Zoo ec a. JFasi di crescita Bovini da latte. Sovini da latte Sovini da carne Suini Valore nutritivo dei foraggi. Razze.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Zoo ec a. JFasi di crescita. 17.1 Bovini da latte. Sovini da latte Sovini da carne Suini Valore nutritivo dei foraggi. Razze."

Transcript

1 Zoo ec a Sovini da latte Sovini da carne Suini Valore nutritivo dei foraggi 7. Bovini da latte Razze L'allevamento di bovini da latte e ditluso soprattutto ncl centro-nord d'italia, ma in modo particolarc in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna. La razza di gran lunga piu utilizzata, per Ie sue capacita produttive, e la Frisona (0 Pezzata Nera), seguita a distanza dalla Bruna Italiana (ex Bruna Alpina). Frisona Pezzata Nera Bruna Alpina Riproduzione La pril/ler fecondazione avvicnc a 6-8 mesi, Ie successive cnlro 70 giorni dal parto. La ~csl!zione dura giorni e it primo parto avviene a circa mesi. La durata della laffuzioflc C di 305 giorni, mentre l"'asciutta" dura giorni. I pani all'anno sona medirllnenle 0,95- (indice di liutalit<)). I purti nclla carriera sana in media 3,5-5. JFasi di crescita Terminologia Peso (kg) Eta Vitello/a Manzetta Manza Vacca Giovenca Scottona Dalla nascita a 6 mesi da 6 mesi a 2 mesi circa Dai primi calori al primo parto Dal primo parto fino al termine della carriera produttiva (6-8 anni) Manza gravida per la prima volta Femmina di mesi non fertile, che ha abortito 0 che ha partorito senza allattare

2 208 RURALISTICA AIimentazione Nell'alimentazione dei bovini devono essere soddisfatti i seguenti fabbisogni: - energia, fornita in gran parte da carboidrati (ceuulosa, amidi, Zliccheri eee.) abbondantemente presenti nei foraggi; proteine, di cui sono ricc'he Ie leguminose (fieno di medica, soia ecc.) e in misura minore i cereali (farine di mais, or7.0 ecc.); - vitamine e sali minerali presenti in varia misura nei foraggi; - sostanza secca, necessaria ai bovini per riempire adeguatamente gli stomaci. Pertanto per ottenere elevate produziolli di latte e carne i foraggi aziendali devono essere integrati con (a) mangimi concentrati, (b) nuclei proteici e vitaminici, (c) sali minerali (cal cio e fosforo soprattutto). Nel calcolo della razione si djmensionera innanzitutto il fabbisogno energetico, poi si veri ficheranno gli altri fabbisogni (proteine ecc.) integrando 0 modificando la razione. II fnbbisogno energetico viene misurato in ltalia, secondo il metodo francese, in: - unita foraggiere latte (UFL), che corrisponde all'energia netta apportata da kg di orzo standard per la produzione di latte, pari a 700 kcal di energia netta; - unita foraggiere carne (UFC), che corrisponde all'energia netta apportata da I kg di orzo standard per la produzione di carne, pari a 820 kcal di energia netta. Fabbisogni annui indicativi di unita foraggiere Manzette, vilelli/e (da 0 a 2 mesi di eta) Manze (da 2 a 24 mesi di eta) Vacche (4000 kg/anna di lalte) Vacche (6000 kg/anna di latte) Vacche (8000 kg/anna di latte) Bestiame giovane in accrescimento II vitello viene svezzato precocemente a 60 giorni circa: - dall{[ nascitu a 5 giorni: latte crescente da 2-3 fino a 7-'/, l/giorno; - da 5 giomi a giorni: latte decrcscente di un litro a settimana; fieno e mangimi a volonta. II consumo di laue inpolvere (0-2% circa di polvere per litro) e di circa 25 kg/capo, di fieno circa 200 kg/capo, di mangime kg/capo. I capi svezzati e non ancora produttivi (manzette e manze) sono alimentati solo con foraggi. UFL '\JtiEJ j Fabbisogni di vitelle, manzette, manze in allevamento Peso vivo (kg) UF Fabbisogni per capo/!)iorno Sostanza Proteine Calcio secca (kg) digeribili (g) (g) Fosforo (g) 50,7,0 90 9,0 6,5 00 2,7 2, ,5,5 50 3,2 3, ,5 3, ,5 4, ,5 5, ,0 5, ,0 5, ,5 6, ,7 7, ,8 8, ,0 9, ,2 9, ,4 0,0 460

3 ZOOTECNIA 209 Vacche Nell'aliment:lzione dena vacca da latte devono essere soddisfatti divcrsi tipi di fabbisogno nutrizionale: mantenimento, produzione di Laffe, 8esfazione, accrescimento e per la stabulazione Libera (v. tabella 7.4). ~ ~ Fabbisogni di' energia e di proteine per la vacca in lattazione Tipo di fabbisogno UFL Proteine digeribili Mantenimento - suppl. per stabulazione libera 0, UFUgiorno per 00 kg di peso vivo 0,5-0,55 UFUgiorno 60 g/giorno per 00 kg peso vivo Produzione 0,4-0,45 UFUkg di latte 60 g/kg di latte Gestazione (ultimi 3 mesi),5 UFUgiorno 300 g/giorno Accrescimento ("') r () Oal primo parte alia line della seconda lallazione.,2 UFUgiorno 200 g/giorno It fabbisogno giornaliero di sostallza secca epari al 2,5-3,2% del peso vivo. - ~ Calcolo del fabbisogno di UF Fabbisogno energetico annuo per una vacca di 650 kg che produce kg di latte al 4% di grasso 0,008 UF/kg x 650 kg x 365 giomi =.898 UFL (mantenimento) 0,4 UF/kg x kg = UFL (produzione di lalle) 0,5 UF/d x 365 giomi = 82 UFL (supplemento stabulazione liberal Totale UFL 000 Fabbisogni per una vacca di 650 kg (per capolgiomo) Prod. dl latte Sostanza Proteine Calcio UFL IkCllalorno) secca (ka) diaeriblli (a) (g) Asciulla Fosforo (g) 'i6ill Razioni giomaliere indicative (kg/giomo) Vacca in Vacca in lattazione Manza I asciutta (5-30 kg/d di laue) Insilato di mais n Fieno di medica 0 di prato stabile Mangimi concentrati ("") Nucleo integrativo 2-5 (') Per Ie zone di produzione del lormaggio Parmigiano Reggiano 9i insilati devono essere evitati portando la razione di lieno per Ie vacche in lattazione a 2-5 kg e/o impiegando loraggi alternativi (colletti e loglie di bietola, mangimi ecc.). (":') Farine di cerali. dl soia 0 altro in varie proporzioni. Indicativamente, kg ogni 4-5 kg di latte. I

4 20 RURALISTICA Produzione di latte La produzione di latte dipende dalla razza e dalle caratteristiche gcnealogiche di ogni capo. La razza risona cia pili produttiva ed eutiliz.zata negii aillevamenti intensivi. Nelle aziende in cui e richicsta maggiore rusticita (allevamento brado 0 semibrado, zone alpine ecc) e utilizzata frequentcmcnte Ia razza Bruna Alpina. Produzioni medie di latte kg/capo anno Razza Frisona PN Razza Bruna Alpina Incroci Frisona-Bruna Alpina Dati medi in allevamenti intensivi. Le migliori aziende ottengono produzioni maggiori dei valori indicati in tabella. La produttivita deve essere vista anche in relazione ai parametri qualitativi (in particolare il contenuto di grasso), che danno Juogo a variazioni del prezzo di vendita. Vitello Vitellol (0 "me; Vitello o prece Vitello vitellon Scotto Manzo 7.2 Bovini da carne Razze Per la produzione di carne si possono u"are mue specifiche 0 vi/elli di mzze da [alte. Questi ultimi sono spesso utili/.zati in aziende a inclirizzo misto Iatte-carne, in cui si portano all'ingrasso i capi maschi nati in azicnda, 0 in azienelc specializzate nella produzione del vitello a carne bianca. Le razze pili importanti per la produzione di carne sono Ie francesi Limousille c Chcrroluise. La mzza italiana da came pill intcressante e diffusa e la Piemontese tipo conllllle e del/a coscia, quest' ultima caratterizzata da un grande sviluppo dei quarti posteriori. Si ottiene carne di otlima qualita e con ejevata r sa al macello. Mantengono localmente una rilevante importanza anchc Ie razze traelizionali itali ne a duplice attitudine, in particolare la Chianina, chc si caratterizza per In ua mole imponentc (vitelloni eli kg e peso adulto di l,2 t) c la Marchigiana. Charolaise Cicio di allevamento Limousine Piemontese lie aziende specializzute da carne in generc si acquista il vitello (vitello da ristallo) di 2-4 mesi di razze da carne, di solito all'estero (paesi dell'est e Francia i.n primo luogo), e 0 si porta poi al peso finale. Nelle aziende a indirizzo misto laue-carne viene praticato l'incrocio di prima t<;elleraz.ion.e tra una vacca di razza da latte e un toro di maa da carne: i ma 'chi hanno buon caratteristiche per In produzione di carne e Ie femmine una discretu attitudine alia produzione di laue. Meno comune in Italia e I'allevamento a cicio chiuso, con vacch da corpo" aventi la prevalente funzione di produrre il vitello, da vendere svezzato 0 da portare all'ingrasso. 7.:

5 ZOOTECNIA : Terminologia Definizione Vitello a carne bianca Vitellone precocissimo (0 "mezzo lattone") Vitellone leggero o precoce 0 baby-beef Vitellone 0 vitellone pesante Scottona Manzo Caratteristiche Maschio 0 femmina alimentato quasi esclusivamente con latte fino a 6-8 mesi e un peso di circa kg. Consuma circa 300 kg di polvere di latte e 00 kg di silomais. Maschio di 8- mesi del peso di kg e oltre. Maschio di -4 mesi del peso di kg. Si utilizzano razze da latte 0 incroci con Limousine ecc. Maschio di kg (razze da latte) 0 di kg (razze da carne) a 4-8 mesi di eta. Femmina di razze da carne destinata al macello, di kg a 4-6 mesi (I'equivalente femmina del' vitellone). Maschio castrato. Questa pratica in Italia non viene pig effettuata. Con questa termine si indica in macelleria la carne di vitellone. Alimentazione Ilfabbisogno totale annuo indicativo di un vitellone da carne edi UF. Viene soddisfatto con latte in polvere fino a 2 mesi di eta (svenamento) e quindi con silo mais, fieno (eventual mente) e mangimi concentrati. ~ I Fabbisogni giomalieri di UF e proteine digeribili Unita foraggiere Proteine digeribili (g) Peso Incrementi di peso giornalieri (kg) (kg) - 0,8,0,25,5 0,8,0,25,5 00 2,7 3,0 3, , 3,3 3, ,7 3,9 4,3 4, ,0 4,3 4,7 5, ,4 4,7 5, 5, ,9 5, 5,5 5, ,3 5,6 6,0 6, ,7 5,9 6,7 7, , 6,3 7,2 7, ,4 6,7 7,6 8, ,8 7,0 7,9 8, ,2 7,4 8,3 8, ,5 7,8 8,6 9, r...aii Razione giomaliera per vitelloni da carne (kg/capo giomo) Silomais Farine di cereali (0 fieno) Nucleo (proteine, sali minerali e vitamine) Allevamento ( kg) 5-9,5-3 (2,5-5) Magronaggio ( k-g) 0-8 2,5-5 (4-8,5) Finissaggio ( kg) 6-2 4,5-8 (7-3,5) 0,8 7.3 Suini L'allevamento dei suini e diffuso in tutta Italia, anche se i tre quarti della produzione nazionale sono concentrati nella Valle Padana.

6 22 RURALISTICA Razze Le razze attualmente piu diffu e in!talia sana: - Large White, caratterizzata dalla linea fronto-nasale concava, or cchie ritte, taglia grossa. adatta alia produzione di salumi; - Landrace, caratterizzata dalla linea fronta-nasale dritta e da una forma piu aiiungata e nella. or cehie piegate. pill adatla alia produzione di carne magra per il consumo diretto. " I razze italiane la Cinra Sen se. caratterizzala dal manlello in gtan parte n ro, e fors quella pio signifiealiva. Eadatta al pascolo e all' incrocio con la razza L. rge While. 7.~ Large White Landrace Cicio di allevamento I[ suinetto pesa alia nascita -,5 kg. Vi ne svezzalo 3-5' ttimane quando pesa 6-8 kg, quindi vienc lolto dalla scrofa e passa in batteria (gabbie di ferro) 0 in box a lerra. La giovane scrofa (s rofetta). allevata in box, a circa 8 me. i (circa 00 kg di pe 0) viene in eminala. La gestazione dura circa I 5 giorni. N scono in m dia 7- I2 suinetti per pano. Una scrofa pmtorisce volte in un anna (in funzi ne del perioda di allattamenlo e di eventuali "ritorni di ealore" dopo l'inseminazione) e dopo 5-6 pmj a 3-4 anni, e destinata al macello. n verro inizia \'attivita di riproduttore a 9-2 mesi (30-40 kg) e all'eta di 3-4 anni passa al maeello. Fasi di crescita Fase Lattonzolo Svezzato Magroncello Magrone Grasso da macelleria Grasso da industria da nascita 2 4 5,5 8-9 Eta (mesl) a 2 4 5, da -, Peso (kg) a Alimentazione L' alimentazione del suina e cosliluita da una miscela basata 'U farine di cereali (mais. orlo), soia, erba medica disidratata. sottoprodonj di industrie alimentari (siero di laue prodolta dai caseifici), prodotti agricoli di scarto (mele patate eee.) e altro ancora. Razione suini da riproduzione I ~"'_"'cc.:::..:_.:..:..;:.L i Suinetti (3-5 settimane) Lattonzoli (8-9 settimane) Scrofette (20-00 kg) Scrofe in gestazione Scrofe in allattamento

7 ZOOTECNIA...-:. Razione suini all'ingrasso M. ~ anglme - (kg/giorno) Lattonzoli 0,7-,0 Magroncelli (30-60 kg),4-2, Magroni (60-90 kg) 2,-2,7 Semigrassi (90-40 kg) 2,7-3,5 Grassi (oltre 40 kg) 3,5-4,5 7.4 Valore n,utritivo dei foraggi ;,..-, ;-'",.,..araw Valore nutritivo dei foraggi Proteine Sostanza UFI00 kg digeribili secca (% ) (%) Foraggi freschi Avena., 4,8 2 Colza 0,9 6 Erba mazzolina 20 2,5 27 Erba medica (inizio fioritura) 4 3,2 20 Loietto 6 2,4 24 Segale (spigatura) 5 2,2 2 Sorgo (fioritura) 2 0,8 2 Trifoglio violetto 6 2,8 9 Foglie e colletti di bietola 2, Insilati Fieno-silo di erba medica 28 5,4 46 Fieno-silo di prato stabile 7 2,4 25 Orzo a maturazione latteo-cerosa Pastone di mais (spiga) 78 3,8 64 Silomais a maturazione cerosa 26, , Fieni Erba medica 44 0,3 88 Loietto 48 7, 86 Prato stabile 40 4,5 85 Trifoglio 48 8, Paglie Frumento, orzo 9 0,6 9 Stocchi e foglie di mais 32 0, Granella, semi Frumento 03 8,5 86 Mais 05 6,5 87 Pannocchia di mais Orzo 00 7,4 85 Soia Prodotti derivati Soia 44%, farina di estrazione 3 38,5 89 Crusca di frumento tenere 75,2 88 Polpe di bietole esauste 82 4,

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2001 - N. 47 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 29 Novembre

Dettagli

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015 MESE DI: GENNAIO 2015 MEDIE MENSILI BESTIAME SUINO DA ALLEVAMENTO DOT MARCHIATI da 6 kg kg 6,613 da 15 Kg. kg 3,758 da 25 Kg. kg 2,425 da 30 Kg. kg 2,143 da 40 Kg. kg 1,700 da 50 Kg. kg 1,520 da 65 Kg.

Dettagli

Azienda Bian cardi Reddito dalla lin ea vacca vitello

Azienda Bian cardi Reddito dalla lin ea vacca vitello STALLE IN PRIMO PIANO È forse l unico produttore della Pianura padana con allevamento di grandi dimensioni che per ottenere bovini da carne si avvalga di vacche nutrici. E il mercato lo premia: i suoi

Dettagli

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00 NORD - OVEST CUNEO Baliotti Piemontese o incroci (15/30 gg). femmine 280,00 350,00 Piemontese o incroci (15/30 gg) maschi 400,00 550,00 P. Della Coscia (25/40 gg.) femmine 650,00 800,00 500,00 650,00 P.

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7

L I S T I N O S E T T I M A N A L E D E I P R E Z Z I N 1 7 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Forlì Cesena C.so della Repubblica, 5 47121 Forlì tel. 0543 713111 C.C.P. n. 16559478 Sito web: http://www.fc.camcom.gov.it e-mail: segreteria.generale@fc.camcom.it

Dettagli

N. 1 del 7 gennaio 2015

N. 1 del 7 gennaio 2015 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - CREMONA Listino settimanale dei prezzi all'ingrosso rilevati sulla piazza di Cremona Salvo diversa indicazione, i prezzi si riferiscono alla fase

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2013 - N. 35 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 5 Settembre

Dettagli

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELLE PRODUZIONI ANIMALI Tirocinio pratico-applicativo Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici Il laureato in Scienze e Tecnologie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE. Art. 1. Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE. Art. 1. Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento stabilisce le modalità per l alimentazione degli animali destinati a produrre latte per la trasformazione

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas Action 6 : Evaluation of economic and environmental sustainability of improved management strategies Deliverable 6:

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE

IL REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE IL REGOLAMENTO DI ALIMENTAZIONE DELLE BOVINE Art.1 Campo di applicazione Il presente regolamento stabilisce le modalità per l'alimentazione delle vacche che producono latte destinato alla produzione di

Dettagli

N. 2 dell'8 gennaio 2014

N. 2 dell'8 gennaio 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - CREMONA Listino settimanale dei prezzi all'ingrosso rilevati sulla piazza di Cremona Salvo diversa indicazione, i prezzi si riferiscono alla fase

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

ECONOMIA DEL BESTIAME

ECONOMIA DEL BESTIAME CORSO DI PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI ABILITAZIONE PER AGROTECNICO E AGROTECNICO LAUREATO ECONOMIA DEL BESTIAME Docente: Dott. Agr. FRUCI ANTONIO Sezione 2011 Sede di BRIATICO (VV) ECONOMIA DEL BESTIAME

Dettagli

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Linea Agri PRODOTTI LINEA AGRI Sani si cresce, gustosi si diventa Dichiarazione per i consumatori dei prodotti tutti i mangimi ZOOTECNICI e PETFOOD sono prodotti

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo

...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo ...Per la passione e l utilità di allevare per il proprio consumo MANGIMIFICIO VITAVERDE 1200 mq DI AREA COPERTA SEDE DI DISTRIBUZIONE 5000 mq DI AREA COPERTA E 23.000 mq DI SCOPERTA...DAL 1964 CON PASSIONE

Dettagli

La Camera di Commercio di Grosseto a sostegno della trasparenza dei prezzi

La Camera di Commercio di Grosseto a sostegno della trasparenza dei prezzi La Camera di Commercio di a sostegno della trasparenza dei prezzi Premessa metodologica La Newsletter muove dal listino settimanalmente prodotto dalla Camera di Commercio di per costruire un documento

Dettagli

Manuale operativo per l agriturismo

Manuale operativo per l agriturismo giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1483 del 05 agosto 2014 pag. 1/7 Manuale operativo per l agriturismo Le informazioni riportate nel seguente manuale operativo sono inerenti a disposizioni

Dettagli

Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011. In questo numero:

Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011. In questo numero: Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011 In questo numero: Pag. 2 Lettera del Presidente Pag. 3 Ricetta Pag. 4 Relazione Attività Tecnica Pag. 6 Il mercato: indicazioni generali Pag. 7

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax: 0257605250 Docente Materia Classi

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI AGRONOMO E FORESTALE JUNIOR SECONDA SESSIONE 2008 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1: Si illustri il ruolo

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Valutazioni tecnico-economiche

Valutazioni tecnico-economiche Valutazioni tecnico-economiche Sommario VALUTAZIONE TECNICA ED ECONOMICA DELL'INTRODUZIONE DI GRANELLE PROTEICHE NON OGM NELLA RAZIONE ALIMENTARE DI BOVINI DA CARNE E OVINI...3 VALUTAZIONE TECNICA ED

Dettagli

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE Antonello Cannas Alessandro Mereu Dipartimento Scienze Zootecniche Università di Sassari Teresa Pacchioli CRPA Reggio Emilia Situazione

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione di carne bovina in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk managemen Executive summary Lo studio della struttura e della

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Sono stati pubblicati nel consueto

Sono stati pubblicati nel consueto COSI DI PRODUZIONE E REDDIIVIÀ DEI PRINCIPALI PAESI PRODUORI Competitività in crisi per i bovini da carne europei Il confronto tra costi di produzione e redditività degli allevamenti da carne dell Europa

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia?

Dagli Usa /1. Efficienza alimentare: la nostra bovina trasforma bene ciò che mangia? La Penn State University (Pennsylvania) ha analizzato l efficienza alimentare delle bovine da latte. Abbiamo applicato le sue indicazioni effettuando un confronto tra le razioni di cinque allevamenti,

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NELL ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE BIOLOGICO

L ALIMENTAZIONE NELL ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE BIOLOGICO L ALIMENTAZIONE NELL ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE BIOLOGICO La conversione dell allevamento bovino da carne al metodo biologico presenta aspetti oggettivamente problematici legati essenzialmente, e soprattutto

Dettagli

REGIMI ALIMENTARI DEL VITELLO

REGIMI ALIMENTARI DEL VITELLO ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI MEDICINA VETERINARIA DIPARTIMENTO DI MORFOFISIOLOGIA VETERINARIA E PRODUZIONI ANIMALI SEZIONE ZOOTECNIA, NUTRIZIONE E ALIMENTI REGIMI ALIMENTARI

Dettagli

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova

Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova Ordinanza concernente gli effettivi massimi per la produzione di carne e di uova (Ordinanza sugli effettivi massimi, OEMas) 916.344 del 23 ottobre 2013 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Costi di produzione dei bovini da ingrasso in Veneto (2013)

Costi di produzione dei bovini da ingrasso in Veneto (2013) Sommario 1. Le tipologie di allevamenti da carne in Veneto... 3 1.1 L allevamento del vitellone pesante in Veneto... 4 2. Costo di produzione dei bovini da ingrasso in Veneto: Metodologia... 5 2.1 Criteri

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI Art. 1 Il presente Disciplinare ha lo scopo di offrire maggiori garanzie sull origine e la provenienza dei bovini da carne, sulle

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla LIFE09 ENV/IT/000208 - AQUA Achieving good water quality status in intensive animal production areas La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla Deroga nitrati cosa fare nel 2014

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Osservatorio economico. Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014

Osservatorio economico. Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014 PIANO ZOOTECNICO Osservatorio economico Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2014 INTRODUZIONE E SINTESI Nell'ambito dell'osservatorio economico della zootecnia istituito

Dettagli

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde Concluso il progetto triennale Aqua, coordinato dal Crpa e finanziato dalla Ue. Modifiche nell alimentazione disuiniebovini sono utili contro l inquinamento delle acque ProgettoAqua Meno proteine agli

Dettagli

Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012

Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012 Costo di produzione del vitellone negli allevamenti da ingrasso: indagine 2012 INTRODUZIONE E SINTESI Nell'ambito dell'osservatorio economico della zootecnia istituito presso l ISMEA è stato elaborato

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2014 - N. 35 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 4 Settembre

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO

PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO PRONTUARIO DI ESTIMO ISTITUTO TECNICO AGRARIO ARRIGO SERPIERI ANNO SCOLASTICO 2009-2010 SOMMARIO ARGOMENTO Tabella Rese medie per ettaro coltura, prezzi prodotti agricoli, PLV principali colture erbacee

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2001 - N. 48 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 6 Dicembre

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2012 - N. 37 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 20 Settembre

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

La filiera Mignini: qualità, controllo e sicurezza su tutto il pro

La filiera Mignini: qualità, controllo e sicurezza su tutto il pro La filiera Mignini: qualità, controllo e sicurezza su tutto il pro Essere leader nella produzione di mangimi per la nutrizione di animali da reddito e da affezione, nel mercato libero, per un azienda mangimistica

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA Il metodo biologico presuppone uno stretto legame fra l allevamento e l azienda agricola, che mediante opportune rotazioni colturali deve essere in grado di fornire la maggior

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2014 - N. 4 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 23 Gennaio

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti ALIMENTI PET FOOD La linea PET FOOD VITAVERDE è composta da varie linee di crocchette, da paste, riso, alimenti umidi e sabbie per offrire al cliente una gamma completa. Tale linea è mirata, come nostra

Dettagli