ONEDO MEACCI LA CATTEDRALE DI CHIUSI. Figure e simboli. seconda parte OPERA LAICALE DELLA CATTEDRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ONEDO MEACCI LA CATTEDRALE DI CHIUSI. Figure e simboli. seconda parte OPERA LAICALE DELLA CATTEDRALE"

Transcript

1 ONEDO MEACCI LA CATTEDRALE DI CHIUSI Figure e simboli seconda parte OPERA LAICALE DELLA CATTEDRALE

2 Copertina: Trionfo della Croce Retro di copertina: Martirio di san Secondiano Si ringrazia Don Antonio Canestri e Patrizia Sfligiotti per la loro collaborazione Foto: Andrea Fuccelli - Chiusi (SI), Mario Appiani - Siena Progettazione e realizzazione editoriale: Edizione Luì - Via Galileo Galilei, 38 - Chiusi Scalo - SI tel. 0578/ Edizioni Luì Tutti i diritti sono riservati Vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo senza autorizzazione dell autore Finito di stampare nel mese di febbraio 2002 da Minitipo - Majano (UD) 2

3 QUASI UNA PRESENTAZIONE Dio vide, ed era cosa bella! Questo ritornello del libro della Genesi racconta i primi sguardi sul mondo. Il primo vedere di Dio colse la bontà e la bellezza, misure nascoste, lasciate da lui nelle cose che aveva creato. Ogni cosa, da allora, è impronta accennata, segno che allude. Poi alcune creature (cose, piante, animali), per eventi che le hanno coinvolte o per rimandi e somiglianze, si sono caricate di significati diversi, più profondi e più ampi di loro stesse. È nato il simbolo: l immagine dice ciò che raffigura e fa pensare a tanti altri elementi che essa raccoglie in sé: simboleggia. Da sempre il sacro e la fede hanno trovato nel simbolo e nelle figure la via per esprimersi. Ma l uno e le altre accennano soltanto, bisogna conoscerne la storia, raccontarle, spiegarlo. Questa è l opera preziosa che Onedo Meacci ha fatto con sapienza d amore e ricerca accurata intorno alle figure e ai simboli della sua Cattedrale di Chiusi. Le immagini, guardate e lette, adesso si manifestano appieno... Parlano di Qualcuno, dei Suoi doni, della Sua Grazia, della Sua Vita. Vanno oltre se stesse e annunciano il loro Creatore e Signore. Ancora una volta, l affetto grato di un cristiano per la sua Chiesa-madre (la Cattedrale di san Secondiano), si fa strumento prezioso di storia, cultura e... catechesi. È il desiderio segreto con cui O. Meacci ha accompagnato per anni, giorno dopo giorno, migliaia di visitatori. Ha scritto questo libretto come un invito a portarsi negli occhi e nel cuore quei simboli e quelle figure che, guardate e contemplate, possono farci intuire la misura nascosta di tutto: la Bellezza e la Storia di Dio. Rodolfo, vescovo 3

4 CRISTO PANTOCRATORE Una vetrata circolare nella parete del pronao, dipinta dal fiorentino Ulisse de Matteis, raffigura il Cristo Pantocràtore, cioè Cristo Onnipotente. «Io sono l Alfa e l Omega, dice il Signore Dio... Non temere! Io sono il primo e l ultimo, il vivente; giacqui morto, infatti; ma ora eccomi vivo per i secoli dei secoli; nelle mie mani sono le chiavi della Morte e dell Ade» (Ap 1, ). Le lettere A e Ω, prima e ultima dell alfabeto greco, si riferiscono all eternità e onnipotenza di Dio. Se scritte sul libro tenuto in mano da Gesù, indicano in lui la pienezza della divinità e della rivelazione di Dio: «Dio nessuno l ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato» (Gv 1,18). E ancora san Giovanni: «Della sua pienezza infatti noi tutti ricevemmo e grazia su grazia; poiché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo» (1,16-17). Il Figlio di Dio si è fatto uomo per dare a coloro che lo accolgono il potere di diventare figli di Dio (Gv 1,12). 4

5 Navata centrale Dopo aver considerato il Pantocràtore, guardiamo ora le immagini scolpite sopra nove colonne. I PULVINI I pulvini della Cattedrale rappresentano una grande testimonianza del Cristianesimo dei primi secoli. Sono stati definiti il più cospicuo ciclo di rilievi della Tarda Antichità in Toscana e costituiscono un interessante documento della produzione scultorea della metà del VI secolo. Inoltre, come afferma P. Sfligiotti a pag. 92 del libro Chiusi Cristiana : «hanno impresse vivezza ed espressività che conferiscono loro credibilità in quanto simboli di speranza». L ignoto autore non solo ha pensato di decorare alcuni spazi vuoti, ma ha voluto sicuramente proporre un messaggio legato alla sua fede cristiana. Per questo non possiamo accontentarci di guardare unicamente gli aspetti tecnici e artistici, ma dobbiamo lasciarci accompagnare in una meditazione che propone nei simboli i grandi misteri della nostra fede. Dal punto di vista architettonico sono strutture di adattamento, in quanto le colonne essendo di spoglio, sono di misure diverse. 5

6 SIMBOLOGIA Prima colonna a sinistra Cantaro con doppia ansa. A sinistra un pavone con tre pennacchi, a destra una colomba, come in movimento, vi si abbevera. Pavone Questo animale era già rappresentato prima dell era cristiana nei monumenti sepolcrali; nella sua coda dai cento ocelli gli antichi ravvisavano il cielo stellato. Sant Agostino riferisce una credenza secondo la quale al pavone fu concessa una carne non soggetta a putrefazione, per questo era stato adottato come simbolo d immortalità. Per il rinnovarsi a primavera delle penne perdute durante l autunno, in modo del tutto simile a ciò che avviene nel ciclo vegetale, venne anche assunto a simbolo di resurrezione. Lo troviamo spesso raffigurato nelle catacombe o in altri luoghi dell arte cristiana, a volte insieme a un cantaro (la vasca per le abluzioni che si trovava nelle basiliche orientali), a un grappolo d uva o ad un vaso che simboleggia l acqua della vita. Nel Duomo di Chiusi il pavone è rappresentato con le zampe su un uovo, anch esso segno di una nuova vita e simbolo di resurrezione. Colomba È una figura usata spesso nella pittura cristiana perché simboleggia lo Spirito Santo che in principio volava sulle acque. Una colomba portò a Noè, dopo il diluvio, una foglia di ulivo, segno che Dio aveva ristabilito la sua alleanza con l umanità (Gn 8,10-12). Essa non solo è considerata uccello della pace, ma anche della luce. Come simbolo dello Spirito Santo, la colomba appare nei battisteri, sopra gli altari o al di sopra della croce (vedi il dipinto siglato FONS VITAE, al lato destro della navata centrale). A volte dalla colomba parte un 6

7 raggio di luce, come nella figura dell Annunciazione (secondo dipinto nell abside). Inoltre, lo Spirito di Dio si manifesta in questa forma durante il battesimo di Gesù nel fiume Giordano: «si aprirono a lui i cieli e vide lo Spirito di Dio discendere in forma di colomba e venire su di lui» (Mt 3,16). In questi pulvini la colomba è usata per simboleggiare il credente che attinge ai beni della salvezza e all Eucarestia. Terza colonna a sinistra Il pulvino è stato realizzato utilizzando un ara o un cippo pagano. Al centro si legge il nome del vescovo Florentino, promotore della costruzione della basilica (558). Ai lati dell iscrizione due tralci di vite con uva. Due colombe di profilo beccano degli acini; la colomba di sinistra è volta indietro. Vite con uva La vite nella Bibbia simboleggia la benedizione divina (Sal 104,15; Gn 27,28). Per il valore di questa metafora talvolta il Signore viene rappresentato come il guardiano di una vigna. Gesù, usando l immagine della vite, dice: «Io sono la vera vite e il Padre mio è l agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo recide, e ogni tralcio che porta frutto, lo monda» (Gv 15,1). Durante l ultima cena con gli apostoli, fa del frutto della vite l eucarestia della nuova alleanza (Mt 26,29). La rappresentazione delle colombe che beccano il frutto della vite è quindi immagine dei credenti che partecipano all eucarestia per la vita eterna (Gv 6, 53-56). 7

8 Quarta colonna a sinistra Vaso centrale a due anse. Due colombe con il capo volto indietro, verso il centro. La colomba di sinistra tiene nel becco un pane, quella di destra un pesce. Queste immagini sono una evidente citazione di Gv 6, 1-15: il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Seguendo la narrazione dello stesso evangelista, questo miracolo apre l annuncio dell Eucarestia che Gesù fa nella sinagoga di Cafàrnao: il pane e il pesce sono Cristo, alimento dei credenti. Siamo quindi di fronte ad una raffigurazione dell Eucarestia e all affermazione della presenza di Cristo nel sacramento dove prevale la necessità di cercare e incontrare Lui, inviato del Padre, senza fermarsi ai pani e ai pesci moltiplicati: «Voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna e che il Figlio dell uomo vi darà» (Gv 6, 26-27). Secondo gli studiosi il simbolo del pesce trova ragione nell immagine scritta del suo stesso nome, in greco IXθYC (ichthys), che appunto formano il significativo acrostico IHCOYC XPICTOC θeoy YIOC CΩTHP (Jesous Christos Theou Hyios Soter) Gesù Cristo di Dio figlio Salvatore 8

9 Sesta colonna a sinistra Due pavoni simbolo d immortalità, con pennacchi e code lunghe, s abbeverano ad una coppa. Questo è il frutto della comunione eucaristica, la vita eterna: «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna ed io lo risusciterò nell ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me ed io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo, non come quello che mangiarono i padri vostri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno» (Gv 6, 54-58). Ottava colonna a destra Due Angeli sorreggono un clìpeo centrale, composto da due cerchi concentrici rappresentanti la triumphalis corona e contenente una croce greca con braccia 9

10 terminali allargate, una particolarità stilistica tipica della tarda romanità (dal V- VI sec. in poi), detta anche croce ad estremità patenti. Il clìpeo era uno scudo rotondo, di cuoio, usato dai romani e la triumphalis corona veniva data al capo supremo che tornava vincitore a Roma. Nel passaggio dalla iconografia pagana a quella cristiana, la croce sostituisce il volto dell imperatore trionfante, celebrando il trionfo di Cristo risorto. La corona che racchiude la croce infatti, simboleggia la vittoria di Gesù Cristo sul peccato e sulla morte: trofeo perché con essa fu vinto il diavolo e col diavolo fu sconfitta la morte, scrive sant Andrea di Creta Vescovo. Non più geni alati ma due angeli, dei quali si indica il nome per evitare errori, sorreggono l immagine clipeata. Due iscrizioni incise sul bordo superiore infatti, riportano i nomi degli Arcangeli Raffaele e Michele: RAFAHEL (a sinistra) e MIKAHEL (a destra). Di fronte a questo pulvino ci piace richiamare il brano del Vangelo di Giovanni che narra la vocazione dell apostolo Bartolomeo, quando Gesù annunzia la gloria derivante dall elevazione sulla croce, compiendo così l antica figura della scala di Giacobbe (Gn 28, 10-17): «Gli rispose Gesù, perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!» Poi gli disse: «In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell uomo» (Gv 1, 50-51). Raffaele Dio ha sanato o guarisce Nel libro di Tobia (12,15) si definisce uno dei sette angeli che sono al servizio di Dio e hanno accesso alla maestà del Signore. Svolge una parte importante nella vita di Tobia (5,5-21) a cui spiega, fra le altre cose, come curare la cecità del padre usando il fiele del pesce che aveva pescato. Infine, dinanzi a Tobia e suo padre, si fa riconoscere e prima di scomparire, fa presente la necessità di lodare e benedire Dio, nonché pregare, digiunare e fare l elemosina (12,8). Si festeggia il 24 ottobre. Michele Chi è come Dio? Nel libro del profeta Daniele (10,13) viene descritto come uno dei primi principi. Michele è l angelo protettore del popolo di Dio e in Ap 12,7 lo troviamo a combattere una guerra nel cielo contro Satana, che viene sconfitto (Ap 12,13). Festa di san Michele: 29 settembre. 10 Settima colonna a destra Grande vaso, privo di anse, con decorazioni (baccellature), su cui è posata una colomba. Ai lati sono scolpite due croci greche con aste e con bracci allargati. Alla base, triangoli simili a quelli della colonna del vescovo Florentino.

11 La forma della croce greca, chiamata in latino crux quadrata, è stata utilizzata dagli architetti paleocristiani come riferimento per la pianta di chiese bizantine e siriache. La colomba raffigurata con il vaso richiama il refrigerium, cioè l anima dei fedeli uscita dal corpo in forma di colomba che partecipa al banchetto celeste. Sesta colonna a destra Nel pulvino, due colonne reggono un arco. All interno, appeso ad un asta, ricade un tendaggio annodato in basso. Due colombe completano la scultura. Mons. Francesco Liverani 1 interpreta la raffigurazione come simbolo dell Eucarestia, mentre Don. Giacomo Bersotti 2 come un arco trionfale velato, su cui poggia una colomba (anima), per accedere alla vita eterna. 1 - Liverani - Le catacombe, 1872, p Bersotti - Guida Storia di Chiusi, p

12 Nel Vangelo di san Giovanni, Gesù parla di se stesso come pastore e porta del gregge: «In verità, in verità vi dico: chi non entra per la porta nell ovile delle pecore, ma s arrampica da un altra parte, è un ladro e un bandito»; e ancora: «Io sono la porta, chi entrerà attraverso di me sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo» (Gv 10,1.9). Pertanto i cristiani fin dall inizio pensarono a Cristo come ad una porta, perché Egli è la via e il mezzo per trovare la salvezza di cui l uomo ha bisogno. Cristo porta : per lui si entra in paradiso. Il valore simbolico della porta si trova per la prima volta nei versetti dell Esodo (cap. 12,22-23); lo stipite bagnato dal sangue dell agnello salvò gli ebrei in Egitto dall ultima piaga. Anche un Salmo (118,19-20) preannuncia il valore di questa porta: «Apritemi le porte della giustizia: voglio entrarvi e rendere grazie al Signore. Questa è la porta della Giustizia: solo i giusti entrano per essa»; e inoltre: «Varcate le sue porte con inni di grazie, i suoi atri con canti di lode; lodatelo, benedite il suo nome» (Sal 100,4). Sant Ignazio di Antiochia dice che Gesù è la porta del Padre, per la quale passarono Abramo, Isacco, Giacobbe, i Profeti, gli Apostoli e la Chiesa. Ciò indica che nessun uomo può accedere a Dio Padre, se non per mezzo del Figlio. Quarta colonna a destra Vi sono scolpiti due fiumi, che sono indicati come i corsi d acqua del giardino dell Eden: Pison e Ghicon. In alto si legge la parola CERVI, accompagnata dalle due figure di animali. Quello di destra, con enormi corna, è in posizione di bere; quello di sinistra, senza corna (dunque una femmina), si avvicina al fiume. 12

13 Cervo Nel Vecchio Testamento l acqua è spesso considerata il simbolo della vita che Dio dona; nell arte cristiana il cervo che si disseta alla sorgente è simbolo dell anima che giunge alla fonte della vita. Il salmista così si esprime: «Come una cerva anela verso rivi di acqua, così l anima mia anela verso di te, o Dio. L anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente. Quando potrò venire e contemplare il volto di Dio?» (Sal 42,2-3). I cervi sono considerati anche simboli di rinnovamento, per il fatto che i palchi delle loro corna vengono sostituiti tutti gli anni, ed ogni volta ricrescono sempre più ramificati. Per comprendere il simbolo dell acqua colleghiamo questa immagine alla pittura soprastante che raffigura la sorgente di acqua viva accompagnata dalla scritta Fons Vitae 3 e leggiamo tre brani del vangelo di Giovanni. Nel dialogo con la Samaritana Gesù afferma: «Chiunque beve di quest acqua avrà di nuovo sete; ma chi beve dell acqua che io gli darò non avrà mai più sete, anzi, l acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna» (Gv 4,13-14). Nella festa delle capanne Gesù proclama: «Chi ha sete venga a me e beva chi crede in me; come dice la Scrittura: fiumi d acqua viva sgorgheranno dal suo seno». Questo egli dice riferendosi allo Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui dopo la sua glorificazione (Gv 7, 37-39). Sul calvario si compie la pienezza del dono: «Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue ed acqua» (Gv 19,33-34). Seconda colonna a destra Pulvino decorato da un motivo geometrico, costituito da cerchi che circondano tre rose. Alternati, sei petali. Il cerchio fa riferimento a Cristo, Sole di giustizia secondo il Vangelo di san Luca: «.. grazie alla bontà misericordiosa 3 - Meacci - La Cattedrale di Chiusi, p. 18 e 21 13

14 del nostro Dio per cui verrà a visitarci un sole dall alto, per illuminare quelli che stanno nelle tenebre e nell ombra di morte, per guidare i nostri passi sulla via della pace» (Lc 1,78-79). La rosa, per il suo profumo, la sua bellezza ed il colore rosso, simboleggia l amore; essa allude anche alla leggendaria coppa che raccolse il sangue di Cristo. Anche il tulipano, essendo un fiore con foglie a forma di calice, abbinato alla rosa, può simboleggiare il calice eucaristico che raccoglie il sangue di Cristo. Il numero sei, riferito ai petali delle rosette, può riferirsi ai giorni della creazione; un richiamo che troviamo anche in sant Agostino, il quale intravedeva nel numero sei, formato dalla somma dei primi tre numeri cardinali (1+2+3=6) il simbolo dell ordine temporale della creazione 4. Lo stesso numero viene anche riferito alle opere di misericordia menzionate nel Vangelo: «Poiché: ebbi fame e mi deste da mangiare, ebbi sete e mi deste da bere, ero pellegrino e mi ospitaste, nudo e mi copriste, infermo e mi visitaste, ero in carcere e veniste a trovarmi» (Mt 25,35-36). 4 - Gard Heinz - Mohr - Lessico di iconografia cristiana, p. 300 e

15 Le decorazione pittoriche SIMBOLI DEI QUATTRO EVANGELISTI Quattro sono gli esseri descritti dal profeta Ezechiele (1,5) nella visione del carro di Jahweh, le cui caratteristiche verranno richiamate nel libro dell Apocalisse (4,6-8), da san Giovanni che descrive una visione profetica: «In mezzo al trono e intorno al trono v erano quattro Viventi, pieni di occhi davanti e dietro. Ora il primo vivente era simile a leone, il secondo vivente era simile a vitello, il terzo vivente aveva aspetto d uomo e il quarto vivente somigliava a un aquila in volo. E i quattro Viventi, muniti di sei ali ciascuno, avevano occhi tutt intorno e al di dentro. Senza sosta ripetevano notte e giorno: Santo, santo, santo è il Signore Dio, l Onnipotente, Colui che era, che è, che viene!». I quattro esseri viventi, i cui nomi richiamano le costellazioni, rappresentano la creazione. Complessivamente costituiscono l icona di ciò che nel creato si considerava nobile, forte, saggio e agile. A partire dal II sec. gli esegeti vi hanno visto simbolicamente le immagini dei quattro evangelisti, che l arte cristiana ha poi raffigurato con un leone, un toro, un immagine di uomo e un aquila. Sulla parete antistante al catino absidale ritroviamo appunto tali simboli. Descriviamo il loro significato secondo l ordine dei dipinti, da sinistra: Toro san LUCA Il toro, come il vitello, era l animale usato correntemente negli antichi sacrifici. Un richiamo al sacrificio si trova per l appunto al principio del vangelo di Luca. Il padre di Giovanni Battista, Zaccaria, per aver dubitato della parola dell angelo, diviene muto. Anche Cristo, sacrificando se stesso per la redenzione dell uomo, ha indicato al cristiano come superare le tentazioni del mondo e camminare nella via della sua giustizia. Uomo san MATTEO L evangelista Matteo presenta una nuova legge, completamento di quella antica, iniziando con la genealogia di Cristo: Dio che viene nel mondo per liberare l uomo dalla morte, il regno di Dio già annunziato dai profeti. 15

16 Aquila san GIOVANNI L apostolo san Giovanni ci presenta la sapienza di Dio, la vera luce: «In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini». E continua: «Era la luce vera, che illumina ogni uomo, quella che veniva nel mondo» (1,4.9). L acume con il quale l evangelista presenta l incarnazione di Cristo è stato visto dai grandi esegeti del passato come una dote affine alla vista lungimirante dell aquila. Inoltre l aquila che vola con le sue forti ali verso la luce del sole diventa simbolo dell Ascensione di Cristo. Il cristiano, come dice san Paolo, deve camminare con i piedi in terra ma con lo sguardo rivolto verso il cielo, senza paura, confidando nel Dio eterno. Leone san MARCO Il vangelo di Marco inizia con la predicazione di Giovanni Battista, definito come «Voce di uno che grida nel deserto» (1,3) nell annunciare la venuta di Cristo. Anche Marco annuncia la Buona Novella con lo stesso vigore del leone, che con il ruggito rompe il silenzio della savana: un forte invito per ascoltare e accogliere la parola del Messia. Il leone però, per la sua imponenza e forza, richiama il Cristo stesso, come afferma san Giovanni: «Non piangere, ecco: ha vinto il Leone della tribù di Giuda, il Rampollo di Davide, per cui può aprire il libro e i suoi sette sigilli» (Ap 5,5). 16

17 PORTE La prima figura presente in cattedrale, a sinistra della navata centrale, riguarda la città di Betlemme (Beth-lehem, la casa del pane), dove inizia la vita terrena di Cristo: «Ma tu Betlemme di Efrata, la più piccola fra i clan di Guida, da te uscirà per me colui che dovrà regnare sopra Israele! Le sue origini sono da tempo remoto, dai tempi antichi!» (Mi 5,1). L apostolo Giovanni così riporta di Cristo, in un richiamo al significato del nome Betlemme: «Io sono il pane della vita. Chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete» (6,35). La seconda città, a destra della navata, è quella di Gerusalemme (la città celeste), dove si è compiuta la missione di Gesù con la sua morte e la sua risurrezione. Dice il Profeta Zaccaria «Effonderò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme uno spirito di pietà e d implorazione; essi si volgeranno a me che hanno trafitto» (12,10). Giovanni nel libro dell Apocalisse parla della città celeste, Dio stesso e l Agnello saranno tempio e luce: «E vidi la Città Santa, la nuova Gerusalemme, discendere dal cielo da presso Dio, preparata come una sposa adorna per il suo sposo» (21,2). PAVONE Questo uccello raffigurato nel dipinto, lo ritroviamo scolpito sui pulvini della cattedrale. Per il valore simbolico vedere la descrizione della prima colonna a sinistra. 17

18 NAVICELLA DI PIETRO La Scrittura riferendosi a Noè dice: «Non vuoi che le opere della tua sapienza restino inoperose: per questo gli uomini affidano la vita anche a un piccolissimo legno e, attraversando i flutti con una zattera, giungono sani e salvi. Di fatto, anche in principio, mentre perivano i superbi giganti, la speranza del mondo si rifugiò su di una zattera, che guidata dalla tua mano, conservò al mondo il seme della generazione» (Sap 14,5-6). La nave che subisce o resiste alle onde tempestose diventa per il cristiano immagine della Chiesa che conduce alla meta finale attraverso i venti delle passioni, delle tentazioni, delle eresie, degli scismi e delle persecuzioni del mondo. Cristo, timoniere della mistica barca della Chiesa, è la via per effettuare il viaggio verso la meta celeste, il luogo della salvezza. AGNELLO AUREOLATO L agnello è un animale mansueto, che simbolicamente esprime l innocenza e la docilità. In Oriente era utilizzato non solo per l alimentazione, ma anche per i sacrifici del culto. Inviare un agnello ad un re esprimeva un atto di sottomissione, come riferisce la Sacra Scrittura quando parla del popolo moabita che, minacciato da invasione, cerca protezione dal re di Giuda: «Inviate gli agnelli al sovrano del paese, da Sela verso il deserto, al monte della figlia di Sion» (Is 16,1). Il rito dell agnello pasquale (Es 12) è il simbolo di riscatto e redenzione del popolo d Israele. Il profeta Isaia mette in evidenza l aspetto umile del servo di Jahweh: «Maltrattato, egli si è umiliato e non aprì bocca; come un agnello condotto al macello, come pecora unta davanti ai suoi tosatori non aprì bocca» (53,7). Giovanni Battista, mentre sta battezzando il popolo a Betania, vede Gesù venirgli incontro e immediatamente proclama: «Ecco l agnello di Dio che toglie il peccato del mondo». Poi Giovanni testimonia: «Ho visto lo Spirito scendere dal 18

19 cielo come una colomba, e si fermò sopra di lui. [...] Colui sul quale vedrai scendere lo Spirito e fermarsi su di lui, è lui che battezza con lo Spirito Santo. E io l ho visto e ho testimoniato che lui è il Figlio di Dio» (Gv 1, ). Nel libro dell Apocalisse (5,6) san Giovanni usa l immagine dell Agnello immolato per indicare Cristo. Nella liturgia il titolo agnello di Dio, sin dai primi secoli, viene riferito a Gesù quale vittima senza macchia per la redenzione del mondo, allo stesso modo, nell iconografia viene indicato Cristo con l agnello. CROCE GEMMATA La croce, strumento di supplizio, viene trasfigurata in segno di gloria dalla risurrezione di Gesù. Per questo è raffigurata con la preziosità dell oro e delle gemme, quale immagine stessa della resurrezione. Questa croce, dai bordi color oro, è rappresentata dentro una corona costituita da sedici stelle rosse a otto punte. Al centro è arricchita da un tondo con perle e da sei pietre preziose appese a lacci. Messa in relazione con la venuta finale del Figlio dell Uomo, rappresenta il segno glorioso ed il trionfo di Cristo, come riferisce l evangelista Matteo: «Allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra e vedranno il Figlio dell uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e splendore» (24,30). In modo simile si esprime anche san Giovanni nel libro dell Apocalisse: «Ecco: viene fra le nubi, tutti gli uomini lo contempleranno, anche quelli che l hanno trafitto; e si batteranno per lui il petto tutte le tribù della terra. Sì, amen!» (1,7). 19

20 ALTARE È la mensa su cui il sacerdote celebra la Messa. Oltre che per il suo uso liturgico di mensa, l altare è nella Chiesa uno dei segni della presenza di Cristo nell assemblea. Per i cristiani, infatti, il vero altare è Cristo. Egli compie il senso nascosto nei segni dell Antica Alleanza e dà loro efficacia di salvezza. Così recita un Prefazio Pasquale: «Offrendo il suo corpo sulla croce, diede compimento ai sacrifici antichi, e donandosi per la nostra redenzione divenne altare, vittima e sacerdote». Nell Antico Testamento, l altare più antico è quello costruito da Noè uscito salvo dall Arca: «Allora Noè edificò un altare al Signore: prese ogni sorta di animali puri e offrì olocausti sull altare» (Gn 8,20). 20

21 TRIANGOLO Nell arte cristiana sono stati impiegati molti segni per esprimere la Trinità, fra cui il triangolo. Il simbolo indicato presenta nell interno un triangolo equilatero, punto centrale dell unità, al quale sono collegati tre triangoli uguali, ad indicare l unione misteriosa e infinita della Santissima Trinità. Scrive l apostolo Giovanni: «Infatti colui che Dio ha mandato, dice le parole di Dio, poiché dà lo Spirito senza misura. Il Padre ama il figlio e ha tutto rimesso nella sua mano» (3,34-35). Così prosegue l Evangelista: «Quando verrà il Paraclito che vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli mi darà testimonianza: e anche voi mi darete testimonianza, perché siete con me fin dall inizio» (15,26-27). Le tre Persone Divine, Padre, Figlio e Spirito Santo, sono indicate in modo distinto e con reciproche relazioni concrete di vita e di attività. Gesù è il Figlio di Dio: «...E mentre stava in preghiera, il cielo si aprì e lo Spirito Santo discese su di lui, in forma corporea, come colomba. E vi fu una voce che venne dal cielo: Tu sei il Figlio mio amatissimo, in te io mi compiaccio» (Lc 3,21-22). E il cristiano è colui che vive battezzato nel mistero della Trinità: «Andate dunque, ammaestrate tutte le genti, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo» (Mt 28,19). 21

22 22 DUE COLOMBE CON VASO L anima del cristiano è stata a volte raffigurata come uscente dal corpo in forma di colomba, per esprimere la gioia e la partecipazione alla beatitudine di Dio. Così scolpita nelle lapidi cristiane, è spesso unita al grappolo d uva, ad indicare il refrigerio dell anima del defunto, come si vede anche in un bassorilievo conservato nella sala paleocristiana del Museo della Cattedrale. La figura sopra riportata, con due colombe posate accanto al recipiente contenente l acqua viva, ovvero l acqua della vita eterna, simboleggia le anime dei fedeli che gioiscono dei beni spirituali di Cristo, concessi grazie alla sua risurrezione. PALMA Ricchi motivi di palme ornano le pareti della navata centrale: la palma rappresenta l albero della vita. I suoi frutti, ricchi di zucchero, sono un prezioso alimento per le popolazioni mediterranee. Una volta essiccati possono essere trasformati in farina che, insieme a zucchero e farina d orzo, formano gli ingredienti per la preparazione del pane del deserto. La pianta è ritenuta anche il simbolo della salute, della riproduzione e dell amore, per l esistenza di piante femmine e piante maschio. La palma è inoltre la pianta che raffigura il popolo ebraico come testimoniano antiche monete giudaiche e romane. San Giovanni nel libro dell Apocalisse ci dice che, nella sua visione, la schiera sterminata degli eletti stava ritta davanti al trono e davanti all Agnello, indossavano vesti bianche e avevano palme nelle loro mani (7,9). I rami di palma tenuti in mano dai cristiani nella Domenica delle Palme ricordano l ingresso trionfale di Cristo in Gerusalemme. In quell occasione la folla gli andò incontro con rami di palma, gridando «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re di Israele!» (Gv 12,13).

23 PROFETI Secondo la Sacra Scrittura profeta è colui che comunica agli uomini, in nome di Dio, ciò che il Signore gli ordina e gli manifesta. Il profeta è in intima unione con Dio: è un messaggero, un cultore che per la sua missione verso il popolo diventa pastore, custode o vigile sentinella. È l unico portavoce e interprete del pensiero e della volontà di Dio: «Il Signore tuo Dio susciterà per te, fra i tuoi fratelli, in mezzo a te, un profeta come me: lui ascolterete» (Dt 18,15). Ed ancora: «porrò le mie parole nella sua bocca, ed egli dirà loro tutto ciò che gli ordinerò» (Dt. 18,13). I due grandi profeti, raffigurati nella parete frontale dell abside unitamente all albero di palma, sono Isaia e Geremia. 23

24 ISAIA (745 a.c.) Salute (è) Jahweh È il più importante dei profeti messianici; il Messia di cui parla nel suo libro è un discendente di Davide, un annunciatore di pace che farà conoscere Dio: «Egli sarà giudice fra le genti e arbitro di popoli numerosi» (Is 2,4); e ancora: «Perciò il Signore stesso darà a voi un segno. Ecco la giovane donna concepirà e partorirà un figlio e gli porrà nome Emmanuele» (7,14); infine: «Un bambino ci è nato, un figlio ci è stato donato; nelle sue spalle riposa l impero; e lo si chiama per nome: Meraviglioso consigliere, Dio potente, Padre perpetuo, Principe della pace, per accrescere la potenza e per una pace senza fine, sul trono di Davide e sul suo regno, per stabilirlo e rafforzarlo mediante il diritto e la giustizia da ora fino in eterno» (9,5-6). GEREMIA (640 a.c.) Jahweh innalza Nato da famiglia sacerdotale, viene chiamato ancora giovane da Dio nel 627 per ascoltare la parola e vegliare su di essa. Questo il messaggio che Dio vuole trasmettere per mezzo del giovane profeta: «Ecco io ho messo le mie parole nella tua bocca. Attento! Oggi stesso ti stabilisco sopra le nazioni e sopra i regni per sradicare e demolire, per abbattere e per distruggere, per edificare e per piantare» (Ger 1, 9-10). Per manifestare in maniera più chiara il programma divino, il Signore domanda: «Cosa stai tu vedendo, Geremia?» Risposi: «Un ramo di mandorlo io sto vedendo». Il Signore mi rispose: «Hai visto bene: infatti io sto vigilando sulla mia parola per eseguirla» (Ger 1,11-12). Il mandorlo è la prima pianta che fiorisce a primavera e perciò è presa a simbolo della vita nuova; qui mette in evidenza il Vigilante, il Dio che costantemente vigila per attuare la sua parola e dare la vita. 24

25 La mandorla ellissoidale che racchiude la figura del profeta è un tipo particolare di nimbo e, data la sua forma, diventa simbolo di emanazione della luce divina e dell apoteosi; in questo modo viene attribuita una maggiore dignità all immagine che vi è racchiusa. Eccezionalmente, nella parete sinistra della navata centrale sono raffigurati 11 profeti all interno di nimbi ellissoidali, di cui il primo è Baruc, scriba di Geremia. Seguono Ezechiele e Daniele grandi Profeti, quindi i Profeti cosiddetti minori, vissuti tra l VIII e il III sec. a.c.; per ultimo è raffigurato Elia ( ). Pur non essendo autore di alcun libro canonico, è un profeta che è stato tenuto in grande considerazione dalla tradizione; le sue gesta sono descritte nel libro dei Re. BARUC (605 a.c.) Benedetto Scriba di corte, aiuta il profeta Geremia a scrivere gli oracoli. EZECHIELE (609 a.c.) Dio fortifica o Dio è forte Sacerdote e profeta. Importante il messaggio di speranza che ci dà con la parola scritta nel suo libro, al capitolo 37, nel brano intitolato Le ossa aride. Il popolo ebreo è schiavo a Babilonia, ma sarà liberato dal paese della morte per ritornare a vivere. Certamente, solo Dio può farlo: «Così dice Dio, mio Signore: Dai quattro venti vieni, o spirito e spira in questi cadaveri sicché vivano». Il lamento del popolo, «Le nostre ossa sono secche, è svanita la nostra speranza, siamo finiti», si trasformerà in esultanza con la presenza del Signore: «Aprirò i vostri sepolcri, farò venire fuori dai vostri sepolcri, voi, mio popolo, e vi condurrò nel paese d Israele» ( 37,9.11). 25

26 DANIELE (640/609 a.c.) Dio è mio giudice Uomo saggio, cortigiano durante i regni di Nabucodonosor e Dario di Media. Le storie bibliche più famose che lo riguardano sono i tre giovani nella fornace (3,24) e la casta Susanna (13). (Immagini su avorio relative alla storia di Susanna, sono scolpite sul cofanetto portareliquie del XV sec., esposto nel Museo della Cattedrale). MICHEA (Metà VIII sec. a.c.) Colui che è come Jahweh Inviato di Dio e difensore dei poveri, fa sentire la sua forte eloquenza contro i ricchi e i giudici corrotti. MALACHIA (Seconda metà del V sec. a.c.) Mio messaggero o Nunzio di Jahweh Profeta della nuova alleanza, dice nel suo libro: Ecco, io manderò un mio messaggero a preparare la via davanti a me (3,1). Ciò si sarebbe compiuto nella predicazione di Giovanni Battista e nella vita di Gesù. 26

27 AMOS ( a.c. ) Che porta il fardello Profeta al tempo di Jeroboam, re d Israele. Pastore e raccoglitore di sicomori. Ricorda la giustizia del Signore che colpirà coloro che abusano del potere, che commettono le ingiustizie sociali e denuncia inoltre la vita corrotta della città. OSEA ( a.c.) Dio aiuta o Jahweh salva Profeta nel periodo degli ultimi anni del regno di Ezechia. Paragona i rapporti di Dio con il suo popolo come rapporti tra madre e figlia, sposo e sposa, fidanzato e fidanzata: un amore totale. JONAS (VIII sec. a.c.) Colomba Contemporaneo di Geroboamo (786/746). Per Giona Dio è universale; la salvezza non appartiene solo a Israele. La presenza di Giona a Ninive e la morte apparente nel pesce, narrate nell Antico Testamento, vogliono significare che la parola di Dio è rivolta a tutti e la salvezza è data da Dio. Gesù richiamerà la vicenda di Giona nel ventre del pesce per indicare la sua resurrezione al terzo giorno. 27

28 GIOELE (Prob. tra il 538 e il 531 a.c.) Il signore è Dio Il messaggio del profeta, che si avvale di fenomeni naturali quali siccità e invasioni di cavallette, manifesta il lamento del popolo a cui farà seguito il pentimento e la conversione: il Signore darà una nuova vita e un nuovo spirito. ZACCARIA ( a.c.) Jahweh si è ricordato o Dio ricorda Svolge la sua missione profetica durante il regno di Dario I, re di Persia. Al rientro del popolo d Israele dall esilio incoraggia con la sua parola la ricostruzione del tempio e l attesa escatologica: «In quel giorno il Signore proteggerà gli abitanti di Gerusalemme; il più debole tra di loro sarà come Davide medesimo e la casa di Davide come Dio, come l angelo del Signore davanti a loro» (12,8). ELIA ( a.c.) Il mio Dio è Jahweh Le sue gesta sono ricordate nel libro dei Re. Profeta durante i regni di Achab e di Ochozia, quando si introduce il culto di Baal-Melqart, si uccidono i profeti e si distruggono gli altari per il culto di Jahweh. Elia annuncia il castigo divino e ottiene da Achab di convocare sul Carmelo il popolo per un confronto determinante tra Jahvismo e culto di Baal (1Re 18,20-40), che termina con la vittoria di Jahweh. Così il profeta Siracide ricorda Elia: «Allora sorse Elia, un profeta come il fuoco, la cui parola ardeva come una fiamma. [ ] Niente era per lui difficile, anche sepolto, il suo cadavere profetizzò. Nella sua vita fece prodigi e dopo morte operò meraviglie» (Sir 48, ). 28

29 PATRIARCHI Sulla parete destra sono ricordati 10 Patriarchi che hanno dato origine alla dinastia di Davide, nonché il profeta Mosè. Sono i principali capi famiglia, da Adamo a Giuda, elencati nella Bibbia e vissuti secondo il libro della Genesi all inizio del mondo. Rappresentano la fede esemplare degli antenati, a proposito della quale scrive san Paolo: «La fede è garanzia delle cose sperate, prova per le realtà che non si vedono. In questa infatti gli antichi hanno ricevuto una testimonianza» (Eb 11,1-2). Secondo il computo degli anni utilizzato nell Antico Testamento, che considera una benedizione di Dio una vita lunghissima, i patriarchi vissero centinaia di anni. Con queste indicazioni temporali, da non intendersi aderenti ad una reale cronologia, gli antichi intendevano segnare le epoche passate con una prova concreta della bontà di Dio verso l uomo. Con il passare delle epoche, poi, l età degli uomini mostra di diminuire a causa del progressivo estendersi del male nel mondo. ADAMO Uomo tratto dalla terra Come simboleggia il significato stesso del nome, è il primo uomo. Insieme a sua moglie Eva genera Caino, Abele, Set e altri figli. La vita di Adamo, secondo la Scrittura, fu di 930 anni: un indicazione che la benedizione divina si era dispiegata anche sul primo peccatore della storia umana. LAMECH Uomo vigoroso Figlio di Matusalemme, discendente di Set e, secondo la Scrittura, padre di Noè all età di 182 anni. Lamech, alla nascita del figlio, pofetizza: «Costui ci consolerà del nostro lavoro e della sofferenza delle nostre mani, a causa del suolo che il Signore ha maledetto» (Gn 5,29). Morì all età di 777 anni. 29

30 NOÈ Giusto o Speranza del mondo «Era un uomo giusto, integro fra i suoi contemporanei e camminava con Dio! Noè generò tre figli: Sem, Cam e Jafet» (Gn 6,9-10). «Per la fede Noè, avvisato di cose che non si vedevano ancora, preso da timore, preparò un arca per la salvezza della sua famiglia, e per questa fede condannò il mondo e divenne erede della giustizia secondo la fede» (Eb 11,7). Noè visse 950 anni. SEM Famoso o Jahweh, Dio di Sem o Dio d Israele Primogenito di Noè. Insieme ai fratelli prese parte all alleanza che Dio fece con il padre; gli eredi di Sem ereditarono la Terra Promessa. L età di Sem fu di 600 anni. PHALEG Dividere Figlio di Eber e padre di Reu. Fu chiamato Péleg «perché ai suoi tempi fu divisa la terra» (Gn 10,25). Alcuni studiosi ritengono che ciò indichi il periodo immediatamente successivo alla confusione delle lingue, durante la costruzione della torre di Babele: «Per questo il suo nome fu detto Babele, perché colà il Signore mescolò il labbro di tutta la terra e di là il Signore li disperse sulla superficie di tutta la terra» (Gn 11,9). Péleg morì a 239 anni. 30

31 ABRAHAM Padre di una moltitudine Dio gli disse: «Ecco la mia alleanza con te: tu diventerai padre di una moltitudine di nazioni» (Gn 17,4). Aveva 100 anni quando ebbe l atteso erede, Isacco, il figlio della Promessa. Per la sua fede è considerato Padre di tutti i credenti : «Per la fede Abramo, chiamato, obbedì, per andare verso un paese che egli stava per ricevere in proprietà e uscì senza sapere dove andava. Per la fede trasmigrò verso la Terra Promessa» (Eb 11,8-9). «Per la fede Abramo ha offerto Isacco, quando fu provato. E stava per offrire l unico figlio, quello che aveva ricevuto le promesse, del quale era stato detto: In Isacco tu avrai una discendenza, perché aveva ritenuto che Dio è potente anche per risuscitare da morte» (Eb 11,17-19). La vita di Abramo fu di 175 anni. ISAAC Egli ride Figlio di Abramo e secondo patriarca di Israele. Dio promise ad Abramo che Sara avrebbe partorito un figlio dandogli il nome di Isacco. Allora Abramo si prostrò col viso a terra e rise, dicendo in cuor suo: «Ad uno di cento anni nascerà un figlio? E Sara, all età di novant anni, potrà partorire?» (Gn 17,17). «Poi il Signore visitò Sara, come aveva promesso. Sara concepì e partorì ad Abramo un figlio nella sua vecchiaia, al tempo che Dio gli aveva detto» (Gn 21,1-2). L episodio saliente della vita di Isacco è il sacrificio di cui doveva essere egli stesso la vittima, per l ordine che Dio aveva impartito ad Abramo al fine di mettere a dura prova la sua obbedienza e temprarne la fede. Deposto il figlio sull altare, mentre stava per ucciderlo, un angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: «Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male» (Gn 22,12). Si realizzavano così le promesse fatte da Dio ad Abramo. Isacco aveva 180 anni quando morì in Ebron. IACOB Tallone o Il mio Dio protegge o Il popolo intero Secondogenito di Isacco e gemello di Esaù, nacque da Rebecca. Disse Dio a Rebecca: «Due clan nel tuo ventre e due popoli dalle tue viscere si separeranno. Un popolo prevarrà sull altro popolo e il maggiore servirà il minore» (Gn 25,23). Un noto episodio biblico è la vendita dei diritti derivanti dalla primogenitura di Esaù a Giacobbe, in cambio di una minestra di lenticchie. Fatto misterioso è invece quello in cui Giacobbe, dopo aver fatto attraversare dalla sua tribù il guado dello Iabbok, rimase solo a lottare contro un uomo fino allo spuntar dell aurora. Lo straniero disse: «Lasciami andare, ché spunta l aurora». Rispose: «Non ti lascerò partire se non mi avrai benedetto». Gli domandò: «Qual è il tuo nome?». Rispose: «Giacobbe». Riprese: «Non più Giacobbe sarà il tuo nome, ma Israele, perché hai combattuto con Dio e con gli uomini e hai vinto» (Gn 32,27-29). 31

32 Israele significa Dio è forte o Egli lotta con Dio. È il segno che Giacobbe diventerà il padre di Israele; da lui infatti si sarebbe formato il popolo ebraico, per mezzo dei sui 12 figli, capostipiti delle 12 tribù: «La benedizione di tutti gli uomini e l alleanza ha fatto posare sul capo di Giacobbe, gli ha mantenuto le benedizioni, dandogli la sua eredità divisa nelle varie porzioni per distribuirla alle dodici tribù» (Sir 44, 23). La vita di Giacobbe fu di 137 anni. IOSEP Dio accresce o Dio aggiunge altri 4 figli Figlio di Giacobbe e Rachele, suo primo amore, ma seconda moglie. La sua fu una vita di sofferenza e molto movimentata. Venduto per invidia dai suoi fratelli a una carovana di Ismaeliti che lo condussero in Egitto, venne detto al padre che era stato ucciso da una bestia. Schiavo di Potifar, capitano della guardia del re, riuscì a conquistare la sua fiducia. Ma la moglie del suo padrone se ne invaghì e Giuseppe, avendo rifiutato di cedere alle sue lusinghe, fu accusato ingiustamente e rinchiuso in prigione. Grazie al dono che Dio gli aveva dato nell interpretare i sogni, fu chiamato dal faraone per spiegare due misteriose visioni, dal momento che i saggi d Egitto non erano riusciti a decifrarne il significato. «Io non c entro: è Dio che darà la risposta per la salute del faraone» (Gn 41,16), disse Giuseppe, che nella sua interpretazione annunciò una grande abbondanza per 7 anni, seguita da altri 7 anni di carestia. Allora il faraone, colpito dall acutezza dell interpretazione, affidò a Giuseppe l incarico di gestire questa situazione, attribuendogli un grande potere. Grazie alle sue doti di uomo intelligente, saggio e prudente, fu un ottimo amministratore e salvò l Egitto dalla carestia. 32

33 Durante questo periodo la sua famiglia scese in Egitto ed egli riuscì a riconciliarsi con i fratelli, con grande soddisfazione del padre Giacobbe, felice di aver ritrovato suo figlio. Giuseppe storicamente visse tra il 1700 e 1550 a.c.. Morì all età di 110 anni. GIUDA Lode, plauso Figlio di Giacobbe e di Lia, sorella maggiore di Rachele, madre di Giuseppe. Quando i fratelli, per gelosia, volevano uccidere Giuseppe, Giuda suggerì di venderlo come schiavo: «Che vantaggio c è che noi uccidiamo nostro fratello e nascondiamo il sangue? Su vendiamolo agli Ismaeliti, e non sia la nostra mano a colpirlo, perché è nostro fratello e carne nostra» (Gn 37,26-27). Da una donna cananea figlia di Sua, Giuda ebbe tre figli: Er, Onan e Sela. Er sposò Tamar, «ma Er era perverso agli occhi del Signore e il Signore lo fece morire. Allora Giuda disse a Onan: «Accostati alla moglie di tuo fratello, fa il dovere di cognato nei suoi riguardi e fa sussistere così una posterità per tuo fratello». Ma Onan, sapendo che la prole secondo il diritto israelita non sarebbe stata la sua, pur unendosi a sua cognata non volle dare una posterità a suo fratello. Ciò dispiacque agli occhi del Signore, che fece morire anche lui. Allora Giuda disse alla nuora Tamar: «Ritorna a casa di tuo padre come vedova, fin quando mio figlio Sela diverrà grande» (Gn 38,7-11). In seguito Tamar, visto che il giovane Sela non le veniva dato come marito, con uno stratagemma si unì a Giuda e generò due gemelli: Perez e Zerach. Il padre Giacobbe, prima di morire radunò i figli e li benedisse, ma del quarto figlio disse: «Giuda, te loderanno i tuoi fratelli [...] a te si prostreranno i figli di tuo padre» (Gn 49,8). Così venne annunciata la supremazia di Giuda sulle altre tribù di Israele e infine assicurato che: «Non sarà tolto la scettro da Giuda [..] e sua sia l obbedienza dei popoli» (Gn 49,10). La tribù di Giuda era la più numerosa e ricevette la porzione più importante nella divisione della Terra Promessa (Gn 15). Il figlio Perez proseguì la linea diretta dei discendenti di Giuda, fra cui ricordiamo Davide, Salomone, Giosia e Giuseppe, lo sposo di Maria madre del Salvatore. Giuda morì in Egitto all età di 119 anni. 33

34 MOSÈ Salvato dalle acque Profeta di grande elevatezza nella storia della salvezza, è stato una figura di riferimento importante nel Nuovo Testamento. Ecco come Mosè viene descritto nel libro del Deuteronomio: «Non sorse più profeta in Israele come Mosè, che il Signore conosceva faccia a faccia, per tutti i segni e i prodigi che il Signore lo mandò a compiere nella terra d Egitto per il faraone, per tutti i suoi servi e per tutta la sua terra; per tutta la potenza della sua mano e per tutte le opere terribili e grandi che compì Mosè agli occhi di tutto Israele» (34,10). Personaggio destinato a liberare il popolo ebraico dalla schiavitù del faraone per condurlo alla Terra Promessa, è la prefigurazione di Cristo Salvatore, guida del nuovo popolo di Dio verso la Gerusalemme celeste. Ricordiamo alcuni grandi avvenimenti che, tramite Mosè, mostrano la potenza del Signore: Le piaghe d Egitto e la Pasqua (Es 7ss); La manna e le quaglie (Es 16); Il serpente di bronzo (Nm 21,4-9); Il passaggio del mare (Es14,15-31); L acqua che sgorga dalla roccia e la battaglia contro Amalek (Es 17); L alleanza al Sinai e il Decalogo (Es 19). Quest ultimo episodio si concretizza come il momento cruciale della storia di alleanza fra Dio e il popolo d Israele. I dieci comandamenti, una legge di vita e di intelligenza (Sir 45, 5), costituiscono la summa di ogni comportamento. Essi, da quel momento, vengono anteposti come il fondamento dei rapporti dell umanità con Dio e pongono anche tra gli uomini i principi della vita morale, validi per tutte le generazioni. 34

35 Nella colonna sono riportati i nomi più noti che hanno formato la genealogia di Gesù. «Ma un rampollo uscirà dal tronco di Iesse e un virgulto spunterà dalle sue radici. Riposerà sopra di lui lo spirito del Signore, spirito di sapienza e di discernimento, spirito di consiglio e di fortezza, spirito di conoscenza e di timore del Signore» (Is 11,1-2). «Lo sposo di Maria, dalla quale nacque Gesù» (Mt 1,16) Fondatore del regno d Israele; secondo re dal 1000 al 960. Il profeta Natan così si esprime: «La tua casa e il tuo regno dureranno per sempre alla mia presenza, il tuo trono sarà saldo in eterno» (2 Sam 7,16). Abramo, «Padre di una moltitudine di nazioni» (Gn 17,4), all età di 100 anni generò Isacco, il figlio della promessa. «Io farò sussistere la mia alleanza con lui quale alleanza perenne, per essere il Dio per lui e per la sua discendenza dopo di lui» (Gn 17,19). Il Messia nascerà dalla tribù di Giuda: «non sarà tolto lo scettro da Giuda né il bastone di comando di tra i suoi piedi» (Gn 49,10). «Allora il Signore Dio modellò l uomo con la polvere del terreno e soffiò nelle sue narici un alito di vita; così l uomo divenne un essere vivente» (Gn 2,7) Primo uomo creato da Dio e padre del genere umano. 35

36 I dipinti, stile mosaico,in alto della navata centrale, eseguiti nel 1892 dal pittore senese Arturo Viligiardi, ricordano persone sepolte nelle catacombe di santa Caterina e di santa Mustiola, scoperte rispettivamente nel 1848 e 1642/ Evidenziamo alcune figure e la relativa epigrafe: Lato destro Monogramma di Cristo FINIS IVVEN TVTIS INITIV M SAL VTIS Fine della giovane età principio di salvezza SEPOLTURA DI CAPELIO MERCOLEDI 3O SETT. VISSE ANNI QUATTRO E MESI TRE Catacomba di santa Caterina Lato sinistro Lato sinistro CESIA BENIBOLA CHE VISSE ANNI QUARANTAQUATTRO E MESI QUATTRO E COL MARITO SUO ANNI VENTOTTO E MESI QUATTRO GIORNI VENTUNO: ALLA BENEMERITA POSERO IL PADRE CON I FIGLI SEPOLTA 13 MAGGIO Catacomba di santa Caterina 36

37 Lato sinistro ISCRIZIONE DI REDEMPTA DATA CONSOLARE 29O Catacomba di santa Mustiola Lato sinistro Santa Mustiola in trono Di gaudente Chiusi: che io sia protetta da questa madre ALLA BUONA MEMORIA DI GIULIA, NOBILISSIMA DELLA STIRPE DI SANTA MUSTIOLA CHE VISSE ANNI 37 IL MARITO POMPONIO FELICISSSIMO, SPOSO INCOMPARABILE: SEPOLTA NEL GIORNO DI DOMENICA, 20 DICEMBRE Lapide proveniente dalla Catacomba di santa Mustiola e murata nella parete di fondo della navatella sinistra: essa conferma la tradizione della nostra santa Patrona. 37

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10

I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 I PASSI DELL EVANGELIZZATORE. Is 52,7-10 7 Come sono belli sui monti i passi dell evangelizzatore di chi proclama la pace, evangelizza il bene, proclama la salvezza, dice a Sion: regna il tuo Dio 8 Una

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Vi annuncio una grande gioia

Vi annuncio una grande gioia Vi annuncio una grande gioia Questo sussidio è disponibile sul sito diocesano www.diocesisansevero.it 28 NOVENA DI NATALE NELLE FAMIGLIE dicembre 2011 Natale Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C)

IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C) IV DOMENICA DEL TEMPO D AVVENTO (ANNO C) 23 DICEMBRE 2012 Mic 5, 1-4 Dal libro del profeta Michea Così dice il Signore: «E tu, Betlemme di Èfrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all altare; intanto si esegue il CANTO D INGRESSO. Giunto all altare,il sacerdote con i ministri

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

1) Mc. 14, 12-16 DOVE VUOI CHE PREPARIAMO?

1) Mc. 14, 12-16 DOVE VUOI CHE PREPARIAMO? 2^ SEZIONE: (Mc. 14, 12-25) 1) 12-16: DOVE VUOI CHE PREPARIAMO? 2) 17-21: UNO DI VOI MI TRADIRÀ 3) 22-25: QUESTO È IL MIO CORPO; QUESTO È IL MIO SANGUE Nella successione di questi tre brani continua un

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Introduzione. L autore

Introduzione. L autore Introduzione L autore La lettera agli Ebrei fu scritta probabilmente, dopo l anno 70, da un cristiano che si colloca sotto l influsso della scuola paolina. Conosceva il modo di leggere la Scrittura in

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

30 dicembre 2008 Ore 17.00: Celebrazione conclusiva: «Maria, Donna della Parola»

30 dicembre 2008 Ore 17.00: Celebrazione conclusiva: «Maria, Donna della Parola» CELEBRAZIONE CONCLUSIVA 77 30 dicembre 2008 Ore 17.00: Celebrazione conclusiva: «Maria, Donna della Parola» Scrive l Instrumentum laboris del Sinodo dei Vescovi (n. 25): «La Vergine Maria ha vissuto in

Dettagli

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor!

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor! 1-PADRE, PERDONA Signore, ascolta: Padre, perdona! Fa che vediamo il tuo amore. 1 A te guardiamo, Redentore nostro, da te speriamo gioia di salvezza: fa che troviamo grazia di perdono. 2 Ti confessiamo

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli