F.E.R.B.A. Relazione Abondance. Maison de l agriculture 52 avenue des Iles BP 9016 F ANNECY Cedex 9. Daniel BESSON, Presidente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.E.R.B.A. Relazione 2007. Abondance. Maison de l agriculture 52 avenue des Iles BP 9016 F-74990 ANNECY Cedex 9. Daniel BESSON, Presidente"

Transcript

1 Abondance Organizzazione: Persona da contattare: Upra Abondance Maison de l agriculture 52 avenue des Iles BP 9016 F ANNECY Cedex 9 Thierry CURDY, Direttore Daniel BESSON, Presidente +33 (0) ou +33 (0) Fax: +33 (0) Principali attività/eventi dell anno Partecipazione al Salone Internationale dell Agricultura di Parigi dal 25/02/06 al 05/03/06 2. Partecipazione al Sommet de l élevage di Cournon (Clermont-Ferrand) dal 05 al 07/10/ concoursi comunali (5 in primavera e 15 in autunno) svolti nei 2 départements di savoia 4. La valutazione morfologica di 3500 vacche accompagnataéda consigli per l acoppiamento presso tutti gli iscritti Principali delibere e cambiamenti per l anno Numerose riflessioni sul futuro dell organizzazione di razza Abondance, in seguito alla nuova Legge di Modernizzazione agricola approvata nel gennaio 2006: una organizzazione di razza, vicina agli allevatori, che vigili sulla coerenza di tutte le azioni realizzate a livello della razza, in relazione con le filiere, il territorio e gli organi tecnici 2. Avvicinamento con la razza Tarentaise per raggiungere un organizzazione simile e comparabile Progetti per Costruzione dell Organismo di Selezione Abondance (OSA): deposito dei nuovi statuti, - Ritorno dello schema di selezione nelle mani degli allevatori - Organizzazione di un concorso nazionale che riunisca le 150 migliori vacche Abondance 2

2 Grigio Alpina Organizzazione: Persona da contattare: Associazione Nazionale Allevatori Bovini Razza Grigio Alpina Casa della Zootecnia Via Galvani 38 I BOLZANO Ing. Gottfried HAINZ Dott. Christina MÜLLER +39 (0) Fax: +39 (0) Principali attività/eventi dell anno Revisione generale e riconferma della certificazione ISO 9001:2000 dell Associazione da parte dell Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management SQS 2. Riunioni allevatori e seminari di formazione - Gen/Feb 2006 diverse riunioni allevatori locali in collaborazione con le Associazioni provinciali Seminario su temi d attualità riguardanti il programma di selezione della razza Seminario di formazione e aggiornamento nella valutazione morfologica della razza Grigio Alpina per esperti di razza 3. Formazione per i collaboratori dell Associazione AIA Roma: Aggiornamento per i direttori delle Associazioni allevatori 4. Manifestazioni/Giornate di Studio Pracupola/Ultimo (BZ): Manifestazione con presentazione del progetto Grigio Alpina Presidio Slow Food con conferenza stampa, presentazione dei prodotti di qualità della razza Grigio Alpina e menu di degustazione Torino - Terra Madre 2006: Relazione sulla razza Grigio Alpina nell ambito del seminario Autoctono è meglio Torino - Salone del Gusto: Presentazione e degustazione di prodotti di qualità della razza Grigio Alpina 3

3 5. Fiere e mostre Nazionali Verona: 108 Fieragricola. Esposizione di sei manze gravide nel padiglione Italialleva Cremona: 61 Fiera Internazionale del Bovino da Latte. Esposizione di sei manze gravide nello Stand delle razze di montagna italiane Regionali o locali Moso in Passiria (BZ) Sarentino (BZ) Pracupola/Ultimo (BZ) Cavalese (TN) 6. Novembre 2006: trasloco della sede amministrativa dell Associazione nella Casa della Zootecnia 7. Settore tecnico utilizzo dei Lactocorders nella routine di esecuzione delle prove di mungibilità per madri di toro riconoscimento del nuovo disciplinare con Decreto ministeriale n del Partecipazione ad uno studio sperimentale dell Università di Padova sull accrescimento, comportamento alimentare e sociale di bovini maschi di razze autoctone dell arco alpino italiano (conferimento di 14 vitelli) Principali delibere e cambiamenti per l anno für Acquisto di 2 terminalini e sviluppo di una software per il rilevamento dei dati di valutazione morfologica 2. Acquisto di hardware (PC, stampante, Scanner) 3. Acquisto di mobili per l arredo del nuovo ufficio Progetti per il Accoppiamenti programmati per madri di toro: sviluppo di un nuovo programma 2. Revisione della valutazione morfologica: ridefinizione dei caratteri morfologici e definizione dei pesi da attribuire ai caratteri principali che determinano il punteggio complessivo 3. Riconoscimento della razza Grigio Alina quale Presidio Slow Food 4. Fiere e mostre: continuare l attività partecipando alle iniziative tradizionali e a quelle nuove 4

4 Hérens Organizzazione: Persona da contattare: Federation d elevage de la race d herenes CP 80 CH-1966 AYENT Elie FELLAY, Tecnico Aymon MARTIAL, Presidente +41 (0) (0) Fax: +41 (0) (0) Principali attività/eventi dell anno Partecipazione al Salon International de l Agriculture di Parigi 2. Partecipazione al Swiss-Expo di Losanna 3. Partecipazione al Expo-interraces di Martigny 4. Introduzione del metodo dei controlli funzionali AT4 da maggio a settembre Principali delibere e cambiamenti per l anno Ricerca della collaborazione di una Federazione svizzera per la gestione del Libro Genealogico 2. Valorizzazione dei risultati della determinazione della velocità di mungitura determinati con il Lactocorder 3. Continuazione del sostegno agli allevatori in vista della creazione di una filiera carne Progetti per Collaborazione allo studio sulla fertilità nella razza d Hérens condotto dell Università di Berna 2. Realizzazione della nuova gestione informatica del Libro Genealogico 3. Revisiona degli obbiettivi e del programma di selezione della razza 5

5 Hinterwälder - Vorderwälder Organizzazione: Persona da contattare: Rinderunion Baden Württemberg e. V (RBW) Ölkofer Straße 41 D HERBERTINGEN Dr. Franz MAUS, Direttore razze Wälder Irmastraße 3 D DONAUESCHINGEN (0) Fax: +49 (0) Principali attività/eventi dell anno 2006 Consistenza delle razze Nella razza Vorderwälder si è riscontrata un ulteriore diminuzione della consistenza (4.523 vacche da latte iscritte al Libro genealogico in 232 aziende). Anche nella razza Hinterwälder il numero delle vacche da latte si è ridotto (557 capi in 45 aziende), mentre è aumentato il numero delle vacche selezionate della linea vacca-vitello (831 vacche in 78 aziende). Mostre La terza mostra nazionale della razza Vorderwälder, svoltasi il a St. Märgen, è stato un grande successo per gli allevatori. Attraverso l esposizione di 69 vacche, 8 tori e 2 gruppi di figlie di tori in prova è stato possibile presentare al numeroso pubblico presente il buon livello raggiunto nel lavoro di selezione. L autunno si è presentato molto denso di impegni: attraverso la partecipazione alla manifestazione FERBA a Caderzone (Trento, Italia) con l esposizione di rispettivamente 3 manze Vorder- e Hinterwälder e la presenza di una delegazione di allevatori e tecnici delle Foresta Nera, l esposizione di vacche in lattazione, vitelli e fattrici di entrambe le razze alle fiere Badenmesse di Friburgo ( ) e Landwirtschaftliches Hauptfest di Stoccarda-Bad Cannstatt (97ima edizione, ). 6

6 Pesata di vitelli da ristallo di razza pura: confermata l attitudine all allevamento secondo la linea vacca-vitello Nell azienda Dorer 8 vitelli da ristallo di razza Vorderwälder hanno raggiunto all età di 240 giorni un incremento di g e una valutazione della muscolosità di 6,75 punti. La media rilevata nell arco di cinque anni per complessivamente 57 animali è di 301 kg in 198 giorni, g di accrescimento giornaliero e 6,7 punti di muscolosità. Nell azienda Haas vengono controllati da due anni i risultati alla macellazione: 16 su complessivamente 18 capi sono stati classificati nella classe R riportando incrementi molto buoni di 753 g sia per le femmine che per i maschi. L età media degli animali era di 8 mesi. Fattore decisivo per il raggiungimento di questi risultati è stato il fatto che entrambi i padri sono tori miglioratori per la muscolosità. Per la razza Hinterwälder sono stati pesati 18 vitelli da ristallo, figli del toro acorne Naxtus: all età di 326 giorni hanno raggiunto un peso di 320 kg, pari ad un incremento medio giornaliero di 918 g corrispondente alla media della razza. Programma di selezione Hinterwälder: impiego di 2 nuovi tori Hinterwälder, Labflort e Naxbär, che dopo il loro impiego come tori da MN sono stati scelti per la FA. Vorderwälder: sono stati selezionati 7 tori di 4 linee di sangue; la selezione mira sostanzialmente al miglioramento degli arti e della mungibilità. Principali delibere e cambiamenti per l anno 2007 Adozione di nuovi criteri nell ambito contributivo a partire dal : vengono concessi premi solamente per vacche iscritte al Libro genealogico. Questo ha portato ad un aumento notevole del numero degli associati. Riduzione a 500 dosi di seme da impiegare per le prove di progenie per ogni toro di razza Vorderwälder: in questo modo vengono messi in prova circa 10 tori per anno; l obiettivo è quello di aumentare il numero di tori provati. Possibilità di organizzare settimanalmente a Bad Waldsee un mercato per vitelli di razza Vorder- e Hinterwälder: buona la risonanza riscossa dall iniziativa. Hinterwälder: per apportare nuove linee sangue sono stati impiegati negli accoppiamenti programmati i tori Fockeral, Friedbert e Siltben. Progetti per il 2007 Servizio di consulenza per nuovi soci Mostra nazionale della razza Hinterwälder nell anno 2008 Proseguo della selezione di linee acorni per entrambe le razze nella linea di produzione vacca-vitello 7

7 Pinzgauer Organizzazione Persona da contattare: Arbeitsgemeinschaft der Pinzgauer Rinderzuchtverbände (ARGE Pinzgauer) Mayerhoferstr. 12 A-5751 MAISHOFEN DI Günther HEIM, Presidente Thomas EDENHAUSER, Direttore Christian DULLNIGG, Direttore IPCBA +43 (0) Fax: +43 (0) Principali attività/eventi dell anno 2006 L iniziativa GENUSS REGION PINZGAUER RIND Nel 2006 la razza Pinzgauer ha ottenuto il riconoscimento quale "GENUSS REGION ÖSTERREICH (Regione con gusto Austria). Questa iniziativa supportata dal ministero, dalla società di marketing AMA e dai vari Länder ha come obiettivo il rafforzamento delle singole regioni e della loro cultura gastronoimica. L iniziativa Genuss-Region Österreich vuole valorizzare una serie di specialità regionali di alto livello e il territorio in cui esse hanno avuto origine. Caratteristica peculiare di questi territori e dei suoi prodotti è quella di contribuire in modo significativo all identità e cultura austriaca. Uno degli obiettivi principali è quello di mettere in risalto e rendere tangibile ai consumatori e turisti la produzione agricola austriaca. Questo avviene soprattutto rendendo visibili queste regioni attraverso specifica cartellistica in situ e precise indicazioni di reperibilità di queste specialità regionali. Inoltre si vuole rendere gli abitanti di queste regioni ancora piú fieri dei propri contadini e dei loro prodotti. Con questo progetto si vuole migliorare maggiormente la vendita di prodotti derivanti dalla razza Pinzgauer, mettendo in primo piano l ottima qualità della carne. Nell ambito di questa iniziativa vengono elaborati attualmente diversi progetti dalla ARGE Pinzgauer in collaborazione con la Cooperativa di produttori Salzburger Rind. 8

8 Partecipazione a mostre zootecniche Nel 2006 la razza ha partecipato nuovamente a diverse mostre zootecniche. Abbiamo esposto capi al Dairy Grand Prix, la piú grande mostra di razze da latte e a duplice attitudine di produzione dell Austria. Anche i nostri Giovani Allevatori hanno gareggiato con grande successo al Campionato nazionale delle Associazioni Giovani Allevatori a Maishofen. Il sostegno all Associazione Giovani Allevatori è per noi un impegno importante, in quanto essi rappresentano il futuro. Altre manifestazioni Sono state organizzate diverse manifestazioni, come per esempio escursioni in alpeggio, una escursione a scopo formativo per allevatori, un convegno sulle tematiche di interesse zootecnico, una giornata delle porte aperte per la visita alle stalle, un seminario per funzionari, la partecipazione a fiere Prinicipali delibere e cambiamenti per l anno 2007 Valutazione genetica carne La maggior parte dei vitelli maschi di razza Pinzgauer sono destinati alla produzione di vitelli da ingrasso e non alla produzione di torelli da ingrasso. Finora però i dati per la valutazione genetica della carne derivavano esclusivamente dall ingrasso dei torelli. Adesso vorremmo includere anche i dati dall ingrasso dei vitelli, che sono molto numerosi e aumenterebbero l accuratezza degli indici. Progetti per il 2007 Rafforzare la vendita di prodotti ottenuti dal bovino di razza Pinzgauer, in particolare la vendita di carne alla gastronomia locale, sfruttando l attuale positiva situazione creatasi con il riconoscimento come Genuss Region Pinzgauer Rind. Migliorare continuamente la consulenza tecnica alle aziende. Per le aziende con l indirizzo produttivo linea vacca-vitello, il cui numero è aumentata notevolmente negli ultimi anni, elaboriamo specifiche strategie di vendita dei loro prodotti. Uno degli obiettivi piú importanti per il futuro è la consequente applicazione del programma di selezione per raggiungere il progresso genetico desiderato. Importante è a tale riguardo la selezione delle madri di toro e l impiego massiccio di tori in prova, per ottenere nuovi tori miglioratori. Attraverso specifica attività di consulenza vogliamo prevenire l incrocio di sostituzione con Red Holstein, che ci fà perdere allevatori soci. Nell ambito della commercializzazione la situazione è attualmente abbastanza buona. Ciononostante continueremo ad investire nella pubblicità per rafforzare ulteriormente la vendita e conquistare nuoviu mercati. 9

9 Rendena Organizzazione: Persona da contattare: A.N.A.RE. Via delle Bettine 40 I TRENTO (TN) Dott. Italo GILMOZZI, Direttore Giovanni Battista POLLA, Presidente +39 (0) Fax: +33 (0) Principali attività/eventi dell anno Partecipazione alle Fiere Internazionali di Cremona e Verona 2. Partecipazione a 7 rassegne locali 3. Organizzazione Salone delle Razze Autoctone del Sistema Alpino e convegno Prospettive economiche delle razze autoctone del Sistema Alpino 4. Organizzazione 4 meeting 5. Punteggiatura di 667 vacche e 61 tori 6. Accoppiamenti programmati utilizzando 18 tori e 350 vacche Principali delibere e cambiamenti per l anno Utilizzo in via sperimentale di un modello test day per la valutazione dei riproduttori Progetti per il Un corso esperti 2. Visite guidate sugli alpeggi della Rendena 3. Contatti con Slow food ed altri enti preposti alla valorizzazione dei prodotti agricoli 10

10 Tarentaise Organisation: Personne à contacter: Upra Tarantaise Maison de l agriculture 40 rue du Terraillet F SAINT BALDOPH Tania KLEIN, Direttore Stéphane TOURT, Presidente +33 (0) ou +33 (0) Fax: +33 (0) Principali attività/eventi dell anno Il Salon de l Agriculture di Parigi, il Sommet de l élevage di Cournon e tre concorsi locali 2. Il lavoro tecnico circa il nocciolo di selezione 3. L assistenza tecnica per gli aderenti, la realizzzione di documenti tecnici, l organizzazione di 3 giornate tecniche d informazione 4. Il proseguimento del lavoro sul programma strategico con l organisation di un congresso sulla razza Tarentaise e la creazione di numerosi strumenti di comunicazione 5. Il proseguimento del dossier sulla demutualizzazione del costo della genetica Principali delibere e cambiamenti per l anno La messa in atto di una nuova offerta di servizi per gli allevatori, con una indagine nel corso del La messa in atto di una operazione di valorizzazione della carne 11

11 Progetti per La messa in opera di una nuova organizzazione di razza (o organismo di selezione) nell ambito della riforma della legge sull allevamento: la nouva organizzazione avrà i compiti dell UPRA, della conduite dello schema di selezione e dei servizi agli allevatori - Il proseguimento del programma strategico della razza - La messa in opera del CORAM, collettivo che raggruppa le razze del Massiccio dei Pirenei, del Massif Central, delle Alpi, con in comune alcune caratteristiche come la gestione del territorio e filiere e prodotti importanti 12

12 Tiroler Grauvieh Organizzazione: Persona da contattare: Tiroler Grauviehzuchtverband Brixnerstraße 1 A-6020 INNSBRUCK Ing. Otto HAUSEGGER +43 (0) oppure +43 (0) Fax: +43 (0) Principali attività/eventi dell anno Night Show dell Associazione Giovani Allevatori 2. Campionato nazionale Associazioni Giovani Allevatori di Maishofen (Austria) 3. Medaglie Grigio Alpina in oro, argento e bronzo per la partecipazione a 15 mostre zootecniche regionali 4. Esportazione di manze in Lettonia 5. Partecipazione al 3 Dairy Grand Prix a Dornbirn 6. Fondazione dell Associazione di Allevatori Kaisergebirge Principali delibere e cambiamenti per l anno Inizio del progetto Monitoraggio della salute bovina 2. Modificazione del programma Accoppiamenti programmati per tori da riproduzione del sistema premi 3. Cambiamento dei pesi adottati nell indice complessivo per i caratteri latte, carne e fittness nel rapporto di 30 : 20 : 50 13

13 Progetti per il Introduzione di uno specifico programma per il mantenimento di linee di sangue rare - Obbligo di partecipazione al progetto Monitoraggio della salute bovina per tutti gli allevamenti - Inserimento della carne di bue d alpeggio del Nord Tirolo ( Nordtiroler Grauvieh Almochs ) tra i prodotti riconosciuti dal programma di valorizzazione di prodotti tipici regionali "Genuss Region Programma in fase di sviluppo 14

14 Valdostana Organizzazione: Persona da contattare: A.N.A.Bo.Ra.Va. Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Valdostana Frazione Favret 5 I GRESSAN (AO) Mario VEVEY, Direttore Augusto CHATEL, Presidente +39 (0) Fax: +39 (0) Principali attività/eventi dell anno Mostre XV Concorso Nazionale Libro Genealogico Reina di Lace St. Christophe Mercato Concorso Tori e Torelli St. Christophe Mercato Concorso Manze St. Christophe Rassegne Comunitarie Bestiame Razza Valdostana (11 manifestazioni 2007) Rassegna Provinciale Provincia di Torino novembre Fiere Nazionali Montichiari (1-4 febbraio 2007) Cremona (25-28 ottobre 2007) 3. Manifestazioni Alpages Ouverts AREV - 8 manifestazioni nei mesi di luglio e agosto 2007 Principali delibere e cambiamenti per l anno Ricerca sui marcatori genetici per la qualità della carne, si tratta di un indagine svolta sui torelli presenti al Centro genetico riguardante l ereditarietà di caratteri legati alla Tenerezza ed lla Marezzatura della carne 2. Indagine sulla velocità di mungitura riguardante le madri di toro e vacche testimone in stalla, con l obbiettivo di individuare eventuali MDT lente in mungitura 15

15 3. Monitoraggio effetti deroghe agli obiettivi di selezione in razza CastVpn Vengono presentati i risultati di una indagine volta a valutare gli effetti delle deroghe consentite negli anni alla selezione della Cast-Vpn Progetti per il 2008 Rimodulazione Programmi di Assistenza Tecnica Agli Allevatori in base alle nuove normative UE: - Orientamenti comunitari per gli aiuti di stato nel settore agricolo e forestale (2006/C 319/01) - Regolamento (CE) N. 1857/2006 della commissione del 15 dicembre 2006 relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli e recante modifica del regolamento (CE) n. 70/

16 Bollettino 2007 Vosgienne Organizzazione: Persone da contattare: Herd book de la race bovine Vosgienne Chambre d Agriculture 11 Rue Jean Mermoz B.P. 38 F SAINTE CROIX EN PLAINE Eric BOURQUARDEZ René ISSELE +33 (0) Fax: +33 (0) Principali attività/eventi anno Partecipazione al Salone dell Agricoltura di Parigi 2. Partecipazione a Eurogenetique 3. Vendita di manze il 16 settembre a Breitenbach (dipartimento 68) Principali delibere e cambiamenti per l anno Continuità nello schema di selezione 2. Tentativo di aumentare il numero dei trapianti embrionali, per aumentare il progresso di selezione e permettere una diffusione più rapida della genetica di alta qualità Progetti pour 2008 Progetto di realizzare una mostra dedicata alla razza vosgienne con 50 vacche in occasione di Eurogenetique

F.E.R.B.A. Relazione 2013. Abondance, Hérens et Villard-de-Lans. 52 avenue des îles BP 9019 F-74990 ANNECY CEDEX 9

F.E.R.B.A. Relazione 2013. Abondance, Hérens et Villard-de-Lans. 52 avenue des îles BP 9019 F-74990 ANNECY CEDEX 9 Abondance, Hérens et Villard-de-Lans Organizzazione : OS Races Alpines Réunies 52 avenue des îles BP 9019 F-74990 ANNECY CEDEX 9 Persona da contattare : Damien BASTARD-ROSSET, Presidente Nicole BLOC, Chargée

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili

Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Piemontese, più muscolo e meno parti difficili Al meeting nazionale della razza il Centro genetico Anaborapi ha presentato i risultati delle ricerche per il miglioramento dei capi. E ha proposto un regime

Dettagli

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo EURECA Cryoconservation WP2 Italia Rapporto riassuntivo In Italia sono presenti 23 razze locali con meno di 6500 bovine, tra queste 12 hanno meno di 1000 bovine (Tabella 1). Secondo la classificazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale (in G.U. n. 24 del 29.1.1991, pag. 3) Capo I: Libri genealogici e Registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2007 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SULL ACQUISTO DI GIOVANE

Dettagli

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame

Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del bestiame L. 15-01-1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Pubblicata nella Gazz. Uff. 29 gennaio 1991, n. 24. Epigrafe Capo I Libri genealogici e registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana)

Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Progetto MeetBull (per una filiera carne 100% italiana) Per diminuire la dipendenza di ristalli dall estero, stringere una forte alleanza tra produttori di carne & latte e valorizzare il #madeinitaly!

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica

BANDO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AGLI AIUTI ANNUALITA' 2014. IIIª rettifica Allegato 1 alla Determinazione n. 2921 del 07.05.2015 LEGGE REGIONALE N.1 DEL 14 MAGGIO 2009, ART. 4 COMMA 20. (decreto assessoriale n. 894/DecA/16 del 29 aprile 2015) Aiuti per l acquisto di riproduttori

Dettagli

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN.

Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Gli sviluppi del Piano Carni Bovine Nazionale e l attivazione del marchio nazionale e del disciplinare SQN. Giuliano Marchesin C o n s o r z i o I t a l i a Z o o t e c n i c a Mercoledì 24 Giugno 2015,

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 6 GIUGNO 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG

la newsletter degli allevatori n. 6 GIUGNO 2015 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG BOVININews la newsletter degli allevatori n. 6 IUNO 2015 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario BCC CREDITO COOERTIVO LE ECCELLENZE DELL ZOOTECNI FRIULN D EXO SEZIONE REIONLE LLEVTORI RZZ

Dettagli

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese

Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Selezione ed uso dei tori nella Razza Piemontese Andrea Albera ANABORAPI Incontri Assistenza Tecnica Zootecnica Provincia di Novara Programma Obiettivi e sistema di selezione Risultati ottenuti Quali informazioni

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00)

VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) VENERDI 27 Marzo (9.00-19.00) ore 9.15 - Centro Congressi Sala Maschiella Inaugurazione ufficiale della manifestazione ore 10.00 - Palazzina 1 - Sala Riunioni Incontri Mech@grijobs: le nuove professioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME

TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI. Cap. I Prodotti della Zootecnia. a) Bovini da vita, da latte, da macello COMMERCIO DEL BESTIAME TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. I Prodotti della Zootecnia a) Bovini da vita, da latte, da macello Sommario COMMERCIO DEL BESTIAME BOVINI Art. 1 - Forma del contratto. Art. 2 - Termini e condizioni

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO ART. 1 Ai sensi dell'articolo 3 della legge del 15 Gennaio 1991 n.30 sulla Disciplina della riproduzione animale il Libro Genealogico dei bufali di razza Mediterranea

Dettagli

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00

BRESCIA Baliotti Frisona (15-30 gg.) 60,00 90,00 Incroci (15-30 gg.) 170,00 250,00 NORD - OVEST CUNEO Baliotti Piemontese o incroci (15/30 gg). femmine 280,00 350,00 Piemontese o incroci (15/30 gg) maschi 400,00 550,00 P. Della Coscia (25/40 gg.) femmine 650,00 800,00 500,00 650,00 P.

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

Associazione Nazionale Allevatori Bovini della Razza Bruna

Associazione Nazionale Allevatori Bovini della Razza Bruna Associazione Nazionale Allevatori Bovini della Razza Bruna 37012 Bussolengo (VR) - Loc. Ferlina, 204 - Tel. +39 045 6760111r.a. - Fax +39 045 7156655 www.anarb.it - anarb@anarb.it - anarb@legpec.it Bussolengo

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto

Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto Dalla Limousine qualità efficienza e tornaconto L interesse zootecnico e le potenzialità di questa razza di MATTEOBIANCARDI( 1 ) CARLOANGELOSGOIFOROSSI( 2 ) La nazionale della Limousine a Cremona è certamente

Dettagli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli

Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Il meglio del materiale genetico italiano in esposizione alla Mostra tenutasi recentemente nella città campana Pastorano Se la bufala mostra i muscoli Per la prima volta la Mostra nazionale della Bufala

Dettagli

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA

MEETING REGIONALE DELLA RAZZA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DEL VENETO MEETING REGIONALE DELLA RAZZA : FRISONA ITALIANA SABATO 18 APRILE 2015 AZIENDA AGRICOLA BOTTONA ISIDORO & ADRIANO VIA POSSESSION LOC. BOI PESINA CAPRINO VERONESE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GIORGIO ROCCO 7, VIA GIOVANNI XXIII, 85100 POTENZA Telefono 0971441912 Fax 0971668685 E-mail rocco.giorgio@regione.basilicata.it

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16

LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16 LEGGE PROVINCIALE 28 dicembre 1984, n. 16 Disciplina della riproduzione animale (b.u. 8 gennaio 1985, n. 2) Art. 1 Finalità La Provincia autonoma di Trento con la presente legge, al fine di favorire il

Dettagli

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere

Dettagli

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO.

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. SIET 24 Convegno annuale Abano Terme 3-10 - 2015 UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. Marcello Lora L ALLEVAMENTO DEL

Dettagli

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus)

IL DIRETTORE (dr. Enrico Santus) Bussolengo (VR) li 10/12/2015 Risposta a Nr. di prot. VM/LP/pf 1343 Spett.li Ministero delle risorse agricole aliment. e forest.li Assessorati Regionali agricoltura Ente Fiere Verona Associazione Italiana

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA PARTE GENERALE DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA Articolo 1 Il Libro genealogico della razza bovina Grigio Alpina è gestito, ai sensi dell art. 3 della Legge n. 30 del 15 gennaio 1991, dall

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

d i s u c c e s s o i n t u t t o i l m o n d o Svizzera. Naturalmente.

d i s u c c e s s o i n t u t t o i l m o n d o Svizzera. Naturalmente. Schweiz Switzerland Suisse Svizzera Suiza Svizra Швейцарская Genetica svizzera di successo in tutto il mondo Svizzera. Naturalmente. vedere innamorarsi comprare profittare! 2 Genetica svizzera di successo

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto

Titolo dell aiuto. Premessa. Descrizione dell'aiuto Titolo dell aiuto Aumento della competitività degli allevamenti attraverso azioni di miglioramento genetico delle specie e razze di interesse zootecnico, tramite il sostegno alle attività di tenuta dei

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG Frisona italiana settembre/ottobre 2013

la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - Periodico dell Associazione Allevatori del FVG Frisona italiana settembre/ottobre 2013 la newsletter degli allevatori n. 10 OTTOBRE 2013 - eriodico dell ssociazione llevatori del FV sommario TO ENOMICI CULCO ET VILL CURT IOT IOT X JEEVES X BUCKEYE IT035990582104 Latte +991 gr% 0,20 pr% 0,02

Dettagli

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali

EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali Verona 10 Febbraio 006 Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte Alessandro Bagnato Dipartimento Veterinaria per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano

Dettagli

Gennaio. K O V I E H Aste e mostre 2016

Gennaio. K O V I E H Aste e mostre 2016 Gennaio K O V I E H Aste e mostre 2016 venerdì 1. Capodanno lunedì 4. Asta di vitelli Bolzano mercoledì 6. Epifania lunedì 11. Asta di vitelli Bolzano martedì 12. Asta da macello e bovini di qualità Bolzano

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

LA RAZZA RENDENA IN ITALIA

LA RAZZA RENDENA IN ITALIA LA RAZZA RENDENA IN ITALIA Bertoja Gianluca, Ministero della Salute, U.V.A.C. Veneto, Verona Moranda Manuel Introduzione 1- CENNI STORICI 1.1 Le origini Le origini della razza Rendena vanno collegate alla

Dettagli

Corpo messaggio: null

Corpo messaggio: null Oggetto : Piano di gestione degli allevamenti di bovini iscritti ai Libri genealogici (LG) delle 5 razze Italiane da carne finalizzato al risanamento dal virus responsabile della rinotracheite infettiva

Dettagli

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010

Dettagli

ANOMALIE ANAGRAFICHE

ANOMALIE ANAGRAFICHE AMALIE ANAGRAFICHE / Partita IVA non indicata Certificato di attribuzione della Partita IVA o copia del certificato di attribuzione della Partita IVA con fotocopia documento di identità in corso di validità

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh. Guida BrunaNet Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch Indice Generalità... 3 Iscrizione... 3 Il mio conto... 3 Ultime pagine

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Palermo, Luglio 2014 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Studi CE sulle piccole razze

Dettagli

N. 1 del 7 gennaio 2015

N. 1 del 7 gennaio 2015 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - CREMONA Listino settimanale dei prezzi all'ingrosso rilevati sulla piazza di Cremona Salvo diversa indicazione, i prezzi si riferiscono alla fase

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 29 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2313 - Area Generale di Coordinamento N. 20 -

Dettagli

dott. Fabrizio Nardoni

dott. Fabrizio Nardoni L Assessore alle Risorse Agroalimentari, dott. Fabrizio Nardoni, sulla base dell istruttoria espletata dal Funzionario responsabile della P.O. Produzioni zootecniche, confermata dal Dirigente dell Ufficio

Dettagli

V CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER TECNICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA Brescia 27 aprile - 22 giugno 2006

V CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER TECNICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA Brescia 27 aprile - 22 giugno 2006 FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE Via A. Bianchi, 1-25124 BRESCIA ISTITUTO DI ZOOTECNICA - FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Via Celoria, 10-20133 MILANO

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

Convegno Internazionale del turismo Alpino Bolzano - Eurac 06 marzo 2013. Italia - Valle d Aosta - La Valpelline

Convegno Internazionale del turismo Alpino Bolzano - Eurac 06 marzo 2013. Italia - Valle d Aosta - La Valpelline Convegno Internazionale del turismo Alpino Bolzano - Eurac 06 marzo 2013 Italia - Valle d Aosta - La Valpelline Turismo sostenibile in Alto Adige - Bolzano e dintorni: modello per la regione alpina «La

Dettagli

!! " Circolare n. 1. Organizzazioni autorizzata ad etichettare carni bovine. Organismi indipendenti accreditati. QPA V Produzioni animali 4042

!!  Circolare n. 1. Organizzazioni autorizzata ad etichettare carni bovine. Organismi indipendenti accreditati. QPA V Produzioni animali 4042 DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI QPA V Produzioni animali 4042!! " Circolare n. 1 Organizzazioni autorizzata ad etichettare carni bovine

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

Veterinari in formazione

Veterinari in formazione Veterinari in formazione I veterinari seguono la formazione pratica presso il laboratorio del Centro attrezzato con strumenti all avanguardia ed un tecnico laboratorista esperto che fa parte dello staff

Dettagli

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ Dipartimento di Agraria Università degli Studi di Sassari Sez. Scienze Zootecniche - Coordinatore: prof. Antonello Cannas

Dettagli

AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI

AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI AIUTO PER MIGLIORARE IL BENESSERE DEGLI ANIMALI Obiettivo Aiuti a favore di impegni per il benessere degli animali realizzati su base volontaria nel settore bovino ed equino. L intervento contribuisce

Dettagli

PARCO DEI COLLI DI BERGAMO

PARCO DEI COLLI DI BERGAMO Deliberazione Numero 15 Del 20-04-2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Oggetto: Organizzazione dell'viii^ Fiera del Parco. 22-05-2011 L'anno duemilaundici il giorno venti del

Dettagli

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE : LA CONSERVAZIONE

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE SOCIETÀ ITALIANA DI BUIATRIA ORDINE MEDICI VETERINARI IZS VENEZIE GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE Situazione e prospettive dell allevamento bovino da carne

Dettagli

Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011. In questo numero:

Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011. In questo numero: Periodico Quadrimestrale Anno IV - Numero 2 - Agosto 2011 In questo numero: Pag. 2 Lettera del Presidente Pag. 3 Ricetta Pag. 4 Relazione Attività Tecnica Pag. 6 Il mercato: indicazioni generali Pag. 7

Dettagli

Sono stati pubblicati nel consueto

Sono stati pubblicati nel consueto COSI DI PRODUZIONE E REDDIIVIÀ DEI PRINCIPALI PAESI PRODUORI Competitività in crisi per i bovini da carne europei Il confronto tra costi di produzione e redditività degli allevamenti da carne dell Europa

Dettagli

/HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire

/HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire /HJJHUHJLRQDOHDJRVWRQ%85Q ',6&,3/,1$'(//$5,352'8=,21($1,0$/( $UW)LQDOLWjGHOODOHJJH La Regione del Veneto, con la presente legge, al fine di favorire l incremento e il miglioramento del patrimonio zootecnico,

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009

MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006. Sommario. Decreto direttore generale 14 febbraio 2005 - n. 2009 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 14 FEBBRAIO 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 33 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE La fotografia La rilevanza del comparto: l offerta di carne bovina incide circa il 40% sul valore della produzione degli allevamenti da carne e circa ¼ su quello de totale

Dettagli

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 A) PREMESSE AMMISSIONI DISPOSIZIONI GENERALI 1) Sono ammessi all'asta i capi di proprietà dei soci in possesso di

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Presentazione situazione dell allevamento italiano

Presentazione situazione dell allevamento italiano Incontro tecnico Gruppo UNIPEG Tavola Rotonda Dalle produzioni eccellenti del territorio alla Riforma PAC Presentazione situazione dell allevamento italiano Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio

Dettagli

Avicoltura biologica: razze locali, razze a lento accrescimento o ibridi commerciali

Avicoltura biologica: razze locali, razze a lento accrescimento o ibridi commerciali Ciò che più sbalordisce è comunque il concetto di razze o ceppi ad accrescimento lento visto dal legislatore comunitario. Al punto 6 del regolamento vengono esaminati i metodi di gestione Avicoltura biologica:

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO

IL MIGLIORAMENTO GENETICO 444 SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) IL MIGLIORAMENTO GENETICO Relatore: Prof. Carlo

Dettagli

3 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER TECNICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA

3 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER TECNICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ISTITUTO PER LA QUALIFICAZIONE E L AGGIORNAMENTO TECNICO PROFESSIONALE IN AGRICOLTURA BRESCIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA - UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Classificazione scientifica

Classificazione scientifica RAZZE BOVINE Classificazione scientifica Regno: Animalia Classe: Mammalia Ordine: Artiodactyla Sottordine: Ruminantia Famiglia: Bovidae Genere: Bos Specie: Bos Taurus Bos Indicus Tipologie di bovini allevati:

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Piano Operativo Provinciale Anno 2002 LEGGE REGIONALE N. 63/78 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ART. 15/A: CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L ACQUISTO DI BESTIAME DA RIPRODUZIONE.

Dettagli

Anagrafe Ovina e Caprina

Anagrafe Ovina e Caprina Anagrafe Ovina e Caprina Tutto quello che devono fare gli allevatori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it www.sanita.regione.lombardia.it (Veterinaria) Sommario:

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli