella Guicciardi

Presidio Ospedaliero: Ospedale S. Maria Bianca Mirandola Servizio di Diagnostica per Immagini. Direttore Dott.ssa Novella Guicciardi Presidio Ospedaliero: Ospedale S. Maria Bianca Mirandola Servizio di Diagnostica per Immagini Direttore Dott.ssa Novella Guicciardi RICHIAMI ANATOMICI Ghiandola esocrina di tipo tubulo-alveolare composto

Dettagli

TUMORE METANEFRICO STROMALE

TUMORE METANEFRICO STROMALE CHIRURGIA PEDIATRICA Primario: Dott. Maurizio Torricelli ANATOMIA PATOLOGICA Responsabile: Dott. SILVESTRO CARINELLI TUMORE METANEFRICO STROMALE A. M. Fagnani, F. Pallotti, F. Spreafico, G. Selvaggio Riunione

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA

CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA CARCINOMA COLON RETTO - EPIDEMIOLOGIA Paesi ad alta incidenza: USA - Canada - Europa - Australia USA 44/100.000 Europa 35/100.000 Causa il 15% di decessi per neoplasie Paesi a bassa incidenza: Asia Africa

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA

GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA A cura del Dott. G.Antonini GLOSSARIO: 1. Ipertrofia dell adolescente 2. Fibroadenoma 3. Fibroadenoma e gravidanza 4. Infarto del fibroadenoma 5. Carcinoma

Dettagli

RCU è una malattia sistemica e può essere associata a poliartrite migrante, spondilite anchilosante, uveite, colangite sclerosante.

RCU è una malattia sistemica e può essere associata a poliartrite migrante, spondilite anchilosante, uveite, colangite sclerosante. Malattia infiammatoria cronica del grosso intestino interessante, con l eccezione dei casi più gravi, la tonaca mucosa e sottomucosa, inizia nel retto e si può estendere prossimalmente all intero colon.

Dettagli

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO I tumori dell occhio possono colpire l orbita, le palpebre, la terza palpebra,l apparato lacrimale, a congiuntiva la sclera la cornea, e l uvea. La diagnosi precoce

Dettagli

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO

Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia. Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Gli esami di laboratorio nel bambino con linfoadenopatia Dr Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO Il bambino con linfoadenopatia è di comune riscontro nella pratica quotidiana

Dettagli

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE CASO N 1 STORIA CLINICA SINTESI ANAMNESTICA: maschio, 69 aa., follow-up in paziente con diagnosi di neoplasia uroteliale papillare a basso grado di malignità.

Dettagli

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing)

Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo (Malattia di Cushing) Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo.

Dettagli

TUMORE PSEUDOPAPILLARE DEL PANCREAS IN

TUMORE PSEUDOPAPILLARE DEL PANCREAS IN TUMORE PSEUDOPAPILLARE DEL PANCREAS IN ADOLESCENTE S.Cacciaguerra*, G.Magro**, G.Stranieri* *U.O.C. di Chirurgia Pediatrica ARNAS GARIBALDI - Catania **Istituto di Anatomia Patologica Università di Catania

Dettagli

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Il cancro della vescica Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 La vescica La vescica La vescica è un organo cavo situato

Dettagli

Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere*

Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere* Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere* Tumori primitivi e metastasi Istogenesi Morfologia * Le neoplasie che originano dalla pelvi renale e dall uretere

Dettagli

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE LE ULCERE VASCOLARI DELL ARTO INFERIORE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 ARTO INFERIORE Struttura complessa dell apparato motorio Possiamo distinguere tre grandi aree Coscia Gamba Piede La gamba si caratterizza per problematiche

Dettagli

La biopsia prostatica

La biopsia prostatica La biopsia prostatica LA PROSTATA La prostata è una ghiandola situata nella parte più profonda del bacino, posta al di sotto della vescica ed è attraversata dall uretra (il canale che porta l urina dalla

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE

AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE AUMENTI DI VOLUME GENGIVALE Epulide: : termine clinico Aspecifico con significato topografico (sopra la gengiva) privo di connotazioni istologiche Nella pratica è stato utilizzato

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO a cura del Dr.G.antonini Quali sono i fattori rischio per il carcinoma della mammella? Il fattore rischio indica la possibilità statistica di ammalare di una

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari GROUND GLASS LESIONI ELEMENTARI Aumento della densità del parenchima polmonare con visualizzazione dei bronchi e dei vasi sottostanti: ISPESSIMENTO DELL INTERSTIZIO

Dettagli

II Università degli Studi di Napoli. Sede di Caserta A.A. 2007-2008. Carcinoma Renale

II Università degli Studi di Napoli. Sede di Caserta A.A. 2007-2008. Carcinoma Renale II Università degli Studi di Napoli Sede di Caserta A.A. 2007-2008 Carcinoma Renale Epidemiologia Massima incidenza tra la V e VII decade con progressivo incremento a partire dai 35 anni 2M:1 F Incidenza

Dettagli

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto EPIDEMIOLOGIA -E al quarto posto fra i tumori maligni nel mondo (1999); -800.000 casi diagnosticati ogni anno (World Health Association); -Incidenza

Dettagli

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N)

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N) Indice analitico A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149 classificazione, 149, 151, 152 metastasi a distanza (M), 149-153 raggruppamento in stadi, 153 sedi di metastasi, 149 sede primitiva,

Dettagli

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Nelle forme avanzate della malattia compaiono alterazioni epiteliali precancerose -DISPLASIA: : Variazioni di dimensioni, forma e orientamento delle

Dettagli

SEMEIOTICA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA

SEMEIOTICA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA TRATTAMENTI TERAPEUTICI NELLA STORIA Papiri Egizi (3000 A.C.) Ippocrate, Celso, Galeno TERAPIA MEDICA Pomate al vetriolo, caustici in genere TERAPIA CHIRURGICA La terapia cruenta, per le forme neoplastiche,

Dettagli

T. benigni: iperplasia focale nodulare, adenoma, angioma, emangioendotelioma

T. benigni: iperplasia focale nodulare, adenoma, angioma, emangioendotelioma Tumori epatici T. benigni: iperplasia focale nodulare, adenoma, angioma, emangioendotelioma T. maligni: epatocarcinoma, colangiocarcinoma, epatoblastoma, angiosarcoma Tumori secondari (50-90%) Tumori epatici

Dettagli

Ecografia del surrene

Ecografia del surrene Ecografia del surrene Metodica di studio Anatomia ecografia Quadri patologici Congresso SIEMG Up-Date Vibo Valentia 01-03 maggio 2014 Visibilità ecografia Sonde convex multifrequenza 2-5 Mhz Surrene destro

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Carcinoma spinocellulare

Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Meno frequente ma più maligno del basalioma. Insorge spesso su una precancerosi (cheratosi attinica, leucoplachia, radiodermite, ulcere croniche ecc.).

Dettagli

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia)

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia) Intro. Ectoderma Epitelio: Mesoderma 3 strati (foglietti) Endoderma Ossa primarie: o di sostituzione. Sono quelle che si formano dalla cartilagine. Ossa secondarie: o di rivestimento. Si formano direttamente

Dettagli

LESIONI FOCALI BENIGNE

LESIONI FOCALI BENIGNE Sardinian Research Group in Advanced Ultra-Sound Medical Application LESIONI FOCALI BENIGNE M. Carboni, G.Virgilio, D. Sirigu, M A. Barracciu, L. Loi, P. Cucciari, G.Campisi, V.Migaleddu. Ala Birdi, 04

Dettagli

Patologie dello scroto, del testicolo e dell epididimo

Patologie dello scroto, del testicolo e dell epididimo Patologie dello scroto, del testicolo e dell epididimo fig.1 IL TESTICOLO: quali sono le sue funzioni? Il testicolo (gonade maschile) è una ghiandola di forma ovoidale, contenuta all'interno dello scroto

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI. Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento. Caso n.

CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI. Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento. Caso n. CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento Caso n. 10 Dati clinici : In un uomo di 49 la valutazione ecografica di una neoformazione

Dettagli

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra Come funziona Patologie che possono colpirlo APPARATO ESCRETORE BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 RENI E l organo principale dell apparato escretore, costituito

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali

La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali Per veterinari, studenti, professori e professionisti del settore. CARATTERISTICHE TECNICHE Autori: José Rodríguez Gómez, Jaime Graus Morales

Dettagli

Neoplasie del Testicolo

Neoplasie del Testicolo Neoplasie del Testicolo Cellule germinali: 95% dei tumori deriva dalle cellule spermatogeniche rapidamente proliferanti del testicolo (germ cell tumors) Cellule interstiziali e stromali di supporto danno

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

Il carcinoma della prostata

Il carcinoma della prostata Il carcinoma della prostata LA STATA: che organo è? a cosa serve? dove è situata? fig.1 La prostata è una ghiandola che fa parte dell apparato genitale maschile, insieme alle vescicole seminali, le ampolle

Dettagli

Iperadrenocorticismo nel cane

Iperadrenocorticismo nel cane Iperadrenocorticismo nel cane Con il termine di iperadrenocorticismo o morbo di Cushing si definisce una patologia caratterizzata da alti livelli ematici di cortisolo. E una patologia endocrina molto frequente

Dettagli

PATOLOGIA MAMMARIA. www.mattiolifp.it

PATOLOGIA MAMMARIA. www.mattiolifp.it PATOLOGIA MAMMARIA PATOLOGIA MAMMARIA Ginecomastia: aumento del volume mammario nel maschio monolaterale / bilaterale Primaria puberale senile Secondaria da farmaci - es. digossina, tiazidi, spironolattoni,

Dettagli

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese

Patologia urinaria. IVU complicate pielonefriti. Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese Patologia urinaria IVU complicate pielonefriti coliche renali Gianesini dr. Giuseppe S.C. Urologia AO Ospedale di Circolo e Fond. Macchi Varese CLASSIFICAZIONE INFEZIONI VIE URINARIE Infezioni delle vie

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto Interventi chirurgici con il LASER in medicina veterinaria Articolo informativo per i proprietari di cani e gatti Dr. Klaus G. Friedrich Medico Veterinario Le opzioni e possibilità che offre il LASER nel

Dettagli

Apparato genitale femminile

Apparato genitale femminile Apparato genitale femminile Apparato genitale femminile gonade vie genitali OVAIO TUBA UTERINA UTERO VAGINA VULVA (genitali esterni) Gonadi Vie genitali Organi genitali esterni Proliferazione dell epitelio

Dettagli

L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale

L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale Bruno Ghiringhello* e Francesca Maletta. Anatomia e Istologia Patologica Città della Salute e della Scienza. *P.O. OIRM-S.ANNA - P.O.

Dettagli

PATOLOGIE DELLA PROSTATA NEL CANE

PATOLOGIE DELLA PROSTATA NEL CANE PATOLOGIE DELLA PROSTATA NEL CANE ANATOMIA Costituisce l unico annesso ghiandolare dell apparato genitale del cane. La prostata è situata sulle superfici dorsale e laterale dell uretra, subito dietro il

Dettagli

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico?

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? FAQ COLONPROCTOLOGIA Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? Sempre! Deve essere sempre formulata

Dettagli

ADENOMATOSI EPATICA CASO CLINICO

ADENOMATOSI EPATICA CASO CLINICO ADENOMATOSI EPATICA CASO CLINICO DEFINIZIONE L adenomatosi epatica (LA) è una neoplasia benigna piuttosto rara, descritta per la prima volta da Flejou e coll. nel 1985 come una lesione caratterizzata da

Dettagli

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di EPIDEMIOLOGIA Il tumore del polmone rappresenta la prima causa di morte per neoplasia nei paesi industrializzati. Negli USA rappresenta la principale causa di morte nel sesso maschile ed ha ormai superato

Dettagli