L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA"

Transcript

1

2

3 Ricerca elaborata da VIANO ALESSANDRA CROCE ROBERTA Classe V Sezione D Liceo Classico Ginnasio CAMILLO BENSO di CAVOUR Anno Scolastico Docente: SEGNAN FULVIO Viaggio d istruzione Oggetto della Ricerca: L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA

4 INDICE DELLA RICERCA L ANFITEATRO ROMANO pag. 4 ALTRI ANFITEATRI IN ITALIA pag. 5 L ARENA DI VERONA pag. 8 GLI SPETTACOLI pag. 11 NAUMACHIE pag. 13 VENATIONES pag Gli animali cattura, trasporto, custodia pag. 16 I GLADIATORI pag La posizione sociale dei gladiatori pag Le giornate degli spettacoli pag. 21 BIBLIOGRAFIA pag. 22

5 L ANFITEATRO ROMANO L anfiteatro è un edificio tipico dell'antichità classica destinato per lo più ad ospitare combattimenti tra gladiatori e con belve. A Roma i primi anfiteatri furono in legno e soltanto per opera di Augusto fu realizzato un edificio in pietra che andò distrutto nell'incendio di Nerone. Questa nuova forma di costruzione acquistò ben presto una notevole fama e fu realizzata anche in molte città di provincia. Tra i maggiori anfiteatri giunti fino a noi ricordiamo, oltre al celebre Anfiteatro Flavio, meglio conosciuto come Colosseo, a Roma, quelli di Pozzuoli e di Verona. L'impianto dell'anfiteatro si basa in genere sulla forma dell'ellisse, ma può cambiare a seconda dell'importanza della città e del numero degli spettatori. L anfiteatro aveva sedili disposti a gradinate attorno a uno spazio centrale chiamato arena, in cui si tenevano gli spettacoli, che non era lastricata ma coperta di sabbia ed era costituita poi da una cavea destinata agli spettatori e divisa in moeniani il primo dei quali forma il podium. Come per i teatri le separazioni interne erano divise in baltei mentre i vomitoria servivano per assicurare l'uscita degli spettatori verso l'esterno. Lungo l'asse mediano dell'arena si aprivano le fauces mentre, a differenza dei teatri, apparivano verso il centro dell'arena gli spoliaria e le carceres. Nei primi venivano deposti i gladiatori colpiti, negli altri quelli che si accingevano a partecipare allo spettacolo. Al centro dell'arena erano ricavati alcuni locali sotterranei destinati a racchiudere le fiere in attesa di essere sollevate sul piano dell'arena da una specie di montacarico guidato da funi e carrucole. Sotto l'anfiteatro si trovano i sotterranei, destinati a ospitare i gladiatori, gli animali e gli apparati scenici; quelli in cui si svolgevano le naumachie erano forniti anche di un impianto idraulico. L Arena di Verona fotografata da una veduta aerea Link all'anfiteatro flavio

6 ALTRI ANFITEATRI IN ITALIA In Italia sono presenti molti anfiteatri; eccone alcuni esempi: L'anfiteatro di Pompei è il più maestoso degli edifici pompeiani; esso era destinato allo svolgimento dei giochi gladiatori e di quelli venatori. Esso poteva contenere oltre spettatori grazie alle gigantesche dimensioni di 135 per 104 metri. Il più famoso e il più bell'anfiteatro del mondo romano è l'anfiteatro Flavio, più noto dal medioevo come Colosseo. Esso sorse nei primi anni del regno dell imperatore Vespasiano (fu iniziato nel 72) e fu terminato dal figlio Tito.

7 L'anfiteatro maggiore rimasto sempre in vista durante il medioevo, è quello di Pozzuoli, che fu usato a lungo come cava di pietre da costruzione e sistematicamente spogliato. Ha inoltre subito una sorte simile al Colosseo, ovvero fece da sfondo alle persecuzioni cristiane. L anfiteatro di Capua è per dimensioni il secondo al mondo dopo il Colosseo. Esso risale al I secolo d.c. e nel corso degli anni fu usato come fonte di materiali da costruzione. Parti di esso sono conservate a Capua presso il Museo Campano.

8 L anfiteatro di Catania, un grandioso monumento romano, è uno dei più grandi d'italia, ed è nascosto quasi interamente sotto le moderne costruzioni. I lavori per riportarlo alla luce furono iniziati nel 1904.

9 L ARENA DI VERONA La più celebre costruzione romana a Verona è l'arena, un anfiteatro romano e più precisamente quello meglio conservato fra quelli italiani, inferiore per dimensioni soltanto al Colosseo e all'anfiteatro di Capua. Il termine Arena deriva dal latino arena, ae che significa sabbia, la quale veniva usata per coprire l area dove si svolgevano i giochi e gli spettacoli. L interno dell Arena Sebbene sia noto che l Arena fu edificata durante il I secolo d. C. storici e architetti non sono ancora concordi nel definire la data precisa della sua costruzione. Per costruire l Arena in modo così forte e duraturo, i Romani scavarono una depressione profonda circa due metri rispetto al livello della strada e stesero fondamenta di cemento per formare la base. Per garantire un adeguato drenaggio fu progettato un complesso sistema di fognature: si tratta di fogne di grandi dimensioni, circa due metri d altezza e di varia larghezza, costruite con ciottoli legati con malta. La loro copertura fu ottenuta con lastroni di pietra.

10 Il prospetto curvilineo esterno aveva originariamente tre ordini di arcate intercalate da lesene (pilastri lievemente sporgenti da un muro, con funzione ornamentale) di ordine tuscanico; di questo prospetto restano soltanto quattro delle settantadue campate (1) a causa del terremoto del 21 maggio 1117 che causò il crollo dell anello più esterno del quale è rimasta solamente un ala sul lato nordovest del monumento. Il materiale forse più usato nella costruzione dell Arena è la cosiddetta pietra veronese : questo tipo particolare di pietra proveniva da S. Ambrogio di Valpolicella nei pressi di Verona e fu anche utilizzata per erigere le porte della città e altri monumenti risalenti al I secolo d.c. La cavea, ovvero l insieme delle gradinate riservate agli spettatori, era in origine conclusa da un loggiato, una sequenza di logge, edifici aperti su uno o più lati con pilastri o colonne, al livello del terzo piano della facciata; a queste nel 1628 furono aggiunte due logge di cui una è recentemente crollata. Ci sono 45 file di gradini marmorei dell auditorium che hanno un altezza media di 45 centimetri e sono formate da un blocco di pietra spesso 40 metri. Ogni colonna ha una pianta quadrata di due metri di lato. (1) una campata è una parte di costruzione compresa tra due sostegni Particolare dell Arena

11 Le arcate si aprivano su un corridoio di circa quattro metri e mezzo di larghezza che correva lungo il livello del secondo anello. Questo corridoio disponeva di passaggi e scale che conducevano fuori ed era coperto alla sommità in modo da permettere agli spettatori di sedersi con facilità sui gradoni e di ripararsi dalla pioggia e dal sole. Come era consuetudine per gli spazi ludici anche l'arena era fuori dalla scacchiera e dalla prima murazione laterizia (di mattoni) che la cingeva; soltanto più tardi fu compresa nel circuito delle mura in blocchi di pietra che l'imperatore Gallieno, sotto la spinta dell'invasione alemanna, fece costruire nel 265 d. C. Particolare dell Arena

12

13 GLI SPETTACOLI In origine l Arena era adibita alle gare ginniche, ai giochi di cacce, di lotta, di combattimenti, di belve. In principio gli spettacoli dei gladiatori, o munera (da munus, termine dal significato originario di offerta sacrificale e propiziatoria), non erano altro che crudeli cerimonie funebri, celebrate con il rito del sacrificio umano sulla tomba del defunto per placare l ira degli dèi infernali; probabilmente avevano origine etrusca e furono importati a Roma nel periodo repubblicano. Il primo spettacolo del genere risale al 264 a. C., ma i munera furono istituiti ufficialmente soltanto nel 105 a.c. Gli spettacoli erano annunciati alla popolazione con volantini e con delle scritte sui muri degli edifici pubblici e privati. Nei giorni che precedevano i combattimenti, mentre la gente si preparava al grande avvenimento, i gladiatori, organizzati in familiae (compagnie), rifinivano nella caserma la preparazione affidata alle cure deidoctores (istruttori), sotto la supervisione del lanista, una figura losca di allenatore tutto fare che si occupava dell addestramento e dei relativi proventi. Solo a Roma questi furono sostituiti da funzionari imperiali. Gli spettacoli dei gladiatori avevano inizio con l ingresso nell anfiteatro della pompa, la solenne processione che apriva i giochi; l uno dopo l altro sfilavano i suonatori di corno e di tromba, i simulacri di divinità e gli inservienti con le armi dei gladiatori, controllate poi in una cerimonia solenne (la probatio armorum, l ispezione delle armi). Seguivano i gladiatori che, dopo alcuni esercizi di scherma, davano inizio al combattimento vero e proprio. A partire dal II secolo le venationes (cacce) cominciarono a diventare più frequenti dei combattimenti dei gladiatori, fino a sostituirli quasi interamente nel tardo impero. E raffigurata una venatio.

14 L impegno finanziario e di tempo necessario per l organizzazione di sontuosi spettacoli che duravano diversi giorni e vedevano susseguirsi in campo moltissime coppie di gladiatori, belve, condannati a morte, giocolieri, era notevole. Tra panelli con scudi appoggiati a erme maschili; è raffigurata una scena di caccia di fiere con un leone che aggredisce un cervo. È proprio negli anfiteatri che l immaginazione popolare rappresenta i supplizi dei cristiani nel periodo delle persecuzioni, divenute sistematiche intorno al III secolo: per quanto riguarda Verona non si hanno però notizie sicure circa tale utilizzazione dell Arena. L affermazione del Cristianesimo concorse comunque al graduale abbandono dei munera e delle venationes; ma nonostante l imperatore Costantino nel 325 arrivasse a condannare questi cruenti spettacoli con un decreto e anche gli antichi autori cristiani tuonassero con accesa veemenza contro l immoralità degli spettacoli pagani, il popolo ne era attratto in maniera così morbosa che essi cessarono solamente nel 405, quando furono definitivamente proibiti dall imperatore Onorio. In età medioevale era soprattutto la giustizia ad offrire occasioni di spettacolo, sia con l esecuzione delle condanne capitali, sia coi duelli giudiziali, che consistevano nell affidare alle armi la risoluzione di una controversia con il vantaggio di offrire uno spettacolo gradito alla folla, sia con il giudizio di Dio, in cui l accusato, per dimostrare la propria innocenza, doveva superare una difficile prova, come estrarre un oggetto da una caldaia d acqua bollente, o portare per un certo tratto con le mani nude un ferro incandescente. Nei secoli successivi l Arena non fu mai espressamente abolita ma per molto tempo essa venne usata per manifestazioni solo di tanto in tanto e in circostanze ufficiali. Nel l Arena serviva alla nobiltà per tenervi tornei: il tipo di spettacoli più frequente nel Seicento. Gli spettacoli più popolari rimasero comunque le cacce dei tori, in cui il toro doveva misurarsi contro dei cani addestrati. La prima recita datasi nell anfiteatro fu la Merope del Maffei, un poeta tragico nativo proprio di Verona, messa in scena nel Nel 1822 il Congresso di Verona offrì alla città uno spettacolo unico per durata e per varietà: una grande coreografia, con uno spettacolo musicato e diretto da Gioacchino Rossini, con un esibizione di cavalieri in costumi antichi.

15 L Arena si accingeva quindi ad assolvere compiti di più alto impegno sociale, come avvenne il 19 novembre 1866 quando riunì il popolo veronese in festa per l annessione del Veneto all Italia. Dal XVIII secolo in avanti le rappresentazioni teatrali divennero tipiche. La prima rappresentazione del Festival fu data il 10 agosto 1913, con la rappresentazione dell Aida di Giuseppe Verdi. L'opera in Arena è ormai un appuntamento tradizionale poiché Verona è la capitale mondiale della lirica dal 1913, anno in cui si è celebrato per la prima volta il festival che ogni anno si rinnova. Non bisogna certo dimenticare la danza. La stagione lirica dell Arena porta a Verona mezzo milione di persone all anno: esse vengono da tutta l Europa e da tutto il mondo. NAUMACHIE Dal greco naumachia, risalente da nau%v nave e maéch battaglia, la battaglia navale. È un genere di spettacolo che riproduce un combattimento navale. Lo inventarono i Romani all epoca di Cesare e continuarono a praticarlo fino al III secolo d. C. Erano spettacoli cruenti che si svolgevano in appositi anfiteatri, ed anche all interno dell Arena, con la partecipazione di gladiatori e di condannati a morte e altre volte con veri marinai e soldati. Le naumachie erano battaglie navali riprodotte in un apposito bacino che poteva essere riempito d'acqua. Questi spettacoli erano costosissimi, poiché le navi erano complete in tutte le loro parti. Le naumachie spesso intendevano riprodurre famose battaglie storiche, come quella dei Greci che batterono i Persiani a Salamina: si dovevano seguire le fasi della vera battaglia, ed il pubblico si

16 esaltava alle manovre dei soldati e alla vista delle macchine da guerra. Gli archeologi moderni sostengono che le naumachie furono abbandonate poiché erano necessari molti preparativi per riempire l arena di acqua ad una altezza sufficiente (circa 1,5 m) per potervi far galleggiare le navi.

17 VENATIONES All'inizio, le venationes si tenevano solitamente al mattino, come introduzione e complemento ai combattimenti gladiatori, che si iniziavano nel pomeriggio. In ogni caso, nell'ultimo periodo della repubblica, le cacce divennero uno spettacolo a sé stante, che iniziava nel pomeriggio e talvolta durava per giorni. Ogni tipo di bestia feroce (elefanti, orsi, tori, leoni, tigri) era catturato in tutto l'impero, trasportato alle loro diverse destinazioni e tenuto sino al giorno dello spettacolo. Il numero di animali uccisi è stupefacente: gli storici raccontano di migliaia di bestie uccise in una sola giornata. Negli scritti che ci hanno lasciato diversi autori possiamo affermare che le venationes si distinguono tra le grandi cacce spettacolari e le cacce mattutine che divennero abituali. All'inizio gli animali erano incatenati, ma successivamente furono lasciati liberi, tanto che si dovettero costruire delle difese particolari per la sicurezza del pubblico. I venatores (che erano schiavi, criminali o anche uomini sotto contratto, e che erano considerati socialmente ad un livello ancora inferiore a quello dei gladiatori) ricevevano una speciale preparazione nei ludi, come i gladiatori, probabilmente nel ludus matutinus, il cui nome potrebbe provenire proprio dall'usanza di tenere le cacce al mattino. I venatores proteggevano le braccia e le gambe con strisce di cuoio, e qualche volta difendevano il petto con una placca metallica, o indossavano una armatura. Essi erano divisi in categorie a seconda del ruolo svolto nello spettacolo.

18 Il rischio che i venatores correvano era notevole: essi potevano essere sbalzati in aria da un toro, essere sbranati da un leone, ed alcuni incontri lasciavano ben poche possibilità di sopravvivenza. L'elemento comune a tutte le venationes era la presenza di animali; ciò non significava necessariamente che venissero massacrati, ed infatti potevano svolgere anche altri ruoli: Cesare, ad esempio, fu il primo a portare una giraffa a Roma; Augusto mise in mostra animali esotici e strani, inviati a questo scopo dai governatori delle province. Tuttavia la normale caccia prevedeva che le bestie combattessero l'una contro l'altra o contro degli uomini. Gli esperti distinguono due specie molto diverse divenationes: quella in cui uomini armati combattevano contro bestie selvagge, ed un altra nella quale dei condannati a morte erano gettati alle bestie senza alcuna difesa. Le venationes finivano di solito con uno spettacolo di animali ammaestrati, come nei circhi odierni.

19 Gli animali cattura, trasporto, custodia. La passione dei Romani per le venationes determinò un notevole traffico commerciale le cui ramificazioni si estesero addirittura oltre i confini dell Impero e che coinvolgeva migliaia di persone nelle fasi dello smistamento, del trasporto e della custodia. Tutti i magistrati di Roma, per ottenere un certo favore dalla popolazione, volevano avere sempre a disposizione un gran numero di animali per le venationes. I governatori delle province svolgevano spesso il ruolo di intermediari. Grazie alle lettere di Cicerone sappiamo che i magistrati, per reperire gli animali necessari, avevano a disposizione poco più di un anno per affidare l incarico ad un governatore che si occupava, mandando lettere, di ordinare la cattura di un determinato numero di animali. Egli però non doveva occuparsi personalmente del trasporto, ma il magistrato che voleva allestire la venatio inviava al governatore del personale incaricato di organizzare la spedizione. C erano, inoltre, a Roma dei liberi imprenditori impegnati nel traffico regolare di reperimento ed invio degli animali.

20 LA CATTURA. I cacciatori professionisti, coloro che tendevano le trappole, erano considerati individui asociali. È probabile che i dipendenti dal procurator, incaricati di provvedere alla cattura e al trasporto, utilizzassero proprio cacciatori professionisti, stipulando accordi con i commercianti in animali selvatici, dai quali acquistavano le bestie. I metodi più usati per la cattura erano la rete e la gabbia con esca. Spesso i felini venivano spinti verso un luogo circoscritto da reti tese dietro una barriera di rami; dei cacciatori brandivano delle torce che venivano agitate in direzione degli animali che, essendo accerchiati, venivano spinti dentro la rete. Per catturare leoni e leopardi si usavano le fosse ricoperte di rami. Veniva messa vicino un esca, solitamente un capretto o un agnello, o uno stesso cucciolo di leopardo: il leone o il ghepardo, attratti, si avvicinavano e cadevano nella fossa collegata ad una gabbia che, una volta chiusa, veniva sollevata dal terreno. Per quanto riguarda gli orsi, venivano inseguiti e stanati grazie ai cani e venivano catturati con reti o fosse. Anche le pantere e i ghepardi erano catturati grazie a fosse in alternativa all uso di stordirli con colpi di forconi o tridenti, mentre i tori, decisamente molto pericolosi, potevano essere catturati esclusivamente grazie a fosse. Molti animali, soprattutto leoni, tigri ed elefanti, si lasciavano addomesticare abbastanza facilmente. IL TRASPORTO. Il viaggio dal luogo di cattura durava mesi grazie a tragitti marini, terrestri e fluviali. Il trasporto via terra veniva effettuato su carri trainati da buoi o da muli. Gli animali erano rinchiusi in gabbie diverse a seconda della loro indole e della loro dimensione: ci sono gabbie con i fianchi rinforzati da barre metalliche a forma di X e chiodi per gli animali più forti, ma c erano anche gabbie più semplici dotate di un solo pannello mobile e prive di rinforzi per gli animali di indole più pacifica. Inoltre le casse erano distinte in due gruppi: quelle per la cattura e altre per il trasporto. Il trasporto via mare si svolgeva con navi delle quali non si sa molto: non sempre esse erano fornite di vele, ma è certo che venivano usate navi a remi per il trasporto di bestie feroci ed inoltre per la mancanza di una flotta mercantile statale bisognava usare navi di proprietà privata. I viaggi per via marina erano solitamente i più lunghi, poiché c era rischio di naufragio: bisognava avere il vento favorevole e c era il rischio che la nave rimanesse molto tempo in balia delle tempeste e che alcune casse si aprissero lasciando quindi liberi gli animali; di regola, inoltre, la navigazione di notte si interrompeva. LA CUSTODIA. Scarse sono le testimonianze sulla custodia e sui punti di raccolta degli animali catturati ma si parla di vivaria e dell utilizzo di una parte della struttura portuale. Ilvivarium era, letteralmente, un recinto dove si nutrono in cattività le bestie feroci : secondo le fonti i vivaria pubblici (c erano anche quelli privati) erano situati, a Roma, lontano dal Senato, dalle aule di giustizia, poiché si temeva la rottura delle gabbie e la fuga degli animali: dunque dovevano essere lontani dai luoghi densamente frequentati anche se, tenendo in considerazione i frequenti incidenti, queste norme di sicurezza non venivano sempre rispettate. Per quanto riguarda il controllo degli animali, le coorti urbane erano adibite alla difesa della città, quindi alla sorveglianza della residenza dell imperatore e di conseguenza, degli animali. Tutto ciò era anche compito dei pretoriani, che si occupavano degli animali già dal momento dello sbarco, o arrivo via terra, e la loro funzione si esauriva il giorno delle venationes: accompagnavano il corteo che la mattina dello spettacolo si avviava all anfiteatro, col compito di difendere i senatori e i cittadini. Fra gli addetti agli animali emergevano poi figure quali il procurator ad elephantos o l adiutor ad feras.

21 I GLADIATORI I gladiatori erano per lo più schiavi, prigionieri di guerra, criminali condannati a morte; ma a volte anche uomini liberi, figli di nobili famiglie rovinate, in cerca di notorietà e ricchezza. La disciplina e la vita di caserma era talmente crudele da spingere spesso i gladiatori al suicidio. In più le celle dove alloggiavano erano buie e sporche. L unica consolazione era il cibo, accuratamente confezionato secondo precise ricette, al fine di aumentare la massa muscolare. Ma i gladiatori riuscirono a accumulare ricchezze incredibili. I gladiatori erano divisi nelle seguenti classi: - THRAECES caratterizzati dalle seguenti armi: l elmo munito di lophos a forma di grifone, e la breve spada ricurva. Indossano inoltre gli schinieri, una manica al braccio destro e un piccolo scudo rettangolare. - RETIARII: il loro è un abbigliamento inconfondibile. Non indossano armi difensive eccezione fatta per il galeus, ovvero una placca metallica fissata sulla spalla sinistra, e una manica sullo stesso braccio. Le sue armi sono la rete, il tridente e una breve spada. - EQUITES che appaiono raramente e solo nel rilievo in stucco del monumento pompeiano attribuito a A. Umbricius Scaurus. Sono vestiti di una tunica, un elmo emisferico a tesa circolare e talvolta di protezioni per le gambe. Armi offensive sono la lancia e una spada abbastanza lunga ma priva di punta. Sono riconoscibili anche in assenza dei cavalli poiché sembra che aprissero il munus. Probabilmente lo scontro era simile a quelli medioevali: dopo un primo scontro a cavallo, durante il quale si utilizzavano le lance, e dopo che queste si erano spezzate, proseguivano a terra con l ausilio di spade.

22 Rilievo in stucco con rappresentazione di equites dalla tomba pompeiana cosiddetta di A. Umbricio Scauro.

23 - SAGITTARII categoria rara che combatteva con archi e frecce. Questa classe è attestata in un unico monumento. - ESSEDARII classe di origine gallica che combatteva su carri e di cui non è stata ritrovata alcuna immagine figurata. - VELITES armati alla leggera, quindi privi di armi difensive e anche di questi non sono rimaste raffigurazioni. - PROVOCATORES, SECUTORES, CONTRARETIARII, tre classi analoghe che venivano opposte ai RETIARII. - SPATHARII caratterizzati dalla spatha, lunga spada diversa dal gladium. - MURMILLONES descritti come gladiatori opposti ai THRAECES, armati di un elmo, un lungo scudo rettangolare, un ocrea alla gamba sinistra e una manica al braccio destro. L arma offensiva è il gladio. - OPLOMACHI dei quali non abbiamo testimonianze. Per quanto riguarda i gladiatori del periodo precedente alla riforma augustea, la documentazione figurata permette di rilevare una maggiore varietà dell armamento. Inoltre si può stabilire una precisa evoluzione delle armi, particolarmente evidente nel caso degli elmi che permette anche di precisare la cronologia dei documenti figurati.

24 Particolare del rilievo pompeiano con giochi gladiatori: scena di combattimento tra un oplomachus e un murmillo.

25 La posizione sociale dei gladiatori. La condizione giuridica dei gladiatori era varia. Molti dovevano essere prigionieri di guerra, come è dimostrato dal fatto che alcuni tipi di armatura erano designati con il nome dei popoli vinti. I più numerosi però dovevano essere gli schiavi: mentre alcuni di essi erano venduti, altri erano riservati alla vita da gladiatore. Per questi ultimi la legge prescriveva, in caso di manomissione da parte del padrone, il conseguimento di una libertà personale, ma sottoposta a forti restrizioni. Non dovevano mancare i liberti, ovvero gli schiavi liberati. Certamente vi erano, però, anche uomini di nascita libera, addirittura senatori, cavalieri e i loro familiari che amavano scendere nell arena. A questo proposito ricordiamo anche l imperatore Commodo, bramoso di cimentarsi nel Colosseo. Solitamente i gladiatori indicati solo con il cognome erano schiavi, ma non possiamo escludere che alcuni avessero abbandonato il loro nome originario per assumere un nome di battaglia. Un particolare gruppo è quello degli auctorati, che sono stati per molto tempo disprezzati poiché erano considerati uomini liberi che hanno sangue in vendita, come diceva Livio, ovvero erano uomini liberi che spontaneamente diventavano gladiatori e che rinunciavano, per tutto il tempo del contratto, ai loro diritti di cittadini dietro compenso. I gladiatori, acquartierati in caserme, costituivano nel loro insieme una familia. Il reclutamento avveniva, come per i soldati, intorno ai anni e la carriera da gladiatore difficilmente superava i 30, certamente anche per i rischi della loro professione, ma bisogna ricordare che la durata media della vita non era molto più lunga. Pochi erano i gladiatori che potevano vantare un numero di pugnae superiore a venti, e da ciò si deduce che non scendessero nell arena più di due volte l anno. Ricordiamo le trentasei vittorie ottenute da Massimo a Roma. Il pubblico richiedeva atleti freschi e ben allenati: questo necessitava di uno scambio frequente di uomini, non potendo mandare sul campo sempre gli stessi che, superata una certa età, sarebbero diventati inadatti. Per quanto concerne la formazione di una famiglia, alcuni gladiatori riuscivano a sposarsi già durante il servizio, mentre era difficile che avessero dei figli. I gladiatori avevano un discreto patrimonio economico ed avevano al loro seguito schiavi e liberti. Il rapporto tra gladiatori e divinità era solitamente di raccomandazione da parte dei lottatori per avere un buon esito nella lotta: venivano venerate divinità della guerra come Marte, della forza fisica, quali Ercole e della caccia, come Diana. La figura del gladiatore ha sempre suscitato sentimenti contrastanti: c era chi ammirava questi uomini che mettevano a repentaglio la loro vita per la vittoria, la gloria e il successo, ma c era anche chi li disprezzava poiché si esibivano in pubblico per denaro. Quasi come nelle moderne partite calcistiche, anche negli spettacoli gladiatori c erano i tifosi che talvolta provocavano veri e propri disordini sociali.

26 Le giornate degli spettacoli Per quanto riguarda l organizzazione degli spettacoli gladiatori, essa partiva da una grande promozione basata, spesso, su annunci dipinti sui muri delle città. Per avere dei gladiatori ci si poteva rivolgere al lanista, un impresario che aveva sempre a disposizione uomini addestrati: questo reclutava i gladiatori, li addestrava e li metteva a disposizione. Alla vigilia del munus (spettacolo) l editore offriva ai gladiatori che avrebbero partecipato la cosiddetta cena libera, cioè aperta al pubblico in modo tale che quest ultimo potesse esaminare da vicino i concorrenti e valutare le eventuali scommesse. La giornata di spettacoli aveva inizio con la pompa, un solenne corteo: nell arena sfilavano il magistrato editore preceduto dai littori, i musicisti che avevano il compito di accompagnare tutto lo spettacolo, ed infine i gladiatori. In età augustea si delimitò come dovesse essere la giornata-tipo del munus: al mattino avevano luogo la venatio e degli spettacoli di intrattenimento che potevano consistere in esecuzioni capitali dei condannati (damnatio ad bestias). Il munus vero e proprio si svolgeva nel pomeriggio. Assieme al munus venivano offerti anche banchetti, distribuzioni pubbliche di carne e talvolta anche spettacoli teatrali. Il combattimento vero e proprio è regolato dalla lex pugnandi: prima del combattimento c era la prova delle armi, la preparazione delle punizioni per i gladiatori che si sarebbero battuti male: queste punizioni generalmente consistevano in frustate o punizioni col fuoco. Per quanto riguarda l esecuzione dei gladiatori perdenti, essa non era il motivo principale che spingeva la popolazione ad assistere ad un duello, bensì i combattimenti erano oggetto di ammirazione per la forza, il coraggio, la destrezza e la bravura dei gladiatori. Vengono poi distribuite le armi e ha luogo la prolusio, ovvero gli esercizi di riscaldamento. A questo punto tocca all editore dare l avvio ai combattimenti. Essi possono essere sine missione, cioè fino alla morte di uno dei due contendenti. Il contendente può chiedere la missio durante la quale un arbitro deve impedire che l avversario colpisca colui che ha fatto la richiesta. La folla, col suo comportamento influenza l editore che può decidere se accettare o rifiutare la missio: in quest ultimo caso il gladiatore è messo a morte. Il pubblico, come si può quindi capire, era uno dei protagonisti della giornata, infatti poteva contestare la decisione dell editore e talvolta influenzarlo. La damnatio ad bestias era compiuta o al mattino o subito prima dei combattimenti pomeridiani dei gladiatori: i condannati erano principalmente prigionieri di guerra: essi avevano le mani legate dietro la schiena e venivano spinti verso le fiere da uomini addetti. Questi cruenti spettacoli erano resi appassionanti e sempre diversi grazie al comportamento imprevedibile degli animali, a paesaggi artificiali creati con l uso di massi, alberi e cespugli che dovevano ricostruire l ambiente naturale di origine delle belve. Accanto a questi supplizi c era anche la vivicombustione nella quale i condannati venivano vestiti con tuniche purpuree impregnate di materiale infiammabile: essi dovevano ballare mentre degli addetti davano fuoco alle vesti e ai colpevoli stessi. A contornare tutto lo spettacolo negli anfiteatri, il personale di servizio era travestito: i personaggi più raffigurati erano gli dèi (specialmente Mercurio o Poseidone).

27 BIBLIOGRAFIA Cap. L anfiteatro romano - enciclopedia multimediale Utet S.P.A., 2001 alla voce "anfiteatro" - enciclopedia multimediale Omnia Istituto Geografico De Agostini alla voce "anfiteatro" Cap. Altri anfiteatri in Italia - enciclopedia multimediale Omnia Istituto Geografico De Agostini - Cap. L Arena di Verona - Utet S.P.A., dizionario della lingua italiana Zingarelli Zanichelli alle voci "campata", "lesena", "cavea", "loggia". - Cap. Gli spettacoli - da - da Grande Enciclopedia GE20 Istituto geografico de Agostini Novara; libro XIII "naumachia" pag Sangue e Arena ed. Electa capitolo I - -

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI INTRODUZIONE Come sapete, il 29 aprile, ci recheremo in visita alle saline di Cervia. La nostra classe svolgerà un percorso

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE.

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. Storia della Navigazione sui Laghi Maggiore, Garda e Como IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. La produzione di energia attraverso l'uso del vapore, fu

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli