Genitale maschile TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO. Criptorchidismo. sono le più frequenti in cane e cavallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genitale maschile TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO. Criptorchidismo. sono le più frequenti in cane e cavallo"

Transcript

1 Genitale maschile Criptorchidismo Orchiti Neoplasie del testicolo Iperplasia della prostata Prostatiti Tumore venereo trasmissibile sono le più frequenti in cane e cavallo TESTICOLO ANOMALIE DI SVILUPPO Ipoplasia, testicoli più piccoli del normale Criptorchidismo, unica veramente importante, ritenzione a livello: addominale o inguinale, bilaterale (raro) o monolaterale (più sx che dx) suino, cavallo (Percherons, cavalli da sella americani e Quarter Horses), cane (Schnauzer nano, volpino, barboncino, Siberian Husky e Yorkshire Terrier) ma si trova un po' in tutte le specie e razze Predisposizione genetica su base anatomica o ormonale: ridotta apertura dell'anello inguinale o una scarsa lunghezza del gubernaculum testis che si oppone alla discesa del testicolo Il testicolo ritenuto va incontro a incompleto sviluppo (microrchidia) dovuto alla compressione da parte delle strutture addominali e alla temperatura più elevata rispetto a quella scrotale, colorito marrone-brunastro e consistenza molle, eventuale evoluzione sclerotica, possibile ipertrofia compensatoria del controlaterale normale. Istologicamente: numerose cellule interstiziali (iperplasia), epitelio germinale atrofico, concrementi per il disfacimento di masse di cellule desquamate (microlitiasi testicolare), spermatogenersi assente. I testicoli criptici non sono mai funzionanti, non producono spermatozoi Possibile evoluzione neoplastica, nel cane (seminomi e Sertoliomi sono 11 volte più frequenti nei criptorchidi e nel cavallo (tumori delle cellule del Leydig) frequente Possibile evoluzione flogistica, nel cavallo monorchia (presenza di un solo testicolo), anorchia (assenza dei testicoli) poliorchidismo (presenza di più di 2 testicoli), sinorchia (testicoli fusi insieme) Illustrazione 1: Cane, testicolo normale e testicolo ritenuto; tubuli seminiferi atrofici con interstizio maggiormente evidente (sclerosi) 1

2 Illustrazione 2: prevale l'aspetto atrofico; non c'è fibrosi né iperplasia intestiziale, i tubuli sono praticamente vuoti è presente soltanto lo strato basale e non c'è segno di maturazione degli spermatociti Illustrazione 3: atrofia testicolare; iperplasia delle cellule interstiziali con ORCHITE Infiammazione del testicolo Classificazione clinica: Acuta Subacuta testicolo teso (per tumefazione, dolorosa), sezione iperemica edematosa, emorragie (tutti quadri dell'infiammazione acuta), necrosi, suppurazione infiammazione inapparente, apprezzabile solo microscopicamente Cronica testicolo indurito, sclerotico, con eventuali focolai granulomatosi (irregolare alla palpazione), non è dolorosa perchè non c'è tumefazione ma solo proliferazione di tess. fibroso Classificazione anatomopatologica: 2 Orchite interstiziale, infiammazione nello spazio tra un tubulo e l'altro, tipicamente autoimmunitarie subacuta focolai linfoidi (infiltrati di linfociti) intertubulari o perivasali che secondariamente portano a degenerazione tubulare. Orchite intratubulare, tipicamente batterica infiammazione all'interno dei tubuli seminiferi, infiammazione ascendente, nella maggior parte dei casi (di solito monolaterale, c'è cmq sterilità dell'eiaculato perchè le sostanze provenienti dal testicolo malato lo devitalizzano) focolai bianco-giallastri (dati dalla fuoriuscita al taglio dell'essudato all'interno dei tubuli), singoli o multipli, a margini mal definiti, max 1 cm, divengono sodi e biancastri nella cronicizzazione. degenerazione e desquamazione tubulare evoluzione granulomatosa e/o sclerotica Orchite necrotizzante, il parenchima non è più riconoscibile (foto) grave evoluzione necrotica di forme intratubulari ascendenti o per diffusione ematogena di agenti patogeni.

3 Illustrazione 4: orchite purulenta: visibili i tubuli seminiferi dilatati con l'essudato purulento all'interno Orchiti: eziologia Orchiti batteriche aspecifiche Provocate da germi che sono presenti e frequentemente danno altre patologie in una certa specie animale Salmonella abortus equi e Streptococcus equi nel cavallo Arcanobacterium pyogenes nei bovini Pasteurella pseudotuberculosis e A. ovis negli ovini E. coli e Proteus vulgaris nel cane. Orchiti batteriche specifiche (da batteri che hanno tropismo per il testicolo o che danno lesioni caratteristiche) Orchite brucellare, molto importante perchè ha tropismo per tutto l'apparato genitale, la ritroviamo in tutte le specie, il tipo di infiammazione può essere molto variabile a seconda dell'ospite, del ceppo e della risposta immunitaria; in linea di massima da infiammazione granulomatosa ma a volte prevale l'aspetto necrotizzante toro: Brucella abortus (necrotico-purulenta o granulomatosa) (foto 5) verro: B. suis (necrotico-purulenta) ariete e becco: B. melitensis (granulomatosa) cane: B. canis, B. abortus, B. suis, B. melitensis (necrotizzante) Illustrazione 5: visibile la necrosi dei tubuli seminiferi Orchite tubercolare (foto 6) Orchite morvosa, nel cavallo Orchite pseudotubercolare, nella pseudotubercolosi dei piccoli ruminanti Orchiti parassitarie I parassiti raramente vanno a localizzarsi a livello del testicolo: da protozoi: nel morbo Tripanosoma equiperdum da macroparassiti: coitale maligno del cavallo, da Illustrazione 6: uno diffusamente interessato l'altro con piccoli focolai e ipoplastico da Strongylus negli equini criptorchidi, le larve di Strongili che si localizzano nelle arterie possono arrivare anche a livello dei testicoli, spt criptorchidi 3

4 da Mesocestoides nel cane: è un parassita estremamente raro, una piccola tenia che abita libera nel cavo peritoneale del cane e da qui tramite la vaginale può arrivare nel testicolo Orchite autoimmunitaria Orchite interstiziale a predisposizione genetica (come tutte le patologie a base autoimmunitaria) Orchiti virali Anemia infettiva equina (orchite necrotizzante) nel cavallo Cimurro nel cane Mixomatosi nel coniglio virus che determina un'alterazione di un tessuto connettivale embrionale a livello di sottocute formando delle tumefazioni e che interessa anche il testicolo Illustrazione 7: Infiammazione interstiziale Illustrazione 8: Orchite interstiziale con tubuli in degenerazione Illustrazione 9: Cell. mixoidi che producono tess. connettivo ricco di mucopolisaccaridi (rosa-lilla) NEOPLASIE DEL TESTICOLO Incidenza variabile nelle diverse specie: cane +++, cavallo +, toro +, gatto -, verro -, ariete - criptorchidismo predisponente (seminomi e sertoliomi) Le gonadi sono composte da una popolazione di cellule più indefinita rispetto agli altri tessuti e questo influenza la terminologia: di solito, la maggior parte delle neoplasie derivano o da cell. epiteliali o da cell. mesenchimali e si distinguono in benigni e maligni Per i più importanti tumori del testicolo non è prevista, nella terminologia, una distinzione tra tumori benigni e maligni perchè di solito iniziano come neoplasie benigne e vanno incontro a progressiva malignità. Si distinguono in base all'origine cellulare: DERIVAZIONE CELLULARE DENOMINAZIONE Tumori delle cellule germinali - Seminoma - Teratoma - Carcinoma embrionale Tumori gonadostromali - Tumore delle cellule del Sertoli (Sertolioma, tumore delle cellule sustentacolari) - Tumore delle cellule del Leydig (Leydigoma, tumore delle cellule interstiziali) Tumori primitivi misti - Seminoma + leydigoma + sertolioma Tumori del sistema collettore, che - adenomi ed adenocarcinomi della rete testis 4

5 sono costituiti da cell. epiteliali Altre neoplasie - Mesoteliomi: neoplasie che insorgono a livello di pleure e peritoneo, qui originano dalla vaginale che deriva dal peritoneo - Schwannomi - Leiomiomi - Mastocitomi I testicoli ritenuti hanno una possibilità di andare incontro a trasformazione neoplastica 10 maggiore rispetto ai testicoli normali. Seminoma: tipico colore giallognolo lucido, consistenza friabile (foto), raggiunge facilmente dimensioni notevoli e questo permette di diagnosticarlo più rapidamente. Illustrazione 10: Nella maggior parte dei casi i tumori testicolari determinano una notevole asimmetria apprezzabile anche all'esame esterno, rispetto all'orchite sono molto meno dolenti Da un punto di vista istologico si ritrovano 3 tipi diversi di seminoma (foto): tubulare: forma iniziale benigna, caratterizzata dalla riproduzione di strutture tubulari, da parte delle cell. neoplatiche, in cui manca il lume e la spermatogenesi; tende ad evolvere verso tubulare invasivo: l'architettura tubulare viene interrotta e si ha una strutturazione diffusa, fase in cui si hanno metastasi diffuso Illustrazione 13: Seminoma diffuso Illustrazione 11: Seminoma tubulare Illustrazione invasivo 12: Seminoma tubulare Motivo per cui si consiglia sempre l'asportazione del testicolo. Sertolioma: tumore delle cell. del Sertoli; da un punto di vista macroscopico (foto) è molto più compatto e duro alla palpazione rispetto al seminoma, presenta del tessuto fibroso che gli conferisce una strutturazione in lobuli. Da un punto di vista microscopico (foto) è analogo al seminoma: nelle fasi iniziali c'è una organizzazione in tubuli che con il tempo tende a perdersi acquisendo malignità. Le cell. del Sertoli normalmente producono estrogeni e di solito mantengono questa capacità anche nella loro trasformazione neoplastica ma con l'aumento del n di cell. la quantità di estrogeni prodotti è notevole e porta alla così detta Sindrome di femminilizzazione (nel cane): Illustrazione 14: Seminoma: cell. simili a spermatociti ma con caratteri di malignità, molto voluminose, nucleoli molto evidenti e presenza di cell. giganti multinucleate 5

6 modificazioni anatomico comportamentali (cambia il modo di urinare, i maschi tentano di montarlo, è presente ginecomastia, perdita del pelo sul ventre, pelle sottile e, soprattutto, soppressione dell'attività midollare dovuta all'interferenza degli estrogeni con l'eritropoietina grave anemia aplastica) Illustrazione 15: Grande sertolioma, possono essere anche intratesticolari, di piccole dimensioni e non dar luogo ad una evidente asimmetria dei testicoli, spesso i primi sintomi sono riconducibili alla sindrome di femminilizzazione Illustrazione 16: Leydigoma: spesso rimangono piccoli per molto tempo e insorgono al centro del testicolo per cui rilevare l'asimmetria è molto difficile Leydigoma: di consistenza molto soffice e molle, tendono ad essere di colore giallo intenso o molto rossi perchè queste cellule sono ricche di lipidi ( giallo) e molto spesso il tumore porta alla formazione di aree emorragiche ( rosso) (foto). Anche questo tumore può essere ormono-secernente ma meno spesso rispetto al sertolioma, può produrre estrogeni portando alla sindrome di femminilizzazione ma più frequentemente produce androgeni portando a sintomi meno facili da identificare Illustrazione 17: Leydigoma compatto, con cell. vacuolizzate Illustrazione 18: Leydigoma vascolare cistico, aree emorragiche, vere e proprie lacune ematiche PROSTATA 6

7 Ghiandola posta sul collo della vescica, attraversata dall'uretra prostatica, nel cane è bilobata questo fa si che problemi prostatici (aumenti di V) non si evidenzino tanto con problemi alla minzione, ma piuttosto con ostacoli alla defecazione per compressione sul retto. Dal punto di vista istologico è una gh. tubulare ramificata, con uno stoma ben rappresentato, composta da cell. batiprismatiche. Per quanto riguarda le patologie della prostata si fa riferimento principalmente al cane. Patologie degenerative CISTI piuttosto frequenti, si ritrovano anche all'esame ecografico o alla laparotomia esplorativa, possiamo distinguerle in: Cisti periprostatiche esternamente o paraprostatiche, visibili Cisti dei linfatici periprostatici, che corrono sulla capsula della prostata caratteristico colore giallo citrino (foto) Cisti periprostatiche fibrose e/o epiteliali Cisti prostatiche, interne alla prostata Cisti prostatiche epiteliali, più frequenti, derivano da dilatazioni del sistema duttale, spesso in concomitanza con iperplasia Cisti del dotto paramesonefrico, struttura embrionale che normalmente va incontro a regressione ma può permanere e dare cisti CORPORA AMYLACEA, concrezioni di natura secretoria a stratificazione concentrica, possono costituire il nucleo attorno al quale per sedimentazione possono formarsi calcoli CALCOLI ATROFIA / IPOTROFIA, diminuzione di V dovuta a: involuzione senile castrazione, estrogeni: le cell. della prostata sono molto ricche di recettori ormonali, quindi molto sensibili a variazioni METAPLASIA squamosa, (foto)dell'epitelio cubico che riveste i dotti e gli acini della prostata, diventa pluristratificato e negli strati superiori diventa appiattito; squamoso cioè con cheratinizzazione degli strati superficiali nei vitelli trattati con estrogeni anabolizzanti, tanto è vero che si fanno controlli a questo proposito come esami di screening, da confermare con un tossicologico, perché potrebbe anche essere dovuta a mangimi contaminati con micotossine ad azione ormonosimile associata ad iperplasia ed ipersecrezione stesse lesioni in ghiandole bulbo-uretrali e uretra prostatica mucosa: eccesso di produzione di muco nei cani, associata ad iperplasia IPERPLASIA aumento del numero delle cellule Se la prostata è aumentata di volume è apprezzabile già alla normale apertura dell'addome mentre di solito è necessario esercitare una certa trazione per riuscire ad evidenziarla molto frequente nel cane anziano, dopo i 6-7 anni c'è un aumento di volume variabile in tutti i cani, può provocare compressioni 7

8 influenza ormonale alterazione del rapporto androgeni/estrogeni sierici, castrazione possibile terapia per l'iperplasia semplice: arresta o rallenta la crescita iperplasia ghiandolare benigna o semplice, si osserva nelle fasi iniziali (foto) Definita come: iperplasia adenomatosa (talmente florida da sembrare una neoplasia) papillare (si solleva in piegne sostenute da un asse fibro-vascolare) dendritica (le papille di ramificano) (sollevamento dell epitelio in pieghe verso il centro degli alveoli) è un'iperplasia dell'epitelio prostatico ma può proliferare anche la componente stromale, può aumentare la produzione di secreto che, in questa situazione, ristagna a causa della compressione esercitata dallo stroma iperplastico sul lume e delle papille che lo ostruiscono. Può portare a una iperplasia complessa iperplasia complessa, riguarda sia la componente ghiandolare che mesenchimale iperplasia cistica della prostata : epitelio iperplastico che tappezza alveoli cistici (dilatati dal ristagno di secreto) e contemporaneo aumento dello stroma connettivale e muscolare liscio (foto) cisti prostatiche epiteliali accompagnata da un infiammazione cronica, dovuta a rottura delle cisti: il secreto va nell'interstizio e da infiammazione (prostatite), facilita lo sviluppo di batteri e può trasformarsi in un ascesso che può fistolizzare e dare peritonite probabile evoluzione dell iperplasia ghiandolare benigna PROSTATITE Patologia infiammatoria della prostata cane (associata ad iperplasia), toro, verro, rara nelle altre specie E. coli, Proteus, Pseudomonas, Brucella, stafilococchi, streptococchi, cimurro: non ci sono batteri specifici che diano prostatite arrivano per: via ematogena o ascendente condizioni predisponenti sono tutte quelle che provocano ristagno dell'urina o del secreto prostatico: infezioni delle basse vie urinarie, urolitiasi, neoplasie, traumi alterazioni della normale secrezione prostatica (metaplasia squamosa e iperplasia cistica) acuta (purulenta), (foto) la più frequente, i dotti sono pieni di granulociti neutrofili in autolisi cronica (apostematosa) 8 diffusa o a focolaio, aumento asimmetrico, congestione (arrossamento), zaffi purulenti (in sezione) ascessi multipli (per contaminazione batterica delle cisti prostatiche), che fistolizzano ( peritonite) o confluiscono (la prostata si trasforma in un unico grande ascesso) Rara: prostatite tubercolare granulomatosa del toro (ematogena), da tubercolosi

9 NEOPLASIE DELLA PROSTATA Importante nell'uomo, molto rara negli animali. NEOPLASIE EPITELIALI (carcinomi ed adenocarcinomi), possono determinare ristagno di urine per compressione ma di solito non invadono l'uretra (foto) nel cane (poco frequenti) età media 10 anni molto aggressive TUMORI MESENCHIMALI metastasi nel 70-80% dei casi (a linfonodi lombo-aortici e fegato e disseminazione peritoneale) ancora più rari NEOPLASIE SECONDARIE, più frequenti Linfoma in cane, gatto, bovino Invasione da carcinomi uroteliali dal collo della vescica o dall uretra prostatica Tumore venereo trasmissibile del cane (TVT - tumore di Sticker) Interessa di solito i genitali esterni sia maschili che femminili. È il primo tumore per il quale è stata dimostrata la trasmissibilità neoplasia trasmissibile del cane di istogenesi incerta (perché è molto sdifferenziato) Illustrazione 19: Carcinoma della prostata, può determinare un ristagno di urina per compressione (dilatazione degli ureteri e del bacinetto renale megauretere e idronefrosi bilaterale) cellule rotonde: derivazione istiocitaria o linfoide trasmissibile per contatto diretto per impianto di cellule tumorali vive (coito, morsi, sperimentalmente) non è trasmesso da agenti virali non è trasmissibile con filtrati acellulari, non c'è trasmissione se provoco la lisi cellulare isoantigeni dell ospite non dimostrabili sulla superficie delle cellule tumorali Sono cell. tumorali che si sono talmente sdifferenziate da diventare quasi parassiti, infatti il tumore non deriva da cell. dell'ospite ma da cell. esterne che hanno cominciato a proliferare sull'organismo ospite: gli Ag sulle cell. tumorali sono diversi (non-self) ma le cellule subiscono alterazioni cromosomiche importanti. variazioni cariotipiche costanti (58-59 cromosomi contro i 78 normali) con riarrangiamento dell oncogene c-myc localizzazioni genitali (foto) (pene, prepuzio, vagina; più frequente perché questa è la modalità di trasmissione) ed extragenitali (naso, bocca per lambimento, rar, cute e occhio per morsi da cani con localizzazioni orali), non si sa se classificarlo come benigno o maligno: può raggiungere dimensioni notevoli ma rare le metastasi, possibile molto spesso la regressione spontanea per possibile reazione immunitaria contro le cell. tumorali in quanto non-self, vengono prodotti linfociti T citotossici che provocano apoptosi nelle cell. tumorali (anche se non vengono riconosciute subito e questo da la possibilità al tumore di svilupparsi) aspetto nodulare o a cavolfiore, da pochi mm a 10 cm, crescita rapida cellule rotonde uniformi grandi, con abbondante citoplasma chiaro, grosso nucleo rotondeggiante e nucleolo prominente solitamente eccentrico, limiti cellulari poco distinti, molte mitosi: (pag ) sono simili alle cell. linfoemopoietiche (istiociti giovani o a riposo) si vede anche con 9

10 l'immunoistochimica non è né un tumore epiteliale né mesenchimale, anche se la proliferazione delle cell. avviene nel derma. Illustrazione 20: Importante sfoderare il pene perché le lesioni si possono trovare alla base o sulla punta, l'aspetto papillomatoso delle lesioni non deve far pensare a tumori epiteliali È comparso alla fine dell' 800 e si è diffuso in tutto il mondo in particolare nelle zone più calde, non si sa perché; forse il clima favorisce la sopravvivenza delle cell. nell'ambiente esterno e inoltre in questi paesi c'è meno controllo sul randagismo. Un aspetto simile ce l'ha il CARCINOMA SQUAMOCELLULARE DEL PENE del cavallo, ma a differenza del TVT è un tumore epiteliale con aspetto a cavolfiore (= tanti noduli ravvicinati); è la più comune neoplasia cutanea del cavallo e può colpire anche occhio e naso. Nelle altre specie è decisamente poco frequente. (foto) 10

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA Quaderni di dermatologia, Anno 7, n. 1, Giugno 2002 7 PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA DAVIDE DE LORENZI Medico Veterinario, Specialista in Clinica e Patologia degli Animali da Affezione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla

e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla Grande inchiesta di Dipiù sulla ghiandola più importante del corpo maschile e nella prostata il segreto della virilita : impariamo a conoscerla e a proteggerla Ha la forma di una castagna e serve a produrre

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO PATOLOGIA DEL MEDIASTINO Agostino De Francisci S.O.D. Radiodiagnostica 4- A.O.U. Careggi Anatomia del mediastino E lo spazio al centro della cavità toracica i cui limiti sono rappresentati anteriormente

Dettagli

Linee Guida per lo Screening Mammografico

Linee Guida per lo Screening Mammografico Istituto Oncologico Veneto Centro Regionale di Riferimento - Registro Tumori del Veneto Gruppo Regionale Patologi Linee Guida per lo Screening Mammografico Padova, maggio 2006 INDICE Presentazione 4 Introduzione

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino

Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Patologia delle basse vie urinarie nel gatto (FLUTD) come affrontare la diagnosi Stefano Bo, DVM, PhD, libero professionista Torino Con il termine patologia delle basse vie urinarie (FLUTD) si indica un

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Accertamento diagnostico precoce del cancro alla prostata. Un informazione della Lega contro il cancro

Accertamento diagnostico precoce del cancro alla prostata. Un informazione della Lega contro il cancro Accertamento diagnostico precoce del cancro alla prostata Un informazione della Lega contro il cancro Indice Editoriale 5 La prostata 6 Il cancro alla prostata 7 Fattori di rischio e prevenzione 9 Impressum

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli