SANCO/10229/2002 ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANCO/10229/2002 ITALIA"

Transcript

1 SANCO/10229/2002 ITALIA Piano nazionale di eradicazione della tubercolosi bovina e bufalina per l anno 2003

2 Premessa Il presente piano è stato redatto in accordo con la Decisione del Consiglio 90/638/CEE, del 27 novembre 1990, che fissa i criteri comunitari applicabili alle azioni di eradicazione e di sorveglianza di talune malattie animali. Viene seguito l ordine dei punti riportati nell Allegato I della Decisione. Poiché la Tubercolosi rappresenta anche una grave zoonosi esso rientra nei criteri di priorità stabiliti dall Unione Europea per l Anno Le Regioni che hanno approvato un piano regionale straordinario per l anno 2002 proseguiranno nell attuazione dello stesso. Eventuali aggiornamenti di tali piani regionali o nuovi piani regionali saranno trasmessi non appena disponibili. 1) Descrizione della situazione epidemiologica; Dall analisi dei dati pervenuti dalle Regioni in merito all attività di eradicazione effettuata nell anno 2001 scaturisce la situazione descritta di seguito. Il patrimonio bovino/bufalino nazionale soggetto al programma nell anno 2001 è leggermente diminuitosia per quanto riguarda gli allevamenti che i capi rispetto all anno La percentuale di controlli sugli allevamenti e sui capi è aumentata. La percentuale d infezione nazionale sugli allevamenti è diminuita discretamente ma bisogna considerare che la nuova modulistica prevede la prevalenza sul controllabile e non sul controllato come avveniva nei reports relativi agli anni precedenti. Poiché non tutte le Regioni controllano il 100% dei controllabili si spiega in parte la diminuzione registrata nella prevalenza. Buona parte delle regioni del Nord e di quelle del Centro Italia sono ormai prossime al raggiungimento degli obiettivi pianificati, salvo alcune sacche ristrette in cui persistono ancora alcuni problemi. Per quanto riguarda il Nord si segnala anzitutto la situazione del Piemonte dove durante l anno 2001 sono stati evidenziati 281 allevamenti infetti con 2605 capi positivi. L intensificazione dell attività di eradicazione prevista dal piano straordinario della Regione Piemonte mostra che la situazione è perfettamente sotto controllo e che già nel corso dell anno 2002 potranno ottenersi risultati favorevoli. Per quanto riguarda la Regione Lombardia i 14 allevamenti infetti con 447 capi infetti sono riconducibili prevalentemente alle province di Pavia e Lodi. Anche in questo caso l adozione di uno specifico piano straordinario regionale fa ritenere che tale situazione sia stata messa sotto controllo. Per quanto riguarda l Italia Centrale soltanto il Lazio ha una percentuale d infezione dello 0,43% con 48 allevamenti infetti e 351 capi positivi quasi esclusivamente concentrati nelle province di Latina e Frosinone. Tra le regioni del Sud Italia, che anche in questo caso mantengono la loro problematicità, è la Sicilia che desta le maggiori preoccupazioni: infatti con i suoi 547 allevamenti infetti da sola rappresenta più della metà della percentuale di infezione nazionale con 2225 capi positivi. Durante l anno 2001 la percentuale dei controlli sugli allevamenti in Sicilia è diminuita così come la percentuale d infezione sugli allevamenti e sui capi.

3 La stessa situazione si è verificata anche per quanto riguarda la Regione Campania che pertanto ha fatto registrare una diminuzione dei controlli con una diminuzione della percentuale d infezione. Per quanto riguarda la malattia nei bufali la situazione appare essere perfettamente sotto controllo. Grossomodo la stessa situazione si è registrata anche in Puglia. Per quanto riguarda la Regione Calabria bisogna registrare un buon aumento della percentuale dei controlli che comunque resta al di sotto del livello ritenuto soddisfacente ed una buona diminuzione della percentuale d infezione. Infine la Regione Basilicata mostra una decisa tendenza al miglioramento. Stante la suddescritta situazione possiamo distinguere: A: un area che comprende gran parte dell Italia peninsulare escluso Piemonte con percentuale di infezione compresa 0,00% e 0,5% (Bolzano, Trento, Veneto, Friuli V.G., Emilia R., Sardegna, Val d Aosta, Lombardia, Liguria Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria); B: Puglia: con percentuale d infzione del 0,65%; C: Piemonte: con percentuale d infezione compresa dell 1,66 %; D: Sicilia: con percentuale d infezione 4.08%.

4 Le seguenti mappe illustrano graficamente l andamento epidemiologico della malattia su tutto il territorio nazionale. Fig. 1: Distribuzione geografica degli allevamenti bovini in Italia anno 2001 Fig. 2: Distribuzione geografica dei capi bovini in Italia anno 2001 Fig. 3: TBC- Percentuale di allevamenti bovini controllati su controllabili in Italia anno 2001 Fig. 4: TBC- Percentuale di capi bovini controllati su controllabili in Italia anno 2001

5 Fig. 5: TBC- Percentuale di allevamenti bovini positivi sui controllati in Italia anno2001 Fig. 6: TBC- Percentuale di capi bovini positivi sui controllati in Italia anno2001 Fig. 7: TBC- Percentuale di allevamenti bovini Ufficialmente Indenni sui controllabili anno2001

6 Si precisa che per la compilazione delle suddette mappe la prevalenza è stata calcolata riferendosi al numero di tutti gli allevamenti infetti rinvenuti nell anno rapportati al patrimonio controllato e non al patrimonio che beneficia del programma così come previsto dagli allegati alla Decisione 322/2000/CE a cui si rimanda per ulteriori elementi di valutazione. 2) Analisi dei costi e degli utili previsti Il programma di eradicazione, integralmente basato sulla applicazione del decreto ministeriale 592/95, prevede costi specifici, relativi al pagamento delle prestazioni effettuate dai medici veterinari liberi professionisti, al pagamento delle disinfezioni dei locali delle aziende infette e all indennizzo agli allevatori per gli animali abbattuti nel corso delle operazioni di risanamento. Visto l' ordinamento giuridico ed economico del Servizio Sanitario Nazionale, tutte queste spese gravano sugli stanziamenti del Fondo Sanitario Nazionale. La quota di tale fondo spettante alle singole regioni viene accreditata alle stesse di anno in anno in forma indistinta, vale a dire che la somma totale viene utilizzata per il funzionamento dell'intero Servizio sanitario regionale (la Regione distribuisce a sua volta la somma alle singole ASL territoriali), di cui il servizio veterinario rappresenta solo una parte minima. Per quanto riguarda la parte delle spese finanziate dalla Comunità, il piano di eradicazione prevede, per l' acquisizione della qualifica sanitaria, due tubercolinizzazioni, mentre per il mantenimento è sufficiente un unico controllo annuale. Il numero di controlli è naturalmente più elevato nelle aziende riscontrate infette, che devono essere pertanto risanate e riqualificate. I Piani straordinari possono prevedere l uso del test del gamma interferone. La stima dei costi complessivi previsti per l' anno 2003 è indicata nell Informazione Finaziaria per il 2003 in allegato. A causa di difficoltà tecniche nella raccolta dei dati da parte delle singole Regioni è stato possibile fornire soltanto la somma complessiva prevista per ogni singola voce di spesa. Alcune Regioni hanno trasmesso dati incompleti mentre altre hanno inserito anche altre voci di spesa. Ulteriori distinzioni saranno fornite su richiesta alle autorità della Commissione. La stima degli utili è implicita nel raggiungimento dello standard sanitario previsto dal piano e dai benefici che ne derivano, considerato anche che la tubercolosi è una zoonosi che determina l esclusione dai circuiti commerciali degli animali infetti. Con l'aumento della percentuale delle aziende accreditate, aumenterà la possibilità di valorizzazione dei prodotti; sarà favorita la movimentazione di animali e loro prodotti. 3) La durata prevista del programma e lo scopo da raggiungere alla scadenza Il programma è annuale, 2003, con i seguenti scopi: - il proseguimento e l'intensificazione delle misure di polizia sanitaria e profilassi della tubercolosi bovina e bufalina; - l'intensificazione dell'azione di risanamento degli allevamenti infetti, al fine dell ottenimento della qualifica di ufficialmente indenne; - il mantenimento della qualifica di ufficialmente indenne per gli allevamenti che hanno già raggiunto tale obiettivo. L' obiettivo previsto e possibile per l' anno 2003 prevede il raggiungimento dei requisiti per l'acquisizione (o, se del caso, il mantenimento) della qualifica di territorio ufficialmente indenne

7 da brucellosi bovina e bufalina nelle regioni del Centro Nord e il contenimento dell 'infezione nel restante territorio nazionale unitamente al raggiungimento di un livello ottimale di attivatà in particolare per quanto riguarda la il Sud e la Sicilia. 4) Designazione di una autorità centrale, incaricata del controllo e del coordinamento dei servizi competenti per l attuazione del programma -Ministero della Salute: è l' organo centrale del Servizio sanitario nazionale, preposto alla funzione di indirizzo e programmazione in materia sanitaria, alla definizione degli obiettivi da raggiungere per il miglioramento dello stato di salute della popolazione, e alla determinazione dei livelli di assistenza da assicurare a tutti i cittadini in condizioni di uniformità, sull'intero territorio nazionale. La Direzione Generale Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione ha competenze, tra l altro, sul settore della Sanità Animale. Al conseguimento degli obiettivi concorrono: - Assessorati Regionali alla Sanità: rappresentano le strutture preposte all' organizzazione, sul proprio territorio, dei servizi e delle attività destinate alla tutela della salute; provvedono inoltre alla programmazione degli interventi da compiere, coordinando l'azione delle A.S.L. e verificandone l'operato; -Aziende Sanitarie Locali (A.S.L.), rappresentano le unità operanti sul territorio; esse provvedono ad assicurare i livelli di assistenza nel proprio ambito territoriale attraverso i propri servizi. Dipendono amministrativamente e finanziariamente dalle Regioni, pur godendo di ampia autonomia gestionale. -Istituti zooprofilattici sperimentali: sono enti sanitari di diritto pubblico dotati di autonomia gestionale ed amministrativa, che rappresentano lo strumento tecnico ed operativo del Servizio sanitario nazionale, in particolare per quanto riguarda la sanità animale, il controllo della salubrità e qualità degli alimenti di origine animale, l'igiene degli allevamenti e il corretto rapporto tra insediamenti umani, animali e l' ambiente. Ogni I.Z.S. provvede, tramite prove interlaboratorio tra la sede centrale e le sezioni diagnostiche provinciali, ad assicurare l'uniformità della diagnosi della Tubercolosi sul territorio di competenza. L 'Istituto superiore di sanità organizza prove interlaboratorio tra i dieci I.Z.S. presenti in Italia. Con decreto ministeriale del 4 ottobre 1999, presso l Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Brescia è stato istituito il Centro di referenza nazionale per la Tubercolosi da M.bovis. Ulteriori informazioni sul Ministero della Salute, ed in particolare sulla Direzione Generale Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione possono essere reperite consultando il sito /www.sanita.it. 5) Descrizione e delimitazione della zona geografica ed amministrativa in cui sarà applicato il programma Il programma sarà applicato sull intero territorio nazionale tenendo conto delle differenze epidemiologiche evidenziate nelle diverse aree del paese. I piani regionali straordinari già approvati per l anno in corso, se del caso, saranno prorogati. Eventuali nuovi programmi straordinari regionali saranno inviati ai servizi della Commissione appena disponibili.

8 6) Obbligo di dichiarare la presunzione o la conferma di un caso o di un focolaio di malattia nella zona interessata L 'obbligo di denuncia, oltre ad essere previsto dal D.M. 592/95, è sancito, anche per il solo sospetto d'infezione, dall'art. 2 del R.P.V. n.320 dell'8 febbraio E' considerato infetto da Tubercolosi l'allevamento in cui uno o più capi risultino aver contratto l' infezione sia a seguito di positività ai test diagostici, sia a seguito di segnalazioni di lesioni tubercolari al macello.. I contravventori all obbligo di denuncia, anche in caso di sospetto, sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 516,46 a Euro 2582,28 (Art 264 del TT.UU.LL.SS. così come da ultimo modificato dalla L. 2 giugno 1988, n. 218, art. 6) Le regole generali per la corresponsione degli indennizzi agli allevatori, in caso di abbattimento degli animali infetti, sono descritte al successivo punto 13. Bisogna specificare che il contributo erogato dallo Stato non copre l'intero valore di mercato degli animali. La normativa che prevede la concessione dell indennizzo agli allevatori, specifica che, in caso di accertata violazione delle norme sul risanamento della tubercolosi, l'indennizzo stesso non venga corrisposto (D.M. 4 giugno 1968). 7) Le procedure di controllo stabilite nel programma, in particolare le norme relative ai movimenti degli animali suscettibili di essere colpiti o contagiati da una determinata malattia e quelle relative al regolare esame delle aziende o delle zone interessate Ai sensi del D.M. 592/95, è previsto l'obbligo di registrazione delle aziende oggetto del piano e la successiva redazione di un elenco da parte dei Servizi veterinari delle Aziende Sanitarie Locali competenti per territorio. Inoltre, con l' entrata in vigore del D.P.R. 317/96, ogni allevatore deve obbligatoriamente registrare la propria azienda presso la A.U.S.L. competente per territorio, che assegna un apposito codice di identificazione. Ciascun allevatore detiene una scheda di stalla (copia del Mod. 2/33) nella quale vengono registrate le operazioni di controllo effettuate. Copia di tale scheda è inoltre conservata e aggiornata presso gli archivi dei Servizi veterinari. La movimentazione dei bovini, ad esclusione dell'invio alla macellazione, è consentita esclusivamente ai soggetti provenienti da allevamenti ufficialmente indenni da tubercolosi scortati dalla rispettiva modulistica nonché dal Mod. 4 che viene compilato in quattro copie. In tutti i casi che non prevedono direttamente l invio al macello degli animali il veterinario ufficiale compilerà la sezione E Attestazione sanitaria prevista dal modello 4 con l indicazione della data dell ultimo controllo effettuato sugli animali e sull allevamento di provenienza, nonché la qualifica sanitaria dell allevamento di provenienza. In casi di irregolarità sono previste sanzioni. Inoltre, il D.M. 592/95 prevede prevede l'obbligo della esecuzione di una tubercolinizzazione, da praticarsi nell'azienda di destinazione, entro 15/42 giorni dalla partenza dalla azienda di origine Per quanto riguarda il sistema di epidemiosorveglianza previsto dall'art. 14 della Direttiva 64/432/EEC, occorre far notare che, a tutt'oggi, non è stato ancora emanato il provvedimento che prevede la sua attuazione. L Autorità Centrale ha allo studio un progetto legislativo per una più completa applicazione della Direttiva 64/432/EEC.

9 8) Un sistema di registrazione delle aziende interessate dal programma Le norme riguardanti il sistema di registrazione degli allevamenti e delle aziende sono contenute nel D.P.R. 317/96 (recepimento della Direttiva 92/102/EEC), nel DPR 437/2000 che ha recepito il Regolamento 820/97/EEC, e nel Regolamento CE 1760/2000. Tale sistema di Identificazione e Registrazione è composto dai seguenti elemnti: a) Codici identificativi individuali degli animali; b) Documenti identificativi (passaporti) per gli animali; c) Registri tenuti presso ciascuna azienda; d) Banca dati informatizzata. Il Ministero della Salute ha provveduto alla messa a disposizione della rete del Sistema informativo sanitario (S.I.S. ) alle Aziende ASL e alle Regioni, in modo da poter veicolare i dati sul patrimonio bovino e bufalino alla banca dati centrale prevista dall' art. 5 del Reg. 820/97. Il D. Interministeriale del 31 gennaio 2002 prevede che i responsabili degli stabilimenti di macellazione comunichino alla Banca Dati Nazionale, e contestualmente alle Banche Dati Regionali, per via informatica, tutti i dati relativi ai capi macellati. 9) Misure che permettano di individuare l'origine degli animali L' attuale sistema di identificazione e registrazione dei bovini (D.P.R. 317/96 e DPR 437/2000 attuazione del Regolamento CEE 820/97 abrogato dal Reg. CEE 1760/2000 e D. Interministeriale del 31 gennaio 2002 Disposizioni in materia di funzionamento dell anagrafe bovina ) consente, tramite la documentazione identificativa dell animale (Cedola identificativa e il Documento di identificazione individuale per la specie bovina detti anche passaporti) nochè il codice identificativo individuale del capo (Marche auricolari) di risalire all' allevamento di origine e tenere traccia degli spostamenti cui è stato sottoposto il capo. Inoltre, per la movimentazione degli animali è sempre obbligatoria la compilazione del modello 4 in quattro copie, previsto dall' articolo 31 del Regolamento di polizia veterinaria, contenente le informazioni necessarie per l'identificazione delle aziende di origine e di destinazione, le matricole individuali degli animali da movimentare, il loro stato sanitario, le generalità del trasportatore. Il Ministero della Salute, di concerto con altre Amministrazioni, sta predisponendo apposito Manuale operativo per la definizione delle procedure di attuazione del D. Interministeriale del 31 gennaio 2002 Disposizioni in materia di funzionamento dell anagrafe bovina per la definizione delle norme tecniche in materia di registrazione ed identificazione degli animali della specie bovina e bufalina. Prima di dar inizio alle operazioni di attuazione del programma in ogni azienda il Veterinario Ufficiale provvederà a verificare la rispondenza delle informazioni contenute nella Banca Dati Nazionale circa quell azienda e, in caso di difformità evidenziate (mancate registrazioni, ecc), farà in modo che la Banca Dati Nazionale sia tempestivamente aggiornata. 10) Qualifiche sanitarie delle aziende Le aziende devono raggiungere la qualifica di ufficialmente indenne. Per il riconoscimento di tale requisito tutti i capi presenti in azienda devono essere esenti da manifestazioni cliniche di tubercolosi, tutti gli animali di età superiore alle sei settimane devono aver presentato esito

10 negativo a due prove diagnostiche ufficiali praticate ad un intervallo non inferiore a sei mesi, e per il mantenimento della qualifica, devono essere controllati ogni anno con una prova analoga. Possono essere introdotti solo animali provenienti da allevamenti ufficialmente indenni da tubercolosi che devono essere sottoposti con esito negativo ad una tubercolinizzazione nell'allevamento di destinazione. Le province sono dichiarate ufficialmente indenni da tubercolosi bovina qualora tutti gli allevamenti presenti nel loro territorio sono sotto controllo ufficiale ed il 99,8% degli allevamenti risulta ufficialmente indenne durante l' anno; una Regione è dichiarata ufficialmente indenne qualora tutte le sue province siano in possesso della qualifica. Per quanto riguarda le movimentazioni stagionali per motivi di pascolo, alpeggio e transumanza, il D.M. 592/95 unitamente al D.M. 13 novembre 2000 prevede che possano spostarsi per tali motivi solo allevamenti in possesso della qualifica di indenne da tubercolosi 11) Definizione dei metodi di analisi, prove e campionario in funzione della malattia La tubercolinizzazione praticata in Itali risponde alle disposizioni della Direttiva 64/432/CEE. In genere, viene utilizzata la prova singola. Le tubercoline in Italia vengono prodotte dagli Istituti zooprofilattici di Teramo e Perugia, e il laboratorio di medicina veterinaria dell 'Istituto Superiore di Sanità è responsabile della standardizzazione e dei controlli di qualità sui lotti prodotti. Accanto alla tubercolinizzazione, ai fini di accelerare l individuazione di animali infetti all interno del focolaio, e quindi al fine di ridurre i tempi per la chiusura dello stesso, si può ricorrere al test del gamma interferone applicato secondo quanto previsto dal Protocollo allegato al presente programma. Per gli allevatori che non collaborano al programma è prevista l'esecuzione forzata delle operazioni con costi a totale carico degli stessi (art. 21 del D.M. 592/95). Particolare importanza riveste la sorveglianza al macello per quanto riguarda soprattutto gli animali da ingrasso. Per la raccolta di dati alla macellazione ordinaria si utilizzi la scheda di Rilevazione dati al macello all uopo predisposta e allegata al presente programma. 12) Misure di polizia sanitaria nei confronti degli allevamenti risultati infetti Si applicano tutte le misure previste dal Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con DPR 320/54 in particolare agli art. 102, 103,104 e dal D.M. 592/95, art. 8. Negli allevamenti in cui sono stati riscontrati capi infetti è previsto che venga effettuata un accurata indagine epidemiologica da parte del veterinario ufficiale in collaborazione con l I.Z.S. territorialmente competente e l Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale. All uopo si utilizzera la modulistica appositamente predisposta di cui all allegata Scheda Rilevazione dati in un focolaio. Il flusso dei dati informativi seguirà lo schema previsto dall allegato Schema di flusso informativo. L insorgenza del focolaio ai Servizi di igiene pubblica dell ASL territorialmente competente rappresenta un obbligo previsto dal Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con DPR 320/54 all art. 5. Viceversa i Servizi di igiene pubblica dell ASL territorialmente competente comunicheranno ai Servizi veterinari dell ASL ogni caso di insorgenza di Brucellosi nell Uomo. All uopo si utilizzerà la modulistica appositamente predisposta di cui all allegato Segnalazione di casi di zoonosi negli animali.

11 Negli allevamenti in cui sono stati riscontrati capi infetti questi ultimi devono essere isolati, marcati e allontanati sotto vincolo sanitario a esclusivo scopo di macellazione entro 30 giorni, in via eccezionale può essere concessa proroga fino a non oltre 90 giorni. Si ribadisce la necessità dell isolamento e della sorveglianza circa la sua efficacia e corretta attuazione al fine di liitare il più possibile l estendersi dell infezione. In caso di difficoltà per la macellazione o per la vendita delle carcasse, qualora queste ultime siano state destinate al libero consumo, le Autorità Regionali attueranno ogni procedura consentita al fine di garantire il rispetto dei tempi previsti per la macellazione dei capi infetti. Inoltre è prevista l'effettuazione di prove diagnostiche in altri allevamenti qualora si riscontri una correlazione epidemiologica con quello infetto. Il latte degli animali infetti o sospetti deve essere raccolto separatamente e destinato esclusivamente all'alimentazione animale, previo trattamento termico; secondo le disposizioni del D.P.R. 54/97 (recepimento della Direttiva 92/46/EEC) il latte degli animali sani può essere conferito solo per la produzione di latte e prodotti a base di latte trattati termicamente. Dopo l' eliminazione degli animali infetti, il Servizio veterinario competente per territorio dispone l applicazione di appropriate misure igieniche di pulizia e disinfezione. Le disinfezioni devono riguardare il letame, che deve essere rimosso dalla stalla, disinfettato e conservato almeno cinque mesi prima del suo utilizzo; le strutture mobili ed immobili delle aziende, che devono essere pulite e disinfettate utilizzando le apposite unità mobili di disinfezione; al termine della disinfezione viene rilasciato un apposito certificato comprovante l' avvenuta effettuazione delle operazioni. Il ripopolamento è consentito dopo che i bovini superiori alle sei settimane rimasti nell'azienda infetta hanno reagito negativa ente ad almeno due prove diagnostiche ufficiali, la prima delle quali effettuata a meno 42 giorni dopo l' allontanamento dell'ultimo capo infetto. E' prevista la possibilità di sospendere, e non revocare, la qualifica di indenne ad allevamenti in cui sia stata riscontrata una sola positività diagnostica. Tale sospensione è possibile se il capo infetto è allontanato e macellato entro otto giorni, e la qualifica viene riacquisita se i restanti animali dell' allevamento di età superiore alle sei settimane reagiscono negativamente a due prove ufficiali, di cui la prima praticata non prima di due mesi dall allontanamento del capo reattivo, la seconda dopo sei settimane. I contravventori alle disposizioni di cui al regolamento di Polizia Veterinaria, ai sensi dell art. 358 del TT.UU.LL.SS., così come da ultimo modificato dal D.L.vo 22 maggio 1999, n. 196, art.16, sono puniti,, con la sanzione amministrativa da Euro 1549,37 a Euro 9296,22, salvo che il fatto costituisca reato. 13) Indennità di abbattimento: Gli allevatori, per aver diritto alle indennità di abbattimento previste, devono presentare le relative domande entro 60 giorni dalla macellazione dell'ultimo capo infetto alla Azienda U.S.L. competente per territorio. Qualora le indennità non vengano corrisposte senza giustificati motivi entro 9 giorni dalla data di presentazione della domanda, sono dovuti gli interessi legali maturati. Il valore degli indennizzi è stabilito e viene aggiornato annualmente dal Ministero della Salute, previa verifica dei valori di mercato, di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole (Legge 296/81, art. 6). Il ricavato della vendita dell'animale macellato viene corrisposto all'allevatore o al commerciante che lo ha acquistato.

12 La legge 218/88, inoltre, prevede delle maggiorazioni (sino ad un massimo del 40% dell'indennizzo da corrispondere) nel caso in cui l' abbattimento riguardi una elevata percentuale di soggetti. Infine, nei casi in cui la situazione epidemiologica sia valutata di difficile risoluzione, è prevista la possibilità di abbattere ed indennizzare l intero effettivo dell'allevamento. Questo tipo di operazioni tengono proposte dal Servizio veterinario competente ed autorizzate dall'autorità regionale, previo parere favorevole dell'i.z.s. competente per territorio, con informazione al Ministero della Salute. E necessario che le Regioni e le Autorità Sanitarie Locali pongano in atto tutte le misure utili al fine di rispettare i tempi massimi previsti per l erogazione degli indennizzi agli allevatori. 14) L'impegno dell'autorità di cui al punto 4 di informare in modo regolare ed adeguato i servizi della Commissione. Il Ministero della Salute in base alle cadenze stabilite dalla normativa comunitaria comunicherà codesta ai servizi della Commissione Europea tutte le informazioni utili circa l andamento del programma eradicazione. Al fine di consentire al Ministero della Salute di soddisfare il debito informativo nei confronti dell Autorità Comunitaria le Regioni e le singole ASL si impegneranno a fornire alla Direzione Generale Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione,- Ufficio VI di questo Ministero tutte le informazioni richieste secondo le modalità e i tempi previsti da apposite disposizioni diramate dalla Direzione Generale stessa.

13 TBC: Schema di flussi informativi per la sorveglianza epidemiologica ALLEVAMENTO Mod. 4 Mod. 2/33 Mod. 9/33 MACELLO Mod. 2/33 Mod. 8/33 Mod. 9/33 Scheda rilevamento dati in un focolaio Mod. 9/33 Mod. 10/33 Scheda rilevamento dati al macello (allegata ai campioni) ASL Servizi veterinari IZS Scheda rilevamento dati in un focolaio Mod. 1 Mod. 2/33 Mod. 9/33 Mod. 10/33 Riepiloghi periodici Relazione annuale sull andamento del piano Scheda rilevamento dati al macello Esiti accertamenti diagnostici REGIONE Servizi veterinari OERV Riepiloghi periodici attività risanamento Comunicazione abbattimento animali negativi MINISTERO DELLA SALUTE Relazione annuale sull andamento del piano

14 REGIONE Az ULSS DIPARTIMENTO PER LA PREVENZIONE SETTORE VETERINARIO Al Responsabile del Servizio Igiene Pubblica dell Az.ULSS SEGNALAZIONE CASI DI ZOONOSI NEGLI ANIMALI (art. 5 DPR 320/54) MALATTIA DENUNCIATA SPECIE ANIMALE N SOGGETTI DATA DENUNCIA DENOMINAZIONE AZIENDA PROPRIETARIO (Cognome e Nome) VIA LOCALITA COMUNE PROV. IDENTIFICAZIONE AGENTE EZIOLOGICO NON EFFETTUATA EFFETTUATA PROVVEDIMENTI ADOTTATI DATA IL RESPONSABILE

15 REGIONE Az ULSS DIPARTIMENTO PER LA PREVENZIONE SETTORE IGIENE PUBBLICA Al Responsabile del Servizio Veterinario dell Az.ULSS Al Settore Veterinario Assessorato alla Sanità SEGNALAZIONI DI CASI DI TUBERCOLOSI E BRUCELLOSI NELL UOMO CASO DI: TUBERCOLOSI BRUCELLOSI COGNOME E NOME ETA PROFESSIONE DOMICILIO VIA LOCALITA COMUNE PROV. IDENTIFICAZIONE AGENTE EZIOLOGICO NON EFFETTUATA EFFETTUATA ESITO: ORIGINE ANIMALE: ACCERTATA PRESUNTA DESCRIZIONE DELL ORIGINE: SEDE DELLE LESIONI (PER TBC): POLMONARE EXTRAPOLMONARE PROVVEDIMENTO ADOTTATI: DATA IL RESPONSABILE

16 TUBERCOLOSI BOVINA / BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO

17 DR... Recapito telefonico.... A.S.L. n... Data.../.../... Allevamento TIPOLOGIA INSEDIAMENTO Stalla di sosta Codice identificazione azienda (DPR 317/96) Denominazione azienda... Proprietario Via/località n... Comune... Prov.... Data denuncia di malattia infettiva:.../.../. allegare mod.1 allegare mod.2/33 STATO SANITARIO DELL ALLEVAMENTO PRIMA DEL RILIEVO DEL FOCOLAIO 1) UFFICIALMENTE INDENNE: SI Conferimento qualifica data.../.../... Ultima prova tubercolinica negativa data.../.../... NO Precedente positività allergica: data.../.../... n. capi controllati... n. capi positivi.... 2) RILIEVO NEGLI ULTIMI 24 MESI DI CAPI POSITIVI O DUBBI ALL INTRADERMOREAZIONE: NO n. capi controllati.. SI data.../.../... n. capi positivi (allegare mod. 2/33) n. capi dubbi.... 3) RILIEVO NEGLI ULTIMI 24 MESI DI CAPI CON LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE RIFERIBILI A TBC: NO SI data.../.../... (allegare mod.10/33 O.M. 2/1/93) Conferma di laboratorio: NON EFFETTUATA EFFETTUATA ESAME ISTOLOGICO ESAME IMMUNOISTOCHIMICO ESAME COLTURALE Esito:..... Esito:..... Esito:..... Altro (specificare): 2

18 DATI RELATIVI ALL ALLEVAMENTO O STALLA DI SOSTA 4) INDIRIZZO PRODUTTIVO Riproduzione Latte Riproduzione carne Ingrasso Misto (linea vacca-vitello) (latte + ingrasso) 5) ANIMALI DA RIPRODUZIONE Vacche n... Manze n... Tori n... Vitelli (età<12 mesi) n... Bufale n... Vacche nutrici n... Annutole (1) n.. Tori bufalini n... Vitelli/e bufalini (2) n... 6) ANIMALI DA CARNE NO Vitelli a carne bianca n... SI Vitelli in svezzamento n... Vitelloni n... Annutoli (3) n ) ALTRI ANIMALI NO SI Ovini n... Caprini n... Suini n... Cani n... Gatti n... Altre specie... Libero accesso ai locali d allevamento NO SI specie Libero accesso ai locali di stoccaggio alimenti NO SI specie ) RIMONTA Interna Esterna Provenienza: Nazionale Regione... Provincia... Estera Stato... Regione... (1) Dallo svezzamento al primo intervento fecondativo. (2) Dalla nascita allo svezzamento. (3) Dallo svezzamento a 24 mesi. 3

19 9) STABULAZIONE Vacche : Libera Fissa Mista Manze: Libera Fissa Mista Bufale: Libera Altro... 10) MODALITÀ DI SMALTIMENTO DEIEZIONI Concimaia tradizionale Fertirrigazione Depurazione in vasconi Altro... 11) PASCOLO NO Interno all allevamento SI Brado Alpeggio Indicare le località ed il periodo in cui il pascolo è stato utilizzato prima dell insorgenza del focolaio: Località Comune Prov. dal al ) ADOZIONE DI MISURE SANITARIE Isolamento degli animali di nuova introduzione dal resto dell effettivo, in locali separati (quarantena): sempre spesso talvolta mai Tutto pieno / tutto vuoto: sempre spesso talvolta mai 4

20 Disegnare schematicamente una mappa relativa alla disposizione dei vari locali di allevamento, segnando al loro interno la distribuzione dei diversi gruppi di animali. Indicare inoltre: l eventuale presenza di paddocks esterni e recintati; l ubicazione, rispetto all azienda, di eventuali allevamenti confinanti specificandone la tipologia. Canali d'irrigazione e fonti d'acqua superficiali 5

21 DATI SUL MOVIMENTO DEGLI ANIMALI 13) INTRODUZIONE DI ANIMALI (DOPO L ULTIMA PROVA ALLERGICA NEGATIVA) Introduzione da altri allevamenti, stalle di sosta commercianti: NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2).... Provenienza: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via...N... Comune...Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../ Data:.../.../... Marca auricolare (1)..... Categoria (2)... Provenienza: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via...N... Comune...Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../ Data:.../.../... Marca auricolare (1)... Categoria (2)... Provenienza: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via...N... Comune...Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... (1) Per gli allevamenti da ingrasso indicare la consistenza della partita di appartenenza dei soggetti riscontrati positivi. (2) Vacca Manza Toro Vitellone Vitello (< 12 mesi) / Bufala Annutola Toro bufalino Annutolo Vitello bufalino. (3) Per gli animali provenienti dall estero è sufficiente indicare il paese e la regione di provenienza dei capi introdotti. 6

22 Introduzione da fiere o mercati: NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Provenienza: Fiera Mercato Comune......Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Provenienza: Fiera Mercato Comune......Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Provenienza: Fiera Mercato Comune......Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Provenienza: Fiera Mercato Comune......Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Provenienza: Fiera Mercato Comune......Prov... A.S.L... Animali introdotti scortati da Mod.D NO SI Prova di scambio (art. 12, DM 15/12/95 n. 592) NO SI data:.../.../... (1) Per gli allevamenti da ingrasso indicare la consistenza della partita di appartenenza dei soggetti riscontrati positivi. (2) Vacca Manza Toro Vitellone Vitello (< 12 mesi) / Bufala Annutola Toro bufalino Annutolo Vitello bufalino. 7

23 14) USCITA DI ANIMALI (DOPO L ULTIMA PROVA ALLERGICA NEGATIVA) Vendita ad altri allevamenti - stalle di sosta: NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Destinazione: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via...N Comune......Prov... A.S.L... Animali venduti scortati da Mod.D NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2) Destinazione: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via...N Comune......Prov... A.S.L... Animali venduti scortati da Mod.D NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)..... Destinazione: Stalla di sosta Allevamento Denominazione azienda (3). Proprietario... Codice Via......N..... Comune......Prov... A.S.L... Animali venduti scortati da Mod.D NO SI (1) Per gli allevamenti da ingrasso indicare la consistenza della partita di appartenenza dei soggetti riscontrati positivi. (2) Vacca Manza Toro Vitellone Vitello (< 12 mesi) / Bufala Annutola Toro bufalino Annutolo Vitello bufalino. (3) Per gli animali provenienti dall estero è sufficiente indicare il paese e la regione di provenienza degli animali introdotti. 8

24 Uscita verso macelli: NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)... Nome macello...codice Comune......Prov... A.S.L... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)... Nome macello...codice Comune......Prov... A.S.L... Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)... Nome macello...codice Comune......Prov... A.S.L... Uscita verso fiere/mercati/esposizioni: NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)... Comune....Provincia... Destinazione : Fiera Mercato Esposizione Animali scortati da Mod.D NO SI Data:.../.../... Marca auricolare (1) Categoria (2)... Comune.....Provincia... Destinazione : Fiera Mercato Esposizione Animali scortati da Mod.D NO SI (1) Per gli allevamenti da ingrasso indicare la consistenza della partita di appartenenza dei soggetti riscontrati positivi. (2) Vacca Manza Toro Vitellone Vitello (< 12 mesi) / Bufala Annutola Toro bufalino Annutolo Vitello bufalino. 9

25 CONTATTI CON ANIMALI SELVATICI 15) PRESENZA DI ANIMALI SELVATICI NELLE AREE IN PROSSIMITÀ DELL ALLEVAMENTO NO SI Erbivori (caprioli, cervi, camosci ecc.) Mustelidi (tassi, faine ecc.) Cinghiali Volpi Altro ) OSSERVATO CONTATTO DIRETTO DEI SELVATICI CON I BOVINI/BUFALINI NO SI CONTATTI DIRETTI CON ALTRI ALLEVAMENTI (promiscuità/contatto dei capi dell allevamento con animali appartenenti ad altre aziende) NO SI Tipo di contatto: pascolo alpeggio azienda confinante fiera mercato altro.. Denominazione azienda... Proprietario Codice Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI Tipo di contatto: pascolo alpeggio azienda confinante fiera mercato altro.. Denominazione azienda... Proprietario Codice Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI 10

26 NO SI CONTATTI INDIRETTI CON ALTRI ALLEVAMENTI Tipo di contatto: mezzi di trasporto in comune ; scambi di alimenti ; attrezzature ; liquami ; contatti con altre specie animali di allevamenti diversi ; personale (manodopera, tecnici mangimistici, veterinari) ; pascoli ; luoghi di abbeverata ; aziende confinanti (1) ; altro (specificare)... Denominazione azienda... Proprietario Codice Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI Tipo di contatto: mezzi di trasporto in comune ; scambi di alimenti ; attrezzature ; liquami ; contatti con altre specie animali di allevamenti diversi ; personale (manodopera, tecnici mangimistici, veterinari) ; pascoli ; luoghi di abbeverata ; aziende confinanti (1) ; altro (specificare)... Denominazione azienda... Proprietario Codice Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI ALTRI ALLEVAMENTI DELLO STESSO PROPRIETARIO NO SI Codice identificazione azienda (DPR 317/96) Denominazione azienda... Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI Codice identificazione azienda (DPR 317/96) Denominazione azienda... Via......N... Comune... Prov A.S.L Ufficialmente indenne da tubercolosi NO SI (1) Riportare tale dato solamente in caso di reale possibilità di contatto indiretto con gli animali di tale/i azienda/e. 11

27 STATO SANITARIO DEL PERSONALE DI STALLA 17) LIBRETTO SANITARIO Regolare Non regolare Non richiesto Note:... 18) ULTIMA PROVA ALLERGICA E/O SCHERMOGRAFIA PROVA ALLERGICA Data.../.../... Esito... Non noto SCHERMOGRAFIA Data.../.../... Esito... Non noto 19) CASI DI TUBERCOLOSI NELL UOMO: NO SI Persone ammalate Anno (1) Età (2) Personale di stalla Familiari Altre persone (specificare) ANAMNESI PATOLOGICA DELL ALLEVAMENTO 20) SINTOMATOLOGIA RIFERIBILE A TBC CLINICAMENTE MANIFESTA: NO SI In atto al momento della visita Segnalata dal veterinario aziendale 21) ALTRE PATOLOGIE PRESENTI IN ALLEVAMENTO: NO SI Patologia/e: In atto al momento della visita Segnalata dal veterinario aziendale Terapie effettuate: ) L ALLEVAMENTO INFETTO È STATO INDIVIDUATO Con il test tubercolinico (Allegare mod. 2/33) Al macello (Allegare mod. 10/33) Osservazioni: Il Veterinario... (1) Anno in cui è stata fatta la diagnosi. (2) Età della persona al momento della diagnosi. 12

28 TUBERCOLOSI BOVINA / BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI AL MACELLO

29 DR... Recapito telefonico... A.S.L. n... Data.../.../... MACELLO... N TEL.... VIA... COMUNE... PROV.... ANIMALI PROVENIENTI DA ALLEVAMENTO INFETTO (marcati con T ) NO (Allegare mod. 10/33 O.M. 2/1/93) SI Allevamento: Codice identificazione azienda (DPR 317/96) Denominazione azienda... Proprietario... Via... N... Comune... Prov.... A.S.L.... NUMERO E TIPO DI ANIMALI ESAMINATI VITELLI N VITELLI BUFALINI(1) N VITELLONI N ANNUTOLI(2) N TORI N TORI BUFALINI N MANZE N ANNUTOLE(3) N VACCHE IN PRODUZIONE N BUFALE IN PRODUZIONE N VACCHE DA RIFORMA N BUFALE DA RIFORMA N N N (1) Dalla nascita allo svezzamento. (2) Dallo svezzamento a 24 mesi. (3) Dallo svezzamento al primo intervento fecondativo. 2

30 REPERTO ISPETTIVO N. animali esaminati N. animali con lesioni tubercolari Vitelli N N Vitelloni N N Tori N N Manze N N Vacche in produzione N N Vacche da riforma N N.. N N Vitelli bufalini N N Annutoli N N Tori bufalini N N Annutole N N Bufale in produzione N N Bufale da riforma N N.. N N IN PRESENZA DI LESIONI SOSPETTE: MATERIALE PATOLOGICO DA PRELEVARE (1) (anche in caso di reperto anatomo-patologico negativo) A) ORGANI SEDE DI LESIONE (2) Evitare di incidere a fondo i siti di lesione per non compromettere l esito dell esame colturale (possibile inquinamento del campione) IN APPARENTE ASSENZA DI LESIONI RIFERIBILI A TBC: A) TONSILLE B) LINFONODI : C) POLMONE RETROFARINGEI MANDIBOLARI TRACHEOBRONCHIALI MEDIASTINICI MESENTERICI EPATICO - MESENTERICI (NEI VITELLI) SUB - ILIACI (1): I campioni confezionati singolarmente in contenitore sterile a tenuta ed identificati con etichetta riportante il n di matricola dell animale e natura dell'organo contenuto, devono essere inviati nel più breve tempo possibile alla vicina Sezione dell Istituto Zooprofilattico, avendo cura di mantenerli a temperatura di refrigerazione. Se l invio non è effettuabile entro 12 ore dal prelievo, è necessario suddividere il campione in due aliquote, una delle quali da sottoporre a congelamento (esame colturale), e la seconda da congelare o fissare in formalina al 10% (esame istologico). (2): Inviare al laboratorio, in ogni caso, le lesioni tubercolari o similtubercolari riscontrate in sede ispettiva 3

31 Contrassegno Identificazione (marca auricolare) Organi colpiti Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci... Tipo di lesione (3) Lesioni aspecifiche (4) Organi / Sangue prelevati Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Tonsille Ln. retrofaringei Ln.tracheobronchiali Ln. Mediastinici Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue Ln. mesenterici Ln. epatici Ln. sub-iliaci Sangue (3) Tipo di lesione : 1- complesso primario, 2- generalizzazione acuta miliare, 3- generalizzazione protratta, 4- forma organica cronica evolutiva, 5- collasso delle resistenze generali, 6- nessuna lesione apparente (NVL). (4) Descrivere le eventuali lesioni non riconducibili all infezione tubercolare ma a patologie in grado di generare false positivita : 1 - Paratubercolosi, 2 - Distomatosi, 3- Actinogranulomatosi, 4-Elmintiasi gastro-int., 5- Lesioni da corpo estraneo, 6- Cisticercosi / idatidosi, 7- Granuloma di Roeckl, 8- Ectoparassitosi, 9- Nocardiosi, 10- Dermatite nodosa, 11- Altro (specificare). 4

32 SPAZIO RISERVATO ALLA SEZIONE DIAGNOSTICA I.Z.S. Numero di registro sezione:. Contrassegno Identificazione (marca auricolare) Esami di laboratorio effettuati Osservazioni DATA DI INVIO ALL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO.../.../... SEDE CENTRALE SEZIONE DI... Il Veterinario... 5

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU)

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Sesso Data e luogo di nascita Nazionalità ALEX NANNI alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) Italiana

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 12 maggio 2006 - Deliberazione N. 593 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320. Regolamento di polizia veterinaria. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954

D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320. Regolamento di polizia veterinaria. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954 D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320 Regolamento di polizia veterinaria pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954 Testo aggiornato a dicembre 2006 [Le competenze dell'alto Commissario per

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 D ordine del Direttore generale dr. Mario Guarany, si comunica che ai sensi dell articolo 30 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli