L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA"

Transcript

1

2

3 Ricerca elaborata da VIANO ALESSANDRA CROCE ROBERTA Classe V Sezione D Liceo Classico Ginnasio CAMILLO BENSO di CAVOUR Anno Scolastico Docente: SEGNAN FULVIO Viaggio d istruzione Oggetto della Ricerca: L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA

4 INDICE DELLA RICERCA L ANFITEATRO ROMANO pag. 4 ALTRI ANFITEATRI IN ITALIA pag. 5 L ARENA DI VERONA pag. 8 GLI SPETTACOLI pag. 11 NAUMACHIE pag. 13 VENATIONES pag Gli animali cattura, trasporto, custodia pag. 16 I GLADIATORI pag La posizione sociale dei gladiatori pag Le giornate degli spettacoli pag. 21 BIBLIOGRAFIA pag. 22

5 L ANFITEATRO ROMANO L anfiteatro è un edificio tipico dell'antichità classica destinato per lo più ad ospitare combattimenti tra gladiatori e con belve. A Roma i primi anfiteatri furono in legno e soltanto per opera di Augusto fu realizzato un edificio in pietra che andò distrutto nell'incendio di Nerone. Questa nuova forma di costruzione acquistò ben presto una notevole fama e fu realizzata anche in molte città di provincia. Tra i maggiori anfiteatri giunti fino a noi ricordiamo, oltre al celebre Anfiteatro Flavio, meglio conosciuto come Colosseo, a Roma, quelli di Pozzuoli e di Verona. L'impianto dell'anfiteatro si basa in genere sulla forma dell'ellisse, ma può cambiare a seconda dell'importanza della città e del numero degli spettatori. L anfiteatro aveva sedili disposti a gradinate attorno a uno spazio centrale chiamato arena, in cui si tenevano gli spettacoli, che non era lastricata ma coperta di sabbia ed era costituita poi da una cavea destinata agli spettatori e divisa in moeniani il primo dei quali forma il podium. Come per i teatri le separazioni interne erano divise in baltei mentre i vomitoria servivano per assicurare l'uscita degli spettatori verso l'esterno. Lungo l'asse mediano dell'arena si aprivano le fauces mentre, a differenza dei teatri, apparivano verso il centro dell'arena gli spoliaria e le carceres. Nei primi venivano deposti i gladiatori colpiti, negli altri quelli che si accingevano a partecipare allo spettacolo. Al centro dell'arena erano ricavati alcuni locali sotterranei destinati a racchiudere le fiere in attesa di essere sollevate sul piano dell'arena da una specie di montacarico guidato da funi e carrucole. Sotto l'anfiteatro si trovano i sotterranei, destinati a ospitare i gladiatori, gli animali e gli apparati scenici; quelli in cui si svolgevano le naumachie erano forniti anche di un impianto idraulico. L Arena di Verona fotografata da una veduta aerea Link all'anfiteatro flavio

6 ALTRI ANFITEATRI IN ITALIA In Italia sono presenti molti anfiteatri; eccone alcuni esempi: L'anfiteatro di Pompei è il più maestoso degli edifici pompeiani; esso era destinato allo svolgimento dei giochi gladiatori e di quelli venatori. Esso poteva contenere oltre spettatori grazie alle gigantesche dimensioni di 135 per 104 metri. Il più famoso e il più bell'anfiteatro del mondo romano è l'anfiteatro Flavio, più noto dal medioevo come Colosseo. Esso sorse nei primi anni del regno dell imperatore Vespasiano (fu iniziato nel 72) e fu terminato dal figlio Tito.

7 L'anfiteatro maggiore rimasto sempre in vista durante il medioevo, è quello di Pozzuoli, che fu usato a lungo come cava di pietre da costruzione e sistematicamente spogliato. Ha inoltre subito una sorte simile al Colosseo, ovvero fece da sfondo alle persecuzioni cristiane. L anfiteatro di Capua è per dimensioni il secondo al mondo dopo il Colosseo. Esso risale al I secolo d.c. e nel corso degli anni fu usato come fonte di materiali da costruzione. Parti di esso sono conservate a Capua presso il Museo Campano.

8 L anfiteatro di Catania, un grandioso monumento romano, è uno dei più grandi d'italia, ed è nascosto quasi interamente sotto le moderne costruzioni. I lavori per riportarlo alla luce furono iniziati nel 1904.

9 L ARENA DI VERONA La più celebre costruzione romana a Verona è l'arena, un anfiteatro romano e più precisamente quello meglio conservato fra quelli italiani, inferiore per dimensioni soltanto al Colosseo e all'anfiteatro di Capua. Il termine Arena deriva dal latino arena, ae che significa sabbia, la quale veniva usata per coprire l area dove si svolgevano i giochi e gli spettacoli. L interno dell Arena Sebbene sia noto che l Arena fu edificata durante il I secolo d. C. storici e architetti non sono ancora concordi nel definire la data precisa della sua costruzione. Per costruire l Arena in modo così forte e duraturo, i Romani scavarono una depressione profonda circa due metri rispetto al livello della strada e stesero fondamenta di cemento per formare la base. Per garantire un adeguato drenaggio fu progettato un complesso sistema di fognature: si tratta di fogne di grandi dimensioni, circa due metri d altezza e di varia larghezza, costruite con ciottoli legati con malta. La loro copertura fu ottenuta con lastroni di pietra.

10 Il prospetto curvilineo esterno aveva originariamente tre ordini di arcate intercalate da lesene (pilastri lievemente sporgenti da un muro, con funzione ornamentale) di ordine tuscanico; di questo prospetto restano soltanto quattro delle settantadue campate (1) a causa del terremoto del 21 maggio 1117 che causò il crollo dell anello più esterno del quale è rimasta solamente un ala sul lato nordovest del monumento. Il materiale forse più usato nella costruzione dell Arena è la cosiddetta pietra veronese : questo tipo particolare di pietra proveniva da S. Ambrogio di Valpolicella nei pressi di Verona e fu anche utilizzata per erigere le porte della città e altri monumenti risalenti al I secolo d.c. La cavea, ovvero l insieme delle gradinate riservate agli spettatori, era in origine conclusa da un loggiato, una sequenza di logge, edifici aperti su uno o più lati con pilastri o colonne, al livello del terzo piano della facciata; a queste nel 1628 furono aggiunte due logge di cui una è recentemente crollata. Ci sono 45 file di gradini marmorei dell auditorium che hanno un altezza media di 45 centimetri e sono formate da un blocco di pietra spesso 40 metri. Ogni colonna ha una pianta quadrata di due metri di lato. (1) una campata è una parte di costruzione compresa tra due sostegni Particolare dell Arena

11 Le arcate si aprivano su un corridoio di circa quattro metri e mezzo di larghezza che correva lungo il livello del secondo anello. Questo corridoio disponeva di passaggi e scale che conducevano fuori ed era coperto alla sommità in modo da permettere agli spettatori di sedersi con facilità sui gradoni e di ripararsi dalla pioggia e dal sole. Come era consuetudine per gli spazi ludici anche l'arena era fuori dalla scacchiera e dalla prima murazione laterizia (di mattoni) che la cingeva; soltanto più tardi fu compresa nel circuito delle mura in blocchi di pietra che l'imperatore Gallieno, sotto la spinta dell'invasione alemanna, fece costruire nel 265 d. C. Particolare dell Arena

12

13 GLI SPETTACOLI In origine l Arena era adibita alle gare ginniche, ai giochi di cacce, di lotta, di combattimenti, di belve. In principio gli spettacoli dei gladiatori, o munera (da munus, termine dal significato originario di offerta sacrificale e propiziatoria), non erano altro che crudeli cerimonie funebri, celebrate con il rito del sacrificio umano sulla tomba del defunto per placare l ira degli dèi infernali; probabilmente avevano origine etrusca e furono importati a Roma nel periodo repubblicano. Il primo spettacolo del genere risale al 264 a. C., ma i munera furono istituiti ufficialmente soltanto nel 105 a.c. Gli spettacoli erano annunciati alla popolazione con volantini e con delle scritte sui muri degli edifici pubblici e privati. Nei giorni che precedevano i combattimenti, mentre la gente si preparava al grande avvenimento, i gladiatori, organizzati in familiae (compagnie), rifinivano nella caserma la preparazione affidata alle cure deidoctores (istruttori), sotto la supervisione del lanista, una figura losca di allenatore tutto fare che si occupava dell addestramento e dei relativi proventi. Solo a Roma questi furono sostituiti da funzionari imperiali. Gli spettacoli dei gladiatori avevano inizio con l ingresso nell anfiteatro della pompa, la solenne processione che apriva i giochi; l uno dopo l altro sfilavano i suonatori di corno e di tromba, i simulacri di divinità e gli inservienti con le armi dei gladiatori, controllate poi in una cerimonia solenne (la probatio armorum, l ispezione delle armi). Seguivano i gladiatori che, dopo alcuni esercizi di scherma, davano inizio al combattimento vero e proprio. A partire dal II secolo le venationes (cacce) cominciarono a diventare più frequenti dei combattimenti dei gladiatori, fino a sostituirli quasi interamente nel tardo impero. E raffigurata una venatio.

14 L impegno finanziario e di tempo necessario per l organizzazione di sontuosi spettacoli che duravano diversi giorni e vedevano susseguirsi in campo moltissime coppie di gladiatori, belve, condannati a morte, giocolieri, era notevole. Tra panelli con scudi appoggiati a erme maschili; è raffigurata una scena di caccia di fiere con un leone che aggredisce un cervo. È proprio negli anfiteatri che l immaginazione popolare rappresenta i supplizi dei cristiani nel periodo delle persecuzioni, divenute sistematiche intorno al III secolo: per quanto riguarda Verona non si hanno però notizie sicure circa tale utilizzazione dell Arena. L affermazione del Cristianesimo concorse comunque al graduale abbandono dei munera e delle venationes; ma nonostante l imperatore Costantino nel 325 arrivasse a condannare questi cruenti spettacoli con un decreto e anche gli antichi autori cristiani tuonassero con accesa veemenza contro l immoralità degli spettacoli pagani, il popolo ne era attratto in maniera così morbosa che essi cessarono solamente nel 405, quando furono definitivamente proibiti dall imperatore Onorio. In età medioevale era soprattutto la giustizia ad offrire occasioni di spettacolo, sia con l esecuzione delle condanne capitali, sia coi duelli giudiziali, che consistevano nell affidare alle armi la risoluzione di una controversia con il vantaggio di offrire uno spettacolo gradito alla folla, sia con il giudizio di Dio, in cui l accusato, per dimostrare la propria innocenza, doveva superare una difficile prova, come estrarre un oggetto da una caldaia d acqua bollente, o portare per un certo tratto con le mani nude un ferro incandescente. Nei secoli successivi l Arena non fu mai espressamente abolita ma per molto tempo essa venne usata per manifestazioni solo di tanto in tanto e in circostanze ufficiali. Nel l Arena serviva alla nobiltà per tenervi tornei: il tipo di spettacoli più frequente nel Seicento. Gli spettacoli più popolari rimasero comunque le cacce dei tori, in cui il toro doveva misurarsi contro dei cani addestrati. La prima recita datasi nell anfiteatro fu la Merope del Maffei, un poeta tragico nativo proprio di Verona, messa in scena nel Nel 1822 il Congresso di Verona offrì alla città uno spettacolo unico per durata e per varietà: una grande coreografia, con uno spettacolo musicato e diretto da Gioacchino Rossini, con un esibizione di cavalieri in costumi antichi.

15 L Arena si accingeva quindi ad assolvere compiti di più alto impegno sociale, come avvenne il 19 novembre 1866 quando riunì il popolo veronese in festa per l annessione del Veneto all Italia. Dal XVIII secolo in avanti le rappresentazioni teatrali divennero tipiche. La prima rappresentazione del Festival fu data il 10 agosto 1913, con la rappresentazione dell Aida di Giuseppe Verdi. L'opera in Arena è ormai un appuntamento tradizionale poiché Verona è la capitale mondiale della lirica dal 1913, anno in cui si è celebrato per la prima volta il festival che ogni anno si rinnova. Non bisogna certo dimenticare la danza. La stagione lirica dell Arena porta a Verona mezzo milione di persone all anno: esse vengono da tutta l Europa e da tutto il mondo. NAUMACHIE Dal greco naumachia, risalente da nau%v nave e maéch battaglia, la battaglia navale. È un genere di spettacolo che riproduce un combattimento navale. Lo inventarono i Romani all epoca di Cesare e continuarono a praticarlo fino al III secolo d. C. Erano spettacoli cruenti che si svolgevano in appositi anfiteatri, ed anche all interno dell Arena, con la partecipazione di gladiatori e di condannati a morte e altre volte con veri marinai e soldati. Le naumachie erano battaglie navali riprodotte in un apposito bacino che poteva essere riempito d'acqua. Questi spettacoli erano costosissimi, poiché le navi erano complete in tutte le loro parti. Le naumachie spesso intendevano riprodurre famose battaglie storiche, come quella dei Greci che batterono i Persiani a Salamina: si dovevano seguire le fasi della vera battaglia, ed il pubblico si

16 esaltava alle manovre dei soldati e alla vista delle macchine da guerra. Gli archeologi moderni sostengono che le naumachie furono abbandonate poiché erano necessari molti preparativi per riempire l arena di acqua ad una altezza sufficiente (circa 1,5 m) per potervi far galleggiare le navi.

17 VENATIONES All'inizio, le venationes si tenevano solitamente al mattino, come introduzione e complemento ai combattimenti gladiatori, che si iniziavano nel pomeriggio. In ogni caso, nell'ultimo periodo della repubblica, le cacce divennero uno spettacolo a sé stante, che iniziava nel pomeriggio e talvolta durava per giorni. Ogni tipo di bestia feroce (elefanti, orsi, tori, leoni, tigri) era catturato in tutto l'impero, trasportato alle loro diverse destinazioni e tenuto sino al giorno dello spettacolo. Il numero di animali uccisi è stupefacente: gli storici raccontano di migliaia di bestie uccise in una sola giornata. Negli scritti che ci hanno lasciato diversi autori possiamo affermare che le venationes si distinguono tra le grandi cacce spettacolari e le cacce mattutine che divennero abituali. All'inizio gli animali erano incatenati, ma successivamente furono lasciati liberi, tanto che si dovettero costruire delle difese particolari per la sicurezza del pubblico. I venatores (che erano schiavi, criminali o anche uomini sotto contratto, e che erano considerati socialmente ad un livello ancora inferiore a quello dei gladiatori) ricevevano una speciale preparazione nei ludi, come i gladiatori, probabilmente nel ludus matutinus, il cui nome potrebbe provenire proprio dall'usanza di tenere le cacce al mattino. I venatores proteggevano le braccia e le gambe con strisce di cuoio, e qualche volta difendevano il petto con una placca metallica, o indossavano una armatura. Essi erano divisi in categorie a seconda del ruolo svolto nello spettacolo.

18 Il rischio che i venatores correvano era notevole: essi potevano essere sbalzati in aria da un toro, essere sbranati da un leone, ed alcuni incontri lasciavano ben poche possibilità di sopravvivenza. L'elemento comune a tutte le venationes era la presenza di animali; ciò non significava necessariamente che venissero massacrati, ed infatti potevano svolgere anche altri ruoli: Cesare, ad esempio, fu il primo a portare una giraffa a Roma; Augusto mise in mostra animali esotici e strani, inviati a questo scopo dai governatori delle province. Tuttavia la normale caccia prevedeva che le bestie combattessero l'una contro l'altra o contro degli uomini. Gli esperti distinguono due specie molto diverse divenationes: quella in cui uomini armati combattevano contro bestie selvagge, ed un altra nella quale dei condannati a morte erano gettati alle bestie senza alcuna difesa. Le venationes finivano di solito con uno spettacolo di animali ammaestrati, come nei circhi odierni.

19 Gli animali cattura, trasporto, custodia. La passione dei Romani per le venationes determinò un notevole traffico commerciale le cui ramificazioni si estesero addirittura oltre i confini dell Impero e che coinvolgeva migliaia di persone nelle fasi dello smistamento, del trasporto e della custodia. Tutti i magistrati di Roma, per ottenere un certo favore dalla popolazione, volevano avere sempre a disposizione un gran numero di animali per le venationes. I governatori delle province svolgevano spesso il ruolo di intermediari. Grazie alle lettere di Cicerone sappiamo che i magistrati, per reperire gli animali necessari, avevano a disposizione poco più di un anno per affidare l incarico ad un governatore che si occupava, mandando lettere, di ordinare la cattura di un determinato numero di animali. Egli però non doveva occuparsi personalmente del trasporto, ma il magistrato che voleva allestire la venatio inviava al governatore del personale incaricato di organizzare la spedizione. C erano, inoltre, a Roma dei liberi imprenditori impegnati nel traffico regolare di reperimento ed invio degli animali.

20 LA CATTURA. I cacciatori professionisti, coloro che tendevano le trappole, erano considerati individui asociali. È probabile che i dipendenti dal procurator, incaricati di provvedere alla cattura e al trasporto, utilizzassero proprio cacciatori professionisti, stipulando accordi con i commercianti in animali selvatici, dai quali acquistavano le bestie. I metodi più usati per la cattura erano la rete e la gabbia con esca. Spesso i felini venivano spinti verso un luogo circoscritto da reti tese dietro una barriera di rami; dei cacciatori brandivano delle torce che venivano agitate in direzione degli animali che, essendo accerchiati, venivano spinti dentro la rete. Per catturare leoni e leopardi si usavano le fosse ricoperte di rami. Veniva messa vicino un esca, solitamente un capretto o un agnello, o uno stesso cucciolo di leopardo: il leone o il ghepardo, attratti, si avvicinavano e cadevano nella fossa collegata ad una gabbia che, una volta chiusa, veniva sollevata dal terreno. Per quanto riguarda gli orsi, venivano inseguiti e stanati grazie ai cani e venivano catturati con reti o fosse. Anche le pantere e i ghepardi erano catturati grazie a fosse in alternativa all uso di stordirli con colpi di forconi o tridenti, mentre i tori, decisamente molto pericolosi, potevano essere catturati esclusivamente grazie a fosse. Molti animali, soprattutto leoni, tigri ed elefanti, si lasciavano addomesticare abbastanza facilmente. IL TRASPORTO. Il viaggio dal luogo di cattura durava mesi grazie a tragitti marini, terrestri e fluviali. Il trasporto via terra veniva effettuato su carri trainati da buoi o da muli. Gli animali erano rinchiusi in gabbie diverse a seconda della loro indole e della loro dimensione: ci sono gabbie con i fianchi rinforzati da barre metalliche a forma di X e chiodi per gli animali più forti, ma c erano anche gabbie più semplici dotate di un solo pannello mobile e prive di rinforzi per gli animali di indole più pacifica. Inoltre le casse erano distinte in due gruppi: quelle per la cattura e altre per il trasporto. Il trasporto via mare si svolgeva con navi delle quali non si sa molto: non sempre esse erano fornite di vele, ma è certo che venivano usate navi a remi per il trasporto di bestie feroci ed inoltre per la mancanza di una flotta mercantile statale bisognava usare navi di proprietà privata. I viaggi per via marina erano solitamente i più lunghi, poiché c era rischio di naufragio: bisognava avere il vento favorevole e c era il rischio che la nave rimanesse molto tempo in balia delle tempeste e che alcune casse si aprissero lasciando quindi liberi gli animali; di regola, inoltre, la navigazione di notte si interrompeva. LA CUSTODIA. Scarse sono le testimonianze sulla custodia e sui punti di raccolta degli animali catturati ma si parla di vivaria e dell utilizzo di una parte della struttura portuale. Ilvivarium era, letteralmente, un recinto dove si nutrono in cattività le bestie feroci : secondo le fonti i vivaria pubblici (c erano anche quelli privati) erano situati, a Roma, lontano dal Senato, dalle aule di giustizia, poiché si temeva la rottura delle gabbie e la fuga degli animali: dunque dovevano essere lontani dai luoghi densamente frequentati anche se, tenendo in considerazione i frequenti incidenti, queste norme di sicurezza non venivano sempre rispettate. Per quanto riguarda il controllo degli animali, le coorti urbane erano adibite alla difesa della città, quindi alla sorveglianza della residenza dell imperatore e di conseguenza, degli animali. Tutto ciò era anche compito dei pretoriani, che si occupavano degli animali già dal momento dello sbarco, o arrivo via terra, e la loro funzione si esauriva il giorno delle venationes: accompagnavano il corteo che la mattina dello spettacolo si avviava all anfiteatro, col compito di difendere i senatori e i cittadini. Fra gli addetti agli animali emergevano poi figure quali il procurator ad elephantos o l adiutor ad feras.

21 I GLADIATORI I gladiatori erano per lo più schiavi, prigionieri di guerra, criminali condannati a morte; ma a volte anche uomini liberi, figli di nobili famiglie rovinate, in cerca di notorietà e ricchezza. La disciplina e la vita di caserma era talmente crudele da spingere spesso i gladiatori al suicidio. In più le celle dove alloggiavano erano buie e sporche. L unica consolazione era il cibo, accuratamente confezionato secondo precise ricette, al fine di aumentare la massa muscolare. Ma i gladiatori riuscirono a accumulare ricchezze incredibili. I gladiatori erano divisi nelle seguenti classi: - THRAECES caratterizzati dalle seguenti armi: l elmo munito di lophos a forma di grifone, e la breve spada ricurva. Indossano inoltre gli schinieri, una manica al braccio destro e un piccolo scudo rettangolare. - RETIARII: il loro è un abbigliamento inconfondibile. Non indossano armi difensive eccezione fatta per il galeus, ovvero una placca metallica fissata sulla spalla sinistra, e una manica sullo stesso braccio. Le sue armi sono la rete, il tridente e una breve spada. - EQUITES che appaiono raramente e solo nel rilievo in stucco del monumento pompeiano attribuito a A. Umbricius Scaurus. Sono vestiti di una tunica, un elmo emisferico a tesa circolare e talvolta di protezioni per le gambe. Armi offensive sono la lancia e una spada abbastanza lunga ma priva di punta. Sono riconoscibili anche in assenza dei cavalli poiché sembra che aprissero il munus. Probabilmente lo scontro era simile a quelli medioevali: dopo un primo scontro a cavallo, durante il quale si utilizzavano le lance, e dopo che queste si erano spezzate, proseguivano a terra con l ausilio di spade.

22 Rilievo in stucco con rappresentazione di equites dalla tomba pompeiana cosiddetta di A. Umbricio Scauro.

23 - SAGITTARII categoria rara che combatteva con archi e frecce. Questa classe è attestata in un unico monumento. - ESSEDARII classe di origine gallica che combatteva su carri e di cui non è stata ritrovata alcuna immagine figurata. - VELITES armati alla leggera, quindi privi di armi difensive e anche di questi non sono rimaste raffigurazioni. - PROVOCATORES, SECUTORES, CONTRARETIARII, tre classi analoghe che venivano opposte ai RETIARII. - SPATHARII caratterizzati dalla spatha, lunga spada diversa dal gladium. - MURMILLONES descritti come gladiatori opposti ai THRAECES, armati di un elmo, un lungo scudo rettangolare, un ocrea alla gamba sinistra e una manica al braccio destro. L arma offensiva è il gladio. - OPLOMACHI dei quali non abbiamo testimonianze. Per quanto riguarda i gladiatori del periodo precedente alla riforma augustea, la documentazione figurata permette di rilevare una maggiore varietà dell armamento. Inoltre si può stabilire una precisa evoluzione delle armi, particolarmente evidente nel caso degli elmi che permette anche di precisare la cronologia dei documenti figurati.

24 Particolare del rilievo pompeiano con giochi gladiatori: scena di combattimento tra un oplomachus e un murmillo.

25 La posizione sociale dei gladiatori. La condizione giuridica dei gladiatori era varia. Molti dovevano essere prigionieri di guerra, come è dimostrato dal fatto che alcuni tipi di armatura erano designati con il nome dei popoli vinti. I più numerosi però dovevano essere gli schiavi: mentre alcuni di essi erano venduti, altri erano riservati alla vita da gladiatore. Per questi ultimi la legge prescriveva, in caso di manomissione da parte del padrone, il conseguimento di una libertà personale, ma sottoposta a forti restrizioni. Non dovevano mancare i liberti, ovvero gli schiavi liberati. Certamente vi erano, però, anche uomini di nascita libera, addirittura senatori, cavalieri e i loro familiari che amavano scendere nell arena. A questo proposito ricordiamo anche l imperatore Commodo, bramoso di cimentarsi nel Colosseo. Solitamente i gladiatori indicati solo con il cognome erano schiavi, ma non possiamo escludere che alcuni avessero abbandonato il loro nome originario per assumere un nome di battaglia. Un particolare gruppo è quello degli auctorati, che sono stati per molto tempo disprezzati poiché erano considerati uomini liberi che hanno sangue in vendita, come diceva Livio, ovvero erano uomini liberi che spontaneamente diventavano gladiatori e che rinunciavano, per tutto il tempo del contratto, ai loro diritti di cittadini dietro compenso. I gladiatori, acquartierati in caserme, costituivano nel loro insieme una familia. Il reclutamento avveniva, come per i soldati, intorno ai anni e la carriera da gladiatore difficilmente superava i 30, certamente anche per i rischi della loro professione, ma bisogna ricordare che la durata media della vita non era molto più lunga. Pochi erano i gladiatori che potevano vantare un numero di pugnae superiore a venti, e da ciò si deduce che non scendessero nell arena più di due volte l anno. Ricordiamo le trentasei vittorie ottenute da Massimo a Roma. Il pubblico richiedeva atleti freschi e ben allenati: questo necessitava di uno scambio frequente di uomini, non potendo mandare sul campo sempre gli stessi che, superata una certa età, sarebbero diventati inadatti. Per quanto concerne la formazione di una famiglia, alcuni gladiatori riuscivano a sposarsi già durante il servizio, mentre era difficile che avessero dei figli. I gladiatori avevano un discreto patrimonio economico ed avevano al loro seguito schiavi e liberti. Il rapporto tra gladiatori e divinità era solitamente di raccomandazione da parte dei lottatori per avere un buon esito nella lotta: venivano venerate divinità della guerra come Marte, della forza fisica, quali Ercole e della caccia, come Diana. La figura del gladiatore ha sempre suscitato sentimenti contrastanti: c era chi ammirava questi uomini che mettevano a repentaglio la loro vita per la vittoria, la gloria e il successo, ma c era anche chi li disprezzava poiché si esibivano in pubblico per denaro. Quasi come nelle moderne partite calcistiche, anche negli spettacoli gladiatori c erano i tifosi che talvolta provocavano veri e propri disordini sociali.

26 Le giornate degli spettacoli Per quanto riguarda l organizzazione degli spettacoli gladiatori, essa partiva da una grande promozione basata, spesso, su annunci dipinti sui muri delle città. Per avere dei gladiatori ci si poteva rivolgere al lanista, un impresario che aveva sempre a disposizione uomini addestrati: questo reclutava i gladiatori, li addestrava e li metteva a disposizione. Alla vigilia del munus (spettacolo) l editore offriva ai gladiatori che avrebbero partecipato la cosiddetta cena libera, cioè aperta al pubblico in modo tale che quest ultimo potesse esaminare da vicino i concorrenti e valutare le eventuali scommesse. La giornata di spettacoli aveva inizio con la pompa, un solenne corteo: nell arena sfilavano il magistrato editore preceduto dai littori, i musicisti che avevano il compito di accompagnare tutto lo spettacolo, ed infine i gladiatori. In età augustea si delimitò come dovesse essere la giornata-tipo del munus: al mattino avevano luogo la venatio e degli spettacoli di intrattenimento che potevano consistere in esecuzioni capitali dei condannati (damnatio ad bestias). Il munus vero e proprio si svolgeva nel pomeriggio. Assieme al munus venivano offerti anche banchetti, distribuzioni pubbliche di carne e talvolta anche spettacoli teatrali. Il combattimento vero e proprio è regolato dalla lex pugnandi: prima del combattimento c era la prova delle armi, la preparazione delle punizioni per i gladiatori che si sarebbero battuti male: queste punizioni generalmente consistevano in frustate o punizioni col fuoco. Per quanto riguarda l esecuzione dei gladiatori perdenti, essa non era il motivo principale che spingeva la popolazione ad assistere ad un duello, bensì i combattimenti erano oggetto di ammirazione per la forza, il coraggio, la destrezza e la bravura dei gladiatori. Vengono poi distribuite le armi e ha luogo la prolusio, ovvero gli esercizi di riscaldamento. A questo punto tocca all editore dare l avvio ai combattimenti. Essi possono essere sine missione, cioè fino alla morte di uno dei due contendenti. Il contendente può chiedere la missio durante la quale un arbitro deve impedire che l avversario colpisca colui che ha fatto la richiesta. La folla, col suo comportamento influenza l editore che può decidere se accettare o rifiutare la missio: in quest ultimo caso il gladiatore è messo a morte. Il pubblico, come si può quindi capire, era uno dei protagonisti della giornata, infatti poteva contestare la decisione dell editore e talvolta influenzarlo. La damnatio ad bestias era compiuta o al mattino o subito prima dei combattimenti pomeridiani dei gladiatori: i condannati erano principalmente prigionieri di guerra: essi avevano le mani legate dietro la schiena e venivano spinti verso le fiere da uomini addetti. Questi cruenti spettacoli erano resi appassionanti e sempre diversi grazie al comportamento imprevedibile degli animali, a paesaggi artificiali creati con l uso di massi, alberi e cespugli che dovevano ricostruire l ambiente naturale di origine delle belve. Accanto a questi supplizi c era anche la vivicombustione nella quale i condannati venivano vestiti con tuniche purpuree impregnate di materiale infiammabile: essi dovevano ballare mentre degli addetti davano fuoco alle vesti e ai colpevoli stessi. A contornare tutto lo spettacolo negli anfiteatri, il personale di servizio era travestito: i personaggi più raffigurati erano gli dèi (specialmente Mercurio o Poseidone).

27 BIBLIOGRAFIA Cap. L anfiteatro romano - enciclopedia multimediale Utet S.P.A., 2001 alla voce "anfiteatro" - enciclopedia multimediale Omnia Istituto Geografico De Agostini alla voce "anfiteatro" Cap. Altri anfiteatri in Italia - enciclopedia multimediale Omnia Istituto Geografico De Agostini - Cap. L Arena di Verona - Utet S.P.A., dizionario della lingua italiana Zingarelli Zanichelli alle voci "campata", "lesena", "cavea", "loggia". - Cap. Gli spettacoli - da - da Grande Enciclopedia GE20 Istituto geografico de Agostini Novara; libro XIII "naumachia" pag Sangue e Arena ed. Electa capitolo I - -

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

Gli spettacoli a Roma

Gli spettacoli a Roma Gli spettacoli a Roma I ludi A Roma il teatro non ha propria autonomia artistica, gli spettacoli teatrali si collocano all interno dei ludi. Ludus (s.) = gioco e divertimento nella sua più vasta accezione

Dettagli

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE Fabrizio Pompei Le parole del teatro Glossario ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

I giochi nell antica Roma

I giochi nell antica Roma I giochi nell antica Roma Dei 77 giorni destinati ai ludi durante la Repubblica, si arrivò ad averne ben 177 durante l Impero. Nel IV secolo, 101 giorni contemplavano spettacoli teatrali (ludi scaenici),

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010 Alla scoperta di Roma antica Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Gita scolastica del 12 aprile 2010 Programma della giornata:

Dettagli

LUDI CIRCO ANFITEATR GLI SPETTACOLI LE GARE SCOPO DEI LUDI IL PUBBLICO IL PUBBLICO TIPOLOGIE I GLADIATORI STRUTTURA DEL CIRCO

LUDI CIRCO ANFITEATR GLI SPETTACOLI LE GARE SCOPO DEI LUDI IL PUBBLICO IL PUBBLICO TIPOLOGIE I GLADIATORI STRUTTURA DEL CIRCO GLI SPETTACOLI LUDI CIRCO ANFITEATR O TIPOLOGIE SCOPO DEI LUDI STRUTTURA DEL CIRCO LE GARE IL PUBBLICO STRUTTURA DELL ANFITEATRO I GLADIATORI IL PUBBLICO I VARI TIPI DI GLADIATORI Pagotto Diana Sitografia

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

ARTE DELL'ANTICA ROMA

ARTE DELL'ANTICA ROMA ARTE DELL'ANTICA ROMA NELL IMPERO ROMANO TROVIAMO 2 CATEGORIE DI ABITANTI: I CITTADINI LIBERI GLI SCHIAVI TRA I CITTADINI ROMANI, COLORO CHE DETENGONO IL POTERE, SONO SOPRATTUTTO I MILITARI E I POLITICI.

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI Il giorno 15 aprile 2013, gli alunni delle classi: quinta di Dragonea, quinta di Molina e quarta di Raito, hanno visitato gli scavi archeologici di Pompei. Abbiamo deciso

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO

CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO ANNO SCOL. 2011-2012 INS. MANCINI - PECCOLO Come è nata Verona? Com'era Verona all'epoca dei romani? Dove è sorto il primo insediamento romano? Che cosa ci

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE OLD RUGBY 2 European Veteran Rugby Series 2016 04 giugno 2016 ipassatelli... PRIGIONIERI E IBERNATI PER TRENT ANNI ABBIAMO FATTO UN VIAGGIO NEL TEMPO E DI COLPO I

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica IL TEATRO ROMANO Struttura architettonica La struttura del teatro romano (theatrum)ricava gli aspetti fondamentali della propria immagine architettonica dalla parallela figura del teatro greco. Tuttavia,

Dettagli

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni La fortezza di confine Altfinstermünz si trova in una gola del fiume Inn, sotto la strada di Resia, presso la localitá di Hochfinstermünz. In questo

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Pompei raccontata da Lawrence Alma Tadema

Pompei raccontata da Lawrence Alma Tadema Pompei raccontata da Lawrence Alma Tadema STEFANIA D AMBROSIO TESI DI LAUREA IN ESTETICA (C.Gily) MOSTRA AL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI 2007 8 Lawrence Alma Tadema (8 gennaio 1836 25giugno

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Caldarola MC LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE. Anno scolastico 2013/2014

Caldarola MC LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE. Anno scolastico 2013/2014 Castello Pallotta Caldarola MC LABORATORI DIDATTICI PER LE SCUOLE Anno scolastico 2013/2014 Il Castello Pallotta di Caldarola organizza per gli allievi delle Scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese.

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese. Percorso di visita autoguidata al Lager di Ravensbrück Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Ravensbrück cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Area archeologica di Libarna fotografata dal belvedere

Area archeologica di Libarna fotografata dal belvedere Libarna Romana Nei pressi di Serravalle, lungo la strada che porta ad Arquata Scrivia, a poca distanza da Novi, sorge la città romana di Libarna. Gli alunni di quinta del nostro Circolo didattico svolgono

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI

Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI Campania illustrata. 1632-1845 EDIFICI PUBBLICI Antonio Verico realizzò per l Atlante illustrativo di Zuccagni-Orlandini (1845) un incisione con una veduta ancora approssimativa del foro di Pompei, del

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO

IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO I SIMBOLI DEI PELLEGRINI I principali simboli che identificano i pellegrini (signa peregrinationis) sono: la conchiglia: rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Associazione Tavola Rotonda. Comune di Osimo. Civica Galleria. del. presenta UN NUOVO MODO

Associazione Tavola Rotonda. Comune di Osimo. Civica Galleria. del. presenta UN NUOVO MODO Comune di Osimo Civica Galleria del Figurino Storico DI OSIMO presenta Associazione Tavola Rotonda UN NUOVO MODO DI RACCONTARE LA STORIA La storia si può raccontare in molti modi. La storia è una materia

Dettagli

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Il sottocampo di Gusen All inizio del dicembre 1939 ebbe inizio la costruzione di Gusen I, campo di lavoro dipendente da quello centrale di Mauthausen

Dettagli

RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA

RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA ricerca a cura di: Claudia Montaldi & Marta Cristofari IV F liceo Classico Ugo Foscolo Anno scolastico 2007/2008 Introduzione al lavoro In questo lavoro vengono

Dettagli

Gli anfiteatri con le dimensioni maggiori sono stati il COLOSSEO (40.000-50.000 spettatori), l ANFITEATRO DI CAPUA e quello di EL-JEM in Tunisia.

Gli anfiteatri con le dimensioni maggiori sono stati il COLOSSEO (40.000-50.000 spettatori), l ANFITEATRO DI CAPUA e quello di EL-JEM in Tunisia. ANFITEATRO Il termine deriva dall unione di due parole greche : ANFI e TEATRO e significa CON DUE ELEMENTI. Si tratta di una struttura di forma ellittica particolarmente legata all antica Roma. All interno

Dettagli

Prima regola non cadere

Prima regola non cadere Prima regola non cadere 14 giugno 2012 2 La cintura di sicurezza Tanti anni fa, quando iniziai la scuola di alpinismo il mio istruttore mi disse: La prima regola è non cadere Sembrerebbe che debba valere

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Un poco defilato come conveniva, non tanto per un senso di

Un poco defilato come conveniva, non tanto per un senso di Giuseppe Alfredo Berritto Pompei, Sesso in città 2010 www.vesuvioweb.com Nella meravigliosa città dell amore dedicata a Venere, che l amava più di Sparta, il sesso a pagamento era un libero esercizio nel

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Il laboratorio di musica

Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica si inserisce nei laboratori facoltativi pomeridiani e a differenza degli altri laboratori, che hanno una durata quadrimestrale, dura per tutto l anno.

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

INCONTRO DI MONDI (1876-1917)

INCONTRO DI MONDI (1876-1917) INCONTRO DI MONDI MATA HARI (1876-1917) E LA DANZA DEL VENTRE Incontro tra Oriente e Occidente. Culture che si fondono, mondi che si avvicinano. Abbiamo già parlato in questo sito dell antichissima, affascinante

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 L Associazione Cavalieri di Santa Fina, il cui nome onora Fina dei Ciardi, la giovinetta morta in odore di santità il 12 marzo 1253 e diventata compatrona di San

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori E2 L'ECCEZIONALE RITROVAMENTO Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori L'anfiteatro di Volterra é il primo scoperto in Italia da 1 00 anni Un capolavoro sommerso da trenta ila metri cubi dì terra di

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Ricerca di storia. Teatro greco

Ricerca di storia. Teatro greco Barberi Squarotti Gabriele De Nardo Vittorio Minerva Emilio VD Ricerca di storia Teatro greco Origini: L evoluzione storica dello spazio teatrale ellenico vide dapprima un semplice spiazzo attorno al quale

Dettagli

SEZIONE A LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il segreto del Colosseo - Da Altre storie di Gianni Rodari

SEZIONE A LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il segreto del Colosseo - Da Altre storie di Gianni Rodari SEZIONE A LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE SEGUONO: - Il segreto del Colosseo - Da Altre storie di Gianni Rodari Questa è una storia vera. Un passero cresceva in casa di un vigile

Dettagli

10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI

10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI 10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI 10.1 Origini e funzioni degli spettacoli. Il popolo romano aveva a sua disposizione varie occasioni di divertimento e di svago, che venivano offerte dal potere costituito allo

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014

PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014 PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014 Gli antichi mercati sabato 14 e domenica 15 giugno dalle ore 16 alle 20 Piazza delle Erbe Ricostruzione di un mercato medievale che propone in chiave altamente filologica

Dettagli

PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014

PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014 PROGRAMMA FERIE DELLE MESSI 2014 VENERDI 13 GIUGNO Piazza Duomo ore 18,30 / Rocca di Montestaffoli ore 18,50 Risplende il giorno della festa Esibizione della Fanfarenzug di Meersburg con, a seguire, parata

Dettagli

Milano, settembre 2005 GUIDA DI GIOCO. Le Grandi Battaglie di Roma

Milano, settembre 2005 GUIDA DI GIOCO. Le Grandi Battaglie di Roma Milano, settembre 2005 GUIDA DI GIOCO Le Grandi Battaglie di Roma Sbarco in Africa - 204 a.c. L assedio di Numanzia - 134 a.c. L accerchiamento di Alesia - 52 a.c. Augusto sul Nilo - 31 a.c. La conquista

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI. Premessa NORME COMPORTAMENTALI

INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI. Premessa NORME COMPORTAMENTALI INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI Premessa Il Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica - Monte Adone con la presente informativa intende mettere a conoscenza gli istituti scolastici delle principali

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli