Grafica Antica. Catalogo 47. Antiquarius

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grafica Antica. Catalogo 47. Antiquarius"

Transcript

1 Grafica Antica Catalogo 47 Antiquarius

2 Grafica Antica Catalogo 47 Antiquarius Srl Corso del Rinascimento 63/Piazza Madama Roma Telefono Fax Partita IVA IT Orario della Galleria: continuato 9:30-19:30 Chiuso la domenica e il lunedì mattina TUTTE LE OPERE PRESENTATE IN QUESTO CATALOGO SONO VISIBILI NEL NOSTRO SITO INTERNET:

3 Lucas Cranach (Kronach 1472 Weimar 1553) 1. Il giudizio di Paride Xilografia, 1508, datata e monogrammata in lastra in basso al centro. Magnifica prova, ricca di toni, caratterizzata dal segno intenso e nitido tipico delle sole prime prove, impressa su carta vergata coeva con filigrana testa di bue con fiore (Meder 63, Briquet 14882), completa della linea di demarcazione, intervento di restauro ricostruttivo perfettamente eseguito nella parte alta destra, tracce di pieghe di carta, nel complesso in buono stato di conservazione. Una delle più belle xilografie del 500. Bibliografia: Bartsch, Hollstein 114. Dimensioni 254x362. English translation

4

5 Albrecht Dürer (Norimberga ) 2. San Sebastiano Bulino, 1501 circa, monogrammato in lastra a destra. Esemplare nella terza variante di cinque descritte dal Meder. Buona prova, nitida, impressa su carta vergata coeva, con sottili margini, in perfetto stato di conservazione. Il San Sebastiano del Dürer viene rappresentato con la figura di un uomo vecchio e barbuto che nell iconografia sarà poi sostituita da una figura più giovanile. La scena ricorda, come per il San Sebastiano di Martin Schongauer, l antico motivo di Marsia legato all albero. L incisione mostra le frecce che non sono conficcate chiaramente in nessun punto del corpo o dell albero. Questo particolare lascia supporre che le frecce siano state incise solo successivamente - e dunque la composizione originale non le prevedesse - traendo spunto proprio dall analogia della rappresentazione del mito di Marsia, ben noto al Dürer. Bellissimo esemplare. Bibliografia: Meder 62 c/e; Strauss, The intaglio prints of Albrecht Dürer, p. 102,33; Panofsky 162. Dimensioni 70x115.

6

7 Albrecht Dürer (Norimberga ) 3. San Filippo Bulino, 1526, datato e monogrammato in lastra in basso a sinistra. Esemplare nella seconda variante di cinque descritta dal Meder. Ottima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Opera della tarda maturità del Dürer, il San Filippo, appartiene alla serie degli Apostoli, questa risulta la più nobile e gradevole figura della serie. Bibliografia: Meder 48 b/e; Strauss, The intaglio prints of Albrecht Dürer, p. 286, 103; Panofsky 153; Winkler p Dimensioni 70x120.

8

9 Marcantonio Raimondi (Argini 1480 circa Bologna 1534) 4. Quos Ego Bulino, circa Da un soggetto di Raffaello. Esemplare del primo stato di due avanti l indirizzo del Salamanca. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ancora in un cerchio, rifilata alla linea marginale, leggere abrasioni nella parte superiore ed inferiore destra, per il resto in ottimo stato di conservazione. La composizione illustra alcuni episodi tratti dal primo libro dell Eneide. Derivata dalla celebre Tabula Iliaca, ne rappresenta una contemporanea traduzione a stampa, espressamente richiesta da Raffaello a Raimondi, e da quest ultimo eseguita, con ogni probabilità, nello stesso anno. Le scene, chiuse entro pannelli, sono riprodotte alla maniera dei rilievi antichi mentre il grande campo nel mezzo è concepito alla maniera di un quadro. La scena principale descrive le flotte troiane in balia di una tempesta, con Enea che alza le braccia al cielo in gesto implorante. In primo piano Nettuno, a cavallo della quadriga, placa le onde del mare pronunciando minaccioso le celebri parole Quos ego! Bellissima e rara opera del Raimondi. Bibliografia: Bartsch 352 I/III, Delaborde 102; Oberhuber, Roma e lo stile classico di Raffaello, p. 299; Dimensioni 333x420. English translation

10

11 Marcantonio Raimondi (Argini 1475 circa Bologna 1534) 5. Cleopatra Bulino, circa 1515, firmato in lastra in basso, al centro, con il simbolo della tavoletta. Da un soggetto di Raffaello. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L opera è ispirata alla celebre Arianna del Vaticano, da un disegno di Raffaello che si trovava nella raccolta Lawrence, come descritto da Passavant. Dello stesso tema esiste una replica a stampa, sempre attribuita allo stesso Raimondi, sia dal Bartsch che, recentemente, dal Landau. Questi sostiene che probabilmente quest opera sia cronologicamente successiva. Molto rara. Bibliografia: Bartsch XIV, 199; Landau & Parshall, The Renaissance Print , p. 136; Raphael Invenit p Dimensioni 175x113.

12 Marcantonio Raimondi (Argini 1475 circa Bologna 1534) 6. La Speranza Bulino, circa , monogrammato in lastra in basso, al centro. Della serie le Virtù teologali e cardinali, da un soggetto di Raffaello. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana ancora nel cerchio, rifilata al rame, in buono stato di conservazione. I disegni preparatori della serie non sono noti, e sono attribuiti dal Vasari a Raffaello, mentre il Delaborde li assegna a Giulio Romano, ed altri studiosi al Peruzzi. Per ragioni stilistiche, le opere vengono ricondotte all ultima fase tecnica del Raimondi, in cui rappresenta le figure con ricchezza di contrasti e con un senso dello spazio notevolmente accentuato, conferendo al corpo una decisa plasticità mediante l uso di un sistema di linee curve e regolari che incidono a fondo la lastra. Magnifica prova. Ex collezione Federico Augusto di Sassonia (Lugt 971). Bibliografia: Bartsch XIV, 391 ; Oberhuber, Roma e lo stile classico di Raffaello, p. 127, 68. Dimensioni 106x215.

13 Marcantonio Raimondi (Argini 1475 circa Bologna 1534) 7. Galba 8. Augusto Incisioni al bulino, circa Della serie I dodici Cesari. Esemplari nel primo stato di due, o di tre, avanti l indirizzo dell editore Salamanca e la numerazione. Magnifiche prove, ricche di toni, impresse su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilate al rame, in perfetto stato di conservazione. La serie I dodici Cesari rappresenta il primo esempio di riproduzione di monete antiche, ingrandite in misura significativa, secondo una pratica che divenne poi abituale e fu adottata da Daniel Hopfer ad Augsburg. Secondo Vasari, i ritratti degli imperatori erano tra le opere che Raffaello spedì a Dürer, il quale successivamente lodò l arte di Marcantonio. Questa serie documenta il profondo interesse dell artista per il settore antiquario, che lo spinse a riprodurre i modelli nel modo più fedele possibile. Per affinità stilistiche con l incisione raffigurante Carlo V (B. 497), le opere possono essere datate intorno al Molto rare. Bibliografia: Bartsch XIV, 506 e 507 ; Oberhuber, Roma e lo stile classico di Raffaello, p. 299; Delaborde p Dimensioni 174x152. English translation

14 7 8

15 Cerchia di Marcantonio Raimondi (Argini 1475 circa Bologna 1534) 9. Venere ed Amore Bulino, circa Da un soggetto di Raffaello. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in buono stato di conservazione. La stampa è una ripetizione dell opera di Marcantonio Raimondi (Bartsch 279), rispetto alla quale è in controparte. Il tema, senza alcuna variante, è affrontato anche da Marco Dente. La storia dell arte è piena di artisti di scuola che replicavano le opere del Maestro; il Bartsch le denomina ripetizioni mentre altri studiosi preferiscono chiamarle repliche. Secondo Landau esistono ben 42 lavori di Marcantonio che sono interpretati anche da artisti della sua cerchia come Agostino Veneziano, Marco Dente ed altri che, non firmandosi, sono di difficile, e comunque dubbia, individuazione. Bellissimo e raro esemplare. Timbro di collezione al verso. Bibliografia: Bartsch 279 B; Landau & Pershall, The Renaissance print , p.131. Dimensioni 133x170.

16 I Piccoli Maestri di Norimberga 14 Poco prima del 1520, alcuni giovani artisti della cerchia di Albercht Dürer presero a realizzare incisioni molto piccole che hanno sfidato lo spettatore con un mondo in miniatura, un mondo di nuovo soggetto laico e di interpretazioni non convenzionali di temi tradizionali. A causa delle ridotte dimensioni delle loro incisioni, questi artisti sono stati appellati a lungo, con il nome collettivo, e poco lusinghiero, di Piccoli Maestri di Norimberga. Il nucleo del gruppo consiste in tre artisti di Norimberga, Hans Sebald & Bartel Beham e Georg Pencz, e inoltre Jacob Bink da Colonia e Heinrich Aldegrever da Soest. Il seguente gruppo di incisioni proviene da una vecchia collezione in cui le opere erano conservate, come spesso accadeva, applicate in un album databile al XVIII secolo. Belle o bellissime prove, impresse su carta vergata coeva, rifilate al rame, in buono stato di conservazione. Bibliografia: Pauli, Hans Sebald Beham; Bartsch vol. 8; Gooddard, The World in miniature Engravings by the German Little Masters.

17 Hans Sebald Beham (Norimberga 1500 Francoforte 1550) 10. Soldato con la sua amante Bartsch 202, Pauli 198 II/II. Dim. 52x Adamo Bartsch 3, Pauli 3 II/II. Dim. 54x Adamo ed Eva Bartsch 5, Pauli 6. Dim.54x Melancolia Bartsch 144, Pauli 145 III/VI. Dim.53x La Pazienza Bartsch 138, Pauli 141. II/V. Dim.70x La cacciata dal Paradiso Terrestre Bartsch 7, Pauli 8 III/III. Dim.56x Giuditta e Oloferne. Bartsch 10, Pauli 11. Dim.67x Cimon e Pero Bartsch 75, Pauli 79 II/III. Dim.47x Ornamento con maschera e due geni Bartsch 228, Pauli 232 II/II. Dim.70x Genio con alfabeto Bartsch 229, Pauli 233 II/III. Dim.70x Fregio con vaso e 2 geni Bartsch 233, Pauli 238. Dim. 80x Fregio con due geni e cavalli marini Bartsch 236, Pauli 241 III/IV. Dim.70x Ercole e Cerbero Bartsch 100, Pauli 104. II/III. Dim.78x Ercole e Idra Bartsch 102, Pauli 100. II/IV. Dim.79x Allegoria della Cristianità. Bartsch 128, Pauli 130 III/IV. Dim. 47x Il Giudizio di Paride Bartsch 89, Pauli 92. Dim.47x Adamo ed Eva. Bartsch App. 1. Dim. 52x Adamo ed Eva. Pauli 6c (copia in controparte) Dim. 52x Donna nuda con la Morte. Pauli 151d (copia in controparte). Dim. 48x76. Bartel Beham (Norimberga, Italia, 1540) 29. Putto con tre teschi Bartsch 27, Pauli 35. II/II. Dim.56x43. Tutte le opere sono visibili su

18

19

20

21 Heinrich Aldegrever (Paderbon Soest tra il 1555 ed il 1562) 30. La Fortezza Bartsch 133. Dim. 56x Ercole ed Anteo Bartsch 96. Dim. 74x Un soldato Bartsch 174. Dim. 40x Luna. Bartsch 81. Dim.52x Mercurio Bartsch 77. Dim. 63x Giove Bartsch 78. Dim. 63x Saturno Bartsch 80. Dim. 63x Ammon e Jonadab Bartsch 22. Dim.79x David riceve la notizia della morte di Ammon Bartsch 28. Dim.79x119. Tutte le opere sono visibili su

22

23 Hieronimus Hopfer (Ausburg circa Norinberga 1563) 39. Sacra Famiglia Acquaforte su ferro, monogrammata in lastra in basso a sinistra. Derivazione, in controparte, dell opera di Jacopo de Barbari. Esemplare nel secondo stato di due, con il numero aggiunto. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su sottile carta coeva, con margini, in perfetto stato di conservazione. Contrariamente agli altri maestri del bulino attivi a Norimberga, Hieronimus Hopfer era solito realizzare le proprie incisioni all acquaforte e su lastra di ferro anziché di rame. Bellissimo esemplare. Tre timbri di collezione al verso non identificati. Ex collezione Federico Augusto di Sassonia (Lugt 971). Bibliografia: Bartsch 4, Hollstein 6 II/II; Hind V, 154, 17. Dimensioni 84x135.

24 Giovanni Giacomo Caraglio (Verona 1505 Cracovia 1565) 40. Mercurio Bulino, circa 1526, privo di firma. Da un soggetto di Giovan Battista Rosso. Esemplare nel secondo stato di due, con le ombre nella cornice. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L incisione appartiene alla serie di stampe raffiguranti gli Dei dell Olimpo, realizzate nel 1526 dal Caraglio su disegni di Rosso Fiorentino, come documentato dal Vasari nel suo libro sulle vite dei pittori. La serie consta di 20 incisioni al bulino, con le divinità inserite entro nicchie; le lastre sono numerate e la prima, raffigurante Saturno, reca la firma del Caraglio e la data Opere molto rare. Bibliografia: Bartsch, vol. XV, p. 78, 36; Massari, Tra Mito ed Allegoria, pp. 119/140, 48. Dimensioni 115x215.

25 Marco Dente detto Marco da Ravenna (Ravenna? Roma 1527) 41. Fauno 42. Bacco Incisioni al bulino, circa Magnifiche prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana della mano, rifilate al rame, in perfetto stato di conservazione. Le due opere sono ispirate, o derivano direttamente, dai disegni di Rosso Fiorentino, che nel 1526 vengono tradotti a stampa da Giovanni Iacopo Caraglio nella serie denominata Gli dei dell Olimpo. L idea di raffigurare gli dei nella nicchia è antica e molti sono i prototipi classici che il Rosso può aver osservato per le sue composizioni, meditate forse sulle stampe di Marcantonio Raimondi. È probabile che anche Marco Dente abbia avuto accesso ai disegni del Rosso. Oltre a queste due incisioni, ne è nota una terza raffigurante l Olimpo. È possibile che l autore intendesse realizzare anche altre stampe della stessa serie, ma che non vi sia riuscito a causa della morte, avvenuta durante il Sacco di Roma del Opere molto rare. Ex collezione K. E. Hasse (Lugt 860) & J.K. Bronner (Lugt 307). Bibliografia: Bartsch XIV, 307 & 308; Massari, Tra Mito ed Allegoria, pp Dimensioni 105x212. English translation

26

27 Maestro del Dado (attivo a Roma verso la metà del XVI secolo) 43. Trionfo d Amore Coppia di incisioni al bulino, circa 1532, monogrammate in lastra in basso a destra. Da un soggetto della scuola di Raffaello. Esemplare nel probabile secondo stato di due, editi da Antonio Lafrery. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva, rifilate irregolarmente alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Le opere sono forse connesse al celebre fregio di Polidoro da

28 Caravaggio descritto dal Vasari come il fregio bellissimo di fanciulli che esisteva in via dei Coronari a Roma, ora conosciuto attraverso un disegno conservato a Berlino. Possibile anche la derivazione da Giulio Romano, data la somiglianza con un fregio dell artista realizzato per la chiesa di Fidenza. Bibliografia: Bartsch 36 & 37; Massari, Raphael Invenit, p. 260, 9 & 10. Dimensioni 400x100.

29 Giovanni Battista Franco (Venezia 1510 circa 1561) 44. Mosè trova l acqua nella roccia Acquaforte e bulino, circa 1540, monogrammato in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel secondo stato di due, con l indirizzo di Giacomo Franco. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana stella, con margini, in ottimo stato di conservazione. La figura del Franco è assai singolare nell ambito della grafica italiana del Rinascimento e rappresenta una risorsa fondamentale per lo studio delle antichità classiche, dei temi e dello stile michelangiolesco. Nativo di Venezia, si trasferisce a Roma intorno al 1530, e qui apprende e si dedica all arte dell incisione, sotto la guida di esperti editori quali Antonio Salamanca e Antonio Lafrery. A Roma sviluppa il suo interesse per le antichità classiche, che lo porterà a creare una linea di continuità tra l editoria romana e veneziana e a sviluppare e perpetuare l interesse per lo stile classico dell Alto Rinascimento. Bibliografia: Bartsch, 2. Dimensioni 510x370.

30 Jan Stephan van Calcar (Calcar, Cleve 1499 Napoli 1546) 45. Memento Mori Xilografie, 1543 circa. Tratte dal De humani corporis fabrica libri septem, di Andrea Vesalio. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, in ottimo stato di conservazione. Andrea Vesalio, forma italianizzata di Andreas van Wesel è stato un anatomista e medico fiammingo. Il suo De humani corporis fabrica libri septem pubblicato a Basilea nel 1543 rappresenta un monumento della storia della scienza ed anche una delle più alte espressioni dell arte grafica. Il Vasari attribuisce le tavole dell opera a Jan Stephan van Calcar, pittore ed incisore fiammingo, che aveva studiato a Venezia con Tiziano, del quale fu anche allievo. Edizione tedesca del Bibliografia: Muraro & Rosand, Tiziano e la silografia veneziana del Cinquecento, pp. 123/133, 69. Dimensioni 203x337.

31 Jan Stephan van Calcar (Calcar, Cleve 1499 Napoli 1546) 46. Uomo e donna nudi (Adamo ed Eva) Xilografie, 1543 circa. Tratte dal De humani corporis fabrica librorum Epitome, di Andrea Vesalio. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva, in ottimo stato di conservazione. Nello stesso anno della sua opera principale, il Vesalio pubblica l Epitome, una sorta di sommario al De humani corporis fabrica, composto da 12 pagine di testo ed 11 silografie. Alcune tavole provengono dall opera precedente, mentre altre, come queste due, sono ridisegnate, alquanto più grandi. La loro funzione era quella di costituire un punto di riferimento per tutte le immagini. Sembra che le due figure simboleggino l intera umanità, come le statue di Adamo ed Eva nei portali delle cattedrali gotiche o quelle di Antonio Rizzo nel Palazzo Ducale di Venezia. Il Vasari attribuisce le tavole dell opera a Jan Stephan van Calcar, pittore ed incisore fiammingo, che aveva studiato a Venezia con Tiziano, del quale fu anche allievo. Tuttavia queste due xilografie, che si differenziano notevolmente dalle altre, rappresentano una vera incognita per chi studia l opera del Vesalio. Edizione tedesca del Bibliografia: Muraro & Rosand, Tiziano e la silografia veneziana del Cinquecento, pp. 123/133, 73&74. Dimensioni 212x422.

32

33 Enea Vico (Parma 1523 Ferrara 1567) 47. Il combattimento delle amazzoni Bulino, 1543, datato e monogrammato in lastra in basso al centro. Da un soggetto di Perin del Vaga. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, leggere abrasioni nel margine bianco, per il resto in ottimo stato di conservazione. La composizione, ritenuta dal Bartsch invenzione di Raffaello o di Giulio Romano, deriva dal foglio di Perin del Vaga raffigurante il combattimento delle amazzoni conservato al Louvre e noto come Teseo e le Amazzoni. La scena è una delle dieci rappresentazioni intagliate su cristallo da Giovanni Bernardi che adornano la Casetta Farnese, oggi al museo di Capodimonte di Napoli. Rispetto al disegno del Perin, l opera di Enea Vico è molto più ricca di particolari e interpretata in maniera del tutto personale. L artista raggiunge con questa incisione un risultato bizzarro, complicato da arbitrari usi della luce alternati da ombre scure e zone appena tratteggiate al bulino. Il risultato è un effetto teatrale altamente suggestivo e tipicamente manierista. Opera rara e ricercata. Bibliografia: Bartsch XV, p. 287, 14; Massari, Tra Mito ed Allegoria, p. 262, 100. Dimensioni 280x205.

34 English translation

35 Enea Vico (Parma 1523 Ferrara 1567) 48. Trofeo con guerriero con elmetto 49. Trofeo con donna con elmetto 50. Trofeo con insegne dei romani Incisioni al bulino, 1550 circa. Da un soggetto di Polidoro da Caravaggio. Buone prove, impresse su carta vergata coeva, con sottili margini, applicate su antico supporto di collezione, in buono stato di conservazione. Le tre opere appartengono ad una serie che è catalogata nell indice delle stampe di Antonio Lafrery del 1573 sotto il nome di Libro de Trofei cavati da disegni di Polidoro ad imitazione de gli Antichi. Alla morte del Lafrery (1577), le lastre passarono al nipote Claudio Duchetti e quindi a Paolo Graziani e Pietro de Nobili. Nell inventario di quest ultimo, risalente al 1584, la serie risulta essere di sedici stampe. Tuttavia le lastre risalgono al periodo 1550/53 e sono il frutto della rivalità prima, e fusione poi, delle tipografie di Antonio Salamanca e Antonio Lafrery. Bartsch attribuisce le incisioni ad Enea Vico. Rare. Bibliografia: Bartsch 438, 442, 447; Bury, The Print in Italy, pp. 60/2, 38. Dimensioni 165x243 circa.

36

37 Battista Angolo del Moro (Verona 1515 circa 1573) 51. Perseo reca sacrificio a Giove Acquaforte e bulino, circa 1545/50. Da un soggetto di Giulio Romano. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, tracce di piega centrale, per il resto in ottimo stato di conservazione. L opera appartiene alla serie della leggenda di Perseo, che Giulio Romano affida a Battista Angolo per la traduzione a stampa. Battista Angolo del Moro fu il patriarca di una generazioni di artisti veronesi, educati allo stile del Parmigianino e alla tecnica del Meldolla, ma influenzati dalla Scuola di Fontainebleau. Questa corrente, attiva tra il 1550 e la fine del secolo, ebbe come esponenti principali Battista e Marco del Moro, Battista Pittoni, Giovan Battista Fontana, Paolo e Orazio Farinati, Angiolo Falconetto. Battista Angolo (noto anche come Giovanni Battista d Angeli) era il genero e pupillo di Francesco Torbido detto Il Moro, importante pittore allievo di Tiziano al quale deve il suo nome. Opera molto rara. Bibliografia: Bartsch 19; Massari, Giulio Romano pinxit et delineavit, p. 183, 173. Dimensioni 243x175. English translation

38

39 Battista Angolo del Moro (Verona 1515 circa 1573) 52. Ritratto di Giovanni da Valletta Acquaforte e bulino, circa 1557, firmata in basso a destra. Esemplare nel probabile secondo stato di due, con la data 1565 e l indirizzo di Ferrando Bertelli. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, irregolarmente rifilata al rame, piccola macchia di inchiostro nella parte sinistra, per il resto in perfetto stato di conservazione. L opera non è inserita in nessuna delle bibliografie consultate, ed è da me attribuita per evidenti motivi stilistici a Battista Angolo. Evidenti sono i riscontri con l altro ritratto da lui eseguito intorno al 1555, quello di Enrico II, Re di Francia (Bartsch 28). Il ritratto raffigura padre Jean de La Vallette-Parisot, il quarantanovesimo Gran Maestro del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, da cui il nome della capitale di Malta, nominato nel 1557 per difendere l isola dagli ottomani. Probabile che il ritratto venga realizzato in occasione della sua elezione a Gran Maestro e quindi ristampato nel 1565, anno della resistenza alla flotta turca, per motivi economici, data la fama che ne seguì. Tra le opere della tipografia Bertelli, attiva a Venezia dal 1558, troviamo tracce anche di un ritratto di Giovanni da Valletta inciso da Martino Rota, ma non di questa lastra. Opera molto rara. Bibliografia: Non descritta. Dimensioni 140x196.

40

41 Dirk Volkertsz Coornhert (Amsterdam, 1522 Gouda 1590) 53. Il battesimo di San Paolo Bulino, 1553, datato in lastra in basso al centro. Da un soggetto di Maarten van Heemskerck. Esemplare nel primo stato di due, con l indirizzo di Hieronimus Cock. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, irregolarmente rifilata al rame, leggere abrasioni perfettamente restaurate al verso, per il resto in ottimo stato di conservazione. Maarten van Heemskerck ( ) è stato un pittore olandese del periodo detto rinascimento transalpino. La sua arte è stata influenzata dal viaggio in Italia, dove resterà per 4 anni a Roma, dedicandosi soprattutto allo studio dell antico, mediante l esercizio del disegno. Ritornato in patria, continuerà a rappresentare nei suoi quadri le antiche rovine di Roma usate per ambientare soggetti anche eterogenei. Si dedica anche alla grafica, caratterizzata da un particolare manierismo appreso in Italia, che ricorda il Parmigianino ed il Pontormo. Intuendo la grande potenzialità dell incisione per la traduzione dei suoi disegni, l artista inizia la collaborazione con alcuni editori ed incisori quali Hieroniums Cock. Sono note circa 600 incisioni derivanti dai suoi disegni. Dirck Volkertszoon Coornhert nacque ad Amsterdam, dopo aver viaggiato in Spagna e in Italia, si stabilì ad Haarlem. Rara incisione. Bibliografia: The New Hollstein 394 I/II; Riggs, Hieronimus Cock, 113; The Illustrated Bartsch 55, 42. Dimensioni 405x294.

42

43 Nicolas Beatrizet detto Beatricetto (Thionville 1515 circa - Roma 1565) 54. Lupa Capitolina Bulino, 1552, datata in lastra in basso al centro. Esemplare nel primo stato di quattro, con l indirizzo dell editore Antonio Lafrery. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana stemma con giglio e chiavi decussate sormontato da stella, con ampi margini, per il resto in ottimo stato di conservazione. Attribuita al Beatricetto dal Bartsch. Molto rara. Bibliografia: Huelsen 47 a/d; La Roma del Cinquecento nello Speculum Romanae Magnificentiae, pag. 10. Dimensioni 345x255.

44 Nicolas Beatrizet detto Beatricetto (Thionville 1515 circa - Roma 1565) 55. Sepolcro di papa Giulio II Bulino, 1554, datato in lastra in basso al centro. Da un soggetto di Michelangelo Buonarroti. Esemplare nel primo stato di tre, con l indirizzo dell editore Antonio Salamanca. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana incudine e martello nel cerchio, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L opera è successivamente inserita nello Speculum Romanae Magnificentiae di Antonio Lafrery. Attribuita al Beatrizet dal Bartsch e altri studiosi, riproduce la tomba di Giulio II, con il celebre Mosè, scolpita da Michelangelo in San Pietro in Vincoli, una delle più famose sculture di tutti i tempi. Bibliografia: Barnes, Michelangelo in Print, pp. 156/159; La Roma del Cinquecento nello Speculum Romanae Magnificentia, p. 120; Huelsen p. 163, 107 a/c. Dimensioni 274x423.

45 Nicolas Beatrizet detto Beatricetto (Thionville 1515 circa - Roma 1565)) 56. Theatrum sive Coliseum Romanum Bulino, circa 1550/1560, privo di firma e data. Esemplare nel primo stato di tre, edito dalla tipografia Lafrery o Salamanca. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana scala nel cerchio con stella, rifilata al rame, in eccellente stato di conservazione. Parte dello Speculum Romanae Magnificentiae di Antonio Lafrery. L opera raffigura una fedele ricostruzione del Colosseo, ed è attribuita al Beatrizet da Huelsen, per motivi stilistici. Magnifico esemplare. Bibliografia: Huelsen 18a; Marigliani, La Roma del Cinquecento nello Speculum Romanae Magnificentiae p Dimensioni 575x417.

46 Bottega di Antonio Labacco (Vercelli 1528 circa Roma 1590 circa) 57. Colonna Traiana Bulino, circa 1550, privo di data e firma. Esemplare nel primo stato di tre, avanti l indirizzo di Paolo Graziani e Pietro de Nobili. Magnifica prova, impressa su carta vergata cova con filigrana pellegrino nel cerchio, con margini, in ottimo stato di conservazione. L opera è inclusa nella raccolta di Antonio Labacco, pubblicata per la prima volta nel 1552 e successivamente inserita anche nello Speculum Romanae Magnificentiae di Antonio Lafrery. Incerta, invece, l attribuzione della lastra, da ascriversi forse al figlio Mario Labacco, o molto più probabilmente a Baldo Perogino o Perosin, fine incisore di intaglio che risulta anche nell inventario del Lafrery. Molto rara. Bibliografia: Huelsen 30A. Dimensioni 375x545.

47 Antonio Lafrery (Orgelet 1512 circa Roma 1577) 58. Frontespizio della collezione sacra lafreriana Bulino, 1576, datato in lastra al centro. Esemplare nell unico stato conosciuto. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana scudo con stella e lettera M, con piccoli margini, piega centrale orizzontale, per il resto in perfetto stato di conservazione. Il frontespizio è decorato con una cornice architettonica a tre registri al cui centro campeggia l intestazione. La composizione dell opera è analoga a quella realizzata per lo Speculum Romanae Magnificentiae, rispetto alla quale risulta tuttavia più splendida e ricca di immagini e didascalie. Uno dei tre frontespizi che l editore fece realizzare per raccogliere e catalogare le sue opere. Foglio di incredibile rarità. Bibliografia: Bury, The Print in Italy, pp. 49/51, fig.2; Marigliani & Biguzzi, La Collezione Sacra della Bottega di Antonio Lafrery, pp. 39/41. Dimensioni 334x460 circa. English translation

48

49 Donato Bertelli (attivo a Venezia tra il 1558 ed il 1592) 59. Arresto di Gesù nel Getsemani Acquaforte e bulino, circa 1560, monogrammata in lastra in basso al centro. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana giglio entro cerchio, irregolarmente rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Donato Bertelli era stampatore, editore calcografico e cartografico, mercante di stampe a Venezia in Merzaria, all insegna di S. Marco. Noto certamente a Padova, dal momento che si sottoscrisse Donatus Bertellius patavinus, nel 1558 si firmava Donato de Piero, in seguito più comunemente Donato Bertelli libraro. I limiti dell attività del Bertelli, comunemente fissati tra il 1563 e il 1574, possono essere dilatati, sulla scorta delle carte da lui edite, al Nell anno 1559 frequentava la bottega di Ferdinando Bertelli, col quale non sono chiari i rapporti di parentela; da lui ereditò i rami sostituendovi il suo nome, e in data 1 aprile 1571 fu iscritto alla matricola dell Arte degli stampatori. Suo successore alla Libraria di S. Marco fu Andrea, attivo fra il 1594 e il 1601, che non sempre utilizzò i vecchi rami di Donato. L opera, non descritta in nessuno dei repertori consultati, è rarissima. Bibliografia: Bury, The Print in Italy, p.221. Dimensioni 302x410.

50

51 Ambrogio Brambilla (attivo a Roma ) 60. La Cappella Sistina Acquaforte e bulino, 1582, datata in lastra in basso a destra. Esemplare nel secondo stato di tre, con l indirizzo di Van Schoel. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, pieghe di carta e strappo perfettamente restaurato visibili al verso, per il resto in ottimo stato di conservazione. L opera raffigura la Cappella Sistina di Michelangelo, durante una cerimonia celebrata dal Pontefice. Incisa da Ambrogio Brambilla, è una delle prime opere stampate dalla tipografia di Claude Duchet, erede di Antonio Lafrery, che si firma Claudii Ducheti formis Nepos Ant. Lafrery. La lastra è una replica, come allora accadeva spesso, del lavoro edito da Lorenzo Vaccari, a firma di Etienne Duperac, nel Molto rara. Bibliografia: Huelsen 130 b/c; McGinniss 268. Dimensioni 390x530.

52 Ambrogio Brambilla (attivo a Roma ) 61. Prospetto esterno di San Pietro Acquaforte e bulino, 1582 circa, firmata in lastra in alto a sinistra. Da un modello di Michelangelo. Esemplare nel primo stato di due, con l indirizzo di Claude Duchet. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana scudo con stella e lettera M, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. La lastra è una replica, come all epoca accadeva spesso, del lavoro a firma di Etienne Duperac. Basato sul modello ligneo costruito da Michelangelo conservato al Museo della Fabbrica di San Pietro. Rara. Bibliografia: Huelsen 93B I/II.; Marigliani, La Roma del Cinquecento nello Speculum Romanae Magnificentiae, p Dimensioni 456x340.

53 Martino Rota (Sebenico 1520 Vienna 1583) 62. San Domenico scaccia il demonio Bulino, firmato in lastra in basso al centro. Edita a Venezia da Luca Bertelli. Buona prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, con piccoli margini, in perfetto stato di conservazione. Tra i seguaci tecnicamente più dotati di Marcantonio, Rota fu uno degli artisti che esportò al nord lo stile e la tecnica italiana dell arte della stampa. Stando agli indirizzi riportati su molte delle sue lastre, era nato a Sebenico, in Dalmazia, la stessa regione natale di Schiavone. Tuttavia la vita dell artista, prima della sua presenza a Roma, nel 1540, come incisore di riproduzioni, è pressoché ignota. Le prime stampe da lui realizzate coniugavano la maniera raffinata e sistematica di Marcantonio con un abilità in continua crescita. Bibliografia: Bartsch 17; Bury, The print in Italy , p Dimensioni 217x339.

54 Agostino Carracci (Bologna Parma 1602) 63. Satiro che frusta una Ninfa Bulino, circa 1590/5. Della serie delle cosiddette Lascivie. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Questa collezione, undici opere a carattere mitologico e biblico con marcato sfondo erotico, fece infuriare papa Clemente VIII ( ) che biasimò il Carracci per la sua mancanza di buona creanza. Proprio la diatriba con il Pontefice contribuisce alla datazione delle lastre, altrimenti prive di firma e data. Dato il soggetto peccaminoso le opere ebbero poca tiratura e risultano pertanto assai rare. Bibliografia: De Grazia 186; Bartsch 133; Bury, The print in Italy , p. 196, 139. Dimensioni 112x154.

55 Agostino Carracci (Bologna Parma 1602) 64. Lo sposalizio mistico di Santa Caterina Bulino, 1582, firmato e datato in basso a destra. Da un dipinto di Paolo Veronese. Esemplare nel primo stato di due, avanti l indirizzo dell editore Giacomo Franco. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, piccolo restauro nella parte centrale perfettamente eseguito, per il resto in ottimo stato di conservazione. L opera deriva dal dipinto del Veronese nelle Gallerie dell Accademia, ma che nel 1575 era sito nella chiesa di Santa Caterina a Venezia. Il Carracci riprende fedelmente la composizione originale, e rese in maniera perfetta gli effetti scintillanti della pittura del Caliari. Il Bartsch affermò giustamente che questa è una delle opere più felici di Agostino. Bellissima prova. Bibliografia: De Grazia, Le Stampe dei Carracci, p. 125, 104 I/II; Bartsch 98. Dimensioni 344x505. English translation

56

57 Agostino Carracci (Bologna Parma 1602) 65. Copricapo a forma di ventaglio Bulino, circa , firmato in lastra in basso a sinistra nelle prove di secondo stato. Esemplare nel raro primo stato di due, avanti lettera. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, intervento di restauro perfettamente eseguito nella parte bianca superiore, tracce di colla al verso, per il resto in ottimo stato di conservazione. Scrive De Grazia L incisione è sempre stata interpretata quale rappresentazione di un ventaglio, ma deve trattarsi di qualche cosa d altro, perché del ventaglio non ha l impugnatura e quella al centro è troppo scomoda per consentirne un uso siffatto. Non esiste una spiegazione dei tre ovali nell angolo basso a destra e di un quarto appena accennato un basso a sinistra. Diane Russel ha suggerito che forse l oggetto era inteso quale copricapo da ritagliare e portare in una festa. In questo modo ciascuna scena negli ovali poteva venire alternata a piacere al busto e al paesaggio del copricapo. Se questa fu la sua destinazione probabile che sia realizzata nel 1589 in occasione delle nozze tra Ferdinando de Medici e Cristina di Lorena. Gli esemplari di primo stato sono assolutamente rarissimi. Bibliografia: De Grazia, Le Stampe dei Carracci, pp. 178/9, 193 I/II; Bartsch 260. Dimensioni 251x368.

58

59 Cerchia di Agostino Carracci (Bologna Parma 1602) 66. Madonna che allatta il bambino, in un paesaggio Bulino, fine XVI secolo. Da un disegno di Agostino Carracci. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Il soggetto è già interpretato da Francesco Brizio nel 1595; e del tema esistono diversi disegni preparatori, nessuno dei quali sembra essere l originale del Carracci. Questa incisione è nello stesso verso rispetto al disegno preparatorio e pertanto potrebbe essere stata realizzato guardando la stampa del Brizio. Non descritta nei repertori. Bibliografia: De Grazia R28 (Brizio); Bartsch 39. Dimensioni 150x193.

60 Cornelis Cort (Hoorn, Alkmaar, Roma, prima del 1578) 67. Noè costruisce l arca 69. Noè ringrazia per l arca 68. Il Diluvio Universale 70. Noè, ubriaco, viene beffato Incisioni al bulino, 1559, firmate in lastra in basso. Della serie La storia di Noè, da disegni di Marteen van Heemskerck. Esemplari nel terzo stato di tre, con l indirizzo dell editore Claes Jansz Visscher. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana stemma di Amsterdam, con margini, leggere macchie sui margini bianchi che non toccano la parte incisa, per il resto in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein (Van Heemskerck) pp. 17/22, 2,4,5 & 7, III/III; TIB 52, 4-9. Dimensioni 250x202 circa.

61 Joannes van Doetecum (attivo a Deventer ed Amsterdam tra il 1554 ed il 1580) 71. Paesaggio con villaggio e castello Acquaforte e bulino, circa Della serie Paesaggi con scene di villaggi, da disegni di Hans Bol. Esemplare nel secondo stato di due, con il numero 9 aggiunto. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana scudo con stemma, rifilata al rame o con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. La serie consta di 12 paesaggi, tutti tratti da disegni di Bol. Pubblicati per la prima volta da Hieronimus Cock ad Anversa, sono ristampati in seguito da Hendrick Hondius a L Aia. Rara. Bibliografia: Hollstein pp. 55/63, 229 II/II. Dimensioni 320x Narciso ed Eco Acquaforte e bulino, circa Della serie Le Metamorfosi di Ovidio, da disegni di Gerard van Groeningen. Esemplare nel primo stato di tre, edito da Peter de Jode. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame o con sottili margini, applicata su antico supporto di collezione, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein pp. 128/136, 633 I/III. Dimensioni 292x210.

62

63 Johannes Wierix (Anversa circa) 73. Vanitas Bulino, circa 1566, da un soggetto di Albercht Dürer Esemplare nel secondo stato di due con l indirizzo di Claes Jansz. Visccher. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con parziale filigrana, non identificabile, rifilata al rame, piccole abrasioni agli angoli superiori, per il resto in ottimo stato di conservazione. L opera è una derivazione dell incisione di Albrecht Dürer, datata al 1503, rispetto alla quale è una fedelissima ed ingannevole copia. L incisione raffigura uno scudo con un enorme teschio sormontato da un elmo alato, sorretto da un selvaggio che abbraccia una fanciulla in abito festoso. Dal punto di vista iconografico appare descrivere una sorta di versione araldica del tema Amore e Morte, simboleggiando vacuità e transitorietà. Magnifica impressione. Bibliografia: Mauquoy-Hendrickx 1485; Alvin, Catalogue raisonné de l oeuvre des trois frères Jan, Jérome et Antoine Wierix,1191; The Illustrated Bartsch 101, C1. Dimensioni 159x212. English translation

64

65 Hieronymus Wierix (Anversa ) 74. Fede, Speranza e Carità Bulino, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Marteen de Vos. Esemplare nel primo stato di due, con l indirizzo dell editore Peter de Jode. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, in perfetto stato di conservazione. Bibliografia: Alvin, L., Catalogue raisonné de l oeuvre des trois frères Jan, Jérome et Antoine Wierix, Dimensioni 288x196.

66 Harmen Jansz Muller (Amsterdam 1538 circa 1617) 75. Giuda dona a Tamar il pegno 76. Hira di Adullam chiede notizie della prostituta 77. La nascita di Perez e Zarah Incisioni al bulino, circa 1566, monogrammate in lastra in basso. Della serie La storia di Giuda e Tamar, da disegni di Marteen van Heemskerck. Esemplari nello stato finale, con l indirizzo dell editore Claes Jansz Visscher. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana stemma di Amsterdam, con margini, leggeri difetti sui margini bianchi che non toccano la parte incisa, per il resto in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein (Van Heemskerck) pp. 50/53, 39, 42 & 43, III/III. Dimensioni 260x208 circa.

67 Philippe Galle (Haarlem Anversa 1612) 78. La distruzione del tempio di Astarte 79. Il massacro del sacerdoti di Samaria 80. Giosia celebra la Pasqua Incisione al bulino, circa Della serie Re Giosia restaura la legge del Signore, da disegni di Marteen van Heemskerck. Esemplari nello stato finale. Esemplari nello stato finale, con l indirizzo dell editore Claes Jansz Visscher. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana stemma di Amsterdam, con margini, leggeri difetti sui margini bianchi che non toccano la parte incisa, per il resto in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein (Van Heemskerck) pp. 126/131, 147, 149 & 150. Dimensioni 260x208 circa.

68 Adriaen Collaert (Anversa 1555 circa ) 81. I quattro condottieri Incisioni al bulino, circa 1575, firmate in lastra in basso al centro. Serie completa denominata I quattro condottieri, da disegni di Marten de Vos. Esemplari di secondo stato con la numerazione aggiunta in basso a destra. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana stemma di Amsterdam, con margini, leggeri difetti sui margini bianchi che non toccano la parte incisa, per il resto in ottimo stato di conservazione. Le quattro incisioni raffigurano Alessandro Magno, Giulio Cesare, Ciro il Grande, Nino di Ninive, i più grandi condottieri del passato. Bibliografia: Hollstein (Collaert) 1174/1177 II/II; Hollstein (De Vos), 1315/1318. Dimensioni 255x222 circa.

69 Jan Collaert I (attivo ad Anversa) 82. La costruzione della torre di Babele 83. La Torre di Babele Bulino, 1579 circa. Della serie Thesaurus sacrarum historiarum veteris testamenti, elegantissimis imaginabus expressum excellentissimorum in hac arte virorum opera: nunc primum in lucem editus tratta da disegni di Jan Snellinck. Esemplari nel secondo stato di due, con l indirizzo di Claes Jansz Visscher. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva con filigrana stemma di Amsterdam, con margini, leggeri difetti sui margini bianchi che non toccano la parte incisa, per il resto in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein, 14 & 15. Dimensioni 310x228 circa. Tutte le opere sono visibili su

70 Aegidius Sadeler (Anversa 1570 circa Praga 1629) 84. Madonna con Bambino nel paesaggio Bulino, 1590 circa, firmato in lastra in basso. Da un soggetto di Albrecht Dürer. Esemplare nel secondo stato di due. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana stemma con grappolo d uva, rifilata al rame o con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Aegidius Sadeler, noto anche con il nome italianizzato Egidio o come Gilles, era pittore, incisore e un importante manierista, sicuramente l esponente più importante della dinastia dei Sadeler. Dopo essersi trasferito a Colonia durante l infanzia (circa 1579), e poi a Monaco di Baviera (circa 1588), si reca in Italia, lavorando a Roma (1593), Verona e probabilmente Venezia ( ). Dopo un viaggio a Napoli, si trasferisce a Praga nel 1597, dove trascorse il resto della sua vita, per lo più impiegato alla corte dell imperatore Rodolfo II, con Bartholomäus Spranger, di cui divenne il migliore traduttore. Opera giovanile di Aegidius Sadeler, relativo al periodo trascorso tra Monaco e Norimberga. Bellissimo foglio. Bibliografia: Hollstein 72 II/II. Dimensioni 245x345.

71 Johannes Theodor & Johannes Israel de Bry (Liegi 1561 Francoforte 1623) Incisioni al bulino 1592 circa, prive di firma. Opere tratto dal rarissimo Emblemata saecularia, mira et iucunda varietate saeculi huius mores ita exprimentia edito a Francoforte nel 1592 e 1596 ed inciso dai fratelli De Bry. Le incisioni sono tratte principalmente da soggetti di Hyeronimus Bosch, Peter Brueghel, Hans Bol e Marten de Vos, rappresentando temi alchemici e filosofici nel classico stile dei maestri fiamminghi dell epoca. Bellissime prove, impresse su carta vergata coeva ed applicate su antico supporto di collezione, con sottili margini, lievissime ossidazioni, per il resto in perfetto stato di conservazione. Rarissime Bibliografia: Hollstein La Felicità della vita è nell amore. Da Peter Brueghel. Dim. 100x Maniera in cui circola la moneta. Dim. 84x Il camino più fa fumo e meno brucia (Allegoria dell amore coniugale). Dim. 82x Alcuni uomini amano le spine. Da Hieronimus Bosch. Dim. 85x Non ti ho riservato questo trattamento amore. Da Peter Brueghel. Dim. 78x I pesci vengono catturati nello stesso modo. Da Peter Brueghel. Dim. 95x Guarda come è faticosa l arte. Da Peter Brueghel. Dim. 83x L umanità provoca risa e lacrime. Da Marten de Vos. Dim. 96x Guardare nella stalla dopo che sono fuggiti i cavalli. Da Marten de Vos. Dim. 97x L uomo che ride delle sfortune altrui è sfortunato. Dim. 97x Bilancia per le coppie. Da Marten de Vos. Dim. 100x Un uomo davanti ad una donna. Dim. 87x Felici gli uomini che hanno questo albero nel proprio giardino. Dim. 92x Guardandoti nello specchio dovresti riconoscerti. Dim. 84x Bere rende l uomo debole. Da Peter Brueghel Dim. 98x Ignoriamo i desideri preferendo i sogni. Da Peter Brueghel. Dim. 97x Giovane uomo attratto dai soldi di una donna anziana. Dim. 84x Si sacrifica con l uomo vecchio per donare al giovane. Dim. 84x Le nozze sono fatte dal destino. Dim. 104x94. Tutte le opere sono visibili su

72

73 Antonio Tempesta (Firenze 1555 Roma 1630) 104. Allegoria dell estate Acquaforte e bulino, 1592, firmata e datata in lastra in basso al centro. Esemplare nel primo stato con l indirizzo dell editore Giovanni Orlandi. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini o rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L opera fa parte della serie Le quattro stagioni, relativa al periodo romano del Tempesta, dedito alla rappresentazione delle opere mitologiche. Al verso, una parziale controprova dell Allegoria dell inverno, della stessa serie. Magnifico esemplare. Bibliografia: Lippincott 1999, p.86, 078; Bartsch XVII , I/II. Dimensioni 218x144.

74 Francesco Villamena (Assisi 1565 circa Roma 1624) 105. Riposo dalla fuga in Egitto Bulino, 1597, firmato datato e dedicato in lastra in basso. Da un disegno di Girolamo Muziano. Magnifica prova, ricca di contrasto, impressa su carta vergata coeva con filigrana mano, rifilata al rame, restauro all angolo inferiore destro perfettamente eseguito, nel complesso in buono stato di conservazione. Bibliografia: Kühn-Hattenhauer, Das graphische Oeuvre von Francesco Villamena, p. 195; Bury, The Print in Italy, pp.17/18. Dimensioni 145x205..

75 Peter De Jode (Anversa ) 106. Vita di Santa Caterina da Siena Bulino, 1597, della seri Vita, mors, gesta et miracula quaedam selecta B. Catherina Senensis, da disegni di Francesco Vanni. Edito a Siena da Matteo Florimi. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana doppio cerchio con tre monti e fiore, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. La composizione, come le altre 10 della serie, raffigura tre scene della vita della Santa, con relativo testo esplicativo. Il De Jode traduce il chiaroscuro dei disegni manieristi del Vanni attraverso un intreccio di linee alternate ad ampie zone non incise, in modo da donare alla composizione la teatralità e la luce mistica presente nei disegni. Bibliografia: Hollstein 265; Bury, The print in Italy , p Dimensioni 280x247.

76 Anonimo 107. Il Cavaliere, la Morte e il Diavolo Bulino, databile alla fine del XVI secolo, monogrammato in lastra in basso a sinistra con le iniziali AD. Copia nelle stesso verso dell incisione di Albrecht Dürer. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Unica copia nello stesso verso dell opera di Dürer, probabilmente di mano fiamminga che nessuno è riuscito a identificare. Bellissimo esemplare. Bibliografia: The Illustrated Bartsch 98, C1. Dimensioni 188x242.

77 Crispijn de Passe il vecchio (Arnemuiden ca Utrecht 1637) 08. Juventus Labori Bulino, 1596, firmato in lastra in basso a destra. Della serie Le quattro età dell uomo, da disegni di Marteen de Vos. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana aquila reale, con sottili margini, traccia di piega centrale, per il resto in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein 489; Hollstein (De Vos) Dimensioni 222x Virilitas 110. Senectus Incisioni al bulino, 1599, firmate in lastra in basso. Della serie Le età dell uomo, da disegni dello stesso artista. Magnifiche prove, impresse su carta vergata coeva, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein 496 & 498; Franken 1095 & Dimensioni 149x220 circa Putto alato con aquila Bulino, 1601, privo di firma. Della serie Le Sibille, composta da 18 incisioni. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein 315; Franken281. Dimensioni 115x Allegoria dell Asia Bulino, 1601, privo di firma. Della serie I quattro continenti, di invenzione dello stesso artista. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Hollstein 598. Dimensioni 220x188. Tutte le opere sono visibili su

78

79 Nicolas de Bruyn (Anversa 1570 circa Amsterdam 1656) 113. Adamo ed Eva nel paradiso terrestre Bulino, circa 1600, firmato in lastra in basso. Da un disegno di Marteen de Vos. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Nicolas de Bruyn era figlio di Abraham, dal quale fu indirizzato verso lo studio dell incisione. Tuttavia non ne seguì l esempio per stile ed esecuzione, ispirandosi invece ai lavori di Luca di Leida. I disegni di Marteen de Vos raffiguranti la storia di Adamo ed Eva sono incisi anche da Crispin de Passe. Dimensioni 120x132.

STAMPE DALLA COLLEZIONE DI CASA ROSMINI 74 STAMPE DALLA COLLEZIONE DI CASA ROSMINI Cronocalendario ungherese (1691) STAMPE DALLA COLLEZIONE DI CASA ROSMINI 75 Descente de la machine aerostatique (1783)

Dettagli

20 anniversario. Grafica Antica. Catalogo 46. Antiquarius

20 anniversario. Grafica Antica. Catalogo 46. Antiquarius 20 anniversario Grafica Antica Catalogo 46 Antiquarius Grafica Antica Catalogo 46 Antiquarius Srl Corso del Rinascimento 63-00186 Roma Telefono: ++39 06 68802941 Fax: ++39 06 97619193 Partita IVA IT09749601002

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Francobollo commemorativo emesso il 18 febbraio 2013 in occasione del 270 anniversario della morte di Anna

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

Non esiste un pezzo uguale ad un altro; possibili variazioni sul supporto e sul colore sono dovuti ai naturali processi di trasformazione.

Non esiste un pezzo uguale ad un altro; possibili variazioni sul supporto e sul colore sono dovuti ai naturali processi di trasformazione. CARATTERISTICHE Gancio invecchiato a scomparsa Cavalletto in ferro brunito pieghevole Pregiata scatola in velluto rosso L Affresco della Bottega Artigiana Tifernate, è realizzato con soli materiali naturali

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria 1 Arte romana Urna cineraria Fine sec. I d.c. Marmo di Carrara Città del Vaticano, Musei Vaticani, coperchio inv. n. 9183, cassa inv. n. 9184 5 Niccolò di Segna (Siena, documentato dal 1331 al 1348) Madonna

Dettagli

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro.

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro. Exposition Mantegna 26 septembre 2008-5 janvier 2009 Percorso per bambini Andrea Mantegna è un artista che ha dato molta importanza ai dettagli. Guardare da vicino la sua pittura aiuta a capire il suo

Dettagli

La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ.

La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ. La Galleria Sabauda A CURA DEL SETTORE RICERCHE TRADIZIONI ETNICHE, STORICHE E AGROALIMENTARI DELL ASSOCIAZIONE THULE ITALIA-SEZ. PIEMONTE La galleria sabauda è situata presso il palazzo dell Accademia

Dettagli

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo CITTA' MUSEO AUTORE TITOLO OPERA San Girolamo in preghiera La fuga in Egitto San Girolamo Eremita Martirio di San Giacomo Decapitazione di una Santa Decapitazione di una Santa L'Annunciazione Sacra Famiglia

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

IL RINASCIMENTO NORDICO

IL RINASCIMENTO NORDICO IL RINASCIMENTO NORDICO Venerdì 2 novembre 2012 Sabato, 14 aprile 2013 Nella galleria blu piccola: Tra il 1450 e il 1600, il Nord Europa vide profondi cambiamenti. Questo periodo è spesso descritto come

Dettagli

1744 INVENTARIO DE QUADRI DI PROPRIA APPARTENENZA DELL ILLUSTRISSIMO E

1744 INVENTARIO DE QUADRI DI PROPRIA APPARTENENZA DELL ILLUSTRISSIMO E [carte non numerate] 1744 INVENTARIO DE QUADRI DI PROPRIA APPARTENENZA DELL ILLUSTRISSIMO E COLENDISSIMO SIGNOR SENATORE CAVALIERE MARCHESE VINCENZIO RICCARDI DA LUI COMPRATI CO SUOI PROPRI DANARI INDIPENDENTEMENTE

Dettagli

2. SCUOLA DEI CARRACCI Pietà Sec. XVI, fine Sec. XVII, inizi Olio su tela; 157 x 203 cm; con cornice 203 x 254 cm

2. SCUOLA DEI CARRACCI Pietà Sec. XVI, fine Sec. XVII, inizi Olio su tela; 157 x 203 cm; con cornice 203 x 254 cm La collezione d arte della Banca Carime. Elenco opere. 1. GIOVANNI BELLINI (Venezia 1438/40 ca 1516) con la collaborazione di GENTILE BELLINI (Venezia 1429 ca Venezia 1507) Cristo al Calvario e il Cireneo

Dettagli

SCHEDA SOGGETTI D AUTORE

SCHEDA SOGGETTI D AUTORE SCHEDA SOGGETTI D AUTORE Antonello: La Vergine Annunciata Archimede squadra e compasso Trattasi di una riproduzione su carta papiro. della Vergine Annunciata custodita a Palermo presso la Galleria Regionale

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

Comunicato stampa Roma, 14 giugno 2011. Splendore celeste: Raffaello, Dürer e Grünewald dipingono la Madonna

Comunicato stampa Roma, 14 giugno 2011. Splendore celeste: Raffaello, Dürer e Grünewald dipingono la Madonna Comunicato stampa Roma, 14 giugno 2011 Splendore celeste: Raffaello, Dürer e Grünewald dipingono la Madonna Mostra congiunta dei Musei Vaticani e delle Staatliche Kunstsammlungen di Dresda 6 settembre

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

Immagini e Didascalie Capolavori che si incontrano

Immagini e Didascalie Capolavori che si incontrano Immagini e Didascalie Capolavori che si incontrano 1 Giandomenico Tiepolo (Venezia, 1727 1804) Testa di vecchio 1757 1759 circa Olio su tela, 53,3 x 45,7 cm 2 Filippo Lippi (Firenze, 1406 Spoleto, 1469)

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE In occasione della mostra Raffaello: la Madonna del Divino Amore (17 marzo 28 giugno 2015) il Dipartimento

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

Elenco Opere. Caravaggio a Roma. Una vita dal vero

Elenco Opere. Caravaggio a Roma. Una vita dal vero Elenco Opere Caravaggio a. Una vita dal vero Guido Reni ( attr.) Ritratto di Beatrice Cenci, sec. XVII Olio su tela, cm 75x50 GALLERIA NAZIONALE D ARTE ANTICA DI PALAZZO BARBERINI Amor sacro e amor profano,

Dettagli

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015 La Venaria Reale 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda alla Reggia di Venaria Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica Dal 28 maggio 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda

Dettagli

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia.

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il XV secolo a Pescia e in Valleriana. Fig. 1. Giovanni di Bartolomeo Cristiani?, Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista, Giovanni

Dettagli

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA

ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA ELENCO OPERE E PERCORSO MOSTRA CAPOLAVORI TRA CAPOLAVORI Capolavori della grafica di Leonardo 1. Studi per viti idrauliche e ruote mosse dall acqua, con altri disegni di congegni circa 1480-1482, penna

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

GRANDUCATO DI TOSCANA

GRANDUCATO DI TOSCANA GRANDUCATO DI TOSCANA DEPOSITERIA DI SUA ALTEZZA REALE Al fine di promuovere la circolazione della cartamoneta nella Toscana, nel 1776 il Granduca Pietro Leopoldo emanò una disposizione per invogliare

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

-Testimonianze di artisti modenesi tra '800 e 900 : 2-17 giugno 1990, Rocca di Vignola: Edizioni Vaccari, 1990.

-Testimonianze di artisti modenesi tra '800 e 900 : 2-17 giugno 1990, Rocca di Vignola: Edizioni Vaccari, 1990. Elisabetta Barbolini Ferrari Curriculum professionale Ricercatrice, Scrittrice, Studiosa della Storia Estense e di Storia della cucina Esperta d'arte e antiquariato, in particolare di porcellane, maioliche

Dettagli

Lista Opere. I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c.

Lista Opere. I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c. Lista Opere I Sezione Il ritratto tardo repubblicano I sec. a.c. Ritratto di ignoto con busto moderno Metà del I sec. a.c. Testa maschile su busto non pertinente Terzo quarto del I sec. a.c. Ritratto maschile

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante

Esempi di restauro di opere d arte. Francesco Morante Esempi di restauro di opere d arte Francesco Morante Il Laocoonte La scultura di età ellenistica nota come il Gruppo del Laocoonte, fu ritrovata a Roma nel 1506, nei pressi della Domus Aurea. Il gruppo

Dettagli

I Caratteri generali

I Caratteri generali I Caratteri generali Il libro a stampa antico Il libro a stampa antico è un manufatto, la cui produzione è precedente l introduzione dei procedimenti meccanici nella produzione della stampa. E quello che

Dettagli

Arcimboldo Arcimboldo Artista milanese tra Leonardo e Caravaggio, . Paolo Morigia, Giovan Paolo Lomazzo e Gregorio Comanin scuola di Leonardo

Arcimboldo Arcimboldo Artista milanese tra Leonardo e Caravaggio, . Paolo Morigia, Giovan Paolo Lomazzo e Gregorio Comanin scuola di Leonardo Arcimboldo Arcimboldo Artista milanese tra Leonardo e Caravaggio, sarà una delle mostre principali del 2011. Allestita a Palazzo Reale di Milano dal 10 febbraio al 22 maggio, è stata curata da Sylvia Ferino,

Dettagli

RAFFAELLO. Autoritratto, 1506 ca

RAFFAELLO. Autoritratto, 1506 ca Vol II, pp. 446-459 459 RAFFAELLO Autoritratto, 1506 ca 1483-1520 1520 LA VITA 1483 nasce a Urbino figlio di un pittore Va a bottega dal padre e si educa alla corte dei Montefeltro Allievo del Perugino

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Luigi Morgari (Torino 1857-1935)

Luigi Morgari (Torino 1857-1935) 90 Luigi Morgari (Torino 1857-1935) Via Crucis, secondo decennio del XX sec. 14 cromolitografie, cm 80 x 54 (ciascuna) CAGLI, Chiesa di San Geronzio (già in Cattedrale) 10 Dopo una buona ed operosa esistenza

Dettagli

Restauri inattesi. Ai margini del patrimonio

Restauri inattesi. Ai margini del patrimonio Restauri inattesi. Ai margini del patrimonio Le 27 opere recuperate grazie al progetto Sostegno ai saperi e alle tecniche artistiche Il progetto Sostegno ai saperi e alle tecniche artistiche è stato attivato

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna Bologna, Ritiro di San Pellegrino Benedetto Gennari, Ritratto di gentildonna

Dettagli

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti incontri di formazione e aggiornamento per docenti In occasione della mostra su Dosso Dossi, artista del Rinascimento attivo presso la corte estense di Ferrara e nel Magno Palazzo del cardinale di Trento,

Dettagli

Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione

Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione Villa d Este si trova nel centro di Tivoli (RM). È formata da un palazzo, le cui numerose sale sono stupendamente affrescate con scene di ispirazione per lo più mitologica, e da un magnifico giardino ricco

Dettagli

Anno scolastico 2012 / 2013

Anno scolastico 2012 / 2013 SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE Via Enrico Alvino, 9 NAPOLI Anno scolastico 2012 / 2013 Disciplina: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Classe: III LICEO SCIENTIFICO Docente: Prof.ssa BRANCA Antonella Libri

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet

STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet STORIA DELLA PUBBLICITA Dall antichità ai tempi di internet PICCOLA PREMESSA Se per pubblicità intendiamo qualsiasi atto di comunicazione per favorire una vendita o informare dell esistenza di una merce,

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Vittorio Amedeo II, Filippo Juvarra e la fortuna a Torino di Sebastiano Ricci (Belluno 1659 Venezia 1734) VIAGGI DI

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo Dati informativi dell opera Tipologia: Dipinto Autore: Sandro Botticelli (Alessandro Filipepi, Firenze1445-1510)

Dettagli

Programma di Disegno e storia dell arte

Programma di Disegno e storia dell arte Programma di Disegno e storia dell arte Cl 4DS A.S. 2014-2015 Storia dell arte Il Rinascimento. La stagione delle certezze (I) Michelangelo Buonarroti La Pietà di San Pietro David Tondo Doni Tomba di Giulio

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

EDIZIONI DI PREGIO DEL NOVECENTO

EDIZIONI DI PREGIO DEL NOVECENTO EDIZIONI DI PREGIO DEL NOVECENTO DANTE. IL DANTE URBINATE della Biblioteca Vaticana (codice urbinate latino 365). Riproduzione del codice. Roma, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1965 in folio (mm 400x250),

Dettagli

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009 Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna Dal 6 all 8 novembre 2009 PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale: Prof. Valter

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj

Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj Elenco delle opere in mostra: Prima sala Francesco Barbieri detto il Guercino, Figliuol Prodigo Francesco Barbieri

Dettagli

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911)

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) Scheda n. 7 Calavino, Veduta esterna Calavino, La decorazione presbiterale Oggetto Ciclo pittorico Soggetto Sulla volta presbiterale

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Breve storia del corsivo

Breve storia del corsivo Breve storia del corsivo A cura di Monica Dengo Il modello di scrittura spiegato nell articolo Come imparare a scrivere meglio, ha origine nelle scritture del Rinascimento. Queste ultime si possono sommariamente

Dettagli

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC Di certo da oltre 400 anni, è stata ed è ancora, la tela più bella e affascinante conservata a Triggiano. Ma come già ampiamente descritto nel

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Nelle ricerche relative alla storia del santuario di Santa Maria dei Bisognosi, che si sono concluse con la pubblicazione di un libro avvenuta nell anno 2010,

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO TRIENNIO NUOVO ORDINAMENTO. GRAFICA D ARTE 1 e 2, C.F.A.

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO TRIENNIO NUOVO ORDINAMENTO. GRAFICA D ARTE 1 e 2, C.F.A. DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO TRIENNIO NUOVO ORDINAMENTO GRAFICA D ARTE 1 e 2, C.F.A. 12 PROGRAMMA ANNO ACCADEMICO 2013/14 prof. GIOVANNI D ALESSANDRO

Dettagli

Elenco opere per sezioni

Elenco opere per sezioni LA RISCOPERTA DI UN MAESTRO TRA SIMBOLISMO E NOVECENTO PORDENONE GALLERIA D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ARMANDO PIZZINATO VIALE DANTE 33 10 APRILE 21 SETTEMBRE 2014 Elenco opere per sezioni Autoritratto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano

COMUNICATO STAMPA. Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano COMUNICATO STAMPA Filippino Lippi L Annunciazione di San Gimignano 13 giugno 2 novembre 2015 Pinacoteca, Piazza Duomo 2, San Gimignano Dal prossimo 13 giugno la Pinacoteca di San Gimignano ospita una mostra

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO:

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO: Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, Moderno, Apollo, 1511-1513, biancone, 10,2 x 4,7 (senza cornice), cm _14,8 x 9,2 x 3,1

Dettagli